INSYSME è l acronimo di un progetto di ricerca a favore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSYSME è l acronimo di un progetto di ricerca a favore"

Transcript

1 Ricerca Francesca da Porto* Claudio Modena** Guido Magenes*** Paolo Morandi**** Alfonsina Di Fusco***** Progetto europeo sulle tamponature antisismiche La Commissione Europea ha finanziato una ricerca a beneficio delle associazioni di PMI finalizzata all innovazione delle pareti in laterizio, impiegate per involucri esterni, facciate di rivestimento e partizioni interne di edifici a telaio in c.a. Partecipano 7 paesi europei con un totale di 16 partner KEYWORDS Muratura non strutturale, Comportamento combinato nel piano-fuori piano, Sperimentazione, Modellazione numerica, Procedure di progettazione INSYSME è l acronimo di un progetto di ricerca a favore delle associazioni di piccole e medie imprese (SME-AGs) con un budget vicino ai 2,7 milioni di euro, cofinanziato dalla Commissione Europea per circa 1,8 milioni di euro [1]. Il progetto raggruppa 16 partner rappresentanti di università, associazioni industriali e piccole e medie imprese provenienti da 7 paesi europei, coordinati dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale dell Università degli Studi di Padova. Tra i partner coinvolti nel progetto vi sono l Università di Minho e il CTCV (Centro Tecnologico do Ceramica e do Vidro) in Portogallo, l Università di Pavia in Italia, l Università di Kassel in Germania, la Middle East Technical University in Turchia, la National Technical University of Athens in Grecia. Le Associazioni di piccole e medie imprese partecipanti sono ANDIL in Italia, ZIEGEL in Germania, APICER in Portogallo, TUKDER in Turchia e la TBE (Tiles & Brick Europe) Federazione europea 1. Diagramma di Pert del progetto INSYSME. degli industriali dei laterizi. Le aziende partner operano in diversi settori: la Ruredil Spa produttrice italiana di miscele chimiche e malte; la SDA-Engineering GmbH tedesca attiva nel campo dell ingegneria strutturale e dello sviluppo software; la Xalkis SA produttore greco di laterizi; la SCI HI Struct Srl società di ingegneria con sede a Timisoara, Romania. Innovative systems for earthquake resistant masonry enclosures in RC buildings KEYWORDS Masonry infill walls, Combined in-plane/out-of-plane behaviour, Experimental testing, Numerical modelling, Design procedures INSYSME project aims at developing innovative systems for masonry enclosures, to be used for façades, envelopes and internal partitions of reinforced concrete framed buildings, to derive sound concepts for their analysis and to develop reliable, simple and efficient methods for their design in the everyday engineering practice. masonry enclosure systems have excellent, yet still improvable, performance with respect to healthy indoor environment, temperature, noise, moisture, fire and durability. however, they have been considered for long time as non-load-bearing, non-structural elements. in reality, the enclosure walls can play a structural role in the overall seismic behavior of buildings, as proven by recent earthquakes. hence, it is necessary to reconsider their role, in order to establish reliable analysis and design procedures and to provide background for an update of current structural codes. the adopted approach starts from material and technology development. technical and economical feasibility of the envisaged construction systems will be demonstrated by performing parallel experimental and theoretical studies and will be validated by prototypes construction. the research will offer innovative solutions to scientific and technological problems which have a broad-spectrum impact. the experience of sme associations involved in the project, with the aid of all the partners, will ensure that the needs of large communities of smes are met. 58 CIL 163

2 Il progetto ha l obiettivo di sviluppare sistemi innovativi per una vasta gamma di tamponature in muratura di laterizio; in considerazione delle loro molteplici prestazioni tecnologiche globali, si intende ottimizzare, in particolare, quelle relative al comportamento in caso di evento sismico. Inoltre, il progetto mira a definire solide regole progettuali al fine di aggiornare e migliorare le attuali norme nazionali ed europee in materia e rendere, così, la progettazione di strutture in c.a. tamponate più semplice e affidabile. Per conseguire queste finalità, la ricerca si articola in due fasi principali con una durata complessiva di 3 anni. Nella prima fase, iniziata nell ottobre del 2013 e attualmente in corso, sono stati ideati e si stanno caratterizzando i nuovi sistemi costruttivi di tamponamento, valutandone la fattibilità tecnica ed economica attraverso prove sperimentali e studi numerici. Nella fase successiva, sulla base dei risultati ottenuti, saranno elaborati i metodi di progettazione per questo tipo di sistemi. Le soluzioni proposte saranno convalidate attraverso dimostrazioni pratiche di progettazione e di costruzione. Le procedure per la valutazione della qualità esecutiva (attraverso test in sito), software per il design e linee guida per gli utenti finali garantiranno la piena fruibilità delle conoscenze e delle tecnologie sviluppate. Il programma tecnico è stato organizzato secondo lo schema in figura 1, configurando in tal senso sette specifici pacchetti di lavoro interattivi (WP). Motivazione del progetto L utilizzo di pareti di tamponamento in laterizio e, in una certa misura, dei rivestimenti faccia a vista di strutture a telaio in c.a. è ampiamente diffuso in molti Paesi, non solo europei. La muratura in laterizio, infatti, oltre alla semplicità di costruzione, contribuisce in modo significativo alle prestazioni degli edifici in termini di salubrità dell ambiente, efficienza energetica, isolamento acustico, resistenza al fuoco e durabilità. È noto che i sistemi costruttivi in laterizio, in generale, prevengono spiacevoli fenomeni microambientali che causano problemi di confort, qualità estetica e conservazione. Sulla base di tali presupposti, il costo totale di un edificio con tamponature in laterizio, ovvero il costo iniziale più il costo per la manutenzione, risulta complessivamente ridotto [2]. a) b) c) d) 2. Comportamento delle tamponature nel terremoto di Van del 2011: a) danno nel piano; b) danno parete interna all edificio in a; c) danno moderato; d) danno combinato di grave entità. 59 CIL 163

3 Le murature non strutturali in laterizio, in particolare quelle robuste, mostrano anche potenziali vantaggi per il raggiungimento di una risposta sismica soddisfacente. Tuttavia, l uso di pareti di tamponamento all interno di telai in c.a., se non opportunamente regolamentato, può condurre in taluni casi a importanti problemi strutturali. Da notare che sebbene le attuali disposizioni normative forniscono indicazioni progettuali per la duttilità e la corretta realizzazione dei dettagli delle membrature strutturali del telaio rispetto le azioni sismiche, la stessa attenzione non è rivolta alla risoluzione delle possibili criticità che interessano i componenti non strutturali ed impiantistici (in generale) soggetti alle medesime azioni, con le conseguenze riscontrate in alcuni degli ultimi rovinosi eventi sismici. I terremoti di Loma Prieta (1989) e Northridge (1994) sono esempi della rilevanza, inoltre, dei costi economici associati a danni sui componenti non strutturali (30 milioni di dollari) verificatisi anche in edifici non compromessi strutturalmente [3]. A Lefkada (Grecia, 2003, Mw = 6.2), dove è crollato solo un edificio in c.a., ci sono stati danni principalmente legati alla fessurazione delle pareti e persone colpite per lo più dalla caduta di elementi costruttivi non strutturali [4]. Nel terremoto del 2009 a L Aquila (Italia, Mw = 6.3), le strutture in c.a. non hanno subito, mediamente, notevoli crolli, nonostante le severe vibrazioni del terreno; eppure, si sono manifestate rotture piuttosto significative e diffuse degli involucri e delle partizioni interne che hanno comunque determinato la perdita di sicurezza degli edifici [5]. Il terremoto del 2011 a Van (Turchia, Mw = 7.1), invece ha dimostrato la natura altamente variabile del comportamento sismico delle tamponature degli edifici a telaio in c.a., per cui in diversi casi (figg. 2a, b, c) le pareti di tamponamento in laterizio hanno senza dubbio contribuito in modo considerevole alla resistenza e alla sopravvivenza dell edificio, mentre in altre situazioni (fig. 2d), le pareti si sono staccate dalla struttura e crollate per effetto di una combinazione di azioni nel piano e fuori piano, con meccanismo di collasso che può quindi rivelarsi comunque pericoloso per gli occupanti. Anche nel più recente (maggio 2012) terremoto in Emilia (Italia, Mw = 6.0), si è avuto qualche esempio di danno nel piano e danno combinato nel piano/fuori piano di tamponamenti e paramenti di rivestimento, imputabile a carenze a livello strutturale legate all epoca di costruzione (in cui non vigeva la normativa sismica) o anche ad errori in fase progettuale (sbagliata concezione strutturale) o di esecuzione. Analoghi stati di danno delle pareti di tamponamento o di rivestimento, realizzate con tecniche costruttive tipicamente adottate in Italia e in altri Paesi europei ad alta sismicità, sembrerebbero identificarsi anche per gli edifici di nuova costruzione [6]. Ciò indica che le procedure di progettazione sismica per le strutture a telaio in c.a. tamponate necessitano di essere migliorate allo scopo di assicurare prestazioni strutturali efficienti e, nel contempo, un adeguata prevenzione del danneggiamento delle 3. Terremoto di Cefalonia, Grecia, 2014: scorrimento a taglio lungo un giunto orizzontale causato dalla presenza di un cordolo orizzontale in c.a. con conseguente rottura delle colonne in c.a. pareti non strutturali. In questo contesto, la maggior parte dei regolamenti ha riconosciuto che anche gli elementi non strutturali devono essere progettati per resistere alle azioni sismiche in relazione ai diversi livelli di prestazione, malgrado ciò ancora non esistono valide procedure di progettazione. Nell attuale pratica progettuale in Europa, riferendosi al dimensionamento di nuovi edifici, abitualmente le strutture a telaio in c.a. sottoposte ad azioni sismiche sono analizzate utilizzando modelli strutturali elastico-lineari su cui vengono eseguite analisi statiche equivalenti o dinamiche multimodali. Solitamente la progettazione di strutture in c.a. tamponate viene effettuata su modelli globali a telaio nudo, dove i pannelli di tamponamento sono considerati solo in termini di masse e carichi verticali. La verifica di sicurezza allo stato limite ultimo, secondo l Eurocodice 8 [7], va svolta in termini di resistenza all azione sismica separatamente sia sugli elementi strutturali principali, sia localmente su quelli non strutturali, in quanto questi ultimi potrebbero, in caso di collasso, presentare un rischio per gli utenti e per l integrità della struttura principale, nonché interrompere l uso di apparecchiature rilevanti alla funzione specifica dello stesso edificio. È prevista quindi la verifica di resistenza rispetto all azione sismica di progetto ed è proposta una procedura semplificata per la valutazione della forza orizzontale corrispondente agente sull elemento non strutturale. Nell Eurocodice 8 non è fornita, tuttora, alcuna raccomandazione per il calcolo della corrispondente resistenza delle tamponature. Per di più, i requisiti di limitazione del danno per edifici con elementi non strutturali sono considerati soddisfatti quando il drift inter-piano indotto non supera in ciascun piano dell edificio un certo limite, definito esclusivamente in funzione della duttilità delle tamponature e della connessione con la struttura, senza un idonea relazione alla tipologia, alla dimensione e all effettiva quantità dei muri di tamponamento. Uguali disposizioni sono presenti nella normativa nazionale italiana (Norme tecniche per le costru- 60 CIL 163

4 a) b) c) 4. Sperimentazioni dell Università di Padova su sistema di rinforzo esterno per tamponamenti in laterizio esistenti (a, b) e sistema in muratura armata per pannelli murari di tamponamento in laterizio (c). zioni, NTC08 [8]) che comunque fornisce minori dettagli riguardo alle misure addizionali da seguire proprio per gli edifici in c.a. con tamponature. Per quanto riguarda gli aspetti tecnologici nell Eurocodice 8 sono menzionate ulteriori indicazioni - talune integrate anche nella Circolare ministeriale n. 617/09 alle NTC08 - per le tamponature di nuova costruzione, come l introduzione di reti metalliche leggere fissate alla faccia della parete, elementi di ancoraggio collegati ai pilastri e inseriti nei letti di malta della muratura o ancora cordoli/cordolature in calcestruzzo che attraversano i pannelli e lo spessore totale della parete. C è da dire che l applicazione di reti metalliche può sollevare dubbi relativi alla durabilità e all aspetto, in particolare quando si utilizzano materiali tradizionali e, inoltre, la validazione sperimentale della sua efficacia è limitata a poche specifiche tipologie ed a spessori modesti di tamponatura [9]. Gli ancoraggi fissati alle colonne offrono qualche possibilità di sviluppo, sebbene sia ancora necessario raggiungere ulteriori miglioramenti tecnologici [10]. La soluzione con cordoli/cordolature in calcestruzzo, se applicata in modo consistente, risulta essere costosa e invasiva, e può creare criticità di interazione con gli elementi strutturali del telaio (fig. 3) [11]. Infine, le soluzioni empiriche proposte dall Eurocodice 8 non sono accompagnate da ragionevoli criteri per la progettazione delle tamponature e nemmeno da regole per l uso di connettori in sistemi composti come le pareti di rivestimento. Questo approccio poco chiaro, l assenza di specifici requisiti prestazionali e validi metodi di progettazione e la mancanza di apposite misure pratiche (anche se accennate dal punto di vista teorico), condiziona l uso e scoraggia l avanzamento tecnologico ed innovativo dei sistemi costruttivi in muratura con funzione di tamponamento. Pertanto, l evoluzione normativa rivolta al progresso della progettazione sismica di strutture in c.a. tamponate, così come l introduzione di soluzioni applicative, che assicuri soddisfacenti livelli di limitazione del danno e di salvaguardia della vita, è di interesse primario e rappresenta l obiettivo basilare del progetto di ricerca INSYSME. Obiettivi e attività principali del progetto I pannelli di tamponamento in laterizio, se distribuiti in maniera adeguata e progettati correttamente in chiave antisismica, possono avere effetti positivi sul comportamento dell intero edificio. Infatti, sono in grado di incrementare la rigidezza della struttura, che si traduce in una riduzione della domanda di spostamento e, nello stesso tempo, di amplificare la capacità dissipativa, apportando un significativo aumento di resistenza al taglio, preservando così il più delle volte l integrità della struttura principale stessa. Si può quindi affermare che nel caso di costruzioni esistenti in c.a., progettate prima dell entrata in vigore delle vigenti normative antisismiche, danni rilevanti o addirittura il collasso siano da attribuire principalmente ad una inadeguata progettazione o a un insufficiente cura nei dettagli costruttivi. In altri casi, il danno e il collasso di edifici in c.a. sono da imputare all impropria o addirittura all assente valutazione dell effetto dei pannelli di tamponamento sui circostanti elementi strutturali in c.a. Tamponamenti non aderenti alle colonne adiacenti per tutta l altezza d interpiano ma che, al contrario, ne lasciano libera una porzione (cosiddetta colonna tozza ) predispongono la struttura a probabili conseguenze negative in caso di terremoto. Ancora, una disposizione irregolare 61 CIL 163

5 dei pannelli lungo l altezza dell edificio determina una brusca variazione di rigidezza, che può indurre la formazione di un meccanismo di piano soffice e una distribuzione asimmetrica in pianta può innescare effetti torsionali che provocano significativi spostamenti nelle colonne in c.a. [12]. Durante le azioni accidentali, come i terremoti, se le tamponature raggiungono la loro massima resistenza nel piano, a piccoli spostamenti si può associare la comparsa di fessurazioni a taglio. In queste condizioni se non sono stati adottati appropriati accorgimenti atti a evitare la rottura fragile, per effetto di valori più elevati di deformazione imposta dal telaio, le pareti risultano maggiormente esposte ad un possibile collasso parziale. Nei casi di evidente scarsità di collegamenti, poi, la sofferenza delle pareti non strutturali ed il loro distacco dal telaio circostante si possono verificare già nelle prime fasi della sollecitazione sismica insieme alla totale espulsione fuori dal loro piano. A seguito di alcuni rovinosi terremoti, tali criticità, non opportunamente analizzate e contestualizzate, hanno indotto ad attribuire, in maniera alquanto sproporzionata ed assolutamente ingiustificata, proprio alle tamponature un eccessiva vulnerabilità prescindendo così da una corretta visione d insieme, non tenendo conto quindi delle carenze complessive e delle specificità del rapporto telaio strutturale/tamponature. Il progetto INSYSME troverà soluzioni per superare le difficoltà progettuali e potenziare la funzionalità delle pareti di tamponamento e di rivestimento di strutture a telaio in c.a., riducendone sensibilmente il danneggiamento (in particolare, per le zone ad alta sismicità), e valorizzando al tempo stesso il loro ruolo benefico sul comportamento globale della struttura, la cui sicurezza risulta incrementata. Sviluppo di materiali e tecnologie. Sono numerosi i progetti di ricerca focalizzati sullo sviluppo di tecniche di rinforzo per le tamponature danneggiate negli edifici esistenti, con l obiettivo di migliorarne il comportamento nel piano e fuori piano (fig. 4a). Sono state ideate svariate tipologie di intervento per l adeguamento di pannelli mostrato, tra le quali la precompressione, l incamiciatura e i trattamenti superficiali. Sono state proposte applicazioni con materiali innovativi come i materiali rinforzati con fibre a matrice polimerica (FRP) o malte rinforzate con fibra d acciaio (SRG). Allo stato attuale, tutte queste tecniche sono state ormai studiate approfonditamente, tanto da essere introdotte in diverse linee guida per la riparazione e il rinforzo degli edifici esistenti, ed hanno trovato applicazione nelle riparazioni dei danni provocati proprio da sismi più recenti [13]. Viceversa, lo sviluppo di soluzioni alternative per le pareti di tamponamento negli edifici di nuova costruzione non ha ricevuto una simile attenzione da parte della ricerca e l importanza della valutazione del danno dei pannelli di muratura è stata riconosciuta solo negli ultimi anni dalla comunità scientifica che si occupa di ingegneria sismica. Sono anche pochi a) b) 5. Modalità di collasso fuori piano di pannelli in muratura rinforzati con cordolo in c.a. i brevetti riferiti alla realizzazione di nuovi sistemi di tamponamento in muratura. L obiettivo cardine di INSYSME è dunque lo sviluppo di soluzioni ottimali per sistemi di tamponamento dotati di una resistenza sismica superiore, nel rispetto di materiali e metodologie costruttive locali, in considerazione dei diversi livelli di input sismico dei Paesi coinvolti. Le tipologie costruttive che si stanno indagando implementano gli elementi tradizionali, impiegati secondo nuove metodologie esecutive o con l ausilio di tecniche di miglioramento innovative (applicazione di rinforzi, connettori/ancoraggi, ganci, profili angolari), oppure sono basate su elementi non tradizionali, come ad esempio blocchi in laterizio appositamente sagomati, giunti scorrevoli o deformabili, componenti vari, assemblati in conformità a inedite regole progettuali. Anche i modelli costruttivi e gli approcci concettuali verranno rivisti e rielaborati valutando, in particolare, le tamponature come: incluse nel telaio e connesse rigidamente allo stesso (tamponamenti rigidi); incluse nel telaio e connesse rigidamente, che consentono alla muratura di deformarsi mediante dispositivi speciali (tamponamenti deformabili); incluse nel telaio che consentono spostamenti relativi tra la parete e il telaio stesso (tamponature svincolate). È importante osservare che le soluzioni da sviluppare dovranno comunque garantire facilità di costruzione e competitività economica, in modo da poter essere messe in commercio e trovare vasta applicazione in edilizia. 62 CIL 163

6 europee con quelle di altri Stati extra-europei, si notano significative differenze di approccio che, quindi, sollevano fondati dubbi sulla validità e consistenza dei diversi metodi. a) b) 6. Set-up dei test nel piano (a) e fuori piano (b) sviluppati presso l Università di Padova. Modellazione della risposta sismica dei telai in c.a. e delle tamponature. Il problema dell interazione telaio-tamponamento, che consiste nella modifica della risposta del telaio nudo da parte delle tamponature, è stato esaminato in molteplici studi e ricerche, come anche la modellazione dell effetto del tamponamento ai fini della simulazione dell incremento di rigidezza che lo stesso conferisce al telaio. Il modello delle bielle equivalenti è in grado di riprodurre le varie modalità di rottura nel piano della muratura: schiacciamento al centro o agli angoli, rottura tagliante per scorrimento orizzontale, rottura tagliante con formazione di fessure diagonali. Di fatto, anche se la maggior parte dei software di calcolo consente l esecuzione di analisi raffinate (per es. analisi lineari e non lineari di edifici in 3D), nei modelli strutturali le tamponature vengono generalmente trascurate nella fase di progettazione delle strutture a telaio in c.a. Il problema complementare, ovvero come la risposta del telaio influenza il comportamento della tamponatura è stato riconosciuto, al contrario, solo in pochi studi contemporanei applicati principalmente a soluzioni rigidamente connesse alla struttura [14; 15; 16]. Il lavoro sperimentale e numerico di INSYSME si propone di estendere i metodi presentati nei lavori citati anche alle soluzioni innovative proposte. Inoltre, la definizione dell input sismico, necessario per la progettazione dei tamponamenti e rivestimenti, sarà affrontata, valutando la validità della formulazione ad oggi proposta in alcune normative strutturali europee; ma in molte altre normative nazionali queste indicazioni sono assenti. Ad ogni modo, confrontando le normative tecniche Test sperimentali e numerici sul comportamento nel piano e nel fuori piano. Durante il sisma i pannelli di tamponamento sono soggetti, allo stesso tempo, ad azioni sia fuori sia nel piano; queste ultime indotte direttamente dagli spostamenti del telaio strutturale, il cui comportamento influenza così quello delle tamponature. Il danneggiamento provocato dagli spostamenti nel piano determina una riduzione della resistenza della parete nella direzione fuori dal piano. Come già affermato, il numero di studi che si è occupato della definizione di stati limite dei pannelli di tamponamento basati sui drift di interpiano delle strutture risulta molto limitato [15; 16] e necessita di ulteriori approfondimenti. Per queste ragioni nel progetto INSYSME i suddetti aspetti saranno sviscerati e verificati attraverso opportuni approcci empirici, analitici numerici. La comprensione del comportamento combinato nel piano e nel fuori piano di telai in c.a. tamponati richiede prove sperimentali atte a stabilire differenti stati limite, che possono essere definiti in termini di valori di spostamento interpiano, e a validare le performance sismiche dei nuovi sistemi tecnologici. I pochi e recenti studi che hanno riprodotto sperimentalmente tale comportamento hanno permesso di determinare un utile correlazione tra danneggiamento nel piano e risposta fuori dal piano [9; 14; 15; 16] (fig. 6). Nel progetto INSYSME, questi risultati saranno il punto di partenza per un opportuno avanzamento rivolto a: - definire un adeguata metodologia e procedura sperimentale; - condurre una campagna di prove su una vasta (e differenziata) gamma di nuove tamponature in muratura di laterizio. Oltre ai test quasi statici su telai ad una campata, saranno svolte anche prove dinamiche su tavola vibrante su almeno due modelli di edificio in scala reale, costruiti con alcuni dei tamponamenti innovativi sviluppati, al fine di validare le tecnologie ideate. I risultati dei test su tavola vibrante permetteranno di delineare l influenza combinata del danneggiamento nel piano e fuori dal piano e saranno altresì utilizzati per la calibrazione dei modelli e per la definizione dell input sismico. Regole per la verifica delle pareti di tamponamento e linee guida Sulla base delle analisi numeriche e delle prove sperimentali descritte sarà possibile innanzitutto stabilire i requisiti prestazionali degli elementi non strutturali correlandoli ai livelli di performance definiti per l intero edificio. Seguirà l implementazione e la calibrazione di formulazioni e procedure per le verifiche fuori piano delle tamponature. I Paesi dove la sensibilità nei confronti dei temi legati alla progettazione e alla verifica sismica sui tamponamenti è maggiore, anche a causa di una più elevata pericolosità sismica, hanno già introdotto nelle proprie normative strutturali l obbligo 63 CIL 163

7 della loro verifica. Ad esempio la normativa italiana in vigore richiede che, fatta eccezione per pareti di spessore inferiore a 100 mm, tutti gli elementi non strutturali che presentano un potenziale pericolo per le persone debbano essere verificati assieme alle relative connessioni alla struttura. Questo richiederebbe che, una volta definito l input sismico, sia indicato come applicare l azione al pannello di tamponatura e come calcolarne propriamente la capacità. Tuttavia, fatta eccezione per alcuni documenti (per es., le linee guida statunitensi per la valutazione degli edifici danneggiati da evento sismico [17]), non esiste una normativa tecnica con un criterio di calcolo e verifica ben definito. A tal proposito è utile ricordare che le stime della resistenza delle pareti nel fuori piano ottenute sulla base del solo modulo elastico della sezione e della resistenza flessionale sono sensibilmente basse e prudenziali. Per le verifiche è possibile considerare uno schema statico che prevede la formazione di un meccanismo resistente ad arco all interno dello spessore della muratura, analogo a quello proposto dalle normative tecniche per la muratura strutturale [18]. È necessario considerare ancora altri aspetti, come la mancanza di aderenza tra la parete ed il telaio, la possibile attivazione di altri meccanismi di rottura, anche in funzione dello spessore dei pannelli, o ancora l influenza del danneggiamento nel piano sulle proprietà meccaniche della muratura. Con riferimento a tutti questi temi, nell ambito del progetto INSYSME, sarà eseguita una serie di studi numerici ed analitici, mirando da una parte a conseguire una formulazione affidabile e rigorosa per il calcolo della capacità fuori piano delle tamponature, anche in correlazione al drift nel piano del telaio e dall altra ad elaborare regole e metodi semplici da applicare nella progettazione. Per quanto riguarda le pareti multistrato ed i paramenti di rivestimento, le attuali normative non stabiliscono regole chiare per la progettazione di connettori ed ancoraggi. In più, la maggior parte dei codici prescrive un numero davvero esiguo di connettori per unità di superficie, senza alcuna relazione con la zonizzazione del vento e del rischio sismico. Le normative tecniche non forniscono neppure i requisiti di performance per le pareti a vista in termini di stati limite di servizio verso cui, in linea di principio, sarebbe auspicabile tenere un concreto controllo al fine di riuscire a preservare il valore e l aspetto estetico di una muratura in mattoni. Nel caso dei sistemi di rivestimento più avanzati, anche la schematizzazione del comportamento nel piano è un prerequisito per la progettazione sicura dei sistemi di tamponamento. Il progetto INSYSME proporrà altresì la trattazione di dettagli costruttivi e regole di dimensionamento affidabili per le murature di rivestimento faccia a vista. Conclusioni Sono state presentate le principali peculiarità del progetto di ricerca INSYSME che ha come finalità lo sviluppo di sistemi innovativi antisismici per le pareti di tamponamento degli edifici a telaio in c.a.. Sono stati illustrati gli obiettivi fondamentali con riferimento all ideazione di sistemi di tamponamento in laterizio, alla loro esecuzione e validazione sperimentale, alla modellazione numerica (sia del singolo pannello, sia delle strutture a telaio tamponato), e all elaborazione di regole di progettazione affidabili. Allo stato di avanzamento attuale sono stati definiti i dettagli costruttivi dei diversi sistemi, mentre l attività di sperimentazione è attualmente in corso e si concluderà nei prossimi mesi. Questa ricerca è stata finanziata dalla Commissione Europea nell ambito del programma Research for the benefit of SME Associations come progetto di ricerca INSYSME Innovative systems for earthquake resistant masonry enclosures in RC buildings, grant FP7-SME GA606229, * Francesca da Porto Professore Associato, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile, Ambientale, Università degli Studi di Padova ** Claudio Modena Professore Ordinario, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile, Ambientale, Università degli Studi di Padova *** Guido Magenes Professore Ordinario, Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura, Università degli Studi di Pavia **** Paolo Morandi Assegnista di Ricerca, Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura, Università degli Studi di Pavia ***** Alfonsina Di Fusco Ingegnere, ANDIL Bibliografia website of the INSYSME project, website of the ASIEPI project, R. Vicente, H. Rodrigues, A. Costa, H. Varum, J.A.R. Mendes da Silva, Masonry enclosure walls: lessons learnt from the recent Abruzzo Earthquake, Proc. 14th European Conference of Earthquake Engineering Ohrid (2010). C. Karakostas, V. Lekidis, T. Makarios, T. Salonikios, I. Sous, M. Demosthenous, Seismic response of structures and infrastructure facilities during the Lefkada, Greece earthquake of 14/8/2003, Engineering Structures, 27 (2005) EERI, The Mw 6.3 Abruzzo, Italy, Earthquake of April 6, 2009 (Special Earthquake Report, June 2009). G. Magenes, S. Bracchi, F. Graziotti, M. Mandirola, C.F. Manzini, P. Morandi, M. Palmieri, A. Penna, A. Rosti, M. Rota, M. Tondelli, Preliminary damage survey to masonry structures after the May 2012 Emilia earthquakes, v.1, (2012) CEN, EN , Eurocode 8: Design of Structures for Earthquake Resistance Part 1: General Rules, Seismic Actions and rules for Buildings. December Ministero dei Lavori Pubblici, NTC, Norme tecniche per le costruzioni, D.M. 14/01/2008. G.M. Calvi, D. Bolognini, Seismic response of reinforced concrete frames infilled with weakly reinforced masonry panels. Journal of Earthquake Engineering, 5(2), (2001) A. Ghobarah, K. Mandooh Galal El, Out-of-Plane Strengthening of Unreinforced Masonry Walls with Opening, Journal of Composites for Construction, Vol. 8, No. 4, August 1, (2004) E. Vintzileou, V. Palieraki, Perimeter infill walls: the use of bed joint reinforcement or RC tiebeams, Masonry International, 20 (3), (2007) M.N. Fardis, Seismic design issues for masonry-infilled RC frames. In: Proceedings of the first European conference on earthquake engineering and seismology, Paper 313, (2006). M. Dolce, G. Manfredi, Linee guida per la riparazione e il rafforzamento di elementi strutturali, tamponature e partizioni. Ed. Doppiavoce, Napoli. ISBN (2011). G. Guidi, F. da Porto, M. Dalla Benetta, N. Verlato, C. Modena, Comportamento sperimentale nel piano e fuori piano di tamponamenti in muratura armata e rinforzata, ANIDIS 2013 XV Convegno Nazionale L Ingegneria Sismica in Italia, Padova, 30 Giugno - 4 Luglio 2013; ISBN (2013). S. Hak, P. Morandi, G. Magenes, Damage Control of Masonry Infills in Seismic Design, IUSS Press, Pavia, P. Morandi, S. Hak, M. Oliaee, G. Magenes, Experimental and Numerical Seismic Performance of Strong Clay Masonry Infills; Rapporto Scientifico EUCENTRE 01/2015, Pavia, FEMA 306, Evaluation of earthquake damaged concrete and masonry wall buildings. APPLIED TECHNOLOGY COUNCIL (ATC-43 Project); Redwood City, California, US, CEN, EN , Eurocode 6: Design of masonry structures - Part 1-1: Common Rules for Reinforced and Unreinforced Masonry, April CIL 163

8

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Technical Advisory Italy -

Technical Advisory Italy - Innovative Earthquake Resistant Design The "InERD" Project Technical Advisory Italy - ArcelorMittal Commercial Long Italia Dott. Ing. Mauro SOMMAVILLA mauro.sommavilla@arcelormittal.com PRF208 INERDSOFT

Dettagli

Sezione strutture in muratura

Sezione strutture in muratura Sezione strutture in muratura Responsabile: prof. Guido Magenes (Università di Pavia) Gruppo di ricerca: Andrea Penna, Maria Rota, Paolo Morandi, Alessandro Galasco, Carlo Manzini, Ilaria Senaldi, Francesco

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI

04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI 04 Luglio 2014 ANALISI STATICA NON LINEARE DI STRUTTURE IN MURATURA ING. ELENA BENVENUTI 1 RIASSUMENDO: METODO DELL OSCILLATORE EQUIVALENTE Fajfar, P. 2000. A nonlinear analysis method for performance-based

Dettagli

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e 1 2 Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a Metodo utilizzato da FaTA-e La presenza dei tamponamenti in una struttura in c.a., come evidenziato nei vari eventi tellurici avvenuti, riveste un

Dettagli

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente Normativa Flavio Mosele*, Lorenzo Bari* Strutture miste e fondazioni negli edifici in muratura portante L entrata in vigore del Dm 14/01/2008, «Norme tecniche per le costruzioni» (Ntc 2008), ha portato

Dettagli

Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante

Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante Tecnologia Roberto Calliari* Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante ANDILWall 3 è uno strumento al servizio del professionista che intende calcolare gli edifici, di

Dettagli

MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica

MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica MURI ALTI IN LATERIZIO edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Renato Capozucca, Nicola Del Ciotto, Giorgio Zanarini Tecnologia Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Nell articolo si presentano i risultati di un ricerca sperimentale condotta

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni)

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Lezione 1 Obiettivi prestazionali e normativa vigente Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Obiettivi prestazionali Obiettivi progettuali Sono definiti dall associazione associazione tra

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Cinque mesi dopo il sisma Tecniche innovative per una ripresa efficiente e sicura Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Prof. ing. Gennaro Magliulo ReLuis -

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

Integrazione tra isolamento termico e protezione antisismica per edifici performanti e sicuri

Integrazione tra isolamento termico e protezione antisismica per edifici performanti e sicuri Integrazione tra isolamento termico e protezione antisismica per edifici performanti e sicuri Ing. Raffaele Molteni Product Manager Sistemi di isolamento e rivestimenti RÖFIX Spa L Italia presenta una

Dettagli

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione.

Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Sistema di consolidamento di solai in legno, acciaio e calcestruzzo. Il nuovo indirizzo della ristrutturazione. Nuovo sistema di interconnessione più calcestruzzi strutturali Leca. L unione fa il rinforzo.

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione News TECHNOLOGY MICROCALCESTRUZZI Duttili ad Elevata Energia di Frattura e Rapida o Rapidissima Agibilità Strutturale HPFRC - High Performance Fiber Reinforced Concretes UHPFRCC - Ultra High Performance

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI

COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI COMPORTAMENTO E RINFORZO SISMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROBLEMATICHE DEGLI EDIFICI ESISTENTI SOGGETTI AL SISMA - Vulnerabilità degli edifici storici ; crolli e danni ricorrenti - Principali cinematismi

Dettagli

Progetti europei sulle murature portanti

Progetti europei sulle murature portanti Progetti europei sulle murature portanti DI A. Di Fusco ANDIL Assolaterizi, Roma Negli ultimi anni, ANDIL Assolaterizi, insieme ad alcune aziende associate produttrici di elementi da muro, ha partecipato

Dettagli

Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Sistemi costruttivi POROTON : la muratura in mattoni L'assidua evoluzione dei mattoni POROTON ha condotto

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

Prove sperimentali per la valutazione della risposta sismica nel piano di pareti murarie in blocchi di laterizio a setti sottili

Prove sperimentali per la valutazione della risposta sismica nel piano di pareti murarie in blocchi di laterizio a setti sottili Prove sperimentali per la valutazione della risposta sismica nel piano di pareti murarie in blocchi di laterizio a setti sottili Paolo Morandi, Guido Magenes Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura,

Dettagli

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Muratura isolata alla base: A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Vengono illustrati gli aspetti progettuali ed esecutivi di un applicazione della tecnica dell isolamento

Dettagli

ANALISI SISMICA NON LINEARE DELLE STRUTTURE TRAMITE C.D.S. Win - OpenSees

ANALISI SISMICA NON LINEARE DELLE STRUTTURE TRAMITE C.D.S. Win - OpenSees OpenSees Days Italia Roma, 24-25 maggio 2012 ANALISI SISMICA NON LINEARE DELLE STRUTTURE TRAMITE C.D.S. Win - OpenSees Ing. Bruno Biondi C.D.S Win - OpenSees C.D.S. Win è un software di calcolo strutturale

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Elementi strutturali primari e secondari 2 Elementi strutturali secondari Definizione e requisiti Sia la rigidezza che la resistenza di tali elementi vengono ignorate nell

Dettagli

Il recupero. e sismico degli. Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista. ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL

Il recupero. e sismico degli. Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista. ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL Il recupero energetico e sismico degli edifici i Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL Premessa/Percezione Terremoto de L AQUILA

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Wood Beton S.p.A. via Roma, 1 Iseo (BS) Telefono +39 030 9869211 - Fax +39 030 9869222 www.woodbeton.it - info@woodbeton.it Strutture antisismiche: test sperimentali sulle pareti miste in legno e calcestruzzo

Dettagli

COSTRUIRE IN LATERIZIO IN ZONA SISMICA

COSTRUIRE IN LATERIZIO IN ZONA SISMICA DOSSIER 2014 COSTRUIRE IN LATERIZIO IN ZONA SISMICA Sul WEB le Garanzie Antisismiche del Laterizio Costruzioni e terremoti: il punto di vista di Luigi Di Carlantonio Presidente ANDIL Guido Magenes Università

Dettagli

Effetti del sisma sulle strutture da ponte: Analisi del danneggiamento osservato

Effetti del sisma sulle strutture da ponte: Analisi del danneggiamento osservato Bibliografia: M.J.N. Priestley, F. Seible and G.M. Calvi «Seismic Design and Retrofit of Bridges» Jhon Whiley & Sons, Inc. New York - 1996 M.J.N. Priestley, F. Seible and Y.H. Chai «Design Guidelines for

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE

INTERVENTI SULLE STRUTTURE INTERVENTI SULLE STRUTTURE 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN C.A. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto

Dettagli

The concept of «the anti-seismic, sustainable and comfortable. Progettazione sismica della «casa NZEB in laterizio»

The concept of «the anti-seismic, sustainable and comfortable. Progettazione sismica della «casa NZEB in laterizio» Tecnologia Alfonsina Angela Di Fusco* Maurilio De Deo** Leopoldo Rossini** Progettazione sismica della «casa NZEB in laterizio» La «casa NZEB in laterizio» è il risultato di una progettazione integrata

Dettagli

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri

Dettagli

Associazione Tecnologi per l Edilizia

Associazione Tecnologi per l Edilizia Associazione Tecnologi per l Edilizia Restauro 2010 Ferrara Fiere Convegno organizzato da Bossong S.p.A. e ATE Associazione Tecnologi per l Edilizia ) Costruzioni esistenti in muratura (Cap.8 delle NTC):

Dettagli

CURRICULUM VITAE del prof. ing. Andrea Prota nato a Napoli il 05.11.1973

CURRICULUM VITAE del prof. ing. Andrea Prota nato a Napoli il 05.11.1973 CURRICULUM VITAE del prof. ing. Andrea Prota nato a Napoli il 05.11.1973 - Si è laureato in Ingegneria Edile presso la Facoltà di Ingegneria dell'università di Napoli il 30 Marzo 1998 con voti 110 e lode

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

A1 Le origini dell urbanistica moderna

A1 Le origini dell urbanistica moderna ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI "ALBERTO BAGGI" di SASSUOLO (MO) Sezione 1 - La forma della città PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI 5 e CAT MODULI A - Elementi di urbanistica B

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato

Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Il terremoto de L'aquila: comportamento delle strutture in cemento armato Gaetano Manfredi gaetano.manfredi@unina.it Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II

Dettagli

Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro

Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro Terremoti: sicurezza nei luoghi di lavoro Costruzioni in cemento armato antisismiche - adeguamento patrimonio edilizio industriale esistente Antonella Colombo ASSOBETON Capannori, 23 ottobre 2012 Edifici

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Marco Domaneschi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano Tubi commerciali in

Dettagli

Punzonamento di lastre in cemento armato Metodi di rinforzo e approcci progettuali

Punzonamento di lastre in cemento armato Metodi di rinforzo e approcci progettuali DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA CIVILE, Indirizzo Strutture TESI DI LAUREA Punzonamento di lastre in cemento armato Metodi di rinforzo e approcci

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014

ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Sussidi ussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì EDIFICI IN X X-LAM I AGGIORNAMENTO 25/04/2014 Il sistema costruttivo per gli edifici e case in

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Resistenza a taglio di murature con blocchi in laterizio

Resistenza a taglio di murature con blocchi in laterizio Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Ricerca 20 luglio 2004 Resistenza a taglio di murature con blocchi in laterizio

Dettagli

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi www.seicocompositi.it 360 soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi L azienda SERVIZI_ PROGETTAZIONI VENDITA e ASSISTENZA Con tecnici altamente qualificati SEICO COMPOSITI offre un servizio completo

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI Cognome e nome MONNI FRANCESCO Indirizzo di residenza VIA BAROCCO, 5 60010 OSTRA VETERE (AN) Telefono 3396088721 E-mail monni.f@gmail.com Nazionalità ITALIANA

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009 www.dicea.unifi.it Anno accademico 2008/2009 Ingegneria Sismica CIS Emanuele Del Monte E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo Firenze, 12/03/2009 PRIMA PARTE CARATTERISTICHE

Dettagli

Modelli analitici per l interpretazione dei meccanismi di rottura locali di archi e volte in muratura rinforzati con tessuti FRP

Modelli analitici per l interpretazione dei meccanismi di rottura locali di archi e volte in muratura rinforzati con tessuti FRP Università degli Studi di Padova Dipartimento di Costruzioni e Trasporti Modelli analitici per l interpretazione dei meccanismi di rottura locali di archi e volte in muratura rinforzati con tessuti FP

Dettagli

Riqualificazione del costruito esistente: nuovi materiali e tecnologie

Riqualificazione del costruito esistente: nuovi materiali e tecnologie Riqualificazione del costruito esistente: nuovi materiali e tecnologie Giovanni Plizzari plizzari@ing.unibs.it Recupero del costruito storico ACCADEMIA DEL COSTRUIRE - Gussago, 23 Marzo 2012 2/48 1 connessioni

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri storici delle

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D G. De Canio 1, M. Mongelli 2, A. Giocoli 3, I. Roselli 4, G. De Felice 5, S. De Santis 6 1,2,3,4

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

Collana Acciaio. serie Monografie

Collana Acciaio. serie Monografie Collana Acciaio serie Monografie 11 PROTEZIONE SISMICA DI EDIFICI ESISTENTI IN C.A CON CONTROVENTI DISSIPATIVI IN ACCIAIO a cura di Franco Braga, Francesca Buttarazzi, Andrea Dall Asta, Walter Salvatore

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

La sicurezza sismica per gli interni

La sicurezza sismica per gli interni La sicurezza sismica per gli interni A PROVA DI SISMA DIFESA DAI TERREMOTI? SOLUZIONI CERTIFICATE SINIAT Siniat si impegna nell antisismico Soluzioni antisismiche testate e certificate sono una necessità

Dettagli

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate Workshop Questioni di facciata Facciate complesse per edifici @ Klimainfisso Bolzano, 7 marzo 2013 CATTEDRA UNCSAAL E POLITECNICO DI MILANO Progettazione dell involucro edilizio Il ruolo della normativa

Dettagli

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido.

Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Progettazione sismica degli apparecchi a pressione e dei tanks con presenza di liquido. Vincenzo Annoscia*, Nicola Pecere**, Angela Maria Altieri *** *O.C.T. - Bari - Italy **2S.I. Software e Servizi per

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE Solutions and Innovations for Structural Monitoring SISMLAB s.r.l. Spin-Off Università della Calabria Via Pietro Bucci - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. : 0984 447093 --- Fax: 0984 447093 E-mail: info@sismlab.it---internet:

Dettagli

RINFORZO STRUTTURALE CON Fiber Reinforced Polymers

RINFORZO STRUTTURALE CON Fiber Reinforced Polymers ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI RIMINI S.E.I.CO. S.r.l. Interventi di Consolidamento Statico e Sismico di strutture esistenti RINFORZO STRUTTURALE CON Fiber Reinforced Polymers PROGETTAZIONE,

Dettagli

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Ing. Mariano Bruno www.hilti.it Seminario Tecnico Ordine degli Ingegneri della Provincia di Savona 18.09.2013 1 Agenda Introduzione La

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A.

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. LE ESPERIENZE RUREDIL NEL CONSOLIDAMENTO E NEL RINFORZO CON FRCM SU EDIFICI IN C.A. casi di studio Siena 12.12.2014 Ing. Bernie

Dettagli