I passi giusti nella giusta direzione Pagina 11. n convegno nazionale Geo-Cam. Province, adieu. È tempo di una Grande Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I passi giusti nella giusta direzione Pagina 11. n. 03.14. 2 convegno nazionale Geo-Cam. Province, adieu. È tempo di una Grande Milano"

Transcript

1 Anno I Maggio / Giugno 2014 n A cura del Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Milano EDIZIONE ONLINE 2 convegno nazionale Geo-Cam I passi giusti nella giusta direzione Pagina 11 Giulia Bottiani Vita di Collegio Territorio Attualità Attualità L'alternativa al tirocinio. Sei mesi e poi l'esame Province, adieu. È tempo di una Grande Milano Consumo del suolo. Una rotta da invertire Il Fattore D per una nuova economia dalla Redazione Pagina 07 Luciano Zanini Pagina 19 Franco Colombo Pagina 21 Paola Allegri Pagina 26

2 2014_DEF3-targa 220x170-complete:Layout 1 15/01/ :21 Pagina 19 I centri Academy Saint-Gobain in Italia Habitat Lab Saint-Gobain la costruzione più sostenibile d Italia Habitat Lab ha ottenuto la prestigiosa certificazione LEED Platinum, con un punteggio di 90 punti su 110, il più alto in Italia, il secondo in Europa Habitat Lab presenta le soluzioni più innovative del gruppo Saint-Gobain e ospita corsi di formazione nelle confortevoli meeting room e nell ampia sala applicativa È anche un edificio-laboratorio al servizio delle imprese, dei progettisti e degli applicatori per promuovere un edilizia nuova Certificato in classe energetica A+ / Edificio passivo energeticamente autonomo / Comfort acustico e visivo oltre ogni standard / Miglioramento della qualità dell aria interna grazie alle tecnologie Saint-Gobain Habitat Lab ha ottenuto la certificazione PLATINO secondo il protocollo LEED 2009 Italia NC (Nuove Costruzioni e ristrutturazioni), il livello LEED più elevato in assoluto Premio all Innovazione Amica dell Ambiente 2013 Sostenibilità, intelligenza, bellezza. Segnalano SAINT GOBAIN PPC ITALIA s.p.a. Per l innovazione La via italiana all economia verde. Habitat Lab - Risparmio energetico, riduzione del consumo di materie prime non rinnovabili, comfort nel Centro polifunzionale Leed Platinum Habitat Lab è stato segnalato al Premio Innovazione Amica dell Ambiente 2013 Habitat Lab - Via per Cesano Boscone, 4 - Corsico (MI) Tel Catalogo Corsi 2014 Academy Saint-Gobain

3 3 SOMMARIO EDITORIALE A denti stretti. Una categoria unita che sa fare sistema 06 Cristiano Cremoli VITA DI COLLEGIO L'alternativa al tirocinio. Sei mesi e poi l'esame 07 Redazione VITA DI COLLEGIO Georientiamoci: una rotta per l'orientamento 09 Redazione COPERTINA Mediazione, i passi giusti, nella giusta direzione 11 Paolo Bonadei APPROFONDIMENTO L insostenibile, titanico peso della burocrazia 14 Emanuele Mezzasalma TERRITORIO Province, adieu. È tempo di una Grande Milano 19 Luciano Zanini ATTUALITÀ Consumo del suolo. Una rotta da invertire 21 Franco Colombo ATTUALITÀ Il Fattore D per una nuova economia 26 Paola Allegri GEO-STORIE Segni particolari: geometra. Dna e passione 34 Redazione

4 4 Anno: I Numero: 03 Maggio / Giugno 2014 Periodico a cura del Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Milano Distribuito gratuitamente ai nostri iscritti e ai nostri praticanti, a tutti i Comuni della provincia, ai consiglieri dei Collegi della Lombardia, e tutti i Collegi d'italia e ad autorità, ai componenti del Consiglio Nazionale, ai consiglieri di amministrazione e a tutti i delegati alla Cassa di Previdenza e Assistenza. Periodicità bimestrale Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 360 del Direzione e Redazione Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Milano Milano Piazza Sant'Ambrogio, 21 Tel (r.a. Fax Indirizzare la corrispondenza a: Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Milano Milano Piazza Sant'Ambrogio, 21 Direttore responsabile Cristiano Cremoli Segretario di redazione Andrea Muroni Coordinatore di redazione Stefania Vignali Comitato di redazione Marzia Ceriotti, Franco Colombo, Elena Corelli, Andrea Gaffarello, Francesco Lottero, Emanuele Mezzasalma, Walter Ventoruzzo, Luciano Zanini e i Coordinatori di tutte le Commissioni del Collegio. Grapic design Double B Fotografie e immagini Giulia Bottiani (ad eccezione di quelle fornite dagli autori) Attenzione Gli articoli e le lettere firmati non impegnano la direzione. Gli articoli, i disegni e le foto, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La loro riproduzione è vietata se non autorizzata dalla Direzione. La Direzione si riserva ogni facoltà sui testi ricevuti.

5 Schlüter -DITRA-HEAT-E Sistema di scaldapavimento elettrico Il piacere di un pavimento in ceramica caldo e accogliente Immaginate di entrare nel Vostro bagno a piedi nudi e di trovare un pavimento bello caldo e accogliente. Il sistema Schlüter -DITRA-HEAT-E Vi permette di posizionare il cavo scaldante sotto la piastrella liberamente ed esattamente dove Vi serve veramente. Per esempio: nella zona doccia, davanti al lavandino, su una panchina rivestita in ceramica dove Vi piace sedervi. Grazie al suo termostato con sensore remote inserito nella pavimentazione potete scegliere la temperatura che preferite. Con il timer potete programmare diversi orari di accensione e di spegnimento. Così già di mattina presto Vi aspetta il Vostro pavimento caldo ed accogliente. Schlüter -DITRA-HEAT-E non funge solo da alloggio del cavo scaldante ma anche da guaina di separazione, evitando così la trasmissione di crepe del sottofondo nel manto ceramico. Per garantirvi un pavimento caldo ma anche integro e bello nel tempo. Schlüter-Systems Italia Srl. Via Bucciardi n. 31/ Fiorano Modenese (Mo) - Tel Fax

6 6 EDITORIALE A denti stretti. Una categoria unita che sa fare sistema Cristiano Cremoli Conclusa questa pausa poco estiva, un nuovo anno lavorativo si affaccia all'orizzonte. Una cosa, ahimé, è certa: c'è davvero poco da stare allegri! Questo caotico panorama ci vede spettatori che poco riescono a comprendere le reali motivazioni di ciò che sta avvenendo in giro per il mondo e ancor più nel nostro Paese. O forse lo capiscono anche troppo bene, e attendono che qualcosa accada e che ci sia sempre 'un qualcuno' che faccia 'un qualcosa' per cambiare. Comprendiamo davvero bene il perché della continua e ottusa perseveranza da parte della classe politica attuale a non incidere davvero sul cambiamento. Toccare diritti acquisiti e strutture burocratiche pachidermiche non è conveniente per nessuno. Molte sono le manovre che si potrebbero mettere in atto per dare linfa vitale all'economia. Manovre anche piccole ma significative per la sopravvivenza di quel patrimonio di competenza ed esperienza che sono le Pmi e i liberi professionisti. Basterebbe ascoltare veramente le problematiche che le categorie che operano sul mercato del lavoro lamentano. Noi professionisti sappiamo perfettamente cosa si dovrebbe cambiare e trasferiamo puntualmente alla politica le criticità, consigliando le riforme da mettere in atto, ma i politici non ascoltano... Le piccole cose non fanno rumore, non creano slogan. È molto più d'effetto dire un'assurdità clamorosa, come quella riportata nell'annunciare il nuovo D.l. Sblocca Italia: «Il cittadino diventa padrone in casa propria e può fare liberamente lavori... Basta una semplice comunicazione al Comune». Sì, peccato che non funziona proprio così E si aggiunge solo confusione. Non ci rimane, davvero, che contare sulle nostre forze e andare avanti stringendo i denti come han fatto i nostri nonni, i nostri genitori. Perché se dovessimo attendere ancora avremmo solo perso tempo prezioso e opportunità. La nostra forza è quella di essere una categoria unita che sa fare sistema. Come ne usciamo? Ci stiamo lavorando, ma sicuramente dobbiamo guardare oltre l'ostacolo senza farci travolgere facilmente dagli eventi. Torniamo a essere quella bella realtà lombarda che è stata motore del cambiamento dal Dopoguerra in poi e che può trainarci con vigore fuori da questa fase di instabilità.

7 7 VITA DI COLLEGIO Il nuovo regolamento sul tirocinio professionale dei Geometri L'alternativa al tirocinio. Sei mesi e poi l'esame Il nuovo regolamento sul tirocinio approvato dal Consiglio Nazionale apre ai corsi di formazione professionale per accedere all'esame di Stato ed eleva il numero dei tirocinanti per il professionista affidatario dalla Redazione Lo scorso 15 agosto, è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 15 il "Regolamento sul professionista affidatario di più di tre tirocinanti e sui corsi di formazione professionale alternativi al tirocinio", approvato dal Consiglio Nazionale nella seduta del 22 luglio Il nuovo regolamento introduce importanti novità per coloro che intendono diventare professionisti. La prima parte è dedicata al numero dei tirocinanti: fermo restando il limite di n. 3 tirocinanti per il singolo professionista, si annovera la possibilità di elevare il limite a n. 5 tirocinanti per le Associazioni professionali o le Società tra professionisti (STP). La seconda parte del regolamento contiene l"innovazione di maggior rilievo ovvero la possibilità di frequentare un corso di formazione professionale di 6 mesi come alternativa al tirocinio di 18 mesi svolto presso un professionista per poter accedere direttamente all'esame di abilitazione. Questa nuova modalità entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2015.

8 8 VITA DI COLLEGIO IL REGOLAMENTO IN SINTESI Parte prima NUMERO DI TIROCINANTI (art. 1) Singolo professionista max n. 3 tirocinanti Organizzazioni Associazioni professionali: max n. 3 tirocinanti con almeno tre associati un associato geometra iscritto all'albo da più di 5 anni Organizzazioni Società tra professionisti (STP) Limite elevabile a max n. 5 tirocinanti previa autorizzazione* * Contenuti richiesta Struttura organizzazione di autorizzazione: (o statuto se società) Programma tirocinio (coerente con i contenuti formativi dei corsi alternativi al tirocinio, all. A) Nominativo professionista affidatario Parte seconda CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALI ALTERNATIVI AL TIROCINIO Requisiti discenti (art. 2 comma 2) Iscritti al Registro Tirocinanti (anche di altro Collegio) Se hanno iniziato il tirocinio presso un professionista non devono averlo ultimato Soggetti autorizzati ad istituire i corsi (art. 3) Collegi territoriali dei Geometri e Geometri Laureati (strutturati anche a livello regionale o interregionale) Associazioni o altri soggetti autorizzati dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Caratteristiche dei corsi (art. 4) Max n. 40 corsisti Dettaglio contenuti cfr. allegato A Monte ore 308 ore (di cui almeno 100 di pratica) Periodo complessivo di 6 mesi, articolato in due trimestri Inizio entro e non oltre il 31 gennaio Verifica finale entro il 30 settembre Adempimenti per il collegio Richiesta autorizzazione al CNGeGL (art. 3 comma 3) Entro il mese di dicembre deve designare i docenti, il coordinatore del corso ed il calendario delle lezioni (art. 5 comma 1) Entro il 31 marzo deve nominare la Commissione verificatrice (art. 5 comma 2) Per i corsisti di altri Collegi, deve informare i relativi Collegi del superamento della prova (art.6 comma 4) Verifiche Sono due: verifica intermedia alla fine del I trimestre e verifica finale (art. 6 comma 1) Requisiti per essere ammessi alle verifiche (art. 6 comma 3): Frequenza 90% delle lezioni teoriche + frequenza 90% delle lezioni di pratica VERIFICA FINALE Superata (Art. 7) Non superata (Art. 4 comma 3) Rilasciato certificato per l'ammissione all'esame di abilitazione Validità: 5 anni I 6 mesi di corso sono riconosciuti a riduzione dei 18 previsti per la pratica. Devono iniziare la pratica entro 30 gg entro la fine del corso

9 9 VITA DI COLLEGIO Concorso nazionale Scuola 2.0: il mio futuro Georientiamoci: una rotta per l'orientamento Le opportunità offerte dall'indirizzo di studi CAT per l ingresso nel mondo del lavoro o dell università. Il concorso Georientiamoci. Una rotta per il cambiamento', progetto di orientamento alle scuole superiori, promosso dalla Fondazione Geometri Italiani dalla Redazione Si è conclusa l'edizione 2014 del concorso nazionale creativo di classe "Scuola 2.0: il mio futuro", realizzato nell'ambito dell'iniziativa della Fondazione Geometri Italiani "Georientiamoci. Una rotta per l'orientamento", importante progetto dedicato all'orientamento nelle classi medie inferiori. Il concorso era rivolto alle classi di terza media: i partecipanti dovevano raccontare (con una foto, un video oppure un racconto) la motivazione per la quale hanno scelto l'indirizzo di studi Costruzioni, Ambiente e Territorio. Molti studenti delle scuole italiane hanno partecipato descrivendo il futuro che si aspettano, immaginando cioè quali cambiamenti potranno avvenire con il passaggio alla scuola superiore e poi, dopo il diploma, con la scelta del lavoro che faranno: gli elaborati ricevuti sono stati 688, tra foto, video, racconti e plastici. È stata assegnata dalla Commissione di concorso una menzione speciale per una classe di ogni regione partecipante: per la provincia di Milano è stata selezionata la classe III "I" dell'istituto Comprensivo Statale "De Andreis" di Milano. Il consigliere geometra Andrea Gaffarello, coordinatore della Commissione Scuola e Formazione, è intervenuto alla cerimonia di premiazione: il 28 maggio, alla presenza delle classi terze dell'istituto, della docente referente Angela Pomes e della vice preside Alessandra Boscolo, è stata consegnata la targa della Fondazione Geometri Italiani. Nelle foto: alcuni momenti della cerimonia seguita dai giovani studenti con entusiasmo e partecipazione: l intervento del geometra Andrea Gaffarello si è focalizzato sulle opportunità offerte dal nostro percorso di studi per l ingresso nel mondo del lavoro o dell università

10 CAD DWG 2D/3D per la progettazione basato sulla tecnologia AutoCAD OEM ProA 3D è un software CAD 2D/3D, in formato nativo DWG, con moduli dedicati per la progettazione tecnica, architettonica e l ambientazione di interni, basato su tecnologia AutoCAD OEM di AutoDESK, il sistema CAD più diffuso al mondo. 10 IMPERDIBILI MOTIVI PER SCEGLIERE ProA 3D: 1. RISPARMI 2. LO SAI GIÀ USARE 3. Lavori senza problemi grazie alla TOTALE COMPATIBILITÁ DWG 4. CONVERTI i file che ricevi dal formato PDF a DWG 5. TRASFORMI in DWG un vecchio disegno su carta 6. DISEGNI con il modulo architettonico 3D 7. ACCEDI gratuitamente alle LIBRERIE 3D GRATIS 8. CONVERTI i tuoi file nel nuovissimo PDF 3D 9. PUOI CONTARE su un fornitore ITALIANO SEMPRE DISPONIBILE 10. Non devi acquistare ALTRI PROGRAMMI Scopri il nuovo ProA 3D su ProA 3D INCLUDE TANTI TOOL ESCLUSIVI: CONVERTITORE DA PDF A DWG Convertire i file PDF vettoriali in DWG/DXF modificabili, non è mai stato così semplice. Linee, forme, testi e layer importati da file PDF possono essere modificati come oggetti originari del disegno CAD. PDF 3D Generare PDF 3D interattivi direttamente dal modello DWG di ProA 3D con un solo clic. Il PDF 3D rappresenta un nuovo modo di comunicare e condividere le informazioni con tutti, in modo semplice e veloce, nel formato standard PDF. Questa tecnologia consente di collaborare con progettisti, clienti ed utenti che non impiegano abitualmente il CAD. e molto altro... Tel

11 11 COPERTINA Il 2 convegno nazionale Geo-Cam Mediazione, i passi giusti, nella giusta direzione L'associazione Geo-Cam ha come scopi fondamentali lo sviluppo della cultura in materia di consulenza tecnica, in ambito giudiziario ed extragiudiziario e nelle procedure arbitrali. Un convegno, a Roma, per fa il punto della situazione Paolo Bonadei Approfondimenti Geocam Geocam Milano Il 10 e 11 luglio si è svolto a Roma il 2 convegno nazionale Geo-Cam, l'associazione Nazionale Geometri Consulenti Tecnici, Arbitri e Mediatori della Fondazione Geometri Italiani. L'associazione è stata costituita nel gennaio 2011 a Roma con il patrocinio della Fondazione Geometri Italiani ed è presente su tutto il territorio nazionale all'interno delle sedi di molti Collegi provinciali dei Geometri, ha carattere culturale, è senza fini di lucro e ha come scopi fondamentali lo sviluppo della cultura in materia di consulenza tecnica, in ambito giudiziario ed extragiudiziario e nelle procedure arbitrali e, soprattutto, promuove la creazione di organismi di mediazione presso Collegi professionali, enti e società, fornendo un'adeguata assistenza specialistica. Il Collegio di Milano è uno dei quaranta Collegi che ha aderito all'associazione creando il proprio organismo di mediazione presso la propria sede, in piazza Sant'Ambrogio, offrendo così agli iscritti la possibilità di allargare le proprie competenze professionali. La due giorni di Roma ha dato seguito a un interessante e articolato programma che ha spaziato dagli aggiornamenti per i responsabili di sezione e i re-

12 12 COPERTINA ferenti locali all'assemblea ordinaria per l'approvazione del bilancio, passando per la prima competizione di mediazione, l'assegnazione del premio "Geocam-miniamo: passi nella giusta direzione", oltre alla presentazione della Camera arbitrale Geo-Cam e un Open Space dedicato alla progettazione partecipata (con degustazione di prodotti tipici gentilmente messi a disposizione da alcune sezioni di Geo-Cam). Durante la competizione di mediazione le sezioni partecipanti hanno schierato una squadra formata da tre mediatori che dovevano operare in qualità di coach, parte e consulente, dando prova di capacità negoziale con riferimento all'esposizione delle posizioni, alla difesa degli interessi con flessibilità e generazione di alternative al fine di raggiungere un accordo win-win (dove entrambe le parti condividono una soluzione favorevole) sfruttando le proprie capacità e l'aiuto del mediatore che, in questo caso, è stato interpretato da uno dei formatori Geo-Cam. La competizione, che prevedeva l'eliminazione diretta dopo un turno preliminare, ha visto la squadra della sezione di Milano, composta dai geometri Paolo Bernabei, Edellio D'Angelo e Alberto Spataro, uscire alla seconda simulazione tra i complimenti dei giudici per il notevole miglioramento rispetto alla prima simulazione. La sezione vincitrice è stata quella di Pesaro che ha superato in finale Latina e che rappresenterà Geo-Cam in qualità di allenatore di una squadra universitaria per partecipare alla terza competizione universitaria che si terrà a Milano a febbraio 2015, dando così all'associazione visibilità nazionale (Universitario e Camerale). È stato anche consegnato il premio "Geocam-miniamo: passi nella giusta direzione", conferito a chi si è distinto per impegno civile, sociale e professionale, conferito a Nicola Gratteri, magistrato, procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, da sempre in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata. Il procuratore ha intrattenuto un'attenta platea spiegando, così come fa nei suoi libri, la storia e i meccanismi delle associazioni a delinquere calabresi, illustrando le procedure che seguono gli investigatori italiani impegnati nella lotta alle mafie e le difficoltà a interagire con i colleghi europei e sudamericani, che non hanno leggi specifiche sulle associazioni criminali. Nel tardo pomeriggio si è tenuto l'open Space dedicato alla progettazione partecipata, una sorta di brainstorming nato dalla consapevolezza che le idee migliori nascono quando ci sentiamo più rilassati e siamo fuori dagli ambienti lavorativi, ad esempio nelle pause pranzo, dove parliamo spesso a ruota libera. Questo, anche per per fotografare le aspettative dei soci circa l'evoluzione dell'associazione nei prossimi cinque anni. Ecco allora che ci siamo trovati tutti in un enorme salone con i molti banchetti riconducibili alle diverse sezioni e in cui erano presenti specialità locali di ognuna (porchetta e pecorino da Roma, trofie al pesto e cima ripiena da Genova, salumi da Parma, prosciutto e vino da Udine, solo per citarne alcuni). Banchetti alternati a tabelloni divisi per aree tematiche, riferite a vari suggerimenti per l'associazione, annotati su dei post-it da attaccare sotto l'argomento desiderato e da valutare e discutere in una fase successiva dell'incontro. I suggerimenti sono stati molti e la partecipazione completa. Ne è uscito un quadro positivo sulla preparazione, la formazione (che non deve essere effettuata in quanto obbligatoria ma come sviluppo

13 13 COPERTINA della conoscenza e della qualità), la procedura (la mediazione è mediazione in tutta Italia ma il modo a cui noi ci approcciamo è diverso), mentre è stata reputata migliorabile l'organizzazione (che deve fare i conti con un numero di iscritti inferiore a quello previsto per la copertura totale delle spese). Ed è emersa una forte paura sul futuro della mediazione, visto che per l'attuale legge è obbligatoria solo fino al 2016, quando verranno valutati gli effetti che avuti sulle cause civili in questi anni. Nell'ultima giornata si è parlato degli ultimi accordi in via di definizione con Aif (Associazione Italiana Formatori), Adr Semplifica (per girare le mediazioni a Geo-Cam dove Adr non è presente), Gesticond (per l'apertura di sezioni Geo-Cam al fine di redimere mediazioni di tipo condominiale), Ipsoa (per l'utilizzo delle loro reti e del background Geo-Cam) e Utet per l'editoria Geo-Cam, che permetteranno un maggior afflusso di mediazioni e consulenze tecniche, nonché una grossa visibilità alla nostra categoria. Inoltre, è stata anche illustrata passo a passo la procedura per inviare in forma telematica le perizie del Ctu alle Cancellerie dei Tribunali, evidenziando le perplessità verso alcuni punti sicuramente migliorabili, prima di passare a relazionare in merito all'arbitrato e ai corsi di preparazione e perfezionamento per gli iscritti che volessero dedicarsi a questa attività, in modo da coprire, dopo il mediatore e il consulente tecnico, tutte le figure professionali in materia di contenzioso extragiudiziale. In conclusione, anche se non ultima come importanza, si è tenuta l'assemblea degli iscritti dove è stato esposto l'andamento economico dell'associazione (chiuso in attivo) e, soprattutto, sono stati esposti i dati che vedono un sensibile calo degli iscritti (imputabile alla sentenza del 2013 che ha abolito la mediazione nella sua forma originale) ma un aumento del numero di mediazioni eseguite nelle varie sezioni, ben 88 contro le 26 dell'anno precedente. Da segnalare che la sezione di Milano è attiva dalla fine del 2013 e nel 2014 ha effettuato due mediazioni di cui una giunta ad accordo e una non andata a buon fine per la mancata partecipazione della controparte. Entrambe le mediazioni sono state portate da colleghi iscritti all'organismo di mediazione che, ricordiamo, sono il primo veicolo di pubblicità della nostra associazione in quanto possono consigliare ai loro clienti di addivenire alla mediazione come metodo di risoluzione dei conflitti in maniera partecipativa piuttosto che rivolgersi al tribunale per ottenere una sentenza basata su casistiche precedenti e non curante dell'unicità dei soggetti partecipanti. Oltretutto, se ci rivolgiamo a Geo-Cam, il cliente rimane seguito da noi Geometri, potendo così rinsaldare e valorizzare quella che è sempre stata la nostra peculiarità di categoria: il rapporto fiduciario.

14 14 APPROFONDIMENTO Geometri e burocrazia L insostenibile, titanico peso della burocrazia Cambiano norme e prospettive, ma il professionista si trova in ogni caso a fare i conti con le insidie della burocrazia, anche quando l'introduzione di nuove regole per la Pubblica Amministrazione ha come scopo la semplificazione. Emanuele Mezzasalma Burocrazia è quasi sempre inteso come termine tipicamente negativo, anche i governi della nostra Repubblica hanno spesso abusato del termine significandolo nell'accezione più deleteria della parola, pur continuando, però, ad usufruire del medesimo impianto burocratico che ha offerto, e offre, notevoli possibilità per un uso politico del sistema. In effetti, non è così semplice definire cos'è la burocrazia scostandola dal significato più comune che ad essa viene associato cioè di entità artificialmente farraginosa, inutilmente complessa, mortalmente stantia, che spaventa persino i mitici investitori esteri, addomesticante un caotico ordine, il titanico peso che l'europa ci chiede di scrollarci di dosso e, capita, ci si dimentichi che la burocrazia è, semplicemente, l'amministrazione dello Stato la quale, a sua volta, ottempera alle leggi del medesimo. Può essere illuminante, in casi simili, aprire un dizionario ma anche internet va bene, naturalmen-

15 15 APPROFONDIMENTO te e leggere la definizione della parola cercata. Nel nostro caso è duplice il significato dato a questo termine di origine francese, l'uno indica l'intero apparato dell'amministrazione pubblica, e ci siamo, il secondo, quello che si attaglia meglio alla volgata, spiega la burocrazia come "pedanteria, grettezza propria di certi impiegati, ligi alle formalità". Il burocrate è la prima linea d'impatto con il pubblico, in genere difeso da uno sportello, da una scrivania o da un usciere. Chiamato anche funzionario, cioè facente funzione di un potere che gli deriva dall'ente che rappresenta, deve saper essere equilibrato e indistinto dai colleghi, l'utente deve avere l'impressione di essere al cospetto dell'ente stesso. Sì perché la burocrazia è anche, e soprattutto, una gestione del potere. Lo si comprende bene risalendo al significato etimologico del termine che è evidentemente composto da due vocaboli: bureau, termine francese che significa ufficio, e crazia, dal greco krátos, che significa potere. La burocrazia, dunque, è l'esercizio del potere amministrativo dello Stato sui propri cittadini e, per questo, diviene materia assai sensibile. Pertanto, è fondamentale che la burocrazia sia razionale, imparziale ed impersonale, garantisca, cioè, uguale trattamento dei cittadini nei confronti del potere statale, tra le stesse pubbliche amministrazioni e, cosa importantissima, deve proteggere il singolo funzionario dalle interferenze nell'esercizio delle sue funzioni. Da questo punto di vista egli ricopre una funzione quasi sacerdotale. Vi sarebbe moltissimo da scrivere, considerando che moltissimo è già stato scritto, sull'apparato dell'amministrazione Pubblica ma non è questo il luogo preposto né chi scrive ha competenze così specifiche, quello che interessa è il momento nel quale la burocrazia cozza contro gli amministrati, cioè i cittadini e, precipuamente, contro quei professionisti che mediano tra il potere amministrativo dello Stato e lo Stato stesso nel significato più esteso, inteso come identità nazionale, il popolo sovrano. Quando e come uno strumento così utile diventa deleterio, perché succede e come migliorarlo dal nostro punto di vista? Compreso che in una società complessa come la nostra la burocrazia serve, guai se non ci fosse, occorre che essa sia limitata, non troppo invasiva nella vita dei cittadini, agile, snella, al passo con le continue mutazioni politiche, sociali, economiche e tecnologiche della nazione, dell'europa e del mondo. Il problema, quindi, non è la burocrazia in sé ma l'uso che se ne fa e, soprattutto, la sua ipertrofia sovrastrutturale tipica nella nostra realtà. Una burocrazia che necessita di traduzioni per essere accessibile ai cittadini contravviene una propria funzione istituzionale. Quando si coniano vocaboli ad hoc come "burocratese", intendendo con ciò l'uso di un linguaggio incomprensibile che appare poco intelligibile dalla maggior parte delle persone risultando un vero e proprio gergo al limite dell'esoterico, è chiaro che esiste un problema perlomeno di comunicazione, sottintendendo, anche, una certa dolosa volontà nel renderlo tale manifestantesi nella magniloquenza dei nostri legislatori che, evidentemente, sembrano dilettarsi nello stendere testi di legge per soli iniziati, forse al solo scopo di ricevere il compiacimento della cerchia alla quale appartengono, con la conseguenza che ogni norma invochi il proprio Decreto Attuativo e ogni Decreto Attuativo dev'essere poi tradotto da Circolari Esplicative all'interno della varie PA coinvolte, e, infine, le Circolari Esplicative interne devono essere recepite ed "interpre-

16 16 APPROFONDIMENTO tate" dal funzionario che ci sta di fronte, allo sportello. Non c'è sarcasmo in questa osservazione, è da qui che nascono i guai, il funzionario, come il soldato, dev'essere messo nelle condizioni di non pensare criticamente a ciò che deve fare, vuole risultare deresponsabilizzato da ogni gravame umanitario. Un compito tutto sommato semplice, quando gli ordini sono secchi, chiari, perentori, appunto. Lo scenario che conosciamo è, invece, differente, perché gli adempimenti di legge non sempre sono limpidi e mettono a dura prova chi deve eseguirli specie se l'interlocutore è un professionista che propone un punto di vista diverso. Qui entra in gioco tutto l'indotto che la burocrazia statale muove e mantiene, schiere di consulenti, avvocati, commercialisti, ingegneri, architetti, geometri, periti, ecc., ai quali il cittadino è costretto a rivolgersi per tutelarsi, tradurre, districare, proporre, richiedere autorizzazioni di vario tipo in ogni campo possibile dell'attività umana. Su questa china si ingigantisce la valanga della corruzione e della concussione, dello scambio di favori, di bisogni. Volendo dare una cinica esegesi della già citata ipertrofia burocratica italiana si potrebbe azzardare l'ipotesi che più complicata, mastodontica, bizantina è e più gente ci campa intorno, non solo, la Macchina avrebbe dimensioni tali da poter fungere bene da capro espiatorio senza subirne

17 17 APPROFONDIMENTO grandi conseguenze, una realtà molto confortevole ai piani alti del sistema. Nel presente momento storico, ad esempio, la burocrazia è fatta apparire come l'origine di molti mali, va combattuta, osteggiata, riscritta; benissimo, la burocrazia è supportata da leggi, si cambino le leggi e, ubbidiente come un soldatino, cambierà anche la burocrazia. Come primo provvedimento siamo testimoni dell'augusta nascita del modello unico su scala nazionale per la presentazione della SCIA, novità di eccezionale portata, proclamata per diversi giorni nei titoli principali dei telegiornali nazionali. Si evince immediatamente, da una primissima scorsa del nuovo modello di richiesta, che, dalle circa tredici pagine dei "vecchi" modelli SCIA "locali", si passa alla trentina del modello unificato nazionale, con l'immediato onere di dover stampare, fotocopiare, movimentare ed archiviare diciassette fogli in più, i contenuti, invece, rimangono pressoché inalterati. È pur sempre un inizio. Anche le introduzioni della DIA e poi delle CIAL e SCIA, sono state al tempo salutate come la nuova frontiera della semplificazione burocratica a spese, però, del richiedente e del professionista asseverante che si sono visti investiti della responsabilità dell'intero procedimento trovandosi a compilare un modulo che richiede un'attentissima analisi con gravissime ripercussioni personali in caso di errore, e l'errore, quando le normative sono così articolate, i clienti hanno sempre più fretta e i danari sono sempre di meno, è dietro l'angolo. L'Ufficio Tecnico del Comune di Milano, ad esempio, probabilmente anche conseguentemente alla deroga fattuale di molte delle funzioni istituzionali scaricate ai liberi professionisti congiuntamente ad altre figure, è aperto un solo giorno alla settimana con conseguenti ore di attesa per riuscire a parlare con un tecnico. Figuriamoci quando ci si deve tornare più volte per una stessa pratica. Quando il Comune di Milano, dopo la soppressione delle Provincie, dovrà amministrare l'intera area metropolitana, la più vasta in Italia e quarta in Europa dopo solamente Londra, Parigi e Madrid, con un bacino di oltre sette milioni di abitanti, vedremo cosa succederà visto che già, a livello provinciale, le cose non vanno benissimo una pratica ambientale richiede, oggi, come minimo, due anni di gestazione. Parlando con alcuni funzionari di quell'ufficio, i quali escono comprensibilmente provati da una simile giornata, è emersa la speranza di limitare ancora di più il confronto fisico con il pubblico, mantenendo, eventualmente, il servizio su appuntamento per i professionisti i quali, però, dovranno giustificare preventivamente il motivo del colloquio. L'assunto è che se un professionista non è in grado di comprendere normative così cristalline, o non ha voglia di studiarsele, cambi mestiere. Punto di vista assolutamente condivisibile. Questa filosofia, propedeutica al protocollo di accesso all'amministrazione Pubblica, è popolare anche tra altri Enti. Ecco come, da una presunta volontà di velocizzazione delle pratiche edilizie, si potrebbe giungere ad una paralisi del comparto per il quale, visto che comunque le pratiche devono essere vagliate dall'ufficio, nonostante l'asseverazione del libero professionista, del cittadino e dell'impresa esecutrice dei lavori, potrebbe divenire necessario assumere nuovi tecnici preposti al vaglio delle migliaia di pratiche edilizie che ogni anno sommergono la PA: dal bagnetto di servizio, all'eliminazione della tramezza della cucina. Siccome si è consci che il sistema fa acqua, invece di tappare le fal-

18 18 APPROFONDIMENTO le, si moltiplicano gli adempimenti amministrativi allo scopo di garantire l'impunità al sistema stesso. In questo clima qualcuno vorrebbe abolire gli ordini professionali! Chi garantirà più cosa? Non si potrebbe chiudere senza ricordare la PEC, un'entità esotica della quale molti Uffici Pubblici, evidentemente, ne misconoscono l'esistenza e che ancora richiedono la trasmissione di documenti per mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno o con il passaggio dal protocollo, perché, signori miei, il cartaceo è sempre il cartaceo. Il cartaceo è la burocrazia stessa, significa archivi, luoghi preposti ad accogliere gli archivi, significa archivisti, significa commessi che portano pratiche da un ufficio all'altro e, infine, ancora all'archivio, questo nelle grandi strutture, nelle piccole è il funzionario che fa tutto ma, inevitabilmente, deve impiegare tempo che sarà ineluttabilmente sottratto al servizio di sportello. È sufficiente una semplice Richiesta di Accesso agli Atti per comprendere quanto sia importante la velocità con la quale sia trovata una pratica archiviata. Ogni pratica consegnata al protocollo di un Ufficio pubblico dovrebbe essere pubblica, ogni cittadino in possesso di un proprio codice di accesso dovrebbe essere messo nelle condizioni di esaminare le proprie pratiche e i professionisti dovrebbero essere dotati della facoltà di prendere visione di qualunque pratica inserita in archivi pubblici, tutto sarebbe più funzionale e veloce se fosse informatizzato, ancora meglio se gli utenti avessero un sistema di riconoscimento elettronico personale che permetta loro di entrare nell'archivio pubblico informatizzato e reperire, o trasmettere, comodamente da casa, quanto serve loro. La PEC, appunto. Un altro acronimo destinato ad alimentare simpatia è il POS, che non è il piano operativo di sicurezza, ma il dispositivo per il pagamento elettronico reso obbligatorio anche per i professionisti, che elargisce al pubblico la fantastica possibilità di pagare le parcelle con carta di credito; "non è eccezionale!?" Una nuova incombenza per i professionisti che dovrebbe infliggere un duro colpo all'evasione fiscale!!!. La nostra burocrazia è ossessionata dal controllo, perché controllo significa potere, e dalla sfiducia totale verso i cittadini che, per questo, vanno controllati, assuefatti al controllo, e il cerchio, così, si chiude. Non si può credere che lo sforzo immane di ridimensionamento della burocrazia sia relegata ad una mera questione di modulistica e non è neppure realistico pensare che l'unificazione di un modello sia il primo passo verso un'amministrazione Pubblica più agile. Mi auguro che, quando questo articolo sarà pubblicato, l'italia sia già concretamente avviata verso un futuro di efficiente democrazia. È doveroso, altresì, segnalare con forza che, generalmente, non ci si trova negli uffici pubblici a discutere con ciechi burocrati, almeno nei settori interessanti la nostra Categoria, trovando, in tal senso, un atteggiamento virtuoso e collaborativo da parte dei funzionari ai quali ci si rivolge, anche solo per carpire informazioni, ma, ci si potrebbe interrogare allora, cosa succederebbe se questa collaborazione non ci fosse? È il dover sperare nella discrezionalità del funzionario, nella sua sensibilità, naturalmente entro certi limiti, che ci dà la cifra di una burocrazia malata e inutilmente complicata. In certa misura è anche questa consapevolezza che obbliga il cittadino ad essere oltre modo condizionato nell'approccio con la burocrazia che, in quanto tale, merita rispetto ma non ossequioso timore.

19 19 TERRITORIO Città metropolitana: luci, ombre, prospettive Province, adieu. È tempo di una Grande Milano La Legge Delrio sancisce la nascità delle Città Metropolitane, decretando così la fine per il Consiglio Provinciale di Milano, che si estingue dopo 154 anni di onorata vita istituzionale. Ma la storia è ancora tutta da scrivere Luciano Zanini Approfondimenti Legge Delrio In seguito all'approvazione della Legge Delrio (Legge n.56 del 7 aprile 2014 "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni", il Consiglio Provinciale di Milano si estingue dopo 154 anni di onorata vita istituzionale (si riunì per la prima volta il 5 marzo 1860). Nella giornata di lunedì 23 giugno 2014 il Consiglio uscente si è riunito a palazzo Isimbardi per l'ultima seduta del mandato elettivo (cominciato il 24 giugno 2009). Dal 24 giugno la Legge Delrio prevede che le funzioni di indirizzo e controllo proprie dell'assemblea siano affidate ancora al presidente della Provincia. Infatti l'attività della giunta proseguirà fino al 31 dicembre per l'amministrazione ordinaria. Giulia Bottiani

20 20 TERRITORIO Sono passati più di 150 anni dall'istituzione della Provincia di Milano, il cui primo presidente fu Massimo D'Azeglio, che ora lascerà il passo alla cosiddetta Città Metropolitana. Ora questa iniziativa dovrà essere riempita di contenuti, a partire dallo Statuto e dalle deleghe da assegnare, perché così com'è risponde poco alle esigenze richieste, ed è ben lontana dai modelli di Parigi, Londra e Barcellona. I tempi stanno cambiando e anche la politica, e il modo stesso di fare politica. Peccato che insieme alle vecchie logiche si stiano buttando via anche concetti importanti di democrazia partecipata: la Provincia, ente storico, eletto direttamente dai cittadini, era uno di questi. Stando al programma della Legge Delrio, il nuovo Consiglio dovrà insediarsi entro il 30 settembre e sarà composto da 24 membri scelti tra i sindaci o i consiglieri dei 134 comuni dell'area provinciale. Entro il 31 dicembre 2014 il Consiglio dovrà approvare lo Statuto della Città Metropolitana che subentrerà alla Provincia di Milano dal 1 gennaio Secondo alcuni esperti, però, la data del 1 gennaio sarà aggiornata per forza di cose. Nel frattempo si formerà un Comitato istitutivo composto dal sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, dal presidente della Provincia Guido Podestà, dal governatore della Regione Roberto Maroni e da una quarta personalità istituzionale ancora da definire. Un "direttorio" che dovrà scrivere lo Statuto della Città che verrà. Perché la Grande Milano nascerà definitivamente solo a novembre, quattro mesi dopo l'estinzione della Provincia. Si prevede poi la creazione di un Consiglio Metropolitano composto da 24 amministratori che affiancherà il "direttorio" nel passaggio cruciale della stesura dello Statuto e che dovrà decidere su un punto fondamentale: chi dovrà scegliere il futuro sindaco "metropolitano". La legge sul punto lascia la questione aperta. Il supersindaco non dovrebbe in teoria essere eletto a suffragio universale, ma scelto tra i sindaci dei Comuni del territorio (la Grande Milano, con i suoi 3 milioni e 100 mila residenti soddisfa il requisito, a meno che non abbia nel frattempo provveduto a rivedere la sua architettura istituzionale suddividendo il territorio in municipalità con funzioni e poteri tipici di un grande comune. In conclusione la Legge Delrio che istituisce la Città Metropolitana ha luci e ombre che sicuramente andranno approfondite e chiarite. Ma finalmente, dopo decenni in cui si è dibattuto sull'entrata in vigore del nuovo Ente, già previsto in Costituzione, si parte. Così il sindaco Giuliano Pisapia, intervenendo al Seminario "Città Metropolitane per un nuovo governo del territorio" che si è svolto a Roma, esprime un interessante giudizio. Ora è necessario creare momenti di informazione e confronto per i cittadini e non vi è dubbio che servano certezze sul piano delle risorse di cui dovrà disporre il nuovo ente. Quindi secondo il sindaco serviranno delle modifiche e va ricordato che se la legge prevede che il futuro sindaco metropolitano sia il sindaco del Comune capoluogo, si ritiene indispensabile inserire nello Statuto l'elezione diretta del sindaco metropolitano per una maggiore legittimazione e per la più alta partecipazione possibile dei cittadini. Ora l'appuntamento più realistico è con il 2016, l'anno del dopo Expo che prevede le elezioni amministrative del capoluogo. A Palazzo Marino si spera di arrivare all'elezione diretta del sindaco metropolitano in quell'occasione.

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli