8 Andamento operativo. 13 Commento ai risultati economico-finanziari. 19 Situazione patrimoniale. 23 Evoluzione prevedibile della gestione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8 Andamento operativo. 13 Commento ai risultati economico-finanziari. 19 Situazione patrimoniale. 23 Evoluzione prevedibile della gestione."

Transcript

1 Bilancio di esercizio 2012

2

3 Relazione e bilancio d esercizio di Eni Adfin Relazione sulla gestione 8 Andamento operativo 13 Commento ai risultati economico-finanziari 19 Situazione patrimoniale 23 Evoluzione prevedibile della gestione 24 Persone 28 Sostenibilità 31 Altre informazioni 35 Andamento della società controllata Serfactoring Bilancio di esercizio 38 Schemi di Bilancio 46 Nota integrativa 119 Proposte del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli azionisti 120 Relazione del Collegio Sindacale all Assemblea degli azionisti ai sensi dell art. 153 D.Lgs. 58/1998 e dell art. 2429, comma 3, c.c. 123 Relazione della Società di revisione 125 Deliberazioni dell'assemblea degli azionisti

4

5 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / HIGHLIGHTS Highlights Acquisizione dei rami d azienda Gestione amministrativa credito retail da Eni e Coordinamento servizi amministrativi da Toscana Energia Clienti Il primo gennaio 2012 Eni Adfin ha acquisito dalla Divisione Gas & Power di Eni il ramo aziendale Gestione amministrativa credito retail G&P, composto da 53 risorse, nel quale sono confluite le attività di affidamento della clientela, gestione amministrativa del credito, reporting e monitoraggio dell esposizione verso la clientela, supporto amministrativo e assistenza per le attività di recupero dei crediti. Nel corso del 2012 è stata completata la messa a regime del modello di gestione del credito retail, anche attraverso strumenti informatici di Business Intelligence, atti a supportare la funzione nelle analisi e monitoraggio. Il primo giugno 2012 Eni Adfin ha acquisito dalla Toscana Energia Clienti il ramo d azienda Coordinamento servizi amministrativi. Il ramo è costituito da 35 risorse, inizialmente destinato all esercizio dei servizi di carattere amministrativo in favore della Toscana Energia Clienti, a seguito dell incorporazione della TEC nella Divisione G&P è stato integrato nel modello amministrativo organizzato per processi. Progetti di ottimizzazione/iniziative di supporto al business Nel 2012 sono stati attivati interventi di riorganizzazione dei processi e di automazione dei sistemi, volti al miglioramento e all efficienza dei servizi e del supporto al business. Relativamente ai primi, è stato attuato l accentramento delle attività di contabilizzazione e di riconciliazione delle partite infragruppo, al fine di integrare e ottimizzare la gestione dei dei flussi intercompany. E stato inoltre riorganizzato il processo di gestione documentale propedeutico al servizio di contabilità fornitori con outsourcing a Eniservizi delle attività manuali a minor valore aggiunto, al fine di migliorare l efficienza. Infine è stata costituita la funzione di Bilancio e Client Manager della Direzione Trading, per il supporto al progetto di centralizzazione delle attività di risk management asset backed trading. Le principali iniziative di automazione hanno riguardato: - il proseguimento delle azioni di reingegnerizzazione del ciclo passivo con interventi di estensione e ottimizzazione dell impiego dei contabilizzatori automatici; - il completamento del progetto di automazione della gestione e contabilizzazione degli stanziamenti manuali, attraverso la realizzazione di un nuovo sistema applicativo; - il progetto di automazione dei pagamenti manuali senza fattura (bollettini e bonifici). 5

6 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / HIGHLIGHTS Cessione ramo d azienda eniadfin Attività amministrative, contabili e transazionali a eni A seguito cessazione dei servizi amministrativi nei confronti delle società unbundled, avvenuta nel 2011 per adeguarsi alle disposizioni della III Direttiva Gas che escludono la possibilità per eni e le sue controllate di fornire servizi alle grandi imprese di trasporto nazionale del gas, eni adfin ha avviato congiuntamente con la capogruppo - un riesame delle proprie attività al fine di verificare soluzioni di miglioramento dell efficienza, di semplificazione organizzativa e di razionalizzazione. Le analisi effettuate hanno evidenziato l opportunità di integrare in eni i servizi amministrativi, contabili e transazionali, ivi inclusi i servizi di regolamento contabile delle operazioni di pagamento. A seguito di questa riorganizzazione, la società focalizzerà la sua attività sull emissione e gestione delle carte di pagamento Multicard Routex, anche in vista dei futuri programmi di espansione dell attività in termini di numeri di titolari e allargamento della spendibilità. 6

7 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Principali dati economici e patrimoniali (milioni di euro) Utile operativo (23,2) (3,3) 2,0 Margine interesse 2,1 2,8 1,3 Utile netto (perdita netta) (25,7) (6,7) 3,7 Capitale investito netto a fine periodo 66,9 18,0 8,1 Patrimonio netto a fine periodo 185,1 178,8 182,6 Indebitamento finanziario netto (disponibilità) a fine periodo (118,2) (160,8) (174,5) Investimenti 18,9 13,3 12,6 - di cui per attività di locazione operativa 16,6 10,7 10,0 Principali dati operativi Incassi e pagamenti Movimenti (numero) Volumi monetari trattati (milioni di euro) Trasferimento fondi Movimenti (numero) Volumi monetari trattati (milioni di euro) Rendicontazione elettronica (n. movimenti) Carte di pagamento in circolazione (*) Ciclo transazionale Fatture attive (**) (numero) Fatture passive (numero) EDI Documenti spediti (numero) Dipendenti in servizio a fine periodo (numero) (*) Escluse le carte bloccate per sicurezza, insolvenza e blocco tecnico. (**) Comprese le bollette gas. 7

8 SOCIETÀ ENIADFIN BILANCIO / ANDAMENTO OPERATIVO Andamento operativo Principali dati operativi Nel campo dei servizi di regolamento monetario delle transazioni, i servizi di incasso, pagamento e trasferimento fondi hanno interessato complessivamente 18,5 milioni di movimenti in aumento del 9,9% rispetto al precedente esercizio (16,8 milioni). L incremento di 1,7 milioni di movimenti è riconducibile principalmente ai maggiori movimenti di incasso (1,4 milioni), per l incremento delle bollette sui nuovi canali di incasso della Divisione Gas & Power e, in misura minore, ai maggiori movimenti di pagamento (0,3 milioni) per effetto dell introduzione della legge sulla tracciabilità dei flussi finanziari (D.Lgs. 136/2010), che obbliga ad effettuare i pagamenti mediante bonifici specifici (con Codice Identificativo di Gara) senza possibilità di accorpare più operazioni in singoli pagamenti. Il volume monetario trattato, correlato al valore delle transazioni regolate per conto della clientela, è stato di 280,8 miliardi di euro, a fronte di 227,5 miliardi di euro nel L incremento di 53,3 miliardi di euro (+23,4%) é dovuto principalmente all aumento delle quotazioni del greggio e dei prodotti petroliferi e, in misura minore, all aumento dei movimenti. Servizi di pagamento Var. ass. Var. % Incassi (Ri.Ba, Rid e altri incassi) Pagamenti Totale Incassi e Pagamenti Trasferimento fondi movimenti (n.) ,2 milioni di euro ,2 movimenti (n.) ,0 milioni di euro ,5 movimenti (n.) ,9 milioni di euro ,2 movimenti (n.) (56) (7,3) milioni di euro ,7 Totale movimenti movimenti (n.) ,9 Totale volume monetario milioni di euro ,4 Rendicontazione elettronica movimenti (n.) ,4 Carte di pagamento Carte in circolazione (*) (numero) ,4 Titolari carte (numero) ,3 Litri venduti (migliaia) ( ) (8,4) (*) Escluse le carte bloccate per sicurezza, insolvenza e blocco tecnico. 8

9 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / ANDAMENTO OPERATIVO Gli incassi si analizzano come segue: Movimenti (numero) Volume monetario (milioni di euro) Incassi 2012 vs 2011 analisi per società Var. ass Var. ass. Eni Divisione R&M (10.952) Eni Trading & Shipping Eni Divisione G&P Eni Corporate e altri (46.985) Incassi nazionali (Ri.Ba, Rid e altri incassi) Eni Divisione G&P (27) Eni Trading & Shipping Eni Divisione R&M Eni Corporate e altri Incassi esteri Totale Incassi Movimenti (numero) Volume monetario (milioni di euro) Incassi 2012 vs analisi per canale Var. ass Var. ass. Incassi Rid/Ri.Ba Incasso a mezzo bonifici e conti sportello (di cui incasso bollette Eni G& P) Incassi nazionali (Ri.Ba, Rid e altri incassi) Incassi esteri Totale Incassi Il volume monetario trattato degli incassi è stato di 121,6 miliardi di euro, superiore di 18,7 miliardi di euro a quello del L aumento del volume monetario degli incassi nazionali (8,5 miliardi di euro) é riconducibile all aumento degli incassi a mezzo di Rid/Ri.Ba (4,5 miliardi di euro), in particolare per conto della Divisione Refining & Marketing (2,6 miliardi di euro) e di Eni Trading & Shipping (1 miliardo di euro) e ai maggiori incassi a mezzo bonifici e conti sportello (4 miliardi di euro), in particolare per conto della Divisione Refining & Marketing (3,5 miliardi di euro) e della Divisione Gas & Power (0,3 miliardi di euro). L incremento è da ascriversi, come già precedentemente evidenziato, all aumento dei prezzi del greggio e dei prodotti petroliferi e, in misura minore, all aumento dei movimenti. L aumento del volume monetario degli incassi esteri (10,2 miliardi di euro) è concentrato sulla Divisione Gas & Power (4,6 miliardi di euro), per effetto delle operazioni effettuate per conto della Distrigas a seguito dell integrazione dei portafogli gas, su Eni Trading & Shipping (3,6 miliardi di euro) per l aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi e del numero di movimenti, e su Eni Corporate (1,3 miliardi di euro) per maggiori incassi da dividendi. 9

10 SOCIETÀ ENIADFIN BILANCIO / ANDAMENTO OPERATIVO I pagamenti si analizzano come segue: Movimenti (numero) Volume monetario (milioni di euro) Pagamenti 2012 vs 2011 analisi per società Var. ass Var. ass. Eni Divisione R&M Eni Divisione G&P (58.914) Eni Trading & Shipping (145) (151) Versalis (165) Eni Corporate e altri (71.791) Pagamenti nazionali Eni Trading & Shipping Eni Divisione G&P Eni Divisione R&M (17) Eni Divisione E&P Versalis Eni Corporate e altri Pagamenti Esteri Totale Pagamenti Il volume monetario trattato dei pagamenti, pari a 151 miliardi di euro, risulta in aumento di 30,7 miliardi di euro. L aumento del volume monetario dei pagamenti Italia (9,9 miliardi di euro) si concentra sulla Divisione Refining & Marketing (5,7 miliardi di euro) per effetto dell aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi e del numero dei movimenti, su Ionica gas (2,1 miliardi di euro) per l'operazione di acquisto di una partecipazione di Eni East Africa e sulla Divisione Gas & Power (0,8 miliardi di euro) per l aumento del prezzo del gas. L aumento del volume monetario dei pagamenti esteri (20,8 miliardi di euro) è concentrato su Eni Trading & Shipping (10,4 miliardi di euro), per effetto dell incremento dei prezzi del greggio e dei prodotti petroliferi e del numero dei movimenti, sulla Divisione Gas & Power (6,4 miliardi di euro), per effetto dei pagamenti delle forniture di gas per conto di Distrigas, a seguito dell integrazione del portafoglio gas e su Eni Corporate (2,5 miliardi di euro) per l aumento di capitale di Eni International BV. Il trasferimento fondi, per causali diverse dalle operazioni di incasso e pagamento, ha riguardato complessivamente 708 movimenti, a fronte di 764 movimenti del 2011, per un totale di volumi monetari trattati di 8,2 miliardi di euro (4,4 miliardi di euro nel 2011). I servizi di rendicontazione elettronica, che consentono alle società clienti di ricevere giornalmente in via telematica la movimentazione dei conti intrattenuti presso Eni Adfin, presso l Eni e presso il sistema bancario, hanno riguardato 2,5 milioni di movimenti e risultano sostanzialmente in linea rispetto all esercizio precedente. Nel 2012 è proseguito lo sviluppo dei servizi di emissione e gestione delle carte Multicard Routex, emesse da Eni Adfin a supporto delle attività di distribuzione petrolifera del Gruppo, per effetto principalmente della diffusione della nuova carta multicard easy, destinata ai titolari di partita IVA monoveicolari (professionisti, commercianti). Al 31 dicembre 2012 i titolari dei contratti carte erano , in aumento del 10,3% rispetto al Alla stessa data il numero delle carte complessivamente in circolazione erano , in aumento del 5,4% rispetto al Relativamente ai servizi di locazione operativa, al 31 dicembre 2012 Eni Adfin aveva in essere contratti esclusivamente con società del Gruppo per attrezzature e beni informatici, il cui valore residuo ammontava a 19 milioni di euro (-3,1 milioni di euro rispetto al 2011). La diminuzione è riconducibile agli ammortamenti sui beni concessi in locazione operativa (13,1 milioni di euro), solo in parte compensati dai nuovi investimenti effettuati (pari a circa 10 milioni di euro). 10

11 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / ANDAMENTO OPERATIVO Nel campo dei Servizi Amministrativi, Eni Adfin fornisce attualmente: - servizi amministrativi integrati con i servizi di pagamento a Eni e a 33 delle 39 società italiane consolidate, nonché a 5 società controllate non consolidate; - esclusivamente servizi amministrativi a 4 società collegate e a 3 società controllate. Inoltre Eni Adfin fornisce esclusivamente servizi di pagamento a 4 società consolidate. A partire dal secondo semestre 2012, Eni Adfin ha esteso i servizi amministrativi a Eni Trading & Shipping BV e, limitatamente ai servizi di ciclo attivo, ciclo passivo e contabilità costo lavoro a Eni International Resources Ltd. Nella tabella che segue sono rappresentati i volumi di attività nel campo dei servizi amministrativi e di e- service posti a raffronto con quelli erogati nel Servizi amministrativi e e-service Var. Ass. var % Servizi Transazionali Fatture attive trattate (*) (numero) ,4 Fatture passive trattate (numero) ( ) (13,2) Servizi Specialistici Movimenti di libro giornale (numero) ,1 E-service Documenti spediti (numero) ,0 altri flussi trattati (Megabytes) (Megabytes) ,1 Terza Parte Fidata Certificati e marche temporali (numero) ,7 (*) Comprese bollette gas per 28,1 milioni nel 2011 e 31,7 milioni nel Nel campo dei Servizi Transazionali, l aumento delle fatture attive trattate è legato prevalentemente all aumento delle bollette del gas. La riduzione delle fatture passive trattate è connessa alla cessione del ramo d azienda Servizi amministrativi società unbundled, avvenuta a novembre 2011, e alle nuove modalità di fatturazione aggregata su alcuni fornitori. Nel campo dell E-Service, è proseguito nel 2012 lo sviluppo dei servizi, in particolare dei servizi di dematerializzazione, di conservazione sostitutiva e di invio e ricezione dei documenti in formato elettronico. I servizi di dispatching hanno interessato 11 milioni di documenti, di cui 4,3 milioni di documenti recapitati in forma dematerializzata (+45% rispetto al 2011). La piattaforma ENITER ha impegnato 557,1 Gbytes, in aumento del 6,1% rispetto al E stato dato particolare impulso all estensione del servizio di conservazione sostitutiva, in particolare degli scontrini Multicard, e alla dematerializzazione del ciclo passivo, attraverso l attivazione di due sistemi per l acquisizione dei documenti (EDI e Portale Fornitori) che hanno consentito di intensificare il processo di automazione del ciclo passivo. I servizi di Terza parte fidata, relativi al rilascio e alla gestione dei certificati elettronici, delle marche temporali, delle firme digitali e delle caselle di posta elettronica certificata hanno registrato la distribuzione di certificati ( certificati nel 2011). L incremento rispetto al 2011, pari al 47,7%, è connesso al progressivo diffondersi dei servizi di dematerializzazione e conservazione. 11

12 SOCIETÀ ENIADFIN BILANCIO / ANDAMENTO OPERATIVO Investimenti Gli investimenti realizzati nel corso del 2012 ammontano a 12,6 milioni di euro, di cui 10 milioni di euro per attività di locazione operativa e 2,6 milioni di euro per implementazioni della piattaforma di supporto all erogazione dei servizi (milioni di euro) Var. ass. Var. % 16,6 Investimenti in Locazione operativa 10,7 10,0 (0,7) (6,9) 2,3 Investimenti ad uso aziendale 2,6 2,6 0 0, 9 di cui: 1,1 - sistemi contabili 1,2 0,9 (0,3) (27,4) 0,3 - e-service 0,3 0,1 (0,3) (74,8) 0,4 - servizi di incasso e pagamento 0,3 0,6 0,3 110,2 0,5 - altri 0,8 1,1 0,3 40,5 18,9 Totale Investimenti 13,3 12,6 (0,7) (5,4) di cui: 16,9 - Immobilizzazioni materiali 11,5 10,0 (1,5) (12,7) 2,0 - Immobilizzazioni immateriali 1,8 2,6 0,7 41,0 Gli investimenti relativi alle attività di locazione operativa si riferiscono all acquisto di attrezzature informatiche. Il decremento di 0,7 milioni di euro rispetto al 2011 è connesso alla minore richiesta di attrezzature informatiche da parte delle società clienti. Gli investimenti relativi ai sistemi di supporto ai servizi contabili sono pari a 0,9 milioni di euro e si riferiscono essenzialmente all implementazione di un nuovo sistema applicativo di contabilizzazione automatica degli stanziamenti manuali (0,5 milioni di euro) e ad interventi di ottimizzazione del ciclo passivo (0,3 milioni di euro). Gli investimenti per lo sviluppo dei servizi di incasso e pagamento (0,6 milioni di euro) riguardano principalmente interventi di implementazione del servizio di Disaster recovery per i sistemi che ospitano le applicazioni finanziarie. Gli altri investimenti si riferiscono all acquisto di hardware e software in dotazione alle postazioni di lavoro e ammontano a 1,1 milioni di euro. 12

13 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI Commento ai risultati economico finanziari Conto economico (milioni di euro) Var. ass. Var. % Ricavi della gestione caratteristica 204,6 190,7 (13,9) (6,8) Ricavi dei servizi amministrativi e di pagamento 184,8 175,7 (9,2) (5,0) Ricavi dei servizi di locazione operativa 19,7 15,0 (4,7) (24,0) Altri ricavi e proventi 0,9 0,8 (0,1) (5,8) Totale ricavi 205,4 191,5 (13,9) (6,8) Costi operativi (176,6) (170,0) 6,6 3,8 Costo lavoro (97,6) (88,3) 9,3 9,5 Altri costi operativi (79,0) (81,6) (2,6) (3,3) Altri proventi (oneri) operativi (12,1) (3,9) 8,3 68,2 Ammortamenti e svalutazioni (20,0) (15,7) 4,3 21,6 Ammortamenti beni in locazione operativa (16,6) (13,1) 3,5 21,2 Ammortamenti altri beni (3,4) (2,5) 0,9 26,3 di cui (oneri) proventi non ricorrenti (14,4) (4,9) 9,5 66,0 Utile operativo (3,3) 2,0 5,3 n.s. Margine di interesse 2,8 1,3 (1,5) (54,4) Proventi da partecipazione 0,0 1,4 1,4 n.s. Utile ante imposte (0,5) 4,7 5,1 n.s. Imposte (6,3) (1,0) 5,3 84,7 Utile netto (perdita netta) (6,7) 3,7 10,5 n.s. Il conto economico 2012 si è chiuso con un utile netto di 3,7 milioni di euro, a fronte della perdita netta di 6,7 milioni di euro rilevata nel Il miglioramento del risultato (10,5 milioni di euro) è dovuto essenzialmente a: (i) l aumento dell utile operativo (5,3 milioni di euro), riconducibile alla circostanza che nel 2011 erano stati sostenuti oneri non ricorrenti connessi alla cessione della partecipazione nella Padana Assicurazioni (7,6 milioni di euro); (ii) le minori imposte sul reddito (5,3 milioni di euro) per la minore base imponibile e il rimborso connesso alla deducibilità dell IRAP ai fini IRES per i periodi d imposta anteriori al 2012; (iii) i maggiori proventi da partecipazione (1,4 milioni di euro), per la distribuzione dei dividendi da 13

14 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI parte della Banca UBAE e della controllata Serfactoring. Tali effetti sono stati parzialmente compensati dalla riduzione del margine d interesse (1,5 milioni di euro). Ricavi (milioni di euro) Var. ass. Var. % Ricavi servizi integrati 178,1 168,1 (12,9) (6,8) Ricavi dei servizi amministrativi 156,4 147,6 (8,8) (5,7) Ricavi dei servizi di pagamento 11,8 12,2 0,3 2,7 Ricavi e-service 9,8 8,3 (1,5) (15,1) Ricavi dei servizi carte di pagamento 6,7 7,6 0,8 12,6 Ricavi dei servizi di locazione operativa 19,7 15,0 (4,7) (24,0) Totale ricavi della gestione caratteristica 204,6 190,7 (13,9) (6,8) di cui proventi non ricorrenti 9,2 2,0 (7,2) n.s. Altri ricavi e proventi 0,9 0,8 (0,1) (5,8) Totale ricavi 205,4 191,5 (13,9) (6,8) I ricavi (191,5 milioni di euro) si riducono di 13,9 milioni di euro, per effetto essenzialmente della riduzione dei ricavi dei servizi amministrativi (8,8 milioni di euro), che riflettono i minori oneri per mobilità riaddebitati, e della riduzione dei ricavi dei servizi di locazione operativa (4,7 milioni di euro). I ricavi dei servizi amministrativi (147,6 milioni di euro) diminuiscono di 8,8 milioni di euro per effetto principalmente dei minori ricavi non ricorrenti (7,1 milioni di euro) e della cessione delle attività amministrative del ramo unbundled (11,5 milioni di euro). Tali effetti sono stati parzialmente compensati dall estensione dei servizi a Eni (per la gestione del Credito Retail della Divisione G&P e per le attività amministrative della Direzione Trading) e alla Toscana Energia Clienti, per l accentramento delle relative attività amministrative (complessivamente 8,6 milioni di euro). I ricavi dei servizi di pagamento (12,2 milioni di euro) sono sostanzialmente in linea con il I ricavi delle carte di pagamento (7,6 milioni di euro) registrano un incremento di 0,8 milioni di euro, connesso all aumento del volume di attività. I ricavi dell e-service, relativi prevalentemente al trattamento e trasporto di documenti in formato elettronico, sono pari a 8,3 milioni di euro, in riduzione rispetto al 2011 di 1,5 milioni di euro, per effetto principalmente di efficienze sui costi di trasporto dei documenti, a fronte di un incremento dei volumi del servizio. I ricavi dei servizi di locazione operativa (15 milioni di euro) si riferiscono essenzialmente a canoni di locazione per attrezzature informatiche. La riduzione di 4,7 milioni di euro riflette i minori volumi di attività. Gli altri ricavi e proventi (0,8 milioni di euro) si riferiscono ai riaddebiti alla controllata Serfactoring dei costi di locazione e dei servizi centralizzati. 14

15 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI Costi operativi (milioni di euro) Var. ass. Var. % Costo Lavoro 97,6 88,3 (9,3) (9,5) di cui oneri non ricorrenti 11,2 3,0 (8,2) (73,0) Altri costi operativi: 79,0 81,6 2,6 3,3 Costi informatici, telematici e telefonici 38,2 36,5 (1,7) (4,5) Locazioni e servizi immobiliari 11,2 11,7 0,5 4,4 Oneri accessori del personale 6,3 7,1 0,8 13,2 Costi bancari 4,8 4,9 0,1 2,1 Addebiti per servizi centralizzati da Eni 4,4 6,1 1,7 37,2 Emolumenti e prestaz. professionali diverse 4,9 6,7 1,9 39,0 Costi postali 2,7 2,1 (0,6) (22,7) Imposte indirette e tasse (al netto dei recuperi) 1,9 2,3 0,4 21,9 Altri costi generali 4,6 4,2 (0,4) (9,3) di cui oneri non ricorrenti (0,2) 0,0 0,2 n.s. Totale Costi operativi 176,6 170,0 (6,6) (3,8) Il costo lavoro (88,3 milioni di euro, di cui 3 dovuti a oneri per mobilità e esodi agevolati) è diminuito di 9,3 milioni di euro per effetto essenzialmente dei minori oneri non ricorrenti (8,2 milioni di euro), della cessione del ramo unbundled (3,9 milioni di euro) e della riduzione della forza media in servizio di 68 risorse (3,2 milioni di euro). Tali effetti sono stati in parte assorbiti dall acquisizione delle attività amministrative sopracitate (complessivamente 6 milioni di euro). La forza in servizio al 31 dicembre 2012 è di unità. Le variazioni intervenute nel 2012 si analizzano come segue: Totale forza in servizio Acquisizione ramo d'azienda "Gestione Credito Retail G&P" 53 Acquisizione ramo d'azienda "Coordinamento servizi amministrativi Toscana Energia Clienti" 35 Assunzioni 26 Trasferimenti netti da Gruppo/Settore 11 Risoluzioni e altre uscite (22) Totale variazioni Gli altri costi operativi (81,6 milioni di euro) aumentano di 2,6 milioni di euro, per effetto essenzialmente dei maggiori addebiti per servizi centralizzati da Eni (1,7 milioni di euro), delle maggiori prestazioni e consulenze (1,9 milioni di euro) e dei maggiori oneri accessori al personale (0,8 milioni di euro), parzialmente compensate dalle minori spese informatiche (1,7 milioni di euro). I costi riguardano principalmente: - costi informatici, telematici e telefonici (36,5 milioni di euro) relativi all application management ed all evolutiva dei sistemi di supporto ai servizi contabili (13,0 milioni di euro), alla gestione e manutenzione delle infrastrutture (11,9 milioni di euro), alla manutenzione delle licenze e software (3,9 milioni di euro), alle telecomunicazioni (3,7 milioni di euro), ai progetti ICT (2,6 milioni di euro) nonché ad altre spese informatiche (1,4 milioni di euro). La riduzione (1,7 milioni di euro) è riconducibile essenzialmente a minori attività progettuali e di evolutiva sui sistemi contabili e a ottimizzazioni sulle altre spese informatiche; 15

16 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI - locazioni e servizi immobiliari (11,7 milioni di euro), relativi ai canoni e ai servizi di manutenzione e gestione delle sedi, aumentano di 0,5 milioni di euro rispetto all esercizio 2011 per l acquisizione delle attività amministrative sopracitate; - oneri accessori del personale (7,1 milioni di euro) relativi al servizio mensa, spese per viaggi e trasferte, selezione del personale, formazione, spese mediche e collaborazioni continuative. L aumento di 0,8 milioni di euro è connesso alle maggiori prestazioni legate alla gestione del personale estero e alle maggiori spese per salute, sicurezza e ambiente; - addebiti per servizi centralizzati Eni (6,1 milioni di euro) relativi a servizi di approvvigionamento, servizi dell area CFO e di amministrazione del personale. L incremento di 1,7 milioni di euro è concentrato principalmente sui servizi di gestione del personale, sui servizi di approvvigionamento e sui servizi di internal audit; - emolumenti e prestazioni professionali (6,7 milioni di euro), in aumento di 1,9 milioni di euro per prestazioni su attività progettuali e di start-up in ambito amministrativo, anche a fronte di richieste di servizi da parte delle Divisioni e società del Gruppo. Gli ammortamenti e svalutazioni pari a 15,7 milioni di euro si analizzano come segue: (milioni di euro) Var. ass. Var. % Ammortamenti materiali 16,3 13,4 (2,8) (17,4) beni concessi in locazione operativa 16,1 13,1 (3,0) (18,6) beni per uso aziendale 0,2 0,3 0,1 36,4 Ammortamenti immateriali 3,7 2,2 (1,5) (40,0) beni concessi in locazione operativa 0,5 - (0,5) n.s. beni per uso aziendale 3,2 2,2 (1,0) (30,0) Totale ammortamenti e svalutazioni 20,0 15,7 (4,3) (21,6) La riduzione degli ammortamenti di 4,3 milioni di euro riguarda principalmente beni concessi in locazione ed è riconducibile essenzialmente ai minori livelli di attività. Gli oneri (proventi) non ricorrenti, pari a 4,9 milioni di euro, si analizzano come segue: (milioni di euro) Var. ass Var. % Oneri per esodi agevolati e mobilità (11,2) (3,0) 8,2 73,0 Oneri relativi alla vendita Padana Assicurazioni (7,6) 0,0 7,6 n.s. Oneri Tributari 0,0 (1,7) (1,7) n.s. Accantonamento al fondo rischi per oneri tributari (4,0) (2,1) 1,9 47,5 Accantonamento al fondo controversie legali (0,6) (0,0) 0,5 n.s. Proventi non ricorrenti 9,2 2,0 (7,2) n.s. Minusvalenza da alienazione beni (0,2) 0,0 0,2 n.s. Totale (oneri) proventi non ricorrenti (14,4) (4,9) 9,5 66,2 Il margine di interesse (1,3 milioni di euro) ha registrato un decremento di 1,5 milioni di euro, per l effetto congiunto della riduzione della consistenza media del portafoglio titoli (66,7 milioni di euro del 2011; 19,1 milioni di euro nel 2012 ) e del decremento dei tassi medi di rendimento (Euribor a 1 mese pari a 1,2 nel 2011 e 0,3 nel 2012). I proventi netti da partecipazione, pari a 1,4 milioni di euro, riguardano i dividendi distribuiti dalla Banca UBAE (1 milione di euro) e dalla controllata Serfactoring (0,4 milioni di euro). 16

17 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI Le imposte dell esercizio di 1 milione di euro si analizzano come segue: (milioni di euro) Var. ass. IRES 2,0 (2,2) (4,1) di cui: correnti 3,8 1,2 (2,6) istanza di rimborso IRES 0,0 (2,6) (2,6) differite (al netto delle anticipate) (1,9) (0,7) 1,1 IRAP 4,3 3,1 (1,2) di cui: correnti 4,4 3,2 (1,2) differite (al netto delle anticipate) (0,1) (0,1) (0,0) Totale imposte 6,3 1,0 (5,3) Il decremento di 5,3 milioni di euro è legato principalmente all effetto congiunto della minore base imponibile ai fini IRES e del rimborso IRES connesso alla deduzione dell IRAP relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato, per i periodi d imposta anteriori al 2012 (2,6 milioni di euro). 17

18 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / COMMENTO AI RISULTATI ECONOMICO FINANZIARI Riconduzione degli schemi di bilancio riclassificati utilizzati nella relazione sulla gestione a quelli obbligatori 31 dicembre dicembre 2012 Voci del Conto Economico Riclassificato (dove non espressamente indicato, la componente è ottenuta direttamente dallo schema legale) Riferimento alle sezioni di schema obbligatorio Valori parziali da schema obbligatorio Valori da schema riclassificato Valori parziali da schema obbligatorio Valori da schema riclassificato Ricavi Attività Amministrativa e Finanziaria, composti da: Commissioni - servizi di incasso e pagamento (vedi voce 30 - sez.2.1) Commissioni - altri servizi (gest c/c e altri) (vedi voce 30 - sez.2.1) Commissioni - altri servizi - carte Multicard (vedi voce 30 - sez.2.1) Commissioni - servizi e-service di demater.del regol.monetario (vedi voce 30 - sez.2.1) Ricavi servizi contabili (vedi voce sez.14.1) Ricavi e-service (accesso al sistema pagamenti) (vedi voce sez.14.1) Altri proventi relativi alle carte Multicard (vedi voce sez.14.1) Ricavi diversi e altri proventi (vedi voce sez.14.1) di cui non ricorrenti - Ricavi diversi e altri proventi Ricavi Attività di leasing Ricavi per canoni di locazione operativa (vedi voce sez.14.1) di cui non ricorrenti - Ricavi diversi e altri proventi (vedi voce sez.14.1) Altri Ricavi e Proventi Ricavi diversi e altri proventi (vedi voce sez.14.1) Totale Ricavi Costi Operativi Costo Lavoro, composti da: (97.589) (88.337) - Spese amministrative - Personale dipendente (vedi voce sez.9.1) (58.128) (57.536) - Spese amministrative - oneri sociali (vedi voce sez.9.1) (18.517) (18.087) - Spese amministrative - accantonamento al tfr (vedi voce sez.9.1) (5.104) (4.989) - Spese amministrative - altre spese (vedi voce sez.9.1) (12.591) (4.356) - Spese amministrative - altro personale in attività (vedi voce sez.9.1) (1.343) (1.523) - Spese amministrative - rimborsi di spesa per dip.distacc presso le società (vedi voce sez.9.1) (3.977) (3.535) - Spese amministrative - recuperi di spesa per dip.distacc presso altre az. (vedi voce sez.9.1) Ricavi diversi e altri proventi (vedi voce sez.14.1) di cui non ricorrenti - Spese amministrative - altre spese (vedi voce sez.9.1) (11.249) (3.036) Costi manutenzione beni in leasing, composti da: (213) (7) - Oneri relativi alla gestione parco auto (vedi voce sez.14.1) (213) (7) -di cui non ricorrenti - minusvalenze su immobilizzazioni (voce sez.14.1) (184) 0 Altri costi operativi, composti da: (78.795) (81.625) - Commissioni passive (vedi voce 40 - sez.2.2) (4.795) (4.731) - Spese amministrative - altre spese (vedi voce sez.9.1) (4.395) (4.739) - Spese amministrative - Amministratori e sindaci (vedi voce sez.9.1) (443) (431) - Spese di natura informatica (vedi voce 110.b - sez.9.3 ) (38.256) (36.530) - Affitti canoni e manutenzioni (vedi voce 110.b - sez.9.3 ) (11.366) (12.001) - Altre prestazioni professionali (vedi voce 110.b - sez.9.3 ) (6.776) (10.330) - Imposte indirette e tasse (vedi voce 110.b - sez.9.3 ) (3.856) (4.408) - Altre spese amministrative (vedi voce 110.b - sez.9.3 ) (10.899) (10.547) - Altri oneri diversi (vedi voce sez.14.1) (27) (16) - Recupero bolli da sezionale carte (vedi voce sez.14.1) Altri proventi (oneri) operativi (12.112) (3.854) - Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (vedi voce sez.13.1) (4.544) (2.117) - Altri oneri diversi (vedi voce sez.14.1) (7.568) (1.737) -di cui non ricorrenti (12.112) (3.854) Ammortamenti (19.980) (19.980) (15.672) (15.672) Ammortamenti beni in leasing, composti da: (16.608) (13.087) - Rettifiche di valore nette su att.materiali - Att. Detenute a scopo di invest. (vedi voce Sez. 10.1) (16.076) (13.087) - Rettifiche di valore nette su att.immateriali - Altre att.immat (vedi voce Sez. 11.1) (532) Ammortamenti altri beni strumentali, composti da: (3.372) (2.585) - Rettifiche di valore nette su att.materiali - Att. Ad uso funzionale (vedi voce Sez. 10.1) (186) (253) - Rettifiche di valore nette su att.immateriali - Altre att.immat (vedi voce Sez. 11.1) (3.186) (2.331) Margine di interesse, composti da: Interessi attivi e proventi assimilati - Attività disponib. per la vendita ( vedi voce 10 sez.1.1) Interessi attivi e proventi assimilati - Crediti vs clientela ( vedi voce 10 sez.1.1) Interessi attivi e proventi assimilati - Crediti vs banche ( vedi voce 10 sez.1.1) Interessi attivi e proventi assimilati - Crediti vs enti finanziari ( vedi voce 10 sez.1.1) Interessi attivi e proventi assimilati - Crediti vs erario ( vedi voce 10 sez.1.1) Interessi passivi ed oneri assimilati -Debiti vs clientela ( vedi voce 20 sez.1.3) (51) (116) - Interessi passivi ed oneri assimilati -Debiti vs erario ( vedi voce 20 sez.1.3) 0 (264) Proventi / oneri da partecipazioni, composti da: Dividendi e proventi simili (vedi voce 50 - sez.3.1) Risultato Ante Imposte (461) (461) Imposte (6.283) (6.283) (962) (962) Risultato netto (6.744) (6.744)

19 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / SITUAZIONE PATRIMONIALE Situazione patrimoniale Stato patrimoniale (milioni di euro) 31 dicembre dicembre 2012 Var. ass. Capitale immobilizzato 33,2 30,1 (3,1) Immobili, impianti e macchinari 23,8 20,4 (3,3) Attività immateriali 6,8 7,2 0,4 Partecipazioni 2,5 2,5 0,0 Attività finanziarie 36,0 50,7 14,7 Attività finanziarie disponibili per la vendita 26,5 23,4 (3,0) Crediti netti per servizi delle carte di pagamento 9,5 27,3 17,7 Capitale di esercizio netto (30,3) (50,7) (20,4) Fondi benefici ai dipendenti (21,0) (22,1) (1,1) CAPITALE INVESTITO NETTO 18,0 8,1 (9,9) Patrimonio netto 178,8 182,6 3,8 Indebitamento finanziario / (disponibilità) (160,8) (174,5) (13,7) COPERTURE 18,0 8,1 (9,9) Gli immobili, impianti e macchinari di 20,4 milioni di euro comprendono beni (macchine e attrezzature informatiche) concessi in locazione operativa per 19 milioni di euro ed attrezzature ad uso aziendale per 1,3 milioni di euro. La riduzione di 3,4 milioni di euro è riconducibile principalmente agli ammortamenti (13,4 milioni di euro), in parte compensati dagli investimenti (10 milioni di euro). Le attività immateriali di 7,2 milioni di euro si riferiscono principalmente a software applicativi (6,4 milioni di euro, di cui 3,3 milioni relativi ad immobilizzazioni in corso), a licenze d uso per sistemi informatici (0,8 milioni di euro). L aumento di 0,4 milioni di euro deriva dai nuovi investimenti (2,6 milioni di euro) in parte compensati dagli ammortamenti dell esercizio (2,2 milioni di euro). Le partecipazioni di 2,5 milioni di euro riguardano la partecipazione del 49% nella Serfactoring SpA. Le attività finanziarie disponibili per la vendita di 23,4 milioni di euro si riferiscono a titoli di debito a reddito fisso e variabile per 15,4 milioni di euro e alla partecipazione minoritaria (5,39%) nella Banca UBAE per 8 milioni di euro. La riduzione di 3 milioni di euro è dovuta principalmente al rimborso di titoli giunti a scadenza (5 milioni di euro) compensato dalla rivalutazione a fair value dei titoli (2 milioni di euro). 19

20 SOCIETÀ ENI ADFIN BILANCIO / SITUAZIONE PATRIMONIALE Il capitale di esercizio netto, negativo per 49 milioni di euro, si analizza come segue: (milioni di euro) 31 dicembre dicembre 2012 Var. ass. Crediti commerciali 58,1 15,4 (42,7) Debiti commerciali (44,4) (42,9) 1,5 Crediti (Debiti) tributari e fondo imposte nette 3,0 14,5 11,5 Fondi per rischi e oneri (17,3) (17,3) (0,0) Altre attività (passività) di esercizio Totale capitale d'esercizio netto (29,7) (20,4) 9,3 (30,3) (50,7) (20,4) I crediti commerciali (15,4 milioni di euro) si riferiscono principalmente alle prestazioni di servizi verso le società del Gruppo Eni (14,8 milioni di euro). La riduzione di 42,7 milioni di euro è connessa al pagamento di corrispettivi relativi ai servizi amministrativi e di locazione operativa di competenza degli anni precedenti. I debiti commerciali (42,9 milioni di euro) sono rappresentati dai debiti verso le società del Gruppo (30,3 milioni di euro) e terze (12,6 milioni di euro) per la fornitura di servizi, prevalentemente servizi di carattere informatico, a supporto dell attività operativa, e per la fornitura di beni in locazione operativa. Il decremento rispetto al 2011 è connesso essenzialmente ai minori debiti verso le società del Gruppo. I crediti e debiti tributari (14,5 milioni di euro) sono in aumento di 11,5 milioni di euro rispetto all anno precedente essenzialmente per l aumento dei crediti netti Iva verso l Erario. I fondi per rischi e oneri di 17,3 milioni di euro riguardano principalmente il fondo per mobilità (13,6 milioni di euro), il fondo rischi a fronte di potenziali oneri fiscali (2,1 milioni di euro), nonché il fondo per controversie legali (0,6 milioni di euro). Le altre attività (passività) di esercizio (20,4 milioni di euro) comprendono essenzialmente debiti per carte viaggio (12,8 milioni di euro), debiti verso dipendenti (10,1 milioni di euro) relativi a mobilità ed esodi agevolati, premio di partecipazione e ferie maturate e non godute, debiti verso enti assistenziali e previdenziali (4 milioni di euro), parzialmente compensati da altri crediti (6,6 milioni di euro) principalmente di natura tributaria. I fondi benefici ai dipendenti ammontano a 22,1 milioni di euro registrando un aumento rispetto all anno precedente di 1 milione di euro, dovuto all aumento della forza in servizio per i rami d azienda acquisiti. Il patrimonio netto di 182,6 milioni di euro si analizza come segue: (milioni di euro) 31 dicembre dicembre 2012 Var.Ass. Capitale Sociale 85,5 85,5 0,0 Riserve 100,0 93,4 (6,6) Utile (perdita) dell'esercizio (6,7) 3,7 10,4 Patrimonio netto 178,8 182,6 3,8 L incremento di 3,8 milioni di euro è riconducibile all utile di esercizio 2012 (3,7 milioni di euro), alla variazione positiva della riserva relativa alla valutazione dei titoli al fair value (1,3 milioni di euro) e altri incrementi delle riserve (0,2 milioni di euro). Tali effetti sono stati parzialmente compensati dall imputazione a patrimonio netto della differenza negativa fra il prezzo pagato e il valore d iscrizione delle attività e passività relative all acquisizione del ramo d azienda Gestione Credito Retail G&P (0,8 milioni di euro) e del ramo d azienda Coordinamento servizi amministrativi della Toscana Energia Clienti (0,7 milioni di euro). Le disponibilità finanziarie di 174,5 milioni di euro si riferiscono alla liquidità depositata presso Eni in un conto corrente ordinario, nel quale vengono rilevati i flussi relativi alle operazioni proprie della Società. L incremento delle disponibilità di 13,7 milioni di euro è riconducibile principalmente al flusso di cassa relativo alla gestione operativa (21,3 milioni di euro) connesso principalmente al pagamento dei corrispettivi relativi ai servizi amministrativi e di locazione operativa di competenza degli anni precedenti e al rimborso dei 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli