Introduzione. Perchè interfacciare un impianto domotico con un sistema di condivisione delle informazioni?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Perchè interfacciare un impianto domotico con un sistema di condivisione delle informazioni?"

Transcript

1 Interfacciamento del sistema Konnex con la piattaforma Smart-M3 Luca Feltrin

2 Indice Konnex: Smart-M3 Progetto Addressing Architettura dispositivi Funzionamento Ontologia e triple Procedure primitive Architettura applicazioni Situazione iniziale Sviluppo dell'applicazione Sviluppi futuri

3 Introduzione Perchè interfacciare un impianto domotico con un sistema di condivisione delle informazioni? Far interagire tra di loro dispositivi indipendentemente dalla tecnologia che usano (Konnex, Bluetooth,ZigBee,VESA,HES...) Gestione remota dell'impianto Condivisione delle informazioni per altre applicazioni...

4 Introduzione Agente Temperatura: FA CALDO Situazione Normale Battiti Cardiaci: TANTI

5 Introduzione Agente Temperatura: SI STA BENE C'è qualcosa che non va! Battiti Cardiaci: TANTI

6 Konnex Standard coperto da royalty: Konnex Association Logica Distribuita, peer to peer. Comunicazioni via Bus: Twisted Pair (interfacciamento con TPUart) con possibilità di alimentazione max 64 dispositivi Power line KNX over IP

7 Konnex: Addressing (indirizzo fisico) Dispositivo Indirizzo fisico Utilizzato solo in fase di setup dell'impianto 16bit con struttura gerarchica basata sull'ubicazione es: Area (4 bit) Linea (4 bit) (divisa in 4 segmenti da 64) Dispositivo (8 bit) Area 0 backbone; Line 0 main line Dispositivi di disaccoppiamento elettrico + firewall Line Coupler Backbone Coupler

8 Konnex: Addressing (indirizzo fisico)

9 Konnex: Addressing (indirizzo di gruppo) Oggetto/i di comunicazione Indirizzo di gruppo Utilizzato a run-time 16 bit con struttura gerarchica basata (in genere) sulla funzione. Es: 1/0/22 Impianto (4 bit) Categoria funzione (es illuminazione) (4 bit) Funzione (es: illuminazione cucina) (8 bit) Usato come destinazione nei telegrammi => multicast

10 Konnex: Addressing (indirizzo di gruppo) Oggetto di com. Luce1 1/0/3 Telegramma Dest: 1/0/3 Turn ON Oggetto di com. Luce2 1/0/3 Oggetto di com. Pulsante 1/0/3 Gruppo 1/0/3: Illuminazione Cucina

11 Konnex: Architettura Dispositivi Un dispositivo contiene una collezione di Oggetti di Comunicazione Un oggetto di comunicazione... È un registro interno Fa da interfaccia tra la rete KNX e l'hardware del dispositivo Ha un comportamento regolato da flag Può essere registrato a più indirizzi di gruppo Se decide di trasmettere, lo fa solo verso un indirizzo di gruppo dispositivo Oggetto di comunicazione Oggetto di comunicazione Oggetto di comunicazione

12 Konnex: Funzionamento (Tipi di Telegrammi) Esistono vari tipi di telegramma in base al comando che l'oggetto di comunicazione esegue/invia Read: richiesta di lettura di un certo oggetto di comunicazione Read Responce: risposta al comando di lettura Write: richiesta di scrittura su un oggetto di comunicazione Update: notifica del fatto che il valore dell'oggetto di comunicazione è cambiato su evento hardware Acknowledge: notifica la corretta ricezione di un altro telegramma

13 Konnex: Funzionamento (Flag) I flag regolano il comportamento di un oggetto di comunicazione su eventi hardware o sulla ricezione di telegrammi. Communication Read 0 Su ricezione di un telegramma che tenta di modificare il valore del registro (write o read responce) invia un ack. Ma non lo modifica 1 lo modifica 0 il valore dell'oggetto di comunicazione non può essere letto dal bus. 1 a un telegramma read l'oggetto di comunicazione risponde con una read responce

14 Konnex: Funzionamento (Flag) Write Transmit Update 0 il valore dell'oggetto di comunicazione non può essere modificato dal bus 1 può essere modificato 0 l'oggetto di comunicazione invia nel bus il proprio valore solo in caso di comando read 1 lo invia anche in caso di evento Hardware 0 una read responce non viene interpretata come write 1 viene interpretata come write

15 Konnex: Funzionamento (Tabella Indirizzi) Ogni oggetto di comunicazione ha associata una tabella di indirizzi di gruppo......se intercetta un telegramma proveniente da uno di quegli indirizzi, reagisce come specificato dai flag Un oggetto di comunicazione può appartenere a più gruppi! Uno di questi indirizzi ha la proprietà S: l'oggetto di comunicazione può spedire telegrammi solo verso quell'indirizzo

16 Konnex: Funzionamento (Esempio[1]) Group addr tabl 1/1/1 S 1/1/2 0 0 MyBedroomIllumination GlobalIllumination Group addr tabl 1/1/2 S Si vogliono comandare 5 lampade con 2 pulsanti, in particolare il primo comanda direttamente la 2 luce, il 2 pulsante accende e spegne tutte le luci. Il modo corretto per configurare l'impianto è quello rappresentato in figura...

17 Konnex: Funzionamento (Esempio[2]) Group addr tabl 1/1/1 S 1/1/2 T 1 0 MyBedroomIllumination GlobalIllumination Group addr tabl 1/1/2 S Viene premuto il 1 pulsante, l'oggetto di comunicazione cambia valore e genera un telegramma (update) verso l'indirizzo con proprietà S, la 2 lampada decide di reagire cambiando il proprio stato e accendendosi

18 Konnex: Funzionamento (Esempio[3]) Group addr tabl 1/1/1 S 1/1/2 1 1 MyBedroomIllumination T GlobalIllumination Group addr tabl 1/1/2 S Alla pressione del 2 pulsante, l'oggetto di com cambia valore e invia un altro telegramma sull'indirizzo 1/1/2, tutte le lampade decidono di reagire accendendosi (la 2 era già accesa) (anche l'ogg di com del 1 pulsante reagisce ma non succede niente)

19 Konnex: Funzionamento (Esempio[4]) T A una nuova pressione del 2 pulsante, viene inviato un altro telegramma a tutte le lampade che si spengono e al 1 pulsante che cambia valore all' Oggetto di comunicazione che rimane sincronizzato con la rispettiva lampada Group addr tabl 1/1/1 S 1/1/2 0 0 MyBedroomIllumination GlobalIllumination Group addr tabl 1/1/2 S

20 Smart-M3 Piattaforma di coordinazione tra agenti a spazio di dati condiviso Progetto iniziato da Nokia Research Center, licenza BSD, nell'ambito del progetto SOFIA Lo spazio condiviso contiene triple (soggetto; predicato; oggetto) Per dare una semantica alle informazioni occorre strutturare le triple secondo un'ontologia Gli agenti comunicano e si coordinano tra di loro inserendo togliendo e leggendo le triple dallo spazio condiviso. Applicazione composta da più agenti ognuno con una specifica funzione (modularità)

21 Smart-M3 (SIB) La SIB (Semantic Information Broker) è il componente dell'applicazione che contiene lo spazio di dati condiviso. Attualmente alla versione beta, disponibile per linux. Il server della SIB rimane in ascolto sulla porta Sono disponibili procedure standard per l'inserimento e la lettura delle triple: insert, remove, update, subscribe, queryrdf e querywilbur. Sono già pronte le API per vari linguaggi, sono state usate quelle in C# in modo da poter eseguire gli agenti su un terminale embedded con WindowsCE.

22 Smart-M3 (triple e ontologia) Una tripla è formata da <Soggetto, Predicato, Oggetto> Possono essere entità (o nodi) identificati da un URI oppure dei literal (valori primitivi es interi, double, stringa codificati comunque come stringhe) In genere il predicato indica un attributo (oggetto) che si vuole dare al soggetto. Es: <Studente01, HasName, 'Luca'> oppure <Studente01, StudiesAt, UniversitàDiBologna> Un'ontologia è una rappresentazione a grafo di tutte le entità (o nodi) contenute nello spazio che dà un significato alle informazioni in un ottica ObjectOriented. Esistono due predicati standard per strutturare le classi: rdfs:subclassof (per le sottoclassi) e rdf:type (per l'appartenenza a una classe). Il nodo radice è owl:thing

23 Smart-M3 (triple e ontologia) Esempio <Person,rdfs:SubclassOf,owl:Thing> <Student,rdfs:SubclassOf,Person> <Teacher,rdfs:SubclassOf,Person> <Course,rdfs:SubclassOf,owl:Thing> <LucaFeltrin,rdf:type,Student> <LucaRoffia,rdf:type,Teacher> <CalcolatoriElettronici,rdf:type,Course> <LucaRoffia,teaches,CalcolatoriElettronici> <LucaFeltrin,Attended,CalcolatoriElettronici> Owl:Thi ng SubclassOf Type Generic predicate Student Person Teacher LucaRoffia Course CalcolatoriElettronici LucaFeltrin

24 Smart-M3 (procedure primitive) Insert(<S,P,O>) Per inserire nello spazio condiviso una tripla Remove(<S,P,O>) per rimuovere dallo spazio una tripla data Update(old<S,P,O>,new<S,P,O>) per modificare una tripla nota Le API in C# offrono anche la possibilità di inserire, rimuovere e modificare un intero grafo (ovvero una collezione di triple)

25 Smart-M3 (procedure primitive) queryrdf([s,p,o]) Per ottenere una collezione di triple che combaciano con il template dato in ingresso (si fornisce in modo simile a una tripla ma si può usare l'uri speciale 'any' simile al carattere *) Esempio riferito al grafo precedente, per trovare tutti i corsi seguiti da LucaFeltrin: queryrdf([lucafeltrin,attended,any]) si ottiene <LucaFeltrin,attended,CalcolatoriElettronici> CalcolatoriElettronici LucaFeltrin

26 Smart-M3 (procedure primitive) querywilbur(node,<inversepath>*) a partire da un nodo, si ottengono tutti i nodi collegati a questo attraverso un percorso inverso. Es. Per trovare tutti gli studenti di LucaRoffia: querywilbur(lucaroffia,<teaches; attended>) si ottiene il nodo LucaFeltrin CalcolatoriElettronici LucaRoffia LucaFeltrin

27 Smart-M3 (procedure primitive) (un)subscribe([s,p,o]) Grazie a questa procedura, un agente può registrarsi a una collezione di triple (identificate dal template passato in ingresso). Quando una di queste triple viene modificata o ne viene creata una che rispecchia il template, la SIB invia una notifica all'agente (in un'ottica EventBased). Le API in C# forniscono anche altre procedure per connettersi e disconnettersi allo spazio condiviso (join, leave), nella creazione dell'oggetto KPICore si specificano IP e porta del server SIB.

28 Smart-M3 (architettura applicazioni) Un'applicazione è la composizione di più agenti, distribuiti su più macchine, che interagiscono con la SIB Un agente prende il nome di KP (Knowledge Processor) In base alla funzionalità si distinguono 3 tipi di KP Producer se producono nuova informazione quindi nuove triple eseguendo prevalentemente insert e update Consumer se utilizzano le informazioni contenute nella SIB, eseguiranno prevalentemente query e subscribe Aggregator se prendono delle informazioni e in base a queste ne creano di nuove

29 Smart-M3 (architettura applicazioni) È opportuno che i KP siano più minimali possibili, ovvero che facciano parte di una specifica categoria e che siano sottoscritti a una minima dell'ontologia. È sottinteso che qualsiasi tipo di KP può fare, in fase di inizializzazione, delle query anche se di tipo Producer. GUI Cons SIB Prod Prod Aggr

30 Progetto (Situazione Iniziale)

31 Progetto (Situazione Iniziale) Per interfacciarsi al bus KNX è pre-installato un software proprietario: ErgoCE-Server. In ascolto sulla porta 8081 Comunicazione in formato XML Possibilità di inviare comandi write,read e subscribe Non dà la possibilità di distinguere telegrammi di tipo write,update e read responce (quando vengono ricevuti)

32 Progetto (Situazione Iniziale) Per la parte Konnex 0/0/1 lampada 1 + interruttore 1 0/0/2 lampada 2 + interruttore 2 0/0/3 lampada 3 0/0/4 lampada 4 0/0/5 (illuminazione generale) lampada 1, lampada 2, lampada 3, lampada 4, interruttore 1, interruttore 2 0/0/6 sensore di potenza (datatype 14 float 4 byte) 0/0/7 sensore di temperatura (datatype 9 float 2 byte)

33 Progetto (Sviluppo: l'ontologia) Si vuole una rappresentazione dei singoli dispositivi in KNX esiste solo la rappresentazione in gruppi (funzionalità). Switch Switch01 Può essere Reale o Virtuale... Lamp Lamp01 Lamp02 LogicalGroup 0/0/1 Illuminazione Cucina Esistono le istanze delle singole lampade Esiste il concetto di gruppo e di appartenenza al gruppo Nel caso in cui Switch01 appartenesse a più gruppi, Affect indica la destinazione dei comandi (proprietà S)

34 Progetto (Sviluppo: l'ontologia) Rappresentazione dei dati dei sensori Sensor DataValue Measurand UnitOfMeas. PowerSensor PData Power W HP K TemperatureSensor TData Temperat. F C Concetto di: Dato Tipo di grandezza Fisica Unità di misura

35 Il progetto (Sviluppo: I KP) Suddivisione dei problemi: Inizializzazione, Illuminoteca, Temperature Sensing, Power Consumption Sensing.

36 Il progetto (Sviluppo: I KP) Flusso dei dati Switch

37 Il progetto (Sviluppo: I KP) Funzionamento KNX_Init Inserisce nella SIB tutta l'ontologia mostrata nelle slide precedenti In un futuro si potrebbe fare in modo di creare il grafo a partire da un file esportato da uno dei programmi per il setup di un impianto Konnex Funzionamento KNX_Monitor (dotato di GUI) Visualizza su GUI lo stato di lampade e sensori

38 Il progetto (Sviluppo: I KP) Funzionamento XNK_Temperature/Power_Adapter: Dalla SIB ricava gli indirizzi di gruppo di tutti i sensori ti temperatura/potenza presenti nell'impianto Quando arriva un telegramma con uno degli indirizzi da monitorare, aggiorna il dato dell'entità corrispondente nell'ontologia (update)

39 Il progetto (Sviluppo: I KP) Funzionamento KNX_Lamp_Adapter Dalla SIB ricava gli indirizzi di gruppo di tutte le lampade (o meglio dei gruppi contenenti lampade) Quando arriva un telegramma con uno degli indirizzi da monitorare, aggiorna lo stato dell'entità corrispondente nell'ontologia, da notare che possono essere anche più entità.

40 Il progetto (Sviluppo: I KP) Funzionamento KNX_Buttons (Dotato di GUI) Quando l'utente preme un bottone sull'interfaccia grafica, viene modificata l'entità Switch corrispondente nel grafo. Funzionamento KNX_Lamp_Actuator Sottoscritto alle entità Switch, quando si modificano inviano sul bus KNX un comando all'indirizzo di gruppo individuabile grazie al predicato affect

41 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)...ovvero il 90% dell'attività di un Ingegnere Informatico! I tempi di comunicazione tra SIB, KP e bus KNX sono molto lenti (nell'ordine di 1 secondo) Supponiamo di premere due volte velocemente lo stesso pulsante...

42 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

43 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

44 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

45 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

46 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging) Possibili soluzioni: Integrazione di meccanismi di Lock nella SIB (già presenti nella versione 0.9.5) Modifica di KNX_Switch_Actuator per l'aggiunta di meccanismi di filtraggio dei comandi...

47 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging) Modifiche: KNX_Switch_Actuator sarà sottoscritto anche al bus KNX Una tabella in memoria contiene tutti i possibili comandi e un campo valore che viene incrementato se proviene dal BUS e decrementato se proviene dalla SIB. Quando arriva un comando dalla SIB se il campo valore è 0 allora viene inoltrato, altrimenti non viene inoltrato

48 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

49 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

50 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

51 Il progetto (Sviluppo: I KP, Debugging)

52 Il progetto (Sviluppi Futuri) Integrazione di meccanismi di lock e sicurezza (permessi, gestione utenti...) nella SIB. Studio di una topologia di rete efficace per non avere problemi di port forwarding (vedi Fastweb) SIB su Server con IP Pubblico proprietario SIB su Server domestico (o dispositivo Embedded) Ulteriore sviluppo dell'ontologia per garantire espressività nel rappresentare le informazioni

53 Ending... Per eventuali dubbi o richieste di chiarimenti... Buono Studio!

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 02 Settembre 2008 06:30 - Ultimo aggiornamento Martedì 10 Maggio 2011 17:15

Scritto da Administrator Martedì 02 Settembre 2008 06:30 - Ultimo aggiornamento Martedì 10 Maggio 2011 17:15 Entrare in un pc è una espressione un po generica...può infatti significare più cose: - Disporre di risorse, quali files o stampanti, condivise, rese fruibili liberamente o tramite password con i ripettivi

Dettagli

Progetto Homegateway. Karim Abdelcadir Andrea Calafiore Luca Capacci Gustavo Huatuco Santos Edoardo Petrucci Gianluca Privitera

Progetto Homegateway. Karim Abdelcadir Andrea Calafiore Luca Capacci Gustavo Huatuco Santos Edoardo Petrucci Gianluca Privitera Progetto Homegateway Karim Abdelcadir Andrea Calafiore Luca Capacci Gustavo Huatuco Santos Edoardo Petrucci Gianluca Privitera 1 Requisiti L unico requisito è un computer con un sistema operativo Linux

Dettagli

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Manuale di Prodotto Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Sommario Sommario 1 Caratteristiche tecniche... 4 1.1 Modulo 2 ingressi binario 1 interruttore...

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Gestione allarmi Trends

Gestione allarmi Trends Il sistema di visualizzazione rappresenta una soluzione semplice e compatta per accedere alle principali funzionalità di controllo di un abitazione. Composto di uno schermo LCD touch screen retroilluminato

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona

Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione. Dr Damiano Macedonio Università di Verona Programmazione per Bioinformatica Il Calcolatore e la Programmazione Dr Damiano Macedonio Università di Verona Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti:

Dettagli

UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione

UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione UNISIM: sviluppo, validazione e prototipizzazione rapida di sistemi di automazione Gianmaria De Tommasi, Pierangelo Di Sanzo, Alfredo Pironti UNISIM è un tool grafico che permette di sviluppare progetti

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Descrizione dell Applicazione

Descrizione dell Applicazione IC00B01DMXFI01010004 Descrizione dell Applicazione Gateway KNX / DMX IC00B01DMX 1/12 DESCRIZIONE GENERALE Il Gateway KNX/DMX è un interfaccia tra il bus KNX ed il bus DMX512. Combina elementi building

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Manuale d uso TIF452V

Manuale d uso TIF452V Versione 1.0 05/06-01 PC Manuale d uso TIF452V Software per la configurazione del dispositivo di controllo My Home art. F452V TIF452V INDICE 2 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 3 2. Installazione Pag.

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro

Introduzione alle tecnologie informatiche. Strumenti mentali per il futuro Introduzione alle tecnologie informatiche Strumenti mentali per il futuro Panoramica Affronteremo i seguenti argomenti. I vari tipi di computer e il loro uso Il funzionamento dei computer Il futuro delle

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Mono per sistemi embedded

Mono per sistemi embedded MonoDay 2010 Mono per sistemi embedded Ing. Torello Querci Resp. Architetture SW - Negens S.r.l. querci@negens.com 29 Aprile 2010, Salerno Agenda Cosa si intende per sistemi embedded Come si programmano

Dettagli

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario:

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario: 765HPRWH&RQWUROOHU 0DQXDOHXWHQWH 1 6RPPDULR 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo del programma e filosofia di funzionamento... 3 1.2 Scarico di responsabilità... 3 1.3 Requisiti hardware... 3 1.4 Condizioni di

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Sistema Operativo di un Router (IOS Software)

Sistema Operativo di un Router (IOS Software) - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Sistema Operativo di un Router (IOS Software) Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè IOS Un router o uno

Dettagli

Il Software. Scopo della lezione

Il Software. Scopo della lezione Il Software 1 Scopo della lezione Descrivere il software di base e le sue funzionalità principali la gestione della memoria centrale per l esecuzione di piu` programmi simultaneamente il file system come

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309

Il tuo manuale d'uso. KASPERSKY ADMINISTRATION KIT http://it.yourpdfguides.com/dref/5068309 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KASPERSKY ADMINISTRATION KIT. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli

Le novità del software di configurazione ETS4 e gli esempi applicativi

Le novità del software di configurazione ETS4 e gli esempi applicativi Le novità del software di configurazione ETS4 e gli esempi applicativi Cosa è ETS? KNX: dal progetto al collaudo ETS è uno strumento unificato che consente di: Progettare l'impianto KNX, definendo l'ubicazione

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

Emotihome. Manuale d uso. Ver. 1.1.0.2. BAX S.r.l. 13/01/2011

Emotihome. Manuale d uso. Ver. 1.1.0.2. BAX S.r.l. 13/01/2011 2011 Emotihome Manuale d uso Ver. 1.1.0.2 BAX S.r.l. 13/01/2011 EmotiHome La schermata iniziale di EmotiHome che appare lanciando il collegamento sul desktop dopo l installazione, è la seguente. Funzioni

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

2.1 Configurare il Firewall di Windows

2.1 Configurare il Firewall di Windows .1 Configurare il Firewall di Windows LIBRERIA WEB Due o più computer possono scambiare dati, informazioni o servizi di tipo diverso utilizzando una connessione. Quindi, spesso, ad una connessione fisica

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Newsletter marzo 2015

Newsletter marzo 2015 Newsletter marzo 2015 Indice novità Thinknx: - Aggiornamento dei client IOS tramite servizio Cloud Visualizzazione e gestione di grafici tramite i client Thinknx Gateway Sonos Funzione feedback per gli

Dettagli

FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M

FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M A.A. 2014/2015 Gioco del "Mulino" Prof. Paola Mello, Ing. Federico Chesani 1 Il gioco del Mulino Stimolare la comprensione e la discussione sugli algoritmi di base

Dettagli

Descrizione dell'applicazione

Descrizione dell'applicazione Descrizione dell'applicazione Interfaccia KNX/App 36140-00.REG EDIZIO e il relativo logo sono marchi depositati di Feller AG Tutti i diritti riservati, anche quelli relativi alle traduzioni in lingue straniere.

Dettagli

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con

Net@VirtualCloud. Netcube Italia Srl. Il Cloud Computing. In collaborazione con Il Cloud Computing In collaborazione con Cos è Net@VirtualCloud L Offerta Net@VirtualCloud di Netcube Italia, basata su Server Farm certificate* e con sede in Italia, è capace di ospitare tutte le applicazioni

Dettagli

Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI. Manuale Tecnico

Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI. Manuale Tecnico Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI Manuale Tecnico 24809270/15-04-2014 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Applicazione... 3 3 Menù Impostazioni generali... 4 3.1 Parametri... 4 3.1.1 Nome apparecchio...

Dettagli

Videocitofonia Thinknx

Videocitofonia Thinknx Videocitofonia Thinknx 1 Indice Videocitofonia IP nei sistemi Thinknx...3 Configurazione senza centralino...4 Configurazione con centralino interno...6 Configurazione degli interni...8 Configurazione dei

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Capitolo 2 Risoluzione di problemi

Capitolo 2 Risoluzione di problemi Capitolo 2 Risoluzione di problemi Questo capitolo fornisce informazioni per risolvere eventuali problemi del modem router ADSL wireless. Dopo la descrizione di ogni problema, vengono fornite istruzioni

Dettagli

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Ing. Susanna Spinsante Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università Politecnica delle Marche Ancona, 21

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli

Guida di installazione Windows Vista /Windows 7

Guida di installazione Windows Vista /Windows 7 Serie stampanti laser Guida di installazione Windows Vista / 7 Prima di utilizzare la stampante, è necessario impostare l hardware e installare il driver. Per le istruzioni corrette sull installazione

Dettagli

Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari

Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari Laboratorio di Ingegneria del software Sistema di controllo di un ascensore Requisisti preliminari A.A. 2012 2013 1 Introduzione Questo documento raccoglie i requisiti preliminari per il software di controllo

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

IT MANUALE UTENTE. Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote 3.0 per dispositivi. Passion.Technology.Design.

IT MANUALE UTENTE. Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote 3.0 per dispositivi. Passion.Technology.Design. IT MANUALE UTENTE Manuale utente Applicazione ComelitViP Remote.0 per dispositivi Passion.Technology.Design. Indice Installazione... Autoconfigurazione gestore di appartamento... 4 Autoconfigurazione utente...

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI Informatica con esercitazioni Prof. Onofrio Greco Modulo 1 Concetti di base dell ICT Modulo 2 Uso del Computer e Gestione dei File Modulo

Dettagli

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB)

Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Telecomando Programmabile da PC Manuale d Uso (Modalità USB) Guida Rapida Primo Passo Preparare il telecomando programmabile installando 3 batterie tipo AAA. (Quando lo si connette al PC togliere le batterie)

Dettagli

OBC Open Building Control

OBC Open Building Control OBC Open Building Control OBC pensa al futuro La tecnologia che può facilitare il tuo stile di vita e rendere più confortevole il tuo modo di vivere gli spazi OBC è una software innovativo per la gestione

Dettagli

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU IL COMPUTER INTRODUZIONE - un po di storia Il computer è una macchina, uno strumento diventato ormai indispensabile nella vita di tutti i giorni per la maggior parte delle persone dei Paesi sviluppati.

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI:

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: PROCEDURA INTEGRATA GESTIONE CONDOMINIO RENT MANAGER SERVIZIO DI ASSISTENZA CLIENTI - INSTALLAZIONE DELLA PROCEDURA SU ALTRE STAZIONI DI LAVORO - SOSTITUZIONE DEL SERVER O

Dettagli

Emulazione di una Colonnina di Ricarica per Auto Elettrica tramite Arduino

Emulazione di una Colonnina di Ricarica per Auto Elettrica tramite Arduino Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Emulazione di una Colonnina di Ricarica per Auto Elettrica tramite Arduino Relatore: Chiar.mo Prof. Luciano Bononi

Dettagli

Il software (su un computer)

Il software (su un computer) Il software (su un computer) L insieme dei programmi che un elaboratore può eseguire Scopo della lezione Descrivere il software di base e le sue funzionalità principali ovvero: la gestione della memoria

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Manuale per l utente di Ethernet

Manuale per l utente di Ethernet Manuale per l utente di Ethernet Indice 1. Nome della scheda dell interfaccia & stampante disponibile... 2 2. Specifiche... 3 3. Modalità d installazione... 4 4. Configurazione della scheda dell interfaccia

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

Implementare iphone e ipad Gestione dei dispositivi mobili (MDM)

Implementare iphone e ipad Gestione dei dispositivi mobili (MDM) Implementare iphone e ipad Gestione dei dispositivi mobili (MDM) ios supporta la gestione MDM (Mobile Device Management) consentendo alle aziende di gestire implementazioni su larga scala di iphone e ipad

Dettagli

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Soluzioni dell esercitazione n. 2 a cura di Giacomo Costantini 19 marzo 2014

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server for Windows Workstation

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

HCS BRIDGE. Home Cinema Solution. TecnoRS srl. Sistema Domotico Distribuito

HCS BRIDGE. Home Cinema Solution. TecnoRS srl. Sistema Domotico Distribuito Il HCS Bridge è un controllo per la domotica, modulare e scalabile che fornisce la soluzione per l automazione sia di piccoli impianti che di installazioni complesse con un elevato numero di punti. HCS

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

CHE COS'È LA DOMOTICA

CHE COS'È LA DOMOTICA CHE COS'È LA DOMOTICA La domotica è quella disciplina che si occupa dello studio delle tecnologie volte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli edifici. Ma non solo. La domotica

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

1.0 Software GRIPONE PRO 2

1.0 Software GRIPONE PRO 2 1.0 Software GRIPONE PRO 2 La ECU GRIPONE PRO 2 viene gestita tramite il software fornito in dotazione. Il Software funziona su piattaforma Windows XP o Windows Vista e permette la gestione dei parametri

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

Guida rapida. Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com

Guida rapida. Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com Guida rapida Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com s Campi d impiego... 3 Collegamento dei moduli LOGO! - KNX... 10 Conclusioni... 21 Descrizione

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Ingegneria del Software Progettazione

Ingegneria del Software Progettazione Ingegneria del Software Progettazione Obiettivi. Approfondire la fase di progettazione dettagliata che precede la fase di realizzazione e codifica. Definire il concetto di qualità del software. Presentare

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

Parte VI SISTEMI OPERATIVI

Parte VI SISTEMI OPERATIVI Parte VI SISTEMI OPERATIVI Sistema Operativo Ogni computer ha un sistema operativo necessario per eseguire gli altri programmi Il sistema operativo, fra l altro, è responsabile di riconoscere i comandi

Dettagli

Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo. Il sistema domotico

Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo. Il sistema domotico Progetto Integrabile Studio di fattibilità e progetto esecutivo Il sistema domotico Bolzano, 28-10-2010 Team di progetto: Valerio Gower Massimiliano Malavasi Sergio Moscorelli 1 ICF (Classificazione Internazionale

Dettagli

MODULO TECNOALARM MANUALE UTENTE COD. KNX-TALM VERSIONE 2.0.6 PER LA GESTIONE INTEGRATA DI CENTRALI ANTIFURTO IN KONNEXION

MODULO TECNOALARM MANUALE UTENTE COD. KNX-TALM VERSIONE 2.0.6 PER LA GESTIONE INTEGRATA DI CENTRALI ANTIFURTO IN KONNEXION MODULO TECNOALARM PER LA GESTIONE INTEGRATA DI CENTRALI ANTIFURTO IN KONNEXION MANUALE UTENTE COD. KNX-TALM VERSIONE 2.0.6 1 INSTALLAZIONE 1.1 REQUISITI Il modulo abilita il controller di supervisione

Dettagli

Simonotti Graziano DATABASE

Simonotti Graziano DATABASE DATABASE 1 - Che cos'è un database? Il database è un archivio di dati, che può essere gestito con sistemi informatici oppure in modo manuale. 2 - Come si chiamano i programmi che gestiscono gli archivi?

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 2 LEZIONE STRUTTURE DEI SISTEMI OPERATIVI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Hackathon Developers User Guide

Hackathon Developers User Guide Hackathon Developers User Guide Indice 1. Descrizione del Framework IoT...2 1.1 Informazioni fornite dalla filiera Alimentare...3 1.2 Interfaccia Applicativa...6 1.2.1 Richiesta di Sottoscrizione dati...7

Dettagli