La piattaforma MiniBond di BPVi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La piattaforma MiniBond di BPVi"

Transcript

1 La piattaforma MiniBond di BPVi Una nuova opportunità di finanziamento per le PMI Italiane Ottobre 2014

2 2

3 MiniBond QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La riforma introdotta dal decreto legge n. 83/2012, convertito con emendamenti dalla legge n.134 del 7 Agosto 2012 e successivamente modificato dal decreto legge 23 Dicembre 2013 n. 145 convertito dalla legge n.9 del 21 febbraio 2014 ha favorito l accesso al mercato dei capitali per imprese non quotate di piccole e medie dimensioni. La riforma legislativa rappresenta un passo fondamentale verso una nuova forma di finanziamento per le PMI italiane e la creazione di uno strumento finanziario - il Minibond - di interesse per investitori internazionali professionali. Il decreto legge n.91 del 24 Giugno 2014 convertito in legge l 11 Agosto 2014 ha aumentato ulteriormente le agevolazioni fiscali applicabili ai Minibond. CARATTERISTICHE PRIME EMISSIONI Rispetto ai prestiti bancari tradizionali, i MiniBond ad oggi emessi presentano mediamente profili di rimborso tali da offrire alle PMI beneficiarie risorse di finanziamento maggiormente stabili, configurandosi come uno strumento ottimale per finanziare gli investimenti di lungo periodo. DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI Attraverso un emissione di MiniBond, le imprese di piccole e medie dimensioni possono per la prima volta affacciarsi al mercato internazionale dei capitali diversificando così le fonti di finanziamento. 3

4 Prestiti Bancari a Medio Termine vs Offerta MiniBond BPVi Prestiti Bancari a Medio Termine Duration medie tra 2-5 anni Di norma rimborso tramite piano di ammortamento Sovente assistiti da garanzia Cedola tipicamente a tasso variabile Non quotati No rating pubblico MiniBond BPVi Duration effettiva a medio-lungo tra 5-7 anni Rimborso unico a scadenza Tipicamente senza garanzie ma con una serie di Covenants Cedola tipicamente a tasso fisso Quotati sul segmento ExtraMot Pro Rating Investment Grade 4

5 Opportunità per le società emittenti Diversificazione delle fonti di finanziamento Natura della fonte di finanziamento Migliore fiscalità per l emittente Superamento dei limiti quantitativi all emissione Sistema di centralizzazione dei rischi di credito (Centrale dei Rischi) Reperimento di strumenti di finanziamento attraverso un canale alternativo a quello bancario, mediante accesso diretto agli investitori istituzionali Fonte di finanziamento altamente stabile (3 7 anni), per taluni aspetti assimilabile ad altre forme di finanziamento innovative (prestito partecipativo, mezzanino), che consente di allungare le scadenze dei debiti finanziari dell impresa Gli interessi passivi per i Mini Bond emessi da società non quotate sono deducibili da parte dell emittente, nel caso in cui i titoli obbligazionari siano negoziati in mercati regolamentati / sistemi multilaterali di negoziazione Il nuovo art consente alle società di superare i limiti quantitativi previsti, estendendo la deroga ai Mini Bond quotati in mercati regolamentati / sistemi multilaterali di negoziazione L ammontare emesso da un impresa in bonis non concorre alla definizione dell informativa verso le Banche della posizione debitoria dell impresa emittente. Da una prima analisi della normativa attuale, l eventuale investimento della Banca in titoli di specie non è oggetto di segnalazione in Centrale dei Rischi (1) * Si precisa tuttavia che nell eventualità in cui la controparte dovesse essere classificata a sofferenze, l intera esposizione verso la stessa (inclusi pertanto i titoli di debito e i titoli di capitale emessi dalla controparte e detenuti dalla Banca in portafoglio) è oggetto di segnalazione in CR. Non può escludersi che in futuro l Organo di Vigilanza intervenga con dei chiarimenti sul tema prevedendo l obbligo di segnalare in CR non solo i finanziamenti diretti verso una controparte ma anche gli eventuali investimenti in titoli di debito e/o di capitale nei confronti della stessa allorquando essi abbiano natura di sostituti del credito. 5

6 Dal MiniBond alla Quotazione in Borsa Implementazione del Piano Industriale Quotazione in Borsa Emissione di Minibond L azienda massimizza il valore di quotazione in quanto (i) è già nota Il piano industriale viene agli operatori istituzionali e (ii) ha implementato e l azienda migliorato performance grazie a matura esperienza nel dialogo piano industriale con gli investitori istituzionali Raccolta di risorse stabili per lo sviluppo 6

7 Focus mercato MiniBond quotati piattaforma ExtraMot Pro A febbraio 2013 nasce il Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) degli strumenti finanziari di debito delle società italiane per offrire alle aziende italiane un mercato nazionale in cui cogliere le opportunità derivanti dal nuovo quadro normativo Ad oggi risultano circa 85 società emittenti per un controvalore di oltre 4 mld di Euro di obbligazioni quotate Distribuzione delle Emissioni per Classe di Emissione Distribuzione del N. Emittenti per Classe di Emissione > 200 mln 51% 0-5 mln 2% 0-5 mln 37% 5-50 mln 14% > 200 mln 8% mln 28% mln 5% mln 8% mln 3% 5-50 mln 44% Fonte: Borsa Italiana, Bloomberg, Stampa 7

8 Focus su emissioni MiniBond 5-50 mln e posizionamento BPVi Nel segmento di emissioni 5-50 mln* ad oggi risultano quotati circa 33 emittenti per un controvalore prossimo a 550 mln di Euro, di cui 28 realizzate nel corso 2014 per un controvalore prossimo a 490 mln di Euro Il contributo BPVi: da Aprile ad Ottobre sono state finalizzate 8 emissioni per oltre 170 mln di Euro Totale Emittenti 2014 Target 5-50 mln Totale Emissioni 2014 Target 5-50 mln QUOTA MERCATO 71,4% QUOTA BPVi 28,6% QUOTA MERCATO 65,0% QUOTA BPVi 35,0% Nell analisi sono stati esclusi i titoli oggetto della cartolarizzazione Viveracqua Hydrobond 1 per complessivi 150 mln di Euro Fonte: Borsa Italiana, Bloomberg, Stampa 8

9

10 La piattaforma di origination di BPVi 5.00% di ogni emissione detenuta sino a scadenza Obbligo di quotazione sul segmento ExtraMot Pro di Borsa. Partner e finanziatore storico delle PMI Italiane Accountin g Cycle Focus sulle imprese in crescita con un piano industriale importante Collocamento sul mercato primario con garanzia Analisi e strutturazione dell operazione Solo emittenti Investment Grade 10

11 MiniBond BPVi criteri di massima in termini di eleggibilità Piano di sviluppo importante Rating Investment Grade Ebitda preferibilmente > 5mln Bilancio Certificato PFN/EBITDA < 5 Fonte: Cerved Group, BPVi 11

12 Imprese Trasparenti e Ambiziose Le PMI Italiane sono sempre più ambiziose ma per accreditarsi nei confronti della comunità finanziaria hanno bisogno di nuove risorse, di nuove relazioni e spesso di un radicale cambiamento dell organizzazione e dei processi interni. BPVi si focalizza sulle Società che intendono avviare un percorso di crescita non solo economica, aiutandole ad approcciare in maniera efficace i potenziali investitori istituzionali sia italiani che internazionali. In tal senso due condizioni risultano imprescindibili per l emissione di un MiniBond attraverso la piattaforma di BPVI: Dati di Bilancio Trasparenti Uso dei proventi il bilancio dell esercizio precedente deve essere approvato da una società di revisione di rilevanza internazionale no ristrutturazione del debito ma investimento in un piano di crescita: Acquisizione di una azienda concorrente Aumento della capacità produttiva Espansione del business all estero 12

13 Gli attori del processo di emissione Agenzia di Rating Consulenti Advisor Finanziario Advisor Legale Arranger Società di Revisione Mercato Primario Mercato Secondario Comunità Finanziaria Europea 13

14 Caratteristiche principali dell offerta Termsheet Indicativo Scadenza Cedola Nozionale Rimborso Status Taglio Minimo Quotazione Rating Esterno Preferibilmente a 5 Anni In funzione della durata e del rating Indicativamente 10 50mln di Euro In unica soluzione a scadenza Senior Unsecured 100,000 Euro ExtraMot Pro Investment Grade 14

15 Vincoli per le società emittenti Obblighi legati all emissione del Mini Bond Obbligo di quotazione del Mini Bond in un mercato regolamentato Obblighi successivi all ammissione alla negoziazione Costo della fonte di finanziamento Disclosure Dati e Covenants contrattuali Adempimenti previsti per il rilascio di un rating pubblico; verifica dello Statuto dell Emittente e relativa deliberazione di emissione; stesura del regolamento del prestito; contratto di sottoscrizione e conferimento incarico alla Banca agente; adempimenti documentali (certificati di solvenza, vigenza e fallimentare) Adempimenti legati alla richiesta di ammissione alla negoziazione sul segmento ExtraMOT PRO della Borsa Italiana Obbligo di revisione e pubblicazione annuale del bilancio per tutta la durata del Prestito Obbligo d comunicazione di ogni informazione sull Emittente che possa avere impatto sul prezzo del Mini Bond Pubblicazione di ogni modifica delle caratteristiche dell emissione e dell informativa tecnica Il costo all-in del Mini Bond (tasso di interesse + fee di emissione) può risultare superiore rispetto ad altre forme di finanziamento bancario di tipo tradizionale Necessità di fornire informazioni economico finanziarie e business plan alla società di rating e successivamente al mercato (rating pubblico) Presenza di covenants tra cui: a) change of owership, b) interest coverage, c) leverage ratio Fonte: BPVi 15

16 Sub IG Investment Grade Il rating di Cerved Group Cerved Group è un agenzia di rating italiana registrata da Consob ed ESMA ai sensi del Regolamento europeo CE 1060/2009 sulle agenzie di rating. Inoltre, Cerved Group è riconosciuta da Banca d Italia quale External Credit Assessment institution (ECAI) e da Banca Centrale Europea quale Rating Tool all interno del framework ECAF (Eurosystem Credit Assessment Framework). Per poter emettere un MiniBond attraverso la piattaforma di BPVi, il rating di Cerved Group, assegnato all emittente, deve essere pari o superiore a B1.2 (Investment Grade). Fonte: Cerved. Portafoglio MiniBond di BPVi Rating Esclusi Cerved Rating 3y Avg Cumulative S&P Moody's Default Rates Equivalent Equivalent (from 2005 to 2012) Rating Rating A1.1 0,00% AAA Aaa A1.2 0,00% AA+ / AA Aa1 / Aa2 A1.3 0,00% AA- Aa3 A2.1 0,00% A+ A1 A2.2 0,15% A A2 A3.1 0,25% A- A3 B1.1 0,73% BBB+ / BBB Baa1 / Baa2 B1.2 1,77% BBB- Baa3 B2.1 4,23% BB+ / BB Ba1 / Ba2 B2.2 8,06% BB- Ba3 C1.1 15,18% B+ / B B1 / B2 C1.2 28,16% B- B3 C2.1 43,23% CCC / C Caaa /Ca /C Fonte: Cerved Group 16

17 Il processo di collocamento Comunicato Stampa Avvio del collocamento Termine del collocamento Quotazione 5-10gg 14-21gg 5gg Annuncio del mandato di collocamento Attività di premarketing Annuncio su Bloomberg (NIM4) Invio dell info package alla comunità finanziaria Management Presentation Diretta Streaming Incontri 1-to-1 Allocazione agli investitori Comunicato del buon esito dell operazione Sottoscrizione dei titoli e incasso dei proventi Quotazione dei titoli su ExtraMot Pro 17

18 Presentazione agli investitori Durante il periodo ci collocamento BPVi dà la possibilità agli investitori di approfondire l analisi dell emittente attraverso conference call o incontri mirati con il management dell azienda. Da aprile ad oggi sono stati organizzati diversi eventi che hanno coinvolto una platea ampia e diversificata di investitori oltre che di soggetti istituzionali come Confindustria. Gli eventi organizzati sono trasmessi in streaming al pubblico di investitori professionali attraverso siti web specializzati (come Finanza OnLine). Si veda ad esempio la Management Presentation di SIPCAM S.p.A. disponibile al link Invito della management presentation di Trevi Partecipanti alla management presentation di Trevi, Sipcam e TBS Fonte: BPVi, Finanza On Line (* Picco massimo di visualizzazioni uniche) 18

19 Il sindacato di collocamento BPVi riceve mandato dall emittente per il collocamento dei titoli ed ha il ruolo di Lead Manager Marzotto Sim riceve il mandato da BPVi ad agire come Co-Lead e trasmetterà gli ordini raccolti a BPVi KNG Securities riceve il mandato dall emittente ad agire come Lead Manager nel resto dell Europa e trasmetterà gli ordini raccolti a BPVi. LEAD MANAGER (RESTO D EUROPA) ITALIA EUROPA KNG Securities Investitore CO-LEAD Marzotto Sim Investitore Emittente LEAD MANAGER (ITALIA) BPVi Investitore 19

20 La platea di investitori delle emissioni BPVi Circa 40 investitori complessivamente in 8 emissioni per complessivi 170 mln (incluso BPVi) Assicurazioni 5,15% Fondazioni Bancarie 2,22% Credit Funds 11,50% Asset Managers 22,45% Istituti di Credito 58,70% Fonte: BPVi 20

21

22 Track Record 1/2 TESMEC EUR 15mln 2021 Ammontare Emesso: EUR 15mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 7 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: A2.2 (Cerved) Fatturato: EUR 113.,5 mln EBITDA %: 17.15% PFN/EBITDA: 3,53x E.S.TR.A. EUR 50mln 2019 Ammontare Emesso: EUR 50mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: B1.1 (Cerved) Fatturato: EUR 711mln EBITDA %: 6,79% PFN/EBITDA: 3,18x RIGONI DI ASIAGO EUR 7mln 2019 Ammontare Emesso: EUR Min 7mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: A3.1 (Cerved) Fatturato: EUR 71mln EBITDA %: 10.61% PFN/EBITDA: 4,54x COSWELL EUR 15mln 2019 Ammontare Emesso: EUR 15mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: B1.1 (Cerved) Fatturato: EUR 89,7mln EBITDA %: 13,53% PFN/EBITDA: 3,75x Fonte: Dati di Bilancio 2013, si faccia riferimento all info package per una rappresentazione puntuale dei dati di bilancio. 22

23 Track Record 2/2 TREVI EUR 50mln 2019 Ammontare: EUR 50mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: A2.1 (Cerved) Fatturato: EUR 1244mln EBITDA %: 11,56% PFN/EBITDA: 3,1x GSI EUR 5,4mln 2019 Ammontare Emesso: EUR 5,4mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: B1.1 (Cerved) Fatturato: EUR 64,5mln EBITDA %: 6,1% PFN/EBITDA: 3,86x SIPCAM EUR 15 mln 2019 Ammontare Emesso: EUR 15 mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: B1.1 (Cerved) Fatturato: EUR 254,4mln EBITDA %: 9,27% PFN/EBITDA: 3,4x TBS EUR 15 mln 2019 Ammontare Emesso: EUR 15 mln Cedola: tasso fisso Scadenza: 5 anni Quotazione: ExtraMOT Pro Rating: B1.1 (Cerved) Fatturato: EUR 218,5mln EBITDA %: 9,20% PFN/EBITDA: 3,0x Fonte: Dati di Bilancio 2013, si faccia riferimento all info package per una rappresentazione puntuale dei dati di bilancio. 23

24

25 Contatti Per informazioni si prega di contattare: Via Battaglione Framarin 18 Vicenza Italy 25

26 Disclaimer Il presente documento non costituisce un invito o un offerta di sottoscrizione o di acquisto, nè una sollecitazione di un offerta di acquisto o di sottoscrizione di titoli e nulla di quanto contenuto nel presente documento potrà essere utilizzato come base di alcun contratto o impegno. Il presente documento viene diffuso edè diretto esclusivamente a (i) soggetti che abbiano esperienza professionale in materia di investimenti (ii) soggetti ai quali è legittimo inviare tale documento; e (iii) soggetti ai quali potrebbe essere richiesta per legge o in base alla normativa regolamentare applicabile la divulgazione ditale documento (tutti i soggetti sopra elencati di seguito definiti come Soggetti Rilevanti ). Il presente documento è rivolto esclusivamente a Soggetti Rilevanti. Coloro che non rientrano tra i Soggetti Rilevanti non dovranno fare alcun affidamento ovvero prendere alcuna decisione sulla base del presente documento né dei suoi contenuti. Il presente documento è strettamente confidenziale ed è stato predisposto esclusivamente a scopo informativo. E vietato pubblicare, riprodurre, ridistribuire, divulgare o trasmettere il presente documento (anche solo in parte) per qualsiasi scopo. In particolare, il presente documento non potrà essere diffuso o trasmesso negli Stati Uniti, in Canada o in Giappone o distribuito, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti, in Canada, in Giappone o ad una "U.S. person". Il presente documento non costituisce un offerta di vendita nè una sollecitazione all acquisto o alla sottoscrizione dei titoli negli Stati Uniti. I titoli non possono essere venduti negli Stati Uniti in assenza di registrazione dei medesimi, tranne nell ipotesi in cui si sia presenza di una causa di esenzione dalla registrazione ai sensi dello U.S. Securities Act del 1933, come successivamente modificato (il Securities Act ). La distribuzione del presente documento o delle informazioni in esso contenute può essere vietata dalla legge in altre giurisdizioni. I soggetti che dovessero entrare in possesso informazioni del presente documento, sono tenute ad informarsi al riguardo e ad osservare le restrizioni eventualmente previste ed applicabili. Gli investitori e i potenziali investitori in titoli degli emittenti qui menzionati sono tenuti ad effettuare una verifica e una valutazione indipendente in merito alla situazione economica, patrimoniale e finanziaria della relativa società emittente e sulla natura dei titoli. Nessun affidamento può essere fatto per qualsivoglia fine sulle informazioni contenute nel presente documento né in relazione ad ogni informazione di carattere rilevante contenuta all interno del medesimo, né in relazione alla sua completezza, accuratezza o correttezza. Nonostante sia stata posta la massima attenzione e cura nella predisposizione del presente documento per far si che le informazioni contenute siano accurate precise e veritiere e che le opinioni espresse siano ragionevoli, il contenuto di questo documento non è stato verificato da Banca Popolare di Vicenza, dai suoi azionisti, dai suoi consulenti ed advisor. Di conseguenza nessuna dichiarazione o garanzia, espressa o implicita, è stata rilasciata per conto di Banca Popolare di Vicenza, dei suoi azionisti, advisor e consulenti ovvero dai loro membri, amministratori, funzionari o dipendenti o qualsiasi altra persona, riguardo l accuratezza, completezza o correttezza delle informazioni o opinioni contenute nel presente documento o in relazione ad ogni informazione rilevante contenuta nel contesto del presente documento. La società, i suoi azionisti, gli advisor ed i consulenti ovvero i loro membri, gli amministratori, i funzionari o i dipendenti non si fanno carico di alcuna responsabilità per le perdite derivanti dall utilizzo del presente documento o dei suoi contenuti o in ogni modo da esso derivanti. Alcune dichiarazioni contenute in questa presentazione potrebbero costituire dichiarazioni relative ad aspettative future o altre previsioni che si basano su fonti esterne e implicano rischi e incertezze conosciuti e non conosciuti. Le previsioni contenute nel presente documento riguardanti andamenti (tendenze) o attività passati non devono essere considerate come dichiarazioni che tali andamenti e attività continueranno in futuro. Non vi è alcun obbligo di aggiornare o rivedere le previsioni alla luce di nuove informazioni, eventi futuri o altro. Si consiglia di non fare eccessivo affidamento sulle previsioni, che valgono esclusivamente alla data del presente documento. Qualsiasi decisione di acquistare titoli nel contesto di una eventuale offerta dei medesimi, dovrà essere presa esclusivamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto informativo pubblicato in relazione a tale offerta. Sebbene Banca Popolare di Vicenza abbia ottenuto le informazioni fornite da fonti esterne che potrebbero essere considerate attendibili, Banca Popolare di Vicenza non può garantire l'accuratezza o la completezza delle stesse. Le informazioni fornite sono di carattere meramente indicativo e possono essere modificate senza preavviso in qualsiasi momento. Con la partecipazione a questa presentazione o con l accettazione di copia delle slides presentate, si dichiara di essere stati informato e di essere vincolati da quanto finora detto. 26

27 27

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso

Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Dai rating pubblici ai minibond Mauro Alfonso Cerved Rating Agency Mini-bond, mercato dei capitali e le PMI italiane Il ruolo del rating pubblico Esistono le condizioni legislative e di mercato per un

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE ANDREA CROVETTO C.E.O. Epic

Dettagli

CAMFIN. Comunicato stampa

CAMFIN. Comunicato stampa IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, IN AUSTRALIA, CANADA, GIAPPONE, O A SOGGETTI RESIDENTI IN TALI

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Lucca, 24 aprile 2014 Agenda 1 Opportunità di finanziarsi in minibond attraverso Epic 2 Come funziona? Una dimostrazione

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

IL RATING COME PASSAPORTO

IL RATING COME PASSAPORTO I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL RATING COME PASSAPORTO PER IL MERCATO DEI CAPITALI Dr. Mauro Alfonso Amministratore Delegato

Dettagli

I SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO

I SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE 2 Indice Background Il Decreto Sviluppo 2012 ha introdotto una serie di provvedimenti studiati su misura per le PMI non quotate: Cambiali Finanziarie : strumento di funding a breve termine; MiniBond (obbligazioni)

Dettagli

"OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023"

OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023 "OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PADANA ORIENTALE SAN MARCO-ROVIGO Soc.Coop. Sede legale e Direzione Generale: Via Casalini,10 Rovigo Iscritta all Albo delle Banche al n 5359.5 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio.

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio. NOT FOR PUBLICATION OR DISTRIBUTION IN OR INTO THE US, CANADA, JAPAN OR ANY OTHER JURISDICTION IN WHICH SUCH PUBLICATION OR DISTRIBUTION WOULD BE PROHIBITED BY APPLICABLE LAW. IL PRESENTE COMUNICATO NON

Dettagli

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND

PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEI MINIBOND E DEI FONDI IN MINIBOND 17 marzo 2016 Domande.. Cosa si intende per minibond? Sono obbligazioni corporate o strumenti di debito a medio-lungo termine; consentono alle

Dettagli

"BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI"

BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI "BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

AVVISO AI DETENTORI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO (FCI) "SÉLECTION OBLI JUILLET 2014"

AVVISO AI DETENTORI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO (FCI) SÉLECTION OBLI JUILLET 2014 Parigi, 15 ottobre 2014 AVVISO AI DETENTORI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO (FCI) "SÉLECTION OBLI JUILLET 2014" Codici ISIN 1 : Quota R(C): FR0010762526 Quota R(D): FR0010762534 Oggetto: Modifica

Dettagli

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello (MiniBondItaly.it) Agenda 1 Un nuovo modello di finanziamento

Dettagli

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto

Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese. Andrea Crovetto Un nuovo modello per ridurre la distanza tra il capitale privato e le imprese Andrea Crovetto Confindustria, 4 marzo, 2014 Allineare le prospettive temporali verso orizzonti più lontani Capitale privato

Dettagli

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1)

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Il mercato EXTRAMOT-PRO Il ruolo del professionista DOTT. PIERLUIGI RIELLO SOMMARIO LE DIMENSIONI

Dettagli

Finanza per la Crescita

Finanza per la Crescita #perfarsiunidea Finanza per la Crescita Un piano per aumentare il credito e far crescere le imprese Misure organiche, non estemporanee, in una visione di lungo periodo Agevolare l accesso delle imprese

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Variabile e Obbligazioni a Tasso Variabile Callable. Banca

Dettagli

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese Riflessi ed opportunità per il dottore commercialista MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE. relativo al Programma di Emissione di

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE. relativo al Programma di Emissione di CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio.

Dichiaro di aver preso nota del presente messaggio. NOT FOR PUBLICATION OR DISTRIBUTION IN OR INTO THE US, CANADA, JAPAN OR ANY OTHER JURISDICTION IN WHICH SUCH PUBLICATION OR DISTRIBUTION WOULD BE PROHIBITED BY APPLICABLE LAW. IL PRESENTE COMUNICATO NON

Dettagli

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon

1 SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2014/2015 RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE E DI OFFERTA DI. Obbligazioni Zero Coupon INTESA SANPAOLO S.P.A. Società iscritta all Albo delle Banche al n. 5361 Capogruppo del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede legale in Torino, Piazza San Carlo 156

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino

Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in piazza Arti e Mestieri, San Casciano Val di Pesa Firenze iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE (AI SENSI DELL ART. 94 COMMA 7 DEL DECRETO LEGISLATIVO 58/98)

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE (AI SENSI DELL ART. 94 COMMA 7 DEL DECRETO LEGISLATIVO 58/98) Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8 Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO STEP UP/STEP DOWN BANCA DELLA

Dettagli

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Florian Schwienbacher Euregio Minibond managed by PensPlan Invest SGR arranged and advised by PRADER BANK Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana Credito Cooperativo Tasso Fisso MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca Centropadana Credito Cooperativo in qualità di Emittente e di Responsabile del collocamento CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca Centropadana

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI IMPORTANTE: Il presente documento richiede attenzione immediata. In caso di dubbi sul contenuto del presente documento, richiedere la consulenza di un professionista indipendente. Tutti i termini utilizzati

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI

IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI IL CAPITALE DI SVILUPPO E IL MERCATO DEL CAPITALE DI RISCHIO NUOVO CAPITALE E NUOVO APPROCCIO PER LO SVILUPPO DELLE PMI 10 settembre 2014 RAPPORTO TRA IMPRESE ITALIANE E SISTEMA BANCARIO I prestiti bancari

Dettagli

Il mercato scende. Il mercato sale. Twin Win su DJ EURO STOXX 50. A Passion to Perform.

Il mercato scende. Il mercato sale. Twin Win su DJ EURO STOXX 50. A Passion to Perform. Il mercato sale Il mercato scende Twin Win su DJ EURO STOXX 50 A Passion to Perform. Doppia direzione Nessun azione o indice ha un movimento perenne verso l alto o verso il basso. Per questo, X-markets

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant Albano Stura Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD"

SCHEDA PRODOTTO BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD SCHEDA PRODOTTO "BNPP ATHENA SU TASSO DI CAMBIO EURUSD" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa

Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa ALLEGATO 2C MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI STEP-UP / STEP-UP AMORTIZING Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015 CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere distribuito

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

VIVERACQUA HYDROBOND

VIVERACQUA HYDROBOND VIVERACQUA HYDROBOND Premessa 2 La seguente presentazione illustra l'operazione di finanziamento Viveracqua Hydrobond (l "Operazione") realizzata per società operanti nel settore idrico integrato ("SII")

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Aletti & C. Banca di Investimento Mobiliare S.p.A., in forma breve Banca Aletti & C. S.p.A. - Sede legale in via Roncaglia, 12 Milano Capitale Sociale interamente versato pari ad Euro 121.163.538,96 Registro

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari

PROSPETTO BASE. CONDIZIONI DEFINITIVE per il programma di emissione prestiti obbligazionari CASSA RURALE DI TRENTO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa con sede legale in Trento, via Belenzani 6. Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 2987.6; al Registro

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO

IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA DI EMISSIONE DENOMINATO CASSA PADANA TASSO FISSO B.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente IL PRESENTE MODELLO RIPORTA LE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLA NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli