B. Pensione anticipata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "B. Pensione anticipata"

Transcript

1 286 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Il lavoratore può scegliere tra due possibilità: aumentare l importo della pensione, che viene calcolata sulla base del coefficiente di trasformazione relativo all età anagrafica all atto del pensionamento aumentato di un anno per ogni sei anni di occupazione nelle attività usuranti, oppure andare prima in pensione, utilizzando il periodo (un anno ogni sei di lavoro usurante) per anticipare l età pensionabile fino ad un anno rispetto al requisito anagrafico di accesso alla pensione di vecchiaia Lavoratrici madri (art. 1, c. 40 lett. c), L. 335/95) Un agevolazione è riconosciuta anche alle lavoratrici madri, a prescindere dall assenza o meno dal lavoro al momento del verificarsi dell evento maternità. In questo caso la lavoratrice, alternativamente, può: optare per un anticipo di età, rispetto al requisito di accesso alla pensione di vecchiaia, di quattro mesi per ogni figlio fino ad un massimo di dodici mesi (e quindi dopo il terzo figlio non è previsto alcun beneficio); ottenere una pensione più alta con la maggiorazione del coefficiente moltiplicatore corrispondente all età di accesso alla pensione di un anno, in caso di uno o due figli, o di due anni, in caso di tre o più figli. Nel primo caso l aumento oscilla intorno al 3,5%, nel secondo caso raddoppia. Altri accrediti figurativi (art. 1, c. 40 lett. a) e b), L. 335/95) Il quadro degli accrediti figurativi per i trattamenti pensionistici (v. n. 1702) si è arricchito di nuove tipologie (v. n e s.). Sono infatti riconosciute le assenze dal lavoro per: periodi di educazione e assistenza dei figli fino al sesto anno di età, in ragione di 170 giorni per ciascun figlio; assistenza a figli dal sesto anno di età, al coniuge e al genitore purché conviventi, nell ambito della legge quadro per i portatori di handicap (L. 104/92), per la durata di 25 giorni complessivi l anno, nel limite massimo globale di ventiquattro mesi B. Pensione anticipata Dal 1º gennaio 2012 la pensione di anzianità, che permetteva di anticipare l età anagrafica del pensionamento a condizione che fossero maturati specifici requisiti contributivi, è stata sostituita dalla pensione c.d. anticipata. I requisiti necessari ad ottenere la pensione anticipata sono parzialmente diversi, a seconda del momento nel quale i soggetti interessati abbiano cominciato a versare i contributi IVS (prima o dopo il 1º gennaio 1996). Anche in tal caso la data del primo accredito contributivo è utile anche per stabilire le modalità di calcolo della pensione (sistema contributivo puro o misto, pro rata), come esamineremo nel dettaglio al n e s. Nei paragrafi seguenti, dopo aver esaminato la pensione anticipata, analizzeremo la disciplina della pensione di anzianità in vigore fino al 31 dicembre a. Soggetti già in possesso di anzianità contributiva alla fine del 1995 Requisiti (art. 24, c. 10, DL 201/2011 conv. in L. 214/2011) I lavoratori dipendenti già in possesso al 31 dicembre 1995 di anzianità contributiva possono accedere alla pensione in data anticipata rispetto alle età previste per la pensione di vecchiaia, indipendentemente dall età anagrafica, in presenza dei requisiti di anzianità contributiva indicati nella seguente tabella: Maturazione requisiti Donne Uomini Dal 1º gennaio anni e 1 mese 42 anni e 1 mese

2 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre LAV. DIP.: PENSIONI 287 Per l accesso alla pensione di anzianità è richiesta, in ogni caso, la cessazione del rapporto di lavoro dipendente, con la sola eccezione dei lavoratori che continuano l attività con contratto part-time (v. n. 2525). Non è invece richiesta la cessazione dell attività svolta in qualità di lavoratore autonomo. Precisazioni 1) Dal 1º gennaio 2013 i requisiti di anzianità contributiva devono essere adeguati all incremento della speranza di vita accertato dall ISTAT (art. 12, c. 12-bis e 12-ter, DL 78/2010 conv. in L. 122/2010; art. 18, c. 4, DL 98/2011 conv. in L. 111/2011; art. 24, c. 13, DL 201/2011 conv. in L. 214/2011). Il primo adeguamento è già stato fissato in misura pari a 3 mesi (DM 6 dicembre 2011). 2) Per gli assicurati che al 31 dicembre 1992 non possano far valere almeno un contributo, la contribuzione figurativa utile per il diritto alla pensione di anzianità non può eccedere complessivamente i 5 anni (art. 15 D.Lgs. 503/92). Nella seguente tabella riportiamo i requisiti contributivi di accesso alla pensione tenendo conto degli incrementi sulla base delle cosiddette speranze di vita. Gli incrementi successivi al 2014 rappresentano delle stime eseguite sulla base dello scenario demografico ISTAT Anno maturazione requisiti Donne Uomini anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi anni e 6 mesi 42 anni e 6 mesi anni e 10 mesi 42 anni e 10 mesi anni e 2 mesi 43 anni e 2 mesi Riduzioni Sulla quota di trattamento relativa alle anzianità contributive maturate prima del 1º gennaio 2012, èapplicata una riduzione percentuale pari all 1% per ogni anno di anticipo nell accesso al pensionamento rispetto all età di 62 anni; tale percentuale è elevata al 2% per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni. In altri termini, la riduzione è pari: all 1% per ciascuno degli ultimi 2 anni mancanti al compimento di 62 anni (esempio, soggetto che accede al trattamento anticipato all età di 60 anni subirà una riduzione del 2%, 1% + 1%); al 2% per ciascuno degli anni mancanti al compimento dei 60 anni (esempio soggetto che accede al trattamento anticipato all età di 58 anni subirà una riduzione del 6%, 1% + 1% +2% +2%). Nel caso in cui l età al pensionamento non sia intera, la riduzione percentuale è proporzionale al numero di mesi. La predetta riduzione si applica sulla quota di trattamento pensionistico calcolata secondo il sistema retributivo. Pertanto, per coloro che hanno un anzianità contributiva: pari a 18 anni al 31 dicembre 1995, la riduzione si applica sulla quota di pensione relativa alle anzianità contributive maturate al 31 dicembre 2011; inferiore a 18 anni al 31 dicembre 1995, la cui pensione è liquidata nel sistema misto, la riduzione si applica sulla quota di pensione relativa alle anzianità contributive maturate al 31 dicembre La riduzione percentuale del trattamento pensionistico, non trova applicazione, limitatamente ai soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017, qualora la predetta anzianità contributiva ivi prevista derivi esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e di cassa integrazione guadagni ordinaria (art. 6, c. 2-quater, DL 216/2911 conv. in L. 14/2012) b. Soggetti in possesso di anzianità contributiva dal 1º gennaio 1996 Per i lavoratori privi di anzianità contributiva iscritti con decorrenza dal 1º gennaio 1996 o successiva, l accesso alla pensione anticipata in età inferiore a quella stabilita per la pensione di vecchiaia, oltre che con i requisiti previsti per la generalità dei lavoratori dipendenti (v. 2314

3 288 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre n e s.; dal computo non sono considerati i contributi volontari e quelli accreditati prima del compimento del 18º anno di età vanno moltiplicati per 1,5), è altresì consentito: al compimento dei 63 anni di età (uomini e donne); in presenza di un minimo di contribuzione effettiva di 20 anni (non sono considerati utili i contributi figurativi); a condizione che l ammontare mensile della pensione sia almeno pari a 2,8 volte l assegno sociale. È richiesta, in ogni caso, la cessazione dell attività di lavoro dipendente. Precisazioni 1) Dal 1º gennaio 2008 al 31 dicembre 2011 i lavoratori privi di anzianità contributiva iscritti con decorrenza gennaio 1996 o successiva, l accesso alla pensione anticipata in età inferiore a quella stabilita per la pensione di vecchiaia è stato possibile in presenza dei medesimi requisiti previsti per i lavoratori assicurati alla data del 31 dicembre 1995 (v. n. 2310). 2) Nei confronti dei lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre dal 1º gennaio 1996 non opera la riduzione del trattamento pensionistico nel caso di accesso alla pensione ad un età anagrafica inferiore a 62 anni (v. n. 2312) c. Lavoratori privi della vista Una speciale deroga è prevista per i soggetti privi della vista (L. 113/85; L. 120/91), che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore a un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione. Questi lavoratori hanno diritto ad una maggiorazione dell anzianità contributiva, utile ai fini del diritto e della misura della pensione, di quattro mesi per ogni anno di attività lavorativa prestata in qualità di privo della vista; per i periodi di attività inferiori all anno, il beneficio spetta proporzionalmente, aumentando di un terzo il numero delle settimane di lavoro svolto. Tali lavoratori possono conseguire la pensione di anzianità al perfezionamento dei 35 anni di assicurazione e di contribuzione in base alla previgente normativa, indipendentemente dall età anagrafica d. Decorrenza art. 24, c. 15-bis, DL 201/2011 conv. in L. 214/2011 La pensione anticipata decorre dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda, sempreché siano stati conseguiti i requisiti richiesti (anzianità contributiva e cessazione del rapporto di lavoro subordinato) e. Lavori usuranti art. 1, c. 3, L. 247/2007; art. 1, c. 1, L. 183/2010; D.Lgs. 67/2011; art. 24, c bis, DL 201/2011 conv. in L. 214/2011; Circ. Min. Lav. 10 agosto 2011 n. 22; Mess. INPS 10 giugno 2011 n ; Mess. INPS 25 agosto 2011 n Ferma restando la possibilità di conseguire la pensione anticipata secondo le regole ordinarie, i lavoratori addetti a mansioni particolarmente faticose e pesanti (c.d. attività usuranti) possono conseguire, a richiesta, il diritto al trattamento pensionistico anticipato. Campo di applicazione Sono considerati lavoratori addetti a mansioni usuranti i soggetti indicati nella seguente tabella: Lavoratori Impegnati in mansioni particolarmente usuranti (art. 2 DM 19 maggio 1999) Attività Sono considerate mansioni particolarmente usuranti (*): lavori in galleria, cava o miniera: mansioni svolte in sotterraneo con carattere di prevalenza e continuità; lavori nelle cave: mansioni svolte dagli addetti alle cave di materiale di pietra e ornamentale; lavori nelle gallerie: mansioni svolte dagli addetti al fronte di avanzamento con carattere di prevalenza e continuità; lavori in cassoni ad aria compressa; lavori svolti dai palombari;

4 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre LAV. DIP.: PENSIONI 289 Lavoratori Notturni con una permanenza minima nel periodo notturno (art. 1, c. 2 lett. d) e g), D.Lgs. 66/2003) Addetti alla c.d. «linea catena» Conducenti di veicoli Attività lavori ad alte temperature: mansioni che espongono ad alte temperature, quando non sia possibile adottare misure di prevenzione, quali, a titolo esemplificativo, quelle degli addetti alle fonderie di 2ª fusione, non comandata a distanza, dei refrattaristi, degli addetti ad operazioni di colata manuale; lavorazione del vetro cavo: mansioni dei soffiatori nell industria del vetro cavo eseguito a mano e a soffio; lavori espletati in spazi ristretti, con carattere di prevalenza e continuità ed in particolare delle attività di costruzione, riparazione e manutenzione navale, le mansioni svolte continuativamente all interno di spazi ristretti, quali intercapedini, pozzetti, doppi fondi, di bordo o di grandi blocchi strutture; lavori di asportazione dell amianto: mansioni svolte con carattere di prevalenza e continuità Ai soli fini dell accesso ai benefici pensionistici, sono considerati lavoratori notturni: 1) i lavoratori a turni che prestano la loro attività nel periodo notturno per almeno 6 ore, comprendenti l intervallo tra la mezzanotte e le 5 del mattino, per un numero minimo di giorni lavorativi all anno non inferiore: a 78, nel caso di maturazione dei requisiti per l accesso anticipato nel periodo compreso tra il 1º luglio 2008 e il 30 giugno 2009; a 64, nel caso di maturazione dei requisiti per l accesso anticipato dal 1º luglio 2009; 2) i lavoratori, diversi da quelli di cui al punto 1), che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell intervallo tra la mezzanotte e le 5 del mattino per periodi di lavoro di durata pari all intero anno lavorativo Lavoratori alle dipendenze di imprese per le quali trovano applicazione particolari voci di tariffa INAIL (All. 1 D.Lgs. 67/2011) e criteri per l organizzazione del lavoro (art c.c.) impegnati all interno di un processo produttivo in serie, contraddistinto da un ritmo determinato da misurazione di tempi di produzione con mansioni organizzate in sequenze di postazioni, che svolgano attività caratterizzate dalla ripetizione costante dello stesso ciclo lavorativo su parti staccate di un prodotto finale, che si spostano a flusso continuo o a scatti con cadenze brevi determinate dall organizzazione del lavoro o dalla tecnologia, con esclusione degli addetti a lavorazioni collaterali a linee di produzione, alla manutenzione, al rifornimento materiali, ad attività di regolazione o controllo computerizzato delle linee di produzione e al controllo di qualità Conducenti di veicoli, di capienza complessiva non inferiore a 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo 2321 (segue) (*) Rientrano nella categoria i lavori di segheria del marmo purché svolti nell ambito del ciclo produttivo all interno delle cave (Circ. Min. Lav. 14 settembre 2011 n. 25). Il trattamento pensionistico anticipato è concesso a condizione che i lavoratori abbiano svolto una o più delle attività usuranti riportate in tabella per un periodo di tempo pari ad almeno (Mess. INPS 30 novembre 2011 n ): 7 anni, compreso l anno di maturazione dei requisiti, negli ultimi 10 di attività lavorativa, per le pensioni aventi decorrenza entro il 31 dicembre 2017; la metà della vita lavorativa complessiva, per le pensioni aventi decorrenza dal 1º gennaio Precisazioni 1) Gli ultimi 10 anni di attività lavorativa devono essere conteggiati come anni solari (ad esempio, 26 marzo marzo 2012), e calcolati a ritroso a partire da: la data di cessazione del rapporto, per i lavoratori che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2011 ma hanno già cessato la loro attività prima di detta data; il 31 dicembre 2011, per i lavoratori ancora in attività, che maturino i requisiti entro tale data.

5 290 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Non devono inoltre essere computati i periodi di mancato svolgimento dell attività lavorativa (ad es. per inoccupazione, mobilità). 2) Per il calcolo del periodo di 7 anni di svolgimento dell attività usurante (compreso l anno di maturazione dei requisiti), si deve tener conto dei periodi di attività effettiva, con esclusione dei periodi totalmente coperti da contribuzione figurativa Trattamento Dal 1º gennaio 2012, i lavoratori interessati possono accedere al trattamento pensionistico attraverso il c.d. sistema delle quote, con un età anagrafica minima di 60 anni ed una somma di età anagrafica ed anzianità contributiva pari a 96. Dal 1º gennaio 2013 i valori diventano rispettivamente 61 anni e 97 (All. 1 Tab. B, L. 247/2007). Per i soggetti che maturano i requisiti per il diritto a pensione anticipata nel 2011, l anticipo rispetto a quanto previsto per i lavoratori in via ordinaria è di 3 anni in riferimento all età anagrafica e di 2 unità in relazione alla somma di metà anagrafica e anzianità contributiva. I requisiti richiesti sono riepilogati nella tabella che segue. Anno Somma di età anagrafica e anzianità contributiva Età anagrafica minima per la maturazione del requisito Dal Per i lavoratori notturni che prestano la loro attività a turni per un numero minimo di giorni lavorativi all anno inferiore a 78 e che maturato i requisiti pensionistici dal 1º gennaio 2012, il beneficio si consegue con i requisiti indicati in tabella: Periodi Numero di notti in ogni anno Età anagrafica Somma di età anagrafica e anzianità contributiva Dal 1º gennaio 2012 Da 64 a Da 72 a Dal 1º gennaio 2013 Da 64 a Da 72 a La pensione anticipata riservata ai lavoratori addetti ad attività usuranti decorre dal tredicesimo mese successivo a quello di maturazione dei requisiti (c.d. finestra «mobile»). Precisazioni 1) Ai fini dell accesso al beneficio, il lavoratore deve trasmettere la relativa domanda (con la documentazione richiesta) all Istituto previdenziale al quale è iscritto entro il 1º marzo dell anno di maturazione dei requisiti agevolati. Qualora dalla documentazione non risulti inequivocabilmente lo svolgimento dell attività usurante, la struttura competente comunica all interessato la necessità di integrare la documentazione, ai fini della procedibilità della domanda stessa. Vengono rigettate le domande proposte dai lavoratori (Mess. INPS 30 novembre 2011 n ): che non risultino appartenere ad una delle tipologie elencate nella legge (D.Lgs. 67/2011); privi dei necessari requisiti anagrafici e contributivi; che abbiano svolto lavoro faticoso e pesante in qualità di lavoratori autonomi; in possesso della massima anzianità contributiva. 2) Il datore di lavoro deve comunicare alla DPL competente per territorio e all Istituto previdenziale (Circ. Min. Lav. 20 giugno 2011 n. 15): nel caso in cui occupi lavoratori notturni, l esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici; la comunicazione deve essere effettuata, esclusivamente per via telematica, con periodicità annuale; nel caso di svolgimento di un processo produttivo in serie caratterizzato dalla c.d. «linea catena», l inizio dello svolgimento entro 30 giorni. 3) Il particolare regime pensionistico previsto per gli addetti ai lavori usuranti non è cumulabile con i benefici previsti per (Mess. INPS 30 novembre 2011 n ): i lavoratori invalidi; i non vedenti; i sordomuti o comunque affetti da particolari infermità. È invece cumulabile con i benefici previsti per: i lavoratori esposti all amianto (L. 257/92) ai soli fini della determinazione dell importo della pensione e non dell anticipo dell accesso al pensionamento; i lavoratori marittimi (L. 413/84) quanto al meccanismo di prolungamento dei periodi lavorativi.

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni.

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni. (57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono Lavori usuranti e pensione anticipata previste, infine, per i lavoratori a turni. Premessa E stato

Dettagli

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti R.S.U. Siae Microelettronica Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contrib utive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti

Dettagli

PARTE PRIMA Disposizioni normative

PARTE PRIMA Disposizioni normative Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Pensioni Roma, 12 agosto 2011 NOTA OPERATIVA N. 29 Ai Direttori delle Sedi Provinciali

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato I soggetti interessati e le attività di lavoro usuranti (lavoratori dipendenti) Lavoratori che hanno prestato

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

URGENTE IMPORTANTE Oggetto: Lavori usuranti: messaggio Inps n. 22647/2011.

URGENTE IMPORTANTE Oggetto: Lavori usuranti: messaggio Inps n. 22647/2011. IL PATRONATO DELLA UIL SEDE 00198 ROMA VIA PO 162 TELEFONO 06.852331 FAX 06.85233488 Messaggio ITAL UIL n. 20111202-255/TEC del 02/12/2011 Tecnica / Inps Ai Coordinatori Regionali ITAL Uil Agli Uffici

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963 Direzione Centrale Pensioni Roma, 30-12-2014 Messaggio n. 9963 OGGETTO: Presentazione domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1 marzo 2015 per

Dettagli

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Messaggio ITAL-Uil n. 20110420-178/TEC del 20 aprile 2011 Area Assistenza e Tutela Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Oggetto: Schema Decreto Legislativo

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

LA MANOVRA MONTI FORNERO

LA MANOVRA MONTI FORNERO LA MANOVRA MONTI FORNERO DL n. 201 del 6/12/2011, conversione in legge n. 214 del 22/12/2011 1 Legge 214/11 art. 24 c. 6,7,9 requisiti richiesti dal 1.1.2012 Pensione di vecchiaia Innalzamento dell età

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Lavori usuranti e prepensionamento - le domande dei lavoratori entro il prossimo 01.03.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il messaggio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMI 1 e 2, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2010, N. 183, IN TEMA DI ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE LAVORAZIONI PARTICOLARMENTE

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Sistema Frizzera Pensioni di vecchiaia lavoratori dipendenti www.unicolavoro.ilsole24ore.com TIPOLOGIE: nel nostro ordinamento sono previste due forme di pensioni legate all'età pensionabile: - pensione

Dettagli

In ordine ai contenuti del decreto legislativo in oggetto, si fa rinvio al messaggio n. 12693 del 10 giugno 2011.

In ordine ai contenuti del decreto legislativo in oggetto, si fa rinvio al messaggio n. 12693 del 10 giugno 2011. Direzione Centrale Pensioni Roma, 25-08-2011 Messaggio n. 16762 Allegati n.3 OGGETTO: Decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67. Domanda intesa ad ottenere il riconoscimento dello svolgimento di lavori

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

ALLEGATO A. ( Omissis).

ALLEGATO A. ( Omissis). ALLEGATO A Decreto 19 maggio 1999 Criteri per l'individuazione delle mansioni usuranti (G.U. 4 settembre 1999, n. 208) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE di concerto con i Ministri del tesoro,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015. Relazione Club Previdenza 10 marzo 2015 -

Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015. Relazione Club Previdenza 10 marzo 2015 - Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015 Relazione Club Previdenza 10 marzo 2015 - Il 2015 si apre confermando i requisiti pensionistici già previsti per il 2014.

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Sistema Frizzera Pensione di anzianità lavoratori dipendenti www.unicolavoro.ilsole24ore.com DEFINIZIONI: la pensione di anzianità è una prestazione economica, a domanda, erogata ai lavoratori dipendenti;

Dettagli

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Circolare N.116 del 07 Settembre 2011 Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno

Dettagli

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre 2010, n. 183. Art. 1 Lavoratori addetti a lavorazioni

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE

1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE 1 - L ASSICURAZIONE INVALIDITA VECCHIAIA E SUPERSTITI: - I REQUISITI PER IL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI PENSIONISTICHE - I PARAMETRI PER IL LORO CALCOLO - LA LORO DECORRENZA: LE FINESTRE III 1.1 - LAVORATORI

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Speciale Pensioni Speciale pensioni

Speciale Pensioni  Speciale pensioni Speciale Pensioni Le modifiche al sistema pensionistico approntate dalla Manovra economica estiva sono imperniate sostanzialmente su due direttrici principali: lo stop temporaneo agli adeguamenti annuali

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero)

nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) le nuove pensioni dal 1 gennaio 2012 nuove regole nuovo sistema di calcolo (valentino favero) D.L. 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n.214, art.24 «3. Il

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta.

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta. 1 OGGETTO PENSIONAMENTO ANTICIPATO QUESITO (quesito posto in data 13 gennaio 2012) Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

I lavori non sono tutti uguali

I lavori non sono tutti uguali I lavori non sono tutti uguali Benefici pensionistici per i lavori usuranti Il decreto legislativo sui lavori usuranti riconosce, per la prima volta nella legislazione italiana, che i lavori non sono tutti

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014 La pensione di vecchiaia Entrano in gioco per l'ottenimento della pensione di vecchiaia i due requisiti anagrafico e contributivo. È richiesta inoltre la cessazione di qualsiasi

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Page 1 of 8 DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre

Dettagli

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE I periodi utili alla pensione sono quelli durante i quali sono stati versati i contributi obbligatori a cui si aggiungono altri tipi di contribuzione che possono essere

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

OGGETTO: Articolo 1, comma 12, legge 23 agosto 2004 n. 243 - Campo di applicazione dell incentivo al posticipo del pensionamento (c.d. bonus ).

OGGETTO: Articolo 1, comma 12, legge 23 agosto 2004 n. 243 - Campo di applicazione dell incentivo al posticipo del pensionamento (c.d. bonus ). Prot. n. 5767/G/86/256 Roma, 6 ottobre 2004 Ai Presidenti degli enti previdenziali: - INPS - ENPALS - INPGI - INPDAP - IPOST OGGETTO: Articolo 1, comma 12, legge 23 agosto 2004 n. 243 - Campo di applicazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 Pensione di vecchiaia La pensione di vecchiaia viene riconosciuta a condizione che ricorrono le seguenti condizioni: compimento dell età pensionabile

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA

FONDO DI SOLIDARIETA Guida all Accordo 2 luglio 2013 Offerta al Pubblico per accedere al FONDO DI SOLIDARIETA A cura dell Ufficio Studi Dipartimento Previdenziale Attuariale LIBERO / Sinfub Edizione chiusa in tipografia luglio

Dettagli

Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali

Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali Appendice 1 Aspetti normativo istituzionali L appendice descrive i principali istituti afferenti alla spesa pensionistica (sezioni A E), alle indennità di accompagnamento (sezione F) e alla normativa fiscale

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016

OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Roma, 25/03/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Requisiti pensionistici 2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che, dal 1 gennaio 2016, entreranno

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/03/2012 Circolare n. 35 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA NORME DI ARMONIZZAZIONE PER L ACCESSO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA PER IL PERSONALE VIAGGIANTE DEI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO E PERDITA DEL TITOLO ABILITANTE Il D.P.R. 28 ottobre 2013 n. 157 ha disposto

Dettagli

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno

Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno Corso per i collaboratori dello Spi-Cgil di belluno LEGGE 214/2011 E LE MODIFICHE DEL 1000PROROGHE LEGGE 14/2012 I N C A - C G I L B E L L U N O 1 1. Pro-quota contributivo dal 2012 (comma 2) 2. Flessibilità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI IMPRESE E TERRITORIO MONDO del LAVORO MARZO 2015 1 Redazione c/o Associazione Commercianti Albesi Editrice Servizi A.C.A. S.r.l. ALBA Piazza San Paolo n. 3 Tel. 0173 22.66.11 Telefax 0173 36.15.24 e-mail

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Ecco la sua copia omaggio!

Ecco la sua copia omaggio! Ecco la sua copia omaggio! Guida alle Pensioni Le modifiche al sistema pensionistico approntate dalle due Manovre economiche estive sono imperniate sostanzialmente su due direttrici principali: lo stop

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Appendice 1 - Aspetti normativo-istituzionali

Appendice 1 - Aspetti normativo-istituzionali Appendice 1 - Aspetti normativo-istituzionali L appendice descrive i principali istituti afferenti alla spesa pensionistica (sezioni A-E), alle indennità di accompagnamento (sezione F) e alla normativa

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario TuttoInps Le pensioni La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti Sommario NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO... 2 NEL SISTEMA RETRIBUTIVO... 3 NEL SISTEMA MISTO... 4 LA DOMANDA... 4 LA DECORRENZA... 4

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2014 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2014 Guida alla Previdenza Generale 2014 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Lavoratrici. settore privato

Lavoratrici. settore privato INCA CGIL BERGAMO Tab.1 PENSIONE DI VECCHIAIA sistema misto(retributivo fino al 2011 e contributivo dal 2012) I REQUISITI NEL BIENNIO 2012 e 2013 2012 2013 * ETA Uomini 66 anni 66 anni e 3 mesi Donne settore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 98 Roma, 20 dicembre 2012 Prot. n. AOODGPER 9733 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI

COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI Con la legge 247/2007 è stata varata, insieme ad alcune misure sul Welfare e il mercato del lavoro, l ennesima riforma delle pensioni(la quinta negli ultimi 15 anni). Ed

Dettagli