AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2015 DICHIARAZIONE AMBIENTALE AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE DICHIARAZIONE AMBIENTALE SECONDO IL REGOLAMENTO EUROPEO EMAS 1221/2009

2

3 INDICE PREMESSA 5 ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI 7 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI 9 GESTIONE DELLE RISORSE 23 EMISSIONI IN ATMOSFERA 29 ALTRI INDICATORI 35 AGGIORNAMENTO OBIETTIVI

4 4 DICHIARAZIONE AMBIENTALE _ PREMESSA

5 RISULTATI DEL L ANNO 2014 EMAS PREMESSA DURANTE IL 2014 ASIA HA CURATO TUTTI GLI ASPETTI AMBIENTALI ED HA PORTATO AVANTI GLI OBIETTIVI CHE SI ERA PREFISSATO ASIA rimane fra i 10 migliori consorzi Ricicloni italiani mantenedo quantità e qualità della raccolta differenziata. I comuni consorziati di riflesso sono entrati nelle prime posizioni della graduatoria dei comuni Ricicloni. Il cammino di ASIA continua e con i comuni consorziati intraprende la lunga strada della qualità dei materiali/rifiuti raccolti. La nostra politica anche per il 2015 otre a mantenere i risultati ottenuti vuole puntare sul forte coinvolgimento dei dipendenti anche nella definizione di una certificazione secondo le Linee Guida della Sicurezza nel settore dell Igiene Ambientale e soprattutto nella definizione di standard di raccolta che mettano al centro la Qualità dei materiali raccolti e la razionalizzazione per Ambiti Omogenei (ambiti ottimali o Comunità di Valle) che mantenga la gestione consortile dell azienda, semplificandone la governance. Inoltre visto il IV Aggiornamento del Piano Provinciale per lo smaltimento dei rifiuti sarà costruito il nuovo Centro di Raccolta Zonale in una area adiacente alla sede di ASIA. In questo modo la sede di ASIA diverrà un centro Integrato per la miglior gestione delle raccolte di riifuti sul proprio territorio. Il direttore DICHIARAZIONE AMBIENTALE _ PREMESSA 5

6 ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DI ASIA 6 LA POLITICA AMBIENTALE _ CAPITOLO 1

7 7

8 8 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

9 CAP. 2 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 9

10 RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI SUI 32 COMUNI SERVITI DA ASIA ASIA anche nel 2014 ha proseguito nella sua attività di raccolta e trasporto dei rifiuti sui territori della Piana Rotaliana, Val di Cembra, Altopiano della Paganella e Valle dei Laghi. Con i suoi oltre abitanti equivalenti serviti ASIA ha mantenuto importanti obiettivi di raccolta differenziata. ASIA è in possesso dell autorizzazione per la raccolta e trasporto di rifiuti urbani ed assimilati classe C valida fino al 20 marzo Nel 2010 ha anche provveduto ad immatricolare due mezzi per il trasporto di cose in conto di terzi e ad autorizzare alcuni mezzi nelle categorie 2F, 4F e 5F per il trasporto, quindi, anche di rifiuti speciali pericolosi e in conto terzi. ASIA offre il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani: frazione secca, frazione umida, carta, imballaggi in plastica, vetro. I giri di raccolta sono effettuati dal lunedì al sabato nel turno unico dalle 6:00 alle In media ogni giorno 6 mezzi mono-operatore sono impegnati nello svuotamento dei cassonetti di carta e plastica; 1 mezzo mono-operatore per lo svuotamento dei cassonetti del secco con calotta; 4 mezzi per la raccolta del secco porta a porta; 1 per il cartone delle utenze non domestiche; 6 per la raccolta dell umido. La frequenza di svuotamento dei vari cassonetti varia a seconda del periodo. In particolare nelle stagione turistica estiva ed invernale le raccolte sono incrementate specialmente sull Altopiano della Paganella. Mediamente comunque il rifiuti secco viene raccolto 1 volta in settimana; il rifiuto umido 1 o 2 volte; i cassonetti di carta e plastica da 1 a 3 volte in settimana in base all affluenza delle utenze al cassonetto. 10 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

11 RACCOLTA DIFFERENZIATA A fine 2014 la raccolta differenziata ha raggiunto 83% se si esclude il ghiaino proveniente dallo spazzamento stradale, che in Trentino visto il lungo periodo invernale incide intorno ai 2 punti percentuali sulla raccolta differenziata. Rispetto al 2013 vi è un aumento dello 0.8% della percentuale di raccolta differenziata.infatti siamo passati dall 82,19% al 83,02. Il trend nel primo trimestre è confermato in aumento di un altro 0,8%. GRAF. 01 % DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL 2014 E DEIL PRIMO TRIMESTRE 2015 Per le analisi sulle raccolte differenziate ASIA da questa Dichiarazione Ambientale fornirà i dati divisi per Ambito Omogeneo Ottimale individuato nelle attuali Comunità di Valle e considerando i comuni di Aldeno Cimone e Garniga come unico bacino. Tale suddivisione pone le basi della riorganizzazione e razionalizzazione dei servizi per Ambiti che oltre a garantire economie di scala produce i suoi effetti sugli impatti ambientali diretti e indiretti che ASIA ha sull ambiente. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 11

12 I dati degli ambiti mostrano come nel 2014 le percentuali di raccolta differenziata superano tutte l 80% in ogni ambito. Ora il lavoro per i prossimi è rendere più efficaci e di qualità le diverse raccolte differenziate. GRAF. 02 % DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PER COMUNITÀ Nel triennio si è puntato su un miglioramento della raccolta differenziata e su una omogeneizzazione sul territorio. Tale obiettivo è stato raggiunto, così come la percentuale del 65% indicato del DM 152 del 2006 e dal III Aggiornamento del piano dei rifiuti della PAT. Nell Allegato 1 Piano degli obiettivi si vuole mantenere tale livello di raccolta differenziata ed aumentare solo la Qualità della stessa e la misurazione per ambiti omogenei. OBIETTIVO 3 Mantenimento % della raccolta differenziata e omogenizzazione nei diversi bacini. Indicatori: % di raccolta differenziata 12 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

13 PRODUZIONE DI RIFIUTI DEL TERRITORIO Un altro risultato importante conseguito da ASIA è il raggiungimento di kg/pro capite conferiti in discarica. Il limite dei 130 kg, posto come limite obiettivo dalla PAT è ormai ampiamente raggiunto. Il grafico seguente indica la produzione di rifiuti pro capite sul territorio di competenza ASIA, la produzione totale di rifiuti è leggermente aumentata da 409 a 411 kg pro capite. GRAF. 03 KG DI RIFIUTI RACCOLTI PRO CAPITE Nel 2014 è infatti aumentata la quantità di rifiuti differenziati rispetto al 2013, di circa 11 kg a persona a discapito dei rifiuti indifferenziati. OBIETTIVO 6 Mantenimento dell obiettivo di riduzione pro capite maggiore o uguale all aumento della popolazione con alcune iniziative soprattutto legate alle Ecofeste. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 13

14 GRAF. 04 TREND DI RIFIUTO TOTALE RACCOLTO PRO CAPITE Altro indicatore è la produzione di rifiuti pericolosi e non raccolti prevalentemente nei CR, ma anche nei numerosi punti di raccolta batterie e farmaci sparsi nei 32 comuni. Tale indicatore è stato introdotto per verificare le quantità di rifiuti pericolosi prodotte sul territorio di ASIA, per capire se riusciamo a a intercettare tutti i rifiuti pericolosi. 14 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

15 QUANTITÀ DI RIFIUTO DIFFERENZIATO AVVIATO A RECUPERO DALLA RACCOLTA STRADALE Un indicatore importante al quale per il momento non sono legati obiettivi è la raccolta pro capite di rifiuti differenziati che ci indica la variazione tipologica di raccolta. Tale indicatore mostra come è in leggera diminuzione la raccolta di umido pro-capite a scapito degli imballaggi leggeri e del vetro kg Raccolta pro capite umido Raccolta pro capite carta stradale Raccolta pro capite Cartone assimilato Raccolta pro capite Imballaggi leggeri Raccolta pro capite vetro BACINO ASIA 2011 BACINO ASIA 2012 BACINO ASIA 2013 BACINO ASIA 2014 BACINO ASIA primo trimestre 2015 GRAF. 05 QUANTITÀ RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI PRO CAPITE QUALITÀ DEL RIFIUTO DIFFERENZIATO INVIATO A RECUPERO Per quanto riguarda la raccolta differenziata, negli ultimi anni, viste le quantità sempre più importanti di tali frazioni, si è proceduto a delle analisi sulla qualità dei materiali conferiti per capire quanto percentuale di scarto vi sia nella raccolta differenziata. Per quanto riguarda la carta le analisi hanno dato risultati positivi, fornendo una % di impurezza inferiore al 1%, mentre, per quanto riguarda il multimateriale, sono di seguito presentate le tabelle riassuntive delle analisi del 2013, 2014 parte del Per il 2013 si sottolinea come lo scarto medio in tutto il bacino di ASIA si attesti intorno al 48.36%, mentre, nel 2014 tale percentuale fino ad arrivare al 33,87% grazie ad un grande lavoro di controllo e pulizia sul territorio. Nel 2015 primo trimestre purtroppo la percentuale di scarto è tornata a salire fino al 53% in considerazione del pessimo andamento del mese di Gennaio. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 15

16 GRAF. 06 SCARTO PER AREA OMOGENEA DEL MULTIMATERIALE I dati evidenziano come lo scarto nella raccolta differenziata del multimateriale nel 2014 provochino una diminuzione per quasi 3,6 punti percentuali della raccolta differenziata che può essere inviata a recupero. Con gli obiettivi sottoelencati nel triennio ASIA vuole arrivare al di sotto del 35% di scarto medio sulla raccolta del multimateriale. GRAF. 07 QUANTITÀ IN TON DI MULTIMATERIALE MANDATO A SMALTIMENTO 16 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

17 In questo grafico è possibile vedere negli ultimi quattro anni le quantità di materiali recuperati nella frazione multimateriale leggero divisi in imballaggi in plastica (Corepla fatturabile), imballaggi in acciaio (acciaio fatturabile), imballaggi in alluminio (Alluminio fatturabile) e imballaggi per bevande in tetrapack (tetrapack fatturabile). GRAF. 08 MATERIALI RECUPERATI DAL MULTIMATERIALE COMPOSIZIONE DEL RIFIUTO SECCO CONFERITO IN DISCARICA E SOSTITUZIONE CON SCARTI RACCOLTA DIFFERENZIATA Al fine di mantenere un costante controllo sulla composizione dei rifiuti consegnati in discarica e capire quanto materiale differenziato finisce ancora in discarica nel rifiuto secco ASIA ha svolto attraverso enti terzi delle analisi su campioni di rifiuto scaricate in discarica. Il rifiuto destinato all analisi merceologica, è stato raccolto tramite tre automezzi compattatori per un totale di kg. Di ogni carico, separatamente mescolato è stato preso una parte del carico della Valle di Cembra, una parte del carico dell Altopiano della Paganella e due parti del carico della Piana Rotaliana, al fine di formare il carico rappresentativo da sottoporre ad inquartamenti. Le parti sono proporzionali alla produzione totale del relativo ambito. Dall analisi si evince come una parte dei rifiuti venga differenziata, mentre una percentuale intorno al 30% potrebbe ancora essere meglio differenziata, in particolare spiccano i film in plastica, la parte organica, la carta in misura del 20% ed i rifiuti tessili. Pertanto visti i dati presentati sullo scarto presente nel multimateriale leggero con la continua promozione di una corretta raccolta differenziata e con l incentivo all utilizzo del CRM ASIA crede di sostituire il materiale riciclabile che finisce in discarica (principalmente tovaglie e tovaglioli in cellulosa che potrebbero finire nella frazione umida ed i film plastici) nella misura di circa 1000 ton da sostituire con il corretto indirizzamento delle 1030 ton di scarti in multimateriale. OBIETTIVO 4 Miglioramento della Qualità della raccolta differenziata sui 5 bacini dello scarto sul multimateriale leggero stradale diminuzione del 5% medio nel triennio. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 17

18 LA GESTIONE DELLA TARIFFA PUNTUALE RIFLESSI SULLA QUALITÀ DEI RIFIUTI RACCOLTI Dal 2012 ASIA applica la tariffa puntuale sui 32 comuni serviti. Già nei primi mesi di applicazione ASIA ha ravvisato i punti deboli di tale modello tariffario imposto dalla provincia ed ha iniziato una serie di incontri con i propri comuni consorziati. Tale sistema porta ad una continua e persistente diminuzione dei litri conferiti sia dalle utenze domestiche che dalle utenze non domestiche. La diminuzione dei litri conferiti ne aumenta indiscriminatate il costo provocando effetti deleteri sulla raccolta differenziata Nei grafici si vede come il rifiuto secco misurato e i litri di rifiuto presi come unità di misura dello stesso siano diminuiti di circa il 30%, mentre l andamento del peso raccolto è in flessione ma solo di qualche punto percentuale. GRAF. 09 ANDAMENTO DEI DEI LITRI RACCOLTI 18 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

19 GRAF. 10 TREND ANDAMENTO DEI LITRI RACCOLTI Pertanto ASIA ha deciso di iniziare un omogeneizzazione dei servizi per Ambito e di aprire alcuni tavoli di confronto con i comuni, le comunità e la Provincia al fine di ottenere una tariffa omogenea per ambito e che tenga in considerazione i costi sostenuti per le raccolte differenziate. T OBIETTIVO 6 Cambiamento dei sistemi di raccolta per un omogeneizzazione dei servizi sul territorio e di riflesso la definizione di un modello omogeneo di servizi per ambito per arrivare ad una tariffa puntuale d ambito ed a sistemi tariffari che influenzino in maniera minore il comportamento delle utenze. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 19

20 GESTIONE DEL CRZ E CENTRI RACCOLTA MATERIALI (ISOLE ECOLOGICHE) Dal 2011 ASIA gestisce in maniera diretta i Centri di raccolta distribuiti sui suoi 32 comuni e il centro di raccolta Zonale (CRZ) di Lavis. I centri di raccolta gestiti da ASIA sono 17 incluso il CRZ e 1 area con autorizzazione contingibile e urgente servendo in totale 27 comuni. (alcuni CR sono sovracomunali). Riportiamo di seguito una tabella riepilogativa dello stato dei CRM e delle aree localizzate aggiornata al 31 Maggio Nel 2010 la maggior parte dei Comuni aveva già destinato delle zone apposite per la realizzazione di CRM, come previsto dal D.M. 08 aprile 2008 e ss.mm. ed int. I CRM e le aree localizzate possono accettare rifiuti provenienti esclusivamente da utenze domestiche, mentre il CRZ di Lavis può accettare i rifiuti urbani provenienti da utenze domestiche e assimilati. ASIA è incaricata dai Comuni di gestire le operazioni di raccolta trasporto e smaltimento dei rifiuti stoccati nei CRM, mentre l esercizio del Centro Raccolta Materiali è gestito direttamente dai Comuni. ASIA tra il 2010 e l inizio del 2011 ha stipulato la Convenzione con la maggior parte dei Comuni per la gestione del CRM secondo il D.M. 08 aprile I Comuni, per i quali risulta difficile la localizzazione del CRM o di aree localizzate, hanno optato per il Centro di Raccolta Materiali mobile detto anche Centro Ambiente Mobile (CAM). I Comuni che nel 2011 utilizzano i CAM sono: Faedo, Giovo, Grumes, Grauno, Valda. TALE MOBILE UMIDO 20 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

21 Per verificare l andamento della raccolta nei 18 CR gestiti da ASIA si sono iniziate a compilare delle statistiche dettagliate sui singoli centri al fine di verificare l efficacia della comunicazione e le quantità di rifiuti raccolte nei centri di raccolta. Tale raccolta di rifiuti presso il CR è in leggero aumento nel GRAF. 11 PERCENTUALE PRO CAPITE PRINCIPALI RIFIUTI AL CRM Dopo l informatizzazione dei centri avvenuta nel triennio e soprattutto la diffusione delle convenzione per l utilizzo delle aziende del CR stesso per il conferimento dei rifiuti assimilati. Per il triennio ASIA ha intenzione di incentivare l utilizzo del CR attraverso degli incentivi (vedi esempio in tabella) e la messa a punto di un sistema di pesatura e di riconoscimento degli utenti. INCENTIVI PER CONFERIMENTI AL CRM (VALORI IN /TON) CARTA CARTONE PLASTICA IMBALLAGGI IN PLASTICA ROTTAMI FERROSI VETRO NOTE 67,00 72,00 70,00 100,00 20,00 8,00 valore OBIETTIVO 5 Aumento della raccolta di alcune frazioni al CR del 10% in tre anni. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 21

22 22 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

23 CAP. 3 GESTIONE DELLE RISORSE GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 23

24 GESTIONE DELLE RISORSE GESTIONE RISORSE IDRICHE SCARICHI IDRICI Al fine di garantire un costante controllo sulla qualità delle acque scaricate ed il rispetto dei limiti, ASIA stipula annualmente un contratto con una ditta esterna per la manutenzione del depuratore e per l effettuazione 11 analisi chimiche di cui 2 complete e 10 con i parametri più significativi per lo scarico. Riportiamo di seguito i risultati inerenti i principali parametri chimici analizzati (valori medi di 11 analisi effettuate da Gennaio a Dicembre 2013). USCITA DEP. GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO OTT NOV DIC MEDIA LIMITI COD BOD < , , Azoto Amm. Azoto nitroso 10,22 12,39 10,35 3,3 2,54 12,92 12,70 4,83 9,38 1, ,038 0,044 0,203 0,29 0,272 0,026 0,140 0,278 0,059 0, ,6 Nitrati 0,617 0,769 < 0,2 1,343 0,835 < 0,2 0,437 1,80 < 0,2 2, Azoto totale Fosforo totale 12,54 10,64 9,0 4,3 3,3 13,00 11,50 6,36 7,67 4, ,99 0,193 0,381 0,219 0,183 0,334 0,863 0,490 1,02 0, GRAF. 12 ANALISI IN USCITA DAL DEPURATORE PER IL PARAMETRO FOSFORO TOTALE 24 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

25 CONSUMI IDRICI Tutta l acqua utilizzata per l attività di ASIA è prelevata dall acquedotto comunale. La maggior parte dell acqua viene utilizzata per il lavaggio degli automezzi e per il lavaggio dei cassonetti. Riportiamo di seguito i consumi idrici degli ultimi anni. I dati riportati nelle tabelle sono rilevati dalle fatture Acqua in mc Acqua in mc GRAF. 13 CONSUMO ACQUA NELLA SEDE DI ASIA Per l anno 2014 è stato rilevato un consumo pari a 1613 mc per il minor numero di raccolte e, quindi, di lavaggio di mezzi e cassonetti. Come indicatore abbiamo mantenuto il numero di mc per mezzo che è in diminuzione ancora più accentuata essendo aumentati i mezzi. 60 Acqua in metri cubi pro automezzo mc 30 acqua in metri cubi GRAF. 14 CONSUMO ACQUA PER AUTOMEZZO GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 25

26 ENERGIA CONSUMATA METANO Impianto di riscaldamento - Il metano viene utilizzato per il funzionamento dell impianto di riscaldamento da 80 kw adibito al riscaldamento della sede di ASIA. I dati riportati nel grafico sono rilevati dalle fatture dell ente gestore. I lavori di coibentazione hanno portato ad un minor consumo di metano. La caldaia inoltre ha subito tutti i controlli previsti dalla normativa e dal DPR 16 Aprile 2013 della Provincia di Trento MC gas GRAF. 15 GAS UTILIZZATO PER RISCALDAMENTO DELLA SEDE 26 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

27 ENERGIA ELETTRICA Il consumo di energia è prevalentemente collegato al funzionamento del depuratore ed in parte alle attività tecnico amministrative svolte dagli uffici. Dal grafico si può notare come i valori relativi al consumo di energia sede-depuratore siano in continuo aumento, questo per l utilizzo continuo del depuratore e l utilizzo di press container presso il CRM. Dal 2010 ASIA ha deciso di aderire al contratto del gestore che la impegna ad acquistare energia elettrica solo da energia rinnovabile. Dal grafico si evince come i consumi dal 2012 al 2014 siano leggermente diminuiti. Sede-Depuratore-CRZ KW/H GRAF. 16 CONSUMI ELETTRICI DELLA SEDE E DEL CRZ OBIETTIVO 8 Ampliamento e miglioramento sede con predisposizione del nuovo piazzale e dell area di trasferimento per il rifiuti. OBIETTIVO 9 Gestione risorse idriche con sensibilizzazione all utilizzo nei lavaggi limitando gli stessi durante le settimane di scarso utilizzo degli stessi. GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 27

28 28 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

29 CAP. 4 EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 29

30 EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI PROVENIENTI DAI GAS DI SCARICO DEI MEZZI ADIBITI ALLA RACCOLTA L attività di raccolta e trasporto dei rifiuti viene effettuata direttamente da mezzi di proprietà di ASIA. Si riportano le tipologie di mezzi a disposizione di ASIA, a testimonianza del processo continuo di rinnovamento degli stessi al fine di limitare nel tempo le emissioni inquinanti. Successivamente all anno 2003 sono stati acquistati 15 mezzi nuovi. Più dei 2/3 dei mezzi utilizzati da ASIA sono stati acquistati successivamente all anno Nel 2014 è stato acquistato un mezzo Euro 6 che sostituisce Euro 2, ed è stato mantenuto in buone condizioni il rimanente dei parco mezzi. Inoltre ad inizio 2015 sono stati acquistati altri due mezzi euro 5 e 1 euro 6 in sostituzione di due euro 2. Gli interventi di piccola manutenzione ordinaria (es. pulizia filtri, ecc) sono gestiti direttamente dall officina di ASIA, mentre per le manutenzioni straordinarie ed ordinarie (es. tagliandi ecc.) ci si affida a fornitori esterni. Euro parco mezzi al Euro 2 Euro 3 Euro 4 Euro 5 3 Euro 6 19 GRAF. 17 NUMERO DI MEZZI DI ASIA 30 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

31 CARBURANTE ED ANIDRIDE CARBONICA EMESSA PER LA RACCOLTA RSU Per l attività di ASIA sono impiegati 39 mezzi e 1 auto aziendale. Nonostante ASIA provveda a sostituire negli anni i mezzi più obsoleti con mezzi tecnologicamente migliori anche riguardo al consumo di combustibile, il numero e le caratteristiche dei mezzi adibiti alla raccolta comportano comunque un elevato consumo di carburante, che si mantiene stabile nel corso degli ultimi 3 anni. 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0, primo semestre 12,031 1,87 12,571 2,23 12,131 0,39 31,883 1,45 33,313 2,41 32,152 7,53 GRAF. 18 CONSUMO GASOLIO DEI MEZZI NEL 2011 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 31

32 32 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

33 Gli indicatori legati ai consumi sono principalmente riassumibili iproduzione di anidride carbonica legata alla raccolta ed al trasporto dei rifiuti urbani: nel 2014 kg di CO 2 emessa (2650 g di CO 2 ogni litro di gasolio). Consumo gasolio in litri e anidiride carbonica emessa in atmosfera in kg Gasolio consumato in litri Anidride carbonica emessa in kg GRAF. 19 RAPPORTO FRA RACCOLTA E CONSUMO DI CO 2 Quindi avremo una produzione di anidride carbonica di 12,81 kg per abitante equivalente servito sul territorio di ASIA. Per intendersi è come se ogni utente, in un anno, percorresse 111 km con la propria auto, per trasportare i propri rifiuti. (115 g/km auto di media cilindarata euro 6) OBIETTIVO 1 Ammodernamento del parco mezzi. Acquisto mezzi Euro 5 e razionalizzazione dei giri con una minor emissione del 2% annuo. OBIETTIVO 2 Ottimizzazione dei giri attraverso la dotazioni di sistemi di controllo dei mezzi e uno studio approfondito dei flussi e della distribuzione delle isole. EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 33

34 34 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

35 CAP. 5 ALTRI INDICATORI ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5 35

36 ALTRI INDICATORI GESTIONE DELLE EMERGENZE Per quanto riguarda gli scenari di possibili emergenze in campo ambientale sono state individuate le apposite procedure di risposta a tali accadimenti che possono comprendere perdite accidentali, rotture di serbatoi, sversamento di rifiuti e/o liquidi. I rischi da incendio sono gestiti attraverso una specifica procedura. La sede dispone di un Piano di Emergenza, il quale fornisce le linee guida per affrontare eventuali emergenze quali l incendio od eventi naturali quali i terremoti. Il personale è costantemente coinvolto e formato, eseguendo periodicamente delle simulazioni di situazioni di emergenza. Sono state attivate le squadre antincendio e di pronto intervento sanitario sia presso la sede di ASIA che presso i 18 CRM a cura della cooperativa di gestione GEA. Questi lavoratori hanno frequentato specifici corsi teorico/pratici e sono informati su ogni aggiornamento di interesse. OBIETTIVO 10 Verifica e messa a punto procedure e gestione delle emergenze per i 17 CRM di ASIA. PREVENZIONE INCENDI ASIA ha una sede di 6500 mq interamente urbanizzata con piazzali e con la struttura principale che funge da sede e da Centro di raccolta zonale. ASIA è in possesso del Certificato Prevenzione Incendi rinnovato a Novembre del 2013 con presentazione della domanda di rinnovo con immutata situazione ai VVFF come prescritto dal nuovo DPR in materia di antincendio. Il Certificato Prevenzione Incendi attuale è relativo alle seguenti attività secondo DPR 151/2011: Attività n. 12 2B: Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva superiore a 1 m 3 ; Liquidi infiammabili e/o combustibili e/o lubrificanti e/o oli diatermici di qualsiasi derivazione per capacità geometrica complessiva compresa da 1 m 3 a 50 m 3, ad eccezione di quelli indicati nella colonna A). Attività n. 13 2B: Impianti fissi di distribuzione carburanti per l autotrazione, la nautica e l aeronautica; contenitori - distributori rimovibili di carburanti liquidi. a) Impianti di distribuzione carburanti liquidi Contenitori distributori rimovibili e non di carburanti liquidi fino a 9 mc con punto di infiammabilità superiore a 65 C. Attività 34 B: Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici, archivi di materiale cartaceo, biblioteche, depositi per la cernita della carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l industria della carta, con quantitativi in massa superiori a kg e fino a kg. Attività 44 B: Stabilimenti, impianti, depositi ove si producono, lavorano e/o detengono materie plastiche, con quantitativi in massa superiori a kg depositi fino a kg. Attività 75 B: Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 m 2 ; locali adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili di superficie superiore a 500 m 2 ; depositi di mezzi rotabili (treni, tram ecc.) di superficie coperta superiore a m 2. Autorimesse oltre m 2 e fino a m ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

37 L azienda ha, inoltre, ottemperato a quanto previsto dalla normativa vigente in materia antincendio (DM 9 Aprile D.Lgs 81). OBIETTIVO CRM oltre alle verifiche per i CRM con CPI verificare le dotazioni dei presidi per adeguamento e controllo diretto da parte di ASIA. OCCUPAZIONE DEL SUOLO Indicatori EMAS La superficie occupata dalla sede di ASIA e dal CRZ è di 132 mq per dipendente. ALTRI ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Gestione dei fornitori di prodotti e prestazioni ASIA effettua un costante controllo sui fornitori di prodotti e di prestazioni ambientali, come descritto in un apposita procedura. Quando possibile, ASIA ricerca e favorisce i fornitori di prodotti con marchio ambientale (es. Ecolabel) oppure fornitori in possesso di certificazioni ambientali (es. ISO oppure Regolamento EMAS III). Al fine di ottimizzare, sia economicamente che qualitativamente le operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti raccolti, ASIA utilizza diversi fornitori qualificati. COMUNICAZIONE CON GLI UTENTI Durante il 2014 ASIA ha effettuato diverse attività di comunicazione con una campagna basata sul nuovo sistema di raccolta porta a porta del rifiuto umido sulla piana Rotaliana. Tale campagna era incentrata sul ciclo di vita della frazione organica che permette la produzione di biogas e di compost da rifiuto. COMUNE DI LAVIS AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE Comune di Lavis É OBBLIGATORIO USARE GLI APPOSITI SACCHETTI. PUOI RITIRARLI PRESSO: PLEASE USE ONLY THE BAGS PROVIDED. YOU CAN FIND THEM AT: VOUS DEVEZ UTILISER LES SACS APPROPRIÉS. QUE VOUS POUVEZ TROUVER A: CENTRO RACCOLTA MATERIALI O SPORTELLO COMUNALE sacchetti mater-bi 120 lt UN CICLO DOVE TUTTO RI-TORNA Raccolta porta a porta del rifiuto organico Collection of waste curbside cestello sottolavello 23 lt ORGANICO ORGANIC WASTE DÉCHETS ORGANIQUES I GIORNI DI RACCOLTA PORTA A PORTA DEL RIFIUTO ORGANICO DAL 4 MAGGIO 2015 SONO: MERCOLEDÌ E SABATO in caso di giorno festivo si passerà il primo giorno non festivo successivo. Per esempio: Sabato 15 agosto si passerà lunedì 17 agosto. ll mastello per le utenze singole o il bidone condominiale sono da esporre in strada nei luoghi dove già viene esposto il secco la sera prima del giorno di raccolta. CAMPAGNA SULLA RACCOLTA PORTA A PORTA DEL RIFIUTO UMIDO Ogni utente ASIA potrà richiedere al Comune il compost prodotto. T dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5 37

38 ORGANICO QUESTA TIPOLOGIA DI RIFIUTO COPRENDE: CIÒ CHE SEPARI OGGI, AVRÀ NUOVA VITA DOMANI... COMUNE DI LAVIS AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE SCARTI DI CIBI COTTI E CRUDI ALIMENTI AVARIATI (SENZA IMBALLAGGI) SCARTI DI FRUTTA E VERDURA FIORI RECISI E PICCOLE PIANTE DA APPARTAMENTO GUSCI D'UOVO E DI FRUTTA SECCA GUSCI DI MOLLUSCHI E CROSTACEI RESTI DI PESCE E CARNE FONDI DI CAFFÈ E FILTRI DI TÈ TOVAGLIOLI, SALVIETTE, FAZZOLETTI DI CARTA CENERE DI LEGNA SPENTA TAPPI DI VERO SUGHERO STUZZICADENTI CON 10 kg DI RIFIUTO ORGANICO PRODUCIAMO CIRCA 2,5 kg DI COMPOST E CIRCA 2 mc DI BIOGAS Comune di Lavis ATTENZIONE! Vanno utilizzati solo gli appositi sacchetti biodegradabili forniti gratuitamente da ASIA non altro (sacchetti della spesa) Ogni utente ASIA potrà richiedere al Comune il compost prodotto. Per informazioni telefonare al numero: T dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 UN CICLO DOVE TUTTO RI-TORNA Parte la raccolta porta a porta del rifiuto organico CAMPAGNA RACCOLTA PORTA A PORTA UMIDO Parte la raccolta porta a porta del rifiuto organico nel Comune di Lavis. Lo slogan "Un ciclo dove tutto ri-torna" e la mucca come mascotte, ci ricordano che i nostri scarti di cibo e del verde si trasformano in fertilizzante naturale ed energia prodotta grazie all'impianto di biodigestione. Come viene già fatto per il rifiuto residuo, gli utenti esporranno fuori casa un mastello contenente l'umido. Il nuovo sistema di raccolta ha lo scopo di: incrementare il rifiuto organico separato dal residuo puntando sulla qualità creare un sistema più facile, comodo e "personalizzato" per gli utenti che potranno conferire il mastello comodamente sotto casa eliminare i contenitori stradali COSA CAMBIA? Dal 4 maggio 2015 il rifiuto organico verrà conferito, con un mastello personalizzato per ogni famiglia-utente, nei luoghi e nei modi con cui ora si espone il secco. sacchetti mater-bi cestello sottolavello Ad ogni utente verrà consegnato un mastello da 23 lt con coperchio, dotato di microchip, che conterrà i sacchetti compostabili e il calendario con i giorni e gli orari della raccolta. ATTENZIONE! 23 lt I giorni di raccolta del rifiuto organico saranno: Il Mercoledì e il Sabato, in caso di giorno festivo si passerà il primo giorno non festivo successivo. Per esempio: Sabato 15 agosto si passerà lunedì 17 agosto. Nel comune di Lavis sono state individuate diverse tipologie di utenze, distinte tra domestiche e non domestiche, e tra singole o condominiali. Per ciascuna categoria è stato studiato un sistema di raccolta che facilita il conferimento del rifiuto organico. Se abiti in una casa con meno di 9 appartamenti, una volta che hai riempito il cestello sottolavello, svuotalo nel mastello marrone da 23 lt e quando è pieno esponilo nelle giornate della raccolta nel posto dove in altre giornate esponi il mastello del residuo. Se abiti in un condominio con più di 8 appartamenti una volta che hai riempito il cestello sottolavello traforato, svuotalo nel mastello marrone da 120 lt. Tale contenitore sarà svuotato 2 volte a settimana dagli operatori ASIA e come avviene per il residuo dovrà essere portato in strada nei giorni 120 lt prestabiliti. 38 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Divisione Ambiente La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Contesto, numeri, impegno, posizionamento, strategie, progetti operativi La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Sommario Introduzione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli