AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2015 DICHIARAZIONE AMBIENTALE AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE DICHIARAZIONE AMBIENTALE SECONDO IL REGOLAMENTO EUROPEO EMAS 1221/2009

2

3 INDICE PREMESSA 5 ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI 7 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI 9 GESTIONE DELLE RISORSE 23 EMISSIONI IN ATMOSFERA 29 ALTRI INDICATORI 35 AGGIORNAMENTO OBIETTIVI

4 4 DICHIARAZIONE AMBIENTALE _ PREMESSA

5 RISULTATI DEL L ANNO 2014 EMAS PREMESSA DURANTE IL 2014 ASIA HA CURATO TUTTI GLI ASPETTI AMBIENTALI ED HA PORTATO AVANTI GLI OBIETTIVI CHE SI ERA PREFISSATO ASIA rimane fra i 10 migliori consorzi Ricicloni italiani mantenedo quantità e qualità della raccolta differenziata. I comuni consorziati di riflesso sono entrati nelle prime posizioni della graduatoria dei comuni Ricicloni. Il cammino di ASIA continua e con i comuni consorziati intraprende la lunga strada della qualità dei materiali/rifiuti raccolti. La nostra politica anche per il 2015 otre a mantenere i risultati ottenuti vuole puntare sul forte coinvolgimento dei dipendenti anche nella definizione di una certificazione secondo le Linee Guida della Sicurezza nel settore dell Igiene Ambientale e soprattutto nella definizione di standard di raccolta che mettano al centro la Qualità dei materiali raccolti e la razionalizzazione per Ambiti Omogenei (ambiti ottimali o Comunità di Valle) che mantenga la gestione consortile dell azienda, semplificandone la governance. Inoltre visto il IV Aggiornamento del Piano Provinciale per lo smaltimento dei rifiuti sarà costruito il nuovo Centro di Raccolta Zonale in una area adiacente alla sede di ASIA. In questo modo la sede di ASIA diverrà un centro Integrato per la miglior gestione delle raccolte di riifuti sul proprio territorio. Il direttore DICHIARAZIONE AMBIENTALE _ PREMESSA 5

6 ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DI ASIA 6 LA POLITICA AMBIENTALE _ CAPITOLO 1

7 7

8 8 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

9 CAP. 2 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 9

10 RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI SUI 32 COMUNI SERVITI DA ASIA ASIA anche nel 2014 ha proseguito nella sua attività di raccolta e trasporto dei rifiuti sui territori della Piana Rotaliana, Val di Cembra, Altopiano della Paganella e Valle dei Laghi. Con i suoi oltre abitanti equivalenti serviti ASIA ha mantenuto importanti obiettivi di raccolta differenziata. ASIA è in possesso dell autorizzazione per la raccolta e trasporto di rifiuti urbani ed assimilati classe C valida fino al 20 marzo Nel 2010 ha anche provveduto ad immatricolare due mezzi per il trasporto di cose in conto di terzi e ad autorizzare alcuni mezzi nelle categorie 2F, 4F e 5F per il trasporto, quindi, anche di rifiuti speciali pericolosi e in conto terzi. ASIA offre il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani: frazione secca, frazione umida, carta, imballaggi in plastica, vetro. I giri di raccolta sono effettuati dal lunedì al sabato nel turno unico dalle 6:00 alle In media ogni giorno 6 mezzi mono-operatore sono impegnati nello svuotamento dei cassonetti di carta e plastica; 1 mezzo mono-operatore per lo svuotamento dei cassonetti del secco con calotta; 4 mezzi per la raccolta del secco porta a porta; 1 per il cartone delle utenze non domestiche; 6 per la raccolta dell umido. La frequenza di svuotamento dei vari cassonetti varia a seconda del periodo. In particolare nelle stagione turistica estiva ed invernale le raccolte sono incrementate specialmente sull Altopiano della Paganella. Mediamente comunque il rifiuti secco viene raccolto 1 volta in settimana; il rifiuto umido 1 o 2 volte; i cassonetti di carta e plastica da 1 a 3 volte in settimana in base all affluenza delle utenze al cassonetto. 10 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

11 RACCOLTA DIFFERENZIATA A fine 2014 la raccolta differenziata ha raggiunto 83% se si esclude il ghiaino proveniente dallo spazzamento stradale, che in Trentino visto il lungo periodo invernale incide intorno ai 2 punti percentuali sulla raccolta differenziata. Rispetto al 2013 vi è un aumento dello 0.8% della percentuale di raccolta differenziata.infatti siamo passati dall 82,19% al 83,02. Il trend nel primo trimestre è confermato in aumento di un altro 0,8%. GRAF. 01 % DI RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL 2014 E DEIL PRIMO TRIMESTRE 2015 Per le analisi sulle raccolte differenziate ASIA da questa Dichiarazione Ambientale fornirà i dati divisi per Ambito Omogeneo Ottimale individuato nelle attuali Comunità di Valle e considerando i comuni di Aldeno Cimone e Garniga come unico bacino. Tale suddivisione pone le basi della riorganizzazione e razionalizzazione dei servizi per Ambiti che oltre a garantire economie di scala produce i suoi effetti sugli impatti ambientali diretti e indiretti che ASIA ha sull ambiente. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 11

12 I dati degli ambiti mostrano come nel 2014 le percentuali di raccolta differenziata superano tutte l 80% in ogni ambito. Ora il lavoro per i prossimi è rendere più efficaci e di qualità le diverse raccolte differenziate. GRAF. 02 % DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PER COMUNITÀ Nel triennio si è puntato su un miglioramento della raccolta differenziata e su una omogeneizzazione sul territorio. Tale obiettivo è stato raggiunto, così come la percentuale del 65% indicato del DM 152 del 2006 e dal III Aggiornamento del piano dei rifiuti della PAT. Nell Allegato 1 Piano degli obiettivi si vuole mantenere tale livello di raccolta differenziata ed aumentare solo la Qualità della stessa e la misurazione per ambiti omogenei. OBIETTIVO 3 Mantenimento % della raccolta differenziata e omogenizzazione nei diversi bacini. Indicatori: % di raccolta differenziata 12 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

13 PRODUZIONE DI RIFIUTI DEL TERRITORIO Un altro risultato importante conseguito da ASIA è il raggiungimento di kg/pro capite conferiti in discarica. Il limite dei 130 kg, posto come limite obiettivo dalla PAT è ormai ampiamente raggiunto. Il grafico seguente indica la produzione di rifiuti pro capite sul territorio di competenza ASIA, la produzione totale di rifiuti è leggermente aumentata da 409 a 411 kg pro capite. GRAF. 03 KG DI RIFIUTI RACCOLTI PRO CAPITE Nel 2014 è infatti aumentata la quantità di rifiuti differenziati rispetto al 2013, di circa 11 kg a persona a discapito dei rifiuti indifferenziati. OBIETTIVO 6 Mantenimento dell obiettivo di riduzione pro capite maggiore o uguale all aumento della popolazione con alcune iniziative soprattutto legate alle Ecofeste. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 13

14 GRAF. 04 TREND DI RIFIUTO TOTALE RACCOLTO PRO CAPITE Altro indicatore è la produzione di rifiuti pericolosi e non raccolti prevalentemente nei CR, ma anche nei numerosi punti di raccolta batterie e farmaci sparsi nei 32 comuni. Tale indicatore è stato introdotto per verificare le quantità di rifiuti pericolosi prodotte sul territorio di ASIA, per capire se riusciamo a a intercettare tutti i rifiuti pericolosi. 14 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

15 QUANTITÀ DI RIFIUTO DIFFERENZIATO AVVIATO A RECUPERO DALLA RACCOLTA STRADALE Un indicatore importante al quale per il momento non sono legati obiettivi è la raccolta pro capite di rifiuti differenziati che ci indica la variazione tipologica di raccolta. Tale indicatore mostra come è in leggera diminuzione la raccolta di umido pro-capite a scapito degli imballaggi leggeri e del vetro kg Raccolta pro capite umido Raccolta pro capite carta stradale Raccolta pro capite Cartone assimilato Raccolta pro capite Imballaggi leggeri Raccolta pro capite vetro BACINO ASIA 2011 BACINO ASIA 2012 BACINO ASIA 2013 BACINO ASIA 2014 BACINO ASIA primo trimestre 2015 GRAF. 05 QUANTITÀ RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI PRO CAPITE QUALITÀ DEL RIFIUTO DIFFERENZIATO INVIATO A RECUPERO Per quanto riguarda la raccolta differenziata, negli ultimi anni, viste le quantità sempre più importanti di tali frazioni, si è proceduto a delle analisi sulla qualità dei materiali conferiti per capire quanto percentuale di scarto vi sia nella raccolta differenziata. Per quanto riguarda la carta le analisi hanno dato risultati positivi, fornendo una % di impurezza inferiore al 1%, mentre, per quanto riguarda il multimateriale, sono di seguito presentate le tabelle riassuntive delle analisi del 2013, 2014 parte del Per il 2013 si sottolinea come lo scarto medio in tutto il bacino di ASIA si attesti intorno al 48.36%, mentre, nel 2014 tale percentuale fino ad arrivare al 33,87% grazie ad un grande lavoro di controllo e pulizia sul territorio. Nel 2015 primo trimestre purtroppo la percentuale di scarto è tornata a salire fino al 53% in considerazione del pessimo andamento del mese di Gennaio. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 15

16 GRAF. 06 SCARTO PER AREA OMOGENEA DEL MULTIMATERIALE I dati evidenziano come lo scarto nella raccolta differenziata del multimateriale nel 2014 provochino una diminuzione per quasi 3,6 punti percentuali della raccolta differenziata che può essere inviata a recupero. Con gli obiettivi sottoelencati nel triennio ASIA vuole arrivare al di sotto del 35% di scarto medio sulla raccolta del multimateriale. GRAF. 07 QUANTITÀ IN TON DI MULTIMATERIALE MANDATO A SMALTIMENTO 16 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

17 In questo grafico è possibile vedere negli ultimi quattro anni le quantità di materiali recuperati nella frazione multimateriale leggero divisi in imballaggi in plastica (Corepla fatturabile), imballaggi in acciaio (acciaio fatturabile), imballaggi in alluminio (Alluminio fatturabile) e imballaggi per bevande in tetrapack (tetrapack fatturabile). GRAF. 08 MATERIALI RECUPERATI DAL MULTIMATERIALE COMPOSIZIONE DEL RIFIUTO SECCO CONFERITO IN DISCARICA E SOSTITUZIONE CON SCARTI RACCOLTA DIFFERENZIATA Al fine di mantenere un costante controllo sulla composizione dei rifiuti consegnati in discarica e capire quanto materiale differenziato finisce ancora in discarica nel rifiuto secco ASIA ha svolto attraverso enti terzi delle analisi su campioni di rifiuto scaricate in discarica. Il rifiuto destinato all analisi merceologica, è stato raccolto tramite tre automezzi compattatori per un totale di kg. Di ogni carico, separatamente mescolato è stato preso una parte del carico della Valle di Cembra, una parte del carico dell Altopiano della Paganella e due parti del carico della Piana Rotaliana, al fine di formare il carico rappresentativo da sottoporre ad inquartamenti. Le parti sono proporzionali alla produzione totale del relativo ambito. Dall analisi si evince come una parte dei rifiuti venga differenziata, mentre una percentuale intorno al 30% potrebbe ancora essere meglio differenziata, in particolare spiccano i film in plastica, la parte organica, la carta in misura del 20% ed i rifiuti tessili. Pertanto visti i dati presentati sullo scarto presente nel multimateriale leggero con la continua promozione di una corretta raccolta differenziata e con l incentivo all utilizzo del CRM ASIA crede di sostituire il materiale riciclabile che finisce in discarica (principalmente tovaglie e tovaglioli in cellulosa che potrebbero finire nella frazione umida ed i film plastici) nella misura di circa 1000 ton da sostituire con il corretto indirizzamento delle 1030 ton di scarti in multimateriale. OBIETTIVO 4 Miglioramento della Qualità della raccolta differenziata sui 5 bacini dello scarto sul multimateriale leggero stradale diminuzione del 5% medio nel triennio. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 17

18 LA GESTIONE DELLA TARIFFA PUNTUALE RIFLESSI SULLA QUALITÀ DEI RIFIUTI RACCOLTI Dal 2012 ASIA applica la tariffa puntuale sui 32 comuni serviti. Già nei primi mesi di applicazione ASIA ha ravvisato i punti deboli di tale modello tariffario imposto dalla provincia ed ha iniziato una serie di incontri con i propri comuni consorziati. Tale sistema porta ad una continua e persistente diminuzione dei litri conferiti sia dalle utenze domestiche che dalle utenze non domestiche. La diminuzione dei litri conferiti ne aumenta indiscriminatate il costo provocando effetti deleteri sulla raccolta differenziata Nei grafici si vede come il rifiuto secco misurato e i litri di rifiuto presi come unità di misura dello stesso siano diminuiti di circa il 30%, mentre l andamento del peso raccolto è in flessione ma solo di qualche punto percentuale. GRAF. 09 ANDAMENTO DEI DEI LITRI RACCOLTI 18 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

19 GRAF. 10 TREND ANDAMENTO DEI LITRI RACCOLTI Pertanto ASIA ha deciso di iniziare un omogeneizzazione dei servizi per Ambito e di aprire alcuni tavoli di confronto con i comuni, le comunità e la Provincia al fine di ottenere una tariffa omogenea per ambito e che tenga in considerazione i costi sostenuti per le raccolte differenziate. T OBIETTIVO 6 Cambiamento dei sistemi di raccolta per un omogeneizzazione dei servizi sul territorio e di riflesso la definizione di un modello omogeneo di servizi per ambito per arrivare ad una tariffa puntuale d ambito ed a sistemi tariffari che influenzino in maniera minore il comportamento delle utenze. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 19

20 GESTIONE DEL CRZ E CENTRI RACCOLTA MATERIALI (ISOLE ECOLOGICHE) Dal 2011 ASIA gestisce in maniera diretta i Centri di raccolta distribuiti sui suoi 32 comuni e il centro di raccolta Zonale (CRZ) di Lavis. I centri di raccolta gestiti da ASIA sono 17 incluso il CRZ e 1 area con autorizzazione contingibile e urgente servendo in totale 27 comuni. (alcuni CR sono sovracomunali). Riportiamo di seguito una tabella riepilogativa dello stato dei CRM e delle aree localizzate aggiornata al 31 Maggio Nel 2010 la maggior parte dei Comuni aveva già destinato delle zone apposite per la realizzazione di CRM, come previsto dal D.M. 08 aprile 2008 e ss.mm. ed int. I CRM e le aree localizzate possono accettare rifiuti provenienti esclusivamente da utenze domestiche, mentre il CRZ di Lavis può accettare i rifiuti urbani provenienti da utenze domestiche e assimilati. ASIA è incaricata dai Comuni di gestire le operazioni di raccolta trasporto e smaltimento dei rifiuti stoccati nei CRM, mentre l esercizio del Centro Raccolta Materiali è gestito direttamente dai Comuni. ASIA tra il 2010 e l inizio del 2011 ha stipulato la Convenzione con la maggior parte dei Comuni per la gestione del CRM secondo il D.M. 08 aprile I Comuni, per i quali risulta difficile la localizzazione del CRM o di aree localizzate, hanno optato per il Centro di Raccolta Materiali mobile detto anche Centro Ambiente Mobile (CAM). I Comuni che nel 2011 utilizzano i CAM sono: Faedo, Giovo, Grumes, Grauno, Valda. TALE MOBILE UMIDO 20 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2

21 Per verificare l andamento della raccolta nei 18 CR gestiti da ASIA si sono iniziate a compilare delle statistiche dettagliate sui singoli centri al fine di verificare l efficacia della comunicazione e le quantità di rifiuti raccolte nei centri di raccolta. Tale raccolta di rifiuti presso il CR è in leggero aumento nel GRAF. 11 PERCENTUALE PRO CAPITE PRINCIPALI RIFIUTI AL CRM Dopo l informatizzazione dei centri avvenuta nel triennio e soprattutto la diffusione delle convenzione per l utilizzo delle aziende del CR stesso per il conferimento dei rifiuti assimilati. Per il triennio ASIA ha intenzione di incentivare l utilizzo del CR attraverso degli incentivi (vedi esempio in tabella) e la messa a punto di un sistema di pesatura e di riconoscimento degli utenti. INCENTIVI PER CONFERIMENTI AL CRM (VALORI IN /TON) CARTA CARTONE PLASTICA IMBALLAGGI IN PLASTICA ROTTAMI FERROSI VETRO NOTE 67,00 72,00 70,00 100,00 20,00 8,00 valore OBIETTIVO 5 Aumento della raccolta di alcune frazioni al CR del 10% in tre anni. PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI _ CAPITOLO 2 21

22 22 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

23 CAP. 3 GESTIONE DELLE RISORSE GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 23

24 GESTIONE DELLE RISORSE GESTIONE RISORSE IDRICHE SCARICHI IDRICI Al fine di garantire un costante controllo sulla qualità delle acque scaricate ed il rispetto dei limiti, ASIA stipula annualmente un contratto con una ditta esterna per la manutenzione del depuratore e per l effettuazione 11 analisi chimiche di cui 2 complete e 10 con i parametri più significativi per lo scarico. Riportiamo di seguito i risultati inerenti i principali parametri chimici analizzati (valori medi di 11 analisi effettuate da Gennaio a Dicembre 2013). USCITA DEP. GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO OTT NOV DIC MEDIA LIMITI COD BOD < , , Azoto Amm. Azoto nitroso 10,22 12,39 10,35 3,3 2,54 12,92 12,70 4,83 9,38 1, ,038 0,044 0,203 0,29 0,272 0,026 0,140 0,278 0,059 0, ,6 Nitrati 0,617 0,769 < 0,2 1,343 0,835 < 0,2 0,437 1,80 < 0,2 2, Azoto totale Fosforo totale 12,54 10,64 9,0 4,3 3,3 13,00 11,50 6,36 7,67 4, ,99 0,193 0,381 0,219 0,183 0,334 0,863 0,490 1,02 0, GRAF. 12 ANALISI IN USCITA DAL DEPURATORE PER IL PARAMETRO FOSFORO TOTALE 24 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

25 CONSUMI IDRICI Tutta l acqua utilizzata per l attività di ASIA è prelevata dall acquedotto comunale. La maggior parte dell acqua viene utilizzata per il lavaggio degli automezzi e per il lavaggio dei cassonetti. Riportiamo di seguito i consumi idrici degli ultimi anni. I dati riportati nelle tabelle sono rilevati dalle fatture Acqua in mc Acqua in mc GRAF. 13 CONSUMO ACQUA NELLA SEDE DI ASIA Per l anno 2014 è stato rilevato un consumo pari a 1613 mc per il minor numero di raccolte e, quindi, di lavaggio di mezzi e cassonetti. Come indicatore abbiamo mantenuto il numero di mc per mezzo che è in diminuzione ancora più accentuata essendo aumentati i mezzi. 60 Acqua in metri cubi pro automezzo mc 30 acqua in metri cubi GRAF. 14 CONSUMO ACQUA PER AUTOMEZZO GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 25

26 ENERGIA CONSUMATA METANO Impianto di riscaldamento - Il metano viene utilizzato per il funzionamento dell impianto di riscaldamento da 80 kw adibito al riscaldamento della sede di ASIA. I dati riportati nel grafico sono rilevati dalle fatture dell ente gestore. I lavori di coibentazione hanno portato ad un minor consumo di metano. La caldaia inoltre ha subito tutti i controlli previsti dalla normativa e dal DPR 16 Aprile 2013 della Provincia di Trento MC gas GRAF. 15 GAS UTILIZZATO PER RISCALDAMENTO DELLA SEDE 26 GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3

27 ENERGIA ELETTRICA Il consumo di energia è prevalentemente collegato al funzionamento del depuratore ed in parte alle attività tecnico amministrative svolte dagli uffici. Dal grafico si può notare come i valori relativi al consumo di energia sede-depuratore siano in continuo aumento, questo per l utilizzo continuo del depuratore e l utilizzo di press container presso il CRM. Dal 2010 ASIA ha deciso di aderire al contratto del gestore che la impegna ad acquistare energia elettrica solo da energia rinnovabile. Dal grafico si evince come i consumi dal 2012 al 2014 siano leggermente diminuiti. Sede-Depuratore-CRZ KW/H GRAF. 16 CONSUMI ELETTRICI DELLA SEDE E DEL CRZ OBIETTIVO 8 Ampliamento e miglioramento sede con predisposizione del nuovo piazzale e dell area di trasferimento per il rifiuti. OBIETTIVO 9 Gestione risorse idriche con sensibilizzazione all utilizzo nei lavaggi limitando gli stessi durante le settimane di scarso utilizzo degli stessi. GESTIONE DELLE RISORSE _ CAPITOLO 3 27

28 28 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

29 CAP. 4 EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 29

30 EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI PROVENIENTI DAI GAS DI SCARICO DEI MEZZI ADIBITI ALLA RACCOLTA L attività di raccolta e trasporto dei rifiuti viene effettuata direttamente da mezzi di proprietà di ASIA. Si riportano le tipologie di mezzi a disposizione di ASIA, a testimonianza del processo continuo di rinnovamento degli stessi al fine di limitare nel tempo le emissioni inquinanti. Successivamente all anno 2003 sono stati acquistati 15 mezzi nuovi. Più dei 2/3 dei mezzi utilizzati da ASIA sono stati acquistati successivamente all anno Nel 2014 è stato acquistato un mezzo Euro 6 che sostituisce Euro 2, ed è stato mantenuto in buone condizioni il rimanente dei parco mezzi. Inoltre ad inizio 2015 sono stati acquistati altri due mezzi euro 5 e 1 euro 6 in sostituzione di due euro 2. Gli interventi di piccola manutenzione ordinaria (es. pulizia filtri, ecc) sono gestiti direttamente dall officina di ASIA, mentre per le manutenzioni straordinarie ed ordinarie (es. tagliandi ecc.) ci si affida a fornitori esterni. Euro parco mezzi al Euro 2 Euro 3 Euro 4 Euro 5 3 Euro 6 19 GRAF. 17 NUMERO DI MEZZI DI ASIA 30 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

31 CARBURANTE ED ANIDRIDE CARBONICA EMESSA PER LA RACCOLTA RSU Per l attività di ASIA sono impiegati 39 mezzi e 1 auto aziendale. Nonostante ASIA provveda a sostituire negli anni i mezzi più obsoleti con mezzi tecnologicamente migliori anche riguardo al consumo di combustibile, il numero e le caratteristiche dei mezzi adibiti alla raccolta comportano comunque un elevato consumo di carburante, che si mantiene stabile nel corso degli ultimi 3 anni. 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0, primo semestre 12,031 1,87 12,571 2,23 12,131 0,39 31,883 1,45 33,313 2,41 32,152 7,53 GRAF. 18 CONSUMO GASOLIO DEI MEZZI NEL 2011 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 31

32 32 EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4

33 Gli indicatori legati ai consumi sono principalmente riassumibili iproduzione di anidride carbonica legata alla raccolta ed al trasporto dei rifiuti urbani: nel 2014 kg di CO 2 emessa (2650 g di CO 2 ogni litro di gasolio). Consumo gasolio in litri e anidiride carbonica emessa in atmosfera in kg Gasolio consumato in litri Anidride carbonica emessa in kg GRAF. 19 RAPPORTO FRA RACCOLTA E CONSUMO DI CO 2 Quindi avremo una produzione di anidride carbonica di 12,81 kg per abitante equivalente servito sul territorio di ASIA. Per intendersi è come se ogni utente, in un anno, percorresse 111 km con la propria auto, per trasportare i propri rifiuti. (115 g/km auto di media cilindarata euro 6) OBIETTIVO 1 Ammodernamento del parco mezzi. Acquisto mezzi Euro 5 e razionalizzazione dei giri con una minor emissione del 2% annuo. OBIETTIVO 2 Ottimizzazione dei giri attraverso la dotazioni di sistemi di controllo dei mezzi e uno studio approfondito dei flussi e della distribuzione delle isole. EMISSIONI IN ATMOSFERA _ CAPITOLO 4 33

34 34 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

35 CAP. 5 ALTRI INDICATORI ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5 35

36 ALTRI INDICATORI GESTIONE DELLE EMERGENZE Per quanto riguarda gli scenari di possibili emergenze in campo ambientale sono state individuate le apposite procedure di risposta a tali accadimenti che possono comprendere perdite accidentali, rotture di serbatoi, sversamento di rifiuti e/o liquidi. I rischi da incendio sono gestiti attraverso una specifica procedura. La sede dispone di un Piano di Emergenza, il quale fornisce le linee guida per affrontare eventuali emergenze quali l incendio od eventi naturali quali i terremoti. Il personale è costantemente coinvolto e formato, eseguendo periodicamente delle simulazioni di situazioni di emergenza. Sono state attivate le squadre antincendio e di pronto intervento sanitario sia presso la sede di ASIA che presso i 18 CRM a cura della cooperativa di gestione GEA. Questi lavoratori hanno frequentato specifici corsi teorico/pratici e sono informati su ogni aggiornamento di interesse. OBIETTIVO 10 Verifica e messa a punto procedure e gestione delle emergenze per i 17 CRM di ASIA. PREVENZIONE INCENDI ASIA ha una sede di 6500 mq interamente urbanizzata con piazzali e con la struttura principale che funge da sede e da Centro di raccolta zonale. ASIA è in possesso del Certificato Prevenzione Incendi rinnovato a Novembre del 2013 con presentazione della domanda di rinnovo con immutata situazione ai VVFF come prescritto dal nuovo DPR in materia di antincendio. Il Certificato Prevenzione Incendi attuale è relativo alle seguenti attività secondo DPR 151/2011: Attività n. 12 2B: Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva superiore a 1 m 3 ; Liquidi infiammabili e/o combustibili e/o lubrificanti e/o oli diatermici di qualsiasi derivazione per capacità geometrica complessiva compresa da 1 m 3 a 50 m 3, ad eccezione di quelli indicati nella colonna A). Attività n. 13 2B: Impianti fissi di distribuzione carburanti per l autotrazione, la nautica e l aeronautica; contenitori - distributori rimovibili di carburanti liquidi. a) Impianti di distribuzione carburanti liquidi Contenitori distributori rimovibili e non di carburanti liquidi fino a 9 mc con punto di infiammabilità superiore a 65 C. Attività 34 B: Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici, archivi di materiale cartaceo, biblioteche, depositi per la cernita della carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per l industria della carta, con quantitativi in massa superiori a kg e fino a kg. Attività 44 B: Stabilimenti, impianti, depositi ove si producono, lavorano e/o detengono materie plastiche, con quantitativi in massa superiori a kg depositi fino a kg. Attività 75 B: Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 m 2 ; locali adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili di superficie superiore a 500 m 2 ; depositi di mezzi rotabili (treni, tram ecc.) di superficie coperta superiore a m 2. Autorimesse oltre m 2 e fino a m ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

37 L azienda ha, inoltre, ottemperato a quanto previsto dalla normativa vigente in materia antincendio (DM 9 Aprile D.Lgs 81). OBIETTIVO CRM oltre alle verifiche per i CRM con CPI verificare le dotazioni dei presidi per adeguamento e controllo diretto da parte di ASIA. OCCUPAZIONE DEL SUOLO Indicatori EMAS La superficie occupata dalla sede di ASIA e dal CRZ è di 132 mq per dipendente. ALTRI ASPETTI AMBIENTALI INDIRETTI Gestione dei fornitori di prodotti e prestazioni ASIA effettua un costante controllo sui fornitori di prodotti e di prestazioni ambientali, come descritto in un apposita procedura. Quando possibile, ASIA ricerca e favorisce i fornitori di prodotti con marchio ambientale (es. Ecolabel) oppure fornitori in possesso di certificazioni ambientali (es. ISO oppure Regolamento EMAS III). Al fine di ottimizzare, sia economicamente che qualitativamente le operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti raccolti, ASIA utilizza diversi fornitori qualificati. COMUNICAZIONE CON GLI UTENTI Durante il 2014 ASIA ha effettuato diverse attività di comunicazione con una campagna basata sul nuovo sistema di raccolta porta a porta del rifiuto umido sulla piana Rotaliana. Tale campagna era incentrata sul ciclo di vita della frazione organica che permette la produzione di biogas e di compost da rifiuto. COMUNE DI LAVIS AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE Comune di Lavis É OBBLIGATORIO USARE GLI APPOSITI SACCHETTI. PUOI RITIRARLI PRESSO: PLEASE USE ONLY THE BAGS PROVIDED. YOU CAN FIND THEM AT: VOUS DEVEZ UTILISER LES SACS APPROPRIÉS. QUE VOUS POUVEZ TROUVER A: CENTRO RACCOLTA MATERIALI O SPORTELLO COMUNALE sacchetti mater-bi 120 lt UN CICLO DOVE TUTTO RI-TORNA Raccolta porta a porta del rifiuto organico Collection of waste curbside cestello sottolavello 23 lt ORGANICO ORGANIC WASTE DÉCHETS ORGANIQUES I GIORNI DI RACCOLTA PORTA A PORTA DEL RIFIUTO ORGANICO DAL 4 MAGGIO 2015 SONO: MERCOLEDÌ E SABATO in caso di giorno festivo si passerà il primo giorno non festivo successivo. Per esempio: Sabato 15 agosto si passerà lunedì 17 agosto. ll mastello per le utenze singole o il bidone condominiale sono da esporre in strada nei luoghi dove già viene esposto il secco la sera prima del giorno di raccolta. CAMPAGNA SULLA RACCOLTA PORTA A PORTA DEL RIFIUTO UMIDO Ogni utente ASIA potrà richiedere al Comune il compost prodotto. T dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5 37

38 ORGANICO QUESTA TIPOLOGIA DI RIFIUTO COPRENDE: CIÒ CHE SEPARI OGGI, AVRÀ NUOVA VITA DOMANI... COMUNE DI LAVIS AZIENDA SPECIALE PER L IGIENE AMBIENTALE SCARTI DI CIBI COTTI E CRUDI ALIMENTI AVARIATI (SENZA IMBALLAGGI) SCARTI DI FRUTTA E VERDURA FIORI RECISI E PICCOLE PIANTE DA APPARTAMENTO GUSCI D'UOVO E DI FRUTTA SECCA GUSCI DI MOLLUSCHI E CROSTACEI RESTI DI PESCE E CARNE FONDI DI CAFFÈ E FILTRI DI TÈ TOVAGLIOLI, SALVIETTE, FAZZOLETTI DI CARTA CENERE DI LEGNA SPENTA TAPPI DI VERO SUGHERO STUZZICADENTI CON 10 kg DI RIFIUTO ORGANICO PRODUCIAMO CIRCA 2,5 kg DI COMPOST E CIRCA 2 mc DI BIOGAS Comune di Lavis ATTENZIONE! Vanno utilizzati solo gli appositi sacchetti biodegradabili forniti gratuitamente da ASIA non altro (sacchetti della spesa) Ogni utente ASIA potrà richiedere al Comune il compost prodotto. Per informazioni telefonare al numero: T dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 UN CICLO DOVE TUTTO RI-TORNA Parte la raccolta porta a porta del rifiuto organico CAMPAGNA RACCOLTA PORTA A PORTA UMIDO Parte la raccolta porta a porta del rifiuto organico nel Comune di Lavis. Lo slogan "Un ciclo dove tutto ri-torna" e la mucca come mascotte, ci ricordano che i nostri scarti di cibo e del verde si trasformano in fertilizzante naturale ed energia prodotta grazie all'impianto di biodigestione. Come viene già fatto per il rifiuto residuo, gli utenti esporranno fuori casa un mastello contenente l'umido. Il nuovo sistema di raccolta ha lo scopo di: incrementare il rifiuto organico separato dal residuo puntando sulla qualità creare un sistema più facile, comodo e "personalizzato" per gli utenti che potranno conferire il mastello comodamente sotto casa eliminare i contenitori stradali COSA CAMBIA? Dal 4 maggio 2015 il rifiuto organico verrà conferito, con un mastello personalizzato per ogni famiglia-utente, nei luoghi e nei modi con cui ora si espone il secco. sacchetti mater-bi cestello sottolavello Ad ogni utente verrà consegnato un mastello da 23 lt con coperchio, dotato di microchip, che conterrà i sacchetti compostabili e il calendario con i giorni e gli orari della raccolta. ATTENZIONE! 23 lt I giorni di raccolta del rifiuto organico saranno: Il Mercoledì e il Sabato, in caso di giorno festivo si passerà il primo giorno non festivo successivo. Per esempio: Sabato 15 agosto si passerà lunedì 17 agosto. Nel comune di Lavis sono state individuate diverse tipologie di utenze, distinte tra domestiche e non domestiche, e tra singole o condominiali. Per ciascuna categoria è stato studiato un sistema di raccolta che facilita il conferimento del rifiuto organico. Se abiti in una casa con meno di 9 appartamenti, una volta che hai riempito il cestello sottolavello, svuotalo nel mastello marrone da 23 lt e quando è pieno esponilo nelle giornate della raccolta nel posto dove in altre giornate esponi il mastello del residuo. Se abiti in un condominio con più di 8 appartamenti una volta che hai riempito il cestello sottolavello traforato, svuotalo nel mastello marrone da 120 lt. Tale contenitore sarà svuotato 2 volte a settimana dagli operatori ASIA e come avviene per il residuo dovrà essere portato in strada nei giorni 120 lt prestabiliti. 38 ALTRI INDICATORI _ CAPITOLO 5

Pensiero sostenibile globale ed efficace azione locale: la raccolta differenziata dei rifiuti a Fermo

Pensiero sostenibile globale ed efficace azione locale: la raccolta differenziata dei rifiuti a Fermo Workshop 7 Novembre Fermo Pensiero sostenibile globale ed efficace azione locale: la dei rifiuti a Fermo Garantire valori superiori all 80% di nei territori dei 32 comuni del Trentino serviti da ASIA 1

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA www.provincia.roma.it Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA Comune di Cave Ufficio Informazioni RD, Tel. 06 950 008 28 - www.comune.cave.rm.it La raccolta differenziata Necessità

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30

Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30 Discarica comprensoriale di MONCLASSICO telefono: 0463.973151 Orario: dal lunedì al venerdì: 8.00 12.30 / 13.00 15.30 DATI SIGNIFICATIVI DELLA RACCOLTA RSU NEGLI ANNI Aggiornati al mese di febbraio 2010

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Allegati - ALLEGATI -

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Allegati - ALLEGATI - SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI E ATTIVITÀ CONNESSE (PULIZIA AREE E SERVIZI IGIENICI AD USO PUBBLICO), DA ESEGUIRSI PRESSO IL CENTRO AGRO ALIMENTARE DI TORINO (CAAT). CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ALLEGATI

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE

DICHIARAZIONE AMBIENTALE AZIENDA RUSTICO DEL CONERO FRAZ. VARANO, 97/99-69 ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 76/ (EMAS) ANNO 6 Aggiornamento annuale anno 8 N. Registro IT 589 REVISIONE del /9/8 PREMESSA

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Sommario PREMESSA... 2 OBIETTIVI... 2 DESTINATARI... 2 METODOLOGIA... 3 SISTEMA PREMIANTE... 4 DETTAGLIO PROGETTO...

Dettagli

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO

RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL COMUNE DI ROBBIO RACCOLTA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI NEL PARTE LE RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DIRETTAMENTE A CASA TUA State comodi, veniamo noi! 2 C.L.I.R. è lieta di presentarvi il suo TESTIMONIAL... 3

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it PROGETTO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI PRODOTTI NEL QUARTIERE 167 OVEST COMUNE DI FOLLONICA RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA 1 PROGETTO DI RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO.

COMUNE DI. Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. COMUNE DI Raccolta differenziata dei rifiuti SEMPLICE COME UN GIOCO. RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PER RENDERE EFFICIENTE UN SERVIZIO AL CITTADINO NEL RISPETTO DELLE REGOLE DETTATE DALLA COMUNITA

Dettagli

RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla

RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla F A C C I A M O L A D I F F E R E N Z A!!! RIFIUTI ORGANICI COMPOSTABILI (UMIDO) riduci riusa ricicla riduci riusa riduci riusa ricicla riduci riusa ricicla SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA rifiuti organici

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ED ASSIMILATI E DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO SU LEGNANO. MODIFICA ALL ARTICOLO 23 ESAME ED

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) 1. OGGETTO DELL ALLEGATO ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI CELLULOSICI (ACCORDO ANCI - COMIECO) L allegato si riferisce ai rifiuti da imballaggio a base cellulosica primari o comunque conferiti al gestore del

Dettagli

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015

Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano. Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Servizi di raccolta rifiuti in contesto metropolitano Edoardo Barzotti HOST - 26 Ottobre 2015 Indice degli argomenti Criteri generali Raccolta indifferenziato Raccolta carta vetro Raccolta cartone Raccolta

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura

Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Più differenzi, Più riduci, Più risparmi. La TARES PUNTUALE Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Colorno, maggio 2013 TARES PUNTUALE È un sistema di misurazione dei rifiuti

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche

Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche Gli investimenti effettuati e programmati nel recupero delle frazioni organiche Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani DGR 73/7 del 20.12.2008 Raggiungimento del 65% di raccolta differenziata entro

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti

Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 28 Aprile 2015 Roma Dove siamo CONTARINA Società per Azioni 60% 40% Kmq Comuni Abitanti Utenti Dipendenti

Dettagli

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti 1. La società e il territorio gestito 2. Il modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso Dove siamo Il territorio consortile Gestione

Dettagli

ABA CDEFBDFE A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A ! "! ! * + +, ", - , B$%+FBA.A!FBB FDF*////////////////

ABA CDEFBDFE A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A ! ! ! * + +, , - , B$%+FBA.A!FBB FDF*//////////////// ABA CDEFBDFE ABCDEFE ECFEC! "A#$#%&#%!'$A()$%$A$A A#$#%&*##%!'$A( )$%$A$A! "! #EE$FDB%&'EF(DEFD(AFE'"((FED)! * + +, ", -, B$%+FBA.A!FBB FDF*//////////////// Lista delle categorie dei servizi previsti per

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16

RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16 RACCOLTA DIFFERENZIATA a Porta ECOCALENDARIO2015/16 SACCHETTO AVORIO (biodegradabile e compostabile) NEL CONTENITORE MARRONE > ORGANICO COSA: briciole, bucce di frutta e verdura, lettiera per animali,

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta

ALLEGATO 2 PG 05.01 Gestione del servizio pubblico di raccolta ALLEGATO 2 PG 05.01 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità operative per la gestione dei servizi di raccolta pubblica pianificati da Fiemme Servizi SpA con riferimento alle singole

Dettagli

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 Piano per l incremento l della Raccolta Differenziata e per l introduzione l della raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 1 Raccolta differenziata dell organico

Dettagli

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE Comune di Teolo Cittadella, 1 febbraio 2015 Oggetto: Secco, vetro, carta e cartone, umido e verde negli appositi contenitori Gentile Cittadino, dal 1 giugno 2015 i rifiuti secco non riciclabile, vetro,

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti)

La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti) La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti) Scuola di Altra Amministrazione Procida, 13 settembre 2014 Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Contesto

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014.

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. Gentili cittadini, come evidenziato lo scorso anno con nota informativa di pari oggetto, il 2013 è stato il primo anno in cui

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori:

In particolare, sono stati sottoposti a misurazione e controllo i seguenti fattori: \ La presente Relazione Tecnica, nel primo capitolo, descrive i risultati dei controlli e delle verifiche effettuate nel corso dell anno 2012 sui parametri e con le tempistiche previsti dal Piano di Monitoraggio

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

E C O L O G I A 40 anni 1975-2015

E C O L O G I A 40 anni 1975-2015 ECOLOGIA 4 0 anni 1975-2015 Forti di un esperienza di quarant anni nel settore dell ecologia, attualmente siamo in grado di fornire un servizio completo nella gestione di scarti e rifiuti industriali,

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

Contarina Spa Dalla tariffa puntuale all economia circolare

Contarina Spa Dalla tariffa puntuale all economia circolare Contarina Spa Dalla tariffa puntuale all economia circolare Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 19 Ottobre 2015 Parma Dove siamo CONTARINA Società per Azioni Kmq Comuni Abitanti Utenti

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. Chi siamo

Dettagli

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità

Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO. Principali Novità Rinnovo Accordo Quadro ANCI-CONAI: Allegato Tecnico IMBALLAGGI IN ACCIAIO Principali Novità RICREA: nascita, scopo, obiettivo Il Consorzio Nazionale Acciaio (RICREA) è stato costituito in data 18 novembre

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA: Gestione e controllo sistema raccolta rifiuti

PROCEDURA OPERATIVA: Gestione e controllo sistema raccolta rifiuti PO.ULP.10 COMUNE DI BIBBONA Data 1 emissione 20.9.06 PROCEDURA OPERATIVA: Gestione e controllo sistema raccolta rifiuti OBIETTIVI: Continuità e miglioramento del servizio di raccolta dei rifiuti; corretto

Dettagli

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile L applicazione del Modello Contarina La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile 1. La tariffa puntuale 2. I risultati 3. I controlli contro gli abbandoni La

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 Il territorio gestito da CMV Servizi: Le premesse del progetto solo con immagini Tema n 1 la riqualificazione del territorio Le premesse del progetto

Dettagli

COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena. Raccolta rifiuti Porta a Porta

COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena. Raccolta rifiuti Porta a Porta COMUNE DI FORLIMPOPOLI Provincia di Forlì-Cesena Raccolta rifiuti Porta a Porta OBIETTIVO NORMATIVO Al 31 dicembre 2012 la percentuale di Raccolta Differenziata dovrà essere non inferiore al 65% PERCHE

Dettagli

Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile. Bassano del Grappa, 29 aprile 2014

Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile. Bassano del Grappa, 29 aprile 2014 Etra, la multiutility dei cittadini per un futuro sostenibile Bassano del Grappa, 29 aprile 2014 Dalla buona gestione del territorio, una più alta qualità della vita per tutti Il contesto territorio in

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à A m b i e n t a l e

R e s p o n s a b i l i t à A m b i e n t a l e R e s p o n s a b i l i t à A m b i e n t a l e Il rispetto per l ambiente Il rispetto per l ambiente è da sempre alla base del modo di operare in Carimali. Negli ultimi anni, in relazione alla crescita

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Nel 2013 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Colorno Tariffa puntuale Colorno.indd 1 22/04/2013 8.04.09 Più differenzi, più riduci, più risparmi La

Dettagli

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE

RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO CONSUNTIVO 2013 TARES PREVENTIVO 2014-2016 TARI CITTA DI ARESE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO TARES 2013 TARI 2014-2016 1 1. PREMESSA Il presente documento contiene la relazione

Dettagli

CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti Spresiano, 16 Luglio 2015 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Gli obiettivi per il futuro Chi

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA

COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA COMUNE DI CORCIANO RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NELLE AREE AD ALTA INTENSITA ABITATIVA Aprile 2011 Premessa Il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Corciano ha iniziato ad operare in

Dettagli

La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura

La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Più differenzi, Più riduci, Più risparmi. La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Roma, 01.06.2013 il presidente Raphael Rossi Gruppo Iren: posizionamento TELERISCALDAMENTO

Dettagli

Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano

Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 7 Ottobre 2015 Roma Dove siamo CONTARINA Società per Azioni

Dettagli