Università degli Studi di Napoli Federico II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Area Didattica Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Tesi sperimentale di Laurea Triennale Sviluppo di un Marketplace e tecniche di contestualizzazione su un sistema cloud con OpenStack Relatori Candidato Prof. Guido Russo Fabio Buonocore Dr. Silvio Pardi matr. 566/3104 Anno Accademico

2 Indice generale 1 Introduzione Cloud Computing Come funziona Perchè il cloud computing Virtualizzazione I modelli di servizi IaaS PaaS SaaS OpenStack Struttura OpenStack Compute Service (Nova) Networking Service (Neutron) Identity Service (Keystone) Block Storage Service (Cinder) Object Storage Service (Swift) Image Service (Glance) Dashboard (Horizon) Orchestration Service (Heat) Metering/Monitoring Service (Ceilomter) RestAPI Ambiente di sviluppo Hardware utilizzato...28 Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 2 di 99

3 5 Marketplace Funzionalità Contestualizzazione L'utilizzo di cloud-init Sviluppo Marketplace Tecnologie utilizzate Libcurl JSON Bootstrap Sitemap Marketplace Interazione con la piattaforma di cloud Autenticazione Istanziazione macchina virtuale Visualizzazione macchine istanziate Accesso alla macchina virtuale Gestione degli errori Esempi d'utilizzo Login Istanziazione macchina virtuale Visualizzazione istanze Casi d'uso Observium Preparazione dell'immagine Contestualizzazione Observium Xilinx Vivado...51 Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 3 di 99

4 6.2.1 Preparazione dell'immagine Contestualizzazione Vivado Esempio d'uso Conclusioni e sviluppi futuri Appendice Pagine marketplace login.php index.php images.php listinstances.php Classi e funzioni functions.php curlrequest.php RequestManager.php UserData.php ErrorManager.php Pagine di configurazione configurations.php Pagine di stile e template style.css header.php footer.php...98 Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 4 di 99

5 Indice delle illustrazioni Illustrazione 1: Cloud Computing...8 Illustrazione 2: Virtualizzazione...11 Illustrazione 3: Modelli di servizi...12 Illustrazione 4: Architettura concettuale OpenStack...16 Illustrazione 5: Snapshot Dashboard - Elenco istanze...23 Illustrazione 6: OpenStack Compute...26 Illustrazione 7: Schema logico installazione servizi OpenStack...27 Illustrazione 8: Dell PowerEdge R Illustrazione 9: Dell PowerEdge R Illustrazione 10: Schema fisico della rete...29 Illustrazione 11: Usecase Marketplace...30 Illustrazione 12: Sequence interazione Marketplace - OpenStack...35 Illustrazione 13: Sequence richiesta autenticazione...38 Illustrazione 14: Sequence richiesta istanza nuova macchina virtuale...40 Illustrazione 15: Screenshot utilizzo istanza da browser...42 Illustrazione 16: Screenshot login marketplace...44 Illustrazione 17: Screenshot Crea Istanza...45 Illustrazione 18: Screenshot conferma richiesta istanziazione inviata...46 Illustrazione 19: Screenshot "Mostra Istanze"...46 Illustrazione 20: Screenshot esempio contestualizzazione Observium...50 Illustrazione 21: Screenshot Observium su exec01.na.infn.it...51 Illustrazione 22: Screenshot Vivado in funzione sulla macchina virtuale...55 Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 5 di 99

6 1 Introduzione L'obiettivo di questo lavoro di tesi è lo sviluppo di un marketplace come applicazione web per un'infrastruttura di cloud computing di tipo IaaS e l'utilizzo di tecniche di contestualizzazione per la personalizzazione e la configurazione di immagini sul cloud. L'aumento di anno in anno della potenza computazionale e la grande facilità di accesso a internet hanno portato ad un utilizzo sempre maggiore di servizi cloud. Gli utenti collegati ad un cloud provider possono ad esempio utilizzare software remoti non direttamente installati sul proprio computer e salvare dati su sistemi di archiviazione remoti. Il marketplace offre agli utenti del cloud, la possibilità di scegliere in modo semplice ed intuitivo il tipo di risorsa da utilizzare e di contestualizzarla in base alle proprie necessità. Con il termine contestualizzazione s'intende la possibilità di personalizzare e configurare una risorsa virtuale in base alle proprie esigenze in modo da renderla immediatamente utilizzabile dall'utente. Un esempio è quello di installare software o pacchetti aggiuntivi o inibire l'accesso root alla macchina virtuale. Grazie all'uso di tecniche di contestualizzazione dunque è possibile automatizzare l'esecuzione di operazioni che potrebbero richiedere conoscenze specifiche non possedute da un utente finale. Il marketplace è stato testato su un'infrastruttura di cloud computing implementata con il sofware open source OpenStack, il quale espone pubblicamente delle API che si occupano di comunicare con i servizi che orchestrano e gestiscono il cloud. L'infrastruttura utilizzata è situata nel datacenter dell'infn di Napoli ed utilizza 3 macchine fisiche rispettivamente dedicate ai servizi di gestione della piattaforma di cloud, al calcolo computazionale e allo storage dei dati. Il presente lavoro di tesi chiarisce il concetto di cloud computing, mostrando quali Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 6 di 99

7 sono i principali benefici che ne giustificano l'utilizzo e i modelli di servizi che esso offre agli utenti. Inoltre, viene accennato il concetto di virtualizzazione, fondamentale per la realizzazione di infrastrutture cloud in quanto permette l'ottimizzazione delle risorse grazie alla possibilità di creare più macchine virtuali su una singola macchina fisica. Successivamente, viene illustrata la piattaforma OpenStack e tutti i servizi che la compongono. Tali servizi sono alla base della realizzazione di un'infrastruttura di tipo IaaS. Dopo aver chiarito i concetti che hanno portato allo sviluppo del marketplace e descritto gli strumenti necessari alla sua realizzazione, vengono mostrate le tecnologie utilizzate per lo sviluppo del marketplace come applicazione web e come esso interagisce con l'infrastruttura di cloud. Infine vengono riportati due casi d'uso del marketplace al fine di dimostrare l'importanza d'utilizzo della contestualizzazione, dettagliando inoltre tutti i passi necessari per la creazione di un'immagine di un disco virtuale adatta ad essere eseguita su OpenStack. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 7 di 99

8 2 Cloud Computing Il cloud computing consiste nella fruizione di applicazioni e servizi tramite internet, grazie a un insieme di tecnologie che consentono l'accesso a risorse in modo configurabile e tagliato su misura per l'utilizzo richiesto. Nel cloud computing non esiste un server come tradizionalmente lo si intende ma un gruppo distribuito di server interconnessi che gestiscono servizi, eseguono applicazioni ed archiviano documenti in modo totalmente trasparente all'utilizzatore. In questo modo le entità (comunità scientifiche, aziende, ecc) connesse al cloud non hanno la necessità di essere dotati di hardware particolarmente potente in quanto la potenza di calcolo non risiede nella workstation ma è distribuita in rete tra i computer che compongono la nuvola. Illustrazione 1: Cloud Computing Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 8 di 99

9 2.1 Come funziona Un'infrastruttura di cloud computing generalmente è composta da vari componenti (computers, server, data storage ecc) diretti da un server centrale (controller) che ha il compito di monitorare il traffico e gestire le esigenze dei client, assicurandosi che il tutto funzioni correttamente. Esso segue una serie di regole chiamate protocolli e usa un tipo speciale di software chiamato middleware. Il middleware ha il compito di allocare le interfacce di rete in modo da permettere la comunicazione tra i vari computer. Per sfruttare il più possibile tutte le risorse fisiche a disposizione è indispensabile utilizzare la tecnica della virtualizzazione. In questo modo è possibile creare più istanze con il proprio sistema operativo su una singola macchina fisica. 2.2 Perchè il cloud computing Ci sono diversi motivi per cui può essere utile affidare al cloud l'esecuzione di programmi e lo storage di dati: Gli utenti possono accedere alle loro applicazioni e ai loro dati da qualsiasi computer dotato di una connessione ad internet. I dati non sono confinati all'interno di un singolo disco fisso, un singolo computer o rete privata. Riduzione dei costi dell'hardware lato client. E' compito del fornitore del servizio mantenere un'infrastruttura cloud sempre aggiornata in grado di soddisfare tutte le necessità del cliente. Gli utenti della nuvola necessitano semplicemente di un terminale che sia in grado di accedere al middleware per connettersi al cloud. Riduzione dei costi del software. Di solito nell'offerta di un sistema di cloud è compreso l'accesso ad un insieme di applicazioni. In questo modo una compagnia o un'organizzazione non necessita l'acquisto di molteplici licenze di software. Ottimizzazione degli spazi. Server e dispositivi di memorizzazione occupano Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 9 di 99

10 spazio. Alcune aziende affittano spazi dedicati per i loro server o data center perché non dispongono di spazio sufficiente in loco. Il cloud offre l'opportunità di utilizzare direttamente le proprie infrastrutture. Riduzione dei costi di assistenza informatica. La manutenzione informatica è demandata al gestore dei servizi di cloud. Ottimizzazione dei tempi di computazione. Nel caso l'infrastruttura di cloud computing sia composta da un sistema grid, il client ne acquisisce tutti i suoi vantaggi. Scienziati o gruppi di ricerca lavorano con calcoli complessi che potrebbero richiedere anni per essere eseguiti su dei normali personal computer. In tal caso invece, il calcolo sarebbe inviato al sistema di cloud e processato sfruttando tutta la sua potenza di elaborazione, riducendo in maniera significativi i tempi di calcolo. 2.3 Virtualizzazione Come accennato in precedenza in ambiti di cloud computing è spesso utilizzato il concetto di virtualizzazione. Spesso i calcolatori che offrono servizi (server, non "desktop") sono sottoutilizzati per questioni di sicurezza e praticità: viene, di norma, installata una sola applicazione per sistema operativo e dunque una sola applicazione per calcolatore. Questa condizione implica la presenza di più calcolatori, che occupano spazio ed impiegano ingenti risorse di denaro, nonché di gestione e manutenzione. Grazie alla virtualizzazione dunque è possibile emulare parallelamente, via software, istanze di macchine non più fisiche ma appunto virtuali, in modo da permettere l'esecuzione di più sistemi operativi su un singolo elaboratore, ciascuno in un ambiente altamente isolato. La creazione e la gestione delle macchine virtuali è demandata ad uno strato software chiamato hypervisor posizionato ad uno dei livelli più bassi della pila delle componenti che formano un sistema virtualizzato. L'hypervisor ha il compito di allocare le risorse della macchina fisica ad ogni macchina virtuale e di intercettare e tradurre le chiamate di sistema effettuate dai Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 10 di 99

11 sistemi operativi ospiti (guest), affinché vengano correttamente eseguite dalla CPU anche nel caso in cui esistano più guest in esecuzione in maniera concorrente. Illustrazione 2: Virtualizzazione Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 11 di 99

12 2.4 I modelli di servizi I servizi offerti da una struttura di cloud computing vengono generalmente divisi in tre modelli di astrazione che variano per necessità e obiettivi. Essi sono rispettivamente, dal livello più basso a quello più alto: Infrastructure as a Service (IaaS), Platform as a Service (PaaS) e Software as a Service (SaaS) IaaS Il modello Infrastructure as a Service è il servizio più vicino a ciò che forma il cloud. Esso consiste nella fruizione di risorse hardware virtualizzate, solitamente computazionali o di archiviazione. In pratica è come se si disponesse di un computer fisico vero e proprio senza la preoccupazione di dover pensare alla continuità dell'hardware, in quanto è compito del fruitore dei servizi di occuparsi di questi aspetti di basso livello. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 12 di 99

13 2.4.2 PaaS Il modello Platform as a Service consiste nella virtualizzazione di una piattaforma di elaborazione. Il PaaS sfrutta tutte le astrazioni che il modello più basso gli mette a disposizione in modo trasparente: in questo caso il fruitore del servizio non deve occuparsi dell'infrastruttura attraverso il quale è realizzata la piattaforma, ma ha come unica necessità l'utilizzo di un ambiente di sviluppo per la produzione del proprio servizio. Il fruitore di tale servizio ha meno oneri ma anche meno flessibilità, in quanto potrebbe essere costretto ad utilizzare esclusivamente le tecnologie messe a disposizione dalla piattaforma SaaS Il modello Software as a Service è il servizio di più alto livello che può essere offerto da un'infrastruttura di cloud-computing. Consiste in un software, il più delle volte web-based, realizzato su una piattaforma che a sua volta poggia su una infrastruttura; l'utilizzatore accederà all'applicazione in maniera totalmente trasparente, senza sapere che piattaforma, sistema operativo o librerie sono necessarie per far funzionare tale applicazione. E' compito dei livelli inferiori (PaaS e IaaS) gestire e allocare le piattaforme e le risorse necessarie alla sua corretta esecuzione. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 13 di 99

14 3 OpenStack OpenStack è un progetto, inizialmente partito da NASA e Rackspace, che ha come obiettivo principale quello di produrre, secondo il modello di servizi Infrastructure as a Service (IaaS), una piattaforma di Cloud Computing in grado di soddisfare le esigenze dei fornitori di cloud pubblici e privati, indipendentemente dalle dimensioni, che sia semplice da implementare e altamente scalabile. Il progetto è rivolto a tutte le comunità che condividono la stessa filosofia sulle architetture cloud e software open source. Ad oggi più di 150 società si sono unite al progetto, interamente lasciato sotto i termini della licenza Apache 2.0. OpenStack è strutturato da un insieme di componenti ognuno dei quali dispone delle API in modo da rendere possibile la loro integrazione. A secondo delle esigenze è possibile installare alcuni o tutti i suoi componenti. Tutto il software è sviluppato in linguaggio Python seguendo un'architettura di tipo modulare, dove ogni componente è un software indipendente sviluppato secondo le linee guide definite dalla OpenStack Foundation. I moduli di OpenStack si dividono in: demoni: programmi eseguiti in backgroud su sistemi Unix, che hanno il compito di rimanere in attesa per rispondere quando necessario a determinate richieste; script: installano e tastano ambienti di virtualizzazione; interfacce a riga di comando (CLI): permettono agli utenti di eseguire chiamate alle API dei servizi di OpenStack con semplici comandi. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 14 di 99

15 3.1 Struttura OpenStack Come accennato nel paragrafo precedente, OpenStack è un insieme di componenti che consentono la creazione di servizi cloud: Servizio Nome progetto Descrizione Dashboard Horizon Permette agli utenti di interagire con i servizi di OpenStack e di eseguire alcune operazioni come lanciare un'istanza, assegnare indirizzi IP, settare i permessi di accesso ed altro ancora. Compute Nova Crea e gestisce grandi reti di macchine virtuali su richiesta. Networking Neutron Permette la connettività tra le reti, come servizio, tra le interfacce di device gestite da altri servizi di OpenStack. Consente agli utenti di creare e associare interfacce alle reti. Storage Object Storage Swift Memorizza e ottiene files. Non permette di effettuare il mount di directories come un file server. Block Storage Cinder Fornisce blocchi persistenti di memoria per ospitare le macchine virtuali. Servizi condivisi Identity Service Keystone Fornisce l'autenticazione e l'autorizzazione ai servizi di OpenStack. Image Service Glance Gestisce un registro per le immagini di macchine virtuali. Il servizio di Compute utilizza questo servizio per la creazione di nuove istanze. Metering/Monit oring Service Orchestration Service Ceilometer Heat Monitora il cloud di OpenStack per l'effettuazione di benchmark e statistiche utili per la scalabilità. Servizi di alto livello Orchestra molteplici applicazioni cloud utilizzando il template nativo o il formato AWS CloudFormation attraverso le REST API di OpenStack e le CloudFormation-compatible Query API. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 15 di 99

16 Il seguente diagramma mostra le relazioni tra i servizi di OpenStack: Illustrazione 4: Architettura concettuale OpenStack Compute Service (Nova) Il servizio di compute rappresenta la componente principale di un sistema di tipo IaaS. Esso si occupa di allocare e gestire le risorse utilizzate sull'intera infrastruttura di cloud. Nello specifico, in base a richieste specifiche, effettua la creazione di macchine virtuali attraverso l'hypervisor e determina, a secondo del carico di utilizzo, su quale nodo di compute allocare la risorsa. Analogamente funziona il meccanismo per il rilascio delle risorse. Inoltre il servizio di compute offre la possibilità agli utenti finali, di accedere alle loro macchine virtuali attraverso proxy. Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 16 di 99

17 Il servizio di compute interagisce con quello di Identity per l'autenticazione, con il servizio di Image per le immagini e il servizio di Dashboard per l'interazione con l'utente e l'interfaccia di amministrazione Networking Service (Neutron) Il servizio di Networking permette la creazione e la gestione di reti virtuali per la connettività tra le interfacce di rete di device gestiti da altri servizi di Openstack. Le macchine virtuali presenti sulla piattaforma possono essere gestite tramite due tipi di indirizzi IP a secondo delle necessità: indirizzi IP statici e indirizzi IP dinamici (Fixed IPs e Floating IPs). Gli indirizzi IP statici vengono assegnati alla macchina durante l'operazione di boot, mentre quelli dinamici vengono gestiti direttamente dall'utente. Entrambi gli indirizzi IP possono essere pubblici o privati. Uno dei casi d'utilizzo più frequente che riguarda gli indirizzi IP dinamici, si presenta quando si ha la necessità di fornire indirizzi IP pubblici in una rete di cloud privata, in cui si hanno a disposizione un numero limitato di indirizzi IP disponibili. Un altro caso può essere quello in cui un utente pubblico di una cloud deve avere un indirizzo IP statico, che può essere riassegnato quando un'istanza viene aggiornata o spostata. Le tipologie di rete da poter realizzare possono essere differenti, ognuna delle quali con i propri punti di forza: Flat: è la tipologia più semplice, dove il servizio di networking non interviene nella configurazione, ma delega la sua intera gestione all'amministratore di rete. FlatDHCP: è la tipologia più semplice da configurare, la gestione in questo caso viene delegata completamente al servizio di networking, creando un bridge di rete nel quale verranno inserite tutte le interfacce di rete virtuali delle istanze in esecuzione; sul bridge viene messo in ascolto un servizio di DHCP configurato in modo da usare dei lease statici. In questo modo si è sicuri che le macchine virtuali riceveranno gli indirizzi IP che il servizio gli Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 17 di 99

18 ha riservato, scrivendo un'associazione statica tra il MAC address dell'interfaccia virtuale e l'ip ad essa riservata nella configurazione. Una volta configurato gli indirizzi IP, il servizio di networking si occuperà anche di gestire il routing dei pacchetti mettendo su un servizio di NAT sulla macchina che ospita il servizio di networking. VlanManager: con questa tipologia di rete è possibile isolare il traffico tra i diversi tenant, associando ad ognuno di loro una subnet diversa e una specifica vlan, in modo che il traffico di layer 2 di istanze appartenenti a differenti tenant, appartenga a distinti domini di broadcast. FlatDHCP Multi-host HA: a differenza della FlatDHCP dove la gestione della rete è demandata unicamente al controller, in una rete di tipo Multi-host ogni compute node ha in esecuzione il servizio di networking. In questo modo le instanze utilizzano direttamente i compute node come gateway per l'accesso a internet. Grazie a questa tecnica, eventuali problemi alla rete sono isolati alle macchine virtuali in esecuzione sull'hypervisor non funzionate. L'implementazione del servizio di networking viene chiamata Neutron il quale mette a disposizione i propri servizi tramite delle API RESTful. Inoltre prevede l'utilizzo di plugins per l'introduzione di funzionalità avanzate di rete Identity Service (Keystone) Il servizio di Identity ha un ruolo centrale in Openstack in quanto ha il compito di gestire tutti gli utenti che hanno accesso all'intera infrastruttura di cloud. Il servizio di keystone considera in modo analogo gli utenti reali a quelli dedicati all'accesso dei servizi. L'accesso all'infrastruttura può essere effettuato tramite metodi di autenticazione diversi. Oltre a quello classico composto da nome utente e password, è possibile aggiungerne diversi, in quanto il keystone ha un'architettura modulare che permette di inserire moduli scritti secondo le proprie esigenze. I permessi vengono gestiti grazie all'utilizzo di tenants che consistono in gruppi di Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 18 di 99

19 utenti a cui è possibile assegnare specifici privilegi. Gli utenti possono essere aggiunti anche in più tenants, in modo da assumere ruoli differenti a secondo del gruppo in cui si trovano. Quando viene autorizzato l'accesso, il keystone rilascia un token che servirà per riconoscere quell'utenza nell'infrastruttura di cloud fino alla sua scadenza; dopo di che sarà necessario richiederne uno nuovo fornendo nuovamente le credenziali di accesso. Altro ruolo fondamentale delegato al keystone è la gestione di un catalogo con tutti gli end-points dei servizi operanti sulla piattaforma. Gli end-points rappresentano delle coordinate per raggiungere ogni singolo servizio che compone l'infrastruttura di cloud computing. Tali coordinate sono composte da un URL e una porta dove sono esposte le API del servizio. E' possibile associare le coordinate a delle region che rappresentano di solito parti dell'infrastruttura dislocate geograficamente. Inoltre è possibile indicare più end-points per un singolo servizio se si hanno più copie dello stesso in posti differenti Block Storage Service (Cinder) Il servizio di Block Storage fornisce risorse di archiviazione che possono essere utilizzate dalle istanze di OpenStack. Tipicamente quando viene creata un'istanza sull'infrastruttura di cloud, tutti i dati che vengono memorizzati sulla macchina virtuale vengono distrutti al momento della sua terminazione. Per questo motivo il servizio di Block Storage offre la possibilità di creare dei volumi persistenti che possono essere legati ad una macchina virtuale durante la sua esecuzione o direttamente in fase di boot. Una soluzione alternativa è rappresentata dalla possibilità di utilizzare un disco permanente per effettuare il boot di una macchina virtuale, in modo che i dati scritti durante il ciclo di vita dell'istanza sopravviveranno anche dopo la sua distruzione. I permessi di accesso ai volumi vengono gestiti tramite i tenants a cui sono assegnati dei ruoli che controllano le azioni che un utente può eseguire; i ruoli Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 19 di 99

20 vengono configurati dall'amministratore del sistema tramite il file policy.json che mantiene le regole di accesso. L'OpenStack Block Storage non rappresenta una soluzione di storage condivisa, in quanto non permette di condividere contemporaneamente i suoi volumi tra più istanze. Prerequisito fondamentale del servizio di Block Storage è quello di poggiare su un sistema di storage di back-end come LVM, un software per la gestione dei dischi disegnato per essere più flessibile del normale partizionamento fisico. Il Block Storage si occupa inoltre della gestione delle snapshot di dischi virtuali. Una snapshot non è altro che una copia del disco nell'istante in cui viene fatta, questa funzionalità risulta molto utile in caso di backup; la snapshot risultante, verrà vista e gestita come un comune volume Object Storage Service (Swift) Il servizio di Object Storage offre un metodo di archiviazione dei file altamente scalabile e ridondante in grado di snellire la memorizzazione dei dati in ambienti di cloud computing. I sistemi di object storage per loro natura e architettura non necessitano di sistemi di backup tradizionali, inoltre possono essere implementati su reti geografiche per offrire il massimo della qualità e affidabilità. In un object storage viene utilizzato il concetto di oggetto, esso viene inteso come una somma di un file più una serie di metadata che ne descrivono il contenuto e le caratteristiche. A differenza dei tradizionali file system dove lo spazio è organizzato in file e directory, in un object storage non esiste un sistema di localizzazione dei dati determinato dal loro posizionamento ma dal loro contenuto. Ogni volta che un oggetto viene immesso in un object storage, il sistema utilizza tali informazioni per generare attraverso una funzione di hashing, una chiave univoca. Nell'implementazione di Swift, tali metadati vengono memorizzati in attributi xattrs; questo necessita l'utilizzo di un filesystem che li supporta come ext3 o ext4. Una volta che l oggetto è stato accolto all interno di un object storage viene Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 20 di 99

21 duplicato in N partizioni, in funzione di regole definite dall utente, che possono essere determinate per ragioni di affidabilità o performance. Ogni partizione sarà distribuita tra tutti i dispositivi che fanno parte dell'installazione. A loro volta le partizioni vengono raggruppate in zone in quanto il sistema assicura una replica delle partizione in ogni zona presente, dove la zona può rappresentare un disco, server, cabinet o datancenter. Tutti gli oggetti vengono localizzati attraverso i loro ID, grazie a delle strutture logiche denominate ring, che si occupano di mappare con delle hash table i singoli oggetti alla loro posizione fisica. L'elenco degli oggetti presenti sullo storage è mantenuto da un servizio chiamato Container Server, che non è a conoscenza di dove fisicamente risiede un singolo oggetto ma semplicemente associa gli oggetti ai relativi Container. Così come i Container Server associano gli oggetti ai Container, l'elenco di questi ultimi è mantenuto da uno o più Account Server, che si occupano, quindi, di associare i Container ai relativi Account. Tutti i dati di un object storage vengono resi accessibili all'esterno da un proxy server, che esponendo pubblicamente delle API di tipo RESTful, ha il compito di gestire tutte le richieste in arrivo come l'upload dei files, modifiche ai metadata o la creazione di container Image Service (Glance) Il servizio di Image permette di visualizzare, registrare e recuperare le immagini di macchine virtuali che possono essere lanciate sull'infrastruttura di cloud computing. Il servizio ha il compito di mantenere un database aggiornato con tutte le immagini memorizzate nell'infrastruttura con le relative informazioni, come l'uuid e lo stato. L'uuid è un codice identificativo che il servizio assegna all'immagine al momento della registrazione. L'immagine può assumere vari stati: queued: l'uuid è stato riservato all'immagine nel registro di Glance, ma Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 21 di 99

22 l'immagine non è stata ancora caricata; saving: denota che un'immagine è in fase di upload; active: l'immagine è stata completamente caricata ed è pronta per l'utilizzo; killed: l'immagine non è utilizzabile in quanto si è verificato un errore durante la fase di upload; deleted: Glance ha ancora le informazioni dell'immagine, ma non è più utilizzabile. Un'immagine in questo stato sarà eliminata automaticamente in un secondo momento; pending_deleted: questo stato è simile a quello di detelet con la differenza che l'immagine non è ancora stata rimossa ed è ancora possibile recuperlarla. Le immagini memorizzate in Glance vengono rese accessibili attraverso delle API di tipo RESTful; è possibile interrogare il registro tramite i metadati delle immagini o direttamente con l'uuid. Le immagini possono essere memorizzate in diversi tipi di locazione, come semplici filesystem o sistemi di object-storage (Swift) e possono essere in molti formati tra cui raw, iso, qcow2 e AMI in modo da essere compatibili con gli standard dei vari hypervisor. Oltre alla possibilità di effettuare l'upload delle immagini delle macchine virtuali, Glance permette anche di gestire le copie di backup dei dischi delle VM Dashboard (Horizon) La Dashboard di OpenStack fornisce un'interfaccia grafica dalla quale è possibile gestire in modo semplice ed intuitivo le risorse di compute, storage e networking dell'intera infrastruttura di cloud. Horizon è stato sviluppato come applicazione web modulare utilizzando Django, un framework opensource scritto in Python. L'obiettivo di Horizon è mettere a disposizione dell'amministratore di un sistema di cloud, un'interfaccia grafica che possa comunicare con i servizi principali di OpenStack. Infatti, grazie alle API Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 22 di 99

23 RESTful che espongono i vari servizi di OpenStack è possibile eseguire diverse operazioni: creare e gestire gli utenti e i tenants (Keystone); creare e gestire le istanze (Nova); gestire la rete (Neutron); gestire i servizi di storage (Swift e Cinder); gestire le immagini virtuali (Glance); visualizzare le statistiche dell'infrastruttura (Ceilometer); gestire l'orchestrazione dell'infrastruttura (Heat). Inoltre la dashboard è accessibile anche da utenti in modo da fornire un portale da cui è possibile gestire le proprie risorse entro i limiti stabiliti dagli amministratori. Tale applicazione è stata progettata in maniera che sia facilmente estendibile, così che possono essere aggiunti moduli che integrino funzionalità specifiche. Illustrazione 5: Snapshot Dashboard - Elenco istanze Fabio Buonocore 566/3104 Pagina 23 di 99

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli