ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI E DELLA PUBBLICITÁ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI E DELLA PUBBLICITÁ"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI E DELLA PUBBLICITÁ

2 INDICE Presentazione pag. 5 L Istituto pag. 6 Breve storia dell Istituto pag. 6 Utenza pag. 6 Alunni iscritti pag. 7 Risorse umane: pag. 8 Il Dirigente pag. 9 Il vicario e collaboratore pag. 9 Le funzioni strumentali pag. 10 Dipartimenti disciplinari pag. 12 I Docenti pag. 13 Il Coordinatore del Consiglio di Classe pag. 13 Il Responsabile di Dipartimento pag. 13 Risorse umane: personale ATA pag. 14 Responsabili di laboratorio pag. 14 Il personale ATA pag. 14 Organi Collegiali: pag. 16 Il Collegio dei Docenti pag. 17 Il Consiglio di Istituto pag. 17 Il Consiglio di Classe pag. 17 L Assemblea di classe pag. 18 L Assemblea di Istituto pag. 18 Risorse Strutturali: pag. 19 Laboratori pag. 19 Cablaggio dell Istituto pag. 19 Biblioteca e videoteca pag. 19 Tabella riepilogativa delle strutture pag. 20 Formazione e aggiornamento culturale e professionale del personale Docente pag. 21 Formazione e aggiornamento del personale A.T.A. pag. 21 Progetto inventario pag. 21 Presentazione schematica delle figure professionali: settori aziendale e turistico pag. 22 settore grafica pubblicitaria pag. 23 settore servizi sociali (diurno e serale) pag. 24 Quadri orario e finalità formative: pag. 25 Indirizzo economico aziendale-turistico (biennio unico) pag. 26 Qualifica: operatore della gestione aziendale (classe terza) pag. 27 Qualifica: operatore dell'impresa turistica (classe terza) pag. 28 Qualifica: operatore dei servizi sociali (biennio unico) pag. 29 Qualifica: operatore dei servizi sociali (classe prima serale) pag. 30 Qualifica: operatore dei servizi sociali (classe terza) pag. 31 Qualifica: operatore dei servizi sociali (classe terza serale) pag. 32 Qualifica: operatore grafico pubblicitario (biennio unico) pag. 33 Qualifica: operatore grafico pubblicitario (classe terza) pag. 34 Corsi post-qualifica: Qualifica: Tecnico della gestione aziendale pag. 35 Qualifica: Tecnico dei servizi turistici pag. 36 Qualifica: Tecnico dei servizi sociali pag. 37 Qualifica: Tecnico della grafica pubblicitaria pag. 38 Area di approfondimento pag. 39 2

3 Offerta formativa: a. Metodologia dell Offerta formativa: pag. 40 Bisogni e problemi pag. 40 I curricola pag. 41 La Programmazione pag. 44 Integrazione alunni diversamente abili pag. 45 Verifiche e valutazione pag. 49 Tabella di Riferimento Valutazione pag. 50 Organi Collegiali e relative iniziative didattiche pag. 51 Organizzazione Scolastica: Orario curricolare pag. 52 Orari e ricevimento del personale amministrativo pag. 53 Calendario Scolastico pag. 53 Festività pag. 53 Commemorazioni pag. 53 Incontri scuola-famiglia pag. 54 Comunicazione Scuola-Famiglia pag. 54 Rappresentanze Sindacali Unitarie (R.S.U.) pag. 54 b. Obiettivi dell Offerta Formativa pag. 55 Formazione dell uomo e del cittadino europeo: Giornale di Istituto: Leggimi pag. 57 Progetto Il quotidiano in classe - Corriere della Sera pag. 57 Visite e viaggi di istruzione pag. 57 Progetto patentino ciclomotore pag. 58 Attivita di sicurezza nella scuola pag. 58 Progetti in collaborazione con enti o associazioni pag. 58 Preparazione culturale e professionale rispondente alle esigenze del mercato del lavoro: Area di professionalizzazione del biennio post-qualifica pag. 59 Progetto di simulazione Aziendale I.F.S. pag. 61 Percorsi di Alternanza scuola-mondo del lavoro pag. 62 Corso di alfabetizzazione di informatica I livello pag. 63 Progetto ECDL pag. 63 Progetto Progettiamo il nuovo logo-tipo della scuola pag. 64 Progetto Orientamento pag. 65 Progetti in collaborazione con enti o associazioni Partnerariato CIOFS pag. 67 Progetto di educazione alla legalità Progetto Per una cultura della legalità: dai diritti inviolabili ai doveri inderogabili pag. 68 Progetto Il giorno della memoria Giorno del ricordo pag. 68 Per l integrazione di alunni diversamente abili: Progetto Inserimento nel mondo del lavoro degli alunni diversamente abili pag. 69 Progetto Ideocreando pag. 69 Progetto Corri, salta, lancia, GiocAtletica pag. 69 Attività pag. 69 Innalzamento del successo scolastico e superamento degli ostacoli socio culturali e delle carenze cognitive: Attivita di sostegno e recupero pag. 70 Progetto Accoglienza pag. 71 Piano delle attività - Progetto Ben essere : 1. Progetto Esprit-Percorso di sostegno alla genitorialità pag Progetto educazione alla salute pag Incontro- dibattito La sicurezza stradale pag Progetto Primo soccorso ed educazione sanitaria pag Visita al consultorio familiare di Molfetta pag.71 3

4 6. Riflessione sul Bullismo pag Prevenzione tabagismo pag Progetto consulenza psicologica pag. 72 Progetto Lettura - Incontro con l autore pag. 73 Autovalutazione pag. 73 Candidatura progetti PON Annualità pag. 75 Regolamento d istituto: Titolo I - Diritti degli Studenti pag. 76 Titolo II - Doveri degli Studenti pag. 78 Titolo III - Disciplina pag. 81 Titolo IV - Docenti pag. 83 Titolo V - Funzionamento delle attrezzature strumenti didattici laboratori pag. 85 Allegato 1 Regolamento palestra pag. 86 Allegato 2 Regolamento laboratori multimediali pag. 87 Allegato 3 Regolamento visite e viaggi d istruzione A. S. 2008/2009 pag. 89 Allegato 4 Patto educativo e di corresponsabilità pag. 90 4

5 PRESENTAZIONE Il Piano dell Offerta Formativa è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale del nostro Istituto. Esso è lo strumento che assicura l unitarietà degli interventi educativi, organizzativi, formativi e didattici, scolastici ed extrascolastici. Il Collegio Docenti dell I.P.S.S.C.T.S.P. Mons. A. BELLO si propone di rendere esplicita la propria offerta formativa, che vede il coinvolgimento di tutti gli operatori scolastici a favore degli allievi e delle loro famiglie. Il testo ha un carattere unitario, nel presentare: le scelte educative e didattiche, le attività curricolari ed extra-curricolari, i progetti, i criteri di attuazione e di verifica dei risultati; prevedendo cambiamenti e riprogettazioni qualora se ne ravvisino le necessità, nell attenzione ai bisogni propri dell utenza e del territorio. 5

6 L ISTITUTO L istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Mons. A. Bello di Molfetta è sito in Viale XXV APRILE. La sede è servita dai mezzi di linea extraurbani (pullman e treni) ed urbani. Presso la sede succursale è situato un intero corso dell indirizzo Servizi sociali. BREVE STORIA DELL ISTITUTO L attuale Istituto nasce nel 1961 dalla trasformazione della Scuola Tecnica Amedeo di Savoia di cui conservò il nome. Nel 1993 la denominazione dell Istituto fu modificata. La scelta cadde sul nome di una figura di spicco nella realtà molfettese: il vescovo Mons. Antonio Bello che proprio in quell anno era venuto a mancare. Il trasferimento all attuale sede avvenne il 27 ottobre del Il 13 maggio 1997 ci fu l inaugurazione ufficiale dell Istituto e, in tale occasione, la comunità scolastica donò un busto in bronzo di Don Tonino Bello, opera dello scultore C. Samarelli, attualmente collocato nell androne principale dell Istituto. UTENZA a) BACINO DI PROVENIENZA L Istituto è frequentato da studenti provenienti da Molfetta - Giovinazzo Terlizzi Bitonto - Grumo Appula Ruvo - Mariotto - Palombaio - Palo del Colle - Bari S. Spirito - Bari Palese Bisceglie. b) TIPOLOGIA (Aspetti socio-culturali) L utenza che giunge al Mons. A. Bello proviene dalle S.M.S. locali ed extra-territoriali o da altri istituti superiori, dove il percorso scolastico ha subito dei drop-out. L estrazione sociale è variegata, si passa dal settore terziario e impiegatizio ai ceti meno abbienti, con la triste piaga di famiglie disoccupate. Nei genitori è evidente un desiderio di riabilitazione attraverso i figli, per quanto loro non hanno potuto realizzare, c è una implicita delega alla scuola sia per quel che comporta la crescita culturale, sia per gli aspetti propri della vita. Gli studenti non sempre sono seguiti nei compiti e nelle attività scolastiche e gli stessi genitori hanno contatti con la scuola solo dietro sollecitazioni ed inviti. La tipologia dell utenza determina, in taluni casi, il fenomeno della dispersione collegato a fattori economici, familiari e ad un guadagno mancante senza prospettive. 6

7 Anno scolastico 2008/2009 ALUNNI ISCRITTI : 900 (852 diurno, 48 serale) Indirizzo Economico Aziendale - Turistico N 3 Classi I sezioni A-B-C N 74 Alunni N 4 Classi II sezioni A-B-C-D N 88 Alunni Operatore Gestione Aziendale N 4 Classi III sezioni A-B-C-D N 79 Alunni Operatore Impresa Turistica N 1 Classi III sezione D N 13 Alunni Tecnico della Gestione Aziendale Lingua Straniera N 1 Classe IV sezione A N 19 Alunni N 1 Classi V sezioni A N 21 Alunni Tecnico della Gestione Aziendale Informatica N 2 Classi IV sezioni B-C N 42 Alunni N 1 Classe V sezione B N 16 Alunni Tecnico dei Servizi Turistici N 1 Classe IV sezione D N 25 Alunni N 1 Classi V sezioni C N 18 Alunni Indirizzo Servizi Sociali N 3 Classi I sezioni D - E - F N 67 Alunni N 1 Classe I serale As N 30 Alunni N 2 Classi II sezioni E - F N 43 Alunni Operatore Servizi Sociali N 2 Classi III sezioni E - F N 46 Alunni N 1 Classe III I serale As N 18 Alunni Tecnico dei Servizi Sociali N 2 Classi IV sezioni E F N 39 Alunni N 3 Classi V sezioni D - E - F N 42 Alunni Indirizzo Pubblicità N 3 Classi I sezioni G H - I N 67 Alunni N 2 Classi II sezioni H - I N 44 Alunni Operatore Grafico Pubblicitario N 2 Classi III sezioni G - H N 42 Alunni Tecnico grafico pubblicitario N 2 Classi IV sezione G - H N 38 Alunni N 2 Classe V sezione G - H N 29 Alunni 7

8 RISORSE UMANE DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Anna Maurilia Minervini PERSONALE DOCENTE DOCENTE VICARIO Prof.ssaVisaggio Cecilia DOCENTE COLLABORATORE Prof.ssa M. de Gennaro DOCENTI FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. Area 1. Gestione del Piano dell'offerta Formativa Prof.ssa Carmela Piccininni (Organizzazione e coordinamento delle attività del POF) Area 2. Orientamento e Sostegno agli alunni Prof.ssa Teodora Palmiotti (Coordinamento orientamento interno - Scuola media- Università e mondo del lavoro) Prof. Mario Femiano (Coordinamento delle attività degli alunni diversamente abili e del G.L.H.) Area 3. Area Professionalizzante Prof. I. Minervini Prof.ssa I. Amato (Coordinamento attività scuola-lavoro e rapporti con enti pubblici e Corsi Area professionalizzante) Area 4. Informatizzazione didattica Prof. Giuseppe Petruzzella (Informatizzazione didattica, valutazione del POF e gestione del sito-web dell'istituto) 8

9 Risorse Umane Il Dirigente Scolastico Il Dirigente scolastico assicura la gestione unitaria dell Istituzione scolastica, di cui ha legale rappresentanza, e delle risorse finanziarie e strumentali nonché dei risultati del servizio. Ha poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane, pur nel rispetto delle competenze dei vari Organi Collegiali scolastici. E garante dell attuazione del diritto allo studio da parte degli alunni e delle scelte educative delle famiglie e della libertà di insegnamento. Nello svolgimento delle sue mansioni organizzative ed amministrative, il Dirigente scolastico si avvale della collaborazione di docenti ai quali delega specifici compiti: ad esempio i responsabili di dipartimento, i coordinatori dei Consigli di classe, i responsabili di laboratorio ecc. Il Vicario e il Collaboratore del Dirigente All inizio di ogni anno scolastico, il Dirigente Scolastico, scegliendo fra i componenti del Collegio Docenti, nomina il proprio Vicario che, oltre a sostituirlo nei casi previsti dalla legge, ha il compito di cogestire quotidianamente le risorse umane della scuola, lavorando a stretto contatto con il Dirigente stesso, al quale fornisce, ove richiesto, una collaborazione di tipo professionale, volta al miglior funzionamento possibile dell Istituto. Il Dirigente inoltre designa, sempre fra i componenti del Collegio Docenti, un Collaboratore che lo affianca nella gestione generale. 9

10 FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Funzione Strumentale n. 1 Gestione del Piano dell'offerta Formativa coordinamento delle attività progettuali, quale arricchimento dell offerta formativa; monitoraggio iniziale di ogni progetto, calendario delle attività, sottoscrizione per conoscenza da parte del genitore, selezione alunni con il docente referente del progetto, monitoraggio finale; valutazione del piano complessivo attraverso schede appositamente predisposte per docenti, famiglie, studenti, ATA; coordinamento dei rapporti scuola-famiglia; cura del materiale didattico; aggiornamento costante del sito della scuola con l introduzione del P.O.F., calendarizzare tutte le iniziative a favore di studenti e genitori; disponibilità nella trasmissione dei dati all U.S.P. e U.S.R.; collaborazione tra le funzioni per un percorso significativo; collaborazione piena con Dirigenza per la vigilanza in ambito scolastico. Funzione Strumentale n. 2 Area 2.1 Orientamento e Sostegno agli alunni interventi e servizi per gli studenti; coordinamento delle attività di orientamento interno (scelta dell indirizzo di studio al termine di un biennio), orientamento c/o le S.M.S., orientamento al mondo del lavoro, orientamento universitario; coordinamento con la F.S. alunni diversamente abili per iniziative di integrazione; coordinamento delle iniziative pubblicitarie dell istituzione scolastica; coordinamento con la commissione per le attività extra curricolari; supporto agli studenti nelle assemblee di classe e di istituto. collaborazione piena con Dirigenza per la vigilanza in ambito scolastico. Area 2.2 Orientamento e Sostegno agli alunni Diversamente Abili supporto alla Dirigenza nella compilazione degli atti relativi agli studenti H; referente del GLH d istituto; referente dei docenti di sostegno sia per l azione didattica che extra-curricolare; referente presso la ASL per gli studenti H iscritti e frequentanti l istituto; referente per i progetti di orientamento al lavoro; referente per la messa a punto dell orario provvisorio e definitivo dei docenti di sostegno; custodia di tutti gli atti degli studenti H coperti dalla legge privacy, da raccogliere e depositare in presidenza; referente per ogni utile iniziativa a supporto dell integrazione; collaborazione piena con Dirigenza per la vigilanza in ambito scolastico. 10

11 Funzione Strumentale n. 3 Area 3. Area professionalizzante coordinamento delle attività della Terza area; referente con il mondo del lavoro per attività di stage; coordinamento con la formazione professionale collegata ai POR Puglia; verifica in itinere e finale delle attività di alternanza scuola mondo del lavoro; predisposizione degli atti iniziali e finali di ogni attività e di ogni corso proprie dell alternanza. collaborazione piena con Dirigenza per la vigilanza in ambito scolastico. Funzione Strumentale n. 4 Area 4 Informatizzazione delle attività didattiche ed extra Gestione del sito scolastico; Aggiornamento costante dei dati on-line; Informatizzazione didattica degli atti scolastici; Collaborazione con tutte le funzioni strumentali, in particolare con la docente del POF; collaborazione piena con Dirigenza per la vigilanza in ambito scolastico. 11

12 DIPARTIMENTI DISCIPLINARI DOCENTI COORDINATORI - TUTOR DELLE CLASSI DOCENTI REFERENTI DI PROGETTI E ATTIVITA COMMISSIONI GRUPPO GLH 12

13 I Docenti La funzione docente si fonda sull autonomia culturale e professionale e si esplica nelle attività individuali di insegnamento e collegiali, nonché nella partecipazione alle attività di aggiornamento e formazione. Il profilo professionale di ogni insegnante è costituito da competenze disciplinari, pedagogiche, metodologiche - didattiche, organizzativo-relazionali e di ricerca, tutte fra loro correlate e interagenti. I docenti nelle attività collegiali (consigli di classe, collegi docenti, dipartimenti per aree disciplinari, ecc.), elaborano, attuano e verificano, per gli aspetti pedagogico didattici, il Piano dell Offerta Formativa, adattandone l articolazione alle esigenze differenziate degli studenti. Il Coordinatore del Consiglio di Classe E un docente appartenente al Consiglio stesso, che viene designato per tale ruolo dal Dirigente all inizio di ogni anno scolastico. E suo compito: presiedere il Consiglio di Classe su delega del Dirigente; fare da tramite fra il Consiglio ed il Dirigente; mantenere i contatti con i rappresentanti dei Genitori; coordinare le diverse attività didattiche della classe; illustrare e consegnare alle famiglie la pagellina infraquadrimestrale; convocare per un colloquio informativo, sempre su indicazione del Consiglio o di singoli docenti, i genitori di studenti che presentino situazioni problematiche sia di ordine didattico che disciplinare. Il Responsabile di Dipartimento E un docente designato per tale ruolo dal Dirigente all inizio di ogni anno scolastico, scelto fra i docenti di un area disciplinare. E suo compito: presiedere ogni riunione di Dipartimento; far da tramite tra i docenti ed il Dirigente, per questioni didattiche od organizzative legate alle singole discipline; coordinare i piani di lavoro e quanto discusso e deciso nell ambito delle riunioni (per esempio obiettivi, interventi di esperti, uscite didattiche, viaggi di istruzione, adozione dei libri di testo ecc.) coordinare le attività didattiche proprie della disciplina di sua competenza e svolte nelle diverse classi; promuovere, su indicazione dei docenti stessi, la richiesta di acquisto di materiale didattico utile all insegnamento; costituire un punto di riferimento per i docenti della stessa disciplina ed essere il loro portavoce sia in Collegio sia verso il Consiglio di Istituto. 13

14 RISORSE UMANE: PERSONALE ATA DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI Bellomo Giovanni INCARICHI SPECIFICI ASSISTENTI AMMINISTRATIVI ASSISTENTI TECNICI COLLABORATORI SCOLASTICI Coordinatore delle aree amministrativa, contabile e didattica sostituisce in caso di assenza il Direttore SGA. Coordinatore area didattica, progetti previsti dal POF - area professionalizzante. Coordinatore di area contabile, gestione pratiche TFR, tenuta dei registri, partitari inventario, ecc. Gestione del magazzino e collaborazione diretta con il docente responsabile della biblioteca d Istituto. Gestione registri ufficio didattica e fascicoli alunni. Pratiche infortuni in collaborazione con uffici personale e contabile. Coordinatore di area: collabora con assunzione di responsabilità diretta, in merito alla gestione organizzativa dei laboratori e nella predisposizione del piano degli acquisti, svolge attività di coordinamento tecnico di più assistenti operanti in settori diversi coordinatore della gestione della rete telematica d Istituto. Svolge attività di collaborazione alla realizzazione di tutti i progetti e le attività previste dal POF collaborazione nella gestione della rete telematica d Istituto. Svolge attività di collaborazione alla realizzazione di tutti i progetti e le attività previste dal POFcollaborazione nella gestione della rete telematica d Istituto. Attività di assistenza agli alunni diversamente abili e compiti di centralinista telefonico. Attività di assistenza agli alunni diversamente abili, di pronto soccorso, fotocopie. Attività di assistenza agli alunni diversamente abili, di pronto soccorso e compiti di centralinista telefonico, fotocopie. Attività di assistenza agli alunni diversamente abili, di pronto soccorso e compiti di centralinista telefonico, fotocopie. Funzioni di supporto all attività amministrativo-didattica (fotocopie, ecc.). Attività di assistenza agli alunni diversamente abili, piccola manutenzione, ecc. A 14

15 Responsabili di laboratorio Sono docenti, che unitamente al personale tecnico-pratico, nominati dal Dirigente scolastico, a ognuno dei quali viene affidata la gestione di uno o più laboratori della stessa area. È loro compito gestire il laboratorio, curandone l inventario delle attrezzature e dei beni in carico, individuando le necessità di manutenzione, di nuovi acquisti e di utilizzazione didattica. Il personale ATA Comprende gli Assistenti Tecnici, gli Assistenti Amministrativi e i Collaboratori Scolastici. Ciascuno, per il proprio profilo professionale, contribuisce sia all organizzazione e alla gestione dell Istituto sia alla realizzazione del POF, supportando i progetti nel loro insieme. Il D.S.G.A. sovrintende all attività del personale ATA, sulle indicazioni di massima del D.S. 15

16 Consiglio d istituto Collegio docenti Giunta Esecutiva Consiglio d Istituto Organo di garanzia Consigli di classe Comitato di valutazione Assemblea di classe Assemblea genitori Assemblea d Istituto prof.ssa Giorgio F. : 16

17 Organi Collegiali Il Collegio dei Docenti E composto da tutto il personale insegnante in servizio con contratto a tempo indeterminato e non ed è presieduto dal Dirigente Scolastico. Si insedia all inizio di ogni anno scolastico e si riunisce periodicamente per la gestione collegiale dell Istituto. Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico e cura la programmazione dell azione educativa: formula le proposte per la formazione delle classi, per l orario delle lezioni, per lo svolgimento di tutte le attività didattiche (ordinarie ed integrative, quali corsi di recupero, uscite e visite culturali, sport, ecc.); valuta periodicamente l andamento complessivo delle attività ; provvede all adozione dei libri di testo; promuove iniziative di aggiornamento dei docenti e iniziative genitoriali. Il Consiglio di Istituto E costituito dal Dirigente Scolastico e dai rappresentanti di tutte le componenti scolastiche: studenti, docenti, personale non docente e genitori, eletti dalle stesse. Dura in carica tre anni. I membri del Consiglio di Istituto eleggono il Presidente tra la componente genitori ed i membri della Giunta Esecutiva, della quale fanno parte di diritto il Dirigente Scolastico ed il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi. Il Consiglio delibera il piano annuale; dispone in ordine all impiego dei mezzi finanziari per quanto riguarda il funzionamento amministrativo e didattico, nel rispetto delle proposte avanzate dal Collegio docenti e dei consigli di classe, e ha potere deliberante sulle proposte della Giunta Esecutiva. Per esempio delibera in merito all acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature, degli strumenti, dei sussidi didattici; in merito al regolamento interno, al calendario scolastico, ai criteri per la programmazione e la realizzazione di tutte le attività in Istituto (dai corsi di recupero, alle attività sportive, ai corsi di approfondimento, oltre alle visite guidate, uscite didattiche, scambi culturali, stage, ecc.). La Giunta Esecutiva predispone il piano annuale, prepara la documentazione necessaria al Consiglio di Istituto e cura l esecuzione di ogni delibera approvata. Il Consiglio di Classe E composto da tutti i docenti della classe, da due rappresentanti degli studenti e da due rappresentanti dei genitori, eletti dalle rispettive componenti ad ogni inizio di anno scolastico. E presieduto dal Dirigente o da un suo delegato, membro del consiglio stesso, che assume il ruolo di coordinatore di riferimento per quanto attiene alla classe. Si riunisce periodicamente, per garantire il funzionamento delle attività didattiche. Ha il compito di formulare al Collegio docenti le proposte in merito all azione educativa e didattica (programmazione delle attività curriculari ed extracurriculari, dei corsi di sostegno e di recupero, di approfondimento, ecc.), e quello di favorire ed estendere i rapporti tra docenti, studenti e genitori. Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari, così come le competenze relative alla valutazione periodica e finale degli studenti, spettano al Consiglio di Classe limitato alla sola presenza dei docenti. 17

18 L Assemblea di classe E costituita da tutti gli studenti della classe ed è presieduta dai rappresentanti eletti, che hanno anche funzione di moderatori. Ha carattere mensile, tranne l ultimo mese di scuola. Gli studenti discutono del loro andamento didattico e disciplinare, riferiscono al coordinatore di classe le loro esigenze, che saranno oggetto dei CC.dd.CC. L assemblea si svolge durante le ore curriculari, a seguito di formale richiesta scritta al Dirigente Scolastico almeno cinque giorni prima, nella quale sono specificati i punti all ordine del giorno, le ore concesse dal docente titolare delle stesse e la data. Non possono essere utilizzate più di due ore mensili. A conclusione dell assemblea, i rappresentanti si impegnano a relazionarne lo svolgimento con la presentazione di un verbale. L Assemblea di Istituto Può essere richiesta dagli studenti, tramite i propri rappresentanti, per discutere e/o decidere in merito ad iniziative, problematiche o situazioni di interesse collettivo e generale. Si svolge durante le ore di lezione curricolari, nei locali indicati dal Dirigente Scolastico e con il suo espresso consenso. 18

19 Risorse Strutturali Laboratori L Istituto è dotato complessivamente di 5 laboratori, di cui 4 utilizzati per le discipline di indirizzo e uno adibito all Impresa Formativa Simulata Jeannot s s.r.l. per l indirizzo economico-aziendale e per l indirizzo turistico Agenzia Melficta Viaggi s.r.l. in cui si simulano e si realizzano attività lavorative. Cablaggio dell Istituto L Istituto dispone di un sistema di cablaggio che permette di dotarlo di una linea fisica di comunicazione tra i vari ambienti che, attraverso l uso di calcolatori ubicati nei punti strategici dell istituto, crea una rete di calcolatori all interno dello stesso e consente il collegamento ad Internet di ogni postazione. L Istituto dispone, inoltre, di una sala video. Tutti i PC sono collegati ad Internet e in rete. Biblioteca e videoteca La sede centrale usufruisce di un ampia biblioteca, ubicata in una spaziosa aula dell edificio al primo piano, utilizzabile come spazio operativo anche per un intera classe per eventuali lavori di ricerca o analisi letteraria. Si struttura, infatti, in tre sezioni fondamentali: Biblioteca d Istituto, costituita dall insieme di opere enciclopediche e monografiche su vari ambiti disciplinari anche su supporto digitale (Economia, storia generale e locale, diritto, turismo); Biblioteca Alunni, contenente opere di più facile consultazione, maneggevoli, e destinate al prestito ad alunni e docenti. Questa seconda sezione risulta articolata in rapporto ai vari generi testuali relativi in misura preponderante a narrativa italiana e straniera, ma anche a poesia, teatro, saggistica, didattica. Videoteca costituita da vhs, dvd e cd-rom relativi a vari ambiti disciplinari. 19

20 Tabella riepilogativa delle strutture STRUTTURE Denominazione Sede Centrale Sede Succursale Classi 37 (2 serali) 7 Laboratori Informatici 4 IFS 1 Metodologie operative 1 1 Fotografia 1 Sala video 1 Sala docenti 1 1 Biblioteca 1 Palestra 1 1 Laboratorio di sostegno 2 1 Magazzino 1 1 Presidenza 1 Vicepresidenza 1 Archivio III Area e F.S.E. 1 Uffici di Segreteria: Amministrativa 1 Didattica 1 Personale 1 Direzione 1 20

21 FORMAZIONE DOCENTI E ATA Formazione e aggiornamento culturale e professionale del personale Docente: Corso di formazione ed informazione Legge 626/94 (sicurezza). Corso di formazione ed informazione Normativa - Privacy. Alternanza Scuola lavoro (destinato ai docenti della classe destinataria del progetto). Progetto PON Obiettivo B Azione 1 Apprendimento permanente : interventi innovativi per la promozione delle competenze chiave dei docenti (italiano, matematica,lingue, Scienze tecnologiche ). Progetto PON Obiettivo B Azione 4 Con la scuola si può : interventi di formazione sulle metodologie per la didattica individualizzata. Formazione e aggiornamento del personale A.T.A. Corso di formazione ed informazione Legge 626/94. Corso di formazione ed informazione Normativa - Privacy. PROGETTO INVENTARIO Il progetto sarà realizzato nel corrente anno scolastico da un gruppo di lavoro composto dal DSGA e dal personale ATA da individuare e comporterà operazioni di ricognizione dei beni patrimoniali di proprietà dell Istituto. Tali operazione consentiranno l aggiornamento dei registri degli inventari ai sensi della vigente normativa. 21

22 Presentazione schematica delle figure professionali Da diversi anni l Istituto offre alla propria utenza figure professionali ben radicate nella tradizione e sul territorio e un nuovo indirizzo di grafica pubblicitaria, così come esemplificato dal seguente diagramma di flusso: SETTORI AZIENDALE E TURISTICO BIENNIO COMUNE Consolidamento delle materie di base e studio di alcune discipline di specializzazione. TERZO ANNO OPERATORE GESTIONE AZIENDALE L operatore della gestione aziendale è in possesso di una professionalità che gli consente di svolgere mansioni esecutive dei lavori d ufficio Scelta tra OPERATORE IMPRESA TURISTICA E una figura professionale che può svolgere attività di supporto rispetto a figure manageriali operanti in ambito turistico. DIPLOMA DI QUALIFICA BIENNIO POST QUALIFICA TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE E in grado di intervenire all interno di una impresa o Ente Pubblico in termini di organizzazione, di gestione e controllo. SBOCCHI: Azienda Privata, Pubblica Amministrazione, accesso a tutte le Facoltà Universitarie. TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI E in grado di predisporre e gestire un offerta turistica ottimale. SBOCCHI: Agenzia Turistica, Ufficio Informazioni, Guida o Animatore in villaggi turistici,, Pubblica Amministrazione, accesso a tutte le Facoltà Universitarie. UNIVERSITA 22

23 SETTORE GRAFICA PUBBLICITARIA OPERATORE GRAFICO PUBBLICITARIO QUALIFICA TRIENNALE L operatore grafico gode di un profilo professionale moderno ed innovativo, in stretta aderenza al mercato del lavoro. Il corso, triennale, offre competenze ed abilità professionali attraverso strutture aggiornate ed avanzate, permettendo il conseguimento della qualifica. DIPLOMA DI TECNICO DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA BIENNIO POST QUALIFICA Il biennio post qualifica completa la formazione dell operatore, permettendogli di conseguire il Diploma di Tecnico della Grafica Pubblicitaria, nonché una Qualifica Regionale. UNIVERSITA ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI 23

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli