CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP. Relazione sulle attività e sintesi dei risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP. Relazione sulle attività e sintesi dei risultati"

Transcript

1 CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP Relazione sulle attività e sintesi dei risultati marzo 2015

2

3 INDICE PREMESSA 3 CAPITOLO 1 - IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Startup 2015: lo scenario internazionale, un anno dopo La Silicon Valley Santiago del Cile Tel Aviv Il contesto italiano Il quadro generale La definizione di startup innovativa Le misure agevolative Il fondo di garanzia e il ruolo delle banche L equity crowdfunding Le piattaforme di crowdfunding in Italia I numeri dell ecosistema delle startup in Italia L ecosistema italiano delle startup: esplosivo, confuso, deludente Un ecosistema a due facce 47 CAPITOLO 2 - L ECOSISTEMA ROMANO DELLE STARTUP Startup Roma, un anno dopo Le startup sul territorio della Capitale Incubatori e acceleratori dell ecosistema romano Gli spazi di coworking Il ruolo delle istituzioni Il ruolo della Regione Lazio e di Roma Come cambia il profilo dello startupper romano Startupper chi? Il profilo delle startup romane Criticità, bisogni e aspettative degli startupper romani 90 1

4 CAPITOLO 3 - L OPINIONE DEGLI STAKEHOLDERS DELL ECOSISTEMA ROMANO - le interviste 105 Intervista a Luigi Capello, LUISS Enlabs e LV Venture Group 107 Intervista a Augusto Coppola, InnovAction Lab 110 Intervista a Giammarco Carnovale, Roma Startup 113 Intervista a Marco Trombetti, PiCampus 117 Intervista a Fabrizio Cialdea, Atooma 119 Intervista a Monica Archibugi, Le Cicogne 123 Intervista a Giorgio Sadolfo, Il Filo 126 Intervista a Roberto Macina, Qurami 129 Intervista a Luca Rossi, Wanderio 131 Intervista a Gianluca Ciralli, commecialista.com e jenio.com 136 Intervista a Federico De Cerchio, CEO & Co-Founder wineowine 140 CAPITOLO 4 - CONCLUSIONI E DIRETTRICI STRATEGICHE 143 Le direttrici strategiche su cui intervenire 145 FONTI 151 Fonti situazione internazionale 153 Fonti situazione italiana 154 Il team di lavoro 156 2

5 PREMESSA 3

6 4

7 premessa Da fenomeno di grande interesse, e altrettanto grandi aspettative, le startup sembrano essere diventate oggi una realtà del sistema economico globale, in grado di rappresentare innovazione, creatività e spirito imprenditoriale. Un fenomeno caratterizzato da una grande dinamicità in termini di sviluppo ed evoluzione che rende difficile fissarne i confini e i tratti salienti se non attraverso un monitoraggio costante non solo del percorso che vede protagoniste le startup ma di tutto quel contesto, economico, sociale, istituzionale, che abbiamo definito ecosistema. Perché le startup non sono realtà autonome ma rappresentano il frutto, e allo stesso tempo il motore, del contesto in cui nascono e si sviluppano. Succede così a livello globale, ma anche nel nostro Paese e, in particolare, nel contesto romano. Proprio da questa considerazione nasce questo secondo report, che rappresenta un aggiornamento del primo studio sull ecosistema romano delle startup realizzato esattamente un anno fa e presentato nell aprile Attraverso l osservazione degli stessi fattori a distanza di un anno questa indagine si pone l obiettivo di osservare non solo i cambiamenti di tale ecosistema ma di creare uno storico metodologico che renda possibile monitorare il fenomeno partendo da un punto zero. Il presente report infatti, e il lavoro di indagine che ne sono la base, risponde all esigenza di dare seguito ad un percorso di analisi e monitoraggio che non sarà sicuramente esasustivo del fenomeno ma che ha l ambizione di essere il più possibile aggiornato e vicino alla realtà. Un lavoro che, come la prima edizione, ha non solo una funzione conoscitiva ma ha l obiettivo di diventare la base di partenza nella definizione di azioni e strumenti concreti a sostegno della crescita e dello sviluppo delle startup e di tutto il contesto socio-economico in cui si muovono. Conoscere per fare, scrivevamo dodici mesi fa. 5

8 Il primo passo del lavoro di ricerca è stato aggiornare l analisi sullo scenario generale delle startup, partendo dal contesto internazionale, con particolare attenzione a quelle realtà in cui le startup sono ormai protagoniste nella crescita dell economia, come Stati Uniti, Israele, Cile, per calarsi poi nello scenario italiano sia da un punto di vista quantitativo, sia dal punto di vista normativo, per individuare i cambiamenti più significativi che hanno riguardato il settore nel nostro Paese. Elemento centrale della ricerca è stata, anche stavolta, l analisi dell ecosistema romano. Come l anno scorso ci siamo trovati di fronte al problema di individuare il corpus di riferimento, non essendo unanimi, su questo punto, le fonti. Per continuità metodologica si è deciso quindi di privilegiare, come per l edizione 2014, una fonte ufficiale e istituzionale, ovvero il Registro Imprese delle Camere di Commercio. Il lavoro di indagine è stato sviluppato sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. Agli startupper romani è stato somministrato un questionario al fine di aggiornare il profilo delle startup della capitale. Ai protagonisti dell ecosistema, stakeholders, investitori e incubatori/acceleratori sono state invece somministrate delle interviste in profondità, al fine di avere un punto di vista diverso, quale quello degli altri protagonisti dell ecosistema delle startup. Dalla sintesi dei dati raccolti nelle tre fasi di indagine (desk, quantitativa, qualitativa) sono state ipotizzate delle possibili azioni da mettere in campo partendo da quelle individuate un anno fa per fare anche il punto su cosa è stato fatto e cosa no per rendere l ecosistema romano sempre più attrattivo e competitivo rispetto ad altri contesti italiani e internazionali. 6

9 CAPITOLO 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE 7

10 8

11 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Startup 2015: lo scenario internazionale L analisi di come si è evoluto il sistema romano delle startup a un anno di distanza non può non partire da una prospettiva più ampia, la stessa utilizzata nello studio precedente. Con la consapevolezza che il mondo è sempre più interconnesso, le idee viaggiano a una velocità quasi istantanea e i confini tra i paesi sono sempre più sfocati per quanto riguarda gli investimenti e i modelli di business, è interessante capire quali sono e come si sono evoluti i principali ecosistemi di imprese innovative nel mondo. La creazione e lo sviluppo di regioni ed aree ad alta concentrazione di startup, infatti, è un prerequisito riconosciuto per attrarre persone di talento, incoraggiare i creativi a sperimentare nuove idee e migliorare le possibilità di ottenere gli investimenti per mettere in piedi un impresa innovativa. L attrazione di talenti e investitori associata alla presenza di infrastrutture moderne e di ambienti culturalmente favorevoli alle startup è certamente uno degli ingredienti fondamentali di quella che è universalmente considerata come la regione madre delle startup, ovvero la Silicon Valley. Questo però è soltanto l esempio più noto di un movimento in continua evoluzione che coinvolge molti Paesi, un movimento centripeto che tende a concentrare menti e risorse in alcune regioni startup-friendly. Quali sono queste regioni, che caratteristiche e punti di forza presentano, e come si sono evolute di recente? Lo scopo di questa introduzione è fornire un quadro dei principali trend e business model che stanno nascendo e sviluppandosi a grande velocità nelle aree più innovative del mondo, con l obiettivo di fornire, se non un termine di paragone, quantomeno un modello a cui ispirarsi per l ecosistema romano delle startup. Come si crea un ambiente fertile per le startup, e soprattutto come si passa da semplice territorio attrattivo in un contesto nazionale a hub internazionale delle imprese innovative? Se nella ricerca precedente l attenzione si era concentrata su interi paesi e le loro legislazioni, adesso proviamo a concentrarci sulle singole aree e regioni che si stanno sviluppando in contesti anche molto diversi da loro, evidenziando punti di forza peculiari e buone pratiche che potrebbero essere esportate in altre regioni Silicon Valley Cominciamo proprio con la Silicon Valley. Quali sono i vantaggi di questo ecosistema? È innanzi tutto un ecosistema estremamente evoluto, standardizzato a livello di documenti e procedure burocratiche e legali, capace di attirare una grande quantità di venture capital. La Silicon Valley offre dunque agli imprenditori tutta una serie di opzioni che permette loro 9

12 di accedere facilmente alle risorse richieste per sviluppare una startup il più velocemente possibile 61. Intanto qualche numero: parliamo di una macroregione di 7,5 milioni di abitanti che produce un prodotto interno lordo di 535 miliardi di dollari. Nella Silicon Valley i venture capitalists e gli angel investors svolgono un ruolo decisivo: assieme costituiscono circa il 53 per cento di tutto il finanziamento che giunge alle startup locali. In particolare, i venture capitalist svolgono ruoli multipli come quello di broker, consulente aziendale, reclutatore e persino di avvocati. La forza di questa macro-regione è data anche dalla presenza di innumerevoli incubatori e acceleratori, per lo più privati, una rete di competenze multidisciplinare e trasversale alimentata dalla presenza di alcune tra le migliori università del mondo e, fattore spesso sottovalutato, una popolazione molto istruita, giovane e dinamica, con quasi il 38% del totale composto da persone di età compresa tra i 24 e 44 anni. Il diagramma successivo mostra, sinteticamente, le caratteristiche principali dell ecosistema californiano: Grafico 1. Punti di forza e di debolezza della Silicon Valley, Leading Global Ecosystems Report 61 Leading Global Ecosystems Report 2013, Opinno Strategy 10

13 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Tra i principali punti di forza della Silicon Valley ha contato l autonomia e i finanziamenti concessi da parte del governo degli Stati Uniti, e ovviamente la capacità di attrarre risorse dal settore privato e dagli imprenditori per sviluppare con continuità l ecosistema. Centrale anche il già menzionato tema delle università e di una popolazione dinamica e istruita. Figura 1. Fonti di finanziamento per le startup della Silicon Valley Figura 2. Creazione di lavoro: impiegati full time Al contrario, la difficoltà di trovare terreni e abitazioni a prezzi abbordabili, dato che il grande richiamo della Silicon Valley ha reso il mercato delle abitazioni estremamente costoso, con affitti medi mensili che si aggirano intorno ai 1750 dollari. È questo un fattore da non sottovalutare, dato che ha portato molte imprese giovani a stabilire la propria sede al di fuori della macro-regione. Un altro potenziale punto debole a lungo termine per la Silicon Valley è la rigorosa politica di immigrazione del governo federale degli Stati Uniti, dato che il 52% di startup sono create da cittadini stranieri. 11

14 Ad ogni modo, i dati 62 rispetto alla media globale degli altri principali ecosistemi confermano la straordinaria vitalità della regione californiana. In sintesi: Capitale raccolto superiore al 32% in tutte le fasi di sviluppo di una startup; 20% in più di mentori e 35% in più di imprenditori seriali 22 % in meno di probabilità di considerare la realizzazione pratica del prodotto come una sfida difficile gli imprenditori lavorano più ore al giorno e si preoccupano di aggredire nuovi mercati piuttosto che quelli già esistenti e di nicchia Santiago del Cile Restando nel continente americano, uno degli ecosistemi che più ha attirato l attenzione di investitori e studiosi è certamente quello di Santiago e, più in generale, di tutto il Cile. La peculiarità cilena è il ruolo centrale avuto dal governo nazionale: il programma Startup Chile lanciato nel 2010, offre dollari agli imprenditori che si spostano in Cile per sei mesi e decidono di avviare una nuova attività 63. Il programma è stato indubbiamente una delle iniziative che hanno avuto più successo nel mondo nell offrire un sostegno non solo finanziario agli imprenditori stranieri, ma anche in termini di spazi per uffici, accesso a internet gratuito, mentoring e networking. A differenza di altri programmi simili lanciati in altre parti del mondo, la peculiarità cilena è stata quella di non chiedere in cambio niente di etico, ma soltanto di trasferirsi nel Paese e interagire con gli imprenditori locali. In pratica, la scommessa cilena è stata quella di contare sul fatto che gli imprenditori stranieri avrebbero trasformare la cultura imprenditoriale locale, insegnando a correre dei rischi, ad aiutarsi a vicenda e a formare reti globali. La scommessa è stata sicuramente un successo: The Economist ha definito il Paese Chilecon Valley, e in particolare la capitale Santiago brulica di attività imprenditoriale: gli studenti universitari ora cercano lavoro nelle startup piuttosto che nelle grandi aziende e il marchio del Paese come giovane e aperto all innovazione è riconosciuto in tutto il mondo 64. Startup Chile ha incubato oltre 800 aziende, riuscendo in pochi anni a trasformare il Cile in un hub per l imprenditorialità e l innovazione. Significativa, a questo proposito, l analisi che del programma offre Paolo Privitera, CEO di Pick1 e primo italiano a partecipare al programma: La cosa interessante del Cile è il ruolo svolto dal Governo, che non avendo un tessuto imprenditoriale basato sulle industrie ha deciso di puntare sull economia della 62 Startup Ecosystem Report, Startup Genome

15 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE conoscenza e quindi sulle startup. In quest ottica va inquadrata anche la recente riforma scolastica della neoeletta Bachelet. Guardando il quadro generale, questo programma è importante per l economia cilena in quanto l imprenditorialità è un elemento chiave se il Cile vuole essere un paese sviluppato 65. E in effetti Startup Cile ha ricevuto più di 12mila richieste di adesione da 112 paesi. Secondo il direttore esecutivo di Startup Chile, Sebastian Vidal, le prime 199 aziende che hanno visitato il Cile sono tornate a casa raccogliendo un totale di 72 milioni dollari in finanziamenti. Altre 132 aziende che hanno deciso di rimanere hanno raccolto 26 milioni di dollari. Non male, insomma, per un programma che al governo cileno è costato circa 35 milioni di dollari 66. Per capire la portata dell esperimento cileno bisogna ricordare che il Cile non è nemmeno ancora classificato come una innovation-driven economy dall OCSE, eppure il Paese si colloca al 39 posto nel rapporto Global Innovation Index, mentre la città di Santiago è stata evidenziata come un esempio di ecosistema estremamente efficiente già nel 2012, a soli due anni dall avvio del programma. Ma quali sono i punti di forza e di debolezza di questo ecosistema? Grafico 2. Punti di forza e di debolezza dell ecosistema di Santiago del Cile, Leading Global Ecosystems Report

16 Le industrie e le strutture di finanziamenti privati, intanto, hanno un ruolo secondario rispetto a quello svolto dal Governo e dalle università. Sicuramente la mano pubblica ha cercato di colmare le lacune strutturali nel ciclo di finanziamento delle startup cilene, con l assunzione di un ruolo attivo nella progettazione e nello stanziamento di capitali di rischio. I business angels tendono a sostenere i progetti in fase di crescita che non sono eccessivamente rischiosi, e resta il fatto che le startup di Santiago raccolgono il 96 per cento in meno di finanziamento rispetto all irraggiungibile Silicon Valley. Tra i punti deboli del sistema c è anche il basso livello di trasmissione di conoscenza tra imprese e università: se Il 40 per cento della spesa totale per R & S deriva dalle università - e principalmente da quelle di Santiago, l Università del Cile e l Università Cattolica - queste coinvolgono ancora troppo poco le aziende private nei loro progetti. Le banche, inoltre, sono spesso ancora riluttanti a prestare denaro a imprenditori nelle fasi iniziali della vita dell impresa. L ecosistema cileno ha comunque presentato una crescita a ritmo sostenuto grazie agli sforzi del governo per attrarre investitori stranieri e per rendere il Paese meno burocratico e più trasparente, con il ruolo fondamentale, come accennato sopra, delle principali università del Cile. Per concludere l analisi dell esperimento cileno, è possibile citare il parere di Vivek Wadhwa direttore della Ricerca al Center for Entrepreneurship and Research Commercialization alla Duke University e membro del Consiglio del Programma Start-Up Chile. La sua idea sul sistema cresciuto a Santiago è che la sfida iniziale fosse simile a quella della maggior parte delle regioni diverse dalla Silicon Valley, ovvero l assenza di una cultura imprenditoriale che tollerasse il fallimento e incoraggiasse la condivisione delle informazioni e la sperimentazione. Per questo, spiega Wadhwa, ho suggerito che il paese importasse ciò di cui aveva bisogno, approfittando della stupidità dell America nel mandare via gli imprenditori più innovativi del mondo. A causa di politiche di immigrazione fallimentari, gli Stati Uniti stanno vivendo un esodo di talenti imprenditoriali altamente qualificati. Il Ministro dell Economia del Cile, Juan Andrés Fontaine, a cui ho lanciato l idea, era scettico riguardo alla possibilità che questi stranieri sarebbero venuti in Cile, ma ha approvato l esperimento. Start-Up Chile è sopravvissuto a due cambi di governo e costituirà la base per per costituire nuove importanti iniziative legate all innovazione. Secondo Eduardo Bitran, recentemente nominato a capo dell agenzia di sviluppo economico del Cile, CORFO, il progetto è di importanza nazionale e un modello per il resto del mondo

17 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Tel Aviv Quello che gravita attorno alla città di Tel Aviv è probabilmente uno degli ecosistemi di startup più studiati al mondo. Tel Aviv, la seconda città più popolosa in Israele è una città dinamica nota internazionalmente per il suo ambiente creativo e per la sua capacità di attrarre giovani con alto livello d istruzione e dipendenti qualificati per le numerose imprese di successo che gravitano nella regione. Grazie anche a iniziative governative mirate, Tel Aviv è la città con più startup procapite nel mondo, vanta un altissima qualità della ricerca ad alti livelli - Israele è il Paese che investe la più alta percentuale del PIL investita in R & S - e attira venture capitalists pronti a investire sulla prossima grande idea di business. Non è un caso che Tel Aviv, tra le altre cose, abbia vinto il World Smart Cities Award 2014, premio consegnato in occasione dello Smart City Expo World Congress che si è tenuto a Barcellona, superando la concorrenza di 250 rivali 68. Proprio il 2014 è stato un anno di svolta per le startup israeliano dal punto di vista della crescita delle exit. Secondo l ultimo report IVC Research Center e Meitar Liquornik Geva Leshem Tal nell ultimo anno le startup israeliane hanno fatto registrare una crescita del 5% del numero delle exit, tra acquisizioni e ingresso in borsa, per un totale di 6,94 miliardi di dollari 69. Il numero di Offerte Pubbliche Iniziali (IPO in inglese) delle startup israeliane è stato il più elevato degli ultimi dieci anni. Questo, nonostante il Paese abbia fatto registrare un deciso rallentamento della sua economia, ferma al 2,6% di crescita su base annua rispetto al 3,2% del Questa stima si basa peraltro sul solo valore degli scambi, senza tenere in considerazione le valutazioni delle aziende post-ipo. Queste, riportate invece da PWC, fanno levitare il valore totale delle exit a un totale di 15 miliardi di dollari

18 Grafico 3. Punti di forza e di debolezza dell ecosistema di Tel Aviv, Leading Global Ecosystems Report Tra le principali minacce per l ulteriore sviluppo dell ecosistema, ad ogni modo, dobbiamo segnalare l instabilità politica della regione e, in generale, la costante minaccia del terrorismo che aleggia sulla città e che limita inevitabilmente la capacità di attrazione di imprenditori stranieri. Uno dei problemi principali dell ecosistema, poi, è la dimensione del mercato locale, dato che Israele ha una popolazione relativamente ridotta: questa caratteristica comporta una migrazione di molte startup da Tel Aviv all estero una volta raggiunto il successo economico, per garantirsi la possibilità di accedere a un hanno successo un mercato più ampio. Ad ogni modo, secondo il Global Venture Capital Confidence Survey di Deloitte, Israele ha mantenuto nel 2014 il secondo posto tra i Paesi consigliati dagli investitori, con un punteggio di 3.71, dietro a Stati Uniti (4,03) e davanti al Canada (3.48) Ibidem 16

19 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Grafico 4. Fiducia degli investitori nei Paesi, 2014, Deloitte Va ricordato, inoltre, un fattore spesso sottovaluto: il costo medio mensile per vivere e lavorare da remoto a Tel Aviv è stimato intorno ai euro, mentre ad esempio per città come Milano raggiunge i Ma di cosa si occupano le startup di Tel Avivi? Secondo le ricerche più recenti, i settori chiave sono internet, comunicazione, IT, life science, cleantech. Il 64% delle aziende hi-tech della città, inoltre, sono alla fase di startup, e il 24% di esse non supera i 4 dipendenti 71. Concludiamo ricordando che, oltre al ruolo pubblico ampiamente analizzato nel report dello scorso anno, l ecosistema israeliano beneficia di una grande attenzione da parte degli investitori internazionali e, più in generale, dei privati. Interessanti da questo punto di vista il cresce interessamento da parte della Cina 72 e la continua nascita di centri di ricerca, come dimostra la recente apertura della CyberSpark a Be er Sheva, un parco nazionale d informatica in grado di includere leader mondiali del settore della sicurezza per sviluppare nuove strategie di cyber-difesa da consegnare in futuro a governi e a multinazionali Idibem 72 Il valore delle esportazioni israeliane verso la Cina ha superato nel 2013 i 3 miliardi di dollari

20 18

21 1.2 Il contesto italiano 19

22 20

23 1.2 Il contesto italiano Il quadro generale La Legge 221/2012, che ha convertito il Decreto Legge 179/2012 noto anche come Decreto Crescita 2.0, ha introdotto per la prima volta in Italia la definizione di startup innovativa. Al suo interno, sono contenute le misure volte a promuovere la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione, in particolare giovanile, l aggregazione di un ecosistema animato da una nuova cultura imprenditoriale votata all innovazione, così come a favorire una maggiore mobilità sociale, il rafforzamento dei legami tra università e imprese nonché una più massiccia attrazione di talenti e capitali esteri nel nostro Paese. Il Decreto Crescita 2.0 ha accolto i suggerimenti formulati nel Rapporto Restart, Italia! elaborato da una task force di 12 esperti istituita nell aprile del 2012 dal Ministro dello Sviluppo Economico ed emersi dalla consultazione con i principali attori dell ecosistema imprenditoriale nazionale. In particolare, ha introdotto in favore delle startup innovative un vasto corpus normativo (artt ) che prevede nuovi strumenti e misure di vantaggio che incidono sull intero ciclo di vita dell azienda, dall avvio alle fasi di crescita, sviluppo e maturazione. Per quanto riguarda lo stato di attuazione della normativa a sostegno delle startup innovative, alcune misure sono entrate immediatamente in vigore con la Legge 221/2012, altre hanno necessitato di successivi interventi attuativi La definizione di startup innovativa La normativa, come abbiamo già sottolineato, è riferita esplicitamente alle startup innovative. Non include, quindi, qualsiasi impresa di nuova costituzione, ma soltanto quelle che fanno innovazione in ambito tecnologico in riferimento a tutto il mondo produttivo, dalle tecnologie delle telecomunicazioni e dell informazione alla manifattura, dai servizi all artigianato, solo per citarne alcuni. Entrando nel merito della definizione di startup innovativa, alle misure agevolative possono accedere le società di capitale, costituite anche in forma cooperativa, o le Società Europee, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione, e che sono in possesso dei seguenti requisiti: sono nuove o comunque hanno meno di 4 anni di attività; hanno sede principale in Italia; presentano un fatturato annuo inferiore a 5 milioni di euro; non distribuiscono utili; hanno come oggetto sociale lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico; non sono costituite da fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda; 21

24 Infine, il contenuto innovativo dell impresa è identificato con il possesso di almeno uno dei tre seguenti criteri: 1. almeno il 15% del maggiore tra fatturato e costi annui è ascrivibile ad attività di ricerca e sviluppo; 2. la forza lavoro complessiva è costituita per almeno 1/3 da dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori, oppure per almeno 2/3 da soci o collaboratori a qualsiasi titolo in possesso di laurea magistrale; 3. l impresa è titolare, depositaria o licenziataria di brevetto registrato (privativa industriale) oppure titolare di programma per elaboratore originario registrato. Possono iscriversi alla sezione speciale del Registro delle imprese e accedere alle misure agevolative anche le imprese già costituite alla data di entrata in vigore della Legge (19 dicembre 2012) e in possesso dei requisiti previsti dalla stessa. Queste possono accedere ai benefici previsti per le startup innovative per un periodo di 4 anni, se la società è stata costituita entro i 2 anni precedenti, di 3 anni, se è stata costituita entro i 3 anni precedenti, e di 2 anni, se è stata costituita entro i quattro anni precedenti. Capitolo a sé riguarda le startup a vocazione sociale: possiede tutti i requisiti delle startup innovative e opera in alcuni settori specifici che la legge italiana (l. 155/2006, art. 2 comma 1) considera di particolare valore sociale. I settori individuati sono quelli: dell assistenza sociale; dell assistenza sanitaria; dell educazione, istruzione e formazione; della tutela dell ambiente e dell ecosistema; della raccolta dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi; della valorizzazione del patrimonio culturale; del turismo sociale; della formazione universitaria e post-universitaria; della ricerca ed erogazione di servizi culturali; della formazione extra- scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo. Oltre alle startup, tra i beneficiari della legge in esame, ci sono anche gli incubatori certificati che, per essere riconosciuti come tali, devono soddisfare alcuni requisiti specifici relativi ai locali, al management, alle attrezzature e, soprattutto, devono dimostrare comprovata 22

25 1.2 Il contesto italiano esperienza nelle attività di sostegno all avvio di imprese innovative. In questo modo la legge mira a individuare e valorizzare le strutture che offrono realmente ed efficacemente servizi di incubazione. Gli incubatori certificati possono beneficiare di alcuni strumenti previsti dalla legge: esonero da diritti camerali e imposte di bollo; uso di stock option; credito d imposta per le assunzioni di personale altamente qualificato; accesso semplificato al Fondo Centrale di Garanzia. Le startup innovative e gli incubatori certificati devono registrarsi nella sezione speciale del Registro delle imprese creata ad hoc presso le Camere di Commercio. Questa registrazione permette di dare pubblicità, effettuare controlli e garantire il monitoraggio dell impatto che la nuova legislazione avrà sulla crescita economica e l occupazione. Poiché la policy vuole essere fondata sull evidenza, il corpus normativo prevede la realizzazione di un sistema strutturato di monitoraggio e di valutazione dell impatto economico delle misure, ponendo altresì l obbligo, in capo al Ministro dello Sviluppo economico, di relazionare annualmente in Parlamento. A tal proposito, nel marzo del 2014 il Ministro dello Sviluppo economico ha presentato la prima Relazione annuale al Parlamento sullo stato d attuazione della policy a sostegno delle startup innovative. La Relazione si fonda sull analisi compiuta dal Comitato di monitoraggio e valutazione costituito con Decreto Ministeriale del 31 gennaio Le misure agevolative Le misure di agevolazione previste dalla Legge 221/2012 sono: Esonero da diritti camerali e imposte di bollo: startup innovative e incubatori certificati non dovranno pagare il diritto annuale dovuto in favore delle Camere di Commercio, nonché, come chiarito dalla circolare 16/E emessa l 11 giugno 2014 dall Agenzia delle Entrate, i diritti di segreteria e l imposta di bollo per qualsiasi adempimento da effettuare presso il Registro delle imprese. Gestione societaria flessibile: l atto costitutivo delle startup innovative create in forma di società a responsabilità limitata può prevedere categorie di quote che non attribuiscono diritti di voto o che ne attribuiscono in misura non proporzionale alla partecipazione. Facilitazioni nel ripianamento delle perdite: in caso di perdite sistematiche le startup godono di un regime speciale sulla riduzione del capitale sociale, tra cui una moratoria di 23

LA STARTUP INNOVATIVA

LA STARTUP INNOVATIVA LA STARTUP INNOVATIVA GUIDA SINTETICA PER UTENTI ESPERTI SUGLI ADEMPIMENTI SOCIETARI, REDATTA DALLE CAMERE DI COMMERCIO CON IL COORDINAMENTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DISCIPLINA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli