CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP. Relazione sulle attività e sintesi dei risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP. Relazione sulle attività e sintesi dei risultati"

Transcript

1 CONOSCERE CONOSCERE L ECOSISTEMA L ECOSISTEMA ROMANO DELLE ROMANO DELLE ST RTUP Relazione sulle attività e sintesi dei risultati marzo 2015

2

3 INDICE PREMESSA 3 CAPITOLO 1 - IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Startup 2015: lo scenario internazionale, un anno dopo La Silicon Valley Santiago del Cile Tel Aviv Il contesto italiano Il quadro generale La definizione di startup innovativa Le misure agevolative Il fondo di garanzia e il ruolo delle banche L equity crowdfunding Le piattaforme di crowdfunding in Italia I numeri dell ecosistema delle startup in Italia L ecosistema italiano delle startup: esplosivo, confuso, deludente Un ecosistema a due facce 47 CAPITOLO 2 - L ECOSISTEMA ROMANO DELLE STARTUP Startup Roma, un anno dopo Le startup sul territorio della Capitale Incubatori e acceleratori dell ecosistema romano Gli spazi di coworking Il ruolo delle istituzioni Il ruolo della Regione Lazio e di Roma Come cambia il profilo dello startupper romano Startupper chi? Il profilo delle startup romane Criticità, bisogni e aspettative degli startupper romani 90 1

4 CAPITOLO 3 - L OPINIONE DEGLI STAKEHOLDERS DELL ECOSISTEMA ROMANO - le interviste 105 Intervista a Luigi Capello, LUISS Enlabs e LV Venture Group 107 Intervista a Augusto Coppola, InnovAction Lab 110 Intervista a Giammarco Carnovale, Roma Startup 113 Intervista a Marco Trombetti, PiCampus 117 Intervista a Fabrizio Cialdea, Atooma 119 Intervista a Monica Archibugi, Le Cicogne 123 Intervista a Giorgio Sadolfo, Il Filo 126 Intervista a Roberto Macina, Qurami 129 Intervista a Luca Rossi, Wanderio 131 Intervista a Gianluca Ciralli, commecialista.com e jenio.com 136 Intervista a Federico De Cerchio, CEO & Co-Founder wineowine 140 CAPITOLO 4 - CONCLUSIONI E DIRETTRICI STRATEGICHE 143 Le direttrici strategiche su cui intervenire 145 FONTI 151 Fonti situazione internazionale 153 Fonti situazione italiana 154 Il team di lavoro 156 2

5 PREMESSA 3

6 4

7 premessa Da fenomeno di grande interesse, e altrettanto grandi aspettative, le startup sembrano essere diventate oggi una realtà del sistema economico globale, in grado di rappresentare innovazione, creatività e spirito imprenditoriale. Un fenomeno caratterizzato da una grande dinamicità in termini di sviluppo ed evoluzione che rende difficile fissarne i confini e i tratti salienti se non attraverso un monitoraggio costante non solo del percorso che vede protagoniste le startup ma di tutto quel contesto, economico, sociale, istituzionale, che abbiamo definito ecosistema. Perché le startup non sono realtà autonome ma rappresentano il frutto, e allo stesso tempo il motore, del contesto in cui nascono e si sviluppano. Succede così a livello globale, ma anche nel nostro Paese e, in particolare, nel contesto romano. Proprio da questa considerazione nasce questo secondo report, che rappresenta un aggiornamento del primo studio sull ecosistema romano delle startup realizzato esattamente un anno fa e presentato nell aprile Attraverso l osservazione degli stessi fattori a distanza di un anno questa indagine si pone l obiettivo di osservare non solo i cambiamenti di tale ecosistema ma di creare uno storico metodologico che renda possibile monitorare il fenomeno partendo da un punto zero. Il presente report infatti, e il lavoro di indagine che ne sono la base, risponde all esigenza di dare seguito ad un percorso di analisi e monitoraggio che non sarà sicuramente esasustivo del fenomeno ma che ha l ambizione di essere il più possibile aggiornato e vicino alla realtà. Un lavoro che, come la prima edizione, ha non solo una funzione conoscitiva ma ha l obiettivo di diventare la base di partenza nella definizione di azioni e strumenti concreti a sostegno della crescita e dello sviluppo delle startup e di tutto il contesto socio-economico in cui si muovono. Conoscere per fare, scrivevamo dodici mesi fa. 5

8 Il primo passo del lavoro di ricerca è stato aggiornare l analisi sullo scenario generale delle startup, partendo dal contesto internazionale, con particolare attenzione a quelle realtà in cui le startup sono ormai protagoniste nella crescita dell economia, come Stati Uniti, Israele, Cile, per calarsi poi nello scenario italiano sia da un punto di vista quantitativo, sia dal punto di vista normativo, per individuare i cambiamenti più significativi che hanno riguardato il settore nel nostro Paese. Elemento centrale della ricerca è stata, anche stavolta, l analisi dell ecosistema romano. Come l anno scorso ci siamo trovati di fronte al problema di individuare il corpus di riferimento, non essendo unanimi, su questo punto, le fonti. Per continuità metodologica si è deciso quindi di privilegiare, come per l edizione 2014, una fonte ufficiale e istituzionale, ovvero il Registro Imprese delle Camere di Commercio. Il lavoro di indagine è stato sviluppato sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo. Agli startupper romani è stato somministrato un questionario al fine di aggiornare il profilo delle startup della capitale. Ai protagonisti dell ecosistema, stakeholders, investitori e incubatori/acceleratori sono state invece somministrate delle interviste in profondità, al fine di avere un punto di vista diverso, quale quello degli altri protagonisti dell ecosistema delle startup. Dalla sintesi dei dati raccolti nelle tre fasi di indagine (desk, quantitativa, qualitativa) sono state ipotizzate delle possibili azioni da mettere in campo partendo da quelle individuate un anno fa per fare anche il punto su cosa è stato fatto e cosa no per rendere l ecosistema romano sempre più attrattivo e competitivo rispetto ad altri contesti italiani e internazionali. 6

9 CAPITOLO 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE 7

10 8

11 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Startup 2015: lo scenario internazionale L analisi di come si è evoluto il sistema romano delle startup a un anno di distanza non può non partire da una prospettiva più ampia, la stessa utilizzata nello studio precedente. Con la consapevolezza che il mondo è sempre più interconnesso, le idee viaggiano a una velocità quasi istantanea e i confini tra i paesi sono sempre più sfocati per quanto riguarda gli investimenti e i modelli di business, è interessante capire quali sono e come si sono evoluti i principali ecosistemi di imprese innovative nel mondo. La creazione e lo sviluppo di regioni ed aree ad alta concentrazione di startup, infatti, è un prerequisito riconosciuto per attrarre persone di talento, incoraggiare i creativi a sperimentare nuove idee e migliorare le possibilità di ottenere gli investimenti per mettere in piedi un impresa innovativa. L attrazione di talenti e investitori associata alla presenza di infrastrutture moderne e di ambienti culturalmente favorevoli alle startup è certamente uno degli ingredienti fondamentali di quella che è universalmente considerata come la regione madre delle startup, ovvero la Silicon Valley. Questo però è soltanto l esempio più noto di un movimento in continua evoluzione che coinvolge molti Paesi, un movimento centripeto che tende a concentrare menti e risorse in alcune regioni startup-friendly. Quali sono queste regioni, che caratteristiche e punti di forza presentano, e come si sono evolute di recente? Lo scopo di questa introduzione è fornire un quadro dei principali trend e business model che stanno nascendo e sviluppandosi a grande velocità nelle aree più innovative del mondo, con l obiettivo di fornire, se non un termine di paragone, quantomeno un modello a cui ispirarsi per l ecosistema romano delle startup. Come si crea un ambiente fertile per le startup, e soprattutto come si passa da semplice territorio attrattivo in un contesto nazionale a hub internazionale delle imprese innovative? Se nella ricerca precedente l attenzione si era concentrata su interi paesi e le loro legislazioni, adesso proviamo a concentrarci sulle singole aree e regioni che si stanno sviluppando in contesti anche molto diversi da loro, evidenziando punti di forza peculiari e buone pratiche che potrebbero essere esportate in altre regioni Silicon Valley Cominciamo proprio con la Silicon Valley. Quali sono i vantaggi di questo ecosistema? È innanzi tutto un ecosistema estremamente evoluto, standardizzato a livello di documenti e procedure burocratiche e legali, capace di attirare una grande quantità di venture capital. La Silicon Valley offre dunque agli imprenditori tutta una serie di opzioni che permette loro 9

12 di accedere facilmente alle risorse richieste per sviluppare una startup il più velocemente possibile 61. Intanto qualche numero: parliamo di una macroregione di 7,5 milioni di abitanti che produce un prodotto interno lordo di 535 miliardi di dollari. Nella Silicon Valley i venture capitalists e gli angel investors svolgono un ruolo decisivo: assieme costituiscono circa il 53 per cento di tutto il finanziamento che giunge alle startup locali. In particolare, i venture capitalist svolgono ruoli multipli come quello di broker, consulente aziendale, reclutatore e persino di avvocati. La forza di questa macro-regione è data anche dalla presenza di innumerevoli incubatori e acceleratori, per lo più privati, una rete di competenze multidisciplinare e trasversale alimentata dalla presenza di alcune tra le migliori università del mondo e, fattore spesso sottovalutato, una popolazione molto istruita, giovane e dinamica, con quasi il 38% del totale composto da persone di età compresa tra i 24 e 44 anni. Il diagramma successivo mostra, sinteticamente, le caratteristiche principali dell ecosistema californiano: Grafico 1. Punti di forza e di debolezza della Silicon Valley, Leading Global Ecosystems Report 61 Leading Global Ecosystems Report 2013, Opinno Strategy 10

13 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Tra i principali punti di forza della Silicon Valley ha contato l autonomia e i finanziamenti concessi da parte del governo degli Stati Uniti, e ovviamente la capacità di attrarre risorse dal settore privato e dagli imprenditori per sviluppare con continuità l ecosistema. Centrale anche il già menzionato tema delle università e di una popolazione dinamica e istruita. Figura 1. Fonti di finanziamento per le startup della Silicon Valley Figura 2. Creazione di lavoro: impiegati full time Al contrario, la difficoltà di trovare terreni e abitazioni a prezzi abbordabili, dato che il grande richiamo della Silicon Valley ha reso il mercato delle abitazioni estremamente costoso, con affitti medi mensili che si aggirano intorno ai 1750 dollari. È questo un fattore da non sottovalutare, dato che ha portato molte imprese giovani a stabilire la propria sede al di fuori della macro-regione. Un altro potenziale punto debole a lungo termine per la Silicon Valley è la rigorosa politica di immigrazione del governo federale degli Stati Uniti, dato che il 52% di startup sono create da cittadini stranieri. 11

14 Ad ogni modo, i dati 62 rispetto alla media globale degli altri principali ecosistemi confermano la straordinaria vitalità della regione californiana. In sintesi: Capitale raccolto superiore al 32% in tutte le fasi di sviluppo di una startup; 20% in più di mentori e 35% in più di imprenditori seriali 22 % in meno di probabilità di considerare la realizzazione pratica del prodotto come una sfida difficile gli imprenditori lavorano più ore al giorno e si preoccupano di aggredire nuovi mercati piuttosto che quelli già esistenti e di nicchia Santiago del Cile Restando nel continente americano, uno degli ecosistemi che più ha attirato l attenzione di investitori e studiosi è certamente quello di Santiago e, più in generale, di tutto il Cile. La peculiarità cilena è il ruolo centrale avuto dal governo nazionale: il programma Startup Chile lanciato nel 2010, offre dollari agli imprenditori che si spostano in Cile per sei mesi e decidono di avviare una nuova attività 63. Il programma è stato indubbiamente una delle iniziative che hanno avuto più successo nel mondo nell offrire un sostegno non solo finanziario agli imprenditori stranieri, ma anche in termini di spazi per uffici, accesso a internet gratuito, mentoring e networking. A differenza di altri programmi simili lanciati in altre parti del mondo, la peculiarità cilena è stata quella di non chiedere in cambio niente di etico, ma soltanto di trasferirsi nel Paese e interagire con gli imprenditori locali. In pratica, la scommessa cilena è stata quella di contare sul fatto che gli imprenditori stranieri avrebbero trasformare la cultura imprenditoriale locale, insegnando a correre dei rischi, ad aiutarsi a vicenda e a formare reti globali. La scommessa è stata sicuramente un successo: The Economist ha definito il Paese Chilecon Valley, e in particolare la capitale Santiago brulica di attività imprenditoriale: gli studenti universitari ora cercano lavoro nelle startup piuttosto che nelle grandi aziende e il marchio del Paese come giovane e aperto all innovazione è riconosciuto in tutto il mondo 64. Startup Chile ha incubato oltre 800 aziende, riuscendo in pochi anni a trasformare il Cile in un hub per l imprenditorialità e l innovazione. Significativa, a questo proposito, l analisi che del programma offre Paolo Privitera, CEO di Pick1 e primo italiano a partecipare al programma: La cosa interessante del Cile è il ruolo svolto dal Governo, che non avendo un tessuto imprenditoriale basato sulle industrie ha deciso di puntare sull economia della 62 Startup Ecosystem Report, Startup Genome

15 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE conoscenza e quindi sulle startup. In quest ottica va inquadrata anche la recente riforma scolastica della neoeletta Bachelet. Guardando il quadro generale, questo programma è importante per l economia cilena in quanto l imprenditorialità è un elemento chiave se il Cile vuole essere un paese sviluppato 65. E in effetti Startup Cile ha ricevuto più di 12mila richieste di adesione da 112 paesi. Secondo il direttore esecutivo di Startup Chile, Sebastian Vidal, le prime 199 aziende che hanno visitato il Cile sono tornate a casa raccogliendo un totale di 72 milioni dollari in finanziamenti. Altre 132 aziende che hanno deciso di rimanere hanno raccolto 26 milioni di dollari. Non male, insomma, per un programma che al governo cileno è costato circa 35 milioni di dollari 66. Per capire la portata dell esperimento cileno bisogna ricordare che il Cile non è nemmeno ancora classificato come una innovation-driven economy dall OCSE, eppure il Paese si colloca al 39 posto nel rapporto Global Innovation Index, mentre la città di Santiago è stata evidenziata come un esempio di ecosistema estremamente efficiente già nel 2012, a soli due anni dall avvio del programma. Ma quali sono i punti di forza e di debolezza di questo ecosistema? Grafico 2. Punti di forza e di debolezza dell ecosistema di Santiago del Cile, Leading Global Ecosystems Report

16 Le industrie e le strutture di finanziamenti privati, intanto, hanno un ruolo secondario rispetto a quello svolto dal Governo e dalle università. Sicuramente la mano pubblica ha cercato di colmare le lacune strutturali nel ciclo di finanziamento delle startup cilene, con l assunzione di un ruolo attivo nella progettazione e nello stanziamento di capitali di rischio. I business angels tendono a sostenere i progetti in fase di crescita che non sono eccessivamente rischiosi, e resta il fatto che le startup di Santiago raccolgono il 96 per cento in meno di finanziamento rispetto all irraggiungibile Silicon Valley. Tra i punti deboli del sistema c è anche il basso livello di trasmissione di conoscenza tra imprese e università: se Il 40 per cento della spesa totale per R & S deriva dalle università - e principalmente da quelle di Santiago, l Università del Cile e l Università Cattolica - queste coinvolgono ancora troppo poco le aziende private nei loro progetti. Le banche, inoltre, sono spesso ancora riluttanti a prestare denaro a imprenditori nelle fasi iniziali della vita dell impresa. L ecosistema cileno ha comunque presentato una crescita a ritmo sostenuto grazie agli sforzi del governo per attrarre investitori stranieri e per rendere il Paese meno burocratico e più trasparente, con il ruolo fondamentale, come accennato sopra, delle principali università del Cile. Per concludere l analisi dell esperimento cileno, è possibile citare il parere di Vivek Wadhwa direttore della Ricerca al Center for Entrepreneurship and Research Commercialization alla Duke University e membro del Consiglio del Programma Start-Up Chile. La sua idea sul sistema cresciuto a Santiago è che la sfida iniziale fosse simile a quella della maggior parte delle regioni diverse dalla Silicon Valley, ovvero l assenza di una cultura imprenditoriale che tollerasse il fallimento e incoraggiasse la condivisione delle informazioni e la sperimentazione. Per questo, spiega Wadhwa, ho suggerito che il paese importasse ciò di cui aveva bisogno, approfittando della stupidità dell America nel mandare via gli imprenditori più innovativi del mondo. A causa di politiche di immigrazione fallimentari, gli Stati Uniti stanno vivendo un esodo di talenti imprenditoriali altamente qualificati. Il Ministro dell Economia del Cile, Juan Andrés Fontaine, a cui ho lanciato l idea, era scettico riguardo alla possibilità che questi stranieri sarebbero venuti in Cile, ma ha approvato l esperimento. Start-Up Chile è sopravvissuto a due cambi di governo e costituirà la base per per costituire nuove importanti iniziative legate all innovazione. Secondo Eduardo Bitran, recentemente nominato a capo dell agenzia di sviluppo economico del Cile, CORFO, il progetto è di importanza nazionale e un modello per il resto del mondo

17 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Tel Aviv Quello che gravita attorno alla città di Tel Aviv è probabilmente uno degli ecosistemi di startup più studiati al mondo. Tel Aviv, la seconda città più popolosa in Israele è una città dinamica nota internazionalmente per il suo ambiente creativo e per la sua capacità di attrarre giovani con alto livello d istruzione e dipendenti qualificati per le numerose imprese di successo che gravitano nella regione. Grazie anche a iniziative governative mirate, Tel Aviv è la città con più startup procapite nel mondo, vanta un altissima qualità della ricerca ad alti livelli - Israele è il Paese che investe la più alta percentuale del PIL investita in R & S - e attira venture capitalists pronti a investire sulla prossima grande idea di business. Non è un caso che Tel Aviv, tra le altre cose, abbia vinto il World Smart Cities Award 2014, premio consegnato in occasione dello Smart City Expo World Congress che si è tenuto a Barcellona, superando la concorrenza di 250 rivali 68. Proprio il 2014 è stato un anno di svolta per le startup israeliano dal punto di vista della crescita delle exit. Secondo l ultimo report IVC Research Center e Meitar Liquornik Geva Leshem Tal nell ultimo anno le startup israeliane hanno fatto registrare una crescita del 5% del numero delle exit, tra acquisizioni e ingresso in borsa, per un totale di 6,94 miliardi di dollari 69. Il numero di Offerte Pubbliche Iniziali (IPO in inglese) delle startup israeliane è stato il più elevato degli ultimi dieci anni. Questo, nonostante il Paese abbia fatto registrare un deciso rallentamento della sua economia, ferma al 2,6% di crescita su base annua rispetto al 3,2% del Questa stima si basa peraltro sul solo valore degli scambi, senza tenere in considerazione le valutazioni delle aziende post-ipo. Queste, riportate invece da PWC, fanno levitare il valore totale delle exit a un totale di 15 miliardi di dollari

18 Grafico 3. Punti di forza e di debolezza dell ecosistema di Tel Aviv, Leading Global Ecosystems Report Tra le principali minacce per l ulteriore sviluppo dell ecosistema, ad ogni modo, dobbiamo segnalare l instabilità politica della regione e, in generale, la costante minaccia del terrorismo che aleggia sulla città e che limita inevitabilmente la capacità di attrazione di imprenditori stranieri. Uno dei problemi principali dell ecosistema, poi, è la dimensione del mercato locale, dato che Israele ha una popolazione relativamente ridotta: questa caratteristica comporta una migrazione di molte startup da Tel Aviv all estero una volta raggiunto il successo economico, per garantirsi la possibilità di accedere a un hanno successo un mercato più ampio. Ad ogni modo, secondo il Global Venture Capital Confidence Survey di Deloitte, Israele ha mantenuto nel 2014 il secondo posto tra i Paesi consigliati dagli investitori, con un punteggio di 3.71, dietro a Stati Uniti (4,03) e davanti al Canada (3.48) Ibidem 16

19 1 IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE Grafico 4. Fiducia degli investitori nei Paesi, 2014, Deloitte Va ricordato, inoltre, un fattore spesso sottovaluto: il costo medio mensile per vivere e lavorare da remoto a Tel Aviv è stimato intorno ai euro, mentre ad esempio per città come Milano raggiunge i Ma di cosa si occupano le startup di Tel Avivi? Secondo le ricerche più recenti, i settori chiave sono internet, comunicazione, IT, life science, cleantech. Il 64% delle aziende hi-tech della città, inoltre, sono alla fase di startup, e il 24% di esse non supera i 4 dipendenti 71. Concludiamo ricordando che, oltre al ruolo pubblico ampiamente analizzato nel report dello scorso anno, l ecosistema israeliano beneficia di una grande attenzione da parte degli investitori internazionali e, più in generale, dei privati. Interessanti da questo punto di vista il cresce interessamento da parte della Cina 72 e la continua nascita di centri di ricerca, come dimostra la recente apertura della CyberSpark a Be er Sheva, un parco nazionale d informatica in grado di includere leader mondiali del settore della sicurezza per sviluppare nuove strategie di cyber-difesa da consegnare in futuro a governi e a multinazionali Idibem 72 Il valore delle esportazioni israeliane verso la Cina ha superato nel 2013 i 3 miliardi di dollari

20 18

21 1.2 Il contesto italiano 19

22 20

23 1.2 Il contesto italiano Il quadro generale La Legge 221/2012, che ha convertito il Decreto Legge 179/2012 noto anche come Decreto Crescita 2.0, ha introdotto per la prima volta in Italia la definizione di startup innovativa. Al suo interno, sono contenute le misure volte a promuovere la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione, in particolare giovanile, l aggregazione di un ecosistema animato da una nuova cultura imprenditoriale votata all innovazione, così come a favorire una maggiore mobilità sociale, il rafforzamento dei legami tra università e imprese nonché una più massiccia attrazione di talenti e capitali esteri nel nostro Paese. Il Decreto Crescita 2.0 ha accolto i suggerimenti formulati nel Rapporto Restart, Italia! elaborato da una task force di 12 esperti istituita nell aprile del 2012 dal Ministro dello Sviluppo Economico ed emersi dalla consultazione con i principali attori dell ecosistema imprenditoriale nazionale. In particolare, ha introdotto in favore delle startup innovative un vasto corpus normativo (artt ) che prevede nuovi strumenti e misure di vantaggio che incidono sull intero ciclo di vita dell azienda, dall avvio alle fasi di crescita, sviluppo e maturazione. Per quanto riguarda lo stato di attuazione della normativa a sostegno delle startup innovative, alcune misure sono entrate immediatamente in vigore con la Legge 221/2012, altre hanno necessitato di successivi interventi attuativi La definizione di startup innovativa La normativa, come abbiamo già sottolineato, è riferita esplicitamente alle startup innovative. Non include, quindi, qualsiasi impresa di nuova costituzione, ma soltanto quelle che fanno innovazione in ambito tecnologico in riferimento a tutto il mondo produttivo, dalle tecnologie delle telecomunicazioni e dell informazione alla manifattura, dai servizi all artigianato, solo per citarne alcuni. Entrando nel merito della definizione di startup innovativa, alle misure agevolative possono accedere le società di capitale, costituite anche in forma cooperativa, o le Società Europee, le cui azioni o quote rappresentative del capitale sociale non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione, e che sono in possesso dei seguenti requisiti: sono nuove o comunque hanno meno di 4 anni di attività; hanno sede principale in Italia; presentano un fatturato annuo inferiore a 5 milioni di euro; non distribuiscono utili; hanno come oggetto sociale lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico; non sono costituite da fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda; 21

24 Infine, il contenuto innovativo dell impresa è identificato con il possesso di almeno uno dei tre seguenti criteri: 1. almeno il 15% del maggiore tra fatturato e costi annui è ascrivibile ad attività di ricerca e sviluppo; 2. la forza lavoro complessiva è costituita per almeno 1/3 da dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori, oppure per almeno 2/3 da soci o collaboratori a qualsiasi titolo in possesso di laurea magistrale; 3. l impresa è titolare, depositaria o licenziataria di brevetto registrato (privativa industriale) oppure titolare di programma per elaboratore originario registrato. Possono iscriversi alla sezione speciale del Registro delle imprese e accedere alle misure agevolative anche le imprese già costituite alla data di entrata in vigore della Legge (19 dicembre 2012) e in possesso dei requisiti previsti dalla stessa. Queste possono accedere ai benefici previsti per le startup innovative per un periodo di 4 anni, se la società è stata costituita entro i 2 anni precedenti, di 3 anni, se è stata costituita entro i 3 anni precedenti, e di 2 anni, se è stata costituita entro i quattro anni precedenti. Capitolo a sé riguarda le startup a vocazione sociale: possiede tutti i requisiti delle startup innovative e opera in alcuni settori specifici che la legge italiana (l. 155/2006, art. 2 comma 1) considera di particolare valore sociale. I settori individuati sono quelli: dell assistenza sociale; dell assistenza sanitaria; dell educazione, istruzione e formazione; della tutela dell ambiente e dell ecosistema; della raccolta dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi; della valorizzazione del patrimonio culturale; del turismo sociale; della formazione universitaria e post-universitaria; della ricerca ed erogazione di servizi culturali; della formazione extra- scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica ed al successo scolastico e formativo. Oltre alle startup, tra i beneficiari della legge in esame, ci sono anche gli incubatori certificati che, per essere riconosciuti come tali, devono soddisfare alcuni requisiti specifici relativi ai locali, al management, alle attrezzature e, soprattutto, devono dimostrare comprovata 22

25 1.2 Il contesto italiano esperienza nelle attività di sostegno all avvio di imprese innovative. In questo modo la legge mira a individuare e valorizzare le strutture che offrono realmente ed efficacemente servizi di incubazione. Gli incubatori certificati possono beneficiare di alcuni strumenti previsti dalla legge: esonero da diritti camerali e imposte di bollo; uso di stock option; credito d imposta per le assunzioni di personale altamente qualificato; accesso semplificato al Fondo Centrale di Garanzia. Le startup innovative e gli incubatori certificati devono registrarsi nella sezione speciale del Registro delle imprese creata ad hoc presso le Camere di Commercio. Questa registrazione permette di dare pubblicità, effettuare controlli e garantire il monitoraggio dell impatto che la nuova legislazione avrà sulla crescita economica e l occupazione. Poiché la policy vuole essere fondata sull evidenza, il corpus normativo prevede la realizzazione di un sistema strutturato di monitoraggio e di valutazione dell impatto economico delle misure, ponendo altresì l obbligo, in capo al Ministro dello Sviluppo economico, di relazionare annualmente in Parlamento. A tal proposito, nel marzo del 2014 il Ministro dello Sviluppo economico ha presentato la prima Relazione annuale al Parlamento sullo stato d attuazione della policy a sostegno delle startup innovative. La Relazione si fonda sull analisi compiuta dal Comitato di monitoraggio e valutazione costituito con Decreto Ministeriale del 31 gennaio Le misure agevolative Le misure di agevolazione previste dalla Legge 221/2012 sono: Esonero da diritti camerali e imposte di bollo: startup innovative e incubatori certificati non dovranno pagare il diritto annuale dovuto in favore delle Camere di Commercio, nonché, come chiarito dalla circolare 16/E emessa l 11 giugno 2014 dall Agenzia delle Entrate, i diritti di segreteria e l imposta di bollo per qualsiasi adempimento da effettuare presso il Registro delle imprese. Gestione societaria flessibile: l atto costitutivo delle startup innovative create in forma di società a responsabilità limitata può prevedere categorie di quote che non attribuiscono diritti di voto o che ne attribuiscono in misura non proporzionale alla partecipazione. Facilitazioni nel ripianamento delle perdite: in caso di perdite sistematiche le startup godono di un regime speciale sulla riduzione del capitale sociale, tra cui una moratoria di 23

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi?

Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi? Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi? 25 Novembre 2014 In collaborazione con Dott. Enrico Martini Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei

Dettagli

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Startup innovative Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Roma, 13 marzo 2013 1 1. Bilancio di un anno di Governo Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri 14 febbraio 2014 Ministero dello Sviluppo economico Sommario Contesto giuridico, nozione di startup innovativa

Dettagli

Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Un metodo innovativo nel panorama legislativo nazionale Task force Lavoro inclusivo (con 12 operatori del settore, giovani

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico EXECUTIVE SUMMARY Ministero dello Sviluppo Economico 2 L Italia deve diventare un luogo più ospitale per le nuove imprese innovative. Questo perché, come dimostrano le esperienze di altri Paesi, l innovazione

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Focus on STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Un metodo innovativo nel panorama legislativo nazionale Task force Lavoro inclusivo (con 12 operatori del settore, con diversi profili e competenze)

Dettagli

Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico

Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei settori non finanziari le imprese giovani (fino 5 anni di vita), pur

Dettagli

Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico

Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei settori non-finanziari le imprese giovani (fino 5 anni

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

Misure per favorire la raccolta di capitale

Misure per favorire la raccolta di capitale START-UP INNOVATIVE Misure per favorire la raccolta di capitale Dott. Paolo Caselli Dottore Commercialista Professore a contratto in Economia Aziendale Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli

Dettagli

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: Il 17 dicembre 2012 è stata approvata la legge di conversione (Legge 17 dicembre 2012 n. 221) del Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (il Decreto ) che introduce nel sistema italiano un innovativa,

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

IL RICORSO AL PUBBLICO RISPARMIO DA PARTE DELLE PMI. Alessandro Giovanni Grasso

IL RICORSO AL PUBBLICO RISPARMIO DA PARTE DELLE PMI. Alessandro Giovanni Grasso IL RICORSO AL PUBBLICO RISPARMIO DA PARTE DELLE PMI Alessandro Giovanni Grasso Agenda dell intervento Inquadramento del crowdfunding I modelli La normazione Gli attori Prime evidenze Inquadramento del

Dettagli

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel.

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 1 REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Principali ostacoli agli investimenti e alla competitività

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri LINEE GUIDA Ministero dello Sviluppo Economico Ministero degli Affari Esteri Ministero dell Interno Ministero

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up 22 Maggio 2013 STARTUP INNOVATIVA LE AGEVOLAZIONI PER LE STARTUP SUMMARY DL CRESCITA 2.0 NOVITÀ PER LE STARTUP FONDO PER START

Dettagli

Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico

Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro dello sviluppo economico Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei settori non-finanziari le imprese giovani (fino 5 anni

Dettagli

IMPRESE START UP INNOVATIVE

IMPRESE START UP INNOVATIVE IMPRESE START UP INNOVATIVE Il presente documento costituisce una prima sintesi che non vuole considerarsi esaustiva della nuova normativa sull Impresa startup innovativa derivata dalla conversione in

Dettagli

Regolamento ALL START GAME 2015

Regolamento ALL START GAME 2015 Regolamento ALL START GAME 2015 ART 1 - Definizione La ALL START GAME 2015 (di seguito la competizione") è una competizione tra start-up innovative basata sulla raccolta on-line di capitale di rischio

Dettagli

La Startup innovativa

La Startup innovativa La Startup innovativa guida sintetica Versione 1 Uso interno alla Camera di Commercio Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove imprese dedicate all innovazione Legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative

Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative UniCredit S.p.A. e Giovani Imprenditori di Confindustria con il patrocinio di Il talento delle idee: concorso per la selezione e premiazione delle migliori start up innovative Iniziativa per il sostegno

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015

Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo. Venerdì 11 dicembre 2015 Startup in Granda Imprenditoria innovativa in provincia di Cuneo Venerdì 11 dicembre 2015 Le domande della ricerca Definizione di startup: che cosa sono? Quali tipologie? Quale impatto sulla crescita?

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE

ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE Il D.L. n.179 del 18 Ottobre 2012, convertito con le modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, noto anche come decreto

Dettagli

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Finanza per la crescita: tre ingranaggi 1. Sostegno agli investimenti qualificati 2. Accesso ai finanziamenti 3. Azioni mirate per le imprese innovative

Dettagli

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO BENEDETTI DOTT. GIULIO Programma Digit Tax Credit Gestione IVA 74ter Consulenza Fiscale per

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1. Definizione del progetto e obiettivi 2. Destinatari 3. Progetti ammissibili 4. Servizi offerti e premi 5. Termini e modalità di presentazione della domanda 6.

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

Startup: dall equity al crowdfunding

Startup: dall equity al crowdfunding Startup: dall equity al crowdfunding FINANZIAMENTI CON GARANZIE STATALI O GOVERNATIVE, PROGRAMMI DI FORMAZIONE E ACCELERAZIONE DEL BUSINESS, MA ANCHE PARTECIPAZIONI IN ATTIVITÀ DI PRIVATE EQUITY E PIATTAFORME

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO

START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Edizione digitale de il fisco Le Guide START UP INNOVATIVE S.R.L. A 1 EURO Costituzione delle start up innovative Agevolazioni fiscali Disciplina ad hoc delle perdite Costituzione e disciplina delle S.r.l.

Dettagli

Monitoraggio e primi elementi di valutazione sulle policy a supporto degli investimenti industriali. 23 dicembre 2014

Monitoraggio e primi elementi di valutazione sulle policy a supporto degli investimenti industriali. 23 dicembre 2014 Monitoraggio e primi elementi di valutazione sulle policy a supporto degli investimenti industriali 23 dicembre 2014 Nuova Sabatini (1/2) Di cosa parliamo Il profilo delle imprese Istituito con il decreto

Dettagli

OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. Roma, 17 marzo 2015. Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale

OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. Roma, 17 marzo 2015. Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO GLI INVISIBILI DEL MONDO DEL LAVORO OCCUPAZIONE E LAVORO AUTONOMO E DI IMPRESA Roma, 17 marzo 2015 Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale OLTRE IL JOBS ACT IL

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Borgo S. Spirito, 78 00193 Roma Tel. 0668.000.1 Fax. 0668.134.236 DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Prot. n. 2730/tdv Oggetto: AGEVOLAZIONI

Dettagli

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Lunedì 25 MAGGIO 2015 Università degli Studi di Udine - Polo Scientifico dei Rizzi a cura del dott. Federico Barcherini Partner di SEED S.r.l. Socio

Dettagli

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI regolazione IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI Vittorio Mirra * Attraverso il Decreto Legge n. 179/2012, convertito, con modifiche,

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Daniela Castrataro Ivana Pais 14 Maggio, 2014 - nòva24

Daniela Castrataro Ivana Pais 14 Maggio, 2014 - nòva24 CROWDFUNDING IN ITALIA: LA MAPPA AGGIORNATA In anteprima la mappa aggiornata del Crowdfunding in Italia: focus sui vantaggi del finanziamento dal basso. Daniela Castrataro Ivana Pais 14 Maggio, 2014 -

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Relazione al Parlamento

Relazione al Parlamento Relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della normativa a sostegno dell ecosistema delle startup innovative Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico 1 marzo 2014 La presente relazione

Dettagli

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro

Ecosistema delle startup innovative. Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Ecosistema delle startup innovative Le novità, le speranze e le linee guida per il futuro Alessandro Galli 17 Dicembre 2014 - Sala Convegni Corso Europa,

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Le azioni di Governo per il rilancio della competitività

Le azioni di Governo per il rilancio della competitività Le azioni di Governo per il rilancio della competitività Tre ingranaggi Sostegno agli investimenti Accesso ai finanziamenti Patrimonializzazione e Quotazione Beni strumentali Stanziati 5 mld a sostegno

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

LA STARTUP INNOVATIVA

LA STARTUP INNOVATIVA LA STARTUP INNOVATIVA GUIDA SINTETICA PER UTENTI ESPERTI SUGLI ADEMPIMENTI SOCIETARI, REDATTA DALLE CAMERE DI COMMERCIO CON IL COORDINAMENTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DISCIPLINA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina 2 CLab nati dal BANDO MIUR: AZIONE In assonanza con il bando Miur del 2013 Linea Contamination Labs dedicato alle Regioni convergenza, l azione proposta intende realizzare,

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity Inserire Crowd-funding Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio,

Dettagli

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI Segue un prospetto (aggiornato al 20 settembre 2013) riepilogativo degli adempimenti e costi, delle imposte ed obblighi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

LA STARTUP INNOVATIVA

LA STARTUP INNOVATIVA LA STARTUP INNOVATIVA GUIDA SINTETICA PER UTENTI ESPERTI SUGLI ADEMPIMENTI SOCIETARI, REDATTA DALLE CAMERE DI COMMERCIO CON IL COORDINAMENTO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Settembre 2015 Versione

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it

Uno sguardo sul crowdfunding. Paola Pisano pisano@di.unito.it Uno sguardo sul crowdfunding Paola Pisano pisano@di.unito.it Obiettivo dell incontro Approfondire il tema del crowdfunding Agenda Quadro di riferimento Il crowdfunding L equity crowdfunding Analisi delle

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 MAP START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 L approfondimento analizza le rilevanti novità apportate dal D.L. 76/2013 alla disciplina delle start up innovative con una particolare attenzione alle

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 504 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VACCARO Modifiche alla legge 30 dicembre 2010, n. 238, in materia di incentivi fiscali per

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO

D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO Rating di Legalità D.G.P.I.C. PREMIALITA ATTIRIBUITE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E DAGLI ISTITUTI DI CREDITO Interventi premiali delle Pubbliche Amministrazioni I benefici per le aziende in possesso

Dettagli

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 Agevolazioni NAZIONALI ABRUZZO BANDI NAZIONALI E REGIONALI Bando per l internazionalizzazione, dal 25 ottobre 2012 è diventato operativo il Fondo Startup, nuovo

Dettagli

Testo consolidato Decreto Delegato n. 116/2014 e successive modifiche e integrazioni

Testo consolidato Decreto Delegato n. 116/2014 e successive modifiche e integrazioni Testo consolidato Decreto Delegato n. 116/2014 e successive modifiche e integrazioni PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI START UP AD ALTA TECNOLOGIA TITOLO I REQUISITI IMPRESE START UP AD ALTA TECNOLOGIA, CONTRATTI

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

COMPANY PROFILE. U-Start pag. 2. U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2. Modalità e focus d investimento pag. 3

COMPANY PROFILE. U-Start pag. 2. U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2. Modalità e focus d investimento pag. 3 COMPANY PROFILE U-Start pag. 2 U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2 Modalità e focus d investimento pag. 3 Guida all investimento: dal deal scouting al follow up pag. 4 U-Start Club pag. 4 I

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli