FALLIMENTO DI S.R.L. E AZIONE DI RESPONSABILITA EX ART C.C. - Trib. Salerno, Sez. I, commento e testo-fabrizio DE FABRITIIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FALLIMENTO DI S.R.L. E AZIONE DI RESPONSABILITA EX ART. 2394 C.C. - Trib. Salerno, Sez. I, 16.03.2012 commento e testo-fabrizio DE FABRITIIS"

Transcript

1 FALLIMENTO DI S.R.L. E AZIONE DI RESPONSABILITA EX ART C.C. - Trib. Salerno, Sez. I, commento e testo-fabrizio DE FABRITIIS P&D.IT L azione di responsabilità di cui all art c.c. esercitata dal curatore fallimentare può essere esercitata anche oltre il termine prescrizionale quinquennale se le condotte oggetto di accertamento giudiziale, come quelle di bancarotta rilevate nel caso analizzato dal tribunale di Salerno, integrano reati per cui è previsto un termine prescrizionale più lungo (art comma 3 c.c.). La sentenza, inoltre, offre lo spunto per una riflessione, in tema di s.r.l., sulla disciplina dell azione di responsabilità ex art c.c. e sulla legittimazione del curatore fallimentare ad esercitare tale azione in nome del ceto creditorio ai sensi dell art. 146 L.F. Il caso di specie prende le mosse dal fallimento di una s.r.l. e dalla successiva azione di responsabilità promossa ai sensi dell art c.c. da parte del curatore fallimentare nei confronti dell amministratore e, poi, liquidatore della s.r.l. La curatela chiede al collegio di affermare la responsabilità dell amministratore e di condannarlo al risarcimento del danno. L amministratore si costituisce eccependo la prescrizione dell azione di responsabilità e, nel merito, contestando i comportamenti illeciti descritti nell atto di citazione. Il convenuto, inoltre, afferma che la curatela aveva l obbligo di provare specificamente il quantum richiesto. Il collegio salernitano, prima di respingere l eccezione sollevata dal convenuto e condannarlo al risarcimento del danno, premette alcune interessanti considerazioni di carattere generale circa la responsabilità degli amministratori verso i creditori sociali e il momento dal quale inizia a decorrere il relativo termine di prescrizione. Per quanto attiene al primo dei due punti sopra menzionata il Tribunale ricorda come la responsabilità degli amministratori deriva dal duplice presupposto a) dell inosservanza degli obblighi inerenti la conservazione del patrimonio e b) della conseguente inadeguatezza del patrimonio sociale a far fronte alla soddisfazione del ceto creditorio. Quindi è necessaria sia l insufficienza del patrimonio sociale a coprire le obbligazioni contratte che la riferibilità di tale situazione economica alla gestione degli amministratori. Quest ultimi, infatti, possono essere ritenuti causalmente responsabilità sia per aver posto violato specifiche disposizioni di legge mirate alla conservazione del patrimonio sociale (es. artt. 2446, 2447, 2486 comma 1, c.c.) sia per la violazione dell art c.c. che impone agli amministratori di utilizzare la diligenza richiesta dalla natura dell incarico e dalle loro specifiche competenze nell esecuzione del loro incarico e quindi, in definitiva, nella gestione della società. Dopo aver posto queste premesse il collegio afferma, nel solco della giurisprudenza prevalente, la natura aquiliana della responsabilità con tutte le conseguenze che ne seguono in tema di onere probatorio a carico della curatela fallimentare promotrice dell azione nel caso di specie.

2 Il punto nodale della sentenza in esame riguarda però il momento da cui inizia a decorrere la prescrizione quinquennale (art c.c.) dell azione ex art c.c. L amministratore convenuto sostiene che gli atti di mala gestio contestategli dal fallimento sono stati compiuti nell anno 2000 e, quindi, oltre un quinquennio prima dell atto di citazione notificato in data 24 luglio Di diverso avviso è tuttavia l organo giudicante che non concorda con la tesi difensiva esposta dal convenuto per i diversi motivi. In primo luogo il collegio ritiene erronea l individuazione effettuata dall ex amministratore del momento da cui far iniziare a decorre il termine prescrizionale. Infatti, come affermato ripetutamente dalla Suprema Corte di Cassazione 1, il suddetto termine inizia a decorrere non da quando il patrimonio sociale è diventato insufficiente a soddisfare i creditori, ma da quando questa incapienza patrimoniale è divenuta oggettivamente conoscibile da parte dei creditori. Quindi, in teoria, vista la non coincidenza tra insufficienza patrimoniale ed insolvenza, tale situazione patrimoniale può esteriorizzarsi in diversi momenti della vita sociale anche prima del fallimento. Da ciò ne consegue che è possibile dimostrare la conoscenza da parte dei creditori della situazione patrimoniale sociale anche prima della dichiarazione di fallimento. Tuttavia, come sottolinea il tribunale, l onere di tale prova ricade sull amministratore o sul sindaco che la eccepisce. Nel caso di specie, nonostante l eccezione sollevata in comparsa di costituzione, il convenuto non ha offerto prova che tale situazione fosse nota al ceto creditorio già nel Anzi il collegio, concordando con quanto allegato dalla curatela, ha ritenuto che il primo documento dal quale si poteva oggettivamente rilevare il dissesto economico della società fosse il bilancio del 2003 (peraltro l unico bilancio ufficiale mai redatto e depositato). Alla luce di tali evidenze probatorie l eccezione di prescrizione sollevata dal convenuto risulta priva di fondamento in quanto l azione ex art c.c. è stata proposta entro il quinquennio da quando i creditori hanno avuto contezza dell insufficienza patrimoniale. Inoltre la corte sottolinea che, nel caso di specie, il termine prescrizionale non potrebbe comunque considerarsi spirato anche nel caso fosse stata provata la tesi sostenuta dal convenuto posto che i fatti allegati in giudizio integrano le ipotesi di reato di cui agli artt. 216, 219 e 223 del R.D. 16 marzo 1942, n.267 e sono quindi sottoposti a prescrizione quindicennale. Infatti ai sensi dell art comma 3, c.c. se il fatto e considerato dalla legge come reato e per il reato e stabilita una prescrizione più lunga questa si applica all azione civile. Per supportare questa conclusione il collegio da atto di come nel corso del 2007 fosse stata emessa sentenza ai sensi dell art. 444 c.p.p. nei confronti del convenuto avente oggetto le stesse 1 Cfr. Cass. n. 9619/2009, Cass. n /2008, Cass. n /2008, Cass. n. 941/2005, Cass. n /2004, Cass. n /2002.

3 condotte distrattive oggetto dell azione di responsabilità promossa dal curatore. Il tribunale, pur ricordando che tale tipologia di sentenza non possiede i caratteri della sentenza di condanna, evidenzia come nondimeno, secondo giurisprudenza costante della Suprema Corte di Cassazione, essa possa costituire argomento di prova valutabile ai sensi dell art. 116 c.p.c. Superata tale eccezionale processuale il collegio giudicante entra nel merito della vicenda, ricostruendo ed analizzando le diverse condotte contrarie ai doveri di diligenza e conservazione del patrimonio tenute da parte del convenuto. Dalla ricostruzione fattuale emerge chiaramente la sussistenza del nesso causale tra le condotte dell ex amministratore e il dissesto patrimoniale, pertanto la corte condanna quest ultimo a risarcire, in via equitativa stante l impossibilità di ricostruire la contabilità attraverso la lettura delle scarne e lacunose scritture contabili, il danno provocato alla società. La motivazione e le conclusioni della sentenza del tribunale di Salerno sono logiche, lineari e sicuramente da condividere. Va rilevato peraltro che un tema molto interessante, e tutt ora oggetto di discussione, che non viene trattato in sentenza data la cronologia dei fatti oggetto del contendere, è l attribuzione in capo al curatore fallimentare di una società a responsabilità limitata della legittimazione ad esercitare, in nome del ceto creditorio, l azione ex art c.c. La condotta dell amministratore e poi liquidatore della società fallita rientrando, come sopra ricordato, nella disciplina pre-riforma del 2003 (entrata in vigore il ) ove era espressamente previsto tramite richiamo del vecchio art c.c agli articoli c.c. l azione dei creditori sociali non ha posto alcun problema interpretativo al collegio salernitano. Ben diverso sarebbe stato se le condotte fossero state attuate dopo il Come è ben noto il legislatore nella stesura del nuovo articolo 2476 c.c. ha omesso qualsiasi richiamo all art c.c. La giurisprudenza maggioritaria ormai ritiene che il silenzio del legislatore sul punto non sia indice della sua volontà di privare i creditori sociali di tale strumento di tutela ma sia piuttosto interpretabile come una svista nel coordinamento della riforma in tema di s.r.l. L analisi dei motivi a sostegno di questa interpretazione sono stati ampiamente dibattuti sia dalla giurisprudenza che dalla dottrina, per cui riteniamo più interessante concentrare la nostra attenzione sulla legittimazione del curatore fallimentare di s.r.l. ad esercitare detta azione. Infatti il riformato testo dell art. 146 L.F. non effettua più l espresso riferimento agli articoli c.c. Il nuovo testo, adattato alla suddetta riforma societaria, prevede che Sono esercitate dal curatore, previa autorizzazione del giudice delegato, sentito il comitato dei creditori: a) le azioni di responsabilità contro gli amministratori, i componenti degli organi di controllo, i direttori generali e i liquidatori; b) l'azione di responsabilità contro i soci della società a responsabilità limitata, nei casi previsti dall'art. 2476, comma 7, c.c.. Come si evince chiaramente dal testo parrebbe essere scomparsa la responsabilità degli organi di gestione nei confronti dei creditori sociali non essendo più specificamente richiamata. In realtà, parte della giurisprudenza 2 ritiene 2 Cfr. Trib. Milano, Sez. VIII,

4 che l ampiezza della dicitura di cui al punto a) le azioni di responsabilità (al plurale) non possa che ricomprendere tutte le azioni di responsabilità esperibili durante la vita della società. L interpretazione estensiva giurisprudenziale poc anzi menzionata in tema di azione ex art c.c. dei creditori sociali di s.r.l. e il testo del riformato art. 146 L.F. che ricomprende tutte le azioni di responsabilità autorizzano, di conseguenza, a ritenere sussistente in capo al curatore fallimentare la legittimazione ad esercitare l azione dei creditori sociali nei confronti degli organi gestori e di controllo. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI SALERNO. Prima Sezione Civile Il Tribunale di Salerno - Prima Sezione Civile - riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati. Dott. ssa Giulia Carleo - Presidente Dott.ssa Antonella Di Stasi - Giudice Rel. Dott. Giuseppe Fortunato - Giudice ha pronunciato la seguente SENTENZA nel procedimento civile di 1grado, iscritto a ruolo il , al n RG. anno 2006, discusso all'udienza collegiale del TRA CURATELA DEL FALLIMENTO A & B SRL, in liquidazione, in persona del Curatore avv. Amelia Fiore, rappresentata e difesa in forza di provvedimento autorizzativo del GD dr. Jachia, dall'avv. Gustavo de Dominicis, presso il cui studio elettivamente domicilia in Salerno alla via Velia. n. 34. ATTRICE E B.A., rappresento e difeso dall'avv arturo Vassallo,presso il cui studio elettivamente domicilia in Montecorvino rovella al viale della Repubblica n.25 in virtu di mandato apposto a margine dell comparsa di costituzione CONVENUTO Avente ad oggetto RESPONSABILITA AMMINISTRATORE DI SOCIETA e discussa all'udienza collegiale del , sulle CONCLUSIONI di cui all'istanza di fissazione di udienza ed alla memoria ex articolo 10 D.Lgs. n. 5 del 2003,que da intendersi richiamate e trascritte Svolgimento del processo - Motivi della decisione Con atto di citazione notificato in date la Curatela del Fallimento A&B Sri conveniva in giudizio B.A. per sentirne affermare la responsabilita nella qualita di amministore e successivamente di liquidatore della fallita società ex articolo 2394 c.c. per aver omesso di assumere i provvedimenti resi necessari dall'azzeramento del capitale sociale e per aver continuato l'attività nonostante l'irreversibile crisi della società e per sentirlo condannare al risarcimento dei danni.

5 Il convenuto, contestava la domanda eccependo la prescrizione dell' azione di responsabilità, contestando nel merito i comportamenti illegittimi allegati in citazione e allegando che parte attrice aveva l'onere di provare specificamente il quantum del risarcimento richiesto; concludeva, quindi, per il rigetto della domanda. La fase istruttoria si realizzava a mezzo delle produzioni documentali delle parti e con disposizione ed espletamento di consulenza tecnica d'ufficio ad opera della dott. ssa G.N.. Vanno premesse alcune considerazioni di carattere generale. La responsabilità degli amministratori verso i creditori sociali è sottoposta al duplice presupposto dell'inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell'integrità del patrimonio sociale ed alla conseguente insufficienza del patrimonio sociale alla soddisfazione delle ragioni dei creditori. Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità, l'insufficienza del patrimonio sociale si identifica con quella situazione patrimoniale nella quale le passività eccedono sulle attività e che rappresenta un'incapacità più grave e definitiva di quella insita nello stato di insolvenza (Cfr Cass. 09/9619, Cass. 08/20476, Cass. 79/4415). Il pregiudizio patrimoniale subito dai creditori deve essere riferibile cansalmente alla violazione da parte degli amministratori di determinati canoni di condotta imposti a salvaguardia del patrimonio della società (Cfr Cass 00/15487). Tale evenienza si verifica non soltanto in caso di inosservanza di obblighi specifici direttamente o indirettamente finalizzati alla conservazione dell'integrità del patrimonio sociale (ad es. prescrizioni di cui agli artt e 2447 c.c., obbligo ex articolo 2486 comma 1 c.c., limitazioni di cui all'articolo 2357 e ss c.c.), ma anche in caso di violazione del dovere, previsto dall'articolo 2392 comma 1 c.c., di gestire con diligenza l'impresa sociale, in considerazione del fatto che ogni atto di disposizione del patrimonio sociale é suscettibile di essere valutato sotto l'aspetto del pregiudizio al patrimonio della società (Cfr Cass. 09/18231: Nell'azione di responsabilità promossa dalla curatela fallimentare della società fallita nei confronti degli ex amministratori ed ex sindaci la "mala gestio" va valutata secondo il criterio della diligenza dovuta dal mandatario, anche indipendentemente dalla violazione di specifiche disposizioni di legge o di singole clausole statutarie). Secondo la giurisprudenza prevalente l'azione di responsabilità esperibile dai creditori ha natura aquiliana e si configura, quindi, come responsabilità da fatto illecito di cui all'articolo 2043 c.c. (Cfr Cass. 07/13765, Cass. 98/10488). Quanto al riparto dell'onere probatorio, in tema di azione di responsabilità promossa dal curatore fallimentare contro gli ex amministratori e sindaci della società fallita compete a chi agisce dare la prova dell'esistenza del danno, e del fatto che esso sia stato causato dal comportamento illecito di un determinato soggetto, potendosi configurare un'inversione dell'onere della prova solo quando l'assoluta mancanza ovvero l'irregolare tenuta delle scritture contabili rendano impossibile al curatore fornire la prova del predetto nesso di causalità; in questo caso, infatti, la citata condotta, integrando la violazione,

6 di specifici obblighi di legge in capo agli amministratori, è di per sé idonea a tradursi in un pregiudizio per il patrimonio (Cfr Cass. Cassazione civile, sez. I, 04/04/2011, n. 7606). L'azione dei creditori sociali si prescrive in cinque anni a norma dell'articolo 2947 c.c. Qualora sia stata promossa razione penale per bancarotta nei confronti degli amministratori di una società soggetta a procedura concorsuale e sia stata esperita azione di responsabilità contro tali organi, ai sensi degli art e 2394 c.c. per gli stessi fatti, il termine di prescrizione più lungo, previsto per l'azione di danno derivante da reato opera anche agli effetti delle azioni di responsabilità ai sensi dei citati art e 2394 c.c.. Il termine di prescrizione inizia a decorrere dal momento in cui il patrimonio sociale è risultato insufficiente al soddisfacimento dei creditori, e cioè dal momento in cui il diritto può essere fatto valere, secondo la regola generale di cui all'articolo 2935 c.c. Secondo la pacifica e condivisibile giurisprudenza della Suprema Corte, la decorrenza della prescrizione coincide con il momento in cui la situazione di insufficienza patrimoniale è divenuta oggettivamente conoscibile da parte dei creditori (Cfr Cass. 09/9619, Cass. 08/20476, Cass. 08/21131, Cass. 05/941, Cass. 04/20637, Cass. 02/98115, Cass. 00/15497, Cass. 98/5287). Inoltre poiché l'insufficienza patrimoniale non coincide con l'insolvenza, la sua esteriorizzazione può avvenire (a) prima della dichiarazione di fallimento, ad esempio attraverso il deposito di un bilancio (cfr Cass.09/8516, Cass. 08/20476), la chiusura della sede e l'assenza di cespiti suscettibili di espropriazione forzata (Cfr Cass. 09/8516), la presentazione della proposta di concordato preventivo (Cfr Cass. 02/9815) o il tentativo di composizione delle pendenze mediante un concordato stragiudiziale (Cfr Cass. 98/5287), (b) nel contesto della dichiarazione di fallimento, ove la sentenza rilevi lo sbilanciamento patrimoniale negativo, (c) durante la procedura fallimentare qualora lo sbilancio emerga a seguito della valutazione dell'attivo e durante le operazioni di liquidazione. L'onere della prova in merito alla circostanza che l'insufficienza del patrimonio si è manifestata ed è divenuta conoscibile prima della dichiarazione di fallimento grava sull'amministratore o sul sindaco che eccepisca la prescrizione (Cfr Cass. 10/17121, Cass. 05/941, Cass. 04/20637). Tanto premesso in termini generali, nella specie l'azione è stata tempestivamente proposta. Risulta, infatti, infondata l'azione di prescrizione sollevata dal convenuto. Il fallimento della A&B veniva dichiarato con sentenza n. 4 del dal Tribunale di Salerno. Il convenuto ha dedotto che i presunti atti di "mala gestio" allegati dalla Curatela sarebbe stati compiuti nell'anno 2000 con l'esercizio 2000 e, quindi, oltre un quinquennio prima dell'esercizio della presente azione introdotta con atto di citazione notificato in data La situazione di insufficienza patrimoniale, però, si rendeva oggettivamente conoscibile solo con la pubblicazione del bilancio di esercizio chiuso al (cfr artt 2478 bis c.c. e 2435 c.c.) che, come

7 rilevato dal ctu, è l'unico bilancio ufficiale, completo anche di ricevuta rilasciata dalla C.C.I.A.A. di Salerno attestante 1 'avvenuto deposito presso la stessa. Va richiamata la giurisprudenza di legittimità citata (Cass. 09/9619, Cass. 08/20476 e che afferma che "non possono sussistere dubbi circa l'idoneità di un bilancio di esercizio, che segnali una situazione patrimoniale in negativo, a costituire il modo con cui lo stato di incapienza diventi manifesto. E' noto che il bilancio ha natura pubblica e, a seguito del deposito, consente ai terzi di conoscere la consistenza patrimoniale della società. Altrettanto indubbia è la sua opponibilità erga omnes e la capacità di operatori, anche non particolarmente qualificati, di leggerlo adeguatamente (o comunque di evincerne uno sbilancio del patrimonio netto)". Rispetto al deposito del bilancio di esercizio chiuso al , l'azione proposta è certamente tempestiva in quanto intervenuta nel quinquennio successivo ex articolo 2947 comma 1 c.c.. Peraltro, nella specie, trova applicazione il termine prescrizionale più lungo di cui all'articolo 2947 comma secondo, in quanto i fatti allegati in giudizio integrano le ipotesi di reato di cui agli artt. 216, 219 e 223 del R.D. 16 marzo 1942, n. 267, termine di durata quindicennale. L'eccezione di prescrizione, pertanto, va rigetatta. L'azione nel merito è fondata. La documentazione prodotta e le risultanze della ctu, del tutto condivisibili in quanto correttamente ed esaurientemente motivate, evidenziano una costante erosione del patrimonio netto della società A & B srl (avente quale oggetto sociale la produzione e lavorazione di materassi, cuscini, coperte, trapunte, tesarti, poltrone, divani, imbottiti per abbigliamento e arredamenti, molle, materassi, reti e strutture molleggianti) a partire dall'esercizio I dati di bilancio evidenziano una situazione di costante "deficit" per la società a partire, infatti, dall'esercizio 2000, anno nel quale si è verificata la perdita più consistente che ha determinato una riduzione contabile del patrimonio netto che scende al di sotto di oltre 1/3 del capitale sociale, fino ad arrivare a fine 2004 ad una perdita complessiva pari ad Euro ,00. Tale dato oggettivo evidenzia l' insufficienza del patrimonio sociale che si identifica, come detto, con quella situazione patrimoniale nella quale le passività eccedono sulle àttività rappresentando un'incapacità più grave e definitiva di quella insita nello stato di insolvenza e che costituisce uno dei presupposti per l'accertamento della responsabilità ex articolo 2394 c.c. Sussiste altresì il presupposto della condotta illegittima di B.A. che dal al era amministratore in carica della A&B srl e dal al ricopriva la carica di liquidatore. Va, innanzitutto, tenuto nel debito conto la sentenza ex articolo 444 c.p.c. emessa in data nei confronti di B.A. in ordine all'imputazione di bancarotta per distrazione aggravata.

8 Tale sentenza non possiede i caratteri della sentenza di condanna, in quanto non presuppone né l'accertamento della sussistenza del fatto reato né la sua riferibilità ad un determinato soggetto, ma. si fonda sulla ricognizione dell'accordo intervenuto tra le parti sul merito del processo e sulla pena da applicare (Cfr. Cass. S.U e Cass. S.U , Cass. S.U ). Nondimeno, secondo la giurisprudenza della Suprema Corte, essa può costituire un argomento di prova valutabile ai sensi dell'articolo 116 c.p.c. e desumibile dal fatto storico della pronuncia della sentenza ex articolo 444 c.p.p. e del suo presupposto, ossia dell'accordo intervenuto tra le parti per l'applicazione della pena da loro richiesta (Cfr. Cass n. 9358; Cass n. 3626; Cass n. 6863; Cass n. 6218; Cass n. 5784; Cass n. 9976). In particolare, secondo la Suprema Corte (cfr Cassazione civile, sez. lav., 09/03/2009, n. 5637) la sentenza penale di applicazione della pena ex art. 444 c.p.p., costituisce indiscutibile elemento di prova per il giudice di merito il quale, ove intenda disconoscere tale efficacia probatoria, ha il dovere di spiegare le ragioni per cui l'imputato avrebbe ammesso una sua insussistente responsabilità, ed il giudice penale abbia prestato fede a tale ammissione, cosicchè detto riconoscimento, pur non essendo oggetto di statuizione assistita dall'efficacia del giudicato, ben può essere utilizzato come prova nei giudizi civili (cfr anche Cass., n. 4193/2003 e Cass. n /2007). Tale sentenza ha ad oggetto proprio le condotte distrattive poste a fondamento del presente giudizio di responsabilità civile. Le condotte distrattive, inoltre, trovano riscontro nelle relazioni redatte in data e dal dott. W.I. nominato ctu dal Giudice Delegato nella procedura fallimentare e nelle risultanze della ctu espletata nel presente giudizio ad opera della dott.ssa G.N.. Le condotte del B. tenute in violazione degli obblighi di conservazione del capitale sociale e di gestire con diligenza l'impresa sociale vanno determinale come segue. Innanzitutto, va rilevato che, nonostante la situazione di "deficit" della società a partire dall'anno 2000 e con costante evoluzione in negativo, l'amministratore convenuto non adottava alcun provvedimento atto a ripianare la situazione. Va evidenziato anche che, pur avendo l'assemblea dei soci del fatto espresso richiamo al dettato dell'articolo 2447 del codice civile al fine di fronteggiare le perdite accumulate, non si ha traccia di interventi indirizzati al risanamento del patrimonio aziendale con evidente violazione dei doveri imposti agli amministratori dal disposto dell'articolo 2447 c.c. in tema di perdite del capitale sociale al di sotto del limite legale. Inoltre, il convenuto poneva in essere le seguenti condotte contrarie ai doveri di diligenza e conservazione del patrimonio sociale proprio in coincidenza temporale con la perdita di esercizio più consistente verificatasi nell'esercizio 2000: a) dall'analisi dei dati contabili evincibili dal libro giornale della società fallita, emerge che veniva annotato in contabilità al merci in giacenza per complessive L mentre al termine

9 dell'esercizio tale importo veniva completamente azzerato e, quindi, la commercializzazione da parte dell'amministratore di tali merci ad un valore irrisorio o senza fatturazione, con evidente volontà di distrarre il capitale sociale; b) dall'analisi dei dati contabili evincibili dal libro giornale della società fallita, emerge che in data veniva annotato "sopravvenienze passive straordinarie a Cassa L ; tale annotazione risulta priva di motivazione gestionale ed evidenzia una volontà distrattiva finalizzata alla sottrazione dalla disponibilità della società della predetta somma a fronte di consistenti debiti verso gli istituti di credito e verso i fornitori il cui totale ammontava a complessive L ; c) in data la A&B srl, a mezzo del legale rappresentante B.A., stipulava scrittura privata di affitto di azienda con la GIB srl per la durata di anni sei a decorrere dal 1 marzo 2000 e con un canone annuo complessivo di L oltre Iva da pagarsi in rate semestrali anticipate il 1 settembre ed il 1 marzo di ogni anno; con l'affitto si trasferivano anche i macchinari, arredamento, attrezzi di ogni genere, mobili e quant'altro esistente nei locali dell'azienda, ivi compreso il marchio e l'insegna ed il benefìcio di utilizzazione della facoltà di acquistare beni e servizi per cessione all'esportazione, nonché genericamente le rimanenze di materie prime e prodotti finiti in giacenza al ; d)il canone di affitto veniva percepito solo con riferimento alla prima animalità, e quindi, l'amministratore non provvedeva con evidente negligenza gestionale alla riscossione dei canoni di locazione per un importo complessivo pari a L (Euro ,00); e) i rapporti commerciali intercorsi tra le due società evidenziano numerosi pagamenti effettuati per cassa con comistenti movimentazioni in denaro intercorse tra le due società (fatture di vendita n e 48 del 2000, fatture n. 1 e 2 del 20019), che non trovano riscontro nelle relative fatturazioni e che comprovano la volontà di distrarre liquidità dalla società A&B a favore della GIB srl a scapito dei creditori sociali; f) alla luce della verifica del libro giornale, il rapporto tra le "rimanenze di magazzino" alla data del e quelle trasferite con le vendite alla GIB srl evidenzia l'esistenza di merci in magazzino non vendute alla GIB srl né rinvenute al momento dell 'inventario dell'ufficio fallimentare per un valore totale dì L e, quindi, la commercializzazione da parte dell'amministratore di tali merci ad un valore irrisorio o senza fatturazione, con evidente volontà di distrarre il capitale sociale; g) alla luce del confronto tra l'inventario dei "macchinari e beni mobili" ricompresi nell'affitto di azienda e relative fatture di vendita e quello svolto dall'ufficio fallimentare, emerge che nella vendita alla GIB rientravano solo i macchinari tipici per lo svolgimento dell'attività aziendale e non invece l'arredamento e l'attrezzatura di ufficio e che quanto rinvenuto in sede di inventario dall'ufficio fallimentare evidenzia il mancato rinvenimento di tutti i beni elencati dalla società fallita al momento dell'affitto di azienda, con evidente volontà di distrazione; h) le scritture contabili della società veniva tenute in maniera imparziale e lacunosa tanto da non consentire una esaustiva ricostruzione delle operazioni intraprese dàlia società fallita dalla data della sua

10 costituzione fino alla data di dichiarazione di fallimento (cfr par. 6.2 della relazione redatta dal ctu dott.ssa G.N.). Non può dubitarsi della sussistenza del nesso di causalità tra le condotte in oggetto ed il danno accertato, evincibile dalla contestualità fra le stesse e il consistente detrimento del capitale sociale e fronte di una imponente situazione debitoria. Il danno va quantificato in via equitativa, in mancanza di prova di un maggior pregiudizio, nella differenza tra l'attivo ed il passivo, dovendosi ritenere che la parte del capitale sociale perduto sia eziologicamente imputabile alle singole e specifiche condotte dell'amministratore, secondo le regole sul nesso di causalità materiale. Va fatto riferimento una valutazione equitativa del danno, a seguito della impossibilità, per la tenuta lacunosa ed imparziale delle scritture contabili, di ricostruire i dati contabili in modo analitico ed individuare e quantificare specificamente le conseguenze dannose dei singoli atti illegittimi (cfr. Cassazione civile, sez. I, 15 febbraio 2005, n. 3032; Cassazione civile, sez. I, 06/12/2000, n , Cass. 98/3483). Pertanto, il danno va quantificato in Euro ,00. Al pagamento di tale somma in favore della Curatèla va, quindi condannato il convenuto, quale amministratore e successivamente liquidatore della società fallita. Le spese processuali, liquidate quanto al compenso professionale per il difensore della parte vittoriosa ai sensi dell'articolo 2225 c.c. e tenuto conto dell'attività difensiva svolta, seguono la soccombenza e vanno poste a carico del convenuto unitamente a quelle di ctu, nella misura già liquidata. P.Q.M. il Tribunale di Salerno Prima Sezione Civile definitivamente pronunziando sulla domanda proposta dalla Curatela del Fallimento A&B srl in liquidazione, in persona del curatore avv. Amelia Fiore nei confronti di B.A. con atto di citazione notificato in data uditi i procuratori delle partì, ogni altra istanza, difesa, eccezione e deduzione respinta, cosi provvede: 1) condanna B.A. al pagamento in favore dalla Curatela del Fallimento A&B srl in liquidazione, in persona del curatore avv. Amelia Fiore, a titolo di risarcimento danni e per la causale di cui alla parte motiva, della somma di Euro ,00, oltre interessi legali dalla data di pubblicazione della presente sentenza al soddisfo ; 2) condanna B.A. al pagamento in favore dalla Curatela del Fallimento A&B srl in liquidazione, in persona del curatore avv. Amelia Fiore delle spese processuali che liquida in complessivi di Euro 5518,00 di cui Euro 1.118,00 per esborsi ed Euro 4400,00 per competenze, oltre Iva e Cassa, come per legge;

11 3) pone a definitivo carico di B.A. le spese di ctu nella misura già liquidata in atti, con conseguente condanna del predetto al rimborso in favore della parte attrice delle somme anticipate in via provvisoria al ctu.

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli