LISBONA. La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISBONA. La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova"

Transcript

1 LISBONA La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova

2 Lisbona Abitanti: Area: 84,6 km² Densità: 6400 ab/km² Altitudine: 2 m.s.l.m.

3 Lisbona - approccio alla sostenibilità e ai cambiamenti climatici Lisbona affronta i temi della sostenibilità e dei cambiamenti climatici avvalendosi di strumenti e procedure differenti. La città aderisce a varie iniziative riguardanti questi ambiti, l Agenda 21, Il Patto dei Sindaci (ha redatto un PAES) il Connected Urban Development ed altre iniziative ma non raccoglie in un piano per il clima gli obiettivi e le iniziative preferendo affrontarle separatamente attraverso i vari strumenti di cui dispone. Lo strumento però che ingloba il maggior numero d iniziative secondo una direttiva comune è la Strategia Energetico- Ambientale per Lisbona che risale al 2008 e a cui hanno fatto seguito il Paes e le varie azioni divise per aree tecniche (urbanistica, edilizia e infrastrutture, gestione urbana, mobilità, biodiversità, consapevolezza ambientale). I primi passi verso uno sviluppo sostenibile sono stati mossi proprio grazie a questa strategia a cui negli anni si stanno associando piani, azioni e iniziative che la completano e ridefiniscono. Lisbona ha preposto un agenzia addetta allo sviluppo di tale strategia e che si è occupata della redazione delle iniziative, Lisboa E-Nova. Strategia Energetico-Ambientale Patto dei Sindaci Agenda 21 Connected Urban Development Urban Heat Island

4 E-nova lisboa E-Nova Lisboa (Agenzia comunale di Lisbona per l Energia e l'ambiente) è un'associazione senza scopo di lucro operante sotto il diritto privato, che cerca di contribuire allo sviluppo sostenibile attraverso il miglioramento continuo e sistematico delle prestazioni energetiche e ambientali della città. L obiettivo di Lisboa E-Nova è quello di implementare un processo di miglioramento continuo che coinvolge tutti gli attori principali della città, basato su un approccio olistico e quantificato, che si tradurrà in una migliore performance energetica e ambientale della città. La strategia energetica e ambientale è tra tutti i progetti/azioni quella che definisce e sviluppa gli indicatori energetici e ambientali e gli obiettivi per la città di Lisbona, come un importante strumento di gestione. Questa strategia costituisce il quadro per tutte le azioni volte a migliorare il rendimento energetico e ambientale della città. Organi sociali E-Nova Lisboa è organizzata in 4 consigli: 1. Assemblea Generale - Il consiglio decisionale supremo della Lisboa E-Nova ed è composto da tutti i membri associati 2. Consiglio di Amministrazione-Questo consiglio ha il potere di interferire in tutte le attività di E-Nova Lisboa, ed è composto da 5 membri (presidente e 4 amministratori) 3. Consiglio di Sorveglianza - composto da 3 elementi (presidente e 2 altri membri). Uno dei membri è un contabile ufficiale. 4. Comitato consultivo - composto da esperti in una vasta gamma di settori (scientifico, accademico, ONG, media, etc.)

5 Strategia energetico-ambientale per Lisbona Definire e quantificare una Strategia Energetica e ambientale a Lisbona è stato uno degli obiettivi di Lisbona e-nova dal A tal fine, ha approfondito, aggiornato e quantificato i flussi di energia, materiali e acqua corrente, indotti dalla città, che ha sintetizzato nelle Matrici Energia, acqua e materiali. Queste matrici, inizialmente aggiornate con riferimento al 2004, sono strumenti essenziali per la pianificazione e la gestione, ed i loro aggiornamenti continui servono a misurare quantitativamente, e correggere se necessario, lo sviluppo o le prestazioni della città in termini di consumo di energia, acqua e materiali nonché le emissioni di inquinanti e la produzione di rifiuti e riciclaggio. Anche se inizialmente queste matrici hanno avuto luogo presso il Consiglio di Lisbona, s intende estenderle in futuro ai comuni della zona metropolitana di Lisbona, compresi i flussi a livello interprovinciale, al fine di ottenere un loro integrazione e una quantificazione delle interazioni e della loro sostenibilità. Per garantire la qualità della vita dei cittadini, è importante che Lisbona abbia una gestione adeguata delle risorse e delle infrastrutture, che è definita da obiettivi di prestazione promuoventi lo sviluppo sostenibile della città. Questa visione ha ispirato tutti i progetti di intervento e di comunicazione E-Nova Lisboa. I progetti di intervento nascono dalla necessità di identificare, promuovere e integrare l'adozione di buone pratiche nell'ambito dello sviluppo della città. I progetti di comunicazione, il livello di un contatto diretto con i cittadini, motivano il dialogo tra questi e gli esperti nei rispettivi settori tematici. In questa strategia vengono elaborati obiettivi concreti e quantificabili per lo sviluppo sostenibile della città, che sono stati cronometrati secondo i mandati del governo locale. Accettando di essere giudicato rispetto a questi obiettivi programmati per la fine del suo mandato, il Presidente della CML e al Consiglio Comunale da lui presieduto, ha dato un insolito esempio di impegno politico per attuare la strategia della cui formulazione ha incaricato Lisboa E-Nova. Inoltre, a livello europeo, la CML è stata la prima ad adottare obiettivi limitati nel tempo che vanno oltre gli obiettivi europei e nazionali, qui anticipati, e successivamente sanciti nel Patto dei Sindaci. Fissare gli obiettivi e le date, è essenziale per assicurare lo sviluppo di piani d'azione e monitorare le azioni e risultati. La collaborazione, il sostegno che Lisboa E-Nova ed i suoi collaboratori hanno ricevuto dalla CML sono stati decisivi per il lavoro svolto. La strategia energetica e ambientale è tra tutti i progetti/azioni quella che definisce e sviluppa gli indicatori energetici e ambientali e gli obiettivi per la città di Lisbona, come un importante strumento di gestione. Questa strategia costituisce il quadro per tutte le azioni volte a migliorare il rendimento energetico e ambientale della città.

6 Struttura della Strategia Energetico-ambientale per Lisbona: Inventario dei flussi di energia, materiali e acqua corrente indotti dalla città: - MATRICE ENERGIA - MATRICE MATERIALI - MATRICE ACQUA Obiettivi: - Obiettivi energetici - Obiettivi per i materiali e i rifiuti - Obiettivi per l acqua Individuazione degli ambiti d intervento: - Pianificazione urbana - Costruzioni e infrastrutture - Gestione urbana - Mobilità Obiettivi e azioni: - Relativi ai 4 ambiti Monitoraggio e aggiornamento delle matrici energia, materiali e acqua corrente

7 Individuazione degli ambiti d intervento: - Pianificazione urbana - Costruzioni e infrastrutture - Gestione urbana - Mobilità Obiettivi e azioni: - Relativi ai 4 ambiti Monitoraggio e aggiornamento delle matrici energia, materiali e acqua corrente

8 Livello legislativo di riferimento Inquadramento politico esterno EU nel 2020 (COM(2008)30): 20% di riduzione nelle emissioni di gas ad effetto serra 20% di contributo delle energie rinnovabili al fabbisogno energetico 20% di riduzione dei consumi energetici attraverso un aumento dell efficienza energetica Patto dei Sindaci e dichiarazione Eurocities: Seguire la carta di Lipsia Superare gli obiettivi fissati dall UE Partecipazione attiva al Connected Urban Development Inquadramento politico nazionale Il Piano Nazionale d Azione per l Efficienza Energetica fissa come obiettivo di prestazione energetica per il 2015: La riduzione nel consumo di energia primaria del 10% La riduzione della bolletta energtica dell 1%/anno Inquadramento politico regionale Il CCDR-LVT ha sviluppato la Strategia LISBOA 2020 che prevede la quantificazione dei flussi generati nella regione di Lisbona e Valle del Tago e la creazione di obiettivi di prestazione.

9 Obiettivi per la citta di Lisbona Gli obiettivi fissati a Lisbona sono condizionati dagli obiettivi stabiliti a livello UE per il 2020 e dal governo portoghese nel Questi obiettivi sono ambiziosi, ma l'assenza di temporizzazione colloca la valutazione finale dei risultati al di fuori del normale mandato dei suoi promotori. La città, qundi, vuole impegnarsi fissando obiettivi programmati entro la fine del prossimo mandato (2009) e il successivo (2013). Energia e CO2 1. Il problema centrale è la scarsità di combustibili fossili e l'inquinamento derivante 2. La CO2 (con l'equivalente TG) è un indicatore integrato molto importante, come il PIL, dell'intensità della energetica dell economia, ecc. 3. La strategia non dovrebbe essere quello di attaccare i sintomi (CO2), ma le cause, evitando e riducendo al minimo gli effetti della variabilità climatica Principi d azione La politica energetica incentrata sull utilizzo delle risorse naturali rinnovabili e sull'efficienza energetica, vista come strumento strutturante della pianificazione territoriale e urbanistica in particolare. Questa politica secondo la municipalità di Lisbona porterà automaticamente ad una decisa riduzione delle emissioni di CO2, accompagnateda notevoli miglioramenti della qualità dell'aria, oltre a contribuire in modo significativo alla creazione di posti di lavoro qualificati e una maggior indipendenza energetica.

10 Obiettivi energetici Lisbona supererà gli obiettivi nazionali nel 2015 e gli europei nel 2020, a condizione che i tassi d evoluzione dopo il 2013 si mantengano. La riduzione dovrebbe concentrarsi principalmente su tre grandi settori: edifici residenziali, edifici dei servizi e trasporti su strada. Livello di energia: - Riduzione dell'8,9% del consumo di energia primaria. - Riduzione media annuale dell'1,85% attraverso un'azione prioritaria per il trasporto di strada e settore costruzioni. - Riduzione media annua del consumo di energia della CML del 1,95%, in modo da conseguire una riduzione complessiva del 9,4%. Provincia di Lisbona Camera Municipale di Lisbona Tasso anuale medio Riduzione globale nel % 8.9 % 1.95 % 9.4 %

11 Obiettivi per l acqua Gli obiettivi sono: Ridurre la domanda di acqua potabile Ridurre le perdite nella rete di distribuzione pubblica Promuovere il riutilizzo delle acque reflue trattate Livello di consumo d acqua: - Riduzione del consumo globale del 7,8%. - Riduzione delle perdite del 15,6%. - Uso di acqua riciclata di 3.1 m3/ab.anno. Consumo totale Riduzione globale nel % Perdite nella rete 15.6 % Riutilizzo delle acque reflue trattate, attualmente pari a zero 3,1 m 3 /ab.anno

12 Obiettivi per i rifiuti Si prevede di ridurre la domanda di materiali, aumentare il tasso di riutilizzo e riciclaggio e migliorare le pratiche di gestione dei rifiuti solidi urbani e industriali. Settore dei materiali: - Riduzione del consumo di materiali nel 10%. - Raccolta differenziata dei materiali dovrebbe raggiungere 0,19 t / PAC, vale a dire un aumento superiore al 29% Riduzione del consumo di materiali che non sono direttamente integrabili nella tecnosfera e nella biosfera Aumento della raccolta selettiva dei materiali 10 % 29 %

13 Obiettivi per il 2013: La strategia Energetico-ambientale per Lisbona stabilisce, quindi, i seguenti obiettivi entro il 2013: Livello di energia: - Riduzione dell'8,9% del consumo di energia primaria. - Riduzione media annuale dell'1,85% attraverso un'azione prioritaria per il trasporto di strada e settore costruzioni. - Riduzione media annua del consumo di energia della CML del 1,95%, in modo da conseguire una riduzione complessiva del 9,4%. Livello di consumo di acqua: - Riduzione del consumo globale del 7,8%. - Riduzione delle perdite del 15,6%. - Uso di acqua riciclata di 3.1 m3/ab.anno. Settore dei materiali: - Riduzione del consumo di materiali nel 10%. -Raccolta differenziata dei materiali dovrebbe raggiungere 0,19 t / PAC, vale a dire un aumento superiore al 29%. Il fronte d azione di tali obiettivi e delle conseguenti azioni è quello della MITIGAZIONE ai cambiamenti climatici ma per quanto riguarda le risorse idriche, si può parlare anche di ADATTAMENTO.

14 Ambiti d intervento L'E-Nova Lisboa è attiva nelle seguenti quattro aree di intervento e nelle aree trasversali di comunicazione: Pianificazione Urbana Construzioni Infrastrutture Gestione Urbana Gestão Mobilità Urbana Urbano Informazione Comunicazione Sensibilizzazione Partecipazione Formazione Monitoraggio contiunuo

15 Ambiti d intervento Pianificazione Urbana STRATEGIA ENERGETICO-AMBIENTALE PER LISBONA Obiettivo: Completare la proposta della Strategia Energetico-ambientale per la città di Lisbona e sviluppare piani d'azione che la concretizzino, tra cui il Piano Comunale per l'energia e l'ambiente. Inizio e durata: gennaio 2009, 18 mesi. Partners: CML, CCDR-LVT, EDP, EPAL, Lisboagás, CARRIS.

16 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture PROSTO - BEST PRACTICE IMPLEMENTATION OF SOLAR THERMAL OBLIGATIONS RIABILITAZIONE SOSTENIBILE DI LISBONA OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI EDIFICI DEI SERVIZI PROGETTO DISPLAY DELLA MUNICIPALITA DI LISBONA COGENERAZIONE NELLE PISCINE MUNICIPALI RETE LOCALE DI ACQUA SECONDARIA

17 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture PROSTO - BEST PRACTICE IMPLEMENTATION OF SOLAR THERMAL OBLIGATIONS Obiettivo: Dimostrare e quantificare l'impatto delle buone pratiche, a livello di obblighi d implementazione di impianti solari termici, attraverso progetti di dimostrazione. Inizio e durata: gennaio 2008, 36 mesi. Partners: CML, regione Lazio, Inteligent energia Europa, ambiente Italia, GALP Energia, INETI. RIABILITAZIONE SOSTENIBILE DI LISBONA Obiettivo: Promozione e attuazione d interventi che potrebbero migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici per la riabilitazione della città di Lisbona. Inizio e durata : gennaio 2008, 20 mesi. Partners: CML, IGESPAR, ADENE, ANACOM, EDP, REN, GEBALIS, IHRU.

18 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI EDIFICI DEI SERVIZI Obiettivo: Sviluppo di un audit energetico-ambientale e simulazione dinamica delle misure da realizzare per l edificio di Campo Grande della CML al fine di ridurre il consumo di energia e aumentare la qualità dell'aria. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML (direzione centrale dei servizi municipali), EDP. PROGETTO DISPLAY DELLA MUNICIPALITA DI LISBONA Obiettivo: Mira ad incoraggiare le autorità pubbliche locali a presentare pubblicamente le prestazioni energetico-ambientali degli edifici. Il comune di Lisbona potrà beneficiare di formazione tecnica specializzata nell'ambito della certificazione energetica degli edifici. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML, ADENE.

19 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture RETE LOCALE DI ACQUA SECONDARIA Obiettivo: La realizzazione di quattro reti di acqua reflua trattata per l irrigazione degli spazi verdi e altri usi non potabili. Queste reti pilota permetteranno di strutturare il modello di business e impostare una strategia a medio termine per la città di Lisbona. Inizio e durata: gennaio 2009, 24 mesi. Partners: CML, SIMTEJO, EPAL, APL, Frente Tejo, IRAR, REFER.

20 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana MIGLIORARE LE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI SPAZI VERDI DI LISBONA EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA SEMAFORICO DI LISBONA EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA D ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI LISBONA

21 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana MIGLIORARE LE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI SPAZI VERDI DI LISBONA Obiettivo: Affrontare in maniera integrata le dimensioni della gestione dell'energia, del ricorso all'acqua, dell'utilizzo di materiali e del recupero dei rifiuti, al fine di ridurre il consumo complessivo Inizio e durata: marzo 2008, 18 mesi. Partners: CML (DAEV), EDP, Valorsul, Philips, ArquiLED, Schréder, EPAL, SIMTEJO. EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA SEMAFORICO DI LISBONA Obiettivo Promuovere la sostituzione delle lampadine convenzionali con tecnologia LED (light emitting diodes ) con vantaggi dal punto di vista della sicurezza stradale e riduzione della bolletta energetica e della manutenzione. Inizio e durata: aprile 2008, 18 mesi. Partners: CML, EDP, Eyssa Tesis, Philips, ArquiLED, Soltráfego, Amb3E, ERSE.

22 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA D ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI LISBONA Obiettivo: Migliorare l'efficienza energetica complessiva dell'illuminazione pubblica della città attraverso una serie di operazioni nell'ambito del monitoraggio continuo dei sistemi di gestione e controllo e la sostituzione dei componenti con altri più efficienti (riduzione dei consumi fino al 80%). Inizio e durata: gennaio 2009, 18 mesi. Partners: LMC, EDP, Amb3E.

23 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano VEICOLI PIU 'AMICI DELL'AMBIENTE PIANO DI MOBILITÀ PER L EDIFICIO MUNICIPALE CAMPO GRANDE 25/27 ACCESSIBILITA E MOBILITA' SOSTENIBILE NELLA CITTA DI LISBONA DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI ENERGETICHE PER I VEICOLI

24 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano VEICOLI PIU 'AMICI DELL'AMBIENTE Obiettivo: Fase I: strumento di supporto decisionale per l'acquisizione di nuovi veicoli da parte dei gestori di flotte. Fase II: realizzazione di un distintivo verde per i veicoli come incentivo ambientale per il parcheggio a pagamento a Lisbona. Inizio e durata: settembre 2008, 12 mesi. Partners: CML, APA, HONDA, IVECO, sedile, EMEL, Autohoje. PIANO DI MOBILITÀ PER L ' EDIFICIO MUNICIPALE CAMPO GRANDE 25/27 Obiettivo: La diagnosi alla mobilità generata nell'edificio permette di valutare le opportunità di intervento per migliorare le prestazioni energetico-ambientali, attraverso lo sviluppo pionieristico in Portogallo di un piano di mobilità aziendale. Inizio e durata: luglio 2008, 16 mesi. Partners: CML, APA, IST-D.T.E.A.

25 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano ACCESSIBILITA E MOBILITA' SOSTENIBILE NELLA CITTA DI LISBONA Obiettivo: Progetto incubatore d innovazione nella promozione del trasporto pubblico, con un focus sulle nuove modalità emergenti. Definizione di linee guida strategiche per una nuova cultura della mobilità urbana. Inizio e durata: marzo 2008, 18 mesi. Partners: CML, ADENE, IMTT, Metropolitano, CARRISe altri operatori. DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI ENERGETICHE PER I VEICOLI Obiettivo: Stimolare la diversificazione delle fonti di energia per veicoli a motore attraverso lo sviluppo di infrastrutture di ricarica elettrica e collegamento intelligente così come infrastruttura di rete fornitura di gas naturale. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML, ADENE, EDP, GALP Energia, CARRIS.

26 Monitoraggio della strategia Questo progetto ha come principale obiettivo mettere in pratica la strategia Energetico-ambientale per Lisbona, approvata il 3 dicembre Una volta definiti gli obiettivi di prestazione della città nell orizzonte , è necessario garantire un controllo costante delle azioni che vengono svolte nell'ambito del programma, al fine di quantificare e identificare le aree di azione prioritaria. Questo svilupperà un lavoro di aggiornarmento continuo della matrice energetica, dell acqua e dei materiali già sviluppate negli anni precedenti, considerando anche gli aspetti del rumore e della qualità dell'aria. Questa analisi comprende la creazione di una banca dati associata alla microproduzione di energia elettrica di Lisbona attraverso le energie rinnovabili e la cogenerazione. Inizio del progetto: gennaio 2010 Bilancio annuale dettagliato dei flussi di energia primaria originati dalla provincia _ MATRICE ENERGETICA Bilancio annuale dettagliato dei flussi di materiali _ MATRICE DEI MATERIALI Bilancio annuale dettagliato dei flussi di acqua _ MATRICE DELL ACQUA Lisbona Portogallo Unione Europea Matrice: Energia e CO2 1.7 Mtep (2002) 3.1 tep/pro capite 9.6 tco 2 /pro capite Matrice: Acqua 367 litrs/pro capite.giorno Matrice: Materiali 11 millhões t/anno 54.1 kg/pro capite.giorno ~7% consumo nazionale ~2.5 tep/pro capite nazionale ~7.5 tco2/pro capite nazionale ~208 litrs/pro capite.giorno ~7% consumo nazionale ~54.1 kg/pro capite.giorno ~11 tco2/ pro capite ~241 litrs/pro capite.giorno ~43.3 kg/pro capite.giorno

27 Energia Matrice Energetica (energia primaria) Ripartizione del consumo associato agli edifici Edifici Trasporti Servizi Residenziale Industria Altro

28 Emissioni di CO 2 2% 3% 58% 37% Edifici Trasporti Industria Altro Portogallo ~ 7.5 t/pro capite Lisbona ~ 9.6 t/pro capite Francia ~ 10 t/pro capite

29 Acqua Matrice di Consumo di Acqua Potabile Ripartizione del Consumo di Acqua Potabile nella municipalità di Lisbona Domestico Commercio e industria CML Stato e ambasciate Istituzioni Altro Giardini Pulizia strade Altro Fontane Edifici scolastici Piscine Vigili del fuoco Servizi amministrativi

30 Materiali Matrice del Consumo di Materiali Ripartizione per tipologia Minerali non metallici Biomassa Combustibili fossili Non rinnovabili Rinnovabili Non specificati Metalli Non specificati

31 Altri strumenti, azioni e misure di adattamento ai cambiamenti climatici Urban Heat Islands (Isola di calore urbana) La città di Lisbona, rappresentata da E-Nova Lisboa e il Comune di Lisbona, ha partecipato al progetto europeo Urban Heat Islands and Urban Thermography organizzato da ESA European Space Agency. Lisbona ha partecipato a questo consorzio come città teste, applicando alcuni dei prodotti sviluppati dal progetto, in particolare la termografia da satellite immagini per identificare e completare l informazione meteorologica esistente a livello di Sistema Operacional Integrado de Prevenção do Risco Meteorológico (ovvero sistema operativo integrato di prevenzione del rischio meteorologico) a Lisbona. In questo progetto l ente maggiormente coinvolto è la protezione civile. Inizio del progetto: novembre 2008 Partners: Camera municipale di Lisbona, EDISOFT - Business Services e Sviluppo Software Situazione attuale: Dall'inizio del 2008 il dipartimento di Protezione civile di Lisbona riceve ogni giorno 4 previsioni meteorologiche per i 7 giorni successivi sulla temperatura, sulla velocità del vento, sulle precipitazioni e la marea. Se i valori di soglia specificati vengono superati, viene inviata un di avviso. Il Dipartimento accede a queste informazioni previo avviso da parte del Servizio di Protezione Nazionale. I modelli di previsione operativi in passato fornivano informazioni meno dettagliate e operavano in un dominio che andava dai 27 ai 9 km, ora lavorano con un dominio che va dai 9 ai 3 km con prove a 9, a 3 e a 1 km, parametrizzazioni terra-suolo e schemi dello strato limite. Pianificazione urbana: Gli studi climatici attualmente disponibili (basati sul trattamento statistico dei documenti storici) non sono sufficientemente dettagliati per i bisogni attuali della pianificazione urbana e in grado di predire quantitativamente e affrontare le conseguenze di variabilità e cambiamento climatico, consumo energetico e inquinamento atmosferico. La ricostruzione del clima passato a scala urbana, sulla base di analisi e ri-analisi è preziosa per la pianificazione. Strumenti di base e dati sono già disponibili e sarebbero migliorati con una più dettagliata (~ 100 m) caratterizzazione di superficie per quanto riguarda le proprietà termiche e fluido-dinamiche. La termografia da satellite a risoluzione 100 m sarebbe molto utile.

32

33 Uso del suolo_ categorie Stazione di misurazione a terra: aeroporto di Lisbona

34 Ondata di calore del 2003 Temperature

35 Ondata di calore del 2003 Temperature previste e misurate nell aeroporto di LIsbona

36 Cambiamenti climatici e salute umana Alcune misure di adattamento sono state previste coinvolgendo l amministrazione regionale per la salute di Lisbona e della Valle del Tejo,ma non si trova traccia di questo (se non per le misure sulle risorse idriche) nella Strategia e nei piani elaborati da Lisboa E-nova. Gli effetti previsti a causa dei cambiamenti climatici presenti nei documenti relativi alla salute pubblica sono: Effetti da calore e siccità Effetti da incendi forestali Effetti da freddo Effetti da vento forte e tempesta Effetti da precipitazioni I rischi naturali sono: Inondazioni Siccità Aumento del livello del mare Incendi Strategie di adattamento: Impatto dei cambiamenti climatici Salinizzazione dell acqua Alterazione della produzione agricola Possibilità d intervento Aumentare il rimboschimento e sviluppare le tecniche d irrigazione agricola Praticare l agricoltura estensiva

37 Patto dei Sindaci Del 3 dicembre 2008, il Comune di Lisbona (CML) ha approvato la sua "Strategia energetico-ambientale per Lisbona", nell ambito della quale, tra gli '"Impegni politici assunti dalla municipalità di Lisbona" appare nel "rispetto del Patto dei Sindaci", che è stato firmato a Lisbona, tra le prime a aderirvi. Nell'ambito del protocollo firmato il 15 marzo 2010, tra Lisbona E-nova e il Comune, per lo sviluppo delle misure previste nel Patto dei Sindaci, Lisboa E-Nova ha iniziato il suo lavoro presentando l'inventario di riferimento delle emissioni di CO2 nella città di Lisbona, il primo requisito di tale patto. In seguito a questo, il 15 giugno 2010, fu presentato il Piano d'azione per l'energia Sostenibile di Lisbona (SEAP).Questo piano d'azione è soggetto alla strategia energetico-ambientale per Lisbona e si concentra sui settori già individuati dalla stessa. Tale piano delinea le misure per ridurre il consumo di energia primaria attraverso una maggiore efficienza energetica e le energie rinnovabili, raggiungendo contemporaneamente la riduzione delle emissioni di CO2. Nell inventario delle emissioni, la strategia è più completa perché considera le emissioni indotte dalla provincia e non solo quelle rilasciate all interno dei confini geografici della municipalità di Lisbona. Inizio del progetto: marzo 2010 Bilancio Per lo svolgimento delle attività di LISBOA E-NOVA ha attualmente un budget annuale di circa 750 mila euro. Fonti di finanziamento Le attuali fonti di finanziamento comprendono il finanziamento attraverso quote dei membri e approvazione dei progetti nell'ambito del Intelligent Energy Europe, EEA Grants, Sétimo Programa-Quadro ( ), e Plano de Promoção da Eficiência no Consumo de Energia Eléctrica. Si prevede la possibilità, nel prossimo futuro, di poter ricorrere al finanziamento nazionale Fundo de Eficiência Energética in attesa della sua regolamentazione giuridica. Monitoraggio Il monitoraggio dell'attuazione e dei risultati di questo piano d'azione sarà effettuato da un lato attraverso l attività continua di monitoraggio da parte di Lisboa E-Nova dei progetti in corso e dall'altro attraverso il lavoro di aggiornamento della matrice energetica da parte della municipalità di Lisbona.

38 Struttura del Piano per l energia sostenibile di Lisbona: Stima dei consumi energetici nei vari settori, dei rispettivi impatti ambientali, comprese le emissioni di gas serra (inventario delle emissioni) Definizione degli obiettivi da raggiungere e tempi Determinazione delle misure e delle azioni per raggiungere tali obiettivi. Il PAES segue le seguenti fasi: Inizio: - sottoscrizione del Patto dei Sindaci - assegnazione del lavoro di sviluppo del piano a Lisboa E-Nova, protocollo tra il Comune e l agenzia. - Ottenere appoggio dalle parti interessate Pianificazione: - Analisi della situazione attuale - Valutazione della situazione futura - Obiettivi - Determinazione delle misure per perseguirli - Approvazione e presentazione del piano Attuazione: - Attuazione del piano Monitoraggio e informazione: - Monitoraggio - Informazione e presentazione dei risultati del piano - Revisione del piano

39 Inventario delle emissioni nell'anno base Mantenendo l'anno base della "Strategia Energetico-ambientale di Lisbona", l'inventario delle emissioni di CO2 è stato effettuato per l'anno di riferimento La scelta del 2002 è stata causata dal fatto che era l anno più recente per cui erano ragionevolmente adeguate le informazioni statistiche. A fronte di informazioni ufficiali disponibili, sono state contabilizzate le emissioni di CO2 che si verificano nel territorio del comune di Lisbona, più le emissioni associate ad i combustibili fossili utilizzati per la produzione dell'energia elettrica consumata nel comune (assumendo per l elettricità importata identiche emissioni a livello nazionale). Non sono state contabilizzate le emissioni di CO2 associate a prodotti importati. Sia per il consumo di combustibili fossili (gas naturale e petrolio e derivati) sia per quanto riguarda il consumo di energia elettrica, sono stati utilizzati i dati pubblicati dalla Direzione Generale per l Energia e la Geologia tramite la sua pagina Internet. I valori del consumo di combustibili fossili utilizzati per calcolare le emissioni di CO2 hanno tenuto conto dei fattori di emissione, pubblicati dalla direzione generale per l'energia e la geologia, dal suo ordine n /2008. Per la determinazione di CO2 emissioni associate all elettricità, è stato utilizzato un fattore di emissione tratto dal bilancio energetico nazionale dell'anno 2002, rilasciato sempre dalla Direzione Generale per l Energia e la Geologia tramite la sua pagina Internet. Nel determinare questo fattore si sono contabilizzate non solo le emissioni derivanti dalla produzione convenzionale di energia elettrica ma anche quelle derivanti dalla cogenerazione, scontando le emissioni evitate associate al calore sfruttato (con un rendimento convenzionale del 90% ).

40 Dato il tasso annuo di riduzione delle emissioni in ogni settore, ogni anno le emissioni saranno ridotte rispetto all'anno precedente. Le emissioni annuali nell'anno 2020 dovranno essere al massimo (considerando trascurabile il contributo del settore industriale e dato il periodo di attuazione dal 2009 al 2020): Settore dei trasporti: ktonco2/anno x (1-1,49%) 12 = ktonco2/anno il settore, servizi e dell'industria residenziale: ktonco2/anno x (1-2,10%) 12 = ktonco2/anno Quindi, lo scopo del tasso di riduzione annuale implica che le emissioni annue di CO2 nel 2020, dovrebbero essere ridotte rispetto all'anno di riferimento per: il settore dei trasporti: 258 ktonco2 il settore, servizi e dell'industria residenziale: 522 ktonco2 per un totale di riduzione di 780 ktonco2.

41 Azioni e misure Le azioni e le misure da attuare a Lisbona e che configurano l'adempimento di questo piano d'azione entro il 2013 sono: Settore dei trasporti sostituzione dei veicoli che viaggiano nella provincia con veicoli più efficienti incremento delle prestazioni dei pneumatici e uso di una pressione corretta miglioramento nella scelta del combustibile utilizzato dal trasporto su strada miglioramento dell efficienza del metodo di guida adottato maggiore utilizzo del trasporto marittimo maggiore utilizzo del trasporto ferroviario aumento dell'efficienza energetica dei sistemi di trasporto Settore residenziale sostituzione di elettrodomestici con apparecchiature più efficienti sostituzione lampadine a incandescenza con lampadine più efficienti aumento del prestazioni energetiche nelle ristrutturazioni e nei nuovi edifici residenziali

42 Settore dei servizi sostituzione delle apparecchiature per ufficio con apparecchi più efficienti aumento delle prestazioni energetiche degli edifici in fase di ristrutturazione e nuovi edifici per servizi Settore residenziali e di servizi maggiore implementazione di sistemi che utilizzano l'energia solare termica maggiore implementazione di sistemi di tecnologia solare fotovoltaica campagne di sensibilizzazione e diffusione per l'efficienza energetica

43

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli