LISBONA. La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISBONA. La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova"

Transcript

1 LISBONA La Strategia Energetico-Ambientale _ Il Patto dei Sindaci _ Lisboa E-Nova

2 Lisbona Abitanti: Area: 84,6 km² Densità: 6400 ab/km² Altitudine: 2 m.s.l.m.

3 Lisbona - approccio alla sostenibilità e ai cambiamenti climatici Lisbona affronta i temi della sostenibilità e dei cambiamenti climatici avvalendosi di strumenti e procedure differenti. La città aderisce a varie iniziative riguardanti questi ambiti, l Agenda 21, Il Patto dei Sindaci (ha redatto un PAES) il Connected Urban Development ed altre iniziative ma non raccoglie in un piano per il clima gli obiettivi e le iniziative preferendo affrontarle separatamente attraverso i vari strumenti di cui dispone. Lo strumento però che ingloba il maggior numero d iniziative secondo una direttiva comune è la Strategia Energetico- Ambientale per Lisbona che risale al 2008 e a cui hanno fatto seguito il Paes e le varie azioni divise per aree tecniche (urbanistica, edilizia e infrastrutture, gestione urbana, mobilità, biodiversità, consapevolezza ambientale). I primi passi verso uno sviluppo sostenibile sono stati mossi proprio grazie a questa strategia a cui negli anni si stanno associando piani, azioni e iniziative che la completano e ridefiniscono. Lisbona ha preposto un agenzia addetta allo sviluppo di tale strategia e che si è occupata della redazione delle iniziative, Lisboa E-Nova. Strategia Energetico-Ambientale Patto dei Sindaci Agenda 21 Connected Urban Development Urban Heat Island

4 E-nova lisboa E-Nova Lisboa (Agenzia comunale di Lisbona per l Energia e l'ambiente) è un'associazione senza scopo di lucro operante sotto il diritto privato, che cerca di contribuire allo sviluppo sostenibile attraverso il miglioramento continuo e sistematico delle prestazioni energetiche e ambientali della città. L obiettivo di Lisboa E-Nova è quello di implementare un processo di miglioramento continuo che coinvolge tutti gli attori principali della città, basato su un approccio olistico e quantificato, che si tradurrà in una migliore performance energetica e ambientale della città. La strategia energetica e ambientale è tra tutti i progetti/azioni quella che definisce e sviluppa gli indicatori energetici e ambientali e gli obiettivi per la città di Lisbona, come un importante strumento di gestione. Questa strategia costituisce il quadro per tutte le azioni volte a migliorare il rendimento energetico e ambientale della città. Organi sociali E-Nova Lisboa è organizzata in 4 consigli: 1. Assemblea Generale - Il consiglio decisionale supremo della Lisboa E-Nova ed è composto da tutti i membri associati 2. Consiglio di Amministrazione-Questo consiglio ha il potere di interferire in tutte le attività di E-Nova Lisboa, ed è composto da 5 membri (presidente e 4 amministratori) 3. Consiglio di Sorveglianza - composto da 3 elementi (presidente e 2 altri membri). Uno dei membri è un contabile ufficiale. 4. Comitato consultivo - composto da esperti in una vasta gamma di settori (scientifico, accademico, ONG, media, etc.)

5 Strategia energetico-ambientale per Lisbona Definire e quantificare una Strategia Energetica e ambientale a Lisbona è stato uno degli obiettivi di Lisbona e-nova dal A tal fine, ha approfondito, aggiornato e quantificato i flussi di energia, materiali e acqua corrente, indotti dalla città, che ha sintetizzato nelle Matrici Energia, acqua e materiali. Queste matrici, inizialmente aggiornate con riferimento al 2004, sono strumenti essenziali per la pianificazione e la gestione, ed i loro aggiornamenti continui servono a misurare quantitativamente, e correggere se necessario, lo sviluppo o le prestazioni della città in termini di consumo di energia, acqua e materiali nonché le emissioni di inquinanti e la produzione di rifiuti e riciclaggio. Anche se inizialmente queste matrici hanno avuto luogo presso il Consiglio di Lisbona, s intende estenderle in futuro ai comuni della zona metropolitana di Lisbona, compresi i flussi a livello interprovinciale, al fine di ottenere un loro integrazione e una quantificazione delle interazioni e della loro sostenibilità. Per garantire la qualità della vita dei cittadini, è importante che Lisbona abbia una gestione adeguata delle risorse e delle infrastrutture, che è definita da obiettivi di prestazione promuoventi lo sviluppo sostenibile della città. Questa visione ha ispirato tutti i progetti di intervento e di comunicazione E-Nova Lisboa. I progetti di intervento nascono dalla necessità di identificare, promuovere e integrare l'adozione di buone pratiche nell'ambito dello sviluppo della città. I progetti di comunicazione, il livello di un contatto diretto con i cittadini, motivano il dialogo tra questi e gli esperti nei rispettivi settori tematici. In questa strategia vengono elaborati obiettivi concreti e quantificabili per lo sviluppo sostenibile della città, che sono stati cronometrati secondo i mandati del governo locale. Accettando di essere giudicato rispetto a questi obiettivi programmati per la fine del suo mandato, il Presidente della CML e al Consiglio Comunale da lui presieduto, ha dato un insolito esempio di impegno politico per attuare la strategia della cui formulazione ha incaricato Lisboa E-Nova. Inoltre, a livello europeo, la CML è stata la prima ad adottare obiettivi limitati nel tempo che vanno oltre gli obiettivi europei e nazionali, qui anticipati, e successivamente sanciti nel Patto dei Sindaci. Fissare gli obiettivi e le date, è essenziale per assicurare lo sviluppo di piani d'azione e monitorare le azioni e risultati. La collaborazione, il sostegno che Lisboa E-Nova ed i suoi collaboratori hanno ricevuto dalla CML sono stati decisivi per il lavoro svolto. La strategia energetica e ambientale è tra tutti i progetti/azioni quella che definisce e sviluppa gli indicatori energetici e ambientali e gli obiettivi per la città di Lisbona, come un importante strumento di gestione. Questa strategia costituisce il quadro per tutte le azioni volte a migliorare il rendimento energetico e ambientale della città.

6 Struttura della Strategia Energetico-ambientale per Lisbona: Inventario dei flussi di energia, materiali e acqua corrente indotti dalla città: - MATRICE ENERGIA - MATRICE MATERIALI - MATRICE ACQUA Obiettivi: - Obiettivi energetici - Obiettivi per i materiali e i rifiuti - Obiettivi per l acqua Individuazione degli ambiti d intervento: - Pianificazione urbana - Costruzioni e infrastrutture - Gestione urbana - Mobilità Obiettivi e azioni: - Relativi ai 4 ambiti Monitoraggio e aggiornamento delle matrici energia, materiali e acqua corrente

7 Individuazione degli ambiti d intervento: - Pianificazione urbana - Costruzioni e infrastrutture - Gestione urbana - Mobilità Obiettivi e azioni: - Relativi ai 4 ambiti Monitoraggio e aggiornamento delle matrici energia, materiali e acqua corrente

8 Livello legislativo di riferimento Inquadramento politico esterno EU nel 2020 (COM(2008)30): 20% di riduzione nelle emissioni di gas ad effetto serra 20% di contributo delle energie rinnovabili al fabbisogno energetico 20% di riduzione dei consumi energetici attraverso un aumento dell efficienza energetica Patto dei Sindaci e dichiarazione Eurocities: Seguire la carta di Lipsia Superare gli obiettivi fissati dall UE Partecipazione attiva al Connected Urban Development Inquadramento politico nazionale Il Piano Nazionale d Azione per l Efficienza Energetica fissa come obiettivo di prestazione energetica per il 2015: La riduzione nel consumo di energia primaria del 10% La riduzione della bolletta energtica dell 1%/anno Inquadramento politico regionale Il CCDR-LVT ha sviluppato la Strategia LISBOA 2020 che prevede la quantificazione dei flussi generati nella regione di Lisbona e Valle del Tago e la creazione di obiettivi di prestazione.

9 Obiettivi per la citta di Lisbona Gli obiettivi fissati a Lisbona sono condizionati dagli obiettivi stabiliti a livello UE per il 2020 e dal governo portoghese nel Questi obiettivi sono ambiziosi, ma l'assenza di temporizzazione colloca la valutazione finale dei risultati al di fuori del normale mandato dei suoi promotori. La città, qundi, vuole impegnarsi fissando obiettivi programmati entro la fine del prossimo mandato (2009) e il successivo (2013). Energia e CO2 1. Il problema centrale è la scarsità di combustibili fossili e l'inquinamento derivante 2. La CO2 (con l'equivalente TG) è un indicatore integrato molto importante, come il PIL, dell'intensità della energetica dell economia, ecc. 3. La strategia non dovrebbe essere quello di attaccare i sintomi (CO2), ma le cause, evitando e riducendo al minimo gli effetti della variabilità climatica Principi d azione La politica energetica incentrata sull utilizzo delle risorse naturali rinnovabili e sull'efficienza energetica, vista come strumento strutturante della pianificazione territoriale e urbanistica in particolare. Questa politica secondo la municipalità di Lisbona porterà automaticamente ad una decisa riduzione delle emissioni di CO2, accompagnateda notevoli miglioramenti della qualità dell'aria, oltre a contribuire in modo significativo alla creazione di posti di lavoro qualificati e una maggior indipendenza energetica.

10 Obiettivi energetici Lisbona supererà gli obiettivi nazionali nel 2015 e gli europei nel 2020, a condizione che i tassi d evoluzione dopo il 2013 si mantengano. La riduzione dovrebbe concentrarsi principalmente su tre grandi settori: edifici residenziali, edifici dei servizi e trasporti su strada. Livello di energia: - Riduzione dell'8,9% del consumo di energia primaria. - Riduzione media annuale dell'1,85% attraverso un'azione prioritaria per il trasporto di strada e settore costruzioni. - Riduzione media annua del consumo di energia della CML del 1,95%, in modo da conseguire una riduzione complessiva del 9,4%. Provincia di Lisbona Camera Municipale di Lisbona Tasso anuale medio Riduzione globale nel % 8.9 % 1.95 % 9.4 %

11 Obiettivi per l acqua Gli obiettivi sono: Ridurre la domanda di acqua potabile Ridurre le perdite nella rete di distribuzione pubblica Promuovere il riutilizzo delle acque reflue trattate Livello di consumo d acqua: - Riduzione del consumo globale del 7,8%. - Riduzione delle perdite del 15,6%. - Uso di acqua riciclata di 3.1 m3/ab.anno. Consumo totale Riduzione globale nel % Perdite nella rete 15.6 % Riutilizzo delle acque reflue trattate, attualmente pari a zero 3,1 m 3 /ab.anno

12 Obiettivi per i rifiuti Si prevede di ridurre la domanda di materiali, aumentare il tasso di riutilizzo e riciclaggio e migliorare le pratiche di gestione dei rifiuti solidi urbani e industriali. Settore dei materiali: - Riduzione del consumo di materiali nel 10%. - Raccolta differenziata dei materiali dovrebbe raggiungere 0,19 t / PAC, vale a dire un aumento superiore al 29% Riduzione del consumo di materiali che non sono direttamente integrabili nella tecnosfera e nella biosfera Aumento della raccolta selettiva dei materiali 10 % 29 %

13 Obiettivi per il 2013: La strategia Energetico-ambientale per Lisbona stabilisce, quindi, i seguenti obiettivi entro il 2013: Livello di energia: - Riduzione dell'8,9% del consumo di energia primaria. - Riduzione media annuale dell'1,85% attraverso un'azione prioritaria per il trasporto di strada e settore costruzioni. - Riduzione media annua del consumo di energia della CML del 1,95%, in modo da conseguire una riduzione complessiva del 9,4%. Livello di consumo di acqua: - Riduzione del consumo globale del 7,8%. - Riduzione delle perdite del 15,6%. - Uso di acqua riciclata di 3.1 m3/ab.anno. Settore dei materiali: - Riduzione del consumo di materiali nel 10%. -Raccolta differenziata dei materiali dovrebbe raggiungere 0,19 t / PAC, vale a dire un aumento superiore al 29%. Il fronte d azione di tali obiettivi e delle conseguenti azioni è quello della MITIGAZIONE ai cambiamenti climatici ma per quanto riguarda le risorse idriche, si può parlare anche di ADATTAMENTO.

14 Ambiti d intervento L'E-Nova Lisboa è attiva nelle seguenti quattro aree di intervento e nelle aree trasversali di comunicazione: Pianificazione Urbana Construzioni Infrastrutture Gestione Urbana Gestão Mobilità Urbana Urbano Informazione Comunicazione Sensibilizzazione Partecipazione Formazione Monitoraggio contiunuo

15 Ambiti d intervento Pianificazione Urbana STRATEGIA ENERGETICO-AMBIENTALE PER LISBONA Obiettivo: Completare la proposta della Strategia Energetico-ambientale per la città di Lisbona e sviluppare piani d'azione che la concretizzino, tra cui il Piano Comunale per l'energia e l'ambiente. Inizio e durata: gennaio 2009, 18 mesi. Partners: CML, CCDR-LVT, EDP, EPAL, Lisboagás, CARRIS.

16 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture PROSTO - BEST PRACTICE IMPLEMENTATION OF SOLAR THERMAL OBLIGATIONS RIABILITAZIONE SOSTENIBILE DI LISBONA OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI EDIFICI DEI SERVIZI PROGETTO DISPLAY DELLA MUNICIPALITA DI LISBONA COGENERAZIONE NELLE PISCINE MUNICIPALI RETE LOCALE DI ACQUA SECONDARIA

17 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture PROSTO - BEST PRACTICE IMPLEMENTATION OF SOLAR THERMAL OBLIGATIONS Obiettivo: Dimostrare e quantificare l'impatto delle buone pratiche, a livello di obblighi d implementazione di impianti solari termici, attraverso progetti di dimostrazione. Inizio e durata: gennaio 2008, 36 mesi. Partners: CML, regione Lazio, Inteligent energia Europa, ambiente Italia, GALP Energia, INETI. RIABILITAZIONE SOSTENIBILE DI LISBONA Obiettivo: Promozione e attuazione d interventi che potrebbero migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici per la riabilitazione della città di Lisbona. Inizio e durata : gennaio 2008, 20 mesi. Partners: CML, IGESPAR, ADENE, ANACOM, EDP, REN, GEBALIS, IHRU.

18 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture OTTIMIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI EDIFICI DEI SERVIZI Obiettivo: Sviluppo di un audit energetico-ambientale e simulazione dinamica delle misure da realizzare per l edificio di Campo Grande della CML al fine di ridurre il consumo di energia e aumentare la qualità dell'aria. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML (direzione centrale dei servizi municipali), EDP. PROGETTO DISPLAY DELLA MUNICIPALITA DI LISBONA Obiettivo: Mira ad incoraggiare le autorità pubbliche locali a presentare pubblicamente le prestazioni energetico-ambientali degli edifici. Il comune di Lisbona potrà beneficiare di formazione tecnica specializzata nell'ambito della certificazione energetica degli edifici. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML, ADENE.

19 Ambiti d intervento Construzioni Infrastrutture RETE LOCALE DI ACQUA SECONDARIA Obiettivo: La realizzazione di quattro reti di acqua reflua trattata per l irrigazione degli spazi verdi e altri usi non potabili. Queste reti pilota permetteranno di strutturare il modello di business e impostare una strategia a medio termine per la città di Lisbona. Inizio e durata: gennaio 2009, 24 mesi. Partners: CML, SIMTEJO, EPAL, APL, Frente Tejo, IRAR, REFER.

20 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana MIGLIORARE LE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI SPAZI VERDI DI LISBONA EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA SEMAFORICO DI LISBONA EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA D ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI LISBONA

21 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana MIGLIORARE LE PRESTAZIONI ENERGETICO-AMBIENTALI DEGLI SPAZI VERDI DI LISBONA Obiettivo: Affrontare in maniera integrata le dimensioni della gestione dell'energia, del ricorso all'acqua, dell'utilizzo di materiali e del recupero dei rifiuti, al fine di ridurre il consumo complessivo Inizio e durata: marzo 2008, 18 mesi. Partners: CML (DAEV), EDP, Valorsul, Philips, ArquiLED, Schréder, EPAL, SIMTEJO. EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA SEMAFORICO DI LISBONA Obiettivo Promuovere la sostituzione delle lampadine convenzionali con tecnologia LED (light emitting diodes ) con vantaggi dal punto di vista della sicurezza stradale e riduzione della bolletta energetica e della manutenzione. Inizio e durata: aprile 2008, 18 mesi. Partners: CML, EDP, Eyssa Tesis, Philips, ArquiLED, Soltráfego, Amb3E, ERSE.

22 Ambiti d intervento Gestione Urbano Urbana EFFICIENZA ENERGETICA DEL SISTEMA D ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI LISBONA Obiettivo: Migliorare l'efficienza energetica complessiva dell'illuminazione pubblica della città attraverso una serie di operazioni nell'ambito del monitoraggio continuo dei sistemi di gestione e controllo e la sostituzione dei componenti con altri più efficienti (riduzione dei consumi fino al 80%). Inizio e durata: gennaio 2009, 18 mesi. Partners: LMC, EDP, Amb3E.

23 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano VEICOLI PIU 'AMICI DELL'AMBIENTE PIANO DI MOBILITÀ PER L EDIFICIO MUNICIPALE CAMPO GRANDE 25/27 ACCESSIBILITA E MOBILITA' SOSTENIBILE NELLA CITTA DI LISBONA DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI ENERGETICHE PER I VEICOLI

24 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano VEICOLI PIU 'AMICI DELL'AMBIENTE Obiettivo: Fase I: strumento di supporto decisionale per l'acquisizione di nuovi veicoli da parte dei gestori di flotte. Fase II: realizzazione di un distintivo verde per i veicoli come incentivo ambientale per il parcheggio a pagamento a Lisbona. Inizio e durata: settembre 2008, 12 mesi. Partners: CML, APA, HONDA, IVECO, sedile, EMEL, Autohoje. PIANO DI MOBILITÀ PER L ' EDIFICIO MUNICIPALE CAMPO GRANDE 25/27 Obiettivo: La diagnosi alla mobilità generata nell'edificio permette di valutare le opportunità di intervento per migliorare le prestazioni energetico-ambientali, attraverso lo sviluppo pionieristico in Portogallo di un piano di mobilità aziendale. Inizio e durata: luglio 2008, 16 mesi. Partners: CML, APA, IST-D.T.E.A.

25 Ambiti d intervento Gestão Mobilità Urbana Urbano ACCESSIBILITA E MOBILITA' SOSTENIBILE NELLA CITTA DI LISBONA Obiettivo: Progetto incubatore d innovazione nella promozione del trasporto pubblico, con un focus sulle nuove modalità emergenti. Definizione di linee guida strategiche per una nuova cultura della mobilità urbana. Inizio e durata: marzo 2008, 18 mesi. Partners: CML, ADENE, IMTT, Metropolitano, CARRISe altri operatori. DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI ENERGETICHE PER I VEICOLI Obiettivo: Stimolare la diversificazione delle fonti di energia per veicoli a motore attraverso lo sviluppo di infrastrutture di ricarica elettrica e collegamento intelligente così come infrastruttura di rete fornitura di gas naturale. Inizio e durata: marzo 2008, 16 mesi. Partners: CML, ADENE, EDP, GALP Energia, CARRIS.

26 Monitoraggio della strategia Questo progetto ha come principale obiettivo mettere in pratica la strategia Energetico-ambientale per Lisbona, approvata il 3 dicembre Una volta definiti gli obiettivi di prestazione della città nell orizzonte , è necessario garantire un controllo costante delle azioni che vengono svolte nell'ambito del programma, al fine di quantificare e identificare le aree di azione prioritaria. Questo svilupperà un lavoro di aggiornarmento continuo della matrice energetica, dell acqua e dei materiali già sviluppate negli anni precedenti, considerando anche gli aspetti del rumore e della qualità dell'aria. Questa analisi comprende la creazione di una banca dati associata alla microproduzione di energia elettrica di Lisbona attraverso le energie rinnovabili e la cogenerazione. Inizio del progetto: gennaio 2010 Bilancio annuale dettagliato dei flussi di energia primaria originati dalla provincia _ MATRICE ENERGETICA Bilancio annuale dettagliato dei flussi di materiali _ MATRICE DEI MATERIALI Bilancio annuale dettagliato dei flussi di acqua _ MATRICE DELL ACQUA Lisbona Portogallo Unione Europea Matrice: Energia e CO2 1.7 Mtep (2002) 3.1 tep/pro capite 9.6 tco 2 /pro capite Matrice: Acqua 367 litrs/pro capite.giorno Matrice: Materiali 11 millhões t/anno 54.1 kg/pro capite.giorno ~7% consumo nazionale ~2.5 tep/pro capite nazionale ~7.5 tco2/pro capite nazionale ~208 litrs/pro capite.giorno ~7% consumo nazionale ~54.1 kg/pro capite.giorno ~11 tco2/ pro capite ~241 litrs/pro capite.giorno ~43.3 kg/pro capite.giorno

27 Energia Matrice Energetica (energia primaria) Ripartizione del consumo associato agli edifici Edifici Trasporti Servizi Residenziale Industria Altro

28 Emissioni di CO 2 2% 3% 58% 37% Edifici Trasporti Industria Altro Portogallo ~ 7.5 t/pro capite Lisbona ~ 9.6 t/pro capite Francia ~ 10 t/pro capite

29 Acqua Matrice di Consumo di Acqua Potabile Ripartizione del Consumo di Acqua Potabile nella municipalità di Lisbona Domestico Commercio e industria CML Stato e ambasciate Istituzioni Altro Giardini Pulizia strade Altro Fontane Edifici scolastici Piscine Vigili del fuoco Servizi amministrativi

30 Materiali Matrice del Consumo di Materiali Ripartizione per tipologia Minerali non metallici Biomassa Combustibili fossili Non rinnovabili Rinnovabili Non specificati Metalli Non specificati

31 Altri strumenti, azioni e misure di adattamento ai cambiamenti climatici Urban Heat Islands (Isola di calore urbana) La città di Lisbona, rappresentata da E-Nova Lisboa e il Comune di Lisbona, ha partecipato al progetto europeo Urban Heat Islands and Urban Thermography organizzato da ESA European Space Agency. Lisbona ha partecipato a questo consorzio come città teste, applicando alcuni dei prodotti sviluppati dal progetto, in particolare la termografia da satellite immagini per identificare e completare l informazione meteorologica esistente a livello di Sistema Operacional Integrado de Prevenção do Risco Meteorológico (ovvero sistema operativo integrato di prevenzione del rischio meteorologico) a Lisbona. In questo progetto l ente maggiormente coinvolto è la protezione civile. Inizio del progetto: novembre 2008 Partners: Camera municipale di Lisbona, EDISOFT - Business Services e Sviluppo Software Situazione attuale: Dall'inizio del 2008 il dipartimento di Protezione civile di Lisbona riceve ogni giorno 4 previsioni meteorologiche per i 7 giorni successivi sulla temperatura, sulla velocità del vento, sulle precipitazioni e la marea. Se i valori di soglia specificati vengono superati, viene inviata un di avviso. Il Dipartimento accede a queste informazioni previo avviso da parte del Servizio di Protezione Nazionale. I modelli di previsione operativi in passato fornivano informazioni meno dettagliate e operavano in un dominio che andava dai 27 ai 9 km, ora lavorano con un dominio che va dai 9 ai 3 km con prove a 9, a 3 e a 1 km, parametrizzazioni terra-suolo e schemi dello strato limite. Pianificazione urbana: Gli studi climatici attualmente disponibili (basati sul trattamento statistico dei documenti storici) non sono sufficientemente dettagliati per i bisogni attuali della pianificazione urbana e in grado di predire quantitativamente e affrontare le conseguenze di variabilità e cambiamento climatico, consumo energetico e inquinamento atmosferico. La ricostruzione del clima passato a scala urbana, sulla base di analisi e ri-analisi è preziosa per la pianificazione. Strumenti di base e dati sono già disponibili e sarebbero migliorati con una più dettagliata (~ 100 m) caratterizzazione di superficie per quanto riguarda le proprietà termiche e fluido-dinamiche. La termografia da satellite a risoluzione 100 m sarebbe molto utile.

32

33 Uso del suolo_ categorie Stazione di misurazione a terra: aeroporto di Lisbona

34 Ondata di calore del 2003 Temperature

35 Ondata di calore del 2003 Temperature previste e misurate nell aeroporto di LIsbona

36 Cambiamenti climatici e salute umana Alcune misure di adattamento sono state previste coinvolgendo l amministrazione regionale per la salute di Lisbona e della Valle del Tejo,ma non si trova traccia di questo (se non per le misure sulle risorse idriche) nella Strategia e nei piani elaborati da Lisboa E-nova. Gli effetti previsti a causa dei cambiamenti climatici presenti nei documenti relativi alla salute pubblica sono: Effetti da calore e siccità Effetti da incendi forestali Effetti da freddo Effetti da vento forte e tempesta Effetti da precipitazioni I rischi naturali sono: Inondazioni Siccità Aumento del livello del mare Incendi Strategie di adattamento: Impatto dei cambiamenti climatici Salinizzazione dell acqua Alterazione della produzione agricola Possibilità d intervento Aumentare il rimboschimento e sviluppare le tecniche d irrigazione agricola Praticare l agricoltura estensiva

37 Patto dei Sindaci Del 3 dicembre 2008, il Comune di Lisbona (CML) ha approvato la sua "Strategia energetico-ambientale per Lisbona", nell ambito della quale, tra gli '"Impegni politici assunti dalla municipalità di Lisbona" appare nel "rispetto del Patto dei Sindaci", che è stato firmato a Lisbona, tra le prime a aderirvi. Nell'ambito del protocollo firmato il 15 marzo 2010, tra Lisbona E-nova e il Comune, per lo sviluppo delle misure previste nel Patto dei Sindaci, Lisboa E-Nova ha iniziato il suo lavoro presentando l'inventario di riferimento delle emissioni di CO2 nella città di Lisbona, il primo requisito di tale patto. In seguito a questo, il 15 giugno 2010, fu presentato il Piano d'azione per l'energia Sostenibile di Lisbona (SEAP).Questo piano d'azione è soggetto alla strategia energetico-ambientale per Lisbona e si concentra sui settori già individuati dalla stessa. Tale piano delinea le misure per ridurre il consumo di energia primaria attraverso una maggiore efficienza energetica e le energie rinnovabili, raggiungendo contemporaneamente la riduzione delle emissioni di CO2. Nell inventario delle emissioni, la strategia è più completa perché considera le emissioni indotte dalla provincia e non solo quelle rilasciate all interno dei confini geografici della municipalità di Lisbona. Inizio del progetto: marzo 2010 Bilancio Per lo svolgimento delle attività di LISBOA E-NOVA ha attualmente un budget annuale di circa 750 mila euro. Fonti di finanziamento Le attuali fonti di finanziamento comprendono il finanziamento attraverso quote dei membri e approvazione dei progetti nell'ambito del Intelligent Energy Europe, EEA Grants, Sétimo Programa-Quadro ( ), e Plano de Promoção da Eficiência no Consumo de Energia Eléctrica. Si prevede la possibilità, nel prossimo futuro, di poter ricorrere al finanziamento nazionale Fundo de Eficiência Energética in attesa della sua regolamentazione giuridica. Monitoraggio Il monitoraggio dell'attuazione e dei risultati di questo piano d'azione sarà effettuato da un lato attraverso l attività continua di monitoraggio da parte di Lisboa E-Nova dei progetti in corso e dall'altro attraverso il lavoro di aggiornamento della matrice energetica da parte della municipalità di Lisbona.

38 Struttura del Piano per l energia sostenibile di Lisbona: Stima dei consumi energetici nei vari settori, dei rispettivi impatti ambientali, comprese le emissioni di gas serra (inventario delle emissioni) Definizione degli obiettivi da raggiungere e tempi Determinazione delle misure e delle azioni per raggiungere tali obiettivi. Il PAES segue le seguenti fasi: Inizio: - sottoscrizione del Patto dei Sindaci - assegnazione del lavoro di sviluppo del piano a Lisboa E-Nova, protocollo tra il Comune e l agenzia. - Ottenere appoggio dalle parti interessate Pianificazione: - Analisi della situazione attuale - Valutazione della situazione futura - Obiettivi - Determinazione delle misure per perseguirli - Approvazione e presentazione del piano Attuazione: - Attuazione del piano Monitoraggio e informazione: - Monitoraggio - Informazione e presentazione dei risultati del piano - Revisione del piano

39 Inventario delle emissioni nell'anno base Mantenendo l'anno base della "Strategia Energetico-ambientale di Lisbona", l'inventario delle emissioni di CO2 è stato effettuato per l'anno di riferimento La scelta del 2002 è stata causata dal fatto che era l anno più recente per cui erano ragionevolmente adeguate le informazioni statistiche. A fronte di informazioni ufficiali disponibili, sono state contabilizzate le emissioni di CO2 che si verificano nel territorio del comune di Lisbona, più le emissioni associate ad i combustibili fossili utilizzati per la produzione dell'energia elettrica consumata nel comune (assumendo per l elettricità importata identiche emissioni a livello nazionale). Non sono state contabilizzate le emissioni di CO2 associate a prodotti importati. Sia per il consumo di combustibili fossili (gas naturale e petrolio e derivati) sia per quanto riguarda il consumo di energia elettrica, sono stati utilizzati i dati pubblicati dalla Direzione Generale per l Energia e la Geologia tramite la sua pagina Internet. I valori del consumo di combustibili fossili utilizzati per calcolare le emissioni di CO2 hanno tenuto conto dei fattori di emissione, pubblicati dalla direzione generale per l'energia e la geologia, dal suo ordine n /2008. Per la determinazione di CO2 emissioni associate all elettricità, è stato utilizzato un fattore di emissione tratto dal bilancio energetico nazionale dell'anno 2002, rilasciato sempre dalla Direzione Generale per l Energia e la Geologia tramite la sua pagina Internet. Nel determinare questo fattore si sono contabilizzate non solo le emissioni derivanti dalla produzione convenzionale di energia elettrica ma anche quelle derivanti dalla cogenerazione, scontando le emissioni evitate associate al calore sfruttato (con un rendimento convenzionale del 90% ).

40 Dato il tasso annuo di riduzione delle emissioni in ogni settore, ogni anno le emissioni saranno ridotte rispetto all'anno precedente. Le emissioni annuali nell'anno 2020 dovranno essere al massimo (considerando trascurabile il contributo del settore industriale e dato il periodo di attuazione dal 2009 al 2020): Settore dei trasporti: ktonco2/anno x (1-1,49%) 12 = ktonco2/anno il settore, servizi e dell'industria residenziale: ktonco2/anno x (1-2,10%) 12 = ktonco2/anno Quindi, lo scopo del tasso di riduzione annuale implica che le emissioni annue di CO2 nel 2020, dovrebbero essere ridotte rispetto all'anno di riferimento per: il settore dei trasporti: 258 ktonco2 il settore, servizi e dell'industria residenziale: 522 ktonco2 per un totale di riduzione di 780 ktonco2.

41 Azioni e misure Le azioni e le misure da attuare a Lisbona e che configurano l'adempimento di questo piano d'azione entro il 2013 sono: Settore dei trasporti sostituzione dei veicoli che viaggiano nella provincia con veicoli più efficienti incremento delle prestazioni dei pneumatici e uso di una pressione corretta miglioramento nella scelta del combustibile utilizzato dal trasporto su strada miglioramento dell efficienza del metodo di guida adottato maggiore utilizzo del trasporto marittimo maggiore utilizzo del trasporto ferroviario aumento dell'efficienza energetica dei sistemi di trasporto Settore residenziale sostituzione di elettrodomestici con apparecchiature più efficienti sostituzione lampadine a incandescenza con lampadine più efficienti aumento del prestazioni energetiche nelle ristrutturazioni e nei nuovi edifici residenziali

42 Settore dei servizi sostituzione delle apparecchiature per ufficio con apparecchi più efficienti aumento delle prestazioni energetiche degli edifici in fase di ristrutturazione e nuovi edifici per servizi Settore residenziali e di servizi maggiore implementazione di sistemi che utilizzano l'energia solare termica maggiore implementazione di sistemi di tecnologia solare fotovoltaica campagne di sensibilizzazione e diffusione per l'efficienza energetica

43

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore

ISTITUTO NAZIONALE Il Direttore Sunto automatico INVITI A PRESENTARE PROPOSTE FINANZIATE ALL INTERNO DEL PROGRAMMA DI RICERCA, DI SVILUPPO TECNOLOGICO E DI DIMOSTRAZIONE DEL QUINTO PROGRAMMA QUADRO. Il programma "Energia, ambiente e

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 2014 MALCESINE ORIZZONTE 2020 LE SCHEDE AZIONE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE MALCESINE ORIZZONTE LE SCHEDE AZIONE PAES 2 3 4 INDICE SETTORE RESIDENZIALE... 6 CLASSIFICAZIONE TERMICA... 6 CALDAIE AD ALTA EFFICIENZA... 8 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli

Audizione del. Direttore del Consorzio CEV. Gaetano Zoccatelli Disegno di Legge n. 1541 conversione in legge del Decreto Legge 24 giugno 2014, n.91 Disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l efficientamento energetico dell edilizia scolastica

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica

Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Politiche europee e nazionali in tema di efficienza energetica Convegno su: EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO Alba,18 novembre 2011 Luigi De Paoli, Università Bocconi Schema

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

PFF GROUP SRL CHI SIAMO

PFF GROUP SRL CHI SIAMO CHI SIAMO PFF srl, è un azienda giovane e dinamica dedicata alla progettazione, sviluppo e realizzazione di tutti i sistemi ed impianti da fonte di energia rinnovabile studiati per il risparmio energetico.

Dettagli

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico

Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e. Codice Etico Relazione Dott. Ing. Giacomo GIACOMINI Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Aree Industriali nella Provincia di Ancona: Qualità Ambientale, Certificazione EMAS e Codice Etico fiera di Rimini,

Dettagli

1 2 3 4 5 6 Che cosa abbiamo fatto a Castello d Argile per illuminarsi meglio con meno : ovverosia gli atti concreti del nostro impegno per la lotta ai cambiamenti climatici, come previsto dagli obiettivi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it

Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Comune di Vallarsa frazione Raossi, 13 38060 Vallarsa (TN) tel. 0464 860860 fax. 0464 869147 comune@comune.vallarsa.tn.it Vallarsa, lì 10 dicembre 2013 Oggetto: questionario relativo ai consumi energetici

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE 02 IL SISTEMA DEDICATO ALL ENERGY MANAGEMENT CHE RIDUCE COSTI E CONSUMI Gestione intelligente delle informazioni energetiche degli

Dettagli

Green Port Esteso. Il Sistema di Gestione Ambientale Dell Autorit. Autorità Portuale E i progetti in corso

Green Port Esteso. Il Sistema di Gestione Ambientale Dell Autorit. Autorità Portuale E i progetti in corso Green Port Esteso Il Sistema di Gestione Ambientale Dell Autorit Autorità Portuale E i progetti in corso Il 25 Novembre 2003 l Autorità Portuale di Livorno ha ricevuto il certificato attestante l avvenuta

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 Elenco argomenti Inventario delle emissioni 1998 e 2011 Obiettivo minimo di riduzione al 2020 Principi ed

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE Pagina 1 UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE L edilizia determina il quaranta per cento dei consumi totali di energia ed è tra i settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra, della produzione

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15

Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Programma Culturale Experimentdays Milano 2015 #xdaysmi15 Risparmiare energia collaborando A cura di Legambiente Risparmiare energia collaborando Le nuove offerte di riqualificazione energetica integrata

Dettagli

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio

Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano. Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Le eccellenze energetiche del Comune di Rozzano Ing. Marco Masini Presidente CCDP Territorio Il Comune di Rozzano 12,5 kmq 40.502 abitanti (31/12/08) 73 km strade comunali 6 km strade provinciali 4 km

Dettagli

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care

Maurizio Cenci. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica. 8 a Conferenza di Responsible Care 8 a Conferenza di Responsible Care Strumenti finanziari per supportare lo Sviluppo Sostenibile dell Industria. Come ACEA supporta le Imprese per una maggiore efficienza energetica Maurizio Cenci Direttore

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

Procedura di adesione

Procedura di adesione Questa è la traduzione delle Domande più frequenti che potete trovare nella sua versione originale in lingua inglese all indirizzo: http://www.eumayors.eu/faq/index_it.htm Che cos è il Patto dei Sindaci?

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC)

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) Il ruolo dei Comuni nell attuazione del PEC Pomeriggio SvizzeraEnergia sui nuovi mezzi finanziari per la politica energetica comunale 10.9.2014 Giovanni Bernasconi Sezione

Dettagli

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2?

Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Convegno Obiettivo 2020: il Patto dei Sindaci per l energia sostenibile Perché si devono ridurre le emissioni di CO2? Alba, 29 novembre 2013 Direttore Dipartimento Energia Politecnico di Torino 1 Italia

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Nave San Rocco Provincia autonoma di Trento Via 4 vembre, 44 38010 NAVE SAN ROCCO 0461/870641 0461/870588 www.comune.navesanrocco.tn.it sindaco@comune.navesanrocco.tn.it F853-4139 - 24/08/2015-6.9

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

PRIMI INTERVENTI DEL PROGRAMMA ENERGETICO Le prime 10 azioni per il triennio 2010-2012 a cura dell ufficio per l attuazione del programma energetico

PRIMI INTERVENTI DEL PROGRAMMA ENERGETICO Le prime 10 azioni per il triennio 2010-2012 a cura dell ufficio per l attuazione del programma energetico PRIMI INTERVENTI DEL PROGRAMMA ENERGETICO Le prime 10 azioni per il triennio 2010-2012 a cura dell ufficio per l attuazione del programma energetico 1 - Smart Grid alla Sapienza, contributi di IBM, ACEA,

Dettagli

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente.

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. Luigi Mariani Assessore all Urbanistica e all Edilizia Privata

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS ECOMONDO 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? CRITICITA NELLA VALUTAZIONE LIFE CYCLE SUSTAINABILITY ASSESSMENT DI ZERO ENERGY BUILDINGS Michele Paleari Politecnico di

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE CITTA DI ORBASSANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO PRELIMINARE PROCEDURA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA MONITORAGGIO Redazione VAS Progetto: Valter Martino

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico

Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico Gianluca Ruggieri Dipartimento Ambiente-Salute-Sicurezza Università degli Studi dell'insubria LA LUCE CAMBIA! Varese 14 Dicembre 2010 Da qui

Dettagli

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA Premessa Il progetto CLEAR, ha come obiettivo finale l approvazione del bilancio ambientale da parte dell ente. Nella costruzione e approvazione del bilancio ambientale

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli