FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA"

Transcript

1 FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA Liao Zaiyi, J.L. Niu Department of Building Services Engineering, The Hong Kong Polytechnic University, Hunghum, Kowloon, Hong Kong. Introduzione Questa scheda riassume gli studi sulla funzione termica delle chiusure verticali rivestite di edera, condotti dal ricercatore giapponese Liao Zaiyi, che ha messo a punto un modello matematico finalizzato a dare una rappresentazione semplificata dei comportamenti termici di una parete perimetrale rivestita con essenze vegetali. Tale modello è stato integrato con un programma informatico CFD (software di termo-fluido dinamica computazionale) al fine di realizzare la simulazione richiesta. I risultati sperimentali ottenuti sono stati poi usati per definire le condizioni al contorno delle simulazioni numeriche. Successivamente sono state effettuate una serie di analisi di sensibilità parametriche al fine di identificare quali sono i fattori chiave che interessano i rivestimenti in edera per ridurre il carico di raffreddamento degli edifici. Al riguardo sono stati individuati tre parametri considerati rilevanti per la progettazione di pareti rivestite con essenze vegetali: - la densità del verde (d); - la percentuale del rivestimento (r); - le caratteristiche geometriche della griglia di supporto delle essenze vegetali. Le analisi condotte indicano che tali rivestimenti vegetali di facciata sono in grado di ridurre considerevolmente il flusso di calore attraverso le pareti perimetrali di un edificio. La capacità della vegetazione di ridurre significativamente negli edifici i carichi di raffreddamento, prodotti dai dispositivi meccanici di raffrescamento, è stata osservata in diversi studi. Negli anni 80 infatti Huang 1 e il suo gruppo nel Laboratorio Lawrence Berkeley, condussero studi sul potenziale della vegetazione nella riduzione dei carichi di raffreddamento estivi negli edifici residenziali. I risultati delle loro ricerche hanno mostrato che la vegetazione, impiegata come rivestimento di facciata, può contribuire a ottenere un risparmio energetico anche del 25%. Inoltre studi condotti in passato hanno provato che una disposizione adeguata dei rivestimenti di edera sulle facciate edilizie, oltre a migliorare le condizioni microclimatiche degli ambienti interni di un edificio e a ridurre i carichi dell aria condizionata nel periodo estivo, provoca anche effetti psicologici positivi sugli individui, protegge le pareti esterne dalla radiazione solare diretta e, al tempo stesso, è in grado anche di raffreddarle attraverso l aumento dell evaporazione. A tal proposito Huang ha osservato che l edera è in grado di convertire più del 70% dell energia solare che assorbe, in bioenergia attraverso il processo della fotosintesi clorofilliana, senza aumentare notevolmente la propria temperatura. Ciò provoca una minore emissione di radiazione ad onde lunghe tra le foglie e le superfici delle pareti esterne degli edifici, che sono ombreggiate dall edera. Altri due ricercatori, Vu e Asaeda 2, hanno trovato inoltre che la temperatura delle foglie delle essenze vegetali può raggiungere valori di 23 C più bassi rispetto a quelli dell asfalto e delle superfici di calcestruzzo che si trovano alle stesse condizioni di irraggiamento solare. Ad un risultato simile è pervenuto nelle sue misurazioni anche un altro ricercatore di nome Liao 3 che ha rilevato che le pareti rivestite di edera possono ridurre i carichi solari fino al 30%. Negli anni 80 sono stati condotti da Akira Hoyano studi sperimentali sugli effetti di uno schermo solare di edera adottato per rivestire una parete orientata ad ovest. Hoyano ha osservato che un rivestimento totale di edera sulla facciata di un edificio potrebbe ridurre il flusso di calore attraverso le pareti esterne di tre quarti. Inoltre egli ha calcolato la correlazione inversa tra la trasmittanza solare e le condizioni di crescita dell edera (incluse le caratteristiche geometriche delle foglie e il rapporto di copertura). Infine l impiego di essenze vegetali per il rivestimento delle pareti perimetrali contribuisce non solo a ridurre il fabbisogno energetico degli edifici, ma anche a migliorare la valenza estetica di un involucro architettonico. 3

2 Modello matematico dell esperimento Nonostante i risultati delle ricerche condotte da questi ricercatori, le informazioni tecniche riguardanti l adozione dei rivestimenti di edera sulla facciata di un edificio per migliorare il microclima degli ambienti interni, sono ancora limitate. Ad approfondirne le conoscenze ha contribuito anche lo studio di Liao Zaiyi che ha sviluppato un modello matematico per la simulazione dei comportamenti termici delle pareti rivestite di edera e per la valutazione del potenziale risparmio di energia che ne consegue. Questo modello rappresenta dettagliatamente il meccanismo di come i rivestimenti di edera interagiscono con la parete per ricreare un microclima confortevole all interno degli ambienti confinati. I parametri chiave che interessano considerevolmente la funzione termica dei rivestimenti di edera, sono stati impiegati per definire i test di verifica per la progettazione e per il trattamento dei rivestimenti vegetali dell involucro edilizio. Fig. 1 Schema della parete rivestita di edera. (Fonte: schema costruttivo elaborato dall autore.) Il modello della parete rivestita di edera ICW (ivy-covered wall), descritto da Liao Zaiyi, è composto da tre parti: 1. il rivestimento vegetale ICM; 2. la griglia di sostegno SG; 3. la parete perimetrale EW. Il rivestimento vegetale ICM (ivy canopy model) è costituito dal fogliame di edera, considerato come uno strato omogeneo avente la stessa temperatura in ogni suo punto. Questo rivestimento è caratterizzato geometricamente dai seguenti fattori che determinano le condizioni di crescita dell edera: - percentuale di copertura (r): la percentuale della superficie rivestita della parete; - densità del verde (d): l area delle foglie all interno del volume di riferimento. Una elevata densità del verde significa un migliore stato di crescita dell edera; I processi principali che contribuiscono alla determinazione della condizione termica del rivestimento di edera includono: 1. la radiazione solare assorbita dalle foglie; 2. gli scambi delle radiazioni ad onda lunga tra le foglie e il cielo ed i dintorni; 3. il calore trasferito per convezione tra l aria libera (esterna al rivestimento di edera) e l aria nell intercapedine del rivestimento; 4. il calore trasferito per convezione tra le foglie e l aria (entrambe libera e nell intercapedine del rivestimento); 5. la traspirazione nelle foglie; 6. la fotosintesi che converte la radiazione solare assorbita in energia chimica. La griglia di sostegno SG (Supporting Grid) 4

3 La griglia di sostegno è costituita da una griglia di metallo lungo la quale i rami dell edera si arrampicano, realizzando un intercapedine d aria tra l edera e la parete esterna. Per semplicità nel modello matematico proposto da Liao Zaiyi l impatto delle masse termiche e la conduttività della griglia metallica e dei rami dell edera non vengono considerate. Dimensione importante è invece l altezza H della griglia definita come la distanza di quest ultima dalla superficie della parete esterna. La parete esterna EW (External Wall) Per semplificare il problema dello studio, la parete perimetrale è assunta come uno strato omogeneo di materiale solido con costanti proprietà termofisiche. La parete rivestita di edera ICW (Ivy covered wall) Il modello descritto da Liao Zaiyi è composto dal rivestimento di edera, dalla griglia di sostegno e dalla parete esterna. Tale modello è definito dalle seguenti caratteristiche geometriche: 1. la percentuale di copertura delle foglie (r); 2. la densità del verde (d); 3. lo spessore medio delle foglie (δ); 4. l altezza della griglia di sostegno (H); Questi parametri consentono di determinare le prestazioni termiche di una parete rivestita di edera ICW. Attraverso questo studio si è cercato di comprendere come queste variabili possano influenzare la funzione di una parete ICW e, nel caso di una simulazione, vengono considerati costanti. Simulazione numerica Il metodo numerico proposto da Liao Zaiyi è messo a punto per calcolare la prestazione termica della parete esterna. In questo studio la parete perimetrale esterna (EW) è costituita da un muro di mattoni spesso 370 mm, che ha le seguenti proprietà termiche: densità: 1200 kg/m 3 conduttività termica: 0,81 W/mK calore specifico: 800 J/kgK Le condizioni al contorno della parete perimetrale con e senza rivestimento di edera sono: lato interno: la temperatura dell aria dell ambiente interno è considerata costante intorno ai 25 C. Il coefficiente di trasferimento del calore convettivo è 8,33 W/m 2 K. lato esterno: la superficie esterna si distingue essenzialmente in quella ombreggiata dall edera e in quella esposta direttamente alla radiazione solare. La superficie muraria protetta dal rivestimento vegetale è trattata come un contorno soggetto a scambi convettivi e radiattivi. Il coefficiente di scambio di calore convettivo di questa porzione ombreggiata è assunto pari a 16,6 W/m 2 K. Per combinazioni differenti dei fattori r, d e H vengono considerati il rivestimento vegetale ICM e la griglia di sostegno SG per calcolare la temperatura ambientale usata per determinare lo scambio termico radiattivo. La muratura esposta alla radiazione solare è trattata invece con gli stessi valori assunti normalmente per la superficie esterna di una parete perimetrale. Il metodo numerico è stato poi impiegato per descrivere la simulazione del comportamento della griglia di sostegno SG. Le condizioni al contorno di tale griglia sono state descritte di seguito: 1) La parete esterna EW si può differenziare in: parete protetta e parete esposta alla radiazione solare. Il rapporto tra fronte protetto e quello esposto è calcolato dalla seguente equazione: (fronte protetto / fronte esposto) = (d / d 0 ) r dove d 0 è la densità del verde di riferimento. 2) Il fronte rivestito di edera considera questa essenza vegetale come un oggetto solido che scambia calore con l aria dell intercapedine e quella dell ambiente esterno. I dati sperimentali sono stati impiegati per determinare la temperatura delle foglie di edera. Si è notato che sotto un certo valore della radiazione solare, una foglia può rimanere ad una temperatura minore rispetto a quella degli altri materiali da costruzione. Inoltre la temperatura della superficie irradiata può avere valori inferiori di 2 C o 3 C rispetto a quella dell aria esterna. 5

4 Quindi per studiare il modello di parete rivestita di edera ICW sono state svolte le seguenti tre fasi: determinazione delle condizioni climatiche e la temperatura delle foglie; costruzione di una griglia che riporti anche le caratteristiche dell aria interna nell intercapedine compresa tra la griglia di sostegno e la parete perimetrale esterna; (l'intensità di radiazione solare è 900 W/m 2, la temperatura di aria libera è 30 C, velocità di aria libera è 1.5 m/s); assegnazione delle condizioni di contorno della parete esterna EW attraverso il passo precedente. Date poi differenti combinazioni delle caratteristiche geometriche definite dalle variabili r, d e H, è possibile calcolare il flusso di calore che transita dalla parete esterna all aria degli ambienti interni di un edificio. Gli studi riportati da Liao Zaiyi sono volti ad analizzare rispettivamente gli impatti di una delle tre variabili (r, d e H) sulle prestazioni di una parete rivestita di edera ICW, mantenendo le altre due costanti al fine di poter condurre un analisi sensibile della variabile considerata. Risultati conseguiti Il flusso di calore trasferito all aria dell ambiente interno è valutato come un indicatore della prestazione termica di una parete perimetrale rivestita di edera. Sotto condizioni statiche, tale flusso può essere calcolato con la seguente equazione: HF = h in (t wall / inside t in ) dove: t wall / inside è la temperatura della superficie interna di una parete perimetrale rivestita di edera. Data quindi una combinazione delle variabili r, d e H, è stato possibile calcolare il flusso termico HF attraverso la parete perimetrale inverdita. Le analisi sulle variabili parametriche sono state condotte adottando le stesse condizioni comuni per ogni caso studiato: - parete: 370 mm di spessore in mattoni; - temperatura interna: 25 C; - riflettanza della superficie esterna: 0,65. Tre gruppi di sensibilità parametrica sono stati individuati per ognuno dei tre casi analizzati: 1. Caso: variazione del flusso di calore HF al variare della percentuale di copertura r. Condizioni: percentuale di copertura r: 10% - 30% - 50% - 70% - 90% - 100% densità del verde d: altezza della griglia di sostegno H: mm 6

5 Fig. 2 Relazione tra il flusso di calore HF e la percentuale di copertura vegetale r. (Fonte: Liao Zaiyi, J.L. Niu. Rielaborazione della tabella da parte dell autore.) Attraverso una serie di misurazioni si è potuto osservare che per una certa altezza della griglia di sostegno SG, il flusso di calore HF diminuisce considerevolmente quando la percentuale di copertura r aumenta. Infatti un incremento della percentuale di copertura r comporta una maggior superficie della parete perimetrale che può essere ombreggiatura dall edera. Inoltre si è osservato che quando la percentuale di copertura r è minore del 30%, il flusso termico HF è molto simile a quello di una parete nuda. In questo caso la conduzione del calore attraverso la sezione della parete ometterà i benefici ottenuti dai rivestimenti di edera. Un incremento del valore della densità del verde d può contribuire a ridurre il valore del flusso termico HF. Difatti per determinati valori della r, maggiori sono i valori della densità del verde d, maggiore sarà la superficie protetta della parete esterna. La densità del verde d viene determinata dallo stato di crescita dell essenza vegetale considerata. Una migliore piantagione provoca un'più alta densità verde. Quindi per ottenere la migliore prestazione di una parete ICW, è necessario coltivare appropriatamente l edera, cercando di perseguire determinati valori della percentuale di copertura r. Ad esempio per un muro perimetrale di mattoni si consiglia che la percentuale di copertura r non sia minore del 30%. 2. Caso: flusso di calore HF in funzione della densità di verde d. Condizioni: densità del verde d: 1-1, , ,5-4 percentuale di copertura r: 30% - 60% - 90% altezza della griglia di sostegno H: mm 7

6 Fig. 3 Relazione tra il flusso di calore HF e la densità del verde d. (Fonte: Liao Zaiyi, J.L. Niu. Rielaborazione della tabella da parte dell autore.) Per un certo livello della percentuale di copertura r, la densità del verde d ha considerevoli impatti sul flusso di calore HF, quando d ha un valore inferiore a 2,5. Se d assume un valore maggiore di 2,5 il flusso di calore HF ha una minore dipendenza dal valore d. Infatti quando d è maggior di 2,5, il coefficente di ombreggiatura non può più essere migliorato considerevolmente dall area ingrandita delle foglie. Quindi nel caso che la densità del verde d raggiunga un determinato livello, per esempio 2,5 per il muro di mattoni, è importante dare la priorità a realizzare una maggiore percentuale di copertura r piuttosto che aumentare la densità verde d. 3. Variazione del flusso di calore HF in funzione dell altezza della griglia di sostegno H. Condizioni: altezza della griglia di sostegno H: mm densità del verde d: percentuale di copertura r: 30% - 60% - 90% 8

7 Fig. 4 Relazione tra il flusso di calore HF e l altezza H della griglia di sostegno. (Fonte: Liao Zaiyi, J.L. Niu. Rielaborazione della tabella da parte dell autore.) Il risultato della simulazione ha mostrato che per un certo livello di densità del verde d, il flusso di calore ha una considerevole dipendenza dal valore dell altezza della griglia di sostegno H. Maggiore è il valore di H, più elevato è il flusso di calore HF. Infatti un valore maggiore di H dà più libertà all'aria esterna, che, essendo più calda nella stagione estiva, è in grado di entrare nell intercapedine della griglia di supporto SG, che consente a sua volta di aumentare il flusso di calore per convezione dall esterno verso la parete. Di conseguenza è importante minimizzare sempre l'altezza H di SG. La Fig. 4 inoltre indica che maggiore è la percentuale di copertura r, maggiore sarà questa dipendenza. Quando si progetta una parete rivestita di edera ICW, la griglia di sostegno SG dovrebbe essere quindi configurata quanto piccola possibile. Conclusioni In questo articolo è stato presentato un modello matematico di rappresentazione semplificata dei comportamenti termici di una parete perimetrale rivestita di edera. Tale modello è stato adottato per realizzare una serie di simulazioni, che sono state condotte effettuando diverse analisi di sensibilità parametrica al fine di individuare quali sono i fattori chiave rilevanti, che consentono di migliorare le condizioni microclimatiche degli ambienti interni, contribuendo allo stesso tempo a ridurre il fabbisogno energetico di un edificio. Dalle analisi condotte sono stati conseguiti i seguenti risultati sulle caratteristiche dei fattori chiave individuati: 1. Una parete rivestita di edera è costituita essenzialmente dal rivestimento di edera ICM, dalla griglia di sostegno del rivestimento vegetale SG e dalla parete esterna EW. 2. I fattori chiave che interessano significativamente la funzione termica di una parete rivestita di edera sono: la densità del verde d, la percentuale di copertura r, e le caratteristiche geometriche della griglia di sostegno. 3. Dati un certo valore di d e r, il flusso di calore trasferito all interno dell ambiente di un edificio aumenta quando il valore di H aumenta. 9

8 4. Dati un certo valore di H e d, il flusso termico aumenta quando la percentuale r diviene più piccola. Infatti valori minimi di r significano che vi è una minore superficie della parete esterna protetta dalla radiazione solare diretta. La percentuale di copertura r ha l effetto più significativo sulla funzione termica di una parete rivestita di edera. 5. Dati H e r, vi è un aumento del flusso termico quando il valore d diminuisce. La percentuale della superficie esterna della parete realmente protetta è determinata non solo dal rapporto di copertura, ma anche dalla densità del verde. 6. Infine l altezza della griglia di sostegno SG dovrebbe essere tanto più piccola possibile, mentre la percentuale di copertura r dovrebbe assumere valori maggiori. Il flusso di calore diviene significativamente più elevato, quando r ha un valore inferiore al 30%. Una parete rivestita di edera con un valore r minore del 30% tende ad avere prestazioni termiche simili a quelle di una parete non rivestita di essenze vegetali. Perciò per ottenere un vantaggio dall adozione di un rivestimento di edera, la percentuale di rivestimento r deve avere un valore maggiore del 30%. Comparata con una parete nuda, una parete rivestita completamente di edera (100%) è in grado di ridurre il guadagno solare fino al 37%. NOTE 1 Y. J. Huang, H. Akbari, H. Taha, The Wind-Shielding and Shading Effects of Trees on Residential Heating and Cooling Requirements, 1990 Winter ASHRAE Meeting, Atlanta, GA, February 10-14, Y. J. Huang, H. Akbari, The potential of vegetation in Reducing Summer Cooling Loads in Residential Buildings. 2 V. Thanh C. T., Asaeda E. M. Abu, Reduction in air conditioning energy caused by a nearby park, in Energy and Buildings, Volume 29, Number 1, 1998, pp Liao Zaiyi, Tsou Jinyeu, Impact of Greenbelts on the Thermal Environment of Residential Communities, in The First Conference on Architectural Design and Technology for Sub-Tropical Climates, Guangzhou, China,

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55%

DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55% CESARE CARAMAZZA MARIO BUTERA DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55% GUIDA PRATICA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Prof. Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 STRUTTURE TRASPARENTI Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 1 NORMATIVA TECNICA NAZIONALE UNI EN 410:2000. Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI

Dettagli

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO

La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda Dott. Ing. Mauro CAPPELLO 1 Unità didattica: 4 La trasmittanza termica 2 La trasmittanza termica: introduzione La prestazione termica dei materiali,

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO Valentina Serra Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica, TEBE Research Group

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40 Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE Ing. Sonia Subazzoli 1/40 SOMMARIO DELLA LEZIONE 1. RIPASSO DEL BILANCIO ENERGETICO; ESEMPI DI CALCOLO DI TRASMITTANZA,

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

Stima dei carichi termici estivi

Stima dei carichi termici estivi Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Stima dei carichi termici estivi Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Carichi termici: Flussi termici sensibili

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi Università di Trento: Prof. Antonio Frattari Dott. Ing. Maria Cristina Grillo Enginsoft:

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Elementi di architettura bioclimatica:

Elementi di architettura bioclimatica: Elementi di architettura bioclimatica: L APPROCCIO BIOCLIMATICO AL PROGETTO DI ARCHITETTURA WLADIMIR KOPPEN HA FONDATO LA BIOCLIMATOLOGIA AD INIZIO DEL XX SEC. PER SPIEGARE LE CAUSE DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Progetto Programma Cooling

Progetto Programma Cooling Progetto Programma Cooling Klammsteiner Ulrich Agenzia CasaClima/KlimaHaus Agentur ATTORI DECISORI UTENTE FINALE Agenzia CasaClima Produttori Esecutori Progettisti contatto diretto Strategia CasaClima

Dettagli

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate Isolamento Estivo Isolamento Estivo Abitare sostenibile implica un isolamento ottimale dal caldo e dal freddo, in grado di ridurre i consumi, far risparmiare denaro agli abitanti ed energia alla casa.

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura ed Urbanistica Sezione Fisica Tecnica Via Orabona 4-7025 Bari p.stefanizzi@poliba.it

Dettagli

LE COPERTURE VENTILATE

LE COPERTURE VENTILATE ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi LE COPERTURE VENTILATE PREMESSA La copertura si configura come un sistema edilizio complesso, finalizzato a fornire determinate

Dettagli

Lezione 2.3: trasmittanza!

Lezione 2.3: trasmittanza! Elementi di Fisica degli Edifici Laboratorio di costruzione dell architettura I A.A. 200-20 prof. Fabio Morea Lezione 2.3: trasmittanza! Tutti gli argomenti trattati in questa lezione devono essere approfonditi

Dettagli

Rapporto sulla validazione del modulo edificio

Rapporto sulla validazione del modulo edificio Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Rapporto sulla validazione del modulo edificio Paola Caputo, Gaia Costa, Valentina

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA 1 Definizione del Fabbisogno Energetico Normalizzato FEN In base al par. 4 della UNI 10379, si definisce fabbisogno energetico normalizzato FEN la quantità di energia

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

Lo scambio termico tra un corpo ad una data temperatura ed un altro ad una temperatura inferiore può avvenire per

Lo scambio termico tra un corpo ad una data temperatura ed un altro ad una temperatura inferiore può avvenire per 1 1. Scopo Scopo di questa nota tecnica è evidenziare i risultati relativi ad uno studio di caratterizzazione termica compiuto prendendo in esame isolanti termo-acustici per l edilizia cosiddetti a Barriera

Dettagli

Prestazioni termiche

Prestazioni termiche I seminari del laterizio ANDIL - Associazione Nazionale degli Industriali del Laterizio Prestazioni termiche dell involucro edilizio Facoltà di Ingegneria Università di Pisa prof.ssa Maria Luisa Beconcini

Dettagli

Radiazione i solare e ambiente urbano

Radiazione i solare e ambiente urbano Radiazione i solare e ambiente urbano L isola di calore urbana Uso di pannelli: effetti positivi e qualche problema L effetto della vegetazione Bilancio energetico complessivo Esempi L isola di calore

Dettagli

Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti

Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti Soluzioni per l isolamento termico di edifici esistenti Esempi di analisi termica e verifica igrometrica delle pareti Nel Cd-Rom allegato schede di valutazione termica di un ampia casistica di strutture

Dettagli

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra

Collettori solari. 1. Elementi di un collettore a piastra Collettori solari Nel documento Energia solare abbiamo esposto quegli aspetti della radiazione solare che riguardano l energia solare e la sua intensità. In questo documento saranno trattati gli aspetti

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL CORSO PER CERTIFICATORE ENERGETICO IN REGIONE LOMBARDIA ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL 13/12/2007 Gabriele Masera Nota:

Dettagli

PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO

PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO Isolamento Estivo PER LA PARTE DIVULGATIVA: UTILIZZARE PARAGRAFI 1 E 4 PER LA PARTE SCIENTIFICA I PARAGRAFI 2 E 3 ISOLAMENTO TERMICO ESTIVO E CAPPOTTO Per abitare sostenibile noi intendiamo un ottimale

Dettagli

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE

REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE REPORT INFORMATIVO NANOTECNOLOGIE PER L EDILIZIA INDUSTRIALE & RESIDENZIALE CODIS srl Italy - Catania C.so delle Province 38 tel. 095 383945 www.codis.it Le Nanotecnologie sono tecniche che consentono

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PG 36094 DEL 12 GIUGNO 2006

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PG 36094 DEL 12 GIUGNO 2006 COMUNE DI FERRARA SETTORE DEL TERRITORIO E DELLO SVILUPPO ECONOMICO Servizio Qualita Edilizia Sportello Unico Edilizia DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PG 36094 DEL 12 GIUGNO 2006 VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso

La Casa Passiva. Un lavoro: Verachi _ Rosso La Casa Passiva Un lavoro: Verachi _ Rosso Le Case Passive sono edifici che hanno un fabbisogno annuale di riscaldamento minimo. La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici

Corso di Energetica degli Edifici Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522 RAPPORTO DI CALCOLO Analisi FEM VALUTAZIONE NUMERICA DEL CONTRIBUTO ALLA RESISTENZA LIMINARE DI PARETE OPACA VERTICALE ED ORIZZONTALE DI VERNICE TERMORIFLETTENTE A BASSA EMISSIVITA (UNI EN ISO 6946:2008)

Dettagli

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a:

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: Un nuovo modo di vedere l edificio Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: - Trovare soluzioni sempre più spinte per ridurre la trasmissione del calore nella fase invernale

Dettagli

L approccio di calcolo semplificato: le dimensioni del campo geotermico

L approccio di calcolo semplificato: le dimensioni del campo geotermico Padova 5 Dicembre 2012 L approccio di calcolo semplificato: le dimensioni del campo geotermico Angelo Zarrella 2 Sommario Dimensionamento di un impianto geotermico: Metodo standardizzato: Casi studio:

Dettagli

Tecniche attive e passive di raffrescamento degli edifici Alfonso Senatore architetto ed ingegnere bioclimatico

Tecniche attive e passive di raffrescamento degli edifici Alfonso Senatore architetto ed ingegnere bioclimatico Trapani - 23 Giugno 2008 Tecniche attive e passive di raffrescamento degli edifici Alfonso Senatore architetto ed ingegnere bioclimatico Ove Arup & Partners, London Multienergy, London University of East

Dettagli

Indici di benchmark di consumo per tipologie di edificio ad uso scolastico. Applicabilità di tecnologie innovative nei diversi climi italiani

Indici di benchmark di consumo per tipologie di edificio ad uso scolastico. Applicabilità di tecnologie innovative nei diversi climi italiani Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO per tipologie di edificio ad uso scolastico. Applicabilità di tecnologie innovative

Dettagli

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia La verifica termica, acustica e microclimatica effettuata in sito su un edificio massivo, costruito

Dettagli

Efficienza energetica in clima mediterraneo. Soluzioni tecniche d involucro per la riduzione del surriscaldamento estivo

Efficienza energetica in clima mediterraneo. Soluzioni tecniche d involucro per la riduzione del surriscaldamento estivo Efficienza energetica in clima mediterraneo. Soluzioni tecniche d involucro per la riduzione del surriscaldamento estivo Silvia Brunoro Architetto, Dottore di Ricerca in Tecnologia dell Architettura, assegnista

Dettagli

Evoluzione legislativa

Evoluzione legislativa Evoluzione legislativa EVOLUZIONE LEGISLATIVA Il futuro destino dell Europa in materia di salvaguardia dell ambiente si gioca sul successo delle politiche di contenimento dei consumi energetici e di sviluppo

Dettagli

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

Trasmittanza dell involucro nell edificio

Trasmittanza dell involucro nell edificio Trasmittanza dell involucro nell edificio Meccanismi di trasmissione del calore La trasmissione del calore è quella branca della fisica tecnica il cui studio consente di calcolare le quantità di calore

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI DELLA PA: IL CASO INPS DI SESTRI PONENTE

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI DELLA PA: IL CASO INPS DI SESTRI PONENTE FACCIATA VERDE INPS strategie per un ambiente urbano sostenibile 18 giugno 2015 EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI DELLA PA: IL CASO INPS DI SESTRI PONENTE Marco Borgarello RSE Il ruolo di RSE nella ricerca

Dettagli

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività Come può un sottile strato di vernice portare a un risparmio energetico? Vi siete chiesti perché un contenitore thermos mantiene il caffè caldo? Basta osservare la sua costruzione: ha uno strato interno

Dettagli

SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici

SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici SurfaPore ThermoDry : Esplorare i meccanismi tecnici e i benefici SurfaPore ThermoDry White Paper SurfaPore ThermoDry è un additivo basato sulla nanotecnologia e sulla microtecnologia in grado di rendere

Dettagli

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE 4. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE Quando la trasmissione del calore coinvolge tutte e tre le modalità finora viste si parla di 'trasmissione globale' del calore. Si tratterà in particolare nel seguito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA Le differenti tecniche di isolamento termico delle strutture verticali si possono classificare

Dettagli

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0 docente: Ph.D. Domenico Tripodi Corso di Laurea in Edilizia Corso di Certificazione Energetica e Sostenibilità Edilizia a.a. 2011/2012 collaboratore: Ing. Nunziata Italiano Esercitazione METODO DI CALCOLO

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA INERENTE LA VERIFICA DEI REQUISITI INCENTIVATI Lo schema di relazione tecnica proposto nel seguito contiene le informazioni minime necessarie

Dettagli

ClimateWall. Il calore radiante. Catalogo prodotti 2014. Calore radiante = calore sano. Isolamento interno traspirante e riscaldato

ClimateWall. Il calore radiante. Catalogo prodotti 2014. Calore radiante = calore sano. Isolamento interno traspirante e riscaldato ClimateWall Il calore radiante Sistemi di riscaldamento a parete ecologici e traspiranti Catalogo prodotti 2014 Calore radiante = calore sano Isolamento interno traspirante e riscaldato Pareti senza muffa

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA

MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA Autore : Per. Ind. Remo Zandonella studio@ambientesicurezza.info Premessa L articolo fa riferimento all utilizzo di prove strumentali in opera per la valutazione

Dettagli

SOMMARIO. 1. Consumi energetici nel settore civile in Italia

SOMMARIO. 1. Consumi energetici nel settore civile in Italia SOMMARIO 1. Consumi energetici nel settore civile in Italia 2. Fonti energetiche e usi finali negli edifici civili 3. Bilancio termico dell edificio (invernale ed estivo) 4. Ventilazione 5. Produzione

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007)

Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Direttiva tecnica per il programma di calcolo CasaClima (Agosto 2007) Per problemi con il programma di calcolo si deve considerare principalmente la guida all uso della scheda operativa per il calcolo

Dettagli

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla Tusengrabl 23 39010 St. Pankraz / San Pancrazio (BZ) Tel. 0473785050 - Fax. 0473785668 e-mail: info@ligna-construct.com www.ligna-construct.com La parete massiccia a strati incrociati senza colla Campo

Dettagli

L isolamento termico dei vetrocamera con gas

L isolamento termico dei vetrocamera con gas L isolamento termico dei vetrocamera con gas Considerazioni controintuitive sull isolamento termico dei vetrocamera con gas Autori Antonio Daneo, Alberto D Este Stazione Sperimentale del Vetro, Murano

Dettagli

Guida rapida all uso di Termo

Guida rapida all uso di Termo Guida rapida all uso di Termo 1 Introduzione Namirial Termo 3 è l evoluzione di Namirial Termo 2.7 per la certificazione energetica degli edifici residenziali e non residenziali. Si presenta nella nuova

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

10 Congresso Nazionale Ciriaf. Sviluppo Sostenibile, Tutela dell Ambiente e della Salute Umana. Atti

10 Congresso Nazionale Ciriaf. Sviluppo Sostenibile, Tutela dell Ambiente e della Salute Umana. Atti Centro Interuniversitario di Ricerca sull Inquinamento da Agenti Fisici - Mauro Felli Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 10 Congresso Nazionale Ciriaf Sviluppo Sostenibile, Tutela

Dettagli

Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive. prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale

Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive. prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale 1 In altre parole: Cosa stanno facendo gli organi legislativi

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013

DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013 DISCIPLINA IMPIANTI A.S. 2012/2013 X di dipartimento individuale del docente Cavallaro Giuseppe per la classe 5^ Geo 1) PREREQUISITI Saper eseguire dei semplici calcoli matematici. Saper invertire una

Dettagli

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it

Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Dott. Giuseppe Abello Amministratore EGA Sistemi www.egasistemi.it Gli attuali consumi energetici degli edifici Il consumo di energia per il riscaldamento, per l acqua calda sanitaria e per il raffrescamento

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010

Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Fondamenti di Climatizzazione Ambientale Prof. C.M. JOPPOLO Prova scritta 29/01/2010 Nome Cognome Matricola Quesito n 1 - CICLO DI CONDIZIONAMENTO PER IMPIANTO MISTO In un locale adibito a biblioteca di

Dettagli

LEZIONE 5. Indice. La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria CORSO E-LEARNING LEZIONE 5

LEZIONE 5. Indice. La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria CORSO E-LEARNING LEZIONE 5 CORSO E-LEARNING LEZIONE 5 Indice La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato

Dettagli

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2

LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 LEZIONE 5-6 ENERGIA TERMICA, TRASPORTO DEL CALORE (CONDUZIONE, CONVEZIONE) ESERCITAZIONI 2 Esercizio 11 Una pentola contiene 2 kg di acqua ad una temperatura iniziale di 17 C. Si vuole portare l'acqua

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Isolamento termico. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Isolamento termico. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Isolamento termico Bollettino tecnico Introduzione Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento

Dettagli

Workshop Italiano sull ecobuilding

Workshop Italiano sull ecobuilding Workshop Italiano sull ecobuilding I modelli di simulazione ENEA: la piattaforma ODESSE (Optimal DESign for Smart Energy) 29 Ottobre 2008 C.R. ENEA Bologna Aula Magna, Via Martiri Monte Sole 4, Bologna

Dettagli

Collaborazione ITC-CNR / ENEA

Collaborazione ITC-CNR / ENEA Attestato di Certificazione Energetica e della sostenibilità ambientale degli edifici Corso breve di formazione per acquisire le competenze necessarie al Tecnico Certificatore Collaborazione ITC-CNR /

Dettagli

Il comfort negli spazi esterni. Il comfort è la condizione in cui l individuo esprime soddisfazione nei confronti dell ambiente che lo circonda

Il comfort negli spazi esterni. Il comfort è la condizione in cui l individuo esprime soddisfazione nei confronti dell ambiente che lo circonda Il comfort negli spazi esterni Il comfort è la condizione in cui l individuo esprime soddisfazione nei confronti dell ambiente che lo circonda Parlare di comfort all esterno significa capire che i fattori

Dettagli

CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 2010

CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 2010 CONVEGNO LE LANE AUTOCTONE PIEMONTESI: UNA RISORSA PER IL TERRITORIO E L ECONOMIA Biella 7 Giugno 00 Sperimentazione in campo sui pannelli isolanti di lana: determinazione del risparmio energetico nella

Dettagli