Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo"

Transcript

1 1 Benedetto Conforti Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo Non è facile descrivere sinteticamente i progressi che, pur tra non poche ombre, sono stati compiuti dal diritto internazionale dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi. Eppure, anche solo qualche riflessione al riguardo può essere utile trattandosi di un diritto che negli ultimi tempi, a differenza che in passato, viene sempre più evocato, talvolta non proprio a proposito, dai politici, dai media ed anche dai comuni cittadini. Nella mia esposizione muoverò da una divisione dell argomento in tre parti, utilizzando la classica distinzione che viene operata con riguardo ad ogni ordinamento giuridico, e cioè la distinzione tra funzione normativa, funzione giurisdizionale e funzione di attuazione coattiva delle norme Sulla funzione normativa, va premesso che gli strumenti attraverso cui essa si attua (le fonti) sono, per quanto riguarda la comunità internazionale nel suo complesso, non molto diversi che in passato. La fonte principale del diritto internazionale resta il trattato, e dunque uno strumento di carattere contrattuale. L altra fonte è la consuetudine, che secondo una parte della dottrina, peraltro abbastanza superata, non sarebbe altro che un contratto tacito e che comunque nasce dal concorso dei comportamenti dei singoli Stati. Una coso deve essere chiara. Tuttora non esiste un legislatore nell ambito della comunità internazionale. Non esiste un legislatore tra gli organi dell Onu. Tale non è l Assemblea generale, nella quale sono rappresentati tutti gli Stati ma che ha poteri esortativi e non vincolanti nei confronti dei singoli Membri. Né lo è il Consiglio di Sicurezza, le cui funzioni, come vedremo, vanno piuttosto inquadrate nella funzione di attuazione coattiva del diritto internazionale. Di una funzione legislativa può però parlarsi ed è questo un primo segno di progresso nell ambito di comunità regionali; di queste l esempio più significativo è dato dall Unione Europea, anche se non mancano esempi in altri continenti. 1 Per i dettagli relativi ai punti principali di questa esposizione sia consentito rinviare al mio Diritto internazionale, 8a ed,, Napoli, 2010, pp , ,

2 2 Ciò premesso, quando parlo di progressi del diritto internazionale intendo soprattutto riferirmi alla quantità ed alla qualità delle sue norme. Il numero di trattati che vengono stipulati e poi trasformati in diritto nazionale nei singoli Paesi è davvero enorme. In Italia, secondo l articolo 117 della Costituzione, così come modificato nel 2001, essi addirittura prevalgono sulle leggi ordinarie di origine nazionale. Ma ciò che è impressionante è la qualità, sia dei trattati sia delle stesse consuetudini internazionali che si sono venute formando negli ultimi sessant anni. Impressionante è l erosione di quello che gli internazionalisti chiamano il dominio riservato (domaine réservé, domestic jurisdiction) degli Stati. Il dominio riservato, e cioè l insieme dei rapporti gelosamente riservati al diritto nazionale, era, ancora nell immediato dopoguerra, estremamente esteso. Si consideri in proposito il campo dei diritti umani, esempio tipico di dominio riservato. Ancora fino alla metà del secolo scorso nessuna norma internazionale tutelava l individuo nei confronti dello Stato di cui era cittadino. Lo Stato poteva maltrattarlo, torturarlo, privarlo della libertà personale anche senza l autorizzazione di un giudice e cos di seguito. In una monografia sulla sudditanza, pubblicata nel 1936, monografia di grande spessore scientifico per l epoca, il mio compianto Maestro Rolando Quadri, sosteneva che il cittadino fosse, per il diritto internazionale, l oggetto di un diritto reale del suo Stato nazionale, fosse, in parole povere, una cosa 2. Solo agli stranieri il diritto internazionale riservava una certa tutela con riguardo alla loro persona ed ai loro beni. Ma ciò non per un riguardo verso l individuo in quanto tale bensì per il rispetto dovuto alla proprietà altrui. Oggi, come non solo gli internazionalisti sono soliti constatare, la tutela dei diritti umani, riconosciuta a tutti gli individui, costituisce uno dei tratti salienti del diritto internazionale. La Dichiarazione universale del 1948, atto rivoluzionario tanto rivoluzionario che anche taluni tra gli Stati che lo votarono si affrettarono a sottolinearne la natura non vincolante, essendo esso emanato dall Assemblea generale delle Nazioni Unite 3 aprì la strada a tutta una serie di trattati internazionali sia a carattere universale (come i Patti delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici, le convenzioni sulla tortura, sui diritti delle donne, sui diritti del fanciullo e tanti altri) sia a carattere regionale (come la Convenzione 2 R Quadri, La sudditanza nel diritto internazionale, Padova, 1936, cap. III. 3 V. B. Conforti e C. Focarelli, Le Nazioni Unite, 8a ed., Padova, 2010, p. 417 s. 2

3 3 europea, la Convenzione interamericana ed altre). Le norme internazionale sui diritti umani sono considerate così importanti da far ritenere che gli obblighi che da esse discendono appartengano ormai per consuetudine alla categoria degli obblighi erga omnes, categoria alla quale ha dedicato approfondite indagini il nostro consocio Paolo Picone e che consiste negli obblighi i quali vigono nei confronti della comunità internazionale nel suo complesso 4. A parte i diritto umani, il diritto internazionale interferisce ormai in ogni settore della vita sociale ed economica delle comunità statali. É questo il fenomeno che va sotto l abusato termine di globalizzazione, ma che, dal punto di vista strettamente giuridico e sempre per la mancanza di una vera e propria autorità internazionale, va più propriamente indicato come internazionalizzazione. Non solo nella disciplina dei rapporti interni alle varie comunità statali, ma anche in quella dei rapporti esterni il diritto internazionale ha fatto notevoli progressi. Tutti i tentativi operati nel periodo tra le due guerre mondiali e diretti a mettere fuori legge la guerra, fallirono. Ancora negli anni del dopoguerra vi era chi sosteneva che la guerra fosse lecita. Anzi, secondo un altro Maestro, il compianto prof. Gaetano Morelli, socio di questa Accademia, sosteneva che la guerra appartenesse alla fisiologia del diritto internazionale, assicurando il ricambio delle norme cadute in desuetudine 5. Oggi lo Statuto delle Nazioni Unite, trattato internazionale che vincola tutti gli Stati, sancisce, all art. 2, par. 4, il divieto dell uso della forza nei rapporti internazionali, salvo il caso di legittima difesa necessaria per respingere un attacco armato, caso previsto dall art. 51. Il divieto dell uso della forza è peraltro strettamente connesso alle competenze del Consiglio di sicurezza e quindi tornerò sull argomento nel trattare dell attuazione coattiva del diritto internazionale. 2. Progressi sono registrabili, sia pure in misura minore, nel campo della giurisdizione internazionale. In passato i tribunali internazionali avevano pressoché tutti natura arbitrale, e quindi necessitavano dell accordo di tutti gli Stati tra i quali era insorta una controversia per poter emettere la loro sentenza. Oggi, anche se l arbitrato resta praticato in più o meno larga misura, e se esso caratterizza finanche la Corte 4 V.P. Picone, Comunità internazionale e obblighi erga omnes (raccolta di vari scritti sul tema, a partire dal 1983), Padova, L opinione è mantenuta dall Autore ancora nella 7 edizione delle sue Nozioni di diritto internazionale, Padova 1965, p

4 4 internazionale di giustizia, organo delle Nazioni Unite, si vanno moltiplicando le istanze la cui giurisdizione è obbligatoria. Trattasi di giudici istituiti per singole materie sia a livello universale (come ad esempio l Organo di appello della Organizzazione mondiale del commercio, la cui giurisdizione copre il vasto campo degli accordi sulla liberalizzazione del commercio internazionale, noti come accordi GATT) sia a livello regionale (come la Corte di giustizia dell Unione europea e le Corti europea, interamericana ed africana dei diritti dell uomo). Dette Corti possono essere adite unilateralmente dagli Stati e, nel caso delle Corti dei diritti dell uomo, anche dagli individui, contro uno Stato colpevole di aver violato le norme che regolano la materia di loro competenza. 3. Passo infine ai meccanismi di carattere coercitivo che a livello internazionale sono destinati ad assicurare il rispetto delle norme ed a sanzionarne la violazione. Occorre riconoscere che qui siamo ancora abbastanza indietro. La materia è complessa e si ispira tuttora in larga misura al principio del farsi giustizia da se. Mi limiterò qui a trattare l argomento che più di ogni altro ha sempre interessato e continua ad interessare l opinione pubblica, quello dei mezzi di cui il diritto internazionale dispone per interdire il ricorso alla guerra, ossia per rendere effettivo quel divieto dell uso della forza che abbiamo visto essere sancito dall art. 2, par.4 della Carta delle Nazioni Unite. A mio avviso, tale divieto è strettamente connesso con le competenze che, agli articoli 39 ss., la Carta attribuisce al Consiglio di Sicurezza in tema di mantenimento della pace. Il divieto, insomma, costituisce un pendant delle competenze consiliari. In sintesi, dette competenze sono le seguenti. Quando il Consiglio di Sicurezza accerta l esistenza di una minaccia o una rottura della pace, esso può decidere, contro lo Stato al quale si deve la minaccia o la rottura, sia misure non implicanti l uso della forza (tipico l embargo su alcune o anche su tutte le merci dirette allo Stato, l interruzione di ogni forma di comunicazione e simili) sia misure implicanti l uso della violenza di tipo bellico, mediante forze aeree terrestri e/o navali e/o aeree. Sebbene non manchi qualche esempio relativo a guerre internazionali (come nel caso dell aggressione dell Iraq al, e conseguente occupazione del, Kuwait nel ), la maggior parte dei casi in cui il Consiglio ha deciso di intervenire (a partire dall intervento 4

5 5 nel Congo nel 1960) riguardano guerre civili, e particolarmente situazioni di gravi violazioni dei diritti umani. Per quanto riguarda le operazioni militari, il Consiglio, secondo la Carta (art. 42 ss.), dovrebbe condurle direttamente, ovvero utilizzando forze messe permanentemente a sua disposizione dagli Stati e comandate da un Comitato di stato maggiore alle sue dipendenze. Diciamo dovrebbe perché, dal 1945 ad oggi, gli art. 42 ss. della Carta non hanno mai trovato attuazione. Gli accordi con cui gli Stato avrebbero dovuto mettere a disposizione del Consiglio forze militari, si da costituire un corpo permanente di polizia internazionale, non sono stati mai conclusi; né il Comitato di stato maggiore ha mai funzionato. Il Consiglio ha invece proceduto volta per volta, incaricando il Segretario generale dell ONU a reclutare forze e condurre operazioni militari. Ma anche ciò è avvenuto raramente. Nella maggior parte dei casi si è preferito delegare l uso della forza agli Stati, singolarmente o in quanto membri di organizzazioni regionali (l ultimo di una lunga serie di interventi di tal genere è quello relativo alla Libia nel corrente 2011). E chiaro che così facendo, sottraendo al Consiglio la condotta delle operazioni, vengono meno o sono assai affievoliti quei caratteri di obbiettività e imparzialità dell azione di polizia internazionale che i fondatori delle Nazioni Unite avevano concepita. Occorre poi riconoscere che vi sono tanti casi in cui il Consiglio non riesce ad attivarsi a causa dell esercizio del diritto di veto da parte di una o più delle cinque Potenze (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Cina e Russia) che ne hanno la titolarità. Avviene inoltre che, anche quando il Consiglio si attiva, le sue decisioni, essendo frutto di compromessi, sono talmente ambigue da lasciare gli Stati liberi di interpretarle come meglio credono. Ma allora, posto che le competenze consiliari costituiscono un pendant del divieto dell uso della forza, che ne è di tale divieto quando, di fronte ad una crisi internazionale o interna il Consiglio di Sicurezza non riesce ad agire o agisce in modo incompleto o inefficace. La mia opinione ma si tratta di un opinione molto criticata in dottrina è che, quando una guerra, internazionale o civile è scatenata, e l ONU non riesce ad intervenire, non c è che da prendere atto che il diritto internazionale ha esaurito la sua funzione. La guerra non può allora essere valutata giuridicamente ma solo politicamente e moralmente Politicamente e moralmente essa può essere giustificata o condannata a seconda dei valori 5

6 6 che persegue e dal suo eventuale presentarsi come il male minore. Ma dal punto di vista del diritto internazionale essa non è né lecita né illecita; è indifferente. Insomma è questo un caso che dimostra che un ordinamento giuridico può avere delle lacune e che non è vero che esista sempre una norma di chiusura dell ordinamento per cui ciò che non è vietato è permesso. 4. La descrizione degli strumenti diretti ad assicurare l efficacia del diritto internazionale non sarebbe però completa se non si tenesse conto di un altro elemento, e cioè del supporto che, per così dire, i diritti nazionali, e per quel che ci riguarda il diritto italiano, forniscono al diritto internazionale. Si è già avuto occasione di ricordare che, in Italia, l art. 117 della Costituzione assegna ai trattati di cui il nostro Paese è parte una forza superiore a quella della legge ordinaria. Aggiungo che per l art. 10 della stessa Costituzione le consuetudini internazionali hanno addirittura rango costituzionale. Norme simili le troviamo nelle costituzioni, scritte o non, in tutti i Paesi. Ebbene, io ho sempre sostenuto che, per la presenza di queste norme, il diritto internazionale debba essere in tutto e per tutto trattato come il diritto nazionale. I giudici, in particolare, devono applicarlo e farlo rispettare, con la conseguenza che le sanzioni che garantiscono detto rispetto valgono per il diritto internazionale così come valgono per il diritto interno. È questa una tesi che ormai trova riscontro nella giurisprudenza italiana. Oggi la nostra giurisprudenza è una delle più ricche e più progressiste tra le giurisprudenze nazionali, come è universalmente riconosciuto all estero 6. Ma abbiamo dovuto a lungo combattere per superare diffidenze ed anche insufficiente preparazione dei nostri giudici, insufficienza alimentata fino ad alcuni decenni fa dall atteggiamento di vari, pedanti cultori di altre materie giuridiche, secondo cui il diritto internazionale sarebbe materia culturale. Anche il divieto dell uso della forza, a parte quanto si è detto circa la sua connessione con le competenze del Consiglio di Sicurezza, può trovare il suo supporto nelle norme interne simili a quella dell art. 11 della nostra Costituzione, per cui l Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali. 6 Le sentenze italiane più significative sono pubblicate in un Annuario italiano in lingua inglese ormai alla sua XX annata (il The Italian Yearbook of International Law) e quindi accessibili agli stranieri. 6

7 7 5. Se mettiamo da parte l indispensabile funzione che, ai fini di assicurare il rispetto del diritto internazionale, svolgono gli operatori giuridici interni ed in primo luogo lo ribadisco i giudici nazionali, se torniamo al diritto internazionale in quanto tale, quale è in definitiva il quadro che emerge da quanto ho detto circa le tre funzioni in cui è scomponibile l ordinamento internazionale? In proposito è il caso di partire da un vecchio e scettico detto secondo cui nel diritto internazionale non vi sarebbero ni lois, ni juges, ni gendarmes. Oggi si può ritenere che le leggi, sia pure sotto forma di trattati, esistono in grande copia, che i giudici si vanno moltiplicando e sempre più spesso non necessitano dell accordo di tutte le parti in causa per poter giudicare, ma che purtroppo i gendarmi, quando ci sono, sono poco efficaci. 7

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O

CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O Pubblicazioni Centro Studi per la Pace CONVENZIONE CONTRO LA TORTURA E ALTRE PENE O TRATTAMENTI CRUDELI, INUMANI O DEGRADANTI Conclusa a New York il 10 dicembre 1984 Gli Stati Parte della presente Convenzione,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive

Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive XV legislatura Il diritto applicabile alle Forze Armate italiane all estero: problemi e prospettive Contributi di Istituti di ricerca specializzati n. 90 Aprile 2008 XV legislatura Il diritto applicabile

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

IL DIRITTO DEI BAMBINI A GIOCARE NEI CORTILI CONDOMINIALI. Urbana della città di Torino, avvenuta nell aprile 2006 1. Nella parte finale

IL DIRITTO DEI BAMBINI A GIOCARE NEI CORTILI CONDOMINIALI. Urbana della città di Torino, avvenuta nell aprile 2006 1. Nella parte finale IL DIRITTO DEI BAMBINI A GIOCARE NEI CORTILI CONDOMINIALI Spunto per questo scritto è la recente revisione del Regolamento di Polizia Urbana della città di Torino, avvenuta nell aprile 2006 1. Nella parte

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli