REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE A2_MG1.3 PAG 1 DI 12 Approvato il 16/11/11 con Delibera Consiglio di Amministrazione l Università degli Studi di Parma REGOLAMENTO PER L UTILIZZO, INCLUSE QUELLE ACQUISITE NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE UNIVERSITA -REGIONE E.R. RELATIVA AL POR FESR ATTIVITA I.1.1 CREAZIONE DI TECNOPOLI 1. Oggetto e scopo Il presente regolamento ha come oggetto le modalità di gestione e di utilizzo le strumentazioni conferite al Centro Interdipartimentale SITEIA.PARMA dai Dipartimenti afferenti e le strumentazioni acquisite direttamente dal Centro, al fine di massimizzare l utilizzo e la condivisione le risorse strumentali acquisite nell ambito la convenzione Università-Regione Emilia-Romagna relativa alla creazione Tecnopolo. 2. Applicabilità Il presente regolamento si applica alle strumentazioni elencate nella Lista (Allegato I). 3. Responsabilità Il rispetto regolamento spetta al personale Centro responsabile la gestione, l utilizzo e la manutenzione le strumentazioni. 4. Modalità operative Identificazione e rintracciabilità Ciascuna strumentazione è identificata con un codice di presa in carico, riportato in una etichette applicata alla strumentazione stessa. Per ciascuna strumentazione è allestita una scheda identificativa (Allegato I) contenente i seguenti dati: - descrizione la strumentazione; - funzionalità; - collocazione; - modalità di utilizzo; - condizioni d uso; - contatto (responsabile la strumentazione); La compilazione iniziale e gli aggiornamenti la scheda sono a cura responsabile la strumentazione. 4.2 Utilizzo Il Centro garantisce un numero minimo di 5 giorni lavorativi al mese da dedicare all utilizzo le attrezzature da parte degli dei Centri e Laboratori la Rete l Alta Tecnologia e le Imprese la Regione Emilia Romagna. L utilizzo le attrezzature da parte di esterni al Centro avviene attraverso un servizio garantito dal personale Centro che possiede le necessarie competenze ed abilitazioni. Le apparecchiature sono messe a disposizione dei soggetti di cui all articolo 4.5 presente regolamento attraverso due modalità: 1) nell ambito di contratti di ricerca specificamente regolamentati; 1

2 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE A2_MG1.3 PAG 2 DI 12 2) mediante prestazioni a pagamento. Gli esterni potranno assistere all esecuzione le misure o le analisi previa autorizzazione Direttore Centro che potrà essere concessa solo in seguito a: 1) accettazione esplicita codice comportamentale per i visitatori (documento interno Centro); 2) stipula a carico l utente esterno di una specifica copertura assicurativa per gli infortuni e la responsabilità civile. Gli di cui all articolo 4.5 presente regolamento potranno accedere alle apparecchiature anche per fini di ricerca istituzionale. Per ciascuna strumentazione è allestito un registro di utilizzo contenente i seguenti dati: - richiedente; - ambito di utilizzo (ricerca interna, contratto di ricerca o ); - prenotazione (data e orario); - utilizzo effettivo (data e orario); - materiali a perdere utilizzati. La compilazione registro è a cura personale abilitato all utilizzo la strumentazione Manutenzione Il responsabile di ciascuna strumentazione si assicura che essa sia mantenuta correttamente funzionante da parte personale abilitato al suo utilizzo e provvede a disporre gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria suddividendone il costo tra gli che ne hanno fatto uso, in proporzione a quanto annotato sul registro di utilizzo la strumentazione stessa a partire dall ultima manutenzione effettuata. Il costo sarà sostenuto utilizzando fondi derivanti da contratti e prestazioni a pagamento degli che ne hanno fatto uso Costi I costi di utilizzo di ciascuna strumentazione sono a carico degli utilizzatori secondo il Tariffario (Allegato II), il quale prevede tariffe differenziate in base al tipo di committenza (interna ed esterna al Centro) e in base all erogazione o meno di un cofinanziamento per l acquisto la strumentazione in oggetto o al conferimento di strumentazione. In particolare, verrà stabilito un tempo macchina messo a disposizione gratuitamente in misura proporzionale alla quota versata per coloro che hanno contribuito con un cofinanziamento o con un conferimento, fatti salvi i materiali di consumo. Il tariffario dovrà essere aggiornato quando necessario e, comunque, revisionato annualmente anche sulla base dei dati di utilizzo effettivo le singole strumentazioni Utenti la strumentazione. Gli la strumentazione Centro possono essere o esterni. Gli sono i componenti Consiglio Centro. Gli esterni sono coloro che provengono da altri Centri e Laboratori la Rete l Alta Tecnologia e le Imprese la Regione Emilia Romagna, dai ricercatori l Università di Parma che non appartengono al Consiglio Centro, da altri Atenei, da Enti di Ricerca pubblici o privati Procedure di utilizzo la strumentazione L utilizzo diretto la strumentazione è concesso esclusivamente agli abilitati definiti dal Consiglio. L abilitazione all utilizzo è definita dal Consiglio Centro sulla base di protocolli specifici per ciascuna strumentazione, sentito il Responsabile la strumentazione. 2

3 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE A2_MG1.3 PAG 3 DI 12 L utilizzo da parte di esterni prevede un servizio garantito dagli abilitati attraverso contratti o prestazioni stipulati col Centro, il cui Responsabile Scientifico è un membro Consiglio Centro. L utilizzo la strumentazione Centro da parte degli avviene secondo regole approvate dal Consiglio e specifiche per ogni tipo di strumentazione, e previa prenotazione via mail al contatto indicato in Allegato I. Art. 5 Pubblicità Il presente regolamento è pubblicato nel sito web Centro all indirizzo Art. 6 Modifiche Regolamento Le proposte di modifica o di integrazione presente regolamento devono essere approvate dal Consiglio Centro. Ogni modifica o variazione presente regolamento e l'allegato, approvata dal Consiglio Centro, dovrà essere comunicata a cura Direttore alle competenti autorità accademiche. 3

4 PAG 4 DI 12 Allegato I. Elenco strumenti Descrizione attrezzatura HTTP Proteomica MALDI TOF-TOF Microanalisi EDS per SEM Microscopio elettronico a Scansione Ambientale (ESEM) con microanalisi e relativi accessori Analizzatore di O 2 /CO 2 CheckPoint II e accessori Funzionalità Analisi contenuto proteico di miscele complesse Identificazione di proteine e peptidi Caratterizzazione la composizione chimica di materiali essenzialmente a matrice non biologica SEM ad alta risoluzione per la caratterizzazione di materiali (prodotti alimentari, matrici biologiche, etc) Analisi gas in spazi di testa di prodotti alimentari Collocazione attuale CIM CIM Fisica Modalità di utilizzo Condizioni d uso Contatto Andrea Mozzarelli Arnaldo Dossena Luigi Cristofolini Maria Careri Roberto Massini Viscosimetro rotazionale Determ. Viscosità Davide Barbanti Convenzione 4

5 PAG 5 DI 12 Fungilab E-ALPHA SpettrofotometroUV-Vis Prixma 1800 Termobilancia Kern MLS-N e accessori Centrifuga da tavolor-8d con accessori Bagno termostatico BTU/D3 Macchina di prova servoidraulica per prove meccaniche su materiali metallici, polimerici e compositi apparente liquidi alimentari Analisi colore e densità ottica Misura umidità in solidi Separazione componenti a bassa densità Termostatazione campioni Prove meccaniche su materiali Davide Barbanti Davide Barbanti Davide Barbanti Davide Barbanti Alessandro Pirondi Eigenmike microphone array system Prove acustiche Angelo Farina 5

6 PAG 6 DI 12 Front-end di acquisizione per alte frequenze (32 canali, 96 khz) comprensivo di sistema di processing stema di amplificazione multicanale (32 canali, 96 khz) costituito da 4 amplificatori di potenza QSC mod. CX 168 Apparecchiatura termografica a sensore raffreddato Microorganism growth analyser Rilassometro da banco NMR con gradiente Prove acustiche Prove acustiche Misure termiche di alta precisione Misura impedometrica l attività metabolica di microrganismi in terreni di coltura liquidi Caratterizzare la mobilità molecolare protone Angelo Farina Angelo Farina Sara Rainieri Monica Gatti Calorimetria a scansione differenziale con controllo temperatura fino a -90 C Caratterizzare le proprietà termiche dei materiali alimentari e packaging 6

7 PAG 7 DI 12 Igrometro Aqualab Cella di Kramer + morsetti trazione + cella per sfoglie Stufa digitale a vuoto ISCOS3A00040 NSV Multimetro acquisitore a 20 canali Termometro datalogger a 16 canali Misurare l attività l acqua di matrici alimentari Texturometria stema di evaporazione Registrazione dati Acquisizione dati LabView Full and Basic Acquisizione dati e controllo prove Giorgio Pagliarini 7

8 PAG 8 DI 12 Bilancia analitica Pioneer PA64C Ni Compactrio Academic Bundle Termocamera a infrarossi completa di lenti Spettrometro di massa Waters SQD Acquity UPLC Binary System Pesate di precisione Acquisizione dati e controllo prove Misure termiche di media precisione Caratterizzazione di componenti di interesse biologico e funzionale (assieme a UPLC) Caratterizzazione di componenti di interesse biologico e funzionale (assieme a spettrometro di massa) Chimica Chimica Sara Rainieri Sara Rainieri Arnaldo Dossena Arnaldo Dossena 8

9 PAG 9 DI 12 Misuratore da banco Aqualab LTQ base spettrometro di massa ad alte prestazioni con interfaccia NDA 701 Dumas N Analyzer 230V/50 60 HZ Centrale oleodinamica con attuatore retroazionato Spettrometro di massa a trappola ionica linear trap XL Misura l'attività l'acqua di materiali solidi, semisolidi e liquidi Analisi per l'identificazione, la rivelazione e la quantificazione, anche a livelli di tracce, di composti Analisi azoto e proteine Prove meccaniche su componenti Caratterizzazione di componenti di interesse biologico e funzionale (assieme a UHPLC Accela 1250) Chimica Chimica Alimenti - plesso Biotecnologico Roberto Massini Maria Careri Claudio Corradini Alessandro Pirondi Daniele Delrio No No No No Cromatografo liquido UHPLC Accela 1250 Caratterizzazione di componenti di interesse biologico e funzionale (assieme a Spettrometro Alimenti - plesso Biotecnologico Daniele Delrio No 9

10 PAG 10 DI 12 di massa a trappola ionica linear trap XL Upgrades - mul8 professional - mul8 professional 2011 annual maintenance for mul8 professional Licenza Ansys Academic Research CFD Licenza Software- Tdyn Multiphysics Advanced Cfd + Aggiornamento SOFTWARE Nei WORKS ADVANCED R&D Version (SOLUTORE LOCKED) Software Solidworld Premium University Researche+Solidworks Premium University Research Subscription Service LICENZA SOFTWARE: TDYN FULL CFD, mulazione agli eventi discreti Software CFD (Computational Fluid Dynamic) Strumento di simulazione fluidodinamica. mulazioni termofluidodinamiche per progettazione avanzata degli impianti l'industria alimentare Software FEM Software CAD mulazioni termofluidodinamiche per Roberto Montanari Paolo Casoli Roberto Montanari Alessandro Pirondi Alessandro Pirondi Roberto Montanari 10

11 PAG 11 DI 12 Academic Version - MODULO ALEMESH progettazione avanzata degli impianti l'industria alimentare parma.it) stema Di Acquisizione Dati-Agilent a Strumento acquisizione dati Sara Rainieri *Strumentaziome da acquisire entro il 31/12/

12 PAG 12 DI 12 Allegato II. TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI A PAGAMENTO (prezzi in euro al netto le imposte di legge) STRUMENTO Acquity UPLC Binary System completo UTILIZZO Caratterizzazione di componenti di interesse biologico e funzionale (assieme a UPLC) SEM ad alta risoluzione per la caratterizzazione morfologica di materiali Microscopio elettronico a (prodotti alimentari, matrici biologiche, Scansione Ambientale etc) (ESEM) con microanalisi e Microanalisi a dispersione di energia, relativi accessori qualitativa Microanalisi a dispersione di energia, qualitativa e quantitativa Analisi contenuto proteico di miscele HTTP Proteomica complesse COSTO ORARIO ATTREZZATURA (UTENTI ESTERNI + ) ( ) COSTO ORARIO PERSONALE ADDETTO (UTENTI ESTERNI + ) ( ) COSTO ORARIO ATTREZZATURA (UTENTI INTERNI ++ ) ( ) COSTO ORARIO PERSONALE ADDETTO (UTENTI INTERNI + ) ( ) MALDI TOF-TOF Identificazione di proteine e peptidi Al costo orario per il numero di ore di utilizzo va sommato il costo di emissione la relazione, da concordarsi preventivamente caso per caso Per le attrezzature non indicate in tariffario, il costo di utilizzo è da valutarsi a corpo caso per caso 12

Servizio Assistenza Tecnica Manutenzioni e Riparazioni Servizio di Calibration Service

Servizio Assistenza Tecnica Manutenzioni e Riparazioni Servizio di Calibration Service Servizio Assistenza Tecnica Manutenzioni e Riparazioni Servizio di Calibration Service Il punto di forza e di eccellenza aziendale, a cui teniamo particolarmente è il nostro Centro di Assistenza Tecnica.

Dettagli

VISITA SITEIA.PARMA - CIPACK - CIM

VISITA SITEIA.PARMA - CIPACK - CIM VISITA SITEIA.PARMA - CIPACK - CIM 16 NOVEMBRE 2011 ore 11:00 18:00 Campus Universitario c/o Dipartimento di Ingegneria Industriale, Viale delle Scienze, Parma Saletta riunioni palazzina 8 Unioncamere

Dettagli

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero)

Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK. (Dir. Prof. Angelo Montenero) Università degli Studi di Parma Centro Interdipartimentale Packaging CIPACK (Dir. Prof. Angelo Montenero) Lo spreco alimentare Nel mondo: Viene sprecato 1/3 del cibo prodotto Lo spreco equivale a 1,3 miliardi

Dettagli

AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO SELEZIONE DI 15 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Porto Conte Ricerche Srl indice una selezione, per titoli, eventuale colloquio e prova pratica, per il conferimento

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da 1 All.to 1 LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da Analizzatore Tubo di volo lineare di almeno 1,5m

Dettagli

Dipartimento di Scienze del Farmaco

Dipartimento di Scienze del Farmaco Tariffario Saggio di Dissoluzione Il tariffario relativo al Saggio di Dissoluzione prevede le seguenti quote: Allestimento e realizzazione del singolo saggio di dissoluzione (con apparecchio standardizzato

Dettagli

Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici

Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici Attività di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico sui Materiali Polimerici Roberto Spina, Prof. Ing. Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management - Politecnico di Bari Viale Japigia 182-70126 -

Dettagli

Autocampionatore Purge & Trap

Autocampionatore Purge & Trap AUTOCAMPIONATORI Autocampionatore Purge & Trap Accuratezza, Precisione e Riproducibilità Analytical Technology Srl Via San Domenico Savio 16 20047 Brugherio (MI) Tel. 039 870026 039 870512 Fax 039 2871442

Dettagli

Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica

Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica In aggiunta alle strutture di servizio utilizzate da tutti gli studenti del Politecnico quali la Biblioteca Centrale, il Centro Stampa ed il LAIB

Dettagli

Macchine e Sistemi Energetici

Macchine e Sistemi Energetici Macchine e Sistemi Energetici Coordinatore: Prof. Roberto Bettocchi Determinazione delle prestazioni per macchine motrici / operatrici Progettazione fluidodinamica di ventilatori, compressori e pompe SIMULAZIONE

Dettagli

L organizzazione di un laboratorio di controllo/monitoraggio: scelte tecniche e strategiche

L organizzazione di un laboratorio di controllo/monitoraggio: scelte tecniche e strategiche L organizzazione di un laboratorio di controllo/monitoraggio: scelte tecniche e strategiche Dr. Giorgio Varisco Giornata di studio La contaminazione agroalimentare Roma 16 marzo 2011 Istituto Zooprofilattico

Dettagli

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto

ALLEGATO 4. Canone Annuale Offerto ALLEGATO 4 Inv. FASCIA Tipo/Classe Cod. Ente 1230 A INCLUSORE AUTOMATICO DI PARAFFINA RM04 1231 A GRUPPO DI CONTINUITA' (UPS) RM04 1256 A PRODUZIONE ACQUA PURA, APPARECCHIO PER RM01 1257 A PRODUZIONE ACQUA

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

L Osservatorio GISI di SDA Bocconi. La metodologia di rilevazione e i possibili sviluppi

L Osservatorio GISI di SDA Bocconi. La metodologia di rilevazione e i possibili sviluppi L Osservatorio GISI di SDA Bocconi La metodologia di rilevazione e i possibili sviluppi Milano, 26 giugno 2012 Premessa G.I.S.I. e SDA Bocconi School of Management collaborano dal 2008 alla realizzazione

Dettagli

Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare

Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare Regione Lombardia Progetto n. 310372 - Metalaboratorio Competenze e attività di ISMAC nel settore dell imballaggio alimentare Palmira Bonassi Castello di San Gaudenzio, Gervasina 27 ottobre 2006 Consiglio

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Progettazione avanzata delle macchine e degli impianti per l industria alimentare

Progettazione avanzata delle macchine e degli impianti per l industria alimentare Progettazione avanzata delle macchine e degli impianti per l industria alimentare Prof. Ing. Montanari Roberto Prof. Ing. Montanari Roberto Dipartimento di Ingegneria Dipartimento Industriale di Ingegneria

Dettagli

Decreto Ministeriale 29 dicembre 2000, n. 447 (in GU 24 febbraio 2001, n. 46)

Decreto Ministeriale 29 dicembre 2000, n. 447 (in GU 24 febbraio 2001, n. 46) Decreto Ministeriale 29 dicembre 2000, n. 447 (in GU 24 febbraio 2001, n. 46) Regolamento concernente integrazione al decreto del Ministro della Pubblica Istruzione 29 dicembre 1991, n. 445, recante il

Dettagli

Comitato Scientifico:

Comitato Scientifico: restauro tecnologie museografia rilievo conservazione diagnostica recupero paleontologia catalogazione gestione architettura materiali patrimonio culturale valorizzazione exhibition design archeologia

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Termografia in edilizia: 1 e 2 livello secondo UNI EN ISO 9712:2012 Cuneo novembre/dicembre 2015 L'obiettivo del corso A chi si rivolge

Termografia in edilizia: 1 e 2 livello secondo UNI EN ISO 9712:2012 Cuneo novembre/dicembre 2015 L'obiettivo del corso A chi si rivolge Corso: Termografia in edilizia: 1 e 2 livello secondo UNI EN ISO 9712:2012 Tecnica e pratica per la corretta impostazione dell indagine termografica + workshop per la diagnosi strumentale sull edificio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO FERRARIS RELAZIONE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO FERRARIS RELAZIONE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO FERRARIS RELAZIONE VISITA D ISTRUZIONE PRESSO IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE (CNR), ISTITUTO PER I POLIMERI, COMPOSITI E BIOMATERIALI (IPCB) Catania

Dettagli

SCHEDA DI RIEPILOGO a.s. 2010/11 STRUMENTI E APPARECCHIATURE

SCHEDA DI RIEPILOGO a.s. 2010/11 STRUMENTI E APPARECCHIATURE Pag. 1 di 6 LABORATORI DI CHIMCA BIENNIO : 1. Scheda di manutenzione ordinaria 2. N 1 PC ad uso degli studenti 2. DI USO ORDINARIO N 2 stufe N 1 centrifuga N 1 bilancia elettronica N 7 bilance manuali

Dettagli

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi Evoluzione dei sistemi d analisi fumi La situazione riscontrata su impianti termici esistenti, soggetti alla legislazione vigente fino alla pubblicazione del DPCM 8/03/2002, era caratterizzata dalla presenza

Dettagli

Opportunità di stage all'università

Opportunità di stage all'università Opportunità di stage all'università L'esperienza di laboratorio L attività è rivolta agli studenti di Liceo e Istituti Tecnici, che frequentano il IV o il V anno Quali sono le opportunità? fare (per capire)

Dettagli

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Consente di caratterizzare sensori chimici a variazione di resistenza (ad ossido di metallo - MOX), a variazione di

Dettagli

SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO

SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO SELEZIONE DI 13 RICERCATORI PER ATTIVITÀ DI RICERCA, SVILUPPO E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO AVVISO Porto Conte Ricerche Srl indice una selezione, per titoli, eventuale colloquio e prova pratica, per il conferimento

Dettagli

Procedura comparativa pubblica per titoli ed esami per l affidamento di n. 5 incarichi di collaborazione a progetto per ricercatori.

Procedura comparativa pubblica per titoli ed esami per l affidamento di n. 5 incarichi di collaborazione a progetto per ricercatori. Procedura comparativa pubblica per titoli ed esami per l affidamento di n. 5 incarichi di collaborazione a progetto per ricercatori. Profili Professionali PROFILO A: Esperto in Imaging di Risonanza Magnetica

Dettagli

Kiwa Cermet Italia. Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna. Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO)

Kiwa Cermet Italia. Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna. Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO) Kiwa Cermet Italia Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO) 1 Chi siamo Kiwa Cermet Italia opera come Organismo indipendente

Dettagli

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 12/A - CHIMICA AGRARIA Programma d'esame Classe 12/A CHIMICA AGRARIA L'esame

Dettagli

PROGETTO TEMPERATURA

PROGETTO TEMPERATURA PROGETTO TEMPERATURA 2 Salvis Lab La Storia 2 La società Renggli AG viene fondata nel 1927 da una famiglia svizzera orientata ad uno sviluppo internazionale. Inizialmente la produzione è rivolta ad arredamenti

Dettagli

Corso di Formazione: La spettrometria di massa delle biomolecole: applicazioni in ambito clinico, proteomico, alimentare.

Corso di Formazione: La spettrometria di massa delle biomolecole: applicazioni in ambito clinico, proteomico, alimentare. Corso di Formazione: La spettrometria di massa delle biomolecole: applicazioni in ambito clinico, proteomico, alimentare 1-2 luglio 2014 Politecnico di Milano Aula Rogers, via Ampere 2, Milano Direzione

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Scuola APP-MS. Scuola Avanzata di Spettrometria di Massa Applicata e Tecniche Complementari. Agenda Preliminare

Scuola APP-MS. Scuola Avanzata di Spettrometria di Massa Applicata e Tecniche Complementari. Agenda Preliminare Scuola APP-MS Scuola Avanzata di Spettrometria di Massa Applicata e Tecniche Complementari Agenda Preliminare MODULO 1 Milano, 10 14 marzo 2014 Lunedì 10 marzo 2014 10:00 Apertura dei lavori e registrazione

Dettagli

REALIZZAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DI AEROGEL SILICEI PER VIA NON IPERCRITICA

REALIZZAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DI AEROGEL SILICEI PER VIA NON IPERCRITICA Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Tesi in Scienza e Tecnologia dei Materiali REALIZZAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DI AEROGEL SILICEI PER VIA NON IPERCRITICA RELATORI: Prof. Alfonso MAFFEZZOLI

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI. Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI. Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa 0 Il Centro di Microscopia e Microanalisi (CM2) nasce con l intento di riunire in un unica struttura strumentazione

Dettagli

Gli utenti fuori orario possono prenotare lo strumento in qualsiasi momento del giorno, sette giorni su sette, nel caso in cui:

Gli utenti fuori orario possono prenotare lo strumento in qualsiasi momento del giorno, sette giorni su sette, nel caso in cui: Regolamento per l utilizzo del Microscopio a Scansione Elettronica Accesso ed Addestramento In base al livello di esperienza, tre livelli di accesso posso essere garantiti agli utenti 1. Utenti principianti

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROVA, SVILUPPO di SOFTWARE INGEGNERISTICO ITERA è una società

Dettagli

PIATTAFORMA Biotecnologie Applicate. Disciplina di accesso ai servizi della Piattaforma da parte dei soggetti terzi

PIATTAFORMA Biotecnologie Applicate. Disciplina di accesso ai servizi della Piattaforma da parte dei soggetti terzi PIATTAFORMA Biotecnologie Applicate Disciplina di accesso ai servizi della Piattaforma da parte dei soggetti terzi CAPO I DESCRIZIONE DELLA PIATTAFORMA E MODALITA DI ACCESSO PREMESSA Attraverso l utilizzo

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

Profilo professionale 1: Ricercatore processi di lavorazione meccanica con sorgenti laser

Profilo professionale 1: Ricercatore processi di lavorazione meccanica con sorgenti laser Avviso di selezione per la costituzione di una graduatoria per n. 29 assunzioni a tempo determinato di ricercatori e di tecnici con profili altamente qualificati Avviso di selezione, per titoli e colloquio,

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELLA VITA E DELL AMBIENTE (DiSTeVA) TARIFFARIO In vigore dal 21 aprile 2011 1 ANALISI QUALITATIVE-QUANTITATIVE SU CAMPIONI

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE I. I. S. S. A. DE PACE - LECCE TECNICO CHIMICO BIOLOGICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013 CLASSE 5 TCB sez. B PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE Prof. Giovanni Sgueglia PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Una nuova realtà per il laboratorio e l industria DASIT GROUP, con l acquisizione di CARLO ERBA Reagents,

Dettagli

Microscopica Elettronica a Scansione (SEM)

Microscopica Elettronica a Scansione (SEM) Microscopica Elettronica a Scansione (SEM) risoluzione microscopia ottica (LM) 200 Å (0.02 µm) microscopia elettronica (EM) 2 Å (0.2 10-3 µm) TEM 0.1 nm SEM 5 nm vantaggi SEM: immagini di campioni massivi

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

INDAGINI TERMOGRAFICHE

INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGO SRL Via Sestri 15/4 16154 GENOVA SESTRI Sede Operativa: Corso Italia 26-18012 Bordighera (IM) Tel/Fax: 0184-998536 Mail: info@indagosrl.it - indago@pec.it La termografia Per

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali

Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali Via Nicolò Biondo 192 P.IVA 00422300368 41100 Modena Tel 059356611 Fax 059340733

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

Summer School/Corso Estivo 2014

Summer School/Corso Estivo 2014 Summer School/Corso Estivo 2014 La Fondazione Marino Golinelli per il sesto anno consecutivo organizza presso il proprio Centro di formazione e didattica (Bologna, Via della Beverara 123) la Summer School

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e

SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e fornisce interpretazioni applicative dei risultati ottenuti

Dettagli

Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 - P.IVA 01071600306 - C.F. 80014550307 - Web: http://dica.uniud.

Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 - P.IVA 01071600306 - C.F. 80014550307 - Web: http://dica.uniud. Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura - Università degli Studi di Udine Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 -

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

INDAGINE TERMOGRAFICA

INDAGINE TERMOGRAFICA Pag. 1 di 6 INDAGINE TERMOGRAFICA 1. Scopo La visione Termografica di un oggetto è la riproduzione istantanea tramite grafica computerizzata (a colori o in bianco e nero) della mappa delle temperature

Dettagli

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele Microscopio Elettronico a Scansione FE SEM LEO 1525 ZEISS A. Di Michele Materiali Nanostrutturati - Dipartimento di Fisica 20 Aprile 2012 Laboratorio LUNA Laboratorio Universitario NAnomateriali Acquistato

Dettagli

Università di Salerno: Attività e Attrezzature

Università di Salerno: Attività e Attrezzature Università di Salerno: Attività e Attrezzature Riunione Sezione Tecnologia dei Polimeri e Compositi AITem- TeCPo Bologna - 13/01/2015 P. Carlone Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Salerno

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

L azienda. La società è stata creata per realizzare e gestire il Parco Scientifico e Tecnologico, con il supporto di Fondi EU FESR 2081/93

L azienda. La società è stata creata per realizzare e gestire il Parco Scientifico e Tecnologico, con il supporto di Fondi EU FESR 2081/93 Tecnologie innovative per il settore biomedicale 23 maggio 2014 dr. Domenico D Angelo Senior Specialist SMART CITY 2014 L azienda Environment Park è una società privata con soci pubblici. Fondata a Torino

Dettagli

Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per

Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per identificare prodotti incogniti, per determinazioni quantitative

Dettagli

TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza aggiornamento Page 1 of 7 B.A.G.G.I.

TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza aggiornamento Page 1 of 7 B.A.G.G.I. Analisi & Portata di biogas landfill gas syngas gas di combustione gas natural emissione fumi aria TDSMZ110402BR2_IT_SOLUZIONI CONTROLLO BIOGAS.DOC - 201107Rev00MZ - Informazioni soggette a modifica senza

Dettagli

In anticipo sul futuro. Manifold digitale testo 550, per la regolazione di impianti di refrigerazione e pompe di calore

In anticipo sul futuro. Manifold digitale testo 550, per la regolazione di impianti di refrigerazione e pompe di calore In anticipo sul futuro Manifold digitale testo 550, per la regolazione di impianti di refrigerazione e pompe di calore Il nuovo manifold digitale testo 550 offre un rapporto qualità-prezzo imbattibile,

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi La Medicina Trasfusionale verso l' Europa Crotone Sala Congressi Lido degli Scogli 9-10 Ottobre 2015 Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi Dr. A.Trimarchi Simt Reggio Cal 8 Corso

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

All. A al CSA SCHEDA TECNICA

All. A al CSA SCHEDA TECNICA All. A al CSA SCHEDA TECNICA SISTEMA COSTITUITO DA: GASCROMATOGRAFO CON RIVELATORE A SPETTROMETRIA DI MASSA (GC-MS), SISTEMA AUTOMATICO DI CAMPIONAMENTO PER ACQUE E TERRENI ED ESTRATTORE TIPO PURGE AND

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano

Dettagli

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti Amianto: situazione italiana 12 dicembre 2013 Aula Pocchiari, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

Dipartimento Di Scienze della Terra e Geoambientali

Dipartimento Di Scienze della Terra e Geoambientali Dipartimento Di Scienze della Terra e Geoambientali via E. Orabona, 4 70125 BARI tel. direzione (+39) 080 5442556 fax (+39) 080 5442625 2. 1 Strumentazionii in dotazione ai laboratori scientifici dei Dipartimenti

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

Osservatorio sull andamento del Mercato Nazionale. Automazione e Strumentazione. Industriale, Civile e di Laboratorio

Osservatorio sull andamento del Mercato Nazionale. Automazione e Strumentazione. Industriale, Civile e di Laboratorio Osservatorio sull andamento del Mercato Nazionale Automazione e Strumentazione Industriale, Civile e di Laboratorio - ANNO 9 - Indice 1. Introduzione 1.1 Obiettivo dello studio pag. 2 1.2 Definizione del

Dettagli

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine

Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di biosensori per la determinazione delle micotossine Sviluppo di un biosensore a tecnologia QCM (Quartz Crystal Microbalance) Lucia Mosiello, Katia Spinella, Fabio Vitali Unita Tecnica Sviluppo

Dettagli

Diagnostica per il restauro

Diagnostica per il restauro Università di Genova - Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Restauro Architettonico Anno accademico 2004-2005 Diagnostica per il restauro Arch. Luisa De Marco Alcuni esempi di tecniche analitiche

Dettagli

Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di

Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di Tecniche di analisi Termica basate su variazioni di 1)PESO termogravimetria 2)DIMENSIONI dilatometria 3)ENTALPIA analisi termica differenziale calorimetria differenziale Analisi Termiche Si definiscono

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSORI E TRASDUTTORI Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi 1 LA STRUMENTAZIONE DI MISURA OCCORRENTE PER UN SISTEMA

Dettagli

SERVIZI OFFERTI DAL CETMA E OGGETTO DI FINANZIAMENTO DA PARTE DEL BANDO AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI

SERVIZI OFFERTI DAL CETMA E OGGETTO DI FINANZIAMENTO DA PARTE DEL BANDO AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI SERVIZI OFFERTI DAL CETMA E OGGETTO DI FINANZIAMENTO DA PARTE DEL BANDO AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI [POR 2007-2013 ASSE I LINEA DI INTERVENTO 1.1 AZIONE 1.1.2

Dettagli

Prove su campioni di olio d oliva con Sistema Olfattivo Artificiale

Prove su campioni di olio d oliva con Sistema Olfattivo Artificiale SOCIETA CONSORTILE TRA I Pag. 1 di 8 DELLA TOSCANA OCCIDENTALE SRL Azienda certificata ISO 9001:2000 ISO 17025:2000 n ER-1614/2005 del 07/11/05 Spett.le Oro di Trani s.a.s. Via Malcangi, 206 70059 Trani

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI PROFESSIONALI -

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

BANCA DI CRIOCONSERVAZIONE CUTE AUTOLOGA

BANCA DI CRIOCONSERVAZIONE CUTE AUTOLOGA U.O. CHIRURGIA DIRETTORE U.O. CHIRURGIA PLASTICA IRETTORE : PROFP ROF.. P.L.SANTI Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O. CHIRURGIA PLASTICA DIRETTORE Prof. PIERLUIGI SANTI

Dettagli