Zi8t«: Siutìo Lagale Aawsfeic Or. MANFRED SCHULUAN Or. CHRÌSTOPH SEMQNER Or. ALESSANDRO GABRIELLI ALLA CAMERA ARBITRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Zi8t«: Siutìo Lagale Aawsfeic Or. MANFRED SCHULUAN Or. CHRÌSTOPH SEMQNER Or. ALESSANDRO GABRIELLI ALLA CAMERA ARBITRALE"

Transcript

1 Zi8t«: Siutìo Lagale Aawsfeic Or. MANFRED SCHULUAN Or. CHRÌSTOPH SEMQNER Or. ALESSANDRO GABRIELLI per: contro: ALLA CAMERA ARBITRALE presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bolzano COMPARSA CONCLUSIONALE * * * Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a., con l'avvocato Christoph Senoner di Bolzano; H & H Maioliche s.r.l., con l'aw. Luciano Salvato; # * * LE CONCLUSIONI La causa è stata trattenuta in decisione sulle seguenti conclusioni: di parte attrice (Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a.): 1. rigettare tutte le domande ed eccezioni anche pregiudiziali, sollevate da H&H Maioliche s.r.l., perché infondate in fatto ed in diritto; 2. accertare e dichiarare l'intervenuta risoluzione - con effetto dal del contratto di locazione finanziaria n. B04380 del , in applicazione dell'art cod. civ. e con riferimento alla clausola n del contratto stesso (clausola risolutiva espressa), ed - in subordine - ai sensi dell'art cod. civ. per colpa ed inadempimento dell'utilizzatore; 3. di conseguenza condannare la H&H Maioliche s.r.l., ai sensi dell'art.,., del contratto, alla restituzione immediata dell'immobile concesso in leasing, libero da cose e persone, censito nel C.T. di Nove (VI), foglio 5, mappale 1202; 4. condannare la H&H Maioliche s.r.l. al pagamento in favore della Hypo UAMERA DI COMMERCIO BOLZANO HANDELSKAMMERBOZEN ARRIVO - EINGANG 15 GIÙ. 2012

2 Vorarlberg Leasing s.p.a. degli importi dovuti in forza dell'ari 20.2 del contratto in dipendenza della risoluzione anticipata dello stesso, pari ad ,46.- IVA compresa, di cui ,82.- per canoni scaduti, 1.935,10.- per interessi di mora sino alla risoluzione del contratto, 1.200,00.- a titolo di rimborso spese per riscatto anticipato ed ,48.- a titolo di penale anche per la protratta occupazione del bene sine Ululo sin dal e per il mancato guadagno, o quella somma maggiore o minore determinata in corso di causa, anche previa riduzione ad equità della penale contrattualmente prevista, oltre agli interessi al tasso di mora di cui al D.Lgs. n. 231/2002 o di quello legale dalla data di risoluzione del contratto (14, ) fino al saldo effettivo; 5. condannare la H&H Maioliche s.r.l. alla rifusione del compenso degli arbitri, nonché di tutte le spese, diritti ed onorar! del presente procedimento, oltre IVA e GAP nella misura di legge. Conclusioni di parte convenuta. H&H Maioliche s.r.l.: In via preliminare di merito: a) accertarsi l'intervenuta rinuncia per fatti concludenti da parte della Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. alla domanda di arbitrato per aver preventivamente adito il tribunale ordinario e conscguentemente dichiararsi la stessa domanda inammissibile e/o improcedibile; in via pregiudiziale/preliminare di rito: b) accertarsi la litispendenza tra il presente procedimento e la causa pendente, tra le stesse parti ed avente identità di petitum e causa petendi, aventi il Tribunale di Bolzano, rubricata al n. 3609/2010 di R.G. Giudice Istnittorc Dottssa Claudia Montagnoli, prossima udienza , ad ore e per l'effetto dichiararsi

3 l'incompetenza del collegio arbitrale, l'improcedibilità e/o l'inammissibilità della domanda di arbitrato; in via pregiudiziale/preliminare di rito: e) accertata a nullità del contratto di "locazione finanziaria immobiliare" del n. B04380 e conscguentemente la nullità delle clausole derogatorie della competenza arbitrale dichiararsi inammissibile e/o improcedibile la domanda arbitrale essendo competente l'autorità giudiziaria ordinaria in particolare il Tribunale di Bolzano o il Tribunale di Bassano del Grappa per le ragioni esposte in narrativa; in via preliminare di merito: e) accertarsi la nullità della domanda di arbitrato per difetto di causa petendi e per l'effetto rigettarsi la domanda di arbitrato; Nel merito: f) nella denegata ipotesi di rigetto delle domande pregiudiziali e/o preliminare di rito, rigettarsi la domanda di accertamento dell'intervenuta risoluzione del contratto e di ogni altra ad essa conseguente e/o accessoria, in * quanto infondata in fatto ed in diritto e previo accertamento e declaratoria dell'inadempimento delle obbligazioni contrattuali assunte dalla Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. ovvero per l'insussistenza dell'inadempimento del compratore; g) accertarsi e dichiararsi legittima la sospensione dei pagamenti compiuti da H & H Maioliche S.r.l. in conseguenza dell'inadempimento della Hypo Voralberg Leasing S.p.a.; h) accertarsi e dichiararsi il minor valore del fabbricato per cui è causa, oggetto di contratto H & H Maioliche S.r.l. e Hypo Vorarlberg Leasing S.p.a. per i vizi e difetti riscontrati e conseguentemente ridursi il prezzo dell'immobile stesso nella misura che sarà stimata in corso di causa;

4 i) accertarsi e dichiararsi la nullità del contratto di "locazione finanziaria immobiliare" del n. B03480 (art. 22 del contratto, doc. 10) e per l'effetto rigettarsi tutte le domande formulate dalla ricorrente in quanto infondate in fatto ed in diritto; 1) accertata e dichiarata la nullità del contratto di "locazione finanziaria immobiliare" del n. B03480, accertarsi e dichiararsi che il contratto intercorso tra la H&H Maioliche S.r.l. e la Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. è un contratto di vendita con patto di riservato dominio; m) condannarsi Hypo Vorarlberg Leasing S.p.a. al risarcimento dei danni ex art. 96 c.p.c. per aver iniziato o resistito in giudizio con dolo o colpa grave nella misura accertanda in corso di causa o da liquidarsi anche d'ufficio dal giudice; n) condannarsi in ogni caso la ricorrente al pagamento di tutte le spese del giudizio arbitrale e alla rifusione delle spese, spese generali, diritti e onorali di causa, oltre accessori di legge, a favore della resistente. In via istruttoria: 1 ) disporsi la rinnovazione dell'escussione del teste geom. Giacomo Tedesco, in particolare sul chiarimento rilasciato e che si legge nel penultimo ADR di pagina 5 del verbale d'udienza del 20.04,2012. BREVE PREMESSA La presente vertenza è stata promossa da Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. a causa del persistente inadempimento agli obblighi di pagamento previsti dal contratto di leasing stipulato in data con la H&H Maioliche s.r.l. Trattasi pertanto, almeno nell'ottica di parte attrice, di un procedimento di recupero credito, diretto sia all'accertamento della risoluzione del contratto di leasing (per effetto della clausola risolutiva espressa, ed in subordine per 4

5 grave inadempimento dell'utilizzature ex art e segg. cod, civ,. Questi sin dal mese di settembre 2009 ha sospeso il pagamento dei canoni di leasing, continuando tuttavia ad detenere l'immobile, addirittura sublocandolo a terzi, per ostacolarne la restituzione alla proprietaria). Parte convenuta non si è limitata a contraddire a tali legittime domande - di per se di contenuto comune - ma ha promosso una serie di iniziative giudiziali per screditare non soltanto la Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a., i suoi funzionari ed organi, ma anche chi ha assunto la difesa della società. Perfino i testimoni introdotti dalla scrivente difesa si vedono ora esposti a procedimenti penali giudiziali, con chiaro intento intimidatorio, ad opera del sig. Hornbostel. Tra le iniziative assunte dal sig. Adolfo Enrico Hornbostel vanno annoverate: un esposto alla Banca d'italia contro Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. e l'avy. Sen9ner in qualità di membro del Collegio sindacale, un esposto al Consiglio dell'ordine di Bolzano contro l'avvocato Christoph Senoner; un esposto alla Procura della Repubblica di Bassano del Grappa per il reato di truffa contrattuale contro i sig.ri dott. Benetti Rolando (ex dirigente commerciale di Hypo Leasing), dott. Michael Meyer (amministratore delegato) e contro l'aw. Senoner, quest'ultimo sempre nella veste di membro del Collegio sindacale; querele per falsa testimonianza contro di testimoni Giampiero Vianello, dottssa Monica De Salvo e dott. Rolando Benetti. In ordine ad entrambe le iniziative penali i rispettivi pubblici ministeri hanno già chiesto l'archiviazione, ma il sig. Hornbostel - non accontentandosi - ha

6 proposto opposizione avverso il decreto di archiviazione. Oltre a queste iniziative di dubbio gusto il sig. Hornbostel ha assunto iniziative per denigrare l'immagine di Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. sui mezzi di stampa nella zona di Vicenza dove Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. tradizionalmente conta numerosi clienti. Questi brevi premesse valgano a sottolineare l'atteggiamento, valutabile anche sotto il profilo di cui all'art 96 c.p.c., con il quale la controparte sta conducendo questa vertenza, che - come già rilevato - è iniziata come semplice azione di recupero credito. I FATTI In data Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. stipulava un contratto di leasing immobiliare (numerazione B03156) con la società Sebellin di Paolo Sebellin & C. s.n.c., avente per oggetto un immobile riportato al NCT del Comune di Nove al foglio 5, mappale 1202 (fabbricato ad uso artigianale * * composto da un capannone, uffici e servizi, allora in corso di costruzione ovvero privo di impianti e fìniture). Detto bene era pervenuto alla Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. in forza di scrittura privata autenticata di pari data ( ), registrata a Trento il al n. 6054, Voi. 69, Serie 3, dalla società "La Città Dipinta s.r.l.". L'acquisto, come espressamente indicato all'art. 5 del contratto di compravendita, avveniva al solo ed unico scopo di concedere il bene in locazione finanziaria al predetto utilizzatore, il quale aveva scelto il bene, trattando direttamente le condizioni con il fornitore (che tra l'altro era la società controllante della Sebellin s.n.c.). Come di consueto nell'ambito delle operazioni leasing, il contratto stipulato

7 con la Sebellin s.n.c. prevedeva allpart. 5, lett. a) che "la società venditrice (La Città Dipinta s.r.l.) accetta espressamente che tutte le azioni di garanzia spettanti per legge alla società acquirente (Hypo Leasing) possano essere esercitate nei confronti di essa società venditrice direttamente dalla società utilìzzatrice, che potrà attivarle in via autonoma, nessuna esclusa ed eccettuata". In data il contratto di locazione finanziaria, con l'assenso di Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. veniva ceduto dalputilizzatore alla Maioliche Sebellin s.r.l., mentre la Sebellin di Paolo Sebellin s.n.c., dopo la variazione della denominazione in data in Sebellin di Andrea Sebellin1 & C. s.n.c. veniva posta in scioglimento e liquidazione in data e cancellata con atto iscritto in data Va notato che Andrea Sebellm svolgeva l'incarico di amministratore (unico) della controllante La Città Dipinta s.r.l., socio unico della Maioliche Sebellin s.r.l. * * I costi per la realizzazione degli impianti al servizio del capannone oggetto del contratto di leasing (elettrico, idraulico ecc.) erano stati medio tempore sostenuti dalla controllante La Città Dipinta s.r.l., mentre i mezzi di produzione risultavano di altra società di leasing e da essa concessi in locazione alla Sebellm di Paolo Sebellin & C. Con sentenza del il Tribunale di Trento dichiarava il fallimento dell'utilizzatrice Maioliche Sebellin s.r.l. e della controllante La Città Dipinta s.r.l. e veniva nominato curatore per entrambe le procedure il dott. Alberto Bombardelli, commercialista di Trento. Quest'ultimo esercitava la facoltà di sciogliersi dal contratto di locazione finanziaria (art. 72 quater l.fall.) e Hypo 1 Andrea Sebellin figura tra i testi introdotti dalla H&H Maioliche

8 Vorarlberg Leasing s.p.a. formulava istanza di restituzione dell'immobile. La restituzione del fabbricato poneva, peraltro, il problema della sorte degli impianti realizzati al servizio dello stesso, in quanto di proprietà del fallimento La Città Dipinta s.r.l. Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. avviava pertanto trattative con la curatela al fine di rilevare gli impianti al servizio dell'immobile, necessari al fine della vendita o rilocazione del bene. Nel corso della seconda metà del 2007 il sig. Hornbostel Federico, allora amministratore unico della H&H Maioliche s.r.l. (nominato con atto del ) aveva avviato trattative con il curatore dott. Alberto Bombardelli per l'acquisto "<# tutti i beni di proprietà del fallimento della controllante La Città Dipinta s.r.l. presenti all'interno dello stabilimento di Nove (VI) con accollo di tutti gli oneri per lo smaltimenti dei rifiuti e dei prodotti tossivi giacenti presso la sede operativi della Maioliche Sebellin s.r.l. Contestualmente avviava trattative con la Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. per -» l'acquisizione dell'immobile "attualmente detenuto in locazione finanziaria dalla società Maioliche Sebellin Sri come da contratto numero B03156 del (lettera a firma dott. Federico Hornbostel dd ). Soltanto all'esito positivo delle trattative tra il curatore fallimentare e la Hypo Leasing fallimentare aventi per oggetto l'acquisto da parte di quest'ultima degli impianti a servizio del capannone e della conclusione dell'accordo tra la curatela e il dott. Federico Hornbostel "per la cessione delle aziende dì proprietà delle società La Città Dipinta s.r.l. e Maioliche Sebellin s.r.l." veniva formalizzata la restituzione del capannone alla concedente (cfr. lettera della curatela fallimenti dd ). Va rimarcato che già prima della restituzione del capannone ad opera della

9 curatela, H&H Maioliche - d'intesa con Hypo Leasing - aveva assunto delle iniziative per sistemare la situazione urbanistica dell'immobile. Così aveva richiesto e ricevuto da parte del geom. Giacomo Todesco (già progettista e direttore dei lavori per la soc. La Città Dipinta s.r.l) "preventivo di spesa per regolarizzare la posizione urbanistico-catastale e W.FF. nel fabbricato artigianale/industriale in Comune di Nove". Nel contempo, la stessa H&H Maioliche aveva richiesto ed ottenuto (sempre prima della stipula del contratto di leasing) delega ed autorizzazione "a richiedere gli allacciamenti di acqua, corrente elettrica e gas a nome di H&H Maioliche S.r.l. e a intraprendere le operazioni di pulizia e sistemazioni varie in considerazione dell 'accordo di leasing per il medesimo capannone che sarà stipulato con tale azienda entro il prossimo gennaio 2008".2 Raggiunto l'accordo sul prezzo di riallocazione, in data la H&H Maioliche formalizzava domanda di concessione di leasing (finanziamento dell'acquisto) alla Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. Il relativo contratto di locazione finanziaria n. B04380 veniva stipulato in data , reg. a Bolzano al n. 406 serie 3T) al corrispettivo di oltre IVA con contestuale consegna del bene all'utilizzatore. Al fallimento veniva invece riconosciuto e versato il "maggior ricavo" ai sensi dell'ari 72 quater legge fallimentare. Dalla ricostruzione dei fatti si può comprendere come le parti dell'accordo contrattuale in oggetto erano entrambe edotte del fatto che, alla data di stipula, l'immobile che sino ad allora era stato gestito come un cantiere (sia per allacciamenti e forniture di acqua, energia elettrica e gas, sia per agibilità 2 Copia della delega era stata esibita dal dott. Rolando Benetti in occasione della escussione testi.

10 del medesimo) necessitava di - interventi a definizione delle pratiche urbanistiche, catastali e VV.FF: rimaste incomplete (benché Maioliche Sebellin s.r.l. avesse avviato la produzione in situazione precaria); - conclusioni di nuovi contratti di allacciamento e fornitura; opere di sgombero di rifiuti, anche tossici e pulizia. La piena conoscenza di tali circostanze, anche da parte di H&H Maioliche, rende più che verosimile, che la stessa si sia compiutamente informata sulla situazione e le caratteristiche (ed eventuali difetti) del bene (come del resto è plausibile, quando si va ad acquistare un bene di un costo elevato). Con riguardo alla problematica delle pratiche urbanistico-catastali Hypo Vorarlberg eccezionalmente assumeva l'impegno, ancora nel febbraio 2008, a richiedere ed ottenere a propria cura e spese il certificato di agibilità dell'immobile, a definizione del complesso iter burocratico risultante dalla corrispondenza con il geom. Giacomo Tedesco. Nel settembre 2008, il Comune di Nove richiedeva, per il completamento dell'iter di rilascio dell'agibilità del fabbricato, la consegna di documentazione integrativa. Ancora nel febbraio del 2009, peraltro, il geom. Tedesco, pur regolarmente incaricato, non aveva dato riscontro a tale richiesta, di talché Hypo Vorarlberg Leasing provvedeva a sollecitare l'adempimento, notìziando del fatto H&H Maioliche S.r.l. Con missiva dd il geom. Tedesco riscontrava il sollecito, precisando le ragioni per il ritardo di consegna di detta documentazione. In data il geom. Tedesco procedeva alla consegna del certificato di agibilità alla H&H Maioliche S.r.l. ed all'invio della documentazione alla 10

11 Hypo Vorarlberg. Con lettera dell'aw. Chiara Schiavinato, H&H Maioliche s.r.l, per la prima volta, lamentava infiltrazioni di acqua dal tetto, dalle strutture in ferro e dei lucernai in coincidenza con le precipitazioni atmosferiche. Nel mentre la concedente confermava il proprio impegno ali'ottenimento del certificato di agibilità, di tatto poi adempiuto, essa declinava, a cagione della natura del rapporto contrattuale (locazione finanziaria) responsabilità ed obblighi di garanzia per i vizi e difetti deirimmobile oggetto del medesimo, proponendo, peraltro, alla utilizzatrice di finanziare anticipatamente gli interventi di risanamento del rifacimento del tetto (allora preventivati in ,00. ca.), con conglobamento degli importi a ciò necessario nel contratto di leasing. Tale proposta veniva anche accettata per iscritto a mezzo corrispondenza con l'aw. Chiara Schiavinato, legale della H&H Maioliche s.r.l., ma,inopinatamente la stessa si rifiutava di dar seguito all'iter necessario.per formalizzare rincremento di finanziamento, pretendendo il semplice accredito dell'importo preventivato (cosa che non avrebbe certamente garantito, l'impiego concordato della somma). Sin dai primi mesi del 2009 H&H Maioliche dapprima ritardava il pagamento delle rate di leasing (senza fornire spiegazioni, anzi impegnandosi più volte a provvedere al rapido rientro dello scaduto) e cessava a partire dal mese di settembre 2009 ogni e qualsiasi corresponsione, vuoi per arretrati, vuoi per rate correnti (va rimarcato che all'epoca tale inadempimento non veniva affatto giustificato con problemi di infiltrazioni o di agibilità dell'immobile). Con lettera di messa in mora dd Hypo Vorarlberg Leasing invitava l'utilizzatrice a versare i canoni arretrati, pena la risoluzione del 11

12 contratto di leasing (doc. n. 4). Essendo rimasta tale lettera senza riscontro, Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a., con lettera del (doc. n, 5), giunta al destinatario in data , comunicava ali'utilizzatole la propria volontà di risolvere anticipatamente il contratto ai sensi dell'alt del contratto di locazione finanziaria (clausola risolutiva espressa), invitando l'utilizzatore a restituire immediatamente l'unità immobiliare concessa in locazione e comunicando la somma dovuta in esito alla risoluzione anticipata ( ,40 IVA compresa). Le lettere di sollecito da parte della scrivente difesa (doc. n. 6, 7, 8) di restituzione dell'immobile e di pagamento degli importi dovuti a causa della risoluzione anticipata del contratto rimanevano senza riscontro alcuno. Un'istanza di fallimento presentata al Tribunale di Trento nei confronti di H&H Maioliche s.r.l. verso fine agosto 2010 veniva rigettata con provvedimento del , recante la seguente motivazione "i/ credito vantato dalla ricorrente non risulta accertato giudizialmente e considerato che dalla risoluzione anticipata del contratto di locazione finanziaria non può derivare contemporaneamente l'obbligo della società istanziala di restituire l'immobile e di pagare il prezzo di riscatto; ritenuto che la mancanza di accertamento giudiziale del credito e del successivo esperimento delle azioni esecutive non consentono di valutare lo stato di insolvenza della società istanziata, non essendovi neppure ulteriori elementi che ne comprovino l'esistenza, P.Q.M., rigetta " Contestualmente e precisamente con ricorso ex art. 702 c.p.c. depositato in data Hypo Vorarlberg Leasing avviava azione di recupero nei confronti dei fideiussori di H&H Maioliche s.r.l. dinanzi al Tribunale di 12

13 Bolzano (la contestuale presentazione di istanza di fallimento contro H&H Maioliche s.r.l. è il vero motivo per il quale l'azione contro i fideiussori davanti all'autorità giudiziale ordinaria ha preceduto l'avvio del procedimento arbitrale, e quindi la tesi dell'implicita rinuncia alla competenza arbitrale per via dell'azione promossa contro i fideiussori è destituita di ogni fondamento). Per completare la narrazione dei farti va messo in evidenza che H&H Maioliche, a contratto di leasing risolto, ha concesso in affitto l'azienda alla Arting Group s.r.l., all'evidente scopo di ostacolare la restituzione del bene a Hypo Leasing. Si rileva, infine, che H&H Maioliche si è resa pure inadempiente alle obbigazioni assunte nei confronti del Fallimento La Città Dipinta S.r.l., in relazione all'acquisto dei beni mobili e macchinar! tanto da costringere il curatore ad agire in giudizio nei confronti di detta società. DIRITTO Le domande di Hvpo Vorarlberg Leasing s.p.a. È palese ed incontestato il fatto che H&H Maioliche si è resa inadempiente agli obblighi di pagamento dei canoni di locazione sin dal mese di settembre Quindi, da quasi tre anni sta occupando l'immobile oggetto di leasing senza versare alcunché, rifiutandone la restituzione, nonostante l'avvenuta risoluzione, per ricorso alla clausola risolutiva espressa, del contratto di leasing. Parte convenuta non ha contestato il conteggio di risoluzione, gli estratti conto e la corrispondenza relativa alla messa in mora e risoluzione del contratto, salvo addurre una serie di motivi a "giustificazione" del mancato pagamento, che andremo ad esaminare in seguito. 13

14 Ai sensi dell'ari cod. civ. spetta al debitore provare che l'inadempimento (o il ritardo) è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. Tale prova non è stata affatto raggiunta. Ne consegue che il Collegio Arbitrale dovrà accertare e dichiarare l'intervenuta risoluzione del contratto di leasing n. B04380 in applicazione della clausola risolutiva espressa (punto 20.1.) del contratto che prevede che "il presente contratto può essere risolto ai sensi dell'art 1456 e. e. - con comunicazione scrìtta veriflcatosi uno degli eventi descritti al successivo punto 1: 1. ritardo ingiustificato, protrattosi per oltre sessanta giorni, nel pagamento anche solo di uno dei canoni dovuti dalvutìlìzzatore (omissis) previa formale messa in stato di mora con lettera raccomandata a.r. " " 9 II contratto regola peraltro anche le conseguenze della risoluzione (punto 20.2.), e cioè l'obbligo alla restituzione immediata dell'immobile, al pagamento di tutte le somme dovute al concedente per canoni interessi ed altro già maturati e non ancora soddisfatti, al pagamento, a titolo di penale, della somma dei canoni non ancora scaduti e maggiorati al prezzo di riscatto di cui all'art 19 del contratto attualizzati al tasso di riferimento in vigore alla data di stipula del contratto, ed infine al pagamento degli interessi mora al tasso contrattuale, mentre rimangono definitivamente acquisite dal concedente tutte le somme pagate dall'utilizzatore fino alla data della risoluzione del contratto. Al fine di contemperare dette obbligazioni (ed evitare un inammissibile 14

15 arricchimento da parte della concedente9, il contratto prevede CHE alputilizzatore verrà riconosciuto il ricavato dalla vendita del bene, una volta pagate le somme dovute in esito alla risoluzione del contratto (clausola da intendersi nel senso che il ricavato verrà imputato al credito determinato ai sensi del punto 20.2 del contratto, essendo praticamente impossibile che l'utilizzatore provveda a pagare tutti gli importi dovuti in esito alla risoluzione del contratto (che equivarrebbe ad un riscatto anticipato). Quanto alla determinazione del credito ci si affida comunque alla prudente decisione del Collegio Arbitrale, al quale spetterà il compito di definire il credito spettante alla società concedente, contemperando la quantificazione della penale ai sensi delfart cod. civ. Per quanto occorrer possa si suggerisce di determinare tale penale con ricorso al criterio del mancato guadagno che Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. avrebbe * * conseguito in caso di regolare esecuzione del contratto di leasing da parte dell'utilizzatore. * * * Le domande di H&H Maioliche Le eccezioni pregiudiziali e preliminari Sull'intervenuta rinuncia per fatti concludenti da parte di Hvpo Vorarlberg Leasing s.p.a. alla domanda di arbitrato per aver preventivamente adito il tribunale ordinario H&H Maioliche eccepisce l'incompetenza del Collegio Arbitrale in favore dell'autorità giudiziaria ordinaria, e segnatamente del Tribunale di Bolzano. Ad avviso della controparte la ricorrente avrebbe "implicitamente rinunciato" alla competenza arbitrale per effetto dell'azione intrapresa contro i fideiussori 15

16 (con procedimento promosso in data ai sensi dell'ari. 702 bis c.p.c.) dinanzi al predetto tribunale (doc. 11). L'eccezione è palesemente infondata. Come spiegato In narrativa, la preventiva azione contro i fideiussori dinanzi all'a.g.o. deriva dal fatto che Hypo Leasing contestualmente a tale azione aveva avviato un ricorso per fallimento contro H&H Maioliche s.r.l., che però è stata rigettata dal Tribunale di Trento, fatto che ha costretto la Hypo Leasing a promuovere il procedimento arbitrale per munirsi di un titolo esecutivo contro Tutilizzatore. Del resto, l'azione promossa nei confronti dei fideiussori poteva essere svolta soltanto dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria, poiché il testo della fideiussione firmata dei garanti prevede la competenza esclusiva del Foro di Bolzano (doc ). La clausola arbitrale contenuta nel contratto di leasing è invefe riferita esclusivamente alle parti principali del rapporto obbligatorio discendente dal predetto contratto, nel quale non risultano intervenuti come parti autonome i fideiussori. Questi hanno invece assunto autonoma obbligazione (ancorché accessoria rispetto a quelle di H & H Maioliche), di carattere fideiussorio, con atto costitutivo separato redatto in pari data, senza che tra le parti sia stata prevista una distìnta clausola compromissoria, come tale rapportabile anche alla posizione dei fideiussori. Pertanto, non estendendosi ai fideiussori l'efficacia della clausola compromissoria per arbitrato sottoscritta soltanto dall'utilizzatore H&H Maioliche, l'azione contro i fideiussori andava promossa necessariamente dinanzi all'a.g.o. e non ha determinato affatto rinuncia implicita alla competenza arbitrale nei confronti del debitore principale. 16

17 Il fatto che i fideiussori citati dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria abbiano chiamato a loro volta in giudizio il debitore principale H & H Maioliche per agire in regresso ai sensi dell'ari c.c., e quest'ultima, costituendosi in giudizio, abbia irritualmente svolto domanda riconvenzionale nei confronti dell'attrice principale Hypo (la quale non ha accettato il contraddirtene), non ha comportato alcuna deroga alla competenza esclusiva del Collegio Arbitrale. Sull'eccezione di litispendenza Ad avviso della scrivente difesa non può sussistere litispendenza tra la presente azione promossa ritualmente dinanzi al Collegio Arbitrale nei confronti della H & H Maioliche s.r.l. e l'altra causa promossa contro i fideiussori dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria. Il Tribunale di Bolzano dovrà limitarsi a dichiarare la propria incompetenza a decidere in ordine alle domande rictfnvenzionali svolta dalla H & H Maioliche nei confronti della ricorrente Hypo Leasing, ovvero limitarsi a decidere nel merito sulle domande che riguardano la garanzia prestata dai fideiussori. Sulla incompetenza del Collegio Arbitrale per asserita nullità del contratto e quindi della clausole derogatorie della competenza arbitrale Ad avviso della difesa di H & H Maioliche il contratto di leasing sarebbe nullo per svariati motivi (di cui infra), e la nullità del contratto travolgerebbe tutte le clausole, in particolare quelle vessatorie, nelle quali sarebbe ricompresa quella derogatoria della competenza giurisdizionale. La tesi non regge. A parte il fatto che la nullità del contratto è tutta da dimostrare, basta richiamare il disposto di cui all'art. 808 c.p.c., che statuisce proprio il principio opposto, cioè che la clausola arbitrale ha validità 17

18 autonoma e quindi non è travolta dall'eventuale nullità del contratto. Nemmeno l'eventuale declorartela nullità del contratto di leasing determinerebbe inapplicabilità del regolamento della camera arbitrale di Bolzano. Sulla nullità della domanda di arbitrato per difetto di causa petendi Del tutto oscura oltre che infondata si profila l'eccezione di nullità della domanda di arbitrato per difetto di causa petendi. Sulle domande di merito della convenuta H&H Maioliche s.r.l. Va premesso che le domande di merito svolte dalla convenuta, per quanto ampie ed articolate (o forse proprio per questo) appaiono contraddirtene e parzialmente contrastanti dal punto di vista logico e sistematico. Ma vediamo una per una le domande - sostanzialmente riconvenzionali, sebbene non così definite - proposte da H&H Maioliche. Al punto g) delle proprie conclusioni H&H Maioliche chiede accertarsi e *» dichiararsi legittima la sospensione dei pagamenti compiuta da H&H Maioliche S.r.l. in conseguenza dell'inadempimento della Hypo Vorarlberg Leasing s.p.a. Per poter in qualche modo comprendere quale sia l'ipotesi di inadempimento denunziata dalla convenuta, bisogna esaminare la comparsa di costituzione di H&H Maioliche, dove peraltro (pagina 8 in fondo) la stessa si limita a sostenere che i'inadempimento consisterebbe nello "aver consegnato l'immobile de quo privo di requisiti necessari per essere adibito all'impiego per cui è stato chiesto in uso". Controparte si rifa alla esposizione dei fatti, dove, oltre a mettere in dubbio la qualifica del contrarto come contratto di leasing, narra che l'immobile, dopo la presa in possesso, sarebbe risultato 18

19 impraticabile per la presenza di rifiuti di varia natura lasciati da un precedente utilizzatore del fabbricato, che le aziende preposte all'erogazione dell'energia elettrica, del gas e dell'acqua avrebbero frapposto il loro diniego ad ottenere le somministrazioni necessarie per il svolgimento dell'attività di impresa, in assenza del certificato di agibilità, che l'immobile non aveva. Infine, una volta ottenuto il rilascio del certificato di agibilità ed avviata l'attività produttiva, sarebbero emersi "da subito" vizi e difetti dell'immobile che via via si sarebbero aggravati a tal punto che ne hanno impedito l'utilizzabilità dell'immobile, provocando danni alla produzione, ai macchinar! e alla stessa utilizzatrice che tuttora perdurano. Inutilmente H&H Maioliche avrebbe richiesto alla Hypo Vorarlbrg Leasing S.p.a. l'eliminazione dei vizi e difetti denunciati e comunicati dal loro apparire, facendo pervenire al proprietario dell'immobile il preventivo della Luise Impermeabilizzazioni dell'agosto Alle richieste di intervento Hypo Leasing avrebbe infatti risposto di essere esonerata da ogni responsabilità in forza del contratto sottoscritto. Parte convenuta è di diverso avviso, ritenendo che il contratto stipulato tra le parti non sarebbe qualificabile come leasing (con conseguente inammissibilità dell'esonero da responsabilità per vizi della concedente) e che comunque Hypo Leasing avrebbe dolosamente sottaciuto l'esistenza dei vizi e difetti. Le doglianze della controparte non colgono nel segno. Tralasciando per il momento l'esame della qualifica del tipo contrattuale, gli argomenti della irregolarità urbanistico-catastale e dei vizi vanno affrontati separatamente. Sulla presunta irregolarità del bene dal punto dì vista urbanìstico-catastale. 19

20 Come dedotto nella parte narrativa, l'immobile oggetto di leasing era stato acquistato dalla La Città Dipinta s.r.l. quando non era stato ancora del tutto completato, ovvero "al grezzo", con impiantistica ancora da installare e pratica urbanistica ancora da completare. Ciò è dimostrato dalla documentazione dimessa ed in particolare dalle relazioni del curatore, il quale più volte evidenzia la circostanza che l'immobile era stato finanziato "al grezzo" e quindi reclamava la proprietà dell'impiantistica a favore del Fallimento La Città Dipinta s.r.l.. Hypo Vorarlberg Leasing s.r.l. era quindi costretta rendersi acquirente dell'impiantistica al prezzo di ,00.- per agevolare la ricollocazione del bene sul mercato. La mancata finitura del bene ad opera del precedente proprietario rispettivamente utilizzatore è pure causa del mancato rilascio del certificato di agibilità, fatto ben noto alla H&H Maioliche già prima della stipula del contratto di leasing, come dimostra la raccoltaci un preventivo redatto dal geom. Giacomo Todesco, indirizzato a H&H Maioliche di data anteriore alla stipula del contratto di leasing, che elenca tutte le pratiche da compiersi ai fini del rilascio del certificato di agibilità. Un'ulteriore dimostrazione del fatto che H&H Maioliche fosse a conoscenza della situazione del bene anche dal punto di vista degli allacciamenti, è dovuto al fatto che Hypo Vorarlberg Leasing, nella persona del dott. Rotando Benetti, già prima della stipula del contratto di leasing, aveva rilasciato alla H&H Maioliche s.r.l. nella persona del sig. Enrico Hornbostel una "delega ed autorizzazione" scritta su carta intesta Hypo al fine di ''richiedere gli allacciamenti d acqua, corrente elettrica e gas a nome di H&H Maioliche Sri e a intraprendere le operazioni di pulizie e sistemazioni 20

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli