AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO"

Transcript

1 Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 61 di data 30 dicembre 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO ALLEGATO 4 SERVIZI DOMICILIARI E ALBERGHIERI Pergine Valsugana, 30 dicembre 2013 IL PRESIDENTE IL DIRETTORE GENERALE - Marco Casagrande - - dott. Giovanni Bertoldi -

2 1) PREMESSA Premesso che l A.P.S.P. di Pergine Valsugana, nell ambito della propria attività istituzionale, eroga i seguenti servizi: 1. SERVIZI RESIDENZIALI: Residenza Sanitaria Assistenziale: struttura socio-sanitaria destinata a persone non autosufficienti; Nucleo Alzheimer Sorgente ; Casa Soggiorno: struttura residenziale destinata a persone autosufficienti; 2. SERVIZI SEMIRESIDENZIALI: Centro Diurno: struttura socio-sanitaria a forma semiresidenziale destinata a persone anziane autosufficienti, parzialmente autosufficienti e non autosufficienti; 3. SERVIZI AMBULATORIALI: Servizio di rieducazione e riabilitazione funzionale: erogazione di prestazioni di recupero e rieducazione funzionale a favore dell utenza esterna; Servizio odontoiatrico: erogazione di prestazione odontoiatriche a favore dell utenza esterna; Progetto Occhio alla salute: servizio gratuito di prevenzione sanitaria specialmente nelle persone meno giovani; Sportello di sostegno e consulenza psicologica per anziani: punto di riferimento gratuito per tutti i disagi legati all invecchiamento proprio o di un famigliare; 4. SERVIZI DOMICILIARI ALBERGHIERI: Servizio infermieristico domiciliare: attività infermieristiche per la cura della persona nella propria casa; Servizio fisioterapico domiciliare: attività riabilitative per la cura della persona nella propria casa; Servizio pasti: preparazione e/o confezionamento pasti a favore di familiari, dipendenti e soggetti esterni; 5. SERVIZI INFORMATIVI CONSULENZIALI: Sportello Il notaio informa : servizio di informazioni notarili gratuite riguardanti tutte le tematiche che possono interessare i cittadini; Sportello Badanti : servizio di ricerca di personale selezionato per cura ed assistenza alle famiglie; 6. SERVIZI DI SUPPORTO: Utilizzo sale polivalenti e multiuso: messa a disposizione per scopi sociali e formativi di alcuni locali; Provider ECM: realizzazione di attività formative residenziali e sul campo. 2) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO Con determinazione n. 165 dd. 13/12/2013 la Giunta Provinciale di Trento ha concesso il rinnovo dell accreditamento istituzionale della A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel con sede legale nel Comune di Pergine, Via Marconi n. 4 (art. 14 D.P.G.P. 27 novembre 2000, n Leg. e ss.mm), nonchè conferma dei requisiti autorizzativi (art. 8), come di seguito specificato: 1. accreditamento istituzionale presso la sede di Via Marconi n. 4 per le funzioni strutturali residenziale per n. 69 posti letto per non autosufficienti nonché ambulatoriale per attività di recupero e rieducazione funzionale per utenti esterni precedentemente rilasciate rispettivamente con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 135 dd. 19/10/2010 e n. 123 dd. 09/09/2010; 2. accreditamento istituzionale presso la sede di Via Pive n. 7 per le funzioni strutturali residenziale per n. 146 posti letto per non autosufficienti nonché ambulatoriale per attività di odontoiatria per utenti esterni precedentemente rilasciate con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 134 dd. 19/10/2010; 3. autorizzazione all esercizio di attività sanitaria e/o socio sanitaria per la funzione strutturale residenziale per n. 69 posti letto per ospiti non autosufficienti, svolta presso la sede di Via Marconi rilasciata con determinazione del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 88 dd. 30/06/2005, ai sensi dell articolo 8, comma 3 del D.P.G.P. 27/11/2000 n /Leg.; 4. autorizzazione all esercizio di attività sanitaria e/o socio sanitaria per la funzione strutturale residenziale per n. 146 posti letto per ospiti non autosufficienti, svolta presso la sede di Via Pive rilasciata con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 2

3 90/2005, n. 75/2007 e n. 140/2008, ai sensi dell articolo 8, comma 3 del D.P.G.P. 27/11/2000 n /Leg.. In ottemperanza a quanto previsto dal Regolamento CE 852/2004 è stato creato il registro delle Imprese Alimentari per la provincia di Trento e la A.P.S.P. di Pergine Valsugana risulta registrata nell anagrafe provinciale come di seguito specificato: 1. al nr per la sede di Via Pive n. 7; 2. al nr per la sede di Via Marconi n. 4; 3. al nr per la sede di Via Marconi n. 55. Per l attività di parrucchiere la A.P.S.P. ha i seguenti pareri sanitari: 1. parere sanitario n. 104/2002 dd. 22/08/2002 per l attività di parrucchiere in Via Marconi. Inoltre con determinazione del dirigente del Servizio Politiche Sociali n. 261 dd. 06/06/2013 la Giunta Provinciale di Trento, essendo l A.P.S.P. di Pergine Valsugana accreditata e svolgendo attività di assistenza alla persona, ha determinato il nulla osta allo svolgimento da parte della stessa A.P.S.P. al servizio di assistenza domiciliare. 3) CRITERI Nella determinazione delle tariffe relative ai servizi domiciliari e alberghieri si fa riferimento a: 1. le Direttive della Giunta Provinciale per l attuazione della Legge Provinciale 12 dicembre 2007, n. 22, Disciplina dell assistenza odontoiatrica in Provincia di Trento Anno 2013 approvate con deliberazione della Giunta Provinciale di Trento n dd. 27/12/2012 e delle quali si è preso atto con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 dd. 16/01/2013; 2. il Piano di miglioramento per il triennio approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 31 dd. 08/07/2013; 3. il Bilancio preventivo economico annuale - Budget 2014 dell Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito Fondazione Montel di Pergine Valsugana approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 60 di data odierna; 4. la Carta dei Servizi aggiornata ed integrata per l anno 2014 con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 62 di data odierna; 5. il REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m.; 6. il REGOLAMENTO MODALITÀ FRUIZIONE SERVIZIO PASTI ESTERNI approvato con decreto del Commissario Straordinario n. 17 dd. 04/03/2008; 7. il REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI che verrà approvato con successiva separata deliberazione da parte del Consiglio di Amministrazione. 4) SERVIZI EROGATI SERVIZI DOMICILIARI L assistenza domiciliare costituisce un insieme di attività infermieristiche e riabilitative integrate fra loro, per la cura della persona nella propria casa dove può mantenere il legame con le proprie cose, le abitudini e le persone che le sono care. All interno dei servizi domiciliari sono previsti: - servizio infermieristico domiciliare; - servizio fisioterapico domiciliare; - servizio noleggio ausili. SERVIZIO MENSA La struttura residenziale è dotata di propria cucina interna che garantisce il confezionamento dei pasti all utente nel rispetto delle norme igienico - sanitarie vigenti. Tale servizio è rivolto ai familiari, ai dipendenti e ai soggetti esterni quali istituzioni, associazioni, cooperative sociali e singoli privati cittadini. 3

4 SERVIZIO PARRUCCHIERA Effettuazione a favore degli Ospiti e degli utenti del Centro Diurno delle seguenti prestazioni: - taglio capelli; - messa in piega; - permanente; - tinta e manicure. SERVIZIO TRASPORTO Effettuazione di trasporti privati per esigenze personali e non di servizio a favore degli Ospiti (con propri mezzi dell Ente) e a favore degli utenti del Centro Diurno per l arrivo e la partenza dallo stesso (con mezzi di una Cooperativa). 5) DETERMINAZIONE SERVIZI DOMICILIARI Nell ambito dell integrazione socio sanitaria e della necessità di promuovere servizi sanitari a domicilio l A.P.S.P. si propone come soggetto erogatore dei seguenti servizi a domicilio: - servizio infermieristico domiciliare; - servizio fisioterapico domiciliare; - servizio noleggio ausili. Per la determinazione delle tariffe si è proceduto ad un analisi di mercato e ad una verifica delle tariffe normalmente richieste sul libero mercato da parte di liberi professionisti, studi professionali, associazioni, enti e/o istituzioni erogatori di servizi. Nel merito si è inoltre quantificato il costo orario del professionista (Infermiere e Fisioterapista) per l effettuazione delle singole prestazioni sanitarie e riabilitative adeguandolo al tasso di inflazione programmato ed ad un minimo ricarico a favore dell A.P.S.P.. Al fine di agevolare l assistenza domiciliare e contenere l onere economico in capo alle singole famiglie sono stati ipotizzati dei pacchetti assistenziali all interno dei quali prevedere una pluralità di interventi di servizi che consentano al contempo all A.P.S.P. una programmazione degli interventi adeguata. In ultima analisi sono state verificate le tariffe applicate dalla A.P.S.S. evitando sovrapposizioni e potenziali conflitti. SERVIZIO MENSA La A.P.S.P. nell ambito dell autonomia organizzativa e gestionale assegnata dalla L.R. 7/2005 intende erogare anche per l anno 2014, nell ottica della differenziazione dei servizi, il servizio pasti esterni ai sensi di quanto disposto dall art. 4 dello Statuto Aziendale. Il REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione della A.P.S.P. n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m. prevede tra l altro all'art. 31 la possibilità della consumazione del pasto all'interno della struttura da parte dei famigliari degli Ospiti. La A.P.S.P. ha già delle Convenzioni in essere e alcune in via di definizione per l anno 2014 per la fornitura di pasti a favore degli utenti della Comunità di Valle, delle Società Cooperative CS4, Laboratorio Sociale e Cooperativa 90. Nel 2014 si prevede pertanto l erogazione del seguente numero di pasti a favore di: esterni (famigliari e iniziative) personale dipendente utenti Comunità di Valle utenti CS4 (Società Cooperativa Sociale ONLUS) operatori Cooperativa 90 (Società Cooperativa di Solidarietà Sociale) utenti Laboratorio Sociale (Società Cooperativa Sociale) utenti Centro Diurno (in convenzione) per un totale di n pasti annui. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione delle tariffe dei pasti: 4

5 A) PASTI PREVISTI Per conto della Comunità di Valle - Pergine Valsugana: consumati in mensa asportati in apposito contenitore 430 Per conto della Cooperativa Laboratorio Sociale: pasti consumati in mensa Per conto della Cooperativa CS4: consumati in mensa 466 trasportati e consegnati Pasti erogati ad utenti Centro Diurno: pasti consumati in mensa Pasti erogati a dipendenti e tirocinanti e OO.CC.: pasti consumati in mensa Pasti erogati a familiari ospiti e altri esterni: pasti consumanti in mensa Pasti erogati ad anziani interni: n presenze giornaliere per 2 pasti = TOTALE PASTI PREVISTI ANNO ,00 B) COSTI Personale addetto al Reparto Cucina: Costo personale cucina ,00 Fondo produttività ,00 TFR ,00 TOTALE ,00 Generi alimentari ,00 Spese generali: (tot. mq. Via Pive: / tot. mq. Centro Servizi: tot. mq. Cucina: 705) Acquisto detersivi ,00 Energia Elettrica 6.600,00 Gas metano 4.200,00 Teleriscaldamento Totale spesa (Centro Servizi) , ,00 Acqua Totale spesa (Centro Servizi) , ,00 Manutenzioni 3.500,00 Ammortamento attrezzature cucina ,00 TOTALE ,00 TOTALE GENERALE , ,00 COSTO PASTO = = 7,59 n pasti confezionati 5

6 Maggiorazione per servizio mensa Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 5,84 minuti servizio mensa 2,04 Maggiorazione per confezione pasti d asporto Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 3,75 minuti confezionamento pasto 1,31 Maggiorazione per consegna pasti a domicilio Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 3,75 minuti confezionamento pasto Costo utilizzo mezzo trasporto pasti 6.100,00 / n. pasti consegnati Costi vari di gestione 2.200,00 / n. pasti consegnati TOTALE 1,31 1,25 0,45 3,01 C) PROSPETTO CORRISPETTIVO APPLICATO 1. Pasto consumato in mensa (anziani/inabili esterni - famigliari - tirocinanti) costo pasto 7,59 maggiorazione per servizio mensa 2,04 9,63 2. Pasto asportato con apposito contenitore (anziani/inabili esterni) costo pasto 7,59 maggiorazione per confezionamento 1,31 8,90 3. Pasto consegnato a domicilio costo pasto 7,59 maggiorazione per fornitura e trasporto pasto 3,01 10,60 4. Pasti dipendenti Invariato rispetto al ,10 5. Pasti dipendenti ridotto (primo o secondo + contorno) Invariato rispetto al ,30 6. Pasti in occasioni di festività, convegni e manifestazioni Corrispettivo pasto consumato in mensa con IVA 10% Costo allestimento sale: +38% Costo servizio in sala: +33% Costo menù particolareggiato: +29% TOTALE ARROTONDATO (IVA 10% inclusa) 10,60 4,03 3,50 3,07 21,20 7. Pasti esterni convenzionati Invariato rispetto al ,00 6

7 SERVIZIO PARRUCCHIERA La A.P.S.P. garantisce agli Ospiti l effettuazione delle prestazioni di parrucchiera come desumibile dalla Carta dei Servizi vigente. Ad oggi l A.P.S.P. garantisce agli Ospiti l effettuazione gratuita di una prestazione al mese, salvo controindicazioni e/o rifiuto da parte dell Ospite stesso. Si ritiene opportuno prevedere la possibilità da parte degli Ospiti di richiedere prestazioni aggiuntive rispetto a quanto garantito dall A.P.S.P., previa corresponsione di un idoneo corrispettivo stabilito di anno in anno dal Consiglio di Amministrazione. Inoltre si prende atto delle numerose richieste di tali prestazioni provenienti anche da parte degli utenti del Centro Diurno, prestazioni non contemplate all interno della Convenzione tra i servizi da garantire. Si ritiene pertanto opportuno e necessario determinare una tariffa per le prestazioni da parrucchiera nel rispetto del principio di economicità ed equità del servizio. Anche altre A.P.S.P. erogano già da tempo tali prestazioni a pagamento. Si sono analizzate le tariffe oggi applicate sul mercato e quelle stabilite negli anni precedenti dalle A.P.S.P. per le prestazioni da parrucchiera. Sulla base dei dati statistici in nostro possesso nel 2014 si prevede l erogazione di circa n. 380 prestazioni aggiuntive e a pagamento. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione delle tipologie e delle tariffe del prestazioni da parrucchiera: STIPENDI PERSONALE PARRUCCHIERA ,60 ONERI SOCIALI PERSONALE PARRUCCHIERA 9.813,76 FONDO PRODUTTIVITA' PARRUCCHIERA 2.545,44 TFR 2.054,77 TOTALE COSTO STIPENDI PERSONALE PARRUCCHIERA (A) ,57 ACQUISTO MATERIALE D'USO 2.000,00 TOTALE ,57 POSTI LETTO R.S.A. 201 POSTI LETTO CASA SOGGIORNO 8 POSTI LETTO AUTORIZZATI NON CONVENZIONATI 14 TOTALE OSPITI 223 TOTALE PRESTAZIONE TEORICHE (1 volta al mese) (B) IMPORTO TEORICO MEDIO PRESTAZIONE (A/B) 18,02 PERCENTUALE DI INCIDENZA PER TIPOLOGIA DI PRESTAZIONE TARIFFA PRESTAZIONE - PIEGA: 48,80% 8,80 TARIFFA PRESTAZIONE - TAGLIO: 42,70% 7,70 TARIFFA PRESTAZIONE - TAGLIO E PIEGA: 16,50 TARIFFA PRESTAZIONE - PERMANENTE o TINTA: 122,05% 22,00 SERVIZIO TRASPORTO L art. 36 del REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m. prevede la possibilità da parte degli Ospiti e loro famigliari di richiedere all A.P.S.P., compatibilmente con le disponibilità dei propri mezzi e risorse, di effettuare trasporti privati per esigenze personali e non di servizio, previo pagamento di un rimborso chilometrico per l effettuazione di tale servizio, con esclusione delle visite mediche specialistiche già ricomprese nella retta alberghiera. Si ritiene pertanto opportuno e necessario, al fine di meglio regolamentare l accesso al servizio trasporto privato, nonché garantire efficacia, efficienza ed economicità al servizio stesso, di determinare una tariffa per il servizio trasporto privato mediante l utilizzo di uno dei mezzi dell A.P.S.P. anno

8 La tariffa deve risultare sia adeguata a garantire la copertura dei costi che concorrenziale rispetto ad altri erogatori di analogo servizio. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione della tariffa del servizio trasporto: IMPORTO TOTALE ANNUO BUDGET 2014 % IMPUTAZIONE COSTO COSTO EFFETTIVO ANNUO Costo personale dipendente addetto al Servizio Trasporto ,04 100,00% ,04 Manutenzione automezzi 2.800,00 33,00% 924,00 Carburante e lubrificanti 5.200,00 33,00% 1.720,00 Assicurazione 345,50 100,00% 345,50 Totale costi , ,54 Totale chilometri previsti per servizio trasporto con mezzi dell'ente nell'anno Totale costo effettivo annuo / totale chilometri: Costo al km 2,00 6) TARIFFE 2014 SERVIZIO INFERMIERISTICO A DOMICILIO TERAPIA INTRAMUSCOLARE, CALCIPARINA, INSULINA E STICK 10,00 FLEBO 40,00 PRELIEVI EMATICI (ORDINARI ed URGENTI) 25,00 ESAMI MICROBIOLOGICI (urinocoltura, tamponi di ferite, raccolta escreto, ecc) 25,00 RILIEVO PRESSIONE ARTERIOSA 10,00 GESTIONE NUTRIZIONE ENTERALE TOTALE/STOMIE 45,00 CLISTERE EVACUANTE 35,00 MEDICAZIONI SEMPLICI 30,00 MEDICAZIONI COMPLESSE 40,00 POSIZIONAMENTO CATETERE A PERMANENZA 45,00 RIMOZIONE CATETERE VESCICALE A PERMANENZA 30,00 SERVIZIO FISIOTERAPICO A DOMICILIO VALUTAZIONE FUNZIONALE DEL PAZIENTE 50,00 VALUTAZIONE PROTESICA 40,00 TRATTAMENTI FISIOTERAPICI (TARIFFA ORARIA) 45,00 PACCHETTI ASSISTENZIALI SUPPORTO POST-SOLLIEVO (cure igieniche, cambio pannolone, sistemazione del letto, somministrazione terapia, controllo generale dell utente e rilievo pressione arteriosa e polso) 30,00 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA (cure igieniche, medicazioni, somministrazione farmaci, gestione cateteri, rilievi parametri vitali, esami ematici/urinoculture e controllo generale dell utente) SERVIZIO NOLEGGIO AUSILI CARROZZINA PIEGHEVOLE 50,00 12,00/settimanali 8

9 SEGGIOLONE POLIFUNZIONALE (BASCULA) AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE: stampelle, quadripode AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE: deambulatore, girello LETTO ARTICOLATO * cauzione noleggio ausili: pari a 2 settimane di noleggio 15,00/settimanali 3,00/settimanale 6,00/settimanali 20,00/settimanali SERVIZIO MENSA Pasto consumato presso la mensa (IVA esclusa) 9,63 Pasto consumato presso la mensa in occasione di festività, convegni e manifestazioni (IVA 10% inclusa) 21,20 Pasto asportato con apposito contenitore (IVA esclusa) 8,90 Pasto per esterni consegnato a domicilio (IVA esclusa) 10,60 Pasto completo personale dipendente (IVA 4% inclusa) 4,10 Pasto ridotto personale dipendente (IVA 4% inclusa) (primo con contorno o in alternativa secondo con contorno) 2,30 Pasto esterni convenzionati (IVA 10% inclusa) 6,00 SERVIZIO PARRUCCHIERA Piega 8,80 Taglio 7,70 Taglio e piega 16,50 Permanente 22,00 Tinta 22,00 SERVIZIO TRASPORTO Tariffa trasporto al chilometro 2,00 9

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 61 di data 30 dicembre 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO ALLEGATO 1 SERVIZI RESIDENZIALI Pergine

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Relazione al Piano di miglioramento per il triennio 2013 2015 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO R E L A Z I O N E A L P I A N O

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 73 di data 30 dicembre 2014 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL BUDGET 2015 Approvato

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 59 di data 28 dicembre 2015 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL BUDGET 2016 Approvato

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel IL QUADRO DI RIFERIMENTO Transizione epidemiologica passaggio dalla prevalenza delle malattie infettive al crescente peso delle malattie croniche e degenerative «Domanda espressa» legata alla non autosufficienza

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA Casa Laner Folgaria BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE Folgaria, 22 aprile 2015 IL DIRETTORE - f.to dott. Giovanni

Dettagli

BUDGET 2014. Descrizione Importi a budget 2014 importi a budget anno 2013 MINORI RICAVI MAGGIORI RICAVI

BUDGET 2014. Descrizione Importi a budget 2014 importi a budget anno 2013 MINORI RICAVI MAGGIORI RICAVI Allegato alla deliberazione n. dd. RESIDENZA MOLINO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona 38074 DRO (TN) VIA MOLINO, 9 TEL. (0464) 504325 FAX (0464)54.41.19 e-mail: info@residenzamolino.it www.residenzamolino.it

Dettagli

VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA

VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA Pag. 1/6 VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA 3.781.262,00 Tariffa sanitaria APSS - RSA 3.150.705,00 Tariffa sanitaria APSS

Dettagli

Allegato A) deliberazione nr. 41 d.d. 30.12.2015

Allegato A) deliberazione nr. 41 d.d. 30.12.2015 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 5.024.843,87 I) Ricavi da vendita e prestazioni 4.829.727,50 R.S.A. - Casa di Soggiorno 4.156.522,50 R.S.A 4.036.527,40 Retta sanitaria 2.449.941,78 Retta residenziale

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.337.018,68 2.304.701,40 RICAVI DA VENDITE E PRESTAZIONI 2.260.952,32 2.245.293,22 RICAVI R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.090.612,80 2.096.274,38 RICAVI

Dettagli

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA A.P.S.P. CASA LANER FOLGARIA BUDGET 2011 L1 L2 L3 L4 L5 L6 S o t t o c o n t o Budget 2010 Budget 2011 ECONOMICO RICAVI 2.836.142,05 2.841.600,00 3 CONTO ECONOMICO 1 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.836.142,05

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012 Parte integrante e sostanziale della deliberazione n.16 del 29 aprile 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel Pergine Valsugana BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI A.P.S.P. GIUDICARIE ESTERIORI Frazione Santa Croce nr. 41 38071 BLEGGIO SUPERIORE (TN) REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Folgaria - Provincia Autonoma di Trento - Regolamento del Centro Diurno per Anziani Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 8

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro diurno 5,1 Presentazione dell ente La fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus nasce negli

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014

APSP Città di Riva - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 31/12/2014 31/12/2013 A) Valore della produzione I) Ricavi da vendita e prestazioni 4.990.059 5.030.562 R.S.A. - Casa di Soggiorno

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Formulario per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 27

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO OGGETTO: APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto l articolo 38 della

Dettagli

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida.

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida. SERVIZI BASE ( estesi gratuitamente al nucleo famigliare) CONVENZIONI SPECIALISTICHE ED OSPEDALIERE Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni

Dettagli

Allegato A parte integrante Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 43 d.d.30.12.2015

Allegato A parte integrante Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 43 d.d.30.12.2015 TABELLA 1 TARIFFE PRESTAZIONI INTEGRATIVE NON COMPRESE NELLA RETTA ALBERGHIERA PER RESIDENTI IN CASA SOGGIORNO E POSTI SOLLIEVO PER AUTOSUFFICIENTI E PARZIALMENTE AUTOSUFFICIENTI Bagno/doccia protetto

Dettagli

ATTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Deliberazione n. 25. OGGETTO: Approvazione del budget di previsione per l anno 2015.

ATTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Deliberazione n. 25. OGGETTO: Approvazione del budget di previsione per l anno 2015. O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. ATTI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Deliberazione

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione FONDAZIONE BELLARIA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RSA E CReG: UN NUOVO MODELLO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI TERRITORIALI Castellanza, 24 marzo 2015 a

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIROCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI PINZOLO

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIROCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI PINZOLO Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Modello 1 Formulario per

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Fondazione Manuli 2013

Residenze Sanitarie Assistenzali. Fondazione Manuli 2013 Fondazione Manuli 2013 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente non autosufficienti

Dettagli

STATO DI SERVIZIO IN APSS

STATO DI SERVIZIO IN APSS F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ZAMPEDRI LUCIA VIA SPOLVERINE 24, PERGINE VALSUGANA, 38057 TRENTO Telefono 3479289485 Fax E-mail

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

COMUNE DI SERRAMAZZONI

COMUNE DI SERRAMAZZONI COMUNE DI SERRAMAZZONI PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO: SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CULTURALE EDUCATIVO UFFICIO: SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATORE PROFESSIONALE, TRASPORTI E

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI Prot.Gen.n.6829 Del 14/02/2014 PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO ALLE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI SOCIO-ECONOMICA Delibera

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

esperti in assistenza a domicilio

esperti in assistenza a domicilio esperti in assistenza a domicilio Il nostro gruppo, forte da oltre un decennio sul territorio nazionale nell ambito dell home care, studia progetti che si adeguino ai bisogni e alla necessità delle famiglie

Dettagli

Determinazione quota mensile utilizzo alloggi e circolo anziani p.ed. 338 C.C. Malé per l anno 2012

Determinazione quota mensile utilizzo alloggi e circolo anziani p.ed. 338 C.C. Malé per l anno 2012 Oggetto: Determinazione quota mensile utilizzo alloggi e circolo anziani p.ed. 338 C.C. Malé per l anno 2012 Relazione: Il Presidente informa che nel bilancio economico di previsione (budget) per l esercizio

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

ANALISI COSTO DEL PERSONALE INTERNALIZZAZIONE DI TUTTE LE CASE RESIDENZE PER ANZIANI IN GESTIONE AD ASP FIDENZA. (elaborazione ParmaDaily.

ANALISI COSTO DEL PERSONALE INTERNALIZZAZIONE DI TUTTE LE CASE RESIDENZE PER ANZIANI IN GESTIONE AD ASP FIDENZA. (elaborazione ParmaDaily. ANALISI COSTO DEL PERSONALE INTERNALIZZAZIONE DI TUTTE LE CASE RESIDENZE PER ANZIANI IN GESTIONE AD ASP FIDENZA (elaborazione ParmaDaily.it) Indice 1. OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. FINALITA'...

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE di CAVENAGO di BRIANZA SERVIZIO SEGRETERIA E DIREZIONE GENERALE VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 1 del 13/01/2010 Cod. Ente: 10956 COPIA OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

3-12 mesi 925.00 tp - 650.00 pt 12-36 mesi 870.00 tp - 610.00 pt nido d infanzia Le Ali di Alice via Nicolò dall Arca 34 (q.

3-12 mesi 925.00 tp - 650.00 pt 12-36 mesi 870.00 tp - 610.00 pt nido d infanzia Le Ali di Alice via Nicolò dall Arca 34 (q. Allegato A La prima gestione di un nido d infanzia della Cooperativa risale al 1994 e da allora Società Dolce ha avviato un costante lavoro di sviluppo di progetti e ricerca delle migliori professionalità

Dettagli

Azienda Pubblica Servizi alla Persona CRISTANI - DE LUCA Via Baron Cristani, 38 38016 MEZZOCORONA (TN) Tel. 0461/605303 Fax 0461/604262

Azienda Pubblica Servizi alla Persona CRISTANI - DE LUCA Via Baron Cristani, 38 38016 MEZZOCORONA (TN) Tel. 0461/605303 Fax 0461/604262 Azienda Pubblica Servizi alla Persona CRISTANI - DE LUCA Via Baron Cristani, 38 38016 MEZZOCORONA (TN) Tel. 0461/605303 Fax 0461/604262 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Determinazione n. 128 del 28 dicembre

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE

CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE di DELIBERAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE In data 28.11.2013 presso la sede dell Ente, si è riunito il Consiglio di Amministrazione previa

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 39

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 39 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 39

Dettagli

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CASA RESIDENZA / CASA PROTETTA PER ANZIANI CITTA DI SALSOMAGGIORE Città di Salsomaggiore INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag.

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2008 Al 31/12/2008 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2008 Al 31/12/2008 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.590.062,19 2.545.566,92 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 2.553.374,68 2.406.451,45 R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.509.363,68 2.406.321,91 RICAVI EX DIRETTIVE

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010)

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) Per quanto attiene gli adempimenti di cui all'articolo

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Verbale di Deliberazione del Consiglio di Amministrazione AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA DI BRENTONICO COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio di Amministrazione Reg deliberazioni n 60 Prot n 0000087 Oggetto: Approvazione del Budget per l anno

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA

Det n. 2144 /2010 Class. 497 COMUNE DI CESENA. DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA COMUNE DI CESENA DETERMINAZIONE n. 2144/2010 SETTORE SERVIZI SOCIALI SERVIZIO CASA, IGIENE E SANITA Proponente: GAGGI MATTEO OGGETTO: ACCREDITAMENTO TRANSITORIO PER CENTRO SOCIO RIABILITATIVO RESIDENZIALE

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASA LANER. Via P. Giovanni XXIII, 1 38064 FOLGARIA (TN)

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASA LANER. Via P. Giovanni XXIII, 1 38064 FOLGARIA (TN) CASA LANER Via P. Giovanni XXIII, 1 38064 FOLGARIA (TN) RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL BUDGET 2011 Approvata con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 19 dd. 29/12/2010 IL PRESIDENTE IL DIRETTORE

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO ALLE MENSE AZIENDALI

REGOLAMENTO ACCESSO ALLE MENSE AZIENDALI REGOLAMENTO ACCESSO ALLE MENSE AZIENDALI Art. n. 1- Norme generali L Azienda U.S.L. di Imola assicura l istituto della mensa, previsto dalla Contrattazione Nazionale, tramite: 1. le mense gestite direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI E DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI E DEL SERVIZIO REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI E DEL SERVIZIO Allegato REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI E DEL SERVIZIO PREMESSA La Residenza Villa Serena si pone l obiettivo di offrire una risposta ai bisogni dell anziano

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO

GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO Convegno Interventi per la non autosufficienza: bilancio e prospettive per il futuro Bolzano, 16 giugno 2011 GLI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA IN TRENTINO Dott. Michele Bardino 1 ARGOMENTI 1. Situazione

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Avviso. Prestazioni Socio Assistenziali. Accreditamento Fornitori. Prot. n. 10994 Del 28.05.2015

Avviso. Prestazioni Socio Assistenziali. Accreditamento Fornitori. Prot. n. 10994 Del 28.05.2015 In domo mia DISTRETTO DI OZIERI Prot. n. 10994 Del 28.05.2015 Avviso Accreditamento Fornitori Prestazioni Socio Assistenziali Procedura di accreditamento prestazioni socio assistenziali 1 Comune di Ozieri

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470

Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi. via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Casa famiglia per adulti con disabilità Marano Come Noi via Marano, n.465-03023 Ceccano (Fr) Tel. 0775 604470 Approvato con Deliberazione del Comitato dell Accordo di Programma n.4 del 17/11/2010 Distretto

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali Servizi Educativi Politiche Giovanili QUESITI

COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali Servizi Educativi Politiche Giovanili QUESITI COMUNE DI NOVARA Servizi Sociali Servizi Educativi Politiche Giovanili GESTIONE DI INTERVENTI EDUCATIVI INDIVIDUALIZZATI E A DOMICILIO - Periodo 2014/2015. C.I.G. 5203435A64 QUESITI Domanda n. 01 Si chiede

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA Milano e Provincia Monza e Provincia 2014 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014

AVVISO PUBBLICO. Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014 AVVISO PUBBLICO Ad integrazione dell Avviso emesso in data 09/06/2014 OGGETTO: Manifestazione di interesse per concessione d uso dell immobile e del servizio di gestione del Centro Diurno per anziani e/o

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 70

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 70 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 70

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Servizio sociale dei comuni Ambito Distrettuale Sud 6.3 C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE Via Romanò n. 14 CAP. 33080 tel. 0434/577509 fax 0434/574390 C.F. 80000950933 P.I. 00194930939

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale 5,1 Presentazione dell ente La fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus nasce

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli