AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO"

Transcript

1 Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 61 di data 30 dicembre 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO ALLEGATO 4 SERVIZI DOMICILIARI E ALBERGHIERI Pergine Valsugana, 30 dicembre 2013 IL PRESIDENTE IL DIRETTORE GENERALE - Marco Casagrande - - dott. Giovanni Bertoldi -

2 1) PREMESSA Premesso che l A.P.S.P. di Pergine Valsugana, nell ambito della propria attività istituzionale, eroga i seguenti servizi: 1. SERVIZI RESIDENZIALI: Residenza Sanitaria Assistenziale: struttura socio-sanitaria destinata a persone non autosufficienti; Nucleo Alzheimer Sorgente ; Casa Soggiorno: struttura residenziale destinata a persone autosufficienti; 2. SERVIZI SEMIRESIDENZIALI: Centro Diurno: struttura socio-sanitaria a forma semiresidenziale destinata a persone anziane autosufficienti, parzialmente autosufficienti e non autosufficienti; 3. SERVIZI AMBULATORIALI: Servizio di rieducazione e riabilitazione funzionale: erogazione di prestazioni di recupero e rieducazione funzionale a favore dell utenza esterna; Servizio odontoiatrico: erogazione di prestazione odontoiatriche a favore dell utenza esterna; Progetto Occhio alla salute: servizio gratuito di prevenzione sanitaria specialmente nelle persone meno giovani; Sportello di sostegno e consulenza psicologica per anziani: punto di riferimento gratuito per tutti i disagi legati all invecchiamento proprio o di un famigliare; 4. SERVIZI DOMICILIARI ALBERGHIERI: Servizio infermieristico domiciliare: attività infermieristiche per la cura della persona nella propria casa; Servizio fisioterapico domiciliare: attività riabilitative per la cura della persona nella propria casa; Servizio pasti: preparazione e/o confezionamento pasti a favore di familiari, dipendenti e soggetti esterni; 5. SERVIZI INFORMATIVI CONSULENZIALI: Sportello Il notaio informa : servizio di informazioni notarili gratuite riguardanti tutte le tematiche che possono interessare i cittadini; Sportello Badanti : servizio di ricerca di personale selezionato per cura ed assistenza alle famiglie; 6. SERVIZI DI SUPPORTO: Utilizzo sale polivalenti e multiuso: messa a disposizione per scopi sociali e formativi di alcuni locali; Provider ECM: realizzazione di attività formative residenziali e sul campo. 2) AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO Con determinazione n. 165 dd. 13/12/2013 la Giunta Provinciale di Trento ha concesso il rinnovo dell accreditamento istituzionale della A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel con sede legale nel Comune di Pergine, Via Marconi n. 4 (art. 14 D.P.G.P. 27 novembre 2000, n Leg. e ss.mm), nonchè conferma dei requisiti autorizzativi (art. 8), come di seguito specificato: 1. accreditamento istituzionale presso la sede di Via Marconi n. 4 per le funzioni strutturali residenziale per n. 69 posti letto per non autosufficienti nonché ambulatoriale per attività di recupero e rieducazione funzionale per utenti esterni precedentemente rilasciate rispettivamente con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 135 dd. 19/10/2010 e n. 123 dd. 09/09/2010; 2. accreditamento istituzionale presso la sede di Via Pive n. 7 per le funzioni strutturali residenziale per n. 146 posti letto per non autosufficienti nonché ambulatoriale per attività di odontoiatria per utenti esterni precedentemente rilasciate con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 134 dd. 19/10/2010; 3. autorizzazione all esercizio di attività sanitaria e/o socio sanitaria per la funzione strutturale residenziale per n. 69 posti letto per ospiti non autosufficienti, svolta presso la sede di Via Marconi rilasciata con determinazione del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 88 dd. 30/06/2005, ai sensi dell articolo 8, comma 3 del D.P.G.P. 27/11/2000 n /Leg.; 4. autorizzazione all esercizio di attività sanitaria e/o socio sanitaria per la funzione strutturale residenziale per n. 146 posti letto per ospiti non autosufficienti, svolta presso la sede di Via Pive rilasciata con determinazioni del Dirigente del Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie della PAT n. 2

3 90/2005, n. 75/2007 e n. 140/2008, ai sensi dell articolo 8, comma 3 del D.P.G.P. 27/11/2000 n /Leg.. In ottemperanza a quanto previsto dal Regolamento CE 852/2004 è stato creato il registro delle Imprese Alimentari per la provincia di Trento e la A.P.S.P. di Pergine Valsugana risulta registrata nell anagrafe provinciale come di seguito specificato: 1. al nr per la sede di Via Pive n. 7; 2. al nr per la sede di Via Marconi n. 4; 3. al nr per la sede di Via Marconi n. 55. Per l attività di parrucchiere la A.P.S.P. ha i seguenti pareri sanitari: 1. parere sanitario n. 104/2002 dd. 22/08/2002 per l attività di parrucchiere in Via Marconi. Inoltre con determinazione del dirigente del Servizio Politiche Sociali n. 261 dd. 06/06/2013 la Giunta Provinciale di Trento, essendo l A.P.S.P. di Pergine Valsugana accreditata e svolgendo attività di assistenza alla persona, ha determinato il nulla osta allo svolgimento da parte della stessa A.P.S.P. al servizio di assistenza domiciliare. 3) CRITERI Nella determinazione delle tariffe relative ai servizi domiciliari e alberghieri si fa riferimento a: 1. le Direttive della Giunta Provinciale per l attuazione della Legge Provinciale 12 dicembre 2007, n. 22, Disciplina dell assistenza odontoiatrica in Provincia di Trento Anno 2013 approvate con deliberazione della Giunta Provinciale di Trento n dd. 27/12/2012 e delle quali si è preso atto con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 dd. 16/01/2013; 2. il Piano di miglioramento per il triennio approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 31 dd. 08/07/2013; 3. il Bilancio preventivo economico annuale - Budget 2014 dell Azienda Pubblica di Servizi alla Persona S. Spirito Fondazione Montel di Pergine Valsugana approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 60 di data odierna; 4. la Carta dei Servizi aggiornata ed integrata per l anno 2014 con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 62 di data odierna; 5. il REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m.; 6. il REGOLAMENTO MODALITÀ FRUIZIONE SERVIZIO PASTI ESTERNI approvato con decreto del Commissario Straordinario n. 17 dd. 04/03/2008; 7. il REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI che verrà approvato con successiva separata deliberazione da parte del Consiglio di Amministrazione. 4) SERVIZI EROGATI SERVIZI DOMICILIARI L assistenza domiciliare costituisce un insieme di attività infermieristiche e riabilitative integrate fra loro, per la cura della persona nella propria casa dove può mantenere il legame con le proprie cose, le abitudini e le persone che le sono care. All interno dei servizi domiciliari sono previsti: - servizio infermieristico domiciliare; - servizio fisioterapico domiciliare; - servizio noleggio ausili. SERVIZIO MENSA La struttura residenziale è dotata di propria cucina interna che garantisce il confezionamento dei pasti all utente nel rispetto delle norme igienico - sanitarie vigenti. Tale servizio è rivolto ai familiari, ai dipendenti e ai soggetti esterni quali istituzioni, associazioni, cooperative sociali e singoli privati cittadini. 3

4 SERVIZIO PARRUCCHIERA Effettuazione a favore degli Ospiti e degli utenti del Centro Diurno delle seguenti prestazioni: - taglio capelli; - messa in piega; - permanente; - tinta e manicure. SERVIZIO TRASPORTO Effettuazione di trasporti privati per esigenze personali e non di servizio a favore degli Ospiti (con propri mezzi dell Ente) e a favore degli utenti del Centro Diurno per l arrivo e la partenza dallo stesso (con mezzi di una Cooperativa). 5) DETERMINAZIONE SERVIZI DOMICILIARI Nell ambito dell integrazione socio sanitaria e della necessità di promuovere servizi sanitari a domicilio l A.P.S.P. si propone come soggetto erogatore dei seguenti servizi a domicilio: - servizio infermieristico domiciliare; - servizio fisioterapico domiciliare; - servizio noleggio ausili. Per la determinazione delle tariffe si è proceduto ad un analisi di mercato e ad una verifica delle tariffe normalmente richieste sul libero mercato da parte di liberi professionisti, studi professionali, associazioni, enti e/o istituzioni erogatori di servizi. Nel merito si è inoltre quantificato il costo orario del professionista (Infermiere e Fisioterapista) per l effettuazione delle singole prestazioni sanitarie e riabilitative adeguandolo al tasso di inflazione programmato ed ad un minimo ricarico a favore dell A.P.S.P.. Al fine di agevolare l assistenza domiciliare e contenere l onere economico in capo alle singole famiglie sono stati ipotizzati dei pacchetti assistenziali all interno dei quali prevedere una pluralità di interventi di servizi che consentano al contempo all A.P.S.P. una programmazione degli interventi adeguata. In ultima analisi sono state verificate le tariffe applicate dalla A.P.S.S. evitando sovrapposizioni e potenziali conflitti. SERVIZIO MENSA La A.P.S.P. nell ambito dell autonomia organizzativa e gestionale assegnata dalla L.R. 7/2005 intende erogare anche per l anno 2014, nell ottica della differenziazione dei servizi, il servizio pasti esterni ai sensi di quanto disposto dall art. 4 dello Statuto Aziendale. Il REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione della A.P.S.P. n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m. prevede tra l altro all'art. 31 la possibilità della consumazione del pasto all'interno della struttura da parte dei famigliari degli Ospiti. La A.P.S.P. ha già delle Convenzioni in essere e alcune in via di definizione per l anno 2014 per la fornitura di pasti a favore degli utenti della Comunità di Valle, delle Società Cooperative CS4, Laboratorio Sociale e Cooperativa 90. Nel 2014 si prevede pertanto l erogazione del seguente numero di pasti a favore di: esterni (famigliari e iniziative) personale dipendente utenti Comunità di Valle utenti CS4 (Società Cooperativa Sociale ONLUS) operatori Cooperativa 90 (Società Cooperativa di Solidarietà Sociale) utenti Laboratorio Sociale (Società Cooperativa Sociale) utenti Centro Diurno (in convenzione) per un totale di n pasti annui. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione delle tariffe dei pasti: 4

5 A) PASTI PREVISTI Per conto della Comunità di Valle - Pergine Valsugana: consumati in mensa asportati in apposito contenitore 430 Per conto della Cooperativa Laboratorio Sociale: pasti consumati in mensa Per conto della Cooperativa CS4: consumati in mensa 466 trasportati e consegnati Pasti erogati ad utenti Centro Diurno: pasti consumati in mensa Pasti erogati a dipendenti e tirocinanti e OO.CC.: pasti consumati in mensa Pasti erogati a familiari ospiti e altri esterni: pasti consumanti in mensa Pasti erogati ad anziani interni: n presenze giornaliere per 2 pasti = TOTALE PASTI PREVISTI ANNO ,00 B) COSTI Personale addetto al Reparto Cucina: Costo personale cucina ,00 Fondo produttività ,00 TFR ,00 TOTALE ,00 Generi alimentari ,00 Spese generali: (tot. mq. Via Pive: / tot. mq. Centro Servizi: tot. mq. Cucina: 705) Acquisto detersivi ,00 Energia Elettrica 6.600,00 Gas metano 4.200,00 Teleriscaldamento Totale spesa (Centro Servizi) , ,00 Acqua Totale spesa (Centro Servizi) , ,00 Manutenzioni 3.500,00 Ammortamento attrezzature cucina ,00 TOTALE ,00 TOTALE GENERALE , ,00 COSTO PASTO = = 7,59 n pasti confezionati 5

6 Maggiorazione per servizio mensa Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 5,84 minuti servizio mensa 2,04 Maggiorazione per confezione pasti d asporto Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 3,75 minuti confezionamento pasto 1,31 Maggiorazione per consegna pasti a domicilio Costo orario medio personale cucina 20,99 ( 0,35/min.) x 3,75 minuti confezionamento pasto Costo utilizzo mezzo trasporto pasti 6.100,00 / n. pasti consegnati Costi vari di gestione 2.200,00 / n. pasti consegnati TOTALE 1,31 1,25 0,45 3,01 C) PROSPETTO CORRISPETTIVO APPLICATO 1. Pasto consumato in mensa (anziani/inabili esterni - famigliari - tirocinanti) costo pasto 7,59 maggiorazione per servizio mensa 2,04 9,63 2. Pasto asportato con apposito contenitore (anziani/inabili esterni) costo pasto 7,59 maggiorazione per confezionamento 1,31 8,90 3. Pasto consegnato a domicilio costo pasto 7,59 maggiorazione per fornitura e trasporto pasto 3,01 10,60 4. Pasti dipendenti Invariato rispetto al ,10 5. Pasti dipendenti ridotto (primo o secondo + contorno) Invariato rispetto al ,30 6. Pasti in occasioni di festività, convegni e manifestazioni Corrispettivo pasto consumato in mensa con IVA 10% Costo allestimento sale: +38% Costo servizio in sala: +33% Costo menù particolareggiato: +29% TOTALE ARROTONDATO (IVA 10% inclusa) 10,60 4,03 3,50 3,07 21,20 7. Pasti esterni convenzionati Invariato rispetto al ,00 6

7 SERVIZIO PARRUCCHIERA La A.P.S.P. garantisce agli Ospiti l effettuazione delle prestazioni di parrucchiera come desumibile dalla Carta dei Servizi vigente. Ad oggi l A.P.S.P. garantisce agli Ospiti l effettuazione gratuita di una prestazione al mese, salvo controindicazioni e/o rifiuto da parte dell Ospite stesso. Si ritiene opportuno prevedere la possibilità da parte degli Ospiti di richiedere prestazioni aggiuntive rispetto a quanto garantito dall A.P.S.P., previa corresponsione di un idoneo corrispettivo stabilito di anno in anno dal Consiglio di Amministrazione. Inoltre si prende atto delle numerose richieste di tali prestazioni provenienti anche da parte degli utenti del Centro Diurno, prestazioni non contemplate all interno della Convenzione tra i servizi da garantire. Si ritiene pertanto opportuno e necessario determinare una tariffa per le prestazioni da parrucchiera nel rispetto del principio di economicità ed equità del servizio. Anche altre A.P.S.P. erogano già da tempo tali prestazioni a pagamento. Si sono analizzate le tariffe oggi applicate sul mercato e quelle stabilite negli anni precedenti dalle A.P.S.P. per le prestazioni da parrucchiera. Sulla base dei dati statistici in nostro possesso nel 2014 si prevede l erogazione di circa n. 380 prestazioni aggiuntive e a pagamento. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione delle tipologie e delle tariffe del prestazioni da parrucchiera: STIPENDI PERSONALE PARRUCCHIERA ,60 ONERI SOCIALI PERSONALE PARRUCCHIERA 9.813,76 FONDO PRODUTTIVITA' PARRUCCHIERA 2.545,44 TFR 2.054,77 TOTALE COSTO STIPENDI PERSONALE PARRUCCHIERA (A) ,57 ACQUISTO MATERIALE D'USO 2.000,00 TOTALE ,57 POSTI LETTO R.S.A. 201 POSTI LETTO CASA SOGGIORNO 8 POSTI LETTO AUTORIZZATI NON CONVENZIONATI 14 TOTALE OSPITI 223 TOTALE PRESTAZIONE TEORICHE (1 volta al mese) (B) IMPORTO TEORICO MEDIO PRESTAZIONE (A/B) 18,02 PERCENTUALE DI INCIDENZA PER TIPOLOGIA DI PRESTAZIONE TARIFFA PRESTAZIONE - PIEGA: 48,80% 8,80 TARIFFA PRESTAZIONE - TAGLIO: 42,70% 7,70 TARIFFA PRESTAZIONE - TAGLIO E PIEGA: 16,50 TARIFFA PRESTAZIONE - PERMANENTE o TINTA: 122,05% 22,00 SERVIZIO TRASPORTO L art. 36 del REGOLAMENTO INTERNO approvato con deliberazione n. 16 dd. 22/04/2009 e s.m. prevede la possibilità da parte degli Ospiti e loro famigliari di richiedere all A.P.S.P., compatibilmente con le disponibilità dei propri mezzi e risorse, di effettuare trasporti privati per esigenze personali e non di servizio, previo pagamento di un rimborso chilometrico per l effettuazione di tale servizio, con esclusione delle visite mediche specialistiche già ricomprese nella retta alberghiera. Si ritiene pertanto opportuno e necessario, al fine di meglio regolamentare l accesso al servizio trasporto privato, nonché garantire efficacia, efficienza ed economicità al servizio stesso, di determinare una tariffa per il servizio trasporto privato mediante l utilizzo di uno dei mezzi dell A.P.S.P. anno

8 La tariffa deve risultare sia adeguata a garantire la copertura dei costi che concorrenziale rispetto ad altri erogatori di analogo servizio. Qui di seguito viene riportato il prospetto relativo alla determinazione della tariffa del servizio trasporto: IMPORTO TOTALE ANNUO BUDGET 2014 % IMPUTAZIONE COSTO COSTO EFFETTIVO ANNUO Costo personale dipendente addetto al Servizio Trasporto ,04 100,00% ,04 Manutenzione automezzi 2.800,00 33,00% 924,00 Carburante e lubrificanti 5.200,00 33,00% 1.720,00 Assicurazione 345,50 100,00% 345,50 Totale costi , ,54 Totale chilometri previsti per servizio trasporto con mezzi dell'ente nell'anno Totale costo effettivo annuo / totale chilometri: Costo al km 2,00 6) TARIFFE 2014 SERVIZIO INFERMIERISTICO A DOMICILIO TERAPIA INTRAMUSCOLARE, CALCIPARINA, INSULINA E STICK 10,00 FLEBO 40,00 PRELIEVI EMATICI (ORDINARI ed URGENTI) 25,00 ESAMI MICROBIOLOGICI (urinocoltura, tamponi di ferite, raccolta escreto, ecc) 25,00 RILIEVO PRESSIONE ARTERIOSA 10,00 GESTIONE NUTRIZIONE ENTERALE TOTALE/STOMIE 45,00 CLISTERE EVACUANTE 35,00 MEDICAZIONI SEMPLICI 30,00 MEDICAZIONI COMPLESSE 40,00 POSIZIONAMENTO CATETERE A PERMANENZA 45,00 RIMOZIONE CATETERE VESCICALE A PERMANENZA 30,00 SERVIZIO FISIOTERAPICO A DOMICILIO VALUTAZIONE FUNZIONALE DEL PAZIENTE 50,00 VALUTAZIONE PROTESICA 40,00 TRATTAMENTI FISIOTERAPICI (TARIFFA ORARIA) 45,00 PACCHETTI ASSISTENZIALI SUPPORTO POST-SOLLIEVO (cure igieniche, cambio pannolone, sistemazione del letto, somministrazione terapia, controllo generale dell utente e rilievo pressione arteriosa e polso) 30,00 ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA (cure igieniche, medicazioni, somministrazione farmaci, gestione cateteri, rilievi parametri vitali, esami ematici/urinoculture e controllo generale dell utente) SERVIZIO NOLEGGIO AUSILI CARROZZINA PIEGHEVOLE 50,00 12,00/settimanali 8

9 SEGGIOLONE POLIFUNZIONALE (BASCULA) AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE: stampelle, quadripode AUSILI PER LA DEAMBULAZIONE: deambulatore, girello LETTO ARTICOLATO * cauzione noleggio ausili: pari a 2 settimane di noleggio 15,00/settimanali 3,00/settimanale 6,00/settimanali 20,00/settimanali SERVIZIO MENSA Pasto consumato presso la mensa (IVA esclusa) 9,63 Pasto consumato presso la mensa in occasione di festività, convegni e manifestazioni (IVA 10% inclusa) 21,20 Pasto asportato con apposito contenitore (IVA esclusa) 8,90 Pasto per esterni consegnato a domicilio (IVA esclusa) 10,60 Pasto completo personale dipendente (IVA 4% inclusa) 4,10 Pasto ridotto personale dipendente (IVA 4% inclusa) (primo con contorno o in alternativa secondo con contorno) 2,30 Pasto esterni convenzionati (IVA 10% inclusa) 6,00 SERVIZIO PARRUCCHIERA Piega 8,80 Taglio 7,70 Taglio e piega 16,50 Permanente 22,00 Tinta 22,00 SERVIZIO TRASPORTO Tariffa trasporto al chilometro 2,00 9

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 61 di data 30 dicembre 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO ALLEGATO 1 SERVIZI RESIDENZIALI Pergine

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA Casa Laner Folgaria BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2014 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE Folgaria, 22 aprile 2015 IL DIRETTORE - f.to dott. Giovanni

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012

BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012 Parte integrante e sostanziale della deliberazione n.16 del 29 aprile 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel Pergine Valsugana BILANCIO DI ESERCIZIO al 31 dicembre 2012

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI

REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE A FAVORE DI PAZIENTI ESTERNI A.P.S.P. GIUDICARIE ESTERIORI Frazione Santa Croce nr. 41 38071 BLEGGIO SUPERIORE (TN) REGOLAMENTO SANITARIO PER L EROGAZIONE IN REGIME AMBULATORIALE DI PRESTAZIONI DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA

A.P.S.P. CASA LANER - FOLGARIA A.P.S.P. CASA LANER FOLGARIA BUDGET 2011 L1 L2 L3 L4 L5 L6 S o t t o c o n t o Budget 2010 Budget 2011 ECONOMICO RICAVI 2.836.142,05 2.841.600,00 3 CONTO ECONOMICO 1 VALORE DELLA PRODUZIONE 2.836.142,05

Dettagli

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis)

Stampa Bilancio Dal 01/01/2013 Al 31/12/2013 (Artt. 2424 e 2424-bis) Pag. 1 CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione 2.337.018,68 2.304.701,40 RICAVI DA VENDITE E PRESTAZIONI 2.260.952,32 2.245.293,22 RICAVI R.S.A. - CASA DI SOGGIORNO 2.090.612,80 2.096.274,38 RICAVI

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Formulario per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014

APSP Città di Riva - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 APSP "Città di Riva" - RIVA DEL GARDA (TN) CONTO ECONOMICO AL 31/12/2014 31/12/2014 31/12/2013 A) Valore della produzione I) Ricavi da vendita e prestazioni 4.990.059 5.030.562 R.S.A. - Casa di Soggiorno

Dettagli

esperti in assistenza a domicilio

esperti in assistenza a domicilio esperti in assistenza a domicilio Il nostro gruppo, forte da oltre un decennio sul territorio nazionale nell ambito dell home care, studia progetti che si adeguino ai bisogni e alla necessità delle famiglie

Dettagli

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA

Residenze Sanitarie Assistenzali. Milano e Provincia Monza e Provincia 2014. Per informazioni: SERVIZIO CORTESIA Milano e Provincia Monza e Provincia 2014 Residenze Sanitarie Assistenzali La è una Struttura residenziale finalizzata all accoglienza, cura e recupero funzionale di Persone anziane parzialmente o totalmente

Dettagli

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari

ASIA Associazione Servizi Infermieristici Ausiliari ASIA e GSA Soc. Coop, da molti anni sono impegnate nel campo dell assistenza alla persona. Oggi, ASIA e GSA combinano tutte le proprie conoscenze nel campo dell assistenza domiciliare e attivano un innovativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO

APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO OGGETTO: APPROVAZIONE DEL SISTEMA OMOGENEO DI TARIFFA PER I SERVIZI SOCIOSANITARI PER ANZIANI VALEVOLE PER L'ACCREDITAMENTO TRANSITORIO LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visto l articolo 38 della

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità

Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico e per centri di costo/responsabilità ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.R 06 DEL 27 FEBBRAIO 2015 Allegato A5 DGR 780 del 21/05/2013 - Bilancio economico annuale di previsione analitico A VALORE DELLA PRODUZIONE Valore della produzione attività

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida.

Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni anno il bollino di convalida. SERVIZI BASE ( estesi gratuitamente al nucleo famigliare) CONVENZIONI SPECIALISTICHE ED OSPEDALIERE Tutti gli associati a Mutua Nuova Sanità posseggono la TESSERA AZZURRA sulla quale viene applicato ogni

Dettagli

DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P.

DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P. Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DIRETTIVE PROVINCIALI 2012 SUL PASSAGGIO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DALLE POLITICHE SOCIALI ALLE POLITICHE SANITARIE (Articolo 21 L.P. 16/2010) 1. Direttive generali

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 CASA DELL'ANZIANO G. VADA VIA G. MARCONI 22 VERZUOLO tel. 0175 85444 fax 0175 750958 e-mail CASA.RIPOSO@COMUNE.VERZUOLO.CN.IT PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 Periodo di riferimento Anno 2011 2013

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

Opere Pie d Onigo Pederobba (TV)

Opere Pie d Onigo Pederobba (TV) Opere Pie d Onigo Pederobba (TV) IL PROTOCOLLO E uno strumento assistenziale che guida l agire nell attività assistenziale e clinica delle professioni sanitarie e socio sanitarie. Si potrebbe anche definire,

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2013 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del Ente proponente Infermiere di Famiglia Comune di Carmignano di Brenta Referente del Vicesindaco

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO SANITARIO R.S.A.

REGOLAMENTO SANITARIO R.S.A. AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA San Valentino Città di Levico Terme R.S.A.- Casa Soggiorno Centro Diurno REGOLAMENTO SANITARIO R.S.A. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI 1 INTRODUZIONE I moduli integrativi sperimentali, attivati ai sensi del comma 4 dell art. 8 dell Accordo stato

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

La R.S.A., quale servizio residenziale, è attiva 24 ore su 24 e 365 giorni all anno garantendo:

La R.S.A., quale servizio residenziale, è attiva 24 ore su 24 e 365 giorni all anno garantendo: RIO OASI S.r.l. Residenza Sanitaria Assistenziale P.zza A.Sebastiani snc - 00020 Riofreddo (RM) C.F./P.IVA 05456541001 Tel. 0774/920724 Fax 0774/920763 e-mail: riooasi@virgilio.it LA STRUTTURA E I SERVIZI

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. "San Giuseppe" di Primiero

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. San Giuseppe di Primiero Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "San Giuseppe" di Primiero REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PROTETTI Allegato quale parte integrante e sostanziale alla deliberazione del Consiglio di

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO FINALITA' E CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO INTERNO FINALITA' E CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA REGOLAMENTO INTERNO CODICE: D n. 03.01.02 REV. 01 DEL 20/04/2010 PAG. 1 DI 5 FINALITA' E CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA ART.1 La Residenza Sanitaria Assistenziale Villa Laura è una struttura residenziale

Dettagli

QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO

QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO QUADRO DELLE REGOLE DEL SISTEMA SOCIO - SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA ED INDICATORI DELLA QUALITA DEI SERVIZI PER GLI ADULTI CON AUTISMO Moderato Lucio Molgora Marco FONDAZIONE ISF 1 SERVIZI PER L

Dettagli

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE

AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N.4 FRIULI CENTRALE DECRETO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 12 DEL 09/01/2015 O G G E T T O ESERCIZIO 2015 - APPLICAZIONE ISTITUTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS Residenza Mater Fidelis Via Pescarella, 19 Milano 20157 Residenza Mater Sapientiae Via Varazze, 7 Milano 20149 Residenza RSA Mater Gratiae Via Corrado il Salico, 50 Milano

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma completamente autonomo nel quale sono collocati

Dettagli

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO Prot. n. 1659/15 (1)... AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA San Valentino Città di Levico Terme LEVICO TERME PROVINCIA DI TRENTO DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 74 OGGETTO: AFFIDAMENTO, A MEZZO TRATTATIVA

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS 1 PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 2 S O M M A R I O 1. Introduzione 2. Destinatari 3. Presa in carico 4. Metodo 5. Rilevazione dei bisogni 6. Verifica e valutazione 7. Continuità progettuale 8.

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

CITTÀ DI VERONA. deiservizi. Società certificata UNI EN ISO 9001-2008 R.S.A. - RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ASSISTENZA DOMICILIARE

CITTÀ DI VERONA. deiservizi. Società certificata UNI EN ISO 9001-2008 R.S.A. - RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI VERONA Carta Carta deiservizi deiservizi ANNO 2011 - REVISIONE TRE DEL 01/01/2011 Società certificata UNI EN ISO 9001-2008 R.S.A. - RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE ASSISTENZA DOMICILIARE Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI FONDAZIONE CONTE C.BUSI ONLUS Via Formis, 4 26041 Casalmaggiore (CR) REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI Art. 1 Definizione e finalità I mini alloggi protetti, definiti come insieme di alloggi aventi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Contratto con l'utente per l'erogazione del servizio di assistenza domiciliare socio-sanitaria AS.S.In.Condomini

Contratto con l'utente per l'erogazione del servizio di assistenza domiciliare socio-sanitaria AS.S.In.Condomini Generalità Il/la Sottoscritto/a Nato/a a Provincia ( ) Il / / / Residente nel condominio di Via Cap. Città Telefono Cellulare A rappresentanza di un nucleo familiare di persone n n di posizione assegnata

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Via Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Via Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Via Quarenghi RESIDENZA SANITARIA ASSISTENIALE Via Quarenghi Via Quarenghi, 26 20151 Milano Tel. 02-300.830.11 fax 02-300.830.55 e-mail: rsa-quarenghi@coopselios.com Rev.

Dettagli

La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via.

La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via. La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via. Quando sta con noi mi diverto, perché mi racconta sempre cosa ha fatto quando era giovane, che cosa faceva quando lavorava

Dettagli

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Per una corretta compilazione si consiglia di Consultare la "Guida alla compilazione del questionario" Per informazioni telefonare

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE di CAVENAGO di BRIANZA SERVIZIO SEGRETERIA E DIREZIONE GENERALE VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 1 del 13/01/2010 Cod. Ente: 10956 COPIA OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

ASP OPUS CIVIUM VIA CONCILIAZIONE 10-42024 CASTELNOVO DI SOTTO (RE)

ASP OPUS CIVIUM VIA CONCILIAZIONE 10-42024 CASTELNOVO DI SOTTO (RE) UNIONE TERRA DI MEZZO Comune di Bagnolo in Piano Comune di Cadelbosco di Sopra Comune di Castelnovo di Sotto ASP OPUS CIVIUM VIA CONCILIAZIONE 10-42024 CASTELNOVO DI SOTTO (RE) CARTA DEI SERVIZI CENTRI

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS

FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS CARTA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DI SOGGETTI FRAGILI (ANZIANI E DISABILI) Via Formis, 4 26041 Casalmaggiore tel 0375 43644 43645 43680 Fax 0375 43562

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI

CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI La carta dei servizi è un patto che si stipula con il cliente: il patto è un impegno. Questa Carta descrive il Servizio offerto dalla Comunità Alloggio Oasi Salus e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA / CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA (PR) Via MARCONI, n 12/BIS Località ROCCABIANCA (PR) Telefono: 0521/876978 - Fax: 0521/876981 email: cp-norge@coopselios.com

Dettagli

COMUNE DI CONCESIO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI CONCESIO PROVINCIA DI BRESCIA PROTOCOLLO D INTESA ANNO 2015 Le OO.SS: SPI-CGIL FNP-CISL UILP-UIL qui rappresentate dai Sigg.ri: - Sig. Pasinetti G. Franco - Sig. Stefana Sergio - Sig. Talenti Paolo - Sig. Bellini Lorenzo - Sig. Linetti

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 27 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 27

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

colori la persona al centro, il nostro impegno, il nostro sorriso SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE IL GIRASOLE CENTRO DIURNO E SERVIZI

colori la persona al centro, il nostro impegno, il nostro sorriso SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE IL GIRASOLE CENTRO DIURNO E SERVIZI colori BILANCIO DI STRUTTURA E DI SALUTE 2012 SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE IL GIRASOLE CENTRO DIURNO E SERVIZI la persona al centro, il nostro impegno, il nostro sorriso Servizio Assistenza Domiciliare

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO OSPITI Aggiornamento al 01.01.2014

REGOLAMENTO OSPITI Aggiornamento al 01.01.2014 Fondazione RSA con NUCLEO ALZHEIMER REGOLAMENTO OSPITI Aggiornamento al 01.01.2014 Regolamento Ospiti Pagina 2 di 6 -FINALITA - Articolo 1 L Istituzione ospita persone anziane in condizione di parziale/totale

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

La farmacia dei servizi

La farmacia dei servizi La farmacia dei servizi D.L. 3/10/2009 n 153 La farmacia dei servizi centro territoriale per la salute dei pazienti Da disciplinare (a livello regionale): criteri per la remunerazione caratteristiche strutturali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Fondazione Centro per la Riabilitazione e le Diverse Abilità (C.Ri.D.A.)

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli