La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via."

Transcript

1 La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via. Quando sta con noi mi diverto, perché mi racconta sempre cosa ha fatto quando era giovane, che cosa faceva quando lavorava nei campi e quando per spostarsi aveva solo la bicicletta. Allora la macchina era un lusso. In alcuni giorni della settimana, però, è impegnata perchè si trova sempre con le sue amiche a giocare e a chiacchierare, ricordando i vecchi tempi. 31

2 OPPORTUNITÀ PER GLI ANZIANI SOGGIORNI CLIMATICI Ogni anno il Comune, per promuovere la socializzazione tra gli anziani, offre l opportunità di fare le vacanze in gruppo. Si organizzano soggiorni climatici di circa 15 giorni in località marine (Rimini e Cesenatico) e montane (Levico e Fiavè). Possono partecipare persone ultrasessantenni autosufficienti. Le iscrizioni si raccolgono presso l Istituzione Comunale dei Servizi Sociali (presso la Casa di Riposo), di solito entro il mese di aprile. Per informazioni telefonare al (Tel ) o all Ufficio Segreteria del Comune (Tel ). CENTRI DI INCONTRO PER ANZIANI L anziano trova nel territorio comunale occasioni di incontro in alcuni centri dislocati nelle varie frazioni e precisamente: Circolo Ricreativo Don Domenico Cordioli, in Via della Pieve 72 a S.Floriano: aperto tutti i giorni dalle ore 15,30 alle ore 19,30 (nei mesi estivi è prevista anche l aperutùra serale) e alla domenica dalle ore 10,30 alle ore 12,30 (Tel ). Circolo Anziani di Pedemonte: in Via Campostrini. Circolo NOI di Bure, presso la Parrocchia: aperto tutti i giorni dalle alle 21.00, escluso il martedì (Tel ). Circolo NOI di San Pietro In Cariano in via Chiesa: aperto il martedì e mercoledì dalle ore 14,30 alle ore 17,30 nel periodo invernale e dalle ore 15,00 alle 18,00 in estate (Tel ). 32

3 UNIVERSITÀ POPOLARE DELLA VALPOLICELLA Chi vuole conoscere ed approfondire alcune tematiche o imparare una lingua straniera, ha la possibilità di frequentare i corsi organizzati dalla Libera Università della Valpolicella, associazione che da anni propone una formazione permanente del cittadino. Tutti possono iscriversi ai corsi che si tengono a San Pietro in Cariano o in alcuni Comuni limitrofi. E prevista una riduzione del 50% dei costi di iscrizione per gli ultrasessantenni. Per informazioni rivolgersi alla Segreteria in via Valle di Pruviniano 9, aperta il mercoledì e venerdì dalle ore 17,00 alle ore 19,00 (Tel ). SPETTACOLI STAGIONE LIRICA L amministrazione Provinciale di Verona ogni anno dà la possibilità alle persone anziane di assistere ad alcuni spettacoli in Arena e al Teatro Filarmonico. Per informazioni rivolgersi all Assistente Sociale del Comune di S.Pietro in Cariano (Tel ). ORTI COMUNALI L Amministrazione Comunale ha predisposto che alcuni terreni di proprietà comunale, attualmente abbandonati, possano essere recuperati ad orto permettendo così di migliorare la qualità della vita di persone interessate alla coltivazione e non proprietarie di terreno. L interessato dovrà versare un contributo annuale per la spesa dell acqua. Per informazioni rivolgersi all Ufficio Ecologia con (Tel ). 33

4 CORSI DI ATTIVITÀ MOTORIA PER LA TERZA ETÀ L Amministrazione Comunale promuove, in collaborazione con le Associazioni sportive, corsi di attività motoria rivolti principalmente agli anziani. L iniziativa si pone l obiettivo di migliorare le condizioni funzionali dei partecipanti, il mantenimento dell autonomia motoria e psicologica e vuole essere uno stimolo per aumentare la socializzazione. Le lezioni si svolgono da ottobre a maggio nelle palestre della Scuola elementare di Pedemonte, della Scuola media di San Pietro in Cariano, della Palestra centro polifunzionale di Bure. Per informazioni rivolgersi alla segreteria Ufficio Servizi Sociali (Tel /112). CONSULTA COMUNALE DEGLI ANZIANI E una Commissione che ha il compito evidenziare i bisogni emergenti per la terza età; indica all Amministrazione Comunale le necessarie azioni da promuovere per migliorare la qualità della vita degli anziani residenti. La Consulta è composta da rappresentati di alcune Associazioni, dai rappresentanti dei Centri di incontro delle frazioni, dall Assistente sociale, dal Sindaco o da un suo delegato. Durante l anno svolge un azione di promozione e di attenzione ai problemi dell anziano, organizza attività culturali e ricreative come il pranzo di Natale, la festa dell anziano ecc. La Consulta Anziani, in collaborazione con l Amministrazione Comunale, promuove la partecipazione ad attività culturali. In particolare, dà la possibilità agli anziani di assistere gratuitamente nel corso dell estate ad alcuni spettacoli in Arena e durante l inverno al Teatro Filarmonico. Per informazioni rivolgersi all Assistente Sociale telefonando al (Tel ) negli orari di apertura al pubblico: Lunedì dalle ore 9.00 alle ore

5 "PUNTO CLIENTE INPS" Si rivolge a tutti i pensionati. Gli addetti possono rilasciare direttamente all interessato o ad un suo delegato l estratto contributivo, il Cud ed altri certificati, senza che ci si debba recare appositamente a Verona Per usufruire dei servizi ci si può rivolgere agli Uffici Anagrafe e Segreteria del Comune di San Pietro in Cariano, muniti di valido documento d identità e Codice Fiscale, nei giorni di martedì e venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00. I numeri di telefono a cui rivolgersi sono: Ufficio Segreteria - Tel , Ufficio Anagrafe - Tel TRASPORTO COMUNALE Ogni venerdì è attivo il Pulmino che collega le frazioni di Castelrotto e Corrubio a San Pietro capoluogo per garantire il raggiungimento del mercato settimanale. Il servizio per gli anziani è gratuito. Orari di andata: ore 9.15 a Corrubio ( Piazza xxv Aprile) ore 9.17 a Corrubio ( Villa Angelina) ore 9.20 a Nassar ore 9.25 a Cengia ore 9.30 a Pedemonte (Via Gramsci-Panificio) ore 9.35 arrivo a San Pietro Orario di ritorno: ore da San Pietro (via Beethoven-presso supermercato A&O) e si esegue il percorso inverso. Per chi desidera utilizzare il pulmino, è sufficiente presentarsi al punto di ritrovo negli orari sopra indicati. 35

6 PER GLI ANZIANI IN DIFFICOLTÀ Le difficoltà possono derivare da molti fattori ed è per questo che vi invitiamo a rivolgervi all Assistente sociale che può consigliare, indirizzare e informare. Se le difficoltà sono di origine economica, si può chiedere un contributo economico in base al regolamento comunale o il contributo per il pagamento dell affitto (qualora non si possieda casa propria) o l esenzione ICI. Se le difficoltà sono dovute a problemi di salute, l anziano, qualora rientri negli aventi diritto, può accedere ad aiuti monetari o a servizi. Per quanto riguarda gli aiuti monetari l anziano può : Chiedere il riconoscimento dell invalidità civile e/o dell indennità di accompagnamento Il modulo della domanda si può trovare presso l Assistente sociale o il Patronato: la domanda con il certificato medico vanno presentati presso la Commissione Invalidi Civili di via C. A. Dalla Chiesa a Bussolengo (Tel ) o attraverso lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. In caso di grave non autosufficienza può essere concessa l indennità di accompagnamento, che consiste in un assegno mensile. A seconda della percentuale di invalidità riconosciuta, si ha anche diritto all esenzione ticket dei farmaci e ad avere ausili e protesi (carrozzine, pannoloni...). Con la stessa procedura (domanda Commissione Invalidi Civili), si può chiedere anche la certificazione di stato di handicap grave, previsto dalla Legge 104/92. Il suo riconoscimento permette ai familiari della persona con stato di grave handicap, di avere 3 giorni di permesso dal lavoro e alcune agevolazioni fiscali.. 36

7 Chiedere aiuti o interventi previsti dal Fondo per la non autosufficienza Anche se un anziano non è dichiarato dalla Commissione Invalidi Civili invalido al 100% con diritto all indennità di accompagnamento, ma ha gravi problemi, può avere aiuti economici per far fronte alla sua situazione di non autosufficienza. L anziano o un suo familiare potrà chiedere: 1) il contributo della Legge regionale n28/1991. La domanda viene presentata presso l ufficio dell Assistente sociale che si attiverà per le procedure necessarie coinvolgendo il medico di base. Per accedere al contributo è previsto un limite di reddito e la presenza di una situazione di non autosufficienza. La somma erogata dalla Regione non è fissa ma può variare di anno in anno. 2) il contributo per persone malate di Alzheimer o demenze con gravi disturbi del comportamento Se l anziano presenta malattie particolari quali Morbo di Alzheimer e demenze con gravi disturbi del comportamento e il nucleo familiare di appartenenza rientra all interno di un limite di reddito, c è la possibilità di presentare richiesta per un contributo mensile che attualmente è di circa 516,46. 3) il contributo per le badanti (assistenti familiari) Molte famiglie, per garantire l assistenza degli anziani a casa, hanno assunto delle assistenti familiari chiamate più correntemente badanti. La Regione Veneto ha previsto la possibilità di dare un aiuto alle famiglie per coprire la spesa dei contributi della lavoratrici con un contratto regolare e in presenza di un limite di reddito definito dalla Regione. Per avere maggiori informazioni su queste opportunità, rivolgersi all Assistente sociale che riceve il Lunedì dalle ore 9.00 alle ore 11.00, presso la sede Comunale (Tel ). 37

8 ALTRI SERVIZI PER L ANZIANO AUSILI Le persone dichiarate invalide civili al 100% o assegnatarie di indennità di accompagnamento possono avere gratuitamente alcuni ausili come il letto con le sponde, la comoda, la carrozzina, il sollevatore ecc., oltre che gli ausili per l incontinenza. Come si fa per averli? Per prima cosa serve la certificazione del medico specialista, che prescrive il tipo di ausilio necessario. Inoltre è necessario avere riconosciuta l invalidità civile o averla almeno richiesta. La richiesta va portata per l autorizzazione presso l Ufficio Protesi dell ULSS 22 in via S. Crocifissa di Rosa a Bussolengo ( Tel ). Attualmente solo per l incontinenza (pannolini, cateteri, sacche), la richiesta deve essere portata per l autorizzazione al Distretto di Domegliara. Sempre al Distretto, il martedì dalle ore 8,30 alle ore 10,30, si può definire con gli addetti il tipo di ausilio necessario. Gli ausili verranno poi recapitati a domicilio ogni tre mesi. Per informazioni rivolgersi al Punto ADI (Tel ). TELESOCCORSO-TELECONTROLLO E un servizio, organizzato dalla Regione, che serve a tutelare l anziano che vive solo o che trascorre molte ora da solo o che è stato dichiarato a rischio dai sanitari. L anziano ha a sua disposizione un cicalino, con il quale è sempre collegato (notte e giorno) con una Centrale che recepisce ogni sua chiamata di soccorso ed è in grado di attivare eventuali soccorsi in poco tempo. Per poter usufruire del servizio si rivolge la domanda all Assistente Sociale il lunedì dalle ore 9.00 alle ore (Tel ). È previsto un costo solo per l attivazione del Servizio. 38

9 ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE (servizio rivolto non solo agli anziani) L Assistenza domiciliare costituisce un insieme di attività mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali integrate tra di loro per la cura della persona nella propria casa. Possono usufruire dei servizi le persone affette da malattie invalidanti acute o croniche. Le forme di assistenza domiciliare attivabili sono: Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), Assistenza Domiciliare Programmata, Assistenza Infermieristica Domiciliare. Per attivare il servizio ci si deve rivolgere al medico di famiglia. In caso di pazienti ricoverati in ospedale, il servizio può essere proposta dal reparto ospedaliero. Presso il Distretto di Domegliara è attivo un punto ADI che coordina le attività e può fornire tutte le informazioni. E aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 12 (Tel ). ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE COMUNALE (servizio rivolto non solo agli anziani) Il servizio si rivolge a coloro che vengono assistiti nella propria casa. Le prestazioni del servizio, in particolare per gli anziani, sono: cura della persona, socializzazione, sostegno alla famiglia. L operatore addetto all assistenza va a domicilio per un intervento specifico di circa un ora per alcune volte alla settimana. Il Servizio ha un costo che si definisce in base al Regolamento Comunale. Per accedere al servizio ci si deve rivolgere all Assistente Sociale del Comune il lunedì dalle ore 9.00 alle ore o su appuntamento telefonando al (Tel ). 39

10 PASTI A DOMICILIO Il Servizio viene attivato per persone che non sono più in grado di preparare da sole il pasto e i cui familiari non possono provvedervi direttamente. Il pasto viene preparato dalla Casa di Riposo e consegnato dall operatore addetto all assistenza al domicilio della persona, dal lunedì al sabato, in contenitori termici idonei al trasporto degli alimenti. Il servizio è a pagamento, il pasto comunque ha un costo agevolato. Per poter usufruire del pasto ci si deve rivolgere all Assistente Sociale il lunedì dalle ore 9.00 alle ore (Tel ). IL CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura rivolta al sostegno della persona anziana e della sua famiglia. Può ospitare anziani autosufficienti e non autosufficienti, residenti nel Comune di San Pietro in Cariano e nel bacino di utenza della struttura. Attualmente si accede al Centro Diurno presentando apposita domanda alla Direzione dell Istituzione Comunale Servizi Sociali in via Beethoven 6, (Tel ). Il servizio è a pagamento. 40

11 Nel Centro Diurno vengono offerti i seguenti servizi: Ristorazione: colazione, pranzo e merenda; Aiuto nelle attività della vita quotidiana; Assistenza infermieristica; Attività fisioterapica; Attività ricreative e occupazionali; Sostegno psicologico; Bagno assistito; Parrucchiera e podologa; Trasporto dall abitazione al Centro Diurno e rientro serale. Il centro è aperto dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore L anziano può frequentare il Centro Diurno per l intera giornata, oppure solamente per usufruire di alcuni servizi. Il Centro Diurno si trova in via Beethoven, a San Pietro in Cariano, all interno dell Istituzione Comunale Servizi Sociali, in spazi appositamente progettati e costruiti, indipendenti dal resto dello stabile. Per informazioni telefonare al (Tel ). RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA (RSA) Quando l anziano ha bisogno di fare riabilitazione, può ricorrere al ricovero temporaneo nella Residenza Sanitaria Assistenziale, dove può effettuare le terapie necessarie supportato da personale infermieristico e assistenziale. Tale inserimento temporaneo può essere fatto anche per dare un sollievo alla famiglia in alcune particolari situazioni. Per l accesso al servizio ci si deve rivolgere all Assistente Sociale che valuta la richiesta all interno dell UnitàValutativa Distrettuale. Il servizio è a pagamento. La struttura più vicina si trova a Negrar presso l Ospedale. 41

12 INSERIMENTO IN CASA DI RIPOSO Quando l anziano e la sua famiglia non riescono più a gestire la situazione a casa, ci si può orientare per un inserimento residenziale. In questo caso l anziano va a vivere stabilmente presso la Casa di Riposo. L interessato o un suo familiare presenta la domanda presso l Assistente Sociale. La richiesta viene valutata da un equipe di lavoro formata dal medico di base, dall assistente sociale, dall infermiere e coordinata dal Capo Distretto. In quella sede si verificano le possibili soluzioni e si assegna un punteggio per l inserimento in graduatoria. Solo nel caso in cui l anziano e i suoi familiari non dispongano di un reddito sufficiente per coprire la retta, è possibile chiedere un contributo all Amministrazione comunale, che ne valuterà il merito dopo un apposita istruttoria. Il Comune di S.Pietro in Cariano gestisce attraverso l Istituzione Comunale dei Servizi Sociali una Casa di Riposo di 80 posti che si trova in via Beethoven 16, (Tel ). DIMISSIONI PROTETTE Una persona con patologia cronica, ricoverata in ospedale, può essere inviata al proprio domicilio e si possono attivare per essa le cosidette dimissioni protette. Viene così organizzato un piano di assistenza personalizzato, che prevede l intervento del medico di famiglia, dell infermiere e di altre figure professionali a domicilio del paziente, per far fronte alle varie esigenze. E l ospedale che si mette in contatto con il Distretto Sanitario almeno tre giorni prima delle dimissioni per organizzare il piano di assistenza. Poi il Distretto Sanitario, nel nostro caso quello di Domegliara, predispone attraverso l Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) i vari interventi. In alcuni casi la persona dimessa dal reparto ospedaliero viene inserita nella Residenza Sanitaria Assistita (RSA) per un periodo di riabilitazione o di convalescenza, sotto controllo medico (vedi modalità di accesso alla RSA). Per informazioni chiamare l assistente sociale del Comune (Tel ). 42

13 A CONCLUSIONE DI QUESTO OPUSCOLO, SI RICORDANO ALCUNI NUMERI UTILI: Comune di San Pietro in Cariano: Centralino: 045/ Segreteria: 045/ /112 Anagrafe: 045/ /121 Ragioneria: 045/ /132 Tributi: 045/ /141 Ecologia: 045/ Ed. Privata: 045/ /152 Assistenti Sociali: 045/ /118 Educatore: 045/ Istituzione Comunale Servizi Sociali: 045/ Asilo Nido: 045/ Polizia Municpale: 045/ Sub-Distretto sanitario di S. Pietro in Cariano: Tel. 045/ , presso la Casa di Riposo, aperto il mercoledì e il giovedì dalle ore 8,30 alle ore 12,00. Guardia Medica: Tel. 045/ , presso la Casa di Riposo. Il servizio è attivo dalle ore 20,00 alle ore 08,00 nei giorni feriali e ad orario continuato in quelli festivi. Distretto sanitario di Domegliara: Tel. 045/ Via Stazione, 7 aperto dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore

14 BANCA MARANO VALPOLICELLA Differente per forza Sede: MARANO VALPOLICELLA - Piazza dello Sport - Tel Fax Filiali: ARBIZZANO DI NEGRAR: Via Valpolicella - Tel Fax SANT'ANNA D'ALFAEDO: Via Roma, 29 - Tel Fax VALGATARA DI MARANO VALP.: Via dell'artigianato, 5 - Tel Fax S. PIETRO IN CARIANO: Via Avanzi, 6/A - Tel Fax NEGRAR: Via Mazzini, 49 - Tel Fax SANT AMBROGIO: Via Matteotti, 14/C - Tel Fax Sportello ATM VALGATARA: Via Cadiloi, 14 Progettazione grafica e stampa s.r.l.

Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà.

Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà. Le persone a cui voglio più bene sono la mia mamma e il mio papà. La mia mamma mi consola quando piango, mi coccola alla sera prima di andare a dormire e mi sgrida quando non faccio bene i compiti o passo

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

azienda pubblica di servizi alla persona

azienda pubblica di servizi alla persona azienda pubblica di servizi alla persona MARGHERITA GRAZIOLI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona L Azienda L Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Margherita Grazioli è un azienda che svolge una

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

Guida ai servizi sociali e sanitari per gli anziani di Albignasego

Guida ai servizi sociali e sanitari per gli anziani di Albignasego Comune di Albignasego Istituzione per la gestione dei servizi sociali a cura di Matilde Sinico e Susy Cheti Pavan Guida ai servizi sociali e sanitari per gli anziani di Albignasego a cura di Matilde Sinico

Dettagli

Esenzione Ticket dei Medicinali e Canone Telefonico Agevolato ili alla popolazione residente Esenzione Ticket isa Canone telefonico agevolato

Esenzione Ticket dei Medicinali e Canone Telefonico Agevolato ili alla popolazione residente Esenzione Ticket isa Canone telefonico agevolato anziani anziani e disabili Assistenza Domiciliare 01 È un servizio di assistenza effettuato a domicilio in orario diurno. Tale servizio ha come scopo quello di sostenere la persona anziana, non più totalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano.

C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. CENTRO DIURNO INTEGRATO T GRUPPO P SEGESTA E S SACCARDO C A Il Centro Diurno Integrato Alzheimer Saccardo: un punto di riferimento a sostegno dell Anziano. Il Centro Diurno Integrato Alzheimer (C.D.I.)

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI

ASSISTENZA DOMICILIARE SITUAZIONE TARIFFE ATTUALI ASSISTENZA DOMICILIARE SERVIZIO COMUNE DI BENTIVOGLIO COMUNE DI CASTEL MAGGIORE COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE COMUNE DI GALLIERA COMUNE DI PIEVE DI CENTO COMUNE DI SAN PIETRO IN CASALE Assistenza domiciliare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013. Servizio di Assistenza Domiciliare Azienda Ulss 22

Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013. Servizio di Assistenza Domiciliare Azienda Ulss 22 Carta dei Servizi rev. 3 del 23 maggio 2013 Servizio di AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Direttore di Distretto socio sanitario: dott. Carmine Capaldo Direttore unità operativa Cure Primarie: dott. Ermanno

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio 1 Dove siamo pag. 3 2 Chi siamo pag. 4 3 Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4 Trasporto con mezzo e accompagnatore pag. 6 5 Accoglienza, dimissioni

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Comune di Santo Stefano Ticino Provincia di Milano GUIDA AI SERVIZI SOCIALI

Comune di Santo Stefano Ticino Provincia di Milano GUIDA AI SERVIZI SOCIALI Comune di Santo Stefano Ticino Provincia di Milano GUIDA AI SERVIZI SOCIALI INDICE I Servizi - Il Segretariato Sociale : Incontrare il bisogno Gli Ambulatori di Via Piave : Un esperienza di sanità vicina

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari PROGETTO ALZHEIMER Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari L ALZHEIMER E IL PROGETTO DI VERONA L assistenza agli anziani affetti da demenza tipo Alzheimer

Dettagli

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura

GLI ANZIANI GLI ANZIANI. - Assistenza domiciliare. - Pasto a domicilio e mensa sociale. - Telesoccorso - Affidamento intrafamiliare - Assegno di cura Guida dei Servizi ai Servizi Sociali Sociali BISOGNI BISOGNI GLI ANZIANI GLI ANZIANI Domiciliarità Avere la possibilità di continuare a vivere nel proprio ambiente di vita. Domiciliarità Avere la possibilità

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRI DIURNI PER ANZIANI AUTOSUFFICIENTI CENTRO DIURNO SOCIO-ASSISTENZIALE Di cosa si tratta E un servizio semiresidenziale nel quale sono previste attività socio-assistenziali e di supporto al servizio

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

COMUNE di BAGNOLO IN PIANO

COMUNE di BAGNOLO IN PIANO COMUNE di BAGNOLO IN PIANO DOMANDA SERVIZI SOCIALI E ASSISTENZIALI UTENTE: IO SOTTOSCRITTO NATO A IL RESIDENTE A VIA N TEL IN QUALITA CHIEDO L ATTIVAZIONE DELL U.V.G. AI SENSI DELL ART.17 DELLA L.R.5/94

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI TORRE S. SUSANNA. (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO UNICO ALLA DELIBERAZIONE DI G. C. N. 194 DEL 21.11.2002 COMUNE DI TORRE S. SUSANNA (Provincia di Brindisi) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

CONTRIBUTO PER AFFITTO

CONTRIBUTO PER AFFITTO FONDO DI SOLIDARIETÀ DISTRIBUZIONE GENERI ALIMENTARI ASSISTENZA DOMICILIARE Città di Oppeano FARMACIA AMBULATORIO PASTI CALDI Carta dei Servizi Sociali TRASPORTI BORSE DI STUDIO SOSTEGNO MINORI SPORTELLO

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE l EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI @ By Renzo Girelli numeri utili DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE EMERGENZA TELEFONARE AL 118 RECARSI

Dettagli

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano

I Servizi per Anziani. dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano I Servizi per Anziani dell Azienda Servizi Sociali di Bolzano a cura di Ufficio Programmazione, controllo e sistemi informativi 1 edizione Agosto 2015 Sommario L assistenza sociale L assistenza economica

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Residenza Protetta La Ginestra R E G O L A M E N T O R E G O L E N T O PER LA GESTIONE DELLA R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A ART.1 DEFINIZIONE

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

SERENO SOGGIORNO TERESA FARDELLA DE BLASI

SERENO SOGGIORNO TERESA FARDELLA DE BLASI CONGREGAZIONE POVERE FIGLIE MARIA SS. MA INCORONATA SERENO SOGGIORNO TERESA FARDELLA DE BLASI CASA ALBERGO PER ANZIANI M A N T O V A C A R T A D E I S E R V I Z I 1 PREMESSA Questa Istituzione dedicata

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

S. Pietro in Cariano

S. Pietro in Cariano Comune di S. Pietro in Cariano Assessorato ai Servizi Sociali Guida ai Servizi Sociali Il Comune ruota intorno a te tutte le informazioni utili per accedere ai servizi sociali L aspetto che maggiormente

Dettagli

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

LA RSA FONDAZIONE ANNI SERENI ONLUS

LA RSA FONDAZIONE ANNI SERENI ONLUS FONDAZIONE ANNI SERENI ONLUS LA RESIDENZA IN CIFRE La RSA ha una capacità ricettiva di 154 posti, di cui 151 accreditati e contrattualizzati dalla Regione Lombardia. 151 Posti residenziali. Nel rispetto

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Carta dei servizi ADI

Carta dei servizi ADI LA MERIDIANA Società Cooperativa Sociale Carta dei servizi ADI Indice Lettera di benvenuto Pag. 3 La carta dei servizi Pag. 4 La cooperativa sociale La Meridiana Pag. 5 Il servizio ADI Pag. 6 Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 34 del 27/03/2014 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2014. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del Regolamento

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Ultime modifiche apportate con deliberazione C.C. n. 43 del 15.09.2003 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 Art.

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

Dr. Domenico Mantoan Area Sanita e Sociale. Direttore Generale Area Sanità e Sociale Regione del Veneto 1

Dr. Domenico Mantoan Area Sanita e Sociale. Direttore Generale Area Sanità e Sociale Regione del Veneto 1 Dr. Domenico Mantoan Area Sanita e Sociale Direttore Generale Area Sanità e Sociale Regione del Veneto 1 - Non riesco a pensare ad altra condizione che abbia un effetto cosi profondo sulla perdita di funzione,

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus. centro diurno RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro diurno 5,1 Presentazione dell ente La fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus nasce negli

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19.07.2010) (in vigore dal 07.08.2010) ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Casa Laner Folgaria - Provincia Autonoma di Trento - Regolamento del Centro Diurno per Anziani Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 8

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L Unità organizzativa Residenzialità Territoriale garantisce agli utenti ed ai suoi famigliari un servizio sul percorso per

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE

SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE - Attività e Servizi - I Servizi Sociali del Comune di Cinto Caomaggiore operano nel territorio offrendo ai cittadini informazione e sponsorizzazione dei servizi presenti e si

Dettagli

Sezione 3 INTERVENTI A FAVORE DEGLI ANZIANI

Sezione 3 INTERVENTI A FAVORE DEGLI ANZIANI Sezione 3 INTERVENTI A FAVORE DEGLI ANZIANI Soggiorni Estivi Climatici Servizi erogati in collaborazione con la C.U.P. Cooperativa Sociale Unitaria Pensionati Abbonamenti agevolati per il servizio di trasporto

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli