PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA SECONDARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA SEZIONE DI SASSARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA SECONDARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA SEZIONE DI SASSARI"

Transcript

1 SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA SECONDARIA Articolo 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA SEZIONE DI SASSARI Istituzione, finalità e obiettivi generali della Scuola. Caratteristiche generali 1. E' istituita dall'università di Sassari la Sezione prevista dal Regolamento consortile per l attivazione nella Regione Sardegna di una Scuola interuniversitaria di specializzazione denominata Scuola di specializzazione per la formazione degli insegnanti della Scuola Secondaria, in ottemperanza alla legge n. 341 del La finalità fondamentale della Scuola si identifica nella formazione professionale specifica degli insegnanti della Scuola secondaria. 3. Gli obiettivi generali della Scuola si articolano nelle seguenti direzioni: a) acquisizione di competenze relative alle scienze dell'educazione e all'interazione educativa; b) acquisizione di competenze di carattere storico ed epistemologico intorno alle discipline d'insegnamento proprie di ciascuna delle abilitazioni conseguibili per le scuole secondarie; c) acquisizione di competenze di didattica delle discipline proprie di ciascuna abilitazione; d) acquisizione di competenze legate all'esercizio effettivo dell'insegnamento. Costituisce obiettivo formativo della scuola l insieme di attitudini e di competenze caratterizzanti il profilo professionale dell insegnante indicato nell allegato a) dei Criteri generali (D.M.26/5/1998). 4. Per la realizzazione di tali obiettivi potrà essere richiesto un adeguamento di particolari competenze disciplinari di base e la frequenza a specifici insegnamenti. Tali insegnamenti hanno carattere aggiuntivo rispetto agli altri. 5. La Scuola si articola in indirizzi comprendenti una o più abilitazioni all insegnamento conseguibili per le scuole secondarie in conformità con il diploma di laurea che ha dato accesso alla Scuola. 6. L' attivazione dei singoli indirizzi e i mutamenti dei loro insegnamenti, nelle ipotesi di cui al quinto comma di questo articolo, vengono attuati con delibera del Consiglio della Sezione, sentito il Consiglio del Consorzio, nell ambito del coordinamento consortile. Articolo 2

2 Organi Sono organi della Sezione: 1. il Consiglio della Sezione 2. il Direttore 3. i Consigli di indirizzo

3 1) Il Consiglio della Sezione è composto da tutti i docenti della sezione, integrato da una rappresentanza dei docenti di scuola secondaria impegnati nelle attività di tirocinio e dei laboratori didattici e da una rappresentanza degli specializzandi eletta con mandato biennale, in numero pari al 15% del Consiglio. Partecipa ai lavori del Consiglio, a titolo consultivo, un rappresentante per ciascuno dei Provveditorati agli Studi provinciali interessati. Sono compiti del Consiglio della Sezione: a) elezione del Direttore; b) programmazione dell attività didattica, individuazione dei criteri, modalità e tempi dell attività generale; attuazione della verifica della funzionalità complessiva della Sezione; c) deliberazioni sui bilanci e sulle spese della Sezione; d) approvazione dei piani di studio individuali. 2) Il Direttore: a) è eletto tra i docenti del Consiglio della Sezione; b) sovrintende al complesso di attività di pertinenza della Sezione; c) sovrintende alla gestione amministrativa e finanziaria della Sezione. 3) Ogni indirizzo ha il suo Consiglio, costituito da tutti i suoi docenti, i quali eleggono al loro interno il coordinatore. Ogni Consiglio di indirizzo propone i piani di studio e delibera intorno alle prove di ammissione ai corsi. Il coordinatore armonizza l indirizzo con tutti gli altri indirizzi e con la restante attività della Sezione. Articolo 3 Durata degli studi, scelta dell'indirizzo, determinazione del numero degli studenti ammissibili, tempi complessivi dell attività didattica. 1. La durata complessiva degli studi della Scuola è di due anni accademici, ciascuno articolato in due semestri, per un totale di almeno 10 insegnamenti semestrali più l'attività di tirocinio. Il Consiglio della Sezione può valutare un alleggerimento del carico didattico e/o un accorciamento della durata della Scuola, comunque non superiore ad un anno, sulla base del meccanismo di crediti didattici adottato.

4 2. Nella domanda di ammissione il candidato deve indicare l'indirizzo della Scuola che egli intende seguire e le abilitazioni che intende conseguire. Non è ammessa l'iscrizione contemporanea a più di un indirizzo. 3. Il numero di iscritti alla Scuola nei diversi indirizzi è stabilito annualmente dal Consiglio del Consorzio, sentite le competenti autorità scolastiche e tenuto conto degli stanziamenti disponibili. 4. Per il raggiungimento degli obiettivi propri della Scuola, sono previste non meno di 1000 ore di attività, di cui almeno 300 dedicate alle attività di tirocinio e 200 ai laboratori didattici.

5 Articolo 4 Criteri di ammissione alla Scuola Possono essere ammessi alla Scuola di specializzazione: i cittadini italiani muniti di diploma di laurea che dia accesso alle classi di abilitazione nella scuola secondaria; i cittadini italiani muniti di diploma conseguito presso le Accademie di belle arti, i Conservatori e gli istituti musicali parificati, gli ISEF, ciascuno per le classi di abilitazione corrispondenti; i cittadini comunitari in possesso di titolo universitario che dia accesso alle attività di formazione e tirocinio degli insegnanti di scuola secondaria nel paese di provenienza; i cittadini extracomunitari in possesso di titolo universitario riconosciuto equipollente al diploma di laurea. All atto dell accoglimento della domanda di accettazione nella Scuola, lo studente viene iscritto all indirizzo richiesto, sulla base dei posti disponibili. Gli elementi di giudizio che concorrono a stabilire la graduatoria per l ammissione alla Scuola sono: a) prova di esame, per un punteggio massimo pari al 50% del punteggio totale; b) curriculum universitario, per un punteggio massimo pari al 20% del punteggio totale; c) altri titoli, per un punteggio massimo del 30% del punteggio totale. L esame consiste in una prova scritta vertente su argomenti fondamentali a carattere disciplinare e in un successivo colloquio riservato a coloro che abbiano superato la prova scritta. Alla formazione del punteggio relativo alla componente curriculum universitario concorrono le seguenti voci: corso di laurea specifico voto di laurea eventuale indirizzo frequentato tesi di laurea (se pertinente)

6 voti riportati in un numero prefissato di esami universitari ritenuti qualificanti dal Consiglio della Sezione. Alla formazione del punteggio relativo alla componente altri titoli concorrono le seguenti voci: eventuale seconda laurea (purchè pertinente all abilitazione richiesta) corsi di perfezionamento o assimilati scuole di specializzazione dottorati di ricerca soggiorni di studio all estero pubblicazioni scientifiche precedenti esperienze di insegnamento Tali voci saranno valutabili purchè pertinenti e quantificabili.

7 Articolo 5 Indirizzi attivati 1. In prima attuazione, la Sezione di Sassari della Scuola di specializzazione attiva i seguenti indirizzi: Indirizzo delle Scienze Naturali. Indirizzo Fisico-Matematico-Informatico Indirizzo delle Scienze Umane Indirizzo Linguistico-Letterario Indirizzo delle Lingue Straniere Indirizzo Economico-Giuridico Indirizzo per l Arte ed il Disegno 2. All attuazione delle attività didattiche programmate dal Consiglio della Sezione concorrono i Corsi di Studio, le Facoltà ed i Dipartimenti dell Ateneo di Sassari attinenti alla realizzazione delle finalità di cui all art.1 comma 2. Articolo 6 Piani di studio Il Consiglio della Sezione approva per ogni allievo il piano di studio, che terrà conto del curriculum universitario precedente e dovrà prevedere almeno 5 insegnamenti semestrali dell area comune ed altrettanti dell area didattico-disciplinare. Il piano di studi potrà comprendere un maggior numero di semestralità qualora l allievo intenda conseguire una pluralità di abilitazioni. Il piano potrà altresì prevedere completamenti disciplinari, da acquisire nelle Facoltà competenti, quando nel curriculum della laurea di provenienza vi siano state carenze in qualche disciplina rilevanti ai fini dell abilitazione da conseguire. Piani di studio di un solo semestre possono essere approvati a favore di chi, già abilitato, aspiri ad una diversa abilitazione ovvero di chi sia in possesso, oltre che della laurea prevista per l abilitazione, anche di quella in scienze della formazione primaria.

8 I piani di studio degli allievi che intendono conseguire una abilitazione valida anche per l attività didattica di sostegno comprendono aggiuntivamente almeno 400 ore di attività didattica attinenti l integrazione scolastica degli alunni portatori di handicap, attività che dovranno prevedere contenuti sia dell area delle pedagogie e delle didattiche speciali, sia dell area neuropsicologica specifica e comprendere adeguate attività di laboratorio e di tirocinio. Almeno 100 tra le ore di tirocinio sono finalizzate ad esperienze nel settore del sostegno. Chi ha già conseguito il diploma nella scuola può integrare il percorso formativo, ai fini indicati, con uno o due semestri aggiuntivi. La preparazione specialistica, necessaria in relazione a particolari handicap sensoriali, dovrà essere completata, con riferimento alle specifiche situazioni, in sede di formazione in servizio. Articolo 7 Crediti didattici Alle attività didattiche previste per ogni anno accademico viene attribuito complessivamente un credito didattico corrispondente a 60 punti. Alle attività di tirocinio è riservato non meno del 25% dei crediti didattici complessivi. Alle attività di laboratorio didattico è riservato non meno del 20% dei crediti didattici complessivi. Alle attività dell area comune è riservato non meno del 20% dei crediti didattici complessivi. Alle attività dell area didattica disciplinare è riservato non meno del 20% dei crediti didattici complessivi. Gli specializzandi ai quali siano stati riconosciuti dal Consiglio della Sezione dei crediti didattici maturati al di fuori dell attività della Scuola, entro un tetto massimo di 60 punti, potranno usufruirne in termini di alleggerimento del carico didattico e di abbreviazione della durata della Scuola. Potranno costituire credito didattico le seguenti attività: a) corsi universitari di didattiche e metodologie disciplinari b) corsi universitari di tipo epistemologico, storico-critico c) corsi universitari di tipo pedagogico, psicologico, docimologico d) corsi universitari di perfezionamento ed assimilati, purchè attinenti e) scuole di specializzazione, purchè attinenti f) dottorati di ricerca, purchè attinenti g) esperienze di insegnamento pregresse h) esperienze formative acquisite in strutture post-secondarie

9 Ai fini del riconoscimento dei crediti, il Consiglio della Sezione potrà richiedere la documentazione analitica del programma ufficiale dei corsi e delle esperienze didattiche e formative per i quali viene richiesto il credito.

10 Art. 8 Organizzazione dell insegnamento e delle attività 1. Gli obiettivi della Scuola sono perseguiti mediante insegnamenti e attività comuni a tutti gli iscritti e insegnamenti e attività specifici di indirizzo. 2. Le aree di insegnamento e il tirocinio didattico compresi dalla Scuola sono individuati nel modo seguente: a) insegnamenti di area comune, in relazione agli obiettivi indicati nell' art. 1, comma 3, punto a); b) insegnamenti di didattica disciplinare, con adeguato spazio agli aspetti storici ed epistemologici, riguardanti le materie insegnate nelle scuole secondarie, in relazione agli obiettivi indicati nell' art. 1, comma 3, punti b) e c); c) il laboratorio didattico; d) il tirocinio didattico, in relazione agli obiettivi indicati nell'art. 1, comma 3, punto d). 3. Gli insegnamenti riguardanti l' eventuale completamento delle competenze di cui all'art. 1, comma 3 e 4, possono essere mutuati, per non più di un quarto degli insegnamenti attivati nella sezione, da corsi di laurea presenti nell' ateneo, oppure, ove ciò non sia possibile, possono essere impartiti attraverso corsi di didattica integrativa organizzati all' interno delle attività disciplinari. Articolo 9 Insegnamenti della Scuola: area comune 1. Per la formazione delle competenze nelle discipline attinenti l area comune, la scuola organizza 5 insegnamenti, denominati corsi integrati, più un insegnamento (denominato corso integrato) di didattica di sostegno, riservato agli allievi che intendono acquisire l abilitazione all attività didattica di sostegno ai sensi dell art. 14, comma 2, della legge n. 104), ciascuno di durata semestralizzata (tab. 1): 1. Corso integrato di PEDAGOGIA Pedagogia generale Pedagogia speciale Pedagogia sperimentale Storia della scuola e delle istituzioni educative Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica

11 Filosofia dell educazione 2. Corso integrato di DIDATTICA Didattica generale Tecnologia dell istruzione e dell apprendimento Didattica speciale e dell orientamento Metodologia e tecnica del lavoro di gruppo Teorie e metodi di programmazione e valutazione scolastica

12 3. Corso integrato di PSICOLOGIA Psicologia generale Psicologia dell apprendimento Psicologia della personalità Psicologia di comunità 4. Corso integrato di PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO Psicologia dell educazione e dell orientamento Psicodinamica delle relazioni familiari Teoria e tecniche delle dinamiche di gruppo Psicopatologia dello sviluppo e dell orientamento 5. Corso integrato di SOCIOLOGIA Sociologia generale Sociologia dell educazione Antropologia culturale Sociologia della famiglia 6. Corso integrato di DIDATTICA DI SOSTEGNO (riservato agli allievi che intendono acquisire l abilitazione all attività didattica di sostegno ai sensi dell art. 14, comma 2, della legge n. 104) Psicopatologia dello sviluppo Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Pedagogia speciale

13 Didattica speciale 2. Obiettivo degli insegnamenti dell area comune è l'acquisizione delle competenze necessarie per affrontare i compiti formativi generali proposti alle scuole secondarie; per individuare obiettivi comuni e forme di coordinamento del lavoro didattico; per fornire alle competenze disciplinari e di didattica disciplinare supporti opportuni per il perseguimento degli stessi obiettivi disciplinari. 3. Gli obiettivi propri degli insegnamenti indicati nel comma precedente sono sinteticamente indicati nel seguente modo: Ø Ø Ø Ø Ø fornire competenze teoriche e operative intorno alla programmazione degli interventi educativi e di istruzione, nonché nelle tecniche di valutazione ad essi inerenti: competenze che costituiscono un fattore qualificante della professionalità docente e caratterizzano positivamente i processi di insegnamento/apprendimento secondo un approccio di tipo sperimentale; fornire strumenti di riflessione storico - critica intorno alle finalità generali dell'educazione e dell'insegnamento e informazioni e tecniche riguardanti la programmazione educativa e didattica, anche con riferimento all' integrazione dei soggetti portatori di handicap; fornire una conoscenza dei processi psicologici che sul piano cognitivo e socio - affettivo influenzano il fatto formativo, tenendo conto che tale conoscenza rappresenta un requisito essenziale per gli insegnanti, in quanto li orienta verso modalità di intervento che valorizzano la dimensione soggettiva dell'allievo e ne suscitano motivazione ad apprendere; fornire competenze teoriche e pratiche circa l'attività collegiale, che caratterizza come forma di organizzazione/funzionamento l' istituzione scolastica, oltre che come esigenza pedagogica, larga parte del lavoro degli insegnanti; far acquisire il concetto che l'apprendimento e la capacità di controllo delle dinamiche che vengono attivate all'interno del gruppo, e che ne condizionano la produttività, si configurano come costituenti rilevanti della formazione professionale dei docenti; fornire consapevolezza teorica della centralità del linguaggio e della comunicazione nella didattica e nei processi di apprendimento; fornire capacità operative di gestione della educazione all'ascolto, al parlato, alla lettura e alla scrittura nell'ambito delle varie discipline e dei loro specifici linguaggi; Ø fornire conoscenze riguardo al funzionamento della scuola come istituzione, all'organizzazione dell'istruzione in Italia, agli interventi legislativi che hanno determinato gli obiettivi e l'assetto attuale; Ø fornire conoscenze e competenze alle tecnologie didattiche, intese non soltanto come strumenti, ma anche come ambienti di formazione dell esperienza e della conoscenza.

14 4. Gli insegnamenti dell area comune sono svolti di norma in forma congiunta per gli allievi dei diversi indirizzi; possono essere peraltro disposte, quando ciò appaia opportuno, parziali differenziazioni in funzione del grado scolastico e delle discipline dei diversi indirizzi della Sezione. Articolo 10 Insegnamenti della Scuola: discipline di carattere didattico - disciplinare. 1. Per la formazione delle competenze di carattere storico, epistemologico e didattico che riguardano le discipline d'insegnamento proprie di ciascuna abilitazione, la Scuola organizza per ciascun indirizzo non meno di 5 insegnamenti, ciascuno di durata semestrale, organizzati in corsi monodisciplinari e corsi integrati (tab.2). 2. In relazione alla formazione delle competenze di carattere storico ed epistemologico e di carattere didattico riguardanti le discipline proprie di ciascuna abilitazione, gli insegnamenti annualmente attivati sono indicati dal Consiglio della Sezione della Scuola all'atto della emanazione del bando di ammissione. 3. Obiettivo degli insegnamenti di didattica disciplinare e dei relativi laboratori è l'acquisizione di conoscenze riguardanti lo sviluppo storico delle singole discipline ed i rapporti tra esse ricorrenti, la riflessione epistemologica sulla natura dei problemi affrontati e sulle metodologie di ricerca utilizzate, la creazione di competenze specifiche intorno alla determinazione degli obiettivi didattici, alla scelta dei contenuti e alla loro organizzazione curricolare, e alla scelta e alla costruzione di strategie di insegnamento e di accertamento dei risultati raggiunti.

15 Articolo 11 Tirocinio e laboratorio didattico 1. Il tirocinio didattico consiste in esperienze svolte presso istituzioni scolastiche ed è finalizzato all'acquisizione di competenze legate all'esercizio effettivo dell'insegnamento, alla padronanza dei linguaggi e dei processi di comunicazione, all'uso critico delle tecnologie didattiche, e allo sviluppo di comportamenti e di atteggiamenti costruttivi e di collaborazione nelle interazioni sociali richieste dall'attività professionale. 2. Elementi caratterizzanti del tirocinio e del laboratorio didattico sono: a) la elaborazione, la sperimentazione e la valutazione di progetti di lavoro e di ricerca didattica distinti per ciascuno studente. Tali progetti sono comprensivi delle attività di tirocinio eventualmente presenti nei laboratori di didattica disciplinare o in altri insegnamenti; b) l organizzazione di attività distinte di indirizzo; c) il coordinamento con le attività didattiche di esercitazione e di laboratorio; d) utilizzazione delle risorse didattiche delle strutture universitarie interessate, e in particolare dei laboratori didattici in esse organizzati. 3. Il tirocinio viene espletato per l intera durata della scuola, ed è obbligatorio. 4. L organizzazione delle attività di tirocinio è devoluta, per ciascun indirizzo, a un collegio tutoriale composto da titolari delle didattiche, dei laboratori di didattica e delle discipline dell area delle scienze dell educazione per quell indirizzo e da insegnanti di scuole secondarie dei livelli scolastici corrispondenti. Il coordinamento del collegio tutoriale è conferito a uno degli insegnanti di scuola secondaria facenti parte del collegio stesso. Il numero dei componenti tale collegio è fissato dal Consiglio della Sezione. 5. Nel quadro delle indicazioni fornite dal Consiglio della Sezione, il coordinatore di ciascun indirizzo ricerca le opportune intese organizzative e culturali tra le attività di tirocinio didattico e gli altri insegnamenti. 6. Per l organizzazione delle attività del tirocinio, opportune intese sono tempestivamente perseguite dal Consiglio della Sezione - nel quadro di una apposita normativa da definire di concerto con i provveditorati agli studi, le scuole secondarie e gli insegnanti delle classi nelle quali le attività stesse si svolgono. Analoghe intese possono pure essere perseguite con il competente Istituto regionale per la ricerca, la sperimentazione e l aggiornamento educativi. Articolo 12 Valutazione delle attività e dissertazione finale

16 1.Fermo restando quanto previsto dal DPR n. 162 del 10 marzo 1982, art. 11, comma 2, «il giudizio globale sul livello di preparazione del candidato nelle singole discipline e relative attività pratiche prescritte» viene formulato sulla base di votazioni distinte per ciascuna disciplina. E prevista in ogni caso una prova specifica di conoscenza di una lingua straniera. In riferimento al tirocinio lo studente è tenuto a presentare una relazione analitica sulla attività svolta da sottoporre al giudizio del collegio tutoriale di cui all art. 10. Tale giudizio dovrà essere considerato, ai fini del giudizio globale, con un peso doppio. 2. I voti, eventualmente conseguiti dagli iscritti alla Scuola a seguito del superamento di esami, nei corsi di laurea, relativi ad insegnamenti indicati per il completamento delle competenze culturali, costituiscono anch essi base per il giudizio globale di cui al comma precedente. 3. Superati gli esami di profitto e conseguiti i crediti didattici previsti dal piano di studi, lo studente conclude gli studi stessi con un esame finale, consistente nella discussione di una relazione scritta relativa ad attività svolte nel tirocinio e nei laboratori didattici, eventualmente integrato da uno specifico lavoro di tesi, secondo modalità definite dal Consiglio della Sezione. 4. Della relativa Commissione esaminatrice fanno parte, oltre ai docenti universitari, anche insegnanti delle istituzioni scolastiche che abbiano svolto attività nella Scuola di specializzazione. La misura di questa partecipazione non può comunque essere superiore ai quattro undicesimi della Commissione. 5. L esame finale per il conseguimento del diploma di specializzazione ha valore di esame di stato quale abilitazione per le classi corrispondenti al curriculum seguito; il diploma conseguito costituisce titolo di ammissione ai concorsi a posti di insegnamento nelle scuole secondarie. Articolo 13 Durata del regolamento Il presente regolamento ha carattere sperimentale e può essere modificato ogni anno, prima dell inizio dell anno accademico, con delibera della struttura competente.

17 TABELLA 1 DEGLI INSEGNAMENTI DA ATTIVARE A) INSEGNAMENTI DI AREA COMUNE 1. Corso integrato di PEDAGOGIA Pedagogia generale Pedagogia speciale Pedagogia sperimentale Storia della scuola e delle istituzioni educative Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica Filosofia dell educazione 2. Corso integrato di DIDATTICA Didattica generale Tecnologia dell istruzione e dell apprendimento Didattica speciale e dell orientamento Metodologia e tecnica del lavoro di gruppo Teorie e metodi di programmazione e valutazione scolastica 3. Corso integrato di PSICOLOGIA Psicologia generale Psicologia dell apprendimento Psicologia della personalità Psicologia di comunità 4. Corso integrato di PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

18 Psicologia dell educazione e dell orientamento Psicodinamica delle relazioni familiari Teoria e tecniche delle dinamiche di gruppo Psicopatologia dello sviluppo e dell orientamento 5. Corso integrato di SOCIOLOGIA Sociologia generale Sociologia dell educazione Antropologia culturale Più Sociologia della famiglia Corso integrato di DIDATTICA DI SOSTEGNO (riservato agli allievi che intendono acquisire l abilitazione all attività didattica di sostegno ai sensi dell art. 14, comma 2, della legge n. 104) Psicopatologia dello sviluppo Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Pedagogia speciale Didattica speciale TABELLA 2 DEGLI ISEGNAMENTI DA ATTIVARE B) INSEGNAMENTI DI AREA DI INDIRIZZO *

19 Indirizzo delle Scienze Naturali e Indirizzo Fisico-Matematico-Informatico 1. Corso integrato Didattica della chimica Laboratorio di Didattica della chimica 2. Corso integrato di Didattica della matematica Laboratorio di Didattica della matematica 3. Corso integrato di Didattica della fisica Laboratorio di Didattica della fisica 4. Corso integrato di Didattica delle scienze naturali Laboratorio di Didattica delle scienze naturali 5. Corso integrato di Didattica delle scienze della terra Laboratorio di Didattica delle scienze della terra 6. Corso integrato di Didattica di esperienze didattiche di biologia Laboratorio di Didattica della biologia 7. Epistemologia 8. Didattica dell educazione sanitaria

20 Indirizzo delle Scienze Umane: 1. Corso integrato di FILOSOFIA Didattica della filosofia Epistemologia Filosofia morale Laboratorio di Filosofia Laboratorio di Storia della filosofia 2. Corso integrato di STORIA Didattica della storia romana e medievale Didattica della storia moderna e contemporanea Didattica della preistoria e protostoria della Sardegna Laboratorio di Documentazione e storia moderna Laboratorio di Epigrafia e informatica Laboratorio di Paleografia e storia medievale Laboratorio di Preistoria e protostoria della Sardegna 3. Corso integrato di PSICOLOGIA APPLICATA Didattica della psicologia Igiene Mentale Laboratorio di Dinamiche di gruppo Laboratorio di Psicologia dello sviluppo Psicopatologia della relazione

21 4. Corso integrato di PSICOPEDAGOGIA Laboratorio di Dinamiche di gruppo nella scuola Laboratorio di Psicopedagogia sperimentale Psicopedagogia dell'orientamento Pedagogia della marginalità e della devianza minorile 5. Corso integrato di SOCIOANTROPOLOGIA Laboratorio di Antropologia culturale Laboratorio di Metodologia della ricerca Laboratorio di Sociologia Laboratorio di Sociologia della comunicazione di massa Sociologia della comunicazione di massa

22 Indirizzo LINGUISTICO LETTERARIO: 1. Corso integrato di LINGUISTICA Glottodidattica Linguistica generale e applicata Linguistica sarda 2. Corso integrato di LINGUE CLASSICHE Didattica delle letterature classiche Didattica delle lingue classiche Filologia latina Laboratorio di Didattica delle lingue classiche 3. Corso integrato di LINGUA ITALIANA Didattica della letteratura e filologia sarda Didattica della letteratura italiana Didattica della lingua italiana Laboratorio di Didattica della letteratura italiana Laboratorio di Didattica della lingua italiana 4. Corso integrato di GEOGRAFIA Didattica della geografia Didattica della geografia della Sardegna Didattica della cartografia Laboratorio di geografia

23 Laboratorio di Geografia della Sardegna Laboratorio di Cartografia 5. Corso integrato di STORIA Didattica della storia romana e medievale Didattica della storia moderna e contemporanea Didattica della preistoria e protostoria della Sardegna Laboratorio di Documentazione e storia moderna Laboratorio di Epigrafia e informatica Laboratorio di Paleografia e storia medievale Laboratorio di Preistoria e protostoria della Sardegna 6. Corso integrato di STORIA DELL ARTE Didattica della storia dell'arte Fenomenologia degli stili Laboratorio di Didattica della storia dell'arte Laboratorio di Discipline etnodemologiche Psicologia dell'arte e della Letteratura Storia dell'arte in Sardegna

24 Indirizzo delle Lingue Straniere: 1. Glottodidattica 2. Corso integrato di didattica della lingua inglese Laboratorio di Lingua inglese 3. Corsi integrato di didattica della lingua francese Laboratorio di Lingua francese 4. Corso integrato di didattica della lingua tedesca Laboratorio di Lingua tedesca 5. Corso integrato di didattica della lingua spagnola Laboratorio di Lingua spagnola 6. Corso integrato di didattica della letteratura Letteratura inglese-francese-tedesca-spagnola 7. Linguaggi dell informatica 8. Linguaggi specialistici 9. Tecniche dell insegnamento a distanza

25 Indirizzo per l Arte ed il Disegno: 1. Corso integrato di STORIA DELL'ARTE CLASSICA Didattica della storia dell'arte classica e medioevale Laboratorio di Restauro Laboratorio di Discipline etnodemologiche Laboratorio di Storia dell'arte classica e medioevale 2. Corso integrato di STORIA DELL'ARTE MODERNA Didattica della storia dell'arte moderna e contemporanea Didattica delle arti visive Laboratorio di Arti visive Laboratorio di Storia dell'arte moderna e contemporanea Storia dell'arte in Sardegna 3. Corso integrato di FENOMENOLOGIA DEGLI STILI Didattica delle mode e stili Laboratorio di Mode e stili Psicologia dell'arte e della Letteratura 4. Corso integrato di SEMIOLOGIA DELLE ARTI Didattica della critica d'arte

26 Didattica della metodologia artistica Laboratorio di Metodologia della pittura Laboratorio di Metodologia della scultura Laboratorio di Metodologia scenografica Semiologia delle arti 5. Corso integrato di TEORIA DELLE FORME Didattica della letteratura artistica Didattica delle arti comparate Laboratorio di Letteratura artistica Laboratorio di Arti comparate

27 Indirizzo economico-giuridico: 1. Corso integrato di DIDATTICA DELL ECONOMIA Laboratorio di Didattica dell economia politica Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Didattica di economia e gestione delle imprese Laboratorio di didattica della tecnica commerciale Didattica della geografia economica Didattica della merceologia 2. Corso integrato di DIDATTICA DEL DIRITTO Laboratorio di Diritto pubblico Laboratorio di Diritto privato Laboratorio di Diritto commerciale Laboratorio di Diritto amministrativo e ambientale Laboratorio di Diritto dell urbanistica e del territorio Laboratorio di Diritto e legislazione sociale Laboratorio di Diritto comunitario 3. EPISTEMOLOGIA DEL DIRITTO 4. EPISTEMOLOGIA DELL ECONOMIA POLITICA 5. Corso integrato di INFORMATICA DEL DIRITTO E DELL ECONOMIA Laboratorio di Informatica giuridico-economica

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Firmatari: MANFREDI Gaetano. DR/2015/1389 del 27/04/2015 SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Firmatari: MANFREDI Gaetano. DR/2015/1389 del 27/04/2015 SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE Ripartizione Relazioni Studenti IL RETTORE VISTO il D.M. 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Legge 20 maggio 1982, n. 270 (in SO alla GU 22 maggio 1982, n. 139)

Legge 20 maggio 1982, n. 270 (in SO alla GU 22 maggio 1982, n. 139) Legge 20 maggio 1982, n. 270 (in SO alla GU 22 maggio 1982, n. 139) Revisione della disciplina del reclutamento del personale docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica, ristrutturazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D.R. n. 1000 del 16.7.2013 Master di I Livello in MANAGEMENT DEI PRODOTTI E SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Cagliari, emanato con D.R. n. 339

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli