LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008"

Transcript

1 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (V.I.A.) Ing. Serena Conserva Roma, marzo 2008

2 Definizione La Valutazione di Impatto Ambientale rappresenta una procedura tecnico-amministrativa volta alla formulazione di un giudizio di compatibilità sugli effetti che una determinata attività di pianificazione o di progetto di un opera avrà sull ambiente globale inteso come l insieme delle attività ità umane e delle risorse naturali 2

3 Definizione Il termine V.I.A. implica che debba essere formulato un giudizio sugli effetti di una perturbazione (in genere di origine antropica) sull ambiente Permette di valutare l impatto che piani ed opere in progetto possono esercitare sull ambiente 3

4 Finalità La VALUTAZIONE deve essere eseguita da un punto di vista TECNICO con lo scopo di permettere all Amministrazione Pubblica di valutare gli effetti che il progetto in questione può esercitare sull ambiente ambiente. La V.I.A. costituisce un elemento di supporto per il rilascio delle autorizzazioni dei progetti definitivi, ma non è l unico vincolo decisionale poiché la decisione finale sarà basata anche su ragioni politiche, economiche, strategiche e sociali. VALUTAZIONE ECONOMICA VALUTAZIONE SOCIALE VALUTAZIONE STRATEGICA VALUTAZIONE AMBIENTALE Analisi costi/benefici Distribuzione di equità vantaggi/svantaggi; esigenze di sviluppo Valutazioni militari; diversificazione di approvvigionamento risorse; gestione delle risorse rare e delle tecnologie avanzate VIA V.I.A 4

5 Finalità E uno degli strumenti riconosciuti dalla politica ambientale della CEE, fondata appunto su principi di azione preventiva Agire direttamente alla fonte anziché riparare ai danni provocati 5

6 Finalità considerare in fase di progettazione gli obiettivi i di proteggere la salute e di migliorare la qualità della vita umana, al fine di contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità di riproduzione dell ecosistema in quanto risorsa essenziale di vita, di garantire l uso plurimo delle risorse e lo sviluppo sostenibile; valutare gli effetti diretti ed indiretti sull uomo, sulla fauna, sulla flora, sul suolo, sulle acque di superficie e sotterranee, sull aria, sul clima, sul paesaggio e sull interazione fra detti fattori, sui beni materiali e sul patrimonio culturale ed ambientale; garantire lo scambio di informazioni e la consultazione tra il soggetto e l autorità competente, nonché l informazione e la partecipazione dei cittadini al procedimento 6

7 Normativa comunitaria Direttiva Comunitaria 85/337/CEE Direttiva Comunitaria 97/11/CE Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Normativa nazionale art. 6d della Legge n. 349 dell 8 luglio li 1986 DPCM n. 377 del 10 agosto 1988 DPCM 27 dicembre 1988 DPR n aprile 1996, successivamente integrato e modificato dal DPCM del 3 settembre 1999 e dal DPCM del 1 settembre 2000 D.L. 152/2006 Testo Unico Ambientale Normativa regionale 7

8 Normativa comunitaria: La politica ambientale dell UE si realizza (2001) attraverso due strumenti ti di VALUTAZIONE AMBIENTALE: V.I.A. applicata a singoli progetti di opere V.A.S. applicata a piani e programmi (recentemente recepita dal DL 152/2006 ) 8

9 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 85/337/CEE Fa riferimento esclusivamente a PROGETTI ed OPERE pubbliche oprivate le cui dimensionii i o caratteristiche sono tali da poter indurre cambiamenti ambientali o effetti negativi i sul benessere della popolazione 9

10 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 85/337/CEE L autorizzazione all esecuzione di tali progetti viene concessa previa valutazione delle ripercussioni sull ambiente tenendo in considerazione: La necessità di proteggere la salute umana e migliorare la qualità della vita salvaguardando l ambiente lambiente La necessità di mantenere le varie specie La necessità di conservare la capacità di riproduzione dell ecosistema 10

11 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 85/337/CEE In base all art. 3 la V.I.A. devee individuare, id descrivereere e valutare in modo appropriato gli effetti diretti e indiretti di un progetto sui seguenti fattori: L uomo Luomo, la fauna, la flora Il suolo, l acqua, l aria, il clima, il paesaggio L interazione tra i suddetti fattori 11

12 Normativa comunitaria: DIR. 85/337/CEE DIR. 97/11/CE DIR. 2001/42/CE Allegato I Procedura VIA obbligatoria Progetti più importanti ad elevato rischio ambientale, sanitario, naturalistico, sociale, ecc. Allegato II Procedura VIA non obbligatoria ma possibile Progetti meno importanti AMBITO NAZIONALE AMBITO REGIONALE 12

13 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 91/11/CE La novità più importante è l inserimento della FASE DI SCREENING o SELEZIONE (art. 4, paragrafi 2 e 3) applicata solo ai progetti dell allegato II (V.I.A. non obbligatorio) Criteri di selezione: Caratteristiche dei progetti (dimensione, produzione rifiuti, rischio incidenti, inquinamento e disturbi ambientali, ecc.) Localizzazione dei progetti (sensibilità ambientale delle aree geografiche: zone costiere, parchi naturali, zone a forte densità demografica, ecc.) Caratteristiche dell impatto probabilità dell impatto, ecc.) potenziale (la portata dell impatto, la 13

14 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Include la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull ambiente (Valutazione Ambientale Strategica V.A.S.) Per piani e programmi si intendono tutti i piani e programmi: Elaborati e/o redatti da un autorità a livello nazionale, regionale o locale Previsti da disposizioni legislative, regolamentari o amministrative 14

15 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Viene effettuata per tutti i piani e programmi elaborati per i settori AGRICOLO, FORESTALE, della PESCA, ENERGETICO, INDUSTRIALE, dei TRASPORTI, di GESTIONE dei RIFIUTI, TELECOMUNICAZIONI, TURISTICO, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, DESTINAZIONE dei SUOLI; Non rientrano nell ambito di applicazione della direttiva PIANI e PROGRAMMI destinati a scopi di DIFESA NAZIONALE e di PROTEZIONE CIVILE; PIANI e PROGRAMMI FINANZIARI o di BILANCIO 15

16 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE La V.A.S prevede una fase di monitoraggio dove gli Stati membri controllano gli effetti ambientali significativi dell'attuazione dei piani edeiprogrammi al fine, tra l'altro, di individuare tempestivamente gli effetti negativi previsti ed essere in grado di adottare le misure correttive che ritengono opportune (art.10). La finalità prioritaria della valutazione è la verifica della rispondenza del programma con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile, sia valutando il grado di integrazione dei principi di sviluppo sostenibile al suo interno, sia verificandone il complessivo impatto ambientale, ovvero la diretta incidenza sulla qualità dell'ambiente. 16

17 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Per valutazione ambientale si intende l elaborazione di un rapporto di impatto ambientale, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del rapporto ambientale e dei risultati ti delle consultazioni i nell iter decisionale i 17

18 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Per rapporto ambientale si intende la parte della documentazione del piano o del programma contenente le informazioni prescritte in art. 5 allegato I Illustrazione dei contenuti edegli obiettivi principali del piano odel programma anche in rapporto con altri piani e programmi Aspetti riguardanti lo stato attuale dell ambiente ela sua probabile evoluzione del piano odel programma Caratteristiche ambientali delle aree interessate Problemi ambientali esistenti, pertinenti al piano oal programma, soprattutto quelli relativi ad aree di particolare rilevanza ambientale 18

19 Normativa comunitaria: Direttiva Comunitaria 2001/42/CE Obiettivi di protezione ambientale stabiliti a livello internazionale, comunitario odegli stati membri eil modo in cui si ètenuto conto di tali obiettivi durante la preparazione del piano odel programma Possibili aspetti significativi ifi i sull ambiente (biodiversità, ità salute umana, flora efauna, suolo, acqua, aria, fattori climatici, beni culturali ) Misure previste per impedire, ridurre e compensare nel modo più completo possibile gli eventuali effetti negativi sull attuazione del piano Sintesi delle ragioni della scelta delle alternative individuate e descrizione di come è stata effettuata la valutazione, nonché le eventuali difficoltà incontrate nella raccolta delle informazioni Descrizione delle misure previste in merito al monitoraggio 19

20 FONTE: APAT 1/07/2005 La direttiva 2001/42 non era stata recepita a livello nazionale, mentre a livelloll regionale erano state emanate disposizioni concernenti direttamente il recepimento, anche se parziale, della direttiva. LAZIO Delibera G. R. 21/11/2002,

21 Normativa nazionale: La procedura di V.I.A. in Italia è organizzata a due livelli: Ambito statale Ambito regionale L elemento principale discriminante è l appartenenza lappartenenza delle tipologie e delle dimensioni dell opera 21

22 Normativa nazionale: art. 6 della Legge n. 349 dell 8 luglio 1986 Recepisce la direttiva comunitaria n. 85/337/CEE introducendo la V.I.A. inmaniera assai generale ed istituendo il Ministero dell Ambiente 22

23 Normativa nazionale: DPCM n. 377 del 10 agosto 1988 DPCM 27 dicembre 1988 Si varano le disposizioni applicative della procedura di V.I.A., gli aspetti disciplinatii i sono: Il tipo di opere che devono essere sottoposte obbligatoriamente a V.I.A Lafasediproceduradiviarelativaallacomunicazione (consegna del progetto preliminare, i del progetto definitivo iti ed esecutivo dell opera e la redazione di uno studio di impatto ambientale La fase della pubblicità del progetto 23

24 Normativa nazionale: DPR 12 aprile 1996, successivamente integrato e modificato dal DPCM del 3 settembre 1999 e dal DPCM del 1 settembre 2000 Il SIA deve contenere almeno le seguenti informazioni (allegato C ) la descrizione del progetto, con l indicazione dei parametri ubicativi, dimensionali e strutturali, e le finalità dello stesso la descrizione dei potenziali effetti sull ambiente, anche con riferimento a parametri e standard previsti dalla normativa ambientale la rassegna delle relazioni esistenti fra l opera proposta p e le norme in materia ambientale, nonché i piani di utilizzazione del territorio la descrizione delle misure previste per eliminare o ridurre gli effetti sfavorevoli sull ambiente 24

25 Normativa nazionale: OPERE SOTTOPOSTE OBBLIGATORIAMENTE A V.I.A. Artt DPCM 27/12/88 ; art 1 deldpcm 10/8/88 impianti industriali centrali termiche e impianti per la produzione dell energia elettrica infrastrutture lineari di trasporto aeroporti porti e vie navigabili impianti i tecnologici i impianti di regolazione delle acque elettrodotti ett aerei e esterni per trasporto to e distribuzione en. el. Presentazione progetto opera e studio V.I.A. al Ministero dell Ambiente 25

26 Normativa nazionale: cartiere OPERE SOTTOPOSTE OBBLIGATORIAMENTE A V.I.A. DPR 12 aprile 1996 opere allegato A integrate con DPCM 3/9/00, DPCM 1/9/00 dighe industrie chimiche concerie porti turistici discariche rifiuti urbani, e rifiuti speciali stoccaggio rifiuti speciali impianti depurazione cave e torbiere Presentazione progetto opera e studio VIA alla Regione 26

27 Normativa nazionale: agricoltura OPERE SOTTOPOSTE OBBLIGATORIAMENTE A V.I.A. DPR 12 aprile 1996 opere allegato B se in aree naturali protette (L. 394/97) industrie alimentari industrie tessili, cuoio lavorazione metalli, carta interporti, porti lacuali e fluviali strade extraurbane, urbane, ferrovie localili acquedotti impianti smaltimento RS discariche RSU, RSNP Presentazione progetto opera e studio VIA alla Regione 27

28 Normativa nazionale: OPERE SOTTOPOSTE SOLO EVENTUALMENTE A V.I.A. DPR 12 aprile 1996 opere allegato B non localizzate su aree naturali protette Presentazione del progetto dell opera alla Regione per valutare se,,p per le sue caratteristiche, deve essere assoggettato a V.I.A. In caso di giudizio positivo In caso di giudizio negativo Presentazione studio S.I.A. alla Regione Si prescinde dalla valutazione di impatto ambientale 28

29 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale 1. Le norme di cui alla parte seconda del decreto costituiscono attuazione: della direttiva 2001/42/CE concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull ambiente, con i seguenti obbiettivi: 1. garantire un elevato livello di protezione dell ambiente; 2. contribuire all integrazione di considerazioni ambientali nelle fasi di elaborazione, adozione ed approvazionea di determinati piani e programmi al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile; 3. promuovere l utilizzo della Valutazione Ambientale nella stesura dei piani e dei programmi statali, regionali e sovracomunali; 4. assicurare che venga comunque effettuata la Valutazione Ambientale dei piani e dei programmi che possono avere effetti significativi sull ambiente. 29

30 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale della direttiva 85/437/CEE concernente la V.I.A. di determinati progetti pubblici e privati, come modificata ed integrata dalle direttive 97/11/CE e 2003/35/CE in materia di prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento, con i seguenti obbiettivi : 1. garantire il pieno recepimento delle direttive comunitarie i in materia di V.I.A.; 2. semplificare e le procedure e di V.I.A., che dovranno tenere e econto del rapporto costi-benefici del progetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale; 3. Anticipare i le procedure di V.I.A. alla prima configurazione i sottoponibile ad un esame esauriente del progettodi intervento da valutare; 30

31 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale 4. introdurre un sistema di controlli idoneo ad accertare l effettivo rispetto delle prescrizioni impartite in sede di valutazione; 5. favorire la partecipazione del pubblico nell elaborazione di piani e programmi in materia ambientale; 6. garantire il completamento delle procedure in tempi certi; 7. introdurre meccanismi di coordinamento tra la procedura di V.I.A. e di V.A.S.; 8. adottare misure di coordinamento tra le procedure di V.I.A. e quelle di prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento, ovvero di autorizzazione integrata ambientale, nel caso di impianti sottoposti ad entrambe le procedure, al fine di evitare duplicazioni esovrapposizioni. 31

32 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale 2. La V.A.S. riguarda i piani ed i programmi di intervento sul territorio ed è preordinata a garantire che gli effetti sull ambiente derivanti dall attuazione di detti piani e programmi siano presi in considerazione durante la loro elaborazione e prima della loro approvazione. 3. La procedura per la V.A.S. costituisce parte integrane del procedimento ordinario di adozione ed approvazione. I provvedimenti di approvazione adottati senza previa V.A.S., sono nulli. 4. La V.I.A. riguarda i progetti di opere ed interventi che, per la loro natura o dimensione, i possano avere un impatto importante t sull ambiente. È inoltre preordinata a garantire che gli effetti derivanti dalla realizzazione e l esercizio di tali opere sull ecosistema siano presi in considerazione durante la loro progettazione e prima dell approvazione o autorizzazione dei relativi progetti, o comunque prima della loro realizzazione. 5. La procedura per la V.I.A. costituisce presupposto o parte integrante del procedimento ordinario di autorizzazione o approvazione. I provvedimenti di approvazione adottati senza previa V.I.A., sono nulli. 32

33 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Definizioni: i i i Procedimento di V.A.S.: l elaborazione di un rapporto concernente l impatto limpatto sull ambiente conseguente all attuazione attuazione di un determinato piano o programma da adottarsi o da approvarsi, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del rapporto ambientale e dei risultati delle consultazioni nell iter decisionale di approvazione e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione; Procedimento di V.I.A.: l elaborazione di uno studio concernente l impatto sull ambiente che può derivare dalla realizzazione e dall esercizio di un opera il cui progetto è sottoposto ad approvazione o autorizzazione, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione dello studio ambientale e dei risultati delle consultazioni, la valutazione dello studio ambientale e dei risultati delle consultazioni nell iter decisionale di approvazione o autorizzazione del progetto dell opera e la messa a disposizione delle informazioni sulla decisione; 33

34 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Definizioni: i i i Impatto ambientale: l alterazione qualitativa e/o quantitativa dell ambiente, inteso come sistema di relazioni tra i fattori antropici, fisici, chimici, naturalistici, climatici, paesaggistici, architettonici, culturali ed economici, in conseguenza all attuazione sul territorio di di piani o programmi o della realizzazione di progetti relativi a particolari impianti, opere o interventi pubblici o privati, nonché della messa in esercizio delle relative attività; Piani e programmi: tutti gli atti e provvedimenti di pianificazione e di programmazione comunque denominati previsti da disposizioni legislative, regolamentari o amministrative adottati o approvati da autorità statali, regionali o locali,compresi quelli cofinanziati dalla Comunità europea, nonché le loro modifiche; 34

35 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Definizioni: i i i Progetto di un opera od intervento: elaborato tecnico preliminare, definitivo o esecutivo concernente la realizzazione di un impianto, opera o intervento, compresi gli interventi sull ambiente naturale o sul paesaggio destinati allo sfruttamento delle risorse naturali e del suolo. La V.I.A. viene eseguita sui progetti preliminari che contengano l esatta lesatta indicazione delle aree impegnate e delle caratteristiche prestazionali delle opere da realizzare, oltre agli ulteriori elementi comunque ritenuti utili per lo svolgimento della valutazione di impatto ambientale; Rapporto ambientale: lo studio tecnico-scientifico contenente l individuazione, la descrizione e la valutazione degli effetti significativi che l attuazione di un determinato piano o programma potrebbe avere sull ambiente, nonché delle ragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi e dell ambito territoriale del piano e del programma. 35

36 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Definizioni: i i i Studio di impatto ambientale (S.I.A.): lo studio tecnico-scientifico contenente una descrizione del progetto con le informazioni relative alla sua ubicazione, concezione e dimensione, l individuazione, la descrizione e la valutazione degli effetti significativi che avrebbe la realizzazione del progetto sull ambiente, nonché contenente il confronto con le ragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi, degli interessi e dei servizi correlati all opera o all intervento progettato e dell ambito territoriale interessato; Giudizio di compatibilità ambientale: l atto con il quale l organo competente conclude la procedura di V.I.A. o di V.A.S.; Autorità competente: l amministrazione cui compete, in base alla normativa vigente, l adozione di un provvedimento conclusivo del procedimento o di una sua fase. 36

37 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Commissione i tecnico-consultiva consultiva li per le valutazioni i ambientali Con decreto del Presidente del consiglio dei Ministri è istituita, presso il Ministero dell ambiente e della tutela del territorio, la Commissione tecnico-consuntiva per le valutazioni ambientali. Tale Commissione assicura al Ministero il supporto tecnico-scientifico per l attuazione delle norme relative alle procedure di V.I.A. e V.A.S., provvede all istruttoria e si esprime sui rapporti ambientali e sugli S.I.A. relativi a piani e programmi o a progetti di competenza statale. L attività della Commissione è articolata in tre settori: a) valutazione ambientale strategica b) valutazione di impatto ambientale c) prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento 37

38 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Disposizioni i i i comuni in materia di V.A.S. Sono sottoposti a V.A.S.: a) Pianii eprogrammi che presentino entrambi i requisiti iitiseguenti: 1. concernano i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli; 2. contengano la definizione del quadro di riferimento per l approvazione approvazione, l autorizzazione, l area di localizzazione o comunque la realizzazione di opere ed interventi i cui progetti sono sottoposti a V.I.A. in base alla normativa vigente. b) I piani ed i programmi concernenti i siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e quelli classificati come siti di importanza comunitaria i per la protezione degli habitat tnaturali e della flora e della fauna selvatica. 38

39 Normativa nazionale: D.L Testo unico ambientale Disposizioni i i i comuni in materia di V.A.S. Sono sottoposti a V.A.S.: I piani i e i programmi che possonoavereeffetti significativi ifi i sull ambiente esul patrimonio culturale, a giudizio della sottocommissione competente per la valutazione ambientale strategica. Sono comunque esclusi dal campo di applicazione delle norme concernenti la V.I.A. e la V.A.S.: a. I piani i e i programmi destinati esclusivamente a scopo di difesa nazionale caratterizzati da somma urgenza o coperti dal segreto di stato; b. I piani e i programmi finanziari o di bilancio; c. I piani e i programmi relativi agli interventi di telefonia mobile soggetti alle disposizioni di cui all articolo articolo 87 del D.L. 259/2003 (Codice delle comunicazioni elettroniche) 39

40 Normativa regionale: E opportuno distinguere: Atti normativi che recepiscono, integrano ed attuano le normative nazionali senza nulla aggiungere in termini né di elenchi di opere né di obblighi autorizzativi Normative che, di fatto, ampliano gli elenchi di opere o introducono nuovi ed aggiuntivi obblighi La V.I.A. regionale è quella che propone gli elenchi di opere obbligate ad una V.I.A. la cui autorizzazione non viene data dal Ministero dell Ambiente ma dall autorità locale (Giunta Regionale o Provinciale) 40

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica V.A.S.

Valutazione Ambientale Strategica V.A.S. COMUNE DI PETRALIA SOTTANA (PA) Piano Regolatore Generale Valutazione Ambientale Strategica V.A.S. Allegato III: QUESTIONARIO DI CONSULTAZIONE Ai sensi dell Allegato VI del D.L.vo n. 152 del 3/4/2006 e

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti

Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Architettura corso Tecniche di valutazione ambientale di piani e progetti a.a. 2008/2009 Prof. Alessandro Giangrande LE NORME PER LA VAS E LA VIA: LA LEGGE DELEGA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 - suppl. ord. n. 96) IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 1731 23/02/2009 Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA ESCLUSIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE "VALLE SERIANA SUPERIORE" DALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE - VAS IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO recante Norme in materia ambientale

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO recante Norme in materia ambientale SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO recante Norme in materia ambientale INDICE PARTE PRIMA DISPOSIZIONI COMUNI ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE ARTICOLO 2 FINALITA ARTICOLO 3 CRITERI PER L ADOZIONE DEI PROVVEDIMENTI

Dettagli

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010.

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010. Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette 17 marzo 2010 Lucia Naviglio 17.3.2010 naviglio.lucia@gmail.com 1 parchi ed energia Promozione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS

VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PIANI, PROGRAMMI E PROGETTI: LA VIA E LA VAS Dott. Giovanni Santangelo Venezia, 9 aprile 2009 1 La Via e la Vas sono processi di valutazione Preventiva e Sistematica degli effetti

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 21 febbraio 2006 - Deliberazione N. 231 - Area Generale di Coordinamento N. 5 - Ecologia,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI CUI ALL ART. 42 DEL D.LGS. 267/2000 SEDUTA DEL GIORNO 21/12/2007 Commissario: Segretario Generale: SPAGNUL dott.

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art. 17 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i.

Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art. 17 del D. Lgs. 152/2006 e s.m.i. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _F_ Dgr n. 305 del 18/03/2015 pag. 1/11 Valutazione Ambientale strategica del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Dichiarazione di Sintesi ai sensi dell art.

Dettagli

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA la promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Direttiva 2001/77/CE del 27 settembre

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDE TE DELLA REPUBBLICA 27 ottobre 2011, n. 209 Regolamento recante istituzione di Zone di protezione ecologica del Mediterraneo nord-occidentale, del Mar Ligure e del Mar Tirreno. (11G0252)

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007

SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 SItI X Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica Pisa, 14 16 Ottobre 2007 NORME IN MATERIA AMBIENTALE LO STATO DI ATTUAZIONE DEL TESTO UNICO Antonio Faggioli INTRODUZIONE L ambiente, uno dei fattori determinanti

Dettagli

Vista la direttiva 96/61/CE del Consiglio, del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento;

Vista la direttiva 96/61/CE del Consiglio, del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento; Decreto legislativo 03.04.2006, n. 152: Norme in materia ambientale. Preambolo: [Preambolo] IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76, 87 e 117 della Costituzione; Vista la legge 15 dicembre

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 PARERE RELATIVO ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA Direttiva 92/43/CEE, art.6, D.P.R. 08/09/1997 n. 357, art.5. Oggetto: D.P.R. n.

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S.

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA COMUNE DI GAIOLE IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI parere espresso ai sensi della L.R. 10/2010 in

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail

degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati Ai Consiglieri Nazionali Ai componenti il Comitato Amministratore AGROTECNICI/ENPAIA LORO SEDI e-mail Roma, 12 marzo 2013 Prot. n. 1130/ARA OR/ml Oggetto: competenze professionali in valutazioni di incidenza ambientale. Direttiva n. 92/43/CEE e DPR n. 357/1997. Circolare pubblica. Ai Presidenti dei Collegi

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Delibera n. 192/05 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera n. 192/05 Modifiche ed integrazioni al regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas di cui alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04 L AUTORITÀ PER

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, TURISMO E PROTEZIONE CIVILE Settore Politiche Agricole Genova, 3 ottobre 2008 Prot. n. PG 2008/132376 Allegati: Alle Comunità Montane Ai Consorzi dei Comuni per

Dettagli

DIRETTIVE TECNICHE PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DI PIANI E PROGRAMMI

DIRETTIVE TECNICHE PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DI PIANI E PROGRAMMI ALLEGATO B DIRETTIVE TECNICHE PER LA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DI PIANI E PROGRAMMI PREMESSA Il presente documento fornisce primi indirizzi operativi per avviare un percorso volto ad armonizzare

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e.

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e. Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro. Con il contributo di Il progetto nel suo contesto. Il presente progetto è stato presentato

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Decreto n 34 / V Regione Autonoma della L Assessore della Difesa dell Ambiente OGGETTO: Azione di protezione delle produzioni ittiche negli stagni dell Oristanese dalla predazione degli uccelli ittiofagi.

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine

COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine N 12 del Reg. Del COMUNE DI COMEGLIANS Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale SEDUTA del 16/03/2016 OGGETTO: VARIANTE N. 14 AL PRGC VIGENTE COLLEGATA ALLA REALIZZAZIONE DI UNA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO

SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO L E G A M B I E N T E U M B R I SVILUPPO SOSTENIBILE AL LAGO TRASIMENO Perugia, 3 giugno 2008 A : iniziative e proposte Le proposte elaborate da Legambiente fanno riferimento al Piano di sviluppo sostenibile

Dettagli

1. La Direttiva «Habitat» 1

1. La Direttiva «Habitat» 1 1. La Direttiva «Habitat» 1 1.1 Introduzione Il 21 maggio 1992 la Commissione Europea ha deliberato la «Direttiva relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della

Dettagli

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Casadei Armando CVA SpA Compagnia Valdostana delle Acque S.p.A. La Compagnia Valdostana

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

A voti unanimi e palesi delibera:

A voti unanimi e palesi delibera: Vista la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia, mediante la cui applicazione l Unione Europea ha inteso promuovere il

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 13-12-2010 (punto N. 8 ) Proposta Di Deliberazione Al C.R. N.8 del 13-12-2010 Proponente ANNA RITA BRAMERINI ANNA MARSON GIANNI SALVADORI

Dettagli

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ;

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ; DGR n.270 del 25 febbraio 2000 Richiamati: - la direttiva 79/409/CEE concernente la conservazione degli uccelli selvatici, con la quale al paragrafo 2 dell'art. 4. si prevede che gli Stati membri classifichino

Dettagli

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE "PAPA GIOVANNI XXIII" e Comune di Vittoria

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE PAPA GIOVANNI XXIII e Comune di Vittoria Asse II "Qualità degli ambienti scolastici" Obiettivo C Accordo tra: Istituzione scolastica "Scuola elementare Papa G. GiovanniXXIII" e Comune di Vittoria per la realizzazione del progetto di : S O S T

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 )

( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del 19 gennaio 2010 ) Legge regionale 19 gennaio 2010, n.1 Norme in materia di energia e Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale. D.Lgs. n. 152 del 3 aprile 2006 L.R. n. 9/2007 ( B. U. REGIONE BASILICATA n. 2 del

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (periodo di riferimento: 2013/2015; allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 7/2013) 1. Introduzione: organizzazioni e funzioni

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli