Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt.. 198 e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2012"

Transcript

1 Città di Follonica REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2012 Contenuto del referto 2012 In applicazione delle disposizioni contenute nel testo Unico degli Enti Locali agli artt. 197 Modalità del controllo di gestione, 198 Referto del controllo di gestione e 198 bis Comunicazione del Referto, il Comune di Follonica, attraverso la struttura operativa cui è affidato il controllo di gestione, collocata all interno del Settore II, provvede annualmente alla redazione del presente referto. Il documento rappresenta lo strumento di rendicontazione delle attività e dei progetti inerenti il controllo di gestione e si pone come documento di verifica e di monitoraggio dei risultati gestionali raggiunti rispetto alle previsioni annuali. Le risultanze delle analisi infrannuali contenute, sono il prodotto di elaborazioni di dati contabili e di informazioni extra contabili, desunte rispettivamente dalle procedure di contabilità dell ente, implementati periodicamente dai responsabili dei servizi. Lo scopo è quello di rappresentare una sintesi sullo stato generale delle risultanze contabili del Comune di Follonica, con particolare riferimento ad alcuni progetti presidiati dal

2 servizio e a tipologie di spesa oggetto di monitoraggio e controllo ai sensi della normativa vigente. Considerato che la sezione regionale della Corte dei Conti opera, ai sensi della L. 131 del 2003, un controllo collaborativo sulla gestione degli enti locali, con lo scopo di individuare illegittimità e violazioni di legge e di informare i Consigli degli enti sullo svolgimento della gestione e delle eventuali incongruenze riscontrate, il Comune di Follonica sottopone il presente referto all approvazione del Consiglio Comunale, quale parte integrante del Bilancio consuntivo. Riferire all organo elettivo, risponde ad un principio di coerenza istituzionale e al tempo stesso fornisce la massima trasparenza sull attività e sui risultati conseguiti dalla struttura amministrativa. A fine anno, inoltre, è stato approvato il decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012, in tema di rafforzamento dei controlli sulle autonomie locali mediante modifica testuale di una serie di disposizioni del TUEL. Tale misura si colloca in un contesto nel quale viene decisamente innovata la disciplina dei controlli interni con un rinnovato interesse da parte del legislatore alla effettiva funzionalità di un sistema di programmazione, gestione e controllo. I controlli dovranno costituire un solido supporto per scelte decisionali funzionali alla realizzazione di processi di razionalizzazione della gestione e della spesa e ad innescare un radicale mutamento dei comportamenti amministrativi. La nuova impostazione dei controlli interni si appunta, per molti aspetti, sulla regolarità amministrativa e contabile e sulla dimensione finanziaria dei fenomeni, ma concretizza, altresì, una visione più ampia nella quale vengono in evidenza ulteriori aspetti. Una osservazione più estesa degli aspetti della gestione non manca di risultare rilevante anche per assicurare la sostenibilità degli equilibri finanziari. Il complesso di queste linee di azione, che solo un sistema funzionale di controlli interni può supportare, dovrà condurre verso l economicità della gestione con la riduzione dei costi di erogazione dei servizi, senza ridurne sensibilmente la qualità e l estensione. I mutamenti organizzativi saranno evidenti durante l anno 2013, con l attuazione del relativo regolamento avvenuta con Delibera di C.C. n. 5 del 28/02/2013.

3 La popolazione residente Alla data del 1 gennaio 2010 nel territorio comunale di Follonica risultavano residenti persone (pari al 9,8% della popolazione provinciale ed allo 0,6% di quella regionale), di cui il 47,1% maschi (Graf. 1). Graf. 1: numero indice della popolazione residente a Follonica, Grosseto e in Toscana (Anno base=2004). L analisi del bilancio demografico ci mostra il motivo dell arresto della crescita demografica nel comune di Follonica arrestato. Negli anni scorsi la dinamica positiva della popolazione è sempre stata vincolata ai movimenti migratori, grazie ai quali sono stati compensati i valori negativi dei saldi naturali. Nel 2010, però, si conferma una situazione i cui segnali si possono già leggere dall anno 2007, ovvero la continua e sensibile diminuzione del saldo migratorio. Nella Tav. 3 è rappresentata la distribuzione della popolazione residente rispetto ad alcune specifiche classi d età, categorie indicative di quei fenomeni demografici che possono influenza direttamente il tessuto economico del territorio, in quanto riguardano la forza lavoro ed il tasso di attività di una popolazione 1. I dati della tavola confermano l esistenza di processi ormai consolidati nel tempo: il peso della classe anni nella composizione percentuale dei residenti, risulta tendenzialmente in 1 Ai fini dell analisi che intendiamo svolgere, ovvero studiare gli aspetti demografici in funzione delle potenzialità che questi offrono al contesto economico e produttivo locale, poniamo particolare attenzione alle classi di età 0-14 anni e maggiore di 65 anni, tradizionalmente considerate inattive dal punto di vista lavorativo, ed alla classe anni che è quella che contiene la cosiddetta popolazione attiva. Le due fasce d età anni e anni, per il loro stesso posizionamento rappresentano i flussi in entrata ed in uscita dalla popolazione attiva.

4 diminuzione in quasi i contesti territoriali considerati (in provincia di Grosseto nel 2010 si registra una lieve crescita), a testimonianza di come si stia progressivamente riducendo la fascia di popolazione attiva, ovvero quella classe di popolazione potenzialmente utile a sostenere lo sviluppo del tessuto economico e produttivo. Tav. 3: composizione percentuale della popolazione residente nel Comune di Follonica, nella provincia di Grosseto ed in Toscana per particolari classi d età alla data del 1 gennaio anni 10,61 10,66 10,69 Follonica 10,69 10,72 10,85 11, anni 64,94 64,57 64,13 63,80 63,68 63,41 62,86 > di 65 anni 24,45 24,78 25,18 25,51 25,60 25,75 26, anni 3,64 3,52 3,77 3,82 3,98 3,88 4, anni 7,33 7,17 6,94 7,21 7,29 7,70 7, anni 10,85 10,88 10,99 Grosseto 11,05 11,16 11,34 11, anni 64,4 64,31 64,1 63,99 64,09 63,88 63,95 > di 65 anni 24,75 24,81 24,91 24,96 24,75 24,78 24, anni 3,81 3,79 3,86 3,97 4,02 4,00 4, anni 6,58 6,28 6,11 6,35 6,62 6,91 7,13 Toscana 0-14 anni 11,87 12,01 12,13 12,25 12,36 12,51 12, anni 65,18 64,95 64,65 64,41 64,38 64,22 64,13 > di 65 anni 22,95 23,04 23,22 23,34 23,26 23,27 23, anni 4,05 4,03 4,07 4,11 4,15 4,12 4, anni 6,37 6,14 5,87 6,12 6,35 6,57 6,71 Aspetti generali del Sistema produttivo Locale L analisi effettuata sui dati disponibili al mese di ottobre del 2011, presso il Registro Imprese della Camera di Commercio di Grosseto, indica in le iscrizioni (Tav. 1) relative ad imprese con sede o unità locali (attive o inattive) presenti nel territorio comunale di Follonica (come detto in precedenza in questa cifra sono state considerate anche le imprese extraterritoriali). Il 4% di queste imprese risulta inattivo, mentre il 14,9% è rappresentato da unità locali la cui sede è collocata nel Comune di Follonica, in altro Comune della provincia di Grosseto o in altra provincia italiana. Tav. 1: distribuzione delle imprese del Comune di Follonica iscritte alla CCIAA di Grosseto per tipologia ( ; valori assoluti e distribuzione percentuale).

5 Var. % v.a. % v.a. % 2009/2011 Imprese attive con sede a Follonica , ,2-4,8 Imprese inattive 304 9, ,0-64,5 UL di imprese con sede a Follonica o in provincia , ,1-45,7 UL di imprese con sede fuori provincia 165 5, ,8-20,6 TOTALE ,3 In un biennio, ovvero rispetto al 2009, le imprese iscritte sono diminuite del 17,3%, ma osservando più in dettaglio l evoluzione del tessuto economico e produttivo si può osservare come in tale flessione si nasconda una risposta fisiologica al momento di crisi globale. Infatti, i dati rappresentano non tanto una contrazione delle imprese attive con sede a Follonica (diminuite nel biennio del 4,8%), ma soprattutto una contrazione delle unità locali di imprese follonichesi o provinciali (-45,7%) e delle unità locali di imprese extraprovinciali (-20,6%). A tale evoluzione si è unita la cancellazione di un gran numero di aziende classificate come inattive (-64,5%). Ad ottobre 2011, il capitale di imprese attive del Comune di Follonica è pari unità. L analisi dei dati riguardanti le imprese extraterritoriali (che, lo ricordiamo, sono quelle con sede fuori dalla provincia di Grosseto, ma con Unità Locale nel Comune di Follonica), ci mostra una consistente flessione rispetto al dato del 2009: nel biennio il loro numero è sceso da 165 a 131. La maggior parte di queste è di provenienza regionale (Tav. 2): il 25,19% delle imprese extraterritoriali è rappresentata da insediamenti produttivi di aziende residenti nella provincia limitrofa di Livorno, ma anche Pisa (8,4%) e Siena (11,45%) fanno registrare una presenza molto consistente tra le imprese extraterritoriali. Complessivamente, le imprese toscane rappresentano il 59,5% delle imprese con sede fuori dalla provincia di Grosseto, percentuale in aumento rispetto al dato del 2009 (56,4%). I dati della tavola mostrano come siano significativamente presenti anche le imprese provenienti dai grandi centri produttivi nazionali: per esempio, il 6,1% delle imprese extraterritoriali ha sede a Milano, così come l 11,45% ha sede a Roma, ma con percentuali in diminuzione rispetto al dato del Rispetto ai dati del 2009, le imprese extraterritoriali di Follonica sono mostrano una diminuzione percentuale pari al 20,6%. Tav. 2: distribuzione delle imprese attive con sede fuori dalla provincia di Grosseto e con U.L. nel Comune di Follonica per provincia della sede ( ).

6 v.a. % v.a. % Aosta 0 0,00 1 0,76 Arezzo 3 1,82 5 3,82 Benevento 1 0,61 0 0,00 Bergamo 2 1,21 1 0,76 Bologna 1 0,61 3 2,29 Catanzaro 0 0,00 1 0,76 Caserta 1 0,61 0 0,00 Firenze 12 7,27 3 2,29 Frosinone 1 0,61 1 0,76 Genova 3 1,82 4 3,05 L'Aquila 1 0,61 0 0,00 La Spezia 2 1,21 0 0,00 Lecco 1 0,61 1 0,76 Livorno 38 23, ,19 Lucca 6 3,64 4 3,05 Massa Carrara 1 0,61 0 0,00 Milano 16 9,70 8 6,11 Modena 1 0,61 0 0,00 Napoli 4 2,42 4 3,05 Novara 1 0,61 2 1,53 Palermo 1 0,61 0 0,00 Pesaro e Urbino 0 0,00 1 0,76 Pisa 10 6, ,40 Pistoia 2 1,21 3 2,29 Pordenone 1 0,61 0 0,00 Prato 5 3,03 4 3,05 Ravenna 1 0,61 1 0,76 Reggio Emilia 2 1,21 1 0,76 Roma 21 12, ,45 Salerno 3 1,82 2 1,53 Sassari 1 0,61 0 0,00 Siena 16 9, ,45 Torino 3 1,82 2 1,53 Trapani 1 0,61 0 0,00 Venezia 1 0,61 1 0,76 Verona 1 0,61 1 0,76 Vicenza 0 0,00 1 0,76 Viterbo 1 0,61 2 1,53 TOTALE Fonte: Infocamere Al fine di una migliore rappresentazione del tessuto economico e produttivo del comune di Follonica, nelle analisi che seguono sono illustrati i risultati delle elaborazioni effettuate escludendo le imprese extraterritoriali. Nelle prossime pagine, infatti, saranno prese in considerazione solo le imprese attive e con sede a Follonica, non considerando le unità locali (indipendentemente dalla localizzazione della sede) e le imprese inattive.

7 Sulla base della classificazione urbana delle vie e delle strade del Comune sono state considerate le tre aree di localizzazione delle imprese già utilizzate nelle precedenti edizioni del rapporto: 1. il centro del Comune capoluogo; 2. la Zona Industriale; 3. altre zone appartenenti al territorio comunale di Follonica. I dati della Tav. 3 ci mostrano, come nel 2011, il 40,2% delle imprese sia localizzata nella zona classificata come centro dell abitato di Follonica (dato sensibilmente inferiore rispetto a quanto rilevato nel 2006: 42,6%). Un notevole sviluppo, invece, si registra nell area urbana destinata all insediamento delle attività industriali: dal 2006 il numero di imprese collocate nella zona industriale è cresciuto del 41,8%, giungendo nel 2011 a 380 imprese rispetto alle 268 del Tav. 3: distribuzione delle imprese attive del Comune di Follonica in relazione alla loro localizzazione sul territorio ( ) Var. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % 2006/2011 Centro del Comune capoluogo , , , ,2-7,1 Zona Industriale , , , ,8 41,8 Altre zone , , , ,2-11,1 TOTALE ,2 Nelle altre zone del territorio comunale, analogamente alla situazione illustrata per il centro del capoluogo, si registra una diminuzione della densità di imprese (-11,1%). Nella tavola 4 sono illustrati i risultati dell elaborazione riguardante le imprese attive nel comune di Follonica in relazione alla loro dislocazione sul territorio comunale. Le attività manifatturiere sono dislocate soprattutto nella Zona Industriale (55% delle aziende del settore), il commercio presenta una forte densità nelle strade del centro urbano e nelle cosiddette altre zone (rispettivamente il 41,3% ed il 40,4% delle aziende del settore), trasporto/magazzinaggio e costruzioni trovano collocazione soprattutto nelle altre zone (rispettivamente 59,5% e 55,9%), mentre gran parte degli altri settori produttivi (alloggio e ristorazione, attività finanziare, attività immobiliari, attività professionali, ecc..) sono localizzate prevalentemente all interno del centro urbano. Tav. 4: distribuzione delle imprese attive del Comune di Follonica in relazione alla loro localizzazione sul territorio e alla tipologia produttiva (2011). Classificazione delle imprese secondo il Codice ATECO 2007.

8 Centro Zona Industriale Altre zone Totale Agricoltura, silvicoltura e pesca Estrazione di minerali da cave e miniere Attività manifatturiere Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autovett. Trasporto e magazzinaggio Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione Servizi di informazione e comunicazione Attività finanziarie e assicurative Attività immobiliari Attività professionali, scientifiche e tecniche Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese Istruzione Sanità e assistenza sociale Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divert. Altre attività di servizi Totale ,3 1,3 81,3 100, ,0 55,0 20,0 100, ,0 50,0 0,0 100, ,8 20,3 55,9 100, ,3 18,3 40,4 100, ,2 14,3 59,5 100, ,7 3,6 36,8 100, ,6 21,6 29,7 100, ,7 6,7 26,7 100, ,7 11,8 21,5 100, ,9 22,2 28,9 100, ,0 16,2 33,8 100, ,7 22,2 11,1 100, ,6 14,3 57,1 100, ,1 20,6 41,3 100, ,6 12,7 40,7 100, ,9 17,1 41,9 100 Prendendo in considerazione le sole imprese attive (il già citato capitale imprenditoriale ), la Tav. 6 analizza la classificazione delle imprese follonichesi, nel periodo , in relazione alla tipologia produttiva. Il sistema produttivo del Comune di Follonica nel 2011 è strutturato, sostanzialmente, su cinque significativi settori di attività (Tav. 5): il commercio in tutte le sue diverse forme (rappresenta il 29,1% delle imprese attive), le costruzioni (17,8%), il settore delle attività immobiliari e attività affini (13,3%), le attività manifatturiere (8,8%) ed il settore degli alberghi e ristoranti (11,5%). Le attività

9 manifatturiere rappresentano il 6,3%, una percentuale inferiore a quella delle attività legate all agricoltura (6,81%). Tav. 5: Comune di Follonica, imprese attive per settore produttivo ( ; composizione percentuale 2011 e variazione percentuale nel periodo) Var. % v.a. % v.a. % 2009/2011 Agricoltura, silvicoltura e pesca 156 7, ,81-3,2 Estrazione di minerali da cave e miniere 2 0,09 0 0,00-100,0 Attività manifatturiere 164 7, ,31-14,6 Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento 6 0,27 4 0,18-33,3 Costruzioni , ,77-3,9 Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli , ,09-7,1 Trasporto e magazzinaggio 45 2, ,89-6,7 Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione , ,46-3,4 Servizi di informazione e comunicazione 35 1, ,67 5,7 Attività finanziarie e assicurative 48 2, ,03-6,3 Attività immobiliari 189 8, ,80 3,2 Attività professionali, scientifiche e tecniche 49 2, ,03-8,2 Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 71 3, ,07-4,2 Istruzione 8 0,36 9 0,41 12,5 Sanità e assistenza sociale 7 0,32 7 0,32 0,0 Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento 62 2, ,84 1,6 Altre attività di servizi 112 5, ,32 5,4 TOTALE ,5 Fonte: Infocamere Considerando il periodo , il confronto tra le distribuzioni settoriali delle imprese nel periodo mostra interessanti e, per certi aspetti, preoccupanti dinamiche di sviluppo (Tav. 5). Se da un lato è possibile osservare la presenza di tipologie produttive che incrementano la propria consistenza nel periodo (attività immobiliari: +3,2%; servizi di informazione e comunicazione: +5,7%; istruzione: +12,5%), dall altro sono molto numerosi i settori produttivi, peraltro di importanza strategica, nei confronti dei quali si registrano segni negativi anche di un certo rilievo: le attività manifatturiere diminuiscono del 14,6%, così come diminuiscono quelle del commercio (-7,1%), delle costruzioni (- 3,9%), del trasporto (-6,7%), delle attività professionali (-8,2%), delle attività finanziarie (-6,3%) ed infine delle attività di alloggio e ristorazione (-3,4%). La successiva Tavola 6 contiene un approfondimento del quadro appena illustrato e nello specifico si riferisce alla dinamica delle imprese attive nel settore manifatturiero del Comune di Follonica nel periodo Come è stato detto in precedenza, le imprese manifatturiere sono diminuite nel biennio del 14,6%. I settori portanti quello delle industrie alimentari (19,3%), della fabbricazione di prodotti di metallo (22,86%), delle industrie del legno (7,14%) e della fabbricazione di mobili (7,14%). Considerando le variazioni rispetto al 2009, tutti i settori presentano variazioni negative, fatta

10 eccezione per le industrie tessili (aumentate di una unità) e per le attività legate alla fabbricazione di mobili, la cui presenza è cresciuta del 66,7% (nel biennio le aziende attive nel settore sono passate da 6 a 10). Tav. 6: Comune di Follonica, imprese manifatturiere attive per settore produttivo ( ; composizione percentuale 2011 e variazione percentuale nel periodo) Var. % v.a. % v.a. % 2009/2011 Industrie alimentari 27 16, ,3 0,0 Industria delle bevande 0 0,00 1 0,71 - Industrie tessili 2 1,22 3 2,14 50,0 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia 10 6,10 7 5,00-30,0 Fabbricazione di articoli in pelle e simili 0 0,00 1 0,71 - Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili); fabbr. art. in paglia e mat. da intreccio 14 8, ,14-28,6 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta 1 0,61 1 0,71 0,0 Stampa e riproduzione di supporti registrati 10 6,10 8 5,71-20,0 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 5 3,05 2 1,43-60,0 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 7 4,27 6 4,29-14,3 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 38 23, ,86-15,8 Fabbricazione di computer e prod. di elettronica e ottica; appar. elettromedicali, appar. di misurazione e di orologi 3 1,83 2 1,43-33,3 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche 3 1,83 2 1,43-33,3 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 11 6,71 7 5,00-36,4 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 5 3,05 4 2,86-20,0 Fabbricazione di mobili 6 3, ,14 66,7 Altre industrie manifatturiere 13 7, ,57-7,7 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature 9 5,49 5 3,57-44,4 TOTALE ,6 Pianificazione e programmazione relativa all Esercizio 2012 La Programmazione delle attività e degli obiettivi da perseguire nel corso dell Esercizio 2012 è stata prevista con i seguenti atti: 1. Delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 31/08/2012 con la quale sono stati approvati il Bilancio annuale di Previsione, il Bilancio Triennale 2012/2015 e la Relazione Previsionale e Programmatica, partendo dalle linee programmatiche di Governo per la legislatura 2009/2014, presentato al Consiglio con Delibera di C.C. n. 59 del , che costituisce il livello più alto di programmazione politica, definendo le strategie dell Ente per l esercizio nonché fornendo un collegamento con le linee di mandato pluriennali. 2. Delibera di Giunta Comunale n. 231 del 11 ottobre 2012, relativa alla approvazione del PEG per la parte relativa alla dotazione finanziaria e al Piano degli Obiettivi, nel quale vengono assegnati gli organici alle varie aree e unità operative, esposti tutti i

11 progetti, con l indicazione della denominazione, dei responsabili, delle finalità, delle risorse necessarie, delle fasi progettuali e dei tempi, dei risultati attesi, degli indicatori di risultato, delle criticità, le trasversalità Il P.E.G., quale strumento cardine del sistema dei controlli, contiene precisi obiettivi gestionali annuali, fissando indicatori di risultato che permettono di verificarne lo stato di attuazione, suddivide le risorse tra i vari centri di responsabilità ed attua un preciso collegamento tra valutazione delle prestazioni e raggiungimento degli obiettivi. Dunque l attenzione del servizio si è concentrata nella ricerca di un metodo operativo che si addicesse a queste esigenze, ossia che potesse supportare l implementazione corretta della gestione per obiettivi a tutti i livelli dell organizzazione. La Struttura organizzativa L individuazione dei centri di responsabilità e dei relativi responsabili, rilevanti ai fini del Controllo di Gestione, segue l organizzazione dell Ente come definita dalla deliberazione di Giunta Comunale 292 del 29/12/2009 con la quale è stata approvata la nuova struttura organizzativa di I e II livello; Struttura organizzativa addetta al Controllo di Gestione e modalità operative Nell ambito della struttura organizzativa di cui al paragrafo precedente la funzione di controllo di gestione ai sensi degli articoli 196 e seguenti del D.lgs. 267/2000 è stata affidata all ufficio Controllo di Gestione. Le modalità nelle quali si è svolta l attività di controllo di gestione sono stabilite nel Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, approvato con Delibera di G.C. n. 69 del 02/05/2011. Il Controllo di Gestione, si articola nelle seguenti fasi: a) predisposizione di un piano dettagliato degli obiettivi, strutturalmente correlato al P.E.G ed in esso incluso; b) rilevazione dei dati relativi ai fattori produttivi impiegati ed ai relativi costi, nonché rilevazione dei risultati raggiunti; c) valutazione dei risultati predetti, in rapporto al piano degli obiettivi, al fine di verificare il loro stato di attuazione e di misurare l efficacia, l efficienza ed il grado di economicità della azione intrapresa.

12 Il Controllo di Gestione è svolto in riferimento ai singoli servizi e centri di costo, verificando in maniera complessiva e per ciascun servizio i mezzi finanziari acquisiti, i costi dei singoli fattori produttivi, i risultati qualitativi e quantitativi ottenuti. E necessario evidenziare, inoltre, che la lettura combinata delle disposizioni del TUEL colloca il processo del controllo di gestione nel complessivo sistema di bilancio inteso quale programmazione/pianificazione/gestione/controllo/rimodulazione dei programmi e degli obiettivi. Monitoraggio e realizzazione degli obiettivi per l Esercizio 2012 La struttura organizzativa dell ente, così come delineata dalla Delibera di G.C. n. 292/2009, si rispecchia nel Piano Esecutivo di Gestione dell anno In particolare, il PEG 2012, suddiviso per centri di responsabilità, si struttura in 59 CdC con assegnazione di: 1. obiettivi di Gestione: rappresentanti le competenze affidate al dirigente e distinte per servizio, comprendenti sia compiti istituzionali che attività discrezionali ormai consolidate. 2. obiettivi di Valutazione: collegati alla valutazione del personale e al Piano delle Performance In seguito all approvazione del Peg 2012, è stata effettuata una sola verifica al 31 dicembre 2012, visto l approvazione a fine anno dello stesso Piano Esecutivo di Gestione.Alle variazioni di Bilancio hanno fatto seguito le corrispondenti variazioni di PEG al fine di garantire la continuità fra le scelte politiche e gli obiettivi e le risorse attribuite. All interno del monitoraggio degli obiettivi sono stati individuati degli indicatori che permettessero la rilevazione del risultato ottenuto per ogni singolo obiettivo. Questo ha permesso di predisporre degli elaborati con funzione di supporto all'attività di valutazione delle prestazioni del personale con qualifica dirigenziale svolta dal Nucleo di Valutazione. Alla data del 31 dicembre 2012 si è provveduto quindi alla verifica sullo stato di attuazione degli obiettivi gestionali, inseriti nel PEG, con l analisi dettagliata sul loro raggiungimento. La verifica dei risultati raggiunti è indispensabile per accertare la coerenza e correttezza dell azione rispetto alla programmazione. E stato infine elaborato il presente report di controllo di gestione per l anno 2012, che ha per oggetto l analisi finale dei risultati degli obiettivi di gestione ed i servizi resi.

13 Con l'utilizzo del Piano Esecutivo di Gestione si è cercato di impostare una programmazione il più possibile semplice, chiara, tangibile, impostata in una trasparente scala di priorità su obiettivi da conseguire e valutare. E stata favorita la diffusione a tutti i livelli delle scelte effettuate in sede di programmazione attraverso meccanismi di comunicazione interna dove tutti possono conoscere gli obiettivi da raggiungere e le relative modalità attuative. L attività del controllo di gestione ha permesso la conoscenza dei processi aziendali tipici per intervenire in casi di razionalizzazione di dispersioni organizzative o gestionali e ha proceduto a verifiche trimestrali sul raggiungimento degli obiettivi di Peg. L'ente effettua continui monitoraggi e verifiche sui principali macro aggregati dell'entrata e della spesa. In particolare dopo l'approvazione del bilancio di previsione viene redatto ed approvato un piano di gestione della cassa con le principali simulazioni di entrata e dispesa, sia di parte corrente che in conto capitale. Viene inoltre tenuto costantemente monitorato l'andamento dei saldi di cassa e competenza ai fini del patto di stabilità interno e viene aggiornato con periodicità mensile l'elenco degli stati di avanzamento in corso di approvazione. Contemporaneamente vengono effettuate le richieste di erogazione dei contributi agli enti che li hanno concessi. Si tiene infine aggiornato l'andamento dell'aggregato "spesa di personale" per il rispetto dei limiti di spesa imposti dalla normativa oltre che per la compilazione dei due questionari annuali della corte dei conti sezione regionale di controllo. Il programma di gestione della contabilità, infine, consente di monitorare, mediante apposite aggregazioni di bilancio, la gestione delle partite vincolate (introiti derivanti dalle concessioni edilizie; investimenti finanziati dai mutui; spese ed entrate per concessioni cimiteriali) nonché di tutti quei limiti di spesa dettati dalla normativa in materia di spese di rappresentanza, cerimonie, convegni, mostre e consulenze. La verifica viene effettuata mensilemnte ed inviata alla giunta ed ai dirigenti mediante l'uso della posta elettronica. Organismi Partecipati dal Comune di Follonica Rispetto all anno 2011: 1. non sono state acquisite nuove partecipazioni; 2. si è concluso il processo di liquidazione di FIORARETI SpA, che è cessata al 31/12/12;

14 3. AATO 6 Ombrone non esiste più e dal 01/01/12 le funzioni sono trasferite ad AIT (Autorità Idrica Toscana Conferenza Territoriale n. 6) con CF e PIVA , stessa % di partecipazione 5,56% 4. ATO9 TOSCANA DEL SUD non esiste più e dal 01/01/12 le funzioni sono trasferite a ATO RIFIUTI TOSCANA SUD CF e PIVA , con partecipazione del 1,9%, in quanto riportata al nuovo assetto con partecipazione di altri EELL. Le autorità idrica e rifiuti sono state costituite ai sensi della LRT 69/2011. Nel corso del 2012 il Comune ha indetto gara per la vendita della partecipazione in GROSSETO SVILUPPO SpA, gara andata deserta, che sarà ripetuta nel corso del 2013, insieme ad altre partecipazioni. Sul fronte del controllo analogo, questo Ente, in data 08/11/11 il Sindaco del Comune di Follonica ha inviato una lettera al presidente di Co.S.EC.A. SpA ed ai Comuni soci, sollecitando l attuazione di quanto previsto nello statuto modificato approvato con atto di CC 48/10 e quindi la costituzione dell organo di coordinamento intercomunale, attraverso il quale i Comuni soci saranno in grado di esercitare maggiormente il controllo analogo sull operato della inhouse. In data 16/02/12 si costituisce l organo di coordinamento intercomunale di CO.S.EC.A. SpA ed il regolamento per il funzionamento. Nel 2010 il Comune di Follonica ha acquisito una partecipazione in NetSpring Srl, quota paritaria dell 1% come previsto dalla legge. Ragione sociale / denominazione ACQUEDOTTO DEL FIORA S.P.A. A.T.O. RIFIUTI TOSCANA SUD A.T.O. 6 OMBRONE non esiste più e dal 01/01/12 le funzioni sono trasferite ad AIT (Autorità Idrica Toscana Conferenza Territoriale n. 6) AZIENDA FARMACEUTICA MUNICIPALIZZATA CEVALCO in liquidazione CONSORZIO PER LA GESTIONE DEL PARCO INTERPROVINCIALE DI MONTIONI CONSORZIO SOCIETA' DELLA SALUTE COLLINE METALLIFERE Localizzazione Forma giuridica dell'ente Quota % partecipazione diretta VIA G. MAMELI,10 Grosseto (GR) Via della Pace, 37 Loc. Renaccio Siena (SI) Società per azioni 2,28% 0% ATO (Ambito Territoriale Ottimale), con un bilancio esterno e separato rispetto a quello dell'ente 1,9% 0% Via Magnani, 38 Grosseto (GR) ATO (Ambito Territoriale Ottimale), con un bilancio esterno e separato rispetto a quello dell'ente 5,56% 0% Follonica (GR) Azienda speciale 100% 0% Via della Fiera 3 Campiglia Marittima (LI) PIAZZA DEL MUNICIPIO,4 Livorno (LI) VIALE EUROPA Follonica (GR) Società per azioni 4,08% 0% Consorzio per la gestione di servizi senza rilevanza economica (consorzio - ente) ad eccezione di ATO Consorzio per la gestione di servizi senza rilevanza economica (consorzio - ente) ad eccezione di ATO 23,45% 0% 19,97% 0% Quota % partecipazione indiretta

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt.. 198 e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2011

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt.. 198 e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2011 Città di Follonica REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt.. 198 e 198bis D.Lgs.. 267/2000) ANNO 2011 Contenuto del referto 2011 In applicazione delle disposizioni contenute nel testo Unico degli Enti

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014 Città di Follonica REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014 Contenuto del referto 2014 In applicazione delle disposizioni contenute nel testo Unico degli Enti Locali

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000)

COMUNE DI FAENZA. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) COMUNE DI FAENZA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) Il presente lavoro è redatto e comunicato, ai sensi della citata normativa, per l adempimento degli obblighi propri

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE

Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE Programma Triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Allumiere 2015-2017 SEGRETERIA GENERALE ALLEGATO N. 2 AL PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL COMUNE DI ALLUMIERE Marzo 2015 1 1)

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1 Allegato C1 FUNZIIONIIGRAMMA AREA AMMIINIISTRATIIVA E AFFARII GENERALII. personale gestiti dall Area; Contratti di competenza dell Area e tenuta del repertorio dei contratti rogati dall Ente Archivio storico

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE

Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE Anna Rosa Ciccia 1 2 LE POLITICHE DEL PIANO GENERALE DI SVILUPPO ATTINENTI LA DIREZIONE GENERALE 3 4 5 6 LA GESTIONE DEI PROGETTI A LIVELLO DI

Dettagli

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE Allegato 2) Staff Segreteria ed Organi governo MACRO FUNZIONI 1. Segreteria Sindaco-Assessori 2. Comunicazione istituzionale 3. Ufficio relazioni con

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale)

Domanda di iscrizione. (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) (Cognome e nome) (Corso/i) (Stato occupazionale) DOMANDA DI ISCRIZIONE - ANNO 2014/2015 1 DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO Codice Fiscale Cognome Nome Genere Maschio Femmina Nazionalità 1. Italiano 2. Comunitario

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Dotazione Organica UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Collaboratore Amministrativo Cat. B/3 Collaboratore Amministrativo-Messo Cat. B/3 UFFICI : Segreteria Generale - Protocollo Messo

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LE CAMERE DI COMMERCIO ANNO Imprese, nel la torna ai livelli del 2007 (+0,75%) 45mila le imprese

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale

GAMBETTOLA IN CIFRE. maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale maschi femmine totale movimenti della popolazione GAMBETTOLA IN CIFRE Per amministrare un territorio è necessario scegliere fra diverse soluzioni possibili quelle che meglio si adattano alle situazioni reali, così come emergono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO COMUNE DI P E N N A B I L L I Provincia di Rimini (RN) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 37 in data

Dettagli

Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA

Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA Comune di Monti PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE SCHEDA OBIETTIVI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA E DEL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE

Note metodologiche AVVIAMENTI DOMANDA/OFFERTA LAVORO FORME GIURIDICHE Note metodologiche AVVIAMENTI Avviamenti stabili e temporanei Avviamenti stabili: avviamenti avvenuti con contratti a tempo indeterminato oppure a tempo determinato con durata uguale o superiore all anno.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

I DATI NUMERICI. Al contrario si riscontra un incremento delle richieste di contenuto informativo rivolte al contact center 055

I DATI NUMERICI. Al contrario si riscontra un incremento delle richieste di contenuto informativo rivolte al contact center 055 I DATI NUMERICI La situazione relativa agli accessi all URP dell anno 213 indica un cambiamento rispetto agli anni precedenti, poiché il numero di contatti diminuisce a livello complessivo. Si tratta comunque

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE INDIVIDUALE ANNO 2013

PIANO DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE INDIVIDUALE ANNO 2013 Allegato A alla deliberazione della G.C. n. 137 del 01.08.2013 COMUNE DI VILLACIDRO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE INDIVIDUALE ANNO 2013 1 OBIETTIVI DI PERFORMANCE INDIVIDUALE ANNO 2013 SERVIZIO

Dettagli

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 Comune di Azzate Provincia di Varese INDICE: - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 - Le principali aree di erogazione del servizio URP------------------------p.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

SOMMARIO SUPPORTI AGGIUNTIVI A TARGET SPECIFICI...11 DISABILI...11 STRANIERI...11

SOMMARIO SUPPORTI AGGIUNTIVI A TARGET SPECIFICI...11 DISABILI...11 STRANIERI...11 Allegato A alla DGP n del Provincia di Pistoia Dipartimento Lavoro e Politiche Sociali Servizio Lavoro PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE ESTERNA DELL APPRENDISTATO 2008-2010 Manuale di indirizzo per

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Laurea in Scienze Politiche, indirizzo politico-amministrativo

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Laurea in Scienze Politiche, indirizzo politico-amministrativo CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pocci Gianluca Data di nascita 21/08/1971 Qualifica Funzionario Giuridico-Contabile Amministrazione COMUNE DI SIENA Incarico attuale Responsabile di Posizione

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 COMUNE DI ANZANO DI PUGLIA PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 Adottato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 29/01/2015 Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DEL PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N -006 GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE FINANZIARIE RESPONSABILE DOTT. GIULIO PINCHETTI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione formale avverrà in sede di P.E.G.,

Dettagli

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008

Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 5 gennaio 2011 Gli investimenti per la protezione dell ambiente delle imprese industriali Anno 2008 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ALLEGATO B COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce ************ REGOLAMENTO SUL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE E SULLA ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE (O.I.V.)

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ (Art. 11 Decreto. Lgs N. 150 del 27/10/209 e Art. 10 Decreto Lgs N. 33 del 14 Marzo 2013) LICEO STATALE GIULIANO DELLA ROVERE Via Monturbano, 8 17100 SAVONA tel. 019/850424 fax 019/814926 e-mail : segreteria@liceodellarovere.it Prot. n. 249 /A19 Savona, 23 Gennaio 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA ANNI 2013 2014 2015 PREMESSA Dalle leggi Bassanini ad oggi, la Pubblica Amministrazione è stata interessata da normative

Dettagli

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi

Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Trasparenza Report 2015 Performance e obiettivi Indice 1. Ospedale trasparente: a che punto siamo 2. Attività e risultati 2014 3. Obiettivi 2015-2017 4. Trasparenza e performance 5. Regole di pubblicazione

Dettagli

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014 Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014 Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2012-2014 Sommario: INTRODUZIONE...,...3 ACCESSIBILITÀ' DELLE INFORMAZIONI...,...4 PIANO

Dettagli

Comune di San Donà di Piave

Comune di San Donà di Piave COPIA Comune di San Donà di Piave PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione n 204 del 09/10/2014 OGGETTO REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO DIGITALE PER LA CITTA'

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale

STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA. Sindaco e Giunta Comunale STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA ARCHITETTURA DELLA MACROSTRUTTURA Staff del Sindaco Sindaco e Giunta Comunale Polizia Locale Segreteria Generale OIV Gabinetto del Sindaco Servizi Finanziari

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli