LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID"

Transcript

1 Tecnologie delle comunicazione e sostenibilità ambientale: Green ICT & ICT for Green LA GENERAZIONE DIFFUSA E LE SMART GRID Maurizio Delfanti, Andrea Silvestri Dipartimento di Energia

2 Outline 2 Impatto della GD sulle reti di distribuzione hosting capacity ostacoli allo sviluppo della GD: la protezione di interfaccia ICT: tecnologia abilitante Milano Wi-Power: integrazione delle reti di energia e comunicazione risultati delle prime sperimentazioni Conclusioni & sviluppi futuri: utilizzo protocolli standard (IEC 61850) integrazione con automazione di rete cosa ci serve?

3 Perché rivoluzionare le reti? ICT come tecnologia abilitante 3 Sviluppo iniziale dei sistemi elettrici basato su forme di generazione centralizzata: energia elettrica prodotta in impianti di grande potenza unitaria (centrali elettriche, reti di trasmissione) Sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili (FER) diffuse sul territorio reso necessario dalla crescente attenzione per le problematiche ambientali La Generazione Diffusa (GD): si affaccia sulla rete di distribuzione, in media tensione (MT) o in bassa tensione (BT) Le attuali modalità di protezione, controllo, gestione della rete di distribuzione MT/BT non sono in prospettiva adeguate: serve una vera e propria RIVOLUZIONE CONCETTUALE Integrare le reti di energia con le reti di telecomunicazione: unica via per lo sfruttamento reale delle FER SMART GRID

4 Delibera AEEG ARG/elt 25/09: il supporto del Politecnico nell Allegato 2 4 Impatto della generazione diffusa sulle reti di distribuzione Studio condotto su circa nodi MT reali Campione rappresentativo di circa 8% reti MT Ricostruita la reale topologia di rete e stimata la variazione dei carichi Modello Hosting Capacity (Bollen et al., EU-Deep) Vincoli considerati: - corrente di cortocircuito e protezioni associate - variazioni rapide (EN con DU max = 6%) - variazioni lente (EN 50160, inclusa c.d.t. su rete BT) - portata nominale (limite termico) - inversione dei flussi di potenza sul trasformatore AT/MT

5 0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 5,5 6,0 6,5 7,0 7,5 8,0 8,5 9,0 9,5 10,0 Percentuale di nodi sul totale Delibera AEEG ARG/elt 25/09: esiste una notevole Hosting Capacity 5 100% 95% 90% 85% 80% 75% 70% 65% 60% 55% 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% > Allegato A > Allegato 2 Limiti di transito Variazioni rapide limitate al 6% Variazioni lente di tensione Nessun vincolo violato Potenza Installabile [MW] ma è davvero sfruttabile senza rischi per la rete e per il sistema?

6 Inversione di flusso: criticità legate alle protezioni 6 Inversione di flusso: la potenza attiva fluisce dalla rete MT verso la rete AT. Criticità legate alle protezioni e all automazione di rete hanno crescente incidenza sulle reti (e sulle linee) in cui il flusso di potenza, per almeno una data percentuale delle ore annue di funzionamento, si inverta. A livello di interfaccia AT/MT (CP): A livello di singola linea MT: possibile degrado delle prestazioni per gli utenti sottesi all intera CP. possibile degrado delle prestazioni per gli utenti sottesi alla specifica linea MT.

7 Criticità legate all automazione di rete: richiusure automatiche, isola indesiderata 7 La richiusura rapida è un automatismo in grado di richiudere l'interruttore in testa alla linea (CP) a seguito di un'apertura su guasto: migliora la qualità del servizio. Richiusura: in presenza di GD, bisogna evitare che possa verificarsi un parallelo in controfase dei generatori ancora connessi; la GD connessa continui a sostenere il guasto (richiusura negativa); Apertura definitiva: in presenza di GD, bisogna evitare che uno o più impianti di produzione continuino ad alimentare una porzione della rete successivamente alla disconnessione della stessa porzione dal resto della rete, che rimane connessa al complessivo sistema elettrico (isola indesiderata).

8 Come si comporta la GD: Dispositivo Di Interfaccia, Norma CEI I generatori connessi alla rete MT sono dotati di un dispositivo che assicura la disconnessione dell impianto in caso di perdita della rete (DDI). Il Sistema di Protezione di Interfaccia (SPI): è un relé che dispone esclusivamente di informazioni di tipo locale. Regolazioni tipiche dell attuale SPI: (27) min tensione 0,7 Un (59); max tensione 1,2 Un (81U) min frequenza 49,7 Hz ; (81O) max frequenza 50,3 Hz Regolazione ad elevata sensibilità: diversi utenti sono soggetti a scatti intempestivi del SPI per guasti esterni in emergenza RTN la GD viene distaccata (blackout 2006: persi 2000 MW) per quanto sensibili siano le regolazioni, il SPI non può distaccare la GD se Pc~Pg ATTUALE SPI NON AFFIDABILE

9 Come si comporta la GD: evoluzione con ICT 9 È necessario esplorare ed implementare i sistemi di comunicazione tra: RELÈ di protezione in CP (relè MASTER) SPI della GD (relè SLAVE) COMUNICAZIONE Nuova logica di comando e regolazione SPI Sistema di comunicazione integro: soglie a minor sensibilità (es Hz) In mancanza di comunicazione: commutazione soglie con attuale sensibilità Il sistema di comunicazione garantisce la gestione e l affidabilità nel distacco o nel mantenimento in linea della GD migliorando le prestazioni dell intero sistema. SPI AFFIDABILE e CONTROLLABILE

10 Generazione Diffusa: l impatto prospettico sulle reti 10 Data ICT New protections Negligible impact DG penetration [%]

11 Outline 11 Impatto della GD sulle reti di distribuzione hosting capacity ostacoli allo sviluppo dell GD: la protezione di interfaccia ICT: tecnologia abilitante Milano Wi-Power: integrazione delle reti di energia e comunicazione risultati delle prime sperimentazioni Conclusioni & sviluppi futuri: utilizzo protocolli standard (IEC 61850) integrazione con automazione di rete cosa ci serve?

12 Sviluppo delle reti elettriche e di comunicazione: i progetti in corso 12 MILANO WI-POWER (PoliMi, A2A, SELTA, THYTRONIC, Mobimesh ERSE, CEI, AEEG) Testare prestazioni e affidabilità dei sistemi di comunicazione (anche in forma integrata) da implementare tra CP e GD connessa alla rete; Definire i segnali da scambiare e le relative tempistiche; Effettuare prime prove di comunicazione punto punto tra CP e GD Sperimentare un applicazione combinata su più CP: impiego di VPN già presenti (rete A2A Milano); la GD comunica solo con la CP associata in condizioni normali; in caso di assetto non standard, coordinamento tra diverse CP.

13 Milano Wi-Power: CP A2A Musocco GD c/o POLIMI 13 CP A2A MUSOCCO > 3 km POLITECNICO DI MILANO

14 Milano Wi-Power Sistemi di comunicazione e segnali da scambiare SISTEMI DI COMUNICAZIONE 14 Rete internet: non necessita di supporti dedicati ed è già diffusa sul territorio Reti Wi-Fi e Wi-Max: supporti dedicati, bande libere o proprietarie Sistema PLC: già utilizzato sulla trasmissione Fibra ottica: nuovi sviluppi rete, non utilizzabile nel breve su reti esistenti SEGNALI DA SCAMBIARE TRA CP E GD E TEMPISTICHE INTERTRIP: comando di scatto del SPI inviato dal relè in CP al SPI della GD a seguito di comando di apertura del relè in CP (centinaia di ms) KEEP ALIVE: senza rete ICT il SPI restringe le soglie di intervento (1 s) REG V: modulazione della potenza reattiva (decine di secondi) LIMITAZIONE P: modulazione della potenza attiva (minuti) Altre applicazioni smart (pricing, ecc)

15 Milano Wi-Power Esperienza di comunicazione su rete internet 15 RELÈ THYTRONIC NV10PS (SPI) INSTALLATO c/o POLIMI (SLAVE) PC (MASTER) 50 km DA POLIMI (BRIANZA) PC (MASTER) 80 km DA POLIMI (PIACENZA) PC (MASTER) 10 km DA POLIMI SEDE DI THYTRONIC (MILANO) La comunicazione avviene con protocollo standard TCP/IP e l applicazione di rete delle protezioni utilizza una messaggistica proprietaria (Thytronic) Costi di esercizio e struttura minimi (indirizzo IP fisso) Possibili criticità: cyber security; disponibilità della comunicazione; tempi di ritardo della comunicazione.

16 Milano Wi-Power Risultati comunicazione Test di comunicazione bi-direzionale; caso su 50 km di distanza 16 Inviate stringhe da 32 byte ogni 4 s tra MASTER e SLAVE per una intera settimana (21600 campioni) Il 100% dei pacchetti è arrivato a destinazione con successo Il tempo di invio dell informazione e della conferma di arrivo è < 100 ms in tutti i casi 50 km > della lunghezza massima delle linee di MT La GD è fatta di moltissime unità: approccio probabilistico

17 Milano Wi-Power Esperienza di comunicazione Wi-Fi / internet 17 BRIDGE DI RETE RELE GD c/o POLIMI ANTENNE DIREZIONALI INTERNET Vantaggi: RELE CP c/o A2A MUSOCCO INTERTRIP KEEP ALIVE RELE GD c/o THYTRONIC cyber security; disponibilità della comunicazione; copertura di aree non cablate o rurali. Possibili criticità: problemi di installazione e autorizzativi; problemi di visibilità di antenne direzionali; maggior costo rispetto a rete internet e a supporti di struttura hw

18 Milano Wi-Power risultati INTERTRIP 18 RELE CP CP (MUSOCCO) e RELE e GD GD (POLIMI) (THYTRONIC) CON Wi-Fi con + INTERNET MEDIA 46,7 37,5 DEV.ST 176,5 172,1

19 Outline 19 Impatto della GD sulle reti di distribuzione hosting capacity ostacoli allo sviluppo dell GD: la protezione di interfaccia ICT: tecnologia abilitante Milano Wi-Power: integrazione delle reti di energia e comunicazione risultati delle prime sperimentazioni Conclusioni & sviluppi futuri: utilizzo protocolli standard (IEC 61850) integrazione con automazione di rete cosa ci serve?

20 Contatti in corso con: Enel Distribuzione, CESI, altri partner tecnologici 20 Nuova dimostrazione in campo: Impiegare protocolli standard (IEC 61850): garantire l interoperabilità tra apparati di protezione controllo e monitoraggio scambiare informazioni con GOOSE o comunicazione client-server SOTTOSTAZIONE ESTESA: estensione del sistema di supervisione e protezione della CP al SPI della GD per effettuare la comunicare con protocollo IEC Sfruttare ICT anche per un automazione con prestazioni spinte (sel. logica) Implementare un controllore di CP, in grado di: indirizzare la comunicazione verso ciascun generatore connesso integrare le funzioni avanzate con l automazione esistente

21 Conclusioni: più GD possibile solo con ICT 21 Integrare la rete di energia e di informazione Aree ad alta e media densità (Milano, etc :>70% dei clienti finali in Italia): problemi autorizzativi per l installazione di dispositivi di comunicazione dedicati la rete internet pubblica è molto diffusa; ottenuti buoni risultati Aree a bassa densità (rurali): Nuove linee MT : fibra ottica (soluzione già implementata dai Distributori) Linee già esistenti: sistemi wireless e/o rete internet pubblica: prove in corso Come andare avanti? Servono impianti pilota per validare le scelte in campo Servono incentivi per sviluppare le iniziative su scala reale (Del. 348/07) Serve un apporto più mirato alla ricerca da parte dei costruttori (power; ICT)

22 Acknowledgments 22 AlpEnergy, responsabile ing. Marco Merlo Milano Wi-Power, responsabile ing. Mauro Pozzi Hanno reso possibili le varie iniziative i PhD della Sezione Elettrica: ing. Davide Falabretti; ing. Gabriele Monfredini; ing. Valeria Olivieri Le soluzioni tecnologiche finora messe in campo sono state fornite da: Mobimesh (wireless solutions); Thytronic (relè); Selta (automazione e comunicazione)

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power M. Delfanti, D. Falabretti, M. Merlo, V. Olivieri - Dipartimento di Energia Politecnico di Milano M. Ambroggi - Thytronics

Dettagli

il progetto Milano Wi-Power

il progetto Milano Wi-Power 22 Aprile 2010 - Roma Verso infrastrutture intelligenti per le utility Telecomunicazioni innovative nel controllo e protezione della GD: D. Falabretti,, G. Monfredini, V. Olivieri, M. Pozzi Dipartimento

Dettagli

Prospettive e primi esempi in Italia. Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Prospettive e primi esempi in Italia. Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Prospettive e primi esempi in Italia Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Evoluzione/rivoluzione delle reti: perché? Sviluppo iniziale dei sistemi elettrici basato su forme di

Dettagli

I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future.

I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future. I sistemi elettrici per l energia: origini storiche, stato attuale, prospettive future. Cristian Bovo, Davide Falabretti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia cristian.bovo@polimi.it davide.falabretti@polimi.it

Dettagli

SMART GRID: INTEGRARE RETI DI ENERGIA E DI INFORMAZIONE

SMART GRID: INTEGRARE RETI DI ENERGIA E DI INFORMAZIONE Verso infrastrutture intelligenti per le utility SMART GRID: INTEGRARE RETI DI ENERGIA E DI INFORMAZIONE Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.it Outline

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA L EVOLUZIONE DELLA RETE ELETTRICA PER LA DIFFUSIONE DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.it Perché rivoluzionare le reti?

Dettagli

EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID: RETI DI ENERGIA E RETI DI INFORMAZIONE

EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID: RETI DI ENERGIA E RETI DI INFORMAZIONE PIANO D AZIONE PER LO SVILUPPO DELLE FONTI RINNOVABILI l'italia e l'imminente attuazione della direttiva europea: il contributo degli istituti di ricerca nazionali EVOLVERE LE RETI VERSO LE SMART GRID:

Dettagli

Mobilità elettrica e rete nazionale: amici o nemici?

Mobilità elettrica e rete nazionale: amici o nemici? Mobilità elettrica e rete nazionale: amici o nemici? Prof. Francesco Castelli Dezza Politecnico di Milano Federico Cheli Ulteriore domanda Esistono componenti o strategie tali da rendere il sistema «mobilità

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE. Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE. Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Progetti ed iniziative sperimentali di smart grids in Italia; tendenze a livello europeo Ing. Alberto Cerretti, Enel Distribuzione Prof. Maurizio

Dettagli

Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche

Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche Progetto pilota Smart Grid S. Severino Marche M. Fiori Milano, 28 novembre 2013 A.S.SE.M. SpA (Azienda San Severino Marche SpA) Scambi in Cabina Primaria Settembre 2013 Attività: distribuzione dell'energia

Dettagli

PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo. ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013

PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo. ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013 PROGETTI PILOTA SMART GRID Lambrate e Gavardo ing. Enrico Fasciolo Milano, 28 novembre 2013 Ampiezza del progetto: utenti attivi coinvolti e Cabine Lungo Linea CP Lambrate (Milano) e CP Gavardo (Brescia)

Dettagli

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Agenda La Realtà di A2A Reti Elettriche I Progetti Smart Grid

Dettagli

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT.

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. La nuova regola tecnica di connessione BT: Norma CEI 0-21 La Norma

Dettagli

IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE

IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE VERSO LE SMART GRIDS: POSSIBILITÀ DI CRESCITA PER IL MERCATO E PER LE INDUSTRIE DEL SISTEMA ANIE Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Venerdì 08

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia

Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia Smart Grid: i primi progetti pilota in Italia Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo, Gabriele Monfredini, Valeria Olivieri, Mauro Pozzi Politecnico di Milano Dipartimento di Energia, via La

Dettagli

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi

Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi Novità introdotte dalle nuove Norme CEI 0-16 e CEI 0-21 al sistema di protezione di interfaccia per utenti attivi ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) http://www.norma016.it/cei/index.asp?page=documentazione&type=2

Dettagli

Sistemi fotovoltaici

Sistemi fotovoltaici Sistemi fotovoltaici e connessione in rete Roberto Caldon Università degli Studi di Padova Contrastanti esigenze della GD e della rete Da parte dei Produttori: Poter collegare senza formalità aggiuntive

Dettagli

NORMA CEI 0-210 REQUISITI FUNZIONALI, DI PROVA E CERTIFICAZIONE. ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A.

NORMA CEI 0-210 REQUISITI FUNZIONALI, DI PROVA E CERTIFICAZIONE. ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. NORMA CEI 0-210 CENNI AL SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA PER IMPIANTI DI ENERAZIONE BT : REQUISITI FUNZIONALI, DI PROVA E CERTIFICAZIONE ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC

Dettagli

Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Le FRNP sulle reti elettriche: un problema, o una risorsa futura? Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Mercoledì 19 Giugno 2013 Indice 2 Lo sviluppo delle FRNP e i problemi sul

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile

Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile Evoluzione dei sistemi di automazione di stazione per l integrazione degli impianti alimentati da fonte rinnovabile M. Petrini, G. Bruno, L. Campisano, L. Ortolano, E. Casale Terna Rete Italia, Direzioni

Dettagli

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE

SVILUPPO DELLE SMART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE prof. aurizio Delfanti ing. Valeria Olivieri SVILUPPO DELLE SART GRID: OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE ITALIANE DEL SETTORE L innovazione

Dettagli

Funzioni aggiuntive: - Registrazione oscillografica, - Logica programmabile (PLC) - Richiusura automatica per impianti fotovoltaici (opzionale)

Funzioni aggiuntive: - Registrazione oscillografica, - Logica programmabile (PLC) - Richiusura automatica per impianti fotovoltaici (opzionale) SOLUZIONI THYTRONIC PER L ADEGUAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA AI REQUISITI DELL ALLEGATO TERNA A70 CHE LA DELIBERA 84/2012/R/EEL (08-03-2012) PRESCRIVE PER LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI

Dettagli

Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita

Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita Università di Pisa DESE La programmazione dell immissione in rete della produzione da fonti rinnovabili e il Virtual Power Plant 21.02.2011 Firenze Esperienza di gestione di reti con Generazione Distribuita

Dettagli

Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD

Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD Il coordinamento DSO TSO e l osservabilità della GD Terna Rete Italia Milano, 28 Novembre 2013 1 Fonti rinnovabili Crescita Eolico e Solare: anni 2005 2012 2 Fonti rinnovabili Crescita Eolico e Solare:

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica GESTIONE EVOLUTA DELLE PROTEZIONI DI INTERFACCIA PER LA SICUREZZA DEL SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE

Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE Le Smart Grids: il futuro delle reti elettriche e dei servizi energetici Massimo Gallanti RSE 21 marzo 2012 - Milano 1 Perché le Smart Grids? Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento

Dettagli

Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto

Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto Intelligenza della rete al servizio delle fonti rinnovabili un caso concreto Smart grids: sviluppo delle reti elettriche di distribuzione Bolzano, 9 novembre 2012 Sommario Presentazione di Selta SpA Obiettivi

Dettagli

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Introduzione:

Dettagli

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi

Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Aumentare la Hosting Capacity delle reti di distribuzione con investimenti Smart selettivi Politecnico di Milano, 28 Settembre 2015 Michele Salaris, Gianluca Sapienza Enel Distribuzione Tecnologie di Rete

Dettagli

Perché le smart grids

Perché le smart grids Massimo Gallanti Perché le smart grids Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento delle fonti rinnovabili (in particolare sfruttando la Generazione Distribuita (GD)) Nuovi impieghi

Dettagli

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria

Impatti trascurabili Profili di tensione. direzionali) Assenza di fenomeni di isola indesiderata Integrazione informativa GD non necessaria Confronto Generazione - Carico Scenari attuali e futuri Carico Equilibrio Generazione technology focus DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID Progetti ed esigenze dei per la gestione della rete in

Dettagli

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE

l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Smart Grids: definizione, applicazione e modelli: l evoluzione del sistema elettrico verso le reti attive Massimo Gallanti RSE Perché le Smart Grids Gli obiettivi i della politica energetica europea come

Dettagli

Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore

Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore Sviluppo delle smart grid: opportunità per le aziende italiane del settore Maurizio Delfanti, Valeria Olivieri Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Mercoledì 04 Dicembre 2013 Sviluppo delle smart

Dettagli

Smart Lab: struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative

Smart Lab: struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative : struttura unica nel suo genere dedicata alla sperimentazione, alla ricerca ed alla dimostrazione di tecnologie innovative Affrontare le sfide della società nell era del consumo sostenibile Aiutare i

Dettagli

La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano

La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano La gestione delle rinnovabili nel sistema elettrico italiano Giorgio Maria Giannuzzi Responsabile Analisi dell Esercizio Terna Rete Italia 1 Evoluzione della Generazione Distribuita 2 L impatto della Generazione

Dettagli

Le novità tecnologiche introdotte dalla Norma CEI 0-21

Le novità tecnologiche introdotte dalla Norma CEI 0-21 Le novità tecnologiche introdotte dalla Norma CEI 0-21 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 SOMMARIO Obiettivi della Norma CEI 0-21 Entrata in vigore della

Dettagli

Dispositivo di Interfaccia Problemi e Soluzioni

Dispositivo di Interfaccia Problemi e Soluzioni Dispositivo di Interfaccia Problemi e Soluzioni Rev. 01 12 Giugno 2012 Premessa Il presente documento vuole essere d aiuto per pianificare i settaggi dei relè di protezione degli impianti di produzione

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni

Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni Dispositivi di Interfaccia Problemi e Soluzioni Rev. 02 30 Giugno 2012 Premessa Il presente documento è una guida pratica per essere d aiuto nella configurazione dei relè di protezione degli impianti di

Dettagli

Progetto Smart Grids. A.S.SE.M. SpA. Cabina Primaria di San Severino Marche (MC)

Progetto Smart Grids. A.S.SE.M. SpA. Cabina Primaria di San Severino Marche (MC) Progetto Smart Grids A.S.SE.M. SpA Cabina Primaria di San Severino Marche (MC) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) SOMMARIO 1. DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 1 1.1 Finalità...

Dettagli

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania Ing. Diego Pirolo Enel Distribuzione Responsabile Sviluppo Rete Campania POI Energia 2007-2013 Il Programma Operativo

Dettagli

Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve

Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve Progetto pilota Smart Grid DEVAL: CP Villeneuve Andrea Bianchin DEVAL Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia La proprietà intellettuale del presente documento allegato

Dettagli

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile

Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Studio, sviluppo e validazione di metodi e strumenti innovativi per la gestione di reti di distribuzione attive con generazione da fonte rinnovabile Presentazione del progetto www.smartgen.it Scopo: Contesto:

Dettagli

Medium voltage products UniSec per Smart Grid Quadro di media tensione isolato in aria per la distribuzione secondaria

Medium voltage products UniSec per Smart Grid Quadro di media tensione isolato in aria per la distribuzione secondaria Medium voltage products UniSec per Smart Grid Quadro di media tensione isolato in aria per la distribuzione secondaria Indice 3 Panoramica 4 Livelli standard 6 Monitoraggio e Controllo 7 Misura 8 Protezione

Dettagli

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione:

I Sistemi di Accumulo (SdA) elettrochimici sono applicazioni con un forte contenuto di innovazione: LO STORAGE DI ELETTRICITÀ E L INTEGRAZIONE DELLE RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO. I BATTERY INVERTERS Fiera Milano 8 maggio 2014 La normativa tecnica per l accumulo elettrico Maurizio Delfanti Comitato

Dettagli

Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia

Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Smart Grid. Tra normativa tecnica e regolazione: lavori in corso in Italia Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Genova, 30 Novembre 2012 Perché la GD complica la gestione delle

Dettagli

Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine

Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine Valutazione dei progetti Del. 39/10: obiettivi di breve e medio termine Paolo Pelacchi, Fabrizio Pilo, Roberto Turri Smart Grid Technical Issue BAU Distribution Network Active Distribution Network Voltage

Dettagli

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia)

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia) Nuove funzioni di Smart Grid nel Sistema di Telecontrollo degli impianti di trasformazione e distribuzione dell energia elettrica di ENEL Distribuzione Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Responsabile

Dettagli

L evoluzione del Sistema di Telecontrollo di Enel Distribuzione: una struttura chiave di supporto alle Smart Grids

L evoluzione del Sistema di Telecontrollo di Enel Distribuzione: una struttura chiave di supporto alle Smart Grids L evoluzione del Sistema di Telecontrollo di Enel Distribuzione: una struttura chiave di supporto alle Smart rids Luca Delli Carpini (Enel Distribuzione SpA), ianluca Sapienza (Enel Distribuzione SpA)

Dettagli

Soluzioni Siemens per le reti intelligenti

Soluzioni Siemens per le reti intelligenti Soluzioni Siemens per le reti intelligenti Siemens S.p.A. Danilo Moresco Dario Brusati Strategia Siemens per lo sviluppo delle Smart Grid la nostra strategia? Porre il consumatore al centro della rete

Dettagli

Il Laboratorio Smart Grid di EnergyLab: obiettivi e primi risultati. Dipartimento di Energia

Il Laboratorio Smart Grid di EnergyLab: obiettivi e primi risultati. Dipartimento di Energia Il Laboratorio Smart Grid di EnergyLab: obiettivi e primi risultati Andrea Silvestri Politecnico otec codi Milano ao Dipartimento di Energia Cos è EnergyLab EnergyLab è una Fondazione senza scopo di lucro

Dettagli

ALLEGATO A INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT. Caratteristiche dell impianto di produzione

ALLEGATO A INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT. Caratteristiche dell impianto di produzione ALLEGATO A INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT Quanto segue annulla e sostituisce le parti del Regolamento di Esercizio relative a capability dell impianto di produzione e caratteristiche ed impostazioni

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Medium voltage products. Guida tecnica Le smart grid 2. La cabina secondaria smart

Medium voltage products. Guida tecnica Le smart grid 2. La cabina secondaria smart Medium voltage products Guida tecnica Le smart grid 2. La cabina secondaria smart Indice 2 1. Introduzione all automazione della distribuzione 3 2. La distribuzione dell energia elettrica 4 3. Le cabine

Dettagli

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini

C. Arrigoni D. Manocchia. S. Liotta S. Alessandroni. C. Michelangeli C. Carlini Il progetto pilota Smart Grid di ACEA Distribuzione: criteri innovativi nel controllo delle reti elettriche di Media Tensione in presenza di generazione distribuita S. Liotta S. Alessandroni C. Arrigoni

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia. in collaborazione con CESI RICERCA. Impatto della generazione diffusa sulle reti di distribuzione

POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia. in collaborazione con CESI RICERCA. Impatto della generazione diffusa sulle reti di distribuzione POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Energia in collaborazione con CESI RICERCA Relazione del progetto commissionato da Autorità per l energia elettrica e il gas Impatto della generazione diffusa sulle

Dettagli

Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita

Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita Problematiche specifiche della connessione della generazione distribuita Emanuele Forte, SMA Italia Workshop STARGRID, Milano 30.10.2013 Disclaimer 2 Agenda 1 2 Evoluzione dei sistemi elettrici con introduzione

Dettagli

INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato

INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato INTERVENTI REGOLATORI PER L'INTEGRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI NEL SISTEMA ELETTRICO: Smartgrid, Storage, Autoconsumo e Mercato Luca Lo Schiavo e Gervasio Ciaccia Autorità per l energia elettrica e il

Dettagli

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012 Incontro tecnico NORMA CEI 0-21 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Relatore Gastone Guizzo Padova,

Dettagli

Controllo del sistema in tempo reale

Controllo del sistema in tempo reale Controllo del sistema in tempo reale L obiettivo principale del controllo in tempo reale del sistema elettrico è quello di assicurare, istante per istante, la copertura del fabbisogno, ottemperando ai

Dettagli

Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids.

Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids. Energy Storage System: una soluzione reale a supporto delle smart grids. Loccioni in numeri FONDATA 1968 PROPRIETA Famiglia Loccioni STAFF SEDI 364 collaboratori 47 % laureati 33 anni età media Moie di

Dettagli

Progetto Smart Grid ACEA - Roma Progetto Pilota

Progetto Smart Grid ACEA - Roma Progetto Pilota Marzio Grassi Distribution Automation. March 2014 Progetto Smart Grid ACEA - Roma Progetto Pilota Slide 1 Progetto Pilota ACEA è l utility di Roma, nel 2010 ha avviato il progetto Smart City. I quadri

Dettagli

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI)

PROGETTO LAMBRATE. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) PROGETTO LAMBRATE A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Lambrate (MI) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) Sommario 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 4 1.1 Finalità...

Dettagli

CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA

CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA CAMBIANO LE NORMATIVE PER IL COLLAUDO E VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI AUTOPRODUZIONE Deliberazione 84/2012/R/EEL Allegato A.70 CEI 0-21; Variante V1 CEI 0-16; III

Dettagli

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA N 02 1 di 13 REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione 02 03/08/2012 Chiarimenti interpretativi N 02 2 di 13 INDICE

Dettagli

Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete

Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete Smart Grids, passaggio obbligato per l integrazione delle rinnovabili in rete Massimo Gallanti Rimini, 11 novembre 2011 Perché le smart grids Nuovi drivers del sistema elettrico Incrementare lo sfruttamento

Dettagli

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Smart Distribution System Milano, 28 settembre 2015 Agenda Premessa Gli sviluppi della rete elettrica e gli ambiti

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE La nuova Norma CEI 0-21: novità per la connessione di utenti attivi alle reti di distribuzione BT (prog. C1058) A.Cerretti Enel Distribuzione S.p.A.

Dettagli

MODALITA DI UTILIZZO DEL TELEDISTACCO APPLICATO AD IMPIANTI DI PRODUZIONE DA FONTE EOLICA

MODALITA DI UTILIZZO DEL TELEDISTACCO APPLICATO AD IMPIANTI DI PRODUZIONE DA FONTE EOLICA MODALITA DI UTILIZZO DEL TELEDISTACCO APPLICATO AD IMPIANTI DI PRODUZIONE DA FONTE EOLICA 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SCOPO... 4 3. UTILIZZO DEL TELEDISTACCO DA ATTUARE IN MODALITA LENTA. 4 3.1 PROCEDURA

Dettagli

Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico

Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico Le smart grid nella ricerca per il sistema elettrico Massimo Gallanti RSE Bologna, 8 giugno 2011 1 RSE e la Ricerca del sistema elettrico RSE (Ricerca sul Sistema Energetico S.p.A.) svolge attività di

Dettagli

PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA

PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA Centrali di produzione energia: l interazione processo-sistema elettrico PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA Antonio Livrieri Nicola Ostellino Torna al programma Premessa

Dettagli

L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico

L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico L impatto delle rinnovabili sul sistema elettrico Generazione distribuita l esperienza del Gruppo HERA Paolo Manià Direzione Energia & IP Esercizio Fabrizio Rossi Direzione Gas ed energia elettrica Venezia

Dettagli

L evoluzione in corso: verso le smart grid. prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.

L evoluzione in corso: verso le smart grid. prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi. L evoluzione in corso: verso le smart grid prof. Maurizio Delfanti Politecnico di Milano Dipartimento di Energia maurizio.delfanti@polimi.it 1 Indice 2 L impatto della GD sul Sistema Elettrico Nazionale

Dettagli

Progettazione, installazione e verifica di un impianto fotovoltaico Francesco Groppi Responsabile GDL2 CEI-CT82

Progettazione, installazione e verifica di un impianto fotovoltaico Francesco Groppi Responsabile GDL2 CEI-CT82 Lo stato dell arte della normativa legislativa e tecnica per impianti elettrici in particolare fotovoltaici Guida CEI 82-25 Sala conferenze CNA, Ragusa 30 Maggio 2009 Progettazione, installazione e verifica

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25

Le Regole Tecniche per. e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Le Regole Tecniche per la Connessione alle reti e la nuova edizione della Guida CEI 82-25 Ing. Francesco Iannello Responsabile Tecnico ANIE/Energia Vicenza, 16 Dicembre 2010 Indice Connessione alle reti

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione La gestione dell IP dinamico in rete GPRS con utilizzo del protocollo IEC60870: il concetto di Plc Gprs Manager, nella comunicazione wireless con standard IEC, applicato alle reti idriche geograficamente

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

Soluzioni di telecontrollo

Soluzioni di telecontrollo Soluzioni di telecontrollo FAST si presenta come il partner ideale per soluzioni di telegestione degli impianti distribuiti, proponendo sistemi flessibili, affidabili e dotati della massima capacità di

Dettagli

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica

Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Aspetti tecnici e normativi della connessione degli impianti fotovoltaici alla rete elettrica Francesco Groppi Conferenza dell Industria Solare Italia 2009 Roma, 5-65 Principali aspetti e problematiche

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS)

PROGETTO GAVARDO. A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) PROGETTO GAVARDO A2A Reti Elettriche S.p.A. Cabina Primaria di Gavardo (BS) RELAZIONE SEMESTRALE GIUGNO 2013 (V RELAZIONE SEMESTRALE) Sommario 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIMOSTRATIVO... 4 1.1 Finalità...

Dettagli

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) 0 Introduzione Scopo di questa presentazione

Dettagli

ENEL INFRASTRUTTURE E RETI AVVIATO IL LAVORO NER 300

ENEL INFRASTRUTTURE E RETI AVVIATO IL LAVORO NER 300 ENEL INFRASTRUTTURE E RETI AVVIATO IL LAVORO NER 300 Il 5 febbraio 2016 le Segreterie Nazionali hanno incontrato l Enel in merito all avvio dell investimento pilota previsto in Puglia denominato NER 300

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 2 AGOSTO 2012 344/2012/R/EEL APPROVAZIONE DELLA MODIFICA ALL ALLEGATO A70 E DELL ALLEGATO A72 AL CODICE DI RETE. MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico a cura di Antonello Greco Oggetto dellʼintervento Installazione di un impianto fotovoltaico da 6 kw su edificio. Norme, Leggi e Delibere applicabili Guida CEI 82-25: 2010-09: Guida alla realizzazione di

Dettagli

Smart Grid. Le reti elettriche di domani

Smart Grid. Le reti elettriche di domani Presentazione del volume Smart Grid. Le reti elettriche di domani Dalle rinnovabili ai veicoli elettrici il futuro passa per le reti intelligenti Sintesi degli interventi Camera dei Deputati - Palazzo

Dettagli

Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone)

Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone) Il progetto ISERNIA (Cabina Primaria di Carpinone) Il Progetto Isernia Inquadramento un progetto che integra diversi elementi chiave delle Smart Grids Integration of renewables Storage Customer Engagement

Dettagli

relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato

relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato PARERE TECNICO relativo al progetto pilota presentato dalla società Azienda Energetica Prato Soc. Cooperativa, come risultante a seguito delle modifiche proposte ai sensi della deliberazione ARG/elt 12/11

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT N 01 1 di 23 IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione N 01 2 di 23 INDICE 1.

Dettagli

Progetto Smart Grid Delibera ARG/elt 39/10

Progetto Smart Grid Delibera ARG/elt 39/10 Progetto Smart Grid Delibera ARG/elt 39/10 Utente Attivo SEA Energia S.p.A. Milano, 09/10/2015 INQUADRAMENTO DI SEA ENERGIA NEL PROGETTO SEA ENERGIA partecipa come «Utente attivo» al progetto pilota Smart

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

Nuova regola tecnica di connessione in BT: Norma CEI 0-21 II ediz. e relè d interfaccia

Nuova regola tecnica di connessione in BT: Norma CEI 0-21 II ediz. e relè d interfaccia Firenze, 12 Aprile 2013 - Sergio G. Carrara Nuova regola tecnica di connessione in BT: Norma CEI 0-21 II ediz. e relè d interfaccia 12 aprile 2013 Slide 1 Fonti Rinnovabili una sfida per il futuro ABB

Dettagli

ALLEGATO J: ADDENDUM TECNICO AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT

ALLEGATO J: ADDENDUM TECNICO AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT ALLEGATO J: ADDENDUM TECNICO AL REGOLAMENTO DI ESERCIZIO MT fac-simile da utilizzare per dichiarare la conformità dell impianto alla RTC - regola tecnica di connessione La dichiarazione deve essere compilata

Dettagli

Allegato A. Progetto pilota Impresa distributrice. Azienda energetica Prato soc. Cooperativa. Az. En. Prato allo Stelvio

Allegato A. Progetto pilota Impresa distributrice. Azienda energetica Prato soc. Cooperativa. Az. En. Prato allo Stelvio Rapporto di valutazione Ammissibilità e graduatoria di merito delle istanze presentate ai sensi della deliberazione ARG/elt 39/10, relative a progetti pilota comprendenti sistemi di automazione, protezione

Dettagli

SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA

SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA L ENERGIA SMART: EFFICIENZA, INNOVAZIONE, SOSTENIBILITA SMART GRID E GENERAZIONE DISTRIBUITA Giorgio Graditi Responsabile Laboratorio Tecnologie Fotovoltaiche (UTTP-FOTO) C.R. ENEA - Portici Roma, 14 maggio

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita

Dettagli