Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa. FUNZIONE COSTRUZIONE E REALIZZAZIONE U.O. Costruzioni Idriche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa. FUNZIONE COSTRUZIONE E REALIZZAZIONE U.O. Costruzioni Idriche. www.aceaspa.it"

Transcript

1

2

3 LaboratoRI SpA è la società del Gruppo Acea che opera nei servizi di laboratorio, ricerca e consulenza, ingegneria, legate alle tematiche ambientali e all intero ciclo dell acqua. Nel campo dell ingegneria, le principali attività di LaboratoRI consistono nella progettazione e nella realizzazione delle opere per la gestione dei servizi idrici e per il trattamento dei rifiuti. Vengono inoltre effettuati studi nel settore dell idrogeologia e della protezione delle risorse idriche e servizi specialistici in campo geologicogeotecnico. Per le attività di ingegneria, la società è certificata secondo la norma :2008. Tra le sue attività, un posto rilevante viene occupato dalla ricerca e dai servizi legati al settore idrico/ambientale (monitoraggi idrici ed ambientali; ottimizzazione dei processi di trattamento di acque potabili e reflue; ottimizzazione delle reti idropotabili e fognarie; valutazione e riduzione degli impatti collaterali degli impianti di trattamento etc.). Il Laboratorio di analisi di Grottarossa è in grado di fornire servizi di laboratorio altamente specialistici su acque potabili, superficiali, reflue, industriali, rifiuti, terreni, siti contaminati e su altre matrici di interesse ambientale. Il Laboratorio dispone di strumentazioni ed apparecchiature all'avanguardia, unitamente a competenza scientifica e consolidata esperienza ed opera in Sistema di Qualità, accreditato ACCREDIA (Ente unico nazionale di accreditamento) ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC dal dicembre L U.O. Costruzioni idriche è una unità operativa della Funzione Costrizione e Realizzazione di LaboratoRI SpA che ha le seguenti responsabilità: garantire la produzione dei servizi di direzione lavori alle società del Gruppo ACEA, con particolare riferimento alle società delle Aree di Business Idriche e al mercato, ai livelli di produttività prefissati; garantire la gestione dei contratti acquisiti e delle attività connesse con le direzioni lavori; assicurare la qualità dei servizi di direzione Lavori offerti agli standard prefissati. Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa LaboratoRI SpA a socio unico Lab services Research Innovation Via Vitorchiano, Roma Tel Fax Cap Soc: iv CF e P.IVA TRIB RM 4895/92 CCIAA RM REA Socio Unico che esercita la direzione e il coordinamento ai sensi dell art bis c.c.: Acea SpA - CF

4

5 APPALTI ACEA ATO 2 S.p.A.

6 Pagina 2 di 2 00_ATO2.doc

7

8

9 Condotta adduttrice Torrenova-Eur - Lavori di completamento L appalto ha per oggetto il completamento della realizzazione della condotta adduttrice DN 1800 mm in acciaio dal centro idrico di Torrenova a quello dell EUR, della lunghezza complessiva di m ca., di cui m ca. sono stati realizzati mediante precedente appalto non concluso. Le opere consistono essenzialmente in: realizzazione di una condotta interrata DN1800 mm per una lunghezza di circa 5060 m realizzazione di attraversamenti stradali e ferroviari con tubi fodera infissi a spingi tubo: o FFSS Roma Napoli via Formia: in c.a. DN3400 mm L= 44 ml; o FFSS Roma Napoli via Cassino: in c.a. DN3400 mm L=46 ml; o Autostrada A1 Roma Napoli: in acciaio DN2800 mm L=87 ml; o Via Appia Nuova: in acciaio DN2200 mm L=62 ml e L=39 ml; o Ippodromo Capannelle : in acciaio DN2200 mm L=84 ml e L=75 ml; o Via Ardeatina: in acciaio DN2200 mm L=42 ml; o Via della Sorbona: in acciaio DN2200 mm L=20 ml e L=20 ml; o Via Stanford: in acciaio DN2200 mm L=27 ml e L=35 ml; o Via Schiavonetti: in acciaio DN2200 mm L=94 ml e L=47 ml. Realizzazione del tubo fodera in acciaio DN2200 a protezione dell attraversamento del G.R.A. L=110 ml Tubazioni di scarico a servizio della condotta e dei tubi fodera delle FFSS (condotte interrate DN1400 in c.a. L= 465 ml e L= 805 ml, DN800 in c.a. L= 90 ml e L=206 ml, DN500 in c.a (microttunnel L= 30ml) manufatti di accesso ai tubi fodera, di manovra e di linea ed opere complementari Hanno rivestito particolare importanza le indagini archeologiche effettuate lungo tutto il tracciato della condotta ed in particolare nel tratto ubicato all interno del Parco Archeologica dell Appia Antica L intervento ha un impegno economico complessivo di ,46 e il costo delle opere ammonta a ,68. I lavori sono stati consegnati il 18/12/2007 e l ultimazione è prevista per il 16/09/2011. Pagina 1 di 6 02_A76.doc

10 Posa adduttrice DN1800 in campagna Posa adduttrice DN scarico DN 1400 sotto strada Pagina 2 di 6 02_A76.doc

11 Posa adduttrice DN scarico DN 1400 sotto strada Particolare pozzetto di scarico Pagina 3 di 6 02_A76.doc

12 Pozzo di spinta spingitubo DN2800 Particolare fresa puntuale spingitubo DN2800 Pagina 4 di 6 02_A76.doc

13 Paratia di pali DN 800 per pozzo di spinta Pagina 5 di 6 02_A76.doc

14 Pagina 6 di 6 02_A76.doc

15 Sorgenti del Peschiera sostituzione delle tubazioni DN 1350 di by-pass con tubazioni DN 1600 L appalto prevedeva la sostituzione di due tratti delle tubazioni DN1350 mm di bypass dell adduttrice principale delle sorgenti del Peschiera esistenti con tubazioni DN1600 mm. Le tubazioni sono posate fuori terra su baggioli di appoggio in c.a. I lavori consistevano essenzialmente in: Esecuzione di prove di collaudo statico dei baggioli di fondazione; Consolidamento mediante micropali radice di parte dei baggioli; Sostituzione delle selle in carpenteria metallica di appoggio delle tubazioni; Dismissione delle tubazioni DN1350 esistenti per una lunghezza totale di circa 600 ml e loro sostituzione con tubazioni in acciaio DN1600 verniciate; Sabbiatura e verniciatura dei tratti di tubazini DN1350 mm non oggetto di sostituzione della lunghezza di circa 1280 ml. I lavori di sostituzione sono stati eseguiti sostituendo una tubazione per volta al fine di permettere un immediato ripristino della funzionalità dell opera in caso di emergenza. Attualmente sono in corso le operazioni di collaudo tecnico amministrativo. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,00. I lavori sono stati consegnati il 25/03/2009 e l ultimazione è avvenuta il 18/01/2010. Pagina 1 di 4 04_A103.doc

16 Tubazioni DN 1350 ante operam Pagina 2 di 4 04_A103.doc

17 Tubazioni DN 1600 post operam Prove di carico sui baggioli di fondazione Pagina 3 di 4 04_A103.doc

18 Tubazioni DN 1350: sabbiatura e verniciatura primer Pagina 4 di 4 04_A103.doc

19 Interventi di risanamento degli acquedotti ARSIAL nei comuni di Roma e Fiumicino (I stralcio funzionale - I lotto) Acquedotto comprensorio Testa di Lepre L appalto ha per oggetto gli interventi di risanamento idraulico degli Acquedotti Arsial del Comprensorio Testa di Lepre (Acquedotti Testa di Lepre, Malvicino, Tragliata e Prataroni) nei Comuni di Roma e Fiumicino. I lavori consistevano essenzialmente nella realizzazione di: una condotta premente DN 200, in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 5,2 km, dal serbatoio sopraelevato di L.go Formichi al serbatoio sopraelevato di Tragliata, ubicato presso Via del Casale di S. Angelo, in Comune di Fiumicino; una condotta DN 100 in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 300 m, di collegamento tra la condotta distributrice di Via G. Mestica (Acquedotto Testa di Lepre) e la condotta distributrice di Via Malvicina (Acquedotto Malvicino); adeguamento dell impianto di sollevamento presente presso il centro idrico di L.go Formichi; adeguamento impianto serbatoio Perella; Le lavorazioni hanno avuto inizio con la posa della tubazione in ghisa sferoidale partendo dal Serbatoio Formichi fino al raggiungimento del Serbatoi Tragliata. Lungo i circa 5 Km di tubazione sono stati costruiti, oltre ai necessari manufatti di scarico e sfiato, altri quattro manufatti (via Mestica, via Cametti, via Occioni ed allaccio per serbatoio Perella) in cui la nuova tubazione viene interconnessa alle reti esistenti. Una volta completata la posa della tubazione si è passati all adeguamento dei serbatoi ed al montaggio dell impianto di rilancio posto nei locali del serbatoio Formichi. Attualmente tutte le lavorazioni sono terminate e sono in corso le operazioni di collaudo tecnico amministrativo. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,85. I lavori sono stati consegnati il 16/12/2009 e l ultimazione è avvenuta il 11/07/2011. Pagina 1 di 8 05_A116.doc

20 Rinterro tubazioni DN 200 Pagina 2 di 8 05_A116.doc

21 Tubo fodera per attraversamento fossi Pagina 3 di 8 05_A116.doc

22 Attraversamento fosso Attraversamento tipo Pagina 4 di 8 05_A116.doc

23 Serbatoio Formichi ante operam Pagina 5 di 8 05_A116.doc

24 Serbatoio Formichi post operam Serbatoio Formichi post operam Pagina 6 di 8 05_A116.doc

25 Manufatto Largo Formichi Valvola troppo pieno e by-pass nel Serbatoio Perella Pagina 7 di 8 05_A116.doc

26 Valvola troppo pieno e by-pass nel Serbatoio Tragliata Pagina 8 di 8 05_A116.doc

27 SOSTITUZIONE DEI SIFONI V E VI DELL ACQUA MARCIA NEL PARCO DI PRATOLUNGO L intervento in oggetto consiste nella sostituzione e nello spostamento, nel tratto che attraversa il Parco di Pratolungo (zona Borghesiana), delle tubazioni dei Sifoni V e VI dell Acqua Marcia con due tubazioni DN 800 e DN 600 in acciaio saldato, della lunghezza di ca. 530 m. Il territorio interessato dall intervento è ubicato sulla destra della Via Prenestina - km 15,5, all estremità est del Comune di Roma. E inoltre compreso nell appalto lo spostamento, all interno dell area del Parco, dell intero tratto del DN 300 in ghisa per la rete di Colle del Sole, che è posto in derivazione dal V Sifone, con una nuova condotta DN 300 in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 191 m. Completa l intervento, la realizzazione dei manufatti di sfiato e di scarico dei nuovi tratti di condotta, nonché la predisposizione del manufatto di collegamento ai Sifoni delle due condotte in ingresso ed uscita a servizio del Centro Idrico Ponte di Nona. Le lavorazioni hanno avuto inizio con la posa delle due tubazioni DN 800 e DN 600 in acciaio saldato. Successivamente, dopo la posa della tubazione in ghisa sferoidale DN 300, è stato predisposto il manufatto per le derivazioni, sempre in acciaio, a servizio del Centro Idrico Ponte di Nona, il manufatto di derivazione per la tubazione in ghisa sferoidale a servizio del comprensorio Colle del Sole ed il manufatto di sfiato di quest ultima. Una volta approntati i semi blocchi di ancoraggio si è passati alle fasi si allaccio delle nuove tubazioni con le vecchie mandando in fuori servizio un Sifone alla volta. Le lavorazioni si sono concluse con il completamento dei blocchi di ancoraggio e la messa in funzione dello opere di protezione catodica. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,20. I lavori sono stati consegnati il 25/11/ /12/2010. e l ultimazione è avvenuta il Pagina 1 di 8 06_A79.doc

28 Stato dei luoghi ante operam Stato dei luoghi ante operam Pagina 2 di 8 06_A79.doc

29 Tracciato tubazioni Tracciato tubazioni Pagina 3 di 8 06_A79.doc

30 Dispositivi di manovra per collegamento al Centro Idrico Ponte di Nona Dispositivi di manovra per collegamento al comprensorio Colle del Sole Pagina 4 di 8 06_A79.doc

31 Particolare dei semiblocchi di ancoraggio Completamento blocchi di ancoraggio ad allaccio avvenuto Pagina 5 di 8 06_A79.doc

32 Blocco di ancoraggio ghisa Pagina 6 di 8 06_A79.doc

33 Manufatto di sfiato Manufatto di derivazione per collegamento al Centro Idrico Ponte di Nona e armadio protezione catodica Pagina 7 di 8 06_A79.doc

34 Pozzo per opere di protezione catodica Pagina 8 di 8 06_A79.doc

35 ELIMINAZIONE SCARICO F67 E BY-PASS DEL DEPURATORE DI DRAGONCELLO Il presente appalto ha per oggetto l eliminazione dello scarico di acque reflue al Fiume Tevere denominato F67 proveniente da uno dei collettori posati su via di Dragoncello e che riceve le acque reflue di alcune vie limitrofe, realizzando un impianto per il sollevamento di tali liquami fino al limite di diluizione di legge, con recapito al collettore ovoidale tipo VII che conduce al depuratore di Roma Ostia. Si prevede inoltre la sostituzione della tubazione 300 su via di Dragoncello con una nuova condotta 600 in grès, la realizzazione di un nuovo manufatto sfioratore, nonché la realizzazione del by-pass del depuratore Dragoncello (che attualmente scarica al Fiume Tevere), mediante il sollevamento dei liquami in ingresso direttamente all ovoidale di cui sopra. In particolare, il progetto prevede le seguenti lavorazioni: ristrutturazione della vasca di sollevamento del depuratore Dragoncello (S1), con rimozione e smaltimento delle strutture di copertura e delle apparecchiature esistenti, posizionamento di una griglia fine a pulizia automatica, di un nastro trasportatore del grigliato, sostituzione delle pompe esistenti con n. 3+1 pompe sommergibili, condotte di mandata, valvolame e accessori; realizzazione di un nuovo manufatto in c.a. per il sollevamento dei liquami in via di Dragoncello (S2), completo di n. 2+1 pompe sommergibili, condotte di mandata, valvolame e accessori; realizzazione di un manufatto in c.a. di sfioro delle portate eccedenti il limite di diluizione, sul collettore ovoidale esistente tipo VII su via di Dragoncello, con derivazione sul nuovo collettore DN 600 in grès; fornitura e posa in opera degli impianti elettrici per entrambe le stazioni di sollevamento, composti da: gruppo elettrogeno centralizzato presso l impianto S1, collegamenti elettrici dalla S1 alla S2 mediante cavidotto, quadri elettrici, distribuzione alle utenze, rete di illuminazione esterna, rete di terra, impianto luci e F.M. edifici, impianto di telecontrollo; L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,68. I lavori sono stati consegnati il 1/12/2008 e l ultimazione è avvenuta il 16/4/2010. Pagina 1 di 8 07_F26.doc

36 Ante operam vasca S1 Ante operam vasca S1 Pagina 2 di 8 07_F26.doc

37 Demolizioni vasca S1 Demolizioni vasca S1 Pagina 3 di 8 07_F26.doc

38 Post operam vasca S1 Post operam vasca S1 Pagina 4 di 8 07_F26.doc

39 Operazioni di bonifica ordigni bellici Pagina 5 di 8 07_F26.doc

40 Scavo manufatto scolmatore SF1 Manufatto scolmatore SF1 Pagina 6 di 8 07_F26.doc

41 Scavo e posa condotta DN 600 in grès Pagina 7 di 8 07_F26.doc

42 Scavo manufatto di sollevamento S2 Manufatto di sollevamento S2 Pagina 8 di 8 07_F26.doc

43 Opere di fognatura in Via Ostiense Km. 17,00 Il presente appalto ha avuto per oggetto la realizzazione di un collettore fognario in gres del diametro di 300 mm per la raccolta delle acque nere dell agglomerato abitativo esistente lungo il tratto della via Ostiense adiacente il Km. 17,00. Il suddetto collettore è stato posato in parte sotto sede stradale asfaltata ed in parte in campagna e è stato eseguito sia con scavo a cielo aperto sia con la tecnica della infissione a spinta (microtunnelling ) ed è stato provvisto di manufatti di ispezione ed allaccio. L intervento ha un impegno economico complessivo di Euro ,00 e il costo delle opere realizzate ammonta a ,29. I lavori sono stati consegnati il 18/01/2010 e sono stati ultimati il 16/11/2010. Pagina 1 di 8 08_F08.doc

44 Posa condotte su Via Ostiense Posa condotte all interno dello spartitraffico di Via Ostiense Pagina 2 di 8 08_F08.doc

45 Posa condotte all interno del pozzo di spinta del microtunnelling Movimentazione di pozzetto prefabbricato DN 3200 Pagina 3 di 8 08_F08.doc

46 Arrivo della testa fresante all interno di un pozzetto prefabbricato Realizzazione di barulle all nterno dei pozzetti del Mocrotunnelling Pagina 4 di 8 08_F08.doc

47 Posa di soletta prefabbricata DN 3800 Posa di pozzetti di ispezione Pagina 5 di 8 08_F08.doc

48 Visita di collaudo presso lo stabilimento di produzione dei pozzetti prefabbricati della Palluzzi srl Visita di collaudo presso lo stabilimento di produzione dei pozzi per microtunnelling della Canzian s.r.l. Pagina 6 di 8 08_F08.doc

49 Posa condotta in campagna Pagina 7 di 8 08_F08.doc

50 Ritrovamento dell antica Via Ostiense Ritrovamento di antica sepoltura su Via Ostiense Pagina 8 di 8 08_F08.doc

51 LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEL SISTEMA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DEL COMUNE DI MONTEROTONDO 3 LOTTO COLLETTORE BACINO CARAPONE L intervento è finalizzato ad eliminare alcuni scarichi non depurati del Comune di Monterotondo presenti sul bacino meridionale (Carapone), nonché raccogliere i reflui provenienti dal bacino Trentani situato nel Comune di Mentana, con collettamento delle acque reflue al nuovo impianto di depurazione Semblera di Monterotondo. Il presente appalto ha per oggetto la realizzazione di un collettore che si sviluppa a partire dalla zona S. Matteo / Reviola verso la frazione di Monterotondo Scalo lungo prima il fosso Carapone e successivamente su via di S. Domenico, sino al nuovo impianto di depurazione Semblera, per uno sviluppo complessivo di circa 7540 m, mediante tubazioni in grès di diametri variabili tra il DN 300 mm e il DN 600 mm, tubazioni in c.a. di diametri variabili tra il DN 800 mm e il DN 1000 mm ed un breve tratto di collettore a sezione ovoidale 800x1200 mm. Nel dettaglio le opere consistono in un primo tratto di collettore ovoidale (CA) per una lunghezza di circa 35 metri, per collegare i due scarichi non a norma (MONF05 e MONF06), di tipo misto, che altrimenti sversano i liquami dei bacini del centro storico e di S. Matteo - Mozzino nel fosso Carapone. A valle del collettore CA è stato realizzato un manufatto di sfioro (SF1) per la derivazione sul collettore DN 400 mm previsto in progetto (CB) per uno sviluppo di circa 470 m. La presenza di un ulteriore scarico non a norma a valle del sottobacino della Reviola (MONF08), ha reso necessaria la realizzazione di un manufatto di sfioro per la derivazione delle portate di diluizione (SF2) e di un collettore di diametro DN 300 (CC) da posare lungo via della Reviola per una lunghezza complessiva di circa 2110 m. I due collettori CB e CC confluiscono in un unica tubazione di diametro DN 600 (CD) della lunghezza complessiva di circa 1040 m lungo la strada provinciale delle Fornaci; su tale collettore saranno convogliati i reflui di uno terzo scarico presente lungo il tracciato (MONF07). Il tratto successivo (CE), realizzato con tubazioni in c.a. DN 800 mm, ha inizio dal manufatto di confluenza del collettore proveniente da Mentana e percorre in successione via Monti S. Ilario e via S. Domenico sino a ridosso con la ferrovia Roma - Chiusi, per uno sviluppo complessivo di circa 1990 m di cui i primi 500 m posati con la tecnica del microtunnelling. Da qui, è prevista la posa di tubazioni in c.a. di diametro DN 1000 (CF). Su questo tratto è stato realizzato: Attraversamento della linea ferroviaria Roma Chiusi al km mediante la tecnica del microtunnelling; Attraversamento della SS. n.4 Salaria al km con scavo a cielo aperto. Infine, l intervento è completato dalle opere tipologiche di linea, costituite da attraversamenti in subalveo dei fossi, manufatti di disconnessione e di confluenza e pozzetti di ispezione, completi di carpenterie metalliche e chiusini in ghisa sferoidale. Pagina 1 di 4 09_F59.doc

52 L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,35. I lavori sono stati consegnati il 12/02/2009 e l ultimazione è prevista per il 12/07/2011. Manufatto di sfioro SF1 Pagina 2 di 4 09_F59.doc

53 Dettaglio sfioro delle acque di pioggia e scarico al fosso Carapone Manufatti di linea- tratto posa in campagna collettore CB DN 600 in grès Pagina 3 di 4 09_F59.doc

54 Posa in campagna collettore CB DN 600 in grès Posa collettore CF DN 1000 in c.a. Pagina 4 di 4 09_F59.doc

55 Adduttrice Maglianella V tronco - (Eliminazione scarico F61) L opera definitiva riguarda la realizzazione del sistema fognario Maglianella V tronco costituito da collettore/scolmatore-canale emissario/adduttrice, il cui tracciato si sviluppa nel Comune di Roma, nei territori del Municipio XVIII. Le opere sono finalizzate al completamento dello schema di raccolta e smaltimento delle acque reflue del bacino idrografico denominato nel seguito della Maglianella, e consentono inoltre l eliminazione dello scarico non a norma censito sul territorio comunale ed individuato come F61. L intervento in esame si inquadra nel più generale progetto di eliminazione dello stato di degrado ambientale in cui versa il territorio del bacino idrografico in argomento, in parte dovuto alla presenza di scarichi fognari non a norma immessi a cielo aperto nei fossi, a sua volta inserito nel più vasto programma di risanamento igienico-sanitario dell intero territorio comunale. L opera ha una lunghezza complessiva di circa 2400 metri. Il progetto esecutivo comprende essenzialmente le seguenti opere: L eliminazione dello scarico non a norma codificato come F61 mediante un tratto di circa 120 metri di fognatura in gres DN400 in parte in trincea in parte in microtunnel; La realizzazione di un tratto di circa 400 metri di collettore fognario costituito da un collettore in c.a DN2600 in parte in trincea in parte in microtunnel e da uno scatolare in c.a. 3,20x5,30 m di raccordo tra collettore di progetto e collettore ovoidale esistente 2,40x3,00 La realizzazione di un manufatto scolmatore in c.a. delle dimensioni orientative in pianta di 10x25 metri e profondità 8 metri circa La realizzazione di un tratto di circa 1100 metri di adduttrice fognaria, in microtunnel, in c.a. DN2200 Camere di spinta e arrivo per l esecuzione di tutti i tratti in microtunnel La realizzazione di un tratto di circa 800 metri di adduttrice fognaria, realizzato con scavo a cielo aperto, in c.a. DN2200 La disostruzione, bonifica e disinfezione dei collettori esistenti per consentire l allaccio del collettore di progetto L attraversamento del fosso della Maglianella in microtunnel La realizzazione di manufatti di ispezione L allaccio finale all adduttrice esistente Maglianella IV tronco L intervento ha un impegno economico complessivo di ,91 e il costo delle opere ammonta a ,82. I lavori sono stati consegnati il 21/06/2010 e l ultimazione è prevista per il 05/02/2013. Pagina 1 di 6 10_F19.doc

56 Vista dell area di cantiere Realizzazione in opera Pali ad elica Pagina 2 di 6 10_F19.doc

57 Particolare Sezione di scavo a cielo aperto con posa palancolato metallico Pagina 3 di 6 10_F19.doc

58 Vista interna tubazione in opera DN 2200 durante le fasi di stuccatura e sigillatura giunzioni Collaudo e prova di tenuta idraulica delle tubazioni, presso lo stabilimento di produzione della ditta CANZIAN. Pagina 4 di 6 10_F19.doc

59 Particolare della giunzione armatura metallica pali ad elica Pagina 5 di 6 10_F19.doc

60 Pagina 6 di 6 10_F19.doc

61 ELIMINAZIONE SCARICO F45 SU VIA STAZIONE AURELIA Il presente appalto ha avuto per oggetto la realizzazione di un sistema fognario per la raccolta degli scarichi reflui non a norma individuati nelle aree dei Municipi XVI e XVIII del Comune di Roma confluenti, attraverso la rete delle acque meteoriche, direttamente al fosso dell Acquafredda arrecando grave danno alla qualità ambientale. Sono stati realizzati tre tratti di collettore, così costituiti: il primo tratto (A-B-C) è funzionale all intercettazione dello scarico fognario non a norma F45 su via della Stazione Aurelia; il secondo tratto (H-C) è destinato a raccogliere una serie di utenze domestiche e commerciali disposte lungo la S.S. Aurelia, attualmente collegate in modo improprio alla rete pluviale stradale; il terzo tratto (C-D-E-F) veicola i reflui al collettore comunale dell Acquafredda posto in prossimità del fosso omonimo. I suddetti collettori sono stati posati in parte sotto sede stradale asfaltata ed in parte in campagna e sono stati eseguiti sia con scavo a cielo aperto sia con la tecnica della infissione a spinta (microtunnelling ) e è stato provvisto di manufatti di ispezione ed allaccio. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,11. I lavori sono stati consegnati il 21/09/2009 e l ultimazione è avvenuta il 04/02/2011. Pagina 1 di 6 11_F11.doc

62 Infissione palancole Pagina 2 di 6 11_F11.doc

63 Posa condotte con tecnica tradizionale Camera di spinta Nodo C Pagina 3 di 6 11_F11.doc

64 Posa condotte DN 600 con tecnica microtunnelling Posa pozzetto prefabbricato di uscita microtunneling Pagina 4 di 6 11_F11.doc

65 Sistemazione delle sponde del fosso Rifacimento parcheggio stazione ferroviaria Pagina 5 di 6 11_F11.doc

66 Pagina 6 di 6 11_F11.doc

67 Realizzazione dei lavori di ampliamento del depuratore di Santa Maria in Fornarola nel Comune di Albano Laziale L impianto di depurazione Santa Maria in Fornarola si colloca nel Comune di Albano Laziale (RM) ed è situato in via Salerno, nei pressi della località Pavona, all altezza del km circa della Strada Provinciale Albano-Torvaianica. L'area dell'impianto (circa mq) è delimitata a sud dalla strada di accesso e da aree agricole nelle restanti esposizioni. L intervento consiste nell ampliamento del depuratore esistente, mediante la demolizione di alcune vasche e la realizzazione di nuovi manufatti nella stessa area di pertinenza dell attuale impianto, al fine di garantire una capacità di trattamento massima di abitanti equivalenti, nel pieno rispetto dei limiti imposti dalla vigente legislazione sulle acque (D.Lgs. 152/06). Il ciclo di trattamento adottato per l impianto nella configurazione finale è di tipo biologico a fanghi attivi (con pre-denitrificazione, ossidazione e nitrificazione) con abbattimento di azoto e fosforo, filtrazione terziaria e disinfezione finale dell effluente. Il processo si prevede a basso carico, con stabilizzazione aerobica del fango in una vasca separata e disidratazione meccanica mediante nastropresse. In particolare, il progetto prevede la realizzazione delle seguenti opere: una nuova sezione di pre-trattamento liquami, composta da un nuovo manufatto di confluenza, un manufatto di sfioro, un unità di sghiaiatura, grigliatura media e fine e sollevamento, un manufatto di dissabbiaturadisoleatura; una vasca di pioggia per la laminazione delle portate, ottenuta riconvertendo il sedimentatore primario esistente; un nuovo bacino di denitrificazione, analogo all esistente, adiacente all attuale vasca di stabilizzazione che verrà convertita a sua volta a vasca di nitrificazione (ciò allo scopo di garantire un bacino di trattamento biologico del tipo nitro-denitro su due linee parallele); due nuove vasche di sedimentazione rettangolari, analoghe alle due esistenti, al fine di garantire la sedimentazione su due linee parallele; un nuovo trattamento terziario di filtrazione ed una vasca di disinfezione dell effluente; un nuovo bacino di stabilizzazione aerobica dei fanghi; un sollevamento esterno all impianto necessario al rilancio dei liquami relativi alla fognatura De315 mm, attualmente non collettata al depuratore; un nuovo edificio servizi ed il locale gruppo elettrogeno; l ampliamento della rete idrica di servizio e una nuova rete di drenaggio acque meteoriche; l ampliamento dell impianto elettrico ad integrazione dell esistente; le opere di sistemazione esterna, quali la viabilità interna all impianto in asfalto, i piazzali in pavimentazione industriale ed alcune aree in macadam. Nel corso dei lavori l Unità Bacino Sud di ACEA ATO2 S.p.A., in qualità di gestore dell impianto, ha chiesto (nota prot. 427 del ) la realizzazione di un comparto terziario di trattamento per l adeguamento dello scarico effluente ai parametri richiesti dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell art. 26, comma Pagina 1 di 6 12_D16.doc

68 2, del D.Lgs. n.152 del 11 maggio 1999, in conseguenza ai risultati negativi della relazione idrogeologica sul corso d acqua recettore. Nel corso dei lavori l Unità Bacino Sud di ACEA ATO2 S.p.A., in qualità di gestore dell impianto, ha chiesto (nota prot. 427 del ) la realizzazione di un comparto terziario di trattamento per l adeguamento dello scarico effluente ai parametri richiesti dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell art. 26, comma 2, del D.Lgs. n.152 del 11 maggio 1999, in conseguenza ai risultati negativi della relazione idrogeologica sul corso d acqua recettore. Per adempiere a quanto prescritto dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 la soluzione individuata, con apposita Perizia di Variante e Suppletiva, è l utilizzo dei raggi UV per la disinfezione dei reflui. L impianto a tal fine previsto consiste in una serie di moduli (di lampade) organizzati in banchi (n.2 banchi di lampade UV posti in serie) inseriti all interno di un canale, di apposite dimensioni, attraverso cui far passare i reflui da trattare. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,64. I lavori sono stati consegnati il 06/07/2009 e l ultimazione è prevista per il 18/09/2011. Pagina 2 di 6 12_D16.doc

69 Esecuzione degli scavi nuovi pretrattamenti Esecuzione pareti Pagina 3 di 6 12_D16.doc

70 Nuovi pretrattamenti opere civili Vista comparto pretrattamenti Pagina 4 di 6 12_D16.doc

71 Posa apparecchiature nuovo comparto di filtrazione terziaria Pagina 5 di 6 12_D16.doc

72 Pagina 6 di 6 12_D16.doc

73 Ristrutturazione del sistema di fognatura e depurazione del Comune di Monterotondo - 1 Lotto - Nuovo impianto di depurazione Semblera L appalto prevede la demolizione del depuratore esistete e la realizzazione del nuovo depuratore per una potenzialità di abitanti equivalenti. Le nuove opere sono costituite essenzialmente da: una sezione di trattamento liquami (suddivisa su due linee parallele) composta da: o manufatto di confluenza dei collettori fognari, o vasca di pretrattamento meccanico e sollevamento, o manufatto di dissabbiatura, o bacino di trattamento biologico del tipo nitro-denitro o n.2 vasche di sedimentazione circolare, o trattamento terziario di filtrazione, o vasca di disinfezione dell effluente; una nuova sezione di trattamento fanghi composta da: o vasca di pre-ispessimento, o bacino di stabilizzazione aerobica suddiviso su due linee, o vasca di post-ispessimento, o trattamento di disidratazione meccanica dei fanghi mediante centrifughe; una nuova sezione di trattamento delle acque di pioggia costituita da una vasca circolare di decantazione e sistema di estrazione fanghi; sistemazione del fosso di recapito; tre nuovi edifici (servizi, trasformazione e gruppo elettrogeno, compressori e disidratazione meccanica); Opere complementari (rete idriche elettriche si stazioni esterne, muro di contenimento, sistemazioni esterne) L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,00. I lavori sono stati consegnati il 27/05/2010 e l ultimazione è previsto per il 27/07/2011. Pagina 1 di 8 13_D08.doc

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Le nuove frontiere del trattamento dei reflui di una grande città e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento Ing. Giorgio MARTINO ACEA ATO2 Spa Roma -Regione Lazio Sala Tevere 25 luglio 2013

Dettagli

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVORNO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI ex SS 67 bis dell Arnaccio km17,300 fraz. Ponte Biscottino FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

PREMESSA IL TERRITORIO

PREMESSA IL TERRITORIO PREMESSA La presente relazione accompagna il progetto esecutivo delle attività di pronto intervento diurno e notturno, feriale e festivo e la realizzazione di manutenzioni ordinarie delle reti, allacciamenti

Dettagli

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa

I N D I C E. Relazione Tecnico-Illustrativa I N D I C E 1. PREMESSA... 1 2. STATO ATTUALE DEI SISTEMI DI COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE... 4 2.1 COMPRENSORIO DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (SV)... 4 2.2 COMUNE DI CERIALE (SV)... 5 2.3 COMUNE DI PIETRA

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

DEPOSITO GRANITI - DCO

DEPOSITO GRANITI - DCO - DCO ESEGUITO: - Opere di cantierizzazione - Piste di cantiere - Opere di consolidamento dei terreni a ridosso dei cunicoli esistenti - Indagini archeologiche integrative (passate dalla competenza del

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando

RELAZIONE TECNICA. Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento. Deposito D2 e Nuova Cabina Elettrica (NCE) Descrizione opere per bando RELAZIONE TECNICA Elaborato Tipo / S tipo Sistema / Edificio / Argomento RT RFR Centrale / Impianto Rev. Titolo elaborato Sito di Saluggia (NCE) Descrizione opere per bando Descrizione delle revisioni

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 INDICE 1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 2. INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO------------------------------------------------3 3. LE INTERFERENZE----------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

CANTIERE OPERATIVO CHIARAVAGNA - BORZOLI - COV3 Relazione tecnica generale

CANTIERE OPERATIVO CHIARAVAGNA - BORZOLI - COV3 Relazione tecnica generale COMMITTENTE: RETE FERROVIARIA ITALIANA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO ITALIANE : GRUPPO FERROVIE DELLO STATO ITALIANE GENERAL CONTRACTOR: INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua 1. Premessa Nell area industriale dello spezzino si presentano condizioni ottimali per sviluppare un processo di recupero e riutilizzo delle acque reflue depurate, dal momento che l impianto di trattamento

Dettagli

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Proprietà ANCONAMBIENTE S.p.A. Via Del Commercio 27, 60127 ANCONA RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_Gestione_Fasi_Costruttive_E_R02.doc 1 1. PREMESSE I lavori oggetto dell appalto dovranno essere realizzati secondo le FASI di costruzione di seguito riportate, definite allo scopo di minimizzare le interferenze tra il cantiere e le attività

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI

DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto riguarda la progettazione delle opere di fognatura del X Lotto dei collettori e delle reti di raccolta della fognatura nei Comuni di San

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 6 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE... 2 4. FOGNATURA... 2 4.1 MATERIALI DA UTILIZZARE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico?

Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Trasporto e stoccaggio dell energia: come diventare smart Milano 11 luglio 2011 Gli impianti idroelettrici di pompaggio: nuovi protagonisti sulla scena del mercato elettrico? Clara Risso Direttore Fonti

Dettagli

Servizi per l edilizia

Servizi per l edilizia Geo24h Servizi per l edilizia Palancolati metallici e compositi Fondazioni speciali Dragaggio canali, fumi, laghi e cave Dewatering con pozzi Dewatering con sistemi wellpoint Tipologie di Intervento I

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Nodo di Bologna: situazione attuale Traffico attuale 780 treni/g 80.000 passeggeri/g 2 Nodo di Bologna: situazione a fine lavori (dicembre 2013) Traffico

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE ai sensi dell art. 26 del D.P.R. 207/2010 lett. b) lett. g) lett. h) lett. l) Relazione di compatibilità idraulica Relazione tecnica impianti Relazione sulla sicurezza Relazione sulle interferenze 1 lett.

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

Committente: PAC 2000A Soc. Coop Via del Rame Z.I. Ponte Felcino (PG)

Committente: PAC 2000A Soc. Coop Via del Rame Z.I. Ponte Felcino (PG) Committente: PAC 2000A Soc. Coop Via del Rame Z.I. Ponte Felcino (PG) VARIANTE IN CORSO D OPERA E RICHIESTA REVOCA DELLE CONDIZIONI AI PERMESSI DI COSTRUIRE N. 1466/2011, N. 1660/2011, N. 1661/2011 AREA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

COMUNE DI MOLFETTA Completamento opere foranee e costruzione porto commerciale di Molfetta

COMUNE DI MOLFETTA Completamento opere foranee e costruzione porto commerciale di Molfetta Indice 1 Premessa... 3 2 Descrizione dell impianto fogna pluviale... 4 3 Riferimenti Normativi... 8 4 Conformità normativa dell impianto... 9 5 Stato di avanzamento delle opere... 10 6 Perizia di Variante...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli