Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa. FUNZIONE COSTRUZIONE E REALIZZAZIONE U.O. Costruzioni Idriche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa. FUNZIONE COSTRUZIONE E REALIZZAZIONE U.O. Costruzioni Idriche. www.aceaspa.it"

Transcript

1

2

3 LaboratoRI SpA è la società del Gruppo Acea che opera nei servizi di laboratorio, ricerca e consulenza, ingegneria, legate alle tematiche ambientali e all intero ciclo dell acqua. Nel campo dell ingegneria, le principali attività di LaboratoRI consistono nella progettazione e nella realizzazione delle opere per la gestione dei servizi idrici e per il trattamento dei rifiuti. Vengono inoltre effettuati studi nel settore dell idrogeologia e della protezione delle risorse idriche e servizi specialistici in campo geologicogeotecnico. Per le attività di ingegneria, la società è certificata secondo la norma :2008. Tra le sue attività, un posto rilevante viene occupato dalla ricerca e dai servizi legati al settore idrico/ambientale (monitoraggi idrici ed ambientali; ottimizzazione dei processi di trattamento di acque potabili e reflue; ottimizzazione delle reti idropotabili e fognarie; valutazione e riduzione degli impatti collaterali degli impianti di trattamento etc.). Il Laboratorio di analisi di Grottarossa è in grado di fornire servizi di laboratorio altamente specialistici su acque potabili, superficiali, reflue, industriali, rifiuti, terreni, siti contaminati e su altre matrici di interesse ambientale. Il Laboratorio dispone di strumentazioni ed apparecchiature all'avanguardia, unitamente a competenza scientifica e consolidata esperienza ed opera in Sistema di Qualità, accreditato ACCREDIA (Ente unico nazionale di accreditamento) ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC dal dicembre L U.O. Costruzioni idriche è una unità operativa della Funzione Costrizione e Realizzazione di LaboratoRI SpA che ha le seguenti responsabilità: garantire la produzione dei servizi di direzione lavori alle società del Gruppo ACEA, con particolare riferimento alle società delle Aree di Business Idriche e al mercato, ai livelli di produttività prefissati; garantire la gestione dei contratti acquisiti e delle attività connesse con le direzioni lavori; assicurare la qualità dei servizi di direzione Lavori offerti agli standard prefissati. Centro LaboratoRI SpA - Grottarossa LaboratoRI SpA a socio unico Lab services Research Innovation Via Vitorchiano, Roma Tel Fax Cap Soc: iv CF e P.IVA TRIB RM 4895/92 CCIAA RM REA Socio Unico che esercita la direzione e il coordinamento ai sensi dell art bis c.c.: Acea SpA - CF

4

5 APPALTI ACEA ATO 2 S.p.A.

6 Pagina 2 di 2 00_ATO2.doc

7

8

9 Condotta adduttrice Torrenova-Eur - Lavori di completamento L appalto ha per oggetto il completamento della realizzazione della condotta adduttrice DN 1800 mm in acciaio dal centro idrico di Torrenova a quello dell EUR, della lunghezza complessiva di m ca., di cui m ca. sono stati realizzati mediante precedente appalto non concluso. Le opere consistono essenzialmente in: realizzazione di una condotta interrata DN1800 mm per una lunghezza di circa 5060 m realizzazione di attraversamenti stradali e ferroviari con tubi fodera infissi a spingi tubo: o FFSS Roma Napoli via Formia: in c.a. DN3400 mm L= 44 ml; o FFSS Roma Napoli via Cassino: in c.a. DN3400 mm L=46 ml; o Autostrada A1 Roma Napoli: in acciaio DN2800 mm L=87 ml; o Via Appia Nuova: in acciaio DN2200 mm L=62 ml e L=39 ml; o Ippodromo Capannelle : in acciaio DN2200 mm L=84 ml e L=75 ml; o Via Ardeatina: in acciaio DN2200 mm L=42 ml; o Via della Sorbona: in acciaio DN2200 mm L=20 ml e L=20 ml; o Via Stanford: in acciaio DN2200 mm L=27 ml e L=35 ml; o Via Schiavonetti: in acciaio DN2200 mm L=94 ml e L=47 ml. Realizzazione del tubo fodera in acciaio DN2200 a protezione dell attraversamento del G.R.A. L=110 ml Tubazioni di scarico a servizio della condotta e dei tubi fodera delle FFSS (condotte interrate DN1400 in c.a. L= 465 ml e L= 805 ml, DN800 in c.a. L= 90 ml e L=206 ml, DN500 in c.a (microttunnel L= 30ml) manufatti di accesso ai tubi fodera, di manovra e di linea ed opere complementari Hanno rivestito particolare importanza le indagini archeologiche effettuate lungo tutto il tracciato della condotta ed in particolare nel tratto ubicato all interno del Parco Archeologica dell Appia Antica L intervento ha un impegno economico complessivo di ,46 e il costo delle opere ammonta a ,68. I lavori sono stati consegnati il 18/12/2007 e l ultimazione è prevista per il 16/09/2011. Pagina 1 di 6 02_A76.doc

10 Posa adduttrice DN1800 in campagna Posa adduttrice DN scarico DN 1400 sotto strada Pagina 2 di 6 02_A76.doc

11 Posa adduttrice DN scarico DN 1400 sotto strada Particolare pozzetto di scarico Pagina 3 di 6 02_A76.doc

12 Pozzo di spinta spingitubo DN2800 Particolare fresa puntuale spingitubo DN2800 Pagina 4 di 6 02_A76.doc

13 Paratia di pali DN 800 per pozzo di spinta Pagina 5 di 6 02_A76.doc

14 Pagina 6 di 6 02_A76.doc

15 Sorgenti del Peschiera sostituzione delle tubazioni DN 1350 di by-pass con tubazioni DN 1600 L appalto prevedeva la sostituzione di due tratti delle tubazioni DN1350 mm di bypass dell adduttrice principale delle sorgenti del Peschiera esistenti con tubazioni DN1600 mm. Le tubazioni sono posate fuori terra su baggioli di appoggio in c.a. I lavori consistevano essenzialmente in: Esecuzione di prove di collaudo statico dei baggioli di fondazione; Consolidamento mediante micropali radice di parte dei baggioli; Sostituzione delle selle in carpenteria metallica di appoggio delle tubazioni; Dismissione delle tubazioni DN1350 esistenti per una lunghezza totale di circa 600 ml e loro sostituzione con tubazioni in acciaio DN1600 verniciate; Sabbiatura e verniciatura dei tratti di tubazini DN1350 mm non oggetto di sostituzione della lunghezza di circa 1280 ml. I lavori di sostituzione sono stati eseguiti sostituendo una tubazione per volta al fine di permettere un immediato ripristino della funzionalità dell opera in caso di emergenza. Attualmente sono in corso le operazioni di collaudo tecnico amministrativo. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,00. I lavori sono stati consegnati il 25/03/2009 e l ultimazione è avvenuta il 18/01/2010. Pagina 1 di 4 04_A103.doc

16 Tubazioni DN 1350 ante operam Pagina 2 di 4 04_A103.doc

17 Tubazioni DN 1600 post operam Prove di carico sui baggioli di fondazione Pagina 3 di 4 04_A103.doc

18 Tubazioni DN 1350: sabbiatura e verniciatura primer Pagina 4 di 4 04_A103.doc

19 Interventi di risanamento degli acquedotti ARSIAL nei comuni di Roma e Fiumicino (I stralcio funzionale - I lotto) Acquedotto comprensorio Testa di Lepre L appalto ha per oggetto gli interventi di risanamento idraulico degli Acquedotti Arsial del Comprensorio Testa di Lepre (Acquedotti Testa di Lepre, Malvicino, Tragliata e Prataroni) nei Comuni di Roma e Fiumicino. I lavori consistevano essenzialmente nella realizzazione di: una condotta premente DN 200, in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 5,2 km, dal serbatoio sopraelevato di L.go Formichi al serbatoio sopraelevato di Tragliata, ubicato presso Via del Casale di S. Angelo, in Comune di Fiumicino; una condotta DN 100 in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 300 m, di collegamento tra la condotta distributrice di Via G. Mestica (Acquedotto Testa di Lepre) e la condotta distributrice di Via Malvicina (Acquedotto Malvicino); adeguamento dell impianto di sollevamento presente presso il centro idrico di L.go Formichi; adeguamento impianto serbatoio Perella; Le lavorazioni hanno avuto inizio con la posa della tubazione in ghisa sferoidale partendo dal Serbatoio Formichi fino al raggiungimento del Serbatoi Tragliata. Lungo i circa 5 Km di tubazione sono stati costruiti, oltre ai necessari manufatti di scarico e sfiato, altri quattro manufatti (via Mestica, via Cametti, via Occioni ed allaccio per serbatoio Perella) in cui la nuova tubazione viene interconnessa alle reti esistenti. Una volta completata la posa della tubazione si è passati all adeguamento dei serbatoi ed al montaggio dell impianto di rilancio posto nei locali del serbatoio Formichi. Attualmente tutte le lavorazioni sono terminate e sono in corso le operazioni di collaudo tecnico amministrativo. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,85. I lavori sono stati consegnati il 16/12/2009 e l ultimazione è avvenuta il 11/07/2011. Pagina 1 di 8 05_A116.doc

20 Rinterro tubazioni DN 200 Pagina 2 di 8 05_A116.doc

21 Tubo fodera per attraversamento fossi Pagina 3 di 8 05_A116.doc

22 Attraversamento fosso Attraversamento tipo Pagina 4 di 8 05_A116.doc

23 Serbatoio Formichi ante operam Pagina 5 di 8 05_A116.doc

24 Serbatoio Formichi post operam Serbatoio Formichi post operam Pagina 6 di 8 05_A116.doc

25 Manufatto Largo Formichi Valvola troppo pieno e by-pass nel Serbatoio Perella Pagina 7 di 8 05_A116.doc

26 Valvola troppo pieno e by-pass nel Serbatoio Tragliata Pagina 8 di 8 05_A116.doc

27 SOSTITUZIONE DEI SIFONI V E VI DELL ACQUA MARCIA NEL PARCO DI PRATOLUNGO L intervento in oggetto consiste nella sostituzione e nello spostamento, nel tratto che attraversa il Parco di Pratolungo (zona Borghesiana), delle tubazioni dei Sifoni V e VI dell Acqua Marcia con due tubazioni DN 800 e DN 600 in acciaio saldato, della lunghezza di ca. 530 m. Il territorio interessato dall intervento è ubicato sulla destra della Via Prenestina - km 15,5, all estremità est del Comune di Roma. E inoltre compreso nell appalto lo spostamento, all interno dell area del Parco, dell intero tratto del DN 300 in ghisa per la rete di Colle del Sole, che è posto in derivazione dal V Sifone, con una nuova condotta DN 300 in ghisa sferoidale, della lunghezza di ca. 191 m. Completa l intervento, la realizzazione dei manufatti di sfiato e di scarico dei nuovi tratti di condotta, nonché la predisposizione del manufatto di collegamento ai Sifoni delle due condotte in ingresso ed uscita a servizio del Centro Idrico Ponte di Nona. Le lavorazioni hanno avuto inizio con la posa delle due tubazioni DN 800 e DN 600 in acciaio saldato. Successivamente, dopo la posa della tubazione in ghisa sferoidale DN 300, è stato predisposto il manufatto per le derivazioni, sempre in acciaio, a servizio del Centro Idrico Ponte di Nona, il manufatto di derivazione per la tubazione in ghisa sferoidale a servizio del comprensorio Colle del Sole ed il manufatto di sfiato di quest ultima. Una volta approntati i semi blocchi di ancoraggio si è passati alle fasi si allaccio delle nuove tubazioni con le vecchie mandando in fuori servizio un Sifone alla volta. Le lavorazioni si sono concluse con il completamento dei blocchi di ancoraggio e la messa in funzione dello opere di protezione catodica. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,20. I lavori sono stati consegnati il 25/11/ /12/2010. e l ultimazione è avvenuta il Pagina 1 di 8 06_A79.doc

28 Stato dei luoghi ante operam Stato dei luoghi ante operam Pagina 2 di 8 06_A79.doc

29 Tracciato tubazioni Tracciato tubazioni Pagina 3 di 8 06_A79.doc

30 Dispositivi di manovra per collegamento al Centro Idrico Ponte di Nona Dispositivi di manovra per collegamento al comprensorio Colle del Sole Pagina 4 di 8 06_A79.doc

31 Particolare dei semiblocchi di ancoraggio Completamento blocchi di ancoraggio ad allaccio avvenuto Pagina 5 di 8 06_A79.doc

32 Blocco di ancoraggio ghisa Pagina 6 di 8 06_A79.doc

33 Manufatto di sfiato Manufatto di derivazione per collegamento al Centro Idrico Ponte di Nona e armadio protezione catodica Pagina 7 di 8 06_A79.doc

34 Pozzo per opere di protezione catodica Pagina 8 di 8 06_A79.doc

35 ELIMINAZIONE SCARICO F67 E BY-PASS DEL DEPURATORE DI DRAGONCELLO Il presente appalto ha per oggetto l eliminazione dello scarico di acque reflue al Fiume Tevere denominato F67 proveniente da uno dei collettori posati su via di Dragoncello e che riceve le acque reflue di alcune vie limitrofe, realizzando un impianto per il sollevamento di tali liquami fino al limite di diluizione di legge, con recapito al collettore ovoidale tipo VII che conduce al depuratore di Roma Ostia. Si prevede inoltre la sostituzione della tubazione 300 su via di Dragoncello con una nuova condotta 600 in grès, la realizzazione di un nuovo manufatto sfioratore, nonché la realizzazione del by-pass del depuratore Dragoncello (che attualmente scarica al Fiume Tevere), mediante il sollevamento dei liquami in ingresso direttamente all ovoidale di cui sopra. In particolare, il progetto prevede le seguenti lavorazioni: ristrutturazione della vasca di sollevamento del depuratore Dragoncello (S1), con rimozione e smaltimento delle strutture di copertura e delle apparecchiature esistenti, posizionamento di una griglia fine a pulizia automatica, di un nastro trasportatore del grigliato, sostituzione delle pompe esistenti con n. 3+1 pompe sommergibili, condotte di mandata, valvolame e accessori; realizzazione di un nuovo manufatto in c.a. per il sollevamento dei liquami in via di Dragoncello (S2), completo di n. 2+1 pompe sommergibili, condotte di mandata, valvolame e accessori; realizzazione di un manufatto in c.a. di sfioro delle portate eccedenti il limite di diluizione, sul collettore ovoidale esistente tipo VII su via di Dragoncello, con derivazione sul nuovo collettore DN 600 in grès; fornitura e posa in opera degli impianti elettrici per entrambe le stazioni di sollevamento, composti da: gruppo elettrogeno centralizzato presso l impianto S1, collegamenti elettrici dalla S1 alla S2 mediante cavidotto, quadri elettrici, distribuzione alle utenze, rete di illuminazione esterna, rete di terra, impianto luci e F.M. edifici, impianto di telecontrollo; L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,68. I lavori sono stati consegnati il 1/12/2008 e l ultimazione è avvenuta il 16/4/2010. Pagina 1 di 8 07_F26.doc

36 Ante operam vasca S1 Ante operam vasca S1 Pagina 2 di 8 07_F26.doc

37 Demolizioni vasca S1 Demolizioni vasca S1 Pagina 3 di 8 07_F26.doc

38 Post operam vasca S1 Post operam vasca S1 Pagina 4 di 8 07_F26.doc

39 Operazioni di bonifica ordigni bellici Pagina 5 di 8 07_F26.doc

40 Scavo manufatto scolmatore SF1 Manufatto scolmatore SF1 Pagina 6 di 8 07_F26.doc

41 Scavo e posa condotta DN 600 in grès Pagina 7 di 8 07_F26.doc

42 Scavo manufatto di sollevamento S2 Manufatto di sollevamento S2 Pagina 8 di 8 07_F26.doc

43 Opere di fognatura in Via Ostiense Km. 17,00 Il presente appalto ha avuto per oggetto la realizzazione di un collettore fognario in gres del diametro di 300 mm per la raccolta delle acque nere dell agglomerato abitativo esistente lungo il tratto della via Ostiense adiacente il Km. 17,00. Il suddetto collettore è stato posato in parte sotto sede stradale asfaltata ed in parte in campagna e è stato eseguito sia con scavo a cielo aperto sia con la tecnica della infissione a spinta (microtunnelling ) ed è stato provvisto di manufatti di ispezione ed allaccio. L intervento ha un impegno economico complessivo di Euro ,00 e il costo delle opere realizzate ammonta a ,29. I lavori sono stati consegnati il 18/01/2010 e sono stati ultimati il 16/11/2010. Pagina 1 di 8 08_F08.doc

44 Posa condotte su Via Ostiense Posa condotte all interno dello spartitraffico di Via Ostiense Pagina 2 di 8 08_F08.doc

45 Posa condotte all interno del pozzo di spinta del microtunnelling Movimentazione di pozzetto prefabbricato DN 3200 Pagina 3 di 8 08_F08.doc

46 Arrivo della testa fresante all interno di un pozzetto prefabbricato Realizzazione di barulle all nterno dei pozzetti del Mocrotunnelling Pagina 4 di 8 08_F08.doc

47 Posa di soletta prefabbricata DN 3800 Posa di pozzetti di ispezione Pagina 5 di 8 08_F08.doc

48 Visita di collaudo presso lo stabilimento di produzione dei pozzetti prefabbricati della Palluzzi srl Visita di collaudo presso lo stabilimento di produzione dei pozzi per microtunnelling della Canzian s.r.l. Pagina 6 di 8 08_F08.doc

49 Posa condotta in campagna Pagina 7 di 8 08_F08.doc

50 Ritrovamento dell antica Via Ostiense Ritrovamento di antica sepoltura su Via Ostiense Pagina 8 di 8 08_F08.doc

51 LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEL SISTEMA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DEL COMUNE DI MONTEROTONDO 3 LOTTO COLLETTORE BACINO CARAPONE L intervento è finalizzato ad eliminare alcuni scarichi non depurati del Comune di Monterotondo presenti sul bacino meridionale (Carapone), nonché raccogliere i reflui provenienti dal bacino Trentani situato nel Comune di Mentana, con collettamento delle acque reflue al nuovo impianto di depurazione Semblera di Monterotondo. Il presente appalto ha per oggetto la realizzazione di un collettore che si sviluppa a partire dalla zona S. Matteo / Reviola verso la frazione di Monterotondo Scalo lungo prima il fosso Carapone e successivamente su via di S. Domenico, sino al nuovo impianto di depurazione Semblera, per uno sviluppo complessivo di circa 7540 m, mediante tubazioni in grès di diametri variabili tra il DN 300 mm e il DN 600 mm, tubazioni in c.a. di diametri variabili tra il DN 800 mm e il DN 1000 mm ed un breve tratto di collettore a sezione ovoidale 800x1200 mm. Nel dettaglio le opere consistono in un primo tratto di collettore ovoidale (CA) per una lunghezza di circa 35 metri, per collegare i due scarichi non a norma (MONF05 e MONF06), di tipo misto, che altrimenti sversano i liquami dei bacini del centro storico e di S. Matteo - Mozzino nel fosso Carapone. A valle del collettore CA è stato realizzato un manufatto di sfioro (SF1) per la derivazione sul collettore DN 400 mm previsto in progetto (CB) per uno sviluppo di circa 470 m. La presenza di un ulteriore scarico non a norma a valle del sottobacino della Reviola (MONF08), ha reso necessaria la realizzazione di un manufatto di sfioro per la derivazione delle portate di diluizione (SF2) e di un collettore di diametro DN 300 (CC) da posare lungo via della Reviola per una lunghezza complessiva di circa 2110 m. I due collettori CB e CC confluiscono in un unica tubazione di diametro DN 600 (CD) della lunghezza complessiva di circa 1040 m lungo la strada provinciale delle Fornaci; su tale collettore saranno convogliati i reflui di uno terzo scarico presente lungo il tracciato (MONF07). Il tratto successivo (CE), realizzato con tubazioni in c.a. DN 800 mm, ha inizio dal manufatto di confluenza del collettore proveniente da Mentana e percorre in successione via Monti S. Ilario e via S. Domenico sino a ridosso con la ferrovia Roma - Chiusi, per uno sviluppo complessivo di circa 1990 m di cui i primi 500 m posati con la tecnica del microtunnelling. Da qui, è prevista la posa di tubazioni in c.a. di diametro DN 1000 (CF). Su questo tratto è stato realizzato: Attraversamento della linea ferroviaria Roma Chiusi al km mediante la tecnica del microtunnelling; Attraversamento della SS. n.4 Salaria al km con scavo a cielo aperto. Infine, l intervento è completato dalle opere tipologiche di linea, costituite da attraversamenti in subalveo dei fossi, manufatti di disconnessione e di confluenza e pozzetti di ispezione, completi di carpenterie metalliche e chiusini in ghisa sferoidale. Pagina 1 di 4 09_F59.doc

52 L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,35. I lavori sono stati consegnati il 12/02/2009 e l ultimazione è prevista per il 12/07/2011. Manufatto di sfioro SF1 Pagina 2 di 4 09_F59.doc

53 Dettaglio sfioro delle acque di pioggia e scarico al fosso Carapone Manufatti di linea- tratto posa in campagna collettore CB DN 600 in grès Pagina 3 di 4 09_F59.doc

54 Posa in campagna collettore CB DN 600 in grès Posa collettore CF DN 1000 in c.a. Pagina 4 di 4 09_F59.doc

55 Adduttrice Maglianella V tronco - (Eliminazione scarico F61) L opera definitiva riguarda la realizzazione del sistema fognario Maglianella V tronco costituito da collettore/scolmatore-canale emissario/adduttrice, il cui tracciato si sviluppa nel Comune di Roma, nei territori del Municipio XVIII. Le opere sono finalizzate al completamento dello schema di raccolta e smaltimento delle acque reflue del bacino idrografico denominato nel seguito della Maglianella, e consentono inoltre l eliminazione dello scarico non a norma censito sul territorio comunale ed individuato come F61. L intervento in esame si inquadra nel più generale progetto di eliminazione dello stato di degrado ambientale in cui versa il territorio del bacino idrografico in argomento, in parte dovuto alla presenza di scarichi fognari non a norma immessi a cielo aperto nei fossi, a sua volta inserito nel più vasto programma di risanamento igienico-sanitario dell intero territorio comunale. L opera ha una lunghezza complessiva di circa 2400 metri. Il progetto esecutivo comprende essenzialmente le seguenti opere: L eliminazione dello scarico non a norma codificato come F61 mediante un tratto di circa 120 metri di fognatura in gres DN400 in parte in trincea in parte in microtunnel; La realizzazione di un tratto di circa 400 metri di collettore fognario costituito da un collettore in c.a DN2600 in parte in trincea in parte in microtunnel e da uno scatolare in c.a. 3,20x5,30 m di raccordo tra collettore di progetto e collettore ovoidale esistente 2,40x3,00 La realizzazione di un manufatto scolmatore in c.a. delle dimensioni orientative in pianta di 10x25 metri e profondità 8 metri circa La realizzazione di un tratto di circa 1100 metri di adduttrice fognaria, in microtunnel, in c.a. DN2200 Camere di spinta e arrivo per l esecuzione di tutti i tratti in microtunnel La realizzazione di un tratto di circa 800 metri di adduttrice fognaria, realizzato con scavo a cielo aperto, in c.a. DN2200 La disostruzione, bonifica e disinfezione dei collettori esistenti per consentire l allaccio del collettore di progetto L attraversamento del fosso della Maglianella in microtunnel La realizzazione di manufatti di ispezione L allaccio finale all adduttrice esistente Maglianella IV tronco L intervento ha un impegno economico complessivo di ,91 e il costo delle opere ammonta a ,82. I lavori sono stati consegnati il 21/06/2010 e l ultimazione è prevista per il 05/02/2013. Pagina 1 di 6 10_F19.doc

56 Vista dell area di cantiere Realizzazione in opera Pali ad elica Pagina 2 di 6 10_F19.doc

57 Particolare Sezione di scavo a cielo aperto con posa palancolato metallico Pagina 3 di 6 10_F19.doc

58 Vista interna tubazione in opera DN 2200 durante le fasi di stuccatura e sigillatura giunzioni Collaudo e prova di tenuta idraulica delle tubazioni, presso lo stabilimento di produzione della ditta CANZIAN. Pagina 4 di 6 10_F19.doc

59 Particolare della giunzione armatura metallica pali ad elica Pagina 5 di 6 10_F19.doc

60 Pagina 6 di 6 10_F19.doc

61 ELIMINAZIONE SCARICO F45 SU VIA STAZIONE AURELIA Il presente appalto ha avuto per oggetto la realizzazione di un sistema fognario per la raccolta degli scarichi reflui non a norma individuati nelle aree dei Municipi XVI e XVIII del Comune di Roma confluenti, attraverso la rete delle acque meteoriche, direttamente al fosso dell Acquafredda arrecando grave danno alla qualità ambientale. Sono stati realizzati tre tratti di collettore, così costituiti: il primo tratto (A-B-C) è funzionale all intercettazione dello scarico fognario non a norma F45 su via della Stazione Aurelia; il secondo tratto (H-C) è destinato a raccogliere una serie di utenze domestiche e commerciali disposte lungo la S.S. Aurelia, attualmente collegate in modo improprio alla rete pluviale stradale; il terzo tratto (C-D-E-F) veicola i reflui al collettore comunale dell Acquafredda posto in prossimità del fosso omonimo. I suddetti collettori sono stati posati in parte sotto sede stradale asfaltata ed in parte in campagna e sono stati eseguiti sia con scavo a cielo aperto sia con la tecnica della infissione a spinta (microtunnelling ) e è stato provvisto di manufatti di ispezione ed allaccio. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,11. I lavori sono stati consegnati il 21/09/2009 e l ultimazione è avvenuta il 04/02/2011. Pagina 1 di 6 11_F11.doc

62 Infissione palancole Pagina 2 di 6 11_F11.doc

63 Posa condotte con tecnica tradizionale Camera di spinta Nodo C Pagina 3 di 6 11_F11.doc

64 Posa condotte DN 600 con tecnica microtunnelling Posa pozzetto prefabbricato di uscita microtunneling Pagina 4 di 6 11_F11.doc

65 Sistemazione delle sponde del fosso Rifacimento parcheggio stazione ferroviaria Pagina 5 di 6 11_F11.doc

66 Pagina 6 di 6 11_F11.doc

67 Realizzazione dei lavori di ampliamento del depuratore di Santa Maria in Fornarola nel Comune di Albano Laziale L impianto di depurazione Santa Maria in Fornarola si colloca nel Comune di Albano Laziale (RM) ed è situato in via Salerno, nei pressi della località Pavona, all altezza del km circa della Strada Provinciale Albano-Torvaianica. L'area dell'impianto (circa mq) è delimitata a sud dalla strada di accesso e da aree agricole nelle restanti esposizioni. L intervento consiste nell ampliamento del depuratore esistente, mediante la demolizione di alcune vasche e la realizzazione di nuovi manufatti nella stessa area di pertinenza dell attuale impianto, al fine di garantire una capacità di trattamento massima di abitanti equivalenti, nel pieno rispetto dei limiti imposti dalla vigente legislazione sulle acque (D.Lgs. 152/06). Il ciclo di trattamento adottato per l impianto nella configurazione finale è di tipo biologico a fanghi attivi (con pre-denitrificazione, ossidazione e nitrificazione) con abbattimento di azoto e fosforo, filtrazione terziaria e disinfezione finale dell effluente. Il processo si prevede a basso carico, con stabilizzazione aerobica del fango in una vasca separata e disidratazione meccanica mediante nastropresse. In particolare, il progetto prevede la realizzazione delle seguenti opere: una nuova sezione di pre-trattamento liquami, composta da un nuovo manufatto di confluenza, un manufatto di sfioro, un unità di sghiaiatura, grigliatura media e fine e sollevamento, un manufatto di dissabbiaturadisoleatura; una vasca di pioggia per la laminazione delle portate, ottenuta riconvertendo il sedimentatore primario esistente; un nuovo bacino di denitrificazione, analogo all esistente, adiacente all attuale vasca di stabilizzazione che verrà convertita a sua volta a vasca di nitrificazione (ciò allo scopo di garantire un bacino di trattamento biologico del tipo nitro-denitro su due linee parallele); due nuove vasche di sedimentazione rettangolari, analoghe alle due esistenti, al fine di garantire la sedimentazione su due linee parallele; un nuovo trattamento terziario di filtrazione ed una vasca di disinfezione dell effluente; un nuovo bacino di stabilizzazione aerobica dei fanghi; un sollevamento esterno all impianto necessario al rilancio dei liquami relativi alla fognatura De315 mm, attualmente non collettata al depuratore; un nuovo edificio servizi ed il locale gruppo elettrogeno; l ampliamento della rete idrica di servizio e una nuova rete di drenaggio acque meteoriche; l ampliamento dell impianto elettrico ad integrazione dell esistente; le opere di sistemazione esterna, quali la viabilità interna all impianto in asfalto, i piazzali in pavimentazione industriale ed alcune aree in macadam. Nel corso dei lavori l Unità Bacino Sud di ACEA ATO2 S.p.A., in qualità di gestore dell impianto, ha chiesto (nota prot. 427 del ) la realizzazione di un comparto terziario di trattamento per l adeguamento dello scarico effluente ai parametri richiesti dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell art. 26, comma Pagina 1 di 6 12_D16.doc

68 2, del D.Lgs. n.152 del 11 maggio 1999, in conseguenza ai risultati negativi della relazione idrogeologica sul corso d acqua recettore. Nel corso dei lavori l Unità Bacino Sud di ACEA ATO2 S.p.A., in qualità di gestore dell impianto, ha chiesto (nota prot. 427 del ) la realizzazione di un comparto terziario di trattamento per l adeguamento dello scarico effluente ai parametri richiesti dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzo delle acque reflue in attuazione dell art. 26, comma 2, del D.Lgs. n.152 del 11 maggio 1999, in conseguenza ai risultati negativi della relazione idrogeologica sul corso d acqua recettore. Per adempiere a quanto prescritto dal D.M. n. 185 del 12 giugno 2003 la soluzione individuata, con apposita Perizia di Variante e Suppletiva, è l utilizzo dei raggi UV per la disinfezione dei reflui. L impianto a tal fine previsto consiste in una serie di moduli (di lampade) organizzati in banchi (n.2 banchi di lampade UV posti in serie) inseriti all interno di un canale, di apposite dimensioni, attraverso cui far passare i reflui da trattare. L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,64. I lavori sono stati consegnati il 06/07/2009 e l ultimazione è prevista per il 18/09/2011. Pagina 2 di 6 12_D16.doc

69 Esecuzione degli scavi nuovi pretrattamenti Esecuzione pareti Pagina 3 di 6 12_D16.doc

70 Nuovi pretrattamenti opere civili Vista comparto pretrattamenti Pagina 4 di 6 12_D16.doc

71 Posa apparecchiature nuovo comparto di filtrazione terziaria Pagina 5 di 6 12_D16.doc

72 Pagina 6 di 6 12_D16.doc

73 Ristrutturazione del sistema di fognatura e depurazione del Comune di Monterotondo - 1 Lotto - Nuovo impianto di depurazione Semblera L appalto prevede la demolizione del depuratore esistete e la realizzazione del nuovo depuratore per una potenzialità di abitanti equivalenti. Le nuove opere sono costituite essenzialmente da: una sezione di trattamento liquami (suddivisa su due linee parallele) composta da: o manufatto di confluenza dei collettori fognari, o vasca di pretrattamento meccanico e sollevamento, o manufatto di dissabbiatura, o bacino di trattamento biologico del tipo nitro-denitro o n.2 vasche di sedimentazione circolare, o trattamento terziario di filtrazione, o vasca di disinfezione dell effluente; una nuova sezione di trattamento fanghi composta da: o vasca di pre-ispessimento, o bacino di stabilizzazione aerobica suddiviso su due linee, o vasca di post-ispessimento, o trattamento di disidratazione meccanica dei fanghi mediante centrifughe; una nuova sezione di trattamento delle acque di pioggia costituita da una vasca circolare di decantazione e sistema di estrazione fanghi; sistemazione del fosso di recapito; tre nuovi edifici (servizi, trasformazione e gruppo elettrogeno, compressori e disidratazione meccanica); Opere complementari (rete idriche elettriche si stazioni esterne, muro di contenimento, sistemazioni esterne) L intervento ha un impegno economico complessivo di ,00 e il costo delle opere ammonta a ,00. I lavori sono stati consegnati il 27/05/2010 e l ultimazione è previsto per il 27/07/2011. Pagina 1 di 8 13_D08.doc

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia Allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell Assemblea Consortile dell 8 maggio 2009 REGOLAMENTO per la disciplina del Servizio Idrico Integrato nell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Brescia

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE di SAMBUCA DI SICILIA Provincia Regionale di Agrigento REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Il CAPO AREA TECNICA Geom. Maniscalco Giovanni PREMESSA In forza della sopravvenuta legge

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli