COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)"

Transcript

1 COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 41 DEL 27/10/2009PROT. N PRESENTATA DA RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE - UFFICIO URBANISTICA GEOM. MAGRINI ADRIANO - ATTINENTE: ELABORATO GRAFICO Tav. n. N.T.A. Volume 1 Art. n. 8 N.T.A. Volume 2 Allegato Art. Relazione geologica Art. n. Scheda di rilevazione del P.E.E. Area di censimento n. Edificio n. ALTRO : 1

2 SINTESI DELLA OSSERVAZIONE: Il Responsabile del Settore Territorio e Ambiente - Ufficio Urbanistica osserva che l articolo 8 delle NTA del RU Volume 1, che detta la definizione di parametri urbanistici edilizi e modalità di calcolo, contiene talune incongruenze e/o refusi, osservando altresì, che le verande e/o logge e/o porticati, comunque eseguiti, se inferiori a mq 30, non debbono essere conteggiati nel calcolo del volume. CONTRODEDUZIONE ALLA OSSERVAZIONE Si concorda nell eseguire le correzioni indicate nella osservazione, che evitano successive ambiguità di interpretazione. Per le verande e/o logge e/o porticati, comunque eseguiti, se inferiori a mq 30, non debbono essere conteggiati nel calcolo del volume, si concorda con quanto proposto, che va nell ottica di una semplificazione dei calcoli progettuali. Si ritiene inoltre opportuno, per una migliore puntualità della norma, che, nella definizione di ciò che è escluso dal calcolo della superficie utile lorda (art ), debba essere indicato nella superficie accessoria lorda, oltre ad indicare taluni locali che hanno una destinazione accessoria, ma che erroneamente non sono stati riportati nel corrispondente art 8.4. Per quanto sopra, si propone di accogliere la osservazione, disponendo le dovute correzioni dell articolo 8 delle NTA del RU, Volume 1, così come proposto e come evidenziato nell estratto della norma modificata, cui si rimanda, evidenziando: in grassetto colore rosso, le nuove parti inserite; in corsivo colore rosso, tra parentesi, le parti cassate, secondo le seguenti indicazioni: All articolo 8.3.2, terzo periodo: - dopo la parola altezza, cassare le parole media di ed inserire la parola superiore a ; - dopo il numero 2,40, cassare le parole o superiore ; All articolo 8.3.3, sesto periodo: - dopo la parola altezza, cassare la parola media ; All articolo 8.4.2, primo periodo, dopo la parola lorda, inserire le parole: - la superficie destinata a balconi, terrazze e chiostrine, superiori a mq 30; All articolo 8.4.2, secondo periodo: - dopo la parola stenditoi inserire le parole e lavanderia ; All articolo 8.4.2, dopo il quarto periodo, inserire il nuovo periodo: - la superficie destinata a ripostigli; All articolo 8.4.2, quinto periodo: - dopo la parola altezza cassare la parola media ; All articolo 8.4.2, dopo il settimo periodo, inserire il nuovo periodo: - la superficie destinata a cantina; All articolo 8.4.2, diciasettesimo periodo: - dopo la parola verande inserire le parole logge e/o porticati ; All articolo 8.4.2, cassare i periodi diciottesimo e diciannovesimo, che rispettivamente recita: - la superficie di logge > 30 mq di superficie netta; - la superficie di porticati > 30 mq di superficie netta; All articolo 8.4.3, dopo la parola sopra, inserire le parole riferite sempre per ogni unità abitativa ; All articolo , terzo periodo: - dopo la parola altezza cassare media di ed inserire la parola superiore a ; - dopo il numero 2,40, cassare la parola o superiore ; All articolo 8.9.4, al termine del periodo e dopo parola attuale inserire il nuovo periodo: quando il piano di campagna, nello stato modificato supera i cm 40, dovrà essere data idonea giustificazione nella relazione tecnica allegata alla progettazione All articolo 8.9.6, terzo periodo: - cassare le parole il volume computato al 50% per - cassare le parole le tettoie in genere ; - cassare la parole aperte su tre lati e di ; - cassare le parole viceversa sono computate per intero, anche se di superficie inferiore a mq 30,00, quando sono aperte su meno di tre lati ; 2

3 - inserire, dopo la parola verande, le parole: che complessivamente per ogni alloggio hanno ; - inserire al termine del periodo le parole Nel computo del volume dovrà essere conteggiato quello eccedente tale limite ; - cassare le parole media di ed inserire le parole superiore a ; - cassare le parole o superiore ; All articolo 8.9.7, sesto periodo: - dopo la parola porticati, cassare le parole le tettoie in genere ; - dopo la parola verande, cassare le parole aperte su tre lati e di ed inserire le parole che complessivamente per ogni alloggio hanno ; All articolo cassare la parola P.R.G. ed inserire la parola RU ; PER QUANTO SOPRA ESPOSTO SI PROPONE DI ACCOGLIERE L OSSERVAZIONE. ACCOGLIERE PARZIALMENTE L OSSERVAZIONE. RESPINGERE L OSSERVAZIONE. ESTRATTO NORMA ATTUALE : Art. 8 I PARAMETRI EDILIZI 8.3. Superficie utile lorda (Sul) Sono comprese nel calcolo della superficie utile lorda: la superficie del sottotetto per la sola porzione avente altezza media di ml 2,40 o superiore, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante Sono esclusi dal calcolo della superficie utile lorda: la superficie delle soffitte e/o i sottotetti, accessibili, per la sola porzione avente una altezza media inferiore a mt 2,40, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante; 8.4. Superficie accessoria lorda (Sal) Più in particolare, sono comprese nel calcolo della superficie accessoria lorda: la superficie di vani destinati a stenditoi; la superficie di vani scala, intesi come la proiezione ortogonale dello spazio ove è ubicato tale vano scala; la superficie di vani di distribuzione interna, quali disimpegni e/o ingressi; la superficie delle soffitte e/o i sottotetti, accessibili, per la sola porzione avente una altezza media compresa tra cm 200 e cm 240, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante; la superficie di locali esterni al fabbricato principale destinati ad usi accessori, solo nel caso in cui la destinazione del fabbricato sia abitativa; la superficie di vani parzialmente o completamente interrati; 3

4 la superficie di verande > 30 mq di superficie netta; la superficie di logge > 30 mq di superficie netta; la superficie di porticati > 30 mq di superficie netta; Quando le superfici di cui sopra, superano le limitazioni sopra indicate, nel computo della superficie accessoria dovrà essere conteggiata la superficie in eccedenza a tale limitazione Superficie utile netta (Sun) Sono comprese nel calcolo della superficie utile netta: la superficie del sottotetto per la sola porzione avente altezza media di ml 2,40 o superiore, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante Volume degli edifici (V) Ai fini del calcolo del volume, per piano di campagna si intende la quota dello stato attuale o lo stato modificato approvato con la proposta progettuale: lo stato modificato non dovrà di norma risultare ad una quota superiore a mt 0,40 dal piano dello stato attuale Sono altresì compresi nel calcolo del volume: il volume computato al 50 % per le logge, i porticati, le tettoie in genere e le verande, aperte su tre lati e di superficie superiore a mq 30,00, viceversa sono computate per intero, anche se di superficie inferiore a mq 30,00, quando sono aperte su meno di tre lati. le porzioni dei sottotetti aventi una altezza media di ml 2,40 o superiore, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, vanno computate per intero, comprensivo del timpano sovrastante; Sono esclusi dal calcolo del volume: le logge, i porticati, le tettoie in genere e le verande, aperte su tre lati e di superficie inferiore a mq 30,00; 8.12 Distanza dalla strada (Ds) Nella determinazione della distanza degli edifici dalle strade fuori dal perimetro del centro abitato e degli insediamenti previsti dal P.R.G. dovranno essere osservate le prescrizioni del D.M. 1/4/1968 n 1404 e le fasce di rispetto indicate dal P.R.G. ESTRATTO NORMA MODIFICATA A SEGUITO DI ACCOGLIMENTO DELL OSSERVAZIONE N. 41 DEL PROT. N Art. 8 I PARAMETRI EDILIZI 8.3. Superficie utile lorda (Sul) Sono comprese nel calcolo della superficie utile lorda: la superficie del sottotetto per la sola porzione avente altezza (media di) superiore a di ml 2,40 (o superiore), misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante. 4

5 8.3.3 Sono esclusi dal calcolo della superficie utile lorda: la superficie delle soffitte e/o i sottotetti, accessibili, per la sola porzione avente una altezza (media) inferiore a mt 2,40, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante; 8.4. Superficie accessoria lorda (Sal) Più in particolare, sono comprese nel calcolo della superficie accessoria lorda: la superficie destinata a balconi, terrazze e chiostrine, superiori a mq 30; la superficie di vani destinati a stenditoi e lavanderia; la superficie di vani scala, intesi come la proiezione ortogonale dello spazio ove è ubicato tale vano scala; la superficie di vani di distribuzione interna, quali disimpegni e/o ingressi; la superficie destinata a ripostigli; la superficie delle soffitte e/o i sottotetti, accessibili, per la sola porzione avente una altezza (media) compresa tra cm 200 e cm 240, misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante; la superficie di locali esterni al fabbricato principale destinati ad usi accessori, solo nel caso in cui la destinazione del fabbricato sia abitativa; la superficie di vani parzialmente o completamente interrati; la superficie destinata a cantina; la superficie di verande, logge e/o porticati > 30 mq di superficie netta; (la superficie di logge > 30 mq di superficie netta;) (la superficie di porticati > 30 mq di superficie netta; ) Quando le superfici di cui sopra, riferite sempre per ogni unità abitativa, superano le limitazioni sopra indicate, nel computo della superficie accessoria dovrà essere conteggiata la superficie in eccedenza a tale limitazione Superficie utile netta (Sun) Sono comprese nel calcolo della superficie utile netta: la superficie del sottotetto per la sola porzione avente altezza (media di) superiore a ml 2,40 (o superiore), misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, direttamente accessibile dalla U.I.U. sottostante Volume degli edifici (V) Ai fini del calcolo del volume, per piano di campagna si intende la quota dello stato attuale o lo stato modificato approvato con la proposta progettuale: lo stato modificato non dovrà di norma risultare ad una quota superiore a mt 0,40 dal piano dello stato attuale. Quando il piano di campagna, nello stato modificato supera i cm 40, dovrà essere data idonea giustificazione nella relazione tecnica allegata alla progettazione Sono altresì compresi nel calcolo del volume: (il volume computato al 50 % per) le logge, i porticati, (le tettoie in genere) e le verande, che complessivamente per ogni alloggio hanno (aperte su tre lati e di) superficie superiore a mq 30,00, (viceversa sono computate per intero, anche se di superficie inferiore a mq 30,00, quando sono aperte su meno di tre lati). Nel computo del volume dovrà essere conteggiato quello eccedente tale limite. le porzioni dei sottotetti aventi una altezza (media di) superiore a ml 2,40 (o superiore), misurata dal pavimento all intradosso delle strutture portanti della copertura, vanno computate per intero, comprensivo del timpano sovrastante; Sono esclusi dal calcolo del volume: le logge, i porticati, (le tettoie in genere) e le verande, (aperte su tre lati e di) che complessivamente per ogni alloggio hanno superficie inferiore a mq 30,00; 5

6 8.12 Distanza dalla strada (Ds) Nella determinazione della distanza degli edifici dalle strade fuori dal perimetro del centro abitato e degli insediamenti previsti dal R.U. (P.R.G.) dovranno essere osservate le prescrizioni del D.M. 1/4/1968 n 1404 e le fasce di rispetto indicate dal R.U. (P.R.G.) Buggiano, lì I PROGETTISTI INCARICATI: ARCH. DAMI CESARE ARCH. DAVITTI MAURIZIO 6

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 227 DEL 01/12/2009

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N. 38 DEL 27/10/2009

Dettagli

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio

Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio Regolamento urbanistico e Regolamento edilizio TAVOLO DELLE PROFESSIONI TECNICHE PIETRASANTA 18 SETTEMBRE 2014 DISTANZE ART. 4 NTA Distanze tra edifici: 10 mt pareti finestrate (DM 1444/68) Distanze tra

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N 170 DEL 30/11/2009

Dettagli

Calcolo Volume Urbanistico

Calcolo Volume Urbanistico Calcolo Volume Urbanistico DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. Art. 4. Nelle zone B e C per gli interventi edificatori ammessi dagli strumenti

Dettagli

ROSÀ UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO

ROSÀ UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO Allo Sportello Unico per L edilizia del Comune di: ROSÀ RISERVATO ALL UFFICIO Id. n - Pratica edilizia n UNITÀ IMMOBILIARE NON AD USO ARTIGIANALE, INDUSTRIALE O AGRICOLO CALCOLO DELLE SUPERFICI E DEI VOLUMI

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE ALLEGATO D CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE ALLEGATO ONERI 2017 - RESIDENZA DETERMINAZIONE DELLE QUOTE DEL COSTO DI COSTRUZIONE DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI IN FUNZIONE DELLE CARATTERISTICHE, DELLE

Dettagli

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia)

COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) COMUNE DI BUGGIANO (Provincia di Pistoia) Prot. n. OSSERVAZIONI ALLA DELIBERA C.C. N. 38 DEL 12.08.2009 DI ADOZIONE DEL REGOLAMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI BUGGIANO OSSERVAZIONE N. 210 DEL 30/11/2009

Dettagli

Art. 72 Altezza dell'edificio

Art. 72 Altezza dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio

PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Torre de Busi (Provincia di Lecco) PGT Piano di Governo del Territorio Variante n 3 ESTRATTO NORME TECNICHE PIANO DELLE REGOLE Il progettista LEO arch. Domenico del T 1 INDICE NORME VARIATE 2.

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

OMISSIS OMISSIS IL CONSIGLIO COMUNALE

OMISSIS OMISSIS IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU25 22/06/2017 Comune di Sezzadio (Alessandria) Approvazione modifiche al Regolamento Edilizio Comunale, deliberazione di C.C. n. 13 del 26/04/2017, a seguito del recepimento della deliberazione

Dettagli

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale

Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Il Catasto Fabbricati La Planimetria Catastale Introduzione Regole per la redazione di una Planimetria Catastale Rappresentazione dei vani, delle altezze e delle dipendenze di una unità immobiliare urbana

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova SETTORE - Urbanistica ed Edilizia Privata SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DOVUTO AI SENSI DEGLI ARTT. 3 - -

Dettagli

Art. 112 Locali abitabili con soppalchi

Art. 112 Locali abitabili con soppalchi Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E

D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E ALLEGATO A COMUNE DI GALATINA Provincia di Lecce D I R E Z I O N E T E R R I T O R I O E D AM B I E N T E SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA R E L A Z I O N E OGGETTO: Adempimenti Regionali per l attuazione

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE

N.T.A. PIANO DELLE REGOLE VIGENTE ART. 2 INDICI E PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI St: Superficie territoriale (mq) E la superficie complessiva delle aree necessarie per l'attuazione degli interventi, comprensiva di tutte le aree

Dettagli

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata

Comune di Arcevia - Comune di Barbara - Comune di Serra de' Conti. Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata Provincia di Ancona ufficio unico urbanistica Servizio edilizia privata A - MODALITÀ DI CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE Viene di seguito descritta la modalità di calcolo delle quantità da assoggettare

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

COMUNE DI COLLE S. LUCIA

COMUNE DI COLLE S. LUCIA COMUNE DI COLLE S. LUCIA COMUNE DI COLLE S. LUCIA - Variante Generale al P.R.G. Regolamento Edilizio - Adozione - Approvazione Delibera di Consiglio n. 54 Delibera di Consiglio n. 5726 del 16/08/1994 del

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 28/11/2016

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 28/11/2016 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2016-3018 DEL 28/11/2016 Inserita nel fascicolo: 2016.I/1.1 Centro di Responsabilità: 51 5 0 0 - SETTORE PIANIFICAZIONE E SVILUPPO TERRITORIO - SERVIZIO

Dettagli

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PGT ALLEGATO A. Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. Lonate Ceppino. PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Regione Lombardia comune Lonate Ceppino PGT PIANO di GOVERNO del TERRITORIO adottato in data 15 novembre 2012 approvato in data 10 giugno 2013 Norme Tecniche di Attuazione N.T.A. ALLEGATO A MODALITA DI

Dettagli

Disponibilità di spazi minimi

Disponibilità di spazi minimi Disponibilità di spazi minimi PAG.: 1/4 ESIGENZE DA SODDISFARE Gli spazi per attività principale e secondaria dell organismo edilizio devono rispondere alle esigenze connesse allo svolgimento delle attività

Dettagli

Stima di un bene immobile

Stima di un bene immobile Corso di Estimo C Prof. Laura Gabrielli a.a. 2007_08 Stima di un bene immobile Lo scopo dell esercitazione è di applicare ad un concreto caso di stima alcune delle metodologie che lo studente ha appreso

Dettagli

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1

NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 NORME TECNICHE SI ATTUAZIONE A.T.R. 1 Le NTA dell'a.t.r.1 sono conformi alle N.T.A. del Piano di Governo del Territorio che nel loro insieme fanno parte integrante della presente normativa. ART. 1 RIFERIMENTI

Dettagli

Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE).

Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE). DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DD. 14/12/2011 OGGETTO: Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE). Visto e considerato che: L art. 46 del

Dettagli

Regolamento edilizio-tipo, il testo completo dell'accordo

Regolamento edilizio-tipo, il testo completo dell'accordo Regolamento edilizio-tipo, il testo completo dell'accordo 25/10/2016 giugno 2001, n. 380. Forse ci siamo davvero. Nonostante lo scoglio rappresentato dal limitato potere dello Stato per ciò che attiene

Dettagli

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria

Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria Gli oneri si applicano alla superficie lorda, determinata ai soli fini del presente provvedimento, dalla somma delle S.U.L., così come previsto dall art. 3

Dettagli

COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA. VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R n. 56 art.17, 5 comma.

COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA. VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R n. 56 art.17, 5 comma. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R. 5.12.1977 n. 56 art.17, 5 comma. Modificazioni al P.R.G.C. vigente

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART.1 VALIDITAʼ DELLE NORME La porzione di territorio del Comune di Ceggia, situata tra via Roma e via Foscolo, che insiste sui mappali 92, 94, 824, 756, 1639, 1641, del Foglio

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo Decreto del 02/08/1969. Titolo del provvedimento: Caratteristiche delle abitazioni di lusso. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27/08/1969) Preambolo. Preambolo IL MINISTRO PER I LAVORI PUBBLICI

Dettagli

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di cui all art. 87 della L.R. n.12/05, comportante variante parziale al P.R.G. vigente

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

Tribunale Ordinario di Benevento

Tribunale Ordinario di Benevento Tribunale Ordinario di Benevento Sez. Esecuzione Immobiliari Giudice Dott. D ORSI MARIA LETIZIA Esecuzione immobiliare R.G.Es. 117/2008 Ing. Francesco Calandriello Relazione Il bene oggetto del presente

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE

ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE ISTRUZIONI PER LA DETERMINAZIONE DELLA CONSISTENZA DEGLI IMMOBILI URBANI PER LA RILEVAZIONE DEI DATI DELL OSSERVATORIO DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1 CRITERI GENERALI... 4 2 UNITA

Dettagli

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale)

oneri di urbanizzazione primaria (residenziale e servizi) 40,00 oneri di urbanizzazione secondaria (residenziale) TABELLA A ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA INCIDENZA ECONOMICA ONERI DI URBANIZZAZIONE PER INSEDIAMENTI RESIDENZIALI E PER SERVIZI (art. 38, commi 1 e 3, regolamento regionale 2/2015) IMPORTO

Dettagli

Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni:

Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni: Art. 3 - Definizioni Ai fini dell'applicazione delle presenti Norme, si utilizzano le seguenti definizioni: 1. Zona Parte del territorio definita dalla Variante Generale del P.R.G. in base a caratteri

Dettagli

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio

Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento. Camera di Commercio dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL Calcolo delle superfici immobiliari: normativa di riferimento Camera di Commercio Norma UNI 10750:2005 (si veda ora UNI EN 15733)

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 12 19/01/2016 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 19091 DEL 03/12/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n. del

Dettagli

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO legge regionale 12/2005 DOCUMENTO DI PIANO norme tecniche di attuazione Sindaco Sergio Rossini Segretario generale Mauro Bacchini Ufficio

Dettagli

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica

COMUNE DI VIAREGGIO. Ufficio progettazione urbanistica COMUNE DI VIAREGGIO Ufficio progettazione urbanistica VARIANTE AL PIANO ATTUATIVO PEEP MIGLIARINA APPROVATO CON DEL. C.C. N. 68 DEL 30.09.1996 - LOTTO 4 - PER REALIZZAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori).

Destinazione principale: attività residenziali inclusi gli spazi di pertinenza (soffitte, cantine, spazi per il parcheggio, accessori). Norme Tecniiche dii Attttuaziione 1. PREMESSA Le presenti N.T.A. si riferiscono al Piano Attuativo residenziale denominato 5 situato in Via F.lli Kennedy, nel territorio del comune di Pian Camuno (Bs).

Dettagli

Gazzetta Ufficiale 31 maggio 1977, n [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale 31 maggio 1977, n [Preambolo] Ministero dei Lavori Pubblici Decreto ministeriale 10 maggio 1977, n. 801 Gazzetta Ufficiale 31 maggio 1977, n. 146 Determinazione del costo di costruzione di nuovi edifici. Preambolo [Preambolo] IL MINISTRO

Dettagli

COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. CALCOLO SUPERFICI PROGETTO Abitanti Equivalenti

COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA. CALCOLO SUPERFICI PROGETTO Abitanti Equivalenti COMUNE DI LAVAGNA CITTA METROPOLITANA DI GENOVA CAVI DI LAVAGNA Lungomare ARENELLE Introduzione di Progetto Speciale: Zona D RIB (B-D) passeggiata a mare e per attrezzature balneari - Spiaggia Attrezzata

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 84 del 17/06/2015

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 84 del 17/06/2015 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 84 del 17/06/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 19 maggio 2015, n. 1008 Comune di CONVERSANO (BA). Variante P.R.G. Modifiche dell art. 5.13 delle N.T.A.

Dettagli

ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE

ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE n. 20 del 28.03.2007 In vigore dal 16.04.2007 ART. 85 PARAMETRI, INDICI EDILIZI E DISTANZE Il processo edilizio è regolato dai seguenti parametri: 1) SU = SUPERFICIE

Dettagli

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale COMUNE DI MASSA Via Porta Fabbrica, 1, 54100 Massa Tel. 0585.4901 Fax 0585.41245 Cod i ce fiscale 00181760455 Partita iva 00181760455 www.comune.massa.ms.it SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione

Dettagli

AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi

AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi AL TRIBUNALE DI AREZZO UFFICIO FALLIMENTI Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi 1. PREMESSA In riferimento al concordato preventivo dell Impresa Gellini Giovanni & Figli snc di Gellini ing. Giampiero

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 RESIDENZIALE (categorie catastali da A/1 ad A/9) STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE

Dettagli

EVENTI SISMICI 1997 INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI

EVENTI SISMICI 1997 INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI EVENTI SISMICI 1997 INTERVENTI SU EDIFICI PRIVATI RACCOLTA DEI PARERI MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVI SULLE PROBLEMATICHE GIURIDICO-AMMINISTRATIVE E TECNICHE INDICE 8) Determinazione della superficie complessiva

Dettagli

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI

3.7-AO8 - SESTRIERE COLLE - PROGETTISTI MODIFICATO IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. ADOTTATO CON DELIB. CC. N. 9 DEL 7.4.2009 IN BASE ALLE OSSERV. ALLE CONTRODEDUZIONI PRESENTATE AL PROG. PRELIM. RIPUBBLICATO

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO IV Settore Urbanistica e Ambiente Sportello Unico per l Edilizia e.mail

COMUNE DI MONTEMARCIANO IV Settore Urbanistica e Ambiente Sportello Unico per l Edilizia e.mail ALLEGATO ALLA S.C.I.A./D.I.A. COMUNE DI MONTEMARCIANO IV Settore Urbanistica e Ambiente Sportello Unico per l Edilizia e.mail edilizia@comune.montemarciano.ancona.it CORRESPONSIONE ONERI D.P.R. n. 380/01

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA LOCALITA VICIOMAGGIO VIA DELL OLMO PIANO ATTUATIVO N. 163 PER LA REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO ABITATIVO PLURIFAMILIARE E CONTESTUALI OPERE DI SISTEMAZIONE ESTERNA NORME

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso

PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA. per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PRIVATA per demolizione e ricostruzione di edificio esistente con cambio di destinazione d uso N O R M E T E C N I C H E D I A T T U A Z I O N E modificate a seguito dell

Dettagli

Tema n. 1. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di nuova edificazione residenziale in lotto urbano

Tema n. 1. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di nuova edificazione residenziale in lotto urbano (= 50 PUNTI) Il progetto dovrà tenere conto delle seguenti indicazioni normative: - Indice Fondiario: 1,35 m 2 /m 2 - Superficie fondiaria: 626,09 m 2. - Superficie Copribile: 2/3 superficie del lotto.

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Viale Dei Quattro Venti 96 interno 30 piano

Dettagli

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente

Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Art.1 Contenuto della disciplina del P.I.I.in variante al P.R.G. vigente Il Programma Integrato di Intervento (P.I.I.) di cui all art. 87 della L.R. n.12/05, comportante variante parziale al P.R.G. vigente

Dettagli

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA 1 Art. 1 Elementi costitutivi Si tratta dell intervento relativo alla variante al Piano di lottizzazione in zona Sa Minda Noa, il quale prevede zone

Dettagli

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97 SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI INSEDIAMENTI MISTI PRODUTTIVI-COMMERCIALI. a.5.) - Destinazione: nella Sottozona D5 sono ammessi: - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con

Dettagli

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte della Giunta Comunale come proposto da progettista Dirigente del Settore Gestione del

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PISTOIA Area SERVIZIO AL TERRITORIO, AMBIENTE E SVILUPPO ECONOMICO Servizio GOVERNO DEL TERRITORIO E EDILIZIA PRIVATA Allegato A SCHEMA PER L AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CUI ALL ART.183

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.)

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) PRATICA EDILIZIA INT. / AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) l sottoscritt iscritt all Albo della Provincia di con studio

Dettagli

MANUALE PROGRAMMA CALCOLO ONERI

MANUALE PROGRAMMA CALCOLO ONERI MANUALE PROGRAMMA CALCOLO ONERI Sommario Parte prima: impostazioni principali pag. 2 Parte seconda: inserimento delle superfici e dei volumi pag. 4 Parte terza: report finale e stampa pag. 9 Parte quarta:

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 2015/19 DEL 23/10/2015 ASSEGNATA AL SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 2015/19 DEL 23/10/2015 ASSEGNATA AL SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 2015/19 DEL 23/10/2015 ASSEGNATA AL SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA OGGETTO: VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO EDILIZIO AI SENSI DELL'ART. 8 DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809

COMUNE DI PALERMO. PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809 COMUNE DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA TERRITORIALE OMOGENEA Cb N.C.T. FG. 11 Part.lle nn 1547,1555,1808 e 1809 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Premessa. Le presenti norme sono di supporto al piano

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO COMUNE DI VITORCHIANO PROVINCIA DI VITERBO TABELLE PARAMETRICHE PER IL CALCOLO DELLE INCIDENZE DELLE SPESE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA ED IL CALCOLO DEL COSTO DI COSTRUZIONE TABELLE PER URBANIZZAZIONE

Dettagli

Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono

Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono Tabelle millesimali, cosa sono e come si redigono Tabelle millesimali: cosa sono e come si redigono. Un esempio su come eseguire il calcolo delle tabelle millesimali per singole unità immobiliari e parti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Via Togliatti angolo via Galilei Comune di Vicopisano Conforti Costantino, Conforti Duccio e Conforti Sara.

RELAZIONE TECNICA. Via Togliatti angolo via Galilei Comune di Vicopisano Conforti Costantino, Conforti Duccio e Conforti Sara. Geom. Claudio Biasci Via traversa Lenin 132 San Martino Ulmiano SAN GIULIANO TERME RELAZIONE TECNICA OGGETTO: UBICAZIONE: PROPRIETA : Piano di Lottizzazione di iniziativa Privata Frazione Uliveto Terme

Dettagli

PIANO DI RECUPERO VIA EDISON

PIANO DI RECUPERO VIA EDISON COMUNE DI BRENDOLA PROVINCIA DI VICENZA PIANO DI RECUPERO VIA EDISON NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE studio geom. muraro dario arch. brunello oscar ART. 1 - PREMESSA Le presenti Norme Tecniche di Attuazione

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

C o m u n e d i P A G L I E T A Provincia di CHIETI Via Martelli Di Matteo, n. 10

C o m u n e d i P A G L I E T A Provincia di CHIETI Via Martelli Di Matteo, n. 10 "Allegato B" Pagina 1 C o m u n e d i P A G L I E T A Provincia di CHIETI 66020 Via Martelli Di Matteo, n. 10 Tel.: 0872/808201 - Fax: 0872/80531 Cod. Fisc. 81002240695 - Partiva IVA 00254470693 V Settore

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione del PdR ELABORATO D

Norme Tecniche di Attuazione del PdR ELABORATO D progettista committente Crocetti Morena, Di Raimondo Emidio, Di Raimondo Silvina, Dell'Ovo Tiziana, Saccia Michele progetto Piano di Recupero per la demolizione e successiva ricostruzione di edificio residenziale-commerciale

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE. (riportare gli estremi) Successiva variante(**) n. registro prot. del (riportare gli estremi)

ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE. (riportare gli estremi) Successiva variante(**) n. registro prot. del (riportare gli estremi) MODULISTICA P20/a MD22 Rev. 3 del 11/10/2016 DIREZIONE AREA TECNICA SEZIONE URBANISTICA/ EDILIZIA PRIVATA ONERI DI URBANIZZAZIONE COSTO DI COSTRUZIONE PROVVEDIMENTI EDILIZI: (** )n. registro prot. del

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA VARIANTE N. 3/2013 ai sensi della L.R. 5.12.1977 n. 56 art.17, 5 comma. Modificazioni al P.R.G.C. vigente

Dettagli

DEFINIZIONI DI CENTRO ABITATO La perimetrazione del centro abitato del territorio comunale ha una doppia valenza in quanto:

DEFINIZIONI DI CENTRO ABITATO La perimetrazione del centro abitato del territorio comunale ha una doppia valenza in quanto: CODICE DELLA STRADA In data 28.09.2010, l Ufficio Mobilità del Comune di Campi Bisenzio ha evidenziato la necessità di procedere all adeguamento della perimetrazione dei centri abitati così come previsto

Dettagli

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca)

COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) COMUNE DI PIETRASANTA (Provincia di Lucca) Regolamento per la definizione dei prezzi massimi di cessione e del canone di locazione degli alloggi relativi ad interventi di edilizia abitativa convenzionata

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI VOLVERA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. RELAZIONE ILLUSTRATIVA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VOLVERA VARIANTE PARZIALE AL P.R.G.C. ai sensi dell art. 17, comma 7 della L.U.R. 56/77 così come modificata dalla L.R. n. 3 del 25.03.2013 e L.R. n. 17 del

Dettagli

Tema n. 2. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di rifunzionalizzazione di un edificio industriale dismesso

Tema n. 2. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di rifunzionalizzazione di un edificio industriale dismesso (= 50 PUNTI) Abitare i Docks Torino Dora: proporre una unità abitativa / studio (p.es residenza per un professionista ) costituita da un modulo/docks al piano terreno e da un analogo modulo al piano primo,

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIPERIMETRAZIONE DI UNA MAGLIA DI PIANO URBANISTICO GENERALE UBICATA IN CONTRADA CAPITOLO A MONOPOLI (BA) E VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ESECUTIVO PRATICA EDILIZIA N. 170/2209

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI

SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI 1- Via M. Marino n. 2 SCHEDA DESCRITTIVA DEGLI IMMOBILI Allegato a 1 Fgl. P. lla Sub Cat. Consistenza Mq/vani località via civico piano euro 64 2284 4 A/2 224/4,5 + Salerno M. Marino 2 1 64 2284 5 A/2

Dettagli

ALLEGATO N. 2/A FAC SIMILE

ALLEGATO N. 2/A FAC SIMILE ALLEGATO N. 2/A FAC MILE ACCERTAMENTO DEI REQUITI IGIENICO SANITARI E DI IDONEITA ABITATIVA individuati con Deliberazione della Giunta Comunale n.503 del 23/12/2009 e successiva Deliberazione della Giunta

Dettagli

Gazzetta Ufficiale 19 agosto 1993, n.194

Gazzetta Ufficiale 19 agosto 1993, n.194 Ministero dei Lavori Pubblici Circolare 26 luglio 1993, n.2945 Gazzetta Ufficiale 19 agosto 1993, n.194 Precisazione alla circolare 26 marzo 1966 n. 12480. Ripartizione fra i singoli alloggi delle spese

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Via Francesco Frazzi, 13 interno 13 sc. B

Dettagli

---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ----------------------------------------

---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- ---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- Immobile di proprietà comunale sito in Via Rosmini n.4 Descritto all Agenzia

Dettagli

Art.1 Oggetto del Piano di Recupero

Art.1 Oggetto del Piano di Recupero Art.1 Oggetto del Piano di Recupero Il presente Piano di Recupero, redatto ai sensi della vigente normativa nazionale e regionale, disciplina il recupero e la trasformazione edilizia ed urbanistica dell'area

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI Settore IV Urbanistica e Gestione del Territorio Prot n 15873 del 06/05/2011 E p.c. A tutto il personale del IV Settore Al Responsabile dello Sportello

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI

Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI Salva l applicazione di quanto disposto dal titolo III della legge regionale 6 luglio 2009, n. 6 si dispone quanto segue DEFINIZIONI COMUNI 1. Per edifici abitativi si intendono gli edifici adibiti ad

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO NORME PER L ATTUAZIONE ART. 11

REGOLAMENTO URBANISTICO NORME PER L ATTUAZIONE ART. 11 ALLEGATO A Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale del n. REGOLAMENTO URBANISTICO NORME PER L ATTUAZIONE ART. 11 APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC n. 58 del 08.07.2013 TESTO COMPARATO TESTO AGGIORNATO

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO DELLE AREE PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE APPROVATO CON DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 6966 DEL 4-12-1989 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Indice Art. 1 - Contenuto delle norme Art. 2 - Richiamo

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI

COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI COMUNE DI CAPENA (RM) REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI MANUFATTI PERTINENZIALI Allegato alla Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 08/04/2014 COMUNE DI CAPENA REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DEI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA DI PRESENTAZIONE EDIFICIO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA DI PRESENTAZIONE EDIFICIO Istituto Trentino per l Edilizia Abitativa SpA con socio unico Sede legale Via R. Guardini, 22-38121 TRENTO Tel. 0461/803111 - fax 0461/827989 Cap. Soc. Euro 3.412.077,00 i.v. Reg. Impr. / C.F. / P. IVA

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE

RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- RELAZIONE DI STIMA PER VALUTAZIONE IMMOBILE ---------------------------------------- Immobile di proprietà comunale sito in Via Rosmini n.4 descritto all Agenzia

Dettagli

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. ALLEGATI SUPPLETIVI ALLA S.C.I.A. DA DEFINIRSI CON IL RESPONSABILE U.T. IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI INTERVENTO

ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. ALLEGATI SUPPLETIVI ALLA S.C.I.A. DA DEFINIRSI CON IL RESPONSABILE U.T. IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI INTERVENTO ALLEGATI OBBLIGATORI ALLA S.C.I.A. 1. PLANIMETRIA CON INDIVIDUATA L AREA INTERESSATA E VISURA CATASTALE 2. LOCALIZZAZIONE SU STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO 3. ESTRATTO DAL PRG VIGENTE E, nel caso, ADOTTATO,

Dettagli

MODALITÀ APPLICATIVE DELLE N.T.A DEL VIGENTE P.R.G. - ATTO D INDIRIZZO. Viste le Norme Tecniche di Attuazione del vigente P.R.G.:

MODALITÀ APPLICATIVE DELLE N.T.A DEL VIGENTE P.R.G. - ATTO D INDIRIZZO. Viste le Norme Tecniche di Attuazione del vigente P.R.G.: RE PINIFICZIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI COLOGNO MONZESE MODLITÀ PPLICTIVE DELLE N.T. DEL VIGENTE P.R.G. - TTO D INDIRIZZO Viste le Norme Tecniche di ttuazione del vigente P.R.G.: SI DISPONE QUNTO

Dettagli

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione Pubblicata sulla G.U. del 16/11/2016, n. 268 l'intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio

Dettagli