Il costo in salute di un prodotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il costo in salute di un prodotto"

Transcript

1 Il costo in salute di un prodotto La produzione dell auto e i rischi per la salute

2 Le fonti Il presente lavoro è la sistemazione di una serie di ricerche fatte negli anni precedenti in funzione di diversi scopi: 1. una ricerca dell ISFOL sul problema dell ambiente di lavoro in collaborazione con il Prof. Ivar Oddone e alcuni sindacalisti di Torino; 2. una ricerca della Fondazione Agnelli del 1986 sul rapporto tra innovazione tecnologica, professionalità e bisogni formativi; 3. una indagine dell AMMA di Torino del 1984 sul comparto produzione degli autoveicoli; Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 2

3 Uso - Obiettivi L uso del presente lavoro è il confronto delle 2 ricerche (ISFOL e Fond. Agnelli), in funzione di una terza da avviare nell ambito del Sindacato per validare a questa data il ciclo di produzione dell auto con i suoi effetti sulla salute in fabbrica e sul territorio; Gli obiettivi sono diversi: nell ambito del Sindacato per un confronto che si spera proficuo, tra Esperienza (RSU e Sindacalisti) e Scienza (Tecnici, Ambientalisti, Industrialisti, Medici), per una battaglia politico-culturale in tempi di declino industriale, per una innovazione della iniziativa sindacale; Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 3

4 Modelli di lettura 1. Cosa entra, cosa esce: Dispensa Ambiente di Lavoro; Modello Sociale; Auto e Salute; 2. Rapporto cause, effetti, soluzioni (scheda ISFOL); 3. I sistemi: tecnologico, informativo, logistico e organizzativo; Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 4

5 Cosa entra Dispensa AdL 1967 Cosa esce CAPITALE FORZA LAVORO MERCI PROFITTO Danno alla salute Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 5

6 Cosa entra Modello Sociale Cosa esce CAPITALE SCIENZA Cose Uomini Modelli Automobili Esperienza FORZA LAVORO Danno alla salute Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 6

7 Cosa entra Modello Auto e Salute Cosa esce Materie prime Energia FORZA LAVORO Processo produttivo Automobili - Rifiuti - Reflui - Emissioni Danno alla salute Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 7

8 Industria automobilistica % di prodotto assorbito rispetto alla produzione totale di ogni settore Energia 1,19 0,07 1,47 Min. ferrosi Min. non met. Min. non ferr. 4,4 Prod. Tessili 0,19 Prod. Met. 5,86 0,99 Gomma, plast. Prod. Chimiche 14,66 0,39 1,02 Legno Carta, stampa Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 8

9 Ciclo nastro (coil) Miniera Prep. Materie prime Produzione di ghisa Produzione di acciaio Laminazione a caldo Laminazione a freddo Trattam. superficiali Dalle Ferriere giungono allo stabilimento di stampaggio i rotoli di lamiera Stampaggio lamiera Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 9

10 Ciclo pezzi meccanici Ghisa Acciaieria FONDERIA FUCINATURA STAMPAGGIO A CALDO Dalle Fonderie e dalle Fucine giungono allo stabilimento di meccanica i pezzi fusi e/o stampati a caldo Stab. di meccanica Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 10

11 I cicli 1. Il ciclo dell auto in generale; 2. Il ciclo ISFOL; 3. Il ciclo della Fondazione Agnelli; 4. Il ciclo auto 2004; 5. Il sistema produttivo dell auto sul territorio; Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 11

12 Ciclo dell auto (in generale) Progetto Scocca Motopropulsore Costr. stampi Fond. Fucine Stampaggi Lav. Mecc. Lastratura Mont. Motori Verniciatura Montaggi finali Mont. Cambi Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 12

13 Ciclo dell automobile Progetto Carrozzeria Motopropulsore Stampaggi Lastratura Verniciat. Montaggi Lav. Mecc. Montaggi Costruzione stampi Taglio lamiera Presse Pianale Porte e parti mobili Montaggi e ferratura Revisione Bonderizzazione Mano di fondo Mano di smalto Selleria e preparaz. Forniture esterne Montaggio Collaudo Trasferte Macchine attrezzate Trattamenti termici Montaggio motori Montaggio cambi Collaudi Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 13

14 Schema d analisi Ciclo Layout Rischi Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 14

15 Schema d analisi ISFOL CICLO GENERALE Settore 1 Settore 2 Settore 3 Settore 4 Settore 5 Determinanti del Rischi Organi colpiti Entità del possibili idem Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 15

16 Auto e Salute Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 16

17 MIRAFIORI NORD Carrozzeria Fucine Fonderie Enti e Sedi Centrali Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 17

18 MIRAFIORI SUD Meccanica 1 Presse Meccanica 3 Meccanica 2 Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 18

19 Fonderia - ciclo Fonderia Prep. Forme e anime Ramolaggio Colata Distaffatura - sterratura Sabbiatura - sbavatura Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 19

20 Fase di formatura Nella lavorazione tradizionale gli addetti svolgono attività di carico dei materiali additivi nelle molazze, ed eseguono operazioni di finitura dei semilavorati provvedendo successivamente al carico dei prodotti sul convogliatore meccanizzati. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 20

21 Fonderie di 2a fusione Preparazione forme e anime Determinanti del Rischi Organi colpiti Entità del possibili Terre silicee di fonderia Resine furaniche Rumore Vibrazioni Errata OdL Olii essicativi Silicosi Tumori Sordità Disturbi circolatori Infortuni e traumatismi Polmoni e vie respiratorie Epidermide Organi dell udito Piccoli vasi (circolazione) Arti superiori Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 21

22 Fonderia layout formatura Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 22

23 Fonderie di 2a fusione Ramolaggio Determinanti del Terre silicee di fonderia Resine furaniche Rumore Vibrazioni Errata OdL Olii essicativi Silicosi Tumori Sordità Rischi Organi colpiti Entità del Disturbi circolatori Infortuni e traumatismi Polmoni e vie respiratorie Epidermide Organi dell udito Piccoli vasi (circolazione) Arti superiori possibili Automazione Come per forme ed anime, con meno incidenza Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 23

24 Fonderie di 2a fusione Colata Determinanti del Microclima Temperatura Fumi e gas Errata OdL Rischi Organi colpiti Entità del Colpi di calore Disturbi apparato cardiocircolatorio Infarti Disturbi apparato respiratorio Cuore Polmoni Vie respiratorie possibili Sistemi di protezione Turni brevi Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 24

25 Fonderie di 2a fusione Distaffatura - sterratura Determinanti del Polveri silicee Rumore Errata OdL Ritmi Silicosi Rischi Organi colpiti Entità del Disturbi apparato respiratorio Sordità Infortuni Polmoni Vie respiratorie Udito Arti superiori possibili Isolamento non esposti Mezzi di protezione tecnologiche Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 25

26 Fase di finizione La tavola evidenzia come nella lavorazione tradizionale le attività di molatura e controllo qualitativo del prodotto siano eseguite con l apporto del personale diretto di produzione. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 26

27 Fonderie di 2a fusione Sabbiatura - sbavatura Determinanti del Sabbie silicee Rumore Errata OdL Ritmi Silicosi Rischi Organi colpiti Entità del Disturbi apparato respiratorio Sordità Infortuni Polmoni Vie respiratorie Udito Arti superiori possibili Isolamento non esposti Mezzi di protezione tecnologiche Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 27

28 Fonderia layout finizione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 28

29 Fucine - ciclo Fucine Taglio barre Stampaggio Trattamenti termici Finitura Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 29

30 Fucine - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 30

31 Fase di stampaggio (fucinatura) In un contesto tecnologico tradizionale gli spezzoni giungono al forno ad induzione mediante una pista vibrante; la successiva operazione di deformazione plastica del materiale è ottenuta utilizzando una pressa alimentata manualmente, segue infine la fase di sbavatura (eliminazione degli sfridi) anch essa manuale. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 31

32 Fucine Determinanti del Rumore Errata OdL Sordità Infortuni Taglio barre Rischi Organi colpiti Entità del Udito Arti superiori possibili Mezzi di protezione tecnologiche Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 32

33 Fucine Determinanti del Rumore Errata OdL Sordità Infortuni Stampaggio a caldo Rischi Organi colpiti Entità del Udito Arti superiori possibili Mezzi di protezione tecnologiche Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 33

34 Fucine Determinanti del Liquidi cancerogeni Responsabilità Trattamenti termici Rischi Organi colpiti Entità del Cancerogeni Sistema nervoso Apparato digerente Fegato Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 34

35 Fucine Determinanti del Schegge di acciaio Responsabilità Infortuni Finitura Rischi Organi colpiti Entità del Sistema nervoso Arti suoperiori Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 35

36 Costruzione stampi - ciclo Costruzione stampi Lavorazione alle macchine Lavorazione ai banchi Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 36

37 Costruzione stampi - layout Frese Rettifiche Torni Uffici tecnici Banchi manutenzione stampi Banchi costruzione stampi Tracciatori Uffici ammin. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 37

38 Costruzione stampi Lavorazioni alle macchine Determinanti del Liquidi Schegge Responsabilità Rischi Organi colpiti Entità del Allergopatie Infortuni Sistema nervoso Apparato digerente Pelle Fegato Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 38

39 Costruzione stampi Lavorazioni ai banchi Determinanti del Liquidi Schegge Responsabilità Rischi Organi colpiti Entità del Allergopatie Infortuni Sistema nervoso Apparato digerente Pelle Fegato Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 39

40 Stampaggio lamiera - ciclo Stampaggio lamiera Taglio lamiera Stampaggio a freddo Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 40

41 Fase di stampaggio (Presse) Nel sistema tradizionale (batteria di presse disposte in modo sequenziale) lo spostamento e posizionamento dei semilavorati viene eseguito manualmente. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 41

42 Stampaggio lamiera - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 42

43 Stampaggio lamiera (Presse) Taglio lamiera Determinanti del Rumore Errata OdL Ritmi Sordità Infortuni Tagli Rischi Organi colpiti Entità del Traumatismi Udito Arti superiori possibili Layout presse Camere silenti Modifiche alle elettrovalvole Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 43

44 Stampaggio lamiera (Presse) Stampaggio a freddo Determinanti del Rumore Errata OdL Ritmi Sordità Infortuni Tagli Rischi Organi colpiti Entità del Traumatismi Udito Arti superiori possibili Layout presse Camere silenti Modifiche alle elettrovalvole Presse gigantesche stampano a freddo, le parti di carrozzeria: tetto, fiancate, pavimento, porte, cofani. Presse minori lavorano gli altri particolari. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 44

45 Lastroferratura - ciclo Lastroferratura Lastratura Revisione scocca Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 45

46 Assemblaggi di lamiera Nel sistema tradizionale il ciclo operativo dell assemblaggio di parti di lamiera stampate comporta l utilizzo di saldatrici singole o multiple azionate manualmente. Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 46

47 Lastroferratura - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 47

48 Lastroferratura Lastratura Determinanti del Fumi di ferro Gas nitrosi Rumore Schegge Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazioni Irritanti le vie respiratorie Sordità Infortuni agli occhi Polmoni Vie respiratorie Udito Occhi possibili Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 48

49 Lastroferratura Revisione scocca Determinanti del Piombo fuso (?) Acidi Vibrazioni Polveri Rischi Organi colpiti Entità del Saturnismo Inquinati le vie respiratorie Disturbi circolatori Infortuni agli occhi Irritanti le vie respiratorie Apparato digerente Cervello Apparato cardiovascolare Polmoni Apparato circolatorio possibili Meno piombo Più stagno Modifica stampi Più qualità Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 49

50 Verniciatura - ciclo Verniciatura 1a mano di fondo Pulitura Antirombo Carteggiatura Applicazione antiruggine Pulizia scocca Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 50

51 Verniciatura - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 51

52 Verniciatura (1a mano di fondo) Determinanti del Fumi di benzolo Umidità Calore Ritmi Pulitura Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da benzolo Dolori articolari Mal di testa Difficoltà respiratorie Infortuni Fegato Cervello Midollo osseo Midollo spinale Articolazioni Arti superiori possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 52

53 Verniciatura (1a mano di fondo) Antirombo Determinanti del Fumi di vernice Vapori di benzolo Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da benzolo Intossicazioni da altre sostanze Fegato Cervello Midollo osseo Midollo spinale possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 53

54 Verniciatura (1a mano di fondo) Carteggiatura Determinanti del Polveri di carta Fumi di benzolo Polveri di vernici Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da benzolo Intossicazioni le vie respiratorie Fegato Cervello Midollo osseo Midollo spinale possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 54

55 Verniciatura (1a mano di fondo) Applicazione antiruggine Determinanti del Polveri di benzolo Polveri di vernici Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da benzolo Intossicazioni le vie respiratorie Fegato Cervello Midollo osseo Midollo spinale possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 55

56 Verniciatura (1a mano di fondo) Pulizia scocca Determinanti del Solventi di benzolo Umidità Calore (forno) Ritmi Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da benzolo Dolori alle articolazioni Male di testa Respirazione Infortuni Fegato Cervello Midollo osseo Articolazioni Arti superiori possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 56

57 Verniciatura - ciclo Verniciatura 2a mano di smalto Lavaggio Pomiciatura Revisione scocca Verniciatura Camera di appassimento Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 57

58 Verniciatura (2a mano di smalto) Lavaggio Determinanti del Umidità Solventi (benzolo, ecc.) Rischi Organi colpiti Entità del Reumatismi, artriti Irritazione agli occhi Irritanti le vie respiratorie Articolazioni, ossa Occhi Vie respiratorie possibili Automazioni Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 58

59 Verniciatura (2a mano di smalto) Pomiciatura Determinanti del Umidità Fatica fisica Vibrazioni Rumore Fumi dai forni Rischi Organi colpiti Entità del Reumatismi, artriti Caduta denti Tosse catarro Sordità Articolazioni, ossa Muscoli Denti Udito Vie respiratorie possibili Superamento pomiciatura Turni brevi Pause Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 59

60 Verniciatura (2a mano di smalto) Revisione scocca Determinanti del Fatica fisica Ritmi Fumi, resine, acidi Strappi muscolari Infortuni Rischi Organi colpiti Entità del Irritanti occhi e vie respiratorie Muscoli Arti superiori Occhi Vie respiratorie possibili Arricchimento mansioni Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 60

61 Verniciatura (2a mano di smalto) Verniciatura Determinanti del Fumi di benzolo Calore Posizioni disagevoli Monotonia Ritmi Benzolo Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Soffocamento Vampate di calore Crampi Sistema nervoso App. digerente Fegato Cervello Midollo Vie respiratorie Sistema cardio Sistema nervoso Muscoli App. digerente possibili Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 61

62 Verniciatura (2a mano di smalto) Camera di appassimento Determinanti del Calore Fumi Vernici Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione Irr. vie respiratorie Irr. occhi Vie respiratorie Occhi possibili Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 62

63 Lavorazioni meccaniche - ciclo Lavorazioni meccaniche Trasferte Macchine attrezzate Trattamenti termici Montaggio motori Montaggio cambi Collaudo motori Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 63

64 Lavorazioni meccaniche - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 64

65 Lavorazioni meccaniche - layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 65

66 Lavorazioni meccaniche Trasferte Determinanti del Rumore Ritmi Monotonia Responsabilità Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Sordità Infortuni Sistema nervoso Apparato digerente Testa Udito Arti superiori Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 66

67 Lavorazioni meccaniche Macchine attrezzate Determinanti del Rumore Ritmi Monotonia Responsabilità Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Sordità Infortuni Sistema nervoso Apparato digerente Testa Udito Arti superiori Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 67

68 Lavorazioni meccaniche Trattamenti termici Determinanti del Liquidi cancerogeni Responsabilità Rischi Organi colpiti Entità del Cancerogeni Sistema nervoso Apparato digerente Fegato Sistema nervoso Stomaco possibili Migliore OdL Layout Automazione Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 68

69 Assemblaggio motori Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 69

70 Montaggio motori e cambi Montaggio motori Determinanti del Olii lubrificanti Rumore Ritmi Monotonia Responsabilità Nausea Vomito Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Infortuni Sordità Sistema nervoso Apparato digerente Testa Apparato digerente Sistema nervoso Arti superiori Udito possibili Migliore OdL Lavoro di gruppo (isole di montaggio) Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 70

71 Montaggio motori e cambi Montaggio cambi Determinanti del Olii lubrificanti Rumore Ritmi Monotonia Responsabilità Nausea Vomito Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Infortuni Sordità Sistema nervoso Apparato digerente Testa Apparato digerente Sistema nervoso Arti superiori Udito possibili Migliore OdL Lavoro di gruppo (isole di montaggio) Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 71

72 Montaggio motori e cambi Collaudo motori Determinanti del Rumore Gas di scarico Fumi di benzina Sordità Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da CO2 Intossicazione da piombo Udito Fegato Apparato digerente possibili Captazione gas di scarico Migliore areazione Layout Isolamento acustico Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 72

73 Montaggi finali - ciclo Montaggi finali Selleria Preparazione sottogruppi Montaggi in linea Collaudi finali Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 73

74 Montaggi finali - layout Selleria Preparazione sottogruppi Linee di montaggio C O L L A U D I Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 74

75 Montaggi finali Selleria Determinanti del Ritmi Fatica fisica Monotonia Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Infortuni Sistema nervoso Testa Sistema nervoso Arti superiori possibili Migliore OdL Lavoro di gruppo (isole di montaggio) Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 75

76 Montaggi finali Preparazioni sottogruppi Determinanti del Ritmi Fatica fisica Monotonia Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Infortuni Sistema nervoso Testa Sistema nervoso Arti superiori possibili Migliore OdL Lavoro di gruppo (isole di montaggio) Allestimento fianchetti porte sistemazione del cruscotto sitemazione dei cavi elettrici e della tappezzeria Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 76

77 Montaggi finali Montaggi in linea Determinanti del Ritmi Fatica fisica Monotonia Rischi Organi colpiti Entità del Male di testa Infortuni Sistema nervoso Testa Sistema nervoso Arti superiori possibili Migliore OdL Lavoro di gruppo (isole di montaggio) Le scocche vuote, trasportate dai convogliatori sempre in movimento, giungono alle stazioni di montaggio Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 77

78 Montaggi finali Collaudi finali Determinanti del Rumore Gas di scarico Fumi di benzina Sordità Rischi Organi colpiti Entità del Intossicazione da CO2 Intossicazione da piombo Udito Fegato Apparato digerente possibili Captazione gas di scarico Migliore areazione Layout Isolamento acustico Auto Ass. Esperienza & Mappe Grezze 78

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008 Nella presente linea guida vengono fornite indicazioni utili per la conduzione di audit nel settore EA 17 fabbricazione di prodotti in metallo anche trattati e rivestiti secondo la norma UNI EN ISO 14001.

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

3.8. Distaffatura. Sterratura

3.8. Distaffatura. Sterratura 3.8. Distaffatura. Sterratura FASI DI LAVORAZIONE SPECIFICHE Distaffatura Asportazione boccame e materozze (smaterozzatura) Movimentazione getti Evacuazione boccame Sterratura Sabbiatura e/o granigliatura

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

Il comparto delle fonderie. E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali

Il comparto delle fonderie. E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali Il comparto delle fonderie E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali Codici di Tariffa Inail Inabilità Permanente (x 1.000) indici 2011-13 1100 Lavorazioni meccanico-agricole

Dettagli

La storia, tra società e industria

La storia, tra società e industria La storia, tra società e industria Il più grande complesso industriale italiano. Lo stabilimento Fiat di Mirafiori, è stato ed è tuttora parte integrante dell evoluzione economica e sociale italiana. Rappresenta

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

FONDERIE di SECONDA FUSIONE con formatura in terra

FONDERIE di SECONDA FUSIONE con formatura in terra MONITORAGGIO SILICE ITALIA: Risultati del sistema di prevenzione VITERBO Lunedì 27 e martedì 28 ottobre 2008 by L.Bedini NETWORK ITALIANO SILICE ( COORDINAMENTO TECN. REGIONI- ISS- ISPESL-INAIL) INDICAZIONI

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

METALMECCANICI ARTIGIANI

METALMECCANICI ARTIGIANI METALMECCANICI ARTIGIANI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: ex contingenza: ccril : gennaio 2010 novembre 1991 settembre 2000 Operai OPERAI PAGA BASE INDENNITA' CONTING. E.D.R. 2 CATEGORIA B 4,96520 0,25075 3,00168

Dettagli

pulito sicuro flessibile

pulito sicuro flessibile pulito sicuro flessibile Impianti di condizionamento d aria per processi industriali Tecnologia di ventilazione, di separazione e di filtraggio Schuh Anlagentechnik Pagina 2 Più che aria pulita Affidabile.

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione

Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione Muratore Cementista Operaio Edile Addetto alle pulizie Operai metallurgici e meccanici Chimici e farmaceutici Industria delle materie

Dettagli

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Franco Sarto, Michela Veronese, Sara Roberti COREO Armando Olivieri, Luca Benacchio, Spisal ULSS 15 Le fonti

Dettagli

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche w w w. c a m i t i m p i a n t i. i t Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche Impianti per sabbiatura L impianto consente di eseguire manualmente la granigliatura su particolari

Dettagli

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 100 VI-Italia

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 100 VI-Italia 100 VI-Italia Stampi per iniezione di materie plastiche Stampi in genere Lavorazioni meccaniche di precisione Elettroerosione a filo Acciai speciali, Acciai temprati, EUROPA ORIENTALE Apparecchi medicali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO SETTORE METALMECCANICA ED INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: gennaio 2012 ccril : settembre

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

M.A.C. Metallurgica Assemblaggi Carpenterie. Mappa Grezza di Rischio

M.A.C. Metallurgica Assemblaggi Carpenterie. Mappa Grezza di Rischio M.A.C. Metallurgica Assemblaggi Carpenterie Mappa Grezza di Rischio IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA M.A.C. Metallurgica Assemblaggi Carpenteria Azienda Indirizzo Via Caluso 50 Comune Chivasso Provincia Torino

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE

AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE Autorizzazione Carrozzerie - Domanda ALLEGATO 1 BOLLO 14,62 Alla PROVINCIA DI ASTI Servizio Ambiente. Ufficio Risanamento Atmosferico Piazza Alfieri, 33 14100 Asti e p. c. Sindaco del Comune di... A.R.P.A.

Dettagli

SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE STIRATURA A FREDDO DI BARRE LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI TRAFILATURA A FREDDO

SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE STIRATURA A FREDDO DI BARRE LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI TRAFILATURA A FREDDO STUDIO DI SETTORE WD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene.

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

CONFINDUSTRIA COMO. 4 dicembre 2009 Paolo Torri

CONFINDUSTRIA COMO. 4 dicembre 2009 Paolo Torri CONFINDUSTRIA COMO ESENZIONE ACCISE ENERGETICHE 4 dicembre 2009 Paolo Torri Incontro del 1. Energia Elettrica 2. Gas naturale 3. Normativa 4. Soggetti coinvolti 5. Modalità Operative 6. Considerazioni

Dettagli

La chimica e i suoi prodotti per la qualità della vita. Federchimica

La chimica e i suoi prodotti per la qualità della vita. Federchimica La chimica e i suoi prodotti per la qualità della vita Federchimica Due problemi da superare? Una chimica lontana Una chimica non sostenibile Chimica per la qualità della vita Scienza chimica Prodotti

Dettagli

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA SCHEMA ANALISI ERGONOMICA CODICE DELLA POSTAZIONE DI LAVORO N DI MAPPA AZIENDALE COGNOME E NOME SESSO..M F... DATA DI NASCITA.DATA DI ASSUNZIONE MANSIONE. ATTIVITA' SVOLTA REPARTO. ORE DI LAVORO AL GIORNO.ORE

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

MONITORAGGIO SANITARIO IN ADDETTI ALLE FALEGNAMERIE ARTIGIANE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

MONITORAGGIO SANITARIO IN ADDETTI ALLE FALEGNAMERIE ARTIGIANE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO MONITORAGGIO SANITARIO IN ADDETTI ALLE FALEGNAMERIE ARTIGIANE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO Si è ritenuto effettuare il controllo sanitario degli addetti alle falegnamerie della Provincia di Grosseto, soprattutto

Dettagli

ALIANO IT Tel. +39.030.8925563 - Fax +39.030.8924973 via Castagnotta, 8 - Loc. Muratello di Nave 25075 Nave Brescia - ITALY

ALIANO IT Tel. +39.030.8925563 - Fax +39.030.8924973 via Castagnotta, 8 - Loc. Muratello di Nave 25075 Nave Brescia - ITALY ITALIANO INTELLIGENT MOVEMENT TO MOVE THE WORLD Automazioni Industriali S.r.l. nasce a Lumezzane (BS) nel 1984 operando nel settore della robotica applicata. L azienda, nata in una delle più importanti

Dettagli

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO?

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche

Dettagli

Documento di riferimento sulle Migliori Tecniche Disponibili nelle Forgiature e Industrie di Fonderia

Documento di riferimento sulle Migliori Tecniche Disponibili nelle Forgiature e Industrie di Fonderia COMMISSIONE EUROPEA I processi di Fonderia Tabelle di riepilogo BAT Prevenzione e Controllo Integrati dell Inquinamento Documento di riferimento sulle Migliori Tecniche Disponibili nelle Forgiature e Industrie

Dettagli

BILATERAL MEETING ARPA PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI. Gessi S.p.A. Una realtà sul territorio

BILATERAL MEETING ARPA PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI. Gessi S.p.A. Una realtà sul territorio BILATERAL MEETING ARPA PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI MED IPPC NET: il progetto, la rete, l evoluzione Vercelli, 17 gennaio 2012 Gessi S.p.A. Una realtà sul territorio Dott. Andrea Vaudano Gessi S.p.A.

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

Il ciclo Fondazione Agnelli. Il modello interpretativo dei risultati

Il ciclo Fondazione Agnelli. Il modello interpretativo dei risultati Il ciclo Fondazione Agnelli Il modello interpretativo dei risultati Il modello interpretativo dei risultati SISTEMA TECNOLOGICO SISTEMA ORGANIZZATIVO SISTEMA INFORMATIVO SISTEMA LOGISTICO Ruoli della fabbricazione:

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T.

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO I.S.P.E.S.L. REGIONI PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. TORINO 1 PROFILO DI RISCHIO NEL COMPARTO COSTRUZIONI

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Lavorazione: GOFFRATURA

Lavorazione: GOFFRATURA Scheda 11 Tipo / Fase: TESSUTI SPECIALI / RIFINIZIONE Lavorazione: GOFFRATURA Scopo della lavorazione La goffratura è una lavorazione di tipo meccanico che viene fatta su qualsiasi tipo di tessuto speciale.

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO MATERIALI VETRO 1 IERI E OGGI Cent anni fa: il vetro appannato Oggi: il vetro isolante 2 Cos è il vetro Osserviamo quattro tipi di vetro Oggetti di vetro (classificazione) 3 Osserviamo quattro tipi di

Dettagli

Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti

Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti Mauro Sanna Prontuario per la classificazione e il recupero dei rifiuti Individuazione e classificazione dei rifiuti secondo la Decisione 2000/532/CE e s.m.i. Rifiuti ammessi al recupero in regime di procedura

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare)

Codice NOSE- P. Tutte 104.08 Altre trasformazioni dei combustibili solidi (Produzione di coke, prodotti petroliferi e combustibile nucleare) CodiceIPPC Attività allegato I Direttiva 96/61 Capacità produttiva Codice NOSE- P Processi NOSE-P Codice NACE Settori economici 1. Attività energetiche 1.1 1.2 Impianti di combustione con potenza calorifica

Dettagli

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati

EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati EFFETTI DEL TABAGISMO SULLA SALUTE Malattie e danni provocati Cancro Ictus Bronchite Malattie provocate Danni provocati All apparato respiratorio All apparato cardiovascolare All apparato digerente All

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60

DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60 DESCRIZIONE TECNICA : PN40 60 INTRODUZIONE La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione comporta notevoli vantaggi all azienda. L

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

1) CAMPO DI APPLICAZIONE

1) CAMPO DI APPLICAZIONE 4.10) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di LAVORAZIONI MECCANICHE DEI METALLI E / O TRATTAMENTI SUPERFICIALI E / O ALTRE LAVORAZIONI DEI METALLI 1) CAMPO DI APPLICAZIONE a) Gli

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna [5985] Questo file è una estensione del corso G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 1 MATERIALI METALLI 2 IERI E OGGI Cent anni fa: gli oggetti

Dettagli

ISO 9001:2008 Certificato n. 4530

ISO 9001:2008 Certificato n. 4530 ISO 9001:2008 SICUREZZA SUL LAVORO CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI FORMAZIONE GENERALE (4 ORE) FORMAZIONE SPECIFICA (4-8-12 ORE) I nostri corsi forniscono ai Lavoratori la formazione Generale e la formazione

Dettagli

sicurezza dei lavoratori

sicurezza dei lavoratori sicurezza dei lavoratori Ente Bilaterale Emilia Romagna via De Preti, 8 40121 Bologna tel. 051 2964311 fax 051 6569507 eber@eber.org www.eber.org Informazioni per la prevenzione comparto legno rischi per

Dettagli

Il Cromo VI nelle acque potabili: aspetti di Sanità Pubblica

Il Cromo VI nelle acque potabili: aspetti di Sanità Pubblica Il Cromo VI nelle acque potabili: aspetti di Sanità Pubblica 20 ottobre 2014 Dr. Francesco Vassallo Vi sono due principali forme chimiche del cromo: trivalente (Cromo III) ed esavalente (Cromo VI). Il

Dettagli

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011

Incontro informativo. Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi. Milano, 12 aprile 2011 Incontro informativo Fiscalità energetica: esenzione delle accise per alcuni processi produttivi Milano, 12 aprile 2011 Esenzione e fuori campo per i processi produttivi Criteri di applicazione e requisiti

Dettagli

Prof. A. Battistelli

Prof. A. Battistelli Prof. A. Battistelli Materiale da costruzione Materiale di origine minerale (si estrae da pietre) per costruire: oggetti, costruzioni edili, materiale tecnico ed elettronico, mezzi, attrezzi, ecc.. Come

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO INTRODUZIONE La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione comporta notevoli vantaggi all

Dettagli

FABER INDUSTRIE S.p.A.

FABER INDUSTRIE S.p.A. REGIONE AUTOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (Allegato 14) NTE N TECNICA Ditta: FABER INDUSTRIE S.p.A. Via dell Industria n

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate.

quantità annua complessivamente trattata superiore o uguale a 15.000 tonnellate e inferiore a 60.000 tonnellate. CATEGORIA 2 RACCOLTA E TRASPORTO DO RIFIUTI NON PERICOLOSI INDIVIDUATI AI SENSI DELL ARTICOLO 33 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 FEBBRAIO 1997, N. 22, AVVIATI AL RECUPERO IN MODO EFFETTIVO ED OGGETTIVO. IMPRESA:

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Il flussante Ecoflux ACQUA 4000 della serie no clean rappresenta un significativo sviluppo tecnologico dei flussanti organici, esso è idrosolubile ed è completamente costituito

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE

SCHEDA DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE AF SCHEDA DI SICUREZZA Preparato da: s.r.l. Data revisione: 03 giugno 2008 Numero revisione: 01 Revisione precedente: 03 settembre 2003 Stato del documento: Definitivo 1 IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E

Dettagli

Azienda Napoletana Mobilità S.p.A. PORTALE ACQUISTI - GRUPPI MERCEOLOGICI

Azienda Napoletana Mobilità S.p.A. PORTALE ACQUISTI - GRUPPI MERCEOLOGICI Azienda Napoletana Mobilità S.p.A. PORTALE ACQUISTI - GRUPPI MERCEOLOGICI (Spese in Economia) 1/6 FOR Forniture FOR 01 - Parti di Ricambio per Rotabili su Gomma 0101 motore e trasmissioni 0102 parti elettriche

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. I Dispositivi di Protezione Individuale D P I

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. I Dispositivi di Protezione Individuale D P I SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA I Dispositivi di Protezione Individuale D P I DISPOSITIVI di PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) DPI: qualsiasi attrezzatura indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate QUOTATURA PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi CLASSIFICAZIONE punto di vista geometrico quote di grandezza quote di posizione quote di accoppiamento disposizione: sistemi di quotatura in serie in parallelo combinata

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 3 del 10 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

1. Non dovrà essere superato un utilizzo massimo giornaliero di metalli da trattare pari a 3000 kg; 2. DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI

1. Non dovrà essere superato un utilizzo massimo giornaliero di metalli da trattare pari a 3000 kg; 2. DEFORMAZIONE PLASTICA DEI METALLI 4.31 - Trattamenti meccanici superficiali dei metalli con utilizzo di metalli da trattare non superiore a 3000 kg/g Nell esercizio dell attività dovranno essere rispettate le seguenti prescrizioni e/o

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna [5985] Questo file è una estensione del corso G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 1 MATERIALI Integrazione a cura del prof. A. Millefanti Integrazione

Dettagli

Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA. www.aergritti.it

Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA. www.aergritti.it Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA www.aergritti.it Costruzioni Aeromeccaniche Gritti Operante nel settore dal 1960 Approfondito know-how professionale Alta specializzazione Tecniche

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

OPERARE IN SICUREZZA NELLA DISINFESTAZIONE

OPERARE IN SICUREZZA NELLA DISINFESTAZIONE OPERARE IN SICUREZZA NELLA DISINFESTAZIONE Rodolfo Veronesi Centro Agricoltura Ambiente G.Nicoli Argomenti Il concetto di pericolo,di rischioe di danno I fattori di rischio Prevenzione e protezione Il

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO

PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO FORMATIVO STRANIERI IN PROVINCIA DI BERGAMO SCHEDA INFORMATIVA PER I DATORI DI LAVORO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO A CURA DELL ASL DI BERGAMO DOTT. SERGIO PIAZZOLLA LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

OPERAZIONE RIF. P.A. 2011-1219/RE

OPERAZIONE RIF. P.A. 2011-1219/RE OPERAZIONE RIF. P.A. 2011-1219/RE Facilitatore dell inserimento lavorativo per persone con disabilità intellettive e disturbi dello spettro autistico STRUMENTO N. 3 SCHEDA COLLOCAMENTO MIRATO ALLEGATO

Dettagli

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) Università degli Studi di Napoli Federico II PRODUZIONE DI SAPONE DA OLI ESAUSTI PREMESSA Si effettua una reazione chimica, l idrolisi basica di un estere, per ottenere

Dettagli

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali

Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei settori industriali Dipartimento per l'impresa e l'internazionalizazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività STATISTICHEIMPRESA Report Statistico Settoriale: analisi economica congiunturale dei

Dettagli

3.3 Preparazione rottame. Preparazione carica

3.3 Preparazione rottame. Preparazione carica 3.3 Preparazione rottame. Preparazione carica FASI DI LAVORAZIONE SPECIFICHE Frantumazione Cesoiatura Vagliatura Pressatura Taglio Scarico rottame da autocarro o da vagoni Pulizia vagoni Selezione e cernita

Dettagli

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA Grigliati in Poliestere Rinforzato con Fibra di Vetro (PRFV) Revisione 5 del 30/12/2014 0. INTRODUZIONE La Normativa Europea sui prodotti chimici N 1907/2 006 (REACH)

Dettagli

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE

Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE Scheda di sicurezza Revisione 1 CLEVEX s.r.l. In accordo con la Direttiva 2001/58/CE 1. Identificazione del preparato e della Società Identificazione del preparato Nome del Prodotto: CLEVI LUB Identificazione

Dettagli

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche CONTENUTI Procedimenti di fonderia Fusione in terra, in conchiglia e centrifuga Pressofusione e microfusione Classificazione delle lavorazioni plastiche

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA E IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Dott. Giuseppe Di Martino - Dirigente Medico ASL Chieti

LA SORVEGLIANZA SANITARIA E IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Dott. Giuseppe Di Martino - Dirigente Medico ASL Chieti LA SORVEGLIANZA SANITARIA E IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Dott. Giuseppe Di Martino - Dirigente Medico ASL Chieti Sicurezza e prevenzione degli infortuni in edilizia - Lanciano -fiera I più recenti dati

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto

Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Lavoratore Autonomo SANO SICURO INFORMATO Padova 23 novembre 2012 Aspetti epidemiologici nella regione del Veneto Roberto Agnesi Michela Veronese Lucia Calciano La crisi economica - PIL La crisi economica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE

STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali CORPO VALDOSTANO DEI VIGILI DEL FUOCO

Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali CORPO VALDOSTANO DEI VIGILI DEL FUOCO Informazione sui rischi di incidente rilevante ai cittadini Stabilimento Cogne Acciai Speciali Premessa CHE COS È IL RISCHIO INDUSTRIALE? La presenza sul territorio di stabilimenti industriali espone la

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 2.1 Tecniche di fonderia LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Forni fusori LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Materiali e caratteristiche Proprietà dei metalli e leghe ferrose:

Dettagli