ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE IMPIANTO DEL CANTIERE DPR 320/56 (Norme per la prevenzione degli infortuni e l igiene del lavoro in sotterraneo) Testo Unico sulla Sicurezza Dlgs 9 aprile 2008 n. 81 e integrazioni (Dlgs 106/2009) TITOLO I Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro - Art. 15 Misure generali di tutela TITOLO IV Cantieri temporanei e mobili

2 Il processo edilizio: Sequenza organizzata di fasi che portano dal rilevamento delle esigenza della committenza - utenza di un bene edilizio al loro soddisfacimento attraverso la progettazione, la produzione, la costruzione e la gestione del bene stesso Norma UNI 10838

3 FASI DEL PROCESSO EDILIZIO IL PROGETTO L ATTIVITA COSTRUTTIVA LA GESTIONE CANTIERE = qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile (Definizione del Dlgs 81/2008, art. 89) I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro,. gli scavi, il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile.

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13 Cellule spaziali

14 L ATTIVITA DI CANTIERE -PREPARAZIONE ED IMPIANTO DELL AREA DESTINATA AL CANTIERE - PREPARAZIONE DEL TERRENO DI SEDIME, DEI TRACCIAMENTI, DELLE OPERE DI SCAVO ED EVENTUALI REINTERRI -TRASPORTO E STOCCAGGIO DEI MATERIALI NELL AMBITO DEL CANTIERE - LAVORAZIONI IN OPERA E A PIE D OPERA - REALIZZAZIONE DI OPERE PROVVISIONALI

15 PROGRAMMARE L ATTIVITA CANTIERISTICA SIGNIFICA: -ORGANIZZARE TEMPORALMENTE LE LAVORAZIONI NELLE DIVERSE FASI - ORGANIZZARE L AGIBILITA DELLO SPAZIO DI CANTIERE - ORGANIZZARE APPROVVIGIONAMENTI E MOVIMENTO DEI MATERIALI - ORGANIZZARE LA MANODOPERA

16 Il ciclo di lavorazione

17 ELEMENTI DI COMPETITIVITA DELL IMPRESA - RAZIONALIZZAZIONE DEL CANTIERE - PROGRAMMAZIONE TECNICO OPERATIVA - MASSIMA MECCANIZZAZIONE - ADOZIONE DI PROCEDIMENTI COSTRUTTIVI CHE CONSENTANO DI SUPERARE I LIMITI IMPOSTI DAL VARIARE DELLE STAGIONI E DI RENDERE PIU SOLLECITA L ESECUZIONE DEI CICLI DI LAVORAZIONE - UNIFICAZIONE E STANDARDIZZAZIONE DEI PROCEDIMENTI COSTRUTTIVI - RAPIDA COSTRUZIONE DELLE OPERE

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Tutti i componenti prefabbricati devono essere marchiati CE (DPR 246/93 e3 DPR 499/97). Istruzioni sui componenti prefabbricati sono nella Circolare Min. del Lavoro e Previdenza Sociale 20 Gennaio 1982 n. 13 Sicurezza nell'edilizia: sistemi e mezzi anticaduta, produzione e montaggio di elementi prefabbricati in c.a. e c.a.p. manutenzione delle gru a torre automontati che riguarda tra gli altri argomenti Trasporto, attrezzature di sollevamento, stoccaggio, idoneità del personale addetto al montaggio, istruzioni di montaggio)..

27 Dal CODICE DELLA STRADA (Dlgs 285/92, art. 62) Per evitare la scorta: Larg. max m 2.55 H max m 4,00 Lung max m 12, 50 autotreni e autoarticolati normali; Peso m 16,50 (autoarticolati e autosnodati speciali); m 18,75 (autotreni e filotreni) varia in relazione alla categoria; max ammesso per autotreni a 1 asse - 5 t; 2 assi 8 t; 3 e più assi 10 t; I valori cambiano in funzione dei pneumatici arrivando per Autotreno 3 assi Autoarticolato o autosnodato 3 assi Autotr.,Autoart., o autosnodato 4 assi 24 t 30 t 40 t A 5 e più assi 44 t; Il peso sul singolo asse max 12 t

28

29 L Aquila 2009

30

31

32

33

34 TIPO DI CANTIERE TEMPI DI ESECUZIONE COSTI MANO D OPERA TRADIZIONALE h/mq DI MONTAGGIO h/mq CASSEFORME TUNNEL h/mq

35 ELEMENTI DEL PROGRAMMA DETTAGLIATO -AVANZAMENTO DEI LAVORI NEI TEMPI NECESSARI -SCELTA DEI MEZZI D OPERA PIU APPROPRIATI -VALUTAZIONE DELLA SATURAZIONE DI UOMINI E MACCHINE -DETERMINAZIONE DELLE QUANTITA E DELLA QUALITA DEI MATERIALI

36 Chiedo sulle condizioni locali e constato che non ci sono strade (d accesso), né trasporti, e che di conseguenza prenderò dei sacchi di cemento e di sabbia e forse le pietre di demolizione della cappella dal tetto distrutto; probabilmente le pietre di demolizione, gelive e calcinate, potranno riempire, ma non portare. Una nozione si precisa: qui, in queste condizioni, in cima a un monte isolato, una sola categoria professionale, una squadra omogenea, una tecnica sapiente, degli uomini là in alto, liberi e maestri del buon lavoro. (Dossier: Création Ronchamp) Le Corbusier decide quindi di utilizzare una sola squadra di operai per la costruzione dell intera opera e, visto il contesto, decide anche la scelta dei materiali: sabbia e cemento, cioè calcestruzzo Le Corbusier, Notre Dame du Haut, Rochamp (progetto 1950, costruzione )

37 UOMINI-GIORNO = Entità presunta del cantiere rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori, anche autonomi, previste per la realizzazione dell opera (art. 89 TU) Uomo/giorno > di 200 (obbligo di notifica preliminare art. 99 TU, anche nel caso di cantieri con più imprese indipendentemente dall uomo-giorno; nel caso di cantieri che nel corso dei lavori maturano le condizioni dell obbligo) Per cantieri con entità < a 200 ug e senza rischi particolari di cui all allegato XI la verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese è sostituita dalla iscrizione alla Camera di Commercio, dal DURC e dalla autocertificazione art. 90 TU) TU art. 99 Notifica preliminare 1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all'allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:. c) cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.

38 ALLEGATO XII CONTENUTO DELLA NOTIFICA PRELIMINARE DI CUI ALL ART. 99 Data della comunicazione Indirizzo del cantiere Dati identificativi del committente Natura dell opera Responsabile (i) dei lavori: dati identificativi Coordinatore (i) della sicurezza in progettazione: dati identificativi Coordinatore (i) della sicurezza in esecuzione: dati identificativi Data presunta di inizio dei lavori in cantiere Data presunta dei lavori in cantiere Numero massimo presunto dei lavoratori in cantiere Numero previsto di imprese e lavoratori autonomi in cantiere: dati identificativi Ammontare complessivo dei lavori

39

40

41 Importi minimi dei costi di costruzione mc vpp su

42

43

44

45 UG = C x M% x N dove C M = j i=1 N Qi x C Qi C M x T di cui = C x M% = UG/N = GL rappresenta la durata del cantiere in giorni lavorativi. C M x T C = importo netto dei lavori M % = percentuale di incidenza della manodopera C M = costo medio orario della squadra T = numero di ore giornaliere N = numero totale di operai N Q = numero di operai di specifica qualifica C Q = costo orario della qualifica dell operaio J = numero di qualifiche presenti nella squadra

46 UG = C x M% x N dove C M = j i=1 N Qi x C Qi C M x T di cui = C x M% = UG/N = GL rappresenta la durata del cantiere in giorni lavorativi. C M x T C = importo netto dei lavori M % = percentuale di incidenza della manodopera C M = costo medio orario della squadra T = numero di ore giornaliere N = numero totale di operai N Q = numero di operai di specifica qualifica C Q = costo orario della qualifica dell operaio J = numero di qualifiche presenti nella squadra ESEMPIO: lavori edili di importo ,00 Dati di partenza: 1: incidenza manodopera 40% 2: composizione squadra (DM ) e costo orario n.2 operai specializzati /h n.2 operai qualificati /h n.3 manovali specializzati /h C M = (2x24,50 /h) + (2x24,50 /h) + (3x20,50 /h) = 155,50 /h 3: Il costo netto dei lavori (escludendo l utile d impresa valutato in questo caso al 10% e le spese generali che possono variare in relazione al tipo di impresa dal 10 al 15% e che in questo caso consideriamo il 12%) C = ,00 x(1-0,10 0,12) = ,00 UG = x 40% x 7 = = = 606 UG 155,50 x 8 (ore) 1244 GL = UG/N = giorni = 87 giorni

47 IL CRONOPROGRAMMA diagramma di Gantt (Regolamento degli appalti D.P.R. n 207/2010, art. 40, che ha abrogato il 554/99) Rappresenta l andamento generale nel tempo dei lavori da eseguire generalmente abbinati agli importi. È reso graficamente con un diagramma a barre che riporta sull asse orizzontale i tempi di esecuzione prevedibili dei lavori e sull asse verticale può riportare: - Gli importi progressivi a partire da zero (corrispondete all inizio dei lavori) fino all importo complessivo di tutti i lavori (corrispondente alla data di ultimazione prevista) - Le lavorazioni per gruppi omogenei - I S.A.L. - Ecc.. Nel calcolo del tempo contrattuale deve tenersi conto della prevedibile incidenza dei giorni di andamento stagionale sfavorevole Il cronoprogramma è presentato unitamente all offerta - Nei casi di progettazione esecutiva e esecuzione di lavori sulla base del progetto definitivo dell'amministrazione aggiudicatrice; - Nei casi di acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta e con progettazione esecutiva e esecuzione di lavori sulla base del progetto preliminare dell'amministrazione aggiudicatrice

48 IL DIAGRAMMA DI GANTT Rappresenta la sequenza delle lavorazioni omogenee distribuite nell arco dei giorni consecutivi concessi in contratto. Ogni gruppo omogeneo di lavorazione viene collocato in ordine temporale, in funzione della logica esecuzione del progetto, a partire dalla data di allestimento del cantiere fino alla data del completo smobilizzo. Il diagramma di Gantt determina la durata dei lavori, ossia i giorni consecutivi necessari per il completamento dell opera. Esso evidenzia anche le interferenze, cioè quei lavori che richiedono la presenza contemporanea in cantiere di lavoratori addetti alla esecuzione di opere diverse. La sovrapposizione dei lavori influisce positivamente sulla durata complessiva degli stessi ma, per contro, costituisce una fonte di rischio per i lavoratori. Per tale ragione le interferenze vanno attentamente evidenziate nella compilazione del Cronoprogramma, cercando di evitare il più possibile le interferenze temporali e spaziali.

49 La procedura per la redazione di un Cronoprogramma segue le seguenti fasi: - Individuazione dei gruppi omogenei di lavorazione - Determinazione degli importi per ogni gruppo - Assegnazione della percentuale di manodopera per ogni gruppo - Assegnazione del numero di lavoratori previsti per ogni gruppo - Calcolo dei giorni lavorativi necessari per ogni gruppo - Calcolo dei giorni consecutivi necessari per ogni gruppo - Collocazione temporale di ogni gruppo (data inizio e fine) - Realizzazione del diagramma di Gantt - Realizzazione del diagramma rappresentativo del Cronoprogramma - Redazione della relazione tecnica a corredo del Cronoprogramma

50

51

52

53

54

55

56 TU TITOLO IV Art. 95 Misure generali di tutela Art. 96 Obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti: ( ) curano la protezione dei lavoratori contro le influenze atmosferiche che possono compromettere la loro sicurezza e la loro salute; ( ) All. XIII Prescrizioni di sicurezza e di salute per la logistica di cantiere Tutti gli ambienti devono essere tenuti in buone condizioni di pulizia

57 TU - All. XIII: estratto PRESCRIZIONI SERVIZI IGIENICO ASSISTENZIALI (obbligatorie ove vi sia spazio sufficiente, altrimenti è possibile attivare convenzioni con idonee strutture esterne al cantiere) Locali spogliatoi: adeguata aerazione ed illuminazione, difesi dalle intemperie, riscaldati, muniti di sedili. Docce: locali riscaldati, acqua calda e fredda, con mezzi detergenti e per asciugarsi; numero minimo 1 doccia ogni 10 lavoratori impegnati in cantiere. Gabinetti e lavabi: locali riscaldati, acqua calda e fredda, con mezzi detergenti e per asciugarsi; min 1 lavabo ogni 5 lavoratori e 1 gabinetto ogni 10 lavoratori. Per particolari esigenze sono utilizzabili i bagni chimici o si possono fare convenzioni con strutture idonee nelle vicinanze aperte al pubblico. Locali di riposo e refezione: adeguata aerazione ed illuminazione, difesi dalle intemperie, riscaldati, muniti di sedili e tavoli; muniti di attrezzature per scaldare, conservare ed eventualmente preparare le vivande. Presenza di acqua potabile. Sono utilizzabili i monoblocchi prefabbricati di h min. 2,40 m. L uso di caravan è consentito ad inizio cantiere (prima della sua installazione) per max 5gg. e, per brevi tempi di lavorazione, nei cantieri stradali in punti lontani dalle postazioni ordinarie. PRESCRIZIONI PER I POSTI DI LAVORO NEI CANTIERI Porte di emergenza Aerazione Illuminazione naturale e artificiale Pavimenti pareti e soffitti: non devono risultare pericolosi, devono essere facilmente pulibili Finestre e lucernari: devono essere apribili, non devono risultare pericolosi, devono essere facilmente pulibili Porte e portoni: non devono risultare pericolosi Vie di circolazione: quando l uso e le attrezzature dei locali lo richiedano per assicurare la protezione de lavoratori, il tracciato delle vie di circolazione deve essere messo in evidenza

58 BARACCHE DI CANTIERE STRUTTURA: profilati laminati a freddo zincati e imbullonati PARETI: costituite da pannelli modulari autoportanti sandwich, isolati con iniezione di resina poliuretanica espansa di tipo rigido. I due supporti del sandwich sono in lamiera zincata e preverniciata. lunghezza larghezza altezza utile altezza esterna ( ) 240 ( ) ( ) 240 ( ) ( ) 240 ( ) ( ) 240 ( ) ( ) 240 ( ) ( ) 240 ( ) ( ) 252 ( ) ( ) 252 ( ) ( ) 252 ( ) COPERTURA: costituita da soffitto con pannelli sandwich isolati in tutto analoghi a quelli di parete. PAVIMENTO: in lastre di conglomerato truciolare idrofugo. Piano di calpestio in resina PVG. SERRAMENTI: in alluminio anodizzato completi (o meno) di barre esterne di protezione, vetri semplici o di tipo thermopane e tapparelle. IMPIANTO ELETTRICO: con presa stagna esterna di allacciamento, cavi di linea protetti da guaina ad alta resistenza, punto luce esterno ed interno, presa corrente ( ) 252 ( ) ( ) 252 ( )

59 MONOBLOCCO DI CANTIERE PIANTE E ESEMPI DI COMBINAZIONI DI MODULI

60 PROSPETTI

61 SERVIZI IGIENICI DA INSERIRE NEI MODULI

62 Dormitori (All.IV) Dormitori stabili con requisiti di abitabilità analoghi a case di abitazione. Dormitori di fortuna (in legno o tende) per lavori di durata < 15 gg nella stagione fredda e < 30 gg nelle altre stagioni. Per lavori che eccedano tali durate il datore di lavoro deve provvedere ai dormitori con mezzi più idonei.. Superficie minima dei dormitori mq 3,50 a persona..

63 Altre aree del cantiere e criteri di dimensionamento Zone di immagazzinamento e lavorazione zona di stoccaggio materiale Zone di deposito di carburanti, combustibili liquidi, bombole Zone di deposito ponteggi Zona deposito legante in sacchi Zona deposito legname Zona di lavorazione ferro per cls (1mq/1 tonn di ferro lavorato mensilmente) Officina fabbro (1mq/500 kg di ferro lavorato mensilmente) Eventuale centrale di betonaggio (1mq/mc di cls prodotto mensilmente) Eventuale zona di fabbricazione a pie d opera (15mq/mc di cls prodotto giornalmente) Art Protezione dei posti di lavoro 1. Quando nelle immediate vicinanze dei ponteggi o del posto di caricamento e sollevamento dei materiali vengono impastati calcestruzzi e malte o eseguite altre operazioni a carattere continuativo il posto di lavoro deve essere protetto da un solido impalcato sovrastante, contro la caduta di materiali. Zona temporanea di scarico Zona di stoccaggio

64 TU Art Viabilità nei cantieri All.XVIII Durante i lavori deve essere assicurata nei cantieri la viabilita' delle persone e dei veicoli. Solidità Pendenza Separazione accessi pedonali e carrabili Segnalazioni Protezioni 50 cm La difesa di vani o aperture prospicienti il vuoto deve essere assicurata per dislivelli superiori a 50 cm o con altri sistemi che garantiscano idonea stabilità

65

66 Art Recinzione del cantiere 1. Il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee ad impedire l'accesso agli estranei alle lavorazioni.

67

68 All. XXVIII (ovvero gialle e nere)

69 IL CARTELLO DI CANTIERE L'obbligatorietà del cartello di cantiere è prevista generalmente nel regolamento edilizio comunale. Anche se non c è una legge che obbliga l'esposizione del cartello, tutte le norme in tema di edilizia (sicurezza, antimafia ecc.) lo richiamano. I nominativi del coordinatore per la progettazione e quello del coordinatore per l'esecuzione dei lavori sono indicati nel cartello di cantiere. (TU art. 90)

70

71 Permeabilità all aria: (coefficiente aerodinamico x superficie totale esposta al vento x pressione cinetica del vento applicata sui punti di fissaggio del telo) Resistenza strutturale: (coefficiente di indemagliabilità e resistenza a trazione) Reazione al fuoco :(classe di reazione al fuoco certificata)

72

73

74

75

76 Le Corbusier, L unità di abitazione di Marsiglia, )

77 Cucina Cucina e scala Rapporti spaziali tra i piani Bagno e servizi Bagno, servizi, camera Stanza dei ragazzi Lo spazio interno della cellula con i diversi ambienti

78

79 Metà pilastro Pilastro intero Il sistema della doppia trave L ossatura trasversale I cavedi I raccordi con gli impianti della cucina

80 Piante del suolo artificiale

81 Ricostruzione dello schema del cantiere e delle fasi costruttive

82 Il giunto di dilatazione

83 Il cantiere all inizio, aprile 1948

84 Armatura di un pilastro del portico (agosto 1948)

85 1- la trama superiore dei pilastri 2- lastre del suolo artificiale 3- le grandi travi del portico 4- i solai intermedi 5- condotti di ventilazione 6- lastre prefabbricate della loggia 7- placcatura di calcestruzzo a vista 8- pannelli prefabbricati della loggia 9- brise soleil 10- pannelli prefabbricati 11- vetrate 12- pannelli prefabbricati 13- solai con struttura metallica 14- tramezzo tra gli appartamenti

86 Uno degli elementi prefabbricati in cantiere, 1950

87

88 1948

89 1948

90 Il blocco sud, febbraio 1949

91 Posa della struttura metallica dei solai intermedi, 1949

92 1949

93 1950

94 1951

95

96 Impianto elettrico: insieme di componenti compresi tra il punto di fornitura dell energia e il punto di utilizzazione Utilizzatori elettrici: le apparecchiature che utilizzano energia elettrica La costruzione a regola d arte degli utilizzatori elettrici è certificata da: MARCHIATURA CE che può essere accompagnata dal MARCHIO IMQ (dell Istituto Italiano del Marchio di Qualità - non obbligatorio) DICHIARAZIONE DEL COSTRUTTORE

97 POTENZA RICHIESTA NEI CANTIERI UTILIZZATORE POTENZA (Kw) TENSIONE (V) BANCOSEGA BETONIERA 1-2,5 230 GRU A TORRE BARACCHE 1, PIEGAFERRI 2, MARTELLO DEMOLITORE 0, PORTATILE 0, CANTIERE PICCOLO CANTIERE MEDIO 6 KW 25 KW

98 NORME DI LEGGE Le principali disposizioni normative per gli impianti elettrici risultano costituiti da: Legge n.186 "Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni ed impianti elettrici e elettronici" D.M. 37/2008 Regolamento per il riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici Dlgs 81/2008 e s.m.i. Testo unico per la sicurezza

99 Il rischio elettrico La pericolosità di una anomala circolazione di corrente è dovuta fondamentalmente: - alla possibilità di innescare incendi - alle conseguenze derivanti dal passaggio di corrente nel corpo umano a causa del contatto fisico tra persona e parti sotto tensione elettrica (elettrocuzione / folgorazione)

100 INCENDI Gli incendi possono essere causati da eccessivo riscaldamento causato da corto circuito e sovraccarico non interrotti tempestivamente (tramite interruttori automatici magnetotermici) - corto circuito (condizione di guasto che, a causa dell elevatissimo valore di corrente elettrica in circolazione può comportare il raggiungimento di temperature molto elevate nei circuiti - migliaia di C e il formarsi di archi elettrici. L arco elettrico è sostanzialmente una scarica elettrica che avviene in un mezzo non conduttore, ad esempio l aria, a causa dello stabilirsi di una elevata tensione elettrica tra due punti. Esso si manifesta con un evidente fenomeno luminoso, talvolta accompagnata da un forte rumore) - sovraccarico (condizione anomala di funzionamento, in conseguenza della quale i circuiti elettrici sono percorsi da una corrente superiore rispetto a quella per la quale sono stati dimensionati. La non tempestiva interruzione del fenomeno può dar luogo all eccessivo riscaldamento dei cavi o di altri componenti dell impianto)

101 contatto diretto ELETTROCUZIONE contatto indiretto Gli effetti della circolazione di corrente nel corpo umano sono: -Scossa lieve: produce una sensazione dolorosa; è sempre pericolosa e talvolta mortale -Ustioni: il passaggio della corrente elettrica genera calore. Così anche il corpo umano, se attraversato da una corrente elettrica, si riscalda e possono aversi delle bruciature sulla pelle. Se la corrente è elevata si possono avere ustioni profonde con il danneggiamento di organi e tessuti interni. -Tetanizzazione: blocco della muscolatura che non consente di abbandonare la presa

102 I movimenti muscolari sono originati da impulsi elettrici di bassa intensità, generati dal cervello. I muscoli quindi reagiscono contraendosi. Se il corpo viene attraversato da una corrente elettrica esterna, si possono avere i seguenti effetti sulla salute: -Arresto respiratorio: causato dalla contrazione dei muscoli addetti alla respirazione o dalla lesione del centro nervoso che presiede a tale funzione -Arresto cardiaco: Il muscolo cardiaco si contrae ritmicamente sostenendo la circolazione del sangue nel corpo. A differenza degli altri muscoli la contrazione è involontaria Il passaggio di una corrente elettrica, andandosi a sovrapporre all attività del cuore, provoca uno sconvolgimento nelle fasce muscolari cardiache, impedendone il movimento

103 Contatto Diretto Contatto tra una persona e parti di impianto elettrico o di utilizzatore elettrico che sono in tensione in condizione di ordinario funzionamento. Il corpo umano è sottoposto al passaggio di una corrente elettrica.

104 Contatto Diretto Quando il corpo umano è in collegamento più o meno diretto con il terreno, per esempio indossando scarpe non isolanti, toccando un solo contatto della presa o un solo filo scoperto o qualsiasi elemento in tensione si verifica il passaggio di corrente che passa dall elemento in tensione a terra attraverso il corpo

105 Contatto Indiretto I contatti indiretti sono quelli che avvengono con parti normalmente non in tensione (ad esempio l involucro di una apparecchiatura, di uno strumento etc. che normalmente è isolato e non in contatto con elementi in tensione) per un guasto interno o per la perdita di isolamento; tali contatti sono i più pericolosi. Tensione di contatto

106 Contatto Indiretto In questi casi toccando l involucro dell apparecchio guasto, il corpo umano è sottoposto al passaggio di una corrente verso terra, sempre che il corpo non sia adeguatamente isolato dal suolo. L involucro metallico interessato, in seguito al guasto, assume un valore di tensione rispetto a terra che può raggiungere il limite di 220Volt, di conseguenza la " tensione di contatto" è maggiore quanto più alto è il valore di corrente e quanto più lungo è il tempo per cui tale contatto permane.

107 Contatto Indiretto Tensione di passo: tensione che durante il funzionamento di un impianto di terra può risultare applicata ad una persona alla distanza di un passo e può assumere valori pericolosi

108 Cabina di trasformazione Gruppo elettrogeno

109 TU - Art. 81. Tutti i materiali, i macchinari e le apparecchiature, nonché le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere progettati, realizzati e costruiti a regola d'arte. si considerano costruiti a regola d'arte se sono realizzati secondo le norme di buona tecnica contenute nell'allegato IX.

110 MACCHINE DEL CANTIERE MACCHINE MOVIBILI (Uso di funzionamento in mobilità) MACCHINE PORTATILI (Apparecchi che durante il loro uso devono essere sostenuti dalle persone che li usano) MACCHINE FISSE (Apparecchi che non rientrano nei casi precedenti)

111 GRADO DI PROTEZIONE IP (NORMA IEC 364-CEI 17-13/4) (International Protection) IPXX PRIMA CIFRA 0-6: SECONDA CIFRA 0-8: PROTEZIONE CONTRO IL CONTATTO DI CORPI SOLIDI E L ACCESSO A PARTI PERICOLOSE PROTEZIONE CONTRO LA PENETRAZIONE DI LIQUIDI LETTERA ADDIZIONALE A-D: mano (A), dito (B), attrezzo (C), filo (D) utilizzata solo se: la protezione effettiva contro l'accesso a parti pericolose è superiore a quella indicata dalla prima cifra; è indicata solo la protezione contro l'accesso a parti pericolose e la prima cifra viene quindi sostituita da una x. LETTERA SUPPLEMENTARE: apparecchiature ad alta tensione (H),contro ingresso dell acqua con apparecchiature in moto (M), non in moto (S), adatto all uso in condizioni atmosferiche specificate (W)

112 Prima cifra cifra protezione del materiale protezione delle persone 0 non protetto. 1 protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a protetto contro l'accesso con il dorso della 50 mm. mano 2 protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 12 mm protetto contro l'accesso con un dito 3 protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 2.5 mm protetto contro l'accesso con un attrezzo 4 protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 1 mm protetto contro l'accesso con un filo 5 protetto contro la polvere protetto contro l'accesso con un filo 6 totalmente protetto contro la polvere protetto contro l'accesso con un filo Seconda cifra cifra protezione del materiale 0 non protetto 1 protetto contro la caduta verticale di gocce d'acqua 2 protetto contro la caduta di gocce d'acqua con inclinazione max di 15 3 protetto contro la pioggia 4 protetto contro gli spruzzi d'acqua 5 protetto contro i getti d'acqua 6 protetto contro le ondate 7 protetto contro gli effetti dell'immersione 8 protetto contro gli effetti della sommersione IP 44 IP 43 per involucri esterni di materiali elettrici, apparecchiature, quadri per prese a spina

113 Quadro elettrico di cantiere ASC (Apparecchiature di Serie di cantiere). Norme CEI 17-13/1, CEI 17-13/4 e CEI 23/51 Presa a spina di tipo industriale, devono essere conformi alle norme EN (CEI-23-12)

114 Art. 117 e all. 9 Lavori in prossimità di parti attive 1. Quando occorre effettuare lavori in prossimità di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, ferme restando le norme di buona tecnica, si deve rispettare almeno una delle seguenti precauzioni: a) mettere fuori tensione ed in sicurezza le parti attive per tutta la durata dei lavori; b) posizionare ostacoli rigidi che impediscano l'avvicinamento alle parti attive; c) tenere in permanenza, persone, macchine operatrici, apparecchi di sollevamento, ponteggi ed ogni altra attrezzatura a distanza di sicurezza. 2. La distanza di sicurezza deve essere tale che non possano avvenire contatti diretti o scariche pericolose per le persone tenendo conto del tipo di lavoro, delle attrezzature usate e delle tensioni presenti. DISTANZA DI SICUREZZA ALMENO 3 METRI (all. 9) 3m 3m

115 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI: -Interruttore differenziale L interruttore differenziale, "salvavita", è facilmente riconoscibile per la presenza di un pulsante contrassegnato dalla lettera T; esso confronta continuamente la corrente elettrica entrante con quella uscente e scatta quando avverte una differenza. Rileva quindi le dispersioni di corrente dovute a guasti dell impianto e interviene automaticamente interrompendo il circuito quanto rileva una dispersione di corrente verso terra. I cavi che conducono la corrente elettrica sono generalmente due: la fase e il neutro. Poiché la corrente entra dalla fase, percorre i circuiti ed esce dal neutro, in condizioni normali quella entrante deve essere uguale a quella uscente; se ciò non accade significa che una parte di essa sta percorrendo strade diverse, ad esempio il corpo umano in caso di contatto diretto (scossa elettrica) di un apparecchiatura collegata all impianto di terra -Isolamento -Involucri o barriere -Ostacoli e distanziamenti

116 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI Le protezioni contro i contatti indiretti possono effettuarsi con dispositivi che impediscono il contatto con gli elementi in tensione o con mezzi che interrompono il circuito impedendo eventuali tensioni di contatto. Per la salvaguardia contro i contatti indiretti, che sono i più pericolosi, le norme CEI 64-8 suddividono le protezioni in: - protezioni senza interruzione automatica del circuito - protezioni con interruzione automatica del circuito

117 protezioni senza interruzione automatica del circuito - materiali con particolari caratteristiche di isolamento - adeguate separazioni elettriche dei circuiti - ambienti isolanti Quando si parla di isolamento, i materiali da utilizzare devono possedere specifiche caratteristiche, come il doppio isolamento, a cui deve essere assicurata adeguata manutenzione. Un isolamento supplementare può essere costituito anche da vernici, lacche, smalti e da altri simili materiali, purché conformi alle norme vigenti

118 protezioni con interruzione automatica del circuito La protezione con interruzione automatica del circuito mediante messa a terra consiste nel realizzare un impianto di messa a terra opportunamente coordinato con interruttori differenziali posti a monte dell impianto atti ad interrompere tempestivamente l alimentazione elettrica del circuito guasto se la tensione di contatto assume valori particolari.

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli