Ministero della Salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Salute"

Transcript

1 Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA VALUTAZIONE DEI MEDICINALI E DELLA FARMACOVIGILANZA Sperimentazione Clinica Programma del Workshop rivolto agli esperti in medicina legale/assicurativa operanti presso i Comitati etici Aspetti assicurativi e contrattuali nell ambito delle Sperimentazioni Cliniche Roma, 8 aprile 2003 Hotel Universo, Via Principe Amedeo 5/b 9.00 Registrazione dei partecipanti 9.30 Introduzione: La sperimentazione clinica in Italia, analisi e prospettive 9.50 La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo Le ragioni di coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica dr. Tomino prof. Buccelli dr. Ascone Coffee break Il ruolo di garanzia dei Comitati Etici nei confronti di adeguate coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti generali prof. Spagnolo dr.ssa Minacori prof. Gallenga avv. De Rosa La copertura assicurativa dei Comitati Etici avv. Mantovani Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti critici e propositivi Pausa pranzo Esercitazioni di gruppo Discussione generale Conclusione dei lavori dr. Tacconi

2 Sommario Introduzione: La sperimentazione clinica in Italia, analisi e prospettive La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo Le ragioni di coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Il ruolo di garanzia dei Comitati Etici nei confronti di adeguate coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti generali La copertura assicurativa dei Comitati Etici Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti critici e propositivi dr. Tomino prof. Buccelli dr. Ascone prof. Spagnolo dr.ssa Minacori prof. Gallenga avv. De Rosa avv. Mantovani dr. Tacconi a cura di Simona de Gregori e Roberta Coppari

3 La sperimentazione clinica in Italia: analisi e prospettive dr. Tomino

4 Roma, 18 Marzo 2003 Le competenze biostatistiche nell ambito dei CE locali Sperimentazioni Cliniche dei Medicinali: Attualità e prospettive Carlo Tomino Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Informazione Rapporto Annuale delle Sperimentazioni Cliniche dei Medicinali (dicembre) Bollettino Sperimentazione clinica dei medicinali (aggiornamenti semestrali) Ministero della Salute disponibili (italiano / inglese) sul sito: Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

5 Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Sperimentazione Clinica Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

6 SC presentate nel 2 Rapporto Annuale Anno N. SC I sem Ministero della Salute Totale 1420 Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Tipologia delle SC Multicentriche in Italia Studi Multicentrici Nazionali 42.1% Studi Multicentrici Internazionali 57.9% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

7 Distribuzione SC in Italia per fase Fase III 55.8% Fase II 31.7% Fase IV 8.2% Bioeq/Biod 3.0% Fase I 1.3% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Distribuzione SC in Italia per Fase e per Anno I Sem 2002 Fase III 61.6% 52.2% 52.5% Fase II 27.8% 33.1% 36.1% Fase IV 7.9% 10.5% 4.6% Bioeq/Biod 1.8% 3.3% 4.3% Ministero della Salute Fase I 0.9% 0.9% 2.6% Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

8 SC per tipo di sponsor Azienda farmaceutica 76.7% IRCCS (pubblico-privato) 7.8% ASL 7.0% Associazione scientifica 4.1% Università 2.5% Altro 2.0% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 SC in Italia per Gruppo Anatomico Principale Azienda farmaceutica / Sponsor no profit % % Az. farm. No profit Antineoplastici ed immunomodulatori Sistema Nervoso Antimicrobici per uso sistemico App. gastroint. e metabolismo Sistema cardiovascolare Sangue ed organi ematopoietici Sist. muscolo-scheletrico Sist. genito-urinario ed ormoni sessuali Sistema respiratorio Vari Organi di senso Prep. ormonali sistemici (escl. orm. sessuali) Dermatologici Farmaci antiparassitari, insetticidi, repellenti Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

9 Comitati Etici Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Comitati Etici presenti accreditati = 289 Regione n. CE % sul totale Lombardia % Lazio % Sicilia % Veneto % Campania % Puglia % Emilia Romagna % Ministero della Salute Altre regioni % Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

10 Decentramento autorizzativo Oggi oltre il 95% delle sperimentazioni cliniche sui medicinali vengono approvate direttamente dai Comitati Etici Locali Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Analisi della situazione I primi 30 Comitati Etici sono coordinatori del 74.8% del totale delle sperimentazioni Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

11 Sperimentazione Clinica Team Work Sperimentatori CE Ministero della Salute Sponsor Regioni Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Direttiva 2001/20/CE (4/4/2001) Art Banca Dati Centrale Europea Banca Dati Centrale Europea tutti i paesi membri inviano i dati delle SC svolte nel proprio paese alla BDCE (l Italia tramite l OsSC) Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

12 Nuova versione dell OsSC Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

13 Nuovo OsSC Principali novità Profilo ISS (per SC di fase I) Profilo ASL (per SC in MMG e PLS) Profilo CRO (supporto alle aziende) Utilities per i CE Registrazione reazioni avverse Reportistica on-line (per Regione, singola struttura, azienda, CE, etc.) Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

14 La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo prof. Buccelli

15 IMPLICAZIONI MEDICO-LEGALI DELLA SPERIMENTAZIONE CLINICA NELL'UOMO C. Buccelli * Dipartimento di Medicina Pubblica e della Sicurezza Sociale. Cattedra di Medicina Legale. Università degli Studi di Napoli Federico II. La legittimità etico-deontologica e giuridica della sperimentazione sull uomo è oggi ampiamente acquisita e definita sulla scorta di una notevole e qualificata letteratura scientifica sull argomento, di autorevoli raccomandazioni, dichiarazioni, direttive etiche internazionali (tra cui di particolare spessore la Convenzione sui diritti dell Uomo e la Biomedicina, del novembre 96, per ampiezza di riferimenti applicativi e di adesioni di stati firmatari), di una sostanziale uniformità di principi espressi nei codici deontologici di diversi paesi, specialmente dell U.E. (2), di una specifica produzione legislativa fortemente delineata in taluni paesi quali gli U.S.A. e la Germania (1). Tale attività di ricerca sia in ambito diagnostico-terapeutico sia in ambito biomedico, rappresenta un elemento fondamentale ed irrinunciabile per il progresso scientifico. Essa poggia su ineludibili principi progressivamente focalizzati nel vivace dibattito di dottrina sviluppatosi nell ultimo cinquantennio, il cui solo rispetto le conferisce pieno carattere di liceità, ad ogni livello teorico ed applicativo. Per tale motivo la sperimentazione può essere ammessa se non contraddice: a) il rispetto della persona e della sua dignità, in termini di effettiva, ponderata autonomia decisionale; b) l interesse del singolo soggetto, con preventiva stimata positiva proporzionalità tra rischi da affrontare ed utilità degli obiettivi perseguiti, da valutare, in ogni caso, in rapporto al prioritario potenziale vantaggio di chi si sottopone alla sperimentazione; c) l obbligo del neminem laedere, secondo criteri di ragionevole prevedibilità degli eventi e mediante rigorosa verifica della scientificità della ricerca, della adeguatezza delle strutture a condurla, della competenza dello sperimentatore, della sua capacità ad intervenire tempestivamente nell ipotesi di significativi eventi avversi; d) un generale criterio di giustizia, nell ottica di un consistente valore sociale della ricerca valutato in riferimento non solo ai costi economici ma anche alla qualità dei benefici attesi. Ogni sperimentazione è permeata da un margine di alea. Qualunque pur consolidato trattamento assume significato di atto sperimentale in relazione alla non esattamente prevedibile reattività individuale, portando a dover considerare in ogni prescrizione farmaceutica la sussistenza di un rischio calcolato (1 bis). E evidente, pertanto, che non può richiedersi per poter ritenere lecita una sperimentazione scientifica l assenza incondizionata di qualsiasi dose di pericolo ma deve pretendersi che essa sia connotata da rischi di lieve entità, tanto più necessariamente contenuti se si versa nell ipotesi di esperienza di studio su volontari sani, comunque adeguatamente commisurati al contesto clinico di base, alle capacità di trattamento terapeutico convenzionale, alla rilevanza degli obiettivi da conseguire, alle possibilità di intervento correttivo di eventi avversi. L accertabilità della (ineliminabile) ricorrenza di un rischio nel saggio sperimentale e quindi la legittimità etico-deontologica e soprattutto giuridica alla sua realizzazione in tale condizione può farsi * Lettura tenuta al Convegno internazionale su Le problematiche etiche della sperimentazione clinica. Chieti, 5-8 settembre 2000.

16 d altra parte derivare dallo spostamento cui da qualche tempo si è pervenuti in dottrina medico-legale e giuridica- dalla tutela della semplice integrità fisica individuale (ex art. 5 c.c.) a quella della più complessa concezione della salute (ex art. 32 Cost.), ormai complessivamente intesa, secondo le ben note direttive O.M.S., come stato di completo benessere fisico, psichico e socio-relazionale. In tal senso si condivide la posizione di chi ritiene che il divieto dell art. 5 c.c. volto a tutelare la vita e l integrità fisica contro gli atti dispositivi del soggetto stesso, non può riferirsi per sua intrinseca ratio- agli atti di disposizione diretti a realizzare un vantaggio per la salute del soggetto, perché altrimenti esso disconoscerebbe, in nome della salvaguardia dell integrità fisica, il diritto a curarsi e, quindi, il diritto alla salute, finendo per imporre assurdamente un divieto di curarsi ( ). Il che porta a cogliere una evoluzione normativa e giurisprudenziale secondo cui a condizione che non venga leso il diritto primario alla salute, l integrità fisica non risulta sempre e comunque inviolabile, potendo subire rilevanti attenuazioni anche ove non ricorra un bene diretto ed immediato per la salute del soggetto ma un bene traslato (psichico, affettivo, morale ecc.) per di più inquadrabile nel principio di solidarietà sociale. Ne consegue l illegittimità di qualsiasi sperimentazione che comporti la possibilità di un danno alla salute per sua conseguenza ma l ammissibilità di quegli studi sperimentali che, pur gravati dal rischio di portare a serious adverse drug reactions produttive di diminuzione permanente dell integrità psicofisica, trovano, invece, valida scriminante proprio nel proporzionale perseguimento, come fine ultimo, della salute del singolo. Se così non fosse, d altra parte, non potrebbero mai praticarsi prima ancora che gli studi di fase III, oggi normativamente disciplinati, quelli di fase I e II che, per saggiare, rispettivamente, per la prima volta, le caratteristiche di farmacotolleranza, farmacocinetica e farmacodinamica di un nuovo principio attivo su volontari sani e quelle di un corretto intervallo di dosi e/o di schemi terapeutici su un ristretto numero di pazienti, con una oggettivamente meno prevedibile rischiosità della sostanza testata nei confronti dei soggetti su cui avviene la sperimentazione, hanno maggiori e imponderabili possibilità di condurre a diminuzione permanente dell integrità fisica di questi. Di guisa che la sperimentazione farmacologica in fase III (fase della valutazione dell efficacia a breve e a lungo termine del farmaco su un campione ampio, rappresentativo di pazienti) va ritenuta legittima se intrinsecamente orientata verso il miglioramento della stato di salute dei soggetti sottoposti allo studio in una indubitabile prospettiva di favorevolezza del preventivo bilancio rischio/benefici e cioè di preponderanza di potenziali vantaggi primariamente individuali e secondariamente collettivi su possibili danni alla persona. Il crescente rilievo assunto dal consenso informato nell ambito di qualsiasi pratica medica rende peraltro necessaria qualche critica ancorché sintetica ulteriore considerazione e riconsiderazione di tale aspetto, che rappresenta il principale limite soggettivo della sperimentazione medesima (6). Non ostante il diluvio di considerazioni e di dibattiti che si sono avuti in proposito, può essere condivisa l osservazione (7,8) che esso Il consenso informato non è ancora facilmente definibile nei suoi esatti contorni e difficile da attuare nella effettiva pratica della ricerca per irrisolti (e forse irrisolvibili) aspetti di complessità ed ambiguità E evidente, tuttavia, che se ne è determinato un percettibile spostamento da strumento di corresponsabilità tra medico (o team medico) e paziente in espediente di cautela legalista punta avanzata di una inquietante medicina difensiva. La storia del consenso informato realizza in buona parte il suo passaggio, quale principio etico e standard giuridico, dal campo della ricerca sull uomo a quello della pratica medica ordinaria, per troppo tempo ancorata a fonti di legittimazione diverse dalla volontà del soggetto (privilegio terapeutico, stato di necessità, leggi dell arte).

17 A tale percorso ne è corrisposto nel tempo uno inverso nell ambito della sperimentazione, nel senso che dalla centralità della persona del paziente da tutelare nella sua dignità e nei suoi diritti fondamentali attraverso il consenso quale criterio ispiratore del Codice di Norimberga si è passati, nelle dichiarazioni successive, a partire da quella di Helsinki del 64, alla focalizzazione diretta del consenso quale fonte di legittimazione della ricerca. E di tutta evidenza, peraltro, che l intensità per così dire- del consenso, anche in termini di soggiacente informazione, non può essere soddisfacentemente la stessa sia per il volontario malato (fase II-III) che per il volontario sano (fase I), delineandosi in relazione a ciò possibilità di eccezioni e forse doverosità di esclusioni. Nel primo caso la finalità di ricerca coincide con quella terapeutica del miglioramento dello stato di salute del singolo paziente; nel secondo la sperimentazione prescinde da immediati obiettivi curativi e da vantaggi diretti per chi vi si sottopone per realizzarsi nell esclusivo interesse del progresso della scienza medica (6). Pertanto, nella prima ipotesi il problema del consenso sussiste alla stregua di quanto ricorre e deve ricorrere in ogni attività diagnostico-terapeutica, presupponendo una corretta informazione sulla novità e finalità della procedura, sulle sue caratteristiche fondamentali, sui suoi previsti vantaggi, sui possibili trattamenti alternativi, sui possibili rischi, con minori necessità di dettagliamenti nella misura in cui la sperimentazione non superi normali livelli di pericolosità e sia sostanzialmente prevedibile la positività del trattamento (1), pur nei limiti ed in conformità di quanto oggi previsto sul tema dalle regole di buona pratica clinica dell U.E. (cf. infra). In tali condizioni la ricerca può essere estesa anche a soggetti incapaci che consentano attraverso legali rappresentanti purché comunque personalmente informati in misura compatibile con la loro possibilità di comprensione e con particolari cautele per i minori, le quali devono poter giungere, in considerazione dell età, sino al rispetto del loro eventuale rifiuto partecipativo. Nella seconda ipotesi risalta l esigenza di imporre garanzie di sicurezza di ancor più forte cogenza per la tutela del diritto-dovere alla salute del soggetto nei termini anzidetti, compendiabili in particolari misure sia di carattere generale sia di ordine specifico, peraltro efficacemente considerate dal C.N.B. ( ), tra cui il consenso (rectius l assenso quale espressione di libera volontà di una persona sana o comunque paziente per altra malattia di sottoporsi ad una attività non esente da pericolo (8)) acquista particolare pregnanza deontologica in quanto assume, in correlazione con una ragionevolmente scarsa entità del rischio da affrontare e per il suo elevato valore solidaristico, determinante valore scriminante nei confronti di eventuali addebiti di natura penalistica in tema di lesioni personali o di omicidio colposi. L estrema delicatezza della questione impone pertanto una inderogabile chiara puntigliosità dell informazione e suscita legittime perplessità, quanto meno di indole deontologica, circa l estensione della sperimentazione ai soggetti cosiddetti vulnerabili, anche in assenza di espressi divieti legali. Di qui il valore etico e deontologico centrale del consenso in ciascuna vicenda sperimentale, in relazione al quale si struttura ampiamente, pur se non in via esclusiva, ogni considerazione in ordine alla adeguatezza di comportamento dei protagonisti, con immediate ricadute valutative medico-legali circa eventuali aspetti di responsabilità professionale nell ipotesi di danni causalmente ricollegabili alla sperimentazione medesima od anche soltanto nell analisi della correttezza delle procedure autorizzative ed esecutive della sperimentazione clinica. In Italia la disciplina della sperimentazione clinica sull uomo fa essenzialmente riferimento alle norme di comportamento del Codice deontologico rielaborato nell ultima stesura del 1998, (artt. 46, 47), alle raccomandazioni del Comitato Nazionale per la Bioetica espresse nel documento del 17 novembre 1992 e, con valore vincolante di significato giuridico, ad una disomogenea, limitata, quanto incostante produzione legislativa (3,4) scanditasi attraverso alcune circolari del Ministero della Sanità, talune normative regionali, la L. 519/73 (e relativo decreto attuativo del 77) imperniata sull accertamento preliminare centralizzato presso l Istituto Superiore di Sanità della composizione e dell innocuità dei

18 prodotti farmaceutici di nuova istituzione, la L. 833/78, istitutiva del S.S.N., che, attraverso i disposti degli artt. 4, 5 e 6 lettera c) e 29 lettera d), rinviava ad apposita legge statale la regolamentazione della sperimentazione sull uomo (5). Tale specifica legge non vi è stata, ma la stagnante inoperosità dei predetti disposti è stata di colpo superata a partire dal 1992, in maniera dirompente, dal singolare dinamismo produttivo di 13 (ad oggi) D.M. in tema di ricerca farmacologica, taluni dei quali pongono delicati problemi di raccordo tra norme etiche e loro vidimazione legale. In effetti, il D.M. 27 aprile 1992 prima e i D.M. 15 luglio 1997 e 18 marzo 1998 poi recepiscono integralmente le norme europee di buona pratica clinica nella versione più recente che costituiscono le norme tecniche e procedurali di riferimento per l effettuazione delle sperimentazioni cliniche e dei medicinali in Italia. Per effetto di ciò, di fatto e di diritto, tali norme vengono dunque oggi a far parte del sistema giuridico del nostro paese, per qualunque sperimentazione clinica dei medicinali, nessuna esclusa. Tale circostanza da un lato offre più ampie garanzie (e maggiori elementi di valutazione) per una adeguata pratica sperimentale ma dall altro genera innegabili ed ormai verificati disagi operativi connessi sia con evidenti incertezze di traduzione dell originario testo relativo alle linee guida sia con l impropria acritica trasformazione in norme giuridiche di prescrizioni elaborate nella forma di indicazioni eticodeontologiche (3). Il tutto, peraltro, in assenza di indicazioni sanzionatorie penali per l esercizio abusivo in sé dell attività sperimentale e l inosservanza delle norme di buona pratica clinica e comunque ancora al di fuori di una legislazione penale specificamente inerente alla sperimentazione biomedica (3). Conseguenza di ciò è che Il principio di responsabilità primaria diretta dello sperimentatore resta comunque ineludibile ed a questa si affianca oggi in modulabile embricazione anche quella eventuale per inosservanza delle norme previste nei D.M. disciplinanti l attività di ricerca clinica sperimentale sull uomo, sempre che da tale inosservanza sia effettivamente derivato danno ai soggetti sottoposti a sperimentazione. Sicché in ambito penalistico si definiscono ampi estremi di eventuale colpa specifica ed in sede civilistica si delineano nitidi contorni di multiple possibili ipotesi di inadempimenti contrattuali. In più incombe sui protagonisti medici ed odontoiatri della ricerca sperimentale il minaccioso impegno ministeriale (dichiarato nella circolare del 12 ottobre 1999 n. 16) di segnalare agli ordini provinciali dei medici chirurghi e degli odontoiatri le inadempienze amministrative di costoro emerse ad appositi controlli, per l adozione di specifici provvedimenti disciplinari. Possibili protagonisti di responsabilità penale e civile nell ambito della sperimentazione clinica: - ricercatore o al team di ricercatori: - all industria farmaceutica che produce la sostanza in sperimentazione; - allo sponsor, che promuove e gestisce la ricerca; - monitor, che verifica l andamento dello studio clinico; - struttura in cui questo avviene; - organismi amministrativi deputati al riconoscimento e alla verifica periodica della idoneità dei centri per la sperimentazione clinica; - Comitati Etici Locali (IRB/IEC); - Ente sanitario o di ricerca che nomina i componenti del Comitato Etico; - Comitato Etico Nazionale per i compiti a lui devoluti; - Ministero della Sanità per quanto attiene agli aspetti di sua competenza circa i riconoscimenti della idoneità delle strutture per l effettuazione delle sperimentazioni cliniche e i giudizi di notorietà dei medicinali nonché ai compiti ispettivi sull osservanza delle norme di buona pratica clinica;

19 - C.U.F. e I.S.S. per quanto di loro competenza circa l immissione in commercio e la sperimentazione clinica di medicinali contenenti materiali di origine bovina. Si tratta di tasselli di un complesso mosaico che possono comporsi anche in multiple correlazioni e sovrapporsi a seconda delle diverse numerose ipotesi prospettabili. E evidente che nella misura in cui sono state emanate norme legali puntigliosamente regolatrici di molteplici aspetti della sperimentazione, ve ne è stata rapida e larga proliferazione e se ne è avuta complessa embricazione dei contenuti, sono venuti a delinearsi compiti, funzioni, competenze a più livelli produttivi di responsabilità differenziate nuove, rinnovate o ridefinite, che aprono scenari prima d ora ignoti o solo vagamente abbozzati. La previsione di una responsabilità non significa necessariamente la sua chiamata in causa, specie se inusuale, indiretta, correlata ad altre o apparentemente lontana dall evento causativo del danno. L esperienza medico-legale insegna, però, che terreni operativi una volta ritenuti fuori della portata della lamentata responsabilità professionale quali quelli degli errori di comportamento in tema di neoplasie maligne altamente aggressive o di governo amministrativo delle strutture di cura (responsabilità assistenziale) sono poi stati ampiamente percorsi nelle aule giudiziarie o nelle composizioni stragiudiziali, sicché ciò che può apparire oggi solo genericamente possibile è destinato con ragionevoli probabilità a divenire argomento di operatività medico-forense. Una analisi esaustiva dei possibili determinanti di responsabilità relativa a ciascuna delle figure, strutture o istituzioni richiamate richiederebbe per ampia parte l evidenziazione dei complessi ruoli e dei diversi livelli di coinvolgimento nell autorizzazione, controllo ed esecuzione delle molteplici procedure previste nei D.M. che si sono succeduti sugli aspetti regolatori, etici e scientifici della sperimentazione clinica dei medicinali a partire dal 1992, con particolare riferimento a quelli del 27 aprile 92, 15 luglio 97, 18 marzo 98, 3 gennaio 2000, la cui inosservanza possa essere produttiva di danni giuridicamente rilevanti di interesse medico-legale a carico dei soggetti che partecipano alla sperimentazione medesima o delle stesse strutture sanitarie in cui questa si realizza. Può essere qui sufficiente, per motivi di tempo e per immediato interesse operativo, evidenziare che possibili responsabilità nella ricerca clinica sperimentale possono essere legate (6) a: a) intrinseca lesività del farmaco; b) inadeguata comunicazione o valutazione dei dati relativi alla fase preclinica della sperimentazione; c) assenza delle necessarie autorizzazioni, della sottoscrizione di un (valido) protocollo di studio o di adeguata copertura assicurativa; d) mancato rispetto di vincoli ed indicazioni protocollari; e) utilizzazione di strumenti o servizi dell ente in cui avviene la sperimentazione in assenza di specifica previsione contrattuale o di effettiva giustificazione assistenziale; f) errori di comportamento tecnico-professionale nel corso della sperimentazione in riferimento diretto o indiretto all impiego del farmaco; g) mancata protezione farmacologica conseguente alla somministrazione di placebo e/o nella realizzazione di una fase di wash-out o di run-in; h) difetto di consenso informato alla sperimentazione; i) mancato rispetto dei doveri di riservatezza. La prima ipotesi esprime direttamente l imponderabilità e i rischi non conosciuti propri di una nuova terapia farmacologica anche dopo la verifica di innocuità avutane agli studi di laboratorio e sull animale. La sua eventuale concretizzazione non può essere addebitabile a titolo di colpa per imperizia, imprudenza, negligenza (responsabilità soggettiva) a chi, a vari livelli, conduce la ricerca; ciò nondimeno

20 essa realizza (ex art c.c.) una responsabilità oggettiva, tipica dello svolgimento di una attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, la quale postula, comunque, a livello civilistico una forma di ristoro dei danni patiti se non viene provato da parte dello sperimentatore di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno. La suddetta prova è, invero, assai difficile da dare perché strutturata non sulla dimostrazione negativa di non aver commesso alcuna violazione delle norme di legge o di comune prudenza ma su quella positiva di aver impiegato ogni cura o misura atta ad impedire l evento dannoso (Cass. 21 novembre 1984, n. 5960). Tale danno potrebbe essere anche di ampie non immediate proporzioni, come avvenne tragicamente nel caso della talidomide (pur sperimentata con grande iniziale soddisfazione), per ipotetici effetti teratogeni o cancerogeni oppure per gravi reazioni avverse. Per tale motivo lo sperimentatore non è esente da giusti oneri indennitari anche indipendentemente da sua colpa, dai quali può essere sollevato da una adeguata (anche in termini di massimali) copertura assicurativa sempre che questa preveda, però, espressamente l ipotesi del danno da responsabilità oggettiva. Sfortunatamente per generale esperienza, ad oggi, le polizze assicurative che le Compagnie di assicurazioni sono disponibili a stipulare coprono il solo ancorché più frequente rischio da responsabilità soggettiva. Ne consegue che il ristoro (indennitario) di un danno per responsabilità oggettiva rimane direttamente a carico dello sperimentatore, al più ed eventualmente in solido con lo sponsor/produttore ma con maggiori probabilità con il Comitato Etico della struttura in cui avviene la sperimentazione, resosi a sua volta responsabile di non aver adeguatamente vigilato sulla realizzazione di una idonea copertura assicurativa, posto che il D.M. 18 marzo 1998 relativo alle linee guida di riferimento per l istituzione e il funzionamento dei comitati etici dispone al punto 5.2 che il Comitato verifica che lo sponsor, o i fondi di ricerca ad hoc, garantiscono una idonea copertura assicurativa dei soggetti in sperimentazione che li tuteli da qualunque danno direttamente o indirettamente derivante dalla sperimentazione, nonché la copertura assicurativa degli sperimentatori e che nella sua interpretazione letterale il punto delle Linee guida per la buona pratica clinica (CPM/ICH/135/95) integralmente recepito dal D.M. 15 luglio 1997 ed a questo allegate, prevede esplicitamente che lo sponsor deve, se stabilito dalle disposizioni normative applicabili, provvedere ad assicurare o a garantire (mediante copertura legale e finanziaria) lo sperimentatore/istituzione contro richieste di indennizzo derivanti dalla conduzione della sperimentazione, con l esclusione di quei reclami imputabili a imperizia, imprudenza e/o negligenza. E evidente, pertanto, il riferimento normativo alla responsabilità oggettiva, consapevolmente voluto o forse solo imputabile ad un difetto di traduzione di un testo regolatorio di un paese con tradizioni ed ordinamento giuridici diversi dal nostro, che addirittura nella sua letterale interpretazione sembrerebbe superare la stessa responsabilità soggettiva (da imperizia, imprudenza, negligenza). L argomento degli oneri di vigilanza dei comitati etici sui requisiti di adeguatezza ed idoneità delle polizze assicurative a coprire tutti i possibili danni da sperimentazione, comunque cagionati, appare di intuibile delicatezza ed in quanto allo stato non ancora in qualche modo efficacemente riconsiderato in ordine a responsabilità per situazioni (polizze assicurative estese alla copertura di responsabilità oggettiva dello sponsor/produttore e dello sperimentatore) che non si riescono concretamente a realizzare, contribuisce in misura rilevante ad alimentare uno stato di profondo disagio operativo in cui versano i Comitati Etici. Tale disagio nasce dalla ormai generale presa di coscienza delle molteplici, gravose responsabilità che si pongono per i Comitati nel loro ruolo di pubblica garanzia relativa ai diritti, alla sicurezza e al benessere dei soggetti che partecipano ad una sperimentazione clinica di medicinali.

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

Roma, 12 novembre 2009

Roma, 12 novembre 2009 Roma, 12 novembre 2009 Decreto 14 luglio 2009. Requisiti minimi per le polizze assicurative a tutela dei soggetti partecipanti alle sperimentazioni cliniche dei medicinali Il punto di vista del Comitato

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Tale massimale si applica indipendentemente dalla forma degli aiuti o dall obiettivo perseguito. 2. Per gli aiuti concessi sotto la vigenza della regolamentazione de minimis di cui alla determinazione

Dettagli

LA POLIZZA DI ASSICURAZIONE DELLA R.C. NELLA SPERIMENTAZIONE: LIMITI ED ESTENSIONI

LA POLIZZA DI ASSICURAZIONE DELLA R.C. NELLA SPERIMENTAZIONE: LIMITI ED ESTENSIONI LA POLIZZA DI ASSICURAZIONE DELLA R.C. NELLA SPERIMENTAZIONE: LIMITI ED ESTENSIONI R. Losa PREMESSA Con un insieme di decreti il nostro legislatore si è preoccupato di tutelare gli interessi, anche patrimoniali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE Art. 1 - SCOPO...2 Art. 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Art. 3 - DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 Art. 4 - PROCEDURE E RESPONSABILITA...5 Art.

Dettagli

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Congresso Nazionale SIF Rimini 14 Ottobre 2009 La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Carlo Tomino - AIFA Uno sguardo alla ricerca clinica nazionale (sui farmaci) Qualche elemento

Dettagli

Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale

Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale Educazione Continua in Medicina Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale CESENATICO 14 febbraio 2015 Grand Hotel Piazza Andrea Costa 1 Airon Communication Srl Provider n. 160

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE DECRETO LEGISLATIVO 6 novembre 2007, n. 200. Attuazione della direttiva 2005/28/CE recante principi e linee guida dettagliate per la buona pratica clinica relativa ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

Sovrintendenza Medica Generale

Sovrintendenza Medica Generale Sovrintendenza Medica Generale LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE MEDICA Profili Profili di responsabilità professionale nelle attività di medico competente Patrizio Rossi Adriano Ossicini Nel codice del

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Condotta dolosa del medico nella prescrizione di farmaci off label

Condotta dolosa del medico nella prescrizione di farmaci off label Condotta dolosa del medico nella prescrizione di farmaci off label Brini M, Brugaletta C, Ingravallo F, Cicognani A Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Sezione di Medicina Legale, Università di

Dettagli

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 PREFAZIONE DI GIAN PIERO PICCOLI ALL ARTI- COLO DI Mauro Galbusera, Luca Peschiera di ARENABROKER Abbiamo analizzato in numerosi articoli apparsi

Dettagli

Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale

Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale Educazione Continua in Medicina Rischio professionale e responsabilità legale in medicina generale MESTRE 21 febbraio 2015 Hotel NH Laguna Palace Viale Ancona 2 Airon Communication Srl Provider n. 160

Dettagli

IL COORDINATORE INFERMIERISTICO

IL COORDINATORE INFERMIERISTICO IL COORDINATORE INFERMIERISTICO Tra le varie forme di responsabilità professionale di Pavone Michele* * (Laurea in Infermieristica Master di I livello in Management e Funzioni di Coordinamento delle Professione

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Il contenzioso in ambito sanitario: normativa di riferimento e principi di gestione

Il contenzioso in ambito sanitario: normativa di riferimento e principi di gestione Il contenzioso in ambito sanitario: normativa di riferimento e principi di gestione Autore: Avv. Maria Nefeli Gribaudi Responsabile scientifico: Dott. Vincenzo Defilippis, Dirigente Responsabile UOC Risk

Dettagli

(Integrazione al documento del Direttivo FASSID del 12 marzo 2012 Prot. 137/SM/12/F)

(Integrazione al documento del Direttivo FASSID del 12 marzo 2012 Prot. 137/SM/12/F) Roma, 19 marzo 2012 Prot. 141/SM/12/F PRIME OSSERVAZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI UN DOCUMENTO ANALITICO PER LA DEFINIZIONE DELLA RESPONSABILITA DEI FARMACISTI E DEGLI PSICOLOGI E/O PSICOTERAPEUTI DELLE

Dettagli

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648)

Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Anti-VEGF e Aspetti medico legali T. Avitabile Art. 1 Comma 4 D.L. 536/96 (Legge n. 648) Qualora non esista valida alternativa terapeutica sono erogabili a totale carico del SSN i medicinali da impiegare

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI DISPOSIZIONI GENERALI E SPECIFICHE Oggetto e campo di applicazione del Codice Deontologico Art. 1 - Medico

Dettagli

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Per un diritto gentile alla fine della vita Padova, 25 ottobre 2013 INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Elisabetta Palermo Fabris 1 È importante contestualizzare l intervento nella logica dei due documenti

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO

TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO TIZIANO ZANIN E.O. OSPEDALI GALLIERA GENOVA TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Risk management Quale rischio professionale per il Tecnico di Laboratorio operante nei servizi di Anatomia Patologica SISTEMA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEI GEOMETRI Approvato con Delibera del 7 giugno 2005 SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Dei principi

Dettagli

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Disposizioni generali Art. 1 - Il Tecnico Sanitario di Laboratorio

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

La riorganizzazione dei Comitati Etici: problemi di integrazione oppure occasione di crescita?

La riorganizzazione dei Comitati Etici: problemi di integrazione oppure occasione di crescita? La riorganizzazione dei Comitati Etici: problemi di integrazione oppure occasione di crescita? Prof. Antonio G. Spagnolo Presidente del Comitato Etico della Provincia di Bergamo Direttore dell Istituto

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta

La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti. Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta La responsabilità amministrativa e la Corte dei Conti Milano, sabato 27 settembre 2014 Villa Monastero Avv. Maura Carta Responsabilità amministrativa responsabilità amministrativo contabile del sanitario

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO IL REATO DI LESIONI COLPOSE IN AMBITO DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITÀ DELL IMPRESA AI SENSI DELL ART. 25-SEPTIES D.LGS. 231/01 IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI Dalmine (Bg)

ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE G. MARCONI Dalmine (Bg) Directory/file: Data emissione: 30//06/15 Rev: 2 Ed.: 1 Pag.: 1 di 12 CIRCOLARE N 47 Dalmine,25 settembre prot. n. 6182/A36d PERSONALE DOCENTE PERSONALE ATA ALLE COLLABORATRICI DEL D.S. AL DIRETTORE DEI

Dettagli

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI Corso di MEDICINA LEGALE prof. MAURO BACCI NOZIONI GENERALI DI DIRITTO FATTO O FENOMENO GIURIDICO perdita, acquisto o modificazione di un diritto FATTO GIURIDICO NATURALE indipendente dalla volontà FATTO

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca

Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca PSYLAZIO.AOO1.REGISTRO UFFICIALE.0004537.28-06-2011 Linee Guida etica della professione e comunicazione nei mass media con particolare riferimento all ambito della cronaca A cura dell Ordine degli Psicologi

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

Carta del Malato. Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli

Carta del Malato. Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli Carta del Malato Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli La "CARTA EUROPEA PER I DIRITTI DEL MALATO": cos'è e perché nasce Il diritto alla salute come prerogativa internazionale,

Dettagli

Errato intervento estetico / Crioterapia Cicatrici ipocromiche multiple Omesso consenso informato Presunta colpa medica

Errato intervento estetico / Crioterapia Cicatrici ipocromiche multiple Omesso consenso informato Presunta colpa medica Errato intervento estetico / Crioterapia Cicatrici ipocromiche multiple Omesso consenso informato Presunta colpa medica IL CASO LA PRESUNTA COLPA MEDICA IL RISARCIMENTO La Crioterapia (o terapia mediante

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.11/0000197/DG Del 11 Novembre 2011 DELIBERA N. 11/0000197/DG OGGETTO: Regolamento sperimentazioni non

Dettagli

Con il patrocinio della FNOMCeO

Con il patrocinio della FNOMCeO SPERIMENTAZIONE PURA NAZIONALE Il rimedio omeopatico ultramolecolare: il medico che sperimenta su se stesso. Aspetti legali, metodologici ed etici della sperimentazione pura sull uomo sano. Con il patrocinio

Dettagli

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA 1. DEONTOLOGIA MEDICA 1.1. Informazione sanitaria Nella comunicazione in materia sanitaria è sempre necessaria la massima cautela al fine

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 31/01/2014 In vigore dal 31/01/2014 Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente codice si

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO PROPOSTO DAL RELATORE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 6, 50, 352, 1067 E 1183. Art. 1.

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO PROPOSTO DAL RELATORE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 6, 50, 352, 1067 E 1183. Art. 1. Legislatura 16º - 12ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 79 del 25/03/2009 SCHEMA DI TESTO UNIFICATO PROPOSTO DAL RELATORE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 6, 50, 352, 1067 E 1183 Nuove norme in

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 REGIONE CALABRIA Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 Norme per la promozione e lo sviluppo del diritto al lavoro delle persone con disabilità. Testo coordinato con le modifiche ed integrazioni

Dettagli

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e Strategie organizzative per la promozione e sicurezza del paziente: procedure, linee guida, gestione della documentazione. Dalla qualità alla responsabilità. Andrea Minarini Direttore U.O.C. Medicina Legale

Dettagli

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER

Fabrizio Galliccia. giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER ATTIVITA DELL ISPETTORATO GCP SVILUPPI RECENTI E NUOVI ORIENTAMENTI IN MATERIA Fabrizio Galliccia giovedì 17 maggio 2012 DISCLAIMER I dati e i commenti contenuti in questa presentazione rappresentano il

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Premessa Analisi della situazione

Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Premessa Analisi della situazione Obiezione all obbligo vaccinale: riflessioni, valutazioni e proposte Luisella Grandori - Dipartimento Salute Infanzia - Azienda USL di Modena Alessandra De Palma Servizio Medicina Legale Azienda USL di

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL SOCCORRITORE : RUOLO E RESPONSABILITA IO NON SO CHI SEI, NON SO A CHE RAZZA APPARTIENI, NON SO CHI E IL TUO DIO. MA

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Non può essere posta in dubbio la legittimità del diritto del paziente

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute).

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute). DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera Art. 1. (Tutela della vita e della salute). 1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi di cui agli articoli 2, 3, 13 e 32 della Costituzione:

Dettagli

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali.

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. Dr Salvatore Iannuzzi Dirigente medico di I livello, Centro Medico legale INAIL Catania

Dettagli

Dichiarazione di Helsinki della World Medical Association

Dichiarazione di Helsinki della World Medical Association Dichiarazione di Helsinki della World Medical Association Principi etici per la ricerca biomedica che coinvolge gli esseri umani World Medical Association * La dichiarazione è stata adottata nella 18 a

Dettagli

Allo stato attuale, la semplice. Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante?

Allo stato attuale, la semplice. Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante? Normative a cura dell Avv. Giorgio Caramori g.caramori@clex.it Vendita di macchine non conformi: quali rischi per il fabbricante? Nel settore della fabbricazione e commercializzazione di macchine, così

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Il paziente anziano, fragile e psichiatrico. A4 del corso Luca Benci www.lucabenci.it Twi=er Luca_Benci

Il paziente anziano, fragile e psichiatrico. A4 del corso Luca Benci www.lucabenci.it Twi=er Luca_Benci Il paziente anziano, fragile e psichiatrico A4 del corso Luca Benci www.lucabenci.it Twi=er Luca_Benci D.L. 13 se=embre 2012, n. 158 testo coordinato con la legge di conversione 8 novembre 2012, n. 189

Dettagli

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009

Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 Obblighi art. 92 CCNL Comparto Scuola 2006-2009 1. Il dipendente adegua il proprio comportamento all obbligo costituzionale di servire esclusivamente la Repubblica con impegno e responsabilità e di rispettare

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6/2015, Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Relazione AIR 2 1. Le ragioni dell intervento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2889 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 APRILE 2004 Norme sulla responsabilità del medico e delle strutture

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 14 luglio 2009 Requisiti minimi per le polizze assicurative a tutela dei soggetti partecipanti alle sperimentazioni cliniche dei medicinali.

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE 1 TIPI DI RESPONSABILITA Responsabilità penale Responsabilità civile Responsabilità erariale 2 Veste pubblicistica, anche se non esclusiva, del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPAL BOZZA Approvato con Decreto del Direttore Generale n. del In vigore dal 1 Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO MEDICO DI FAMIGLIA Molte persone si rivolgono al medico di base (o medico di famiglia ) come ad un medico che compila e fornisce ricette per farmaci

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

I DISPOSITIVI MEDICI

I DISPOSITIVI MEDICI I DISPOSITIVI MEDICI STUDI CLINICI Dott. Ing. Elena Venturelli Merc s.r.l. ww.merc21.it 1 RINGRAZIAMENTI D o t t. s s a C a r o l i n a G u a l t i e r i U. O. E n d o s c o p i a D i g e s t i v a C h

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro

Paghe. La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro La trattenuta per danni al dipendente in busta paga Stefano Carotti - Consulente del lavoro Trattenuta compensativa Limiti Nella quotidiana pratica di gestione del personale, agli operatori del settore

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLA FNOMCeO SULLE D.A.T. Il Consiglio Nazionale della Federazione Nazionale Ordini dei Medici

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE FORNITURE DI BENI E SERVIZI: PRESCRIZIONI OPERATIVE E COMPORTAMENTALI IN MATERIA AMBIENTALE

PROCEDURA GESTIONALE FORNITURE DI BENI E SERVIZI: PRESCRIZIONI OPERATIVE E COMPORTAMENTALI IN MATERIA AMBIENTALE Pagina 1 di 6 PROCEDURA GESTIONALE FORNITURE DI BENI E SERVIZI: PRESCRIZIONI OPERATIVE E COMPORTAMENTALI IN MATERIA AMBIENTALE Pagina 2 di 6 SOMMARIO 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. DEFINIZIONI

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 012 - MARZO 2014. Dott. Ing. G. GAETANI

INTRODUZIONE. n. 012 - MARZO 2014. Dott. Ing. G. GAETANI PUBBLICATO IL DECRETO MINISTERIALE CHE RECEPISCE LE PROCEDURE SEMPLIFICATE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) DELLA SICUREZZA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IL MOG È ESIMENTE DELLA RESPONSABILITÀ

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

favore degli iscritti www.marsh.it

favore degli iscritti www.marsh.it L assicurazione della Colpa Grave a favore degli iscritti www.marsh.it 1 Premessa Che cos è la colpa grave? E una grave negligenza, imprudenza, imperizia o una grave inosservanza di leggi e regolamenti

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli