Ministero della Salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Salute"

Transcript

1 Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA VALUTAZIONE DEI MEDICINALI E DELLA FARMACOVIGILANZA Sperimentazione Clinica Programma del Workshop rivolto agli esperti in medicina legale/assicurativa operanti presso i Comitati etici Aspetti assicurativi e contrattuali nell ambito delle Sperimentazioni Cliniche Roma, 8 aprile 2003 Hotel Universo, Via Principe Amedeo 5/b 9.00 Registrazione dei partecipanti 9.30 Introduzione: La sperimentazione clinica in Italia, analisi e prospettive 9.50 La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo Le ragioni di coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica dr. Tomino prof. Buccelli dr. Ascone Coffee break Il ruolo di garanzia dei Comitati Etici nei confronti di adeguate coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti generali prof. Spagnolo dr.ssa Minacori prof. Gallenga avv. De Rosa La copertura assicurativa dei Comitati Etici avv. Mantovani Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti critici e propositivi Pausa pranzo Esercitazioni di gruppo Discussione generale Conclusione dei lavori dr. Tacconi

2 Sommario Introduzione: La sperimentazione clinica in Italia, analisi e prospettive La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo Le ragioni di coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Il ruolo di garanzia dei Comitati Etici nei confronti di adeguate coperture assicurative dei rischi da sperimentazione clinica Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti generali La copertura assicurativa dei Comitati Etici Le polizze assicurative per la sperimentazione clinica: aspetti critici e propositivi dr. Tomino prof. Buccelli dr. Ascone prof. Spagnolo dr.ssa Minacori prof. Gallenga avv. De Rosa avv. Mantovani dr. Tacconi a cura di Simona de Gregori e Roberta Coppari

3 La sperimentazione clinica in Italia: analisi e prospettive dr. Tomino

4 Roma, 18 Marzo 2003 Le competenze biostatistiche nell ambito dei CE locali Sperimentazioni Cliniche dei Medicinali: Attualità e prospettive Carlo Tomino Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Informazione Rapporto Annuale delle Sperimentazioni Cliniche dei Medicinali (dicembre) Bollettino Sperimentazione clinica dei medicinali (aggiornamenti semestrali) Ministero della Salute disponibili (italiano / inglese) sul sito: Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

5 Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Sperimentazione Clinica Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

6 SC presentate nel 2 Rapporto Annuale Anno N. SC I sem Ministero della Salute Totale 1420 Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Tipologia delle SC Multicentriche in Italia Studi Multicentrici Nazionali 42.1% Studi Multicentrici Internazionali 57.9% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

7 Distribuzione SC in Italia per fase Fase III 55.8% Fase II 31.7% Fase IV 8.2% Bioeq/Biod 3.0% Fase I 1.3% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Distribuzione SC in Italia per Fase e per Anno I Sem 2002 Fase III 61.6% 52.2% 52.5% Fase II 27.8% 33.1% 36.1% Fase IV 7.9% 10.5% 4.6% Bioeq/Biod 1.8% 3.3% 4.3% Ministero della Salute Fase I 0.9% 0.9% 2.6% Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

8 SC per tipo di sponsor Azienda farmaceutica 76.7% IRCCS (pubblico-privato) 7.8% ASL 7.0% Associazione scientifica 4.1% Università 2.5% Altro 2.0% Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 SC in Italia per Gruppo Anatomico Principale Azienda farmaceutica / Sponsor no profit % % Az. farm. No profit Antineoplastici ed immunomodulatori Sistema Nervoso Antimicrobici per uso sistemico App. gastroint. e metabolismo Sistema cardiovascolare Sangue ed organi ematopoietici Sist. muscolo-scheletrico Sist. genito-urinario ed ormoni sessuali Sistema respiratorio Vari Organi di senso Prep. ormonali sistemici (escl. orm. sessuali) Dermatologici Farmaci antiparassitari, insetticidi, repellenti Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

9 Comitati Etici Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Comitati Etici presenti accreditati = 289 Regione n. CE % sul totale Lombardia % Lazio % Sicilia % Veneto % Campania % Puglia % Emilia Romagna % Ministero della Salute Altre regioni % Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

10 Decentramento autorizzativo Oggi oltre il 95% delle sperimentazioni cliniche sui medicinali vengono approvate direttamente dai Comitati Etici Locali Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica Analisi della situazione I primi 30 Comitati Etici sono coordinatori del 74.8% del totale delle sperimentazioni Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

11 Sperimentazione Clinica Team Work Sperimentatori CE Ministero della Salute Sponsor Regioni Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Direttiva 2001/20/CE (4/4/2001) Art Banca Dati Centrale Europea Banca Dati Centrale Europea tutti i paesi membri inviano i dati delle SC svolte nel proprio paese alla BDCE (l Italia tramite l OsSC) Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

12 Nuova versione dell OsSC Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003 Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

13 Nuovo OsSC Principali novità Profilo ISS (per SC di fase I) Profilo ASL (per SC in MMG e PLS) Profilo CRO (supporto alle aziende) Utilities per i CE Registrazione reazioni avverse Reportistica on-line (per Regione, singola struttura, azienda, CE, etc.) Ministero della Salute Direzione Generale Valutazione Medicinali e Farmacovigilanza Roma 2003

14 La responsabilità nella sperimentazione clinica con l uomo prof. Buccelli

15 IMPLICAZIONI MEDICO-LEGALI DELLA SPERIMENTAZIONE CLINICA NELL'UOMO C. Buccelli * Dipartimento di Medicina Pubblica e della Sicurezza Sociale. Cattedra di Medicina Legale. Università degli Studi di Napoli Federico II. La legittimità etico-deontologica e giuridica della sperimentazione sull uomo è oggi ampiamente acquisita e definita sulla scorta di una notevole e qualificata letteratura scientifica sull argomento, di autorevoli raccomandazioni, dichiarazioni, direttive etiche internazionali (tra cui di particolare spessore la Convenzione sui diritti dell Uomo e la Biomedicina, del novembre 96, per ampiezza di riferimenti applicativi e di adesioni di stati firmatari), di una sostanziale uniformità di principi espressi nei codici deontologici di diversi paesi, specialmente dell U.E. (2), di una specifica produzione legislativa fortemente delineata in taluni paesi quali gli U.S.A. e la Germania (1). Tale attività di ricerca sia in ambito diagnostico-terapeutico sia in ambito biomedico, rappresenta un elemento fondamentale ed irrinunciabile per il progresso scientifico. Essa poggia su ineludibili principi progressivamente focalizzati nel vivace dibattito di dottrina sviluppatosi nell ultimo cinquantennio, il cui solo rispetto le conferisce pieno carattere di liceità, ad ogni livello teorico ed applicativo. Per tale motivo la sperimentazione può essere ammessa se non contraddice: a) il rispetto della persona e della sua dignità, in termini di effettiva, ponderata autonomia decisionale; b) l interesse del singolo soggetto, con preventiva stimata positiva proporzionalità tra rischi da affrontare ed utilità degli obiettivi perseguiti, da valutare, in ogni caso, in rapporto al prioritario potenziale vantaggio di chi si sottopone alla sperimentazione; c) l obbligo del neminem laedere, secondo criteri di ragionevole prevedibilità degli eventi e mediante rigorosa verifica della scientificità della ricerca, della adeguatezza delle strutture a condurla, della competenza dello sperimentatore, della sua capacità ad intervenire tempestivamente nell ipotesi di significativi eventi avversi; d) un generale criterio di giustizia, nell ottica di un consistente valore sociale della ricerca valutato in riferimento non solo ai costi economici ma anche alla qualità dei benefici attesi. Ogni sperimentazione è permeata da un margine di alea. Qualunque pur consolidato trattamento assume significato di atto sperimentale in relazione alla non esattamente prevedibile reattività individuale, portando a dover considerare in ogni prescrizione farmaceutica la sussistenza di un rischio calcolato (1 bis). E evidente, pertanto, che non può richiedersi per poter ritenere lecita una sperimentazione scientifica l assenza incondizionata di qualsiasi dose di pericolo ma deve pretendersi che essa sia connotata da rischi di lieve entità, tanto più necessariamente contenuti se si versa nell ipotesi di esperienza di studio su volontari sani, comunque adeguatamente commisurati al contesto clinico di base, alle capacità di trattamento terapeutico convenzionale, alla rilevanza degli obiettivi da conseguire, alle possibilità di intervento correttivo di eventi avversi. L accertabilità della (ineliminabile) ricorrenza di un rischio nel saggio sperimentale e quindi la legittimità etico-deontologica e soprattutto giuridica alla sua realizzazione in tale condizione può farsi * Lettura tenuta al Convegno internazionale su Le problematiche etiche della sperimentazione clinica. Chieti, 5-8 settembre 2000.

16 d altra parte derivare dallo spostamento cui da qualche tempo si è pervenuti in dottrina medico-legale e giuridica- dalla tutela della semplice integrità fisica individuale (ex art. 5 c.c.) a quella della più complessa concezione della salute (ex art. 32 Cost.), ormai complessivamente intesa, secondo le ben note direttive O.M.S., come stato di completo benessere fisico, psichico e socio-relazionale. In tal senso si condivide la posizione di chi ritiene che il divieto dell art. 5 c.c. volto a tutelare la vita e l integrità fisica contro gli atti dispositivi del soggetto stesso, non può riferirsi per sua intrinseca ratio- agli atti di disposizione diretti a realizzare un vantaggio per la salute del soggetto, perché altrimenti esso disconoscerebbe, in nome della salvaguardia dell integrità fisica, il diritto a curarsi e, quindi, il diritto alla salute, finendo per imporre assurdamente un divieto di curarsi ( ). Il che porta a cogliere una evoluzione normativa e giurisprudenziale secondo cui a condizione che non venga leso il diritto primario alla salute, l integrità fisica non risulta sempre e comunque inviolabile, potendo subire rilevanti attenuazioni anche ove non ricorra un bene diretto ed immediato per la salute del soggetto ma un bene traslato (psichico, affettivo, morale ecc.) per di più inquadrabile nel principio di solidarietà sociale. Ne consegue l illegittimità di qualsiasi sperimentazione che comporti la possibilità di un danno alla salute per sua conseguenza ma l ammissibilità di quegli studi sperimentali che, pur gravati dal rischio di portare a serious adverse drug reactions produttive di diminuzione permanente dell integrità psicofisica, trovano, invece, valida scriminante proprio nel proporzionale perseguimento, come fine ultimo, della salute del singolo. Se così non fosse, d altra parte, non potrebbero mai praticarsi prima ancora che gli studi di fase III, oggi normativamente disciplinati, quelli di fase I e II che, per saggiare, rispettivamente, per la prima volta, le caratteristiche di farmacotolleranza, farmacocinetica e farmacodinamica di un nuovo principio attivo su volontari sani e quelle di un corretto intervallo di dosi e/o di schemi terapeutici su un ristretto numero di pazienti, con una oggettivamente meno prevedibile rischiosità della sostanza testata nei confronti dei soggetti su cui avviene la sperimentazione, hanno maggiori e imponderabili possibilità di condurre a diminuzione permanente dell integrità fisica di questi. Di guisa che la sperimentazione farmacologica in fase III (fase della valutazione dell efficacia a breve e a lungo termine del farmaco su un campione ampio, rappresentativo di pazienti) va ritenuta legittima se intrinsecamente orientata verso il miglioramento della stato di salute dei soggetti sottoposti allo studio in una indubitabile prospettiva di favorevolezza del preventivo bilancio rischio/benefici e cioè di preponderanza di potenziali vantaggi primariamente individuali e secondariamente collettivi su possibili danni alla persona. Il crescente rilievo assunto dal consenso informato nell ambito di qualsiasi pratica medica rende peraltro necessaria qualche critica ancorché sintetica ulteriore considerazione e riconsiderazione di tale aspetto, che rappresenta il principale limite soggettivo della sperimentazione medesima (6). Non ostante il diluvio di considerazioni e di dibattiti che si sono avuti in proposito, può essere condivisa l osservazione (7,8) che esso Il consenso informato non è ancora facilmente definibile nei suoi esatti contorni e difficile da attuare nella effettiva pratica della ricerca per irrisolti (e forse irrisolvibili) aspetti di complessità ed ambiguità E evidente, tuttavia, che se ne è determinato un percettibile spostamento da strumento di corresponsabilità tra medico (o team medico) e paziente in espediente di cautela legalista punta avanzata di una inquietante medicina difensiva. La storia del consenso informato realizza in buona parte il suo passaggio, quale principio etico e standard giuridico, dal campo della ricerca sull uomo a quello della pratica medica ordinaria, per troppo tempo ancorata a fonti di legittimazione diverse dalla volontà del soggetto (privilegio terapeutico, stato di necessità, leggi dell arte).

17 A tale percorso ne è corrisposto nel tempo uno inverso nell ambito della sperimentazione, nel senso che dalla centralità della persona del paziente da tutelare nella sua dignità e nei suoi diritti fondamentali attraverso il consenso quale criterio ispiratore del Codice di Norimberga si è passati, nelle dichiarazioni successive, a partire da quella di Helsinki del 64, alla focalizzazione diretta del consenso quale fonte di legittimazione della ricerca. E di tutta evidenza, peraltro, che l intensità per così dire- del consenso, anche in termini di soggiacente informazione, non può essere soddisfacentemente la stessa sia per il volontario malato (fase II-III) che per il volontario sano (fase I), delineandosi in relazione a ciò possibilità di eccezioni e forse doverosità di esclusioni. Nel primo caso la finalità di ricerca coincide con quella terapeutica del miglioramento dello stato di salute del singolo paziente; nel secondo la sperimentazione prescinde da immediati obiettivi curativi e da vantaggi diretti per chi vi si sottopone per realizzarsi nell esclusivo interesse del progresso della scienza medica (6). Pertanto, nella prima ipotesi il problema del consenso sussiste alla stregua di quanto ricorre e deve ricorrere in ogni attività diagnostico-terapeutica, presupponendo una corretta informazione sulla novità e finalità della procedura, sulle sue caratteristiche fondamentali, sui suoi previsti vantaggi, sui possibili trattamenti alternativi, sui possibili rischi, con minori necessità di dettagliamenti nella misura in cui la sperimentazione non superi normali livelli di pericolosità e sia sostanzialmente prevedibile la positività del trattamento (1), pur nei limiti ed in conformità di quanto oggi previsto sul tema dalle regole di buona pratica clinica dell U.E. (cf. infra). In tali condizioni la ricerca può essere estesa anche a soggetti incapaci che consentano attraverso legali rappresentanti purché comunque personalmente informati in misura compatibile con la loro possibilità di comprensione e con particolari cautele per i minori, le quali devono poter giungere, in considerazione dell età, sino al rispetto del loro eventuale rifiuto partecipativo. Nella seconda ipotesi risalta l esigenza di imporre garanzie di sicurezza di ancor più forte cogenza per la tutela del diritto-dovere alla salute del soggetto nei termini anzidetti, compendiabili in particolari misure sia di carattere generale sia di ordine specifico, peraltro efficacemente considerate dal C.N.B. ( ), tra cui il consenso (rectius l assenso quale espressione di libera volontà di una persona sana o comunque paziente per altra malattia di sottoporsi ad una attività non esente da pericolo (8)) acquista particolare pregnanza deontologica in quanto assume, in correlazione con una ragionevolmente scarsa entità del rischio da affrontare e per il suo elevato valore solidaristico, determinante valore scriminante nei confronti di eventuali addebiti di natura penalistica in tema di lesioni personali o di omicidio colposi. L estrema delicatezza della questione impone pertanto una inderogabile chiara puntigliosità dell informazione e suscita legittime perplessità, quanto meno di indole deontologica, circa l estensione della sperimentazione ai soggetti cosiddetti vulnerabili, anche in assenza di espressi divieti legali. Di qui il valore etico e deontologico centrale del consenso in ciascuna vicenda sperimentale, in relazione al quale si struttura ampiamente, pur se non in via esclusiva, ogni considerazione in ordine alla adeguatezza di comportamento dei protagonisti, con immediate ricadute valutative medico-legali circa eventuali aspetti di responsabilità professionale nell ipotesi di danni causalmente ricollegabili alla sperimentazione medesima od anche soltanto nell analisi della correttezza delle procedure autorizzative ed esecutive della sperimentazione clinica. In Italia la disciplina della sperimentazione clinica sull uomo fa essenzialmente riferimento alle norme di comportamento del Codice deontologico rielaborato nell ultima stesura del 1998, (artt. 46, 47), alle raccomandazioni del Comitato Nazionale per la Bioetica espresse nel documento del 17 novembre 1992 e, con valore vincolante di significato giuridico, ad una disomogenea, limitata, quanto incostante produzione legislativa (3,4) scanditasi attraverso alcune circolari del Ministero della Sanità, talune normative regionali, la L. 519/73 (e relativo decreto attuativo del 77) imperniata sull accertamento preliminare centralizzato presso l Istituto Superiore di Sanità della composizione e dell innocuità dei

18 prodotti farmaceutici di nuova istituzione, la L. 833/78, istitutiva del S.S.N., che, attraverso i disposti degli artt. 4, 5 e 6 lettera c) e 29 lettera d), rinviava ad apposita legge statale la regolamentazione della sperimentazione sull uomo (5). Tale specifica legge non vi è stata, ma la stagnante inoperosità dei predetti disposti è stata di colpo superata a partire dal 1992, in maniera dirompente, dal singolare dinamismo produttivo di 13 (ad oggi) D.M. in tema di ricerca farmacologica, taluni dei quali pongono delicati problemi di raccordo tra norme etiche e loro vidimazione legale. In effetti, il D.M. 27 aprile 1992 prima e i D.M. 15 luglio 1997 e 18 marzo 1998 poi recepiscono integralmente le norme europee di buona pratica clinica nella versione più recente che costituiscono le norme tecniche e procedurali di riferimento per l effettuazione delle sperimentazioni cliniche e dei medicinali in Italia. Per effetto di ciò, di fatto e di diritto, tali norme vengono dunque oggi a far parte del sistema giuridico del nostro paese, per qualunque sperimentazione clinica dei medicinali, nessuna esclusa. Tale circostanza da un lato offre più ampie garanzie (e maggiori elementi di valutazione) per una adeguata pratica sperimentale ma dall altro genera innegabili ed ormai verificati disagi operativi connessi sia con evidenti incertezze di traduzione dell originario testo relativo alle linee guida sia con l impropria acritica trasformazione in norme giuridiche di prescrizioni elaborate nella forma di indicazioni eticodeontologiche (3). Il tutto, peraltro, in assenza di indicazioni sanzionatorie penali per l esercizio abusivo in sé dell attività sperimentale e l inosservanza delle norme di buona pratica clinica e comunque ancora al di fuori di una legislazione penale specificamente inerente alla sperimentazione biomedica (3). Conseguenza di ciò è che Il principio di responsabilità primaria diretta dello sperimentatore resta comunque ineludibile ed a questa si affianca oggi in modulabile embricazione anche quella eventuale per inosservanza delle norme previste nei D.M. disciplinanti l attività di ricerca clinica sperimentale sull uomo, sempre che da tale inosservanza sia effettivamente derivato danno ai soggetti sottoposti a sperimentazione. Sicché in ambito penalistico si definiscono ampi estremi di eventuale colpa specifica ed in sede civilistica si delineano nitidi contorni di multiple possibili ipotesi di inadempimenti contrattuali. In più incombe sui protagonisti medici ed odontoiatri della ricerca sperimentale il minaccioso impegno ministeriale (dichiarato nella circolare del 12 ottobre 1999 n. 16) di segnalare agli ordini provinciali dei medici chirurghi e degli odontoiatri le inadempienze amministrative di costoro emerse ad appositi controlli, per l adozione di specifici provvedimenti disciplinari. Possibili protagonisti di responsabilità penale e civile nell ambito della sperimentazione clinica: - ricercatore o al team di ricercatori: - all industria farmaceutica che produce la sostanza in sperimentazione; - allo sponsor, che promuove e gestisce la ricerca; - monitor, che verifica l andamento dello studio clinico; - struttura in cui questo avviene; - organismi amministrativi deputati al riconoscimento e alla verifica periodica della idoneità dei centri per la sperimentazione clinica; - Comitati Etici Locali (IRB/IEC); - Ente sanitario o di ricerca che nomina i componenti del Comitato Etico; - Comitato Etico Nazionale per i compiti a lui devoluti; - Ministero della Sanità per quanto attiene agli aspetti di sua competenza circa i riconoscimenti della idoneità delle strutture per l effettuazione delle sperimentazioni cliniche e i giudizi di notorietà dei medicinali nonché ai compiti ispettivi sull osservanza delle norme di buona pratica clinica;

19 - C.U.F. e I.S.S. per quanto di loro competenza circa l immissione in commercio e la sperimentazione clinica di medicinali contenenti materiali di origine bovina. Si tratta di tasselli di un complesso mosaico che possono comporsi anche in multiple correlazioni e sovrapporsi a seconda delle diverse numerose ipotesi prospettabili. E evidente che nella misura in cui sono state emanate norme legali puntigliosamente regolatrici di molteplici aspetti della sperimentazione, ve ne è stata rapida e larga proliferazione e se ne è avuta complessa embricazione dei contenuti, sono venuti a delinearsi compiti, funzioni, competenze a più livelli produttivi di responsabilità differenziate nuove, rinnovate o ridefinite, che aprono scenari prima d ora ignoti o solo vagamente abbozzati. La previsione di una responsabilità non significa necessariamente la sua chiamata in causa, specie se inusuale, indiretta, correlata ad altre o apparentemente lontana dall evento causativo del danno. L esperienza medico-legale insegna, però, che terreni operativi una volta ritenuti fuori della portata della lamentata responsabilità professionale quali quelli degli errori di comportamento in tema di neoplasie maligne altamente aggressive o di governo amministrativo delle strutture di cura (responsabilità assistenziale) sono poi stati ampiamente percorsi nelle aule giudiziarie o nelle composizioni stragiudiziali, sicché ciò che può apparire oggi solo genericamente possibile è destinato con ragionevoli probabilità a divenire argomento di operatività medico-forense. Una analisi esaustiva dei possibili determinanti di responsabilità relativa a ciascuna delle figure, strutture o istituzioni richiamate richiederebbe per ampia parte l evidenziazione dei complessi ruoli e dei diversi livelli di coinvolgimento nell autorizzazione, controllo ed esecuzione delle molteplici procedure previste nei D.M. che si sono succeduti sugli aspetti regolatori, etici e scientifici della sperimentazione clinica dei medicinali a partire dal 1992, con particolare riferimento a quelli del 27 aprile 92, 15 luglio 97, 18 marzo 98, 3 gennaio 2000, la cui inosservanza possa essere produttiva di danni giuridicamente rilevanti di interesse medico-legale a carico dei soggetti che partecipano alla sperimentazione medesima o delle stesse strutture sanitarie in cui questa si realizza. Può essere qui sufficiente, per motivi di tempo e per immediato interesse operativo, evidenziare che possibili responsabilità nella ricerca clinica sperimentale possono essere legate (6) a: a) intrinseca lesività del farmaco; b) inadeguata comunicazione o valutazione dei dati relativi alla fase preclinica della sperimentazione; c) assenza delle necessarie autorizzazioni, della sottoscrizione di un (valido) protocollo di studio o di adeguata copertura assicurativa; d) mancato rispetto di vincoli ed indicazioni protocollari; e) utilizzazione di strumenti o servizi dell ente in cui avviene la sperimentazione in assenza di specifica previsione contrattuale o di effettiva giustificazione assistenziale; f) errori di comportamento tecnico-professionale nel corso della sperimentazione in riferimento diretto o indiretto all impiego del farmaco; g) mancata protezione farmacologica conseguente alla somministrazione di placebo e/o nella realizzazione di una fase di wash-out o di run-in; h) difetto di consenso informato alla sperimentazione; i) mancato rispetto dei doveri di riservatezza. La prima ipotesi esprime direttamente l imponderabilità e i rischi non conosciuti propri di una nuova terapia farmacologica anche dopo la verifica di innocuità avutane agli studi di laboratorio e sull animale. La sua eventuale concretizzazione non può essere addebitabile a titolo di colpa per imperizia, imprudenza, negligenza (responsabilità soggettiva) a chi, a vari livelli, conduce la ricerca; ciò nondimeno

20 essa realizza (ex art c.c.) una responsabilità oggettiva, tipica dello svolgimento di una attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, la quale postula, comunque, a livello civilistico una forma di ristoro dei danni patiti se non viene provato da parte dello sperimentatore di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno. La suddetta prova è, invero, assai difficile da dare perché strutturata non sulla dimostrazione negativa di non aver commesso alcuna violazione delle norme di legge o di comune prudenza ma su quella positiva di aver impiegato ogni cura o misura atta ad impedire l evento dannoso (Cass. 21 novembre 1984, n. 5960). Tale danno potrebbe essere anche di ampie non immediate proporzioni, come avvenne tragicamente nel caso della talidomide (pur sperimentata con grande iniziale soddisfazione), per ipotetici effetti teratogeni o cancerogeni oppure per gravi reazioni avverse. Per tale motivo lo sperimentatore non è esente da giusti oneri indennitari anche indipendentemente da sua colpa, dai quali può essere sollevato da una adeguata (anche in termini di massimali) copertura assicurativa sempre che questa preveda, però, espressamente l ipotesi del danno da responsabilità oggettiva. Sfortunatamente per generale esperienza, ad oggi, le polizze assicurative che le Compagnie di assicurazioni sono disponibili a stipulare coprono il solo ancorché più frequente rischio da responsabilità soggettiva. Ne consegue che il ristoro (indennitario) di un danno per responsabilità oggettiva rimane direttamente a carico dello sperimentatore, al più ed eventualmente in solido con lo sponsor/produttore ma con maggiori probabilità con il Comitato Etico della struttura in cui avviene la sperimentazione, resosi a sua volta responsabile di non aver adeguatamente vigilato sulla realizzazione di una idonea copertura assicurativa, posto che il D.M. 18 marzo 1998 relativo alle linee guida di riferimento per l istituzione e il funzionamento dei comitati etici dispone al punto 5.2 che il Comitato verifica che lo sponsor, o i fondi di ricerca ad hoc, garantiscono una idonea copertura assicurativa dei soggetti in sperimentazione che li tuteli da qualunque danno direttamente o indirettamente derivante dalla sperimentazione, nonché la copertura assicurativa degli sperimentatori e che nella sua interpretazione letterale il punto delle Linee guida per la buona pratica clinica (CPM/ICH/135/95) integralmente recepito dal D.M. 15 luglio 1997 ed a questo allegate, prevede esplicitamente che lo sponsor deve, se stabilito dalle disposizioni normative applicabili, provvedere ad assicurare o a garantire (mediante copertura legale e finanziaria) lo sperimentatore/istituzione contro richieste di indennizzo derivanti dalla conduzione della sperimentazione, con l esclusione di quei reclami imputabili a imperizia, imprudenza e/o negligenza. E evidente, pertanto, il riferimento normativo alla responsabilità oggettiva, consapevolmente voluto o forse solo imputabile ad un difetto di traduzione di un testo regolatorio di un paese con tradizioni ed ordinamento giuridici diversi dal nostro, che addirittura nella sua letterale interpretazione sembrerebbe superare la stessa responsabilità soggettiva (da imperizia, imprudenza, negligenza). L argomento degli oneri di vigilanza dei comitati etici sui requisiti di adeguatezza ed idoneità delle polizze assicurative a coprire tutti i possibili danni da sperimentazione, comunque cagionati, appare di intuibile delicatezza ed in quanto allo stato non ancora in qualche modo efficacemente riconsiderato in ordine a responsabilità per situazioni (polizze assicurative estese alla copertura di responsabilità oggettiva dello sponsor/produttore e dello sperimentatore) che non si riescono concretamente a realizzare, contribuisce in misura rilevante ad alimentare uno stato di profondo disagio operativo in cui versano i Comitati Etici. Tale disagio nasce dalla ormai generale presa di coscienza delle molteplici, gravose responsabilità che si pongono per i Comitati nel loro ruolo di pubblica garanzia relativa ai diritti, alla sicurezza e al benessere dei soggetti che partecipano ad una sperimentazione clinica di medicinali.

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche n profit A cura di SIF Clinica In collaborazione con: Segreteria Scientifica e Membri dei Comitati Etici

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli