Rapid Prototyping. 1.1 Introduzione. 1.2 Rapid Prototyping

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapid Prototyping. 1.1 Introduzione. 1.2 Rapid Prototyping"

Transcript

1 Rapid Prototyping 1.1 Introduzione Il termine Rapid Prototyping (RP) designa un insieme di tecnologie che permettono la realizzazione automatica di modelli fisici in base ai dati di progettazione, il tutto tramite l ausilio di un elaboratore. Questi "stampatori tridimensionali" permettono ai progettisti di generare rapidamente i prototipi definiti dei loro disegni, piuttosto che delle semplici immagini bidimensionali. Tali prototipi così realizzati forniscono dei validi sussidi visivi, utili nella fase sia di progettazione che di comunicazione con i colleghi o i clienti. Per la produzione di oggetti compliessi, il Rapid Prototyping è tuttora il processo di manufacturing migliore disponibile. Naturalmente, "veloce" è un termine relativo. La maggior parte dei prototipi richiedono dalle tre alle settantadue ore per la loro realizzazione, in base al formato ed alla complessità dell'oggetto. Ciò può sembrare una lavorazione lenta, ma è molto più veloce delle settimane o dei mesi richiesti per la realizzazione di un prototipo attraverso i mezzi tradizionali. Poiché le tecnologie di RP sono sempre più utlizzate in applicazioni non-prototyping, tali tecniche sonoa nche spesso definte come Solid Free-Form Modelling or CAD/CAM Manufacturing. La presenza di un sistema CAD/CAM permette in un cenrto senso di "affettare" il modello in un numero definito di strati sottili (~0.1 millimetro), che ins seguito vengono riprodotti come sezionati uno sopra l altro. Il Rapid Prototyping è un processo "cumulativo", che permette l unione di strati di carta, cera, o la plastica per generare un oggetto solido tridimensionale dalla geometrai complessa ben definita. All opposto, la maggior parte dei processi lavorativi (tornitura, fresatura, ecc.) sono processi "sottrattivi" che rimuovono il materiale in eccesso partendo da un blocco solido. La natura cumulativa del RP permette la realizzazione di oggetti con caratteristiche interne complesse, cosa di difficile produzione con i metodi classici. Naturalmente, IL RP non è perfetto, l altezza delle sezioni CAD da riprodurre è legata alla risoluzione della macchina, i prototipi metallici sono di difficile realizzazione, benchè questo dovrebbe cambiare nell'immediato futuro [1]. 1.2 Rapid Prototyping 1

2 Il Rapid Prototyping (RP) è un aspetto economico cruciale per soppravire all interno di un'economia globale competitiva; infatti, la riduzione dei tempi di sviluppo del prodotto e la crescente complessità richiedono di realizzare nuove metodologie che permettano di sviluppare in tempi brevi idee innovarici [2]. In risposta a queste sfide, l'industria e la ricerca hanno inventato una gamma di tecnologie che contribuiscono a sviluppare i nuovi prodotti ed ad estendere il numero di alternative del prodotto. Negli ultimi anni, un nuovo concetto di RP ha guadagnato la popolarità in tutto il mondo e cioè il Solid Free Form Solidification (SFF) [3]. L'idea chiave di questa nuova tecnologia di RP è basata sulla decomposizione dei modelli 3-D del calcolatore negli strati a sezione trasversale sottili, seguita fisicamente formando gli strati ed impilandoli "strato per strato." La generazione di oggetti 3D in tal guisa è un'idea quasi vecchia quanto la civilizzazione umana. Le costruzioni fin dalle piramidi egiziane erano probabilmente a blocchi sviluppate strato per strato [4]. La tecnologia attuale del rapid prototyping può essere fatta discendere da due principali settori tecnici: la topografia e la fotoscultura. La topografia fin da 1890 ha proposto il metodo di sovrapposizione di strati per generare mappe topografiche di rilievo [1]. Il metodo consiste nell impressionare le linee topografiche di profilo su una serie di piastre di cera, tagliare le piastre, allinearle sul profilo ed impilarle, in modo da produrre delle superfici del terreno indicato dalle linee di profilo. In 1974, Di Matteo riconobbe che tale tecnica d'impilamento poteva essere usata per la produzione di superfici che sono particolarmente difficili da fabbricare tramite le normali operazioni di lavorazione. La Fotoscultura ha presentato nel diciannovesimo secolo il principale tentativo di generare repliche tridimensionali esatte degli oggetti, compreso le forme umane, vedi Bogart. Una realizzazione in qualche modo riuscita di questa tecnologia è stata progettata da Frenchman François Willème in 1860 [1]. Nel suo metodo, un oggetto viene disposto in una stanza circolare e simultaneamente è fotografato da 24 macchine fotografiche disposte lungo la circonferenza della stanza. Ogni foto che quindi forniva 1/24 dell oggetto è stata poi realizzata da un artigiano e poi assemblata in modo da ottenere una copia fedele dell oggetto fotografato. Partendo da questi due principi, con la disponibilità di modelli 3D tramite calcolatore, nochè lo sviluppo di nuovo quali i sistemi laser, i materiali fotosensibili e personal computer potenti hanno contribuito a diffondere l antesigana delle tecniche del RP, cioè la stereo-litografia [5]. Tale metodologia fu proposta poco più di due decadi fa dalla 3D Systems Inc.[6]. Questa tecnologia oggi è capace di produrre strutture 3D altamente complesse con poco o nessun intervento umano. In parallelo con l'avanzamento dello stereolitografia si sono sviluppati poi sistemi alternativi di manufacturing, quali la laminazione successiva di strati, porposto dalla Helisys [7] o la fusione di strati o grani polimerici, proposti dalla DTM [8] e dalla Stratasys [9]. Questi processi hanno 2

3 aggiunto una gamma di nuovi materiali che vanno oltre quelli dei polimeri fotosensibili usati normalmente nella stereolitografia. L'obiettivo del RP (RP) è di potere fabbricare rapidamente strutture tridimensionali complesse direttamente dai modelli di cad. Un metodo per l'effettuazione di ciò deve usare i processi di Solid freeform Fabrication (SFF) [10]. Le metodologie di SFF possono sviluppare arbitrariamente geometrie complesse 2D e 3D la progettazione trattata è automatica, basandosi su un modello CAD ed utilizzando una macchina generica di montaggio. Ciò richiede un minimo o nessun intervento umano e si basa sul paradigma della produzione strato per strato. In questo metodo, un modello solido di 3D CAD dell'oggetto in primo luogo è decomposto nelle rappresentazioni a sezione trasversale strato per strato. Una volta fatto ciò, viene generata la traiettoria per guidare i processi cumulativi per sviluppare fisicamente questi strati in una macchina automatizzata di montaggio per formare l'oggetto reale. In pratica, il modello in primo luogo è decomposto in strati 2½dimensionali, cioè, strati che possono essere rappresentati da una sezione trasversale planare con uno spessore uniforme collegato [2]. Ogni strato fisico, è composto della sezione trasversale reale dell oggeto e di uno strato sacrificale, che svolge due ruoli primari: in primo luogo, serve dalla supporto alla strattura da realizzare,; in secondo luogo, serve da substrato su cui "le regioni disgiunte" e le sporgenze possono essere depositate. Le regioni disgiunte richiedono questo supporto poiché non si uniscono con la parte principale fino a quando gli strati successivi non sono depositati, inoltre permette la realizzazione di cavità cieche all intermo del modello 3D. Queste strutture di sostegno esplicite sono depositate come il prototipo che si vuole realizzare, ma vengono lasciate in forma semisolida in modo da poterle in seguito completamente rimuovere, una volta ultimato il prototipo. Il processo base del RP, indipendentemente dalla tecnica utilizzata si basa su 5 fasi [1]: 1. Generazione di un modello CAD del prototipo; 2. Conversione del modello CAD in un modello STL, che descrivee strato per strato l oggetto da costruire. In genere,l oggetto da costruire è modellato usando un pacchetto di programmi di progettazione assistita da elaboratore (CAD), quali Pro/ENGINEER o AutoCAD. La convenzione adottata dalle teniche di RP di convertire I modelli CAD in immagini STL, è stata adottata in onore della stereolitografia (STL), che è stata la prima tecnica di RP. La conversione diel modello CAD in una strutture STL consiste nella rappresentazione della superficie tridimensionale come composta da triangoli planari, "come le sfaccettature di un gioiello dopo il taglio". Poiché tale codicia utlizza elementi planari, le superfici curve non possono essere rappresentate esattamente, per sopperire a ciò si aumentano il numero dei triangoli in modo da migliorare l'approssimazione 3

4 3. Un programma di pre-processing consente la preparazione del modello STL e la definizione della sua posizione e del suo orientamento. L'orientamento del modello è importante per parecchi motivi. In primo luogo, le proprietà dei prototipi variano in base alla coordinate, per esempio, i prototipi sono solitamente più deboli e meno esatti nel senso (verticale) di z che nello spazio x-y. Inoltre, l'orientamento determina il tempo richiesto per sviluppare il modello. Disponendo, infatti, la dimensione più corta nel senso delle z si riduce il numero di strati, quindi si riduce il tempo di configurazione. Il software di pre-processing affetta il modello STL in un certo numero di strati da 0,01 millimetri a 0,7 millimetri spesso, secondo la tecnica di configurazione. Il programma può anche generare una struttura ausiliaria per sostenere il modello durante la configurazione. I supporti sono utili per le parti fragili quali le sporgenze, le cavità interne e le sezioni con pareti sottili. 4. Realizzazione del prototipo. Utilizzando una delle tecniche di RP si sviluppa strato per strato il modello desiderato utilizzando o polimeri, o carta, o metallo in polvere. La maggior parte delle macchine sono ragionevolmente autonome, avendo bisogno di poco intervento umano. 5. Pulizia e rifinitura, detto anche post-processing. Tale fase prevede la rimozione del prototipo dalla macchina e l eliminazione dei supporti aggiuntivi. I prototipi possono anche richiedere il trattamento secondario della superficie, cioè la pulizia, la smeriglitatura, la sigillatura e/o la verniciatura. 1.3 Realizzazione geometrica del prototipo Il sistema di RP, oltre la macchina del SFF in sé include anche i suoi pre-funzionamenti, quale la preparazione dei dati della geometria da realizzare ed i suoi azionamenti come il trattamento, la rimozione e la pulizia del campione [11]. Il sistema di preparazione dei dati permette sia la rappresentazione geometrica del prototipo tramite approssimazioni successive con la tecnica dei triangoli, nonché il suo orientamento, lo scaling, la compensazione delle distorsioi e lo sviluppo di strutture di sostegno, in modo da ottenere uan serie di passi processuali continua e coordinata. Questo modello una volta preparato è usato per generare i segnali di controllo adatti al movimento delle parti meccaniche del dispostivo che guidano il processo fisico di montaggio [12]. Lo sviluppo del modello prevde cinque elementi, cioè: 1) la creazione dei dati; 2) il sistema di scambio dei dati; 4

5 3) la validazione e la modifica del modello; 4) la compensazione degli errori; 5) lo sviluppo delle strutture di sostegno. La creazione di dati utlizza una stazione di lavoro CAD, che affetta la struttura in modelli geometrici 2D validi, cioè strutture che includono un volume limitato e definito di spazio e che non prevedano la formazione di fori sulla superficie del campione Il modello è valido se per ogni punto nello spazio 3D il calcolatore può determinare unicamente se quel punto e la regione intorno ad esso si trovi all'interno o all esterno della superficie di contorno del modello. Il sistema di scambio dei dati varia a seconda del dispositivo che si utilizza, tuttavia i fornitori di sistemi CAD sono responsabili di fornire dei postprocessori CAD che traducono le loro rappresentazioni interne in un formato comune valido per ogni macchina [13]. La validazione del modello e la sua modifica, varia a seconda del sistema CAD utilizzato e consiste nella approssimazione più fedele della struttura da realizzare con geometrie semplici tipo triangoli, che a sua volta è espressa in una disposizione di dati specificata: STL. Purtroppo, questo funzionamento d'approssimazione, se non fatto precisamente, a volte introduce le anomalie geometriche indesiderabili, quali fori o parti di sovrapposizione nel contorno. Di conseguenza, la maggior parte delle macchine di SFF sono dotate di software per il controllo della validità del modello in ingresso. Se questo non è valido il processo riparte in modo da ottenere uno valido [14]. Dato un modello valido, vengono preparati tutti i funzionamenti della macchina in modo che il prototipo realizzato risponda alle specifiche dell'input. Per esempio, il modello deve essere orientato e regolato in modo da adattarsi al piano di lavoro della macchina. Per tale motivo la struttura può avere bisogno di essere alterata per compensare le anomalie fisiche introdotte durante il montaggio, quali il restringimento, la distorsione, l'arricciatura e la deformazione. La maggior parte della azione di compensazione oggi è per la maggior parte affidata all'intuizione dell'operatore, e maturata dopo una serie di prove e di errori [15]. Lo sviluppo di strutture di sostegno è necessario nei processi dove sono presenti delle sporgenze sia interne che esterne al prototipo. La creazione di supporti prevede anche la creazione di fori di scolo per l eliminazione del materiale stesso che compone il sostegno. Il software genralmente individua e genera automaticamente le strutture di sostegno, tentando di usare la minor quantità possibile di materiale. I processi basati su foglio o polvere usano il materiale non trattato circostante per supporto. Un buona progettazione delle strutture di supporto riduce di circa due terzi il costo della preparazione e del post-processing di dati. 5

6 Per ottenere il movimento necessario al controllo della traiettoria che guida il meccanismo reale di solidificazione, il modello geometrico preparato è affettato in strati dagli spessori diversi e le fette sono esplorate in modo da verificarne la consistenza strato per strato. Si stanno sviluppando anche strumenti che sfruttano la realtà virtuale per modificare il modello prima della sua realizzazione,il professor Fukuda dell'istituto di tecnologia di Tokyo sta sviluppando un sistema di realtà virtuale, dove la struttura una volta prodotta con un classico sistema CAD, viene vista e maneggiata virtualmente dal progettista e tramite un sistema di sensori se ne può non solo valutare la consistenza ma anche modificarla in modo da adattarla alle specifiche volute [16]. 1.4 Stereolitografia La Stereolitografia è stata brevettata nel1986, e si può dire che abbia dato inizio alla rivoluzione del RP [5,17,18]. La tecnica sviluppa i modelli tridimensionali partendo da polimeri fotosensibili liquidi che si solidificano una volta esposti a luce ultravioletta. Il modello è sviluppato su una piattaforma situata appena sotto la superficie in un contenitore pieno di resina liquida di acrilato o resina epossidica (fig.1). Un laser UV a bassa potenza e con alto potere focalizzante irradia il materiale fotosensibile secondo la geometria desiderata, permetto così la sua solidificazione e lasciando liquido quello non compreso all intreno della geometria. In seguito, un elevatore abbassa all interno del contenitore pieno di polimero liquido la piattaforma su cui è stato realizzato il primo strato della struttura e ripete la procedura su detta e permette la realizzazione del secondo strato[19,20,21]. Questo processo è ripetuto fino a che il prototipo non sia completo. In seguito, la parte solida è rimossa dal contenitore, è pulita e risciacquata del liquido eccedente. In seguito il prototipo è disposto in un forno ultravioletto per il trattamento completo. Poiché la stereolitografia è stata la prima tecnica, essa può essere presa come riferimento per valutare le altre tecnologie [22,23,24]. I fotopolimeri utilizzati sono relativamente viscosi, semplicemente abbassando il substrato di deposizione il liquido non ricopre uniformemente la superficie superiore. Un meccanismo di rivestimento quindi è richiesto per facilitare questo processo. Per esempio, una metodologia normalmente utilizzata è di abbassare il substrato di un tratto dz maggiore rispetto a quello previsto per il normale strato,in modo che il liquido interamente circoli sulla superficie superiore. Il substrato è poi riportato all'altezza voluta e poi un braccio su cui è montata una lamierina attraversa la superficie per livellare rapidamente il materiale viscoso eccedente [25,26]. 6

7 1 - Sorgente laser 2 Ottica 3 - Oggetto solidificato 4 - Fotopolimero liquido 5 - Supporto 6 - Piattaforma mobile Figura 1. Schema di principio del sistema di stereolitografia 1.5 Laminazione di membrane La laminazione di membrane è una metodologia sviluppata da Helisys di Torrance. Tale tecnica è basata sulla realizzazione del prototipo per adesione di strati successivi di fogli polimerici [27,28]. Il materiale originale consiste in carta laminata con colla attivata dal calore e avvolta su bobine (fig.2). Un meccanismo di feeder/collector permette l avanzamento del foglio di carta sopra la piattaforma di realizzazione, una volta steso il foglio, un rullo riscaldato applica la pressione per legare la carta alla base. Un laser poi taglia il profilo del primo strato secondo al geometria desiderata permettendo la rimozione delle parti in eccesso durante la fasze di post-processing. Durante la fase realizzativa, il materiale eccedente fornisce il supporto per le sporgenze e le sezioni a pareti sottili. Dopo che il primo strato è stato tagliato, la piattaforma viene abbassata ed altro foglio di carta è sovrapposto al primo strato. Il rullo lega il secondo strato al primo ed il laser taglia il secondo strato. Questo processo è ripetuto tante volte quanti sono gli strati che compongono il prototipo da realizzare. Poiché i modelli sono fatti di carta, devono essere sigillati e rifiniti con vernice per impedire i danni dell'umidità [29,30]. La Helisys ha sviluppato fogli in nuovi materiali, compreso plastica, carta idrorepellente, nastri di coperti da polvere metallica o ceramica [7]. Tali 7

8 nastri, ricoperti da polverne, vengono prima sinterizzati per ottenere una resistenza massima ed in seguito tagliati. A partire dal 2001, Helisys non è più sul mercato[31]. Ottica Laser Sistema di posizionamento X-Y Membrane tagliate Rullo di laminazione Pila di membrane Membrane Piattaforma Fig.2 Schema di principio della laminazione di membrane 1.6 Sinterizzazione Laser La sinterizzazione laser selettiva, sviluppata da Carl Deckard durante la sua tesi di master all'università del Texas è stata brevettata nel 1989 [32,33,34]. Questa tecnica usa un fascio laser per fondere selettivamente i materiali in polvere, quali nylon, elastomero e metallo, in un oggetto solido. Le parti sono sviluppate su una piattaforma che viene ricoperta dalla polvere del materiale di utilizzo (fig.3). Un laser segue il modello del primo strato, sinterizzando insieme i grani del materiale prescelto. La piattaforma, poi, è abbassata di un tratto dz ed un nuovo strato di polvere è riapplicata. Questo processo continua fino a che il prototipo non è completo. La polvere eccedente in ogni strato contribuisce a sostenere la parte durante la configurazione [35,36,37]. Le principali macchine di SLS sono prodotte da DTM di Austin, TX [8]. L'istituto per lo sviluppo di tecnologia da produzione di Fraunhofer (IPT) inoltre ha prodotto un'unità sperimentale di laser sintering per la sinterizzazione diretta del metallo. In questo sistema, uno strato di materiale metallico in polvere è sparso e livellato sopra la superficie di deposizione e 8

9 poi sugli strati successivi, mentre un laser a CO2 esplora selettivamente lo strato per fondere quelle zone definite dalla geometria della sezione trasversale. L'energia del laser inoltre fonde insieme gli strati. Il materiale non fuso rimane sul posto come la struttura di sostegno. Dopo che ogni strato sia depositato, una piattaforma dell'elevatore abbassa la parte dallo spessore dello strato e lo strato seguente di polvere è depositato. Quando la figura è completamente sviluppata, la parte è ripulita dalla polvere di sostegno e pornta per il suo uso [38]. Laser Sistema scanner Letto di polvere Sistema di rilascio della polvere Pistone di fabricazione Fig.3 Schema di principio del laser sintering 1.7 Fused Depostion Modelling La Fused Depositino Modelling permette di realizzare prototipi tramite l estruzione di filamenti termoplastici riscaldati da un augello movimentanto nel piano x-y (fig.4). Come un panettiere che decora una torta, la testa di tale sistema controlla l'estrusione dei filamenti di materiale sulla piattaforma di deposizione per formare il primo strato [39,40,41]. La piattaforma è posta ad una temperatura inferiore a quella della testina di estrusione in modo che il termoplastico si indurisca rapidamente. Una volta realizzato il primo strato, la piattaforma è abbassata di un tratto dz e la 9

10 testina di estrusione deposita il secondo strato. Il processo si ripete finchè il prototipo non è realizzato, a volte come materiale di supporto si ultizza un secondo materiale, rimovibile in un solvente in cui il primo non è solubile [42,43]. I materiali normalmente utilizzati i tale tecnica sono il policarbonato, il polifenilsulfonato o la cera. Filamento Rulli Testina FDM Riscaldatore Asse X-Y Ugello Piattaforma Asse z Fig.4 Schema di principio del fused deposition system 1.8 Solid Ground Curing Questa tecnica è molto simile al laser selective sintering, in quanto si usano sempre materiali fotosensibili e la luce ultravioletta, solo che mentre nella SLA lo strato è realizzato punto per punto, questa metodologia permette di realizzare un intero strato alla volta [44]. In pratica, la resina fotosensibile è spruzzata sulla base di realizzazione, in seguito tramite una maschera, stampata su una lastra di vetro, lo strato fotosensibile viene esposto alla luce UV, che polimerizza in un unico momento tutto il piano. Dopo ciò, viene spruzzato con altra resina liquida ed il processo viene ripetuto fino alla realizzazione complessiva del prototipo. I dispositvi di SGC sono distribuite negli USA da Cubital America Inc [45]. Tali dispositivi sono abbastanza grandi e servono per produrre per lo più prototipi dalle grandi dimensioni. 10

11 1.9 3D Ink-Jet Printing Col termine 3d Ink-Jet Printing ci si riferisce ad un intera gamma di teniche che impiegano la tecnologia del getto di inchiostro per la realizzazione di prototipi tridimensionali [45]. Il primo dispositivo basato su questa tecnica è stata sviluppata al MIT. le parti sono sviluppate su una piattaforma situata in uno scomparto in pieno del materiale della polvere. Il getto di inchiostro, che è in realtà un solvente del materiale che si utilizza per realizzare il prototipo, spruzzato sulla base di deposizione, dove è stata deposita la polvere di materiale fonde selettivamente la polvere nelle zone volute [46]. La polvere non legata rimane a sostenere il prototipo. Una volta realizzato il primo strato, la piattaforma viene abbassata, ed altra polvere viene aggiunta e livellata ed il processo è ripetuto. Una volta terminato il processo, la polvere non legata eccedente è eliminata. Gli spessori tipici di ogni strato sono dell'ordine di 0,1 millimetri. Questo processo è molto veloce, anche se i prototipi presentano uan superficie un po'granulare [47]. Esistono anche sistemi, che prevedono un allineamento lineare delle teste di stampa per produrre velocemente i modelli termoplastici. Se il prototipo è abbastanza piccolo, la testa di stampa può depositare un intero strato in un unico passaggio [48]. Altrimenti, la testa esegue parecchi passaggi. Il prototipo delle sabbiatrici di Wilton usa una tecnica differente del getto di inchiostro per la realizzazione del prototipo. Il modello prevede due testine, una che eroga il materiale termoplastico in cui si vuole realizzare il prototipo e l altra estrude cera, che serve a costituire i supporti della struttura. Dopo ogni strato, un utensile da taglio macina leviga la superficie superiore in modo da renderla uniforme. Tale dispositivo è utilizzato per lo più nell industria dei monili [49] Applicazioni del Rapid Prototyping Il RP è ampiamente utilizzato nelle industrie dei prodotti automobilistici, aerospaziali, medici e di consumo. La sua grande ricaduta commerciale è dovuta alla rapidità con cui si riescono a realizzare i prototipi sia a scopo di prova che di comunicazione. I prototipi migliorano drammaticamente la comunicazione perché la maggior parte della gente, compreso gli assistenti tecnici, trova gli oggetti tridimensionali più facili da capire rispetto alle illustrazioni bidimensionali [50]. Tali metodologie hanno in tal modo permettono inoltre di ridurre i tempi di progettazione con un notele risparmio economico. La comunicazione efficace è particolarmente importante in questa era dell ingegneria simultanea, infatti lo scambio dei prototipi ottenuti per RP, permette sia di definire meglio il 11

12 prodotto che di attivare anche fasi parallele di produzione, come la progettazione dell imballaggio e del marketing, che nel classico processo di sviluppo di un prodotto sono processi seriali [51,52] Il RP permette di attivare il processo di prova iterativa: cioè sviluppo un prototipo, verifica, riprogettazione, realizzazione di un nuovo prototipo, verifica e così via fino all ottenimento del prodotto desiderato. Un tal metodo impiegherebbe troppo tempo utilizzando le tradizionali tecnologie di lavorazione e risulterebbe spesso antieconomico. Oltre che essere veloci, i modelli di RP permettono di realizzare funzioni che i classici prototipi in metallo non possono sviluppare. Per esempio, la Porsche ha realizzato un prototipo trasparente tramite stereolitografia della trasmissione della GTI 911, per studiare visivamente il flusso dell'olio. In pratica tali metodologie oltre a fornire informazioni sulla realizzabilità del pezzo, permettono anche di vedere come esso funzioni realmente. Tali tecniche hanno permesso inoltre anche lo sviluppo di di strumenti sempre più precisi e sviluppati ad hoc. La lavorazione con utensili è uno dei punti più lenti e più costosi nel processo di manufacturing, a causa della qualità estremamente alta richiesta. Gli attrezzi hanno spesso geometrie complesse, tuttavia devono essere dimensionalmente esatti all'interno di un centesimo di un millimetro. In più, gli attrezzi devono essere duri, resistenti all'uso ed hanno rugosità di superficie molto bassa (circa 0,5 micrometri sradicano il quadrato medio). Per fare fronte a queste richieste, in genere occorre lavorare con strumenti a controllo numerico o lavorare per elterroerosione o a mano. Tutti questi porcessi sono costosi e che richiedeno tempo, per tale motivo ci si è indirizzati verso il RP, che portano ad u risparmio dei costi di produzione di circa il 75% [53]. Ovviamente l idea base è quella di sviluppare un Rapid Manufacturing (RM), cioè la produzione automatizzata dei prodotti vendibili direttamente dai dati CAD. Attualmente soltanto alcuni prodotti finali sono prodotti dalle macchine del RP, ma il loro numero aumenterà non appena la gamma dei materiali utilizzabili si espanderà. Tuttavia, la RM non potrà mai completamente sostituire le altre tecniche di fabbricazione, particolarmente nelle grandi produzioni, anche se essa non richiede la lavorazione con utensili. RM è inoltre ideale per produrre le parti su ordinazione adeguate alle specifiche dei clienti. Ad esempio, la NASA sta sperimentando le tecniche di RP per produrre i guanti della stazione orbitnate spaziale su misura per ogni astronauta [54] Le applicazioni mediche Il Rapid Prototyping sta avendo un grosso sviluppo anche nel settore biomedicale, basti pensare alla progettazione chirurgica ed alla lavorazione delle protesi [55,56]. 12

13 I sistemi di RP stanno assumendo anche un grande impatto nello sviluppo di microsistemi per il rilascio controllato dei farmaci. Tutto ha inizio negli anni 70, quando si diffonde un nuovo metodo di informazione medica basato sui raggi X, cioè l'esame tomografico o tomografia automatizzata (CT). Questa modalità differisce dai tradizionali raggi X in quanto le immagini sono prese non più da un piano fisso ma da un insiem di posizioni poste ad angoli diversi. Le informazioni raccolte da ogni sezione sono analizzate numericamente per ottenere la distribuzione spaziale delle densità dei raggi X all'interno dello spazio analizzato. Le informazioni ottenute da ogni sezione possono allora essere unite per fornire un'immagine volumetrica della struttura [57,58]. I dispositivi di CT permettono di ottenere immagini con una risoluzione di 512 x 512 elementi all'interno di uno stesso strato. Queste immagini possono allora essere composte in modo da ottenre una presentazione stereoscopica dell organo o del tessuto in esame e poiché già sequenza di strati possono essere passate ai macchinari di RP per la ricostruzione di parti o di interi organi in materiale biocompatibile su cui seminare le cellule e con questo rigenerare o riparare il sito biologico lesionato o malato [59,60]. Questa metodologia di lavoro ha, infatti, dato vita ad un nuovo settore della ricerca noto come Ingegneria Tissutale Sviluppi futuri Il RP sta cominciando a cambiare il modo in cui le aziende progettano e realizzano i prodotti. All'orizzonte, si intravedono parecchi sviluppi nel settore del RP, che contribuiranno a rivoluzionare il manufacturing come lo conosciamo attualmente. Il principale miglioramento è l aumento di velocità dei vari dispositivi di RP, che affiancati da calcolatori più veloci, da sistemi di controllo più complessi ed da materiali nuovi e migliori, permetteranno di ottenre prototipi o direttamnet prodotti finiti in tempi brevi. In tal modo riduzioni continue del tempo di ptotipizzazione renderanno il manufacturing veloce ed economico per una più ampia varietà di prodotti. Un altro sviluppo futuro è quello di ottenere una finitura delle superfici migliore, e questo si pensa avverrà grazie all ausilio di una migliore ottica di focalizzazione del laser e nel controllo dei motori di posizionamento delle testine e del substrato, portando ad un aumento di precisione nei tre assi. In più, le aziende di RP stanno sviluppando nuovi polimeri che saranno meno inclini alla distorsione indotta dalla temperatura,quali metalli, ceramica e composti. Quale sia il processo di RP migliore dipende dall'applicazione ed è una funzione di parecchi fattori e vincoli, compreso costo, velocità di costruzione, esattezza, condizioni di funzionamento e del tipo e delle proprietà dei materiali 13

14 [1] Prinz, F. B., ed. JTEC/WTEC panel report on rapid prototyping in Europe and Japan. Vol. II. Site reports. Baltimore, MD: Loyola College. NTIS Report #PB [2] D.T. Pham, S.S. Dimov, K.L., Rapid manufacturing the technologies and applications of rapid prototyping and rapid tooling,, Springer-Verlag, ISBN: [3] Choi, S.H., Chan, A.M.M., A virtual prototyping system for rapid product development Computer-Aided Design, p , Apr 2004 [4] Metal Powder Report Volume 59, Issue 2, p , February [5] Paul F. Jacobs, Ph.D. Rapid prototyping & manufacturing: Fundementals of stereolithography, Dearborn, Mi: Society of manufacturing Engineers, Journal of Product Innovation Management, Volume 11, Issue 1, p , January [6] [7] [8] [9] [10] Aubin, Richard F., A world wide assessment of rapid prototyping technologies. In Proc., Solid Freeform Fabrication Symposium. Austin, TX [11] D. Tudhope,, P. Beynon-Davies, H. Mackay, and R. Slack, Time and representational Devices in Rapid Application Development, Interacting with Computers,Volume 13, Issue 4, p , April [12] Rosochowski, A., Matuszak, A., Rapid tooling: the state of the art, Journal of Materials Processing Technology, Journal of Materials Processing Technology, Volume 106, Issues 1-3, p , 31 October [13] Broek, J.J. / Horvath, I. / de Smit, B. / Lennings, A.F. / Rusak, Z. / Vergeest, J.S.M., Free-form thick layer object manufacturing technology for large-sized physical models, Automation in Construction, Volume 11, Issue 3, p , Apr [14] Pham, D.T., Gault, R.S., A comparison of rapid prototyping technologies, International Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 38, Issues 10-11, p ,October [15] Cooling, J.E., Hughes, T.S., Animation prototyping of real-time embedded systems, Microprocessors and Microsystems, Volume 17, Issue 6, p , Jan [16] Nomura, J., Sawada, K., Virtual reality technology and its industrial applications Control Engineering Practice, Volume 7, Issue 11, p , November [17] You-Min Huang and Cho-Pei Jiang,On-line force monitoring of platform ascending rapid prototyping system, Journal of Materials Processing Technology, Volume 159, Issue 2, 30 January 2005, Pages [18] J. Giannatsis, V. Dedoussis and L. Laios, A study of the build-time estimation problem for Stereolithography systems, Robotics and Computer-Integrated Manufacturing, Volume 17, Issue 4, August 2001, Pages [19] H. Müller and J. Sladojevic, Rapid tooling approaches for small lot production of sheet-metal parts, Journal of Materials Processing Technology, Volume 115, Issue 1, 22 August 2001, Pages

15 [20] Y. G. Im, S. I. Chung, J. H. Son, Y. D. Jung, J. G. Jo and H. D. Jeong, Functional prototype development: inner visible multi-color prototype fabrication process using stereo lithography, Journal of Materials Processing Technology, Volumes , 20 December 2002, Pages [21] A. Y. C. Nee, J. Y. H. Fuh and T. Miyazawa, On the improvement of the stereolithography (SL) process,journal of Materials Processing Technology, Volume 113, Issues 1-3, 15 June 2001, Pages [22] B. Luan, M. Yeung, W. Wells and X. Liu, Chemical surface preparation for metallization of stereolithography polymers,applied Surface Science, Volume 156, Issues 1-4, 2 February 2000, Pages [23] Jack G. Zhou, Daniel Herscovici and Calvin C. Chen, Parametric process optimization to improve the accuracy of rapid prototyped stereolithography parts, International Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 40, Issue 3, February 2000, Pages [24] Hiroyuki Noguchi and Takeo Nakagawa, Manufacturing of high precision forming tool transferred from laser stereolithography models by powder casting method, Computers in Industry, Volume 39, Issue 1, June 1999, Pages [25] S. Huang, M. I. Heywood, R. C. D. Young, M. Farsari and C. R. Chatwin, Systems control for a micro-stereolithography prototype, Microprocessors and Microsystems, Volume 22, Issue 2, 30 June 1998, Pages [26] R. E. Williams, S. N. Komaragiri, V. L. Melton and R. R. Bishu, Investigation of the effect of various build methods on the performance of rapid prototyping (stereolithography), Journal of Materials Processing Technology, Volume 61, Issues 1-2, August 1996, Pages [27] Guoxing Yu, Yucheng Ding, Dichen Li and Yiping Tang, A low cost cutter-based paper lamination rapid prototyping system,international Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 43, Issue 11, September 2003, Pages [28] S. H. Lee, D. G. Ahn and D. Y. Yang, Surface reconstruction for mid-slice generation on variable lamination manufacturing,journal of Materials Processing Technology, Volumes , 20 December 2002, Pages [29] D. G. Ahn, S. H. Lee and D. Y. Yang, Development of transfer type variable lamination manufacturing (VLM-) process,international Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 42, Issue 14, November 2002, Pages [30] D. G. Ahn, S. H. Lee and D. Y. Yang, Investigation into thermal characteristics of linear hotwire cutting system for variable lamination manufacturing (VLM) process by using expandable polystyrene foam, International Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 42, Issue 4, March 2002, Pages [31] T. Himmer, T. Nakagawa and M. Anzai, Lamination of metal sheets, Computers in Industry, Volume 39, Issue 1, June 1999, Pages [32] J. C. Ferreira, Rapid tooling of die DMLS inserts for shoot-squeeze moulding (DISA) system, Journal of Materials Processing Technology, Volumes , 30 November 2004, Pages [33] A. Simchi and H. Pohl, Direct laser sintering of iron graphite powder mixture, Materials Science and Engineering A, Volume 383, Issue 2, 15 October 2004, Pages [34] A. Simchi, F. Petzoldt and H. Pohl, On the development of direct metal laser sintering for rapid tooling, Journal of Materials Processing Technology, Volume 141, Issue 3, 1 November 2003, Pages [35] Y. Tang, H. T. Loh, Y. S. Wong, J. Y. H. Fuh, L. Lu and X. Wang, Direct laser sintering of a copper-based alloy for creating three-dimensional metal parts, Journal of Materials Processing Technology, Volume 140, Issues 1-3, 22 September 2003, Pages [36] Kai Cai, Dong Guo, Yong Huang and Jinlong Yang, Solid freeform fabrication of alumina ceramic parts through a lost mould method, Journal of the European Ceramic Society, Volume 23, Issue 6, May 2003, Pages

16 [37] D. King and T. Tansey, Rapid tooling: selective laser sintering injection tooling, Journal of Materials Processing Technology, Volume 132, Issues 1-3, 10 January 2003, Pages [38] Hiroyuki Noguchi and Takeo Nakagawa, Manufacturing of high precision forming tool transferred from laser stereolithography models by powder casting method, Computers in Industry, Volume 39, Issue 1, June 1999, Pages [39] Weihong Zhong, Fan Li, Zuoguang Zhang, Lulu Song and Zhimin Li, Short fiber reinforced composites for fused deposition modeling,materials Science and Engineering A, Volume 301, Issue 2, 31 March 2001, Pages [40] R. Anitha, S. Arunachalam and P. Radhakrishnan, Critical parameters influencing the quality of prototypes in fused deposition modelling, Journal of Materials Processing Technology, Volume 118, Issues 1-3, 3 December 2001, Pages [41] Guohua Wu, Noshir A. Langrana, Rajendra Sadanji and Stephen Danforth, Solid freeform fabrication of metal components using fused deposition of metals, Materials & Design, Volume 23, Issue 1, February 2002, Pages [42] Iwan Zein, Dietmar W. Hutmacher, Kim Cheng Tan and Swee Hin Teoh, Fused deposition modeling of novel scaffold architectures for tissue engineering applications, Biomaterials, Volume 23, Issue 4, 15 February 2002, Pages [43] P. M. Pandey, N. V. Reddy and S. G. Dhande, Real time adaptive slicing for fused deposition modelling, International Journal of Machine Tools and Manufacture, Volume 43, Issue 1, January 2003, Pages [44] X. Zhang, B. Zhou, Y. Zeng and P. Gu, Model layout optimization for solid ground curing rapid prototyping processes,robotics and Computer-Integrated Manufacturing, Volume 18, Issue 1, February 2002, Pages [45] [46] Patrick Cooley, David Wallace and Bogdan Antohe, Applicatons of Ink-Jet Printing Technology to BioMEMS and Microfluidic Systems, Journal of the Association for Laboratory Automation, Volume 7, Issue 5, 1 October 2002, Pages [47] R. Danzebrink and M. A. Aegerter, Deposition of micropatterned coating using an ink-jet technique,thin Solid Films, Volume 351, Issues 1-2, 30 August 1999, Pages [48] D. Pede, G. Serra and D. De Rossi, Microfabrication of conducting polymer devices by ink-jet stereolithography, Materials Science and Engineering: C, Volume 5, Issues 3-4, February 1998, Pages [49] JL Williams and M Macleod, Microcomputer-controlled instrumentation for ink-jet printing, Microprocessors and Microsystems, Volume 4, Issue 2, March 1980, Pages [50] Yonghua Chen, Zhengyi Yang and Lili Lian, On the development of a haptic system for rapid product development, Computer-Aided Design, In Press, Corrected Proof, Available online 27 September 2004 [51] Jürgen Stampfl, Hao-Chih Liu, Seo Woo Nam, Katsuhiko Sakamoto, Hideaki Tsuru, Sangkyun Kang, Alexander G. Cooper, Alexander Nickel and Fritz B. Prinz, Rapid prototyping and manufacturing by gelcasting of metallic and ceramic slurries,materials Science and Engineering A, Volume 334, Issues 1-2, 1 September 2002, Pages [52] M. Y. Yang and S. G. Ryu, Development of a composite suitable for rapid prototype machining, Journal of Materials Processing Technology, Volume 113, Issues 1-3, 15 June 2001, Pages [53] Denis Cormier and James Taylor, A process for solvent welded rapid prototype tooling, Robotics and Computer-Integrated Manufacturing, Volume 17, Issues 1-2, February 2001, Pages [54] J. W. Schultz and R. P. Chartoff, Photopolymerization of nematic liquid crystal monomers for structural applications: molecular order and orientation dynamics, Polymer, Volume 39, Issue 2, 1998, Pages

17 [55] Rüdiger Landers, Ute Hübner, Rainer Schmelzeisen and Rolf Mülhaupt, Rapid prototyping of scaffolds derived from thermoreversible hydrogels and tailored for applications in tissue engineering, Biomaterials, Volume 23, Issue 23, December 2002, Pages [56] N. K. Vail, L. D. Swain, W. C. Fox, T. B. Aufdlemorte, G. Lee and J. W. Barlow, Materials for biomedical applications, Materials & Design, Volume 20, Issues 2-3, 1 June 1999, Pages [57] Wei Sun and Pallavi Lal, Recent development on computer aided tissue engineering a review, Computer Methods and Programs in Biomedicine, Volume 67, Issue 2, February 2002, Pages [58] R. Petzold, H. -F. Zeilhofer and W. A. Kalender, Rapid prototyping technology in medicine basics and applications, Computerized Medical Imaging and Graphics, Volume 23, Issue 5, September-October 1999, Pages [59] E. Berry, J. M. Brown, M. Connell, C. M. Craven, N. D. Efford, A. Radjenovic and M. A. Smith, Preliminary experience with medical applications of rapid prototyping by selective laser sintering, Medical Engineering & Physics, Volume 19, Issue 1, January 1997, Pages [60] R. E. Williams, S. N. Komaragiri, V. L. Melton and R. R. Bishu, Investigation of the effect of various build methods on the performance of rapid prototyping (stereolithography), Journal of Materials Processing Technology, Volume 61, Issues 1-2, August 1996, Pages

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Tecnologia al Plasma delle Superfi ci

Tecnologia al Plasma delle Superfi ci Tecnologia al Plasma delle Superfi ci Ingegneria di precisione Femto Tecnologia dei semiconduttori Plasmabeam Tetra-30-LF-PC Ingegneria elettrica Elastomeri Tecnologia plastica Tecnologia medica Diener

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio 3M Italia, Novembre 2010 Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio Bollettino Tecnico 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax: 02 70058174 E-mail itgraphics@mmm.com

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

FORM 200 FORM 300 FORM 400

FORM 200 FORM 300 FORM 400 FORM 200 FORM 300 FORM 400 < Efficienza senza limiti FORM 200 2 Sommario Efficienza senza limiti Costruzione meccanica AC FORM HMI 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 8 12 18

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM

attraverso l impiego convenzionale di linee, numeri e simboli Il disegno rappresenta un elemento chiave del ciclo di vita di un prodotto CAM CAM Il disegno tecnico di un oggetto è in grado di spiegarne: - la forma, - le dimensioni, - la funzione, - la lavorazione necessaria per ottenerlo, - ed il materiale in cui è realizzato. attraverso l impiego

Dettagli

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Bollettino Istruzioni 5.31 Aprile 2003 Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Informazioni generali I films 3M a tecnologia Comply rendono le applicazioni più facili per raggiungere un

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

www.protomold.it Il servizio di stampaggio a iniezione di Proto Labs Pezzi stampati a iniezione velocemente, in un solo giorno lavorativo.

www.protomold.it Il servizio di stampaggio a iniezione di Proto Labs Pezzi stampati a iniezione velocemente, in un solo giorno lavorativo. www.protomold.it Il servizio di stampaggio a iniezione di Proto Labs Pezzi stampati a iniezione velocemente, in un solo giorno lavorativo. Rapido. 10 pezzi. Oltre 10.000 pezzi. Consegna in un solo giorno

Dettagli

Additivi per sistemi vernicianti a base acqua

Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Substance for Success. Guida prodotto L-G 6 Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Additivi per sistemi vernicianti a base acqua Indice Additivi bagnanti e disperdenti Pagina 3 Additivi reologici

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi

Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Tecnologie e metodi stampa su tessuti e supporti rigidi Guida di orientamento tra le tecnologie e le problematiche nel mondo della stampa su tessuti e supporti rigidi Sviluppo crescita cambiamento Il lavoro

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA

Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA Presentazione della Societa CAE Technologies Srl VAR Dassault Systemes SIMULIA pag. 1 La Societa CAE Technologies Srl e stata fondata nel marzo 2013. Il nome breve della CAE Technologies Srl e CAETECH.

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

MANUALE PER VETRATE ISOLANTI

MANUALE PER VETRATE ISOLANTI MANUALE PER VETRATE ISOLANTI INFORMAZIONI Le informazioni contenute nel presente documento sono presentate in buona fede in base alle ricerche e alle osservazioni della Dow Corning, che le considera accurate.

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Sistemi digitali inkjet per la decorazione su vetro

Sistemi digitali inkjet per la decorazione su vetro Sistemi digitali inkjet per la decorazione su vetro Durst, lo specialista nei sistemi di stampa inkjet industriali per la decorazione su vetro. Durst è specializzata nella fornitura di soluzioni per la

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects Il colore Mapei nel progetto The Mapei colour in the project Effetti Estetici Decorative Effects Marmorino Marmorino Effetto Classico Marmorino Classical Effect Effetti Estetici Decorative Effects 3 Applicazione

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Guida agli Oblo e Osteriggi

Guida agli Oblo e Osteriggi Guida agli Oblo e Osteriggi www.lewmar.com Introduzione L installazione o la sostituzione di un boccaporto o oblò può rivelarsi una procedura semplice e gratificante. Seguendo queste chiare istruzioni,

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

MANUALE DELL UTENTE E ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE

MANUALE DELL UTENTE E ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE DELL UTENTE E ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE Trasduttore da interno scafo ad Inclinazione Regolabile Modello P79 Brevetto negli Stati Uniti N. 6.201.767. Brevetto europeo 1 118 074 Annotate le

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Guida alla manutenzione. Soluzioni per qualsiasi esigenza di incollaggio, sigillatura, pulizia e lubrificazione

Guida alla manutenzione. Soluzioni per qualsiasi esigenza di incollaggio, sigillatura, pulizia e lubrificazione Guida alla manutenzione Soluzioni per qualsiasi esigenza di incollaggio, sigillatura, pulizia e lubrificazione Soluzioni per esperti di manutenzione In Henkel, siamo consapevoli delle difficoltà che si

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli