IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLOCAMENTO MIRATO. a cura di Alessandra Bezzecchi"

Transcript

1 IL COLLOCAMENTO MIRATO a cura di Alessandra Bezzecchi Quante volte abbiamo sentito parlare di collocamento mirato delle persone disabili? Negli ultimi dieci anni credo spesso e se all inizio non se ne conosceva il significato, oggi un po tutti possono affermare di saperne qualcosa. Ma da dove arriva? Come è nato? ha cambiato davvero qualcosa nell approccio al collocamento delle persone disabili? Chi sono i beneficiari?, come fanno ad usufruirne? a chi ci si deve rivolgere per accedervi? che cosa offre? quali gli strumenti?. Per rispondere partiamo rileggendo le prime pagine della sua storia che lo contraddistinguono universalmente nei suoi contenuti per poi affrontare e comprendere il capitolo specifico della sua evoluzione nella Provincia di Mantova. All inizio La prima normativa sul collocamento obbligatorio risale al 1917 e riguardava l assunzione di mutilati ed invalidi di guerra che denunciava una chiara scelta politica, cioè quella di premiare chi avesse subito delle menomazioni in guerra (visione risarcitoria dello Stato nei confronti di queste persone). Nel 1948 si amplia la gamma delle menomazioni previste come garanzia di un agevolazione per il lavoro, ed è così che la tubercolosi (molto diffusa al tempo) diventa oggetto di assunzioni obbligatorie ( visione dello Stato che vuole essere solidale verso una disabilità che per la prima volta è di natura sanitaria). Con la Costituzione Repubblicana vengono sanciti principi, diritti e doveri a tutela della salute e del lavoro che sfociano, per quanto riguarda il collocamento obbligatorio, nella formulazione della Legge 482/1968 che disciplina per la prima volta in modo unitario la materia. Questa legge presentava parecchie problematicità, non ultima quella di un approccio assistenziale sul piano operativo e metodologico dell inserimento lavorativo del soggetto disabile. Oggi A far data dal 26/11/99 in attuazione dell art. 2 comma 1 del Decreto legislativo 469/97, le funzioni in materia di mercato del lavoro sono state trasferite dalla Stato (Ministero del Lavoro) alle Amministrazioni Provinciali comprese quelle del collocamento dei soggetti disabili rivoluzionando l organizzazione e la struttura della disciplina in materia. In concomitanza con il trasferimento dallo Stato alle Regioni e agli Enti locali di funzioni e compiti relativi al collocamento e alle politiche attive del lavoro, il 18 gennaio del 2000 è entrata in vigore la legge 68. L intervento legislativo della Legge n 68 ha ridefinito le disposizioni in materia di assunzione di soggetti disabili, abrogando la vecchia disciplina generale della Legge n. 482 del 2 aprile 1968 in materia di assunzioni obbligatorie. 1

2 Il cambiamento La legge 68 del 1999 ha segnato il passaggio dal collocamento delle persone disabili imposto alle imprese, cosiddetto obbligatorio, al collocamento mirato e cioè costruito con il coinvolgimento del soggetto disabile stesso, delle imprese e supportato da attori sociali terzi che intervengono, ognuno per la loro competenza, a definire e a rendere possibile l inserimento lavorativo. Essa promuove l inserimento e l integrazione lavorativa dei disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e collocamento mirato. Ed è proprio il concetto di collocamento mirato che ispira questa legge nelle linee fondamentali, intendendo per mirato quel collocamento che individua il posto di lavoro in rapporto alla concreta capacità lavorativa del singolo soggetto disabile. La riforma introdotta dalla legge 68/99 ha marcato il passaggio dall approccio assistenziale, sostanzialmente indifferente nei confronti dei meccanismi di costruzione sociale del problema creato dalla 482, ad uno fortemente orientato alla valorizzazione delle competenze e potenzialità del lavoratore. Si tratta quindi di un collocamento individualizzato. Il servizio competente L Ufficio Disabili collocamento categorie protette della Provincia di Mantova è il Servizio provinciale che detiene la responsabilità strategica delle politiche orientate all'inserimento mirato al lavoro del disabile la cui competenza si estende su tutto il territorio della provincia. I soggetti interessati a) le persone Per accedere ai servizi del collocamento mirato per prima cosa occorre iscriversi in un apposito elenco (art. 1 della legge 68/99) ma non tutti possono farlo, solamente : a) gli invalidi civili ai quali è stata riconosciuta un invalidità superiore al 45% da parte delle Commissioni mediche istituite presso le Aziende Sanitarie Locali a norma dell articolo 4 della legge n. 104/1992 (art. 1 L. n. 68/1999); b) gli invalidi del lavoro ai quali è stata riconosciuta un invalidità superiore al 33% da parte dell INAIL (art. 1, L. n. 68/1999); c) i non vedenti ed i sordi ai sensi della Legge n. 382/1970 e n. 381/1970 (art. 1 L. n. 68/1999); d) gli invalidi di guerra, civili di guerra e per servizio (accertamento effettuato ai sensi della normativa contenuta nel T.U. in materia di pensioni di guerra art. 1, 6 comma, L. n. 68/1999).); e) le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata o del dovere ed i loro familiari (art. 1, 2 comma, L. n. 407/1998 sostituito ex art. 2 L. n. 288/1999); f) i familiari delle vittime del lavoro o del servizio o di guerra (art. 18, 2 comma, L. n. 68/1999); g) i profughi rimpatriati (art. 18, 2 comma, L. n. 68/1999) devono presentare certificato che attesta la qualità di Profugo rilasciato dalla Prefettura. Possono iscriversi anche i lavoratori stranieri regolarmente soggiornanti, naturalmente alle medesime condizioni richieste per i cittadini italiani. 2

3 b) le aziende Al fine di promuovere l integrazione lavorativa dei disabili, la legge prevede l obbligo di riservare ai lavoratori appartenenti alle categorie protette di cui sopra una certa quota delle assunzioni, proporzionata alle dimensioni dell organico aziendale, obbligo di riserva che interessa tutti i datori di lavoro che occupano almeno quindici dipendenti. (vedi TAB.1) Come e dove iscriversi L iscrizione avviene presso uno dei cinque Centri per I'impiego territorialmente competenti a livello provinciale che sono le sedi dove il cittadino, qualora ne abbia titolo, si iscrive all'elenco/graduatoria previsto dalla legge n. 68/99. Ma quali sono i requisiti affinché le categorie sopra riportate possano iscriversi? Precondizione naturalmente è quella di essere in possesso di un verbale di visita che stabilisce il grado di invalidità e la valutazione delle potenzialità lavorative accertate sempre dalle competenti Commissioni mediche (Commissione per l accertamento dell invalidità integrata da un operatore sociale e un esperto nei casi da esaminare). L accertamento viene condotto secondo i criteri omogenei indicati nell atto di indirizzo e coordinamento del Presidente del Consiglio dei Ministri adottato con il D.P.C.M. 13 gennaio Requisito generale poi per l iscrizione è quello dello stato di disoccupazione (art. 8 L. n. 68/1999), disciplinato dal D.Lgs. n. 181/2000, come modificato dal D.Lgs. n. 297/2002, stato di disoccupazione che com è noto si conserva anche in caso di svolgimento di un attività lavorativa che assicuri un reddito non superiore al minimo imponibile ai fini fiscali (8.000 euro per reddito da lavoro dipendente, per reddito da lavoro autonomo). L età lavorativa era il secondo requisito generale per l iscrizione agli appositi elenchi di cui alla lg. 68, scrivo dico perché in realtà oggi può iscriversi anche un pensionato di anzianità/vecchiaia che sia titolare però di reddito da pensione inferiore al minimo imponibile. Il limite dei 15 anni come soglia minima è sostituito dall assolvimento dell obbligo scolastico in base alla vigente legislazione. Da ricordare che L'iscrizione alle liste della legge 68/99 non è più comunque necessaria per i benefici economici determinati dall'invalidità, a seguito della Legge finanziaria 247/07 che prevede l'erogazione degli assegni mensili agli aventi diritto, senza più l'obbligo di iscrizioni alle liste provinciali. Cosa offre il servizio a) alla persona Le persone con disabilità che si sono iscritte alle liste della legge 68/99 e che cercano un lavoro possono ottenere dall Ufficio Disabili: Accoglienza ed informazione Colloqui di preselezione Consultazione dell elenco delle aziende obbligate alle assunzioni Incrocio tra domanda/offerta di lavoro Segnalazione del nominativo per colloquio in azienda (preselezione) Inoltre lo strumento tecnico e di supporto per eccellenza che agevola e sostiene il collocamento mirato di soggetti disabili è il Piano Provinciale Disabili della Provincia di Mantova che, di durata biennale, oggi è alla sua seconda edizione. L Ufficio si ripropone attraverso il Piano Provinciale Disabili (di seguito Piano ) di programmare e coordinare 3

4 ogni possibile intervento volto a facilitare l ingresso nel mondo del lavoro delle persone disabili, anche di quelle spesso escluse a causa delle loro particolari problematicità. Gli strumenti attivabili grazie al Piano in essere sono: tirocini azioni di mantenimento del posto di lavoro sostegno alle imprese per l assunzione adeguamento del posto di lavoro formazione La legge 68, sebbene impositiva per le aziende, mette comunque al centro la persona contemplando una forte integrazione tra i sistemi territoriali della formazione, del lavoro e delle politiche sociali. Attraverso il Piano sono state anche implementate ed organizzate queste reti territoriali come strumento di governo dei processi di inclusione. Le azioni previste sono destinate ai soli disabili iscritti all Ufficio Disabili della Provincia di Mantova e possono essere realizzate dai soggetti attuatori indicati dalla Regione Lombardia. b) alle aziende Anche per i datori di lavoro si prospetta un approccio culturalmente diverso: considerare i lavoratori disabili risorse produttive e non solo un obbligo occupazionale. Alle aziende soggette agli obblighi l Ufficio offre: consulenza e supporto per gli adempimenti amm.vi; rilevazione delle mansioni disponibili per un attenta analisi del posto di lavoro servizio di preselezione informazione sulle opportunità di volta in volta promosse dall Ufficio per agevolare l inserimento della persona disabile In cantiere L Ufficio, insieme con tutte le altre Province lombarde, sta in questi giorni delineando, in sinergia con la Regione, la programmazione del 3 Piano Provinciale che dovrebbe partire questo inverno. Di interesse per gli eventuali destinatari del collocamento mirato, è poi la notizia dell approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto legge n 78 del 01/07/2009 con cui il Governo, nell articolo Contrasto alle frodi in materia di invalidità civile, dovrebbe consentire tempi più rapidi e modalità più chiare per il riconoscimento dell'invalidità civile, dell'handicap e della disabilità, attribuendo all'inps nuove competenze. Nell attesa che il decreto passi all esame delle Camere per la conversione in legge, valgono le regole fissate dalla vigente normativa. 4

5 TABELLA 1: L OBBLIGO DI RISERVA DELLE AZIENDE Organico da: 15 a 35 Quota di riserva: 1 Di cui: 1 nominativa Organico da: 35 a 50 Quota di riserva: 2 Di cui: 1 numerica 1 nominativa Organico da: 51 e oltre Quota di riserva: 7 % Di cui: 40% numerica 60% nominativa TABELLA 2: SOGGETTI DISABILI ISCRITTI ALLA DATA DEL 10/07/09 INVALIDI CIVILI ISCRITTI ORDINARI MASCHI VIADANA SUZZARA OSTIGLIA MANTOVA CASTIGLIONE FINO AL 67% >67 AL 79% DA 80% AL % >90% AL % MINORATI DELLA VISTA SORDI TOTALE INVALIDI CIVILI ISCRITTI ORDINARI FEMMINE VIADANA SUZZARA OSTIGLIA MANTOVA CASTIGLIONE FINO AL 67% >67 AL 79% DA 80% AL % >90% AL % MINORATI DELLA VISTA SORDE TOTALE TOTALE TOTALE ISCRITTI

6 INVALIDI DEL LAVORO FINO AL 67% 33 >67 AL 79% 5 DA 80% AL 90% 1 >90% AL 100% 1 TOTALE 40 6

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa

L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITA IN ITALIA Premessa Promuovere l occupazione delle persone disabili significa accrescere il benessere socio-economico dell intera collettività. Su questo

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro Guiida siintetiica all collllocamento miirato deii diisabiillii Pagina 1 di 5 CIITTADIINII IINTERESSATII

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

SCHEDA SINTETICA Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"

SCHEDA SINTETICA Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili SCHEDA SINTETICA Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" SCOPO E OBIETTIVO La Legge 68/1999 promuove l integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro attraverso

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

Giunta Regionale della Campania DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA

Giunta Regionale della Campania DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 67 del 17 dicembre 2001 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Decreto n. 2516 del 21 novembre 2001 OSSERVATORIO REGIONALE MERCATO DEL

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità.

PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap.

NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP. Ma, soprattutto di mettere tutti a conoscenza delle leggi che tutelano i portatori di handicap. NOTIZIE DAL MONDO DELL HANDICAP Come sapete, da settembre è attivo lo SPORTELLO HANDICAP (aperto tutte le mattine dal lun. al ven. dalle 9.30 alle 12.30, tel 0415491226) il quale ha come scopo principale

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO LA CARTA DEI SERVIZI PER I LAVORATORI DISABILI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO POSSIAMO GARANTIRTELO: I CENTRI PER L IMPIEGO SONO VICINI, E TI SONO VICINI indice dei servizi ACCOGLIENZA ISCRIZIONE IN ELENCHI

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

IMMISSIONI IN RUOLO 2014/15: RISERVE DI LEGGE NELLE ASSUNZIONI.

IMMISSIONI IN RUOLO 2014/15: RISERVE DI LEGGE NELLE ASSUNZIONI. IMMISSIONI IN RUOLO 2014/15: RISERVE DI LEGGE NELLE ASSUNZIONI. Pubblicato Sabato, 23 Agosto 2014 14:37 Scritto da LiberoTassella www.professioneinsegnante.it Nelle assunzioni si tiene conto delle quote

Dettagli

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI

Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Provincia di Rieti Carta dei Servizi per l Impiego SERVIZI PER I LAVORATORI SERVIZI PER I DATORI DI LAVORO PROGETTI Centri per l Impiego della Provincia di Rieti Centro per l'impiego Rieti Via M. Rinaldi

Dettagli

e all utilizzo della L. 68/99 e della L.R. 17/2005

e all utilizzo della L. 68/99 e della L.R. 17/2005 Guida informativa al collocamento mirato delle persone con disabilità e all utilizzo della L. 68/99 e della L.R. 17/2005 Guida informativa al collocamento mirato delle persone con disabilità e all utilizzo

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO

IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO Unione Europea Fondo Sociale Europeo IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO NOTE DI APPROFONDIMENTO settembre 2013 PROVINCIA DI LIVORNO 3 IL COLLOCAMENTO MIRATO IN PROVINCIA DI LIVORNO 1. LA LEGGE

Dettagli

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT

Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT Provincia di Monza e della Brianza Settore welfare Legge 68/99 LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DAL JOBS ACT M ONZA 8 OT TOBRE 2015 Legge 10 dicembre 2014, n. 183 (Jobs Act) Il governo è delegato ad adottare

Dettagli

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011

Pubblicazione FAQ OGGETTO: IL DIRIGENTE Caterina Navach. Trani, 11/05/2011 Trani, 11/05/2011 OGGETTO: Pubblicazione FAQ Si pubblica un elenco di FAQ (Frequently Asked Questions) dei Centri per l Impiego, cioè domande che vengono poste più di frequente agli sportelli, al fine

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al

Dettagli

Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile

Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile Guida ai Servizi per un Lavoro più accessibile a cura della Provincia Ogliastra Assessorato al Lavoro Progetto grafico e stampa: GRAFICHE PILIA srl - Tel. 0782 623475 - Tortolì INTRODUZIONE DELL ASSESSORE

Dettagli

Il ruolo del Centro per l Impiego - La l. 68/99

Il ruolo del Centro per l Impiego - La l. 68/99 cosa farò da grande? Il ruolo del Centro per l Impiego - La l. 68/99 A cura di Patrizia Barbieri Coordinatrice Provinciale l. 68/99 e Area Svantaggio Responsabile Ufficio Svantaggio del Centro per l Impiego

Dettagli

Il collocamento mirato. Dott.ssa Maria Cristina Cimaglia

Il collocamento mirato. Dott.ssa Maria Cristina Cimaglia Il collocamento mirato Dott.ssa Maria Cristina Cimaglia Il collocamento mirato Per collocamento mirato dei disabili si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n.

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. 333/2000 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 27 febbraio

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

Il centro per l impiego

Il centro per l impiego Il centro per l impiego E un ufficio pubblico che eroga gratuitamente servizi di informazione, accoglienza, preselezione, orientamento e collocamento mirato, per consentire a chi è in cerca di occupazione

Dettagli

3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro

3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro 3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro 3.1. Principi generali Il collocamento al lavoro dei disabili è un efficace strumento di indipendenza economica, di integrazione sociale e di riabilitazione,

Dettagli

3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro

3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro 3. Inserimento dei disabili nel mondo del lavoro 3.1. Principi generali Il collocamento al lavoro dei disabili è un efficace strumento di indipendenza economica, di integrazione sociale e di riabilitazione,

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Provincia della Spezia Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore Politiche del Lavoro e della Formazione Professionale NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI La Legge n.

Dettagli

Legge 68/99 Riforma Fornero e incentivi

Legge 68/99 Riforma Fornero e incentivi Legge 68/99 Riforma Fornero e incentivi Marta Spadafora Valentina Tacconi 2 ottobre 2012 1 PIANO LIFT E PROGETTO DI.V.I. La Provincia di Monza e Brianza ha predisposto il Piano Provinciale per l occupazione

Dettagli

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. Nuovo ISEE 2015 Introduzione Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. ISEE CONTENUTI DELLA RIFORMA La comunicazione prende in esame: La normativa Isee attualmente in vigore e definita da

Dettagli

Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro

Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro Progetto Servizi Innovativi nel Settore dei Servizi per il Lavoro Programma Operativo PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Asse A Adattabilità Scheda descrittiva del

Dettagli

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA a cura di Donata Orlati Sono stati avviati i primi incontri con i Sindaci dei Comuni capofila dei Piani di Zona, anche laddove,

Dettagli

Collocamento Mirato Legge 68/99

Collocamento Mirato Legge 68/99 OJP - Semol Legge 68/99 D.ssa Francesca Giolli P.O. Seminari di Orientamento al Lavoro Focus inserimenti lavorativi protetti Venerdì 16 Maggio 2014 Collocamento mirato: consiste nell attivazione di tutti

Dettagli

Modena 21 e 22 maggio 2008

Modena 21 e 22 maggio 2008 Modena 21 e 22 maggio 2008 Guida al collocamento mirato delle persone con disabilità ed all utilizzo della L. 68/1999 e della L.R. 17/2005 Maggio 2008 Aggiornamento a cura del Servizio Lavoro dell Assessorato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047

AVVISO PUBBLICO. NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO. Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 AVVISO PUBBLICO NEW COM New Commercial Networks CORSO PER OPERATORE COMMERCIALE ESTERO Asse II Occupabilità PG.12.02.2E.047 Soggetto accreditato presso la Regione Umbria che realizza l intervento: TUCEP

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA

SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA SOSTEGNI SOCIALI E ISTITUZIONALI PER IL PAZIENTE PSICHIATRICO E LA SUA FAMIGLIA TRACCE DI RISPOSTE AI QUESITI RICORRENTI A CURA DI IVONNE ALBANI (Aggiornato a Giugno 2000) La malattia mentale coinvolge

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999

6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE: LEGGE 68/1999 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo 6 Dicembre 2006 Numero 23 www.cgil.bg.it/inca/index.htm conoscere per tutelare/2 L INSERIMENTO LAVORATIVO DEL DISABILE:

Dettagli

L invalidità civile.

L invalidità civile. L invalidità civile. Ai sensi dell art. 2 della Legge n. 118/1971, "si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazione congenita e/o acquisita (comprendenti) gli esiti permanenti

Dettagli

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI ALLEGATO A DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI (ART. 1, L.R. 17/09/2013 N. 17) 1 Art. 1 Finalità, definizioni e campo di applicazione 1. La Regione favorisce l uso integrato dei tirocini

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO.

IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI LAVORATORI DISABILI DOPO LA RIFORMA FORNERO. Debhorah Di Rosa Anche quest anno è stato prorogato il termine per l invio, esclusivamente telematico, del prospetto informativo

Dettagli

Giovani. Garanzia. istruzioni per l uso

Giovani. Garanzia. istruzioni per l uso Garanzia Giovani istruzioni per l uso A cura del Dipartimento Politiche Giovanili della CGIL Marche Con il Patrocinio della Regione Marche www.marche.cgil.it Cos è Garanzia Giovani? Garanzia Giovani (Youth

Dettagli

convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010

convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010 convegno/incontro i MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI a NAPOLI dopo la riforma della L. 94/09 30 Aprile 2010 Relatore GIOVANNI ATTADEMO Dirigente del Comune di Napoli Servizio Politiche per i Minori, l

Dettagli

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione

L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione L elenco anagrafico dei lavoratori e l acquisizione della stato di disoccupazione di Silvia Spattini 1. Le novità normative su l anagrafe dei lavoratori e lo stato di disoccupazione L art. 3 del d.l. n.

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP

IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI INVALIDITA' CIVILE E DI HANDICAP Il riconoscimento dello stato di invalidità civile e dello stato di handicap, ai sensi della Legge 104/92, dà diritto a molteplici benefici.

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16

Borsa continua nazionale del lavoro pag. 16 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO 2 sommario Introduzione pag. 4 Centri per l impiego pag. 6 Agenzie per il lavoro pag. 12 Informagiovani pag. 14 Altri operatori pag. 15 Borsa continua nazionale del lavoro pag.

Dettagli

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego Allegato 2 (Da presentare in triplice copia) PROT. DEL CONVENZIONE DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA PER L AVVIAMENTO DI DISABILI CHE PRESENTANO PARTICOLARI CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA DI INSERIMENTO NEL CICLO

Dettagli

TIPOLOGIE CONTRATTUALI

TIPOLOGIE CONTRATTUALI TIPOLOGIE CONTRATTUALI Agenti di commercio A quale Servizio competente deve essere inviata la comunicazione nei casi di assunzione di agenti e rappresentanti, effettuata da una sede operativa in una Provincia,

Dettagli

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole CARCERE LAVORO L inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale ed ex detenute Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole finanziamento di cui alla legge

Dettagli

10.2. LE POLITICHE PER IL LAVORO

10.2. LE POLITICHE PER IL LAVORO 10.2. LE POLITICHE PER IL LAVORO Riferimenti generali Lo scenario e gli obiettivi generali I temi del lavoro e dello sviluppo sono posti in primo piano e trattati con grande evidenza nel programma del

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO

INFORTUNI SUL LAVORO INFORTUNI SUL LAVORO Vademecum per le vittime ed i familiari Anche nel corso del 2008 sono stati registrati in tutta Italia degli incidenti sul luogo di lavoro. In provincia di Trieste molto si è fatto

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI PROVINCIA DI SONDRIO Settore Formazione, Lavoro e Politiche sociali Servizio Mercato del Lavoro U.O. Ufficio Provinciale per il diritto al lavoro dei disabili PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa

PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005. Premessa PROVINCIA DI MANTOVA Area Istruzione, Lavoro e Formazione Servizio Provinciale del Lavoro PIANO PROVINCIALE PER L ATTUAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MANTOVA 2004/2005 Premessa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PUBBLICI PER L IMPIEGO DELLA REGIONE CALABRIA

CARTA DEI SERVIZI PUBBLICI PER L IMPIEGO DELLA REGIONE CALABRIA CARTA DEI SERVIZI PUBBLICI PER L IMPIEGO DELLA REGIONE CALABRIA Cittadini - Enti - Imprese CARTA DEI SERVIZI PUBBLICI PER L IMPIEGO DELLA REGIONE CALABRIA A cura di Azienda Calabria Lavoro Che cos è la

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 53/43 del 20.12.2013

Allegato alla Delib.G.R. n. 53/43 del 20.12.2013 Allegato alla Delib.G.R. n. 53/43 del 20.12.2013 Collocamento mirato delle persone con disabilità indicate dalla Legge n. 68/1999 recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili. Eliminazione delle

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

Il collocamento obbligatorio

Il collocamento obbligatorio Vantaggi, convenzioni, obblighi e procedure Il collocamento obbligatorio Il collocamento obbligatorio ha come disposizione cardine la L.68 del 12 marzo 1999, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale serie generale

Dettagli

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE LAVORO Servizio Inserimento Mirato Disabili CONVENZIONE N del AI SENSI DELL ART. 11 LEGGE 12.03.99 N 68 tra LA PROVINCIA DI CAGLIARI Servizio per l inserimento

Dettagli

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati

Linee guida per la stipulazione tirocini legge n 68/99 presso datori di lavoro privati PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Settore Servizi alla Persona e Sviluppo Socio Economico Servizio Politiche del Lavoro e Coordinamento Provinciale Ufficio Inserimento Mirato Linee guida per la stipulazione tirocini

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA La normativa di riferimento per il soggiorno dei comunitari in Italia è costituita dal D. Lgs. n. 30 del 6 febbraio 2007 (Attuazione della direttiva

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

Accesso al lavoro delle persone disabili

Accesso al lavoro delle persone disabili Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 4 ottobre 2012 Accesso al lavoro delle persone disabili Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali

Dettagli

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO

I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 I NUMERI E LE ATTIVITA DEI CENTRI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI TORINO 13 CENTRI PER L IMPIEGO su 15 SEDI, di cui 2 integrate con INPS (Torino e Carmagnola) 233 unità di personale impiegate nei CPI

Dettagli

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione Guida allo stage Il Progetto Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione I soggetti attori del progetto Il tutor dell Ente Promotore Le aziende ospitanti Il tutor aziendale

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

CAPO I: NORME GENERALI

CAPO I: NORME GENERALI DISTRETTO SOCIALE SUD EST MILANO COMUNE DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO CARPIANO CERRO AL LAMBRO COLTURANO DRESANO MELEGNANO SAN DONATO MILANESE SAN GIULIANO MILANESE SAN ZENONE AL LAMBRO VIZZOLO

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

Uso lavoro. Le parole che servono lavorare informati. Uso lavoro. Carta dei Valori e dei Servizi del Centro per l impiego della Provincia di Rimini

Uso lavoro. Le parole che servono lavorare informati. Uso lavoro. Carta dei Valori e dei Servizi del Centro per l impiego della Provincia di Rimini Le parole che servono lavorare informati Carta dei Valori e dei Servizi del Centro per l impiego della Provincia di Rimini 1 Xxxxxxxxxxxxxx Guida per chi legge VALORI DI RELAZIONE POSIZIONI DELL UTENZA

Dettagli

COMUNE di CELANO (Provincia di L Aquila)

COMUNE di CELANO (Provincia di L Aquila) AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE LAVORO FINALIZZATE ALLL INTEGRAZIONE ED AL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI DISOCCUPATI E SOGGETTI SVANTAGGIATI CONSIDERATI A RISCHIO DI EMARGINAZIONE SOCIALE

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO SCHEDE INFORMATIVE LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Insieme di interventi di carattere pubblico finalizzati alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. COSA SONO Politiche

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE Newsletter numero 1-2015 In Primo Piano NOVITA Min. Lavoro: sicurezza elenco dei soggetti abilitati per l effettuazione delle verifiche periodiche Stress lavoro correlato, rischi psicosociali, da Eu-Osha

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Strumenti di impiego temporaneo dei lavoratori stranieri negli eventi Expo DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA Relatore:

Dettagli

LEGGE N. 68/99: FINALITÀ E PERSONE BENEFICIARIE PREFAZIONE ALLA II EDIZIONE

LEGGE N. 68/99: FINALITÀ E PERSONE BENEFICIARIE PREFAZIONE ALLA II EDIZIONE LEGGE N. 68/99: FINALITÀ E PERSONE BENEFICIARIE PREFAZIONE ALLA II EDIZIONE La Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, all articolo 27, non soltanto impegna gli Stati a creare le condizioni

Dettagli

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI

INDICE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE PRESENTAZIONE PREMESSA FORMAZIONE 2. I SERVIZI PER LE IMPRESE E GLI ENTI PUBBLICI CARTA DEI SERVIZI INDICE PRESENTAZIONE PREMESSA - CHE COS'E' E A CHE COSA SERVE LA CARTA DEI SERVIZI - FINALITA' E PRINCIPI DELL AREA SERVIZI PER IL LAVORO DI SCALIGERA FORMAZIONE 1. I SERVIZI PER LE PERSONE

Dettagli

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1

SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Anno 2 0 1 1 SERVI ZI PER L I MPI EGO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Rapporto annuale del Collocam ento Obbligatorio Anno 2 0 1 1 1 Gruppo di lavoro Ballardini Stefania De Caro Rosa Fariselli Mauro Graziani Alessandra

Dettagli

Assunzioni SOMMARIO SEZIONE 1. Assunzioni ordinarie

Assunzioni SOMMARIO SEZIONE 1. Assunzioni ordinarie Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre ASSUNZIONI 89 Assunzioni SOMMARIO Sez. 1 - Assunzioni ordinarie a. Limiti alla libertà di scelta... 758 b. Obblighi collegati all assunzione... 767 Sez. 2 - Assunzioni obbligatorie

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 409 Trieste 20/02/2015 Proposta nr. 279 Del 18/02/2015 Oggetto: Rettifica della determinazione n. 1117 dd. 10.4.2014, ad oggetto "Approvazione indirizzi per

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Borghetti, Alfieri, Alloni, Barzaghi, Brambilla, Carra, D'Avolio, Gaffuri,

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI

INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI INTRODUZIONE AL PROSPETTO INFORMATIVO DISABILI Redazione a cura di: Diego Busso Servizio Politiche per il Lavoro Ufficio Inserimento Lavorativo Disabili Pasquale Tarantino Servizio Coordinamento CPI Unità

Dettagli

Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale

Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale Lavoro dei disabili: domanda di compensazione territoriale di Rossella Quintavalle Consulente del lavoro in Roma in breve Argomento Con nota del 17 novembre 2008, il Ministero del lavoro detta le modalità

Dettagli

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili.

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili. L.R. 21 luglio 2003, n. 19 (1). Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili. Modifiche all'articolo 28 della legge regionale 7 agosto 1998, n. 38 (Organizzazione delle funzioni regionali e locali

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli