Nelle terre dei Giganti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nelle terre dei Giganti"

Transcript

1 Nelle terre dei Giganti di Giuseppe Alberto Centauro A narrare il mutare delle forme in corpi nuovi mi spinge l'estro. O dei, se vostre sono queste metamorfosi, ispirate il mio disegno, così che il canto dalle origini del mondo si snodi ininterrotto sino ai miei giorni. (Ovidio, Metamorfosi, lib. I) Aquila reale in volo Elba, terra primigenia d eccellenza. Sulle rive acciottolate dell isola si sono trovati speciali approdi per lontanissime etnie postdiluviane, uomini possenti tanto da apparire ai posteri come semidei estintisi già al principio del II millennio avanti Cristo. Questi primi colonizzatori, attratti sull isola dai giacimenti minerari e dalla particolare geomorfologia dei luoghi, erano certamente navigatori, esperti esploratori ed abili cercatori di metalli. D altronde questa non è la sola nota distintiva dei primi pionieri alla scoperta dell Elba: il mediterraneo fin dalla preistoria è stato teatro di continue e capillari peregrinazioni ripetutesi per tutta la periodizzazione dell età dei metalli. Tuttavia, questi primi abitanti dell isola, si distinguono in modo particolare da tutti gli altri che seguiranno per i loro peculiari caratteri genetici che li distinguono in modo netto dai ceppi indoeuropei e semitici. Studiando l alveo antropologico delle culture indigene pre-ittite dell area anatolica si può ritenere, per comparazione su testimonianze archeologiche, che le avanguardie di queste genti potessero essersi insediate nell arcipelago toscano, come pure nell entroterra minerario dell Etruria, nel Cilento e in alcune aree della Sardegna. Possiamo ipotizzare con relativa certezza che questi uomini provenissero dalle coste nord occidentali del Mare Egeo e dalle regioni sud orientali del Mar Nero. In particolare, come sembrerebbe accertato confrontando riti e modalità di inumazione dei morti, troviamo che altre loro terre d insediamento sono state le isole Cicladi e, più in generale, gli altopiani delle regioni egeo-anatoliche dove si viveva la natura come in una sorta di eden. Queste lontane stirpi umane, di naviganti ed abili metallurgi appartengono cronologicamente a quella delicatissima fase evolutiva della civiltà umana che sta a cavallo tra l eneolitico e le prime età dei metalli, dal rame al bronzo antico I-IV. Possiamo anche affermare che queste lontane discendenze siano state artefici delle colonie umane primarie, identificate nei luoghi occupati ab origine, avvertendone la loro presenza già sul finire del V millennio avanti Cristo. Nell Italia Centrale hanno occupato le regioni peninsulari interne caratterizzate da peculiare idrogeomorfologia, ad esempio l area tosco umbro - laziale degli altopiani tufacei, come pure le rigogliose terre delle colline metallifere e per l appunto le meravigliose isole dell arcipelago toscano da Montecristo a Capraia, in primis l Elba e Pianosa.

2 Affascina di questi individui lo stretto legame instaurato con la natura fisica dei vari luoghi divenuti sedi del loro insediamento, nonchè le memorie leggendarie del loro passaggio ben radicate nella mitologia greca e sopravvissute nell indiretta ma non casuale sovrapposizione con il mondo etrusco che si realizzerà postuma, a distanza di 10 secoli dalla loro scomparsa. Un popolo misterioso e dominante legato al culto della Grande Dea che ha saputo, se così si può dire, costruire il proprio sapere, così come quello etrusco, attraverso la conoscenza empirica; una profonda concezione animista basata sull osservazione dei fenomeni naturali intesi come motori della storia da interpretare ed accettare, quindi attraverso una profonda conoscenza prescientifica della geografia terrestre. Si tratta, in definitiva, di genti votate al culto del trascendente, delle forze cosmiche immanenti. Uomini dediti devozionalmente alla pastorizia, attività mai disgiunta dalla sacralità dei gesti e ragione di inesauribili ricchezze, come fonti perenni alle quali attingere. Sappiamo anche che il loro ciclo evolutivo si è spento lentamente, infine sopraffatto dalle bellicose ondate dei nuovi popoli venuti dal mare, demograficamente preponderanti e vogliosi di appropriarsi dei segreti che loro custodivano. Ben poco d altro ci è dato di conoscere, possiamo tuttavia sottolineare il fatto che gli studi antropologici ed archeologici su famiglie isolate di gruppi ed individui siano iniziati in Italia, a partire dal ritrovamento del 1903, di una serie di sepolture disposte entro grotticelle artificiali. Questi primi reperti sono stati rinvenuti nell Alto Viterbese nella località di Rinaldone, divenuta identificativa e distintiva di una ben determinata facies culturale. Le inumazioni dei Rinaldoniani, si caratterizzavano infatti per la peculiarità dell apparecchiatura delle tombe, indubbiamente legata a rituali ilozoisti con particolari allestimenti del corredo funebre, costituito da eleganti vasi ceramici imbutiformi realizzati con uno speciale impasto di argille dal colore ambrato, da apparire nero lucido dopo la lavorazione. La forma a fiasco di questi recipienti ha reso facilmente riconoscibile e ben comparabile la loro tipizzazione. Dominatori del fuoco e delle acque, questi individui erano in grado di bonificare terre, forgiare il bronzo, creare giardini pensili, lavorare il vivo della roccia con i soli strumenti di pietra e fare incisioni a valenza simbolica con semplici utensili di rame, da cui l altra attribuzione di età calcolitica (dal gr. chalkòs = rame) data all età eneolitica. Analoga a quella Rinaldoniana fu la cosiddetta cultura del Gaudo, dal nome della località posta alla foce del Sele (vicino a Paestum), dove, nel 1944, fu scoperta una vasta necropoli. Stesse modalità di inumazione collegavano la cultura di Rinaldone e quella del Gaudo, con quei corpi deposti delicatamente come tanti feti ricomposti pietosamente nel grembo materno, all interno delle celle sepolcrali, ora ricavate nel vivo della roccia ora raccolte in recinti circolari ipogei e in grotte, al mito dei Giganti, di omerica memoria. Giganti geniali che le leggende avevano trasfigurato in esseri superiori dall aspetto mostruoso e selvaggio. Appare evidente il contrasto con l animo sensibile e l alto rango ravvisabile nei loro raffinati corredi funebri, laddove alla rozzezza imputabile alla forza fisica corrispondeva una gestualità sapiente. Caprili del Monte Capanne (foto D. Simoncini)

3 L isola d Elba, possiamo affermarlo sulla base di distinte segnalazioni e accertati ritrovamenti, conobbe lunghi secoli di civilizzazione dei Giganti, probabilmente ricompresi in un estensione temporale bimillenaria, potendone documentare la presenza come nei luoghi dell entroterra peninsulare dal al 1900 a.c. circa. Loc. Lo Spino, tomba protoetrusca (foto di D. Simoncini) Si è trattato di un età feconda vissuta dall uomo in una perfetta simbiosi e perdurante armonia con l ambiente naturale nel connubio realizzato con la configurazione geomorfologica delle terre occupate. I reperti rivenuti in molti luoghi elbani attestano quindi una prolungata permanenza temporale di questa stirpe, almeno fino a quando i destini dei Rinaldoniani, insediati sulle pendici del Monte Capanne e su varie altre alture rupestri dell isola, stavano ormai per compiersi e le tracce del loro plurisecolare dominio disperdersi per poi scomparire apparentemente nel nulla, confondendosi in una sorta di metamorfosi delle rocce da loro stessi calcate e devozionalmente incise. Nell isola Elba molti sono i luoghi che hanno restituito tracce rilevanti della loro presenza e molti altri, qualora si studiassero con continuità e il dovuto rispetto, potrebbero offrire preziose sorprese; si ricordano, tra gli altri, i siti archeologici di Colle Reciso, la grotta di San Giuseppe, vicino a Rio Marina, e le miniere della costa sud-orientale. Altrove cacciatori di tesori e profanatori di tombe, ma anche disattenti archeologi che interessati più ai corredi delle loro tombe che a studiarne l habitat, hanno obliterato in modo spesso irreversibile molti segni dei loro insediamenti. Tutto sarebbe andato perduto per sempre se non fosse per le pazienti ricostruzioni di coraggiosi ed illuminati studiosi che, guardando al di là del mero scasso delle sepolture, hanno compreso l importanza della loro presenza al fine di risalire alle origini dell insediamento umano e di comprendere tutto il profilo evolutivo della colonizzazione elbana dalle origini fino agli etruschi ed oltre. Tuttavia i segni ancora impressi nella struttura rupestre dei luoghi, negli anfratti granitici del Monte Capanne, nell area tutt intorno ai monti Giove e Perone, nei giacimenti costruiti postumi da altri colonizzatori a ridosso o addirittura sopra i siti primitivi, hanno fornito nuovi fondamentali indizi, consentendo il lento riemergere di questa dimenticata e straordinaria pre-civiltà umana e reso in parte decodificabile la lettura dei segni traccianti la loro cultura, materiale specialmente nel supposto rapporto con le ancestrali deità celesti e la devozione alla Madre Terra.

4 Affermare l esistenza dei Rinaldoniani all Elba non corrisponde più solamente alla visione di suggestive mitologie e di bizzarri racconti da veglia. I Giganti elbani non sono più considerabili il frutto di fantasie e opinioni fin troppo facilmente confutabili, corroborate come sono da circostanziate e documentate verifiche archeologiche. Dunque una presenza tangibile quella dei Giganti nella realtà archeologica elbana, fatta di ineludibili attestazioni che, nonostante un inspiegabile rarefazione delle ricerche, ci riporta assai indietro nel tempo in una continuità spazio-temporale e stratigrafica sorprendente, dalla profondità della paleostoria all epopea etrusca. In questa direzione, da oltre un decennio, gli studi e gli articoli pubblicati da Michelangelo Zecchini hanno aperto una strada maestra che dimostra la dimensione plurimillenaria dell antropizzazione del territorio isolano. D altronde l isola offre reperti paesaggistici unici in grado di testimoniare una consolidata presenza delle culture più antiche. Queste testimonianze insistono in scenari rupestri che richiamano paesaggi archetipi ed emozionano anche lo spettatore più distratto. La presenza di megaliti, sia nella forma antropizzata di menhir aniconici, sia nella caratterizzazione di massi ovoidali e ciclopici blocchi variamente utilizzati, manipolati a più riprese dall uomo, talvolta allineati in cerchi e disposti lungo direttrici cardinali, conferma l antropizzazione della montagna elbana anche in aree ritenute fin qui selvagge ed impervie. In quest ottica, la montagna diviene nel suo insieme un paesaggio evocativo in un unica straordinaria espressione ambientale, modellata da questi remoti progenitori al fine di attuare il ricongiungimento con il divino. Cosa possiamo dire, se non che occorre studiare ed approfondire la conoscenza di questo mondo prearcaico con il rispetto e l educazione di una ritrovata sensibilità per la nostra terra, anche quando ci sembra ostile e perigliosa causa di frane, alluvioni e terremoti, ma anche stupenda nelle visioni che è in grado di offrire e vitale per i frutti che può dare nel rigenerare nell uomo un senso di appartenenza alla natura? La Madre Terra sopravvive dunque alla scomparsa dei Giganti che l hanno saputa sacralizzare nel loro quotidiano. Lo stato dei luoghi nello scorrere dei secoli ha assunto la forma di meravigliose sculture pietrificate. Si tratta di leggere con occhi diversi nel paesaggio ed affidare, in un gioco fantastico come fecero gli antichi, i nomi del mito alle complesse formazioni rocciose, a loro volta plasmate nei corsi e ricorsi

5 delle forze della natura: massi forati e poi lisciati dall acqua dirompente; concrezioni rocciose cristallizzate o dissolute nelle masse calcaree che si confondono alle strutturate composizioni del metamorfismo geologico; formazioni singolari dalle sembianze antropomorfe scolpite dall erosione dei venti marini o variamente spezzate dall abbattersi premonitore dei fulmini, come è accaduto nel 2004 all Omo Masso che Zecchini ricorda nello stato primitivo come: spettacolare scultura naturale androcefala attribuita da molti studiosi alla dea Catha/Luna. Ed ecco apparire: le stalle di Gerione, il drago Lacone, Centauri pietrificati, l occhio di Efesto, il giaciglio dei giganti, la mano di Atlante (foto di D. Simoncini)

6 Questa doverosa premessa per introdurre la visione dei paesaggi antropomorfi realizzati da una progenie che nel mito odierno indichiamo come le terre dei Giganti che qui ebbero dimora. Un paesaggio che sembra sospeso ed immobile per l eternità, eppure, a ben vedere, il sottile filo che ci lega alle origini sembra vibrare ancora come un eco lontana, formando un immagine indelebile con la preistoria che appare tanto forte e tenace da poter essere ancor oggi osservata. Esploriamo questo straordinario compendio paesaggistico che caratterizza l orizzonte visivo delle valli e dei versanti collinari, salendo lungo i sentieri da Marciana Marina verso le creste montuose superiori. In particolare, le antiche terre di Poggio, di Marciana e l entroterra di Marina racchiudono queste remote e segrete ascendenze: la Madre Terra che tutto riunisce congiunge la montagna al mare fino a renderla realmente sacra. E qui infatti che si percepisce, prima ancora di studiarla, la recondita dimensione dei luoghi, la genesi stessa dell uomo, quando ancora peregrinava nel Mare nostrum alla ricerca dell isola fortunata che potesse rigenerare il paradiso perduto. E da luoghi come questo che le fabulae della civiltà etrusca hanno preso corpo, rispettose e pietose verso la progenie dei Giganti, da loro ben compresi e imitati, personificati in una sorta di narrazione extra sensoriale, trasfigurata nelle decorazioni figurate di splendidi vasi a figure nere e a figure rosse, oppure rappresentate nelle pitture consegnate ai sepolcri, riemergendo infine nel racconto delle diaspore e delle lotte fratricide dei popoli venuti dal mare, specchiate dalle comuni leggende di dei e di eroi. Gli Argonauti che secondo la leggenda approdano sull isola, altro non sono che le avanguardie micenee di questi popoli venuti dal mare sulle rotte delle metallurgia del bronzo, un manipolo di eroi votato alla riconquista dei tesori evocati da Giasone. Il mito dell uomo nuovo che entrerà senza più uscirvi nella storia, vive per gli antichi nella figura di Ercole che sottrae i segreti ai Giganti, sconfiggendoli uno ad uno. Non si tratta di una nemesi sanguinosa ma della lotta stessa dell uomo per la sopravvivenza. Un eroe dai due volti, quello bellicoso della belva furiosa e quello pietoso, simbolo del coraggio dell Uomo nuovo com è stato dipinto dagli artisti del Rinascimento.

7 Il passaggio di Eracle e il tumulo ove giace il gigante Caco (foto di D. Simoncini) Eracle è il primo uomo, dopo i Giganti, che entra nella leggenda, come quando rubati i pomi d oro dal Giardino delle Esperidi, minata la resistenza dei centauri, tenaci difensori e depositari dei saperi antichi, sconfigge il gigante Caco per trafugare i buoi di Gerione. In queste fatiche dell eroe si fissa l eloquente metafora del rinnovamento del genere umano che segue l evoluzione della specie e segna la fine del tempo dei Giganti, sconfitti dalla loro stessa fragile e mortale natura, prima ancora che dalle armi dei nuovi popoli. La casa delle tre ninfe e la scala che sale al Giardino delle Esperidi La migrazione di questi nuovi popoli, perduta l età dell oro, preesistente al loro nuovo errare, inutilmente cercata nei tesori sottratti dalla stirpe dei Giganti, produrrà piuttosto in terre di ricchezza e fertilità come quella elbana l emancipazione tecnologica allora resa possibile dagli eroi che sconfissero i Giganti.

8 Fu proprio in quel tempo che ebbe fine il tempo dei Giganti che gli Etruschi per primi seppero comprendere e riconoscere come loro avi, condividendone altresì l amaro destino nel profetizzato finalismo, che i greci e i romani, da par loro, ritennero di confinare nell olimpo degli dei quali gelosi custodi dei segreti di Efesto. Un isola felice appariva dunque in quel tempo l Elba: maestosa, rigogliosa e prodiga di ripari e di risorse. Su per le erte vie del lunato Monte Giove, come Culsans, il romano Giano bifronte, gli Etruschi si voltarono verso Cautha, o Catha la dea della Luna (Monte Catino) sul fare di ogni tramonto, nel volgere eterno che separa il giorno dalla notte, la luna nascente dal sole ormai calante nell orizzonte marino, rigenerando l armonia del vivere quotidiano. Ripari rocciosi del Masso dell Aquila che nascondono testimonianze etrusche (foto D. Simoncini) Lungo i sentieri che s inerpicano sulle cote rocciose possiamo trovare ancora oggi queste deità personificate nei luoghi stessi che oltrepassiamo nel nostro cammino, santuari biblici delle divinità di ieri e della cristianità di oggi (Madonna del Monte) che segnano sorgenti e sicuri ripari ai quali hanno lasciato in dote i nomi. Insieme a questi, oltre il Monte Catino e il Masso dell Aquila, si possono ancora incontrare i Giganti: il citato Omo Masso e su altre vie, nel versante sud-orientale del Capanne, la Pietra Murata, seguendo le direttrici indicate dai Sassi Ritti. Per gli scettici diciamo che in questi luoghi si nascondono, come ancora recentemente ha ricordato Zecchini: stupefacenti testimonianze etrusche (ceramiche dipinte, buccheri, fibule d argento e di bronzo).

9 La terra dei Giganti (foto di D. Simoncini) Ma quello che non possiamo vedere si può ancor meglio immaginare nelle testimonianze tangibili delle forme con i Giganti pietrificati che sembrano ancora scrutare dall alto l orizzonte di oggi, le marine, il golfo con il porto, le arroccate casette del Cotone e la dirimpettaia Torre degli Appiani. Da lassù, dalla sommità dei picchi rocciosi, essi governavano le acque, cogliendo i frutti dei lussureggianti giardini da loro stessi costruiti, pascolando senza timori gli armenti facendo scorrere lento lo sguardo lungo le rotte marittime più distanti verso la terraferma, ben oltre il promontorio dell Enfola (omphalos), tangibile retaggio del loro primo sbarco. Da questi siti i Giganti prima, gli Etruschi poi affidavano ai venti più favorevoli le loro imbarcazioni cariche dei preziosi minerali elbani fino a traguardare con lo sguardo gli scali sicuri degli empori marittimi dei loro commerci. A noi, uomini moderni, non resta che continuare a cercare nelle pieghe delle montagne, o forse in prossimità delle marine, laddove i torrenti si gettano in mare, nuovi indizi del passaggio dei Giganti, alla ricerca del segreto segnacolo del fondatore, così come seppero fare gli Etruschi per carpire i segreti, attraverso gli aruspici, dei loro destini e non tradire, così come dovremmo fare ancora oggi noi, le giuste aspettative di pace e sviluppo per il domani.

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro è divenuta indipendente dal 1960, eppure la sua storia e la sua cultura risalgono a circa 12000 anni

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano

a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano 1 Parole di saluto all apertura della mostra di Pittura «Vi sia la luce» Galleria dell Istituto Portoghese di Sant Antonio in Roma 21 maggio 2008, ore 18. 30 a Mons. Josef Clemens, Città del Vaticano Eccellenza,

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO rt MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, TAVOLI, SCALE, PROGETTI. FORNITURA MARMI E PIETRE PER ABITAZIONI, HOTEL, EDILIZIA. Art Carrara by Amso International Carrara Italy

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli