Code of Conduct for Securities Dealers Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Code of Conduct for Securities Dealers Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari"

Transcript

1 Code of Conduct for Securities Dealers Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari SCHWEIZERISCHE BANKIERVEREINIGUNG ASSOCIAZIONE SVIZZERA DEI BANCHIERI SWISS BANKERS ASSOCIATION

2 Code of Conduct for Securities Dealers governing securities transactions Swiss Bankers Association Guidelines of nd January, 1997

3 Preamble 1 The Board of Directors of the Swiss Bankers Association established the following guidelines in an effort to maintain and foster the good reputation and high standards of the Swiss securities trading business in Switzerland and abroad. Clients effecting securities transactions in Switzerland must be able to rely on receiving a professional, fair and transparent service. This Code of Conduct constitutes the professional ethics for all securities dealers subject to the Federal Act on Stock Exchanges and Securities Trading (Stock Exchange Act). It substantiates the duties of disclosure, due diligence and trust as set forth fundamentally in Art. 11 of the Stock Exchange Act. This Code of Conduct obliges securities dealers to ensure efficient business organisation, professional training and compliance rules appropriate to their corporate structure and activities. 3 Moreover, securities dealers must disclose their services to the effect that their clients are able to assess adequately the rights and duties arising from securities transactions as well as special risks inherent in particular types of securities transactions. 4 The Code of Conduct does not otherwise affect the legal relationship between securities dealers and their clients, which is governed by civil law (in particular the provisions of the Swiss Code of Obligations governing purchases, mandates and commissions) as well as the relevant terms of agreement between the securities dealers and their clients. 5 The Code of Conduct is not applicable to securities transactions among securities dealers.

4 A. General guidelines to the Code of Conduct Art. 1 Legal basis Art. 11 of the Federal Act on Stock Exchanges and Securities Trading (Stock xchange Act) stipulates that *) : The securities dealer has vis-à-vis his clients: a. a duty of disclosure; he shall in particular inform them of the risks associated with certain types of transactions; b. a duty of diligence; he shall in particular ensure the best possible execution of his clients orders and that they are able to retrace the steps taken in the execution of their orders; c. a duty of loyalty; he shall ensure that in the event of any potential conflict of interests his clients interests are not adversely affected. In discharging these duties the clients business expertise and professional knowledge shall be taken into account. Annotations: 1 Where this Code of Conduct quotes terms used by the Stock Exchange Act, the accompanying ordinances and the circulars issued by the Federal Banking Commission (e.g. securities, securities dealer, derivatives), such terms are deemed to have the same meaning as in the relevant regulations. The term securities is based on the legal definition as per the Stock Exchanges and Securities Trading ordinance of nd December, 1996). Derivatives as governed by this Code of Conduct include in particular standardized forward and options contracts (futures and traded options) as well as standardized structured products (i.e. hybrids such as the combination of fixed-interest investments and derivatives). 3 The term securities does in particular not apply to bank-issued medium-term notes nor currency spot and forward transactions. 4 The Code of Conduct applies to stock-exchange as well as over-thecounter transactions in both spot and forward trading. Securities lending and borrowing are not deemed securities transactions. Moreover, certain transactions and markets may be subject to special regulations and guidelines (e.g. regulations on best execution), stockexchange requirements concerning transaction settlement state- *) Translation by the Swiss Exchange,

5 ments, guidelines on trading in options and financial futures. Foreign legislations may also contain special regulations on securities transactions involving persons from such countries. Art. Scope 1 This Code of Conduct applies exclusively to the execution of securities transactions. In executing securities transactions, the securities dealer assumes duties of disclosure, due diligence and trust, as defined in Art. 11 of the Stock Exchange Act and this Code of Conduct. 3 This Code of Conduct does not govern any special rights and duties that may arise for the securities dealer and the client from additional services such as custodian services, investment counselling or asset management which the securities dealer may provide on the basis of other agreements with the client or on his/her own accord. Annotation: 5 The phrase execution of securities transactions refers to all activities associated directly with the purchase and sale of securities, in particular to the contract, execution, settlement, delivery and payment of the transaction. 4

6 B. Duty of disclosure Art. 3 Variability of the Duty of Disclosure 1 The securities dealer must attune the disclosure to the client s business knowledge and experience. In principle, the securities dealer may assume that the client is aware of the risk commonly associated with the purchase, sale and holding of securities, in particular the credit and market risks of equities, bonds and investment fund units. 3 The duty of disclosure applies to the special risk structure of particular types of transactions and not to any specific risks inherent in individual securities transactions. 4 The securities dealer may provide standardized or individual disclosure with regard to types of transactions where the risk potential exceeds the common risk level of purchase, sale and holding of securities. Standardized risk disclosure must be presented in a readily comprehensible manner appropriate to all clients. The securities dealer must attune individual disclosure to the client s business knowledge and experience which the securities dealer ought to determine as thoroughly as circumstances permit. 5 The securities dealer is not deemed liable to disclose risks, provided that the client declares in writing that he/she is aware of the explicitly defined risk inherent in individual transactions and refrains from receiving any supplementary information related thereto. Annotations: 6 For bonds, the common risks that the client may be assumed to be aware of include in particular the credit risk, i.e. the risk that the borrower may default on the repayment of the nominal amount at maturity. For equities, bonds, investment fund units etc. the common risks also include in particular market risks arising from interest rate fluctuations and currency movements and general factors influencing the markets. Consequently, the duty of disclosure applies, above and beyond such common risks, to risk factors inherent in types of transactions with greater risk potential (e.g. derivatives) or a more complex risk profile (e.g. structured products, hybrids). The depth of disclosure must expand in proportion to the size of the risk potential and complexity of risk profile of the respective transaction. 5

7 7 The securities dealer may assume that the client is aware of the common risks, provided that he/she has no firm evidence of the contrary. 8 The disclosure of risk structure is restricted to the description of the risks inherent in a specific type of security. 9 The securities dealer is deemed to have fulfilled his/her duty of disclosure in standardized form by providing the client with a copy of the risk disclosure statements drawn up specifically for the relevant types of securities and markets. The Swiss Bankers Association maintains a set of specimen risk disclosure statements applicable to the Swiss securities markets. 10 The duty of disclosure may also be fulfilled by referring to prospectuses, publications, legally binding sales documentation or equivalent, publicly available information relative to the issue or initial placement, provided that such material refers adequately to the risk potential of the relevant type of transaction. 11 The securities dealer should keep a record of the manner in which the client has been informed as evidence for having fulfilled the duty of disclosure. The form of such record is at the security dealer s discretion. 1 The securities dealer must inform the client of any lack of adequate personal understanding of or standardized risk disclosure statements about the risk structure of any securities transactions that the client may instruct the securities dealer to effect in foreign markets and where the inherent risk exceeds the common level. 6

8 Art. 4 Timing and contents of disclosure The securities dealer must fulfil the duty of disclosure as set forth in Art. 3 pro-actively and in good time prior to the execution of the transaction, by informing the client fully and accurately of the fundamental risks inherent in the relevant type of transaction. Annotation: 13 If the securities dealer fulfills his/her duty of disclosure in standardized form, a risk disclosure statement must be furnished to the client when he/she first enters into a securities transaction. Such disclosure must be complemented when the client announces his/her intention to engage in new types of securities transactions with a substantially different risk structure. C. Duty of diligence Art. 5 Best execution in terms of price, timing and quantity 1 The securities dealer must execute the securities transaction on a generally recognised exchange where proper execution is warranted. Subject to the relevant market regulations, the securities dealer may execute the securities transaction for his/her own account on behalf of the client, provided that this is not to the client s detriment. Annotations: 14 Essentially, the securities dealer must execute client transactions immediately, completely and at the best possible market rate, taking into account any limits, special instructions and reservations as laid down by the client. The securities dealer may delay the execution in part or in full only if this is in line with market conditions (lack of liquidity) or in the client s best interest. Transactions with securities traded over the counter must be executed at a price which is consistent with the market price. The securities dealer must advise the client of any deviations from the market price. 7

9 15 In the absence of any client instructions to the contrary, the securities dealer is deemed to have fulfilled the duty of diligence by executing the securities transactions on the local stock exchange (or the local OTC market) where he/she usually trades, or on the domestic stock exchange (or the domestic OTC market) for the respective security, or on another market with according liquidity. 16 Unless specifically agreed with the client, securities transaction may not be executed at a price that deviates substantially from the market price. Art. 6 Immediate allocation and accountability Executed securities transactions must be allocated and recorded without delay, settled within the customary period and documented accordingly. Annotation: 17 Generally, the execution of a transaction should be confirmed and settled by the close of trading of the same day and the corresponding note should be dispatched to the client s mailing address within one banking day upon contractual execution of the transaction. 8

10 Art. 7 Transparence of settlement 1 The transaction settlement note for the client must disclose at least the number of securities traded, place of execution, the price or rate as well as transaction costs (commissions, fees, taxes, charges etc.). With the client s consent, the securities dealer may base the settlement note on a flat charge for his/her services (own commission) and services provided by third parties (third party commissions) including all expenses incurred. Official fees and taxes (stock exchange fees, stamp duty etc.) may be either included in the flat charge or charged separately. Annotations: 18 Art. 7, Para. 1 stipulates the information which the securities dealer must automatically include in the transaction settlement note, unless otherwise agreed with the client. Within the duty of accountability, the securities dealer must also comply with the client s request for all such additional information about the execution of the transaction as is available from the dealer s mandatory day-book, such as the time of execution, market (stock exchange or OTC) and trading for the dealer s own account on behalf of the client. 19 Unless otherwise agreed with the client, a detailed transaction note must contain all third party commissions, fees, taxes and charges actually incurred by the client. The agreement on flat charges must specify the elements of the total transaction cost covered by the flat charge. However, details of the cost calculation involved need not be divulged. 0 The transaction costs may vary depending on the market or country of execution, type of security, trade volume etc. Where flat charges apply, the securities dealer may accommodate such variations by establishing an appropriate scale of flat charges. 9

11 D. Duty of loyalty Art. 8 Handling conflicts of interest 1 The securities dealer must take appropriate organizational measures to either prevent conflicts of interest between him/herself or his/her colleagues and the client altogether, or to ensure that such conflicts of interest are not detrimental to the client s interests. The securities dealer must apprise the client in an appropriate manner of any disadvantage the client has incurred as a result of a conflict of interest which was inevitable due to exceptional circumstances. Annotations: 1 Based on the corporate size and structure of the securities trading firm, the choice of organizational measures is at the securities dealer s discretion. Where conflicts of interest cannot be ruled out entirely, the securities dealer must take appropriate measures to prevent such conflicts of interest from resulting in a detriment to the client s interests. Depending on the corporate size and structure of the securities trading firm, such measures include operational segregation of proprietary and client trading business, restriction on information flows (Chinese wall regulations) and the execution of transactions in strict chronological order. The securities dealer must implement appropriate rules governing securities transactions effected by his/her employees, so as to prevent conflicts of interest that may arise from such transactions from resulting in a detriment to the client s interests. 10

12 Art. 9 Execution of client transactions Clients must be treated fairly and equally. Annotation: 3 Client transactions must be treated equally under equal circumstances. The securities dealer must be in a position to furnish the client with all explanatory information if due to prevailing market conditions (with respect to price, volume, or timing) he/she was unable to execute competing client transactions in line with the instructions received. Art. 10 Chronological execution of transactions Securities transactions must be executed or scheduled for execution by the order of instruction entry, irrespective of whether such transactions are being executed for a client s account, the dealer s own account or an employee s account. Annotation: 4 The principle of chronology applies unless a conflict of interest is prevented by operational segregation (e.g. of proprietary from client trading business). Acting in the client s best interest, the securities dealer may deviate from the policy of chronological execution of securities transactions. 11

13 Art. 11 Prohibition of front-running The securities dealer must not exploit confidential information about clients transactions for prior execution of transactions for his/her own account. This restriction also applies to transactions effected by employees. Art. 1 Prohibition of price fraud Price fraud is prohibited. Annotation: 5 The securities dealer may, however, make trading profits from price fluctuations or spreads if he/she assumes an element of risk associated with this transaction. The securities dealer may also make trading profits from spreads if he/she quotes bid and ask prices in his/her capacity as market maker, even though an individual transaction viewed separately may appear to be free of risk. Art. 13 Cover for short positions entered into by the securities dealer The securities dealer must fulfil any and all delivery obligations arising from proprietary trading exclusively from his/her own holdings. He/she may cover short positions by lending or borrowing securities. Subject to corresponding agreement with the client, the securities dealer may lend out securities from client holdings. 1

14 E. Transitional provisions Art. 14 Enactment 1 This Code of Conduct enters into effect as at 1st August, It applies to all securities transactions effected as from that date. 13

15

16 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Direttive dell Associazione svizzera dei banchieri del gennaio 1997

17 Preambolo 1 Le presenti regole di condotta sono state emanate, sottoforma di direttive, dal consiglio d amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri, allo scopo di preservare e promuovere, sia in Svizzera che all estero, la buona reputazione e l alto livello di qualità del commercio di valori mobiliari in Svizzera. I clienti che effettuano delle transazioni su titoli in Svizzera devono poter contare su servizi professionali, basati su principi di equità e di trasparenza. Le presenti direttive costituiscono regole di condotta vincolanti per tutti i commercianti di valori mobiliari soggetti alla Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (legge sulle borse). Esse concretizzano gli obblighi di informazione, di diligenza e di lealtà previsti all art. 11 della legge sulle borse. Le presenti regole di condotta obbligano i commercianti di valori mobiliari a garantire un organizzazione, una formazione e delle procedure di controllo (Compliance) adeguate alle proprie strutture e attività. 3 I commercianti di valori mobiliari sono inoltre tenuti a rendere adeguatamente trasparenti le prestazioni offerte, in modo da permettere ai clienti di valutare opportunamente i diritti e gli obblighi connessi con il commercio di valori mobiliari e i rischi particolari legati a determinate tipologie di operazioni su titoli. 4 Per il resto, le presenti regole di condotta non concernono le relazioni di diritto privato tra i commercianti di valori mobiliari e i loro clienti. Tali relazioni si fondano sulle norme di legge (in particolare su quelle contenute nel Codice delle obbligazioni relative al contratto di vendita, al mandato e alla commissione) nonché sugli accordi contrattuali particolari stipulati tra il commerciante e il cliente. 5 Le presenti regole di condotta non si applicano alle transazioni su titoli tra commercianti di valori mobiliari. 16

18 A. Direttive generali Art. 1 Base legale L art. 11 della Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari stabilisce quanto segue: «Nei confronti della sua clientela, il commerciante ha: a. un obbligo di informazione: in particolare deve informarla sui rischi inerenti al genere di transazione effettuata; b. un obbligo di diligenza: in particolare deve garantire la miglior esecuzione possibile degli ordini della clientela e far sì che la stessa possa ricostruire lo svolgimento delle operazioni; c. un obbligo di lealtà: in particolare deve vegliare affinché la sua clientela non venga lesa da eventuali conflitti di interesse. Nell adempimento di detti obblighi occorre tener conto dell esperienza e delle conoscenze della clientela in materia.» Commento: 1 I concetti contenuti nella legge sulle borse, nelle relative ordinanze e nelle circolari della Commissione federale delle banche (p.es. valori mobiliari, commercianti di valori mobiliari, derivati) e utilizzati nell ambito delle presenti regole di condotta assumono lo stesso significato di quello utilizzato nelle rispettive norme. Il concetto di «valori mobiliari» è riferito alla definizione contenuta nell ordinanza sulle borse (Ordinanza del Consiglio federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari del dicembre 1996). Rientrano nei «derivati» soggetti alle presenti regole di condotta, in particolare, i contratti a termine standardizzati e le opzioni (Futures e Traded Options) nonché i prodotti strutturati standardizzati (ovvero i prodotti ibridi, quali ad esempio la combinazione di un investimento a reddito fisso con un derivato). 3 Non rientrano invece nel concetto di valori mobiliari, in particolare, le obbligazioni di cassa e le operazioni su divise a contanti e a termine. 4 Le presenti regole di condotta si applicano al commercio di valori mobiliari in borsa e fuori borsa; ciò vale sia per le operazioni a contanti che per quelle a termine. Il prestito di titoli (Securities Lending and Borrowing) non rientra nel commercio di valori mobiliari. Direttive e prescrizioni speciali possono esistere inoltre per alcuni tipi di operazioni e mercati (p.es. le regole per la migliore esecuzione possi- 17

19 bile [«best execution»], i requisiti delle borse in relazione al contenuto delle conferme delle transazioni, le direttive sul commercio di opzioni negoziabili e di financial futures). Ordinamenti giuridici stranieri possono inoltre contenere norme particolari per le operazioni di commercio di valori mobiliari con persone provenienti da tali paesi. Art. Oggetto 1 Le presenti regole di condotta regolano esclusivamente l esecuzione di transazioni su valori mobiliari. Eseguendo le operazioni in titoli, il commerciante si assume gli obblighi di informazione, di diligenza e di lealtà previsti dall art. 11 della legge sulle borse e dalle presenti direttive. 3 Qualora il commerciante fornisca, in base ad altre convenzioni con il cliente o di sua stessa iniziativa, prestazioni supplementari quali l amministrazione di depositi, la consulenza agli investimenti o la gestione patrimoniale, sia per lui che il cliente possono sorgere ulteriori diritti e obblighi che non costituiscono oggetto delle presenti regole di condotta. Commento: 5 Per esecuzione di operazioni su titoli s intendono tutte le attività in diretta relazione con l acquisto e la vendita di titoli, in particolare la stipulazione di contratti, l esecuzione di transazioni, la loro contabilizzazione, consegna e pagamento. 18

20 B. Obbligo di informazione Art. 3 Gradazione dell obbligo di informazione 1 Il commerciante è tenuto ad adempiere all obbligo di informazione in funzione dell esperienza dei clienti e delle loro conoscenze negli ambiti specifici. Per principio, il commerciante può partire dal presupposto che ogni cliente conosca i rischi normalmente legati all acquisto, alla vendita e alla detenzione di titoli. Ne fanno parte, in particolare, i rischi d insolvenza e di corso delle azioni, delle obbligazioni e delle quote di fondi d investimento. 3 L obbligo di informazione si riferisce alla struttura di rischio specifica di alcune operazioni e non ai rischi specifici legati alle singole transazioni su titoli. 4 Per quelle transazioni il cui potenziale di rischio supera la misura abitualmente legata all acquisto, alla vendita e alla detenzione di titoli, ciascun commerciante può adempiere al proprio obbligo di informazione in modo standardizzato o individuale. Se il commerciante vi adempie in forma standardizzata, l informazione dev essere fornita in una forma generalmente comprensibile e nello stesso modo per tutti i clienti. Qualora il commerciante opti per la forma individuale, deve stabilire il grado di esperienza e le conoscenze della materia di ciascun cliente con la cura richiesta dalle circostanze e basandosi sulle informazioni possedute. 5 Il commerciante non ha alcun obbligo di informare in merito ai rischi di alcuni tipi di operazioni qualora il cliente confermi, per mezzo di un apposita dichiarazione scritta, di essere a conoscenza dei rischi legati a questi tipi di operazioni, che devono essere indicate esattamente, e di rinunciare a informazioni supplementari. Commento: 6 Tra i rischi considerati noti e abituali rientrano, nel caso di prestiti obbligazionari, in particolare il rischio d insolvenza, ovvero il rischio che il debitore non sia in grado di rimborsare l importo nominale dell obbligazione alla scadenza. Nel caso di azioni, obbligazioni, quote di fondi d investimento, ecc. rientrano nei rischi abituali, in particolare, i rischi di corso legati a oscillazioni dei tassi d interesse o di cambio o a fattori generali di mercato. L obbligo di informazione si riferisce pertanto ai fattori di rischio che superano questi rischi di natura generale nel caso di operazioni con un potenziale di rischio superiore (p.es. 19

21 derivati) o con un profilo di rischio complesso (p.es. prodotti strutturati, ibridi). La portata dell obbligo di informazione aumenta con l aumentare del potenziale di rischio e della complessità della struttura di rischio di un dato tipo di titoli. 7 Il commerciante di valori mobiliari può supporre che il cliente sia a conoscenza dei rischi abituali se non dispone di indicazioni concrete sul fatto che il cliente sia completamente inesperto in materia. 8 L informazione relativa alla struttura di rischio è limitata all esposizione dei rischi legati a una tipologia concreta di titoli. 9 Il commerciante può assolvere al proprio obbligo di informazione in forma standardizzata mettendo a disposizione del cliente dei prospetti informativi riguardanti categorie di titoli e mercati particolari (Risk Disclosure Statements). L Associazione svizzera dei banchieri mantiene aggiornata una serie di testi modello delle pubblicazioni sui rischi esistenti per i mercati svizzeri dei titoli 10 Per alcuni tipi di transazione l obbligo di informazione può essere assolto anche rinviando ai prospetti, agli annunci, ai documenti contrattuali di vendita o ad altri documenti informativi equivalenti accessibili al pubblico e pubblicati all atto dell emissione o del collocamento iniziale, nella misura in cui essi forniscono informazioni sul potenziale di rischio legato a questo tipo di operazioni. 11 Il commerciante documenta in quale forma ha informato il cliente al fine di poterne fornire la prova. La scelta della forma di tale documentazione è lasciata al suo libero apprezzamento. 1 Se il cliente desidera effettuare su un mercato estero un operazione su titoli che presenta una struttura di rischio non abituale e se il commerciante non dispone né delle conoscenze specifiche necessarie né di un informazione standardizzata sulla struttura del rischio, deve rendere attento il cliente su tale circostanza. 0

22 Art. 4 Momento e contenuto dell informazione Il commerciante deve adempiere attivamente al proprio obbligo di informazione ai sensi dell art. 3 e informare il cliente in tempo utile prima dell esecuzione della transazione, in modo completo e materialmente corretto, riguardo ai principali rischi legati al tipo di transazione corrispondente. Commento: 13 Nell ambito di un informazione standardizzata il cliente dev essere informato nel caso in cui un attività di commercio di valori mobiliari è intrapresa per la prima volta. Tale informazione dev essere aggiornata qualora il cliente desideri intraprendere nuove operazioni che presentino una struttura di rischio sostanzialmente diversa. C. Obbligo di diligenza Art. 5 Migliore esecuzione possibile in termini di corso, di momento di esecuzione e di quantità 1 Il commerciante esegue le transazioni su un mercato generalmente riconosciuto che presenta tutte le garanzie per un esecuzione conforme alle usanze. Sui mercati in cui tale pratica è ammessa, il commerciante può eseguire le transazioni intervenendo personalmente quale controparte, a condizione che ciò non comporti alcun pregiudizio per il cliente. Commento: 14 Per principio, le operazioni su titoli devono essere stipulate dal commerciante immediatamente, completamente, e, nel rispetto dei limiti, degli oneri e delle restrizioni imposte dal cliente, al miglior corso possibile sul mercato. Non è possibile derogare a un esecuzione immediata e completa se non nel caso in cui questa risulti impossibile a fronte della situazione del mercato (liquidità) o se il suo differimento va a vantaggio del cliente. Per i titoli trattati fuori borsa, il commerciante deve eseguire la transazione a un corso basato su quello del mercato. Le eventuali divergenze al ribasso o al rialzo rispetto al corso di mercato devono essere portate a conoscenza del cliente. 1

23 15 Qualora il cliente non abbia fornito alcuna ulteriore istruzione, il commerciante adempie al proprio obbligo di diligenza eseguendo le transazione tramite la borsa locale (rispettivamente tramite il locale mercato fuori borsa) alla quale tratta abitualmente o tramite la borsa nazionale (rispettivamente tramite il mercato fuori borsa nazionale) per i rispettivi titoli o, ancora, su un altro mercato con un grado di liquidità equivalente. 16 Nella misura in cui ciò non sia stato espressamente convenuto con il cliente, non può essere stipulata alcuna transazione a un prezzo sensibilmente divergente da quello di mercato. Art. 6 Allocazione immediata e obbligo di rendere conto Le transazioni su titoli eseguite devono essere immediatamente assegnate, registrate nonché contabilizzate e documentate entro i termini conformi alle usanze del mercato. Commento: 17 In linea generale, la conferma e la contabilizzazione dovrebbero essere effettuate entro lo stesso giorno e inviate all indirizzo convenuto con il cliente entro il giorno di banca successivo all esecuzione dell operazione conformemente al contratto.

24 Art. 7 Trasparenza in materia di contabilizzazione di transazioni 1 Con la contabilizzazione delle transazioni, il commerciante deve fornire al cliente almeno le indicazioni relative alla quantità di titoli trattati, al luogo di esecuzione, al corso e ai costi della transazione (commissioni, diritti, imposte, spese, ecc.). Al posto di un conteggio dettagliato di tutti i costi delle transazioni, il commerciante può convenire un conteggio basato su tariffe forfetarie per i propri servizi (commissioni proprie) e quelli di terzi (commissioni a favore di terzi) comprensive delle spese. I diritti e le imposte (commissioni di borsa, imposte di bollo, ecc.) possono essere comprese in tali costi forfetari oppure contabilizzate separatamente. Commento: 18 L art. 7, par. 1 enumera le informazioni che il commerciante deve fornire spontaneamente al cliente, salvo accordo contrario, con la contabilizzazione delle transazioni. A fronte del suo obbligo di rendere conto, il commerciante è inoltre tenuto a fornire al cliente, su richiesta, altre indicazioni relative all esecuzione delle transazioni, nella misura in cui egli ne disponga a fronte del proprio obbligo di tenere un giornale. Rientrano in questa categoria le indicazioni relative al momento di esecuzione, il fatto che la transazione sia stata eseguita in borsa o fuori borsa e l intervento del commerciante in qualità di controparte. 19 Nella contabilizzazione dettagliata delle transazioni, le commissioni a favore di terzi, i diritti, le imposte e le spese effettivamente sostenute devono essere fatturate. E fatta riserva di eventuali convenzioni di diritto privato aventi contenuto diverso. Qualora sia stata convenuta l applicazione di tariffe forfetarie, occorre stabilire quali elementi dei costi globali delle transazioni siano coperti dai forfait. I dettagli del calcolo dei costi non devono tuttavia essere indicati. 0 I costi delle transazioni possono variare a seconda dei mercati o dei paesi nei quali le transazioni sono effettuate, dei tipi di titoli, dei volumi trattati, ecc. Ove siano applicabili tariffe forfetarie, il commerciante può tenere conto di tali circostanze fissando dei forfait differenziati. 3

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Interactive Brokers presents

Interactive Brokers presents Interactive Brokers presents Il programma Stock Yield Enhancement Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com

Dettagli

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch.

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch. Interactive Brokers presenta: Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member SIPC

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione Allegato 2 TRACCIATO DATI PER ANAGRAFICHE TITOLI INTERMEDIARI Per uniformare l invio delle informazioni sui titoli trattati presso gli internalizzatori sistematici si propone l invio di un file in formato

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifica alle Istruzioni al Regolamento: in vigore il 18/02/09/Amendments to the Instructions

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

La due diligence. Gioacchino D Angelo

La due diligence. Gioacchino D Angelo La due diligence Gioacchino D Angelo Agenda Il wider approach: implicazioni operative e procedurali Outline delle procedure di due diligence Conti Preesistenti di Persone Fisiche: il Residence Address

Dettagli

Deposits and Withdrawals policy Politica per Depositi e Prelievi TeleTrade-DJ International Consulting Ltd

Deposits and Withdrawals policy Politica per Depositi e Prelievi TeleTrade-DJ International Consulting Ltd Deposits and Withdrawals policy Politica per Depositi e Prelievi TeleTrade-DJ International Consulting Ltd 2011-2015 TeleTrade-DJ International Consulting Ltd. 1 Bank Wire Transfers: When depositing by

Dettagli

AVVISO n.18306. 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.18306. 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.18306 03 Novembre 2015 MOT - DomesticMOT Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA Societa' oggetto dell'avviso : IVS GROUP Oggetto : CHIUSURA ANTICIPATA PERIODO DI DISTRIBUZIONE DEL PRESTITO "IVS

Dettagli

Documento CLIL I contratti del commercio internazionale

Documento CLIL I contratti del commercio internazionale Documento CLIL I contratti del commercio internazionale La Convenzione di Vienna La Convenzione di Vienna del 1980 sulla vendita internazionale di beni fissa norme uniformi applicabili ai contratti di

Dettagli

Portfolio Analyst. Interactive Brokers presenta. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers. Il webinar inizia alle 18:00 CET

Portfolio Analyst. Interactive Brokers presenta. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers. Il webinar inizia alle 18:00 CET Interactive Brokers presenta Portfolio Analyst Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

AVVISO n.11560. 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.11560. 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.11560 20 Giugno 2012 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Migrazione alla piattaforma Millennium IT: conferma entrata in vigore/migration to

Dettagli

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Risk mangement trough structured products Origination Department Axpo Italia SpA From market risk to customer s risks RISK: The chance that an investment s actual return will be different

Dettagli

IVS GROUP S.A. Procedura Internal Dealing Internal Dealing Procedure

IVS GROUP S.A. Procedura Internal Dealing Internal Dealing Procedure IVS GROUP S.A. Procedura Internal Dealing Internal Dealing Procedure 1 Index/Indice 1. PREAMBLE... 3 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPLES... 3 2. PRINCIPI... 3 3. REPORTING REQUIREMENTS IVS SECURITIES DEALING...

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Versione 2.0 18/03/2015 London Stock Exchange Group 18/03/2015 Page 1 Summary Riconciliazione X-TRM e T2S per DCP 1. Saldi iniziali ed operazioni

Dettagli

Comprendere il margine

Comprendere il margine Interactive Brokers presenta Comprendere il margine presso IB Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE IL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI ORDINARIE E DI RISPARMIO NEL RAPPORTO DI 1 AZIONE NUOVA OGNI 100 ESISTENTI

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE IL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI ORDINARIE E DI RISPARMIO NEL RAPPORTO DI 1 AZIONE NUOVA OGNI 100 ESISTENTI NOT FOR PUBLICATION OR DISTRIBUTION, DIRECTLY OR INDIRECTLY, IN, OR INTO, THE UNITED PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI BANCA CARIGE L ASSEMBLEA ORDINARIA HA APPROVATO: IL BILANCIO

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA PRICEWATERHOUSECOOPERS S.P.A. [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE

Dettagli

Richiesta di attribuzione del codice EORI

Richiesta di attribuzione del codice EORI Allegato 2/IT All Ufficio delle Dogane di Richiesta di attribuzione del codice EORI A - Dati del richiedente Paese di residenza o della sede legale: (indicare il codice ISO e la denominazione del Paese)

Dettagli

POLITICA PER LA MIGLIOR ESECUZIONE DEGLI ORDINI TeleTrade-DJ International Consulting Ltd Agosto 2013

POLITICA PER LA MIGLIOR ESECUZIONE DEGLI ORDINI TeleTrade-DJ International Consulting Ltd Agosto 2013 EN BEST EXECUTION POLICY TeleTrade-DJ International Consulting Ltd August 2013 Introduction TeleTrade-DJ International Consulting Ltd (hereinafter called Company ) is an Investment Firm regulated by the

Dettagli

Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010

Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010 Zurigo, 10 novembre 2010 Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010 Nei primi nove mesi del 2010 il gruppo Swiss Life ha incassato premi pari a 15,9 miliardi di franchi, registrando

Dettagli

Connection to the Milan Internet Exchange

Connection to the Milan Internet Exchange Connection to the Milan Internet Exchange Allegato A Modulo di adesione Annex A Application form Document Code : MIX-104 Version : 2.1 Department : CDA Status : FINAL Date of version : 07/10/15 Num. of

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

La provincia di Milano

La provincia di Milano La provincia di Milano Siena, maggio 2014 Area Research & IR Provincia di Milano: dati socio economici 1/2 Milano DATI SOCIO-ECONOMICI 2014 Var. % 13-14 Var. % 14-15 Var. % 15-16 Milano Italia Milano Italia

Dettagli

La disciplina d investimento nel mondo del trading online G. Frapolli AVP CornèrTrader

La disciplina d investimento nel mondo del trading online G. Frapolli AVP CornèrTrader La disciplina d investimento nel mondo del trading online G. Frapolli AVP CornèrTrader Agenda Introduzione Controllo e disciplina Le cose da fare per essere efficaci nel trading VANTAGGI utilizzando la

Dettagli

AVVISO n.13062 12 Ottobre 2005

AVVISO n.13062 12 Ottobre 2005 AVVISO n.13062 12 Ottobre 2005 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Istruzioni al regolamento dei Mercati servizio BitClub blocchi e fuori mercato/instructions

Dettagli

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) MODEL DISCLOSURE FOR TRANSACTIONS IN THE ISSUER S SECURITIES (pursuant to paragraph 1.4

Dettagli

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015 Appunti euroritenuta Torino 30 giugno 2015 Agreements between the EU and five European countries On 2 June 2004, the Council adopted a Decision on the signature and conclusion of an Agreement between the

Dettagli

Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA

Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA Consolato d Italia NEWARK RIACQUISTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA Coloro che hanno perso la cittadinanza italiana a seguito di naturalizzazione statunitense avvenuta prima del 16 agosto 1992, possono riacquistarla

Dettagli

NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA

NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA 1 Omissis 5. LA TRASPARENZA DEI TRASFERIMENTI DI VALORE TRA LE INDUSTRIE FARMACEUTICHE, GLI OPERATORI SANITARI E LE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Obbligo

Dettagli

Table 1: Transfer capacity definition Transfer capacity Italy Greece Greece Italy Long-term (April 1 December 31, 2003)

Table 1: Transfer capacity definition Transfer capacity Italy Greece Greece Italy Long-term (April 1 December 31, 2003) Allegato A Draft agreement between Autorità per l energia elettrica e il gas and Regulatory Authority for Energy of Greece on the allocation of the electricity transfer capacity for the year 2003 (April

Dettagli

AVVISO n.16535. 26 Settembre 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso FIAT INDUSTRIAL

AVVISO n.16535. 26 Settembre 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso FIAT INDUSTRIAL AVVISO n.16535 26 Settembre 2013 Idem Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : CNH INDUSTRIAL FIAT INDUSTRIAL Oggetto : IDEM - MERGER BETWEEN FIAT INDUSTRIAL AND CNH GLOBAL

Dettagli

Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti

Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti Proposta/Questionario di QBE Insurance (Europe) Limited Avviso Importante E nel Vostro interesse dichiarare nella presente Proposta/Questionario qualsiasi fatto

Dettagli

Corso di ricerca bibliografica

Corso di ricerca bibliografica Corso di ricerca bibliografica Trieste, 11 marzo 2015 Partiamo dai motori di ricerca Un motore di ricerca è un software composto da tre parti: 1.Un programma detto ragno (spider) che indicizza il Web:

Dettagli

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.20015 20 Novembre 2012 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifica Regolamento ExtraMOT: Controlli automatici delle negoziazioni - Automatic

Dettagli

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK L ESEMPIO DI E-SYNERGY 2 Contenuto Parlerò: dei rischi legati all investimento in aziende start-up delle iniziative del governo britannico per diminuire questi rischi e

Dettagli

Regolamento del Comitato Scientifico Borse (CSB) AIRC e FIRC

Regolamento del Comitato Scientifico Borse (CSB) AIRC e FIRC Regolamento del Comitato Scientifico Borse (CSB) AIRC e FIRC INTRODUZIONE L attività globale di peer review a carico del Comitato Tecnico Scientifico (CTS) AIRC (Investigator grants, Borse di studio per

Dettagli

Contributo per l assistenza all infanzia

Contributo per l assistenza all infanzia ITALIAN Contributo per l assistenza all infanzia Il governo australiano mette a disposizione una serie di indennità e servizi per contribuire ai costi che le famiglie sostengono per l assistenza dei figli

Dettagli

AVVISO n.10612 30 Giugno 2010 Idem

AVVISO n.10612 30 Giugno 2010 Idem AVVISO n.10612 30 Giugno 2010 Idem Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : ANSALDO STS dell'avviso Oggetto : IDEM FREE ATTRIBUTION TO THE EXISTING SHAREHOLDERS OF NEW ORDINARY SHARES:

Dettagli

Monte Titoli. L evoluzione dei protocolli di comunicazione. Milano, 24 Settembre 2012. Andrea Zenesini IT Manger

Monte Titoli. L evoluzione dei protocolli di comunicazione. Milano, 24 Settembre 2012. Andrea Zenesini IT Manger Monte Titoli L evoluzione dei protocolli di comunicazione Milano, 24 Settembre 2012 Andrea Zenesini IT Manger Evoluzione della connettività Perché l abbandono del protocollo LU6.2? Standard obsoleto Compatibilità

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

AVVISO n.19382. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 13 Novembre 2014. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.19382. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 13 Novembre 2014. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19382 13 Novembre 2014 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Regolamento AIM - AIM Rules - 1 Dicembre

Dettagli

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree.

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree. Assurance of Support Alcuni migranti dovranno ottenere una Assurance of Support (AoS) prima che possa essere loro rilasciato il permesso di soggiorno per vivere in Australia. Il Department of Immigration

Dettagli

UBI Banca. Incontra Schroders. Carlo Trabattoni Responsabile Distribuzione Retail Europa Continentale

UBI Banca. Incontra Schroders. Carlo Trabattoni Responsabile Distribuzione Retail Europa Continentale UBI Banca Incontra Schroders Carlo Trabattoni Responsabile Distribuzione Retail Europa Continentale Cosa è successo dall inizio del 2008 Contesto particolarmente sfavorevole per le vendite dei fondi d

Dettagli

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Cloud computing e processi di outsourcing dei servizi informatici La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Domenico Francavilla Dipartimento di Scienze Giuridiche Università

Dettagli

Comunicazione ex artt. 23/24 del Provvedimento Banca d Italia/Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010

Comunicazione ex artt. 23/24 del Provvedimento Banca d Italia/Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010 Allegato B1 Comunicazione ex artt. 23/24 del Provvedimento Banca d Italia/Consob del 22 febbraio 2008 modificato il 24 dicembre 2010 1. Intermediario che effettua la comunicazione ABI 03239 CAB 1601 INTESA

Dettagli

Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA)

Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA) Tribunale civile e penale di Busto Arsizio Sezione fallimentare Largo Gaetano Giardino, 4 21052 Busto Arsizio (VA) Riservato al Tribunale Procedura di amministrazione straordinaria Volare Group S.p.A.

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015 Informazione Regolamentata n. 1155-56-215 Data/Ora Ricezione 2 Ottobre 215 13:12:6 MTA - Star Societa' : TESMEC Identificativo Informazione Regolamentata : 63825 Nome utilizzatore : TESMECN1 - Patrizia

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 39 /2014

INFORMATIVA EMITTENTI N. 39 /2014 INFORMATIVA EMITTENTI N. 39 /2014 Data: 17/07/2014 Ora: 18:15 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Comunicato Stampa: FINECOBANK: ESERCITATA L OPZIONE GREENSHOE Press Release: FINECOBANK: EXERCISE OF THE

Dettagli

FAP Turbo Settings Guide Come ho raddopiato il conto in 30 giorni!!

FAP Turbo Settings Guide Come ho raddopiato il conto in 30 giorni!! FAP Turbo Settings Guide Come ho raddopiato il conto in 30 giorni!! http://fapturbo.com Disclaimer These settings are intended for education purposes only and carry no guarantee as to how well they will

Dettagli

AVVERTENZE UTILI USEFUL INFORMATION

AVVERTENZE UTILI USEFUL INFORMATION QUESTIONARIO PROPOSTA D&O Proposta di assicurazione R.C. per gli Amministratori, Dirigenti e Sindaci di società (Inclusa la copertura RC Patrimoniale per la Società) La seguente Proposta di ASSICURAZIONE

Dettagli

Il quadro giuridico europeo e il collocamento dei prodotti assicurativi accessori nel Protocollo ABI Assofin AACC

Il quadro giuridico europeo e il collocamento dei prodotti assicurativi accessori nel Protocollo ABI Assofin AACC Il quadro giuridico europeo e il collocamento dei prodotti assicurativi accessori nel Protocollo ABI Assofin AACC Angelo Peppetti Ufficio Crediti Direzione Strategie e Mercati Finanziari 27 novembre 2014

Dettagli

2003 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Portfolio Management Guidelines

2003 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Portfolio Management Guidelines 2003 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Portfolio Management Guidelines Schweizerische Bankiervereinigung Association suisse des banquiers Associazione Svizzera dei Banchieri Swiss

Dettagli

M.T. Cliff, D.J Denis Do IPO Firms Purchase Analyst Coverage With Underpricing - 2003 (http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=378201)

M.T. Cliff, D.J Denis Do IPO Firms Purchase Analyst Coverage With Underpricing - 2003 (http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=378201) L Analisi Finanziaria e il suo ruolo nelle IPOs Riferimenti: M.T. Cliff, D.J Denis Do IPO Firms Purchase Analyst Coverage With Underpricing - 2003 (http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=378201)

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015 Data/Ora Ricezione 11 Marzo 2015 10:26:20 MTA Societa' : EXOR Identificativo Informazione Regolamentata : 54160 Nome utilizzatore : EXORN01 - Mariani Tipologia

Dettagli

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Avv. Lorenzo Parola Avv. Silvia Morlino Milano, 30 giugno 2008 Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Sommario La riserva di attività

Dettagli

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : FIAT dell'avviso Oggetto : Fiat, Fiat Industrial Testo del comunicato Interventi di rettifica, proposte di

Dettagli

Borsa Italiana announces new pricing and policy amendments on real time market data agreements

Borsa Italiana announces new pricing and policy amendments on real time market data agreements 29 th September 2015 Prot.02922 Borsa Italiana announces new pricing and policy amendments on real time market data agreements Dear Customer, The purpose of this communication is to provide formal notification,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT

COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT PERIODO DI ADESIONE ALL OFFERTA DAL 25 GENNAIO 2016 AL 16 FEBBRAIO 2016 SALVO PROROGA O RIAPERTURA DELL OFFERTA DATA

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Case Law Italy(IT) Nr. 62

Case Law Italy(IT) Nr. 62 Tribunale di Venezia, 27.09.2006, S.P. c. Soc. F. Relevant Provisions (European and National Law) Directive 85/577, Directive 97/7, Directive 93/13 ; Art. 33, par. 2, letter (u), and Art. 63 of the Italian

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Data/Ora Ricezione 29 Settembre 2015 18:31:54 MTA Societa' : FINECOBANK Identificativo Informazione Regolamentata : 63637 Nome utilizzatore : FINECOBANKN05 -

Dettagli

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency.

C. & G. Agency Srl Via Novara, snc 01017 Tuscania VT Tel. 0761/096093 Fax. 0761/096106 Website: www.cegagency.it E-mail: info@cegagency. Servizi Recupero Crediti Debt Collection Services Chi Siamo C. & G. Agency Srl nasce grazie alla pluriennale esperienza maturata nel settore gestione e recupero del credito da parte del socio fondatore.

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015

Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015 Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015 Data/Ora Ricezione 07 Luglio 2015 18:20:30 MTA Societa' : I GRANDI VIAGGI Identificativo Informazione Regolamentata : 60643 Nome utilizzatore : GRANDIVIN01 -

Dettagli

AVVISO n.7753 06 Maggio 2009 AIM Italia

AVVISO n.7753 06 Maggio 2009 AIM Italia AVVISO n.7753 06 Maggio 2009 AIM Italia Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : S.p.A. dell'avviso Oggetto : Ammissione e Inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie e dei Warrant

Dettagli

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Numero 10 Marzo 2014 Analysis methodology The fair value recognition of derivative

Dettagli

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013 Pannello LEXAN BIPV 20 Novembre 2013 PANELLO LEXAN BIPV Il pannello LEXAN BIPV (Building Integrated Photovoltaic panel) è la combinazione di una lastra in policarbonato LEXAN con un pannello fotovoltaico

Dettagli

MODULO-PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI RAGIONIERI COMMERCIALISTI E DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

MODULO-PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI RAGIONIERI COMMERCIALISTI E DEI DOTTORI COMMERCIALISTI QUESTIONARIO RC RAGIONIERI E DOTTORI Pagina 1 di 5 DA INVIARE A SEVERAL SRL TELEFAX N. 040.3489421 MAIL: segreteria@severalbroker.it MODULO-PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE DEI

Dettagli

AVVISO n.17298. 09 Ottobre 2014 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES

AVVISO n.17298. 09 Ottobre 2014 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES AVVISO n.17298 09 Ottobre 2014 Idem Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : FIAT FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES Oggetto : IDEM - MERGER OF FIAT S.P.A. INTO FIAT CHRYSLER AUTOMOBILIES

Dettagli

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo)

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo) QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE DEL GRAFOLOGO NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA

Dettagli

Fatturato stabile, forte crescita della clientela e investimenti in aumento

Fatturato stabile, forte crescita della clientela e investimenti in aumento Rapporto intermedio del Gruppo Swisscom relativo al 1 trimestre 2007 Fatturato stabile, forte crescita della clientela e investimenti in aumento 1.1-31.3.2006 1.1-31.3.2007 Variazione Fatturato netto (in

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0208-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0208-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0208-10-2015 Data/Ora Ricezione 24 Aprile 2015 17:33:07 MTA - Star Societa' : POLIGRAFICA S. FAUSTINO Identificativo Informazione Regolamentata : 56989 Nome utilizzatore :

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

AVVISO n.10682 01 Luglio 2010 ExtraMOT

AVVISO n.10682 01 Luglio 2010 ExtraMOT AVVISO n.10682 01 Luglio 2010 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche al Regolamento ExtraMOT in vigore dal 19 luglio 2010 Amendments to the

Dettagli

Recovery Bonus Cap Certificate su Indici. Term Sheet

Recovery Bonus Cap Certificate su Indici. Term Sheet Recovery Bonus Cap Certificate su Indici Term Sheet Recovery Bonus Cap Certificate su Indici Parte 1 Emittente Société Générale Effekten GmbH Garante Société Générale (Moody's A2, Standard & Poor s A)

Dettagli

Certificazione del titolare della carta relativa alla/e transazione/i contestata/e

Certificazione del titolare della carta relativa alla/e transazione/i contestata/e Certificazione del titolare della carta relativa alla/e transazione/i contestata/e Cardholder s Certification of Disputed Transactions Dati personali Cognome/Nome Name/Firstname Numero carta Card No Data

Dettagli

PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO E DEL SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVI ALL OFFERTA IN OPZIONE DI BANCA CARIGE

PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO E DEL SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVI ALL OFFERTA IN OPZIONE DI BANCA CARIGE IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, CANADA, AUSTRALIA O GIAPPONE O IN QUALSIASI ALTRO PAESE NEL QUALE

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Data/Ora Ricezione 04 Novembre 2015 20:24:43 MTA Societa' : GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI Identificativo Informazione Regolamentata : 65108 Nome utilizzatore : RICCHETTIN01

Dettagli

Hyppo Swing gate opener

Hyppo Swing gate opener Hyppo Swing gate opener - Instructions and warnings for installation and use IT - Istruzioni ed avvertenze per l installazione e l uso - Instructions et avertissements pour l installation et l utilisation

Dettagli

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale 2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri allo scopo di

Dettagli

Interactive Brokers. Rendiconti e conferme eseguiti. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch

Interactive Brokers. Rendiconti e conferme eseguiti. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Interactive Brokers presenta: Rendiconti e conferme eseguiti Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il Webinar inizia alle 18:00 (CET) webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

AVVISO n.3586. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 12 Marzo 2015. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.3586. AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale. 12 Marzo 2015. Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.3586 12 Marzo 2015 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA Societa' oggetto dell'avviso : Oggetto : Ammissione e inizio delle negoziazioni delle azioni

Dettagli

italiano english policy

italiano english policy italiano english policy REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA Arrivo (Check-in): gli appartamenti e camere saranno disponibili dalle ore 15.00 alle ore 19.00, salvo diversi accordi. Vi richiediamo di comunicare

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Data/Ora Ricezione 02 Ottobre 2015 17:24:36 MTA - Star Societa' : INTERPUMP GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 63839 Nome utilizzatore : INTERPUMPN01

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy CAMBIO DATI PERSONALI - Italy Istruzioni Per La Compilazione Del Modulo / Instructions: : Questo modulo è utilizzato per modificare i dati personali. ATTENZIONE! Si prega di compilare esclusivamente la

Dettagli

Risvolti patologici e allocazione rischio. Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Norton Rose Fulbright Studio Legale Roma 14 novembre 2013

Risvolti patologici e allocazione rischio. Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Norton Rose Fulbright Studio Legale Roma 14 novembre 2013 Risvolti patologici e allocazione rischio Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Roma 14 novembre 2013 Sommario Presentazione Tipi Contrattuali Allocazione Rischi Casi Pratici 2 You get your licence.

Dettagli