lavoro Parrucchieri Aiti Un contratto collettivo da migliorare Prossimo numero: 13 settembre 2012 L ennesimo clamoroso caso di sfruttamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lavoro Parrucchieri Aiti Un contratto collettivo da migliorare Prossimo numero: 13 settembre 2012 L ennesimo clamoroso caso di sfruttamento"

Transcript

1 lavoro Giornale dell Organizzazione cristiano-sociale ticinese 30 agosto Anno LXVII - N.13 - CHF G.A.A Lugano Prossimo numero: 13 settembre 2012 pagina 4 Aquolina L ennesimo clamoroso caso di sfruttamento pagina 5 Aiti Una crociata fuori luogo pagina 8 Sanità Spazio ai diplomati delle nostre scuole pagina 9 Bissone Poche idee, ma ben confuse pagina pagine Parrucchieri Un contratto collettivo da migliorare Redazione Il Lavoro - Via Balestra Lugano Tel Fax

2 Sindacato Attualità 2 30 agosto 2012 il Lavoro Parrucchieri Un contratto collettivo da migliorare Parrucchieri e le loro problematiche, un tema poco mediatizzato che passa spesso inosservato. Quando siamo comodamente seduti ad approfittare della bravura del nostro parrucchiere di fiducia non pensiamo certo agli svariati problemi presenti nel settore. L OCST ha rilevato, fin dalla sua introduzione, numerose lacune nel Contratto nazionale (vedi riquadro a lato). Abbiamo quindi deciso di intervistare il presidente di CoiffureSuisse Ticino, Mauro Andrioletti. INTERVISTA A CURA DI GIORGIO DONINI Il problema dell «affitto delle sedie», già affrontato nel 2010 proprio dal nostro sindacato, è ancora lungi dall essere risolto. Proprio non si riesce ad arginare il fenomeno? Per arginare un problema bisognerebbe poterne riconoscere i confini! Nello specifico si fatica a definire regole chiare che permettano poi di legiferare e controllare. CoiffureSuisse continua a tenere alta la guardia tanto da non accettare nuove affiliazioni in «odore» di affitto poltrone! Questa inizia a essere una garanzia per la professione e per chi è occupato come dipendente, visto che i problemi principali che si riscontrano in caso di affitto poltrone sono da ascrivere alla responsabilità verso il pagamento degli oneri sociali. Chi risponde in quel caso? Ecco iniziare problemi che spesso sfociano in vertenze legali! Quindi in virtù di queste considerazioni, ma anche di un codice etico/socio-professionale al quale richiamo tutti i «sani imprenditori», CoiffureSuisse Ticino sta operando. Colgo l occasione per comunicare all opinione pubblica che, con un gruppo di altri presidenti cantonali di CoiffureSuisse, si sta studiando uno statuto che darà diritto all ottenimento di un Label di qualità per i saloni da parrucchiere e una delle regole base, oltre che avere una formazione certificata, è proprio la condizione di astenersi da qualsiasi forma di subaffitto di poltrone. Procedura di riconoscimento di un diploma estero L ente che si occupa del riconoscimento dei titoli esteri è L Ufficio federale della formazione e della tecnologia. Le questioni sindacali Salari minimi validi per tutti L e condizioni di lavoro per i parrucchieri sono certamente peggiorate negli ultimi anni, dalla disdetta del precedente contratto collettivo. L introduzione nel 2010 del nuovo contratto collettivo infatti non è riuscita ad arginare la deriva di dumping salariale che ha colpito il settore nel periodo di vuoto contrattuale. Salario minimo Non esiste infatti un salario minimo per i lavoratori che non sono in possesso di un attestato di formazione svizzero (attestato federale di capacità o formazione empirica). Non sono protetti dal salario minimo tutti coloro che sono formati avendo conseguito il diploma all estero, ma non hanno messo in atto nessuna procedura di riconoscimento del titolo in Svizzera. L appello del sindacato è che questo grave problema contrattuale venga affrontato e risolto al più presto. Nel frattempo gli impiegati del settore che non hanno un attestato riconosciuto dovrebbero avviare la procedura di riconoscimento del titolo (vedi riquadro in basso). Avete informazioni sulla diffusione del lavoro nero nel vostro settore? Possiamo solo formulare ipotesi probabilmente sottostimate. Permettetemi comunque un calcolo ipotetico tenendo conto di quanto detto in precedenza: immaginiamo 200 persone che lavorano in nero e attribuiamo loro 10 servizi settimanali. Otteniamo 2000 servizi settimanali erogati da queste persone e fin qui questo calcolo ci dice tutto e niente. Proviamo a contestualizzarlo meglio: pensiamo che un salone come il mio, in cui si lavora La procedura di richiesta dell equipollenza è abbastanza semplice: è necessario compilare il modulo «Richiesta preliminare» (scaricabile dal sito alla voce «riconoscimento dei diplomi esteri» del menu di sinistra) al quale bisogna allegare una copia del diploma da riconoscere, se necessario tradotto in italiano, francese, tedesco o inglese. La procedura ha il costo di Fr Protezione della maternità Il nuovo contratto ha inoltre introdotto alcune modifiche al ribasso nell ambito della protezione della maternità: il congedo è stato infatti ridotto a 14 settimane, quelle riconosciute dalla legge, mentre il precedente contratto, all avanguardia da questo punto di vista, ne riconosceva 16. Si tratta di un grave passo indietro per un settore ad alto tasso di impiego femminile come questo. È possibile inoltre versare un salario ridotto di Fr mensili rispetto al salario minimo per il massimo di un anno, a chi riprende il lavoro dopo un interruzione di almeno un anno, per i mesi nei quali non sia raggiunto un fatturato di Fr Il settore è poi afflitto da un altro importante problema che riguarda l affitto delle postazioni: il proprietario affitta una postazione ad uno dei collaboratori trattandolo come indipendente. In questo caso è importante sapere che la legge considera questo tipo di rapporto una falsa indipendenza: non esiste infatti una separazione totale dell attività del negozio e dell affittuario della postazione di lavoro (entrata, spazi, gestione, acquisti, promozione). Il datore di lavoro è quindi tenuto a versare i contributi e ad assicurare il collaboratore. È tenuto inoltre a versare al collaboratore il minimo salariale stabilito nel contratto. in 4 (me compreso), per potersi mantenere ha bisogno di 100 servizi settimanali. Si può così comodamente capire che 2000 servizi settimanali sosterrebbero l attività di 20 saloni di pari grandezza con conseguente garanzia di 80 impieghi, con relativi salari, oneri sociali e indotto vario! Capiamo da questo quanto possa far danno alla professione, ma anche alla società tutta, il lavoro nero. Il nuovo CCL, entrato in vigore nel 2010, non impone l applicazione del salario minimo per i lavoratori non qualificati. Di conseguenza per chi ha conseguito un diploma all estero e non ha ottenuto l equipollenza del titolo, non esiste un limite inferiore di salario. Non ritiene che questo sia un grosso problema che, soprattutto nel nostro Cantone di frontiera, può generare dumping salariale? Ritengo sia un grosso problema che genera dumping e di conseguenza concorrenza sleale, poichè se un impresa può garantirsi manodopera a più basso costo, questo di riflesso influirà direttamente sul prezzo finale della pre-

3 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Attualità 3 stazione. Fintanto che il mercato sarà orientato solo sulla politica del prezzo, la giusta valutazione e collocazione sociale della nostra professione saranno pesantemente ostacolati. Per questo CoiffureSuisse Ticino sta riflettendo e operando alla ricerca di soluzioni. Ha fissato tre direttive su cui lavorare che sono: Formazione, Organizzazione e Comunicazione. Non è di certo il luogo per approfondire i temi ma si può intravvedere che vi sono obiettivi chiari sui quali muoverci e il risultato sarà l ottenimento di aziende più formate, organizzate e che sanno comunicarlo. Questo non potrà che sortire migliori condizioni per chi opera nel settore, dal riconoscimento professionale ai salari. Qual è il vostro impegno per la formazione dei giovani? Quanti apprendisti formate mediamente? A quale figura è affidata la loro formazione sul posto di lavoro? Riguardo al salario dei suddetti non pensa che siano troppo bassi? L attenzione verso i giovani è massima! La responsabilità della loro buona formazione è costantemente monitorata sia da CSuisse Ticino sia ovviamente, in quanto autorità superiore, dal Dipartimento della formazione professionale (DFP). In questi ultimi anni grazie alla stretta collaborazione tra l organo di sorveglianza e noi, si sono fissati i criteri minimi che consentono ad un salone di formare apprendisti e cioè: seguire i primi 2 moduli di formazione del percorso per l ottenimento della Maestria Federale (EPS). Al secondo modulo si deve superare un esame già di livello federale, senza il quale non si potrà ottenere il diritto all apprendista. Sul numero posso dire che quasi tutti gli anni si presentano agli esami finali circa una cinquantina di giovani. Riguardo ai salari è un annosa discussione che se si volesse affrontare andrebbe fatta considerando molteplici fattori e non solo il salario tout-court! Andrebbero inserite variabili quali il tempo d impiego del giovane in azienda, il tempo dell istruttore aziendale che in quel momento non può operare su clienti ecc. Vi posso garantire che periodicamente si discute apertamente della questione. Il mio pensiero personale è che sarebbe forse meglio focalizzarsi su modelli formativi più vicini ai bisogni del mercato (anche in questo caso vi è in corso uno studio), che garantiscano ai giovani un inserimento nel mondo del lavoro meno complesso di oggi e permetta loro, a quel momento, di avere salari equi che favoriscano un vivere dignitoso. Quindi non focalizzerei troppo l attenzione sui salari dei giovani in formazione poiché si correrebbe il rischio di perdere di vista l obiettivo finale: avere buoni professionisti che possano garantirsi salari dignitosi. CoiffureSuisse come si pone verso la riqualifica professionale? Cercate di favorirla in un qualche modo? Per quel che concerne questo specifico problema il nostro settore viene sollecitato sempre più frequentemente. In risposta a queste nuove esigenze stiamo strutturando dei corsi di medio-lunga durata all interno della nostra Academy a Giubiasco. Contiamo di avere un programma per la primavera Ci parli del CCL, non pensa che dia troppe libertà? E che non tenga conto del contesto ticinese essendo un contratto a livello nazionale penalizzando così il nostro cantone? Troppa libertà? Direi troppo rigido o troppo generalista nel senso che, come già sottolinea lei nella domanda, impone regole valide su tutto il territorio nazionale non riconoscendo le differenti problematiche presenti nelle varie regioni. Penso che se da un lato un CCL sia un buon strumento di lavoro dall altro, oggi, debba forzatamente prevedere dei punti di manovra tali da permettere una sana sostenibilità dei bisogni imprenditoriali e dei diritti dei salariati. In questo senso è emblematico quanto riporta l art dell attuale CCL, quello che definisce lo statuto di lavoratore con formazione empirica, e l art che ne definisce il trattamento salariale. Una riflessione in merito, come sezione ticinese CSuisse, è stata posta di recente in sede di assemblea nazionale: CSuisse è impegnata a migliorare costantemente la formazione professionale che, già oggi, dà diritto ad una migliore remunerazione ( salario base, con il diploma EP, con l EPS ). Purtroppo succede anche che si assumano persone con formazioni non equipollenti alla nostra pattuendo salari di gran lunga inferiori a quelli previsti dal CCL. Quindi in conclusione la forma di contratto attuale non può più soddisfare l intera nazione considerando che, soprattutto i cantoni della Svizzera centrale, non conoscono il problema del frontalierato. Aggiungerei anche che il sistema del salario base fisso, secondo me, complica ai giovani diplomati l entrata nel mondo del lavoro poiché lo stesso è ancorato alla produzione mensile che lo deve sostenere (ad un salario di lordo corrispondono di produzione mensile al netto dell IVA). Un sistema a scalare, per esempio, sarebbe meglio tollerato e sicuramente lascerebbe meno giovani al palo o obbligati ad aprire piccoli saloni con grandi difficoltà di gestione. Inserzione Domanda di adesione all'ocst Il/La sottoscritto/a Cognome Nome Indirizzo Nap Città Telefono Data di nascita Stato civile Nazionalità Professione Ditta dichiara di aderire all'organizzazione cristiano-sociale ticinese accettandone gli statuti. Luogo e data Firma Compilare e inviare a: Segretariato cantonale OCST, Via Balestra 19, 6900 Lugano Per difendere i tuoi diritti aderisci all'ocst! L'OCST è firmataria dei contratti collettivi di lavoro in tutte le categorie professionali ed è il sindacato più rappresentativo del Ticino. Mettiamo a disposizione i nostri segretariati e le nostre sedi in ogni regione del Cantone per difendere e sostenere i lavoratori. Segretariato cantonale Sedi OCST Lugano, via Balestra 19 Bellinzona, Via Magoria Biasca, Contr. Cav. Pellanda Chiasso, Via Bossi 12d Lamone, Via Cantonale Locarno, Via Lavizzari Lugano, Via Balestra Permanenze (telefonare per appuntamento) Grono (GR), CH-6537, Stabio, Via Giulia, Mendrisio, Via Lanz Cannobio (Italia), Via D.Uccelli 22, Lavena Ponte Tresa (Italia), Via Marconi 59, Porlezza (Italia), Via Osteno 1, Santa Maria Maggiore (Italia), Palazzo municipale,

4 4 Sindacato Attualità 30 agosto 2012 il Lavoro Caso Aquolina Quel peccato che grida vendetta al cielo... Il 27 agosto scorso le dipendenti del take away Aquolina sono scese in strada insieme all OCST per protestare contro la società di Stabio che le ha sfruttate in modo vergognoso. La Mesos Sa ha assunto alcune ragazze a tempo parziale per Fr al mese, facendole lavorare fino a 17 ore al giorno all Aquolina e nelle altre attività della società, il Ristorante Tennis di Seseglio e il catering. Le dipendenti che hanno richiesto di essere giustamente retribuite e di ricevere lo stipendio che non viene versato da alcuni mesi, sono state immediatamente licenziate. Nella vicenda è coinvolto anche l arciprete di Chiasso, don Gianfranco Feliciani che ci ha portato la sua testimonianza. DON GIANFRANCO FELICIANI* L a ragazza esplode in un pianto dirotto mentro io la guardo imbarazzatissimo. Cerco di calmarla ma non è facile trovare le parole. Ci vuole qualche minuto prima che si plachi. Finalmente ritrova la parola: «Da diversi mesi non percepisco più alcun salario. Sono stata presa in giro e con me tante altre persone. Ho firmato un contratto di lavoro al 50 per cento per un salario di CHF mensili, lavorando però di fatto a tempo pieno e oltre, con picchi di 17 ore al giorno. Quando ho richiesto di essere giustamente pagata per il lavoro svolto sono stata immediatamente licenziata e minacciata». Sono indignato, ma quando vengo a sapere che queste gravi ingiustizie sono state consumate dentro «casa mia», in uno stabile in affitto di proprietà della Parrocchia, mi sento non certo... l AQUOLINA in bocca, bensì il sangue ribollire nelle vene! Il Catechismo di un tempo, con il suo linguaggio colorito, ammoniva che «sottrarre la giusta paga all operaio è un peccato gravissimo, uno di quelli che gridano vendetta al cielo». Oggi il Catechismo usa un altro linguaggio, ma l accento posto sulla gravità del peccato rimane, eccome! «Ogni pratica che riduce le persone a non essere altro che puri strumenti in funzione del profitto, asservisce l uomo e conduce all idolatria del denaro. Il desiderio smodato del denaro è una delle cause dei numerosi conflitti che turbano l ordine sociale». La ragazza con altre compagne ha denunciato il caso all OCST, il quale è subito intervenuto chiedendo giustizia nei confronti di chi abusa spudoratamente delle leggi a discapito dei più elementari diritti umani. I nostri sono tempi che esigono attenzione, vigilanza, ascolto e coraggio nel denunciare l idolatria del profitto che riduce le persone a cose da usare e gettare a piacimento. Questo senso della giustizia interpella tutti, a maggior ragione chi si riconosce nel Vangelo e nella Dottrina sociale della Chiesa. *Parroco di Chiasso Segretariato di Lugano: dove mi rivolgo? Parecchi servizi offerti nella sede di Via S. Balestra a Lugano vengono trasferiti ad altre sedi. Di seguito le principali modifiche: Sede di Lamone Via Cantonale, Tel assistenza giuridica chiarimenti sulla busta paga contratti collettivi pagamento quote, richiami, cambi indirizzo riconoscimento indennità AVS, LPP commissioni paritetiche Sede di Lugano, Via S. Balestra 19, Tel Centro di competenza per l integrazione Slavko Bojanic CAST Assicurazioni GenerazionePiù, anziani OCST giornale «il Lavoro» Centro di formazione professionale Cassa disoccupazione Massagno Via San Gottardo 50, Tel Procedura di iscrizione Informazioni varie

5 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Attualità 5 Contratti normali di lavoro Una crociata fuori luogo di AITI IL PUNGOLO Opinioni forti... anche troppo! MEINRADO ROIANI nella scia di un analoga presa di posizione divulgata alcune settimane orsono dalla Fe- L AITI, dercommercio per il ramo della vendita, si erge contro l introduzione di un salario minimo obbligatorio nell industria farmaceutica come pure nel settore della fabbricazione di apparecchiature elettriche, di computer, di prodotti elettronici e ottici. L OCST, in un contesto di inoppugnabili pressioni sui livelli salariali indotte dalla libera circolazione, deplora che la principale organizzazione del settore industriale ticinese si opponga ad un moderato provvedimento di tutela delle retribuzioni. I pericoli di distorsione non solo trovano conferma nei più recenti studi sugli effetti della libera circolazione (si veda in particolare la recente pubblicazione dell Ufficio cantonale di statistica Libera circolazione: gioie o dolori? ) ma sono anche rilevabili nell esperienza quotidiana. Urta perciò che, appena una pur modesta misura di contenimento degli squilibri va a toccare una loro componente interna, le associazioni padronali si oppongono alla sua adozione e minacciano ricorsi. Da un lato si riconosce la necessità di intensificare i controlli sull andamento del mercato del lavoro e di essere rigorosi nell applicazione delle misure di accompagnamento alla libera circolazione. Dall altro, quando emergono situazioni di dumping salariale ci si affretta tuttavia a metterne in dubbio la fondatezza. Non è contestata la facoltà di verificare e valutare i controlli svolti. Occorre tuttavia evitare che, attraverso reazioni di pura difesa corporativa, il padronato concorra a incrinare l autorevolezza dei controlli effettuati dall ispettorato del lavoro, per il cui potenziamento e parziale finanziamento da parte della Confederazione ci si è a lungo battuti anche dal inserzione Aperto tutti i giorni! Ideale per: matrimoni, cene aziendali, banchetti e aperitivi Ampia terrazza a disposizione! Riservazione gradita versante padronale. L AITI non dovrebbe nemmeno scordare che, opponendosi all introduzione di un salario minimo attraverso un contratto normale di lavoro, si pone più che altro a difesa di chi non lo merita; a difesa cioè di chi utilizza la libera circolazione per mantenere bassi i livelli retributivi. Il salario minimo di entrata proposto dalla Commissione tripartita è leggermente inferiore a franchi mensili per tredici mensilità. Può un simile salario giustificare la crociata messa in campo dall AITI? La risposta appare scontata. Il pericolo, poi paventato dall AITI, che le ditte interessate non abbiano più ad investire in Ticino ma siano indotte a prediligere altri lidi non merita del resto considerazione. Una simile opzione per le imprese dei rami considerati comproverebbe la fragilità di queste iniziative industriali e il debole interesse del Cantone ad ospitarle sul suo territorio. Se tra le sue aderenti c è invece il disappunto di vedersi imporre dall alto un salario minimo, sia l AITI stessa a contribuire all avvio di un dialogo tra le parti sociali dei vari rami con l obiettivo di delineare una soluzione contrattuale che regoli dal basso, attraverso il negoziato, le condizioni di lavoro, fondando nel contempo uno spazio di proficua collaborazione tra imprese e sindacati. E del resto la via più volte auspicata dall OCST. L OCST sollecita perciò l AITI e la stessa Camera di Commercio, dove alberga la Federcommercio, a subordinare la loro condotta nell ambito della Commissione tripartita incaricata di applicare le misure di accompagnamento all obiettivo prioritario di salvaguardare un mercato del lavoro equilibrato. E indiscutibilmente nell interesse anche del padronato di tutelare eque condizioni retributive e di combattere efficacemente le ricadute negative della libera circolazione. Marco Vassalli, gerente Tel Via Indipendenza Riva S. Vitale BENEDETTA RIGOTTI «Strong opinion» del sesto numero di TicinoBusiness da parte del presidentissimo della Ca- L ultima mera di commercio stupisce. L apice del «pensiero complesso» lo raggiunge questa affermazione: «Fantastico! Non ci avevo pensato non è più il mercato del lavoro che stabilisce i salari, ma l applicazione di un principio etico, quello della dignità». Non sia mai che un liberista convinto applichi un principio etico all economia! Il fatto è però che quando si applica il principio etico di dignità al salario, lo si fa per dire, in soldoni, che con quanto si guadagna si deve almeno riuscire a vivere. Non si sta chiedendo al datore di lavoro niente di più complesso. E allora ricordiamogli quanto sosteneva Adam Smith, che non ricordo fosse un sindacalista, parlando di salari: «il livello dei salari è regolato da due circostanze: la domanda di lavoro ed il prezzo delle cose necessarie e comode alla vita.» Il salario, carissima Camera di commercio, non è quella cosa che interessa solo coloro, poveretti o poveracci che dir si voglia, che sono costretti, dalle circostanze della vita e dell economia, ad accettare quello che passa al convento. Riguarda anche i negozi che non riescono più a vendere i prodotti perché nessuno li compra e le aziende che riducono il giro d affari. Riguarda, che vogliate crederci o no, anche voi imprenditori. Perché, forse alla Camera di commercio non l hanno notato, i salariati sono quelli che consumano Ma, nota nella sua «Strong opinion» l esimio economista, si tratta di italiani che hanno salari più bassi dei nostri. Quindi chi offre da noi lavoro a prezzi italiani in realtà non opera sotto costo rispetto al livello salariale del suo Paese. Semplicemente è più competitivo. Ma allora, aggiungiamo noi, visto che diamo agli italiani salari italiani, perché non dare ai rumeni salari rumeni, ai portoghesi salari portoghesi e ai cinesi salari cinesi? Così non sarebbe operare sotto costo E agli svizzeri? Che salari dare a loro? Salari svizzeri? Eh, ma non sarebbero più competitivi Facciamo così: chiediamo allo Stato di mantenerli! Forse qualcosa non torna. Mons. Luigi Del-Pietro ricordava, a proposito di livelli salariali, che «le possibilità economiche, da prendersi in considerazione per una politica dei salari, non possono essere che le possibilità economiche generali o medie dei singoli settori: non già le possibilità economiche di aziende a carattere aberrante: i salariati non potrebbero accettare una politica salariale basata sulle possibilità economiche di aziende che si mantengono solo facendo pressione sui salari e che sono in arretrato sul progresso tecnico e aziendale».

6 6 Sindacato Attualità 30 agosto 2012 il Lavoro La Legge disoccupazione per i frontalieri Il Senato discute le modifiche GIANCARLO BOSISIO C i sembra opportuno segnalare anche i piccoli passi con cui procede al Parlamento italiano la discussione sulle modifiche alla legge 147/97. La Commissione lavoro del Senato, alla data del 1 agosto 2012, ha posto all ordine del giorno la discussione sulle modifiche alla legge 5 giugno 1997, n. 147 evidenziando che si tratta di una legge sulla «durata dei trattamenti speciali di disoccupazione in favore dei lavoratori frontalieri italiani in Svizzera rimasti disoccupati a seguito della cessazione del rapporto di lavoro» già approvata dalla Camera dei Deputati. In realtà le modifiche richieste riguardano anche la possibilità data al frontaliere disoccupato di iscriversi alle liste di mobilità, il riconoscimento ai frontalieri che non hanno potuto versare nei due anni precedenti lo stato di disoccupazione almeno un anno di contributi AVS a causa di malattia o di infortunio di poter considerare i contributi versati anche precedentemente. Tuttavia è importante che si sottolinei come punto qualificante l aumento al diritto all indennità a diciotto mesi per i lavoratori di età compresa tra i cinquanta e i cinquantacinque anni e a 24 mesi per i lavoratori di cinquantasei anni di età e oltre. Non va dimenticato che per l anno 2012 è già stato approvato lo stanziamento della somma necessaria per la copertura di questo aumento della durata dell indennità. Auspichiamo che, malgrado gli importanti provvedimenti che stanno impegnando il Senato (misure economiche e nuova legge elettorale), la Commissione Lavoro del Senato provveda alla discussione di queste modifiche di legge tanto attese dai lavoratori frontalieri in Svizzera. Industria grafica La trattativa entra nel vivo Con l inoltro delle rivendicazioni sindacali, si dà il via alla fase calda del rinnovo del Contratto nazionale: sono infatti entrate nel vivo le trattative tra la Viscom e le parti sindacali relative al rinnovo del contratto che, come noto, scadrà il LEONARDO MATASCI L a trattativa è stata preceduta da un ampia consultazione con la base, in particolare con il coinvolgimento, tramite un formulario-inchiesta, di tutti gli aderenti. Un buon numero di lavoratrici e lavoratori ha dunque approfittato di questa possibilità per esprimere le proprie priorità in ambito lavorativo. Questo materiale così raccolto in tutta la Svizzera è stato poi sottoposto alle conferenze professionali, e ne è quindi scaturito un pacchetto rivendicativo che andiamo a illustrare nei suoi punti essenziali. Le difficoltà che oggettivamente sta attraversando il nostro settore, con la perdita di posti di lavoro, la chiusure di numerose aziende, preoccupa tanto la clientela quanto i lavoratori e i giovani alla ricerca di un posto di apprendistato. I lavoratori e i loro rappresentanti sindacali hanno perciò individuato nel Contratto Collettivo uno strumento indispensabile per la salvaguardia dell immagine della professione. Rivendicazioni Salvaguardia del Contratto collettivo di lavoro senza riduzioni e forte del decreto di obbligatorietà generale; aumento dei salari minimi; pensionamento anticipato a 62 anni; rafforzamento dei diritti sindacali; miglioramento delle condizioni per l apprendistato; introduzione di un ufficio di controllo paritetico che sorvegli la giusta applicazione del contratto con particolare riguardo all orario di lavoro e ai salari; limitazione delle ore supplementari; diverso regolamento in caso di problemi economici. Le delegazioni si stanno incontrando proprio in questi giorni, e sarà nostra premura tenervi informati, mediante un assemblea generale, sull andamento di questi incontri. L un opportunità La conoscenza del vostro indirizzo consente al sindacato di comunicare con voi in maniera più efficace. Tramite il nuovo servizio di newsletter offerto dall OCST potrete ricevere le informazioni in maniera mirata ed ecologica, dovunque ed in tempo reale. L vi consente di accedere in maniera più semplice all area riservata del sito e, in un prossimo futuro, di usufruire di servizi come la consultazione online del giornale «il Lavoro» e la consulenza online. I vostri dati restano protetti ed in ogni momento potrete decidere di modificarli o di revocare questo servizio di comunicazione, se non foste più interessati. Comunicazione dell indirizzo Il/La sottoscritto/a Cognome Nome Indirizzo Nap Città Numero di associato desidera comunicare all Organizzazione cristiano-sociale ticinese i seguenti dati: Telefono Luogo e data Firma Compilare e inviare a: Segretariato cantonale OCST, Via Balestra 19, 6900 Lugano

7 30 agosto 2012 il Lavoro Ferraioli Una lotta per la propria dignità Sindacato Attualità Canicola Bilancio positivo 7 PAOLO LOCATELLI N essuno lo dice, ma molti lo pensano: i posatori del ferro sono considerati da anni i figli minori nel settore principale dell edilizia. Nulla di più sbagliato: in Ticino oltre 200 ferraioli sono impiegati nei cantieri edili per la posa del ferro che precede i getti di beton. Un lavoro molto duro che, all interno di un processo di costruzione, è determinante: senza il ferro non si getta beton, senza il beton non ci sono solette, senza le solette non si può edificare. Provoca disgusto quindi vedere come questi lavoratori possano essere minacciati nelle proprie condizioni salariali e contrattuali da una concorrenza estera molto agguerrita che supera abbondantemente i confini della speculazione. La presenza in Ticino di ditte estere che si permettono di fare offerte con sconti che oscillano dal 20 al 40 per cento evidenzia chiaramente un attacco speculativo in questo settore: a discapito, evidentemente, dei lavoratori e delle imprese del ferro locali che sono chiamate costantemente a rispettare le regole del gioco. Per questo motivo, lo scorso 18 luglio, quasi la totalità dei lavoratori nella posa del ferro ha detto «presente!» alla manifestazione di protesta di Bellinzona. Una giornata di protesta che ha esaltato, senza troppi se e ma, l orgoglio e la frustrazione di lavoratori che sanno quello che devono fare e si preoccupano quando il proprio lavoro è minacciato dal «libero mercato». Unica nota stonata: un articolo dell autorevole quotidiano italiano Il Corriere della Sera. Il titolo, un programma: «Operai svizzeri contro operai italiani». Semplicemente disgustoso. Per l ennesima volta, ribadiamo il concetto: lo sciopero del 18 luglio 2012 è stato organizzato per manifestare contro gli abusi a salvaguardia di tutti i lavoratori, nessuno escluso! A chi volgarmente gioca su questi livelli, giova anche ricordare che le speculazioni non le creano mai i lavoratori ma, se vogliamo dirla tutta, sono favorite da imprese di costruzioni, architetti, progettisti, promotori immobiliari e fiduciarie ticinesi. Distogliere l attenzione dal vero obiettivo, appare pertanto un tentativo maldestro di chi «predica bene ma razzola molto, ma molto, male. D alla torrida estate del 2003, si è instaurata la consapevolezza che - durante i mesi caldi - si doveva far conto dell allarme canicola e ozono lanciato dal gruppo cantonale operativo salute ambiente: un allarme, lo ricordiamo, che viene reso pubblico quando i due fattori principali (temperatura ambiente e grado di umidità) superano una determinata soglia. Un allarme canicola che colpisce tutta la popolazione ma che ha, in settori professionali particolarmente esposti alla calura e allo sforzo fisico, degli effetti devastanti sulla salute per i lavoratori dell edilizia principale e, ancor peggio, per quelli delle pavimentazioni stradali. Per queste ragioni, dopo aver discusso per anni con le associazioni padronali le contromisure indispensabili, si era deciso di procedere a delle raccomandazioni d impiego nel settore edile e delle norme contrattuali chiare (ad esempio, obbligo di terminare il lavoro alle 13.00) nel settore delle pavimentazioni stradali. Anche quest anno l immancabile appuntamento con la canicola è arrivato. In un momento anche particolare: eravamo in concomitanza con il rientro dei lavoratori dalle vacanze collettive. L OCST, durante tutto il periodo di canicola, ha effettuato dei controlli su tutto il territorio: nessun appunto da muovere verso le due associazioni padronali e le imprese dei rispettivi settori. Le norme sono state rispettate. Un buon segnale da parte degli impresari costruttori e della pavimentazione stradale, sinonimo di una accresciuta sensibilità verso i lavoratori chiamati a lavorare in situazioni ambientali difficili. P.L. Trattative Coop Svizzera Un aumento per mantenere il potere d acquisto sulle trattative. I n questi giorni inizieranno le trattative salariali 2013 con la direzione nazionale di Coop. La rivendicazione salariale posta in essere dalle lavoratrici e dai lavoratori sarà sicuramente oggetto di lunghe discussioni: aumento del 2,5 per cento dei salari per tutti. Un aumento importante che, comunque, va solo in parte a compensare la perdita del potere d acquisto dei collaboratori di Coop-CH. Da anni i salari individuali sono infatti praticamente fermi al palo. Un aumento quindi necessario, ragionevole e adeguato. Da queste pagine garantiremo un aggiornamento costante

8 Sindacato Attualità 8 30 agosto 2012 il Lavoro Tirare in accordi Spazio ai diplomati delle nostre scuole sanitarie! si è impegnata per promuovere la formazione sanitaria. L OCST L autorità cantonale ha risposto aumentando l offerta di formazione nelle nostre scuole sanitarie e medico-tecniche. Il fabbisogno di personale nei nostri istituti di cura non è interamente soddisfatto dai diplomati in Ticino. È perciò normale che per assicurare i servizi sanitari alla popolazione sia necessario ricorrere a personale qualificato dall estero. Il sindacato OCST ha fatto dell occupazione giovanile un suo obiettivo prioritario. Formare giovani ticinesi in un settore così essenziale come quello delle cure ospedaliere è una scelta strategica e molto interessante perché offre sbocchi professionali di alta qualità e sicuri. Sorprende allora che gli ospedali scelgano di assumere operatori provenienti dalla vicina Italia preferendoli a personale formato nelle nostre scuole. Delle due l una, o le nostre scuole non formano in modo adeguato (e allora occorre segnalarlo alle direzioni e all ufficio di formazione competente) o altre ragioni (speculative?) muovono i responsabili a preferire assunzioni di personale estero. Terminiamo dicendo che a chi si forma in Ticino deve essere data la possibilità di entrare nel mondo lavorativo (molti datori di lavoro lamentano nei nostri giovani candidati la mancanza di esperienza, ma spesso è loro preclusa la possibilità di acquisirla ). Il giovane diplomato s inserisce in un processo di sviluppo professionale che generalmente comprende anche la crescita delle proprie competenze e il loro aggiornamento. Questo è un impegno del datore di lavoro. Volerlo eludere andando a cercare personale altrove costituisce secondo noi una mancanza grave. ASSEMBLEA Sindacato OCST Docenti L Assemblea del Sindacato OCST dei docenti si terrà: venerdì 21 settembre 2012 alle ore 18 presso la Sala conferenze OCST via Balestra 19, Lugano Ordine del giorno Apertura dei lavori Relazione presidenziale, Gianluca D Ettorre, presidente OCST-Docenti Intervento del Consigliere di Stato Manuele Bertoli, direttore DECS Discussione e domande L Assemblea è aperta a tutti i docenti interessati. Al termine dei lavori sarà offerto un rinfresco. Info e iscrizioni Per ragioni organizzative preghiamo di comunicare la partecipazione per telefono allo ( , interno 223) o via a com. I nostri recapiti Via S.Balestra Lugano Tel Fax Servizi Il CAST offre: Consulenza nella scelta della soluzione assicurativa più adeguata Mediazione e assistenza nei confronti delle compagnie di assicurazione Fondazione Mons. Luigi Del-Pietro...riscopriamo la nostra storia Tutti coloro che avessero materiale documentario vario e foto interessanti sulla vita del sindacato possono segnalarlo a: Prof. Alberto Gandolla OCST Via Balestra Lugano In questo modo sarà possibile ampliare la documentazione esistente sulla vita del sindacato. Rete docenti cattolici L inzio dell anno alla Madonna del Sasso Riportiamo volentieri una proposta della Rete docenti cattolici che invita gli interessati a partecipare all Incontro annuale che si terrà: sabato 1 settembre 2012 All inizio del nuovo anno scolastico la Rete docenti cattolici propone per i docenti di ogni genere e grado scolastico un incontro presso il Santuario della Madona del Sasso sopra Locarno, la cui festa cade proprio nel giorno del nostro incontro. Programma 9.00 ritrovo presso la Chiesa di Sant Antonio di Locarno e salita a piedi. Chi lo desidera può raggiungere il Santuario con la funicolare o con mezzi privati visita guidata della Biblioteca del Convento della Madonna del Sasso S. Messa in Santuario presieduta da mons. vescovo Pier Giacomo Grampa Un augurio a tutti i docenti per il nuovo anno scolastico.

9 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Politica 9 Interrogazione parlamentare Reintegro al lavoro delle persone con problemi di salute. A che punto siamo? GIANNI GUIDICELLI G li obiettivi posti a livello federale dalla 5.a revisione dell Assicurazione Invalidità (AI), entrata in vigore il 1 gennaio 2008, erano quelli di favorire la reintegrazione e il reinserimento socio professionale delle persone lese nella loro integrità fisica o psichica al fine di evitare la concessione di rendite. Sono quindi state messe in atto nuove misure che vanno dal rilevamento tempestivo, a provvedimenti di reinserimento e incentivi ai datori di lavoro. Nel frattempo sono pure entrate in vigore le misure previste dalla 6.a revisione dell AI che rappresentano un ulteriore passo sulla via di trasformazione dell AI da assicurazione prevalentemente pensionistica in assicurazione per l integrazione. Con quest ultima revisione della legge si vuole non solo limitare le nuove rendite erogate ma anche ridurre le attuali rendite versate attraverso una revisione del diritto alle rendite finalizzata all integrazione attraverso misure specifiche. L obiettivo è di ridurre il numero delle rendite versate di unità entro sei anni dall entrata in vigore della revisione; quindi entro il I dati resi noti a livello nazionale evidenziano come a livello di rendite erogate ci sia stata effettivamente una riduzione. Dalla punta massima di rendite versate nel gennaio 2006 siamo a quota nel gennaio Le nuove rendite sono diminuite da nel 2003 a nel 2011, con una riduzione del 45 per cento. Anche a livello cantonale si può rilevare, dai rendiconti del Consiglio di Stato, come le rendite erogate siano diminuite da nel 2006 a nel 2011, con una riduzione quindi molto significativa (-23 per cento). Non si conoscono i dati relativi all evoluzione delle nuove rendite. Dal rendiconto 2011 dell Istituto delle assicurazioni sociali si rileva inoltre come ci sia stata negli ultimi anni una notevole crescita delle misure d intervento tempestivo e d integrazione professionale. Tutto bene quindi? Sì, nella misura in cui la riduzione del numero delle rendite erogate o delle nuove rendite corrisponde al reinserimento nel mondo del lavoro di persone con problemi di salute o al mantenimento del posto di lavoro. No, nella misura in cui la mancata concessione di una rendita AI ha semplicemente causato un travaso di oneri ad altre assicurazioni sociali (disoccupazione, assistenza, assegni integrativi, eccetera). Il dubbio è quindi legittimo, soprattutto alla luce di un aumento degli oneri a carico delle assicurazioni sociali cantonali. Questo dubbio era già sorto nell ambito dell esame di un iniziativa parlamentare presentata dall ex collega Pestoni nel 2009, che chiedeva una reale integrazione degli invalidi nel mondo del lavoro. I responsabili dell Ufficio AI, sentiti a suo tempo dalla commissione della legislazione, avevano ammesso che non avevano a disposizione dati sicuri sull efficacia delle nuove misure, soprattutto per quanto riguarda il reinserimento nel mondo del lavoro di chi ha inoltrato una domanda di prestazioni AI. Avevano quindi comunicato l intenzione di commissionare alla SUPSI una ricerca che potesse verificare l efficacia delle misure previste dalla 5.a e 6.a revisione dell AI. Nelle conclusioni del rapporto della commissione della legislazione, di cui ero stato relatore e che erano state accolte all unanimità nella seduta parlamentare del 31 maggio 2010, si formulavano le seguenti raccomandazioni al Consiglio di Stato 1. monitorare costantemente i risultati ottenuti attraverso i nuovi strumenti introdotti dalla V revisione Assicurazione invalidità, soprattutto nell ambito del mantenimento dei posti di lavoro per chi è minacciato nella sua salute e al reinserimento nel mondo del lavoro di chi non ha beneficiato di una rendita AI, o solo in forma parziale. Verificare inoltre se chi è stato considerato abile al lavoro in attività confacenti al suo stato di salute riesce poi, in tempi ragionevoli, a trovare un occupazione; 2. aumentare la percentuale di persone lese nella loro salute nell ambito dell Amministrazione cantonale, per arrivare in tempi ragionevoli alla media svizzera (3 per cento). Municipio di Bissone Poche idee, ma ben confuse LORENZO JELMINI C ome noto il Municipio di Bissone ha notificato ai dipendenti del Comune la disdetta del rapporto di lavoro appoggiandosi su un articolo della legge organica comunale, il 127 LOC, che nessuno altro esecutivo ha mai utilizzato. Che stupisce non è tanto l applicazione di una normativa ormai superata, anche perché la nomina dei funzionari pubblici non è più legata ai quattro anni di legislatura e spesso è assimilabile ad un contratto a tempo indeterminato che può essere anche disdetto, come prevedono le normative relative ai dipendenti dell Amministrazione Cantonale e di molti comuni ticinesi. La decisione sorprende soprattutto perché, stando alle dichiarazioni del sindaco e della sua vice, denota parecchia confusione e superficialità da parte del Municipio di Bissone. Non si capisce, infatti, quale sia la reale decisione presa dal esecutivo, visto che si parla di licenziamento cautelativo e nel contempo viene dichiarato che nessuno verrà licenziato, e non vengono neppure precisati quali siano i motivi di tale decisione. L unico aspetto che risulta evidente in questa vicenda è l incapacità dell esecutivo di gestire il personale alle dipendenze del Comune, e stiamo parlando di solo sette collaboratori. «Siamo una nuova maggioranza e abbiamo aspettative sui collaboratori» ha dichiarato la vice-sindaco. Bene! Immagino che in ogni comune i municipali abbiano giustificate aspettative sui collaboratori ma non risulta che per questo motivo ogni 4 anni si proceda a licenziare tutti i dipendenti dei comuni ticinesi. Ma a preoccupare sono pure le dichiarazioni della vice-sindaco che afferma di ritenere legittimo licenziare cautelativamente i collaboratori ed in seguito chiedere loro se condividono l impostazione della maggioranza del Municipio. In caso contrario il licenziamento diventerebbe effettivo. Una vera e propria intimidazione, una minaccia assolutamente intollerabile! Nulla vieta a un Municipio pianificare colloqui regolari con i dipendenti per stabilire assieme le modalità di attuazione dei compiti dell amministrazione comunale, valutare le prestazioni e colmare eventuali lacune. Se, inoltre, dovessero persistere insufficienze nello svolgimento dei compiti, il Municipio può anche procedere al licenziamento del collaboratore. Ma non è assolutamente accettabile che la maggioranza di un municipio, per celare le proprie incapacità gestionali, agisca con i dipendenti senza rispetto alcuno, giocando con loro come fossero semplici oggetti di loro proprietà e di cui ci si può tranquillamente liberare in base ai propri capricci e senza curarsi degli effetti che questo irresponsabile atteggiamento causa ai collaboratori e alle loro famiglie. Una brutta vicenda che la bella Bissone proprio non si merita!

10 Sindacato Attualità agosto 2012 il Lavoro Travail.Suisse Introdurre una responsabilità solidale efficace T ravail.suisse chiede che sia introdotta una responsabilità forte dei sub-appaltatori che comprenda tutta la catena di subappalto, senza limitarsi solo ai diretti subappaltatori. Inoltre deve essere concepita e funzionare solidalmente e nello spirito di responsabilità. Oltre che i salari minimi e le condizioni di lavoro, deve comprendere le esigenze di terzi come i costi di controllo. Il campo di applicazione della responsabilità dei subappaltatori deve estendersi a tutti i rami affini in modo che la protezione salariare sia garantita in tutta la sua portata. È importantissimo per Travail.Suisse che la responsabilità solidale sia introdotta per lottare efficacemente contro il dumping salariale. Casi di dumping salariale sempre più gravi nelle catene di subappalto È un fatto: l attribuzione di mandati in subappalto è sempre più frequente soprattutto per i grandi progetti pubblici e privati nel settore dei lavori strutturali e delle finiture. Alla fine della catena di subappalto si trovano imprese estere. È a questo livello che sono stati portati alla luce i casi più gravi di dumping salariale. In questo modo degli operai specializzati polacchi lavoravano per 7 euro all ora in un cantiere di San Gallo e degli slovacchi in un cantiere bernese rimuovevano materiali inquinanti per 5 euro all ora. Con le regole attualmente in vigore, non è purtroppo possibile costringere le imprese colpevoli, cioè i datori di lavoro stranieri, a versare la differenza di salario e le multe. Il principio di responsabilità solidale è stato introdotto anche in numerosi paesi della Comunità europea. La Commissione europea ha inoltre iniziato a lavorare ad una direttiva su questi temi. La responsabilità solidale deve essere impostata nel seguente modo: È indispensabile che sia garantita su tutta la catena di subappalto. Senza la responsabilità diretta del suappaltante è troppo facile evitare i salari svizzeri. Deve essere assolutamente concepita in maniera solidale perché sia possibile far risettare le rivendicazioni nei confronti delle imprese di tutta la catena. Deve essere concepita come una responsabilità causale e non sulla colpa diretta per evitare che le imprese subappaltanti possano dimostrare la loro estraneità a quanto commesso dalle imprese che effettivamente eseguono i lavori. La responsabilità non deve riguardare solo le condizioni di lavoro e i salari minimi, ma anche altri aspetti come le multe e i costi di controllo. Il campo di applicazione della responsabilità solidale deve essere il più generale possibile per garantire la protezione dei salari. Tuttavia i problemi più gravi vengono a galla con le imprese straniere del settore della costruzione. Per questo occorre affrontare in prima istanza i problemi in questo settore. È inoltre importante introdurre la responsabilità solidale per le commesse pubbliche, per garantire la coesione con la responsabilità solidale ai sensi della legge sui lavoratori distaccati. Mantenere una certa benevolenza nei confronti degli accordi bilaterali In tutte le votazioni effettuate finora, Travail. Suisse ha sostenuto attivamente la libera circolazione delle personel considerandola come parte integrante degli Accordi bilaterali conclusi tra la Svizzera e l Unione europea. È però una condizione indispensabile che le misure di accompagnamento siano lo strumento capace di proteggere efficacemente i salari versati in Svizzera. Dato che sempre più spesso alla fine della catena di subappalto ci sono imprese straniere, diventa sempre più difficile impedire il dumping salariale e perseguire i datori di lavoro. Bisogna risolvere questo problema affinché la libera circolazione delle persone possa continuare ad avere il sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori La soluzione deve, da una parte, garantire l applicazione dei salari svizzeri in Svizzera, dall altra eliminare la discriminazione tra le imprese svizzere e le ditte subappltatrici straniere che non rispettano i salari svizzeri. Torneo Consitex 2012 Venerdì 6 luglio a Cagno si è svolto il Torneo Consitex di pallavolo. Una bella serata con un ottima organizzazione cui ha voluto partecipare anche una delegazione del Coordinamento donna-lavoro dell OCST, dimostrando un particolare coraggio agonistico. La ragione della nostra presenza è stata, oltre a quella di partecipare ad un piacevole momento sportivo con le colleghe della Consitex, essenzialmente filantropica: evitare a tutti gli altri partecipanti la notevole soddisfazione di conquistare l ultimo posto in classifica. E questo ragguardevole traguardo è stato raggiunto senza particolare difficoltà: la prestanza fisica era notevole e, dato che anche l occhio vuole la sua parte, particolarmente curata anche la divisa: maglietta dei ragazzi della squadra di calcio, che mediamente arrivava fino al ginocchio, ed un aria da Calimero tinto nella vernice arancione. La presenza di spirito invece, e questo lo possiamo anche concedere, piuttosto carente. Ma bando alle ciancie e onore ai vincitori: la squadra vincitrice è stata il C.S.F., al secondo posto si è piazzato il team 3020, al terzo posto il team Ecco le foto delle prime squadre classificate e dell ultima (in basso) con il giocatore Andrea Azzali. Grazie di averci ospitato e all anno prossimo...un po più allenate!

11 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Apprendisti 11 Abbonamento Arcobaleno Rinnovata l offerta Appresfondo Installazioni elettriche, premiati i migliori diplomati nelle tre professioni: elettricisti di montaggio, installatori elettricisti e telematici. I migliori diplomati con una media superiore al 5 nel settore Automobile. Da sinistra in alto: M. Doninelli, Vice-pres. UPSA Ticino, S. Gnesa, P. Vizzardi, Pres. Commissione form. prof. UPSA Ticino. In mezzo: N. Belloni, A. Vassalli, S. Dei Tos, N. Marsura. In basso: M. Foletti, K. Daldini, J. Martignoni L a Divisione della formazione professionale, attraverso il Fondo cantonale per la formazione professionale, comunica che nelle prossime settimane gli apprendisti con contratto di tirocinio in azienda riceveranno a casa il buono (Rail Check) per acquistare l abbonamento Arcobaleno «Appresfondo» valido per l anno di formazione 2012/2013. Anche quest anno gli apprendisti con contratto in azienda potranno acquistare a metà prezzo l abbonamento annuale Arcobaleno «Appresfondo» (per apprendisti sussidiato dal fondo). I buoni (Rail Check) saranno recapitati direttamente al domicilio a partire dalla seconda metà di luglio. Gli apprendisti al primo anno riceveranno il Rail Check dopo l approvazione del contratto di tirocinio da parte della Divisione della formazione professionale. L abbonamento «Appresfondo» può essere acquistato nei punti vendita FFS, AutoPostale, TPL e FART, consegnando il Rail Check allo sportello, unitamente a un documento di legittimazione valido e, per i nuovi abbonati, a una foto a colori formato passaporto. Non si effettuano esborsi a contanti, si consiglia pertanto di attendere il buono prima di acquistare o rinnovare l abbonamento e, se necessario, di acquistare un titolo di trasporto limitato al periodo estivo (ad esempio l abbonamento Arcobaleno mensile al 50% della campagna estiva «L aria cambia»). Nuovi formati Neo diplomati nel ramo della carrozzeria I l Gruppo Carrozzieri Ticinesi USIC (Unione Svizzera dei Carrozzieri) sezione Ticino si complimenta con gli apprendisti che hanno conseguito l attestato federale di capacità nelle professioni del ramo della carrozzeria. Gli esami di fine tirocinio 2012 si sono svolti presso il Centro di formazione professionale USIC a Giubiasco, sede dei corsi interaziendali. Carrozzieri verniciatori: Caccia Adam (carrozzeria Auto Tino Motorsport Sagl, Riva S. Vitale); Djokic Rade (carrozzeria Torpedo 2000 SA, Bodio); Grgic Anto (autorimessa Nepple SA, Bellinzona); Idrizi Mirsad (carrozzeria Della Cassina Luigi SA, Preonzo); Jorio Jonathan Tiziano (carrozzeria Nima Sagl, Camorino); Libanore Simone (carrozzeria Inter Vezia SA, Lamone); Lisdero Paolo (carrozzeria Iride, Cureglia); Medina Bogotà Luis Eduardo (carrozzeria Gambucci Car Sagl, Bedano); Minotti Stefano (carrozzzeria Pellitteri Sagl, Cadenazzo); Pesenti Andrea (carrozzeria Nuova Norancar Sagl, Barbengo); Ruffa Janier (carrozzeria Torpedo 2000 SA, Bodio); Ruzzenenti Christopher (carrozzeria AMAG, Giubiasco); Stanco Mattia (carrozzeria Nuova Stilcar SA, Davesco Soragno); Zysset Mischa (carrozzeria Bognuda, S. Antonino). Carrozzieri lattonieri: Badasci Mattia (carrozzeria Eros Togni SA, Riazzino); Brumana Alessio (carrozzeria Brumana, Mendrisio); Capra Michael (carrozzeria Estrocar SA, Cadro); Palmeri Alessandro (carrozzeria Nuova Norancar Sagl, Barbengo); Satta Salvatore (carrozzeria Mida Sagl, Biasca); Sinopoli Domenico (carrozzeria Torpedo 2000 SA, Bodio); Ziogas Vitalijus (carrozzeria Nima Sagl, Camorino).

12 Sindacato Formazione agosto 2012 il Lavoro CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Via S. Balestra Lugano Tel Fax RECUPERO FORMAZIONE DI BASE AFC/APF ff EDILIZIA Custode di immobili, dal 10 novembre, ma-gio , sa e , 393 ore. Costo: fr Serata informativa: 3 ottobre ore AutoCAD base, dal 17 settembre al 24 ottobre, lunedì e mercoledì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff VENDITA Impiegato del commercio al dettaglio Art. 33, da novembre, 350 ore. Costo: fr Serata informativa: 17 settembre ore ffinformatica Web Creator, dal 18 settembre 2012 al 30 maggio 2013, martedì e giovedì, , 220 ore. Costo: fr soci, fr non soci Introduzione all informatica, dal 17 settembre al 24 ottobre, lunedì e mercoledì, , 36 ore. Costo: fr soci, fr. 600 non soci Adobe-Dreamweaver (CS5), dal 6 settembre al 18 settembre, ma-gio, , 16 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Adobe-HTML/PHP/MySQL (CS5), dal 25 settembre, 90 ore, costo: fr. 910 soci, fr non soci. ff COMMERCIO Corso di segretariato, dal 17 settembre, lunedì e mercoledì, e , 192 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff LINGUE Corso di comunicazione multilingue base, dal 5 settembre, mercoledì sera, e/o sabato mattina , 60 ore. Costo: fr Seminari: 12 ore, costo fr Inglese A1 (1 modulo): dal 17 settembre, 48 ore, lunedì Costo fr soci, fr non soci Inglese A2 (1 modulo): dal 26 settembre, 48 ore, mercoledì Costo fr 480 soci, fr non soci. Inglese B1 (1 modulo): dal 27 settembre, 48 ore, giovedì Costo: fr soci, non soci. Tedesco A1 (1 modulo): dal 3 ottobre, 48 ore, mercoledì Costo fr soci, non soci. Il calendario dei corsi è consultabile sul nuovo sito internet del CFP-OCST e di FORMAT Lingua all indirizzo Tedesco A2 (1 modulo): dal 24 settembre, 48 ore, lunedì Costo fr soci, non soci. Tedesco conversazione: dal 27 settembre, 24 ore, giovedì Costo fr soci, non soci. Russo A1 (1 modulo): dal 25 settembre, 48 ore, martedì Costo fr soci, non soci. ffcontabilità Contabilità base, dall 11 settembre all 11 ottobre, martedì e giovedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. PROGETTO MOSAICO Comprendere le proprie qualità: un lavoro introspettivo Q uando mi hanno proposto il progetto Mosaico non ero molto convinta. Ho sempre pensato di essere in grado di poter fare una buona introspezione di me stessa, di conoscere i miei difetti e di sapere quello di cui avevo bisogno. Con questa convinzione ho raggiunto i miei obiettivi nulla di più sbagliato! L errore più comune è pensare ai propri difetti, ma per raggiungere un obiettivo bisogna anche essere pienamente consapevoli dei propri pregi. Il progetto Mosaico è stato per me un illuminazione, mi ha fatto capire quello per cui sono veramente portata; mi ha sbloccato dopo un periodo di confusione, dove non riuscivo a trovare una soluzione al cambio di lavoro che era diventato obbligatorio. Gli esercizi proposti, per quanto possano sembrare elementari per me che ho una piccola base di studi di psicologia, erano molto di più, erano un introspezione illustrata... fantastico! Sono così emersi tanti ricordi, sensazioni, modi di vivere e di pensare, tutte cose che sembravano ormai così lontane, e invece, di botto ricompaiono illuminando gli occhi, a volte in bene, a volte in male. Quello che più conta è iniziare questo progetto con la consapevolezza che si è seguiti da esperti che ti accompagnano in un percorso che può farti scoprire alcune strade che al momento non conoscevi o che ignoravi. C.L. Info Marina Bernardo Ciddio e Emanuela Pigò (consulenti del CFP-OCST) tel , - Art. 33 LFPr - recupero qualifica Impiegato del commercio al dettaglio C orso serale di 350 ore tra novembre 2012 e giugno Nel settore del commercio al dettaglio numerose persone non dispongono della necessaria formazione professionale di base. Un mercato del lavoro sempre più esigente penalizza le persone non formate. SIC Ticino, grazie alla collaborazione con il CPC di Bellinzona e con il Centro di Formazione Professionale dell OCST, offre la possibilità alle persone adulte di recuperare la formazione di base ed ottenere così l attestato federale di capacità (AFC) di IMPIEGATA/O DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO. La formazione permette alle persone attive nel settore del commercio al dettaglio, nella grande e piccola distribuzione, di acquisire un attestazione federale. Serata informativa: Lunedì 17 settembre 2012, ore 18:30 c/o il Centro di formazione professionale OCST, Via S. Balestra 19, 6901 Lugano Per ragioni organizzative vi invitiamo gentilmente a segnalare la vostra presenza alla segreteria del CFP-OCST al numero

13 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Formazione 13 Associazione Leggere e scrivere Leggere e scrivere: è proprio necessario? PAOLO BULETTI* M i chiedo se, dietro alle cifre impressionanti che riguardano la consistenza dell illetteratismo in Svizzera, non stia nascosta da qualche parte l illusione che si possa imparare e muoversi in modo autonomo nel contesto sociale, senza passare dallo scritto. Le cifre sono eloquenti: circa persone in Svizzera sono in grande imbarazzo con la lettura e la scrittura e una buona metà della popolazione non ha competenze sufficienti. Un altro dato che ci fa riflettere: ogni anno in Svizzera dai cinquemila ai seimila giovani terminano il loro percorso scolastico con già un illetteratismo a carico. Il tutto si traduce in un costo sociale di 1,1 miliardi all anno perché le persone dealfabetizzate sono più esposte al rischio della disoccupazione e devono ricorrere maggiormente alle prestazioni sociali. Sciogliere il silenzio L Associazione Leggere e Scrivere, che opera da più di vent anni nella Svizzera italiana, oltre ad offrire corsi per le persone adulte che vogliono imparare a leggere e scrivere o semplicemente riconciliarsi con il linguaggio scritto e migliorare le proprie competenze, sollecita regolarmente l opinione pubblica su questo problema di portata sociale, per far sì che si mettano in atto tutte le misure possibili per trovare delle soluzioni. C è pudore nelle persone toccate dal problema, che fanno fatica a riconoscere i propri limiti e soprattutto a fare il passo verso una riappropriazione di competenze importanti come la lettura e la scrittura. Ma c è anche una vergogna che la nostra società coltiva nello stendere un velo di silenzio imbarazzato sulla presenza pregnante dell analfabetismo di ritorno tra di noi, malgrado il fatto che la nostra sia una società che propone la scuola obbligatoria per tutti, per almeno nove anni. Per la nostra Associazione è importante fare in modo anzitutto che si parli di questo problema per non correre il rischio della dimenticanza, che si traduce in pigrizia intellettuale e in scarsa consistenza di gesti e decisioni che favoriscano una vera e propria politica della formazione di base. I valori che sostengono queste necessità sono la dignità della persona, che comporta autonomia e il diritto ad una cittadinanza attiva, che si basi sull accresciuta consapevolezza delle persone in modo che possano partecipare a pieno titolo alle decisioni che riguardano il vivere in società. In questo senso ci sentiamo anche di chiedere l aiuto di tutte quelle persone che condividono questi valori e che lavorano per la loro affermazione. Sono operatori di servizi, sindacalisti, membri di associazioni, docenti, imprenditori, conoscenti e parenti che, nella loro quotidianità, hanno l occasione di avvicinare persone che si confrontano con i limiti che impone la scarsa competenza nel linguaggio scritto. Parlare del problema dell illetteratismo o, per usare il termine che utilizza Tullio De Mauro, della de-alfabetizzazione significa cominciare a porre le premesse per una presa di coscienza del problema e scalfire l imbarazzo delle persone toccate dal problema. Se si dà ospitalità a chi si trova in imbarazzo con le parole, si comincia a riconoscere che il problema ci tocca come società. Noi diamo molta importanza a quelli che possono assumere un ruolo di mediazione e, con la delicatezza che si impone, accompagnare le persone a decidersi per dei percorsi formativi che li mettano in grado di muoversi con maggiore libertà nel contesto sociale. Capire insieme Capire come mai siamo arrivati a questo punto ci invita a non cadere nella trappola di cercare capri espiatori. Ognuno deve poter fare la sua parte e cercare di mettere parole più precise sul tema, in modo che si possa nutrire la nostra immaginazione e la nostra capacità di pensiero su un tema così importante. Sicuramente conta il valore sociale che noi attribuiamo alla lettura e alla scrittura, anche in termini di pratica concreta di queste competenze. Potrebbe essere utile interrogarsi su come scriviamo e leggiamo. La riflessione va orientata anche sul rapporto tra nuove tecnologie e lettura/scrittura e sulle necessità di integrare e non allontanare i diversi approcci alle capacità espressive delle persone. Qui siamo veramente confrontati con questioni importanti che riguardano anche la scuola e le modalità con cui si possono continuare a proporre percorsi che invitano i ragazzi a leggere e scrivere, tenendo conto della forte consistenza di modi di imparare che si basano essenzialmente sul canale visivo simultaneo. Non da ultimo abbiamo bisogno di tenere in forte considerazione il tema della consistenza e della varietà delle parole. Quotidianamente constatiamo che l analfabetismo si traduce spesso nella perdita delle parole e nella riproposizione ossessiva di parole usate e abusate, per descrivere realtà e persone che meriterebbero parole più adatte, più precise. Se ci impigriamo sulle parole diventiamo tutti attori di una forma di analfabetismo che mette in discussione la convivenza sociale. Sono evidentemente spunti che però possono sollecitare la nostra attenzione e la nostra partecipazione affettiva alla seria presa in considerazione del problema dell analfabetismo di ritorno nella nostra comunità. *formatore dell Associazione Leggere e Scrivere

14 14 30 agosto 2012 il Lavoro L editoriale Grazie di cuore! CLAUDIO FRANSCELLA* C are e cari amici di GenerazionePiù, ecco arrivato il tempo per l ultimo mio editoriale quale vostro segretario cantonale. Come oramai saprete, da inizio settembre inizierò la mia nuova attività quale agente principale per il Locarnese di una nota compagnia di assicurazione. Il desiderio di tornare a lavorare più vicino al luogo di domicilio e alle mie numerose attività istituzionali mi ha spinto a concludere quest arricchente esperienza lavorativa presso la vostra associazione e ad accettare un altra sfida professionale in ambito privato. Questi cinque anni di intenso lavoro a favore di GenerazionePiù mi hanno sicuramente permesso di avvicinarmi maggiormente ad un mondo, quello della Terza età, estremamente interessante, arricchente e gratificante. Da parte mia ho cercato di dare il massimo in questo ambito, ricevendo numerose soddisfazioni personali. Sono cresciuto assieme a voi, ho imparato ad apprezzare il grande valore e la grande potenzialità che sono insite nel vostro mondo e ho scoperto, oltre alla grande saggezza, tanta umanità, disponibilità, generosità, vitalità, energia positiva e vera amicizia. Ringrazio quindi i vertici dell Associazione e dell OCST per avermi dato questa magnifica possibilità e per avermi sostenuto e lasciato ampio margine di manovra nel portare avanti le numerose proposte quali il cambiamento del nome da AAPI a GenerazionePiù, l organizzazione dei festeggiamenti per il 30esimo di fondazione, l abbinamento alla nostra associazione di sponsor importanti, il potenziamento dei soggiorni e dei corsi di informatica, la redazione diretta di tre pagine quindicinali su «il Lavoro» e della pagina mensile sul GdP dedicate ai nostri associati, la conduzione settimanale di una rubrica radiofonica Evergreen su Radio Fiume Ticino, la creazione di un nuovo sito internet l intensificazione dei rapporti con gli anziani della Cisl di Varese, il restyling grafico del Vademecum, la ristrutturazione interna dell associazione con la creazione di gruppi di lavoro su tematiche specifiche e molto altro ancora. Lascio quindi quest incarico con rincrescimento e nostalgia ma anche con tanta serenità e tranquillità. GenerazionePiù è un associazione sana, piena di vita e ben organizzata sia a livello cantonale, sia a livello regionale e il suo futuro è garantito. Nei prossimi mesi collaborerò con il mio successore affinchè tutti i progetti ancora in cantiere per il 2012 possano essere portati a termine senza alcun problema. La mia attenzione personale e quale deputato al Gran Consiglio sarà poi costantemente tesa al mondo della Terza età, a quest importante Associazione e ai valori che ispirano il sindacato cristiano sociale. Questa realtà è e rimarrà sempre nel mio cuore. Grazie per la collaborazione e la disponibilità a tutti gli associati, alla Presidenza cantonale, ai presidenti sezionali, ai delegati nei consessi nazionali, ai collaboratori del segretariato, ai membri del comitato cantonale, alla redazione de «il Lavoro», alla direttiva dell OCST e a Gerolamo Cocchi che mi sostituirà per i prossimi mesi nella funzione di segretario cantonale. Auguri e viva GenerazionePiù! *Segretario Cantonale

15 30 agosto 2012 il Lavoro 15 No per una 13.ma AVS SI alla mozione Guidicelli. I Comuni possono fare di più GIACOMO FALCONI* T re anni fa su «il Lavoro» del in merito alla proposta di 13.ma mensilità per gli anziani, mi ero pronunciato per un «bonus annuale» per i «veri bisognosi». L iniziativa 13.ma Avs ha il pregio di obbligare le Autorità a occuparsi concretamente della situazione di molti nuclei famigliari (non solo di anziani) che di anno in anno s impoveriscono. Non è facile, anzi. Per la nostra Associazione, opporsi ad un iniziativa che vuole aiutare proprio gli anziani in difficoltà, può sembrare autolesionismo. Lo facciamo, perché vi abbiamo evidenziato due fattori negativi: un effetto perverso, perché beneficiando di questo importo, potrebbero venir superati i parametri e vedersi così annullare il diritto ad altre prestazioni, una maggior disparità di trattamento verso coloro che si trovano di poco oltre la soglia per beneficiare delle prestazioni complementari, mentre sono quelli con maggior difficoltà finanziarie. Inoltre, l iniziativa viene impropriamente presentata come 13.ma AVS, perché in realtà (secondo informazioni recenti), se accolta, ne beneficerebbero meno di un anziano su cinque. Quindi, aiuto sì, ma non come propone l iniziativa. Un aiuto mirato ai veri bisognosi, con l obiettivo di ridurne le disparità. È l opinione espressa dal Comitato cantonale nella sua riunione del 27 agosto. A fine giungo 2012 l iniziativa è approdata in Parlamento. Il Gran Consiglio l ha respinta e le motivazioni sono state ampiamente riportate dalla stampa. Sul tema: «Più aiuti agli anziani» il deputato Gianni Guidicelli ha presentato una mozione, chiedendo che vengano attenuati gli effetti soglia delle prestazioni complementari degli anziani, rivedendo anche la valutazione con la quale viene considerata la sostanza. Lo scopo è di trovare la maniera per aiutare in modo mirato chi è realmente in difficoltà. È ciò che auspicavamo nel 2009: «un bonus per i veri bisognosi». Sosteniamo perciò la mozione Guidicelli e ci auguriamo che venga studiata e messa in atto in tempi brevi. Questo modo di agire rappresenta il concetto di solidarietà auspicato da GenerazionePiù. Respingiamo l iniziativa «per una 13.ma AVS», ma nello stesso tempo, vogliamo fare un appello ai Comuni. Sì, perché i Comuni sono i più vicini alla gente e conoscono meglio le situazioni reali. Tramite i loro piani sociali hanno la possibilità di agevolare e aiutare i propri abitanti in difficoltà. Possono agire più rapidamente e con maggior efficacia, anche verso coloro che non rientrano ancora nella categoria degli anziani. Viviamo in un periodo di difficoltà economica e non s intravvede un miglioramento a breve termine. Per l Amministratore locale ciò significa avere una maggior sensibilizzazione per la solidarietà sociale. La politica familiare, oggi, è una priorità. * Presidente Cantonale GenerazionePiù In memoria Ricordando Pin Riva GABRIELLA BOLLIGER* S ono ormai trascorsi dieci anni dalla tua morte, caro Pin, indimenticato Presidente della nostra Associazione. Dal cielo hai potuto proteggerci e seguire tutti i cambiamenti che ci hanno portato sempre a migliorare e a crescere. Quanta acqua è passata sotto i ponti: le attività, le manifestazioni, i viaggi, i soggiorni si sono moltiplicati! Sono cambiati i Presidenti cantonali, i Segretari cantonali, ma il nostro scopo è rimasto sempre quello di allora, ovvero di quando tu, con il tuo sorriso cordiale, ci riunivi le prime volte: «fare tutto il possibile in favore della Terza età, ora trasformata in GenerazionePiù». Il merito di dove siamo arrivato lo dobbiamo anche a te che con tanta dedizione e generosità hai posto le basi per la nascita e la crescita della nostra Associazione. Ti ricordo sempre con riconoscenza ed affetto. Vice Presidente cantonale Condoglianze I l presidente cantonale, i segretari sezionali, gli associati di GenerazionePiù, si uniscono al dolore di Meinrado Robbiani, segretario cantonale OCST, per la scomparsa del caro papà Elio. Esprimono le più sincere condoglianze anche alla moglie Idelma, alla figlia Michela, alla sorella Elda, alla nuora Denise, al genero Sergio Manzocchi, ai nipoti, cognati e parenti tutti.

16 16 30 agosto 2012 il Lavoro Grazie ancora Claudio Un ponte... tra passato recente e futuro molto prossimo MARIA LUISA DELCÒ* L o scorso 24 maggio, al termine dell assemblea cantonale di GenerazionePiù, il presidente Falconi, con tanta sensibilità ha ricordato ai presenti che la partenza di Claudio Franscella doveva essere vista come l opportunità gradita di averlo avuto tra noi per ben cinque anni. Anni in cui il Segretario cantonale ci ha traghettati dai pensionati invalidi AAPI a GenerazionePiù, ridando vigore alle nostre persone over 60/65 nel più ampio rispetto delle nostre fragilità ma anche della nostra memoria storica. Ora, per passare da una sponda sicura a una riva fatta di cambiamenti e nel momento sempre delicato della transizione, è necessaria tutta la nostra coesione tra presidenza cantonale, presidenti sezionali, comitato, rappresentanti di GenerazionePiù in enti cantonali e federali per mantenere il livello raggiunto. Siamo lieti di poter contare su un Segretario ad interim coadiuvato dal Segretario amministrativo, in attesa di una persona che occupi il posto lasciato da Franscella, figura a cui l OCST tiene molto, anche pensando al futuro, quando nel 2013 o 2014 entreranno in funzione i famosi centri diurni di tipo 2, voluti dal Dipartimento Sanità e Socialità. In ogni caso questa calda estate ci ha permesso di lavorare per l ultimo soggiorno del 2012 alle Terme (da domenica 11 a domenica 18 novembre, già una quarantina di iscritti); per continuare con le pagine dedicate a G+ su «il Lavoro», per proseguire a settembre con la collaborazione con il Giornale del Popolo per la pagina mensile. Continueranno anche i corsi di informatica e l aggiornamento del sito di G+ con la nostra esperta. Entro fine ottobre andrà anche in stampa il Vademecum, legato al 2012 dichiarato anno dell invecchiamento attivo, ma soprattutto della solidarietà intergenerazionale. Abbiamo una decina di interventi sul tema che così potrebbe essere anticipato: «nella realtà quotidiana si sono modificati la composizione delle famiglie e l assetto sociale. Questo ha generato un maggior isolamento delle diverse generazioni per la mancanza di occasioni di dialogo e una conseguente ghettizzazione: i giovani con i giovani, gli anziani con gli anziani, i disagiati con i disagiati della stessa tipologia». E allora ancora una volta grazie Claudio, auguri per la tua nuova attività e buon lavoro a tutti. *neo vice-presidente cantonale Agenda Bellinzona Venerdì 7 settembre, Coro, ore 14.00, Vita Serena a Giubiasco. Mercoledì 19 settembre, Visita Consolato Generale Svizzero a Milano e visita culturale. Partenza ore Piazzale Stadio di Bellinzona, ore Mercato Coperto di Giubiasco. Costo: fr. 80. Iscrizioni a Tatiana entro il 12 settembre, tel o Venerdì 28 settembre, Animazione con Coro, Casa anziani Greina di Bellinzona. Ritrovo ore alla Casa anziani. Locarno Pranzo del primo giovedì del mese, Giovedì 6 settembre, ore presso il Ristorante Stella a Locarno. Iscrizioni da subito, tel Giovedì 20 settembre, visita all Eremo di Santa Caterina del Sasso, situato nel comune di Leggiuno (Varese). Per raggiungere l Eremo più agevolmente è possibile usufruire di un ascensore. Costo fr. 65. Iscrizioni da subito: tel , dettagli solo agli iscritti. Lugano Giovedì 20 settembre, gita a San Gallo con visita all abbazia e alla biblioteca che contiene un impressionante collezione di libri. Ore Partenza bus Stadio Cornaredo (lato fiume), ore partenza Stazione FFS. Pranzo al ristorante albergo Schwanen. Costo: fr a persona (trasporto autobus, pranzo e bibite comprese). Iscrizioni: tel entro il 17 settembre. Tre Valli Venerdì 28 settembre, gita turistica Realp-Oberwald-Novena con il trenino a vapore del Furka. Costo: bus-trenino (escluso pranzo), fr. 80 soci, fr. 100 non soci. Iscrizioni: entro il 31 agosto, tel

17 30 agosto 2012 il Lavoro Attualità 17 Atgabbes Nuove proposte di formazione continua per adulti È disponibile il nuovo programma dei corsi di formazione continua per adulti in situazione di handicap per il periodo 2012/2013, allestito dal servizio «Cultura e formazione per persone invalide» di Atgabbes. Il successo riscosso in questi anni continua: nel 2011 sono stati svolti 60 corsi per un totale di oltre 400 partecipanti. Anche quest anno il ventaglio di offerte è molto vario e interessante: le proposte spaziano in vari campi d interesse: informatica ed internet; cucina tradizionale ed etnica; pittura ed espressione creativa; musica e danza; escursioni e visite culturali. Vi segnaliamo in particolare i nostri corsi di accompagnamento e sostegno all autonomia: «Le mie emozioni», «Leggere e scrivere», «La cura del guardaroba», «L amore è», «Usciamo Insieme». Lasciatevi incuriosire!!! I nostri corsi sono rivolti a tutte quelle persone che a causa di difficoltà, che siano mentali, fisiche o sensoriali, non possono seguire i corsi di formazione continua classici organizzati dall Ente pubblico o da Enti privati. I gruppi sono piccoli, minimo 5 persone, proprio per favorire ogni singolo partecipante permettendogli di diventare soggetto della propria formazione. Le iscrizioni per i corsi autunnali si chiudono il 10 settembre Programma dei corsi È possibile richiedere il Programma dei corsi chiamando lo oppure scrivendo all indirizzo Il programma completo è pure visionabile sul sito Alliance Sud Rio+20: un occasione persa I l documento finale di Rio+20 adottato il 22 giugno nella metropoli brasiliana è deludente per vari motivi. Certo, i paesi in via di sviluppo sono riusciti ad imporre un concetto di economia verde che rispetti le loro esigenze nazionali. «Il Vertice ha tuttavia perso l occasione per realizzare lo sviluppo sostenibile, avviare il cambiamento di paradigma necessario per salvare il pianeta ed elaborare indicatori di benessere che vadano al di là della crescita e del PIL. È previsto che questi indicatori vengano sviluppati dall ONU, ma non c è nessuna urgenza», si dispiace Isolda Agazzi, responsabile di politica di sviluppo presso Alliance Sud. Certo, le aperture sull economia verde volute dai paesi industrializzati non ci sono state, anche se il testo prevede alcune protezioni volute dai paesi in sviluppo, in particolare affinché l economia verde non diventi una nuova forma di protezionismo che imponga condizioni aggiuntive, esso dà un importanza particolare al settore privato per il quale non è prevista nessuna regolamentazione vincolante del rispetto dell ambiente e dei diritti umani. Alliance Sud deplora anche la debolezza degli impegni sul trasferimento di tecnologie e di mezzi aggiuntivi per lo sviluppo sostenibile. Gli Stati hanno deciso di lanciare un processo per l elaborazione di obiettivi di sviluppo validi dopo il «Il rischio, però, che i due processi vengano condotti in parallelo, invece di confluire in uno solo e che la lotta contro la povertà perda il carattere centrale che occupa oggi, non è evitato», continua Isolda Agazzi. Alliance Sud si rammarica anche che non sia stato creato un consiglio mondiale per lo sviluppo sostenibile, poiché questo avrebbe costituito un autorità forte e avrebbe potuto assicurare la coerenza tra le tre dimensioni economica, sociale ed ambientale. Il testo prevede, invece, la creazione di un indefinito Forum di alto livello che non avrà gli strumenti necessari per portare a termine questo mandato. Certo, alcuni diritti acquisiti sono stati conservati, a cominciare dai principi fondamentali delle conferenze di Rio 1992 e Johannesburg 2002, in particolare la responsabilità comune ma differenziata. Il diritto allo sviluppo, all alimentazione, all acqua, alla salute e i diritti dei popoli autoctoni sono stati riaffermati. I diritti della Terra Madre sono stati proclamati su incitamento della Bolivia. La conferenza delude dal punto di vista del genere poiché gli Stati non sono riusciti a riaffermare i diritti sessuali e riproduttivi. È rallegrante che i paesi in sviluppo siano riusciti ad imporre in parte la loro visione, specialmente grazie al ruolo agevolatore del Brasile, il paese ospite. Un tale Vertice però, avrebbe potuto e dovuto concretizzare molto di più. Info Alliance Sud, la Comunità di lavoro delle organizzazioni di cooperazione internazionale Swissaid - Sacrificio Quaresimale - Pane per tutti - Helvetas - Caritas - Aces CP Via Besso Lugano Tel Fax Tour Costa Azzurra - Provenza - Camargue Dal 4 all 8 ottobre (5 giorni) Prezzo per persona: Fr Suppl. camera singola Fr Un viaggio che ci porterà a visitare Cannes, Avignone, Pont du Gard, Aigues Mortes, Nimes, Avignone, Saint-Remy de Provence Glanum, Les Saintes Maries de la Mère. La quota comprende: viaggio in pulmann Granturismo (ARL); 4 notti in hotel**** (con prima colazione); 2 pranzi (Cannes-S.Marie de la Mère) bibite escluse; 2 cene (albergo Aigue Mortes) bibite escluse; guida ad Avignone. Prenotazioni: la stessa s intende definitiva al momento dell iscrizione telefonica o di persona, entro il 10 settembre, a Claudia Righetti, tel o Pagamento: all iscrizione il 50 per cento, il resto a 15 giorni prima della partenza. È consigliata la stipulazione di un assicurazione contro le spese d annullamento viaggio. Acquafitness, Centro Benessere, Parco Maraini Lugano / ACLUB Savosa

18 18 Sindacato Interprofessionale 30 agosto 2012 il Lavoro Conferenza stampa del 2 agosto 2012 L ora degli adeguamenti! Nonostante condizioni quadro difficoltose, l economia svizzera si dimostra solida. Secondo Syna è giunto il momento delle negoziazioni salariali richieste da tempo. Esigiamo stipendi che permettano di vivere degnamente. Per questo vogliamo un aumento di almeno 100 franchi per i bassi salari. Quest anno vorremmo inoltre concretizzare l uguaglianza salariale tra uomo e donna. In tutti i settori Syna esige un aumento del 2 percento in media dei salari reali. ARNO KERST* T ra crisi e prospettive economiche allarmiste, non è facile orientarsi. Da qualche anno l economia svizzera si trova confrontata con delle sfide insidiose, caratterizzate da prospettive molto incerte. Dal 2004, la crescita economica annuale ha sempre superato il 2 per cento (salvo il 2009). Il SECO stima una crescita del PIL dell 1,4 per cento per il 2012 e dell 1,5 per cento per l anno seguente. L innovazione, l elevato senso del dovere e la spiccata qualità che caratterizzano la manodopera svizzera hanno certamente contribuito al crearsi di questa situazione confortante. Questa, dunque, merita una remunerazione e una ricompensa tangibile e adeguata! Giustizia salariale, ora! Circa il 15 per cento di persone impiegate a tempo pieno guadagna meno di 4000 franchi al mese. Circa un quarto delle donne e un decimo dei salariati rientrano nella categoria dei sottopagati. Ovviamente Syna constata con soddisfazione che la cifra dei sottopagati si è ridotta. Ciò nonostante questa evoluzione positiva è troppo lenta e deve essere relativizzata. Nel 2002 gli stipendi dei dirigenti delle imprese considerate nell inchiesta di Travail.Suisse erano in media 18 volte superiori al salario più basso percepito nell impresa. Nel 2011 questo scarto è cresciuto fino a raggiungere un rapporto di 1:36! L avarizia dei manager deve essere fermata tramite un adeguamento dei salari più bassi. È per questo che Syna pone l accento sull aumento dei salari minimi convenzionali. I CCL sono uno strumento efficace in questo ambito. Secondo recenti cifre, l utilizzo dei CCL è stato insufficiente negli ultimi 3 anni. Tra il 2010 e il 2012, i salari minimi sono aumentati in media dello 0,8 per cento, un aumento esiguo se paragonato al 2,6 per cento all anno tra il 2007 e il Di conseguenza, Syna rivendica un aumento di almeno 100 franchi per i salari più bassi e i salari minimi. Uguaglianza salariale, ora! L inuguaglianza salariale tra uomo e donna, problema anticostituzionale e reale deve essere risolto al più presto. Syna esige, in tutte le negoziazioni, delle misure salariali specifiche per le donne. I datori di lavoro che non daranno seguito a questa rivendicazione dovranno dimostrare che l uguaglianza è effettiva nella loro impresa o nel loro settore. Tramite questo approccio, Syna cerca di mettere pressione ai datori di lavoro affinchè essi partecipino al dialogo sulla parità salariale iniziato dai partner sociali. Fino a ora, solo dieci imprese hanno portato a termine questa revisione e altre 15 imprese hanno iniziato la procedura. Due per cento di aumento salariale reale! Anche quest anno Syna inizierà i negoziati con delle rivendicazioni adeguate al settore. La situazione tranquilla sul fronte del rincaro offre un buon margine di manovra per gli adeguamenti dei salari reali che il personale ha più che meritato. La pressione costante sul lavoro, i tempi sempre più pressanti, la polivalenza, la grande flessibilità richiesta e le continue minacce di licenziamento, caratterizzano il quotidiano di gran parte del personale. In tutti i settori, Syna rivendica un aumento dei salari reali del 2 per cento in media. Riaggiustamento nell industria Da una parte, per l industria d esportazione, le sfide da affrontare sono numerose a causa della forza dell Euro, dall altra la richiesta di adeguamenti salariali da parte del personale cresce di anno in anno. Come gli anni precedenti, Syna esigerà un approccio basato sui fatti e non sulle lamentele delle imprese industriali. In numerose aziende i salari non sono stati aumentati, mentre in alcuni casi lo sono stati debolmente. Tutti i lavoratori e le lavoratrici obbligati da anni a lavorare più tempo al medesimo stipendio hanno di fatto subito una perdita salariale. Di conseguenza, le priorità di Syna nelle negoziazioni salariali nell industria saranno degli aumenti consistenti di salario e la garanzia dell impiego. Settore Terziario sollecitato Anche in questo settore molto diversificato vi sono stati dei problemi. Per esempio nel commercio al dettaglio, dove i salari sono stati aumentati in modo insignificante. Le pretese di Syna sono di conseguenza state portate al rialzo. Contiamo su degli aumenti tangibili dei salari reali nella sanità e nel commercio al dettaglio, così come degli adattamenti altrettanto positivi dei salari minimi. Anche nei settori alberghiero, quello delle pulizie o i parrucchieri, i nostri membri esigono degli adeguamenti. Artigianato: lo sviluppo della costruzione nutre le speranze Costruiamo tanto, senza interruzioni e questa tendenza sembra persistere. Contrariamente ad altri settori, la maggioranza dei rami dell artigianato non ha subito una grave crisi negli ultimi anni. L evoluzione dei salari, non ha però seguito lo stesso andamento dell attività di costruzione. Le rivendicazioni di Syna saranno centrate sull adattamento dei salari minimi e di quelli reali degli ultimi due anni. Due per cento in media è una richiesta appropriata tenuto conto del lavoro faticoso degli artigiani e delle artigiane. Le sei settimane restano di attualità Oltre alle rivendicazioni salariali citate, Syna continuerà a lottare in favore delle 6 settimane di vacanza. Questo in risposta al crescente stress, come titolo di partecipazione al guadagno di produttività e tenendo conto dell equilibrio sempre più precario tra lavoro e vita privata. Qual ora esistano delle convenzioni collettive, Syna esigerà sistematicamente 6 settimane di vacanza. In questo modo, riproporremo le argomentazioni dei lavoratori, nelle quali si afferma che le vacanze devono essere negoziate tra partner sociali e non essere aumentate tramite leggi ad hoc. *vice presidente Syna

19 30 agosto 2012 il Lavoro Sindacato Interprofessionale - Pagina a cura di Rogério Sampaio 19 Formação Profissional Curso para trabalhadores portugueses e espanhóis ROGÉRIO SAMPAIO C omo habitualmente estão abertas inscrições para cursos de formação em Portugal e Espanha para trabalhadores não qualificados, com pelo menos 6 meses de experiência profissional nos estaleiros de construção na Suiça. A Sociedade Suiça de Empresários Construtores, recomenda às empresas à fazerem uso da oferta de formação avançada para o desenvolvimento profissional e capacitação dos trabalhadores. Os cursos terão lugar do dia 07 de Janeiro 2013 até 01 de Março de Ás inscrições estão abertas até o dia 09 de Novembro de Pré-requisitos Pelo menos 6 meses de expêriência na construção civil de acordo com a regulamentação suíça construção, fundo Parifond. (ler e escrever) conhecimento suficiente da língua materna. Os interessados podem levantar os formulários nos secretariados do sindicato Syna da sua região ou na sua Firma.Devem preencher e entregar na sua Firma, para que a entidade patronal possa autorizar. Devem incluir os endereços completos da Suiça e de Portugal ou Espanha, assim como, o respetivo telefone, para posterior contacto e envio da carta de chamada. Aconselho aos interessados a inscreverem-se o mais rápido possível, porque os lugares são limitados. Após à frequência do curso de formação, o trabalhador compromete-se a trabalhar para a empresa que lhe enviou para o curso pelo menos um ano. A empresa por sua vez compromete-se à assegurará um contrato de trabalho para o ano Ás condições contratuais para 2013, deverão ser acordadas entre o trabalhador e a empresa empregadora. Após frequentar o curso com sucesso, o trabalhador deve ser enquadrado de acordo com o artigo 42, parágrafo 2 º e classificados Anexo 15, artigo 1.3 CNT12/15 na Classe salarial A. O conteúdo do curso inclui: Curso Básico de cofragem, alvenaria curso básico, esgotos curso básico. Plano de segurança e leitura são incluídos em todos os blocos de curso específico. Estes cursos permitem ao trabalhador aprender na sua própria língua as técnicas de trabalho praticadas nos estaleiros suíços. Além da obtenção de um certificado profissional, terá direito a um aumento de categoria profissional. Os cursos são financiados pelo fundo paritário, os trabalhadores auferiram uma indemnização salarial durante a frequência do curso conforme está definido no regulamento. Locais de cursos O curso de formação para o espanhol é o centro de Formação da Fundação Laboral da Construção Arteixo em La Coruña -www.galicia.fundacionlaboral.org). Os cursos em português são realizados nos centros de formação profissional na Avioso CICCOPN no Porto - e CEN- FIC no Prior Velho, em Lisboa - As inscrições esgotam-se muito rapidamente, há no máximo 68 lugares disponíveis. Recomenda-se, portanto, que o candidato se inscreva imediatamente. Os participantes receberão, em meados de Dezembro de 2012, a informação detalhada sobre o curso. Estes curso estão a ser realizados há mais de 20 anos e é uma parceria entre A Sociedade Suiça de Empresários, portugueses, sindicatos Syna e Unia e as entidades oficiais portuguesas e espanholas. Corsi di tedesco e Corsi di Computer per soci per principianti e avanzati Data: Settembre 2012 / In base al numero di iscritti Località: Syna Albulastrasse 55, 8048 Zurigo Numero massimo: 12 persone per classe Iscrizione: Syna Segretariato Regionale Zurigo / Sciaffusa Organizzato da: Segreteria Regionale Syna ZH/ SCH Costo: soci gratuito. Non soci: diventare soci Coordinatore: Rogério Sampaio Curso de alemão para sócios da Syna Syna aposta na formação ROGÉRIO SAMPAIO O sindicato Syna é um sindicato interprofissional, como tal têm membros de todas as origens e nacionalidades. Para os sócios da Syna, a língua têm sido uma barreira à integração e a acesso a trabalhos mais qualificados. A dificuldade de frequentar curos de línguas, devido aos horários de trabalhos, especialmente para trabalhadores da construção e limpeza, devido as frequentes deslocações e mudança de postos de trabalho, levou a que o secretariado de Zurique organizasse cursos de alemão no próprio secretariado. Esta experiencia piloto, está a decorrer em cooperação com a ENAIP e está a ter uma boa aceitação por parte dos sócios. Inicialmente inscreveram-se 16 sócios de diversos sectores profissionais entre homens e mulheres, o entusiasmo e interesse têm sido enorme. A professora Elizabeth da ENAIP com vários anos de experiência a lecionar cursos de alemão, têm recebido bastantes elogios dos alunos, pelo método que está a utilizar, que permite na mesma classe ter alunos que trabalham na construção, na limpeza e noutros sectores. Essa experiência piloto pode ser seguida por outros secretariados, porque permite uma proximidade entre os secretariados e os sócios, motivando outros a seguir o exemplo. Para a Syna significa uma aposta clara na formação dos seus membros. Os interessados em frequentar o próximo curso devem realizar as suas inscrições para o próximo curso.

20 20 Sindacato Interprofessionale - Pagina a cura di Coni Soler 30 agosto 2012 il Lavoro Empleo Tendencias Mundiales del Empleo 2012 Según el informe anual sobre el empleo mundial de la Organización Internacional del Trabajo (OIT), será necesario incentivar las inversiones empresariales para disminuir las tasas de desempleo. CONI SOLER E n las economías avanzadas y en Europa Oriental, los problemas en el sector financiero, así como la contención en el consumo de las familias afecta directamente a la inversión empresarial y en consecuencia repercute gravemente en la creación de empleo. Necesaria la creación de empleo El informe «Tendencias Mundiales del Empleo 2012» señala que la desaceleración de las inversiones ha provocado un aumento en las tasas de desempleo. El elevado desempleo y la baja tasa de crecimiento salarial están reduciendo la demanda Inserzione de bienes y servicios, lo que cada vez perjudica más la confianza de las empresas que dudan en invertir y en contratar. Por este motivo hay que alentar al sector privado para que pierda el temor de invertir nuevamente en instalaciones y equipos y para que amplíe su plantilla y de esta manera se vuelva a poner en marcha el motor principal de la creación de empleo. La recuperación de la crisis dependerá de la efectividad de las medidas políticas. El informe afirma que el gran aumento de la deuda pública ha forzado a algunos países a aumentar la prima de riesgo de la deuda soberana para poner en práctica un severo ajuste del cinturón. El director General de la OIT Juan Somalia, dijo «Lo que se precisa ahora es que la creación de empleo en la economía real se convierta en nuestra mayor prioridad». Indicadores del Mercado de Trabajo El informe toma referencia de los Indicadores Clave del Mercado de Trabajo como son: el empleo, el desempleo, el empleo vulnerable, la pobreza laboral - El numero de trabajadores en empleo vulnerable, es decir la suma de trabajadores por cuenta propia más los trabajadores familiares no remunerados ha aumentado en 23 millones de personas desde La proporción de mujeres en situación de vulnerabilidad laboral es del 50.5 por ciento, mayor a la de los hombres con un 48.2 por ciento. - «A pesar de los esfuerzos realizados por los gobiernos, la crisis del empleo no disminuye y uno de cada tres trabajadores en el mundo está desempleado o vive en la pobreza», según el director general de la OIT. En 2011 cerca del 30 por ciento de todos los trabajadores del mundo vivían con sus familias por debajo de la línea de pobreza. De estos alrededor de la mitad vivía por debajo de la pobreza extrema de 1,25 dólares al día. Panorama laboral de los jóvenes: Los jóvenes se encuentran entre los más afectados por la crisis. Según las tasas porcentuales los jóvenes tienen casi tres veces más probabilidades de estar desempleados que los adultos. Según el informe en 2011 el 74,8 millones de jóvenes en edades comprendidas entre los 15 y los 24 años estaban desempleados. En 2012 el número y la proporción de jóvenes desempleados no tiene vistas a mejorar. Actualmente hay pocas esperanzas de una mejora sustancial del panorama laboral de los jóvenes a corto plazo, ya que ante las duras expectativas de futuro cada vez es mayor la proporción de jóvenes que se retiran por completo del mercado de trabajo. Si se contabilizan estos trabajadores desalentados como desempleados, el desempleo mundial subiría de los actuales 197 millones a 225 millones, y la tasa de desempleo aumentaría de 6 por ciento a 6,9 por ciento. Medidas fiscales coordinadas El informe de la OIT sostiene que durante la próxima década el mundo se enfrenta al «desafío urgente» de crear 600 millones de empleos productivos a fin de generar un crecimiento sostenible y mantener la cohesión social. Para esto se necesita aplicar medidas fiscales coordinadas, es decir que los países que aún tienen margen de maniobra ayudaran tanto a su economía como a la economía mundial. Aún así, quedaran 900 millones de trabajadores que viven con sus familias con unos ingresos inferiores al umbral de pobreza de los 2 dólares de Los Estados Unidos por día, sobre todo en los países en desarrollo. i

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal.

Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal. Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal. Da ora tutto sarà più semplice. Con Sympany. Sympany: l assicurazione simpaticamente diversa. Sympany

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti

Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti 2.5.4.1 Legge sull ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (del 15 marzo 1995) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti il messaggio 12 agosto 1994 n. 4279 del Consiglio

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Guida informativa all insediamento di impresa nel Cantone Ticino

Guida informativa all insediamento di impresa nel Cantone Ticino Guida informativa all insediamento di impresa nel Cantone Ticino VIA DUFOUR 2 CH 6900 LUGANO www.multifamily.ch 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 2 6. DIRITTO SOCIETARIO 17 1.1 La Svizzera, il Cantone Ticino 3

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli