La sfida digitale dell Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sfida digitale dell Europa"

Transcript

1 La sfida digitale dell Europa Contributo della Commissione per il Consiglio europeo del ottobre 2013

2 CONTRIBUTO DELLA COMMISSIONE PER IL DIBATTITO DEL CONSIGLIO EUROPEO DI OTTOBRE 2013 SULL'ECONOMIA DIGITALE I moderni servizi di comunicazione elettronica e i servizi online, come ad esempio l'amministrazione in linea, sono potenti fattori di cambiamento per la nostra economia e la nostra società, che concorrono a promuovere la crescita, l'occupazione e la produttività, a risparmiare sulla spesa pubblica, a migliorare il benessere dei consumatori ed offrono anche nuove opportunità di espressione personale. Questi servizi costituiscono inoltre importanti comparti economici di per sé. L'economia digitale può aiutare l'industria europea a crescere, offrire infrastrutture per le imprese di domani e stimolare la creazione di nuove start up. Perfino in tempi di forte disoccupazione, il comparto di internet permette di creare cinque posti di lavoro per ogni due posti perduti. 1 Entro il 2020 l'europa potrebbe ottenere un incremento del 4% del suo PIL stimolando il rapido sviluppo del mercato unico digitale, mentre il passaggio all'egovernment (servizi di amministrazione pubblica in linea) permetterebbe alle autorità pubbliche di conseguire riduzioni dei costi dell'ordine del 15-20% 2. Il mercato unico e l'economia digitale si rafforzano reciprocamente. Comprare merci e servizi è molto più facile online, ma è anche più facile rendersi conto delle inefficienze del mercato unico e dei costi della sua frammentazione. Il mercato europeo delle telecomunicazioni non funziona come dovrebbe. Contrariamente all'unione europea, gli USA e la Cina hanno unificato i loro mercati delle telecomunicazioni, che contano rispettivamente 315 e milioni di consumatori, serviti da solo 3 o 4 operatori che operano in base a un quadro normativo unico. I mercati europei delle telecomunicazioni rimangono invece frammentati e confinati alle frontiere nazionali. Le imprese europee non occupano posizioni guida in internet: le piattaforme internet non europee come Google, Apple, Amazon, Baidu sono leader nell'economia di internet e costituiscono anche alcune delle più grandi imprese del mondo. L'Europa, che è stata un leader in passato, conta una serie di industrie di importanza mondiale nel settore delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC). L'Europa ha innovato nelle applicazioni del settore sanitario, nelle tecnologie intelligenti per le città, nei servizi pubblici elettronici e in fatto di apertura e accessibilità dei dati, ma nonostante il suo forte potenziale di stimolo della crescita e della competitività, oggi non è più al passo rispetto agli altri leader mondiali in questo campo. L'Europa ha quindi urgente bisogno di un intervento decisivo per riconquistare terreno in questo settore di importanza cruciale. Il Consiglio europeo di primavera 2013 aveva sottolineato l'importanza del mercato unico digitale per la crescita e invitato la Commissione a presentare misure concrete per istituire quanto prima possibile un Mercato unico digitale. Perché questo diventi realtà è necessario adottare misure legislative prima del termine dell'attuale mandato parlamentare. La Commissione ha presentato una proposta di regolamento per rimuovere molti degli ostacoli attuali al mercato unico delle telecomunicazioni. Sono poi in attesa della decisione dei colegislatori parecchie altre proposte legislative che hanno una rilevanza diretta per l'economia digitale, dai servizi di pagamento online alle norme di protezione dei dati. 1 "Internet Matters", McKinsey "Public Services Online", relazione di riferimento sull'e-government, studio condotto per conto della Commissione europea, ISBN

3 Tali proposte, elencate nell'allegato del presente testo, sono destinate ad affrontare specifiche lacune del mercato unico digitale, che passiamo a illustrare. 1. Promuovere l'adozione del commercio elettronico e dei servizi elettronici L'obiettivo dell'unione europea è far sì che, a lungo termine, le imprese e i consumatori possano effettuare acquisti e vendite in internet esattamente come sul loro mercato domestico e garantire l'accessibilità online di tutti i servizi, informazioni, formalità amministrative e contenuti creativi. Nel perseguimento degli obiettivi di Europa 2020 sarebbe opportuno sfruttare appieno il potenziale dei servizi online. Commercio elettronico Il commercio elettronico si sta diffondendo rapidamente in alcuni Stati membri. Nel periodo la sua crescita media è stata del 20% in valore 3. Tuttavia il commercio elettronico transfrontaliero non è ancora abbastanza sviluppato nell'ue: nel 2012 il 45% dei consumatori ha effettuato acquisti online, ma solo nell'11% dei casi si è trattato di acquisti transfrontalieri. 4 Questa tendenza ostacola in maniera sempre più grave lo sviluppo del mercato interno in generale, via via che l'economia diventa sempre più dipendente da internet. Per le PMI il commercio elettronico è l'occasione per estendere le loro attività al di là dei confini nazionali e regionali, ma solleva anche problemi e crea pressione competitiva. Nel commercio al dettaglio si lamentano difficoltà e costi più elevati a causa di diversi trattamenti fiscali e di un diverso diritto dei contratti, a maggiori costi di consegna al di là dei confini e a restrizioni imposte dai fornitori alle operazioni transfrontaliere 5. Un maggior ricorso al commercio elettronico si tradurrebbe in risparmi, per i consumatori, dell'ordine di 204 miliardi di euro (1,7% del PIL europeo) se l'e-commerce raggiungesse il 15% delle vendite al dettaglio e se fossero eliminati gli ostacoli al mercato interno 6. Nel piano di azione sul commercio elettronico 7 del 2012 la Commissione ha fissato cinque priorità per affrontare gli ostacoli che ancora sussistono allo sviluppo di servizi digitali: sviluppare l'offerta legale e transfrontaliera di prodotti e servizi in linea, potenziare l'informazione degli operatori e la tutela dei consumatori, garantire sistemi di pagamento e di consegna affidabili ed efficaci, combattere più efficacemente gli abusi e comporre più facilmente le controversie, diffondere le reti a banda larga e le soluzioni tecnologiche avanzate. Nell'aprile di quest'anno è stata presentata una relazione sullo stato di avanzamento del piano di azione. Nel Piano d'azione imprenditorialità 2020 sono state illustrate azioni specifiche per ampliare l'offerta di servizi elettronici, allo scopo di rafforzare le competenze necessarie nell'era digitale e a incoraggiare gli imprenditori del web. 3 Europe B2C E-Commerce and Online Payment Report 2013, Ecommerce Europe, citato nel documento di lavoro dei servizi della Commissione europea The consumer conditions scoreboard. Consumers at home in the single market, SWD(2013) 291 final, luglio Eurostat, Indagine comunitaria sull'utilizzo delle TIC nelle famiglie e da parte degli individui. 5 Flash Eurobarometro "Consumer market study on the functioning of e-commerce, Civic Consulting (2011) studio condotto per l'agenzia esecutiva per la salute e i consumatori per conto della DG SANCO. 7 Comunicazione della Commissione Un quadro coerente per rafforzare la fiducia nel mercato unico digitale del commercio elettronico e dei servizi on-line, COM(2011) 942 final. 2

4 Pagamenti elettronici I pagamenti elettronici sono un pilastro portante dell'efficiente funzionamento del mercato unico digitale. Il costo, la praticità e la sicurezza del pagamento online sono fattori chiave che influenzano la decisione di comprare da un sito internet. Nel 2009, il 35% degli internauti non ha comprato online perché non si fidava della sicurezza del pagamento 8. E anche quello delle operazioni di pagamento costituisce un promettente settore economico di per sé. Si stima che nel 2012 la domanda non soddisfatta di pagamenti mobili nell'ue abbia sfiorato i 50 miliardi di euro 9. E' importante osservare che il ricorso a metodi di pagamento diversi dai contanti contribuisce a prevenire le frodi e l'evasione fiscale, come hanno riconosciuto alcuni Stati membri che hanno introdotto l'obbligo di effettuare per via elettronica (bonifici, addebiti diretti, carte) i pagamenti al di sopra di determinati importi. Il mercato dei pagamenti nell'ue è tuttavia frammentato e costoso. Secondo le stime della Banca centrale europea, i costi sociali e privati dei pagamenti nell'ue equivalgono all'1,2% del PIL, ovvero a 156 miliardi di euro all'anno 10. Facendo seguito al Libro verde sui pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile 11, la Commissione ha proposto una nuova direttiva relativa ai servizi di pagamento e ha presentato una proposta sulle commissioni interbancarie multilaterali. Queste proposte affrontano gli ostacoli residui rappresentati ad esempio da un'insufficiente armonizzazione, dalla scarsa concorrenza in certi settori dei pagamenti a mezzo carte e internet e dall'assenza di incentivi per la normalizzazione tecnica, come nel caso dei pagamenti via dispositivi mobili. Le proposte prevedono requisiti elevati di sicurezza per tutti i fornitori di servizi di pagamento, in particolare per le operazioni in linea. L'adozione di queste proposte è urgente e i colegislatori dovrebbero discuterle con iter accelerato per poterle adottare nella prima metà del Inoltre, la Commissione avvierà una revisione della direttiva sulla moneta elettronica che potrebbe sfociare in ulteriori interventi di semplificazione del quadro di regolamentazione dei pagamenti. La direttiva servizi L'effettiva attuazione della direttiva servizi è anch'essa fondamentale per lo sviluppo di mercati online in Europa. In particolare gli sportelli unici hanno un potenziale che supera notevolmente le disposizioni della citata direttiva servizi. Si tratta di sportelli presso i quali i prestatori di servizi che desiderino impiantare un'attività a casa loro o all'estero possono reperire informazioni sulle condizioni giuridiche e amministrative applicabili. Le imprese possono rivolgersi agli sportelli unici anche per disbrigare tutte le formalità online a partire da un unico punto di contatto. Gli Stati membri dovrebbero ora impegnarsi a migliorare gli sportelli unici in modo da offrire servizi completi di amministrazione in linea per le imprese, con risparmi di tempo e denaro sia per le imprese che per le stesse autorità pubbliche. Le caratteristiche imprescindibili di un servizio efficiente di amministrazione in linea sono la facilità di accesso e la trasparenza delle informazioni su come esercitare i propri diritti nel mercato unico. Per questo gli Stati membri dovrebbero investire in portali elettronici che fungono da sportelli unici per i cittadini e le imprese e li collegano a portali di interesse dell'ue come Your Europe. 8 Eurostat, indagine sulle famiglie 2009, citata nella comunicazione della Commissione sul commercio elettronico. 9 The Outlook for Mobile Payment (mobile Money) Services in Africa, Europe & the Middle East, Icon Group International (2011) i dati in USD sono stati convertiti al tasso di 1,3 USD/EUR. 10 The social and private costs of retail payment instruments. A European perspective a cura di Heiko Schmiedel, Gergana Kostova ewiebe Ruttenberg, E Occasional Paper della BEI, Serie 2012, citato nella valutazione d'impatto sulla proposta 2013 di direttiva sui servizi di pagamento e sulla proposta di regolamento sulle commissioni interbancarie multilaterali. 11 COM(2011) 941 definitivo. 3

5 La Commissione ha recentemente adottato anche altre due comunicazioni in relazione alla direttiva servizi: una riguarda le professioni regolamentate e l'altra i risultati della valutazione tra pari sulle prescrizioni in materia di partecipazione azionaria e forma giuridica. Amministrazione in linea L'uso intelligente delle TIC da parte degli enti pubblici può abbassare del 15-20% il costo della pubblica amministrazione. La prestazione di servizi di elevata qualità in tempi di risanamento delle finanze richiede importanti riforme e le nuove tecnologie, come il cloud computing, possono concorrere a questi cambiamenti. In questo contesto l'ue deve completare il passaggio agli appalti elettronici entro il 2018, come prevedono le nuove direttive appalti. Secondo le stime, l'adozione della fatturazione elettronica negli appalti pubblici in tutta l'unione potrebbe generare risparmi dell'ordine di 2,3 miliardi di euro 12. Si prevede che nella maggior parte dei casi l'investimento iniziale si ripagherebbe da solo nel giro di due anni. Alcuni Stati membri (Danimarca, Svezia e Finlandia 13 ) già usano le fatture elettroniche, che tuttavia utilizzano norme nazionali nella maggior parte dei casi non interoperabili. La Commissione ha presentato una direttiva in materia di fatturazione elettronica negli appalti pubblici allo scopo di facilitare l'adozione della fatturazione elettronica. Tale proposta dovrebbe essere adottata rapidamente dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Come raccomandato dalla Commissione è necessario elaborare piani di azione nazionali che promuovano gli appalti elettronici end-to-end. L'esistenza di norme per le TIC costituisce un presupposto fondamentale per garantire l'interoperabilità dei sistemi e dei servizi TIC. Recentemente la Commissione ha aggiornato il sistema europeo di normalizzazione per renderlo più rapido e più inclusivo e ha inoltre creato la piattaforma multilaterale europea sulla normalizzazione delle TIC. Contenuti online e licenze Oggi gli internauti di ogni parte del mondo usano internet soprattutto per accedere a musica e film online, consultare i programmi televisivi e leggere libri e giornali online. L'Europa vanta alcuni dei leader mondiali nel settore creativo: nel 2010 questo comparto economico ha rappresentato 280 miliardi di euro nell'ue e una forza lavoro di circa 6,7 milioni di persone 14. Tuttavia, è proprio in questo settore che i limiti attuali del mercato unico sono particolarmente evidenti. I cittadini non capiscono perché non possono accedere legalmente a contenuti creativi online in qualsiasi parte d'europa. Il blocco geografico di determinati contenuti, che annuncia agli internauti che si trovano nel territorio sbagliato per poter accedere al contenuto che desiderano vedere, indica chiaramente che sotto questo profilo il mercato unico non funziona. È indispensabile che gli ostacoli nel settore del diritto d'autore siano affrontati. 12 Estrapolazione della Commissione, citata nella sua comunicazione "Appalti elettronici end-to-end per modernizzare la pubblica amministrazione", COM(2013) Austria e Italia dal Relazione 2010 della Commissione sulla competitività europea, SEC(2010) 1276, citata nella comunicazione della Commissione "Un mercato unico dei diritti di proprietà intellettuale", COM(2011)

6 La Commissione europea ha presentato una proposta di direttiva sulla gestione collettiva dei diritti la cui adozione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio dovrebbe essere prioritaria. La Commissione ha avviato anche una consultazione dei soggetti interessati ("Licenze per l'europa") allo scopo di individuare e attuare le soluzioni proposte dall'industria per aiutare a superare gli ostacoli, nel mercato unico, alla libera circolazione e all utilizzo di contenuti protetti da diritto d'autore. In parallelo alle iniziative citate, la Commissione sta completando il riesame in corso del quadro giuridico dell'ue sul diritto d'autore, in base a studi di mercato, valutazioni d'impatto e lavori di redazione giuridica, per decidere poi nel 2014 se presentare le proposte di riforma legislativa che ne scaturiranno. Le tecnologie digitali fanno ormai parte integrante del modo di interagire, lavorare e commerciare, ma non vengono pienamente sfruttate nei sistemi di istruzione e formazione europei. Per integrare meglio le TIC nell'istruzione e nella formazione la Commissione europea ha presentato una comunicazione sull'apertura dell'istruzione in modo da garantire l'acquisizione delle competenze digitali richieste dalla nostra società digitale. Saranno realizzati interventi concreti per promuovere un ambiente di apprendimento aperto che incoraggi l innovazione tra istituzioni, insegnanti e studenti, che permetta di sfruttare il potenziale di risorse educative aperte e di migliorare le infrastrutture digitali, in particolare la connettività e l interoperabilità, in modo da creare nuove opportunità commerciali. Fiducia dei consumatori, cibersicurezza e protezione dei dati Per migliorare la fiducia dei consumatori e degli utenti nei servizi online i colegislatori dovrebbero adottare quanto prima le proposte presentate dalla Commissione sul radicale ammodernamento e rafforzamento delle norme dell'unione sulla protezione dei dati. È indispensabile che i consumatori e i cittadini dell UE in generale abbiano fiducia nei dispositivi e nei servizi digitali, come l'informatica nella nuvola (cloud computing): per questo servono regole più moderne e più efficienti in materia di protezione dei dati. La proposta della Commissione sulla protezione dei dati garantirà che in caso di trattamento dei dati personali di cittadini dell UE si applichino le regole in materia di protezione dei dati indipendentemente dal luogo in cui si trova il server o dalla "nuvola" in cui sono archiviati i dati personali. La cibersicurezza è imprescindibile sia per le infrastrutture critiche tradizionali (come l'energia), sia per le imprese che dipendono da internet per funzionare. Attualmente molti utenti sono restii ad avvalersi di questi servizi perché temono che non siano sicuri. La strategia dell'unione europea per la cibersicurezza affronta molti degli aspetti ora considerati e si è in attesa dell'adozione, da parte dei colegislatori, della direttiva sulla sicurezza delle reti e dell'informazione (SRI) nell'ue. Si attende anche l'adozione della proposta di regolamento in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno. In materia di diritto dei consumatori, la direttiva sulla risoluzione alternativa delle controversie, di recente adozione, permetterà ai consumatori di rivolgersi a organismi qualificati per la risoluzione alternativa delle controversie contrattuali con i professionisti, indipendentemente dal fatto che abbiano effettuato acquisti online o offline, nel loro paese o all'estero. Inoltre, il regolamento sulla risoluzione delle controversie online ha creato una piattaforma online per le controversie connesse a transazioni online. Gli Stati membri dovrebbero adoperarsi perché entrambi gli strumenti siano applicati quanto più rapidamente ed efficacemente possibile. 5

7 In Europa occorre anche creare un ambiente sicuro e affidabile per il cloud computing: per questo la Commissione ha presentato una strategia per il cluod computing che illustra interventi volti a costruire fiducia e sicurezza nello sviluppo di servizi basati sulla nuvola in Europa. L'UE deve inoltre portare avanti il dibattito più generale sulla governance di internet a livello mondiale. Proseguono i lavori relativi all'approccio strategico dell'ue alla politiche connesse a internet, con l'obiettivo di costruire un modello globale fondato sul dialogo, sul rispetto della diversità e sulla cooperazione sui vari aspetti legati a internet. Fiscalità Il passaggio all'economia digitale solleva criticità in materia di imposizione fiscale. Tradizionalmente i profitti sono tassati nel paese in cui si effettuano materialmente le attività, che di solito coincide con il paese di residenza del cliente. Con l'avvento delle operazioni online è necessario adottare nuove strategie per contrastare le scappatoie e l'arbitraggio fiscali. Nel 2015 entrerà in funzione lo sportello unico IVA per i servizi online, uno strumento semplice, facile da usare per le imprese, che garantirà che l'iva sia pagata nel luogo di residenza del cliente. Le imprese digitali inoltre diventano via via sempre più brave nell'applicare le tecniche di pianificazione fiscale aggressiva di cui dispongono tutte le società multinazionali. L Unione europea contribuisce attivamente ai lavori dell'ocse sull'erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili, in particolare all'elaborazione di soluzioni per l'economia digitale. La Commissione europea può contribuire a coordinare e alimentare la discussione, presentando analisi tecniche e possibili soluzioni, e quindi a rappresentare all'ocse le posizioni concordate. All'interno dell'ue è a buon punto l'attuazione del piano d azione contro la frode e l'evasione fiscali, che include iniziative per far fronte alle sfide individuate nell'economia digitale. Si tratta in particolare della direttiva sulla base imponibile consolidata comune per l'imposta sulle società (direttiva CCCTB) e della revisione delle direttive relative all'imposta sulle società. La proposta di aggiornamento della direttiva concernente il regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni dovrebbe essere adottata in via prioritaria e la Commissione presenterà a breve una proposta di direttiva sulle società madri e figlie con misure per le strutture ibride. 2. Stimolare gli investimenti Per offrire all'europa servizi indispensabili alle imprese e ai consumatori nell'era digitale è necessario rafforzare gli investimenti in infrastrutture e reti di comunicazione al passo coi tempi. La velocità media di trasmissione di dati su dispositivi mobili in Europa è la metà di quella degli USA 15. Nel nostro continente gli investimenti in comunicazioni senza fili 4G sono ostacolati dalla regolamentazione e dalla lentezza e incoerenza dell'assegnazione delle frequenze. USA, Corea e Giappone vantano globalmente l'88% degli abbonamenti mondiali alla rete 4G mobile, contro il 6% soltanto dell'europa. Analogamente, in Europa la posa di fibra per le reti fisse e le velocità medie della banda larga sono molto inferiori a quelle dei nostri concorrenti internazionali. In Corea il 58% delle famiglie è connesso per mezzo della fibra, il dato corrispondente per il Giappone è il 43% e soltanto il 5% per l'europa. 15 The state of the Internet, Akamai (Q4 2012), Cisco VNI Mobile Forecast (2013). 6

8 Questi dati sono sconvolgenti perché i nuovi sviluppi del digitale richiedono connettività rapida, affidabile e capillare. Siamo già passati da un mondo di e semplici siti web all'uso di internet e della banda larga per telefonare, condividere file, giochi e video. La prossima generazione di tecnologie (cloud computing, stampa 3D, assistenza sanitaria in linea, amministrazione in linea, città intelligenti, TV ad alta definizione, sistemi di telepresenza, megadati, automobili connesse, ecc.) avranno ancora più bisogno di larghezza di banda e di un servizio capillare in tutto il continente. Come già stanno sperimentando molte famiglie, il fabbisogno di banda cresce e la qualità può crollare drasticamente quando si usano contemporaneamente molti servizi diversi. Il quadro regolamentare deve offrire condizioni favorevoli per gli investimenti dell'intero comparto in reti ad alta velocità, ma deve promuovere nel contempo la concorrenza nella transizione dalla tecnologia tradizionale (rame) alla fibra. Recentemente la Commissione ha adottato una raccomandazione nell'ambito del vigente quadro normativo per le telecomunicazioni allo scopo di (1) promuovere prezzi di accesso stabili e orientati ai costi per le reti "tradizionali" in rame, (2) rafforzare la concorrenza per i richiedenti accesso, concedendo loro un accesso equivalente alle reti dell'operatore storico e (3) eliminare i prezzi controllati per le reti internet ad alta velocità, secondo condizioni appropriate (in particolare rispetto rigoroso del principio di non-discriminazione per l'accesso e concorrenza intensa da parte di infrastrutture alternative). La raccomandazione, insieme alla proposta di regolamento sul mercato unico delle comunicazioni elettroniche, forma un insieme di misure equilibrate destinate a rafforzare il mercato unico delle telecomunicazioni e a stimolare gli investimenti. All'inizio del 2013 la Commissione ha presentato una proposta di regolamento per ridurre i costi dell'installazione di reti di comunicazione elettronica ad alta velocità 16 per affrontare quattro grandi problematiche: garantire che gli edifici nuovi e ristrutturati siano predisposti per la banda larga ad alta velocità; aprire l'accesso alle infrastrutture passive come condotti, tralicci, pali e installazioni di antenne esistenti; porre fine al coordinamento insufficiente di opere civili; semplificare le procedure di concessione di licenze lunghe e complesse. Dall'attuazione di tale regolamento si possono attendere risparmi ingenti (che coprono l'80% dei costi di installazione della banda larga ad alta velocità). Per questi motivi anche la sua adozione da parte dei colegislatori dovrebbe essere considerata prioritaria. Gli investimenti privati nelle infrastrutture di telecomunicazione devono esercitare un'attrattiva maggiore, non da ultimo per gli investitori istituzionali. Occorre incanalare in modo efficiente ed efficace i risparmi delle amministrazioni pubbliche, delle imprese e delle famiglie. Tale ruolo può essere svolto da vari intermediari (ad es. banche, assicuratori e fondi pensione) nonché tramite l'accesso diretto ai mercati dei capitali. Attrarre finanziamenti di lungo termine è essenziale per sostenere le riforme economiche strutturali e tornare a un trend di crescita economica duratura. 16 COM(2013)

9 La Commissione ha adottato un Libro verde sul finanziamento a lungo termine dell'economia europea il 20 marzo Adottarne l'approccio può offrire un importante punto di partenza per i futuri investimenti nelle reti, che a loro volta contribuiranno al raggiungimento del più vasto obiettivo di stimolo della ripresa economica. Combinando il sostegno UE con gli investimenti pubblici o privati si potranno far confluire ingenti somme nei progetti più importanti. In collaborazione con la Banca europea per gli investimenti, il Meccanismo per collegare l'europa istituisce un quadro per l'elaborazione di strumenti finanziari sia per gli investimenti pubblici che privati in settori in cui gli investimenti privati nella banda larga sono in ritardo. Per i progetti individuali, l'iniziativa Obbligazioni Europa 2020 per il finanziamento di progetti contribuirà a coinvolgere gli investitori istituzionali nel finanziamento di nuove reti. Questi investimenti saranno integrati dai Fondi strutturali e di investimento. 3. Salvaguardare l'apertura di internet Per internet, un accesso non discriminatorio e aperto ai servizi è d'importanza cruciale. La 'neutralità della rete' presuppone che tutti gli utenti finali abbiano un accesso aperto a internet e che tutti i dati delle comunicazioni elettroniche che transitano su una rete abbiano lo stesso trattamento. Una recente relazione del BEREC, l'organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche, indica che molti consumatori si trovano bloccati di fronte a certi servizi internet. Anche i fornitori di contenuti esprimono preoccupazione perché alcuni fornitori di accesso a internet praticano discriminazioni a favore dei propri contenuti. Di conseguenza sono molti gli Stati membri che valutano la possibilità di introdurre misure nazionali sulla neutralità della rete o che le hanno già introdotte (Belgio, Germania, Paesi Bassi e Slovenia). Ma approcci diversi rischiano di aggravare la frammentazione del mercato. La Commissione ha proposto un regolamento che stabilisce misure riguardanti il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche 17 che offre soluzioni per garantire la neutralità della rete, in particolare per: mantenere il principio dell'accesso aperto a internet per l'utente finale; vietare il blocco o la strozzatura dei servizi e/o delle applicazioni, tranne in un numero molto limitato di circostanze oggettivamente giustificate (ad es. ordinanza del tribunale, attività criminose); garantire la trasparenza, in modo che i consumatori sappiano di quale larghezza di banda e di quale velocità usufruiscono e possano cambiare operatore più agevolmente; garantire che i consumatori interessati possano sottoscrivere offerte di servizi di alta qualità (come larghezza di banda per servizi TV) nella misura in cui questo non interferisca con le velocità di internet promesse ad altri clienti. 17 Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che stabilisce misure riguardanti il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche e per realizzare un continente connesso, recante modifica delle direttive 2002/20/CE, 2002/21/CE e 2002/22/CE e dei regolamenti (CE) n. 1211/2009 e (UE) n. 531/2012, COM(2013)

10 4. Ovviare alla frammentazione del mercato delle telecomunicazioni Negli anni Novanta l'europa deteneva una posizione forte nel comparto delle TIC, sostenuta da un quadro dell'ue procompetitivo per le telecomunicazioni e rafforzata dagli investimenti in innovazione e norme. Nel tempo però questa posizione di avanguardia si è indebolita perché spesso le politiche non si sono adattate, le industrie non hanno saputo sfruttare le opportunità di internet e non si è fatto abbastanza per eliminare gli ostacoli all'interno del nostro mercato unico. Anche se in teoria possiamo contare su un mercato interno di 500 milioni di persone, la frammentazione della regolamentazione implica che spesso gli operatori di telecomunicazioni, i fornitori di servizi e le start-up innovative dell'ue hanno a che fare con 28 mercati separati. Si stima che il costo dell'assenza di un unico mercato competitivo delle comunicazioni elettroniche si aggiri sui 110 miliardi di euro all'anno (0,9% del PIL) 18. Sul fronte dei consumatori, l'assenza di un mercato unico delle telecomunicazioni nell UE si concretizza soprattutto nelle tariffe di roaming che devono pagare quando usano il telefono cellulare in un altro paese dell'ue. La mancanza di trasparenza e di concorrenza significa, per i consumatori e le imprese, una scelta limitata di operatori e costi ancora più elevati. Sul fronte degli operatori, la frammentazione del mercato frena l'installazione di servizi con funzionalità di rete di nuova generazionen ( NGN-ready ) da parte del settore delle telecomunicazioni in Europa. I servizi mobili devono funzionare con regimi molto diversi tra loro in materia di spettro radio. Gli operatori delle reti, sia fisse che mobili, si scontrano con interpretazioni divergenti del diritto dell'unione europea. È fuori di dubbio che tutti questi problemi devono essere affrontati a livello europeo. Per garantire la qualità delle comunicazioni transfrontaliere a vantaggio di cittadini e imprese è necessario che gli operatori si muovano in un mercato unico aperto e senza confini. Per investire in reti a banda larga ad alta velocità hanno bisogno di certezza, coerenza e concorrenza. E deve essere più facile per loro lavorare a livello transfrontaliero, disponendo ad esempio di un sistema di autorizzazione unica, di norme più uniformi di assegnazione dello spettro radio, di maggior coerenza in fatto di accesso alle reti fisse a banda larga e di interconnessioni che garantiscano una qualità costante. All'interno di questo mercato unico delle telecomunicazioni i consumatori e le imprese non dovrebbero pagare oneri sproporzionati per le chiamate in roaming all'estero e dovrebbero godere della protezione data dalle norme sulla neutralità della rete a salvaguardia di un'internet aperta e innovativa, che permette lo sviluppo di servizi specializzati. Per questo la Commissione sta per proporre un regolamento che stabilisce misure riguardanti il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche 19. Questo nuovo regolamento, partendo dal vigente quadro normativo, prevede in particolare: un'autorizzazione unica per la fornitura di comunicazioni elettroniche in tutta l'ue; attualmente gli operatori di telecomunicazioni hanno bisogno di autorizzazioni nazionali separate per ogni Stato membro in cui operano e spesso devono rispettare norme nazionali differenti; il coordinamento dell'assegnazione dello spettro radio per i servizi mobili/senza fili, in particolare per allineare tra loro le condizioni specifiche e i tempi per il rilascio delle autorizzazioni in modo che gli operatori possano lavorare più agevolmente in vari paesi in contemporanea; maggiore uniformità nel lavoro dei regolatori nazionali, con maggiore rilievo per la dimensione europea in modo da garantire coerenza al mercato unico. 18 "Steps towards a truly internal market for e-communications", Rapporto 2011 di Ecorys NL per la Commissione europea. 19 Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che stabilisce misure riguardanti il mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche e per realizzare un continente connesso, recante modifica delle direttive 2002/20/CE, 2002/21/CE e 2002/22/CE e dei regolamenti (CE) n. 1211/2009 e (UE) n. 531/2012, COM(2013)

11 La proposta contiene anche importanti vantaggi per consumatori e imprese, quali: eliminazione della distinzione ingiustificata tra il prezzo delle chiamate nazionali ed "internazionali" (intraunionali); soppressione immediata degli oneri applicati alla chiamate entranti in roaming e adozione di misure per far cessare gradualmente tutti i sovrapprezzi del roaming mobile; libertà per cittadini e imprese di comprare servizi, ovunque ubicati, con conseguente aumento della concorrenza e della scelta a disposizione dell'utente medio di telecomunicazioni. All'adozione di tale proposta occorre conferire la massima priorità. Contemporaneamente occorre migliorare l'attuazione del quadro esistente (in particolare attraverso una migliore collaborazione amministrativa con gli Stati membri). Allegati: Allegato 1 - Legislazione dell UE in attesa di adozione Allegato 2 - Fatti e cifre 10

12 Allegato 1 - Legislazione dell UE in attesa di adozione Azione Contributo della Commissione Prossime tappe Reti di comunicazione elettronica Misure per completare il mercato unico delle comunicazioni elettroniche Misure per ridurre i costi dell'infrastruttura a banda larga ad alta velocità Misure per garantire la sicurezza delle reti e dell informazione Proposta legislativa 09/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 Proposta legislativa 03/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 Proposta legislativa 02/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 Meccanismo per collegare l'europa Proposta legislativa 10/2011 L'accordo politico è atteso a breve scadenza Commercio elettronico e servizi elettronici Identificazione elettronica e servizi fiduciari Proposta legislativa 06/2012 Accordo politico richiesto (fa parte dell'atto per il mercato unico I) Gestione collettiva dei diritti Proposta legislativa 07/2012 Accordo politico atteso entro la fine del 2013 Fatturazione elettronica negli appalti pubblici Regolamento generale sulla protezione dei dati Proposta legislativa 06/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 (fa parte dell'atto per il mercato unico II) Proposta legislativa 01/2012 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 Commissioni interbancarie multilaterali Proposta legislativa 07/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 (fa parte dell'atto per il mercato unico II) Direttiva sui servizi di pagamento Proposta legislativa 07/2013 Accordo politico richiesto entro marzo 2014 (fa parte dell'atto per il mercato unico II) Stato di avanzamento complessivo: come da programma è necessario fare di più nessun progresso/scarsi progressi 11

13 Allegato 2 Dati e cifre chiave * 1. L'economia digitale: una fonte essenziale di crescita e occupazione Una parte importante dell'economia mondiale ora è digitale Quota del settore TIC in valore aggiunto lordo totale (2011 o ultimo anno disponibile) KR JP CH US UK EU IT FR DE CA 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9%, OCSE Tutti i settori dipendono dalle TIC Spesa in TIC per categorie (% di spesa totale in TIC nel 2012) Edilizia Risorse naturali Energia e servizi Servizi scolastici Ospitalità, settore alberghiero e tempo libero Ingrosso e distribuzione Vendita al dettaglio Assistenza sanitaria Consumatori Trasporti Produzione manifatturiera Servizi Servizi finanziari Pubblica amministrazione Telecomunicazioni Fonte: OCSE * Dati per la Croazia inclusi nei dati UE se disponibili

14 milioni di posti di lavoro Crescita costante dell'occupazione nell'it Numero di lavoratori nel settore delle TIC nell'ue (milioni) Produzione TIC Servizi TIC Settori non TIC Il divario di produttività con gli USA è dovuto in larga parte alle TIC Crescita della produttività del lavoro nell'ue e negli USA (media annua su due periodi) Contributo TIC (investimenti, produzione e uso delle TIC, %) Altri contributi (%) UE US UE US Fonte: The Conference Board

15 Indice 2000 = 100 Il settore delle TIC è una parte crescente dell'economia UE Evoluzione del valore aggiunto lordo del settore TIC nell'ue (indice 2000 = 100) Settore TIC Totale economia La quota varia fra gli Stati membri Quota delle TIC (produzione e servizi) in valore aggiunto lordo totale nell'ue (2011) LT PL AT ES CY PT EL BE DE FR SI IT NL LV DK UE RO CZ FI SK MT BG UK SE HU EE IE Servizi TIC Produzione TIC 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7%

16 PIL UE Indice 2010 = 100 Nuove tecnologie per nuove opportunità Potenziale del cloud computing per l'economia europea entro il 2020 PIL UE = impatto cumulativo di 940 miliardi nel periodo Creazione di aziende = nuove PMI entro il 2016 Cloud computing 80% delle aziende che adottano il cloud computing riducono i costi del 10-20% Fonti: IDC e F. Etro L'economia digitale può incrementare di almeno 4% il PIL UE entro il 2020 Crescita del PIL legata all'economia digitale nell'ue Fonte: Copenhagen Economics

17 2. Un settore dinamico in un ambiente stimolante 10 aziende europee nelle TIC fra le prime 50 al mondo e nessuna fra le prime 10 Aziende leader nelle TIC per fatturato (2012) Classifica Nome Paese 1 SAMSUNG ELECTRONICS KR 2 APPLE US 3 FOXCONN TW 4 NIPPON TELEGRAPH AND TELEPHONE JP 5 AT&T US 6 HEWLETT PACKARD US 7 VERIZON COMMUNICATION US 8 HITACHI JP 9 INTERNATIONAL BUSINESS MACHINE US 10 CHINA MOBILE COMMUNICATION CN 13 TELEFONICA ES 14 DEUTSCHE TELEKOM DE 16 VODAFONE GROUP UK 22 FRANCE TELECOM FR 33 NOKIA FI 34 TELECOM ITALIA IT 36 VIVENDI FR 43 LM ERICSSON SE 44 ROYAL PHILIPS NL 47 BT GROUP UK Fonte: Fortune Global 500 NB: TABELLA AGGIORNATA IL 7 OTTOBRE 2013

18 Il boom di internet produce ricchezza ma le aziende UE restano indietro Fatturato combinato delle prime 50 aziende TIC al mondo (in milioni di euro) Europa, Medio Oriente, Africa America Asia, Pacifico Fonte: Bloomberg Settore telecom: la quota relativa dell'ue in calo Tendenza delle entrate mondiali da servizi telecom per zona geografica UE USA Giappone Cina Resto del mondo 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Fonte: Osservatorio europeo per le tecnologie dell informazione

19 L'UE arranca nell'adozione del 4G... Abbonamenti 4G nel mondo (2013) America Latina Africa-Medio Oriente Europa centrale e orientale Europa Occidentale Nord America Asia/Pacifico 2% 2% 6% 8% 42% 40% Fonte: IDATE... e perde le occasioni del web 2.0 Domande di brevetto web 2.0* ( ) *Seconda generazione di internet, incentrata sulla possibilità per gli utenti di collaborare e condividere informazioni e contenuti online Canada 6 Bahamas 1 USA Korea 12 Corea del Sud 12 Japan Giappone 8 8 Australia 3 Singapore 2 China Cina 1 India 1 Finland Finlandia 8 8 France Francia 44 Sweden Svezia 33 Switzerland Svizzera 3 3 Italy Italia 2 UK 1 Germany Germania 1

20 % di persone 3. Uso di internet: l'importanza della copertura e della qualità Internet è usato dalla maggior parte dei cittadini ma nell'ue ci sono differenze Uso di internet da parte dei cittadini UE (2012) uso di internet uso di internet mobile SE NL LU DK FI UK DE BE FR AT EE IE SK UE CZ LV HU ES MT SI LT HR PL CY PT IT EL BGRO La diffusione della fibra ad alta velocità è minore in Europa rispetto ad altre zone Diffusione della fibra di base e ad alta velocità (fine 2012) 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% Linee a banda larga di base Linee a banda larga ad alta velocità 0% UE Giappone USA Corea del Sud, OCSE

21 % di persone % di persone Livelli di diffusione molto diversi nell'ue Diffusione della banda larga nell'ue (abbonamenti per 100 abitanti, 2013) RO PL BG SK IT PT HU LV EL IE AT ES CZ CY LT SI EE EU FI LU MT SE BE UK DE FR DK NL L'uso del commercio elettronico da parte dei cittadini aumenta a ritmi diversi Evoluzione dell'uso del commercio elettronico nell'ue Uso* del commercio elettronico nell'ue (2012) SE DK UK LU DE NL FI FR AT IE BE SK EU MT SI CZ ES PL LV HU EE HR PT CY EL LT IT BU RO * Uso negli ultimi 12 mesi

22 % di aziende % di aziende Aumentano le vendite su web ma con differenze fra gli Stati membri 30 Quota delle aziende che vendono su internet (2012) SE DK CZ BE IE HR DE NL UK FI LT UE LU MT PT SI ES SK EE FR AT HU PL CY EL LV RO BG IT Le PMI sono meno abituate alla vendita online Quota delle PMI e delle grandi aziende UE che vendono online Quota delle vendite online in fatturato per le PMI che vendono online nell'ue (2011) PMI Grandi aziende Dominante Significativa Molto bassa Bassa

23 4. Frammentazione: una grave strozzatura nell'ue L'UE non è ancora un mercato unico digitale Principali caratteristiche dei mercati digitali in USA, UE, Cina Clienti*: 330 Clienti*: 510 Clienti*: 1400 Principali operatori: 6 Principali operatori: +/- 40 Principali operatori: 3 Quadri normativi: 1 Quadri normativi: 28 Quadri normativi: 1 * milioni Le variazioni dei prezzi delle comunicazioni non sono collegate alle differenze dei livelli generali dei prezzi Indici dei livelli dei prezzi: servizi di comunicazione in relazione ai prezzi medi (2012, UE = 100, parità di potere d'acquisto) Livelli dei prezzi medi Prezzi dei servizi di comunicazione (fissa, mobile, internet) SE DK FI LU CY DE AT LT FR EE UK IE IT SI BE LV HR NL PL MT RO PT BG EL CZ ES HU SK

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.4.2012 SWD(2012) 99 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Un quadro di qualità per i tirocini che accompagna il documento Comunicazione della Commissione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI

CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI CHE COS È IL MERCATO UNICO. VANTAGGI E PROBLEMI A) Che cos è il mercato unico. a) Uno strumento unico al mondo Entrato in vigore il primo gennaio 1993, al termine di un complesso processo di preparazione

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Le PMI al primo posto

Le PMI al primo posto IT Le PMI al primo posto L Europa fa bene alle PMI. Le PMI fanno bene all Europa Edizione 2008 Commissione europea Imprese e industria L impegno dell Europa nei confronti delle PMI Lo «Small Business Act»

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE

CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE CODICE DEI DIRITTI ONLINE VIGENTI NELL UE Un agenda digitale europea RISERVA COMPLEMENTARE Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione

Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione Linee guida dell'ocse sulla sicurezza dei sistemi e delle reti d'informazione VERSO UNA CULTURA DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO ORGANIZZZIONE PER LA COOPERAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002 24.4.2002 L 108/21 DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 marzo 2002 relativa alle autorizzazioni per le reti e i servizi di comunicazione elettronica (direttiva autorizzazioni)

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, xxx COM(2010) 614 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Una politica

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli