XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE Settembre 2014 Politecnico di Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE. 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari"

Transcript

1 XXXIV Convegno Nazionale di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari

2 Come arrivare al Politecnico di Bari INGRESSI: (A) Via E. Orabona, 4 (B) Via G. Re David, 200 (C, D) Via Giovanni Amendola, 132 Dalla stazione centrale, a piedi Da Piazza Moro percorrere uno dei sottopassi che conducono alla via Giuseppe Capruzzi, proseguire a sinistra fino a raggiungere a destra viale Unità d Italia, continuare diritto per viale della Repubblica per circa 700 metri. A questo punto seguire a sinistra per via E. De Amicis percorrendola per circa 100 m, poi a destra per via Zanardelli. Al termine della strada andare a sinistra su viale Di Vittorio per poi raggiungere subito dopo via Orabona, a circa 300 metri si giungerà all ingresso A del Campus. Dalla stazione centrale, con le linee urbane Da piazza A. Moro si possono prendere le linee numero 21 o 22. La prima, passando per via P. Petroni, via Carulli, piazza Luigi di Savoia, via Capruzzi, via Lattanzio, via M. Cristina di Savoia, giunge in via Re David dove è possibile scendere in prossimità dell ingresso B del Campus. La seconda, attraversando via P. Petroni, via Carulli, piazza Luigi di Savoia, via Capruzzi, via Lattanzio e via Postiglione consente di arrivare su via Amendola in prossimità delle entrate C e D del campus. Dall aeroporto Dall aeroporto di Bari - Palese è possibile raggiungere la stazione centrale sfruttando la linea di collegamento aeroportuale Tempesta Autolinea o con la linea urbana 16.

3 XXXIV Convegno Nazionale di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE PROGRAMMA 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari

4 Domenica 7 settembre Palazzo storico Acquedotto Pugliese Pre-registrazione, cocktail di benvenuto e visita guidata del Palazzo.... pag. 7 Lunedì 8 settembre 2014 Politecnico di Bari 8.30 Registrazione pag Cerimonia Inaugurale e Premio Torricelli.» 8 Coffee Break Sessioni Parallele.» Pranzo Sessioni Parallele.» Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Evoluzione e protezione delle coste e delle foci fluviali.» Teatro Petruzzelli.» 34 Martedì 9 settembre 2014 Politecnico di Bari 9.00 Sessioni Parallele. pag Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Come difendere il territorio italiano dal rischio idrogeologico?..» Pranzo Sessioni Parallele.» Coffee Break e Poster Attendance Premio PhD e Assemblea GII....» Cena Sociale e Premio Supino.» 58 Mercoledì 10 settembre 2014 Politecnico di Bari 9.00 Sessioni Parallele. pag Simposio A.I.I » Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Scienza e tecnologia per l acqua pubblica.» Pranzo Sessione Plenaria: Acqua, Cibo ed Energia: la sfida di Horizon » Premiazione Poster e Cerimonia di Chiusura

5 Informazioni per gli autori e per gli iscritti Pre-registrazione Il giorno 7/9 è possibile registrarsi presso la sede dell Acquedotto Pugliese, durante il cocktail di benvenuto, a partire dalle ore L indirizzo è : Via Cognetti, 36, BARI Sessioni e poster: Ogni sessione è contraddistinta da un codice che indica il tema (lettera) il giorno (primo numero) e lo slot temporale (secondo numero). Nei casi in cui in uno stesso slot si svolgono due sessioni è presente anche un terzo numero, che indica la sequenza interna allo slot. Esempio: E21 indica una sessione del tema E (aula E) che si svolge nel secondo giorno, al primo intervallo temporale. Caricamento presentazioni e PDF dei poster + affissione poster E stato predisposto uno spazio denominato Centro Slides dove gli autori potranno caricare le presentazioni per le differenti sessioni. Nello stesso si possono anche depositare i pdf dei poster, utili per la selezione relativa al premio per i migliori poster di IDRA14. Le slides delle flash Presentations (frontespizio+ 2 slides, salvo diversa indicazione dai conveners) vanno inviate all indirizzo mail del convener interessato, indicato per ogni sessione. Le POSTAZIONI DEI POSTER sono tutte pre-assegnate. Ogni postazione è contrassegnata dal codice della sessione /sottosessione e dal numero che affianca la voce relativa ad ogni singola flash presentation nel programma definitivo. L affissione sarà possibile a partire dalle ore 8:00 del giorno 8/9 per tutte le sessioni dei primi 2 giorni, ed alle ore 11,30 del giorno 9/9 per le sessioni della terza giornata. La POSTER ATTENDANCE si svolge di norma al termine del- la sessione di interesse, non appena possibile. La commissione del premio poster potrà formulare domande agli autori che presenziano al poster per poter meglio svolgere i propri lavori. Consultazione Programma ed Atti Il collegamento tra le presentazioni ed i corrispondenti abstracts pubblicati sugli Atti del Convegno è stabi lito tramite indicazione sul programma DEL NUMERO DI PAGINA CORRISPONDENTE ALL EXTENDED ABSTRACT pubblicato sugli atti. Per un agevole ricerca degli autori, questo programma è di- sponibile in formato PDF all indirizzo: 5

6 Premi Poster di IDRA14 Durante il convegno verranno attribuiti cinque premi per i migliori poster presentati a IDRA14, uno per ciascuna delle cinque tematiche generali: 1) Fluido- e Morfo-dinamica 2) Idrologia e Risorse Idriche superficiali e sotterranee 3) Infrastrutture, Coste e Agricoltura 4) Assetto e gestione idraulica del territorio 5) Acqua-Energia-Ambiente La procedura per l assegnazione dei premi sarà gestita da una Commissione indicata dal GII. L attribuzione dei premi sarà basata sui voti dei partecipanti al convegno e sulle segnalazioni che i convener delle singole sessioni faranno avere alla Commissione, basate sull efficacia delle presentazioni flash degli autori durante le sessioni orali. Non potranno essere selezionati poster che non sono stati pre sentati dagli autori. Gli aspetti da considerare nella selezione sono riferiti alla qualità del contenuto scientifico ed all efficacia ed originalità della comunicazione editoriale e della flash presentation. Procedura di votazione Ciascun partecipante al Convegno riceverà una scheda con cinque campi (una per ogni tematica generale) al momento della registrazione. Le schede potranno essere depositate nell urna predisposta presso l accettazione durante la mattinata di mercoledì 10 settembre (ultima giornata del convegno, in modo da non sfavorire gli ultimi contributi in ordine temporale) entro le ore 13:00 (in modo da consentire le operazioni della Commissione durante la pausa per il pranzo). La Commissione conteggerà i voti pervenuti, sommando le segnalazioni dei convener (utilizzando un peso ritenuto adeguato), e stilerà la graduatoria finale. Il peso delle segnalazioni rispetto ai voti verrà stabilito in maniera autonoma dalla Commissione durante la riunione preliminare, e in ogni caso prima del conteggio dei voti. La commissione potrà essa stessa selezionare poster da inserire nel gruppo dei migliori, tra i quali giudicare i vincitori. Gli autori che intendono partecipare alla selezione devono rendere disponibile il pdf relativo al proprio poster. Sarà predisposta dall organizzazione un area con dei pc destinati al caricamento di presentazioni e poster. Premiazione La premiazione dei migliori poster avverrà durante la cerimonia di chiusura alle ore 16:00 di mercoledì 10 settembre. 6

7 Domenica 7 settembre 2014 Ore Palazzo storico Acquedotto Pugliese Via Cognetti, 36, BARI Pre-registrazione, cocktail di benvenuto e visita guidata del Palazzo A testimonianza del tradizionale spirito di collaborazione fra Acquedotto Pugliese ed Università, AQP è lieta di ospitare i partecipanti a IDRA14 presso la sua sede storica per l evento di apertura. Oltre alla possibilità di pre-registrazione al Convegno, è previsto un cocktail di benvenuto offerto da AQP nel suggestivo roof Garden del palazzo, ed una visita guidata dello splendido edificio. Il palazzo è stato realizzato fra il 1927 ed il 1932 su progetto originario dell Ing. Cesare Brunetti e decorato, fin nei minimi particolari, dal grande artista romano Duilio Cambelotti. 7

8 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA MAGNA Attilio Alto Lunedì 8 settembre 2014 POLITECNICO DI BARI REGISTRAZIONE CERIMONIA INAUGURALE Saluti: Antonio Castorani Direttore del dipartimento DICATECh, Poliba Eugenio Di Sciascio Rettore del Politecnico di Bari Antonio Decaro Sindaco di Bari Prof. Francesco Schittulli Presidente Prov. di Bari Nichi Vendola Presidente Regione Puglia Interventi programmati: Angela Barbanente Vice-presidente Regione Puglia Aurelia Sole Rettore eletto Università della Basilicata Nicola Costantino Amministratore Unico AQP Premio EVANGELISTA TORRICELLI: Simone Fatichi Variabilità annuale dell evapotraspirazione: il ruolo delle scale temporali 8

9 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 Ore A11 - Ecomorfodinamica fluviale ed estuarina: interazione tra idrodinamica, trasporto solido e vegetazione Moderatore: Carlo Camporeale per flash presentations: Oral 9 Carniello L., G. Botter & A. D Alpaos Analisi statistica degli eventi di risospensione dei sedimenti in ambienti lagunari 11 Bendoni M., R. Mel, S. Bonistalli, C. Pistoresi, S. Francalanci & L. Solari Monitoraggio di una barena soggetta ad erosione da moto ondoso in Laguna di Venezia 15 Tettamanti S., A. Siviglia, W. Bertoldi, M. Toffolon, D. Vetsch & S. Francalanci A coupled model of vegetation dynamics and morphology in gravel-bed rivers 19 Fortugno D., Bombino G., Tamburino V. & Zema D.A. Interazioni fra processi idrogeomorfologici ed ecologici in prossimità di opere idrauliche in bacini montani calabresi 23 Zen S., G. Zolezzi & M.Toffolon Un approccio modellistico semplificato per fenomeni di biomorfodinamica fluviale 25 D. Termini Experimental investigation on the kinematic characteristics of flow in a meandering flume with flexible vegetation on the bed: preliminary results Poster 3 Brocchini M., J. Calantoni, M. Postacchini, A.H. Reed, C. Lorenzoni, A. Mancinelli, L. Soldini, S. Corvaro, A. Russo, G. Moriconi, A. Coluccelli, P. Paroncini, F. Ortenzio & C. Busca Uno studio a scala naturale dell idro-morfodinamica estuarina: esperimenti di campo alla foce del fiume Misa 5 Pradella I. & Defina A. Studio dell onda longitudinale indotta dal distacco alternato di vortici in corrispondenza di una schiera di cilindri AULA A 9

10 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA A 7 Barbaro G., A. Campolo, G. Foti & C.L. Sicilia Valutazione dei processi evolutivi in prossimità della foce della fiumara Amendolea (RC) 13 Belliard J.P., M. Toffolon, L. Carniello & A. D Alpaos An eco-geomorphic model for tidal channel initiation in marsh progradation context 17 Brignoli, L., W. K. Annable, G.Grossi, N. Kouwen An Examination of flow resistance in grass lined channels. 21 D Alpaos A. and M. Marani Signatures of bio-geomorphic feedbacks in salt-marsh systems 27 Facchi D., S. Barontini, M. Falocchi, P. Caronna & R. Ranzi Effetti della presenza di meandri nella propagazione di un onda di piena in un corso d acqua naturale 10

11 Idrologia e Risorse Idriche Superficiali e Sotterranee Lunedì 8 settembre 2014 Ore B11 - Siccità e scarsità idrica: previsione, monitoraggio e mitigazione degli effetti sui sistemi di approvvigionamento idrico Moderatore: Brunella Bonaccorso per flash presentations: Oral 171 Vergni L., F. Todisco & F. Mannocchi Analisi del rischio di siccità agricola mediante una copula bivariata 187 Longobardi A. & P. Villani Un approccio regionale per la definizione delle curve di durata in un ambiente ad elevata permeabilità 189 Di Franca G., P. Molnar & A. Cancelliere Droughts in Switzerland: meteorological and hydrological aspects 195 Maccioni P., S. Camici, M. Kossida, L. Brocca, T. Moramarco An assessment of the drought hazard in the Upper Tiber River basin in Central Italy based on the Standardized Precipitation Index, also in a context of climate change 199 Baratti E., A. Montanari & E. Toth Calibrazione di modelli afflussi-deflussi mediante ottimizzazione dell utilità Poster 165 Boscarello L., G. Ravazzani & M. Mancini La classificazione dei bacini per la regionalizzazione delle curve di durata della portata 167 Bonaccorso B., D.J. Peres, A. Cancelliere & G. Rossi Analisi probabilistica delle siccità a scala regionale: applicazione alla Sicilia 169 Barbero S., M. Graziadei, M. Zaccagnino, E. Comune, S. Torretta Sistema modellistico di supporto alla previsione e gestione di situazioni di scarsità idrica in Piemonte 173 Romano E., A. Duro, N. Guyennon, D. Mariani, A.B. Petrangeli & I. Portoghese Modello numerico semplificato per la stima delle condizioni scarsità in un sistema idrico AULA B 11

12 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA B 175 Ceppi A., G. Ravazzani, C. Corbari, S. Meucci, R. Salerno, & M. Mancini Modellistica idro-meteorologica per la previsione in tempo reale della gestione irrigua 177 Sirangelo B., T. Caloiero, R. Coscarelli & E. Ferrari Analisi della variabilità temporale dei lunghi periodi privi di pioggia con un modello stocastico 179 R. Zucca, J. Andreu Álvarez, C. Arena, N. Lerma Elvira, M.R. Mazzola & G.M. Sechi Analisi di strumenti di supporto alle decisioni per sistemi idrici multi-settoriali in condizioni di carenza di risorsa: Il sistema idrico del Sud-Sardegna 181 Arena C., M. Cannarozzo, G. Fiori, M. R. Mazzola, G. Ventafridda Valutazione di modelli di previsione delle disponibilità idriche da fonti superficiali per la gestione in tempo reale delle font- Valutazione di modelli di previsione delle disponibilità idriche da fonti superficiali per la gestione in tempo reale delle fonti di approvvigionamento di Acquedotto Pugliese S.p.A. 183 Rossi G., E. Caporali Analisi della variabilità spazio-temporale della siccità meteorologica in Toscana 185 Viterbo A., T. Moramarco, N. Berni, R. Checcucci, C. Pandolfo, L. Natazzi, S. Camici, L. Brocca, P. Maccioni, S. Casadei, E. Preziosi, E. Romano, W. Dragoni, L. Di Matteo, D. Valigi & C. Cambi La pianificazione e la gestione dei sistemi regionali di approvvigionamento idropotabile in funzione del cambiamento climatico: il progetto SECLI della Regione Umbria 191 PAWA partnership Il progetto PAWA: azione pilota per il calcolo del bilancio idrico sul bacino del fiume Arno 193 Montaldo N., R. Corona & J. D. Albertson Le recenti modifiche del regime idrologico del bacino del Flumendosa in Sardegna 197 Felisa G., V. Di Federico & V. Ciriello Disponibilità idrica dell acquifero freatico costiero della Regione Emilia-Romagna e analisi dei fattori di rischio 201 Masoero A., D. Ganora, G. Galeati, F. Laio & P. Claps Approccio innovativo per rimuovere l impatto delle derivazioni sulle curve di durata delle portate 12

13 Infrastrutture, Coste e Agricoltura Lunedì 8 settembre 2014 Ore C11 - Interazione tra moto ondoso, strutture e morfotipi costieri finalizzata al progetto di interventi di difesa e di sistemi di allerta Moderatore: Leopoldo Franco per flash presentations: Oral 387 Postacchini M., M. Brocchini Il frangimento ondoso e la dinamica della vorticità indotti da scogliere a cresta bassa e mare incrociato: uno studio numerico 393 Aristodemo F., P. Veltri, D.D. Meringolo & A. Lo Schiavo On the interaction between waves and perforated breakwaters with Smoothed Particle Hydrodynamics 405 F. Dentale, G. Donnarumma, P. De Girolamo, G. Bellotti & M. Di Risio Physical and numerical tests on the stability of concrete block to protection of the mound berm at caissons toe 415 Cecioni C., A. Abdolali, G. Bellotti & P. Sammarco Modello di larga scala per la generazione e propagazione di onde di maremoto in fluidi debolmente comprimibili 417 Filianoti P. & R. Piscopo Diffrazione delle onde attorno a una parete verticale di lunghezza finita in grado di assorbire energia dalle onde: previsione e verifica sperimentale. 431 Martinelli L., P. Ruol, P. Martin &T.L. Andersen Indagine sperimentale sullo scorrimento di una diga a cassoni soggetta a onde frangenti AULA C Poster 389 Donnarumma G., F. Dentale & E. Pugliese Carratelli Un modello numerico avanzato per la valutazione dell interazione tra il moto ondoso e le barriere frangiflutti emerse 401 Romano A., G. Bellotti, R. Briganti & L. Franco Sull incertezza della modellazione sperimentale della tracimazione ondosa sulle opere marittime di difesa 13

14 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA C 411 Pasquali D., M. Di Risio, P. De Girolamo, G. Pellegrini & G. Passacantando Experimental optimization of the new Al Faw Port rubble mound breakwater 413 Filianoti P., S. Camporeale & R. Piscopo Coefficienti di trasmissione a tergo di un REWEC1: progettazione di un esperimento in scala ridotta 429 Pratola L. Studio sperimentale dell interazione del moto ondoso con un nuovo masso di mantellata 421 Filianoti P., R. Piscopo & R. Ferrante Sollecitazioni ondose su moli portuali a parete verticale in grado di convertire l energia delle onde 399 Calabrese M., A. Capobianco & I. Del Vita Modellazione fisica e numerica di rip currents 403 Di Natale M., A. Di Mauro, S. Di Ronza, C. Eramo & M. Maietta Studi su modello matematico e su modello fisico delle interferenze del porto di Scalea con la dinamica costiera 407 Di Risio M., P. De Girolamo., L. Orlando, P. Contini Nearshore sand mining for beach nourishment: the case study of the 2010 Abruzzo project (Italy) 419 Filianoti P., F. Morfea, G. Villari Valutazione del trasporto solido costiero attraverso l analisi di dati Multibeam 423 Filianoti P., C. Denisi Sul monitoraggio ondametrico da corpi isolati in mare 425 Molfetta M.G. Rilievo stereoscopico del moto ondoso in laboratorio 14

15 Assetto e gestione idraulica del territorio Lunedì 8 settembre 2014 Ore D111 - La gestione del rischio di allagamento nelle aree urbane Moderatore: Luca Lanza per flash presentations: Oral 541 Arrighi C., F. Castelli, H. Oumeraci & J. C. Alcérreca- Huerta Sul moto incipiente degli autoveicoli investiti da una piena: confronto fra simulazioni numeriche e dati sperimentali. 553 Biscarini C., S. Di Francesco, & P. Manciola Simulazione numerica di propagazione di onde di piena in aree urbane 557 Notaro V., C. Fontanazza, G. Freni & G. La Loggia Sistema di supporto alle decisioni per la gestione idraulica dei bacini urbani AULA D Poster 535 Fortunato A., E. Oliveri & M.R. Mazzola Selezione del tempo di ritorno ottimale della pioggia di progetto delle reti di drenaggio urbano 537 Arrighi C., M. Brugioni, F. Castelli, S. Franceschini & B. Mazzanti Stima del rischio idraulico a micro-scala urbana con modello idraulico semplificato e dati censuari 539 Barbaro G., M.G. Miguez, F. Scionti, G. Foti & C.L. Sicilia Gestione sostenibile delle acque meteoriche nei centri urbani: caso studio Cittanova (RC) 543 Calenda G., E. Volpi, C. P. Mancini, S. Marasco, E. Romano & D. Pesa Risanamento idraulico nel contesto urbano alla luce della Direttiva Alluvioni 545 Frongia S., S. Liberatore, J. Napolitano and G. M. Sechi Valutazione del rischio e ottimizzazione degli interventi di protezione idraulica:applicazione a un bacino del Nord Sardegna 15

16 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA D 547 Sinagra M., C. Aricò, F. Filianoti & T. Tucciarelli Un modello 1D-2D di acque basse per il calcolo della propagazione di piene naturali 549 Palla A., G.T. Aronica, I. Gnecco, L.G. Lanza & A. Candela Analisi stocastica delle condizioni di efficienza del drenaggio superficiale nella gestione del rischio di allagamento nelle aree urbane 551 Anselmo G., S. Papiri & M. Rizzo Alcuni effetti dello sviluppo urbanistico sui deflussi di piena 555 Nardi F., A. Annis & C. Biscarini L impatto delle trasformazioni del territorio sull idrologia di piena del reticolo secondario:il caso di studio della città Roma 559 Macchia S., Ponzio A., Ganora D.,Gallo E. & Claps P. Ricostruzione topografica speditiva per l identificazione della pericolosità alluvionale in area urbana. Il caso della collina torinese. 16

17 Assetto e gestione idraulica del territorio Lunedì 8 settembre 2014 segue D112 - Valutazione del danno e gestione del rischio alluvionale in Italia alla luce della Direttiva Europea 2007/60 Moderatori: Giuseppe T. Aronica, Daniela Molinari per flash presentations: Oral 567 Scorzini A. Curve di danno: analisi ex-post per l alluvione del Veneto Calenda G., E. Volpi, A. Fiori & C.P. Mancini Efficacia di un sistema di casse d espansione per la difesa idraulica della città di Roma 575 Roth G., A.C. Taramasso & M. Degiorgis Stima del danno in ambito urbano esposto a inondazione AULA D Poster 563 Molinari D., F. Ballio, S. Menoni, G. Minucci, F.Atun, M. Mazuran, C. Arias, D.Ardagna, N. Berni Il progetto Poli-RISPOSTA: strumenti per la protezione civile a Supporto delle POpolazioni nel post Alluvione 565 Michelazzo G., E. Paris & L. Solari Una nuova metodologia di analisi della vulnerabilità arginale 569 Volpi E. & A. Fiori Il progetto delle opere di difesa idraulica nel contesto multivariato 571 Romano L., V. De Gennaro, M. Montaruli, G. Verdiani, R. Bonelli, A.R. Di Santo, R. Corbino, T. Bisantino, M.Greco, G. Amoruso, P. Loiacono Dalle mappa di pericolosità e rischio di alluvioni ai piani di emergenza comunali 577 Brigandì G., G.T. Aronica & L. Pasotti Un sistema operativo di previsione delle piene lampo basato su soglie pluviometriche e previsioni quantitative di precipitazione 17

18 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA D 579 Jalayer F., G.T. Aronica, A. Recupero & R.De Risi Analisi di vulnerabilità di strutture in muratura soggette all azione di correnti con trasporto massivo di sedimenti: applicazione ad un caso reale 581 Mazzorana B., P.Macconi, A. Zischg & D. Molinari Rilievo post-evento dei profili d impatto e di danno da colata detritica per strutture ad uso abitativo e produttivo 18

19 Acqua - Energia - Ambiente Lunedì 8 settembre 2014 Ore E11 - Gli impianti idroelettrici per la produzione di energia da fonte rinnovabile: progettazione, gestione ed impatto ambientale Moderatore: Tullio Tucciarelli per flash presentations: Oral 773 Carravetta A., M. C. Conte, O. Fecarotta, R. Martino Metodo di previsione di curve prestazionali di pompe semiassiali in funzionamento inverso 776 Lazzaro G., S. Basso, M. Schirmer & G. Botter Impianti idroelettrici ad acqua fluente: quale dimensionamento ottimale? 786 Sammartano V., M. Sinagra, G. Morreale & T. Tucciarelli Analisi fluidodinamica e sperimentale su una turbina Cross-Flow 792 Samora I., S. Scafa, H. Ramos & A. Leopardi Characteristic curves for micro-generation applications 794 Di Palma F., R. Gargano, G. de Marinis, F. Granata, R. Greco, C. Tricarico Un modello end-users per la domanda idrica residenziale 796 Puleo V., G. Freni & G. La Loggia Un metodo ibrido per l ottimizzazione dei sistemi di pompaggio AULA E Poster 771 Morbidelli R., C. Corradini, C. Saltalippi & A. Flammini Gli impianti idroelettrici in Umbria: presente e futuro 775 Frosio F., E. Montosi & L. Papetti Impianti idroelettrici per l utilizzo del Deflusso Minino Vitale: sviluppi recenti e prime applicazioni 778 Carcano E., P. Bartolini riattivazione di un impianto mini idroelettrico in Liguria: opportunità e problemi 780 Leopardi M. Revamping della centrale di Caramanico sul F. Orfento 19

20 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA E 782 Maerker C. & A. Grizzetti Steffturbine A New Micro Hydro Turbine Based On Conveying Technology 784 Leopardi M. Un micro impianto per la produzione di energia da acque reflue 788 Bertola P., A. Buratti, E. Casartelli, A. Mariotti, G. R. Pisaturo, M. Righetti & M. Taravan Modellazione delle turbine ad elica negli impianti a piccolo salto 790 Butera I., R. Balestra & C.Soffia Energia idroelettrica e reti di irrigazione: una metodologia per stimare possibili sviluppi. Il caso della Regione Piemonte. 798 Giugni M., N. Fontana, L. Glielmo, G. Marini Analisi sperimentale di un sistema di controllo in tempo reale per la produzione idroelettrica nelle reti di distribuzione idrica 20

21 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 Ore A121 - Metodi senza griglia in fluidodinamica computazionale Moderatori: Giacomo Viccione, Francesco Aristodemo per flash presentations: Keynote 51 Sibilla S. SPH: sfide e prospettive 53 Groenenboom P. Coupled SPH /FEM simulations for fluid-structure interactions AULA A Poster 55 Zugliani D. & G. Rosatti La transizione fisso-mobile in moti a superficie libera: definizione e soluzione del problema di Riemann Composito 57 Manenti S. Un modello SPH per flussi multi-fase a superficie libera con forti differenze di densità 59 Meringolo D.D., F. Aristodemo, G. Viccione, P. Groenenboom & P. Veltri Diffusive WCSPH modeling of wave impact on structures 61 Albano R., A. Amicarelli, D. Mirauda, G. Agate & A. Sole Modellazione SPH del trasporto di corpi rigidi durante inondazioni in aree urbane 63 Agate G., R.Guandalini, S.Manenti, E.Pierobon, S.Sibilla, M.Gallati, L. D Alpaos SPH Modelling of the 3D laboratory experiments on the Vajont landslide 65 Vacondio R. & P. Mignosa Uno schema numerico Smoothed Particle Hydrodynamics a risoluzione variabile 67 Manenti S., E. Pierobon, S. Sibilla, M. Gallati, L. D Alpaos The Vajont disaster: SPH modelling of the post-event 2D Experiments 21

22 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA A 69 Viccione G. & V. Bovolin Simulating the interaction between fast moving flows and defense barriers with SPH 71 Pugliese Carratelli E., G. Viccione & V. Bovolin Simulating slamming loads on planar surfaces with SPH 73 De Marchis M., B.Milici & E. Napoli Un modello ibrido FVM-SPH per lo studio di campi di moto di fluidi incomprimibili in geometrie complesse 75 De Padova D., M.Mossa & S. Sibilla Laboratory experiments and sph modelling of the flow field generated by a hydrofoil 22

23 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 segue A122 - Monitoraggio del trasporto solido e delle variazioni morfologiche degli alvei Moderatore: Simona Francalanci per flash presentations: Oral 40 Becchi I. Problemi di caratterizzazione dei sedimenti dei corsi d acqua naturali 46 Vignoli. G., S. Simoni, F. Comiti, W. Bertoldi, R. Dinale, R. Nadalet, P. Macconi, J. Staffler & R. Pollinger Monitoraggio dei flussi liquidi e solidi nei torrenti alpini: la nuova stazione integrata sul Rio Solda/Suldenbach AULA A Poster 31 Francalanci S., G. Michelazzo, L. Minatti, E. Paris, L. Solari & G.V. Federici Monitoraggio delle portate liquide e solide sul Fiume Arno a Firenze 33 Ferraro D., G. Roberto & N. Penna Effetti della distribuzione di velocità sul trasporto solido di fondo 37 Dell Agnese A., L. Mao, F. Brardinoni, F. Comiti Esperienze recenti di monitoraggio del trasporto al fondo in torrenti montani 38 Pelosi A., G. Parker & P. Furcolo Modellazione numerica del trasporto e della diffusione di sedimenti traccianti in fiumi a letto ghiaioso 42 Tambroni N., M. Bolla Pittaluga, A. Canestrelli, S. Lanzoni & G. Seminara Sull equilibrio morfodinamico di estuari alluvionali 44 Dinale R., R. Nadalet, H. Habersack, F. Comiti, G. Vignoli., S. Simoni Monitoraggio del trasporto solido in sospensione sull Adige a Ponte Adige presso Bolzano 23

24 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 Ore AULA B B121 - Interazioni suolo-vegetazioneatmosfera: monitoraggio e modellazione a diverse scale spazio-temporali Moderatori: Simona Consoli, Salvatore Manfreda per flash presentations: Oral 215 Palladino M., G. Speranza, B. Sica, M. Nicodemo, A. Saracino, & N. Romano Effetto di variazioni di uso del suolo sulla risposta idrologica di un bacino fluviale: il caso del fiume Alento in Campania. 219 Curreli M., R. Corona, N. Montaldo & R. Oren Sulla stima della traspirazione in un ecosistema Mediterraneo tramite l uso associato delle tecniche eddy covariance e sap flow. 223 Corona R., M. Curreli & N. Montaldo Il ruolo della vegetazione sul deflusso superficiale da misure sperimentali Poster 205 Consoli S., D. Vanella Il monitoraggio delle interazioni Suolo-Pianta-Atmosfera attraverso tecniche di telerilevamento 207 Aiello R., V. Bagarello, S. Barbagallo, S. Consoli, S. Di Prima, G. Giordano, M. Iovino Sulla caratterizzazione idraulica di un suolo franco-sabbioso attraverso il metodo BEST 209 Ercolani G., C. Corbari & M. Mancini Stima dei flussi turbolenti con tecnica LES accoppiata a modelli di bilancio di massa ed energia alla superficie 211 Nasta P. & N. Romano Confronto funzionale fra le componenti del bilancio idrologico adoperando relazioni unimodali o bimodali delle proprietà idrauliche del suolo: Indagine su un suolo vulcanico della Piana Campana 212 Nasta P. & J.B. Gates Influence of weather radar data on plot-scale groundwater recharge dynamics 24

25 Idrologia e Risorse Idriche Superficiali e Sotterranee Lunedì 8 settembre Callegari G., E. Infusino, A.Veltri and N. Cantasano Release of nutrients into a forested catchment of Southern Italy 217 Palladino M., G. Speranza, B. Sica & N. Romano Le proprietà idrologiche del suolo nei protocolli di biorisanamento 221 Alagna V., M. Iovino, G. Provenzano & G. Rallo Modellistica agro-idrologica per la stima dei consumi traspirativi di colture Mediterranee e schematizzazione della funzione di stress idrico 225 Balacco G., B. Figorito, E. Tarantino, A. Gioia, V. Iacobellis Analisi della variabilità Spazio-Temporale del LAI mediante immagini SPOT VGT AULA B 25

XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE PROGRAMMA PROVVISORIO. 8-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari

XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE PROGRAMMA PROVVISORIO. 8-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari XXXIV Convegno Nazionale di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE PROGRAMMA PROVVISORIO 8-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari Domenica 7 settembre 2014 ore18.30 Palazzo storico Acquedotto Pugliese Cocktail

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO

The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D. Corso FLO-2D PRO POWERED BY EUROPE The sole reseller and official technical assistance in Europe of FLO-2D and RiverFLO-2D Novembre 2013, Perugia Corso FLO-2D PRO Date: novembre, 2013 Luogo: Università per Stranieri di

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI 11 PIANO DEGLI INTERVENTI CON INDIVIDUAZIONE DEL LIVELLO DI PRIORITA E DEI COSTI 85 PIANO GENERALE DEL SISTEMA FOGNARIO DEL COMUNE DI RIMINI IL

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Dalle fognature alla tutela idraulica e ambientale del territorio

Dalle fognature alla tutela idraulica e ambientale del territorio Dalle fognature alla tutela idraulica e ambientale del territorio Atti della II Conferenza Nazionale sul Drenaggio Urbano Palermo, 10-12 maggio 2000 A cura di Goffredo La Loggia Centro Studi Deflussi Urbani

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

S mi m n i a n rio i Deflu l s u si Urba b ni n

S mi m n i a n rio i Deflu l s u si Urba b ni n Il csdu - Centro Studi Idraulica Urbana Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984 Centro Studi Idraulica Urbana Costituito nel 1992, ha sede presso il Politecnico di Milano 17 soci fondatori e effettivi

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino

ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino ILPRINCIPIO DELL INVARIANZA IDRAULICA NEI NUOVI INSEDIAMENTI: Implicazioni e spunti per la pianificazione di bacino Autorità di bacino del fiume Tevere Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013

Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni. Gorizia, 12 marzo 2013 Attività di protezione civile per la gestione del rischio di alluvioni Gorizia, 12 marzo 2013 La gestione del rischio di alluvioni nell ambito di protezione civile prevede tre diverse fasi consequenziali

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi

Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Saie Built Academy: scienze e tecnologie per costruire città e territorio Bologna 22 Ottobre 2014 Metodi innovativi per il controllo e la gestione dei fenomeni franosi Matteo Berti Dipartimento BIGEA -

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

CINID - CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO PER L IDROLOGIA

CINID - CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO PER L IDROLOGIA Ente: CINID - CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO PER L IDROLOGIA Rappresentante nell Organo Gestionale - Giunta: prof. Enrica CAPORALI, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Periodo di competenza: da

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana

Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana. Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984. Centro Studi Idraulica Urbana Il CSDU - Centro Studi idraulica Urbana Gruppo Deflussi Urbani Costituito nel 1984 Centro Studi Idraulica Urbana Costituito nel 1992, dal 2014 ha sede presso il DICATAM dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Attività del GII nel biennio 2010-2012. a cura di Pasquale Versace

Attività del GII nel biennio 2010-2012. a cura di Pasquale Versace Attività del GII nel biennio 2010-2012 a cura di Pasquale Versace Stampato a cura del CAMIlab, Dipartimento di Difesa del Suolo Università della Calabria Progetto Grafico e Editing Sandra Leone Questo

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI PROFILO del GRUPPO La Società di Ingegneria ETATEC s.r.l., l Associazione professionale STUDIO PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI e le altre Regione Lombardia - Cassa espansione del F. Lambro a Briosco (1999)

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Ingegneria dell'ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE

SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE SISTEMI DI PREVISIONE E GESTIONE IDROLOGICA IN TEMPO REALE DHI / DHI TECHNICAL PAPER n 2 I MODELLI NUMERICI NEI SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI NEL CAMPO DELLE RISORSE IDRICHE I codici di simulazione

Dettagli

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Quadro normativo Prof. Ing. elena.volpi@uniroma3.it Rischio Rischio: valutazione del danno legato a fenomeni di

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale Delibera di Comitato Istituzionale n. 1 del 23 febbraio 2015 PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch.

Dettagli

ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE. Lorenzo Cappietti lorenzo.cappietti@unifi.it

ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE. Lorenzo Cappietti lorenzo.cappietti@unifi.it Laboratorio di Ingegneria Marittima www.unifi.it/labima ENERGIA DA ONDA POTENZIALE E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE Lorenzo Cappietti Wave Energy Research Group at UNIFI Main Objectives (Med Sea) 1) Offshore/Nearshore

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Email Di Risio Marcello marcello.dirisio@univaq.it Istruzione Giugno 2005 Settembre 2003 Gennaio 2002 Luglio 2001 Luglio 1995 Titolo di

Dettagli

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Mappatura della pericolosità e del rischio alluvionale Bacini liguri Cinzia Rossi Regione Liguria - Settore

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI

SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Convegno SISTEMI IDRAULICI URBANI: TRA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E CAMBIAMENTI CLIMATICI Prof. Ing. Alessandro Paoletti Presidente emerito CSDU 24 Ottobre 2014, Bologna Fiere H2O 2014 Indice 1. Evoluzione

Dettagli

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO

I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO I DANNI DA EVENTI ALLUVIONALI VALUTATI DAL SETTORE ASSICURATIVO Carlo Conforti - ANIA Workshop Valutazione del rischio idraulico in ambito montano ed applicazione della direttiva Alluvioni Libera università

Dettagli

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA

- PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA - CONSULENZA TECNICO-ECONOMICA SERVIZI DI INGEGNERIA NEL SETTORE DELL IDRAULICA URBANA (ACQUEDOTTI, FOGNATURE, IMPIANTI DI DEPURAZIONE), DELLE SISTEMAZIONI FLUVIALI E DELL ASSETTO IDROGEOLOGICO - PROGETTAZIONE - DIREZIONE LAVORI - COORDINAMENTO

Dettagli

Politecnico di Torino

Politecnico di Torino Politecnico di Torino 1 Dipartimento di Idraulica, Trasporti ed Infrastrutture Civili LABORATORIO DI IDRAULICA GIORGIO Riproduzione di un disegno di Giorgio Bidone sul Risalto Idraulico Il Laboratorio

Dettagli

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI

SAFE - SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI Programma di insegnamento per l anno accademico 2013/2014 Programma dell insegnamento di IDRAULICA E SISTEMAZIONI IDRAULICO-FORESTALI (italiano) Course title: HYDRAULICS AND FORESTRY SOIL PROTECTION (inglese)

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

bacino di Mestre - Via Torino

bacino di Mestre - Via Torino Provincia di Venezia Stato di attuazione dei Piani delle Acque in Provincia di Venezia Mestre, 30 novembre 2012 Progetto realizzato da AATO LV per il Rilievo e modellizzazione idraulica del bacino di Mestre

Dettagli

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi

Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Considerazioni e valutazioni per la corretta pianificazione e progettazione degli interventi Le frane sono fenomeni complessi, molto differenti tra loro che vanno adeguatamente studiati, caso per caso

Dettagli

Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione

Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione La validazione nella modellistica idraulica ed idrologica Problemi di applicabilità ed esportabilità di un modello rispetto all'ambito di utilizzazione Rende 7/8 giugno 2012 A. Brath, A. Domeneghetti Introduzione

Dettagli

Coordinamento tra i Dottorati di Ricerca

Coordinamento tra i Dottorati di Ricerca UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Aula Magna del Rettorato, piazza S.Marco, 4 % Firenze Venerdì 28 gennaio 2011 ore 10.00 TERZA GIORNATA DI STUDIO La qualità della ricerca e della didattica nelle discipline

Dettagli

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria

Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Il rischio idraulico nella città di Roma Seminario tecnico Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Rischio idraulico nella città di Roma: analisi storica e prospettive future Prof. Ing.

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE

VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE VERSO IL CONTRATTO dei FIUMI SELE, TANAGRO E CALORE Aula Consiliare Contursi Terme (SA), 30 luglio 2014 Geologo Rocco Lafratta referente CIRF Campania www.cirf.org r.lafratta@cirf.org - 3386996022 Cos

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare www.wavenergy.it ANNO ACCADEMICO DUEMILADODICI/DUEMILATREDICI Università di Bari 12 e 13 novembre 2012 Green City Energy MED REWEC3: nuove dighe portuali per la produzione di energia elettrica dalle onde

Dettagli

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale

Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Alcune questioni sul rischio di alluvioni nel Distretto Nord-Orientale Con il patrocinio di Relatore: Antonio Rusconi, Ingegnere, Gruppo 183, Roma L alluvione del novembre 1966 nel Distretto Nord-Orientale

Dettagli

AUTORITA INTERREGIONALE

AUTORITA INTERREGIONALE AUTORITA INTERREGIONALE di BACINO della BASILICATA www.adb.basilicata.it Piano di bacino stralcio del bilancio idrico e del deflusso minimo vitale RELAZIONE Collaborazione Sogesid S.p.A. Consulenza scientifica

Dettagli

Antonella VELTRI CNR ISAFOM

Antonella VELTRI CNR ISAFOM Antonella VELTRI CNR ISAFOM Ruolo dei sistemi i forestali sulla regimazione i idrica i e sul controllo dell erosione Ciclo di Seminari: Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Il monitoraggio delle colate detritiche

Il monitoraggio delle colate detritiche Workshop PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Il monitoraggio delle colate detritiche Lorenzo Marchi (CNR IRPI

Dettagli

Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012

Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012 Corso di Formazione su Valutazione d Impatto Ambientale (VIA) Sala Conferenze ISPRA, via V. Brancati 48, Roma - Ottobre-Novembre 2012 ANALISI DELLA COMPONENTE AMBIENTE IDRICO Saverio Venturelli - Ingegnere

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 4 SISTEMI DI PIANI E PROGRAMMI AFFERENTI LA RISORSA IDRICA REGIONE PUGLIA Febbraio

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA

STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Università di Genova STUDIO DEGLI EFFETTI SULL IDRODINAMICA E SULLA DINAMICA DEL TRASPORTO SOLIDO DI OPERE DI LAMINAZIONE: MODELLAZIONE NUMERICA E FISICA Relatore Prof. Ing. M. Colombini CONVENZIONI AdB-UNIGE

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010)

10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) GESTIONE INTEGRATA DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI AMALFI, 1 giugno 2012 Marine Strategy Framework Directive e Portualità Sostenibile Francesco Lalli 10 anni di vorticità nel Mediterraneo (2001-2010) Direttiva

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli