XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE Settembre 2014 Politecnico di Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XXXIV Convegno Nazionale. di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE. 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari"

Transcript

1 XXXIV Convegno Nazionale di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari

2 Come arrivare al Politecnico di Bari INGRESSI: (A) Via E. Orabona, 4 (B) Via G. Re David, 200 (C, D) Via Giovanni Amendola, 132 Dalla stazione centrale, a piedi Da Piazza Moro percorrere uno dei sottopassi che conducono alla via Giuseppe Capruzzi, proseguire a sinistra fino a raggiungere a destra viale Unità d Italia, continuare diritto per viale della Repubblica per circa 700 metri. A questo punto seguire a sinistra per via E. De Amicis percorrendola per circa 100 m, poi a destra per via Zanardelli. Al termine della strada andare a sinistra su viale Di Vittorio per poi raggiungere subito dopo via Orabona, a circa 300 metri si giungerà all ingresso A del Campus. Dalla stazione centrale, con le linee urbane Da piazza A. Moro si possono prendere le linee numero 21 o 22. La prima, passando per via P. Petroni, via Carulli, piazza Luigi di Savoia, via Capruzzi, via Lattanzio, via M. Cristina di Savoia, giunge in via Re David dove è possibile scendere in prossimità dell ingresso B del Campus. La seconda, attraversando via P. Petroni, via Carulli, piazza Luigi di Savoia, via Capruzzi, via Lattanzio e via Postiglione consente di arrivare su via Amendola in prossimità delle entrate C e D del campus. Dall aeroporto Dall aeroporto di Bari - Palese è possibile raggiungere la stazione centrale sfruttando la linea di collegamento aeroportuale Tempesta Autolinea o con la linea urbana 16.

3 XXXIV Convegno Nazionale di IDRAULICA e COSTRUZIONI IDRAULICHE PROGRAMMA 7-10 Settembre 2014 Politecnico di Bari

4 Domenica 7 settembre Palazzo storico Acquedotto Pugliese Pre-registrazione, cocktail di benvenuto e visita guidata del Palazzo.... pag. 7 Lunedì 8 settembre 2014 Politecnico di Bari 8.30 Registrazione pag Cerimonia Inaugurale e Premio Torricelli.» 8 Coffee Break Sessioni Parallele.» Pranzo Sessioni Parallele.» Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Evoluzione e protezione delle coste e delle foci fluviali.» Teatro Petruzzelli.» 34 Martedì 9 settembre 2014 Politecnico di Bari 9.00 Sessioni Parallele. pag Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Come difendere il territorio italiano dal rischio idrogeologico?..» Pranzo Sessioni Parallele.» Coffee Break e Poster Attendance Premio PhD e Assemblea GII....» Cena Sociale e Premio Supino.» 58 Mercoledì 10 settembre 2014 Politecnico di Bari 9.00 Sessioni Parallele. pag Simposio A.I.I » Coffee Break e Poster Attendance Sessione Plenaria: Scienza e tecnologia per l acqua pubblica.» Pranzo Sessione Plenaria: Acqua, Cibo ed Energia: la sfida di Horizon » Premiazione Poster e Cerimonia di Chiusura

5 Informazioni per gli autori e per gli iscritti Pre-registrazione Il giorno 7/9 è possibile registrarsi presso la sede dell Acquedotto Pugliese, durante il cocktail di benvenuto, a partire dalle ore L indirizzo è : Via Cognetti, 36, BARI Sessioni e poster: Ogni sessione è contraddistinta da un codice che indica il tema (lettera) il giorno (primo numero) e lo slot temporale (secondo numero). Nei casi in cui in uno stesso slot si svolgono due sessioni è presente anche un terzo numero, che indica la sequenza interna allo slot. Esempio: E21 indica una sessione del tema E (aula E) che si svolge nel secondo giorno, al primo intervallo temporale. Caricamento presentazioni e PDF dei poster + affissione poster E stato predisposto uno spazio denominato Centro Slides dove gli autori potranno caricare le presentazioni per le differenti sessioni. Nello stesso si possono anche depositare i pdf dei poster, utili per la selezione relativa al premio per i migliori poster di IDRA14. Le slides delle flash Presentations (frontespizio+ 2 slides, salvo diversa indicazione dai conveners) vanno inviate all indirizzo mail del convener interessato, indicato per ogni sessione. Le POSTAZIONI DEI POSTER sono tutte pre-assegnate. Ogni postazione è contrassegnata dal codice della sessione /sottosessione e dal numero che affianca la voce relativa ad ogni singola flash presentation nel programma definitivo. L affissione sarà possibile a partire dalle ore 8:00 del giorno 8/9 per tutte le sessioni dei primi 2 giorni, ed alle ore 11,30 del giorno 9/9 per le sessioni della terza giornata. La POSTER ATTENDANCE si svolge di norma al termine del- la sessione di interesse, non appena possibile. La commissione del premio poster potrà formulare domande agli autori che presenziano al poster per poter meglio svolgere i propri lavori. Consultazione Programma ed Atti Il collegamento tra le presentazioni ed i corrispondenti abstracts pubblicati sugli Atti del Convegno è stabi lito tramite indicazione sul programma DEL NUMERO DI PAGINA CORRISPONDENTE ALL EXTENDED ABSTRACT pubblicato sugli atti. Per un agevole ricerca degli autori, questo programma è di- sponibile in formato PDF all indirizzo: 5

6 Premi Poster di IDRA14 Durante il convegno verranno attribuiti cinque premi per i migliori poster presentati a IDRA14, uno per ciascuna delle cinque tematiche generali: 1) Fluido- e Morfo-dinamica 2) Idrologia e Risorse Idriche superficiali e sotterranee 3) Infrastrutture, Coste e Agricoltura 4) Assetto e gestione idraulica del territorio 5) Acqua-Energia-Ambiente La procedura per l assegnazione dei premi sarà gestita da una Commissione indicata dal GII. L attribuzione dei premi sarà basata sui voti dei partecipanti al convegno e sulle segnalazioni che i convener delle singole sessioni faranno avere alla Commissione, basate sull efficacia delle presentazioni flash degli autori durante le sessioni orali. Non potranno essere selezionati poster che non sono stati pre sentati dagli autori. Gli aspetti da considerare nella selezione sono riferiti alla qualità del contenuto scientifico ed all efficacia ed originalità della comunicazione editoriale e della flash presentation. Procedura di votazione Ciascun partecipante al Convegno riceverà una scheda con cinque campi (una per ogni tematica generale) al momento della registrazione. Le schede potranno essere depositate nell urna predisposta presso l accettazione durante la mattinata di mercoledì 10 settembre (ultima giornata del convegno, in modo da non sfavorire gli ultimi contributi in ordine temporale) entro le ore 13:00 (in modo da consentire le operazioni della Commissione durante la pausa per il pranzo). La Commissione conteggerà i voti pervenuti, sommando le segnalazioni dei convener (utilizzando un peso ritenuto adeguato), e stilerà la graduatoria finale. Il peso delle segnalazioni rispetto ai voti verrà stabilito in maniera autonoma dalla Commissione durante la riunione preliminare, e in ogni caso prima del conteggio dei voti. La commissione potrà essa stessa selezionare poster da inserire nel gruppo dei migliori, tra i quali giudicare i vincitori. Gli autori che intendono partecipare alla selezione devono rendere disponibile il pdf relativo al proprio poster. Sarà predisposta dall organizzazione un area con dei pc destinati al caricamento di presentazioni e poster. Premiazione La premiazione dei migliori poster avverrà durante la cerimonia di chiusura alle ore 16:00 di mercoledì 10 settembre. 6

7 Domenica 7 settembre 2014 Ore Palazzo storico Acquedotto Pugliese Via Cognetti, 36, BARI Pre-registrazione, cocktail di benvenuto e visita guidata del Palazzo A testimonianza del tradizionale spirito di collaborazione fra Acquedotto Pugliese ed Università, AQP è lieta di ospitare i partecipanti a IDRA14 presso la sua sede storica per l evento di apertura. Oltre alla possibilità di pre-registrazione al Convegno, è previsto un cocktail di benvenuto offerto da AQP nel suggestivo roof Garden del palazzo, ed una visita guidata dello splendido edificio. Il palazzo è stato realizzato fra il 1927 ed il 1932 su progetto originario dell Ing. Cesare Brunetti e decorato, fin nei minimi particolari, dal grande artista romano Duilio Cambelotti. 7

8 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA MAGNA Attilio Alto Lunedì 8 settembre 2014 POLITECNICO DI BARI REGISTRAZIONE CERIMONIA INAUGURALE Saluti: Antonio Castorani Direttore del dipartimento DICATECh, Poliba Eugenio Di Sciascio Rettore del Politecnico di Bari Antonio Decaro Sindaco di Bari Prof. Francesco Schittulli Presidente Prov. di Bari Nichi Vendola Presidente Regione Puglia Interventi programmati: Angela Barbanente Vice-presidente Regione Puglia Aurelia Sole Rettore eletto Università della Basilicata Nicola Costantino Amministratore Unico AQP Premio EVANGELISTA TORRICELLI: Simone Fatichi Variabilità annuale dell evapotraspirazione: il ruolo delle scale temporali 8

9 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 Ore A11 - Ecomorfodinamica fluviale ed estuarina: interazione tra idrodinamica, trasporto solido e vegetazione Moderatore: Carlo Camporeale per flash presentations: Oral 9 Carniello L., G. Botter & A. D Alpaos Analisi statistica degli eventi di risospensione dei sedimenti in ambienti lagunari 11 Bendoni M., R. Mel, S. Bonistalli, C. Pistoresi, S. Francalanci & L. Solari Monitoraggio di una barena soggetta ad erosione da moto ondoso in Laguna di Venezia 15 Tettamanti S., A. Siviglia, W. Bertoldi, M. Toffolon, D. Vetsch & S. Francalanci A coupled model of vegetation dynamics and morphology in gravel-bed rivers 19 Fortugno D., Bombino G., Tamburino V. & Zema D.A. Interazioni fra processi idrogeomorfologici ed ecologici in prossimità di opere idrauliche in bacini montani calabresi 23 Zen S., G. Zolezzi & M.Toffolon Un approccio modellistico semplificato per fenomeni di biomorfodinamica fluviale 25 D. Termini Experimental investigation on the kinematic characteristics of flow in a meandering flume with flexible vegetation on the bed: preliminary results Poster 3 Brocchini M., J. Calantoni, M. Postacchini, A.H. Reed, C. Lorenzoni, A. Mancinelli, L. Soldini, S. Corvaro, A. Russo, G. Moriconi, A. Coluccelli, P. Paroncini, F. Ortenzio & C. Busca Uno studio a scala naturale dell idro-morfodinamica estuarina: esperimenti di campo alla foce del fiume Misa 5 Pradella I. & Defina A. Studio dell onda longitudinale indotta dal distacco alternato di vortici in corrispondenza di una schiera di cilindri AULA A 9

10 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA A 7 Barbaro G., A. Campolo, G. Foti & C.L. Sicilia Valutazione dei processi evolutivi in prossimità della foce della fiumara Amendolea (RC) 13 Belliard J.P., M. Toffolon, L. Carniello & A. D Alpaos An eco-geomorphic model for tidal channel initiation in marsh progradation context 17 Brignoli, L., W. K. Annable, G.Grossi, N. Kouwen An Examination of flow resistance in grass lined channels. 21 D Alpaos A. and M. Marani Signatures of bio-geomorphic feedbacks in salt-marsh systems 27 Facchi D., S. Barontini, M. Falocchi, P. Caronna & R. Ranzi Effetti della presenza di meandri nella propagazione di un onda di piena in un corso d acqua naturale 10

11 Idrologia e Risorse Idriche Superficiali e Sotterranee Lunedì 8 settembre 2014 Ore B11 - Siccità e scarsità idrica: previsione, monitoraggio e mitigazione degli effetti sui sistemi di approvvigionamento idrico Moderatore: Brunella Bonaccorso per flash presentations: Oral 171 Vergni L., F. Todisco & F. Mannocchi Analisi del rischio di siccità agricola mediante una copula bivariata 187 Longobardi A. & P. Villani Un approccio regionale per la definizione delle curve di durata in un ambiente ad elevata permeabilità 189 Di Franca G., P. Molnar & A. Cancelliere Droughts in Switzerland: meteorological and hydrological aspects 195 Maccioni P., S. Camici, M. Kossida, L. Brocca, T. Moramarco An assessment of the drought hazard in the Upper Tiber River basin in Central Italy based on the Standardized Precipitation Index, also in a context of climate change 199 Baratti E., A. Montanari & E. Toth Calibrazione di modelli afflussi-deflussi mediante ottimizzazione dell utilità Poster 165 Boscarello L., G. Ravazzani & M. Mancini La classificazione dei bacini per la regionalizzazione delle curve di durata della portata 167 Bonaccorso B., D.J. Peres, A. Cancelliere & G. Rossi Analisi probabilistica delle siccità a scala regionale: applicazione alla Sicilia 169 Barbero S., M. Graziadei, M. Zaccagnino, E. Comune, S. Torretta Sistema modellistico di supporto alla previsione e gestione di situazioni di scarsità idrica in Piemonte 173 Romano E., A. Duro, N. Guyennon, D. Mariani, A.B. Petrangeli & I. Portoghese Modello numerico semplificato per la stima delle condizioni scarsità in un sistema idrico AULA B 11

12 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA B 175 Ceppi A., G. Ravazzani, C. Corbari, S. Meucci, R. Salerno, & M. Mancini Modellistica idro-meteorologica per la previsione in tempo reale della gestione irrigua 177 Sirangelo B., T. Caloiero, R. Coscarelli & E. Ferrari Analisi della variabilità temporale dei lunghi periodi privi di pioggia con un modello stocastico 179 R. Zucca, J. Andreu Álvarez, C. Arena, N. Lerma Elvira, M.R. Mazzola & G.M. Sechi Analisi di strumenti di supporto alle decisioni per sistemi idrici multi-settoriali in condizioni di carenza di risorsa: Il sistema idrico del Sud-Sardegna 181 Arena C., M. Cannarozzo, G. Fiori, M. R. Mazzola, G. Ventafridda Valutazione di modelli di previsione delle disponibilità idriche da fonti superficiali per la gestione in tempo reale delle font- Valutazione di modelli di previsione delle disponibilità idriche da fonti superficiali per la gestione in tempo reale delle fonti di approvvigionamento di Acquedotto Pugliese S.p.A. 183 Rossi G., E. Caporali Analisi della variabilità spazio-temporale della siccità meteorologica in Toscana 185 Viterbo A., T. Moramarco, N. Berni, R. Checcucci, C. Pandolfo, L. Natazzi, S. Camici, L. Brocca, P. Maccioni, S. Casadei, E. Preziosi, E. Romano, W. Dragoni, L. Di Matteo, D. Valigi & C. Cambi La pianificazione e la gestione dei sistemi regionali di approvvigionamento idropotabile in funzione del cambiamento climatico: il progetto SECLI della Regione Umbria 191 PAWA partnership Il progetto PAWA: azione pilota per il calcolo del bilancio idrico sul bacino del fiume Arno 193 Montaldo N., R. Corona & J. D. Albertson Le recenti modifiche del regime idrologico del bacino del Flumendosa in Sardegna 197 Felisa G., V. Di Federico & V. Ciriello Disponibilità idrica dell acquifero freatico costiero della Regione Emilia-Romagna e analisi dei fattori di rischio 201 Masoero A., D. Ganora, G. Galeati, F. Laio & P. Claps Approccio innovativo per rimuovere l impatto delle derivazioni sulle curve di durata delle portate 12

13 Infrastrutture, Coste e Agricoltura Lunedì 8 settembre 2014 Ore C11 - Interazione tra moto ondoso, strutture e morfotipi costieri finalizzata al progetto di interventi di difesa e di sistemi di allerta Moderatore: Leopoldo Franco per flash presentations: Oral 387 Postacchini M., M. Brocchini Il frangimento ondoso e la dinamica della vorticità indotti da scogliere a cresta bassa e mare incrociato: uno studio numerico 393 Aristodemo F., P. Veltri, D.D. Meringolo & A. Lo Schiavo On the interaction between waves and perforated breakwaters with Smoothed Particle Hydrodynamics 405 F. Dentale, G. Donnarumma, P. De Girolamo, G. Bellotti & M. Di Risio Physical and numerical tests on the stability of concrete block to protection of the mound berm at caissons toe 415 Cecioni C., A. Abdolali, G. Bellotti & P. Sammarco Modello di larga scala per la generazione e propagazione di onde di maremoto in fluidi debolmente comprimibili 417 Filianoti P. & R. Piscopo Diffrazione delle onde attorno a una parete verticale di lunghezza finita in grado di assorbire energia dalle onde: previsione e verifica sperimentale. 431 Martinelli L., P. Ruol, P. Martin &T.L. Andersen Indagine sperimentale sullo scorrimento di una diga a cassoni soggetta a onde frangenti AULA C Poster 389 Donnarumma G., F. Dentale & E. Pugliese Carratelli Un modello numerico avanzato per la valutazione dell interazione tra il moto ondoso e le barriere frangiflutti emerse 401 Romano A., G. Bellotti, R. Briganti & L. Franco Sull incertezza della modellazione sperimentale della tracimazione ondosa sulle opere marittime di difesa 13

14 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA C 411 Pasquali D., M. Di Risio, P. De Girolamo, G. Pellegrini & G. Passacantando Experimental optimization of the new Al Faw Port rubble mound breakwater 413 Filianoti P., S. Camporeale & R. Piscopo Coefficienti di trasmissione a tergo di un REWEC1: progettazione di un esperimento in scala ridotta 429 Pratola L. Studio sperimentale dell interazione del moto ondoso con un nuovo masso di mantellata 421 Filianoti P., R. Piscopo & R. Ferrante Sollecitazioni ondose su moli portuali a parete verticale in grado di convertire l energia delle onde 399 Calabrese M., A. Capobianco & I. Del Vita Modellazione fisica e numerica di rip currents 403 Di Natale M., A. Di Mauro, S. Di Ronza, C. Eramo & M. Maietta Studi su modello matematico e su modello fisico delle interferenze del porto di Scalea con la dinamica costiera 407 Di Risio M., P. De Girolamo., L. Orlando, P. Contini Nearshore sand mining for beach nourishment: the case study of the 2010 Abruzzo project (Italy) 419 Filianoti P., F. Morfea, G. Villari Valutazione del trasporto solido costiero attraverso l analisi di dati Multibeam 423 Filianoti P., C. Denisi Sul monitoraggio ondametrico da corpi isolati in mare 425 Molfetta M.G. Rilievo stereoscopico del moto ondoso in laboratorio 14

15 Assetto e gestione idraulica del territorio Lunedì 8 settembre 2014 Ore D111 - La gestione del rischio di allagamento nelle aree urbane Moderatore: Luca Lanza per flash presentations: Oral 541 Arrighi C., F. Castelli, H. Oumeraci & J. C. Alcérreca- Huerta Sul moto incipiente degli autoveicoli investiti da una piena: confronto fra simulazioni numeriche e dati sperimentali. 553 Biscarini C., S. Di Francesco, & P. Manciola Simulazione numerica di propagazione di onde di piena in aree urbane 557 Notaro V., C. Fontanazza, G. Freni & G. La Loggia Sistema di supporto alle decisioni per la gestione idraulica dei bacini urbani AULA D Poster 535 Fortunato A., E. Oliveri & M.R. Mazzola Selezione del tempo di ritorno ottimale della pioggia di progetto delle reti di drenaggio urbano 537 Arrighi C., M. Brugioni, F. Castelli, S. Franceschini & B. Mazzanti Stima del rischio idraulico a micro-scala urbana con modello idraulico semplificato e dati censuari 539 Barbaro G., M.G. Miguez, F. Scionti, G. Foti & C.L. Sicilia Gestione sostenibile delle acque meteoriche nei centri urbani: caso studio Cittanova (RC) 543 Calenda G., E. Volpi, C. P. Mancini, S. Marasco, E. Romano & D. Pesa Risanamento idraulico nel contesto urbano alla luce della Direttiva Alluvioni 545 Frongia S., S. Liberatore, J. Napolitano and G. M. Sechi Valutazione del rischio e ottimizzazione degli interventi di protezione idraulica:applicazione a un bacino del Nord Sardegna 15

16 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA D 547 Sinagra M., C. Aricò, F. Filianoti & T. Tucciarelli Un modello 1D-2D di acque basse per il calcolo della propagazione di piene naturali 549 Palla A., G.T. Aronica, I. Gnecco, L.G. Lanza & A. Candela Analisi stocastica delle condizioni di efficienza del drenaggio superficiale nella gestione del rischio di allagamento nelle aree urbane 551 Anselmo G., S. Papiri & M. Rizzo Alcuni effetti dello sviluppo urbanistico sui deflussi di piena 555 Nardi F., A. Annis & C. Biscarini L impatto delle trasformazioni del territorio sull idrologia di piena del reticolo secondario:il caso di studio della città Roma 559 Macchia S., Ponzio A., Ganora D.,Gallo E. & Claps P. Ricostruzione topografica speditiva per l identificazione della pericolosità alluvionale in area urbana. Il caso della collina torinese. 16

17 Assetto e gestione idraulica del territorio Lunedì 8 settembre 2014 segue D112 - Valutazione del danno e gestione del rischio alluvionale in Italia alla luce della Direttiva Europea 2007/60 Moderatori: Giuseppe T. Aronica, Daniela Molinari per flash presentations: Oral 567 Scorzini A. Curve di danno: analisi ex-post per l alluvione del Veneto Calenda G., E. Volpi, A. Fiori & C.P. Mancini Efficacia di un sistema di casse d espansione per la difesa idraulica della città di Roma 575 Roth G., A.C. Taramasso & M. Degiorgis Stima del danno in ambito urbano esposto a inondazione AULA D Poster 563 Molinari D., F. Ballio, S. Menoni, G. Minucci, F.Atun, M. Mazuran, C. Arias, D.Ardagna, N. Berni Il progetto Poli-RISPOSTA: strumenti per la protezione civile a Supporto delle POpolazioni nel post Alluvione 565 Michelazzo G., E. Paris & L. Solari Una nuova metodologia di analisi della vulnerabilità arginale 569 Volpi E. & A. Fiori Il progetto delle opere di difesa idraulica nel contesto multivariato 571 Romano L., V. De Gennaro, M. Montaruli, G. Verdiani, R. Bonelli, A.R. Di Santo, R. Corbino, T. Bisantino, M.Greco, G. Amoruso, P. Loiacono Dalle mappa di pericolosità e rischio di alluvioni ai piani di emergenza comunali 577 Brigandì G., G.T. Aronica & L. Pasotti Un sistema operativo di previsione delle piene lampo basato su soglie pluviometriche e previsioni quantitative di precipitazione 17

18 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA D 579 Jalayer F., G.T. Aronica, A. Recupero & R.De Risi Analisi di vulnerabilità di strutture in muratura soggette all azione di correnti con trasporto massivo di sedimenti: applicazione ad un caso reale 581 Mazzorana B., P.Macconi, A. Zischg & D. Molinari Rilievo post-evento dei profili d impatto e di danno da colata detritica per strutture ad uso abitativo e produttivo 18

19 Acqua - Energia - Ambiente Lunedì 8 settembre 2014 Ore E11 - Gli impianti idroelettrici per la produzione di energia da fonte rinnovabile: progettazione, gestione ed impatto ambientale Moderatore: Tullio Tucciarelli per flash presentations: Oral 773 Carravetta A., M. C. Conte, O. Fecarotta, R. Martino Metodo di previsione di curve prestazionali di pompe semiassiali in funzionamento inverso 776 Lazzaro G., S. Basso, M. Schirmer & G. Botter Impianti idroelettrici ad acqua fluente: quale dimensionamento ottimale? 786 Sammartano V., M. Sinagra, G. Morreale & T. Tucciarelli Analisi fluidodinamica e sperimentale su una turbina Cross-Flow 792 Samora I., S. Scafa, H. Ramos & A. Leopardi Characteristic curves for micro-generation applications 794 Di Palma F., R. Gargano, G. de Marinis, F. Granata, R. Greco, C. Tricarico Un modello end-users per la domanda idrica residenziale 796 Puleo V., G. Freni & G. La Loggia Un metodo ibrido per l ottimizzazione dei sistemi di pompaggio AULA E Poster 771 Morbidelli R., C. Corradini, C. Saltalippi & A. Flammini Gli impianti idroelettrici in Umbria: presente e futuro 775 Frosio F., E. Montosi & L. Papetti Impianti idroelettrici per l utilizzo del Deflusso Minino Vitale: sviluppi recenti e prime applicazioni 778 Carcano E., P. Bartolini riattivazione di un impianto mini idroelettrico in Liguria: opportunità e problemi 780 Leopardi M. Revamping della centrale di Caramanico sul F. Orfento 19

20 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA E 782 Maerker C. & A. Grizzetti Steffturbine A New Micro Hydro Turbine Based On Conveying Technology 784 Leopardi M. Un micro impianto per la produzione di energia da acque reflue 788 Bertola P., A. Buratti, E. Casartelli, A. Mariotti, G. R. Pisaturo, M. Righetti & M. Taravan Modellazione delle turbine ad elica negli impianti a piccolo salto 790 Butera I., R. Balestra & C.Soffia Energia idroelettrica e reti di irrigazione: una metodologia per stimare possibili sviluppi. Il caso della Regione Piemonte. 798 Giugni M., N. Fontana, L. Glielmo, G. Marini Analisi sperimentale di un sistema di controllo in tempo reale per la produzione idroelettrica nelle reti di distribuzione idrica 20

21 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 Ore A121 - Metodi senza griglia in fluidodinamica computazionale Moderatori: Giacomo Viccione, Francesco Aristodemo per flash presentations: Keynote 51 Sibilla S. SPH: sfide e prospettive 53 Groenenboom P. Coupled SPH /FEM simulations for fluid-structure interactions AULA A Poster 55 Zugliani D. & G. Rosatti La transizione fisso-mobile in moti a superficie libera: definizione e soluzione del problema di Riemann Composito 57 Manenti S. Un modello SPH per flussi multi-fase a superficie libera con forti differenze di densità 59 Meringolo D.D., F. Aristodemo, G. Viccione, P. Groenenboom & P. Veltri Diffusive WCSPH modeling of wave impact on structures 61 Albano R., A. Amicarelli, D. Mirauda, G. Agate & A. Sole Modellazione SPH del trasporto di corpi rigidi durante inondazioni in aree urbane 63 Agate G., R.Guandalini, S.Manenti, E.Pierobon, S.Sibilla, M.Gallati, L. D Alpaos SPH Modelling of the 3D laboratory experiments on the Vajont landslide 65 Vacondio R. & P. Mignosa Uno schema numerico Smoothed Particle Hydrodynamics a risoluzione variabile 67 Manenti S., E. Pierobon, S. Sibilla, M. Gallati, L. D Alpaos The Vajont disaster: SPH modelling of the post-event 2D Experiments 21

22 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 AULA A 69 Viccione G. & V. Bovolin Simulating the interaction between fast moving flows and defense barriers with SPH 71 Pugliese Carratelli E., G. Viccione & V. Bovolin Simulating slamming loads on planar surfaces with SPH 73 De Marchis M., B.Milici & E. Napoli Un modello ibrido FVM-SPH per lo studio di campi di moto di fluidi incomprimibili in geometrie complesse 75 De Padova D., M.Mossa & S. Sibilla Laboratory experiments and sph modelling of the flow field generated by a hydrofoil 22

23 Fluido - e Morfo-dinamica Lunedì 8 settembre 2014 segue A122 - Monitoraggio del trasporto solido e delle variazioni morfologiche degli alvei Moderatore: Simona Francalanci per flash presentations: Oral 40 Becchi I. Problemi di caratterizzazione dei sedimenti dei corsi d acqua naturali 46 Vignoli. G., S. Simoni, F. Comiti, W. Bertoldi, R. Dinale, R. Nadalet, P. Macconi, J. Staffler & R. Pollinger Monitoraggio dei flussi liquidi e solidi nei torrenti alpini: la nuova stazione integrata sul Rio Solda/Suldenbach AULA A Poster 31 Francalanci S., G. Michelazzo, L. Minatti, E. Paris, L. Solari & G.V. Federici Monitoraggio delle portate liquide e solide sul Fiume Arno a Firenze 33 Ferraro D., G. Roberto & N. Penna Effetti della distribuzione di velocità sul trasporto solido di fondo 37 Dell Agnese A., L. Mao, F. Brardinoni, F. Comiti Esperienze recenti di monitoraggio del trasporto al fondo in torrenti montani 38 Pelosi A., G. Parker & P. Furcolo Modellazione numerica del trasporto e della diffusione di sedimenti traccianti in fiumi a letto ghiaioso 42 Tambroni N., M. Bolla Pittaluga, A. Canestrelli, S. Lanzoni & G. Seminara Sull equilibrio morfodinamico di estuari alluvionali 44 Dinale R., R. Nadalet, H. Habersack, F. Comiti, G. Vignoli., S. Simoni Monitoraggio del trasporto solido in sospensione sull Adige a Ponte Adige presso Bolzano 23

24 XXXIV Convegno Nazionale di Idraulica e Costruzioni Idrauliche Bari - 8/10 Settembre 2014 Ore AULA B B121 - Interazioni suolo-vegetazioneatmosfera: monitoraggio e modellazione a diverse scale spazio-temporali Moderatori: Simona Consoli, Salvatore Manfreda per flash presentations: Oral 215 Palladino M., G. Speranza, B. Sica, M. Nicodemo, A. Saracino, & N. Romano Effetto di variazioni di uso del suolo sulla risposta idrologica di un bacino fluviale: il caso del fiume Alento in Campania. 219 Curreli M., R. Corona, N. Montaldo & R. Oren Sulla stima della traspirazione in un ecosistema Mediterraneo tramite l uso associato delle tecniche eddy covariance e sap flow. 223 Corona R., M. Curreli & N. Montaldo Il ruolo della vegetazione sul deflusso superficiale da misure sperimentali Poster 205 Consoli S., D. Vanella Il monitoraggio delle interazioni Suolo-Pianta-Atmosfera attraverso tecniche di telerilevamento 207 Aiello R., V. Bagarello, S. Barbagallo, S. Consoli, S. Di Prima, G. Giordano, M. Iovino Sulla caratterizzazione idraulica di un suolo franco-sabbioso attraverso il metodo BEST 209 Ercolani G., C. Corbari & M. Mancini Stima dei flussi turbolenti con tecnica LES accoppiata a modelli di bilancio di massa ed energia alla superficie 211 Nasta P. & N. Romano Confronto funzionale fra le componenti del bilancio idrologico adoperando relazioni unimodali o bimodali delle proprietà idrauliche del suolo: Indagine su un suolo vulcanico della Piana Campana 212 Nasta P. & J.B. Gates Influence of weather radar data on plot-scale groundwater recharge dynamics 24

25 Idrologia e Risorse Idriche Superficiali e Sotterranee Lunedì 8 settembre Callegari G., E. Infusino, A.Veltri and N. Cantasano Release of nutrients into a forested catchment of Southern Italy 217 Palladino M., G. Speranza, B. Sica & N. Romano Le proprietà idrologiche del suolo nei protocolli di biorisanamento 221 Alagna V., M. Iovino, G. Provenzano & G. Rallo Modellistica agro-idrologica per la stima dei consumi traspirativi di colture Mediterranee e schematizzazione della funzione di stress idrico 225 Balacco G., B. Figorito, E. Tarantino, A. Gioia, V. Iacobellis Analisi della variabilità Spazio-Temporale del LAI mediante immagini SPOT VGT AULA B 25

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org

48 Congresso SItI. Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors. www.siti2015.org 48 Congresso Milano, 14-18 Ottobre 2015 Opportunita' d'intervento riservate agli Sponsors COMITATI Presidente del Congresso: Carlo Signorelli, Presidente Presidente Comitato organizzatore: Francesco Auxilia,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI Prot. n. 7889 del 3 Luglio 2013 COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *** *** *** IV SETTORE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO TRIBUTI ELENCO IN ORDINE CRONOLOGICO DEI PAGAMENTI DEI DEBITI DI SORTE

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007)

Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007) IV CONVEGNO NAZIONALE DI IDRAULICA URBANA ACQUA E CITTA 2011 21-24 Giugno 2011, Venezia Nuovi strumenti modellistici applicati alla gestione e tutela della risorsa idrica PROGETTO TRUST (LIFE + 2007) M.

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI ALLEGATO II 1 0 R A P P O R T O S U L L A F O R M A Z I O N E N E L L A P A : I L G R U P P O D I L A V O R O E G L I A U T O R I D E G L I A P P

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L.

DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PIANO DEI PAGAMENTI EX ART. 6, COMMA 9, D.L. 35/2013 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN L. 64/2013 Fatture in C/Capitale non estinte alla data dell'8 Aprile 2013 1 F.lli

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP. A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede

A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP. A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede Altra Classe di Sede e A012 PORRECA Patrizia A058-A060-A074 Pisticci 101 95 95 DOP A016 COLLETTA Olga Ren. A072- Sostegno Policoro 46 40 Senza sede A017 GAUDIANO Domenico A039 ITC"Ol."MT 299 Matera 305

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli