Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009"

Transcript

1 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009

2 Sommario 1 Premessa Le componenti applicative Porta di dominio Infrastrutture per la cooperazione Registro degli Accordi di Servizio e Ontologie/Schemi concettuali Sistema di Sicurezza e Identità Federata Sistema di Monitoraggio SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 2

3 IL CONTENUTO DEL PRESENTE DOCUMENTO PUÒ ESSERE RIPRODOTTO, IN TOTO O IN PARTE, PER TUTTI GLI SCOPI FUNZIONALI ALL ADESIONE AL SISTEMA SPICCA DI REGIONE CAMPANIA ED È ESCLUSO L UTILIZZO A FINI DI LUCRO. PER L UTILIZZO DI QUANTO DI SEGUITO RIPORTATO SI DOVRÀ, IN TUTTI I CASI, CITARE COME FONTE IL PRESENTE DOCUMENTO. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 3

4 1 Premessa Il processo di digitalizzazione delle Amministrazione Pubbliche (in breve AA.PP.), denominato e government o e gov, ha interessato ed interessa, a vario titolo, tutte la pubblica amministrazione nell interesse comune del miglioramento dell efficienza, economicità, e incremento dell accessibilità ai servizi pubblici a tutti i cittadini e imprese, intesi quali naturali stakeholder. L esperienza maturata negli anni ha evidenziato che la possibilità da parte di una AA.PP. di offrire un servizio ai cittadini e alle imprese, ma più in generale per garantire alle strutture delle AA.PP. di dar seguito alle proprie funzioni, spesso necessita di una stretta interazione tra esse. In pratica risulta indispensabile conquistare una visione di rete delle AA.PP. favorendo lo scambio e la comunicazione tra tutti i nodi della stessa. Tale consapevolezza, nell ambito del processo di e gov in atto, si traduce: nell esigenza di coordinamento di processi realizzati con il concorso di trattamenti distribuiti tra sistemi informatici di cui sono responsabili soggetti pubblici e privati, al fine di assecondare l esecuzione di procedimenti amministrativi e la produzione di atti e provvedimenti amministrativi nel rispetto delle norme sulla confidenzialità e riservatezza dei dati; nella necessità di garantire il coordinamento e la collaborazione dei trattamenti distribuiti tra più sistemi informatici appartenenti a più soggetti pubblici e privati, al fine di assicurare il funzionamento interno delle amministrazioni e di fornire servizi di utilità alle altre amministrazioni, ai cittadini, alle imprese e alle associazioni, in conformità con i compiti istituzionali delle diverse amministrazioni. Il Sistema Pubblico di Cooperazione (in breve SPCoop), il cui riconoscimento normativo in ultimo è avvenuto attraverso il Codice dell Amministrazione Digitale (Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 aggiornato dal D.Lgs. n. 159 del 4 aprile 2006), rappresenta la risposta alle necessità evidenziate. La Regione Campania, sensibile alle problematiche narrate, e nel pieno rispetto delle specifiche tecniche emanate a livello nazionale in materia (specifiche tecniche SPCoop predisposte dal CNIPA nel novembre 2005 e successive modificazioni 1 ), ha realizzato il Sistema di Interoperabilità e Cooperazione applicativa in Campania (di seguito SPICCA). SPICCA assicura alla Amministrazione Regionale le infrastrutture tecnologiche necessarie per: 1 Nello specifico si segnalano di documenti pubblica dal CNIPA: QUADRO TECNICO D INSIEME pubblicato V. 1.0 del 14/10/ 2005 TERMINI E DEFINIZIONI pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 ACCORDO DI SERVIZIO pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 PORTA DI DOMINIO pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 BUSTA DI E GOV pubblicato V. 1.1 del 14/10/2005 LINEE GUIDA ALL USO DELLA BUSTA E GOV pubblicato V. 1.1 del 21/04/2008 SERVIZI DI REGISTRO pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 SERVIZI DI SICUREZZA pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 CONVENZIONI DI NOMENCLATURA E SEMANTICA pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 ESERCIZIO E GESTIONE pubblicato V. 1.0 del 14/10/2005 SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 4

5 realizzare soluzioni informatiche che possano cooperare con gli altri attori istituzionali (altre Regioni, Ministeri, Province, Comuni, ecc ) al fine di incrementare la propria efficienza nel conseguimento degli obiettivi legati alle proprie funzioni; promuovere presso le AA.PP. del territorio di riferimento la implementazione di sistemi integrati che favoriscano la condivisione delle informazioni e il coordinamento delle attività di competenza attraverso la costituzione di una Comunity Network. Attraverso SPICCA si passa ad un modello più generale di interoperabilità che permette ad un qualsiasi servizio disponibile di essere fruibile da utenti e Enti, garantendo contemporaneamente la misurabilità della qualità globale del servizio. Infatti, i criteri identificati per la realizzazione di SPICCA sono elementi generali e funzionali, basati su standard aperti non proprietari, che garantiscono l'autonomia nella scelta delle tecnologie realizzative ed organizzative da parte dei diversi Enti che intendono erogare dei servizi. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 5

6 2 Le componenti applicative Il modello logico di riferimento di elaborazione distribuita SPICCA (nel seguito modello SPICCA), prevede che ogni singola infrastruttura informatica dei diversi Enti è vista come un dominio unitario vincolato a meccanismi standard di interfacciamento che sono resi accessibili da un unico punto di accesso ai sistemi. Lo scambio informativo tra i vari domini, che concretizza la interoperabilità e cooperazione applicativa dei sistemi appartenente alla federazione, avviene attraverso l esposizione di servizi offerti dai singoli domini (erogatore), che realizzano l accesso alle specifiche capacità elaborative di un dominio, e utilizzati per il soddisfacimento delle specifiche necessità da altri domini (fruitori). In questo scenario di offerta e domanda di servizi si evidenzia la necessità di elementi neutri, da una prospettiva elaborativa, che assicurano agli erogatori di manifestare la propria offerta di servizi e nel contempo ai fruitori di rintracciare i servizi a loro necessari. Quanto delineato permette, all interno del modello SPICCA, di individuare due nodi funzionali: NDOM nodo di dominio considerati quali elementi funzionali atomici, che: 1. nella veste di erogatore rappresentano i centri di 'business process' e quindi devono esporre i servizi applicativi opportunamente indicizzati indipendentemente dal modello cooperativo; 2. nella veste di fruitori, che intende utilizzare i servizi offerti da altri, presenta le necessità di localizzare il servizio migliore, in termini di efficienza o di costo, e usufruire di un ambiente sicuro. NAG nodo aggregatore che riveste un duplice ruolo funzionale, nello specifico deve: 1. aggregare servizi, ossia realizzare le componenti di intermediazione che hanno il compito fondamentale di costruire nuovi servizi aggregandone degli altri; 2. assicurare agli NDOM i meccanismi di base (registrazione e ricerca) che nel loro insieme garantiscono all intera federazione di dar luogo alla elaborazione distribuita. Tutto ciò si è concretizzato nell architettura di cui si evidenziano le seguenti componenti funzionali: 1. Porta di Dominio 2. Registro Accordi di Servizio e Ontologie/Schemi concettuali 3. Componenti per la sicurezza e identità federata 4. Componenti per il monitoraggio SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 6

7 I componenti per l integrazione e l interoperabilità (Porta di dominio e Registro Accordi di Servizio e Ontologie/Schemi concettuali) assicurano le seguenti funzionalità: la gestione della busta di e government la pubblicazione dei servizi la ricerca dei servizi la gestione della registrazione di nuovi servizi Le componenti della gestione della sicurezza e identità federata assicurano le seguenti funzionalità: l Autenticazione, l Autorizzazione ed il tracciamento degli accessi utente la federazione dei sistemi di identità e la gestione dei rapporti di trust tra gli Enti Infine, le componenti per il monitoraggio assicurano la raccolta centralizzata di tutti gli eventi (log) generati dai vari sistemi presenti. 2.1 Porta di dominio Dalle specifiche SPCoop, La Porta di dominio è l insieme dei componenti distribuiti che implementano le funzionalità infrastrutturali che permettono la messa in opera dello scambio di messaggi e dei requisiti di sicurezza e di qualità di servizio, a livello connessione e porta in modo indipendente dalla logica applicativa. Obiettivo della Porta di Dominio è consentire la comunicazione tra una PA che espone i propri servizi ed altre AAPP; la PDD è un componente che espone due interfacce: quella esterna deve aderire ad un set di standard per consentire l'interoperabilità con le PDD di altre PA; quella interna è dipendente dalle risorse tecnologiche interne del soggetto dell SPCoop. Dalla definizione appena data, si comprende come una Porta di Dominio a livello concettuale funga da Proxy per l'accesso alle risorse applicative tra diversi domini SPC. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 7

8 La specifica implementazione della PDD realizzata da Regione Campania, coerentemente lale specifiche tecniche impartite dal CNIPA in merito, prevede una suddivisione logicamente in una componente di Cooperazione ed una di Integrazione: la prima, rivolta verso l'esterno della PDD, è incaricata delle comunicazioni fra Porte di Dominio (busta e gov); la seconda interagisce con la logica e l'architettura dell'infrastruttura che deve servire (OpenPDD level 2 o E PROXY/I PROXY). Nello specifico delle caratteristiche della Porta di Dominio realizzata nell'ambito del Progetto SPICCA sono: Gestione completa Busta e Government con supporto dei profili: OneWay, Sincrono, Asincrono Asimmetrico e Asincrono Simmetrico Supporto completo ad OpenPDD L2:Porta Applicativa e Porta Delegata Gestione Sicurezza (WS Security): Token username/password, Token X.509 (firma elettronica) e Token SAML (di attributo e di autenticazione) Gestione Transazioni: Attive e Storico Gestione Diagnostici e Gov Gestione Attach: SOAP w/attachement WS I attach profile 1.x Gestione PKCS#7: Firma Allegati e Cirfratura Allegati Gestione trattamenti: Client Request, Client Response, Server Request e Server Response Gestione log centralizzata SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 8

9 Cooperazione via Publish&Subscribe: Interazione PUSH e Interazione PULL Notifica esito transazioni via Consolle web di configurazione e monitoraggio 2.2 Infrastrutture per la cooperazione In quanto segue si descrivono le infrastrutture di servizio implementate per assicurare l interoperabilità e cooperazione applicativa tra i sistemi informatici delle AA.PP. Campane e i principi di base per la concreta implementazione di nuovi servizi Registro degli Accordi di Servizio e Ontologie/Schemi concettuali Per istaurare una relazione di cooperazione tra sistemi è necessario definire un accordo esplicito sull'erogazione/fruizione delle prestazioni del servizio: l Accordo di Servizio (AS). Esso definisce le prestazioni offerte dal servizio e le modalità di erogazione/fruizione: le funzionalità del servizio, le interfacce di scambio dei messaggi tra erogatore e fruitore, i requisiti di qualità di servizio dell erogazione/fruizione ed i requisiti di sicurezza dell erogazione/fruizione. Inoltre, l'accordo di servizio mantiene un riferimento all ontologia/schema concettuale che definisce la semantica dell informazione veicolata dal servizio. Semplificando si può affermare la componente qui descritta consente la gestione, in tutti i suoi aspetti, dell Accordo di Servizio (e di Cooperazione), mettendo a disposizione tutte le necessarie funzioni a tale scopo. il registro SICA mette a disposizione un insieme di servizi infrastrutturali di registrazione e ricerca di informazioni. Nello specifico il REGISTRO DEGLI ACCORDI DI SERVIZIO E ONTOLOGIE/SCHEMI CONCETTUALI (in breve Registro SICA) consente la gestione degli stati, delle transizioni di stato e l accesso alle informazioni sullo stato delle seguenti risorse: SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 9

10 soggetti della comunità regionale; entità di cui tali soggetti sono responsabili; servizi presentati sulla comunità regionale di cui i soggetti sono titolari; accordi di servizio afferenti alla comunità regionale; punti di accesso dei servizi presentati nella comunità regionale. Soggetto Erogatore Erogatore e Fruitore Stipulano un Accordo di Servizio Soggetto Fruitore Il Soggetto Erogatore Inserisce l Accordo di Servizio nel Registro SICA Accordo di Servizio Amministratore RegistroSICA L amministratore del Registro SICA Valida e Pubblica l Accordo di Servizio Inserimento Accordo di Servizio Validazione e Pubblicazione Accordo di Servizio Di conseguenza il Registro SICA, come già accennato, consente: la gestione dei soggetti della comunità regionale; la registrazione di nuovi servizi; la pubblicazione e l amministrazione dei servizi; il monitoraggio dei livelli dei servizi; la sottoscrizione e notifica di eventi; la ricerca dei servizi; e non da meno, al fine di assicurare la piena integrazione della comunità regionale a tutto il mondo SPCoop, deve assicurare la sincronizzazione dei contenuti con il registro SICA generale implementato in ambito nazionale dal CNIPA. Il Registro SICA, secondo quanto indicato dalle specifiche CNIPA, nasce come estensione di un registro di servizi infrastrutturali di registrazione e ricerca di informazioni conforme allo standard UDDI (Universal Directory & Description Interface, il registro di servizi Web più usato e consolidato) aggiungendo a quest ultimo funzionalità di memorizzazione di documenti contenenti informazioni descritte in linguaggio XML. Nell'ambito di SPICCA è stato realizzato un Registro SICA, basato su architetture standard multipiattaforma, che prevede la suddivisione dell architettura dello stesso in due componenti fondamentali: componente di BackEnd e componente di FrontEnd. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 10

11 La seguente tabella sintetizza le interfacce offerta dall implementazione realizzata in Regione Campania. Funzionalità FrontEnd Funzionalità BackEnd Funzionalità CNIPA Ricerca Ricerca Servizio Ricerca Soggetto Ricerca Ontologia SicaInquiryOperations getdocument findservice findorganization findservicebyorganization finddistributedservice findmadeusedservice findas findontologia getdocumentontologia Funzionalità di Ricerca Pubblicazione Nuovo Servizio Nuovo Servizio da Ontologia Nuovo Servizio Figlio Lista Servizi Amministrazione Nuovo Soggetto Nuova Ontologia Lista Ontologie Servizi da Pubblicare Servizi Pubblicati Visualizzazione Stato Servizi Amministrazione Utenti Lista Utenti Registra Nuovo Utente SicaPublishOperations publishorganization publishservicewithontologia publishservice publishservicechild updatestateservice publishontologia Funzionalità di Registrazione Servizi Funzionalità di Registrazione Soggetti Funzionalità di Registrazione Ontologie Funzionalità di Gestione Funzionalità di Gestione Sistema di Sicurezza e Identità Federata La componente qui descritta rappresenta il modulo di SPICCA legato alla gestione degli accessi in sicurezza alle applicazioni software (web e document based). In particolare, si tratta di moduli software legati all Autenticazione, all Autorizzazione ed al tracciamento dell utilizzo delle risorse da parte degli SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 11

12 utenti. Al fine di assicurare il corretto utilizzo della componente sono definite le modalità (linee guida) secondo le quali i sistemi di gestione degli accessi dei diversi Enti devono interoperare, al fine di garantire l accesso federato ai servizi: la soluzione prevede la creazione di una "federazione" di Enti, in cui ciascun Ente eroga in sicurezza dei servizi verso la comunità regionale. È utile definire alcuni concetti: le entità che espongono i servizi applicativi in modo protetto vengono denominate Service Provider (SP). Il loro obiettivo è quello di controllare l accesso alle risorse esposte, in modo da garantirne l utilizzo solo da utenti autenticati/autorizzati le entità che espongono le funzionalità di autenticazione utente sono denominate Identity Provider (IdP). Il loro scopo è quello di fornire le necessarie informazioni di autenticazione ai SP, in modo da abilitare le richieste di servizio degli utenti. L Identità Federata si può quindi definire come l insieme di tecnologie, standards ed accordi che permettono ad un insieme di SP di accettare come validi gli identificatori utente gestiti da un altro insieme (non necessariamente distinto) di Identity Provider. Una tale comunità di providers (SP ed IdP) viene tipicamente denominata federazione (federation) o circle of trust. Un tale approccio implementa implicitamente il Single Sign On (SSO), ovvero la possibilità per un utente di autenticarsi presso il suo Identity Provider di riferimento e, successivamente, di accedere ai servizi esposti da tutti i Service Providers della Federazione. Questo approccio comporta però la presenza di accordi di trust tra providers e l adozione di uno standard comune per lo scambio delle credenziali o asserzioni. L Identità Federata può essere realizzata sia in ambienti web based che in ambienti basati su scambi di messaggi in formato XML e webservices (Document Based), o in ambienti dove sono previsti entrambi. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 12

13 Nel primo caso l utente accede, mediante browser, ad un sito web esposto da un partner, inserendo nell header della richiesta anche le informazioni di autenticazione / attributo (secondo il protocollo ed il formato concordato). Il sito web prevede un meccanismo di protezione che filtra le richieste ricevute e verifica l identità ed il livello di autorizzazione dell utente mediante i meccanismi specificati dallo standard adottato (SAML). In questo caso si parla di Web based Single Sign On (SSO), in particolare, di Federated SSO (F SSO). Nel secondo caso, i partner comunicano tra loro mediante documenti XML per richiedere ed esporre servizi (mediante webservices/busta e Gov). In questo caso l Identità Federata è realizzata inserendo degli opportuni Token di Sicurezza all interno dell Header dei messaggi SOAP (SAML, certificati X.509, Login/Password, ecc.) secondo quanto descritto dallo standard Web Services Security (WS Security). In questo caso si parla di Web Services Security Management Sistema di Monitoraggio Questa componente permette di tracciare e monitorare applicativi che si basano su Log4J, fornendo meccanismi di filtraggio, ricerca sui Log, generazione di report verticali e di analisi. Il sistema di tracciabilità può essere suddiviso in tre sottosistemi: Sensore Terminale Log Server WebApplication Administration Log Console SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 13

14 Il sottosistema del Sensore Terminale include i componenti che riguardano la parte client del sistema di tracciabilità, occupandosi dell invio garantito dei log al sottosistema Server. Il sottosistema del Log Server, include i componenti che si interessano del processing dei log giunti al server. La WebApplication Administration Log Console è un'applicazione web che fornisce funzionalità per l amministrazione del log server da remoto e di ricerca di log secondo parametri definiti. L architettura del sistema è stata pensata in maniera tale da garantire che il log inviati arrivino al server e vengano salvati sul database. Per l invio dei log al server viene utilizzata la tecnologia JMS (Java Message Service), che fornisce una piattaforma comune per lo scambio di messaggi. Il log dall applicazione avviene utilizzando il Framework log4j strumento tipico per rispondere alle tipiche esigenze di applicazioni Java. Attraverso la definizione di Appender è possibile inviare i log a destinazioni svariate. In questo caso il JMSAppender permetterà l invio di log, realizzati secondo opportune specifiche per tracciare eventi ed operazioni verificatesi, attraverso code JMS. Al fine di garantire il corretto invio dei log, nel caso in cui si verificano problemi durante l invio, il salvataggio del log avviene in locale. Nel Log Server è poi presente un provider JMS, basato su ActiveMQ. Il vantaggio della tecnologia JMS è quello di mantenere completamente separato il sistema di messagging utilizzato dall applicazione che lo utilizza. L applicazione viene scritta in maniera assolutamente standard utilizzando gli oggetti ed i metodi di SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 14

15 JMS lasciando assoluta libertà di scelta sul motore di messagging a patto che questi supporti l interfaccia JMS. ra le funzionalità supportate vi sono: consegna asincrona dei messaggi possibilità di selezionare i messaggi supporto per messaggi di tipo publish/subscribe Il componente che consuma i log giunti alla coda JMS è il LogConsumer, che esegue le opportune azioni di filtraggio per l elaborazione del log e registrazione su RDBMS, file, ecc. Tramite la log console sono gestiti i parametri di configurazione utilizzati dalle altre componenti del sottosistema di Log. Inoltre, la Log Console consente la ricerca e visualizzazione dei log con tecniche basate sull'analisi OLAP. SPICCA: Visione Generale v.1.0 del 25/08/2009 Pagina 15

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA

Guida alla realizzazione della cooperazione applicativa in SPICCA Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Modello logico/architetturale di riferimento... 9 3 Precondizioni all implementazione di un SID su CA... 11 3.1 Strutture interne della Regione Campania...

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 I protocolli di

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole

Guida Utente della PddConsole. Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole i Guida Utente della PddConsole Guida Utente della PddConsole ii Copyright 2005-2014 Link.it srl Guida Utente della PddConsole iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per

Dettagli

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4

Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i. Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 i Manuale Gestione di OpenSPCoop 1.4 ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Prerequisiti per la Configurazione della Porta di Dominio 1 2.1 Verifica dell applicazione di gestione

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1

Manuale gestione Porta di Dominio OpenSPCoop 1.1 i Manuale gestione Porta di Dominio ii Copyright 2005-2008 Link.it srl Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti sono riservati. Non è permesso

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza INTEROPERABILITÀ E COOPERAZIONE APPLICATIVA Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi.

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi. AREA SERVIZI ICT Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo hosting.polimi.it Indice 1. Anagrafica unica di Ateneo... 4 1.1. Introduzione all anagrafica

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT Area Servizi ICT Servizi hosting di Ateneo - Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo Versione 1.1 http://hosting.polimi.it Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop

Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Informatica Proposta di un architettura modulare per lo sviluppo della Porta di Dominio SPCoop Relatore:

Dettagli

Intarsio IAM Identity & Access Management

Intarsio IAM Identity & Access Management Intarsio IAM Identity & Access Management 2/35 Intarsio Interoperabilità Applicazioni Reti Servizi Infrastrutture Organizzazione 3/35 Una linea per molti servizi Una definizione: Intarsio è la nuova linea

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

Scenari di Deployment i. Scenari di Deployment

Scenari di Deployment i. Scenari di Deployment i Scenari di Deployment ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 La configurazione minima 1 3 La gestione totalmente centralizzata 3 4 Porte di Dominio Locali con Registro Centrale

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE, OO.PP. E MOBILITA Ufficio Difesa del Suolo di Potenza SISTEMA FEDERATO DI AUTENTICAZIONE Informatizzazione dell iter procedurale e dei controlli relativi

Dettagli

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID)

MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) MODELLO DI GESTIONE FEDERATA DELLE IDENTITÀ DIGITALI (GFID) Versione 1.5 INDICE 1. PREFAZIONE...5 1.1. Autori... 5 1.2. Modifiche Documento... 5 1.3. Riferimenti... 6 1.4. Acronimi e Definizioni... 6 2.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della

(Allegato C ) Allegato C. Misure di sicurezza. Il presente allegato descrive le caratteristiche della (Allegato C ) Allegato C Misure di sicurezza Il presente allegato descrive le caratteristiche della piattaforma e le misure adottate per garantire l'integrita' e la riservatezza dei dati scambiati e conservati,

Dettagli

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010

Architettura CART Versione 3.6 14/09/2010 Versione 3.6 14/09/2010 Indice dei Contenuti 1. PREFAZIONE... 3 2. INTRODUZIONE... 3 3. ARCHITETTURA GENERALE DEL CART... 4 3.1. COMPONENTI DELL ARCHITETTURA E INTERFACCE... 7 3.1.1. Il Registro SICA Secondario...

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1

MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP. Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 MONITORAGGIO UNITARIO PROGETTI 2007/2013 PROTOCOLLO DI COLLOQUI ANALISI ATTIVAZIONE SERVIZIO IGRUE IN SPCOOP Link.it srl - Analisi Servizio IGRUE 1 Panoramica L'attuale sistema IGRUE è composto da: Il

Dettagli

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management)

Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 91/Ric. del 5 luglio 2012 Framework di sicurezza della piattaforma OCP (Identity & Access Management) AAI: Il problema che OCP ha affrontato

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Il modello ICAR per la gestione dell Identit

Il modello ICAR per la gestione dell Identit Il modello ICAR per la gestione dell Identit Identità Digitale Federata Architettura, opportunità e prospettive di convergenza Forum PA 2008, Roma 15 maggio 2008 Massimiliano Pianciamore massimiliano.pianciamore@cefriel.it

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Le infrastrutture open source per la cooperazione applicativa nella pubblica amministrazione: l'esperienza in Regione del Veneto Dirigente del Servizio Progettazione e Sviluppo Direzione Sistema Informatico

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) un caso d uso Centro Integrato di Prenotazione della Regione Campania CUReP DIT WorkShop Cup on line interregionale

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Incontro fornitori terze parti Potenza, 30 giugno 2011 Consorzio Integra e Centro Servizi Basilicata Regione Basilicata

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop

La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica TESI DI LAUREA La Gestione degli Accordi di Cooperazione nel progetto OpenSPCoop Relatori prof.

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket.

Portale regionale della Salute. Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Portale regionale della Salute Servizi di prenotazione prestazione e pagamento ticket. Specifiche di integrazione dei servizi di cooperazione applicativa e dei web services. Versione 1.10 16 Ottobre 2013

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli

SIRV-INTEROP Sicurezza basata sui ruoli SIRV-INTEROP (UML-A8.2-0) 06 ottobre 2004 Approvazioni Il presente documento è stato approvato da: UML-A8.2-0 18/11/05 16.25 2 Storia delle Modifiche Versione Data Descrizione Riferimenti Numero Titolo

Dettagli

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On

Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Elementi di Sicurezza e Privatezza Lezione 18 Autenticazione: Single Sign On Chiara Braghin chiara.braghin@unimi.it Lab 8 Visti i problemi con la macchina virtuale e la rete, l assignment è sospeso 1 Autenticazione

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST

IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST N. 1 PROMUOVERE IL SUCCESSO DELLA TRANSIZIONE DELL ITALIA VERSO LA CULTURA DELL INNOVAZIONE. L ontologia della Pubblica Amministrazione. IL RUOLO DELLE REGIONI COME CST Regione Marche Lucio Forastieri

Dettagli

Porta di Dominio Architettura del Software

Porta di Dominio Architettura del Software Porta di Dominio Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 5 1.1 Scopo... 5 1.2 Obiettivo... 5 1.3 Definizioni, Acronimi, e Abbreviazioni... 5 1.4 Riferimenti...

Dettagli

[TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi (TS-CNS)

[TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) Progetto cofinanziato dall Unione Europea Fondo Europeo di Sviluppo Regionale POR FESR Sardegna 2007-2013 [TS-CNS-INFRA] Gestione del ciclo di vita della Tessera sanitaria e della Carta nazionale dei servizi

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Ver. 1.0 11 Gennaio 2006 Riferimenti Documentazione CART - Regione Toscana [RT-PDK] Proxy Developer

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2014 Link.it srl iii Indice 1 Novità di OpenSPCoop-v2 rispetto ad OpenSPCoop 1 1.1 Protocollo di Cooperazione personalizzabile tramite plugin.............................

Dettagli

Identity Access Management nel web 2.0

Identity Access Management nel web 2.0 Identity Access Management nel web 2.0 Single Sign On in applicazioni eterogenee Carlo Bonamico, NIS s.r.l. carlo.bonamico@nispro.it 1 Sommario Problematiche di autenticazione in infrastrutture IT complesse

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA

ASPETTI DI SICUREZZA NELLA ASPETTI DI SICUREZZA NELLA COOPERAZIONE TRA I SERVIZI Versione 1.0 INDICE 1. PREFAZIONE...3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4 2. OBIETTIVI

Dettagli

Servizio. Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Servizio. Governance e linee guida tecnicoorganizzative Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative della Federazione INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema FedERa 5 3. Il governo

Dettagli

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop i Gestione XML della Porta di Dominio ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio 5 3.1 Soggetto SPCoop...................................................

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

System & Network Integrator. Rap 3 : suite di Identity & Access Management

System & Network Integrator. Rap 3 : suite di Identity & Access Management System & Network Integrator Rap 3 : suite di Identity & Access Management Agenda Contesto Legislativo per i progetti IAM Impatto di una soluzione IAM in azienda La soluzione di SysNet: Rap 3 I moduli l

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI A. Modalità di erogazione del servizio 1. Oggetto Gli ordinativi informatici dovranno essere sottoscritti con Firma Digitale dai

Dettagli

La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Settembre 2003

La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Settembre 2003 La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Settembre 2003 La piattaforma Oracle per la realizzazione di portali per la Pubblica Amministrazione

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione della rete GARR (IDEM) basata su Shibboleth

Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione della rete GARR (IDEM) basata su Shibboleth Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Integrazione di CampusNet nell infrastruttura di autenticazione ed autorizzazione

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2

Release Notes di OpenSPCoop2. Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 i Release Notes di OpenSPCoop2 Release Notes di OpenSPCoop2 ii Copyright 2005-2015 Link.it srl Release Notes di OpenSPCoop2 iii Indice 1 Versione 2.1 1 1.1 Gestione del protocollo

Dettagli

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop

Release Notes di OpenSPCoop i. Release Notes di OpenSPCoop i Release Notes di OpenSPCoop ii Copyright 2005-2011 Link.it srl iii Indice 1 Versione 1.4 1 1.1 Adeguamento al nuovo sistema di qualificazione di DigitPA............................. 1 1.2 Nuova modalità

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Il Sistema Pubblico di connettività

Il Sistema Pubblico di connettività Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC): i consuntivi del primo periodo di attività Il Sistema Pubblico di connettività I cittadini e le imprese richiedono alla Pubblica Amministrazione di presentarsi

Dettagli

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID)

Allegato 3 Sistema per l interscambio dei dati (SID) Sistema per l interscambio dei dati (SID) Specifiche dell infrastruttura per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario Introduzione...

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti e PA Francesco Tortorelli 22 Gennaio 2010 Gli strumenti di semplificazione dei rapporti tra professionisti

Dettagli

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo

L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali. roberto palumbo L autenticazione in rete e accesso ai servizi digitali roberto palumbo Identità virtuali per servizi reali L apparato normativo e la concreta implementazione delle nuove tecnologie rendono sempre più reale

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli