RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Giovedì, 22 gennaio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Giovedì, 22 gennaio 2015"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Giovedì, 22 gennaio 2015

2 22/01/2015 Gazzetta di Reggio Pagina 10 Allarme Confcommercio «Le Pmi sono a secco» 1 21/01/2015 Sassuolo2000 Confcommercio Reggio Emilia sul credito 2 21/01/2015 Bologna2000 Confcommercio Reggio Emilia sul credito 4 22/01/2015 Cronache del Garantista (ed. Catanzaro) Pagina 9 Favorire l' accesso agli aiuti antiusura 6 22/01/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 41 Il giudice può ricalcolare gli interessi 7 22/01/2015 ilsole24ore.com Marina Castellaneta Il giudice può ricalcolare gli interessi 9 22/01/2015 Gazzetta del Sud (ed. Cosenza) Pagina 25 In tempi di crisi si campa grazie a nonni e zii 10 21/01/2015 gazzettadireggio.it La Confcommercio lancia l' allarme credito: le Pmi a secco 12 21/01/2015 Reggio Nel Web ReggioNelWeb Magazine Credito alle imprese: "E' sempre notte" 14 21/01/2015 Helpconsumatori RASSEGNA STAMPA OLTRE IL DIRITTO Giovedì, 22 gennaio 2015 Riforma banche, le reazioni dei Consumatori 16 22/01/2015 La Nuova Sardegna (ed. Oristano) Pagina 22 Sfratto, cade l' ultima mediazione 18

3 22 gennaio 2015 Pagina 10 Gazzetta di Reggio Allarme Confcommercio «Le Pmi sono a secco» La presidente Prampolini: «I prestiti alle imprese sono scesi dell' 8,3%» Secondo l' analisi dell' associazione i tassi sono il doppio rispetto alla Francia. REGGIO EMILIA Confcommercio interviene sulla questione del credito per le imprese con alcuni dati che evidenziano una situazione ancora difficile e diverse proposte: «E' necessario un salto di qualità imprenditoriale e creditizio dice la presidente di Confcommercio Reggio Emilia Donatella Prampolini Manzini le banche non devono guardare soltanto ai numeri dei bilanci: non si fa sviluppo con le speculazioni e senza aiutare famiglie e imprese». Le condizioni del credito riservate alle micro, piccole e medie imprese restano estremamente difficili. «Tra il giugno 2011 e il settembre 2014 il credito alle imprese è sceso dell' 8,3% spiega Prampolini citando l' analisi presentata da Confcommercio il 20 gennaio I tassi reali pagati da una Pmi italiana sono attualmente superiori a quelli degli altri Paesi, più che doppi ad esempio rispetto alla Francia. A fine 2013 più del 60% delle Pmi italiane, secondo i dati Bce, registra un aumento dei costi accessori del credito: un primato europeo di cui ovviamente c' è poco da rallegrarsi. Nel nostro Paese, inoltre, una Pmi paga oggi mediamente tra il triplo e il quadruplo rispetto una media o grande impresa. E' vero, sono salite anche le sofferenze: ma si tratta di una frazione fisiologica, un costo compreso nel margine di intermediazione». Per la presidente di Confcommercio, «una prima questione è rappresentata dalle garanzie: negli ultimi tempi si è puntato sempre di più a una garanzia pubblica emarginando il ruolo dei confidi. Bisogna invece rilanciarne fortemente il ruolo perché senza confidi sarebbero fallite molte più aziende. Il fatto stesso che più del 50% dei beni confiscati alle mafie restino inattivi, può cambiare: potrebbero costituire un fondo mobiliare di garanzia a supporto delle aziende confiscate e per le start up, con cogaranzia dei confidi stessi». Secondo Prampolini, «al posto della commissione di massimo scoperto sono state introdotte due nuove voci, molto più costose per le imprese: la concessione di affidamento e la commissione di istruttoria veloce». Per questo, conclude la presidente di Confcommercio, «occorre trovare un metodo per legare i costi di questi servizi a quello reale sostenuto dalla banca. E' anche evidente la differenza che esiste tra quanto dice la Bce e quanto fanno gli istituti sul territorio dove le banche hanno puntato su finanziamenti speculativi invece di aiutare imprese e famiglie, e così non si fa sviluppo». GUARDA L' ANALISI DEI DATI E COMMENTA 1

4 21 gennaio 2015 Sassuolo2000 Confcommercio Reggio Emilia sul credito bancario: "per le imprese è sempre notte" Le condizioni del credito riservate alle micro, piccole e medie imprese restano estremamente difficili. "Tra il giugno 2011 e il settembre 2014 il credito alle imprese è sceso dell' 8,3%", spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio Imprese per l' Italia della provincia di Reggio Emilia. "I tassi reali pagati da una Pmi italiana prosegue Donatella Prampolini Manzini, citando l' analisi presentata da Confcommercio il 20 gennaio sono attualmente superiori a quelli degli altri Paesi, più che doppi ad esempio rispetto alla Francia. A fine 2013 più del 60% delle Pmi italiane, secondo i dati Bce, registra un aumento dei costi accessori del credito: un primato europeo di cui ovviamente c' è poco da rallegrarsi. Nel nostro Paese, inoltre, una Pmi paga oggi mediamente tra il triplo e il quadruplo rispetto una media o grande impresa. E' vero, sono salite anche le sofferenze: ma si tratta di una frazione fisiologica, un costo compreso nel margine di intermediazione". "E' necessario un salto di qualità imprenditoriale e creditizio, le banche non devono guardare soltanto ai numeri dei bilanci", continua Donatella Prampolini Manzini, illustrando una serie di proposte per affrontare il problema del credito alle imprese. "Una prima questione dice Donatella Prampolini Manzini è rappresentata dalle garanzie: negli ultimi tempi si è puntato sempre di più a una garanzia pubblica emarginando il ruolo dei confidi. Bisogna invece rilanciarne fortemente il ruolo perché senza confidi sarebbero fallite molte più aziende. Il fatto stesso che più del 50% dei beni confiscati alle mafie restino inattivi, può cambiare: potrebbero costituire un fondo mobiliare di garanzia a supporto delle aziende confiscate e per le start up, con cogaranzia dei confidi stessi". "Al posto della commissione di massimo scoperto aggiunge la Presidente di Confcommercio Reggio Emilia sono state introdotte due nuove voci, molto più costose per le imprese: la concessione di affidamento e la commissione di istruttoria veloce. Occorre trovare un metodo per legare i costi di questi servizi a quello reale sostenuto dalla banca. E' anche evidente la differenza che esiste tra quanto dice la Bce e quanto fanno gli istituti sul territorio dove le banche hanno puntato su finanziamenti speculativi invece di aiutare imprese e famiglie, e così non si fa sviluppo". "Seguiamo anche con una certa apprensione conclude infine Donatella Prampolini Manzini le notizie sulla riforma allo studio per le banche popolari e la preoccupazione aumenterebbe se riguardasse anche le banche di credito cooperativo: si rischia di depotenziare una forma di credito che da sempre è vicina alle autonomie locali, all' impresa sociale. Sono state tra le poche banche che hanno retto alla crisi e che Continua > 2

5 21 gennaio 2015 < Segue Sassuolo2000 hanno continuato a finanziare imprese e famiglie. Stravolgerne la governance abolendo il voto capitario sarebbe la fine della partecipazione popolare che ha determinato lo sviluppo del territorio e rischierebbe di buttarle in pasto alle grandi speculazioni. E' fondamentale dice la presidente Prampolini Manzinimantenere il rapporto tra il territorio e le banche, tra un direttore di una banca e un imprenditore del posto. Non possiamo affidarci solo ai computer".! Start WP. 3

6 21 gennaio 2015 Bologna2000 Confcommercio Reggio Emilia sul credito bancario: "per le imprese è sempre notte" Le condizioni del credito riservate alle micro, piccole e medie imprese restano estremamente difficili. "Tra il giugno 2011 e il settembre 2014 il credito alle imprese è sceso dell' 8,3%", spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio Imprese per l' Italia della provincia di Reggio Emilia. "I tassi reali pagati da una Pmi italiana prosegue Donatella Prampolini Manzini, citando l' analisi presentata da Confcommercio il 20 gennaio sono attualmente superiori a quelli degli altri Paesi, più che doppi ad esempio rispetto alla Francia. A fine 2013 più del 60% delle Pmi italiane, secondo i dati Bce, registra un aumento dei costi accessori del credito: un primato europeo di cui ovviamente c' è poco da rallegrarsi. Nel nostro Paese, inoltre, una Pmi paga oggi mediamente tra il triplo e il quadruplo rispetto una media o grande impresa. E' vero, sono salite anche le sofferenze: ma si tratta di una frazione fisiologica, un costo compreso nel margine di intermediazione". "E' necessario un salto di qualità imprenditoriale e creditizio, le banche non devono guardare soltanto ai numeri dei bilanci", continua Donatella Prampolini Manzini, illustrando una serie di proposte per affrontare il problema del credito alle imprese. "Una prima questione dice Donatella Prampolini Manzini è rappresentata dalle garanzie: negli ultimi tempi si è puntato sempre di più a una garanzia pubblica emarginando il ruolo dei confidi. Bisogna invece rilanciarne fortemente il ruolo perché senza confidi sarebbero fallite molte più aziende. Il fatto stesso che più del 50% dei beni confiscati alle mafie restino inattivi, può cambiare: potrebbero costituire un fondo mobiliare di garanzia a supporto delle aziende confiscate e per le start up, con cogaranzia dei confidi stessi". "Al posto della commissione di massimo scoperto aggiunge la Presidente di Confcommercio Reggio Emilia sono state introdotte due nuove voci, molto più costose per le imprese: la concessione di affidamento e la commissione di istruttoria veloce. Occorre trovare un metodo per legare i costi di questi servizi a quello reale sostenuto dalla banca. E' anche evidente la differenza che esiste tra quanto dice la Bce e quanto fanno gli istituti sul territorio dove le banche hanno puntato su finanziamenti speculativi invece di aiutare imprese e famiglie, e così non si fa sviluppo". "Seguiamo anche con una certa apprensione conclude infine Donatella Prampolini Manzini le notizie sulla riforma allo studio per le banche popolari e la preoccupazione aumenterebbe se riguardasse anche le banche di credito cooperativo: si rischia di depotenziare una forma di credito che da sempre è vicina alle autonomie locali, all' impresa sociale. Sono state tra le poche banche che hanno retto alla crisi e che Continua > 4

7 21 gennaio 2015 < Segue Bologna2000 hanno continuato a finanziare imprese e famiglie. Stravolgerne la governance abolendo il voto capitario sarebbe la fine della partecipazione popolare che ha determinato lo sviluppo del territorio e rischierebbe di buttarle in pasto alle grandi speculazioni. E' fondamentale dice la presidente Prampolini Manzinimantenere il rapporto tra il territorio e le banche, tra un direttore di una banca e un imprenditore del posto. Non possiamo affidarci solo ai computer". 5

8 22 gennaio 2015 Pagina 9 Cronache del Garantista (ed. Catanzaro) CICAS. Favorire l' accesso agli aiuti antiusura Il recente seminario svolto in Prefettura sul tema del contrasto all' usura e al racket delle estorsioni ha suscitato l' interesse della Cicas, presente con una sua delegazione. «La Cicas si legge è consapevole dello sforzo che lo Stato compie per aprire un varco nel muro di solitudine e impotenza che limita la vita di chi è entrato nel vortice oscuro dell' usura e della estorsione. In Calabria nel 2014 lo Stato ha versato 3,5 milioni di euro a vittime di estorsione che in questa realtà sembra il reato predominante sull' usura per la quale non ci sono denunce, ma che è reato diffuso e, come è autorevolmente ripetuto in diversi contributi, non esclusivo appannaggio dei circuiti criminali. Come ha riconosciuto il procuratore Lombardo, la legislazione per fronteggiare l' usura bancaria è ampiamente insufficiente. La Cicas pensando che occorra da un lato sveltire e sburocratizzare al massimo le procedure di accesso ai provvedimenti di sostegno a usurati ed estorti e dall' altro ampliare la platea dei denuncianti, farà opera di divulgazione e di orientamento preso gli associati affinché il varco aperto dalle misure governative diventi un passaggio frequentato e funzionale verso l' effettivo e corale contrasto all' usura e alla estorsione». 6

9 22 gennaio 2015 Pagina 41 Il Sole 24 Ore Mutui. Secondo la Corte Ue, se c' è una clausola abusiva, il contratto resta valido per la parte residua. Il giudice può ricalcolare gli interessi Nei contratti di mutuo ipotecario che contengono una clausola abusiva può essere affidato al giudice nazionale, alle prese con un procedimento di esecuzione ipotecaria, il compito di ricalcolare le somme dovute come interessi moratori. A patto, però, che la valutazione non abbia effetti sulla qualificazione del carattere abusivo della clausola. È stata la Corte di giustizia Ue, nella sentenza depositata ieri (cause riunite C 482/13 e altre), a intervenire per chiarire le conseguenze relative all' abusività delle clausole contrattuali e delimitare i poteri del giudice nazionale rispetto all' applicazione dell' articolo 6 della direttiva 93/13 sulle clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori (recepita in Italia col Dlgs 206/2005, il Codice del consumo). In base a questa norma, le clausole abusive non vincolano il consumatore, ferma restando la possibilità che il contratto resti vincolante per la parte residua. La vicenda approdata a Lussemburgo, su rinvio pregiudiziale del Tribunale di primo grado di Marchena (Spagna), nasce da molteplici controversie tra alcuni istituti bancari spagnoli e numerosi consumatori che avevano stipulato un contratto di mutuo ipotecario. Al mancato pagamento di una rata, le banche avevano fatto valere una clausola in base alla quale, in caso di inadempimento da parte del mutuatario, il mutuante poteva chiedere il pagamento dell' intero capitale più l' interesse. Nel corso del procedimento di esecuzione forzata il giudice nazionale ha chiamato in aiuto la Corte Ue. Che, prima di tutto, ha chiarito che l' obiettivo principale della direttiva Ue, nel segno della tutela del consumatore, è quello della rimozione della clausola abusiva. Raggiunto quest' obiettivo, la direttiva osserva la Corte non impedisce un intervento del giudice nazionale sul calcolo degli interessi di mora. Di conseguenza, il giudice di uno Stato membro, nei casi in cui si trovi a decidere su un procedimento di esecuzione ipotecaria, può far ricalcolare le somme dovute e previste in un contratto di mutuo ipotecario con interessi moratori il cui tasso era superiore al triplo di quello legale. Senza, però, che l' attività di ricalcolo sul tasso degli interessi di mora incida sulla qualificazione del carattere abusivo della clausola. Non solo. L' autorità giurisdizionale nazionale deve mantenere fermo il potere di disapplicare la clausola, accertata la contrarietà alla direttiva. RIPRODUZIONE RISERVATA Marina Castellaneta. Continua > 7

10 22 gennaio 2015 Pagina 41 < Segue Il Sole 24 Ore 8

11 22 gennaio 2015 ilsole24ore.com Il giudice può ricalcolare gli interessi Nei contratti di mutuo ipotecario che contengono una clausola abusiva può essere affidato al giudice nazionale, alle prese con un procedimento di esecuzione ipotecaria, il compito di ricalcolare le somme dovute come interessi moratori. A patto, però, che la valutazione non abbia effetti sulla qualificazione del carattere abusivo della clausola. È stata la Corte di giustizia Ue, nella sentenza depositata ieri (cause riunite C 482/13 e altre), a intervenire per chiarire le conseguenze relative all' abusività delle clausole contrattuali e delimitare i poteri del giudice nazionale rispetto all' applicazione dell' articolo 6 della direttiva 93/13 sulle clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori (recepita in Italia col Dlgs 206/2005, il Codice del consumo). In base a questa norma, le clausole abusive non vincolano il consumatore, ferma restando la possibilità che il contratto resti vincolante per la parte residua. La vicenda approdata a Lussemburgo, su rinvio pregiudiziale del Tribunale di primo grado di Marchena (Spagna), nasce da molteplici controversie tra alcuni istituti bancari spagnoli e numerosi consumatori che avevano stipulato un contratto di mutuo ipotecario. Al mancato pagamento di una rata, le banche avevano fatto valere una clausola in base alla quale, in caso di inadempimento da parte del mutuatario, il mutuante poteva chiedere il pagamento dell' intero capitale più l' interesse. Nel corso del procedimento di esecuzione forzata il giudice nazionale ha chiamato in aiuto la Corte Ue. Che, prima di tutto, ha chiarito che l' obiettivo principale della direttiva Ue, nel segno della tutela del consumatore, è quello della rimozione della clausola abusiva. Raggiunto quest' obiettivo, la direttiva osserva la Corte non impedisce un intervento del giudice nazionale sul calcolo degli interessi di mora. Di conseguenza, il giudice di uno Stato membro, nei casi in cui si trovi a decidere su un procedimento di esecuzione ipotecaria, può far ricalcolare le somme dovute e previste in un contratto di mutuo ipotecario con interessi moratori il cui tasso era superiore al triplo di quello legale. Senza, però, che l' attività di ricalcolo sul tasso degli interessi di mora incida sulla qualificazione del carattere abusivo della clausola. Non solo. L' autorità giurisdizionale nazionale deve mantenere fermo il potere di disapplicare la clausola, accertata la contrarietà alla direttiva. RIPRODUZIONE RISERVATA. Marina Castellaneta 9

12 22 gennaio 2015 Pagina 25 Gazzetta del Sud (ed. Cosenza) Le pensioni dei parenti anziani hanno contribuito al... "ricongiungimento familiare" In tempi di crisi si campa grazie a nonni e zii Con la disoccupazione provinciale alle stelle (33%) si è registrata l' inevitabile contrazione nei consumi. Giovanni Pastore L' indice dei prezzi al consumo ha definitivamente allontanato il Cosentino e, più in generale la Calabria, dalla mappa del benessere. Indagini appena sfornate dicono che la spirale negativa rischia di risucchiare le ultime speranze di ripresa di questa nostra provincia, sempre più povera e disperata. I bilanci delle famiglie sono prossimi al dissesto. Anche le case del ceto medio sono state piegate dal fantasma della crisi. Crisi che risucchia opportunità occupazionali dilatando i confini della povertà. Nel consuntivo di fine 2014, il settore Mercato del Lavoro della Provincia ha segnalato livelli della disoccupazione prossimi a quota 33%. In pratica, uno su tre non ha un lavoro. e gli altri due che il posto ce l' hanno, in questo scenario, non sono sicuri di mantenerlo. Per sopravvivere, ormai, si punta sulle famiglie allargate a nonni e zii, portatori del "mensile" erogato dalla Previdenza sociale. Sofferenza diffusa conferma ta anche dai conti in banca costantemente in rosso con le telefonate degli istituti di credito ai clienti per ricordare lo "scoperto" sono in netto aumento. La verità è che le retribuzioni restano troppo basse e nessuno ormai riesce a mettere da parte anche solo un centesimo. E pensare che tra le virtù riconosciute ai nostri avi c' era quella del risparmio con consistenti somme canalizzate sui libretti postali. Oggi, invece, la capacità finanziaria delle singole famiglie non consente d' arrivare nemmeno a metà del mese. E, ogni volta, si taglia qualcosa. In questo panorama così deprimente, la contrazione dei consumi è inevitabile. L' effetto deflazione riverbera minacciosamente sull' economia locale impalcata, ormai, su negozi cinesi e discount. D' altra parte, il reddito familiare serve quasi interamente a fronteggiare l' imposizione fiscale. Lo Stato è impietoso e ha assunto connotati da vampiro. I cittadini sono vessati da tasse e gabelle. Tares, Tari, Tasi, Imu, Imu sui terreni agricoli, bollo e assicurazione auto, luce, telefono, acqua, gas. Chi non paga subito, l' imposta rischia di ritrovarsi a casa un conto ancora più salato, aggravato dagli interessi di mora pretesi dall' ente impositore. Per non parlare delle spese "accessorie" che completano il saccheggio del nostro portafoglio. Il mensile finisce per copri re la rata del mutuo della casa, e per onorare una fitta ragnatela di finanziamenti (telefono, tv satellitare, la lavtrice nuova, il frigorifero, ecc.). Continua > 10

13 22 gennaio 2015 Pagina 25 < Segue Gazzetta del Sud (ed. Cosenza) Uscite che minacciano la tenuta delle famiglie. Per non parlare, poi, delco sto della benzina: oggi l' automobile è diventata un lusso che non tutti possono permettersi. Il prezzo dei carburanti è in picchiata, ma fare il pieno costa sempre troppo perchè sulla quotazione incidono pesantemente le accise. Eppure, alle nostrelatitudini, l' auto si conferma mezzo di trasporto irrinunciabile per chi deve spostarsi. Le Ferrovie hanno tagliato quasi tutti i convogli e anche le linee degli autobus di linea sono ridotte all' essenziale. La cura dimagrante imposta ai servizi, dalla sanità alla scuola comprime i diritti dei cittadini. La necessità di recuperare risorse perrientrare dal debito astronomico, ad esempio, ha indebolito la qualità dell' offerta nel campo sanitario. Tanti piccoli ospedali sono stati cancellati, posti letto tagliati, reparti nel caos. Però gli sperperi rimangono. Ma è così in tutti i settori pubblici. Ambiti che drenano risorse a fronte di una offerta di servizi spesso inadeguata. Si legge crisi e si traduce nel male oscuro che sta costringendo pezzi importanti di società a misurarsi col fantasma della povertà. Perchè ormai sono molti quelli che oltre a dover rinuncia re all' auto per i costi troppo alti, sono costretti a fare a meno di tante altre cose fondamentali, a cominciare da un piatto di pasta. In uno degli ultimi report, il Banco alimentare aveva fornito cifre spaventose sulle difficoltà delle famiglie cosentine. In tutta la provincia, 10 mila nuclei, per unavolta almeno, si erano rivolti ai loro sportelli per ricevere aiuto. Un dato per capire che sarà difficile trovare una via d' uscita dalla miseria che ci circonda.3. 11

14 21 gennaio 2015 gazzettadireggio.it La Confcommercio lancia l' allarme credito: le Pmi a secco La presidente provinciale di Confcommercio Donatella Prampolini durissima con le banche: "Non si fa sviluppo senza aiutare famiglie e imprese" REGGIO EMILIA. Confcommercio interviene sulla questione del credito per le imprese con alcuni dati che evidenziano una situazione ancora difficile e diverse proposte: "E' necessario un salto di qualità imprenditoriale e creditizio dice la presidente di Confcommercio Reggio Emilia Donatella Prampolini Manzini, le banche non devono guardare soltanto ai numeri dei bilanci: non si fa sviluppo con le speculazioni e senza aiutare famiglie e imprese". Le condizioni del credito riservate alle micro, piccole e medie imprese restano estremamente difficili. "Tra il giugno 2011 e il settembre 2014 il credito alle imprese è sceso dell' 8,3%", spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio Imprese per l' Italia della provincia di Reggio Emilia. La situazione del credito per le Pmi reggiane by GazzettaDiReggio "I tassi reali pagati da una Pmi italiana prosegue Donatella Prampolini Manzini, citando l' analisi presentata da Confcommercio il 20 gennaio sono attualmente superiori a quelli degli altri Paesi, più che doppi ad esempio rispetto alla Francia. A fine 2013 più del 60% delle Pmi italiane, secondo i dati Bce, registra un aumento dei costi accessori del credito: un primato europeo di cui ovviamente c' è poco da rallegrarsi. Nel nostro Paese, inoltre, una Pmi paga oggi mediamente tra il triplo e il quadruplo rispetto una media o grande impresa. E' vero, sono salite anche le sofferenze: ma si tratta di una frazione fisiologica, un costo compreso nel margine di intermediazione". "Una prima questione dice Donatella Prampolini Manzini è rappresentata dalle garanzie: negli ultimi tempi si è puntato sempre di più a una garanzia pubblica emarginando il ruolo dei confidi. Bisogna invece rilanciarne fortemente il ruolo perché senza confidi sarebbero fallite molte più aziende. Il fatto stesso che più del 50% dei beni confiscati alle mafie restino inattivi, può cambiare: potrebbero costituire un fondo mobiliare di garanzia a supporto delle aziende confiscate e per le start up, con cogaranzia dei confidi stessi". "Al posto della commissione di massimo scoperto aggiunge la Presidente di Confcommercio Reggio Emilia sono state introdotte due nuove voci, molto più costose per le imprese: la concessione di affidamento e la commissione di istruttoria veloce". Secondo Prampolini "Occorre trovare un metodo per legare i costi di questi servizi a quello reale sostenuto dalla banca. E' anche evidente la differenza che esiste tra quanto dice la Bce e quanto fanno gli istituti sul Continua > 12

15 21 gennaio 2015 < Segue gazzettadireggio.it territorio dove le banche hanno puntato su finanziamenti speculativi invece di aiutare imprese e famiglie, e così non si fa sviluppo". 13

16 21 gennaio 2015 Reggio Nel Web ReggioNelWeb Magazine Credito alle imprese: "E' sempre notte" Le condizioni del credito riservate alle micro, piccole e medie imprese restano estremamente difficili. "Tra il giugno 2011 e il settembre 2014 il credito alle imprese è sceso dell' 8,3%", spiega Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio Imprese per l' Italia della provincia di Reggio Emilia. "I tassi reali pagati da una Pmi italiana prosegue Donatella Prampolini Manzini, citando l' analisi presentata da Confcommercio il 20 gennaio sono attualmente superiori a quelli degli altri Paesi, più che doppi ad esempio rispetto alla Francia. A fine 2013 più del 60% delle Pmi italiane, secondo i dati Bce, registra un aumento dei costi accessori del credito: un primato europeo di cui ovviamente c' è poco da rallegrarsi. Nel nostro Paese, inoltre, una Pmi paga oggi mediamente tra il triplo e il quadruplo rispetto una media o grande impresa. E' vero, sono salite anche le sofferenze: ma si tratta di una frazione fisiologica, un costo compreso nel margine di intermediazione". "E' necessario un salto di qualità imprenditoriale e creditizio, le banche non devono guardare soltanto ai numeri dei bilanci", continua Donatella Prampolini Manzini, illustrando una serie di proposte per affrontare il problema del credito alle imprese. "Una prima questione dice Donatella Prampolini Manzini è rappresentata dalle garanzie: negli ultimi tempi si è puntato sempre di più a una garanzia pubblica emarginando il ruolo dei confidi. Bisogna invece rilanciarne fortemente il ruolo perché senza confidi sarebbero fallite molte più aziende. Il fatto stesso che più del 50% dei beni confiscati alle mafie restino inattivi, può cambiare: potrebbero costituire un fondo mobiliare di garanzia a supporto delle aziende confiscate e per le start up, con cogaranzia dei confidi stessi". "Al posto della commissione di massimo scoperto aggiunge la Presidente di Confcommercio Reggio Emilia sono state introdotte due nuove voci, molto più costose per le imprese: la concessione di affidamento e la commissione di istruttoria veloce. Occorre trovare un metodo per legare i costi di questi servizi a quello reale sostenuto dalla banca. E' anche evidente la differenza che esiste tra quanto dice la Bce e quanto fanno gli istituti sul territorio dove le banche hanno puntato su finanziamenti speculativi invece di aiutare imprese e famiglie, e così non si fa sviluppo". "Seguiamo anche con una certa apprensione conclude infine Donatella Prampolini Manzini le notizie sulla riforma allo studio per le banche popolari e la preoccupazione aumenterebbe se riguardasse anche le banche di credito cooperativo: si rischia di depotenziare una forma di credito che da sempre è vicina alle autonomie locali, all' impresa sociale. Sono state tra le poche banche che hanno retto alla crisi e che Continua > 14

17 21 gennaio 2015 < Segue Reggio Nel Web hanno continuato a finanziare imprese e famiglie. Stravolgerne la governance abolendo il voto capitario sarebbe la fine della partecipazione popolare che ha determinato lo sviluppo del territorio e rischierebbe di buttarle in pasto alle grandi speculazioni. E' fondamentale dice la presidente Prampolini Manzinimantenere il rapporto tra il territorio e le banche, tra un direttore di una banca e un imprenditore del posto. Non possiamo affidarci solo ai computer". 15

18 21 gennaio 2015 Helpconsumatori Riforma banche, le reazioni dei Consumatori Federconsumatori e Adusbef chiedono al Governo di non cedere alla pressione delle lobby. Il Movimento Consumatori esprime invece "forti perplessità" sulla trasformazione per legge delle banche popolari in S.p.A. e sullo strumento del decreto legge scelto dal Governo. Sono diverse le reazioni delle associazioni dei consumatori alla notizia del provvedimento con cui l' esecutivo ha deciso di intervenire in materia bancaria. Federconsumatori e Adusbef ricordano le lacune del sistema bancario italiano, a partire dai costi. "Nel nostro Paese, i costi di gestione di un conto corrente ammontano mediamente a 321 euro annui, contro i 114 euro della media europea", ma l' Italia è maglia nera anche per i tassi applicati su mutui e credito al consumo, per le spese dei bonifici e dei trasferimenti di denaro, per l' imposizione di costose polizze assicurative per chi riesce a ottenere un mutuo. "Questi sono solo alcuni degli elementi che dimostrano l' urgenza e la necessità della riforma su banche popolari e portabilità dei conti correnti, indispensabile per sbloccare il credito, attivare la concorrenza e rendere più competitive e contendibili le popolari non quotate che vessano gli azionisti, nonché maggiormente fruibili e meno onerosi i costi dei servizi bancari affermano le due associazioni Le indicazioni relative al trasferimento di un conto corrente che deve avvenire "senza spese aggiuntive di qualsiasi origine e natura" a carico del cliente, analogamente a quelle sull' esclusione di costi di produzione per l' invio dell' estratto conto non si tradurranno mai in realtà in assenza di doverose ed onerose sanzioni per le banche inadempienti, troppo indaffarate ad inventare balzelli, spese e commissioni per appesantire ulteriormente i costi a carico del cittadino. Le banche italiane dovranno adeguarsi anche sulla portabilità dei conti correnti da una banca all' altra in un tempo stabilito di 30 giorni. Una misura che condividiamo pienamente, in quanto è in grado di impedire accordi di cartello e clausole vessatorie nei contratti di durata". Questa operazione richiede "un adeguato sistema di gestione" in grado di riconoscere con precisione un conto corrente e l' adozione di "un sistema informatico in grado di conoscere, per quel determinato numero di conto, codice Abi, Cab ed Iban in qualsiasi momento: per questo occorre un meccanismo di implementazione del sistema informatico centralizzato in grado di gestire la portabilità dei conti (sul modello della Centrale Rischi della Banca d' Italia)". "Chiediamo al Governo di procedere con decisione: evitando categoricamente di cedere alle pressioni delle lobbies di banchieri che vorrebbero ostacolare, ritardare, se non annullare gli effetti positivi di questa riforma", concludono Federconsumatori e Adusbef. Il Movimento Consumatori esprime invece numerosi dubbi sul provvedimento del Governo e sulla trasformazione per legge delle banche popolari in S.p.A. Spiega l' associazione: "La filosofia di Continua > 16

19 21 gennaio 2015 < Segue Helpconsumatori fondo del decreto è chiara: l' eliminazione del principio democratico del voto capitario (una testa un voto) dovrebbe consentire l' apporto di nuove risorse finanziarie da parte degli investitori istituzionali e agevolare quei processi di aggregazione necessari per rendere maggiormente competitivo il sistema creditizio italiano e favorire l' accesso al credito. Si tratta di un intervento che non potrà che portare nuove concentrazioni sul mercato creditizio e quindi alla creazione di banche sempre più grandi ". "La crisi finanziaria scoppiata nel 2008 afferma Paolo Fiorio, coordinatore dell' Osservatorio Credito & Risparmio di Movimento Consumatori ha messo a nudo tutti i problemi legati alle dimensioni, sempre crescenti, delle banche. I conglomerati finanziari da troppo grossi per fallire (too big to fail ) sono diventati troppo grossi per essere salvati ( to big to save ) e per essere correttamente gestiti. La storia di questi ultimi anni ha messo in evidenza che ai processi di concentrazione delle banche non è mai conseguita un' apertura dei rubinetti del credito per le famiglie e per le piccole e medie imprese". "Per consentire migliori condizioni di accesso al credito dice Alessandro Mostaccio, segretario generale di Movimento Consumatori è necessario invertire la direzione di marcia e andare verso la divisione tra banche commerciali e banche di investimento. I depositi dei piccoli risparmiatori non devono essere infatti utilizzati per operazioni di speculazione finanziaria, ma per erogare in maniera efficiente il credito. In questi anni di stretta creditizia proprio le banche più piccole, spesso del territorio, sono quelle che hanno più facilmente concesso il credito. La decretazione d' urgenza conclude Mostaccio non è, infine, lo strumento adeguato. Il decreto, del tutto sprovvisto del requisito dell' urgenza, limita dall' alto l' autonomia statutaria delle imprese e avrebbe quanto meno richiesto un percorso parlamentare più meditato, anche per trovare soluzioni più appropriate per coniugare la trasparenza nella governance delle popolari e strumenti per implementare effettivamente l' accesso al credito". 17

20 22 gennaio 2015 Pagina 22 La Nuova Sardegna (ed. Oristano) Sfratto, cade l' ultima mediazione Arborea, anche la Questura ha provato a convincere gli Spanu a lasciare la casa. ARBOREA Giornata decisiva quella di oggi per la vicenda della famiglia Spanu di Arborea. Dopo il nuovo no degli Spanu alla proposta della Questura di lasciare spontaneamente le case e i terreni dai quali sono stati formalmente già "sfrattati", oggi potrebbe essere il giorno dello sgombero forzato. Ne erano convinti, ieri sera, il capofamiglia Giovanni con la moglie e i figli, e il gruppetto di attivisti antisfratto che presidiano giorno e notte l' ingresso dell' azienda e che fino all' ultimo hanno tentato di trovare una soluzione condivisa. In tre o quattro sono anche andati a Cagliari per fare un' ultima offerta di riacquisto all' imprenditore che ha comprato l' azienda all' asta disposta dal Tribunale di Oristano, ma non lo hanno neanche trovato. L' ultimo tentativo di convincere gli Spanu a non opporsi allo sgombero la Questura di Oristano l' ha fatto ieri mattina, ma la risposta degli Spanu non è cambiata. «Da qui vivi non ce ne andiamo» ha ripetuto per sé e per la moglie Giovanni Spanu, che è prossimo ormai a compiere 77 anni, ma non ha intenzione di lasciarsi portare via le casa e i terreni che l' Ersat gli aveva assegnato negli anni 70 per un debito di pochi milioni di lire che lui assicura di aver onorato e che sarebbe anche stato disposto a pagare una seconda volta se non fosse cresciuto a dismisura fino a diventare insostenibile per le sue capacità economiche. La proposta di lasciare spontaneamente l' azienda prevedeva anche una contropartita, consistente in una sistemazione, pare a spese dello Stato, nei bungalow dell' ex Alabirdi, che però gli Spanu hanno ritenuto quasi offensiva. Francesco, l' unico figlio sposato, assieme alla moglie nei giorni scorsi ha comunque cominciato a portare via i mobili della sua casa. Ci sono due bambini di otto e quattro anni da tutelare e quello che potrebbe succedere oggi non è roba per loro. Intanto la senatrice Manuela Serra spiega che l' interrogazione parlamentare sulla problematica dell' anatocismo bancario e dell' usura bancaria che aveva annunciato lo scorso autunno quando era venuta ad Arborea per portare la sua solidarietà personale alla famiglia Spanu è stata presentata e ora è in attesa di risposta e che non è sparito neanche l' avvocato messo a disposizione della famiglia Spanu da lei personalmente e non dal M5S ma ha solo rimesso il mandato quando la proposta di accordo con il nuovo proprietario da lui negoziata (che prevedeva comunque lo sgombero volontario) non è stata accettata dagli Spanu. Francesco G. Pinna. 18

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli