Fratture e lussazioni del cingolo scapolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fratture e lussazioni del cingolo scapolare"

Transcript

1 EMERGENCY MEDICINE PRACTICE AN EVIDENCE-BASED APPROACH TO EMERGENCY MEDICINE Fratture e lussazioni del cingolo scapolare Edizione italiana con patrocinio della S.I.M.E.U. (Società Italiana Medicina d Emergenza-Urgenza) Delibera del Consiglio Direttivo 20/06/2001 State lavorando nel DEA durante la stagione del football e ricevete una chiamata dal medico della locale squadra universitaria che vi sta mandando due pazienti con sintomi concernenti le spalle. Un paziente, il quarterback della squadra, è stato placcato a terra e lamenta un dolore all apice laterale della spalla. Lo studente di medicina che è con voi, ed è interessato all ortopedia, vi domanda se richiederete delle proiezioni della spalla con i pesi per valutare l articolazione acromion-claveare del paziente. Il secondo paziente è il wide receiver, star della squadra, che lamenta difficoltà di respiro e dolore alla parte interna della clavicola dopo aver subito un colpo di casco diretto sulla parte alta del torace. L infermiera di turno domanda se questo paziente debba essere mobilizzato sulla barella da trauma a causa del meccanismo della lesione e della dispnea associata. L articolazione della spalla ha il raggio di movimento più ampio di tutte le giunture appendicolari del corpo. Permette all estremità superiore di ruotare fino a 180 gradi su tre piani differenti, facendo sì che il braccio esegua una versatile gamma di attività ma predisponendo anche l articolazione all instabilità e alle lesioni. La spalla può essere lesionata dai traumi (diretti o indiretti) e dall eccessivo uso. Le lesioni traumatiche sono più comuni negli sport come il nuoto, il tennis, la pallavolo e il baseball. 1 I bambini sono esposti alle stesse lesioni degli adulti, tuttavia, la presenza dei centri epifisari modifica il modello delle lesioni. 2 Una lesione che produce una distorsione o una lussazione in un adulto spesso causa una frattura attraverso la zona ipertrofica del piatto di crescita in un bambino. La spalla ha dei piatti epifisari al processo acromiale, alla testa dell omero prossimale, al processo coracoideo, alla cavità glenoidea e all estremità mediale della clavicola. Fortunatamente, la maggior parte delle lesioni della spalla nella popolazione pediatrica va a buon fine e ha una prognosi favorevole per il pieno ripristino funzionale. 2 Autori Mohamud Daya, MD, MS, FACEP Associate Professor of Emergency Medicine, Oregon Health & Science University, Portland, OR. Yoko Nakamura, MD Clinical Assistant Professor of Emergency Medicine, Oregon Health & Science University, Portland, OR. Revisori Sheldon Jacobson, MD, FACEP, FACP Chair, Department of Emergency Medicine, Mount Sinai School of Medicine, New York, NY. John Munyak, MD Sports Medicine Fellowship Program Director, North Shore University Hospital, New York. Michael S. Radeos, MD, MPH Research Director, Department of Emergency Medicine, New York Hospital Queens, Flushing, NY. Assistant Professor of Emergency Medicine, Weill Medical College of Cornell University, New York, NY. Obiettivi ECM Dopo avere completato questo articolo dovrete essere in grado di: 1. descrivere le presentazioni cliniche delle fratture e delle lussazioni (o dislocazioni) del cingolo scapolare nel DEA e come valutare qualsiasi complicanza associata; 2. conoscere quali studi radiografici ordinare e i principi per la loro corretta interpretazione; 3. discutere alcune tecniche differenti per la riduzione delle dislocazioni gleno-omerali; 4. elencare le patologie o le circostanze che richiedono la consulenza o dell invio all ortopedico dei pazienti con lesioni della spalla; 5. valutare nel giusto modo i concetti e le controversie attuali nel trattamento di queste lesioni. Editor-in-Chief Andy Jagoda, MD, FACEP, Professor and Vice-Chair of Academic Affairs, Department of Emergency Medicine; Mount Sinai School of Medicine; Medical Director, Mount Sinai Hospital, New York, NY. Associate Editor John M. Howell, MD, FACEP, Clinical Professor of Emergency Medicine, George Washington University, Washington, DC; Director of Academic Affairs, Best Practices, Inc, Inova Fairfax Hospital, Falls Church, VA. Editorial Board William J. Brady, MD, Associate Professor and Vice Chair, Department of Emergency Medicine, University of Virginia, Charlottesville, VA. Peter DeBlieux, MD, Professor of Clinical Medicine; LSU Health Science Center, New Orleans, LA. Wyatt W. Decker, MD, Chair and Associate Professor of Emergency Medicine, Mayo Clinic College of Medicine, Rochester, MN. Francis M. Fesmire, MD, FACEP, Director, Heart-Stroke Center, Erlanger Medical Center; Assistant Professor, UT College of Medicine, Chattanooga, TN. Michael J. Gerardi, MD, FAAP, FACEP, Director, Pediatric Emergency Medicine Children s Medical Center, Atlantic Health System; Department of Emergency Medicine, Morristown Memorial Hospital, NJ. Michael A. Gibbs, MD, FACEP, Chief, Department of Emergency Medicine, Maine Medical Center, Portland, ME. Steven A. Godwin, MD, FACEP, Assistant Professor and Emergency Medicine Residency Director, University of Florida HSC/Jacksonville, FL. Gregory L. Henry, MD, FACEP, CEO, Medical Practice Risk Assessment, Inc; Clinical Professor of Emergency Medicine, University of Michigan, Ann Arbor. Keith A. Marill, MD, Instructor, Department of Emergency Medicine, Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School, Boston, MA. Charles V. Pollack, Jr, MA, MD, FACEP, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Pennsylvania Hospital, University of Pennsylvania Health System, Philadelphia, PA. Michael S. Radeos, MD, MPH, Assistant Professor of Emergency Medicine, Lincoln Health Center, Bronx, NY. Robert L. Rogers, MD, FAAEM, Assistant Professor and Residency Director, Combined EM/IM Program, University of Maryland, Baltimore, MD. Alfred Sacchetti, MD, FACEP, Assistant Clinical Professor, Department of Emergency Medicine, Thomas Jefferson University, Philadelphia, PA. Corey M. Slovis, MD, FACP, FACEP, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Vanderbilt University Medical Center, Nashville, TN. Jenny Walker, MD, MPH, MSW, Assistant Professor; Division Chief, Family Medicine, Department of Community and Preventive Medicine, Mount Sinai Medical Center, New York, NY. Ron M. Walls, MD, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, Brigham & Women s Hospital, Boston, MA. Research Editors Nicholas Genes, MD, PhD, Mount Sinai Emergency Medicine Residency. Beth Wicklund, MD, Regions Hospital Emergency Medicine, Residency, EMRA Representative. International Editors Valerio Gai, MD, Senior Editor, Professor and Chair, Department of Emergency Medicine, University of Turin, Italy. Peter Cameron, MD, Chair, Emergency Medicine, Monash University; Alfred Hospital, Melbourne, Australia. Amin Antoine Kazzi, MD, FAAEM, Associate Professor and Vice Chair, Department of Emergency Medicine, University of California, Irvine; American University, Beirut, Lebanon. Hugo Peralta, MD, Chair of Emergency Services, Hospital Italiano, Buenos Aires, Argentina. Maarten Simons, MD, PhD, Emergency Medicine Residency Director, OLVG Hospital, Amsterdam, The Netherlands.

2 Valutazione critica della letteratura La revisione della letteratura è stata svolta con una ricerca tramite Ovid MEDLINE degli articoli sulle lesioni della spalla pubblicati fino a febbraio Le parole chiave includevano: dislocazione della spalla, frattura della clavicola, frattura dell omero, frattura della scapola, lesione dell articolazione acromion-clavicolare, articolazione sterno-clavicolare e lussazioni, dissociazione scapolo-toracica. La ricerca è stata limitata agli esseri umani e alla lingua inglese. Questa modalità di ricerca ha prodotto 1789 articoli, oltre 300 dei quali sono stati revisionati; 104 compaiono fra le voci bibliografiche di questo articolo. Oltre questi articoli, sono anche stati revisionati parecchi libri di testo fondamentali. Si deve notare che la letteratura ortopedica e di medicina dello sport è largamente basata su studi osservazionali integrati da rapporti di casi e da serie di casi. Vi sono pochi studi clinici randomizzati. Anatomia Figura 1. Anatomia dell articolazione sterno-clavicolare. Legamento costo-clavicolare posteriore Prima cartilagine costale Seconda cartilagine costale Disco articolare Articolazione manubrio-sternale Legamento sterno-clavicolare Legamento anteriore interclavicolare Legamento costo-clavicolare Articolazione sterno-costale Il cingolo scapolare connette l estremità superiore allo scheletro assiale ed è composto di tre ossa (clavicola, omero e scapola), da tre giunture (acromion-clavicolare, gleno-omerale e sterno-clavicolare) e da un articolazione (scapolo-toracica). La clavicola è un osso a forma di S che agisce come un montante per sostenere l estremità superiore e tenerla lontana dalla parete toracica. Essa si articola medialmente con lo sterno e lateralmente con il processo acromiale. La clavicola dà al collo un aspetto estetico accettabile e protegge i vasi sottoclaveari e il plesso brachiale. Il suo terzo medio, che è sottile e non ancorato, è il segmento che si frattura più facilmente. La giuntura sterno-clavicolare (Figura 1) è l unica vera articolazione fra l estremità superiore e lo scheletro assiale. È l articolazione del corpo che è mossa più frequentemente. 3 Le strutture che stabilizzano quest articolazione diartroidale includono i legamenti sterno-clavicolari anteriore e posteriore, il legamento interclavicolare e il legamento costo-clavicolare. Il legamento costoclavicolare si oppone alla trazione dello sternocleidomastoideo impedendo così il sollevamento della clavicola. Esso è anche il più importante legamento che stabilizzi l articolazione sterno-clavicolare. 4 In posizione immediatamente posteriore all articolazione vi è il mediastino superiore con i suoi grossi vasi, la trachea, gli apici polmonari, l esofago, il plesso brachiale e il dotto toracico. La giuntura diartrodiale acromion-clavicolare (Figura 2) ha stabilità ossea scarsa o assente e il suo sostegno dipende dai legamenti e dai muscoli associati. I deboli legamenti acromion-clavicolari forniscono il supporto posteriore mentre le inserzioni clavicolare e acromiale dei muscoli deltoide e trapezio forniscono il supporto statico e dinamico alla faccia superiore dell articolazione. Gli stabilizzatori più importanti sono i legamenti coraco-clavicolari (conoide e trapezoide) che forniscono il supporto verticale e anteriore. La scapola è un osso piatto triangolare che costituisce la porzione posteriore del cingolo scapolare. I suoi bordi ispessiti sono il sito di attacco per l origine e l inserzione di diciotto muscoli. 5 Il suo spesso rivestimento muscolare e la capacità di ricadere lungo la parete toracica proteggono la scapola sia dai traumi diretti sia da quelli indiretti. L articolazione gleno-omerale è un articolazione di tipo enartrosico. L articolazione gleno-omerale dipende ampiamente per la stabilità dalla capsula, dai muscoli e dai legamenti associati. Una membrana sinoviale si estende dalla fossa glenoidea alla testa omerale. La membrana è ampia e ridondante nella parte inferiore per permettere l estesa gamma dei movimenti. Sopra la membrana sinoviale vi è una capsula fibrosa lassa e ridondante. Anteriormente, la capsula s ispessisce e forma i legamenti gleno-omerali superiore, medio e inferiore. La banda anteriore del legamento gleno-ome- Figura 2. Anatomia dell articolazione acromionclavicolare. Legamento acromion-clavicolare Legamenti coraco-clavicolari Ristampa da: Clinics in Sports Medicine, Volume 22, Lauren A. Ernberg, MD and Hollis G. Pooter, MD, Radiographic evaluation of the acromioclavicular and sternoclavicular joints, Pagina 256. Copyright 2003, autorizzata da Elsevier Ristampa da: Primary Care: Clinics In Office Practice, Volume 31, Phyllis Montellese and Timothy Dancy, The acromioclavicular joint, Pagina 858. Copyright 2004, autorizzata da Elsevier Emergency Medicine Practice 2

3 rale inferiore è la più importante limitazione alle lussazioni gleno-omerali anteriori. 6 L omero prossimale si articola con la fossa glenoidea e fornisce l attacco di numerosi muscoli importanti. Il sovraspinato, l infraspinato e il piccolo rotondo s inseriscono sulle faccette della grande tuberosità; mentre il sottoscapolare s inserisce sulla piccola tuberosità. Insieme, questo gruppo di muscoli forma la cuffia dei rotatori che contribuisce a stabilizzare la testa dell omero all interno dell articolazione gleno-omerale. I muscoli lunghi che attraversano l articolazione sono implicati essenzialmente nei movimenti intorno all articolazione gleno-omerale. Gli spostamenti che si osservano nelle fratture dell omero riflettono di solito la trazione di questi gruppi di muscoli a esso attaccati. L omero prossimale è composto essenzialmente di osso trabecolare con un sottile rivestimento corticale. Le modificazioni della densità dell osso dovute all età (osteoporosi) aumentano di molto il rischio di fratture in quest area. 7 Il plesso brachiale e i vasi sottoclaveari entrano nel complesso del cingolo scapolare superiormente fra la clavicola e la prima costa, lo attraversano sotto il processo coracoideo ed escono anteriormente alla faccia inferiore dell articolazione gleno-omerale così come i nervi mediano, radiale e ulnare e i vasi ascellari. Cura pre-ospedaliera La cura pre-ospedaliera del paziente con lesioni della spalla inizia con una valutazione e una stabilizzazione. Dopo averle eseguite, si dovrebbe ottenere dal paziente o dai testimoni un anamnesi dell evento che ha portato alla lesione. Si dovrebbe valutare se il paziente abbia delle lesioni associate al capo, al collo, al torace, all addome, alla colonna vertebrale, alla pelvi e alle estremità inferiori. Immobilizzate la spalla lesionata in una posizione comoda; per la maggior parte delle lesioni isolate è sufficiente un bendaggio a fionda. Eseguite un esame obiettivo neurovascolare dell estremità interessata prima e dopo l immobilizzazione e anche dopo ogni importante movimento. Nelle lesioni isolate, può essere appropriato l uso dell analgesia come permesso dalle disposizioni permanenti o dal consulto telefonico con un medico. Le scelte includono la morfina solfato, il fentanyl citrato e l ossido nitroso. Le benzodiazepine sono una scelta eccellente poiché possono contribuire a raggiungere o a mantenere il rilasciamento muscolare. Kanowitz et al. hanno compiuto recentemente una revisione di 2100 casi di uso preospedaliero del fentanyl citrato per l analgesia e hanno trovato che è sicuro e molto efficace, i punteggi del dolore diminuivamo da 8,4 a 3,7. 8 In alcune circostanze elettive (ambienti rurali e isolati) può essere appropriato eseguire le procedure di riduzione, se il personale ha ricevuto l addestramento adeguato, benché non vi siano dati pubblicati sull efficacia o la sicurezza di questo approccio. Valutazione nel DEA Se vi è il timore di una concomitante lesione spinale, procedete all immobilizzazione completa e attivate il trauma team nei casi appropriati. Siccome il dolore è un sintomo di presentazione comune, è importante determinare i punteggi della severità del dolore e somministrare tempestivamente l analgesia per via orale o parenterale durante il processo di valutazione clinica e radiologica nel DEA. In una recente revisione retrospettiva su 2828 pazienti con fratture chiuse isolate delle estremità o della clavicola, Brown et al. hanno riportato che la severità del dolore è stata registrata nel 59% dei casi e solo nel 47% dei bambini di età inferiore ai quattro anni. 9 Inoltre, fra i pazienti con dolore da moderato a severo documentato, solo il 73% è stato trattato con un analgesico e il 54% ha ricevuto un oppioide. I pazienti pediatrici avevano minore probabilità di ricevere analgesici, specialmente oppioidi. 9 Anamnesi I fattori più importanti da determinare nei pazienti con lesioni della spalla sono il tempo e il meccanismo della lesione congiuntamente alla localizzazione e la gravità del dolore. La tempistica è importante poiché le lesioni (specialmente le lussazioni) che siano presenti da parecchie ore o giorni possono essere più problematiche da diagnosticare e da trattare. È anche importante stabilire un elenco delle terapie in corso, le allergie, l anamnesi remota e l ora dell ultimo pasto nell eventualità che siano necessari la sedazione procedurale o il trattamento chirurgico urgenti. Esame obiettivo Nei pazienti con traumi multi-sistemici, esaminate la spalla come parte di un esame obiettivo completo secondario. Ispezionate la spalla da tutte le direzioni. Eseguite una palpazione sistematica della spalla, iniziando dall articolazione sterno-clavicolare e muovendovi lateralmente lungo la clavicola verso l articolazione acromion-claveare. Questa manovra è seguita dalla palpazione della scapola, dell articolazione gleno-omerale e dell omero prossimale. L esame obiettivo è completato da una valutazione della funzione neurovascolare. Si deve eseguire un completo esame obiettivo della sensibilità e dell intera funzionalità motoria del plesso brachiale. Questo è valutato meglio esaminando i miotomi e i dermatomi (Tabella 1) pertinenti a ciascuna radice nervosa all interno del plesso brachiale. La presentazione classica della lesione del plesso brachiale la lesione da trazione Tabella 1. Esame obiettivo sensitivo e motorio del plesso brachiale. Livello Area sensitiva Area motoria C5 Parte laterale del braccio Muscolo deltoide C6 Parte laterale dell avambraccio Muscolo bicipite e punta del pollice C7 Punta del medio Estensore del pollice C8 Punta del mignolo e parte Flessori delle dita mediale dell avambraccio T1 Parte mediale del braccio Interossei della mano 3 Emergency Medicine Practice

4 pungente o urente del plesso brachiale è l espressione delle anormalità neurologiche miste che si trovano all esame obiettivo. Si dovrebbe anche controllare il polso radiale, benché si debba notare che, grazie al circolo collaterale, esso può essere preservato in presenza di una lesione vascolare. La presenza di pallore, parestesie o di un ematoma in espansione fa nascere il sospetto di una lesione vascolare. L esame obiettivo neurovascolare deve essere ripetuto e i reperti devono essere registrati dopo ogni manipolazione nel DEA Principi generali di radiologia Figura 3. Proiezione AP vera normale della spalla. Figura 4 A. Proiezione ascellare laterale della spalla. Ristampa da: The Painful Shoulder: Part II. Acute and Chronic Disorders. By Thomas W. Woodward, MD and Thomas M. Best, MD, June 1, 2000 Figura 4 B. Diagramma che mostra l anatomia pertinente. Coracoide Glenoide Testa omerale Acromion Piccola tuberosità Grande tuberosità Ristampa autorizzata da: Michael L. Richardson, MD, UW Radiology. Available at html. Copyright Tutti i diritti riservati La valutazione iniziale delle lesioni della spalla dovrebbe idealmente includere una serie di radiografie a tre proiezioni per i traumi consistente in una proiezione antero-posteriore vera (laterale a 45 gradi), in una laterale trans-scapolare e in un ascellare laterale. 10 L antero-posteriore vera (AP) (Figura 3) è essenziale poiché essa proietta l articolazione gleno-omerale di fronte senza alcuna sovrapposizione ossea. Le proiezioni ortogonali includono l ascellare laterale, la trans-scapolare (proiezione a Y) e l apicale obliqua. 11 La proiezione preferita è l ascellare laterale che proietta l articolazione gleno-omerale su di un piano cefalo-caudale (Figure 4 A e 4 B). Questa proiezione è utile per definire il rapporto della testa dell omero con la cavità glenoidea e per identificare le anormalità del processo coracoideo, della testa omerale e del bordo glenoideo. 12 Ciò è utile specialmente per identificare una dislocazione gleno-omerale posteriore o anteriore dubbia. La difficoltà di ottenere la proiezione ascellare laterale ha determinato la popolarità della proiezione trans-scapolare a Y. In questa proiezione, la scapola è proiettata come una Y, con il corpo che forma il braccio inferiore e i processi coracoideo e acromiale che formano i bracci superiori (Figura 5). La testa dell omero normalmente è sovrapposta alla glenoide, collocata all intersezione dei tre bracci della Y. Si deve fare attenzione nell interpretare la proiezione a Y come normale, poiché una lussazione gleno-omerale posteriore si può presentare con la testa omerale effettivamente situata posteriormente alla Y, ma si mostra come normale nella proiezione a Y. Un altra proiezione che si può ottenere facilmente e senza dolore è l apicale obliqua (AO), che si ottiene ponendo la spalla lesionata in posizione obliqua a 45 gradi e angolando il raggio centrale a 45 gradi caudalmente. Questa proiezione (Figura 6) fornisce una particolare visione coronale dell articolazione gleno-omerale. In una revisione retrospettiva su 511 pazienti, Kornguth et al. hanno riportato che la proiezione AO ha rilevato 153 (81%) lesioni su 190, in confronto alle 168 (88%) rilevate dalla proiezione AP vera. 13 Ancor più importante, 20 delle anormalità radiografiche sono state osservate Emergency Medicine Practice 4

5 Figura 5. Proiezione trans-scapolare o a Y normale della spalla. soltanto con la proiezione AO. Reperti analoghi sono stati riportati anche da Sloth et al., che hanno raccomandato l utilizzo di routine della proiezione AO nella valutazione dei traumi acuti della spalla. 14 Oltre alle radiografie per il trauma della spalla, altri dettagli delle ossa e dei tessuti molli si possono ottenere usando la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica (RM) in casi selezionati. 15 Figura 6. Proiezione apicale obliqua normale. Fratture Fratture della clavicola Classificazione e fisiopatologia La clavicola rende conto del 5% di tutte le fratture ed è l osso che si frattura più facilmente nei bambini. 16,17 Le fratture della clavicola sono classificate anatomicamente e meccanicamente in tre tipi. Le fratture del terzo mediale sono poco comuni (5%) e si verificano come conseguenza di un colpo diretto sul torace anteriore. Le fratture del terzo medio (Figura 7) rappresentano il 70-80% di tutte le lesioni. 18 Il meccanismo abituale della lesione coinvolge una forza diretta applicata alla faccia laterale della spalla. Le fratture del terzo laterale (15%) derivano da un trauma diretto sull apice della spalla e possono essere ulteriormente classificate in tre sottotipi principali: 19 Le fratture di Tipo I hanno uno spostamento minimo poiché il legamento coraco-clavicolare rimane intatto. Le fratture di Tipo II (Figura 8) sono associate con una torsione del legamento coraco-clavicolare e hanno la Figura 7. Frattura della parte media della clavicola. Figura 8. Frattura clavicolare laterale di Tipo II: i legamenti coraco-clavicolari subiscono una torsione e il frammento mediale viene spostato verso l alto. Ristampa da: Wheeless Textbook of Orthopaedics Data Trace Publishing Company. Tutti i diritti riservati 5 Emergency Medicine Practice

6 tendenza allo spostamento poiché il legamento mediale è privo di qualsiasi forza stabilizzante. Le fratture di Tipo III si verificano distalmente ai legamenti coraco-clavicolari e penetrano nell articolazione acromion-clavicolare. Figura 9. Esercizi di penzolamento della spalla. Clinica L estremità colpita è tenuta vicina al corpo e vi è dolore sopra il sito della frattura. Nelle fratture del terzo medio, la spalla tipicamente crolla verso il basso, in avanti e verso l interno. Questa è la conseguenza dell effetto della gravità (peso del braccio) e della trazione del grande pettorale e del latissimo del dorso sul frammento distale. Il frammento prossimale è spesso spostato verso l alto per azione dello sternocleidomastoideo. Le lesioni neurovascolari associate sono rare. 20 È rara anche l associazione dello pneumotorace e delle lesioni polmonari purché non vi sia una frattura aperta. 21 Trattamento e provvedimenti I principi del trattamento iniziale includono il controllo del dolore, l immobilizzazione e il follow up appropriato (Tabella 2). Immobilizzate le fratture della clavicola con un dispositivo di supporto, come un bendaggio a fionda. Il trattamento con un bendaggio clavicolare (bendaggio a otto) è ancora raccomandato nella maggior parte dei testi di ortopedia, benché l uso dello stesso non sia basato sulle evidenze. 3 In uno studio controllato randomizzato su 79 pazienti che paragonava il bendaggio clavicolare al bendaggio a fionda, i pazienti trattati con un bendaggio a fionda avevano un gradimento maggiore (93% contro 74%, P = 0,09) e meno complicanze locali. 22 Questi risultati, benché siano favorevoli al bendaggio a fionda, non erano statisticamente significativi. I risultati funzionali e cosmetici dei due metodi di trattamento erano identici e l allineamento dei capi della frattura era invariato rispetto allo spostamento iniziale. Stanley et al. hanno riportato reperti analoghi in 140 pazienti. 23 Riassumendo, le evidenze suggeriscono che il trattamento con il bendaggio a fionda è un alternativa valida e appropriata al bendaggio clavicolare. Le fratture a legno verde della parte media della clavicola sono comuni nella popolazione pediatrica. La maggior parte di queste fratture non è scomposta e guarirà senza complicazioni. La radiografia iniziale può apparire normale nonostante i reperti clinici suggestivi. In questi casi, si dovrebbe immobilizzare il braccio in un semplice bendaggio a fionda e ripetere la radiografia dopo 7-10 giorni se i sintomi persistono. La frattura della clavicola del neonato subita durante il Tabella 2. Principi generali di trattamento. Applicare ghiaccio a intermittenza Fornire un immobilizzazione adeguata Fornire un analgesia adeguata Usare gli esercizi pendolari passivi della spalla per minimizzare il rischio della caspulite adesiva (vedere Figura 9). Rinviare all ortopedico in circostanze selezionate Ristampa da: jpg parto si presenta classicamente con un genitore preoccupato che porta il bambino per una protuberanza comparsa in assenza di eventi traumatici, che rappresenta l area di formazione del callo. Si dovrebbe richiedere la consulenza ortopedica immediata per le fratture aperte o per quelle associate con lesioni neurovascolari, colorazione della cute o interposizione dei tessuti molli. La consulenza ortopedica più urgente (entro 72 ore) è raccomandata per le fratture della clavicola laterale di Tipo II, poiché queste fratture hanno un incidenza del 30% di mancata saldatura e possono trarre vantaggio dall intervento chirurgico. 19,24 Anche le fratture gravemente comminute o scomposte (Figure 10 A e 10 B) del terzo medio (per definizione con oltre 20 mm di accorciamento iniziale) possono trarre beneficio dalla consulenza ortopedica precoce, poiché sono state associate con un incidenza più elevata di mancata saldatura e di deficit funzionali a lungo termine. 18,25,26 Complicanze Le complicanze sono rare, le più comuni sono la saldatura ritardata, la saldatura scorretta o la mancata saldatura. 16,17,19,25 Uno studio prospettico recente su 222 pazienti ha riportato che le sequele delle fratture della clavicola trattate non chirurgicamente possono essere più numerose di quanto sia stato riportato in precedenza. 27,28 La mancata saldatura si è verificata in 15 pazienti (7%), e 93 pazienti (42%) hanno avuto una persistenza dei sintomi come dolore e debolezza della spalla a 6 mesi. Lo spostamento della frattura, il grado di frammentazione e l età avanzata erano associati con un aumento del rischio della persistenza dei sintomi a 6 mesi. 28 La saldatura scorretta come pure la formazione del callo esuberante possono anche portare sintomi correlati alla compressione del plesso vascolare e brachiale. 25 Si dovrebbero avvertire i pazienti che le fratture della superficie articolare della clavicola (fratture laterali della clavicola di Tipo III) possono condurre alla successiva osteoartrite dell articolazione acromion-clavicolare. Emergency Medicine Practice 6

7 Figura 10 A. Frattura della parte media della clavicola con severa scomposizione. Figura 10 B. Lo stesso paziente dopo la riduzione e la fissazione interna a cielo aperto. Dal 1990 è stata anche riportata in letteratura u- na rara ma importante associazione fra le fratture della clavicola e lo spostamento rotatorio atlanto-assiale (AARD) nei bambini. Recentemente, Bowen et al. hanno riportato due nuovi casi e hanno sottoposto a revisione gli 11 casi riportati in precedenza. 29 La maggior parte dei casi si è verificata nelle femmine di età inferiore ai 10 anni. La fisiopatologia dell AARD non è ben conosciuta ma si sospetta che la frattura della clavicola e l AARD avvengano in successione e che possano essere associate a una lassità o a una rottura del legamento alare 29,30 Anche lo spasmo del muscolo sternocleidomastoideo può essere un fattore contribuente. 29 La diagnosi precoce è importante poiché il ritardo della diagnosi può portare a una deformità cronica. Si dovrebbe sospettare la diagnosi se il bambino ha una frattura della clavicola e tiene la testa nella classica posizione da tordo imprigionato. In questa posizione la testa è piegata verso il lato della frattura ma ruotata nella direzione opposta. La radiografia semplice della colonna cervicale rileverà il 93% delle AARD, benché la lesione venga dimostrata meglio con la TC dinamica. Bowen et al. hanno riportato che 7 dei 13 casi sono stati riconosciuti entro le prime tre settimane; in questi casi, l AARD è stata ridotta con l uso di un collare cervicale morbido o con la trazione mediante halo. 29 I rimanenti 6 casi, sono stati riconosciuti fra le sei settimane e i tre anni dopo la lesione iniziale. Tutti hanno sviluppato una deformità fissa che ha richiesto la correzione chirurgica. Fratture della scapola Classificazione e fisiopatologia Le fratture della scapola sono rare e rappresentano il 3-5% di tutte le fratture del cingolo scapolare. 31 Sono necessarie forze ed energie considerevoli per fratturare il corpo e il collo della scapola. Le fratture del processo coracoideo sono di solito secondarie all avulsione e le fratture del margine glenoideo sono di solito associate con le dislocazioni gleno-omerali anteriori. Le fratture del processo acromiale derivano da colpi diretti applicati all apice della spalla. Brown et al. hanno compiuto una revisione retrospettiva su 386 pazienti con 718 lesioni associate ricoverati in due centri traumatologici di I livello. La maggior parte dei pazienti era di sesso maschile (80%), con un età media di 38 anni. Il punteggio medio di gravità delle lesioni (ISS) era di 15, con una mortalità del 3%. I meccanismi comuni delle lesioni erano gli incidenti automobilistici (42%), i pedoni investiti dalle automobili (33%), le cadute (11%) e gli incidenti motociclistici (10%). 32 Le fratture della scapola possono essere classificate secondo la localizzazione anatomica: 33 Le fratture di Tipo I interessano il processo acromiale, la spina scapolare o il processo coracoideo. Le fratture di Tipo II interessano il collo della scapola (Figura 11). Le fratture di Tipo III sono le fratture intrarticolari della fossa glenoidea. Figura 11. Frattura scapolare di Tipo II che interessa il collo. 7 Emergency Medicine Practice

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi Molto comunemente nella pratica clinica ci si imbatte in una patologia dolorosa cronica della spalla definita sindrome da conflitto. Alla base

Dettagli

CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery. Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA

CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery. Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA CONCORDIA HOSPITAL for Special Surgery Dr. Andrea De Vita IL RAZIONALE CHIRURGICO NELLE PATOLASSITA INSTABILITA Articolazione in cui stabilizzatori statici e dinamici non riescono a mantenere i normali

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

Patologie della spalla. www.sportrauma.net

Patologie della spalla. www.sportrauma.net CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E CHIRURGIA ARTROSCOPICA Resp. H. Schönhuber UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA Resp. D. Tornese I.R.C.C.S. ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Patologie della

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

Ft. Valentina Azzolini

Ft. Valentina Azzolini Ft. Valentina Azzolini Basa la sua funzione su: Abbassamento dell omero Distalizzazione del centro di rotazione della nuova articolazione Medializzazione del braccio di forza del deltoide QUINDI: incremento

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO CHIRURGIA DELLA MANO INDICE pag. Sindrome del canale carpale 1 Dido a scatto 2 Malattia di de Quervain 3 Rizoartrosi 4 Cisti del polso 5 Frattura 6 Malattia di Dupuytren 8 Artroscopia del polso della mano

Dettagli

MARTEDI SALUTE LE PATOLOGIE DELLA SPALLA PREVENZIONE E CURA PER STAR BENE Torino 04.12.2012 2012 Dott. Michele Albano Direttore Tecnico FKT Istituto Medicina i dello Sport Responsabile medico Galileo 18

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA:

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: Premesse anatomiche L articolazione della spalla (scapolo-omerale) è costituita dalla testa dell omero, che ha la forma di una porzione di sfera, e dalla cavità glenoidea

Dettagli

INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE

INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE IL PUNTO SULL INSTABILITA INSTABILITA DI SPALLA: INDICAZIONI E RIABILITAZIONE Giovanni Di Giacomo, M.D. Alberto Costantini, M.D. Andrea De Vita, M.D. Concordia Hospital for Special Surgery Rome - Italy

Dettagli

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I Metodica di applicazione del collare cervicale (tipo Nec-loc) Indicazioni: Il collare cervicale è un dispositivo semirigido in grado di ridurre notevolmente i movimenti

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE 1 CHE COSA È LA CAPSULITE ADESIVA? La capsulite adesiva, nota anche come Spalla congelata o Frozen Shoulder

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE

CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE CONFRONTO TRA LE ORTESI APPLICATE NELLE LESIONI DEL TRATTO CERVICALE T.O. Francesco Mattogno ITOP Officine Ortopediche OBIETTIVI In FASE ACUTA: - Immobilizzare in modo efficace il tratto cervicale per

Dettagli

A cosa servono le ortesi?

A cosa servono le ortesi? ORTESI PER L ARTO SUPERIORE ORTESI PER L ARTO SUPERIORE Definizione: dispositivi esoscheletrici applicati esternamente a segmenti del corpo con la funzione di limitare o assistere il movimento Obbiettivo:

Dettagli

U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei

U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei U.O. Ortopedia e Traumatologia Asl 3 Direttore Prof. G. Maffei APPROCCIO PRATICO AL PAZIENTE CON PATOLOGIA DI SPALLA Dr. Andrea Poggetti Ospedale SS. Cosma e Damiano Pescia poggetti.andrea@gmail.com +39

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001)

ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001) ANATOMIA FUNZIONALE E PATOLOGIE PIU FREQUENTI DELLA SPALLA (Molinelli Luglio 2001) INTRODUZIONE: La spalla (dal latino spatula) e una delle quattro parti dell arto superiore che in senso prossimo distale

Dettagli

PARADIGM SPINE. Impianto Interspinoso

PARADIGM SPINE. Impianto Interspinoso PARADIGM SPINE Impianto Interspinoso Stabilizzazi Non Fusion La tendenza che sta prendendo piede nella comunità scientifica di spostarsi dalle tecniche chirurgiche di fusione verso tecniche di non-fusione

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD»

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD» LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DELLA SPALLA NEGLI SPORT «OVERHEAD» Dott. Innorta Giacomo Fisioterapista, Dottore Magistrale in Scienze Riabilitative Master in Fisioterapia Sportiva Staff Romanuoto Definizione

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara

FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara FRATTURA DI CLAVICOLA: IL RITORNO IN PALESTRA Dino Caprara INTRODUZIONE Per una funzionalità fisiologica della spalla sono necessari i movimenti coordinati delle articolazioni sterno claveare, acromio

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago

Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago Dott. Gianluca Castellarin U.O.C. Ortopedia e Traumatologia ULSS 21 Legnago Unità Operativa Complessa di Ortopedia ULSS21 Direttore:Dott. Marco Cassini Dipartimento Chirurgico ULSS21 Direttore: Dott. Franco

Dettagli

FRATTURA DEL POLSO: TRATTAMENTO CHINESIOLOGICO IN PALESTRA a cura di Dino Caprara

FRATTURA DEL POLSO: TRATTAMENTO CHINESIOLOGICO IN PALESTRA a cura di Dino Caprara FRATTURA DEL POLSO: TRATTAMENTO CHINESIOLOGICO IN PALESTRA a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Un trattamento efficace per una frattura dell'epifisi distale del radio deve rispettare i tessuti molli, allo

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed Artroprotesi di Ginocchio VenetoSportsMed Se il vostro ginocchio è severamente danneggiato dall artrosi potrebbe risultarvi difficile svolgere le semplici attività quotidiane come il camminare; il dolore

Dettagli

EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA

EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA EVOLUZIONE DEL LANCIO ETA -CORRELATA Dott. Nicola de Gasperis Dott. Giovanni Di Giacomo Dott. Alberto Costantini Dott. Andrea De Vita Concordia Hospital for Special Surgery Rome - Italy Per gettare un

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE 1 COSA È L ARTROSI? E una patologia della cartilagine articolare che non guarisce e, nel tempo, tende ad aggravarsi.

Dettagli

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE

TRAUMA approccio e trattamento. EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE TRAUMA approccio e trattamento EPIDEMIOLOGIA e PREVENZIONE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI - Cos è il TRAUMA - TRAUMA SPINALE - TRAUMA CRANICO - TRAUMA al TORACE - TRAUMA all ADDOME -

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Speciale Epicondilite

Speciale Epicondilite presenta OLTRE L INFIAMMAZIONE C È DI PIÙ Realizzato con la consulenza del dottor Andrea Miti, Direttore del reparto di ortopedia e traumatologia dell Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) Il dolore si sviluppa

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 35 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO

Dettagli

Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla

Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla Gestione ambulatoriale delle patologie della spalla Valerio Sansone Professore di Ortopedia Università degli Studi di Milano Primario dell Unità Operativa Ortopedia 1 Istituto Clinico Humanitas IRCCS Rozzano

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Rieducazione Posturale Globale - Case Report:

Rieducazione Posturale Globale - Case Report: Rieducazione Posturale Globale - Case Report: Trattamento di una sindrome degli scaleni con edema e sintomatologia dolorosa in una paziente in età pre puberale. Daniela Saccà, Emiliano Grossi - Roma La

Dettagli

Il ciclista in movimento

Il ciclista in movimento 1 Il ciclista in movimento Nel ciclismo, come in ogni altro sforzo atletico, il corpo dell atleta deve avere una dura, solida base. Questa è la chiave per raggiungere performance di massimo livello, evitando

Dettagli

ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente

ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente ACIDO IALURONICO NELLE PATOLOGIE DI SPALLA: selezione del paziente Giovanni Di Giacomo, M.D. Alberto Costantini, M.D. Andrea De Vita, M.D. Nicola de Gasperis, M.D. Concordia Hospital for Special Surgery

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA III ANNO PART TIME OSTEOPATIA III Il Rachide cervicale superiore (C0-C1-C2) o Test analitici di mobilità delle vertebre cervicale. o Test di mobilità articolare.

Dettagli

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO

TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI TRAUMA TORACICO TRAUMA ADDOMINALE TRAUMA AL BACINO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Lesioni frequenti ed esigenti dal punto di vista chirurgico gravate in passato da risultati funzionali talvolta modesti La prognosi oggi è notevolmente migliorata

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO IL TRAUMA TORACICO Il 25% dei decessi successivi a trauma derivano da un trauma toracico. Questo, infatti, interessando la parete toracica, può coinvolgere tutti

Dettagli

Fratture nei bambini. www.fisiokinesiterapia.biz

Fratture nei bambini. www.fisiokinesiterapia.biz Fratture nei bambini www.fisiokinesiterapia.biz Tipi di fratture nei bambini In flessione Fratture a panetto di burro Fratture a legno verde Fratture complete Fratture a legno verde Descrivetela manovradi

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare

IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare IL GOMITO Anatomia e Fisiologia Articolare 1 ANATOMIA E FISIOLOGIA ARTICOLARE DEL GOMITO Lo scheletro della regione del gomito è formato da tre ossa: 1. l estremità inferiore dell omero; 2. l estremità

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER Il cerotto Painmaster MCT si presta a numerosi utilizzi in diversi distretti del corpo, garantendo risultati ottimali e in piena sicurezza. Sfrutta la terapia alle micro correnti,

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

No articolo: 950502010, 950502011, 950502012, 950502013, 950502014, 950502015, 950502016, 950502017, 950502018, 950502019, 950502020, 950502021

No articolo: 950502010, 950502011, 950502012, 950502013, 950502014, 950502015, 950502016, 950502017, 950502018, 950502019, 950502020, 950502021 «Firmenname_Übergeordnete_Firma» «Firmenzusatz_Übergeordnete_Firma» «Anrede» «Titel» «akademischer_zusatz» «Vorname» «Nachname» «Position» «Abteilung» «Adresse_1» «Adresse_2» Nicolas Stegmüller Tel. diretto

Dettagli

LAB CONTOURING Mammella

LAB CONTOURING Mammella LAB CONTOURING Mammella CASO CLINICO 69 aa Mammografia-Ecografia: Nel QSI sn si osserva opacità circoscritta a margini irregolari di 2x1 cm con cercine ecografico spesso ed irregolare, Linfonodi densi

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 02 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 4 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI ADENOTONSILLECTOMIA

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

DISPENSA DI MASSAGGIO

DISPENSA DI MASSAGGIO DISPENSA DI MASSAGGIO ZONE INTERDETTE AL MASSAGGIO Le manualità del massaggio non possono essere applicate in maniera sistematica su tutte le zone corporee. Si dicono zone interdette le zone del corpo

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Salute e piccoli traumi. a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA

Salute e piccoli traumi. a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA Salute e piccoli traumi a cura della prof. PATRIZIA BIANCHINI CORSO DI AGGIORNAMENTO DI EDUCAZIONE MOTORIA 2. LA SALUTE E I PICCOLI TRAUMI Spesso vi sarà capitato di sentir dire ho avuto uno strappo! oppure

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN RISONANZA MAGNETICA e PET. Pier Carlo Villani

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN RISONANZA MAGNETICA e PET. Pier Carlo Villani APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA IN RISONANZA MAGNETICA e PET BARI, 5 Aprile 2008 Pier Carlo Villani Servizio di Radiologia Casa di Cura La Madonnina - BARI Dir.San. Dott. Vittorio Mancaniello RIVOLUZIONE DIAGNOSTICA

Dettagli

Semeiotica della spalla SAMG Formazione Professionale MMG Bolzano, 03 ottobre 2013 Dr. Roberto Gorreri anamnesi esame clinico esami strumentali anamnesi dolore motivo della visita limitazione instabilità

Dettagli

Infiltrazioni Articolari Ecoguidate

Infiltrazioni Articolari Ecoguidate Infiltrazioni Articolari Ecoguidate Artrocentesi L'artrocentesi è l'operazione di svuotamento di raccolte patologiche di liquidi a livello di cavità articolari. E' una pratica di comune svolgimento in

Dettagli

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA

CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA CONSIGLI SU COME PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA (di D. Ercolessi - Supervolley dic 97) Non a torto il mal di schiena è stato definito come uno dei moli del secolo. Pur non essendo certo un pericolo per lo

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi

LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI TENDINEI. Dr Ft Valerio Massimi LA RIABILITAZIONE DEI TRASFERIMENTI Dr Ft Valerio Massimi Ridondanza muscolare: possibilità di sacrificare un muscolo per destinarlo ad altra funzione. Non fa perdere il movimento originario. es.: muscoli

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Fisioterapia Muscoloscheletrica

Fisioterapia Muscoloscheletrica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento sanità SUPSI Fisioterapia Muscoloscheletrica Certificate of Advanced Studies Date: 26-27-28 settembre 2014 14-15-16 novembre 2014

Dettagli

VECTRA. TECNICA CHIRURGICA. Sistema di placche cervicali anteriori. Questa pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA.

VECTRA. TECNICA CHIRURGICA. Sistema di placche cervicali anteriori. Questa pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. VECTRA. Sistema di placche cervicali anteriori. Questa pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli USA. TECNICA CHIRURGICA Sommario Indicazioni e controindicazioni Impianti Vario Case Strumenti

Dettagli

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello

PATOLOGIE DEL CORRIDORE. Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello PATOLOGIE DEL CORRIDORE Relatori: Dr. Marco Ciervo Prof. Massimo Carignano Assistenti: Andrea Mastromauro Valentina Bertello L ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA FASCITE PLANTARE Sintomi: Dolore acuto e intenso

Dettagli

ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO

ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO ESITI FUNZIONALI DOPO CHIRURGIA MAMMARIA E DOPO RICOSTRUZIONE AL SENO Dott. Livia Bedodi Fondazione IRCCS Istituto Tumori Metis Centro Studi in Oncologia Milano 24 settembre 2008 1 Esiti nella senologia

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno La perdita del seno comporta per la Donna un grave danno psicologico con le conseguenze che nella sua vita di relazione tutto si sconvolge, e spesso

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Tecnica chirurgica. Chiodo per osteotomia dell olecrano. Per fratture semplici e osteotomie dell olecrano.

Tecnica chirurgica. Chiodo per osteotomia dell olecrano. Per fratture semplici e osteotomie dell olecrano. Tecnica chirurgica Chiodo per osteotomia dell olecrano. Per fratture semplici e osteotomie dell olecrano. Sommario Introduzione Chiodo per osteotomia dell olecrano. 2 Principi AO 4 Indicazioni 5 Tecnica

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale

Collaborazioni Internazionali Offerta Assistenziale Unità operativa: Neurochirurgia Clinica Tipologia di attività svolta: Le più importanti attività neurochirurgiche sono svolte da 3 squadre estremamente dedicate. Brevemente, 1. Neuro oncologia, tra cui

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare Terapia del dolore con Stimolazione Midollare PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA 2 Convivere con il dolore cronico Dover convivere con il dolore cronico, significa apportare alla propria vita un importante

Dettagli

Definizioni. Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa.

Definizioni. Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa. Traumatologia Definizioni Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa. Ossa Fratture Articolazioni Distorsioni, lussazioni Legamenti Infiammazioni

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori

Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori Rieducazione Funzionale nelle patologie della cuffia dei rotatori LA SPALLA Il trattamento chirurgico o conservativo deve essere progettato considerando la complessità del sistema articolare della spalla

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Spalla. Gomito. Polso

Spalla. Gomito. Polso Spalla Gomito Polso EPICONDILITE RAPPRESENTA LA CAUSA PIU FREQUENTE DI DOLORE AL GOMITO ALTA INCIDENZA SPICCATA TENDENZA A RECIDIVARE EPICONDILITE Sindrome dolorosa localizzata all'epicondilo conseguente

Dettagli