VALUTAZIONE DEI RISCHI 26/05/11 Rev. 0. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EX ART. 17, 28 D. LGS. 81/2008 smi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DEI RISCHI 26/05/11 Rev. 0. DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EX ART. 17, 28 D. LGS. 81/2008 smi"

Transcript

1 Documento di valutazione dei rischi Pag. 1 di 102 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI EX ART. 17, 28 D. LGS. 81/2008 smi RIFERIMENTI: D. Lgs. 9 aprile 2008 n 81 smi ENERGYLAB sede di: Piazza Trento 13, Milano Data Rev. Datore di RSPP MC RLS Pagine Lavoro 26/05/11 Rev

2 Documento di valutazione dei rischi Pag. 2 di 102 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA DEL DOCUMENTO Premessa Revisione del documento IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA Anagrafica aziendale Individuazione dei luoghi di lavoro Descrizione delle attività/lavorazioni svolte Le figure coinvolte nella gestione della sicurezza Sorveglianza sanitaria Periodo di lavoro Personale occupato Personale proveniente da altri paesi, problematiche legate al genere e all età Contratti in appalto Presenza di Lavoratori terzi presso il luogo di lavoro Presenza di lavoratori presso terzi L ANALISI INFORTUNISTICA Dati sugli infortuni LEGISLAZIONE SPECIFICA IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE INERENTE LA SICUREZZA INDICAZIONE DEI CRITERI USATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Determinazione del coefficiente di rischio ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE Considerazioni generali ANALISI DEI FATTORI DI RISCHIO Luoghi di lavoro Attrezzature di lavoro Ergonomia ed attrezzature munite di videoterminali (VDT) Sostanze pericolose: agenti chimici Sostanze pericolose: agenti cancerogeni e mutageni Sostanze pericolose: amianto Esposizione ad agenti biologici Movimentazione manuale dei carichi Esposizione ad agenti fisici: rumore Esposizione ad agenti fisici: vibrazioni Altri agenti fisici: radiazioni ottiche artificiali, campi elettromagnetici, atmosfere iperbariche, ultrasuoni, esposizioni a radiazioni ionizzanti Rischio elettrico... 39

3 Documento di valutazione dei rischi Pag. 3 di Stati di non salute connessi al lavoro: stress lavoro correlato Assunzioni di alcool e sostanze psicotrope Gestione emergenza e rischio incendio SINTESI SCHEMATICA DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUATI E PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI ELENCO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE INDIVIDUATE A SEGUITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI L informazione preventiva dei lavoratori La formazione e addestramento dei lavoratori Dispositivi di protezione individuale Segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro Riepilogo degli interventi gestionali Misure ritenute opportune per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza ALLEGATO 1 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Criteri di valutazione del rischio chimico Criteri di valutazione dei rischi di movimentazione manuale dei carichi Criteri di valutazione del rischio incendio Criteri di valutazione del rischio vibrazioni meccaniche Criteri usati nella valutazione del rischio rumore ALLEGATO 2 VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LAVORATRICI GESTANTI, PUERPERE O IN PERIODO DI ALLATTAMENTO Riferimenti normativi Criteri di valutazione del rischio Analisi e valutazione del rischio per mansione Considerazioni finali sulla tutela delle lavoratrici madri Misure ed interventi per garantire la salute e la sicurezza delle lavoratrici puerpere e gestanti ALLEGATO 3 ORGANIGRAMMA AZIENDALE ELENCO DEI DIRIGENTI E PREPOSTI ALLEGATO 4 CHECK LIST DEGLI INDICATORI VERIFICABILI PER LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

4 Documento di valutazione dei rischi Pag. 4 di DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA DEL DOCUMENTO 1.1 PREMESSA Il presente documento, redatto ai sensi dell articolo 28 del D. Lgs. 81/2008 e articoli correlati, ha il duplice obiettivo di adempiere all obbligo richiamato dal legislatore e di indicare gli ambiti e le linee programmatiche per sviluppare le politiche aziendali in materia di sicurezza ed igiene del lavoro. Ci si propone dunque di fissare alcuni punti di riferimento che, agendo su tutte le variabili che concorrono a definire le condizioni di sicurezza, consentano di perseguire un costante miglioramento contemplando progettazione, gestione e organizzazione degli acquisti, modifiche agli impianti e alle attrezzature, scelta dei dispositivi di protezione individuale. Nel documento viene sintetizzato pertanto il processo attraverso il quale sono state effettuate l analisi, la classificazione e la valutazione dei rischi in relazione alle peculiarità dell azienda ed agli obiettivi che essa persegue. 1.2 REVISIONE DEL DOCUMENTO Il presente documento di valutazione dei rischi costituisce la prima stesura dopo l entrata in vigore del D.Lgs. 81/2008 smi ed è indicato come revisione N.0. Il presente documento sarà sottoposto a revisione parziale o totale nei seguenti casi: 1. modifica del quadro normativo vigente; 2. modifiche del processo produttivo o dell organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori e non contemplate nel presente documento. 3. quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenziano la necessità. 4. in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi. A seguito della rielaborazione del documento di valutazione dei rischi le misure di prevenzione saranno di volta in volta aggiornate. Le modifiche e gli aggiornamenti saranno apportati con il coinvolgimento delle funzioni interessate. In occasione di revisioni e/o aggiornamenti, il documento di valutazione dei rischi sarà rielaborato previa consultazione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).

5 Documento di valutazione dei rischi Pag. 5 di IDENTIFICAZIONE DELL AZIENDA 2.1 ANAGRAFICA AZIENDALE Denominazione Fondazione EnergyLab Sede Legale Casa dell Energia-Piazza Po,3 Milano Sede Operativa Piazza Trento, Milano Telefono Fax Sito / Iscritta al registro delle imprese di Milano Codice Fiscale / Partita IVA / REA 2293 Posizioni assicurative / INAIL: previdenziali INPS: Codice tariffa INAIL 0722 Anno inizio attività INDIVIDUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO La società EnergyLab svolge la sua attività presso la sede di Piazza Trento 13 a Milano e presso uffici terzi, università e altre strutture in occasione di seminari, convegni e riunioni. La sede operativa della EnergyLab è ubicata in un edificio indipendente all interno di un complesso di edifici, di proprietà della A2A Spa, al quale si accede per mezzo di un ingresso pedonale e un cancello carrabile; quest ultimo garantisce un accesso agevole ai mezzi di soccorso (ambulanze e VVF). 2.3 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ/LAVORAZIONI SVOLTE EnergyLab è una Fondazione senza scopo di lucro che ha l obiettivo di: Promuovere il finanziamento per la ricerca e l innovazione nel settore dell energia; Sviluppare programmi di approfondimento, divulgazione e sensibilizzazione sulle tematiche energetiche, ambientali e del territorio; Erogare servizi ad alto contenuto specialistico, per la crescita del capitale umano, la diffusione delle conoscenze, la creazione di reti di collaborazione. L attività di EnergyLab si basa sulla collaborazione permanente degli Istituti delle Università socie e può essere schematizzata come segue: Laboratori di approfondimento e divulgazione

6 Documento di valutazione dei rischi Pag. 6 di 102 Progetti: promozione competenze e Fund rising Crescita dei Giovani e del Capitale Umano Diffusione delle Conoscenze: Accordi di collaborazione Studi Specialistici 2.4 LE FIGURE COINVOLTE NELLA GESTIONE DELLA SICUREZZA Di seguito si riportano i nominativi delle figure aziendali preposte alla gestione della sicurezza ai sensi del D. Lgs. 81/2008 smi. Datore di Lavoro (DdL) Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) interno esterno Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) territoriale aziendale Addetti emergenza e prevenzione incendi/evacuazione (AI) Silvio Bosetti Silvio Bosetti Addetti Primo Soccorso (PS) Medico Competente (MC) // Nell allegato 3 è riportato l organigramma aziendale. Non sono stati individuati Dirigenti ai sensi dell art 2 comma 1 lettera d) del D.Lgs. 81/08. Sono stati individuati Preposti ai sensi dell art 2 comma 1 lettera e) del D.Lgs. 81/08 le figure aziendali che gestiscono gruppi di lavoratori; in particolare: Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Preposto (funzione) Responsabile amministrazione (P.IVA) Responsabile fund rising (P.IVA) Responsabile promozione competenze (P.IVA) Responsabile servizi specialistici (P.IVA) Responsabile laboratori di approfondimento (DdL) Responsabile divulgazione (DdL) Coordinatore laboratori Addetto acquisizione/ gestione commesse

7 Documento di valutazione dei rischi Pag. 7 di SORVEGLIANZA SANITARIA Non sono presenti al momento mansioni per le quali risulti necessaria la sorveglianza sanitaria e quindi l obbligo di nomina del medico competente. 2.6 PERIODO DI LAVORO I lavoratori dipendenti di EnergyLab svolgono le loro mansioni dal lunedì al venerdì in orario d ufficio, i dipendenti assunti con contratto a progetto svolgono le loro attività senza indicazione di orari, i tirocinanti lavorano per un massimo di 8 ore giornaliere dal lunedì al venerdì. 2.7 PERSONALE OCCUPATO Alla data del 26/05/2011 il personale aziendale è composto da 15 lavoratori, assunti con diverse tipologie contrattuali: stage, contratto a progetto, contratto a tempo determinato e indeterminato. Svolge la sua attività presso la sede di EnegyLab anche un lavoratore distaccato. La struttura può ospitare per brevi periodi (circa 3 mesi) anche studenti provenienti dalle università per attività di tirocinio presso la sede di EnergyLab, classificabili come gruppo omogeneo; i rischi a cui possono essere esposti i tirocinanti sono valutati nella relativa scheda di mansione opportunamente inserita nel paragrafo 6.1. Occasionalmente la EnergyLab si avvale della collaborazione di personale esterno per attività a carattere intellettuale per la gestione di bandi concorsuali, progetti e laboratori. 2.8 PERSONALE PROVENIENTE DA ALTRI PAESI, PROBLEMATICHE LEGATE AL GENERE E ALL ETÀ Il personale aziendale è tutto di origine italiana. Per gli addetti provenienti da altri paesi, eventuali criticità legate alla lingua, alla cultura e alla prassi lavorativa saranno se del caso valutate dal DDL e dal RSPP congiuntamente al medico competente (se del caso). Tra i lavoratori non vi sono lavoratori in categoria protetta o comunque con disabilità motorie/sensoriali per i quali devono essere considerati aggravi di rischio. Per i lavoratori che hanno più di 50 anni di età vengono valutati eventuali aggravi di rischio. Per quanto riguarda le differenze di genere, le donne sono impiegate in attività di ufficio che non le espongono a rischi particolarmente gravosi per la loro natura. La valutazione dei rischi per le donne in gravidanza, puerperio e allattamento di cui al D.Lgs. 151/01 è riportata nell allegato 2 del presente documento.

8 Documento di valutazione dei rischi Pag. 8 di CONTRATTI IN APPALTO Il datore di lavoro, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture all impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell ambito dell intero ciclo produttivo dell azienda medesima, sempre che abbia la disponibilità giuridica dei luoghi in cui si svolge l appalto o la prestazione di lavoro autonomo: a) verifica l idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori, ai servizi e alle forniture da affidare in appalto o mediante contratto d opera o di somministrazione. La verifica è eseguita attraverso le seguenti modalità: 1) acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato; 2) acquisizione dell autocertificazione dell impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale, ai sensi dell art. 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445; b) fornisce agli stessi soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. I datori di lavoro: - cooperano all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; - coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. Inoltre il datore di lavoro committente: c) promuove la cooperazione ed il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi (DUVRI) che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenza. Tale documento è allegato al contratto di appalto o di opera e va adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori, servizi e forniture. L obbligo di redazione del DUVRI non si applica ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature nonché ai lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all allegato XI. In ogni contratto di subappalto, di appalto e di somministrazione di cui agli articoli 1559, ad esclusione dei contratti di somministrazione di beni e servizi essenziali, 1655, 1656 e 1677 del codice civile, devono essere specificamente indicati a pena di nullità ai sensi dell articolo 1418 del codice civile i costi delle misure adottate per eliminare o, ove ciò non sia possibile, ridurre al

9 Documento di valutazione dei rischi Pag. 9 di 102 minimo i rischi in materia di salute e sicurezza sul lavoro derivanti dalle interferenze delle lavorazioni. Tali costi non sono soggetti a ribasso. Nell ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, il personale occupato dall impresa appaltatrice o subappaltatrice deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. l imprenditore committente risponde in solido con l appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori, per tutti i danni per i quali il lavoratore, dipendente dall appaltatore o dal subappaltatore, non risulti indennizzato ad opera dell Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) PRESENZA DI LAVORATORI TERZI PRESSO IL LUOGO DI LAVORO I contratti di appalto, d opera e fornitura con aziende terze e/o lavoratori autonomi per le attività di manutenzione e pulizia degli ambienti di lavoro della EnergyLab sono stipulati da A2A spa che gestisce il processo di qualifica e di verifica a norma dell art. 26 del D.LGs. 81/08. Tali interventi vengono effettuati fuori dall orario di lavoro dei dipendenti della EnergyLab PRESENZA DI LAVORATORI PRESSO TERZI Il personale della EnergyLab si muove frequentemente in esterno presso università, enti finanziatori dei progetti o in genere presso terzi per attività di natura intellettuale: partecipazione a seminari, convegni, bandi di concorso, contatti/ ricerca di fondi e finanziamenti, collaborazione nei progetti. Un addetta al servizio bandi/ programmi di finanziamento svolge il proprio lavoro presso un ufficio a Bruxelles, al momento sede fissa per lo svolgimento di tale attività e la gestione dei bandi e dei concorsi europei.

10 Documento di valutazione dei rischi Pag. 10 di L ANALISI INFORTUNISTICA 3.1 DATI SUGLI INFORTUNI È presente il Registro Infortuni; non vi sono stati infortuni dall inizio dell attività. Nell eventualità in cui dovessero verificarsi infortuni, il datore di lavoro effettuerà l analisi dell infortunio e vaglierà misure di miglioramento atte alla tutela della sicurezza dei lavoratori, in collaborazione con il RSPP, RLS e preposti.

11 Documento di valutazione dei rischi Pag. 11 di LEGISLAZIONE SPECIFICA IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Elenco non esaustivo dei principali riferimenti normativi: DPR 30 giugno 1965, n testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali L. 17 ottobre 1967, n. 977 tutela del lavoro dei fanciulli e degli adolescenti L. 09 dicembre 1977, n. 903 norme concernenti la parità di trattamento fra uomini e donne in materia di lavoro L. 23 dicembre 1978, n. 833 istituzione del servizio sanitario nazionale DPR. 31 luglio 1980, n. 619 istituzione dell'istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro (art.23 della legge n.833 del 1978) D.M. 5 marzo 1981, recepimento della direttiva cee n. 76/767 sugli apparecchi a pressione D.M. 16 febbraio 1982 modificazioni del decreto ministeriale , concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi DPR 08 giugno 1982, n. 524 norme in materia di segnaletica di sicurezza Linee Direttrici Europee per favorire la direttiva 92/85/cee per la valutazione degli agenti chimici, fisici e biologici, nonché dei processi industriali ritenuti pericolosi per la sicurezza o la salute delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento D.Lgs. 27 settembre 1990, n. 371 recepimento della direttiva n. 404 del 1987 e n. 448 del 1990 in materia di recipienti semplici a pressione; D.Lgs. 4 dicembre 1992, n. 475 attuazione della direttiva 89/686/cee del consiglio del 21 dicembre 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale. D.M. 16 gennaio individuazione dei contenuti minimi della formazione dei lavoratori, dei rappresentanti per la sicurezza e dei datori di lavoro che possono svolgere direttamente i compiti propri del responsabile del servizio di prevenzione e protezione D.M. 10 marzo 1998 criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro DPR n 162, 30/04/1999 regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/ce sugli ascensori e di semplificazione dei procedimenti per la concessione del nulla osta per ascensori e montacarichi, nonché della relativa licenza di esercizio D.Lgs , n disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell'articolo 17, comma 2, della legge 5 febbraio 1999 n Linee guida per l applicazione del D.Lgs. 151/01 redatte da Asl di Modena (gennaio 2004) D.Lgs. 26 marzo 2001 n. 151 testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53. D.M. 2 maggio 2001 criteri per l individuazione e l uso dei dispositivi di protezione individuale (dpi). DPR 22 ottobre 2001 n. 462 regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi. D.M. 15 luglio 2003, n. 388 regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

12 Documento di valutazione dei rischi Pag. 12 di 102 Accordo attuativo del D. Lgs. 195/2003 G.U. del 14 febbraio 2006 n 37 individuazione de lle capacità e dei requisiti professionali richiesti agli addetti e ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione dei lavoratori. Indirizzi per la redazione del documento di valutazione del rischio (ex art. 4 D.Lgs. 626/94), regione Lombardia direzione generale sanità d.g. sanità U.O. Prevenzione. Accordo europeo sullo stress sul lavoro dell 8 ottobre Coordinamento tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro e delle regioni e delle province autonome. decreti legislativi 187/2005 e 195/2006 sulla prevenzione e protezione dai rischi dovuti all esposizione a vibrazioni ad a rumore nei luoghi di lavoro- indicazioni applicative del 22/12/2006. Accordo Stato, Regioni e Province Autonome del 26 gennaio 2006, in attuazione degli articoli 36-quater, comma 8, e 36-quinquies, comma 4, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, in materia di prevenzione e protezione dei lavoratori sui luoghi di lavoro. accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n D.M. 28 febbraio 2006 recepimento della direttiva 2004/74/Ce recante xxix adeguamento al progresso tecnico della direttiva 67/548/cee in materia di classificazione, imballaggio ed etichettatura di sostanze pericolose. Circolare della G.R Lombardia, D.G. SANITÀ, del 19 dicembre 2006 n.32 attuazione dell accordo per la formazione degli addetti e dei responsabili SPP - D.Lgs. 195/03 Circolare Regione Lombardia n. 32/san 06 del attuazione accordo stato regioni del L. 3 marzo 2007, n misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia. (abrogati dal D.Lgs. 81/08 solo artt. 2,3,5,6,7) Provvedimento conferenza unificata intesa, ai sensi dell articolo 8, comma 6, della Legge , n. 131, in materia di accertamento di assenza di tossicodipendenza (repertorio atti n. 99/cu) D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 attuazione dell'articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Testo coordinato: LEGGE 6 agosto 2008, n. 133; LEGGE 7 Luglio 2009 n 88; Decreto Legislativo 3 Agosto 2009 n 106. Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell art. 11 quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici. Coordinamento Tecnico Interregionale della Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Guida operativa marzo 2010, valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato. ISPESL, la valutazione dello stress lavoro correlato proposta metodologica, marzo 2010.

13 Documento di valutazione dei rischi Pag. 13 di 102 DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE INERENTE LA SICUREZZA Nella seguente tabella si riporta l elenco della documentazione amministrativa con impatto sulla valutazione dei rischi. Tale documentazione viene gestita direttamente da A2A Spa proprietaria dell immobile. Agibilità e destinazione d uso del locale Dichiarazione di conformità impianto elettrico Progetto per gli impianti elettrici Documenti Denuncia impianto di messa a terra Verifiche periodiche degli impianti di messa a terra (ASL o altri organismi abilitati) Libretto di centrale termica con potenzialità superiore a 35 KW Certificato di Prevenzione Incendi Nulla osta inizio attività Registro infortuni

14 Documento di valutazione dei rischi Pag. 14 di INDICAZIONE DEI CRITERI USATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Per l individuazione dei rischi si è proceduto ad un attenta analisi dell attività lavorativa considerando le interazioni Uomo/Ambiente/Attrezzature. L analisi dei rischi e la successiva classificazione e valutazione è stata condotta dal Datore di Lavoro. Come criterio di analisi è stato scelto quello di esaminare le mansioni degli addetti in relazione ai posti di lavoro e all uso delle attrezzature; per far questo sono state utilizzate come linee guida sia schede di indagine che check list specifiche per argomento di valutazione. In particolare il procedimento di analisi e di valutazione è stato così organizzato: Elenco delle attività svolte. Scomposizione di tali attività in mansioni elementari e loro osservazione. Individuazione dell attività prevalente. Annotazione delle anomalie riscontrate, ovvero delle situazioni e dei comportamenti lavorativi difformi dalle norme vigenti o comunque tali da configurare potenziale rischio. Individuazione del rischio oggettivamente presente, mediante esame della situazione di fatto, utilizzo di check list, normativa di riferimento, norme di buona tecnica, linee guida CEE. Valutazione del rischio oggettivamente presente, prendendo come riferimento la situazione infortunistica, la situazione espositiva e l esperienza degli operatori. L entità del danno e la probabilità di accadimento sono state ricavate dall esperienza lavorativa aziendale, da quanto registrato nel passato anche in situazioni analoghe di altre aziende e da bibliografia di settore. I livelli di rischio sono stati definiti in base alla Guida per effettuare la valutazione del rischio da lavoro edita dalla Commissione CEE, con alcune variazioni per renderla più attinente alla attività aziendale e tenendo conto delle linee guida della Regione Lombardia (2004) e del D. Lgs 81/2008. Le misure di prevenzione e protezione apparse necessarie a seguito della valutazione dei rischi sono state decise dal datore di lavoro con il coinvolgimento delle funzioni interessate e dei lavoratori. Per compiere una valutazione quali/quantitativa dei rischi è stata impiegata una matrice a due entrate che di seguito viene descritta.

15 Documento di valutazione dei rischi Pag. 15 di DETERMINAZIONE DEL COEFFICIENTE DI RISCHIO INDICE DI PROBABILITÀ INDICE DI DANNO Tabella 1. matrice a due entrate per la determinazione del coefficiente di rischio I valori per le due entrate, indice di probabilità e indice di danno, sono individuati seguendo le definizioni sotto riportate Indici di probabilità Livello Definizione Non applicabile: esposizione a fattori di rischio al di sotto dei limiti riconosciuti come potenzialmente pericolosi. Improbabile: può avvenire un danno per concomitanza di più eventi poco probabili ed indipendenti? non sono noti episodi già verificati; il verificarsi del danno provocherebbe incredulità. Poco probabile: la mancanza rilevata può provocare un danno solo in circostanze sfortunate di eventi? sono noti solo rarissimi episodi già verificatisi; il verificarsi del danno ipotizzato provocherebbe grande sorpresa. Probabile: la mancanza rilevata può provocare un danno, anche se non in modo automatico e diretto; è noto qualche episodio in cui alla mancanza ha fatto seguito il danno; il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe moderata sorpresa. Altamente probabile: esiste una correlazione diretta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori; si sono già verificati danni per la stessa mancanza; il verificarsi del danno conseguente non susciterebbe alcuno stupore Tabella 2. definizione degli indici di probabilità di accadimento

16 Documento di valutazione dei rischi Pag. 16 di 102 Livello Indici di danno potenziale Definizione 1 Lieve: infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità rapidamente reversibile; esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. 2 Medio: infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità reversibile 3 Grave: infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità parziale; esposizione cronica con effetti irreversibili e parzialmente invalidanti 4 Gravissimo: infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti letali o di invalidità totale. Tabella 3. definizione degli indici di danno potenziale Coefficienti di rischio I valori delle due entrate vengono tra loro moltiplicati ottenendo un coefficiente di rischio R compreso tra 1 e 16. Il valore R = 1 dà luogo ad azioni migliorative da valutare in fase di programmazione (Priorità 3). Il valore 2 R 3 dà luogo ad azioni correttive da programmare nel breve-medio termine (Priorità 2). Il valore 4 R 8 dà luogo ad azioni correttive necessarie da programmare con urgenza (Priorità 1). Il valore R > 9 dà luogo ad azioni correttive non dilazionabili (Priorità 0). Nel predisporre il programma di eliminazione e riduzione dei rischi si è proceduto dai coefficienti di rischio più alti dando comunque sempre priorità a quei coefficienti determinati da un indice di danno potenziale massimo. Per quanto riguarda la valutazione di nuovi rischi emergenti, come quelli stress lavoro correlato secondo accordo europeo 8/10/04, il D.Lgs. 81/08 richiama l esplicita collaborazione del medico competente (se del caso) nella valutazione. In attesa di strumenti di analisi e valutazione validati ci si attiene all analisi dei carichi di lavoro, dell organizzazione delle attività e delle interrelazioni personali necessarie per lo svolgimento dei compiti lavorativi. In allegato 1 si riportano i criteri utilizzati nell analisi e valutazione di rischi specifici, in particolare: Rischio chimico Movimentazione manuale dei carichi Incendio

17 Documento di valutazione dei rischi Pag. 17 di ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE 6.1 CONSIDERAZIONI GENERALI Partendo dall analisi delle attività svolte e dai risultati dell indagine, sono stati individuati i rischi a cui risulta esposto il personale nello svolgimento delle proprie mansioni. L analisi dei rischi per mansione permette, tra l altro, di individuare i fabbisogni formativi, di sorveglianza sanitaria e di DPI per ciascuna categoria di lavoratore. Ai fini dell analisi e delle valutazione dei rischi, è possibile raggruppare le mansioni in macromansioni caratterizzate dal medesimo rischio come da schema seguente. Macromansione 1: Raggruppa tutto il personale che nello svolgimento delle sue mansioni non Personale amministrativo utilizza automezzi aziendali, opera esclusivamente presso la sede e non d ufficio effettua significative movimentazioni manuali di carichi. Tali lavoratori fanno capo alle seguenti mansioni: Addetto contabilità generale Segretaria Macromansione 2: Raggruppa tutto il personale che nello svolgimento delle proprie mansioni Personale operativo con utilizza automezzi, opera presso terzi e non effettua significative compiti anche in esterno movimentazione manuali di carichi. Tali lavoratori fanno capo alle seguenti mansioni: Addetto Attività e Progetti-Marketing/Adesioni iniziative Addetto pubblicazioni Macromansione 3: Raggruppa tutto il personale che nello svolgimento delle proprie mansioni non Personale operativo con utilizza automezzi, opera presso terzi e non effettua significative compiti prevalentemente movimentazione manuali di carichi. di ufficio Tali lavoratori fanno capo alle seguenti mansioni: Addetto servizio bandi/programmi di finanziamento Addetto career center Program officer Addetto relazioni stampa Addetto pubblicazioni Addetto gestione seminari/eventi Addetto seminari/eventi Addetto progetti Macromansione 4: Raggruppa tutti gli studenti universitari che svolgono attività di tirocinio presso Tirocinanti universitari EnergyLab e che nello svolgimento delle proprie mansioni non utilizzano automezzi, operano presso terzi e non effettuano significative movimentazione manuali di carichi.

18 Documento di valutazione dei rischi Pag. 18 di 102 Nelle tabelle che seguono sono stati riepilogati i rischi specifici correlati a ciascuna macromansione. SCHEDA N 1 - MACROMANSIONE 1: PERSONALE AMMINISTRATIVO D UFFICIO Area DESCRIZIONE ATTIVITÀ Uffici, spazi comuni Ore medie settimanali VDT N.A. < 20 > 20 Esposizione a rumore (L EX 8h) < < 87 >87 [db(a)] Esposizione vibrazioni a Macchine/attrezzature Sostanze Compiti degli addetti Mano braccio [m/s 2 ] Corpo intero [m/s 2 ] N.A. 1,0 1,0< 2,5 2,5< 5 > 5 N.A. 0,25 0,25< 0,5 0,5 < 1 > 1 Attrezzature da ufficio: computer, stampante, telefono, fax, fotocopiatrice Attrezzature manuali di ufficio: forbici graffettatrice,etc. Toner di stampante e fotocopiatrice in cartucce sigillate. Lavori videoscrittura senza movimenti rapidi e ripetitivi Comunicazioni telefoniche Archiviazione pratiche cartacee/ sostituzione toner SITUAZIONI PERICOLOSE Impiego di attrezzature munite di videoterminali Postura fissa seduta prolungata Impiego di attrezzature elettriche (apparecchiature da ufficio: computer, stampante, fotocopiatrice, etc.) Contatto occasionale con sostanze chimiche (toner) solo in caso di rottura delle cartucce sigillate Movimentazione e archiviazione pratiche (peso medio < 3 kg, faldoni delle pratiche) PRINCIPALI RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE RISCHIO P D R Affaticamento dell apparato visivo e stress Offesa dell apparato osseo muscolare, affaticamento per postura non corretta fissa o prolungata Elettrocuzione Irritazione della cute per contatto accidentale con sostanze chimiche Patologie acute del sistema osteomiotendineo per movimentazione manuale dei carichi VALUTAZIONE RISCHIO CHIMICO Basso per la sicurezza e irrilevante per la salute MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Informazione e formazione ESITO DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE Si ritiene che tale mansione possa essere svolta da personale in gravidanza/allattamento, in quanto non sono svolte attività vietate artt.7 e 9 e allegati A e B del D. Lgs. 151/2001. Relativamente ai rischi associati all art 11 e all. C del D.Lgs. 151/2001 e compresi nelle linee direttrici CE occorre predisporre le necessarie misure di prevenzione e protezione di organizzazione del lavoro e dei layout.

19 Documento di valutazione dei rischi Pag. 19 di 102 SCHEDA N 2 - MACROMANSIONE 2: PERSONALE OPERATIVO CON COMPITI ANCHE IN ESTERNO Area DESCRIZIONE ATTIVITÀ Uffici, spazi comuni, esterni, clienti Ore medie settimanali VDT N.A. < 20 > 20 Esposizione a rumore (L EX 8h) < < 87 >87 [db(a)] Esposizione vibrazioni a Macchine/attrezzature Mano braccio [m/s 2 ] Corpo intero [m/s 2 ] N.A. 1,0 1,0< 2,5 2,5< 5 > 5 N.A. 0,25 0,25< 0,5 0,5 < 1 > 1 Attrezzature da ufficio: computer, PC portatile, stampante, telefono, fax, fotocopiatrice Attrezzature manuali di ufficio: forbici graffettatrice,etc Automezzi (patente B) Sostanze -- Lavori videoscrittura senza movimenti rapidi e ripetitivi Comunicazioni telefoniche Compiti degli addetti Trasferimenti A/R verso clienti con vari mezzi tra cui l automobile Svolgimento attività presso cliente SITUAZIONI PERICOLOSE Impiego di attrezzature munite di videoterminali Postura fissa seduta prolungata Utilizzo automezzi e altri mezzi di trasporto Svolgimento attività presso luoghi di lavoro di terzi Impiego di attrezzature elettriche (apparecchiature da ufficio: computer, stampante, fotocopiatrice, etc.) PRINCIPALI RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE RISCHIO P D R Affaticamento dell apparato visivo e stress Offesa dell apparato osseo muscolare, affaticamento per postura non corretta fissa o prolungata Elettrocuzione Investimento / Incidente stradale, ferroviario, aereo Lombalgie e traumi del rachide per esposizione a vibrazioni del corpo intero durante la guida in auto VALUTAZIONE RISCHIO CHIMICO Non presente MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Informazione e formazione Divieto consumo bevande alcoliche in orario di lavoro ESITO DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE Si ritiene che tale mansione possa essere svolta da personale in gravidanza/allattamento, in quanto non sono svolte attività vietate artt.7 e 9 e allegati A e B del D. Lgs. 151/2001. Relativamente ai rischi associati all art 11 e all. C del D.Lgs. 151/2001 e compresi nelle linee direttrici CE occorre predisporre le necessarie misure di prevenzione e protezione di organizzazione del lavoro e dei layout.

20 Documento di valutazione dei rischi Pag. 20 di 102 SCHEDA N 3 - MACROMANSIONE 3: PERSONALE OPERATIVO CON COMPITI PREVALENTEMENTE DI UFFICIO DESCRIZIONE ATTIVITÀ Area Uffici, spazi comuni, esterni, clienti Ore medie settimanali VDT N.A. < 20 > 20 Esposizione a rumore (L EX 8h) [db(a)] Mano braccio Esposizione a [m/s 2 ] vibrazioni Corpo intero [m/s 2 ] Macchine/attrezzature < < 87 >87 N.A. 1,0 1,0< 2,5 2,5< 5 > 5 N.A. 0,25 0,25< 0,5 0,5 < 1 > 1 Attrezzature da ufficio: computer, PC portatile, stampante, telefono, fax, fotocopiatrice Attrezzature manuali di ufficio: forbici graffettatrice,etc. Sostanze -- Lavori videoscrittura senza movimenti rapidi e ripetitivi Comunicazioni telefoniche Compiti degli addetti Trasferimenti A/R verso clienti con vari mezzi esclusa l automobile (saltuario) Svolgimento attività presso cliente SITUAZIONI PERICOLOSE Impiego di attrezzature munite di videoterminali Postura fissa seduta prolungata Utilizzo mezzi di trasporto Svolgimento attività presso luoghi di lavoro di terzi Impiego di attrezzature elettriche (apparecchiature da ufficio: computer, stampante, fotocopiatrice, etc.) PRINCIPALI RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE RISCHIO P D R Affaticamento dell apparato visivo e stress Offesa dell apparato osseo muscolare, affaticamento per postura non corretta fissa o prolungata Elettrocuzione Investimento / Incidente stradale, ferroviario, aereo VALUTAZIONE RISCHIO CHIMICO Non presente MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Informazione e formazione ESITO DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO PER LAVORATRICI GESTANTI E PUERPERE Si ritiene che tale mansione possa essere svolta da personale in gravidanza/allattamento, in quanto non sono svolte attività vietate artt.7 e 9 e allegati A e B del D. Lgs. 151/2001. Relativamente ai rischi associati all art 11 e all. C del D.Lgs. 151/2001 e compresi nelle linee direttrici CE occorre predisporre le necessarie misure di prevenzione e protezione di organizzazione del lavoro e dei layout.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli