I.I.S. Federico Flora Via Galileo Ferraris, Pordenone. PIANO D EMERGENZA E D EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/2008 e S.M.I.) SINTESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. Federico Flora Via Galileo Ferraris, 2 33170 Pordenone. PIANO D EMERGENZA E D EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/2008 e S.M.I.) SINTESI"

Transcript

1 I.I.S. Federico Flora Via Galileo Ferraris, Pordenone PIANO D EMERGENZA E D EVACUAZIONE (D.Lgs. 81/2008 e S.M.I.) SINTESI Pagina1

2 PREMESSA Il presente documento rappresenta una sintesi del piano di emergenza e di evacuazione dell unità produttiva ubicata a Pordenone in via Galileo Ferraris 2, ed è utilizzata ai piani: seminterrato, piano terra, 1 piano e 2 piano. Il Personale accede alla scuola da una entrata laterale del piano terra ubicata a nord che immette direttamente nel lungo e ampio corridoio di distribuzione per tutti gli uffici: entrando sulla destra c è l ufficio del personale, poi l ufficio del DSGA e del Dirigente Scolastico. Nel lato sinistro sempre al piano terra nello stesso corridoio ci sono altri due uffici: amministrazione e didattica. Questo corridoio e' diviso da una porta a vetri che serve per far entrare il pubblico all orario stabilito. In questo corridoio sono allocati l orologio marcatempo, la centralina del sistema d allarme, un estintore e un idrante.superando la porta a vetri sulla destra c è la vicepresidenza, a seguire c è una stanza con due bagni e una cabina elettrica che comanda tutto il piano terra. Sul lato sinistro c è la stamperia e una stanza grande con spogliatoi, bagni, lavabi e docce, in questo corridoio vi si trova un estintore agganciato al muro. Sempre al piano terra ma a sud c è lo stesso corridoio come al lato nord dove troviamo l aula insegnanti, e due aule per l insegnamentoe il bagno docenti sul lato SX e tre classi per l insegnamento, la stanza del server sul lato DX. In questo corridoio si trovano due estintori ed un idrante. Sempre al piano terra ma dall entrata principale dove accedono gli alunni e il pubblico c è un ampio atrio con una zona a tutta altezza. Sulla destra e sinistra, simmetriche rispetto all'entrata principale come lo e' tutta la planimetria dell'edificio, ci sono le scale per salire ai piani e scendere al seminterrato; a seguire sulla destra c è l ascensore e sulla sinistra c è la postazione del centralino; di fronte c è l ambulatorio infermeria, e in fondo a questo atrio ci sono le uscite di emergenza con un estintore e un idrante a tutti i livelli. Scendendo le scale sia dalla parte destra che dalla sinistra si arriva al seminterrato su un grande atrio, sulla sinistra dell atrio c è un ampio disimpegno, sulla destra c è un corridoio dove sul lato SX abbiamo un bagno grande, un laboratorio di informatica, la biblioteca e un aula per diversamente abili, e sull altro lato DX c è un laboratorio di metodologia e un altro laboratorio di informatica e una stanza dove ci sono le batterie tampone. Nell atrio del seminterrato troviamo: Sullato destro un grande locale disimpegno ma adibito a magazzino, un archivio generale, un altro archivio didattico e un magazzino deposito prodotti;sulla sinistra c è un corridoio con accesso riservato al personale di servizio, e che conduce alla cabina elettrica che serve ad alimentare tutto il seminterrato, al vano caldaie e a seguire un altro magazzino, mentre sul lato DX ci sono in ogni corridoio e in ogni atrio due estintori e un idrante ai vari livelli. Sui lati dei corridoi troviamo le uscite di emergenza, mentre in fondo all atrio ci sono i distributori automatici per il caffè, bevande e panini.la distribuzione verticale ai piani e' affidata alle scale centrali e all ascensore. Al piano primo ritroviamo l'atrio con zona a tutt'altezza, con una scrivania per il personale ATA dotata di telefono, un idrante, un estintore e i distributori automatici per il caffè. Le bevande e i panini.sul lato destro e sinistro ci sono due lunghi e ampi corridoi che distribuiscono alle aule per i ragazzi, in un lato del corridoio quello con le pareti più lunghe ci sono nove aule con i vari servizi donne e uomini e sull altro lato c è ne sono otto di aule con i vani tecnici la bidelleria e il vano con il quadro elettrico che comanda tutto il primo piano.su ogni corridoio ci sono due estintori e un Pagina2

3 idrante ed in fondo ad ogni corridoio c è un uscita di emergenza con le scale antincendio.il secondo piano, come già detto, è uguale al primo in tutta la planimetria.l'accesso alla terrazza e' consentita al solo personale addetto, tramite le scale antincendio esterne.tutto l edificio scolastico è protetto da sistema di allarme elettronico di ultima generazione. I Vigili del Fuoco sono distaccati a circa 2 km dall edificio.il presente elaborato è da consegnare a ciascun utilizzatore interno o esterno dell edificio (frequentatori, ditte, vigilanza, ecc.) Ciascuna persona presente deve contribuire, secondo il normale buon senso e come meglio può, a far fronte ad un eventuale emergenza.ciascuno può chiedere informazioni sulle misure previste al Responsabile di struttura, al Coordinatore delle emergenze e al Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione. CONDIZIONI GENERALI Il piano di emergenza è stato redatto facendo riferimento allo stato dei luoghi ed alle attività ivi svolte alla data di approvazione del piano stesso e pertanto non è riferito a future configurazioni e utilizzazioni degli ambienti di lavoro anche se rese consone alla vigente normativa. Il fine principale è la salvaguardia dell integrità fisica delle persone: altri obiettivi primari sono la protezione dei beni e la salvaguardia dell ambiente.l emergenza è la situazione di pericolo critico, diversa dagli avvenimenti che normalmente si presentano, per persone, cose e ambiente.l emergenza, per la sua stessa natura non è interamente codificabile, coglie di sorpresa e la reazione azione più istintiva - è il panico e la fuga.il piano rappresenta lo strumento che deve consentire di organizzare ed educare i comportamenti delle persone presenti nei singoli ambienti e/o nell intero edificio in caso di emergenza.il piano contiene le principali indicazioni sui comportamenti che vanno assunti: - Da ogni lavoratore - Dagli addetti alla gestione dell emergenza - Dagli alunni - Dai visitatori presenti sul luogo ove si verifica l emergenza All ingresso, in ogni piano, in ogni aula e lungo i percorsi di fuga sono affisse le planimetrie che integrano il presente documento. In tali planimetrie vengono indicate, tra l altro, le vie di fuga, i dispositivi di allarme, i presidi antincendio (estintori, ecc.) ed alcune informazioni di carattere generale. NUMERI UTILI Polizia Vigili del fuoco 115 _ Carabinieri Emergenza sanitaria 118 Pagina3

4 PRIMO SOCCORSO PT. - Infermeria con cassetta di primo soccorso; P. 1 - Cassetta di primo soccorso. P. 2 - Cassetta di primo soccorso L ospedale è poco distante dal complesso; In caso di infortunio avvertire l emergenza sanitaria interna (addetto al primo soccorso); Astenersi da interventi che potrebbero peggiorare le condizioni dell infortunato. PREVENZIONE INCENDI Prendere visione, soprattutto nel piano dove si è collocati, delle piantine particolareggiate, della dislocazione dei mezzi antincendio, dei pulsanti di allarme, delle vie di esodo; Leggere attentamente gli opuscoli ricevuti; Rispettare il divieto di fumo; Evitare di creare ingombri lungo le vie di esodo; Segnalare ogni evento pericoloso, per persone e cose, rilevato nell ambiente occupato; Rilevare il numero delle persone presenti nei locali. IN CASO DI EMERGENZA In caso di pericolo grave ed immediato ciascuno deve seguire le procedure di emergenza per l abbandono del posto; Il personale incaricato è preparato per operare in caso di incendio o altro evento probabile secondo piani di intervento; Collaborare con il personale e seguire le istruzioni che vengono impartite; Se possibile non farsi prendere dal panico; Aiutare i presenti con difficoltà specie se motorie; Avvertire a viva voce le persone che si trovano nei bagni. IN CASO DI EVACUAZIONE Rispettare le indicazioni ricevute o lette; Mantenere la calma; Allontanarsi in fila dai locali senza attardarsi; Seguire il percorso di esodo contrassegnato dalle luci di evacuazione; Evitare di correre e gridare; In presenza di fumo, se possibile, utilizzare un fazzoletto bagnato come maschera e avviarsi all esterno mantenendosi lungo i muri e rasoterra; Raggiungere il luogo sicuro posto all esterno dell edificio. CARATTERISTICHE DEI MEZZI ANTINCENDIO A DISPOSIZIONE L edificio è dotato di impianti di segnalazione ed allarme incendi nonché dei mezzi di estinzione, riportati anche nelle piantine esposte e precisamente: ESTINTORI PORTATILI Pagina4

5 Nelle posizioni indicate nelle planimetrie, in posizione segnalata, sono installati estintori portatili. Nell uso degli estintori valgono le seguenti regole generali: Non erogare controvento; Non erogare contro le persone; Le persone che utilizzano l estintore non devono essere di fronte ma affiancate; Tenersi a distanza di sicurezza dalle fiamme (troppo vicino pericolo per l operatore, troppo lontano azione inefficace); Dopo lo spegnimento allontanarsi e chiudere la porta Estintori a polvere tipo 34A 233B-C da 6 kg Sono idonei per spegnere i seguenti fuochi derivati da: Sostanze solide che formano brace (fuochi di classe A); Sostanze liquide (fuochi di classe B); Sostanze gassose (fuochi di classe C). Gli estintori a polvere sono utilizzabili per lo spegnimento dei principi d incendio di ogni sostanza anche in presenza d impianti elettrici in tensione. Lo spegnimento dell incendio avviene principalmente per soffocamento e per effetto chimico. L uso su apparecchiature elettriche, elettroniche o delicate deve essere fatto tenendo conto che la polvere può causare seri inconvenienti. L utilizzo dell estintore a polvere deve avvenire nel seguente modo: Sganciare l estintore dall eventuale supporto e porlo a terra; Rompere il sigillo ed estrarre la spina di sicurezza; Impugnare il tubo erogatore o manichetta; Con l altra mano impugnare l estintore e premere la leva di erogazione; Dirigere il getto alla base delle fiamme premendo la leva ad intermittenza e poi con progressione; Iniziare lo spegnimento delle fiamme più vicine e dopo verso il focolaio principale Estintori ad anidride carbonica (CO2) tipo 34B-C da 2 kg e 89B-C da 6 kg Sono idonei allo spegnimento di: - sostanze liquide (fuochi di classe B) - sostanze gassose (fuochi di classe C); - possono essere usati anche in presenza di impianti elettrici in tensione. Pagina5

6 Prestare molta attenzione ad usarlo su motori o parti metalliche calde che potrebbero rompersi per eccessivo raffreddamento superficiale. Non sono indicati per spegnere fuochi di classe A (sostanze solide che formano brace) perché subito dopo l uso, la brace, di nuovo in contatto con l ossigeno dell aria, riaccende la combustione. A causa dell elevata pressione interna l estintore a (CO2) risulta molto più pesante degli altri estintori a pari quantità di estinguente. L utilizzo dell estintore a (CO2) deve avvenire nel seguente modo: Sganciare l estintore dall eventuale supporto e porlo a terra; Rompere il sigillo ed estrarre la spina di sicurezza; Impugnare la manichetta con il cono diffusore; Con l altra mano impugnare l estintore e premere la leva di erogazione con intermittenza e poi con progressione; dirigere il getto alla base delle fiamme. L anidride carbonica (CO2), uscendo dall estintore allo stato liquido passa allo stato gassoso e, producendo un notevole raffreddamento, può causare possibili ustioni da freddo per contatto, occorre quindi fare molta attenzione nell usarla in presenza di persone. Lo spegnimento avviene per soffocamento e per raffreddamento. Pagina6

7 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE(SPP) L unità produttiva ha ottemperato a quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008, con l assegnazione dei seguenti ruoli: Prof.ssa Paola Stufferi Dirigente Scolastico 602 Sig. Salvatore Crapanzano Responsabile del SPP 601 Dott. Augusto Bastianello Medico competente (Sede di Milano) Esterno Sig. Luigino del Puppo Coordinatore per l emergenza 603 Sig.ra Emilia Porchia Addetto all antincendio 609 Sig. Galileo Loria Addetto all antincendio 630 Sig.ra Maria Rosa Pantarotto Addetto all emergenza 620 Sig.ra Jvonne Daventini Addetto all emergenza 620 Prof.ssa Antonietta Di Paola Addetto al divieto di fumo 609 Prof.ssa Donatella Giammò Addetto al divieto di fumo 601 Sig.ra Vilma Lessio Addetto al primo soccorso 612 Sig. Nicola Oliveri Addetto al primo soccorso 601 Prof. Pier Luigi Ragogna Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 621 Pagina7

8 Il Datore di lavoro ha classificato l unità produttiva quale unità ascrivibile al gruppo B, così come individuato dal DM 388/2003. Secondo quanto dettato dalla normativa il Datore di lavoro ha trasmesso la nomina del RSPP alla ASS e Ispettorato del lavoro territorialmente competenti. Conformemente alla previsione normativa il Datore di lavoro ha redatto il documento di valutazione dei rischi (ultimo aggiornamento del 20 dicembre 2012).Per quanto riguarda gli altri adempimenti del DLgs 81/08 si fa presente che il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è stato avviato alla formazione con il corso di 32 ore, l addetto alla lotta antincendio è in possesso di formazione attestata presso i Vigili del fuoco (corso 16 ore) e si sta provvedendo all aggiornamento formativo degli addetti al primo soccorso, in base alle disposizioni del DM 388/2003. La formazione di tutti i lavoratori considera principalmente della gestione delle emergenze e dell uso delle attrezzature di lavoro.a tale proposito si è fatta la scelta organizzativa di effettuare un incontro periodico annuale con la partecipazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Medico competente con tutto il personale sulle tematiche della prevenzione incendi e sulle norme comportamentali in caso di emergenza e/o evacuazione.la squadra per l emergenza (coordinatore per l emergenza, addetto alla lotta antincendio, addetto al primo soccorso e all evacuazione) assicurano un intervento immediato in caso di pericolo (vedi scheda 01), ma anche il mantenimento della sicurezza all interno della struttura con una serie di attività di controllo e verifica delle attrezzature, impianti e delle condizioni dell ambiente, così come descritto nel Registro manutenzioni e controlli previsto dal DPR 37/1998. SQUADRA PER L EMERGENZA Compiti e norme di comportamento In caso di pericolo la squadra per l emergenza deve garantire un immediato intervento seguendo le procedure. Alla comunicazione di una situazione di emergenza deve immediatamente attivarsi e in particolare deve: Rispondere prontamente alla chiamata recandosi sul luogo sull incidente per valutare l entità dell evento Tenere sgombre la vie di accesso ai soccorsi ed indicare il luogo dell incidente con precisione Coordinare le azioni di esodo del personale e dei visitatori in caso di evacuazione. Aiutare il recupero di eventuali persone in difficoltà infortunate e/o esposte a particolari rischi Impedire l accesso alle persone non coinvolte nelle operazioni di soccorso. In particolare gli addetti alla lotta antincendio devono: In caso di incendio localizzato e facilmente domabile, intervenire sul focolaio con gli estintori senza mettere a repentaglio la propria incolumità Nel caso di incendio di più vaste proporzioni e/o non facilmente domabile con estintori informare i responsabili e indicare con precisione ai VV. FF In particolare gli addetti all evacuazione devono: Pagina8

9 Abbandonare per ultimi i locali interessati dall evacuazione verificare che tutte le persone e gli alunni abbiano abbandonato la zona di loro competenza Ad evacuazione avvenuta verificare il numero dei presenti e segnalare eventuali dispersi o feriti. In particolare il coordinatore deve: Emettere l ordine di evacuazione, sentita la squadra sulla valutazione dell entità dell incidente Chiedere l intervento delle squadre di soccorso esterne (VVFF, o 118 ) Estendere, se necessario, l avviso di evacuazione ai residenti delle unità abitative attigue Fornire ai soccorsi tutte le informazioni utili, consegnando, se del caso, la cartella custodita presso la portineria, contenente le planimetrie dello stabile riportanti l ubicazione delle attrezzature di spegnimento e gli organi di comando degli impianti e l elenco dei lavoratori presenti con relativa ubicazione (n stanza e piano) e n telefonico interno SQUADRA PER L EMERGENZA Compiti e norme di comportamento In particolare gli addetti la primo soccorso devono: Accertarsi delle condizioni di salute dell infortunato in modo da fornire alle squadre esterne di soccorso tutte le informazioni possibili Assistere l infortunato fino all arrivo dei soccorsi Prestare le prime cure all infortunato conformemente alla formazione ricevuta Norme generali di comportamento Per tutte le persone presenti L unità produttiva è dotata di un piano di emergenza, di piano di evacuazione e gli addetti impartiranno le necessarie istruzioni Esaminare le planimetrie affisse presso il luogo in cui vi trovate: vi sono indicate le vie di fuga, le attrezzature antincendio e i n telefonici interni utili Leggere attentamente la documentazione personalmente ricevuta Non impiegare apparecchi elettrici con resistenza in vista, fornelli o apparecchi di riscaldamento alimentati da combustibili solidi, liquidi o gassosi Non detenere sostanze infiammabili, anche in modeste quantità, senza l autorizzazione del Dirigente Rispettare il divieto di fumo Non gettare mozziconi accesi nelle aree a verde all esterno e nei vasi con piante Nell uso dei locali attenersi alle istruzioni ricevute Sappiate e fate sapere dove vi trovate In caso di allarme mantenere la calma ed attenersi alle istruzioni ricevute Aiutare le persone non autosufficienti e/o comunque in difficoltà. Norme generali di comportamento Per personale presente dipendente da ditte esterne Pagina9

10 L unità produttiva è dotata di un piano di emergenza, di piano di evacuazione e gli addetti impartiranno le necessarie istruzioni Esaminare le planimetrie affisse presso il luogo in cui vi trovate: vi sono indicate le vie di fuga, le attrezzature antincendio e i n telefonici interni utili Leggere attentamente la documentazione personalmente ricevuta Non impiegare apparecchi elettrici con resistenza in vista, fornelli o apparecchi di riscaldamento alimentati da combustibili solidi, liquidi o gassosi Non detenere sostanze infiammabili, anche in modeste quantità se non nella quantità normalmente tenuta per l esecuzione del proprio lavoro, senza l autorizzazione del Dirigente Controllare l efficienza delle proprie apparecchiature o macchine da lavoro e seguire le norme di sicurezza nel loro utilizzo Rispettare il divieto di fumo Non gettare mozziconi accesi nelle aree a verde all esterno e nei vasi con piante Sappiate e fate sapere dove vi trovate In caso di allarme mantenere la calma ed attenersi alle istruzioni ricevute Aiutare le persone non autosufficienti e/o comunque in difficoltà. Principio d incendio individuato in un locale Comportamento delle persone presenti Mantenere la calma Chiamare (addetti all antincendio/coordinatore) e fornire cognome, piano e stanza dell evento, situazione Attivare il pulsante di allarme più vicino Informare i vicini di stanza Aprire la finestra, se si occupa il locale La squadra di emergenza arriverà in breve tempo Disattivare le utenze presenti (PC, condizionatori, apparecchiature elettriche) staccando le spine In attesa dell arrivo degli addetti alla squadra per l emergenza, se capaci, prendere l estintore portatile più vicino e cercare di spegnere il principio d incendio Se non si riesce ad estinguere l incendio, abbandonare la stanza chiudendo le porte dietro di sé (non chiudere le porte a chiave) EVACUAZIONE Comportamento di tutte persone presenti Mantenere la calma Interrompere ogni attività Tralasciare di recuperare effetti personali che potrebbero rendere difficoltosa od ostacolare l evacuazione Abbandonare l ambiente chiudendo le porte dietro di sé (non chiudere le porte a chiave) Soccorrere, se necessario, le persone in difficoltà Abbandonare in maniera ordinata e rapida l edificio seguendo i percorsi di esodo ed ascoltare gli ordini degli addetti all evacuazione In assenza di luce mantenersi a contatto con le pareti Non correre e/o gridare, mantenere un atteggiamento tale da non generare il panico tra i presenti Non tornare indietro per nessun motivo Usare solo le scale e MAI gli ascensori Pagina10

11 Nel caso che le vie di esodo siano interrotte dalle fiamme, entrare in una stanza, chiudere la porta, aprire le finestre, segnalare la propria presenza ed attendere i soccorsi Raggiungere il punto di raccolta ed attendere le istruzioni degli addetti all emergenza Rientrare nell edificio solo dopo l autorizzazione degli addetti all emergenza EVACUAZIONE emergenza FUMI Comportamento di tutte persone presenti Tutte le persone presenti, oltre ad osservare le procedure devono: Aprire le finestre del locale occupato Bagnare dei fazzoletti da utilizzare come mascherine per bocca e naso Camminare bassi in presenza di fumo e lungo i muri In mancanza di luce, scendere le scale con particolare attenzione Nel caso che le vie di esodo siano impedite dalla presenza di troppo fumo, entrare in una stanza, possibilmente con bagno vicino Chiudere la porta ed utilizzare panni bagnati per tentare di sigillarla Aprire le finestre, segnalare la propria presenza ed attendere i soccorsi Tenere presente che tutte le finestre dell edificio possono essere facilmente raggiunte dalle scale dei Vigili del fuoco TERREMOTO Comportamento di tutte persone presenti Mantenere la calma Posizionarsi lungo le pareti del locale poste l esterno dell edificio Scostarsi da superficie finestrate e/o vetrate Se possibile rifugiarsi sotto scrivanie o tavoli perimetrali Non sostare scoperti al centro dell ambiente La squadra di emergenza giungerà appena possibile? Al termine della scossa: Verificare la situazione delle persone e degli impianti Prestare eventuale primo soccorso Nel muoversi osservare lo stato delle strutture e delle via di fuga Iniziare l evacuazione in maniera calma e aderenti alle pareti Coinvolgere i presenti per aiutare le persone non autosufficienti e/o in difficoltà Accertarsi che i locali siano vuoti Se in assenza di luce verificare che le scale siano integre e percorrerle con particolare attenzione Uscire all esterno ed allontanarsi dall edificio Portarsi nel punto di raduno, tenendosi lontano da alberi o da altri manufatti EMERGENZA LUCE Norme di comportamento per le persone presenti Mantenere la calma Gli ambienti sono dotati di luci di emergenza Osservare se gli edifici o le zone vicine sono illuminati Pagina11

12 Comunicare all interno 601/603 cognome, piano e stanza dell evento, e descrivere la situazione Se il telefono non funziona usare il proprio cellulare Se la mancanza di energia è totale la squadra per l emergenza ne è già al corrente Se si esce dalla stanza muoversi con cautela e lungo le pareti senza allontanarsi troppo In caso di trasferimento in altra zona o di evacuazione totale procedere senza alcuna fretta Osservare il percorso e lungo le scale, se in difficoltà, procedere a marcia indietro Assistere le persone non auto sufficienti EVACUAZIONE DI EMERGENZA PROCEDURE DI EVACUAZIONE Si configurano due distinte situazioni di pericolo che comportano l adozione di due diversi provvedimenti di evacuazione dall edificio delle persone presenti. L attuazione dell evacuazione parziale o totale dall edificio va sempre effettuata per gli eventi visti in precedenza o nei casi specificatamente previsti. Nell evacuazione parziale viene sgomberata una parte dell unità produttiva diramando un messaggio del tipo: A scopo precauzionale tutte le persone presenti all interno di questo piano dell edificio sono pregate di uscire dalla zona in ordine e mantenendo la calma. E in atto un principio di (incendio, fuga di gas ecc) in questa zona. Gli incaricati attivino subito le procedure previste dal piano di emergenza per la zona in cui si è verificata la situazione di pericolo. Nell evacuazione totale viene sgomberata l intera unità produttiva. Il segnale viene dato tramite i pulsanti dell impianto antincendio. Valutata la gravità della situazione, il Coordinatore per l emergenza estenderà l avviso di evacuazione ai residenti delle unità abitative attigue estendo l evacuazione all intero edificio. Gli incaricati attivino subito le procedure previste dal piano di emergenza per l intero stabile. La prima procedura si attua quando si ritiene che l incidente accertato possa progredire ed evolversi nel tempo fino ad assumere una configurazione che può pregiudicare l incolumità delle persone. La seconda, invece costituisce un provvedimento da adottare ogni qualvolta si accerta un incidente tale da pregiudicare l integrità fisica delle persone oppure quando non si è in grado di prevedere l evoluzione del fenomeno dannoso (es. fuga di gas, incendio ecc) e le dirette conseguenze sull uomo. Si allegano inoltre tutte le planimetrie dei vari piani. Pordenone 08/11/2013 Firmato R.S.P.P. Salvatore Crapanzano Pagina12

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli