La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoroscuola Aldo Manuzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoroscuola Aldo Manuzio"

Transcript

1 La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoroscuola Aldo Manuzio Normativa essenziale ante direttive comunitarie Normativa essenziale(dopo le direttive comunitarie) D.Lgs. n. 277/91 protezione da agenti chimici fisici biologici Dlgs 626/94 Attuazione di direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro. DLgs n. 493/96 segnaletica di sicurezza DLgs n. 494/96 cantieri temporanei o mobili D.P.R. n. 459/1996 D.P.R. n. 459/1996 sicurezza delle macchine DLgs n. 22/97 rifiuti pericolosi DLgs n. 52/97 e DLgs n. 285 classificazione, imballaggio ed etichettatura delle sostanze e

2 preparati pericolosi. DL.gs, n.359/99 attrezzature di lavoro. DL.gs, n.195 /2003 requisiti professionali per addetti e RSPP Legge n. 36 /2001 campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Decreto Ministero degli Interni del 10 marzo 1998 sicurezza antincendio e gestione dell'emergenza L. 5 marzo 1990, n. 46 norme per la sicurezza degli impianti D.Lgs 9 aprile 2008 n 81 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ORGANIZZAZIONE TITOLO II TITOLO III - LUOGHI DI LAVORO - ATTREZZATURE DI LAVORO TITOLO IV - DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

3 INDIVIDUALE TITOLO V - MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI TITOLO VI - ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI TITOLO VII - AGENTI CANCEROGENI MUTAGENI TITOLO VIIbis - AGENTI CHIMICI TITOLO VIII - AGENTI BIOLOGICI TITOLO VIIIbis - ATMOSFERE ESPLOSIVE TITOLO IX TITOLO X - S A N Z I O N I - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI ALLEGATI

4 Definizioni Infortunio danno a carico del lavoratore determinato da un evento traumatico istantaneo Malattia professionale (tecnopatia) Danno a carico del lavoratore determinato da una esposizione nel tempo ad un agente nocivo (chimico fisico biologico)

5 Filosofia del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Si ispira alla filosofia della massima sicurezza tecnologicamente applicabile ed alla tutela congiunta dell ambiente di lavoro e dell ambiente esterno. Unico limite all apprestamento delle migliori misure di sicurezza, è la conoscenza scientifica e tecnologica disponibile sul momento. Il decreto si rapporta con le precedenti normative in maniera omogenea, non pregiudicando le disposizioni vigenti più favorevoli alla tutela dei lavoratori, al fine di non abbassare quegli standard di sicurezza più elevati eventualmente già raggiunti dalla normativa nazionale. La nuova normativa, che, come detto sopra, non ha prodotto alcuna censura alla preesistente, ha ampliato e potenziato gli obblighi precedentemente previsti, variando solo il modo di affrontare le tematiche della sicurezza e prevenzione. La nuova filosofia, pertanto, mira ad integrare ed amalgamare le forme di prevenzione soggettiva con quelle di prevenzione oggettiva, programmando ed organizzando i piani di intervento. Il decreto prevede nuovi e più specifici obblighi di prevenzione e sicurezza, che vengono considerati in un ottica innovativa, per una visione globale della materia da tenere sotto costante controllo. È da considerarsi una attività aziendale di primaria importanza. AMBITO DI

6 APPLICAZIONE L art.1, comma 1, prescrive misure per la tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori in tutti i settori di attività pubblici e privati. In precedenza, si tendeva ad applicare le norme antinfortunistiche prevalentemente alle attività private, cercando di escludere la pubblica amministrazione da tali obblighi. La giurisprudenza del momento, tuttavia, era giunta alla conclusione che Il sistema non distingue tra soggetti di lavoro pubblici e privati, ma prende in considerazione le attività da essi svolte in concreto Non a caso, infatti, gli art. 1 e 2 del d.lgs. 81/08 che individuano, rispettivamente, i settori di attività della P.A. e le particolari esigenze connesse a specifici servizi espletati da alcune amministrazioni, ed i soggetti cui le norme stesse sono indirizzate - sono sostanzialmente coincidenti con la normativa ritenuta basilare nella Pubblica Amministrazione, cioè il d.lgs. 165/2001, così come modificato dalla legge n.145/2002. Di fatto, la P.A. è interessata alla materia nella duplice veste di soggetto che deve porsi a garante dell attuazione e del continuo rispetto dei principi dettati, e di soggetto titolare di rapporti di lavoro, e quindi obbligato alla verifica ed all applicazione nei propri luoghi di lavoro delle condizioni di sicurezza e salubrità.

7 Principali deroghe alla P.A. Ora, tenuto conto dell applicabilità del d.lgs. 81/2008 alle Pubbliche Amministrazioni, bisogna anche tenere a mente alcune deroghe in esso contenute. La ratio di questa applicazione parziale o condizionata risiede nella particolare natura di alcuni servizi prestati. Si prendano in considerazione, ad esempio, quei servizi offerti dalle FF.AA., dalla P.S., dai VV.FF. e dalla Protezione civile, ove la caratteristica di elevata pericolosità è insita nell attività svolta tanto da rendere inutile, od addirittura pregiudizievole, l applicazione di talune ordinarie misure antinfortunistiche. Analogo ragionamento può essere esteso ad almeno una parte delle ipotesi di deroga previste per le strutture giudiziarie, penitenziarie e per le rappresentanze consolari, che possono trovarsi ad operare in circostanze molto diverse da quelle tradizionalmente indicate per la generalità degli uffici pubblici. Parzialmente difforme è il motivo che ha indotto il legislatore ad inserire tra le amministrazioni a regime speciale le università e le scuole di ogni ordine e grado, data la particolare natura del servizio pubblico offerto, per la diversità degli enti proprietari delle strutture e per la presenza di studenti. Quest ultime figure sono state assimilate ai lavoratori dipendenti, relativamente in quanto utilizzatori di laboratori, macchinari, agenti chimici e biologici, apparecchiature ed attrezzature di lavoro in generale, sono altresì equiparati ai lavoratori quegli studenti che, per ragioni di perfezionamento professionale, sono inviati presso datori di lavoro. NUOVI STRUMENTI DI PREVENZIONE I PRINCIPI GENERALI DELLA

8 PREVENZIONE I principi generali di prevenzione per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, che devono ispirare il comportamento di tutte le figure professionali, ognuna per la propria parte di competenza, sono: Valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza; Eliminazione dei rischi e, ove cioè non è possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite, al progresso tecnico disponibile, a tecniche organizzative e procedurale concretamente attuabili; Riduzione dei rischi alla fonte secondo le applicazioni tecnologiche generalmente praticate; Programmazione della prevenzione, mirando ad un complesso che integri in modo coerente nell azione preventiva le condizioni tecniche produttive ed organizzative dell azienda, nonché l influenza dei fattori legati all ambiente di lavoro; Sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è o lo è meno; Rispetto dei principi ergonomici dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature, nella definizione dei metodi di l,avoro e produzione, con particolare attenzione degli effitti prodotti sulla salute da lavori monotoni e ripetitivi; I PRINCIPI GENERALI DELLA PREVENZIONE - segue Priorità delle misure di protezione collettiva rispetto a quelle

9 individuali, Limitazione al minimo del numero degli operatori che sono esposti al rischio, o che lo possono diventare; Utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici nei luoghi di lavoro; Controllo sanitario dei lavoratori in funzione dei rischi specifici; Allontanamento del lavoratore dall esposizione a rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona; misure igieniche; Misure di protezione individuale e collettiva; Misure di emergenza da attuare in caso di pronto soccorso, antincendio, evacuazione, e di pericolo grave ed immediato; Uso dei segnali di avvertimento e sicurezza; Regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchinari, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza; Informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori o dei loro rappresentanti, sulle questioni riguardanti la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro; Istruzioni adeguate ai lavoratori. RUOLI Le principali figure della prevenzione

10 QUALI SONO I SUOI COMPITI INDIVIDUARE E VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL AZIENDA, OVVERO NELL UNITA PRODUTTIVA. ELABORARE, SUCCESSIVAMENTE, UN DOCUMENTO CONTENENTE TUTTI I RISCHI RILEVATI ED I CRITERI ADOTTATI PER LA LORO VALUTAZIONE. IL DOCUMENTO DOVRA ESSERE CUSTODITO PRESSO L AZIENDA E RESO CONSULTABILE DAGLI AVENTI DIRITTO. ESSO E REDATTO CON LA COLLABORAZIONE DEL RESPONSABILE DEL S.P.P., CON IL MEDICO COMPETENTE, QUANDO VI SIA OBBLIGO DI SORVEGLIANZA SANITARIA, E PREVIA CONSULTAZIONE DEL RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA DEI LAVOATORI. IL DOCUMENTO VIENE AGGIORNATO AD OGNI CAMBIAMENTO DEI PROCESSI LAVORATIVI, TECNOLOGICI ED ORGANIZZATIVI. INDIVIDUARE LE MISURE DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE ED I D.P.I. RITENUTI IDONEI A SEGUITO DELLA VALUTAZIONE. PREDISPORRE IL PROGRAMMA DELLE MISURE RITENUTE PIU OPPORTUNE PER MIGLIORARE E GARANTIRE NEL TEMPO I LIVELLI DI SICUREZZA E PREVENZIONE. ORGANIZZARE IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE E DESIGNARNE IL RESPONSABILE E GLI ADDETTI. DESIGNARE GLI ADDETTI ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE, DEL PRIMO SOCCORSO, DELL ANTINCENDIO, DELL EVACUAZIONE, ECC. AGGIORNARE I CRITERI DI PREVENZIONE ALLE MUTATE ESIGENZE ORGANIZZATIVE E PRODUTTIVE DELL AZIENDA ED ALLE SOPRAVVENUTE EVOLUZIONI DELLA TECNOLOGIA. RICHIEDERE L OSSERVANZA DA PARTE DI TUTTI DELLE NORME VIGENTI E DELLE MISURE AZIENDALI

11 ADOTTATE IN MATERIA DI PREVENZIONE. RIDURRE AL MINIMO IL NUMERO DEI LAVORATORI ESPOSTI A RISCHI PARTICOLARI, E LIMITARNE L ESPOSIZIONE AI SOLI DIPENDENTI IN POSSESSO DI ADEGUATA PREPARAZIONE. FORNIRE AI LAVORATORI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SUI RISCHI PRESENTI IN AZIENDA. PERMETTERE AL R.S.L. DI VERIFICARE, PER CONTO DEGLI STESSI DIPENDENTI, LE MISURE ADOTTATE IN MATERIA PREVENZIOALE E DI ACCEDERE ALLA DOCUMENTAZIONE DI CUI ALL ART.19, COMMA1 e). RAPPORTARE LE MISURE ADOTTATE ALLE ESIGENZE AMBIENTALI E SOCIALI AFFINCHE NON ARRECHINO PREGIUDIZIO ALLE COMUNITA LIMITROFE ALL AZIENDA. REDIGERE UN REGISTRO DEGLI INFORTUNI, IN TERMINI CRONOLOGICI E DETTAGLIATI QUANDO QUESTI COMPORTINO ALMENO UN GIORNO DI ASSENZA. ESCLUSIVITA DELLA RESPONSABILITA I COMPITI RELATIVI ALL ART.4, COMMI 1,2, e 4, lettera a) (VALUTAZIONE DEI RISCHI, ELABORAZIONE DEL DOCUMENTO, DESIGNAZIONE DEL R.S.P.P., NONCHE L INDIZIONE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI CUI ALL ART.11, NON POSSONO ESSERE DELEGATI AD ALTRI SOGGETTI. QUESTO PERCHE NEGLI INTENTI DEL LEGISLATORE VI E LA VOLONTA DI GARANTIRE

12 IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLE CONDIZIONI DI LAVORO, GARANZIA CHE POTREBBE RISUTARE AFFIEVOLITA SE TUTTI I COMPITI FOSSERO DELEGATI. I Servizi offerti dal SPP Servizi ai lavoratori e al RLS Informazione e formazione Garanzia di partecipazione (dialogo aperto)

13 Sorveglianza sanitaria e assistenza medica Fornitura DPI Servizi al DL/Dirigenti/preposti Valutazione rischi (iniziale e permanente) Elaborazione di proposte solutive Coordinamento gestione emergenze Monitoraggio sugli obiettivi di politica della sicurezza Servizi al processo lavorativo monitoraggio sull attività di manutenzione impianti/attrezzature monitoraggio sulle attività tecnico-sanitarie inerenti la sicurezza Monitoraggio operativo sui processi critici

14 Requisito fondamentale per raggiungere mantenere migliorare la sicurezza PARTECIPAZIONE ATTIVA E CONSAPEVOLE DI TUTTI ALLA COSTRUZIONE

15 DELLA SICUREZZA Informazione dei lavoratori - PRINCIPIO rendere edotti i lavoratori dei rischi specifici cui sono esposti. Il datore di lavoro fornisce a ciascun lavoratore informazione su: - rischi per sicurezza e salute presenti sul posto di lavoro; - misure e attività di prevenzione e protezione adottate; - rischi specifici in relazione all attività svolta; - rischi connessi all uso di sostanze e preparati pericolosi; - procedure riguardanti pronto soccorso, lotta antincendio; - nominativi e funzioni del R.S.P.P e Medico Competente; - nominativi lavoratori incaricati della gestione emergenze i Il datore di lavoro informa preventivamente i lavoratori e il rappresentante per la

16 sicurezza dei cambiamenti tecnologici che comportano mutamenti nell'organizzazione del lavoro L INFORMAZIONE VA ESTESA AI LAVORATORI DI DITTE ESTERNE Formazione dei lavoratori FORMAZIONE OBBLIGATORIA TUTTI I LAVORATORI IN RIFERIMENTO AL PROPRIO POSTO DI LAVORO ED ALLE PROPRIE MANSIONI ADDETTI SQUADRE EMERGENZA R.L.S. LAVORATORI ADDETTI AI VDT

17 LAVORATORI CHE USANO ATTREZZATURE DI LAVORO LAVORATORI DOTATI DI D.P.I. LAVORATORI ADDETTI ALLA MOV. MAN. DEI CARICHI LAVORATORI ESPOSTI AD AGENTI CANCEROGENI, LAVORATORI ESPOSTI AD AGENTI BIOLOGICI ART. LAVORATORI ESPOSTI A RUMORE (Lepd > 85 dba) Rspp E ADDETTI AL SERVIZIO P.P. Anche i lavoratori devono comunicare : segnalano immediatamente al datore di

18 lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dispositivi... nonché le altre eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza,... : i lavoratori segnalano immediatamente al datore di lavoro o al dirigente o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente da essi rilevato nei DPI messi a loro disposizione Il modello operativo LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHIdefinizioni

19 Obiettivo dellavalutazione DEI RISCHI CONSENTIRE al DATORE di LAVORO di PRENDERE i PROVVEDIMENTI NECESSARI per SALVAGUARDARE la SICUREZZA e la SALUTE dei LAVORATORI STRUMENTI DI IDENTIFICAZIONE

20 DEI PERICOLI E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Le leggi Le norme di buona tecnica e gli standards scientifici Le linee guida Osservazione diretta Analisi degli infortuni, dei. near accidents., delle malattie professionali Analisi della documentazione Analisi dei compiti e delle mansioni Analisi delle procedure operative Recupero dell esperienza, del vissuto, dei pareri dei lavoratori campionamenti e rilevazioni ambientali. I principi cardine I fattori che concorrono all infortunioe alla malattia

21 professionale Le fonti di rischio Impiego delle attrezzature di lavoro: Metodi di lavoro e disposizione degli impianti Impiego dell elettricità Esposizione a sostanze o preparati pericolosi Esposizione ad agenti fisici: Esposizione ad agenti cancerogeni: Esposizione ad agenti biologici: Fattori ambientali e ambiente di lavoro: Interazione del posto di lavoro e dei fattori umani: Fattori psicologici: Organizzazione del lavoro: fumo passivo; mobbing L indice di rischio

22 IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Chi lo deve fare R.S.P.P. lo compila DdL se ne assume la responsabilita civile e penale Medico Competente fornisce al DdL gli elementi inerenti la sua professionalita e di cui si assume la responsabilita

23 RLS e informato e partecipa alla elaborazione SITUAZIONI DI EMERGENZA POSSIBILI SITUAZIONI DI EMERGENZA MALESSERE DI SINGOLI O COLLETTIVO INCENDIO TERREMOTO EVENTI ATMOSFERICI ESTREMI AZIONI TERRORISTICHE... CONTRATTO DI APPALTO E CONTRATTO D OPERA LAVORI SVOLTI DA PRESTATORI D OPERA ESTERNI VALUTAZIONE DEI RISCHI RECIPROCI Il datore di lavoro, in caso di affidamento dei lavori all'interno dell'azienda ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi:

24 - verifica l'idoneità tecnico-professionale delle imprese appaltatrici - fornisce agli stessi soggetti informazioni sui rischi specifici e sulle misure di prevenzione e di emergenza Il datore di lavoro committente (innovazione apportata dall art.3 della l.123 del 3 agosto 2007) promuove la cooperazione ed il coordinamento, elaborando un unico documento di valutazione dei rischi ove sono indicate le misure adottate per eliminare le interferenze. Tale documento è allegato al contratto di appalto. Nei contratti di somministrazione, di appalto, e subappalto, devono essere specificatamente indicati i costi relativi alla sicurezza sul lavoro. A tali dati possono accedere, su richiesta, il r.s.l. e le organizzazioni sindacali dei lavoratori.

25 PRINCIPALI RISCHI RISCHIO STRUTTURALE RISCHIO STRUTTURALE RISCHIO STRUTTURALE RISCHIO STRUTTURALE Sistemazione degli arredi e delle attrezzature Le postazioni di lavoro debbono garantire un sufficiente comfort all'operatore,

26 consentire facilità di movimenti anche per le gambe e non presentare sporgenze o spigoli. Gli arredi debbono essere disposti, in maniera da offrire spazi sufficienti agli spostamenti all'interno dei locali, anche in relazione all'attività che in essi vi si svolge, in particolare non debbono ostacolare l'uscita o impedire la manovra sugli interruttori elettrici di sicurezza. Gli arredi sviluppati in altezza, quando utilizzati come archivi o per deposito di materiali, debbono essere corredati da apposite scale con piano di stazionamento, non devono incombere sulle postazioni di lavoro e debbono essere ancorati al muro anche quando

27 poggiano a terra. Sistemazione degli arredi e delle attrezzature Oggetti pesanti e voluminosi, come classificatori, parti accessorie di macchine, imballaggi o materiale informatico fuori uso, non vanno posizionati nelle parti alte delle armadiature, ciò può provocare ribaltamenti di mobili o cadute di tali oggetti, anche sulle persone, causando, quindi, seri danni. I soppalchi, non debbono essere caricati oltre i limiti stabiliti dal costruttore e indicati in apposita cartellonistica visibile

28 Sistemazione degli arredi e delle attrezzature Gli oggetti bassi debbono essere collocati sotto le scrivanie e comunque in posizione tale da non provocare inciampo. I cavi di collegamento degli utilizzatori elettrici devono essere, per quanto possibile, raggruppati e sollevati da terra per agevolare il servizio di

29 pulizia ed evitare inciampi al personale Aree esterne RISCHIO IMPIANTISTICO RISCHIO IMPIANTISTICO RISCHIO IMPIANTISTICO Prese multiple RISCHIPER MANCANZA DI IGIENE RISCHIO CHIMICO Gli addetti al sevizio di fotocopisteria devono essere opportunamente istruiti sulle modalità con cui fare le sostituzioni del toner. RISCHIO MACCHINE e ATTREZZATURE per le macchine e attrezzature

30 va innanzitutto verificata la rispondenza documentale e sostanziale ai requisiti della normativa sulle macchine DPR 459/96, dovrà essere poi fatta una valutazione specifica del rischio derivante dall impiego in relazione alle procedure di lavoro, alla professionalita degli addetti e allo stato di manutenzione Movimentare colli pesanti o semplicemente secchi d acqua, prodotti di pulizia, sacchi di rifiuti, valutando preventivamente l entita, la forma e la maneggiabilità del

31 carico, adottare opportune calzature antiscivolo; RISCHIO SANITARIO: Microclima è opportuno che il posto di lavoro sia posta in un luogo protetto dalle correnti d aria; eventualmente adottare delle barriere fisiche; è importante che ogni ambiente finalizzato a raggruppare persone sia arieggiato; tali luoghi infatti sono facile veicolo di malattie a trasmissione orale. AERAZIONE ed ILLUMINAZIONE La superficie illuminante di ogni locale deve corrispondere ad almeno 1/8 della superficie di calpestio.

32 La superficie finestrata apribile di ogni singolo locale deve corrispondere ad almeno 1/20 della superficie di calpestio (sono esclusi i contributi dovuti a porte e portoni). Luce artificiale Luce artificiale segue l illuminamento all interno di uno stesso locale di lavoro deve essere il più possibile uniforme, nelle aree di un locale di lavoro che non sono sede del compito visivo, il valore medio dell illuminamento non deve essere NON MINORE DI 1/3 del valore medio dell illuminamento nella zona sede del compito

33 visivo; nel caso di due locali adiacenti, il rapporto tra l illuminamento medio del locale più illuminato e quello del locale meno illuminato non deve essere MAGGIORE DI 5. Apparecchiature e macchine da ufficio l'operatore deve : "aver cura delle attrezzature di lavoro messe a disposizione, non apportarvi modifiche di propria iniziativa, segnalare

34 immediatamente... qualsiasi difetto od inconveniente rilevato". art. 39 comma 3 del D.Lgs 626/94 Le fotocopiatrici devono essere installate, in locali spaziosi e ben aerati, anche per garantire al tecnico piena agibilità e quindi la migliore pulizia delle operazioni; la chiusura del pannello copri-piano (coperchio) durante l'utilizzo della macchina permette di lavorare alla fotocopiatrice senza affaticamento, fastidio o danno alla vista Le Taglierine da tavolo a mannaia devono essere dotate di schermo salvamani, infrangibile, resistente agli urti e di spessore minimo di mm. 4, la lama deve essere trattenuta da una molla in posizione sollevata, tale da non chiudersi

35 per gravità; se ad azionamento elettrico debbono avere un sistema di protezione a fotocellula e un avviamento a doppio consenso. RISCHIOFISICO Individuare le fonti di rumore, Prevenire il rischio riducendo, ove possibile, l entità dell emissione qualora si ritenga che il livello delle emissioni sonore possa superare i limiti per cui la legge prevede specifiche azioni di protezione (> 80 db), ovvero disturbare la normale comunicazione orale, far eseguire una mappatura del rumore Attuare misure di protezione collettive o individuali

36 Attivare l informazione del personale e la sorveglianza sanitaria riscaldamento VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE LA SORVEGLIANZA SANITARIA è dovuta per chi utilizza i videoterminali sistematicamente e abitualmente per almeno 20 ore settimanali è esercitata dal medico competente sono previste visite: preventive (prima dell avviamento alla mansione) periodiche LA SORVEGLIANZA

37 SANITARIA I lavoratori sono sottoposti inoltre a controllo oftalmologico: quando sospettano alterazioni delle funzioni visive, confermate dal medico competente qualora la visita periodica ne evidenzi la necessità le spese: per gli accertamenti e eventuali dispositivi di correzione sono a carico del datore di lavoro LE PAUSE Gli operatori ai VDT hanno diritto ad una interruzione del lavoro

38 mediante: pausa cambiamento di attività Le modalità sono demandate alla contrattazione (anche aziendale) In assenza di contrattazione ha comunque diritto ad una pausa di 15 min. ogni 120 min. DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI Sensazioni: senso di peso, di fastidio intorpidimento dolore rigidità di: collo

39 schiena spalle braccia mani DISTURBI OCULO VISIVI Sintomi: bruciore, lacrimazione senso di corpo estraneo ammiccamento frequente fastidio alla luce, pesantezza visione annebbiata o sdoppiata stanchezza alla lettura cefalea

40 NEL COMPLESSO SONO DISTURBI REVERSIBILI DISTURBI OCULO VISIVI Principali cause: illuminazione inadatta riflessi da superfici lucide luce diretta (artificiale o naturale) su monitor o occhi presenza di superfici di colore estremo (bianco o nero) difettosità del monitor impegno visivo statico, ravvicinato, protratto nel tempo DISTURBI OCULO Come prevenirli: VISIVI

41 ai primi sintomi di affaticamento fare piccole pause socchiudere le palpebre per 1/2 minuti distogliere lo sguardo dagli oggetti vicini e rivolgerlo verso quelli lontani verificare l illuminazione e le tende eliminare riflessi e/o abbagliamenti seguire con lo sguardo il perimetro del soffitto DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI Cause: posizione di lavoro scorretta errata scelta degli arredi

42 posizione di lavoro fissa e mantenuta per lungo tempo movimenti rapidi e ripetitivi delle mani (uso di tastiera e mouse) DISTURBI MUSCOLO SCHELETRICI Come prevenirli: verificare che la parte alta del monitor sia al livello degli occhi verificare la distanza del monitor e della tastiera stare seduti ben eretti con i piedi ben poggiati regolare bene l altezza e l inclinazione della sedia ai primi sintomi di dolore al collo o alle

43 estremità concedersi una pausa alzandosi e muovendosi STRESS Disturbi di tipo psicologico o psicosomatico: mal di testa, stanchezza irritabilità, tensione nervosa ansia, depressione insonnia problemi digestivi Cause: STRESS carico di lavoro superiore o inferiore alle capacità della persona mancanza di riconoscimento

44 lavoro monotono e/o ripetitivo isolamento da colleghi software o hardware inadeguati fattori ambientali: spazio microclima STRESS Come prevenirlo: svolgendo attività fisica sfruttando al meglio le pause adottando comportamenti corretti conformemente alla formazione e all informazione ricevuta LA POSIZIONE

45 Tronco: CORRETTA posizione eretta, fra 90 e 110 per evitare dannose compressioni pelvico-addominali, appoggio del tratto lombare Gambe: a circa 90 per ridurre l affaticamento e facilitare la circolazione. Piedi ben poggiati a terra o sul poggiapiedi LA POSIZIONE CORRETTA

46 Braccia piegate a circa 90. Avambracci appoggiati nello spazio fra bordo tavolo e tastiera (15 cm) Occhi: distanza occhi monitor fra i 50 e i 70 cm. Il bordo superiore del monitor deve essere posto all altezza degli occhi. IL PIANO DI LAVORO DEVE ESSERE: con bordi arrotondati di colore neutro e superficie opaca regolabile in altezza (67-77 cm.) o ad altezza fissa (72 cm.)

47 profondo cm largo cm. comunque di dimensioni sufficienti per permettere una disposizione delle attrezzature flessibile IL SEDILE DI LAVORO DEVE ESSERE: stabile con 5 razze e ruote girevole senza braccioli (o arrotondati) regolabile: sedile (alto/basso) schienale (alto/basso, inclinazione) traspirante e lavabile IL MONITOR DEVE ESSERE:

48 orientabile e inclinabile con superficie antiriflettente con luminosità e contrasto regolabili con immagine stabile senza sfarfallamenti con caratteri leggibili e definiti pulito la parte retrostante lontana da pareti LA TASTIERA DEVE ESSERE: inclinabile e separata dal monitor

49 lontana dal bordo del piano di lavoro 15 cm. con superficie opaca e di colore neutro con simboli chiari IL MOUSE DEVE: garantire una buona impugnatura (ergonomica) essere manovrato avendo cura di poggiare l avambraccio al piano di lavoro

50 PORTA DOCUMENTI DEVE ESSERE: regolabile: alto/basso destra/sinistra collocato in modo corretto in relazione all attività da svolgere Dovrà essere di dimensioni adeguate:

51 larghezza 45 cm. profondità 35 cm. Inclinazione superficie in materiale anti- scivolo ILLUMINAZIONE ILLUMINAZIONE POSIZIONE SBAGLIATA ILLUMINAZIONE POSIZIONE SBAGLIATA

52 ILLUMINAZIONE POSIZIONE CORRETTA MICROCLIMA nella stagione calda la temperatura non dovrebbe essere inferiore di oltre 7 C da quella esterna nelle altre stagioni tra i 18 e i 20 C

53 umidità fra il 40 e il 60% ricambio 32 mc per persona all ora RUMORE installare i VDT in locali poco disturbati da fonti di rumore interne o esterne scegliere strumentazione poco rumorosa isolare gli strumenti rumorosi in locali separati o con dispositivi fono-isolanti

54 VIDEOTERMINALI:patolo gie Le principali patologie correlate all uso dei video terminali sono riconducibili ai seguenti tipi di disturbi: mal di testa dolori al collo dolori di schiena dolori ai polsi dolori ai piedi problemi circolatori pesantezza; tensione; bruciore agli occhi; arrossamento oculare; deficit della messa a fuoco; visus annebbiato. RISCHI PSICOLOGICI

55 mobbing molestie sessuali Stress da ritmi di lavoro non adeguati (lavori in solitudine, lavori a contatto con piu utenti, lavori che prevedono frequenti spostamenti, ) Il mobbing è una forma di pressione psicologica, caratterizzata dalla ripetizione protratta nel tempo, che viene esercitata sul posto di lavoro, ad opera di un

56 superiore o di colleghi di lavoro singoli o in gruppo, con lo scopo di escludere dal contesto lavorativo una persona ritenuta scomoda ART.6 del CCNL ISTITUZI0NE COMMISSIONE PARITETICA SUL FENOMENO DEL MOBBING forma di violenza morale e psichica in occasione di lavoro Tipi di mobbing Mobbing di tipo verticale: quando la violenza psicologica viene posta in essere nei confronti della vittima da un superiore (nella terminologia anglosassone questa forma viene anche definita bossing o bullying ); a volte si tratta di una strategia aziendale di riduzione, ringiovanimento o

57 razionalizzazione degli organici (detto anche mobbing pianificato); Mobbing di tipo orizzontale: quando l'azione discriminatoria è messa in atto dai colleghi nei confronti del soggetto colpito. Mobbing collettivo: quando colpiti da atti discriminatori sono gruppi di lavoratori Mobbing dal basso sia individuale che collettivo: quando viene messa in discussione l'autorità di un superiore. Indicatori del mobbing Marginalizzazione dalla attività lavorativa Svuotamento delle mansioni Mancata assegnazione dei compiti lavorativi, con inattività forzata Mancata assegnazione degli strumenti di lavoro Ripetuti trasferimenti ingiustificati Prolungata attribuzione di compiti dequalificanti rispetto alla professionalità posseduta Prolungata attribuzione di compiti esorbitanti o

58 eccessivi Impedimento sistematico e strutturale all accesso a notizie Esclusione reiterata del lavoratore rispetto ad iniziative formative, di riqualificazione e aggiornamento professionale Esercizio esasperato ed eccessivo di forme di controllo. Il rischio incendio cosa è la combustione? La resistenza al fuoco

59 Reazione al Fuoco La reazione al fuoco di un materiale rappresenta il comportamento al fuoco del medesimo materiale che per effetto della sua decomposizione alimenta un fuoco al quale è esposto, si effettua su basi sperimentali, mediante prove di laboratorio su campioni Classi dove zero sono materiali non combustibili le possibili situazioni di innesco e propagazione Uso di fiamme libere Uso di stufe elettriche ad

60 incandescenza o a gas Uso di apparecchiature elettriche difettose o con contatti elettrici incerti Malfunzionamento dell impianto elettrico o eccessivo carico sulle prese Presenza di sorgenti di calore causate da attriti Depositi eccessivi di carta o altro materiale combustibile Comportamenti non corretti dei fumatori ELIMINAZIONE O RIDUZIONE DEI PERICOLI DI INCENDIO Evitare l accumulo di materiali infiammabili (carta, imballaggi,)

61 familiarizzare con la dislocazione degli estintori e con il loro uso visionare il piano di evacuazione e prendere visione delle vie di esodo Informare i nuovi colleghi o gli ospiti occasionali, sulle procedure e mezzi di prevenzione e di emergenza Effettuare controlli al termine dell'orario di servizio affinché il posto di lavoro sia lasciato in condizioni di sicurezza Garantire una sufficiente aerazione alle apparecchiature elettromagnetiche, ai trasformatori elettrici, agli apparati frigoriferi, agli apparecchi tv segnalare agli addetti alla prevenzione ogni situazione di potenziale pericolo di cui si venga a conoscenza, in particolare guasti all impianto elettrico o principi di incendio anche se di piccola entità evitare ingombri anche temporanei e accatastamenti di carta, di raccoglitori, di materiali vari Non rimuovere gli estintori se non in caso di bisogno e segnalarne l eventuale utilizzo o scomparsa onde poter provvedere alla ricarica o all acquisto NON sovraccaricare le prese di corrente senza il controllo di personale tecnicamente informato

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

LA SICUREZZA IN UFFICIO

LA SICUREZZA IN UFFICIO Collana Cultura della sicurezza LA SICUREZZA IN UFFICIO Quaderno informativo N. 16 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura della sicurezza LA

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO E TUTELA DELL AMBIENTE NELLE ATTIVITÀ DI UFFICIO

SICUREZZA SUL LAVORO E TUTELA DELL AMBIENTE NELLE ATTIVITÀ DI UFFICIO Area Ambiente e Sicurezza Strada Nuova 65 27100 Pavia - Uffici: via S. Epifanio 12-27100 Pavia Tel: 0382-98.4827/8/9 Fax 0382-21020 Email: fisanit@unipv.it SICUREZZA SUL LAVORO E TUTELA DELL AMBIENTE NELLE

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Az. U.L.S.S. 12 Veneziana-Dipartimento di Prevenzione Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

Az. U.L.S.S. 12 Veneziana-Dipartimento di Prevenzione Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PREMESSA L utilizzo della tecnologia informatica ha già rivoluzionato il modo di lavorare e lo trasformerà in modo esponenziale nel futuro. In contrapposizione sono aumentate le segnalazioni relative ai

Dettagli