Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali"

Transcript

1 Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Gabriele Grea, CERTeT Università Bocconi Milano, 10 Aprile 2013 EnergyLab - Laboratorio dell Energia

2 Sommario A. Potenzialità dei veicoli a metano e barriere allo sviluppo La domanda I vantaggi B. La valutazione dei benefici Lo schema di analisi e i dati di partenza Scenari a confronto Risultati I. Differenziali di emissione unitari II. Stima dei differenziali aggregati III. Le emissioni medie dei veicoli immatricolati per alimentazione IV. Monetizzazione dei benefici sociali ambientali C. Conclusioni e spunti di riflessione 2

3 Il modello concettuale A. Mercato e domanda (1) Fonte: Wiedman et Al. (2011) 3

4 A. Mercato e domanda (2) Rischio finanziario: legato alla difficoltà di percezione del total cost of ownership Rischio di performance: determinato dalle caratteristiche tecnologiche del veicolo, include anche il livello di disponibilità di infrastrutture di rifornimento Rischio fisico: legato alla percezione di sicurezza Rischio tempo: si riferisce al tempo di adattamento/conoscenza all utilizzo del veicolo (dal punto di vista tecnico e della disponibilità di reti di rifornimento etc.) Rischio sociale: legato all immagine di sé generata da scelte green Rischio psicologico: determinato dalla mancanza di conoscenza in merito ala nuova tecnologia 4

5 Il modello concettuale A. Mercato e domanda (3) Fonte: Wiedman et Al. (2011) 5

6 A. I principali vantaggi Veicoli: Rilevanti vantaggi economici per il consumatore e ambientali per la collettività Rapidità di adozione grazie a disponibilità di opzioni tecnologiche Fonte energetica: Disponibilità di risorse (e bassa concentrazione) Ruolo delle fonti rinnovabili (biogas) Facilità di trasporto e distribuzione 6

7 B. Lo schema di analisi e i dati di partenza (1) Metodologia di riferimento Il punto di partenza per la determinazione dei benefici differenziali generati dallo sviluppo dei carburanti alternativi nella composizione del parco veicolare nazionale è la stima delle emissioni unitarie espresse in grammi di inquinante al chilometro percorso [g/km]. È stato utilizzato il modello Copert (Computer Programme for estimate Emissions from Road Transport) per la stima delle emissioni da trasporto stradale. Il modello permette di stimare le emissioni atmosferiche dei principali inquinanti e il consumo di carburante in funzione della particolare classe del veicolo, del tipo di tragitto percorso e della temperatura del motore.

8 B. Lo schema di analisi e i dati di partenza (2) Schema di analisi DATI DI INPUT RISULTATI Scopo ultimo dell utilizzo di tale modello è analizzare quali effetti differenziali, in termini di emissioni di sostanze inquinanti, sono indotti da un aumento del peso dei veicoli a metano nella composizione del parco veicolare nazionale. Più specificamente, a partire dai dati di consistenza delle diverse classi in cui risulta suddiviso il parco veicolare italiano, il modello utilizza fattori di emissione e consumo unitari (tenendo conto di specifiche ipotesi su percorrenze medie e cicli di guida) per ciascun segmento determinato da alimentazione, PARCO CIRCOLANTE (classificazione COPERT) PERCORRENZA MEDIA ANNUA PER CLASSE E CICLO DI GUIDA EMISSIONI E CONSUMI UNITARI PER CLASSE E CICLO DIGUIDA [g/veic*km] Determinazione dei trend evolutivi VARIAZIONE DELLE PERCORRENZE ANNUE [g/veic*km] VARIAZIONE CONSUMI ED EMISSIONI motorizzazione e cilindrata, per la quantificazione delle emissioni prodotte distinguendone i contributi generati dalle diverse categorie di veicoli. [t] 8

9 Fonte: Autoritratto 2007 (ACI) B. Lo schema di analisi e i dati di partenza (3) Fonti dei dati I dati relativi alla consistenza e alle dinamiche del parco veicolare nazionale considerati per l analisi, classificati secondo gli standard esposti nella tabella precedente, provengono dall Autoritratto del parco veicolare ACI e fanno riferimento al periodo esempio Tipologia di veicolo Alimentazione Classe di cilindrata Motorizzazione Consistenza 2007 Auto Benzina l Euro II Fonte: Autoritratto 2007 (ACI) I fattori di emissione medi utilizzati, prevedono per ciascuna classe di veicoli un mix di ciclo urbano, autostradale ed extraurbano derivato dalle metodologie di stima prevalenti in letteratura. Si segnala che alla luce della ristretta disponibilità di stime e delle conseguenti necessità di approssimazione, rispetto alla matrice delle emissioni di base considerata dal modello, per quanto riguarda i veicoli a metano i vettori delle emissioni relativi a NOx e CO 2 sono stati stimati sulla base delle informazioni desumibili dal processo di omologazione dei veicoli oggi in commercio e della letteratura esistente sul tema. esempio Veicolo Fattori di emissione (g/km), ciclo urbano CO PM CH 4 VOC CO 2 Auto Benzina l, Euro II 8,523 0,0000 0,0300 0, ,9 Fonte: TRASPOL (2005) 9

10 Ipotesi di base B. Le ipotesi alla base delle elaborazioni Crescita del mercato delle vetture a metano del 50% annuo per il periodo (basato sul tasso di crescita degli ultimi anni) Percorrenze in media equivalenti tra loro (approssimate a km*anno per autovettura) con riferimento a veicoli nuovi e corrispondenti sostituiti Scenari a confronto metano vs tradizionale confronto fra lo scenario effettivo sotto le ipotesi di partenza e lo scenario alternativo in assenza di metano, ovvero nell ipotesi in cui i veicoli a metano immatricolati fossero sostituiti da veicoli tradizionali di corrispondente cilindrata e classe Euro metano vs gpl differenziale nei confronti del GPL, ovvero confronto fra lo scenario effettivo sotto le ipotesi di partenza e lo scenario alternativo basato sul GPL (ipotesi di sostituzione dei veicoli immatricolati a metano con veicoli nuovi alimentati a GPL) 10

11 B.I. Differenziali di emissione unitari (1) Metano vs Benzina * Le emissioni medie di monossido di carbonio (CO) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 88 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di ossidi di azoto (NO x ) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 44 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di idrocarburi non metanici (NMHC) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 102 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di anidride carbonica (CO 2 ) generate da una autovettura a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5) sono inferiori del 43% rispetto a quelle di una vettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1). * Veicoli nuovi (metano) vs veicoli rottamati (Benzina) 11

12 B.I. Differenziali di emissione unitari (2) Metano vs Diesel * Le emissioni medie di monossido di carbonio (CO) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 5 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di ossidi di azoto (NO x ) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 20 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di idrocarburi non metanici (NMHC) generate da una autovettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 9 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di anidride carbonica (CO 2 ) generate da una autovettura a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5) sono inferiori del 16% rispetto a quelle di una vettura a benzina rottamata (Euro 0, oppure Euro 1). Le emissioni di particolato (PM) allo scarico (PM exhaust emissions) sono in pratica nulle per i veicoli a metano, mentre per i veicoli diesel delle classi Euro 0 e Euro 1 ammontano mediamente a 0,74 grammi al chilometro, che ipotizzando una percorrenza media di km*anno determinano un produzione pari a 11,1 kg di PM per autovettura. * Veicoli nuovi (metano) vs veicoli rottamati (Diesel) 12

13 B.II. Differenziali di emissione unitari (3) Metano vs GPL * Le emissioni medie di monossido di carbonio (CO) generate da una autovettura a gpl rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 58 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di ossidi di azoto (NO x ) generate da una autovettura a gpl rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 40 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di idrocarburi non metanici (NMHC) generate da una autovettura a gpl rottamata (Euro 0, oppure Euro 1) equivalgono rispettivamente a quelle di 83 autovetture alimentate a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5). Le emissioni medie di anidride carbonica (CO 2 ) generate da una autovettura a metano oggi in commercio (Euro 4 e Euro 5) sono inferiori del 17% rispetto a quelle di una vettura a gpl rottamata (Euro 0, oppure Euro 1). * Veicoli nuovi (metano) vs veicoli rottamati (GPL) Volendo inoltre evidenziare i benefici differenziali della scelta di un veicolo nuovo a metano rispetto ad uno a GPL, è possibile affermare che quest ultimo ha emissioni di monossido di carbonio (CO) 6 volte superiori a quelle di un autovettura a metano, doppie di ossidi di azoto (NO x ), triple di idrocarburi non metanici (NMHC); inoltre, le emissioni medie di CO 2 di un veicolo a GPL calcolate a partire dalla composizione del vettore delle immatricolazioni per ciascun tipo di alimentazione risultano superiori di circa il 13% rispetto a quelle di un equivalente veicolo a metano. 13

14 B.II. Stima dei differenziali aggregati (1) Anno 2008, dati disponibili. I risultati mettono a confronto lo scenario effettivo con lo scenario alternativo in assenza di metano, ovvero nell ipotesi in cui i veicoli a metano immatricolati fossero sostituiti da veicoli tradizionali di corrispondente cilindrata e classe Euro; una seconda elaborazione riportata mette in evidenza il differenziale nei confronti del GPL, ovvero sotto l ipotesi di sostituzione dei veicoli immatricolati a metano con veicoli nuovi alimentati a gpl. Differenziali di emissione con ipotesi di percorrenze omogenee Anno Scenario CO PM NOx N2O CH4 NH3 NMHC SO2 CO metano vs tradizionale metano vs gpl Anno Scenario CO PM NOx N2O CH4 NH3 NMHC SO2 CO metano vs tradizionale 94% 100% 63% 100% 100% 100% 83% 100% 15% 2008 metano vs gpl 92% 0% 58% 100% 100% 0% 72% 0% 14% 14

15 B.II. Stima dei differenziali aggregati (2) Anno 2011, proiezioni sul parco veicolare (metano). A partire dai dati disponibili al 2009, è stata ipotizzata una crescita del mercato delle vetture a metano con un incremento di veicoli nel 2009, nel 2010 e nel 2011, che corrisponde ad una crescita annuale di circa il 50% (sulla base del tasso di crescita riscontrato nell ultimo biennio). L obiettivo di tale scenario è stimare gli effetti aggregati della dinamica di sostituzione legati ad un incremento del peso del metano sul mercato (che arriverebbe sotto questa ipotesi circa al 15% del totale della domanda). I risultati derivano dal confronto fra le emissioni dei nuovi veicoli a metano (Euro 4 e Euro 5) previsti per il triennio e quelle dei corrispondenti veicoli sostituiti (individuati tra le classi Euro 0, Euro 1 e Euro 2). Inoltre, al fine di analizzare le differenze di impatto potenziale tra l alimentazione a metano e quella a GPL, il medesimo esercizio di proiezione è stato proposto sotto l ipotesi in cui i veicoli stimati per il mercato del metano vengano prodotti e venduti con alimentazione a GPL. Differenziali di emissione con ipotesi di percorrenze omogenee Anno Scenario CO PM NOx N2O CH4 NH3 NMHC SO2 CO metano vs tutte (rottamazione) valori % 98% 100% 96% 100% 100% 100% 98% 100% 25% 2011 GPL vs tutte (rottamazione) valori % 93% 100% 95% 76% 98% 100% 96% 100% 15% 15

16 B.III. Le emissioni medie dei veicoli immatricolati per alimentazione Le seguenti tabelle riassumono i risultati in termini di contributi al computo totale da parte delle autovetture immatricolate nel 2008 suddivise per alimentazione. La prima tabella riporta a scopo informativo il contributo percentuale per ciascuna delle tre categorie di emissioni considerate, dipendente dal numero di veicoli immatricolati. La seconda tabella propone il livello di emissioni medio delle vetture effettivamente immatricolate nel corso del 2008 per ciascun tipo di alimentazione. Contributo delle diverse alimentazioni alle emissioni per le auto immatricolate nel 2008 Contributo unitario medio delle diverse alimentazioni alle emissioni per le auto immatricolate nel 2008 NOX NMHC CO2 benzina 24% 45% 47% gpl 2% 2% 3% metano 1% 1% 3% diesel 73% 52% 47% NOX NMHC CO2 benzina 0,101 0, ,119 gpl 0,125 0, ,141 metano 0,051 0, ,985 diesel 0,261 0, ,566 I dati evidenziano come, in termini di parco veicolare effettivamente messo in circolazione, le motorizzazioni a metano riscontrino performance migliori rispetto alle altre alimentazioni, in misura particolarmente rilevante per idrocarburi non metanici (NMHC) e ossidi di azoto (NO x ). Apprezzabili sono anche i vantaggi stimati in termini di riduzione dell anidride carbonica. 16

17 B.IV. Monetizzazione dei benefici sociali ambientali Infine, per quanto riguarda i benefici ambientali riscontrati, si è proceduto ad una quantificazione economica dei risparmi di emissione per quanto riguarda alcune categorie rilevanti, con riferimento alle proiezioni di incremento del parco veicolare nel periodo L incremento del numero di veicoli a metano previsto genererà benefici in termini di riduzione di ossidi di azoto (NO x ), particolato (PM), idrocarburi non metanici (NMHC), e anidride carbonica (CO 2 ) stimati pari a circa 15,2 milioni di euro, di poco inferiori allo 0,5% dei costi sociali ambientali totali relativi al parco veicolare italiano per le tipologie di emissione citate. In particolare, le minori emissioni di particolato genereranno un risparmio sociale ambientale pari a 7,13 milioni di euro, mentre la riduzione della CO 2 prodotta consentirà un risparmio pari a 4,46 milioni di euro. Operando la medesima stima sotto l ipotesi in cui i veicoli nuovi ipotizzati a metano fossero invece alimentati a GPL, si riscontrerebbero benefici sociali ambientali pari a 12,.9 milioni di euro; ne consegue che in termini di benefici monetizzati l impatto positivo del metano è superiore del 17% rispetto a quello che si otterrebbe con una corrispondente espansione del numero di veicoli a GPL. 17

18 C. Conclusioni e spunti di riflessione Posizionamento relativo sul mercato dei carburanti alternativi e ruolo degli incentivi Nuove frontiere tecnologiche (motori, biometano, metano+idrogeno, etc.) Necessità di un approccio sostenibile inclusivo e integrato per raggiungere i differenti segmenti del mercato della mobilità Potenzialità fonti rinnovabili e impatto ambientale Ruolo nell evoluzione di supply chain e core business degli OEM 18

19 Bibliografia Agenzia Europea per l Ambiente (AEA), Annual European Community LRTAP Convention emission inventory report , Technical report No 7/2008 Agenzia Europea per l Ambiente (AEA), EMEP/CORINAIR Emission Inventory Guidebook 2007, Technical report No 16/2007 Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici (APAT), Annuario dei dati ambientali 2007, APAT, Roma, 2007 CSST - Centro studi sui sistemi di trasporto (2007) Mobilità e ambiente in una visione integrata di sistema - Ricerca promossa da Promotor International in collaborazione con Anfia e Unrae, Bologna OECD (2008) The cost and effectiveness of policies to reduce vehicle emissions, Discussion paper No Stocchetti A., Volpato G. (2010) In quest for a sustainable motorization: the CNG opportunity, Munich Personal RePEc Archive Wiedman et Al. (2011) Adoption barriers and resistance to sustainable solutions in the automotive sector, Journal of Business Research 19

20 Grazie per l attenzione 20

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

SOMMARIO 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6. 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6

SOMMARIO 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6. 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6 SOMMARIO 1 PREMESSA 3 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6 3.2 Gli esiti delle valutazioni 10 4 CONCLUSIONI 12 2 di 13 1 PREMESSA

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 001/2013 (24/06/2013) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni. Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R.

La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni. Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R. La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R., ISPRA L evoluzione di Copert 4 Principali differenze rispetto a Copert

Dettagli

RSL = [CS(VR) - CS(VE)] P / 10 6 (tep/anno)

RSL = [CS(VR) - CS(VE)] P / 10 6 (tep/anno) Allegato alla scheda tecnica n. 42E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Premessa L obiettivo di questa scheda tecnica è quello di incentivare la vendita di autovetture elettriche;

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 006/2015 (19/10/2015) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili RG 3/2002 NGV System Italia Consorzio metano per auto via Serio, 16 20139 MILANO tel. 02-56810171 fax 02-56810131 e-mail: info@ngvsystem.it 1

Dettagli

IL METANO NELLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA

IL METANO NELLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA FEDERAZIONE NAZIONALE DISTRIBUTORI E TRASPORTATORI DI METANO Via Alberelli, 1 40132 BOLOGNA Tel. 051/400357 Fax 051/401317 Email: info@federmetano.it Web: www.federmetano.it IL METANO NELLE POLITICHE DI

Dettagli

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri.

Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. Scheda tecnica n. 42E Diffusione di autovetture a trazione elettrica per il trasporto privato di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile

Dettagli

Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria

Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Allegato alla scheda tecnica n. 45E: procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Premessa L obiettivo di questa scheda tecnica è quello di incentivare la vendita di autovetture a GPL, con

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri.

Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri. Scheda tecnica n. 43E Diffusione di autovetture a trazione ibrida termoelettrica per il trasporto privato di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Il trasporto pubblico locale

Il trasporto pubblico locale Un volano per l innovazione? Il trasporto pubblico locale Emanuele Galossi (IRES-CGIL) Presentazione n. 13/2011 Roma, 13 giugno 2011 TPL: alcuni dati di sintesi Operatori 1.260 Passeggeri trasportati 15

Dettagli

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA CONTENUTI STIME DELLE EMISSIONI NAZIONALI DA TRASPORTO STRADALE DISAGGREGAZIONE A LIVELLO PROVINCIALE:

Dettagli

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI Direzione Mobilità Viabilità a Nord-Est Analisi del contributo dei flussi veicolari alle emissioni in atmosfera Ottobre 2006 TAGES S.c.r.l. INDICE Premessa... Pag.

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il

Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il Scheda tecnica n. 44E Diffusione di autovetture alimentate a metano, per il trasporto di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 Vita

Dettagli

NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE

NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI ATAC, SÌ A METANO O COMBUSTIBILI MENO INQUINANTI RIVEDERE LE SCELTE DELLA DELIBERA ATAC PER RIDURRE SMOG E SPESE DOSSIER DI LEGAMBIENTE LAZIO NO AL GASOLIO PER I NUOVI MEZZI

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il

Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il Scheda tecnica n. 45E Diffusione di autovetture alimentate a GPL per il trasporto di passeggeri. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 Vita Tecnica

Dettagli

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio. IL MODELLO TREMOVE TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.it TRT Trasporti e Territorio Srl Pag. 1 IL MODELLO TREMOVE 1.

Dettagli

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone PEAS Napoli PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti Armando Cartenì Vanda Mazzone Università degli Studi di Napoli "Federico II" Dipartimento di Ingegneria dei

Dettagli

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY I carburanti alternativi nella Direttiva UE "combustibili alternativi", combustibili

Dettagli

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI IL D.L. 10 FEBBRAIO 2009 N. 5 ( PUBBLICATO NELLA G.U. N.34 DEL 11.02.2009) IN VIGORE DALL' 11 C.M., ALL'ARTICOLO 1 RECA INCENTIVI AL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE

Dettagli

CONFRONTO DEL COMPORTAMENTO EMISSIVO E DEI CONSUMI DI UNA VETTURA IBRIDA E DI UNA CONVENZIONALE EURO IV MEDIUM-SIZE

CONFRONTO DEL COMPORTAMENTO EMISSIVO E DEI CONSUMI DI UNA VETTURA IBRIDA E DI UNA CONVENZIONALE EURO IV MEDIUM-SIZE XIII Expert Panel Trasporti Stradali CONFRONTO DEL COMPORTAMENTO EMISSIVO E DEI CONSUMI DI UNA VETTURA IBRIDA E DI UNA CONVENZIONALE EURO IV MEDIUM-SIZE F. Villatico* A. Alessandrini* F. Ortenzi* M.A.

Dettagli

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali

Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Presente e futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali Assolombarda, 7 febbraio 2011 Honorati Ranieri Fiat Group Automobiles Marketing Fleet 20 Novembre, 2010 L approccio

Dettagli

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Si riporta di seguito la valutazione tecnica dei benefici

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente:

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente: Utilizzo del Telepass nella rete di Autostrade per l Italia. Risparmio di Combustibile e CO2 evitata Premessa Obiettivo: la stima quantitativa delle emissioni inquinanti evitate, grazie all utilizzo del

Dettagli

I proge( dual- fuel gasolio metano liquefa6o. di Cseab - Brescia. Marzo 2015/RG DF 188. Renato Gaudio 2015

I proge( dual- fuel gasolio metano liquefa6o. di Cseab - Brescia. Marzo 2015/RG DF 188. Renato Gaudio 2015 I proge( dual- fuel gasolio metano liquefa6o 1 di Cseab - Brescia DF 188 Marzo 2015/RG 1 Premessa Cseab (Società dell Associazione Industriale Bresciana) ha di recente condotto a termine due progetti sperimentali

Dettagli

WORKSHOP ANFIA. Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni

WORKSHOP ANFIA. Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni WORKSHOP ANFIA I Vantaggi dei Servizi Telematici per le flotte Roma, 30 marzo 2010 Il settore delle flotte: i numeri, le problematiche cui la telematica può offrire soluzioni 1 Mercato autovetture Immatricolazioni

Dettagli

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia

Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Opportunità e sfide del settore NGV, natural gas vehicles, in Italia Il presente e il futuro della mobilità sostenibile: prodotti e soluzioni per i veicoli aziendali ASSOLOMBARDA Milano 7-8 Febbraio 2011

Dettagli

280 aziende associate

280 aziende associate Convegno Centro Studi Promotor Università di Bologna L auto a metà del guado nell anno orribile 2009 Guido Rossignoli Roma, 28 Maggio 2009 ANFIA e la Filiera Automotive ANFIA, Associazione Nazionale Filiera

Dettagli

Le esternalità dei Trasporti

Le esternalità dei Trasporti Le esternalità dei Trasporti Silvia Orchi 5 Febbraio 2015 Il concetto economico ESTERNALITA Il termine esternalità si riferisce a una situazione in cui si produce una variazione di benessere ad opera di

Dettagli

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI

CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI CONFERENZA STAMPA UNRAE, MILANO 19 NOVEMBRE 2014 GLI ITALIANI E L AUTO: UN RAPPORTO DA RILANCIARE SU NUOVE BASI Marco Baldi Responsabile Settore Territorio Fondazione Censis UNA LETTURA ATTRAVERSO TRE

Dettagli

Il gas per autotrazione in Toscana: confronto la diffusione nazionale e ipotesi di sviluppo futuro

Il gas per autotrazione in Toscana: confronto la diffusione nazionale e ipotesi di sviluppo futuro Il gas per autotrazione in Toscana: confronto la diffusione nazionale e ipotesi di sviluppo futuro Corrado Storchi Gruppo Landi Renzo Public Affairs Director Ecomobility, 7a edizione - Montecatini Terme

Dettagli

La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale.

La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale. La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale. - I dati di base e i parametri del modello - Validazione dei dati e principali criticità - Stime di emissione 24 settoriali e

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Le potenzialità del biometamo per autotrazione. Marianna Costa. Ecomondo 2011 - Rimini

Le potenzialità del biometamo per autotrazione. Marianna Costa. Ecomondo 2011 - Rimini Le potenzialità del biometamo per autotrazione Marianna Costa Ecomondo 2011 - Rimini Gli Associati del Consorzio L intera filiera italiana del gas naturale Produttori NGVs Produttori sistemi stoccaggio

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

Canton Ticino. Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio. Effetti di una riduzione della velocità

Canton Ticino. Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio. Effetti di una riduzione della velocità Canton Ticino Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio Effetti di una riduzione della velocità DIVISIONE DELL AMBIENTE SEZIONE PROTEZIONE ARIA E ACQUA UFFICIO

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

sistemi di propulsione tradizionale

sistemi di propulsione tradizionale I vantaggi dei veicoli a trazione elettrica rispetto ai sistemi di propulsione tradizionale La metodologia WTW per l analisi li i delle alternative, ti potenzialità e limiti iti delle tecnologie disponibili

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

$13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE

$13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE $13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE $1$/,6,(9$/,'$=,21(0(72'2/2*,(3(5,/ &$/&2/2'(//((0,66,21,,148,1$17,'(, 75$63257, 5DSSRUWRWHFQLFR Roma, Giugno 2000 Mario Contaldi*, Riccardo De Lauretis*,

Dettagli

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Il progetto ENERPARK Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Schema della presentazione Le problematiche emergenti nel settore

Dettagli

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014 Scenari e prospettive del settore auto Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi e Statistiche Unione Petrolifera L UNRAE in numeri Auto, Commerciali, Industriali, Bus, Caravan, Autocaravan, Assistenza,

Dettagli

La mobilità sostenibile secondo FCA. Severino Damini Institutional Relations. Rimini, 7 Novembre 2014

La mobilità sostenibile secondo FCA. Severino Damini Institutional Relations. Rimini, 7 Novembre 2014 La mobilità sostenibile secondo FCA Severino Damini Institutional Relations Rimini, 7 Novembre 2014 Il Gruppo 2 Il Gruppo 3 Sostenibilità per FCA Non esiste un unica soluzione per la mobilità sostenibile.

Dettagli

ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008

ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008 ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008 Il Decreto Legge n. 248/2007 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2007 estende al 2008 le agevolazioni per l acquisto di veicoli a basso impatto

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

EFFETTI AMBIENTALI ED ECONOMICI DEL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE DEI VEICOLI COMMERCIALI PER IL TRASPORTO MERCI

EFFETTI AMBIENTALI ED ECONOMICI DEL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE DEI VEICOLI COMMERCIALI PER IL TRASPORTO MERCI EFFETTI AMBIENTALI ED ECONOMICI DEL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE DEI VEICOLI COMMERCIALI PER IL TRASPORTO MERCI Simonetta Manfredi 1, Piercarlo Patrucco 1, Silvana Toffolo 1, Giulio Iacovangelo 1 1. Premessa

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010 Corso di Laboratorio ditecnica della Circolazione i http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010 Software per la stima delle emissioni inquinanti 1 Introduzione COmputer Programme

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

Senato della Repubblica 10 Commissione permanente Industria, Commercio, Turismo. Daniele Chiari Relazioni Istituzionali Fiat Group Automobiles

Senato della Repubblica 10 Commissione permanente Industria, Commercio, Turismo. Daniele Chiari Relazioni Istituzionali Fiat Group Automobiles Audizione in relazione allo schema di decreto legislativo recante Attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili Senato della Repubblica 10 Commissione

Dettagli

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma

Arcangelo Maria Merella Infomobility spa. Best practices a Parma Arcangelo Maria Merella Infomobility spa Best practices a Parma La visione di Parma al 2020 Obbiettivi e strategie Il libro bianco parma 2020 Città sana e ecoefficiente 2 Risparmio energetico Negli edifici

Dettagli

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione

Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Seminario: Mobilità sostenibile - buone pratiche a cura della Pubblica Amministrazione Piano Spostamenti Casa Lavoro ed altre buone pratiche di mobilità sostenibile Massimo Boasso responsabile mobilità

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata

Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata Prof. Massimo SANTARELLI, Ing. Marco TORCHIO Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

L auto: quale futuro. Motor Show

L auto: quale futuro. Motor Show L auto: quale futuro Motor Show Motor Show Motor Show Romano Valente Direttore Generale UNRAE Motor Show L auto: quale futuro Andrea Bianchi Direttore Politiche Industriali Confindustria Daniele Capezzone

Dettagli

La mobilità a miscela metano/idrogeno Il progetto MyGas della Regione Lombardia

La mobilità a miscela metano/idrogeno Il progetto MyGas della Regione Lombardia La mobilità a miscela metano/idrogeno Il progetto MyGas della Regione Lombardia Silvana Di Matteo Bolzano- Fiera Klimamobility 23 settembre 2011 Perché le miscele metano/idrogeno Le miscele metano-idrogeno

Dettagli

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy

L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy L impegno di Enel per la mobilità elettrica Convegno Green City Energy Pisa, 26 Maggio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici rispetto

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti 3.2 I TRASPORTI 3.2.1 Il settore trasporti Caratteristiche, aspetti e considerazioni generali E ormai noto che il settore dei trasporti rappresenta un elemento di criticità per la collettività e costituisce,

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.213 Ottobre 214 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza 1 Nel 213 parco

Dettagli

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Andrea GERINI Alternative Fuel Engines FPT - Research & Technology Presentazione del progetto Sviluppo veicolo

Dettagli

Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli AGENDA. 20 Novembre, 2010. Antonio Fuganti Trento Branch Director.

Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli AGENDA. 20 Novembre, 2010. Antonio Fuganti Trento Branch Director. Le opportunità del biometano per l'autotrazione e gli usi agricoli Antonio Fuganti Trento Branch Director 20 Novembre, 2010 AGENDA Scenario attuale e linee di azione verso la riduzione emissioni CO 2 Road

Dettagli

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030

Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Impatto sul sistema elettrico della potenziale diffusione di auto elettriche: uno scenario al 2030 Milano 2 Luglio 2010 Michele Benini Tipologie di veicoli elettrici considerate Si intende valutare l impatto

Dettagli

Conferenza Stampa. Gianni Filipponi Direttore Generale. Milano, 16 dicembre 2010. Milano, 16 dicembre 2010. Analisi e previsioni di mercato

Conferenza Stampa. Gianni Filipponi Direttore Generale. Milano, 16 dicembre 2010. Milano, 16 dicembre 2010. Analisi e previsioni di mercato Conferenza Stampa Milano, 16 dicembre 2010 Analisi e previsioni di mercato Gianni Filipponi Direttore Generale Milano, 16 dicembre 2010 Agenda Il mercato 2010 Le previsioni UNRAE per il mercato 2011 L

Dettagli

Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere

Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere Bari, 26/07/2011 Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere 2 - Impatto sul sistema energetico nazionale della potenziale diffusione dei veicoli elettrici Giuseppe Mauri Dip.

Dettagli

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico ARPA Ingegneria Ambientale Cristina Regazzi, Simonetta Tugnoli, Veronica Rumberti

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana. Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia

Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana. Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia Il metano per l autotrazione: l eccellenza della filiera industriale italiana Vanni Cappellato Presidente NGV System Italia www.ngvsystem.com Metano e Trasporti, per il governo della mobilità 16 Marzo

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Aggiornamento del documento:

Aggiornamento del documento: Aggiornamento del documento: Analisi di performance ambientale: Linee guida sull applicazione in banca degli Indicatori Ambiente del GRI (Global Reporting Initiative) versione G4 Febbraio 2016 1 I. Premessa...

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato A ANALISI DEL PARCO VEICOLI CIRCOLANTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data Perugia,

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Tabella 2.1 Obiettivi di riduzione [%] delle emissioni previsti dal Protocollo di Kyoto

Tabella 2.1 Obiettivi di riduzione [%] delle emissioni previsti dal Protocollo di Kyoto 2. Definizione ed analisi delle possibilità d intervento L attuazione di politiche di risparmio energetico e di programmi per la riduzione dei consumi di combustibili fossili e delle emissioni inquinanti

Dettagli

Allegato A.7 Glossario/definizioni

Allegato A.7 Glossario/definizioni Allegato A.7 Glossario/definizioni 198 A.7 Glossario/definizioni Ab. Analisi SWOT AP APQ Bus*km (vetture*km) CDU City Logistics CO CO 2 Costi di investimento Costi esterni COV COVNM Customer satisfaction

Dettagli

Trasporto pesante e metano: dal GNL al Dual Fuel

Trasporto pesante e metano: dal GNL al Dual Fuel Trasporto pesante e metano: dal GNL al Dual Fuel GNL e Dual-Fuel nel trasporto professionale: approccio e metodologie per la conversione Dual-Fuel di veicoli ad uso industriale con GNL Relatore: Roberto

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

BIOGAS: Il trattamento delle emissioni come chiave di successo del business plan.

BIOGAS: Il trattamento delle emissioni come chiave di successo del business plan. BIOGAS: Il trattamento delle emissioni come chiave di successo del business plan. Hug Engineering Italia Ing. Andrea Pullone Page 1 KeyEnergy Ascomac Cogenerazione da Biogas Alcuni dati numerici per inquadrare

Dettagli

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA

LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0. Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA LA MOBILITA COLLETTIVA E IL TRASPORTO PUBBLIC0 Ing. Nadia Amitrano Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA 1 I PRINCIPALI DATI DI ASSTRA I PRINCIPALI DATI DELLE AZIENDE ADERENTI AD ASSTRA Membri associati

Dettagli

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO?

IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? IL PERCORSO DEL FUTURO DA OGGI AL 2020, DIECI ANNI CHE CAMBIERANNO L'AUTO? Lucio Bernard Direttore Research & TechnologY Fiat Powertrain Technologies TECNOLOGIA MOTORISTICA FUTURA DAL SOGNO ALLA REALTÀ

Dettagli

Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service

Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service Analisi costi-benefici della misura BOL 6.1 Progetto Civitas Mimosa Car Sharing Service 29 Ottobre 2010 I. Indice I. Indice... II II. III. Lista delle tabelle... III Lista delle figure...iv 0 Summario.

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli