L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA"

Transcript

1 L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA I primi risultati di un indagine svolta dal Co.Re.Com. Marche in collaborazione con l Università degli Studi di Macerata, grazie ad un finanziamento della Fondazione Carima (Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata)

2 Stampa: Aniballi Grafiche srl Aprile 2011 Studio condotto dal Co.Re.Com. Marche, Comitato Regionale per le Comunicazioni delle Marche, in collaborazione con l'università degli Studi di Macerata, grazie al finanziamento della Fondazione Carima, Cassa di Risparmio di Macerata. COPIA GRATUITA, VIETATA LA VENDITA

3 INDICE Presentazione di Marco Moruzzi pag. 1 Introduzione " 5 I primi risultati dell indagine: alcune linee di lettura di Sebastiano Porcu " 7 Tavole statistiche: comportamenti ed atteggiamenti degli alunni " 13 Tavole statistiche: il punto di vista dei genitori " 41

4

5 Presentazione La velocità e le modalità con le quali sono cambiati in questi ultimi anni i mezzi di comunicazione non ha precedenti. Eravamo abituati ad usare un unico strumento per ciascuna funzione: il telefono per parlare, il televisore per vedere programmi, la radio per ascoltare, la macchina fotografica per catturare l immagine di un attimo, la telecamera per filmare...; ogni medium era strettamente utilizzabile per un'unica funzione caratteristica. Poi è arrivata la tecnologia digitale, il computer e nuovi apparecchi multimediali che concentrano in un unico strumento più funzioni. Le nuove tecnologie di comunicazione hanno determinato il repentino e radicale cambiamento della società. Sono mutati i paradigmi comunicativi, sfumati i confini spazio temporali; il mondo è diventato più vicino agli individui, ma anche globale e astratto. Lo sviluppo tecnologico, nel giro di pochi anni ha cambiato radicalmente le abitudini e i modelli sociali, gli immaginari collettivi, l economia, i luoghi e l uso degli spazi, il linguaggio, le routine produttive con modalità differenti secondo i contesti sociali, ma certamente in modo generalizzato e diffuso. Lo spazio è diventato immateriale e indefinito, la realtà può essere anche virtuale, cambia la fruizione dei luoghi ed i non luoghi sono sempre altamente interlegati e spesso è difficile distinguerli 1. Eric e Marshall Mc Luhan nel 1988 affermavano che per conoscere le caratteristiche di ciascun medium bisogna porsi alcune domande standard: Che cos è che esso accresce, intensifica?, Che cosa rende obsoleto o sostituisce? Che cosa recupera che era già stato superato?, Che cosa produce o diventa una volta spinto all estremo? 1 Marc Augè, 1992 CO.RE.COM Marche 1

6 Le indicazioni di McLuhan oggi non sono più applicabili, uno strumento ha più funzioni e usi multimediali. La convergenza resa possibile dalla tecnologia digitale, consente di unire-connettere-usare diversi strumenti per una serie di servizi. La convergenza è la base della crossmedialità ed elimina la distinzione delle funzioni dei nuovi mezzi di comunicazione. Un unico schermo del pc, ma anche del telefonino o smartphone, tablet offre una serie sempre più ricca di servizi: informazione, lettura, educazione, sorveglianza, commercio, servizi bancari, intrattenimento, ricerche, medicina La digitalizzazione porta e fa confluire le attività locali a livello globale e viceversa, con una velocità di sviluppo tecnologico senza precedenti. I mass media sono moltiplicati, interattivi, interconnessi, così anche gli utenti. Noi adulti oggi apprezziamo e usiamo i nuovi mezzi di comunicazione che rendono le giornate più lunghe e complesse, che aumentano le comunicazioni ed i contatti, la conoscenza ed i saperi. Ne cogliamo gli straordinari benefici, ma talvolta siamo anche irritati dalla pervasività. L avvento dell era digitale è stato così veloce e sorprendente che una buona parte della vecchia generazione è rimasta esclusa, sia per la mancanza degli strumenti cognitivi e culturali, sia per l impossibilità di accesso economico o tecnologico. Il digital divide tra vecchie e nuove generazioni è ancora forte. Gli adulti fanno fatica ad adattarsi ai nuovi modelli comunicativi, a capire linguaggi e comportamenti degli adolescenti, dunque i due mondi restano distanti. I ragazzi crescono senza essere affiancati da educatori in grado di comprendere e soprattutto condividere con loro giochi e comportamenti. Passano ore davanti al pc e con il game boy, comunicano per lo più tra pari, con codici incomprensibili ai grandi, spesso senza neanche parlare, con sms, in chat, scambiano foto, video,musica. CO.RE.COM Marche 2

7 I nativi digitali, le nuove generazioni cresciute con computer, internet, telefoni cellulari, MP3 hanno una particolare dimestichezza con i nuovi media, che fanno parte della loro vita fin dalla nascita, i bambini apprendono a digitare prima che a scrivere. Il CO.RE.COM. Marche, Comitato Regionale per le Comunicazioni, nella consapevolezza che il genitore perfetto 2 non esiste, che oggi è più difficile che in passato fare il genitore o l insegnante e che gli adolescenti non possono essere lasciati soli nel mondo reso globale e immenso dai mass media e dai nuovi mezzi di comunicazione, ha intrapreso una serie di attività di media education a tutela dei minori. Diversi sono i progetti svolti nelle scuole per contribuire ad accrescere il senso critico degli studenti nei confronti dei media e le iniziative rivolte ad insegnanti e genitori per informarli su pericoli e potenzialità della rete e sulle nuove pratiche ludiche che appassionano i ragazzi. Con l obiettivo di diminuire il digital divide, il Comitato ha attivato sinergie con diversi partner, in primis l Ufficio Scolastico Regionale, la Polizia delle Comunicazioni, l Università di Macerata. Al fine di rilevare e conoscere meglio le abitudini degli adolescenti, per adottare strategie di media education e nel tentativo di fornire a tutte le agenzie educative informazioni utili per restringere il divario generazionale determinato dalle nuove tecnologie, il CO.RE.COM. Marche ha realizzato tra il 2009 e 2010, nel territorio maceratese, la ricerca sociale L utilizzo dei nuovi media: una ricerca tra i bambini, gli adolescenti ed i loro genitori della provincia di Macerata. Con questo studio il Comitato ha inteso rispondere al forte bisogno di comprendere e tutelare i ragazzi, un esigenza sollevata dalle famiglie e dai docenti nel corso dell intensa attività svolta nelle scuole in questi ultimi anni. I risultati rappresentano la prima fotografia dei nativi digitali marchigiani, scattata nel loro contesto familiare e scolastico. 2 Bruno Bettelheim, 1987 CO.RE.COM Marche 3

8 L indagine è stata realizzata grazie al prezioso supporto scientifico del Prof. Sebastiano Porcu dell Università di Macerata, alla generosa lungimiranza della Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e alla collaborazione del personale scolastico. Il Comitato esprime gratitudine a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito a vario titolo alla realizzazione dell indagine, in particolare a: Dr.ssa Luana Spernanzoni, giornalista del CO.RE.COM. Marche, Dr.ssa Ilaria Sciadi Adel, Laureata in Scienze della Comunicazione Università di Macerata, Dr.ssa Cinzia Grucci Primo Dirigente Polizia di Stato Comando delle Marche, Dr.ssa Morena Bartolacci e Dr.ssa Agnese Carnevali, collaboratrici del CO.RE.COM. Marche per le attività di media education. Marco Moruzzi Presidente CO.RE.COM. Marche CO.RE.COM. Marche - Comitato Regionale per le Comunicazioni Marco Moruzzi - Presidente Mauro Giustozzi - Vice Presidente Claudio Cardinali - Componente Fabrizio Cipollini - Componente Roberto Giungi - Componente Daniele Melacotte - Componente Francesco Rocchetti - Componente CO.RE.COM Marche 4

9 Introduzione L indagine - promossa dal Co.Re.Com. Marche, grazie ad un finanziamento concesso dalla Fondazione Carima (Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata) - è stata svolta nel corso del 2010, con la collaborazione dell Ufficio Scolastico Regionale delle Marche, dei dirigenti e dei docenti di cinque Istituti Comprensivi della provincia di Macerata (Colmurano di Passo di Colmurano; P. Tacchi Venturi di San Severino Marche; Enrico Mestica di Cingoli; Luigi Pirandello di Civitanova Alta; Enrico Mestica di Macerata). La somministrazione dei questionari sottoposti ad alunni delle classi di quinta elementare, di prima e di terza media ed ai loro genitori è stata preceduta da incontri, tenuti nelle stesse scuole con docenti e genitori, che hanno avuto lo scopo di presentare le finalità e le metodologie della ricerca. I questionari sono stati autocompilati in classe dagli alunni (alla presenza di docenti e della dott.ssa Ilaria Sciadi Adel) e a domicilio dai genitori (nei mesi di maggio e settembre 2010). Le modalità di somministrazione e raccolta dei questionari hanno assicurato, in entrambi i casi, il carattere anonimo delle risposte. La progettazione, la supervisione ed il coordinamento scientifico dell indagine sono stati curati dal Prof. Sebastiano Porcu (Facoltà di Scienze della formazione e Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione; Università di Macerata). L elaborazione dei dati è stata svolta dalla dott.ssa Ilaria Sciadi Adel e dal dott. Fabio Piccoli. Il Co.Re.Com Marche (in particolare nelle persone della dott.ssa Luana Spernanzoni e del dott. Francesco Rocchetti) ha assicurato il coordinamento ed i supporti organizzativi della ricerca. CO.RE.COM Marche 5

10

11 I primi risultati dell indagine: alcune linee di lettura di Sebastiano Porcu 1. Le note che seguono intendono proporre una prima e, quindi, ancora parziale introduzione ai risultati della ricerca e, dunque, alcune prime linee di lettura del fenomeno che è stato oggetto dell indagine. Si sono voluti anticipare alcuni risultati, in attesa d una loro più compiuta analisi, ancora in fase di completamento, in primo luogo nella volontà di non posticipare la restituzione di alcune risultanze che, nell approccio di ricerca partecipata che sin dall inizio s è voluto dare all indagine, possono proporre e stimolare una riflessione anche tra tutti gli attori coinvolti nella ricerca (le famiglie e le scuole, ed anche gli stessi bambini e ragazzi). Ciò nella convinzione che tali risultati, da un lato, possano già costituire una prima base di valutazioni circa azioni positive da sviluppare da parte, in primo luogo, di famiglie, scuole ed altri attori, istituzionali e non, e, dall altro lato, possano fare emergere richieste di approfondimenti che chi ha promosso e coordinato l indagine potrà accogliere in vista di una diffusa spendibilità dei dati raccolti. E anche a tal fine che a questo primo rapporto sono allegate le elaborazioni di base delle risposte date ai questionari dagli alunni e dai genitori. 2. I motivi finali (gli obiettivi) che hanno guidato il disegno dell indagine sono articolati, così come plurali sono le possibili ricadute operative dei risultati della ricerca. Dal punto di vista di chi l ha voluta e promossa, il Co.Re.Com Marche, l indagine rappresenta un opportuno, se non necessario, supporto di conoscenza scientifica alle attività istituzionali - di prevenzione, informazione e controllo - del Comitato nel campo del rapporto tra media tradizionali e nuovi media, da un lato, e minori, dall altro. CO.RE.COM Marche 7

12 Nella prospettiva di chi ne ha curato il disegno tecnico-metodologico la ricerca ha inteso fornire un contributo allo sviluppo della conoscenza scientifica della diffusione delle tecnologie della comunicazione in particolare di quelle digitali in alcune classi d età e gruppi di popolazione come quelli (alunni in prevalenza di anni d età ed i loro genitori) che l indagine ha poi effettivamente interessato. Va ricordato come, anche in Italia, il dibattito che s è sviluppato nelle scienze sociali e nelle scienze umane a proposito delle ricadute di tale fenomeno sembri diffusamente riproporre quella dicotomia tra apocalittici ed integrati che, quasi cinquant anni fa, Umberto Eco rilevò entro il simile dibattito che prese corpo sul tema degli effetti dello sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa. Lo sviluppo della conoscenza empirica - in quanto, come nel nostro caso, metta in luce, assieme alle tendenze modali, in termini statistici, di alcuni aspetti del consumo dei media digitali nelle classi d età che la ricerca ha considerato, anche situazioni fortemente differenziate di ricorso individuale e familiare a tali media può contribuire ad evitare tipizzazioni fortemente riduttive ed a valorizzare le ambivalenze che, come anche in questo caso, caratterizzano gli impatti sociali dei processi di diffusione delle innovazioni quando questi arrivino a raggiungere gruppi sempre più vasti di popolazione. A riguardo dei risultati delle rilevazioni e della loro spendibilità nei diversi campi, ad opera d attori sociali che possono avere interesse ad un loro utilizzo operativo, va sottolineato come un indagine così mirata dal punto di vista territoriale e dei suoi target rappresenti un occasione poco consueta di conoscenza di un fenomeno di portata globale la diffusione dell utilizzo delle tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione nelle sue specificità locali. Tali risultati possono quindi contribuire a sviluppare, in primo luogo nelle famiglie e nella scuola, soprattutto una maggiore riflessività al riguardo ed a meglio focalizzare le criticità che il quadro articolato dell utilizzo di tali tecnologie, da parte di soggetti che CO.RE.COM Marche 8

13 attraversano una fase particolarmente importante e delicata del loro sviluppo, presenta. 3. Si tratta di una riflessività che appare particolarmente rilevante, ed anche urgente, alla luce di alcuni risultati dell indagine che, a conferma di quanto emerge diffusamente dalla letteratura di ricerca sul tema, evidenziano due aspetti del fenomeno di particolare interesse: a) la difformità tra le rappresentazioni date dai bambini e dai ragazzi a riguardo delle loro modalità d uso (e dello stesso tempo giornaliero dedicato) delle tecnologie digitali (in particolare della Rete) e quelle fornite dai genitori; b) la scarsa propensione a ciò che può definirsi compliance da parte degli alunni nei confronti dei loro insegnanti in occasioni di eventi problematici occorsi durante la navigazione. I risultati dell indagine, se documentano tali criticità, mettono però in luce anche le potenzialità di una relazione e di una sinergia positiva tra le diverse agenzie di socializzazione nella prospettiva di un intervento efficace su tali criticità ma anche di una valorizzazione del ruolo positivo delle tecnologie digitali nel processo d apprendimento e nello stesso sviluppo della personalità dei bambini e dei ragazzi. 4. Un dato che la nostra indagine ha rilevato, a conferma di quanto emerso anche nell ultima indagine Istat sul tema (Cittadini e nuove tecnologie, dicembre 2010), è il superiore grado di dotazioni di tecnologie della comunicazione entro le famiglie con almeno un membro minorenne e, in particolare, una scarsa presenza del fenomeno del digital divide (come si ricava dal numero di famiglie dotate di pc e di connessione Adsl) 1. Ciò significa, ovviamente, che, a differenza di quanto la stessa Istat 1 Anche a riguardo di tali informazioni, come peraltro si ricava dalle tabb. statistiche in allegato, è da registrare una discordanza tra quanto emerge dalle risposte degli alunni e quanto segnalato dai genitori, Si può riferire tali discordanze alla non esatta sovrapponibilità dei due campioni : se gli alunni hanno risposto al questionario pressoché nella totalità dei componenti delle classi interessate alla ricerca, una parte dei genitori non ha invece restituito compilato il loro questionario. CO.RE.COM Marche 9

14 ha rilevato in altre parti del Paese (in particolare nel Sud e nelle Isole), nel maceratese sono ridotte le situazioni di svantaggio tecnologico che i bambini ed i ragazzi possono avvertire e subire nell ambito familiare. Ciò, senza rimuovere peraltro l esistenza di tali situazioni (che nel successivo rapporto di ricerca saranno definite nel loro profilo socio-familiare), contribuisce a focalizzare maggiormente gli aspetti qualitativi dell utilizzo di tecnologie digitali da parte di bambini, ragazzi e loro famiglie nel maceratese. A confermare una ridotta incidenza di digital divide nel maceratese sono anche i dati a riguardo della competenza tecnologica dei genitori, mediamente più elevata rispetto ai dati nazionali. A sua volta, tale informazione porta ad accreditare come meno profondo che altrove il gap generazionale, in tema d utilizzo di tali tecnologie, tra gli alunni maceratesi ed i loro genitori e dunque mette in rilievo come potenzialmente meno rilevanti le differenze d ordine culturale e le distonie comunicative intergenerazionali che ne possono derivare. Ciò riporta l attenzione sulla qualità, piuttosto che sulla quantità, dell esposizione di figli e genitori alle tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione. 5. Fra tali aspetti di particolare interesse, sotto il profilo conoscitivo ma anche dal punto di vista delle possibili implicazioni, sono da mettere in rilievo, in particolare, il tempo dedicato e le modalità di consumo di tali tecnologie (in particolare nell ambito familiare). Ciò che spicca, soprattutto, è la concordanza tra i dati della nostra indagine ed i risultati della ricerca (Rapporto annuale su abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani, condotta nell autunno 2008, per conto della Società Italiana di Pediatria, con interviste ad alunni di scuole medie, in età di anni, di 11 regioni italiane) che, per metodologia e target, si presenta come la più comparabile con il nostro studio. Si confermano, in particolare, i dati a riguardo del consumo di programmi televisivi, della disponibilità (anche riservata : pc nella loro CO.RE.COM Marche 10

15 camera) che gli alunni intervistati hanno del pc e della Rete, della frequenza giornaliera e dei momenti della giornata in cui avviene l utilizzo delle tecnologie digitali, del tipo d attività svolta in connessione. I nostri intervistati (tra cui, a differenza dell altra indagine, anche un 50% di under 12), peraltro, fanno un uso prevalentemente solitario del pc e della rete. L elevato grado di competenza digitale e d esposizione alle tecnologie digitali è confermato dalle articolate e diffuse attività svolte in Rete (dalla presenza sui social networks all uso della posta elettronica, dalla capacità dell upload all uso delle chat e dei blog, ecc.) e dalla disponibilità, dalle modalità d uso e dalle caratteristiche tecnologiche del telefono cellulare d uso personale. Alcuni tratti d ambivalenza emergono dai dati a riguardo di eventi problematici occorsi nel corso della navigazione e del ruolo di controllo dei genitori sull uso che gli intervistati fanno della Rete. In occasione di particolari richieste ricevute durante conversazioni in Rete - la confidenza con i genitori riguarda più della metà degli intervistati ma è meno frequente di quella con gli amici. Non è trascurabile la frequenza di incontri faccia a faccia (con coetanei ed anche, in percentuale ridotta ma non trascurabile, con adulti) scaturiti da incontri in rete, incontri faccia a faccia anche ripetutisi senza la compresenza d amici od altri accompagnatori. Più della metà degli intervistati è in generale a conoscenza di incontri spiacevoli di suoi amici con persone conosciute in rete. I genitori si informano sull uso che il loro figlio fa della Rete quasi nella metà dei casi, ma in quota ridotta controllano tale uso con accesso diretto sul computer utilizzato. Pari a quasi la metà dei casi è la quota di chi, tra i bambini ed i ragazzi, condivide i controlli dei genitori. I genitori, d altra parte, mostrano un elevato grado di consapevolezza dei possibili pericoli cui l uso della Rete espone i figli e rivendicano la responsabilità di un intervento educativo come un compito proprio CO.RE.COM Marche 11

16 soprattutto della famiglia (e, solo in misura di poco meno frequente, della scuola). In poco più della metà i genitori riferiscono di almeno una contromisura adottata. Le misure più frequenti risultano di tipo discorsivo, piuttosto che tradotte in interventi diretti sulla localizzazione del computer nell abitazione, di controlli sulle attività svolte o di blocchi via software. Dal confronto tra le informazioni date dai figli e quelle date dai genitori a riguardo di misure precauzionali adottate in famiglia a riguardo dell uso della rete, emergono, come già anticipato, molte discordanze. I figli rappresentano la loro situazione come maggiormente autonoma in quanto avvertono come meno frequenti, diretti e pressanti i controlli svolti dalla famiglia. 6. Come già sopra anticipato, a breve sarà disponibile un articolato rapporto di ricerca, che presenterà i risultati dell indagine anche disaggregati per Istituto comprensivo e per grado di scuola. È altresì in preparazione anche una pubblicazione di carattere scientifico che, oltre alla presentazione dei risultati, presenterà anche proposte di carattere tecnico-metodologico d interventi operativi da rivolgere alle famiglie, alle scuole ed agli stessi bambini e ragazzi. CO.RE.COM Marche 12

17 Tavole statistiche: comportamenti ed atteggiamenti degli alunni

18

19 Tav.1 - Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo Colmurano Istituto Comprensivo Tacchi Venturi Istituto Comprensivo Enrico Mestica Cingoli Istituto Comprensivo Luigi Pirandello Frequency Percent , , , ,9 Istituto Comprensivo ,9 Enrico Mestica Macerata Tav.2 - Scuola (elementare o media) Frequency Percent. Primaria ,2 Secondaria ,8 Tav.3 - Classe Frequency Percent. Quinta ,2 elementare Prima media ,9 Terza media ,9 Tav.4 - Età Frequency Percent. 10 anni 97 18,9 11 anni ,1 12 anni 60 11,7 13 anni ,5 14 anni 72 14,1 15 anni 11 2,1 16 anni o 3 0,6 più CO.RE.COM Marche 15

20 Tav.5 - Sesso Frequency Percent. Maschio ,6 Femmina ,4 Tav.6 - Comune di residenza Frequency Percent. Urbisaglia ,0 Colmurano San Severino Marche 95 18,6 Cingoli ,6 Civitanova Alta ,9 Macerata ,9 Tav.7 - Comune di nascita Comune attuale residenza In un altro comune della provincia di Macerata In un altro comune delle Marche In un'altra regione italiana In un altro Paese dell'unione Europea Frequency Percent , ,1 49 9,6 18 3,5 21 4,1 In un altro Paese 26 5,1 N.R. 20 3,9 Tav.8 - Cittadinanza dello studente Frequency Percent. Italiana ,6 Di un altro Paese dell'unione Europea 24 4,7 Di un altro Paese N.r. Total ,6 1,2 100,0 CO.RE.COM Marche 16

21 Tav.9 - Cittadinanza del padre Frequency Percent. Italiana ,3 Di un altro Paese dell'unione Europea 24 4,7 Di un altro Paese N.r. Total ,9 2,1 100,0 Tav.10 - Cittadinanza della madre Frequency Percent. Italiana ,7 Di un altro Paese dell'unione Europea 30 5,9 Di un altro Paese N.r. Total ,9 1,5 100,0 Tav.11 - Parenti con cui vive Frequency Percent. Padre ,2 Madre ,1 Fratelli Sorelle Nonni Altri parenti Altre persone ,0 40,2 18,0 4,7 1,4 Tav.12 - Se vive con fratelli/sorelle Sono tutti più grandi di età rispetto allo studente Uno o più sono più piccoli d'età rispetto allo studente , ,0 CO.RE.COM Marche 17

22 Tav.13 - Lavoro del padre Dipendente di una ditta privata Dipendente di un ente pubblico Lavora in proprio (professionista, artigiano, commerciante, ecc.) E' attualmente disoccupato ,1 33,0 33, ,6 18,7 51, ,0 28,6 80,3 22 4,3 4,6 84,9 Altro 73 14,3 15,1 100,0 Total ,1 100,0 Missing System 30 5,9 Tav.14 - Lavoro della madre Dipendente di una ditta privata Dipendente di un ente pubblico Lavora in proprio (professionista, artigiano, commerciante, ecc.) E' attualmente disoccupato 98 19,1 20,2 20, ,3 22,5 42, ,6 16,5 59,2 45 8,8 9,3 68,5 E' casalinga ,9 24,1 92,6 Altro 36 7,0 7,4 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 27 5,3 CO.RE.COM Marche 18

23 Tav.15 - Titolo di studio del padre Nessuno 34 6,6 7,9 7,9 Licenza elementare Licenza di scuola media inferiore Diploma di scuola media superiore Laurea o diploma universitario 18 3,5 4,2 12, ,0 30,9 43, ,7 34,2 77, ,0 21,4 98,6 Altro 6 1,2 1,4 100,0 Total ,0 100,0 Missing System 82 16,0 Tav.16 - Titolo di studio della madre Nessuno 28 5,5 6,1 6,1 Licenza elementare Licenza di scuola media inferiore Diploma di scuola media superiore Laurea o diploma universitario 31 6,1 6,8 12, ,2 28,3 41, ,8 28,9 70, ,0 27,0 97,1 Altro 13 2,5 2,9 100,0 Total ,1 100,0 Missing System 56 10,9 Tav.17 - Televisione in casa Un apparecchio televisivo Due o più apparecchi televisivi 54 10,6 10,8 10, ,5 88,6 99,4 Nessuno 3 0,6 0,6 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 12 2,3 CO.RE.COM Marche 19

24 Tav.18 - Televisione satellitare o via cavo Abbonamento a SKI ,9 38,1 38,1 Un decoder ,4 35,5 73,6 satellitare, ma non l'abbonamento a SKI Tv via cavo 49 9,6 9,9 83,5 (Fastweb, Alice hometv) No 82 16,0 16,5 100,0 Total ,9 100,0 Missing System 16 3,1 Tav.19 - Televisione nella camera dell intervistato Sì ,5 55,4 55,4 No ,4 44,0 99, ,2 0,2 99, ,2 0,2 99, ,2 0,2 100,0 Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 CO.RE.COM Marche 20

25 Tav.20 - Ore al giorno, in media, di visione della tv nei giorni non festivi Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,1 28,6 28,6 un'ora Da 1-3 ore ,7 53,6 82,1 Da 3-5 ore 61 11,9 12,1 94,2 Più di 5 ore 29 5,7 5,8 100,0 Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 Tav.21 - Ore al giorno, in media, di visione della tv nei giorni festivi Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,5 30,3 30,3 un'ora Da 1-3 ore ,7 38,8 69,1 Da 3-5 ore ,6 24,3 93,4 Più di 5 ore 33 6,4 6,6 100,0 Total ,3 100,0 Missing System 14 2,7 CO.RE.COM Marche 21

26 Tav.22 - Momenti della giornata in cui guarda la tv e con chi Al mattino, appena ,2 alzato, da solo Al mattino, appena ,1 alzato, in compagnia dei familiari Al mattino, appena ,0 alzato, non la guardo Durante la mattinata, se ,2 sono a casa, da solo Durante la mattinata, se ,8 sono a casa, con i familiari Durante la mattinata, se ,1 sono a casa, non la guardo All'ora di pranzo, se è a 92 18,0 casa, da solo All'ora di pranzo, se è a ,3 casa, con i familiari All'ora di pranzo, se è a 55 10,7 casa, non la guarda Nel primo pomeriggio, ,8 da solo Nel primo pomeriggio, ,0 con i familiari Nel primo pomeriggio, ,5 non la guardo Nel tardo pomeriggio, ,8 da solo Nel tardo pomeriggio, ,0 con i familiari Nel tardo pomeriggio, ,1 non la guardo Dopo cena, da solo ,5 Dopo cena, con i ,0 familiari Dopo cena, non la 87 17,0 guardo Di notte, da solo ,8 Di notte, con i familiari 48 9,4 Di notte, non la guardo ,5 Tav.23 - A casa di solito, guarda la tv quando si pranza o si cena? Di solito sì ,2 78,8 78,8 Solo qualche 78 15,2 15,8 94,5 volta No, mai 27 5,3 5,5 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 17 3,3 CO.RE.COM Marche 22

27 Tav.24 - Programmi tv che guarda più spesso Film ,4 Telefilm ,3 Sceneggiati o 62 12,1 serial Telenovelas e 83 16,2 soap-opera Reality Show ,6 Giochi a quiz ,5 Varietà e ,9 programmi comici Musicali ,1 Sportivi ,2 Telegiornali ,2 Culturali ,1 Documentari ,9 Politici, dibattiti e 36 7,0 attualità con ospiti e pubblico Religiosi 31 6,1 Salute, natura, ,9 ambiente, viaggi Cartoni animati ,8 Programmi per ,8 bambini e ragazzi Previsioni del ,8 tempo Moda 91 17,8 Astrologia, 47 9,2 cartomanzia, magia Televendita 23 4,5 Quello che capita 75 14,6 Altro 37 7,2 Tav.25 - Canali tv più guardati Rai ,1 Rai ,3 Rai ,0 Retequattro 56 10,9 Canale ,5 Italia ,8 La7 42 8,2 MTV ,0 Altro 38 7,4 canale CO.RE.COM Marche 23

28 Tav26 - La tv trasmette molte immagini violente? Sì ,6 55,3 55,3 No ,6 44,7 100,0 Total ,2 100,0 Missing System 35 6,8 Tav.27 - Cosa prova vedendo immagini violente in tv? Paura 59 11,5 11,7 11,7 Fastidio 93 18,2 18,5 30,2 Indifferenza ,7 47,4 77,6 Non le ,1 22,4 100,0 guarda Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 Tav.28 - Desidera cose viste nella pubblicità in tv? Spesso ,2 23,6 23,6 Solo qualche ,9 62,8 86,3 volta Mai 69 13,5 13,7 100,0 Total ,6 100,0 Missing System 7 1,4 Tav.29 - Se possiede tv satellitare o via cavo: i genitori hanno attivato il parental control? Sì 49 9,6 10,6 10,6 No ,6 47,0 57,5 Non so ,5 42,5 100,0 Total ,6 100,0 Missing System 48 9,4 CO.RE.COM Marche 24

29 Tav.30 - Possiede una console portatile per videogiochi? Sì ,8 88,2 88,2 No 59 11,5 11,6 99,8 Total ,3 100,0 Missing System 14 2,7 Tav.31 - Marca e modello della console Nintendo ,7 Wii Nintendo DS ,0 Nintendo 29 5,7 Game Cube Sony 98 19,1 Playstation 3 Sony ,0 Playstation 2 Microsoft 37 7,2 Xbox 360 Game Boy ,5 SP Altro 97 18,9 Tav.32 - La console consente il collegamento ad Internet? Sì ,6 56,5 56,5 No ,4 43,5 100,0 Total ,0 100,0 Missing System 36 7,0 Tav.33 - Dove usa la console? A casa sua ,5 A casa di amici della sua età ,0 A scuola 16 3,1 Altrove 2 0,4 CO.RE.COM Marche 25

30 Tav.34 - Con quale frequenza usa la console? Tutti i giorni ,1 30,5 30,5 Qualche giorno a settimana ,1 47,9 78,4 Più raramente ,9 21,6 100,0 Total ,2 100,0 Missing System 40 7,8 Tav.35 - Con quale frequenza nei giorni non festivi? Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Valid Meno di ,1 51,9 51,9 un'ora Da 1-3 ore ,7 38,8 90,7 Da 3-5 ore 25 4,9 6,8 97,5 Più di 5 ore 9 1,8 2,5 100,0 Total ,5 100,0 Missing System ,5 Tav.36 - Con quale frequenza nei giorni festivi? Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,1 53,2 53,2 un'ora Da 1-3 ore ,6 35,3 88,5 Da 3-5 ore 28 5,5 7,8 96,4 Più di 5 ore 13 2,5 3,6 100,0 Total ,7 100,0 Missing System ,3 CO.RE.COM Marche 26

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Cognome... Nome... Data di nascita...età... Maschio Femmina Altezza cm...

Cognome... Nome... Data di nascita...età... Maschio Femmina Altezza cm... MODULO D ISCRIZIONE PER I MINORENNI Vogliate compilare con attenzione questo modulo. Le parole in neretto sono obligatorie Vi consigliamo di consultare le nostre condizioni generali prima di compilare

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano

Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Delorme InReach SE & Explorer Comunicatore Satellitare, l SOS nel palmo della tua mano Guida Rapida caratteristiche 1. Introduzione InReach SE è il comunicatore satellitare che consente di digitare, inviare/ricevere

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Concorso nazionale La mia

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Non cadere nella rete!

Non cadere nella rete! Non cadere nella rete! Campagna Informativa Non cadere nella rete! Cyberbullismo ed altri pericoli del web RAGAZZI Introduzione In questo opuscolo vi parleremo di cose che apprezzate molto: il computer,

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli