L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA"

Transcript

1 L UTILIZZO DEI NUOVI MEDIA: UNA RICERCA TRA I BAMBINI, GLI ADOLESCENTI ED I LORO GENITORI DELLA PROVINCIA DI MACERATA I primi risultati di un indagine svolta dal Co.Re.Com. Marche in collaborazione con l Università degli Studi di Macerata, grazie ad un finanziamento della Fondazione Carima (Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata)

2 Stampa: Aniballi Grafiche srl Aprile 2011 Studio condotto dal Co.Re.Com. Marche, Comitato Regionale per le Comunicazioni delle Marche, in collaborazione con l'università degli Studi di Macerata, grazie al finanziamento della Fondazione Carima, Cassa di Risparmio di Macerata. COPIA GRATUITA, VIETATA LA VENDITA

3 INDICE Presentazione di Marco Moruzzi pag. 1 Introduzione " 5 I primi risultati dell indagine: alcune linee di lettura di Sebastiano Porcu " 7 Tavole statistiche: comportamenti ed atteggiamenti degli alunni " 13 Tavole statistiche: il punto di vista dei genitori " 41

4

5 Presentazione La velocità e le modalità con le quali sono cambiati in questi ultimi anni i mezzi di comunicazione non ha precedenti. Eravamo abituati ad usare un unico strumento per ciascuna funzione: il telefono per parlare, il televisore per vedere programmi, la radio per ascoltare, la macchina fotografica per catturare l immagine di un attimo, la telecamera per filmare...; ogni medium era strettamente utilizzabile per un'unica funzione caratteristica. Poi è arrivata la tecnologia digitale, il computer e nuovi apparecchi multimediali che concentrano in un unico strumento più funzioni. Le nuove tecnologie di comunicazione hanno determinato il repentino e radicale cambiamento della società. Sono mutati i paradigmi comunicativi, sfumati i confini spazio temporali; il mondo è diventato più vicino agli individui, ma anche globale e astratto. Lo sviluppo tecnologico, nel giro di pochi anni ha cambiato radicalmente le abitudini e i modelli sociali, gli immaginari collettivi, l economia, i luoghi e l uso degli spazi, il linguaggio, le routine produttive con modalità differenti secondo i contesti sociali, ma certamente in modo generalizzato e diffuso. Lo spazio è diventato immateriale e indefinito, la realtà può essere anche virtuale, cambia la fruizione dei luoghi ed i non luoghi sono sempre altamente interlegati e spesso è difficile distinguerli 1. Eric e Marshall Mc Luhan nel 1988 affermavano che per conoscere le caratteristiche di ciascun medium bisogna porsi alcune domande standard: Che cos è che esso accresce, intensifica?, Che cosa rende obsoleto o sostituisce? Che cosa recupera che era già stato superato?, Che cosa produce o diventa una volta spinto all estremo? 1 Marc Augè, 1992 CO.RE.COM Marche 1

6 Le indicazioni di McLuhan oggi non sono più applicabili, uno strumento ha più funzioni e usi multimediali. La convergenza resa possibile dalla tecnologia digitale, consente di unire-connettere-usare diversi strumenti per una serie di servizi. La convergenza è la base della crossmedialità ed elimina la distinzione delle funzioni dei nuovi mezzi di comunicazione. Un unico schermo del pc, ma anche del telefonino o smartphone, tablet offre una serie sempre più ricca di servizi: informazione, lettura, educazione, sorveglianza, commercio, servizi bancari, intrattenimento, ricerche, medicina La digitalizzazione porta e fa confluire le attività locali a livello globale e viceversa, con una velocità di sviluppo tecnologico senza precedenti. I mass media sono moltiplicati, interattivi, interconnessi, così anche gli utenti. Noi adulti oggi apprezziamo e usiamo i nuovi mezzi di comunicazione che rendono le giornate più lunghe e complesse, che aumentano le comunicazioni ed i contatti, la conoscenza ed i saperi. Ne cogliamo gli straordinari benefici, ma talvolta siamo anche irritati dalla pervasività. L avvento dell era digitale è stato così veloce e sorprendente che una buona parte della vecchia generazione è rimasta esclusa, sia per la mancanza degli strumenti cognitivi e culturali, sia per l impossibilità di accesso economico o tecnologico. Il digital divide tra vecchie e nuove generazioni è ancora forte. Gli adulti fanno fatica ad adattarsi ai nuovi modelli comunicativi, a capire linguaggi e comportamenti degli adolescenti, dunque i due mondi restano distanti. I ragazzi crescono senza essere affiancati da educatori in grado di comprendere e soprattutto condividere con loro giochi e comportamenti. Passano ore davanti al pc e con il game boy, comunicano per lo più tra pari, con codici incomprensibili ai grandi, spesso senza neanche parlare, con sms, in chat, scambiano foto, video,musica. CO.RE.COM Marche 2

7 I nativi digitali, le nuove generazioni cresciute con computer, internet, telefoni cellulari, MP3 hanno una particolare dimestichezza con i nuovi media, che fanno parte della loro vita fin dalla nascita, i bambini apprendono a digitare prima che a scrivere. Il CO.RE.COM. Marche, Comitato Regionale per le Comunicazioni, nella consapevolezza che il genitore perfetto 2 non esiste, che oggi è più difficile che in passato fare il genitore o l insegnante e che gli adolescenti non possono essere lasciati soli nel mondo reso globale e immenso dai mass media e dai nuovi mezzi di comunicazione, ha intrapreso una serie di attività di media education a tutela dei minori. Diversi sono i progetti svolti nelle scuole per contribuire ad accrescere il senso critico degli studenti nei confronti dei media e le iniziative rivolte ad insegnanti e genitori per informarli su pericoli e potenzialità della rete e sulle nuove pratiche ludiche che appassionano i ragazzi. Con l obiettivo di diminuire il digital divide, il Comitato ha attivato sinergie con diversi partner, in primis l Ufficio Scolastico Regionale, la Polizia delle Comunicazioni, l Università di Macerata. Al fine di rilevare e conoscere meglio le abitudini degli adolescenti, per adottare strategie di media education e nel tentativo di fornire a tutte le agenzie educative informazioni utili per restringere il divario generazionale determinato dalle nuove tecnologie, il CO.RE.COM. Marche ha realizzato tra il 2009 e 2010, nel territorio maceratese, la ricerca sociale L utilizzo dei nuovi media: una ricerca tra i bambini, gli adolescenti ed i loro genitori della provincia di Macerata. Con questo studio il Comitato ha inteso rispondere al forte bisogno di comprendere e tutelare i ragazzi, un esigenza sollevata dalle famiglie e dai docenti nel corso dell intensa attività svolta nelle scuole in questi ultimi anni. I risultati rappresentano la prima fotografia dei nativi digitali marchigiani, scattata nel loro contesto familiare e scolastico. 2 Bruno Bettelheim, 1987 CO.RE.COM Marche 3

8 L indagine è stata realizzata grazie al prezioso supporto scientifico del Prof. Sebastiano Porcu dell Università di Macerata, alla generosa lungimiranza della Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e alla collaborazione del personale scolastico. Il Comitato esprime gratitudine a tutti coloro che hanno partecipato e contribuito a vario titolo alla realizzazione dell indagine, in particolare a: Dr.ssa Luana Spernanzoni, giornalista del CO.RE.COM. Marche, Dr.ssa Ilaria Sciadi Adel, Laureata in Scienze della Comunicazione Università di Macerata, Dr.ssa Cinzia Grucci Primo Dirigente Polizia di Stato Comando delle Marche, Dr.ssa Morena Bartolacci e Dr.ssa Agnese Carnevali, collaboratrici del CO.RE.COM. Marche per le attività di media education. Marco Moruzzi Presidente CO.RE.COM. Marche CO.RE.COM. Marche - Comitato Regionale per le Comunicazioni Marco Moruzzi - Presidente Mauro Giustozzi - Vice Presidente Claudio Cardinali - Componente Fabrizio Cipollini - Componente Roberto Giungi - Componente Daniele Melacotte - Componente Francesco Rocchetti - Componente CO.RE.COM Marche 4

9 Introduzione L indagine - promossa dal Co.Re.Com. Marche, grazie ad un finanziamento concesso dalla Fondazione Carima (Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata) - è stata svolta nel corso del 2010, con la collaborazione dell Ufficio Scolastico Regionale delle Marche, dei dirigenti e dei docenti di cinque Istituti Comprensivi della provincia di Macerata (Colmurano di Passo di Colmurano; P. Tacchi Venturi di San Severino Marche; Enrico Mestica di Cingoli; Luigi Pirandello di Civitanova Alta; Enrico Mestica di Macerata). La somministrazione dei questionari sottoposti ad alunni delle classi di quinta elementare, di prima e di terza media ed ai loro genitori è stata preceduta da incontri, tenuti nelle stesse scuole con docenti e genitori, che hanno avuto lo scopo di presentare le finalità e le metodologie della ricerca. I questionari sono stati autocompilati in classe dagli alunni (alla presenza di docenti e della dott.ssa Ilaria Sciadi Adel) e a domicilio dai genitori (nei mesi di maggio e settembre 2010). Le modalità di somministrazione e raccolta dei questionari hanno assicurato, in entrambi i casi, il carattere anonimo delle risposte. La progettazione, la supervisione ed il coordinamento scientifico dell indagine sono stati curati dal Prof. Sebastiano Porcu (Facoltà di Scienze della formazione e Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione; Università di Macerata). L elaborazione dei dati è stata svolta dalla dott.ssa Ilaria Sciadi Adel e dal dott. Fabio Piccoli. Il Co.Re.Com Marche (in particolare nelle persone della dott.ssa Luana Spernanzoni e del dott. Francesco Rocchetti) ha assicurato il coordinamento ed i supporti organizzativi della ricerca. CO.RE.COM Marche 5

10

11 I primi risultati dell indagine: alcune linee di lettura di Sebastiano Porcu 1. Le note che seguono intendono proporre una prima e, quindi, ancora parziale introduzione ai risultati della ricerca e, dunque, alcune prime linee di lettura del fenomeno che è stato oggetto dell indagine. Si sono voluti anticipare alcuni risultati, in attesa d una loro più compiuta analisi, ancora in fase di completamento, in primo luogo nella volontà di non posticipare la restituzione di alcune risultanze che, nell approccio di ricerca partecipata che sin dall inizio s è voluto dare all indagine, possono proporre e stimolare una riflessione anche tra tutti gli attori coinvolti nella ricerca (le famiglie e le scuole, ed anche gli stessi bambini e ragazzi). Ciò nella convinzione che tali risultati, da un lato, possano già costituire una prima base di valutazioni circa azioni positive da sviluppare da parte, in primo luogo, di famiglie, scuole ed altri attori, istituzionali e non, e, dall altro lato, possano fare emergere richieste di approfondimenti che chi ha promosso e coordinato l indagine potrà accogliere in vista di una diffusa spendibilità dei dati raccolti. E anche a tal fine che a questo primo rapporto sono allegate le elaborazioni di base delle risposte date ai questionari dagli alunni e dai genitori. 2. I motivi finali (gli obiettivi) che hanno guidato il disegno dell indagine sono articolati, così come plurali sono le possibili ricadute operative dei risultati della ricerca. Dal punto di vista di chi l ha voluta e promossa, il Co.Re.Com Marche, l indagine rappresenta un opportuno, se non necessario, supporto di conoscenza scientifica alle attività istituzionali - di prevenzione, informazione e controllo - del Comitato nel campo del rapporto tra media tradizionali e nuovi media, da un lato, e minori, dall altro. CO.RE.COM Marche 7

12 Nella prospettiva di chi ne ha curato il disegno tecnico-metodologico la ricerca ha inteso fornire un contributo allo sviluppo della conoscenza scientifica della diffusione delle tecnologie della comunicazione in particolare di quelle digitali in alcune classi d età e gruppi di popolazione come quelli (alunni in prevalenza di anni d età ed i loro genitori) che l indagine ha poi effettivamente interessato. Va ricordato come, anche in Italia, il dibattito che s è sviluppato nelle scienze sociali e nelle scienze umane a proposito delle ricadute di tale fenomeno sembri diffusamente riproporre quella dicotomia tra apocalittici ed integrati che, quasi cinquant anni fa, Umberto Eco rilevò entro il simile dibattito che prese corpo sul tema degli effetti dello sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa. Lo sviluppo della conoscenza empirica - in quanto, come nel nostro caso, metta in luce, assieme alle tendenze modali, in termini statistici, di alcuni aspetti del consumo dei media digitali nelle classi d età che la ricerca ha considerato, anche situazioni fortemente differenziate di ricorso individuale e familiare a tali media può contribuire ad evitare tipizzazioni fortemente riduttive ed a valorizzare le ambivalenze che, come anche in questo caso, caratterizzano gli impatti sociali dei processi di diffusione delle innovazioni quando questi arrivino a raggiungere gruppi sempre più vasti di popolazione. A riguardo dei risultati delle rilevazioni e della loro spendibilità nei diversi campi, ad opera d attori sociali che possono avere interesse ad un loro utilizzo operativo, va sottolineato come un indagine così mirata dal punto di vista territoriale e dei suoi target rappresenti un occasione poco consueta di conoscenza di un fenomeno di portata globale la diffusione dell utilizzo delle tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione nelle sue specificità locali. Tali risultati possono quindi contribuire a sviluppare, in primo luogo nelle famiglie e nella scuola, soprattutto una maggiore riflessività al riguardo ed a meglio focalizzare le criticità che il quadro articolato dell utilizzo di tali tecnologie, da parte di soggetti che CO.RE.COM Marche 8

13 attraversano una fase particolarmente importante e delicata del loro sviluppo, presenta. 3. Si tratta di una riflessività che appare particolarmente rilevante, ed anche urgente, alla luce di alcuni risultati dell indagine che, a conferma di quanto emerge diffusamente dalla letteratura di ricerca sul tema, evidenziano due aspetti del fenomeno di particolare interesse: a) la difformità tra le rappresentazioni date dai bambini e dai ragazzi a riguardo delle loro modalità d uso (e dello stesso tempo giornaliero dedicato) delle tecnologie digitali (in particolare della Rete) e quelle fornite dai genitori; b) la scarsa propensione a ciò che può definirsi compliance da parte degli alunni nei confronti dei loro insegnanti in occasioni di eventi problematici occorsi durante la navigazione. I risultati dell indagine, se documentano tali criticità, mettono però in luce anche le potenzialità di una relazione e di una sinergia positiva tra le diverse agenzie di socializzazione nella prospettiva di un intervento efficace su tali criticità ma anche di una valorizzazione del ruolo positivo delle tecnologie digitali nel processo d apprendimento e nello stesso sviluppo della personalità dei bambini e dei ragazzi. 4. Un dato che la nostra indagine ha rilevato, a conferma di quanto emerso anche nell ultima indagine Istat sul tema (Cittadini e nuove tecnologie, dicembre 2010), è il superiore grado di dotazioni di tecnologie della comunicazione entro le famiglie con almeno un membro minorenne e, in particolare, una scarsa presenza del fenomeno del digital divide (come si ricava dal numero di famiglie dotate di pc e di connessione Adsl) 1. Ciò significa, ovviamente, che, a differenza di quanto la stessa Istat 1 Anche a riguardo di tali informazioni, come peraltro si ricava dalle tabb. statistiche in allegato, è da registrare una discordanza tra quanto emerge dalle risposte degli alunni e quanto segnalato dai genitori, Si può riferire tali discordanze alla non esatta sovrapponibilità dei due campioni : se gli alunni hanno risposto al questionario pressoché nella totalità dei componenti delle classi interessate alla ricerca, una parte dei genitori non ha invece restituito compilato il loro questionario. CO.RE.COM Marche 9

14 ha rilevato in altre parti del Paese (in particolare nel Sud e nelle Isole), nel maceratese sono ridotte le situazioni di svantaggio tecnologico che i bambini ed i ragazzi possono avvertire e subire nell ambito familiare. Ciò, senza rimuovere peraltro l esistenza di tali situazioni (che nel successivo rapporto di ricerca saranno definite nel loro profilo socio-familiare), contribuisce a focalizzare maggiormente gli aspetti qualitativi dell utilizzo di tecnologie digitali da parte di bambini, ragazzi e loro famiglie nel maceratese. A confermare una ridotta incidenza di digital divide nel maceratese sono anche i dati a riguardo della competenza tecnologica dei genitori, mediamente più elevata rispetto ai dati nazionali. A sua volta, tale informazione porta ad accreditare come meno profondo che altrove il gap generazionale, in tema d utilizzo di tali tecnologie, tra gli alunni maceratesi ed i loro genitori e dunque mette in rilievo come potenzialmente meno rilevanti le differenze d ordine culturale e le distonie comunicative intergenerazionali che ne possono derivare. Ciò riporta l attenzione sulla qualità, piuttosto che sulla quantità, dell esposizione di figli e genitori alle tecnologie digitali dell informazione e della comunicazione. 5. Fra tali aspetti di particolare interesse, sotto il profilo conoscitivo ma anche dal punto di vista delle possibili implicazioni, sono da mettere in rilievo, in particolare, il tempo dedicato e le modalità di consumo di tali tecnologie (in particolare nell ambito familiare). Ciò che spicca, soprattutto, è la concordanza tra i dati della nostra indagine ed i risultati della ricerca (Rapporto annuale su abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani, condotta nell autunno 2008, per conto della Società Italiana di Pediatria, con interviste ad alunni di scuole medie, in età di anni, di 11 regioni italiane) che, per metodologia e target, si presenta come la più comparabile con il nostro studio. Si confermano, in particolare, i dati a riguardo del consumo di programmi televisivi, della disponibilità (anche riservata : pc nella loro CO.RE.COM Marche 10

15 camera) che gli alunni intervistati hanno del pc e della Rete, della frequenza giornaliera e dei momenti della giornata in cui avviene l utilizzo delle tecnologie digitali, del tipo d attività svolta in connessione. I nostri intervistati (tra cui, a differenza dell altra indagine, anche un 50% di under 12), peraltro, fanno un uso prevalentemente solitario del pc e della rete. L elevato grado di competenza digitale e d esposizione alle tecnologie digitali è confermato dalle articolate e diffuse attività svolte in Rete (dalla presenza sui social networks all uso della posta elettronica, dalla capacità dell upload all uso delle chat e dei blog, ecc.) e dalla disponibilità, dalle modalità d uso e dalle caratteristiche tecnologiche del telefono cellulare d uso personale. Alcuni tratti d ambivalenza emergono dai dati a riguardo di eventi problematici occorsi nel corso della navigazione e del ruolo di controllo dei genitori sull uso che gli intervistati fanno della Rete. In occasione di particolari richieste ricevute durante conversazioni in Rete - la confidenza con i genitori riguarda più della metà degli intervistati ma è meno frequente di quella con gli amici. Non è trascurabile la frequenza di incontri faccia a faccia (con coetanei ed anche, in percentuale ridotta ma non trascurabile, con adulti) scaturiti da incontri in rete, incontri faccia a faccia anche ripetutisi senza la compresenza d amici od altri accompagnatori. Più della metà degli intervistati è in generale a conoscenza di incontri spiacevoli di suoi amici con persone conosciute in rete. I genitori si informano sull uso che il loro figlio fa della Rete quasi nella metà dei casi, ma in quota ridotta controllano tale uso con accesso diretto sul computer utilizzato. Pari a quasi la metà dei casi è la quota di chi, tra i bambini ed i ragazzi, condivide i controlli dei genitori. I genitori, d altra parte, mostrano un elevato grado di consapevolezza dei possibili pericoli cui l uso della Rete espone i figli e rivendicano la responsabilità di un intervento educativo come un compito proprio CO.RE.COM Marche 11

16 soprattutto della famiglia (e, solo in misura di poco meno frequente, della scuola). In poco più della metà i genitori riferiscono di almeno una contromisura adottata. Le misure più frequenti risultano di tipo discorsivo, piuttosto che tradotte in interventi diretti sulla localizzazione del computer nell abitazione, di controlli sulle attività svolte o di blocchi via software. Dal confronto tra le informazioni date dai figli e quelle date dai genitori a riguardo di misure precauzionali adottate in famiglia a riguardo dell uso della rete, emergono, come già anticipato, molte discordanze. I figli rappresentano la loro situazione come maggiormente autonoma in quanto avvertono come meno frequenti, diretti e pressanti i controlli svolti dalla famiglia. 6. Come già sopra anticipato, a breve sarà disponibile un articolato rapporto di ricerca, che presenterà i risultati dell indagine anche disaggregati per Istituto comprensivo e per grado di scuola. È altresì in preparazione anche una pubblicazione di carattere scientifico che, oltre alla presentazione dei risultati, presenterà anche proposte di carattere tecnico-metodologico d interventi operativi da rivolgere alle famiglie, alle scuole ed agli stessi bambini e ragazzi. CO.RE.COM Marche 12

17 Tavole statistiche: comportamenti ed atteggiamenti degli alunni

18

19 Tav.1 - Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo Colmurano Istituto Comprensivo Tacchi Venturi Istituto Comprensivo Enrico Mestica Cingoli Istituto Comprensivo Luigi Pirandello Frequency Percent , , , ,9 Istituto Comprensivo ,9 Enrico Mestica Macerata Tav.2 - Scuola (elementare o media) Frequency Percent. Primaria ,2 Secondaria ,8 Tav.3 - Classe Frequency Percent. Quinta ,2 elementare Prima media ,9 Terza media ,9 Tav.4 - Età Frequency Percent. 10 anni 97 18,9 11 anni ,1 12 anni 60 11,7 13 anni ,5 14 anni 72 14,1 15 anni 11 2,1 16 anni o 3 0,6 più CO.RE.COM Marche 15

20 Tav.5 - Sesso Frequency Percent. Maschio ,6 Femmina ,4 Tav.6 - Comune di residenza Frequency Percent. Urbisaglia ,0 Colmurano San Severino Marche 95 18,6 Cingoli ,6 Civitanova Alta ,9 Macerata ,9 Tav.7 - Comune di nascita Comune attuale residenza In un altro comune della provincia di Macerata In un altro comune delle Marche In un'altra regione italiana In un altro Paese dell'unione Europea Frequency Percent , ,1 49 9,6 18 3,5 21 4,1 In un altro Paese 26 5,1 N.R. 20 3,9 Tav.8 - Cittadinanza dello studente Frequency Percent. Italiana ,6 Di un altro Paese dell'unione Europea 24 4,7 Di un altro Paese N.r. Total ,6 1,2 100,0 CO.RE.COM Marche 16

21 Tav.9 - Cittadinanza del padre Frequency Percent. Italiana ,3 Di un altro Paese dell'unione Europea 24 4,7 Di un altro Paese N.r. Total ,9 2,1 100,0 Tav.10 - Cittadinanza della madre Frequency Percent. Italiana ,7 Di un altro Paese dell'unione Europea 30 5,9 Di un altro Paese N.r. Total ,9 1,5 100,0 Tav.11 - Parenti con cui vive Frequency Percent. Padre ,2 Madre ,1 Fratelli Sorelle Nonni Altri parenti Altre persone ,0 40,2 18,0 4,7 1,4 Tav.12 - Se vive con fratelli/sorelle Sono tutti più grandi di età rispetto allo studente Uno o più sono più piccoli d'età rispetto allo studente , ,0 CO.RE.COM Marche 17

22 Tav.13 - Lavoro del padre Dipendente di una ditta privata Dipendente di un ente pubblico Lavora in proprio (professionista, artigiano, commerciante, ecc.) E' attualmente disoccupato ,1 33,0 33, ,6 18,7 51, ,0 28,6 80,3 22 4,3 4,6 84,9 Altro 73 14,3 15,1 100,0 Total ,1 100,0 Missing System 30 5,9 Tav.14 - Lavoro della madre Dipendente di una ditta privata Dipendente di un ente pubblico Lavora in proprio (professionista, artigiano, commerciante, ecc.) E' attualmente disoccupato 98 19,1 20,2 20, ,3 22,5 42, ,6 16,5 59,2 45 8,8 9,3 68,5 E' casalinga ,9 24,1 92,6 Altro 36 7,0 7,4 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 27 5,3 CO.RE.COM Marche 18

23 Tav.15 - Titolo di studio del padre Nessuno 34 6,6 7,9 7,9 Licenza elementare Licenza di scuola media inferiore Diploma di scuola media superiore Laurea o diploma universitario 18 3,5 4,2 12, ,0 30,9 43, ,7 34,2 77, ,0 21,4 98,6 Altro 6 1,2 1,4 100,0 Total ,0 100,0 Missing System 82 16,0 Tav.16 - Titolo di studio della madre Nessuno 28 5,5 6,1 6,1 Licenza elementare Licenza di scuola media inferiore Diploma di scuola media superiore Laurea o diploma universitario 31 6,1 6,8 12, ,2 28,3 41, ,8 28,9 70, ,0 27,0 97,1 Altro 13 2,5 2,9 100,0 Total ,1 100,0 Missing System 56 10,9 Tav.17 - Televisione in casa Un apparecchio televisivo Due o più apparecchi televisivi 54 10,6 10,8 10, ,5 88,6 99,4 Nessuno 3 0,6 0,6 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 12 2,3 CO.RE.COM Marche 19

24 Tav.18 - Televisione satellitare o via cavo Abbonamento a SKI ,9 38,1 38,1 Un decoder ,4 35,5 73,6 satellitare, ma non l'abbonamento a SKI Tv via cavo 49 9,6 9,9 83,5 (Fastweb, Alice hometv) No 82 16,0 16,5 100,0 Total ,9 100,0 Missing System 16 3,1 Tav.19 - Televisione nella camera dell intervistato Sì ,5 55,4 55,4 No ,4 44,0 99, ,2 0,2 99, ,2 0,2 99, ,2 0,2 100,0 Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 CO.RE.COM Marche 20

25 Tav.20 - Ore al giorno, in media, di visione della tv nei giorni non festivi Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,1 28,6 28,6 un'ora Da 1-3 ore ,7 53,6 82,1 Da 3-5 ore 61 11,9 12,1 94,2 Più di 5 ore 29 5,7 5,8 100,0 Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 Tav.21 - Ore al giorno, in media, di visione della tv nei giorni festivi Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,5 30,3 30,3 un'ora Da 1-3 ore ,7 38,8 69,1 Da 3-5 ore ,6 24,3 93,4 Più di 5 ore 33 6,4 6,6 100,0 Total ,3 100,0 Missing System 14 2,7 CO.RE.COM Marche 21

26 Tav.22 - Momenti della giornata in cui guarda la tv e con chi Al mattino, appena ,2 alzato, da solo Al mattino, appena ,1 alzato, in compagnia dei familiari Al mattino, appena ,0 alzato, non la guardo Durante la mattinata, se ,2 sono a casa, da solo Durante la mattinata, se ,8 sono a casa, con i familiari Durante la mattinata, se ,1 sono a casa, non la guardo All'ora di pranzo, se è a 92 18,0 casa, da solo All'ora di pranzo, se è a ,3 casa, con i familiari All'ora di pranzo, se è a 55 10,7 casa, non la guarda Nel primo pomeriggio, ,8 da solo Nel primo pomeriggio, ,0 con i familiari Nel primo pomeriggio, ,5 non la guardo Nel tardo pomeriggio, ,8 da solo Nel tardo pomeriggio, ,0 con i familiari Nel tardo pomeriggio, ,1 non la guardo Dopo cena, da solo ,5 Dopo cena, con i ,0 familiari Dopo cena, non la 87 17,0 guardo Di notte, da solo ,8 Di notte, con i familiari 48 9,4 Di notte, non la guardo ,5 Tav.23 - A casa di solito, guarda la tv quando si pranza o si cena? Di solito sì ,2 78,8 78,8 Solo qualche 78 15,2 15,8 94,5 volta No, mai 27 5,3 5,5 100,0 Total ,7 100,0 Missing System 17 3,3 CO.RE.COM Marche 22

27 Tav.24 - Programmi tv che guarda più spesso Film ,4 Telefilm ,3 Sceneggiati o 62 12,1 serial Telenovelas e 83 16,2 soap-opera Reality Show ,6 Giochi a quiz ,5 Varietà e ,9 programmi comici Musicali ,1 Sportivi ,2 Telegiornali ,2 Culturali ,1 Documentari ,9 Politici, dibattiti e 36 7,0 attualità con ospiti e pubblico Religiosi 31 6,1 Salute, natura, ,9 ambiente, viaggi Cartoni animati ,8 Programmi per ,8 bambini e ragazzi Previsioni del ,8 tempo Moda 91 17,8 Astrologia, 47 9,2 cartomanzia, magia Televendita 23 4,5 Quello che capita 75 14,6 Altro 37 7,2 Tav.25 - Canali tv più guardati Rai ,1 Rai ,3 Rai ,0 Retequattro 56 10,9 Canale ,5 Italia ,8 La7 42 8,2 MTV ,0 Altro 38 7,4 canale CO.RE.COM Marche 23

28 Tav26 - La tv trasmette molte immagini violente? Sì ,6 55,3 55,3 No ,6 44,7 100,0 Total ,2 100,0 Missing System 35 6,8 Tav.27 - Cosa prova vedendo immagini violente in tv? Paura 59 11,5 11,7 11,7 Fastidio 93 18,2 18,5 30,2 Indifferenza ,7 47,4 77,6 Non le ,1 22,4 100,0 guarda Total ,4 100,0 Missing System 8 1,6 Tav.28 - Desidera cose viste nella pubblicità in tv? Spesso ,2 23,6 23,6 Solo qualche ,9 62,8 86,3 volta Mai 69 13,5 13,7 100,0 Total ,6 100,0 Missing System 7 1,4 Tav.29 - Se possiede tv satellitare o via cavo: i genitori hanno attivato il parental control? Sì 49 9,6 10,6 10,6 No ,6 47,0 57,5 Non so ,5 42,5 100,0 Total ,6 100,0 Missing System 48 9,4 CO.RE.COM Marche 24

29 Tav.30 - Possiede una console portatile per videogiochi? Sì ,8 88,2 88,2 No 59 11,5 11,6 99,8 Total ,3 100,0 Missing System 14 2,7 Tav.31 - Marca e modello della console Nintendo ,7 Wii Nintendo DS ,0 Nintendo 29 5,7 Game Cube Sony 98 19,1 Playstation 3 Sony ,0 Playstation 2 Microsoft 37 7,2 Xbox 360 Game Boy ,5 SP Altro 97 18,9 Tav.32 - La console consente il collegamento ad Internet? Sì ,6 56,5 56,5 No ,4 43,5 100,0 Total ,0 100,0 Missing System 36 7,0 Tav.33 - Dove usa la console? A casa sua ,5 A casa di amici della sua età ,0 A scuola 16 3,1 Altrove 2 0,4 CO.RE.COM Marche 25

30 Tav.34 - Con quale frequenza usa la console? Tutti i giorni ,1 30,5 30,5 Qualche giorno a settimana ,1 47,9 78,4 Più raramente ,9 21,6 100,0 Total ,2 100,0 Missing System 40 7,8 Tav.35 - Con quale frequenza nei giorni non festivi? Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Valid Meno di ,1 51,9 51,9 un'ora Da 1-3 ore ,7 38,8 90,7 Da 3-5 ore 25 4,9 6,8 97,5 Più di 5 ore 9 1,8 2,5 100,0 Total ,5 100,0 Missing System ,5 Tav.36 - Con quale frequenza nei giorni festivi? Frequency Percent. Valid Percent. Cumulative Percent. Meno di ,1 53,2 53,2 un'ora Da 1-3 ore ,6 35,3 88,5 Da 3-5 ore 28 5,5 7,8 96,4 Più di 5 ore 13 2,5 3,6 100,0 Total ,7 100,0 Missing System ,3 CO.RE.COM Marche 26

Opportunità e rischi legati all uso di nuove tecnologie da parte dei giovani di 10-17 17 anni

Opportunità e rischi legati all uso di nuove tecnologie da parte dei giovani di 10-17 17 anni Opportunità e rischi legati all uso di nuove tecnologie da parte dei giovani di 10-17 17 anni SINTESI GRAFICA S. 7953C Indagine basata su interviste ad un campione nazionale di genitori e di figli fra

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007

Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 Un analisi su teenager e multimedialità, partendo dai dati della ricerca DOXA Junior 2007 KIDS & CO Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni

Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Il più completo sistema di ricerche dedicato al mondo 0-18 anni Doxa Junior, Baby&Teens I principali clienti 2 L indagine Doxa Teens 2008 1.400 interviste a ragazzi 14-18 anni rappresentative di un universo

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 0 0% Secondaria 281 100% Classe IV Primaria 0 0% V Primaria 1 0% I Secondaria 101 36% II Secondaria 84 30% III Secondaria 95 34% Comune di Cafasse

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 100% Secondaria 0 0% Classe IV Primaria 68 44% V Primaria 87 56% I Secondaria 0 0% II Secondaria 0 0% III Secondaria 0 0% Comune di Cafasse

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete risposte Riepilogo Vedi le risposte complete Scuola Primaria 155 36% Secondaria 281 64% Classe IV Primaria 68 16% V Primaria 88 20% I Secondaria 101 23% II Secondaria 84 19% III Secondaria 95 22% Comune

Dettagli

Liceo artistico Nervi-Severini via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 www.liceoartistico.ra.it lasnervi@libero.it

Liceo artistico Nervi-Severini via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 www.liceoartistico.ra.it lasnervi@libero.it Liceo artistico Nervi-Severini Sede legale: via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 fax 0544/31152 Web: www.liceoartistico.ra.it e-mail: lasnervi@libero.it Questionario studenti classe III

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi Ragazzi e telefonino Siamo negli anni novanta, una pubblicità mostra una ragazza che romanticamente chiede al suo fidanzato all altro capo del telefono «Mi ami?...ma quanto mi ami? E mi pensi?...ma quanto

Dettagli

Internet = opportunità

Internet = opportunità Utili suggerimenti a genitori ed insegnanti per minimizzare i rischi Chemello Dott. Ing. Nicola Internet = opportunità Navigazione senza limiti per i ragazzi: pro e contro possibili contatti con adulti

Dettagli

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa

CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa CRISTINA LIVERANI Research Manager di Doxa Buongiorno a tutti. Analizzeremo oggi alcuni dei risultati tratti dall indagine Doxa Junior&Teens, realizzata da oltre vent anni e che, in diverse occasioni,

Dettagli

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI

LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI LA DIETA MEDIATICA DEI BAMBINI Marco Deriu Direttore responsabile de Il Resegone docente di Etica della comunicazione all Università Cattolica Milano 20 gennaio 2007 Media e bambini I media si inseriscono

Dettagli

QUESTIONARIO FAMILIARE

QUESTIONARIO FAMILIARE - 39 - QUESTIONARIO FAMILIARE 9. ELETTRODOMESTICI, MEZZI DI COMUNICAZIONE E TRASPORTO 9.1 La famiglia possiede: (una risposta per ogni riga ) N. Videoregistratore... 5 6 Videocamera..... 7 Lettore DVD.....

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta.

Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. NOI E LA TELEVISIONE Classi quinte del plesso di Spicchio-Sovigliana. Insegnanti: Bigazzi Fiorenza, Chesi Sandra, Manetti Benedetta. COMPETENZE INTERESSATE: - consolidare le capacità di raccolta dei dati

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005

Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005 Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005 Tu sei: 1 Maschio 2 Femmina In che città abiti? Prov Quanti anni hai? Nella compilazione del questionario leggi attentamente le indicazioni riportate e

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti

I.T.S. G. GIRARDI. Progetto legalità a.s. 2014/2015 Privacy e disagio giovanile. Risultati dei questionari somministrati agli studenti I.T.S. G. GIRARDI Progetto legalità a.s. 214/215 Privacy e disagio giovanile Risultati dei questionari somministrati agli studenti Classi coinvolte: 3AA 3AT 3AR 3BR 3CR 3AS - 3BS Rilevazione dei dati relativi

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA TV (per le domande con l asterisco * si possono sbarrare fino a 3 caselle)

QUESTIONARIO SULLA TV (per le domande con l asterisco * si possono sbarrare fino a 3 caselle) Indagine sulla TV Per completare i contenuti sui mass media, la classe 4 A è stata impegnata in un indagine con l obiettivo di fotografare e confrontare gli atteggiamenti dell infanzia e della pre-adolescenza

Dettagli

Indagine socio ambientale

Indagine socio ambientale Istituto Comprensivo Coldigioco Apiro Indagine socio ambientale Anno scolastico 11/12 Nelle pagine seguenti sono riportati i grafici con i risultati dell'indagine socio ambientale effettuata dal nostro

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 27 dicembre 2005 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2005 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi

Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi Downloading, streaming e file sharing p2p: reperimento illegale di materiale audio-video e consapevolezza dei rischi - Estratto dei risultati - Milano, Dicembre 2009 La metodologia L APPROCCIO QUALI-QUANTITATIVO

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario

La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario La comunicazione degli adolescenti di Bergamo in piazza reale e virtuale: dati del questionario Marco Lazzari Università degli studi di Bergamo Facoltà di Scienze della formazione Questionario limiti:

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

Questionario genitori Scuola Primaria

Questionario genitori Scuola Primaria www.survio.com 23/06/2015 11:32:42 Generale Nome sondaggio Questionario genitori Scuola Primaria Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/i9m4l2p7a9r4a1j9r

Dettagli

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte

Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte Giammaria de Paulis Autore del libro Facebook: genitori alla riscossa Torino, 18 ottobre 2013 - Centro Incontri della Regione Piemonte in una stanza dove sia accesa soltanto una candela, basta una mano

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

MINORI E TELEFONIA MOBILE. Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi

MINORI E TELEFONIA MOBILE. Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi Centro Studi Minori & Media MINORI E TELEFONIA MOBILE Indagine conoscitiva sull uso del cellulare da parte dei bambini e dei ragazzi Direzione Scientifica Alberto Marradi Elaborazione dati e redazione

Dettagli

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna

La Rete siamo noi. Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori. Dati raccolti in provincia di Bologna Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati raccolti in provincia

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

L uso dei media e del cellulare in Italia

L uso dei media e del cellulare in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 8 Settori Famiglia e società - Cultura L uso dei media e del cellulare in Italia Indagine multiscopo sulle famiglie I cittadini e il

Dettagli

INFANZIA E VITA QUOTIDIANA

INFANZIA E VITA QUOTIDIANA 18 novembre 2011 Anno 2011 INFANZIA E VITA QUOTIDIANA Cambia il contesto di vita familiare di bambini e ragazzi: tra il 1998 e il 2011 la quota di minori senza fratelli sale dal 23,8% al 25,7%; i minori

Dettagli

I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati -

I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati - Cosa vediamo? I CONSUMI CULTURALI DEI CITTADINI DEI COMUNI DEL CONSORZIO BIBLIOTECARIO NORD OVEST - presentazione dei risultati - Nobody s Unpredictable METODOLOGIA UTILIZZATA Universo di riferimento:

Dettagli

Questionario genitori scuola dell'infanzia

Questionario genitori scuola dell'infanzia www.survio.com 23/06/2015 11:36:10 Generale Nome sondaggio Questionario genitori scuola dell'infanzia Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/g4t6y5e1l5y8h3h7x

Dettagli

Cittadini e nuove tecnologie

Cittadini e nuove tecnologie 27 febbraio 2009 Cittadini e nuove tecnologie Anno 2008 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni

Dettagli

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DIVARIO DIGITALE NELLE VALLI DI LANZO. RACCONTA PROBLEMATICHE E SFIDE Tv digitale terrestre, internet a banda larga, ricezione dei telefoni cellulari, ma anche possibilità di

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta

A tutte le domande che non prevedono alternative per ogni riga (sì, no; molto, abbastanza ecc.) va data un unica risposta Progetto: Ragazzi digitali. Per un uso consapevole dei nuovi media. Agli studenti vi invitiamo a rispondere al seguente questionario, anonimo, al fine di comprendere il rapporto che i giovani hanno con

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

Cittadini e nuove tecnologie

Cittadini e nuove tecnologie 23 dicembre 2010 Cittadini e nuove tecnologie Anno 2010 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie. Le informazioni

Dettagli

Esperienze di sicurezza alimentare

Esperienze di sicurezza alimentare Esperienze di sicurezza alimentare Progetto Abitudini e stili alimentari ISIS Andrea Torrente - Casoria Classe V B indirizzo Enogastronomia Docente: Paola Cinque Tutor: Maria Marino, Istat Napoli, 22 ottobre

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici.

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici. Digital divide Una questione di competenze, costi o fiducia? Roma 10 maggio 2004 La PA on line 100 90 80 Roma 10 maggio 2004 La diffusione quantitativa dei siti dal 1996 ad oggi 95 L anno del raddoppio

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

DOXA JUNIOR BABY& TEENS 29 gennaio 2008. Cristina Liverani

DOXA JUNIOR BABY& TEENS 29 gennaio 2008. Cristina Liverani DOXA & TEENS 29 gennaio 2008 Cristina Liverani Doxa Junior, Baby & Teens: Premessa e Obiettivi Doxa Junior Baby & Teens è uno strumento d indagine sull esposizione all intero mondo media e sulla realtà

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Giorno 2: il mondo Internet Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Contenuti del modulo: La comunicazione attraverso il WEB Mailing list Forum Chat Telefonia VOIP / Videoconferenze Social

Dettagli

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati

I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro. 2. L indagine «Un anno dopo»: generalità e primi risultati Un anno dopo I giovani maceratesi dopo il conseguimento del diploma: percorsi formativi e di lavoro Sergio Pollutri Istat ERM sede per le Marche Macerata, 24 ottobre 2014 Indice 1. Premessa 2. L indagine

Dettagli

SMART TV: IL PRODOTTO DEL FUTURO? GfK Group Smart TV 03/05/2013

SMART TV: IL PRODOTTO DEL FUTURO? GfK Group Smart TV 03/05/2013 SMART TV: IL PRODOTTO DEL FUTURO? 1 Metodologia Campione: 800 interviste, rappresentative degli italiani dai 30 ai 54 anni, utenti di internet negli ultimi 3 mesi Interviste su Panel Dialogatore di GfK

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico

Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico FOTOGRAFIE DEI RAGAZZI DI OGGI Maurizio Lazzarini Pedagogista Dirigente scolastico Cosa ha cambiato la TV? La comunicazione in famiglia La diversa diffusione dei valori Valore al possesso L oggetto

Dettagli

All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona. Bellinzona, 20 aprile 2012

All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona. Bellinzona, 20 aprile 2012 All attenzione dell Onorevole Consiglio di Stato Cancelleria dello Stato Residenza Governativa 6501 Bellinzona Bellinzona, 20 aprile 2012 Onorevoli Consiglieri di Stato, è con piacere che il comitato del

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui 16 gennaio 2008 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione: disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui Anno 2007 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

Famiglie in rete. Consapevolmente sul web.

Famiglie in rete. Consapevolmente sul web. Famiglie in rete. Consapevolmente sul web. Questionario rivolto ai genitori Le informazioni fornite in questo questionario so in forma anima per motivi di ricerca, finalizzati esclusivamente al ciclo di

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie e individui

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

A chi appartengono questi dispositivi? Televisione Computer Cellulare MP3 Videogiochi Tablet

A chi appartengono questi dispositivi? Televisione Computer Cellulare MP3 Videogiochi Tablet A chi appartengono questi dispositivi? Personale Non posseduto Familiari Senza risposta 12 10 15 17 17 17 18 13 30 55 44 36 268 394 66 99 174 402 347 325 215 189 70 78 Televisione Computer Cellulare MP3

Dettagli

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione ISTAT Indagine multiscopo sulle famiglie Modulo sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione 2010 Codice SN115 ADPSS-SOCIODATA Archivio Dati e Programmi per le Scienze Sociali www.sociologiadip.unimib.it/sociodata

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTI

QUESTIONARIO STUDENTI Ministero della Pubblica Istruzione CEDE Centro Europeo Dell Educazione Italia Italiano QUESTIONARIO STUDENTI Nome della scuola Codice studente Data di nascita / / 198 Mese Giorno Anno Consorzio internazionale

Dettagli

Utilizzo delle nuove tecnologie Versione internazionale

Utilizzo delle nuove tecnologie Versione internazionale SEZIONE H Utilizzo delle nuove tecnologie Versione internazionale Le domande che seguono riguardano l uso che Lei fa personalmente di diverse tecnologie, a casa, sul luogo di lavoro, altrove. H Di solito,

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 7. Rilevazione gradimento dell utenza: percorsi educativi promossi e

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 7. Rilevazione gradimento dell utenza: percorsi educativi promossi e COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 7 Rilevazione gradimento dell utenza: percorsi educativi promossi e servizi erogati dalla Biblioteca dei Ragazzi. Il Comune di Pisa,

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Giugno 2015 (Dati cumulati cicli 3, 4 del 2014 e cicli 1, 2 del 2015) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE 20 dicembre 2011 Anno 2011 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE Rispetto al 2010 cresce la quota di famiglie che nell anno in corso possiede un personal computer (dal 57,6% al 58,8%), l accesso a Internet (dal

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVELLASCA CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI Docente: Ing. ALDO RUSSO 18 novembre 2015 LA PAROLA ALL ESPERTO Il posto dello strumento informatico nella cultura è tale che l educazione

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori Baby Consumers Primo rapporto sui consumi dei minori Numero interruzioni pubblicitarie, n. spot totali, maschili, femminili e alimentari durante 12 giorni totali di monitoraggio. (Canale 5 è stata osservata

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico WEB Piccolo dizionarietto tecnologico NATIVI DIGITALI - IMMIGRATI DIGITALI- TARDIVI L a distinzione fra nativi e migranti digitali fu introdotto nel 2001dallo studioso americano Marc Prensky: NATIVI DIGITALI

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

ESITI DEL QUESTIONARIO TEMPO LIBEROE USO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE

ESITI DEL QUESTIONARIO TEMPO LIBEROE USO DELLE TECNOLOGIE INFORMATICHE DATI GENERALI 1 Sesso Maschio Femmina 38 100,0% 2 Anno di nascita 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2 5,3% 2003 15 39,5% 2004 20 52,6% 2005 1 2,6% Maschio Femmina 1996 1997 1998 1999 2005 2001 2000 2002

Dettagli

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino Cod. doc.: RT-03 Rev: 0.1 Data: 05.05.14 Relazione Finale Report_006_12_F_3 Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino CLIENTE: Comune di Solesino COMMESSA:

Dettagli

TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO!

TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO! TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO! 24 Novembre 2015 Venusia Covelli Cari Genitori, in occasione dell incontro di stasera, ho pensato di redigere un questionario attraverso il quale potrete

Dettagli