Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali"

Transcript

1 Comune di Torre di Mosto Provincia di Venezia Vademecum elezioni 2010 Regionali e Comunali

2

3

4

5 ti aspettano nella tua sezione elettorale per eleggere: 1. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE VENETO 2. IL SINDACO DEL COMUNE DI TORRE DI MOSTO devi anche tu contribuire per il rinnovo del: 1. Consiglio Regionale 2. Consiglio Comunale

6

7

8

9 se vuoi sapere dove siamo e quando siamo aperti: Ufficio Elettorale: al piano terra del Municipio di Torre di Mosto in Piazza Indipendenza, 1 tel interno 3 fax Orario del Servizio: tutte le mattine dal lunedì al venerdì: dalle ore 9.00 alle ore il giovedì pomeriggio: dalle ore alle ore il sabato mattina: dalle ore 8.30 alle ore 12.15

10 apertura straordinaria dell Ufficio Elettorale da martedì 23 marzo a sabato 27 marzo: tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore domenica 28 marzo e lunedì 29 marzo: apertura per tutta la durata delle votazioni

11 I seggi nel Comune di Torre di Mosto sono 5: Seggio n.1: Scuola elementare - Via Asilo - Torre di Mosto Seggio n.2: Scuola elementare - Via Asilo - Torre di Mosto Seggio n.3: Scuola elementare - Via Asilo - Torre di Mosto Seggio n.4: Ex Scuola elementare - sede Museo del Paesaggio - Boccafossa Seggio n.5: Palestra comunale di Staffolo

12 il presidente di seggio I Presidenti di seggio elettorale, nel Comune di Torre di Mosto, sono 5. Vengono nominati dal Presidente della Corte d'appello di Venezia, che provvede anche allo loro sostituzione in caso di impedimento all'espletamento dell'incarico. Funzioni del Presidente nomina il Segretario del seggio; prende in consegna dal delegato del Sindaco il materiale occorrente per le operazioni di votazione e di scrutinio; provvede alla custodia della sala della votazione e del materiale ricevuto; sceglie il vice Presidente tra gli Scrutatori del seggio; soprintende ed è responsabile di tutte le operazioni del seggio; è incaricato dell'ordine pubblico della sala di votazione e dispone della Forza Pubblica e/o delle Forze Armate; ha la potestà di decisione, udito il parere degli Scrutatori, su tutte le difficoltà e gli incidenti relativi alle operazioni del seggio, sui reclami anche orali, sulle contestazioni e sulla nullità dei voti.

13 il vice Presidente È scelto dal Presidente fra gli Scrutatori. Coadiuva il Presidente e ne fa le veci, in caso di assenza temporanea o impedimento sopraggiuntogli.

14 il Segretario È scelto dal Presidente, prima dell'insediamento del seggio, fra gli iscritti nelle liste elettorali del Comune che siano in possesso del titolo di studio non inferiore al diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado. Assiste il Presidente nell'adempimento delle operazioni del seggio ed è responsabile, insieme a lui, della regolare compilazione del verbale. Provvede alla registrazione dei voti durante lo spoglio delle schede, alla raccolta degli atti da allegare al verbale e alla confezione dei plichi.

15 Scrutatori Sono nominati dalla Commissione Elettorale Comunale, in pubblica adunanza, nel periodo compreso tra il 25 e il 20 giorno anteced ente la data della votazione. Quando al momento della costituzione del seggio mancano uno o più Scrutatori, compete al Presidente procedere immediatamente alla loro sostituzione: pertanto gli Scrutatori devono essere presenti, con la massima puntualità, presso il locale del seggio, alle ore di sabato 26 marzo, alle ore 7.30 di domenica 28 marzo e alle ore 6.30 di lunedì 29 marzo. I sostituti devono essere iscritti nelle liste elettorali del Comune di Torre di Mosto ed essere in possesso dei requisiti prescritti dalla normativa. Gli Scrutatori provvedono ai seguenti compiti: - firma delle schede di votazione per la loro autenticazione; - identificazione e registrazione degli elettori che si presentano a votare; - spoglio delle schede; - registrazione dei voti durante le operazioni di scrutinio; - confezione e recapito dei plichi contenenti gli atti della votazione e dello scrutinio.

16 rappresentanti di lista I delegati delle liste dei candidati [art. 32, nono comma, n. 4, del TU. 570/1960] hanno la facoltà di designare due rappresentanti della lista presso l ufficio di ciascuna sezione elettorale. Il Presidente del seggio deve accertare la regolarità della designazione: il secondo comma dell art. 16 della legge 21 marzo 1990, n. 53, stabilisce che: per le elezioni regionali i rappresentanti di lista devono essere elettori di un Comune della Regione; per le elezioni comunali i rappresentanti di lista devono essere elettori del Comune; tale requisito potrà essere accertato dalla tessera elettorale in possesso del designato. Qualora non ricorrano tali condizioni, il designato non può essere ammesso ad assistere alle operazioni elettorali del seggio. I rappresentanti hanno diritto: a) ad assistere a tutte le operazioni dell'ufficio elettorale di sezione; b) a far inserire nel verbale succinte dichiarazioni; c) ad apporre la loro firma sulle strisce di chiusura delle urne e sui plichi contenenti gli atti della votazione e dello scrutinio, nonché sui mezzi di segnalazione apposti alle finestre ed agli accessi della sala della votazione; d) a trattenersi all'esterno del locale del seggio durante il tempo in cui questo rimane chiuso. I rappresentanti di lista, per l'esercizio delle loro funzioni, possono portare un bracciale o altro distintivo con riprodotto il contrassegno della lista da loro rappresentata. I rappresentanti di lista, o i membri del seggio, non possono trascrivere i nominativi degli elettori che si sono astenuti dalla partecipazione al voto o che abbiano votato.

17 compensi componenti seggio (Legge 16 aprile 2002 n. 62, art. 3) Presidenti: 187,00 Segretari e Scrutatori: 145,00 Per coloro che adempiono alle funzioni presso gli uffici elettorali, ivi compresi i rappresentanti di lista, i giorni di assenza dal lavoro sono considerati, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa. (Art. 119 T.U. 361/1957). Hanno diritto a riposi compensativi, per i giorni festivi o non lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali.

18 elettorato attivo per votare alle elezioni regionali e comunali il cittadino italiano deve aver compiuto il 18 ann o di età ed essere iscritto nelle liste elettorali. SI VOTA SOLO NEL COMUNE DI RESIDENZA E NELLA SEZIONE DI ISCRIZIONE INDICATA NELLA TESSERA ELETTORALE Sono considerati elettori, per le elezioni comunali, i cittadini degli Stati membri dell'unione Europea che, a seguito di formale richiesta presentata entro martedì 16 febbraio 2010, abbiano ottenuto l'iscrizione nella lista elettorale.

19 elezioni regionali possono votare fuori dal proprio seggio nel caso di svolgimento di elezioni concomitanti (es. regionali comunali), GLI ELETTORI ISCRITTI NELLE LISTE ELETTORALI DI ALTRI COMUNI DELLA REGIONE e solo se in possesso della relativa tessera elettorale i rappresentanti di lista presso la sezione dei gruppi dei candidati per le elezioni regionali; gli ufficiali e gli agenti della Forza pubblica in servizio di ordine pubblico; gli ammessi al voto domiciliare, iscritti in un altro Comune della Regione che abbiano indicato, quale loro dimora, un indirizzo in Comune; i ricoverati nei luoghi di cura o detenzione che ne facciano richiesta al Sindaco tramite la direzione amministrativa ospedaliera; i militari delle Forze armate e gli appartenenti a Corpi organizzati militarmente per servizio dello Stato nonché gli appartenenti alle Forze di Polizia e al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco: sono ammessi a votare con precedenza sugli altri elettori, previa esibizione della tessera elettorale; i naviganti e gli aviatori che ne abbiano fatto richiesta ai sensi della legge 14 maggio 1976, n. 240.

20 elezioni comunali possono votare fuori dal proprio seggio solo se iscritti in altra sezione del Comune i membri del seggio; i rappresentanti di lista presso la sezione delle liste dei candidati per le elezioni comunali; gli ufficiali e gli agenti della Forza pubblica in servizio di ordine pubblico purché muniti della tessera elettorale; gli elettori diversamente abili sono ammessi al voto purché muniti della tessera elettorale e di un attestazione medica rilasciata dall unità sanitaria locale; gli ammessi al voto domiciliare che abbiano indicato, quale loro dimora, un indirizzo di abitazione ricompreso nell ambito territoriale della sezione; i militari delle Forze armate e gli appartenenti a Corpi organizzati militarmente per servizio dello Stato nonché gli appartenenti alle Forze di Polizia e al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco sono ammessi a votare con precedenza sugli altri elettori, previa esibizione della tessera elettorale; coloro che si presentino muniti di una sentenza della Corte d Appello o della Corte di Cassazione che li dichiari elettori del Comune coloro che si presentino muniti dell attestazione del Sindaco di ammissione al voto.

21 elezioni regionali per che cosa si vota? si vota per eleggere: il Presidente della Giunta regionale il Consiglio regionale

22 elettorato passivo per essere eletto in Consiglio Regionale possono candidarsi a: Presidente della Giunta Regionale Consigliere Regionale gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione [salvo i casi di incandidabilità incompatibilità ineleggibilità stabiliti dalla legge]

23 come si vota per le elezioni regionali (legge 50/1995, tabella A) La votazione avviene su un unica scheda [colore verde pantone green-u]. Lo schema della scheda prevede che alla destra della lista provinciale sia riportato il nome e cognome del candidato alla Presidenza della Giunta regionale (e capolista della lista regionale collegata), affiancato dal contrassegno della lista regionale stessa. La norma prevede che, qualora vi siano più liste provinciali collegate alla stessa lista regionale, quest'ultima possa essere contrassegnata da un simbolo unico ovvero dai simboli di tutte le liste collegate ad essa collegate.

24 elezioni regionali le possibilità di voto L elettore ha la possibilità di fare tre scelte: 1) per una lista provinciale, eventualmente indicando una preferenza per uno dei candidati della lista provinciale prescelta; 2) per un candidato Presidente della Giunta regionale; 3) per una lista regionale.

25

26

27

28

29

30 elezioni comunali per che cosa si vota? si vota per eleggere: il SINDACO il Consiglio Comunale

31 elettorato passivo per essere eletto in Consiglio Comunale possono candidarsi a: SINDACO Consigliere Comunale gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione [salvi i casi di incandidabilità incompatibilità ineleggibilità stabiliti dalla legge]

32 come si vota per le elezioni comunali (Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 artt. 72, commi 3 e 8, 73, comma 3,) La votazione avviene su un unica scheda [colore azzurro pantone process blue-u]. La norma prevede che la scheda per l'elezione del Sindaco è utilizzata anche per l'elezione del Consiglio Comunale. La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di Sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco è riportato il relativo contrassegno della lista a cui ciascun candidato è collegato.

33 come si vota per l elezioni comunali prima possibilità tracciando un solo segno sul nominativo del candidato alla carica di sindaco o sul simbolo della lista ad esso collegato o, comunque, nel rettangolo che contiene il nominativo del candidato (scheda di esempio) CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO Il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di Sindaco

34 come si vota per l elezioni comunali seconda possibilità esprimendo una preferenza l elettore può manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di Consigliere Comunale scrivendo il cognome (o, in caso di omonimia il cognome e il nome) del candidato preferito (scheda di esempio) CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO CANDIDATO SINDACO cognome e nome CANDIDATO SINDACO Il voto così espresso si intende attribuito al candidato alla carica di Sindaco e al candidato alla carica di Consigliere Comunale

35 propaganda elettorale da venerdì 26 febbraio a venerdì 26 marzo (mezzanotte) L affissione di stampati, giornali murali o manifesti di propaganda deve essere effettuata esclusivamente negli appositi spazi destinati dalle amministrazioni comunali. GAZEBI: possano essere utilizzate per un più agevole esercizio delle forme di propaganda consentite dalla legge, quali, ad esempio la distribuzione di volantini o altro materiale. Le bandiere dei partiti e dei movimenti politici non possono essere riconducibili a forme di propaganda elettorale a carattere fisso quando le stesse servono esclusivamente ad identificare la titolarità del gazebo medesimo. MEZZI MOBILI: è consentita la propaganda a condizione che i mezzi NON siano lasciati in sosta su alcuna via o altro luogo pubblico o aperto al pubblico; VOLANTINI: è consentita la distribuzione a mano, nei luoghi pubblici o aperti al pubblico con divieto di distribuzione nei confronti di partecipanti a comizi di diverso orientamento politico; ALTOPARLANTI: è consentito solo ed esclusivamente per l annunzio dei comizi e dalle ore alle ore e dalle ore alle ore 21.30; PALLONI E AEROSTATI: non è consentita la propaganda quando sono ancorati al suolo; COMIZI: possono essere effettuati nei giorni feriali dalle ore alle ore mentre nei giorni festivi o di mercato anche dalle ore 9.00 alle ore 12.00; SONDAGGI POLITICI ED ELETTORALI: è vietato, nei 15 gg. precedenti la data della votazione e fino alla chiusura delle operazioni di voto, rendere pubblici o diffondere i risultati di sondaggi demoscopici.

36 propaganda elettorale nuovi mezzi di comunicazione quali sms, mms, Con un provvedimento generale l Autorità garante ha indicato a Partiti, organismi politici, sostenitori di liste e candidati i princìpi e i criteri per raccogliere ed utilizzare correttamente i dati personali dei cittadini che intendono contattare a fini di comunicazione e propaganda elettorale. Dati utilizzabili senza consenso Per contattare gli elettori ed inviare materiale di propaganda partiti, organismi politici, comitati promotori, sostenitori e singoli candidati possono usare senza il consenso dei cittadini i dati contenuti nelle liste elettorali detenute dai Comuni. Dati utilizzabili previo consenso A meno che i dati personali siano stati forniti direttamente dall'interessato, è necessario il consenso per particolari modalità di comunicazione elettronica come sms, , mms, per telefonate preregistrate e fax. Stesso discorso nel caso si utilizzino dati raccolti automaticamente su Internet o ricavati da forum o newsgroup, liste abbonati ad un provider, dati presenti sul web per altre finalità. Dati non utilizzabili Non sono in alcun modo utilizzabili, neanche da titolari di cariche elettive, gli archivi dello stato civile, l'anagrafe dei residenti, indirizzi raccolti per svolgere attività e compiti istituzionali o per prestazioni di servizi, anche di cura. (Fonte: Garante per la protezione dei dati personali)

37

38

39 elettori residenti all estero In questa tornata elettorale SI VOTA solo nel comune di residenza e nella sezione di iscrizione nelle liste elettorali non essendo previsto il voto per corrispondenza. L elettore riceverà una cartolina avviso dove sono riportate le informazioni riguardanti le elezioni e con la quale potrà usufruire delle agevolazioni di viaggio.

40

COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca Area Servizi e Welfare INFORMATIVA ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI - REGIONALI 2015

COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca Area Servizi e Welfare INFORMATIVA ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI - REGIONALI 2015 COMUNE DI VIAREGGIO Provincia di Lucca Area Servizi e Welfare INFORMATIVA ELEZIONI AMMINISTRATIVE COMUNALI - REGIONALI 2015 1 DOMENICA 31 MAGGIO 2015 hai un appuntamento dalle ore 07.00 alle ore 23.00

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali

REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale. Calendario delle operazioni elettorali REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio regionale Calendario delle operazioni elettorali 25 maggio 2014 La presente pubblicazione contiene le scadenze

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 1 R/bis CALENDARIO DELLE OPERAZIONI PREPARATORIE PER L ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA DI DOMENICA

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015

SCADENZIARIO DELLE PRINCIPALI OPERAZIONI PER LE ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI. del 31 maggio 2015 ... MARZO (giorno di pubblicazione del decreto)... MARZO (5 giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto) Domenica 5 APRILE ( 56 giorno precedente la data delle votazioni) Da Lunedì 6 APRILE

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo Prot. n. 16555 /2014/SE Modena, 8.4.2014 SINDACI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI SEGRETARI COMUNI PROVINCIA LORO SEDI QUESTORE MODENA COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI MODENA COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA

Dettagli

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO

DOMENICA 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DOMENICA 3 MAGGIO 205 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI - DOMENICA GIUGNO 205 RIO DEGLI DEGLI UFFICI ELETTORALI COMUNALI E ALTRE SCADENZE

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI COMUNALI DEL 10 MAGGIO 2015 Regione autonoma Trentino Alto Adige GIUNTA REGIONALE Ufficio elettorale Elezioni amministrative Mod. 28-el. Per i comuni della Provincia di Trento CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PER LE ELEZIONI

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

PROPAGANDA ELETTORALE

PROPAGANDA ELETTORALE Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno ELEZIONI REGIONALI 2015 PROPAGANDA ELETTORALE a cura del Settore Supporto Istituzionale e Comunicazione PREMESSA Le presenti istruzioni costituiscono

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali

ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015. Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI REGIONALI E COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 ed eventuale turno di ballottaggio delle elezioni Comunali del 14 GIUGNO 2015 Calendario delle operazioni elettorali Redigere il verbale di assunzione in

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE

C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 POLIZIA LOCALE Tel. 011 9084060 Fax 011 9048763 E-mail: poliziamunicipale@comune.bruino.to.it OGGETTO: VERBALE ASSEMBLEA Il giorno 26 aprile

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015.

COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. COMUNE DI TRIGGIANO VERBALE RELATIVO AGLI ACCORDI PER LA PROPAGANDA ELETTORALE IN OCCASIONE DELLE ELEZIONI REGIONALI DEL 31 MAGGIO 2015. L anno duemilaquindici il giorno tredici del mese di maggio alle

Dettagli

GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO GUIDA PRATICA PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO NELLA CONSULTAZIONE ELETTORALE PROVINCIALE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Affari e Relazioni istituzionali Servizio

Dettagli

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Perugia Ufficio territoriale del Governo Prefettura Perugiia Prot Uscita del 23104!.2015 Numero: 0024540 Classifica: 033.10 f.lf( IIJ JIJI II ~IIHI!I Jlt l J ~ Perugia 23 aprile 2015 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI -

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015

Area Il bis Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Area Il bis" Raccordo con gli Enti Locali e Consultazioni Elettorali" Prot.n.32922/2015 Salerno, 20 aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci e Commissari Straordinari Ai Sigg. Segretari Comunali Ai Responsabili degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE

ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REFERENDUM PROVINCIALE ABROGATIVO ISTRUZIONI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE Pubblicazione n. 2_2012 Ref. Indice Introduzione 7 PARTE PRIMA UFFICIO ELETTORALE DI SEZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Rovigo Ufficio Territoriale del Governo CIRCOLARE N. 17/2014 Prefettura di Rovigo TRAMITE PEC Rovigo, (data del protocollo) All. 1 - AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA L O R O S E D I - AI SIGNORI PRESIDENTI DELLA COMMISSIONE E SOTTOCOMMISSIONI

Dettagli

CALENDARIO ELETTORALE

CALENDARIO ELETTORALE ELEZIONI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEL CONSIGLIO REGIONALE di domenica 31 maggio 2015 CALENDARIO ELETTORALE Questa pubblicazione contiene il calendario delle operazioni relative all elezione del Presidente

Dettagli

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA. ISTRUZIONI PER I RAPPRESENTANTI DI LISTA Per le elezioni amministrative

SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA. ISTRUZIONI PER I RAPPRESENTANTI DI LISTA Per le elezioni amministrative SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA ISTRUZIONI PER I RAPPRESENTANTI DI LISTA Per le elezioni amministrative Ufficio Elettorale SEL maggio 2013 2 ISTRUZIONI PER I RAPPRESENTANTI DI LISTA (per le elezioni amministrative)

Dettagli

ELEZIONI POLITICHE. DSC - SE - ELE - V00 Pag. 1 DIREZIONE SERVIZI CIVICI SERVIZI DEMOGRAFICI ED ELETTORALI SYSTEM INFO ELE

ELEZIONI POLITICHE. DSC - SE - ELE - V00 Pag. 1 DIREZIONE SERVIZI CIVICI SERVIZI DEMOGRAFICI ED ELETTORALI SYSTEM INFO ELE Pag. 1 Pag. 2 Sommario SPECIALE 2008 SPECIALE 2008... 2 Per cosa si vota... 4 Quando si vota... 4 Quanti saremo... 4 Chi può votare (elettorato attivo)... 5 Chi può essere eletto (elettorato passivo)...

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino PROT. N. 197/S.E. lì, 8.6.2005 AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI e, p.c.: AI SIGG. PRESIDENTI DEI TRIBUNALI DI: AVELLINO ARIANO IRPINO S.ANGELO DEI LOMB.DI ALLA SEZIONE STACCATA DEL

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO ATTIVITA' LEGISLATIVE, GIURIDICHE E ISTITUZIONALI

REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO ATTIVITA' LEGISLATIVE, GIURIDICHE E ISTITUZIONALI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA AREA DI COORDINAMENTO ATTIVITA' LEGISLATIVE, GIURIDICHE E ISTITUZIONALI ELEZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE E DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE ISTRUZIONI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO APPROVATE CON DELIBERA DELL'8

Dettagli

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 ISTRUZIONI INTEGRATIVE REGIONALI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE INDICE 1) pagine

Dettagli

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Salerno Ufficio Territoriale del Governo ELEZIONI REGIONALI ed AMMINISTRATIVE di DOMENICA 31 MAGGIO 2015. In data 5 maggio 2015 alle ore 11,00 presso questa Prefettura/Ufficio Territoriale del Governo, si è tenuta una riunione presieduta dalla

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM

ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM Direzione Processo Legislativo Settore Studi, Documentazione e Supporto Giuridico Legale ELEZIONI REGIONALI 25 MAGGIO 2014 VADEMECUM Direzione Processo Legislativo Silvia Bertini Settore Studi, documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6 Libertà di espressione e libertà politiche Lezione n.6 Libertà di espressione dei membri del parlamento Parità di accesso ai mezzi di informazione Privacy e campagna elettorale articolo 68 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA COMPONENTE ELETTIVA DEI COMITATI DEI DIPARTIMENTI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA COMPONENTE ELETTIVA DEI COMITATI DEI DIPARTIMENTI AZIENDALI DATA emissione Redatto Verificato Approvato Controllato Dott. Salvatore Iannucci UOSD Gestione Processi Amm.vi Aziendali Direttore dipartimento Amministrativo Dott. Dino Ravaglia Direttore UOC Innovazione

Dettagli

Istruzioni per le operazioni

Istruzioni per le operazioni MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni politiche Pubblicazione n. 6 Elezione della Camera dei deputati Istruzioni per

Dettagli

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum

COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI. ART. 1 Disposizioni generali sul referendum COMUNE DI MORMANNO 87026 (PROVINCIA DI COSENZA) REGOLAMENTO SUI REFERENDUM CONSULTIVI ED ABROGATIVI ART. 1 Disposizioni generali sul referendum 1. Il presente Regolamento, ai sensi dell art. 8 dello Statuto

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA. Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA. Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA Manuale operativo recante Linee guida per l'elezione del Presidente e del Consiglio provinciale della Provincia di PIACENZA Elezioni provinciali 12 Ottobre 2014 1 INDICE Art. 1 Finalità

Dettagli

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1.

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1. LEGGE 6 febbraio 1948, n. 29 Norme per la elezione del Senato della Repubblica. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente:

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI

COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI Provincia di Napoli -------------------- SERVIZI ELETTORALI Prot. n. 302 del 25.03.2015 DIRETTIVA PER LA DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE E DELL USO DI SPAZI, AREE

Dettagli

Oggetto: CHIUSURA DELLE SCUOLE PER GLI ADEMPIMENTI ELETTORALI DEL 28 e 29 marzo 2010 - NOTE SULLA GESTIONE DEL PERSONALE.

Oggetto: CHIUSURA DELLE SCUOLE PER GLI ADEMPIMENTI ELETTORALI DEL 28 e 29 marzo 2010 - NOTE SULLA GESTIONE DEL PERSONALE. 1 FEDERAZIONE LAVORATORI DELLA CONOSCENZA CGIL (V.le Bonaini, 71 56125 PISA) Tel. 050/515253-221 Fax 050/515221 e-mail: pisa@flcgil.it Pisa 16 marzo 2010 Oggetto: CHIUSURA DELLE SCUOLE PER GLI ADEMPIMENTI

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA Prot. n. 343 Cagliari, 09/01/2014 trasmissione via PEC Ai Signori Sindaci dei Comuni della Sardegna Ai responsabili degli Uffici Elettorali dei Comuni della Sardegna e,p.c. Ai Dirigenti dei Servizi Elettorali

Dettagli

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali E m i l i a - R o m a g n a Il Consiglio Regionale Direzione generale Vademecum per le elezioni regionali gennaio 2005 3 indice Le tappe verso le elezioni pag. 5 La presentazione delle liste 7 Le spese

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni Politiche Pubblicazione n. 6 Elezione della Camera dei deputati Elezione del

Dettagli

Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI

Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI Fasc. n. 435412015 - Area ll S.E. Firenze, 21 aprile 2015 Ai Sigg.ri Sindaci dei Comuni della Cittd Metropolitana di Firenze LORO SEDI Ai Sigg.ri Segretari Comunali dei Comuni della Cittdr Metropolitana

Dettagli

VOTARE. Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma

VOTARE. Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma VOTARE Votare: uno dei diritti più importanti ed inviolabili del cittadino, la forma forse più semplice, ma fondamentale, di partecipazione alla vita civica. Sia che si tratti di elezioni o di referendum,

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Calendario delle operazioni elettorali

Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI DEL PARLAMENTO EUROPEO e ELEZIONI COMUNALI DOMENICA 25 MAGGIO 2014 EVENTUALE TURNO DI BALLOTTAGGIO PER L'ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI DOMENICA 8 GIUGNO 2014 Calendario delle operazioni elettorali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONSULTAZIONE DEI CITTADINI ED I REFERENDUM Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 95 del 24.03.1994 Modificato con deliberazione di Consiglio comunale n. 9 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE TITOLO 1 - NORME ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI Articolo 1 (Natura e finalità del regolamento) Articolo

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Circolare n. 13 / 2015 Roma, 15 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

VADEMECUM PER LA RACCOLTA FIRME DELLA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE

VADEMECUM PER LA RACCOLTA FIRME DELLA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE VADEMECUM PER LA RACCOLTA FIRME DELLA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Disciplina dell'unione civile, del patto civile di solidarietà e norme in materia di unione di fatto La campagna Una volta

Dettagli

Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Venezia Ufficio Territoriale del Governo Ufficio Elettorale Provinciale INDICAZIONI OPERATIVE SULLA PROPAGANDA ELETTORALE 11 APRILE 2011 1 In vista delle consultazioni amministrative del

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme

Dettagli

~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ

~w t6m~~tothdah/' ~VeMZÒ ~~,(aza - ~w t6m~~"t"othdah/' ~VeMZÒ cd~ Prot. n. 2084/s.E. lì, 21.aprile 2015 Ai Sigg. Sindaci, Commissari Straordinari e Prefettizi e Segretari comunali della provincia Loro Sedi Al Presidente dell'ufficio

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

Prefettura di Macerata

Prefettura di Macerata Elezioni comunali del 06 e 07 maggio 2012 DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE Si è tenuta in data odierna, presso questa Prefettura, la riunione per la disciplina della propaganda elettorale in occasione

Dettagli

Disciplinare di propaganda elettorale

Disciplinare di propaganda elettorale ELEZIONI del Presidente della Giunta Regionale e dell'assemblea legislativa dell'umbria del 31 MAGGIO 2015 Disciplinare di propaganda elettorale Art. 1. Utilizzo locali di proprietà comunale (art.19 comma

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEI CONSIGLI PROVINCIALI E DEI COLLEGI DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ALBI DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI CUI ALLA LEGGE 11/01/1979 N. 12.

Dettagli

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE AZIONE PER LA ELEZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ( RLS ) DI FCA E CNHI CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL Le elezioni si terranno in tutti i siti di FCA e CNHI a partire

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

REGIONE SICILIANA. Servizio Elettorale ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA REGIONE SICILIANA Servizio Elettorale PUBBLICAZIONE N. 2 R ELEZIONE DIRETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE E DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE DEI CANDIDATI ASSESSORATO

Dettagli

StudentIngegneria STATUTO

StudentIngegneria STATUTO 1 StudentIngegneria STATUTO Articolo 1. COSTITUZIONE 1. E costituita presso l Università degli Studi di Salerno l Associazione denominata: StudentIngegneria Articolo 2. DENOMINAZIONE SEDE E LOGO 1. Il

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI PARTECIPAZIONE POPOLARE ALL AMMINISTRAZIONE LOCALE

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI PARTECIPAZIONE POPOLARE ALL AMMINISTRAZIONE LOCALE COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI PARTECIPAZIONE POPOLARE ALL AMMINISTRAZIONE LOCALE Approvato con atto del Consiglio Comunale n. 98 del 15/07/2002 ed in vigore dal 21 agosto

Dettagli

D.L. 15 febbraio 2008, n. 24 (1). Disposizioni urgenti per lo svolgimento delle elezioni politiche ed amministrative nell'anno 2008.

D.L. 15 febbraio 2008, n. 24 (1). Disposizioni urgenti per lo svolgimento delle elezioni politiche ed amministrative nell'anno 2008. D.L. 15 febbraio 2008, n. 24 (1). Disposizioni urgenti per lo svolgimento delle elezioni politiche ed amministrative nell'anno 2008. --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Città di Fossano. Provincia di Cuneo-Ufficio Censimento. 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (Ottobre 2011 Gennaio 2012)

Città di Fossano. Provincia di Cuneo-Ufficio Censimento. 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (Ottobre 2011 Gennaio 2012) Città di Fossano Provincia di Cuneo-Ufficio Censimento 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI (Ottobre 2011 Gennaio 2012) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI PER FORMAZIONE

Dettagli

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Agrigento Ufficio Territoriale del Governo ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 DISCIPLINA DELLA PROPAGANDA ELETTORALE In vista dello svolgimento delle prossime consultazioni elettorali (amministrative nei Comuni di Agrigento, Cammarata, Licata, Raffadali,

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015

ELEZIONI REGIONALI 2015 CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA ELEZIONI REGIONALI 2015 ELEZIONI REGIONALI 2015 V A D E M E C U M CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA ELEZIONI REGIONALI 2015 V A D E M E C U M CONSIGLIO REGIONALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME ***** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REFERENDUM CONSULTIVO Art. 1 Il presente Regolamento disciplina i referendum consultivi previsti dell'art.30 dello Statuto. Art.

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 773 Prot. n. P324/cr VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Articolo 17 novies della legge provinciale 16 giugno 2006, n. 3 (Norme in

Dettagli

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI

Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI Circolare n. 11/ 2015 Roma, 8 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ARGOMENTI 1. Fonti normative 2. Composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica 3. Assegnazione dei seggi alle circoscrizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM. Approvato con atto consigliare n 105 del 18.12.1997, regolarmente esecutivo.

REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM. Approvato con atto consigliare n 105 del 18.12.1997, regolarmente esecutivo. REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM Approvato con atto consigliare n 105 del 18.12.1997, regolarmente esecutivo. Esecutivo dal 15 febbraio 1998 - 2 - CAPO I Principi generali ARTICOLO 1 1. Il presente

Dettagli

INDICE TITOLO I ISTANZE, PETIZIONI E PROPOSTE DI DELIBERAZIONE CAPO I ISTANZE

INDICE TITOLO I ISTANZE, PETIZIONI E PROPOSTE DI DELIBERAZIONE CAPO I ISTANZE INDICE TITOLO I ISTANZE, PETIZIONI E PROPOSTE DI DELIBERAZIONE CAPO I ISTANZE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istanze Art. 3 - Modalità di presentazione Art. 4 - Esito e comunicazioni CAPO II PETIZIONI Art.

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

1 Assicurazione Alunni e Contributo Volontario Genitori A. S. 2013/2014

1 Assicurazione Alunni e Contributo Volontario Genitori A. S. 2013/2014 Cir. n. 51/c23 prot. 3617/c27 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca A tutti i genitori dell Ist. Comprensivo Leonardo da Vinci Settala Sito, sez. genitori Considerata la necessità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Procedimenti Affari Generali : Dr.Luigi Calza tel. 089-8122516 Email: affari generali@comune.positano.sa.it

Procedimenti Affari Generali : Dr.Luigi Calza tel. 089-8122516 Email: affari generali@comune.positano.sa.it : Dr.Luigi Calza tel. 089-8122516 Email: affari generali@comune.positano.sa.it i del 45 Iscrizione anagrafica dei senza fissa dimora delegato 90 gg 46 47 Variazioni di residenza all'interno del Comune

Dettagli