LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto"

Transcript

1 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE Il docente! Giorgio Giacinto Prof. Associato ING-INF/05 Attività di ricerca! Pattern Recognition! Sistemi multipli di classificazione di dati! Sicurezza informatica! Interrogazione di archivi multimediali Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 2

2 Contatti Telefono Ufficio Pad. B Dip. Ing. Elettrica ed Elettronica Via Is Maglias 3 piano Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 3 ORGANIZZAZIONE DEL CORSO

3 Contenuti del corso! Concetti di base relativi alla programmazione di un calcolatore elettronico! Programmazione in linguaggio C livello base! Basi di Dati relazionali: progettazione e interrogazione Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 5 Materiale didattico per il corso! All indirizzo sono disponibili! Il calendario delle lezioni! Le presentazioni utilizzate a lezione in formato PDF! Gli esempi illustrati in aula! I testi con soluzione di alcuni esami degli anni precedenti Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 6

4 Bibliografia! Libri di testo Ceri, Mandrioli, Sbattella Informatica Programmazione, McGraw- Hill Italia, 2006 Ramakrishnan, Gehrke Sistemi di Basi di Dati McGraw-Hill Italia, 2004! Testo di riferimento per il linguaggio C Kernigham and Ritchie, The C Programming Language (2 nd ed, ANSI C), Prentice Hall, 1988! Testi di consultazione qualunque testo universitario di programmazione in linguaggio C e di progettazione e interrogazione di basi di dati Questi testi sono disponibili presso la Biblioteca Centrale di Ingegneria Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 7 Software! Compilatori Linguaggio C! Windows! Visual Studio Express, di Microsoft, disponibile gratuitamente (compilatore a riga di comando)! PellesC! Mac OS! Compilatore GNU C e ambiente di sviluppo sono integrati negli strumenti di sviluppo Xcode! Linux! Tutte le versioni di Linux comprendono un ambiente di sviluppo C (opzionale) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 8

5 Software! RDBMS! PostgreSQL Open-Source, multipiattaforma, conforme standard SQL. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 9 Chiarimenti sugli argomenti del corso! Durante lo svolgimento della lezione! Durante gli intervalli all interno di una lezione! Per posta elettronica Utilizzando i forum (ad es. Presso il mio studio previo appuntamento Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 10

6 Valutazione! Appelli durante l anno secondo quanto stabilito dalla Facoltà di Ingegneria! 3 appelli fra gennaio e febbraio; 2 appelli a settembre; 3 appelli fra giugno e luglio! Contenuto: prova scritta con esercizi relativi ai diversi argomenti trattati nel corso! Durata: 100 min! Valutazione: Punteggio max pari a 32 punti. Se voto finale = 32 allora 30 e lode. Se voto finale! 15, orale obbligatorio. Negli altri casi, orale opzionale. (Orale valutato max 3 punti addizionali) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 11 INTRODUZIONE

7 Tecnologia e magia da A Passo di Gambero, U. Eco, Bompiani, 2006! L utente [del computer] schiaccia un bottone e ribalta una prospettiva, si collega con un corrispondente lontano, ottiene i risultati di un calcolo astronomico, ma non sa più che cosa ci sta dietro (eppure ci sta). L utente vive la tecnologia del computer come magia. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 13 Tecnologia e magia da A Passo di Gambero, U. Eco, Bompiani, 2006! Per magia si può intendere la presunzione che si possa passare di colpo da una causa a un effetto per cortocircuito, senza compiere i passi intermedi.! La magia ignora le catene lunghe delle cause e degli effetti e soprattutto non si preoccupa di stabilire provando e riprovando se ci sia un rapporto replicabile tra causa ed effetto! Il desiderio della simultaneità tra causa ed effetto si è trasferito alla tecnologia. La tecnologia fa di tutto perché si perda di vista la catena delle cause e degli effetti. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 14

8 Ciclo di vita della tecnologia Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 15 Ciclo di vita della tecnologia (cont.) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 16

9 Esempio: Apple inc. Newton ( ) iphone (2007) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 17 Ciclo di vita del calcolatore elettronico: dove ci troviamo?! La tecnologia informatica è ancora molto giovane.! Sopravvive tuttora l idea che chi non è passato attraverso i riti di iniziazione all arte di programmare non debba essere ammesso nella confraternita dei legittimi utilizzatori di computer.! Finora sono stati sviluppati potenti linguaggi di programmazione che permettono di risolvere i problemi tecnici di calcolo. La maggior parte dei programmatori sa scrivere programmi capaci di eseguire operazioni mirabolanti, ma inutilizzabili per chi non è uno specialista del ramo. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 18

10 Perché è difficile usare il calcolatore? «Kenneth Olsen, l ingegnere elettronico che ha fondato e ha diretto la Digital Equipment Corp. [assorbita dalla Compaq, a sua volta assorbita da HP], ha confessato alla riunione dei soci che non ha capito come si fa a riscaldare una tazza di caffè nel forno a microonde prodotto dalla sua azienda» «Bisogna essere laureati in ingegneria al MIT per farlo funzionare», mi disse una volta un tale, scuotendo la testa perplesso davanti al suo orologio nuovo di zecca. Bene, io la laurea in ingegneria al MIT ce l ho (K. Olsen ne ha due e non riesce a far funzionare un forno a microonde): datemi qualche ora di tempo e arrivo a capire come funziona l orologio. Ma perché mai devono volerci delle ore? Ho parlato con tanta gente che non riesce a usare tutte le funzioni della lavatrice o della macchina fotografica, che non riesce a far funzionare una macchina per cucire o un videoregistratore, che accende regolarmente il fuoco sbagliato sul piano di cottura della propria cucina Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 19 La progettazione centrata sull uomo La mente umana è tagliata su misura per ricavare dal mondo un senso compiuto. Considerate gli oggetti - libri, radio, interruttori della luce, ecc. - che formano il nostro ambiente quotidiano. Gli oggetti ben progettati sono facili da interpretare e comprendere: contengono indizi visibili sul loro funzionamento. Gli oggetti progettati male possono essere difficili e frustranti da usare: non offrono indizi o ne danno di sbagliati. Questo testo con i due precedenti sono tratti da D.A. Norman, La Caffettiera del Masochista - Psico-patologia degli oggetti quotidiani, Giunti, 1997 (ed. orig. 1988). Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 20

11 Il calcolatore invisibile! Calcolatore dedicato a specifiche funzioni! L utente non deve preoccuparsi dell hardware, del sistema operativo ecc.! Interconnessione fra diversi sistemi dedicati per scambio informazioni (es. elaboratore testi con agenda, , ecc.)! Oggi abbiamo diversi esempi: telefoni cellulari, impianto iniezione auto, elettrodomestici intelligenti, macchina fotografica digitale, lettori multimediali. ma spesso il calcolatore NON è invisibile serve un corposo manuale o un insegnante Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 21 Catalogo Sears del 1918 Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 22

12 COS È L INFORMATICA Che cos è l informatica Arte o scienza? (http://www-cs-faculty.stanford.edu/~knuth)! Si può dire che l informatica è un arte basata sulla scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione! Non è la scienza e la tecnologia dei calcolatori elettronici! Non sono le molteplici applicazioni dei calcolatori elettronici! Essendo una scienza, cioè approccio sistematico e rigoroso, l elaborazione dell informazione può avvenire in modo automatico.! Il calcolatore elettronico è uno strumento di calcolo potente che permette la gestione di quantità di informazioni altrimenti intrattabili Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 24

13 Aree disciplinari dell informatica L Association for Computing Machinery (ACM, ha individuato 5 aree disciplinari principali! Computer Engineering: progetto e costruzione di calcolatori e di sistemi basati su calcolatori (hardware, software, comunicazione, ecc.)! Computer Science: vasta gamma di argomenti, dalla teoria degli algoritmi agli argomenti di frontiera come bioinformatica, robotica, visione artificiale,! Information Systems: integrazione delle tecnologie dell informazione con i processi aziendali! Information Technology: rispetto all area precedente, è più focalizzata alle tecnologie abilitanti più che al trattamento dell informazione! Software Engineering: sviluppo e manutenzione del software che deve essere affidabile ed efficiente, e soddisfare i requisiti definiti dagli utenti Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 25 CENNI STORICI

14 Breve storia dei sistemi di elaborazione! Primi sistemi: meccanici! Pascal (1642): addizione e sottrazione! Leibniz (1700): le 4 operazioni fondamentali! Nuove idee solo 150 anni più tardi!! Babbage (1834): motore analitico, un calcolatore programmabile. Il calcolatore era capace di eseguire istruzioni elementari per mezzo delle quali era possibile risolvere diversi problemi.! Inizia era calcolatori general purpose! Uno stesso calcolatore può essere programmato per svolgere compiti diversi (es. elaborazione testo, calcoli scientifici, posta elettronica, ecc.) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 27 Breve storia dei sistemi di elaborazione (cont.) Data Nome Realizzato da Commento 1834 Motore Analitico Babbage Primo tentativo di calcolatore "digitale" (meccanico) 1936 Z1 Zuse Primo calcolatore funzionante con r elé (elettromeccanico) 1943 COLOSSUS Governo GB Primo calcolatore elettronico 1944 Mark I Aiken Primo calcolatore americano generalpurpose 1946 ENIAC I Eckert/Mauchley Inizia La storia dei calcolatori moderni 1949 EDSAC Wilkes Primo calcolatore con programma in memoria 1951 Whirlwind I M.I.T. Primo calcolatore real-time 1952 IAS Von Neumann La maggior parte dei calcolatori oggi usa la stessa architettura 1960 PDP-1 DEC Primo minicalcolatore (venduti 50) IBM Piccolo calcolatore che diventò popolare nelle piccole imprese IBM Posizione dominante nel calcolo scientifico nei primi anni '60. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 28

15 Breve storia dei sistemi di elaborazione (cont.) Data Nome Realizzatore Commento 1963 B5000 Burroughs Primo calcolatore progettato per un linguaggio di alto l i- vello IBM Primo progetto di una famiglia di prodotti CDC Primo supercomputer scientifico 1965 PDP-8 DEC Primo minicomputer per il mercato di massa (venduti esemplari) 1970 PDP-11 DEC Dominante nel mercato dei minicomputer anni ' Intel Priimo calcolatore general-purpose a 8 bit su unico chip 1974 CRAY-1 Cray Primo supercomputer vettoriale 1977 Apple II Primo calcolatore con interfaccia grafica 1978 VAX DEC Primo superminicomputer a 32 bit 1981 IBM PC IBM Inizia l'era del personal computer 1981 Xerox Star Primo personal computer con interfaccia grafica 1985 MIPS MIPS Primo calcolatore RISC commerciale 1987 SPARC Sun Prima workstation RISC basata su processore SPARC 1990 RS6000 IBM Primo calcolatore superscalare??? Il calcolatore invisibile! Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 29 ENIAC Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 30

16 Alcuni Personal Computer di prima generazione Apple Macintosh 1984 Apple Lisa 1983 Osborne Compaq (portatile) 1983 Xerox Star 1981 Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 31 Un moderno Centro di Elaborazione Dati (CED) Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 32

17 Il LINGUAGGIO C Perché il linguaggio C?! Nella seconda metà degli anni 60 grande impulso allo sviluppo di sistemi operativi (innovators)! il Mit, i Bell Labs e la General Electric progettarono MULTICS (Multiplexed Information and Computing Service)! I Bell Labs ad un certo punto uscirono dal progetto. Un loro ricercatore (Ken Thompson) decise di riscrivere MULTICS su un piccolo calcolatore! Un altro ricercatore dei Bell Labs (Brian Kernigham) chiamò quel sistema UNICS (Uniplexed Information and Computing Service)! gioco di parole con l inglese eunhucs! A questo punto i Bell Labs si interessano al lavoro: interviene Dennis Ritchie. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 34

18 Perché il linguaggio C?! A questo punto ( ) decisero di scrivere UNIX in un linguaggio di alto livello! Thompson progettò il linguaggio B che non funzionò tanto bene! Ritchie progettò il successore del B, il C! Nel 1974 Ritchie e Thompson pubblicarono un articolo su UNIX! Molte università richiedettero UNIX. Essendo i Bell Labs parte di AT&T (monopolio regolato), non poteva vendere computer e cedette UNIX all università per un prezzo modesto.! Molti ricercatori iniziarono a lavorarci essendo decisamente più evoluti dei SO fatti in casa utilizzati dai singoli dipartimenti Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 35 Ritchie (in piedi) e Thompson Porting di UNIX su PDP-11 Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 36

19 Perché il linguaggio C?! Da allora UNIX è stato il Sistema Operativo più usato nelle Università, in sistemi commerciali e, più tardi, nella rete Internet! Oggi diffusione anche maggiore grazie a distribuzioni per personal computer IBM compatibili (Linux) e Apple Mac (Mac OS X)! Questo ha contribuito a rendere C un linguaggio di programmazione diffuso oltre alla praticità d uso! DI conseguenza oggi parte del software, soprattutto open source, è scritto in C. Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 37 LE BASI DI DATI

20 Storia! Nel 1953 il Presidente della American Airlines C.R. Smith e R. Blair Smith, un reponsabile commerciale IBM, si incontrarono durante un volo da Los Angeles a New York. Ebbero l idea di creare un sistema di prenotazioni aeree completamente automatico! Nel 1959 AA e IBM annunciarono l intenzione di creare un sistema chiamato Semi-Automatic Business Research Environment SABRE Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 39 Primi sistemi di basi di dati! Con SABRE naque il primo database! Negli anni 60 e 70 sviluppi tecnolgoici, teorici e metodologici! Nel 1972 E.F. Codd (ricercatore IBM) propose il modello relazionale che è ancora uno standard! Nel 1976 P. Chen propose il modello ER per la progettazione concettuale di basi di dati! Anni 80: standardizzazione (ANSI) del linguaggio SQL per definizione dei dati e interrogazione Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 40

21 Sistemi di basi di dati! Numerosi produttori! IBM! Oracle! Microsoft!! Prodotti open-source con licena gratuita per utilizzo personale! MySQL! PostgreSQL Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 41 Basi di dati geografiche! Consentono la memorizzazione di dati geografici e l interrogazione mediante proprietà spaziali! Sono spesso moduli aggiuntivi ai RDBMS per dati alfanumerici! Oracle GIS! PostGIS! Giorgio Giacinto 2010 Laboratorio di Informatica 42

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009)

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) Parte I Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) I.1 Evoluzione degli Elaboratori N.B. Quasi tutto è successo negli ultimi 50 anni I.2 Generazione 0 (1600-1945) Pascal (1623-1662) Pascaline:

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Lerina Aversano Anno Accademico 2006/ 2007 Informazioni preliminari 6 crediti (circa 52 ore di lezione) 36 ore di lezione 8 ore di esercitazione 8 ore di laboratorio 1 Orario delle

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Un po di storia. Fu Herman Hollerith, nel 1890, a sviluppare la macchina a schede perforate

Un po di storia. Fu Herman Hollerith, nel 1890, a sviluppare la macchina a schede perforate Introduzione Ing. Leonardo Rigutini Ph.D. Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 53 53100 Siena - Italy rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/ Cos è

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio

SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio SISTEMI OPERATIVI alla base di tutto 1 Sistemi Operativi: avvio All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario

Dettagli

Sistemi Operativi. Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi

Sistemi Operativi. Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi Sistemi Operativi Il sistema operativo: generalità Storia ed evoluzione dei sistemi operativi Un sistema di elaborazione dati Sistema bancario Browser Web Prenotazioni aeree Editor Sistema Operativo Compilatori

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici (5 crediti) A.Marchetti Spaccamela a.a. 2006/2007 Informazione generali sul corso Obiettivo del corso: Conoscenza del funzionamento di un calcolatore elettronico Verifica Prova

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Hardware e Software. 09/10/01 Introduzione all'informatica 1. Il Computer. Il computer è un elaboratore elettronico digitale:

Hardware e Software. 09/10/01 Introduzione all'informatica 1. Il Computer. Il computer è un elaboratore elettronico digitale: Hardware e Software Il termine Hardware (HW) indica la struttura fisica del computer costituita dai componenti elettronici interni ed esterni. Il software è l insieme dei programmi che consentono all HW

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base

Fondamenti di Informatica. Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Fondamenti di Informatica Allievi Automatici A.A. 2014-15 Nozioni di Base Perché studiare informatica? Perché l informatica è uno dei maggiori settori industriali, e ha importanza strategica Perché, oltre

Dettagli

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione

Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione I linguaggi di alto livello Fondamenti di Informatica 7. Linguaggi di programmazione Introduzione alla programmazione Caratteristiche dei linguaggi di programmazione I linguaggi di programmazione di alto

Dettagli

Software e Algoritmi. Lezione n. 3

Software e Algoritmi. Lezione n. 3 Software e Algoritmi Lezione n. 3 Software definizione informatica Istruzioni che eseguite da un computer svolgono una funzione prestabilita con prestazioni prestabilite - (programma di alto livello ed

Dettagli

Informatica. Teoria. L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software. Marco Brama 2010-2011

Informatica. Teoria. L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software. Marco Brama 2010-2011 \ 1 Informatica Teoria L architettura dei PC Storia dell informatica Periferiche Reti - Software Marco Brama 2010-2011 La presente dispensa è stata creata appositamente ad integrazione del programma didattico

Dettagli

Sistemi Operativi: avvio

Sistemi Operativi: avvio Sistemi Operativi: avvio All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario tra l hardware del sistema e uno

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) Ing. Agnese Pinto 1 di 21 Informazioni utili Ing. Agnese Pinto: Contatti: Laboratorio di Sistemi Informativi (SisInfLab)

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

Istituti Tecnico Industriale Statale

Istituti Tecnico Industriale Statale Istituti Tecnico Industriale Statale Francesco Giordani Via Laviano 81100 Caserta Classe 1 - Sezione B Spec. MECCANICA Tecnologie informatiche PIANO di LAVORO a.s. 2015/2016 Docente Prof. Francesco Ocarino

Dettagli

Fondamenti di Informatica per la Logistica CdL in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici

Fondamenti di Informatica per la Logistica CdL in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Fondamenti di Informatica per la Logistica CdL in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici A.A. 2014-2015 Prof. Ing. Gianluca Dini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Via Diotisalvi 2, 56100

Dettagli

gestione delle risorse hardware interfaccia verso l utente

gestione delle risorse hardware interfaccia verso l utente Sistemi Operativi: avvio Sistema Operativo: funzioni All avvio del computer, terminate le verifiche del BIOS, il controllo passa al sistema operativo. Il Sistema Operativo opera come intermediario tra

Dettagli

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Fabrizio Riguzzi http://www.ing.unife.it/docenti/fabrizioriguzzi Orario di ricevimento: su appuntamento studio docente, terzo piano, corridoio di destra,

Dettagli

Evoluzione del calcolatore e fondamenti della programmazione

Evoluzione del calcolatore e fondamenti della programmazione Informatica e fondamenti della programmazione Disciplina che si occupa dell informazione e del suo trattamento in modo automatico Mezzi fisici: i computer Mezzi logici: procedimenti di elaborazione, algoritmi

Dettagli

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Fabrizio Riguzzi http://www.ing.unife.it/docenti/fabrizioriguzzi Orario di ricevimento: mercoledì 15-17 studio docente, terzo piano, corridoio di destra,

Dettagli

(5 crediti) Materiale http://www.dis.uniroma1.it/~beraldi/didattica.html Trasparenze integrativo. corso, disponibili sul sito del corso

(5 crediti) Materiale http://www.dis.uniroma1.it/~beraldi/didattica.html Trasparenze integrativo. corso, disponibili sul sito del corso (5 crediti) Calcolatori a.a. R. 2003/2004 Beraldi Elettroni Obiettivo Verifica Libri Conoscenza Prova del corso: del funzionamento di un calcolatore elettronico Informazione Tanenbaum, testo scritta Architettura

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE

ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE Mariagiovanna Sami 1 08-2 - UN PO DI STORIA L idea di calcolatore programmabile risale alla prima metà dell Ottocento - la macchina analitica di Charles Babbage

Dettagli

Breve storia del calcolo automatico

Breve storia del calcolo automatico Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Approfondimenti 01 Breve storia del calcolo automatico Marzo 2010 L architettura del calcolatore 1 Approfondimenti: Storia del calcolo automatico

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Informatica Generale

Informatica Generale Insegnamento di Informatica Generale Corso di Laurea in Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari (aa 2010-2011) Guido Fiorino (guido.fiorino@unimib.it) 1 informazioni.tex:

Dettagli

Anno Accademico 2011-2012 (Triennio)

Anno Accademico 2011-2012 (Triennio) Anno Accademico 2011-2012 (Triennio) Sito del Corso: http://host.uniroma3.it/laboratori/infoeco/idoneita/ Sito del Centro di Calcolo: http://host.uniroma3.it/laboratori/infoeco/ Sito della Facoltà: http://host.uniroma3.it/facolta/economia/

Dettagli

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Minicorso tematico: Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Dott. Francesco Ricca Dipartimento Di Matematica Università della Calabria ricca@mat.unical.it Presentiamoci

Dettagli

Informatica giuridica (corso propedeutico) 1

Informatica giuridica (corso propedeutico) 1 STORIA DELL ELABORAZIONE ELETTRONICA 1 PREISTORIA Abaco a pallottoliere (2000 a.c.) Calcolatrici meccaniche progettate da matematici (Nepero, Pascal, Liebnitz) nel 17 e 18 secolo Charles Babbage (Università

Dettagli

Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione "Alessandro Faedo" 2003: Censimento dei sistemi di Istituto. A cura di Carlo Carlesi

Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione Alessandro Faedo 2003: Censimento dei sistemi di Istituto. A cura di Carlo Carlesi Istituto di Scienza e Teonologie dell'informazione "Alessandro Faedo" 2003: Censimento dei sistemi di Istituto A cura di Carlo Carlesi INDICE Introduzione 1 Istruzioni generali 2 Compilazione moduli Fase

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

LOGISTICA. Informatica. Scopo della lezione. Bibliografia. corso di laurea in Scienze Geologiche

LOGISTICA. Informatica. Scopo della lezione. Bibliografia. corso di laurea in Scienze Geologiche 1 2 LOGISTICA corso di laurea in Scienze Geologiche LEZIONE 1 - Cos è l informatica andrea.trentini@unimi.it Scrivere SOLO da nome.cognome@studenti.unimi.it Ricevimento su appuntamento (mail) www.sl-lab.it

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2. Storia dei sistemi di calcolo

Fondamenti di Informatica 2. Storia dei sistemi di calcolo Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Storia dei sistemi di calcolo Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Obiettivi del corso: Fornire le nozioni di base sull architettura dei sistemi di calcolo Fornire i primi strumenti di descrizione e di analisi dei sistemi digitali Descrivere in modo verticale il funzionamento

Dettagli

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Fabrizio Riguzzi http://ds.ing.unife.it/~friguzzi Orario di ricevimento: su appuntamento studio docente, terzo piano, corridoio di destra, studio n. 339

Dettagli

INFORMATICA GENERALE PRESENTAZIONE DEL CORSO. Dott.ssa Rossella Aiello Dipartimento di Informatica

INFORMATICA GENERALE PRESENTAZIONE DEL CORSO. Dott.ssa Rossella Aiello Dipartimento di Informatica INFORMATICA GENERALE PRESENTAZIONE DEL CORSO Dott.ssa Rossella Aiello Dipartimento di Informatica CONTENUTI DEL CORSO L Informatica come strumento di lavoro L INFORMATICA è uno STRUMENTO DI LAVORO Il nostro

Dettagli

Gian Luca Marcialis studio degli algoritmi programma linguaggi LINGUAGGIO C

Gian Luca Marcialis studio degli algoritmi programma linguaggi LINGUAGGIO C Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica (Industriale), Chimica, Elettrica, e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011

Dettagli

Fondamenti di Informatica MultiDAMS

Fondamenti di Informatica MultiDAMS Fondamenti di Informatica MultiDAMS Docente: Prof. Rossano Gaeta Lezioni: Lunedì ore 8-12 (aula 15) Martedì ore 8-10 (aula 38) Mercoledì ore 8-10 (aula 38) Orario e luogo di ricevimento: sala docenti MultiDams

Dettagli

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Corso di 35 ore: Struttura del

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it I moderni Sistemi Operativi!2 Unix È stato creato da Ken Thompson e Dennis Ritchie nel 1969

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Il Computer!2 Differenti significati (da Wikipedia) elaboratore: in italiano, sottintende un

Dettagli

INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

INTRODUZIONE ALL INFORMATICA INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Cosa è l Informatica? Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Scienza della rappresentazione, memorizzazione, elaborazione e trasmissione

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA. Docente: Erick Baldi Classi: 1AP, 1BP, 2AP, 3AP Sito del corso: www.infoisicast.netsons.org

CORSO DI INFORMATICA. Docente: Erick Baldi Classi: 1AP, 1BP, 2AP, 3AP Sito del corso: www.infoisicast.netsons.org CORSO DI INFORMATICA Docente: Erick Baldi Classi: 1AP, 1BP, 2AP, 3AP Sito del corso: www.infoisicast.netsons.org Perchè insegnare informatica? L'informatica è una attività che copre molti campi applicativi

Dettagli

1.1 Introduzione alle basi di dati

1.1 Introduzione alle basi di dati Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 1.1 Introduzione alle basi di dati Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

INTRODUZIONE ALL INFORMATICA INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Cosa è l Informatica? Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Scienza della rappresentazione, memorizzazione, elaborazione e trasmissione

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Architettura dei calcolatori. Moreno Marzolla http://www.moreno.marzolla.name/

Architettura dei calcolatori. Moreno Marzolla http://www.moreno.marzolla.name/ Architettura dei calcolatori Moreno Marzolla http://www.moreno.marzolla.name/ Copyright Gianluca Palermo http://home.dei.polimi.it/gpalermo/courses.htm Copyright Susanna Pelagatti Copyright 2011, Moreno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Manifesto degli studi A.A. 2014-2015 Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE DIGITALE, a.a. 2014-2015 Per il

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1

Fondamenti di Informatica T-1 Fondamenti di Informatica T-1 Facoltà di Ingegneria Univ. di Bologna Ing. Gestionale (L-Z) Prof. Wilma Penzo 1 Informazioni generali Docente Prof. Wilma Penzo DEIS E-mail: wilma.penzo@unibo.it Tel.: 051-20-93560

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica a.a. 2008/2009 Corso di CALCOLATORI ELETTRONICI Capitolo

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

Analisi e progettazione del software

Analisi e progettazione del software Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Analisi e progettazione del software Introduzione al corso marzo 2015 Qualcuno me l ha mostrato, e io l ho trovato da solo. Detto Zen 1 Analisi e progettazione

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte. Anno Accademico 2014/2015

Informatica per la Storia dell Arte. Anno Accademico 2014/2015 Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura

Dettagli

Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici

Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici Origini e caratteristiche dei calcolatori elettronici Lunedì, 09 ottobre 2006 Supercomputer, mainframe 1 Server, workstation, desktop, notebook, palmare Un po di storia 1642 Biagio Pascal 1671 Leibniz

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Applicazione: Sistema Orchestra

Applicazione: Sistema Orchestra Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Progr_ne/Controllo Applicazione: Sistema Orchestra Amministrazione: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Contenuti del Corso Riferimenti Regole del Corso Materiale Didattico Scheduling Esami Strumenti Software 16/01/2013 2 Contenuti

Dettagli

Presentazione del Corso di: Informatica Grafica (a.a. 2005/2006)

Presentazione del Corso di: Informatica Grafica (a.a. 2005/2006) Presentazione del Corso di: Informatica Grafica (a.a. 2005/2006) Titolare del Corso: Dott. Marcello CASTELLANO Calendario delle Lezioni I semestre Inizio lezioni 27/09/2005 Interruzioni per esoneri 14-26/11/2005

Dettagli

Scopo della lezione. Informatica. Informatica - def. 1. Informatica

Scopo della lezione. Informatica. Informatica - def. 1. Informatica Scopo della lezione Informatica per le lauree triennali LEZIONE 1 - Che cos è l informatica Introdurre i concetti base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare le applicazioni

Dettagli

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Il software Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline 1 Il software Outline Il software 1 Il software Algoritmo Sequenza di istruzioni la cui esecuzione consente di risolvere uno

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Introduzione

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Introduzione Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Introduzione Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Definizione di sistema operativo Evoluzione dei sistemi operativi Cenni

Dettagli

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Istituto Universitario Navale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica Modulo 1 Programma dell'a.a. 2003/2004 Luigi Romano Dipartimento di Informatica

Dettagli

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia

Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Sistemi Operativi I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Introduzione: 1. Principi di base dei sistemi operativi 2. Sistemi

Dettagli

Appunti del corso di Informatica Generale 1 (IN110 Fondamenti) 1 Presentazione del corso

Appunti del corso di Informatica Generale 1 (IN110 Fondamenti) 1 Presentazione del corso Università Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica Generale 1 (IN110 Fondamenti) 1 Presentazione del corso Prof. Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE

INGEGNERIA DEL SOFTWARE INGEGNERIA DEL SOFTWARE A.A. 2014 2015 Pasquale Ardimento, Nicola Boffoli, Danilo Caivano, Giuseppe Visaggio Sommario ð Il Piano del Corso ð Svolgimento degli Esami ð Bibliografia ð Materiale didattico

Dettagli

Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU)

Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU) Corso di INFORMATICA AZIENDALE (4 CFU) Facoltà di Economia - Università di Foggia Laurea specialistica 84/S in Economia e Professioni/Consulenza Aziendale a.a. 2008/2009 Prof. Crescenzio Gallo c.gallo@unifg.it

Dettagli

Modulo 7: Reti informatiche Cod. J612 ISBN-13 : 978-88-8433-612-5 pp. 112

Modulo 7: Reti informatiche Cod. J612 ISBN-13 : 978-88-8433-612-5 pp. 112 Patente Europea del Computer AREA WEB ECDL Il sito www.loescher.it/ecdl permette di esercitarsi e consolidare le proprie esperienze per conseguire la Patente Europea del Computer: contiene un archivio

Dettagli

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Panoramica su Linux Cosè Linux Perchè Linux è libero Cosè Linux? Linux è un Sistema Operativo Agisce da interfaccia tra l' uomo e la macchina fornendo

Dettagli

INFORMATICA GENERALE. Prof Alberto Postiglione Dipartim. Scienze della Comunicazione Univ. Salerno. Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE. Prof Alberto Postiglione Dipartim. Scienze della Comunicazione Univ. Salerno. Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno : Introduzione alla Programmazione Bibliografia 14 apr 2010 Dia 2 Curtin, (vecchie

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Calcolatori Elettronici B a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici B a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici B a.a. 2008/2009 INTRODUZIONE AL CORSO Massimiliano Giacomin 1 PROPEDEUTICITA E PRECEDENZE OBBLIGATORIE Corso di laurea primo livello Ing. Informazione PROPEDEUTICITA (ovvero: esami

Dettagli

Introduzione al corso. Informatica (12BHD) A.A. 2011/2012

Introduzione al corso. Informatica (12BHD) A.A. 2011/2012 Introduzione al corso Corso di Insegnamento obbligatorio, 8 crediti, 2 Semestre Corso n. 7 Studenti con cognomi compresi tra DILB e FIOU Docenti: Fulvio Corno (lezioni, esercitazioni in aula) Sandro Cumani

Dettagli

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15 Valeria Cardellini E-mail: cardellini@ing.uniroma2.it

Dettagli

Architettura degli Elaboratori

Architettura degli Elaboratori Architettura degli Elaboratori CdL in Informatica Università degli Studi di Bari Corsi A, B e C F.Tangorra, S.Pizzutilo, N.De Carolis Cosa studieremo? Concetti generali Evoluzione storica dei calcolatori

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Capra, Lanzavechia, Rosti 1

Capra, Lanzavechia, Rosti 1 Laboratorio di Abilità Informatiche http://dcssi.istm.cnr.it/lanzavecchia/do cumenti/lodi.htm Salvatore Lanzavecchia Dipartimento di Chimica Strutturale Via G. Venezian 21 20133 Milano E-mail: labinf01@unimi.it

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica (classe 23/S: Informatica) Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche (classe 23/S: Informatica)

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.1) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio L elaboratore elettronico Nasce come strumento

Dettagli

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1.

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1. Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 2 Computer hardware 1 OBIETTIVI Identificare, descrivere, installare

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco

Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Introduzione all informatica (cosa è, di cosa si occupa) 9/2/2015 Informatica applicata alla comunicazione multimediale Cristina Bosco Indice - Di cosa si occupa l informatica? - Cosa sono gli algoritmi?

Dettagli

Sistemi Operativi e Linguaggi

Sistemi Operativi e Linguaggi Sistemi Operativi e Linguaggi 1969: nasce UNIX Ken Thompson (sinistra) Dennis Ritchie (destra) 2 Unix Unix racchiudeva in sé i concetti migliori fin ad allora elaborati, come la multiutenza e il time sharing,

Dettagli

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14

Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2013/14 Valeria Cardellini E-mail: cardellini@ing.uniroma2.it

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO. Lezione 1

IL SISTEMA OPERATIVO. Lezione 1 IL SISTEMA OPERATIVO Lezione 1 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Il Modello di Von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia

Dettagli

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL Open Materiale e riferimenti - Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL-Modulo-1-Parte-1 Concetti di base della

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Strutturata

Laboratorio di Programmazione Strutturata Laboratorio di Programmazione Strutturata Facoltà di Scienze e Tecnologie per i Media Anno 2008/2009 Dati Generali Docente del corso : Dott. Tulimiero Davide Materiale del corso : Corso completo di programmazione

Dettagli