ANNUARIO DEI FONDI IMMOBILIARI ITALIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNUARIO DEI FONDI IMMOBILIARI ITALIANI"

Transcript

1 Maurizio Cannone Gabriele Frontoni - Pier Emilio Gadda - Cristina Giua - Luca Macchiavelli Mariarosaria Marchesano - Gianclaudio Torlizzi ANNUARIO DEI FONDI IMMOBILIARI ITALIANI e delle aziende del Real Estate Nomi e numeri dei protagonisti 2011

2 PER IL LETTORE Prima edizione dell Annuario dei Fondi Immobiliari italiani e delle aziende del Real Estate. Uno strumento di consultazione per il lavoro quotidiano, uno strumento di comunicazione per gli operatori. Realizzato eslusivamente da giornalisti specializzati, con interventi dei più autorevoli professionisti. (I dati raccolti sono forniti dalle aziende e si riferiscono al )

3 SOMMARIO I a Edizione - Giugno 2011 Copyright Giornalisti Associati Srl Propietaria del marchio monitorimmobiliare.it Tutti i diritti riservati Art director e graphic designer Il primo Annuario, gli operatori alla luce del sole Verso una nuova stagione del Real Estate Etica, ricetta per la ripresa Evviva i fondi immobiliari italiani! Mondo delle costruzioni e fondi immobiliari L importanza della valutazione Fondi immobiliari fattore chiave nella trasformazione del settore Sgr in cerca d'autore Aspettative positive per il prossimo biennio Prezzi degli immobili impliciti nelle quotazioni a sconto dei fondi Indice BNP Paribas REIM Sezione SGR Società di gestione del risparmio italiane Sezione Real Estate Selezione delle aziende italiane Rassegna delle notizie 2010 Indice dei nomi Ringraziamenti

4 ANNUARIO2011 Maurizio Cannone Il primo Annuario, gli operatori alla luce del sole di Maurizio Cannone, giornalista Responsabile Monitorimmobiliare, collaboratore Il Sole 24 Ore e Corriere della Sera Questo è il primo Annuario ufficiale dei fondi immobiliari italiani, con uno spazio dedicato alle aziende del real estate che a vario titolo sono coinvolte nella filiera. E il primo volume a mappare il settore in maniera approfondita, visto che finora non era disponibile un elenco completo degli operatori. Una circostanza che ci ha convinto a varare questo progetto. La necessità vitale di trasparenza prima di tutto. Non è accettabile che un settore dal quale dipendono le nostre pensioni, i nostri risparmi e lo stesso sviluppo del settore immobiliare in Italia possa consentire una tale opacità. Che siano fondi riservati a operatori istituzionali o aperti al retail devono sempre e comunque essere autorizzati dalla Banca d Italia. Non si comprende allora perché sia tanto difficile ottenere dalle stesse Sgr (solo da alcune) i dati riguardanti i fondi da loro gestiti. Raccogliere i numeri dalle Sgr è stato estremamente complesso, frutto di trattative con le varie aziende che si sono rivelate talvolta sospettose. Proprio per dimostrare la serietà del progetto questa attività di raccolta ed elaborazione è stata curata da solidi giornalisti del settore, che ringrazio per l accuratezza del lavoro svolto a supporto dell Annuario: Maria Rosaria Marchesano (collaboratrice de Il Mondo), Gabriele Frontoni (Italia Oggi e Milano Finanza), Cristina Giua (Il Sole 24 Ore e vero pilastro di Monitorimmobiliare.it), Pier Emilio Gadda (Il Mondo e Milano Finanza). Grazie di cuore anche a Evelina Marchesini ANNUARIO che ci ha regalato un suo intervento nella prefazione. Il legislatore ha già dato il suo giudizio su questa opacità del sistema e lo ha colpito con un imposizione fiscale che mette in crisi il settore e potrebbe rivelarsi un freno insopportabile per lo sviluppo futuro del real estate italiano. Ma è la scarsa trasparenza e i comportamenti elusivi di pochi che hanno portato a questo punto e non poteva essere altrimenti. Per chi lamenta la durezza del provvedimento forse serve ricordare che i vertici di una società quotata del settore immobiliare sono agli arresti domiciliari con l accusa di aggiotaggio, false comunicazioni, insider trading. Azienda che in fase di collocamento ha presentato una valutazione effettuata da un agenzia immobiliare su strada e che ha creato un fondo immobiliare gestito da un importante Sgr. Se questo fosse il real estate italiano sarebbe giusto varare norme punitive. Ma non lo è, anzi è costituito da aziende che possono assicurare la crescita del Paese. Il dubbio riguarda invece le strutture di controllo. Esistono fondi elusivi? Certamente sì. Ma sono stati comunque autorizzati dagli organi di vigilanza. Non ha senso allora imporre una tassazione, addirittura retroattiva, che riguarda buoni e cattivi, specie oggi che il Ministero dell Economia è guidato da Giulio Tremonti che il settore immobiliare conosce bene. Ma questo Annuario nasce nel momento peggiore del settore anche per dimostrare che è possibile varare nuovi progetti anche quando l economia in generale non gode di buona salute. Abbiamo individuato un esigenza del mercato, valutato costi e ricavi senza considerare quanto le aziende fossero disposte a investire, abbiamo creduto nel progetto e portato fino in fondo. Abbiamo dato lavoro ad almeno dieci persone direttamente, possiamo vantare di essere stati i primi a realizzare un prodotto del genere contribuendo alla crescita del settore, e chiudiamo l operazione in utile, modesto ma sempre utile. Credo che questa sia la strada. Serietà, lavoro e dedizione.

5 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Verso una nuova stagione del Real Estate di Evelina Marchesini Responsabile redazioni Casa&Case, Mondo Immobiliare-Il Sole 24 Ore Fondi immobiliari, grandi sconosciuti. Credo di essere stata la prima giornalista economica specializzata a occuparmi dopo anni di militanza nel settore del risparmio gestito e, più in generale, delle pagine di Finanza del Sole 24 Ore di strumenti di gestione collettiva degli immobili. Sono passati più di dieci anni dal lancio dei primi prodotti. Ricordo con affetto quel misto di titubanza e curiosità che guidava le chiacchierate con i due pionieri del settore, Gerardo Solaro del Borgo e Michele Cibrario. Il primo alla guida di Deutsche Bank Fondimmobiliari Sgr, società che lanciò il primo prodotto a essere poi quotato, il secondo a capo fino a pochi mesi fa di Bnl Fondi Immobiliari Sgr (poi assorbita nella galassia Bnp Paribas), che seguì a ruota Deutsche Bank: allora il boom del mercato immobiliare era appena iniziato e all orizzonte si vedevano solo rose e ritorni allettanti. Così allettanti che quel 5% di rendimento target veniva giudicato ben poca cosa rispetto alle potenzialità dello strumento. Allora in realtà nessuno realisticamente pensava che il settore sarebbe cresciuto così tanto e in così poco tempo. La crescita invece c è stata eccome, ma ha deluso chi vedeva nei fondi immobiliari la nuova frontiera del risparmio gestito, vale a dire quello strumento in grado di bilanciare i portafogli delle famiglie italiane con un maggiore investimento indiretto negli immobili e con la possibilità di puntare su settori diversi dal residenziale. In realtà, però, la parte del leone nello sviluppo dei fondi immobiliari l hanno fatta gli investitori istituzionali e i grandi detentori di patrimoni immobiliari privati, tante volte con intenti più elusivi che di sana gestione collettiva. Peccato per i risparmiatori Evelina Marchesini singolarmente presi, che avrebbero potuto avere uno strumento più diffuso e democratico per puntare sul mattone, come invece accade per esempio per i fondi aperti tedeschi. La situazione è un po migliorata con le correzioni recenti, che consentono per esempio ai fondi pensione di diversificare gli investimenti utilizzando anche quote di fondi immobiliari e quindi, indirettamente, riportano il mattone gestito nei portafogli degli italiani. Cosa è mancato in un decennio? In parte la comunicazione e la trasparenza: tuttora se fate un giro in diversi sportelli bancari chiedendo informazioni sui fondi immobiliari sapranno darvi ben poche spiega- ANNUARIO ANNUARIO zioni sensate. Ma anche se aprite i siti delle Sgr immobiliari avrete scarsa soddisfazione: al contrario di quello che avviene per i fondi comuni d investimento, le informazioni sugli investimenti, le strategie, i costi dei fondi immobiliari sono davvero scarse. Un esempio: su Mondo Immobiliare-Il Sole 24 Ore abbiamo reso disponibile, fin dall inizio, una tabella dettagliata sui fondi immobiliari. Ci sono voluti mesi per convincere le Sgr real estate a fornirci i dati e ancora oggi ogni mese è una fatica raccogliere i dati aggiornati: chissà perché le società sono convinte che un informazione con aggiornamento semestrale sia più che sufficiente (anche se la cronaca e la storia recente dimostrano bene che in sei mesi possa anche cambiare il mondo...). Poi c è il nodo del dibattito fondo aperto/fondo chiuso: di certo la formula del fondo aperto anche nella versione delle "finestre continuative" aiuterebbe il piccolo investitore, che non si sentirebbe blindato in uno strumento con poche vie d uscita. Già, perché la quotazione dei fondi immobiliari, che avrebbe dovuto garantire la liquidabilità e liquidità dello strumento, non ha in realtà funzionato, come dimostrano gli scambi esigui e il forte sconto tra quotazione e Nav. Ben venga dunque questo volume, nato con piglio giornalistico e da giornalisti con la voglia di scoprire cosa c è dietro alle solite facciate. Ed è con il coraggio dei pionieri, che ha sempre caratterizzato il mio personale lavoro al Sole 24 Ore, che auguro una ricca serie di aggiornamenti e approfondimenti a questa iniziativa editoriale. E con l appello generale a tutto il mondo del real estate verso l orgoglio della dignità mi auguro che inizi per il mondo immobiliare una terza stagione: la prima è stata quella dei palazzinari e delle borse di soldi per i funzionari compiacenti; la seconda, la nascita del real estate e dei fondi immobiliari; la terza dovrà essere quella della compattezza del settore e della lotta per la trasparenza, la correttezza, la responsabilità degli immobili che si lasciano alle generazioni future.

6 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Etica, ricetta per la ripresa di Paolo Crisafi Segretario Federimmobiliare e Assoimmobiliare ANNUARIO Paolo Crisafi Recentemente Federimmobiliare ha lanciato la rilevazione sulla fiducia degli operatori immobiliari italiani. La rilevazione, condotta, con il supporto scientifico dell Università di Parma, su un campione composto dai più rappresentativi professionisti del settore, ha rilevato un clima sostanzialmente positivo. Secondo un operatore su tre, negli ultimi dodici mesi l attività del settore immobiliare è migliorata, mentre per poco più della metà essa è rimasta invariata rispetto all anno precedente; volgendo lo sguardo al prossimo anno le opinioni si dividono equamente tra stabilità e miglioramento e nessuno paventa scenari peggiorativi. Un quadro piuttosto soddisfacente che viene confermato da quanto emerge in relazione all attività professionale dei singoli intervistati: solo il 7% dei casi, infatti, dichiara che quest ultima è diminuita negli scorsi 12 mesi, a fronte di indicazioni di crescita pari al 53% e di stabilità nel 40% dei casi. Tali indicazioni migliorano ulteriormente se ci si proietta sul business dei mesi a venire: quasi due operatori su tre prevedono che la propria attività aumenterà, circa un terzo ipotizza che rimarrà sui livelli attuali ed appena un residuale 3% ritiene che possa, invece, diminuire. Nonostante, quindi, il perdurare della stretta creditizia delle banche, preoccupate di ripristinare una adeguata solidità patrimoniale, la debolezza economica della domanda e l incerto quadro macroeconomico, le aspettative degli operatori sul settore sono positive e migliori rispetto alla percezione legata all economia nel suo complesso. Pur in questo quadro di moderata fiducia, va ricordato che l industria immobiliare esce dalla famigerata crisi passata alla storia come crisi dei mutui sub-prime fortemente indebolita, avendo perso un numero consistente di operatori e risorse umane, con una conseguente perdita di know how che le imprese faticheranno a ricostruire, e avendo bruciato una percentuale importante della ricchezza complessiva del settore. Nella consapevolezza del duro colpo subito, tuttavia, c è un aspetto positivo che va considerato: la nuova fragilità ha portato gli operatori a ripensare strategie che fino a poco tempo fa rappresentavano la normalità e che invece erano fondate su estremizzazioni del funzionamento della macchina immobiliare e contemporaneamente ha contribuito a riportare al centro del dibattito le tematiche legate all etica imprenditoriale. L etica come insieme di valori che dovrebbero guidare l azione dell uomo in ogni ambito della sua vita, pubblica e privata, e in ogni attività o relazione che intraprende. L importanza di questa cornice di valori all interno della quale indirizzare l operato del singolo nella delicata negoziazione tra libertà individuale e diritti della collettività, è ancor più stringente nel settore immobiliare, in ragione delle ripercussioni immediate e profonde generate sulla vita del ANNUARIO Paese. Tutta la nostra esistenza, infatti, trascorre all interno di immobili. Le abitazioni, gli uffici, le infrastrutture, i luoghi del tempo libero, le strutture alberghiere, commerciali o di cura: la quasi totalità dei momenti di vita dell uomo contemporaneo trascorre nelle città e più nello specifico in complessi immobiliari. La qualità del costruito, quindi, ha un impatto diretto sulla qualità di vita dei singoli e sulla trasformazione del territorio; non solo: dalle caratteristiche del patrimonio costruito dipende anche un ampia fetta dei consumi energetici nazionali. Le caratteristiche di uno stabile, infatti, la sua capacità di conservare il calore, l esposizione, l ottimizzazione degli spazi, la dotazione di impianti per la generazione di energia a partire da fonti rinnovabili e il controllo delle emissioni sono tutti fattori che, se portati a efficienza, permetterebbero notevoli risparmi, la cui consistenza è facilmente intuibile se pensiamo che circa un terzo dei consumi energetici nazionali è prodotta dal settore terziario e residenziale. In questa specificità del settore risiede l unicità e l importanza dell azione e, oserei dire, della missione immobiliare. Nell ultimo decennio si è poi assistito a un ulteriore evoluzione del settore che ha legato la propria attività alla finanza; da tale unione sono nati strumenti di finanza immobiliare, quali i Fondi Immobiliari e le Siiq, che coinvolgono investitori istituzionali e risparmiatori privati ampliando ancora il tema delle responsabilità sociali. In quest ottica si potrebbe definire un fondo come etico andando ad analizzare i relativi obiettivi, la realizzazione degli investimenti e la possibile sostenibilità dello stessi; con caratteristiche anche di minore redditività oltre a particolari regole organizzative e di controllo in capo al gestore. Etico è inoltre voler evitare usi impropri ed elusivi dei fondi immobiliari, con correttivi normativi che però ne possano preservare l operatività potenziandone le capacità operative come collettori di risparmio e di investimenti.

7 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Evviva i fondi immobiliari italiani! di Aldo Mazzocco Beni Stabili SIIQ Vice presidente Assoimmobiliare Pur tra le mille insidie create dalla crisi finanziaria e dalle macchinose riforme normative, dobbiamo prendere atto che i fondi immobiliari italiani hanno superato di slancio i primi dieci anni di vita, rappresentando oggi il nucleo più importante e diffuso dell investimento professionale nel real estate italiano. Nati come costola dei fondi comuni di investimento di diritto italiano (istituiti nel 1983) e decollati nel 1998 a seguito del DLGS n.55/98, i fondi immobiliari italiani si apprestano a vivere la loro terza stagione evolutiva, a valle di una profonda rivisitazione del quadro normativo e regolamentare. La storia non è del tutto lineare e trae origine dalla definizione di fondo di investimento: patrimonio autonomo, suddiviso in quote, di pertinenza di una pluralità di partecipanti gestito in monte. La gestione è affidata (dai partecipanti) ad una Società di Gestione del Risparmio (SGR) con personalità giuridica e capitale distinti da quelli del fondo. Lo strumento si basa quindi su solide fondamenta di collettività di investimento e di separazione tra proprietà e gestione, fin dalle sue origini, ed in analogia con altri prodotti simili sui mercati esteri. Alla fine degli anni 90 vengono lanciati i primi fondi immobiliari di tipo destinati ad un pubblico retail e gestiti da giovanissime società di gestione del risparmio, quasi sempre di emanazione bancaria; il tutto sotto stretta vigilanza della Banca d Italia e di Consob a garanzia del pubblico risparmio. Questi fondi, pur appesantita da liquidità inesistente nella negoziazione dei titoli che costringe ad un orizzonte a scadenza, hanno dato in molti casi ottimi frutti (Securfondo, gestito dalla nostra SGR, registra un rendimento annuo medio tendenziale sopra il 5% netto, dal 1998 ed a 3 anni dal rimborso previsto). Credo si debba ANNUARIO Aldo Mazzocco quindi respingere il luogo comune che il fondo immobiliare retail sia un prodotto superato e che si tratti spesso di un cattivo investimento per il risparmiatore. La passione diffusa degli italiani per l investimento immobiliare, la complessità dell investimento diretto e la impossibilità di accedere a portafogli di grandi dimensioni rendono ancora oggi molto interessante un collegamento trasparente tra i flussi privati di investimento ed i fondi immobiliari retail. Va senz altro risolto l annoso problema della mancanza di liquidità dei fondi quotati attraverso una azione di stimolo esercitata dalle autorità ed attraverso un convinto impegno del sistema bancario e postale a non appesantire di commissioni il collocamento e a non preferire altri prodotti più mobili. Le SGR abilitate ad operare in questo segmento vanno selezionate secondo chiari criteri di professionalità, dimensione e solidità (una sorta di rating). Non va tuttavia ANNUARIO assolutamente trascurato l altro segmento, dominante a partire dalla metà degli anni 2000, dei fondi immobiliari alternativi, destinati ad attrarre i capitali degli operatori istituzionali, italiani ed esteri.l enorme massa di capitali che girano attorno al mondo, in una sorta di cloud finanziaria, non sono generalmente molto interessati a sovrappesare l Italia, per tutte le ragioni che conosciamo ed anche per quelle che vengono alimentate da cattiva stampa e dai soliti luoghi comuni. Ma il mercato immobiliare italiano è ancora apprezzato. E vanno allora offerti veicoli di investimento semplici, fiscalmente concorrenziali con quelli stranieri, gestiti da risorse umane locali che operino secondo standard operativi e manageriali riconosciti internazionalmente. Strumenti facili da capire e da controllare, che non costituiscano una caso particolare all interno degli sconfinati tabulati dei gestori di portafogli. I nuovi fondi Alternativi (e le neonate Siiq società d investimento immobiliare quotate) devono costituire i due principali canali collettori dei capitali mondiali verso il real estate italiano. Lo stock immobiliare rappresenta, più o meno, la metà della ricchezza del Paese ed esso costituirà, soprattutto in futuro, una delle principali fonti di autofinanziamento per la pubblica amministrazione, centrale e periferica. Un grande potenziale di sviluppo, in termini di trasformazione ed in termini di gestione, del patrimonio nazionale. Con rilevantissime ricadute sull occupazione e sulla modernità della infrastruttura immobiliare. E quindi assolutamente stringente la questione di un corretto bilanciamento tra regole e stimoli, centrato sulla necessità di favorire l afflusso di capitali e sulla doverosa disciplina dei comportamenti degli operatori.

8 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Mondo delle costruzioni e fondi immobiliari di Federico F. Oriana Nazionale Aspesi Vice presidente Federimmobiliare Non si può nascondere che sia il mondo dei promotori e sviluppatori immobiliari sia quello, connesso, delle costruzioni hanno guardato all inizio l esperienza dei fondi con una certa diffidenza. Forse anche con un po di sufficienza, perché noi immobiliaristi e costruttori veri, formati sul mattone, abbiamo percepito l ingresso in campo di realtà provenienti dalla finanza e dalle banche come un invasione di soggetti spuri, senza una vera competenza specifica e, quindi, destinati a durare poco. Non è andata così ed è stato un bene, in quanto oggi i fondi rappresentano uno strumento utile anche al nostro mondo. Sotto due profili: come sbocco di alcune tipologie d immobili prodotti che trovano una collocazione difficile sul mercato aperto e come strumento di finanziamento alternativo. Il primo profilo è di specifico interesse dei costruttori che sempre di più costruiscono per i fondi, veicoli in grado di supportare investimenti immobiliari di grandi dimensioni e di lunga durata. Il secondo, come momento di finanziamento alternativo delle operazioni immobiliari, va traguardato alla luce della crisi in atto dei sistemi tradizionali di finanziamento, dicasi quello bancario. Il recente convegno di confronto tra banche e investitori immobiliari, organizzato da Aspesi, ha dimostrato la difficoltà, non la cattiva volontà, degli Istituti di credito di assicurare i finanziamenti necessari per dimensione e durata alle operazioni immobiliari. I requisiti sempre più stringenti in termini patrimoniali e di leverage posti dagli accordi internazionali (Basilea 3) e dalle banche centrali (Bankitalia e BCE) per i finanziamenti ipotecari a medio-lungo termine rendono costoso sotto tutti i punti di vista l intervento bancario della tipologia necessaria per il nostro lavoro. I ANNUARIO Federico F. Oriana fondi d investimento possono rappresentare uno strumento di raccolta di grandi capitali stabili in chiave di disintermediazione bancaria e già alcune delle maggiori operazioni costruttive attualmente in corso di sviluppo hanno fatto ricorso a questa strada innovativa. Un problema di questa esperienza in fieri è sicuramente quello dell utilizzo non elusivo dei fondi, ossia di una sorta di distorsione delle finalità istitutive che dall essere, come dovrebbero, strumenti di raccolta del pubblico risparmio a fini di concentrazione sull investimento immobiliare d ingenti risorse finanziarie, sono spesso diventate, invece, l elusione tributaria per situazioni di mera gestione da parte di singoli proprietari. Questa sorta di eterogenesi dei fini ha sempre insospettito il legislatore che nel 2008 aveva pensato di gestirla con un imposta aggiuntiva per i fondi a base ristretta, mentre nel 2010 ha cambiato strada precludendo di fatto, con effetto retroattivo, la possibilità stessa di esistenza di fondi a base ristretta. Noi condividiamo la posizione dell Ance, al cui sistema aderiamo, per la quale non vada gettato via il bambino con l acqua sporca : se l uso distorto dello strumento va senz altro precluso, a evitare una discriminazione ingiustificata rispetto al complesso della fiscalità immobiliare e quindi alle altre forme di organizzazione della proprietà e dell investimento operativo immobiliare, è da biasimare, oltre alla retroattività delle nuove norme particolarmente scoraggiante per gli investitori internazionali, la penalizzazione indiscriminata di situazioni che non rientrano nelle pratiche elusive, con danno potenziale per le imprese e le società impegnate nella costruzione e nell investimento produttivo. Andrà, quindi, ANNUARIO esattamente precisato all art. 32 del DL 78/2010 il concetto di pluralità di investitori per salvaguardare i fondi che, pur con un limitato numero di partecipanti, hanno come obiettivo politiche d investimento meritevoli di tutela. Anche il criterio gestione in autonomia dagli investitori non andrebbe esasperato, perché un certo grado di coinvolgimento degli investitori nella gestione di fondi immobiliari da loro sottoscritti costituisce una costante a livello internazionale e favorisce l interesse per questo tipo investimento rispetto a opportunità alternative. Sarebbe quindi consigliabile fermare questa auto in corsa, che pure da un anno non riesce ad arrivare a un qualsiasi traguardo, per inserire la modifica dei fondi immobiliari nell ambito di una revisione generale, ormai non differibile, dell intera fiscalità immobiliare, con una ratio di incentivo alla produzione del bene immobile per evidenti motivi di riqualificazione del patrimonio edilizio nazionale, di PIL e di occupazione.

9 ANNUARIO2011 L importanza della valutazione di Marzia Morena RICS Italia Marzia Morena ANNUARIO Il mercato dei Fondi Immobiliari in Italia è ormai un settore maturo e strutturato che vede numerose SGR aver costituito o in fase costituente nuovi strumenti per l ottimizzazione, sviluppo e valorizzazione di progetti e prodotti immobiliari. Alla base di questa importante e costante crescita del settore esiste un mondo legato alla valutazione degli asset afferiti ai fondi così come declinato dalle normative e dalle linee guida emanate da Banca d Italia e Consob. In relazione alla crisi finanziaria che ha colpito tutto il mercato mondiale, in Italia le strutture competenti di controllo e vigilanza hanno rilevato sempre più come fosse necessario, ai fini della trasparenza e dell etica professionale, definire e declinare alcune regole condivise. Regole che possano permettere al mondo immobiliare di dialogare attraverso l utilizzo di format, procedure e standard condivisi. In questo senso la RICS ha, in seno alla sua organizzazione uno strumento che declina gli standard e le linee guida da adottare per l estensione di un documento valutativo: il Red Book. Attraverso una lunga e storica attività di condivisione e analisi degli standard internazionali la RICS, anche in Italia, cerca di veicolare uno strumento che possa essere condiviso. Condivisione che possa divenire un ulteriore collante con tutte le realtà internazionali che si affacciano sul nostro territorio e che da tempo ne approvano le logiche e soprattutto che lo definiscono come strumento guida applicandolo e richiedendolo sempre più spesso. Il mercato immobiliare sottolinea, costantemente, l esigenza di uniformare le regole della valutazione, non soltanto da un punto di vista metodologico che ormai ha declinato in tutte le sue forme e formule le varie metodologie, ma da un punto di vista del sistema di codifica delle informazioni da esporre e declinare all interno di un report valutativo. Il format esiste, semplice e lineare, la RICS lo adotta in tutti i 146 paesi dove è presente e sopratutto è un processo metodologico che è già implementato e condiviso da tutte le più grandi e consolidate strutture societarie considerate player del mercato. In realtà il format standard non deve essere utilizzato unicamente da quelle grandi strutture che già da tempo ne fanno uso, ma deve essere messo a disposizione, anche e soprattutto, di tutti i professionisti polverizzati sul territorio che pur facendo molto spesso degli ottimi lavori, non possono essere apprezzati da un eventuale investitore internazionale che ha bisogno di codificare un documento in un linguaggio già predefinito e soprattutto condiviso. RICS dispone di questo strumento che, costantemente, viene aggiornato. L esigenza di un aggiornamento continuo indica e sottolinea come un prodotto non può essere efficace e rispondente per tutte le età, ma che, regolarmente, ha bisogno di essere conformato e modificato in ragione dei tempi che cambiano, delle leggi che mutano e delle esigenze che il mercato richiede.

10 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Prezzi degli immobili impliciti nelle quotazioni a sconto dei fondi di Giacomo Morri, Direttore Master in Real Estate SDA Bocconi ANNUARIO Giacomo Morri Il mercato italiano dei fondi quotati è sempre stato caratterizzato da prezzi a sconto rispetto ai NAV stimati. Sebbene non con la stessa intensità e durata, la divergenza tra valore stimato e prezzo di borsa è presente anche in altri mercati e ha numerose spiegazioni tra le quali la composizione dell attivo, il debito, la dimensione, l attività d investimento e la qualità del management. Nel caso italiano, senza voler entrare nel merito della qualità e attendibilità delle valutazioni immobiliari, si evidenzia l inefficienza del mercato borsistico: particolarmente rilevante è, infatti, la scarsa liquidità, con un valore complessivo mensile di scambi pari a circa 25 milioni, cioè simile al valore di un immobile detenuto dai fondi stessi. La presenza di uno sconto rappresenta un grave problema per il sottoscrittore iniziale e forse una delle ragioni che hanno fatto sì che non sia più stato possibile collocare nuovi fondi destinati alla quotazione; al tempo stesso rappresenta un interessante opportunità per investire indirettamente in immobili a prezzi impliciti più bassi rispetto alle valutazioni di mercato. Occorre tuttavia osservare che lo sconto sul NAV non è esattamente lo sconto che si ottiene sugli immobili comprati in borsa, poiché ci sono anche gli effetti della leva finanziaria e la presenza di altri attivi. Inoltre, il prezzo di borsa è un dato certo, mentre il NAV è la differenza tra i valori dell attivo e del passivo: nel primo ci sono gli immobili, che rappresentano la maggior parte del valore (a livello aggregato l 87,4% secondo Assogestioni), la liquidità e i titoli obbligazionari, i crediti fiscali e altre poste di minor rilevanza; nel secondo ci sono principalmente i debiti finanziari. Delle voci precedenti quella che presenta la maggior incertezza nella stima (nonché la maggior rilevanza) è il valore di mercato del portafoglio immobiliare, che viene stimato ogni sei mesi da valutatori esterni. Non considerando eventuali altri fattori causa dello sconto sul NAV, lo sconto sul portafoglio immobiliare implicito nel prezzo di borsa è rappresentato dal valore percentuale di riduzione che, se applicato esclusivamente al portafoglio immobiliare, rende uguale la stima del NAV al prezzo di borsa; le altre voci di bilancio presentano bassa incertezza e si possono mantenere uguali a quelle riportate in bilancio (tabella 1: esempio di calcolo dell appraisal reduction). L appraisal reduction così calcolato consente di determinare il prezzo effettivo al quale implicitamente si comprano gli immobili investendo in quote di fondi immobiliari. Tale valore rappresenta anche la massima oscillazione percentuale negativa nel valore degli immobili che, in caso di liquidazione, rende il NAV uguale al prezzo di borsa (cioè la riduzione che non porta a una perdita). Attualmente nel mercato borsistico l appraisal reduction medio sugli immobili è del 25%: tale numero significa che, in media, comprando una quota di un fondo, anche nel caso di vendita degli immobili a un quarto in meno rispetto alla valutazione attuale, si otterrebbe un valore di liquidazione pari al prezzo pagato per la Tabella 1: esempio di calcolo dell'appraisal reduction ANNUARIO quota in borsa. Infine, è utile osservare che, per la differente composizione dell attivo e il diverso livello di indebitamento, la sensibilità dello sconto alle variazioni di valore degli immobili è diversa per ogni fondo. Per verificarlo è possibile simulare lo sconto sul NAV mediante un incremento o una riduzione nei prezzi cui gli immobili effettivamente saranno venduti (real nav), cioè modificando solo la posta dell attivo corrispondente al portafoglio immobiliare. Nella tabella 2 sono stati ipotizzati un aumento e una riduzione del 10% del valore degli immobili rispetto alle ultime valutazioni ufficiali, testando così la sensibilità del NAV (e quindi dello sconto) a eventuali variazioni nelle condizioni del mercato: nel caso della riduzione lo sconto medio dal 31% passerebbe al 21% e per alcuni fondi si rileverebbero anche quotazioni a premio. Tabella 2: Appraisal reduction e sconti sul real NAV

11 NEWS Stiamo realizzando il SECONDO VOLUME dell opera ANNUARIO DEI FONDI IMMOBILIARI ITALIANI E DELLE AZIENDE DEL REAL ESTATE 2012 Aggiornato da professionisti del settore e sempre più ricco di nuovi contenuti! Costantemente con uno sguardo attento all andamento del mercato. Per segnalare la vostra azienda contattate

12 monitorimmobiliare.it mmobiliare.it raccoglie e produce tutte le informazioni che riguardano il Real Estate. Gli operatori possono finalmente cessare la ricerca rca sui mezzi generalisti i e limitarsi a consultare il sito e la newsletter quotidiana. Tutto quello che li riguarda è pubblicato in tempo realee e sempre disponibile nell archivio consultabile online dagli abbonati. Osservatorio Osservatorio r Costante t e O S Sono riportati i tutti gli avvenimenti venimenti del settore e immobiliare ei in tempo reale, compresivi di report, dati, analisi e commenti autorevoli dall'italia e dall' stero l' stero Newsletter te nr Newsletter g iorr ei r Newsletter giornaliera Ogni giorno oltre 30mila operatori del settore immobiliare ricevono la newsletter con i titoli degli articoli pubblicati nella giornata. Lo strumento d informazione indispensabile per gli operatori, uno strumento t di comunicazione i utile per le aziende abbonate che mostrano il proprio logo ogni giorno a operatori. Database abasease ete Database att Database attualizzato Sono disponibili tramite password tutti i report, studi, commenti e approfondimenti ondiment completi di dati e tabelle pubblicate. Questo consente in ogni momento di avere disponibili le informazioni necessarie per le proprie valutazioni, analisi e presentazioni. Giornalisti is Giornalist i r Giornalisti monitorimmobil monitorimmobiliare.it è scritto unicamente da giornalisti i specializzati nel settore immobiliare iliare che collaborano costantemente con le principali testate nazionali come: Corriere re della Sera, Il Sole 24 Ore, Mondo Immobiliare, Il Mondo, Affari & Finanza, Espansione, l Espresso, Milano Finanza. Gli strumenti completi per un costante aggiornamento

13 SGR Società di gestione del risparmio italiane

14 Finanziaria Internazionale ANNUARIO2011 Via Vittorio Alfieri, Conegliano (TV) Tel Differenziare per vincere Nove fondi, 147 immobili e asset gestiti per 800 milioni. Ora la società si prepara a investire in edifici industriali e grandi archivi per la pubblica amministrazione caratterizza i fondi immobiliari speculativi (quali quelli gestiti da Finint AI Sgr) potrebbe rappresentare un elemento di vulnerabilità in momenti problematici, la professionalità e l adeguata diversificazione rappresentano piuttosto le risorse su cui fare leva per solcare con fiducia anche le tempeste peggiori. Il patrimonio immobiliare di Finint AI dunque è riuscito, meglio di altri, a resistere ai venti di crisi sostenuto dagli asset prestigiosi posizionati all interno dei fondi. «Il segreto è stato quello di aver puntato da sempre su immobili di alto li- vello, con conduttori di elevato profilo», ha spiegato Mauro Sbroggiò, amministratore delegato della società. «Negli ultimi anni, le aree che hanno sofferto maggiormente sono state quelle edificabili dove la crisi si è fatta sentire pesantemente sul valore delle cubature. Questo è stato compensato dai risultati confortanti ottenuti sul versante delle energie rinnovabili e delle prime location dove i prezzi hanno risentito soltanto marginalmente del terremoto che ha investito il resto del mattone». Ma quali sono i cavalli di battaglia di Finint AI per i mesi a venire? «A oggi abbiamo possibilità di investire ancora 200 milioni di euro a cui se ne aggiungono altrettanti sul versante delle energie rinnovabili», ha continuato Sbroggiò. «I temi di investimento che prediligiamo sono quello industriale e quello degli archivi per la pubblica amministrazione dove possiamo vantare una grande esperienza nelle fasi di set up e di gestione di grandi strutture». Meno attraente, in questo momento, il comparto alberghiero. In questo caso gli investimenti di Finint AI potrebbero concentrarsi esclusivamente su hotel di primario standing attraverso la locazione di strutture Orazio - Via Broletto, Milano tali da non trasferire sul fondo il rischio dell albergatore. «Guardiamo con interesse anche a strutture direzionali uso ufficio su Milano e immobili commerciali nel quadrilatero della moda - ha aggiunto il numero uno dell Sgr. Per il momento preferiamo muoverci con estrema prudenza visto il livello attuale dei prezzi che si traduce in rendimenti compresi tra il 4,6 e il 5%». FINANZIARIA INTERNAZIONALE Alternative Investment SGR Numero di fondi gestiti 9 Orazio, Platone, Catullo, Lucrezio, Sallustio, Aiace, Tyche, Euripide, Copernico Dipendenti 30 Tyche - Castelmonastero, Siena Nove fondi immobiliari con asset under management per 800 milioni di euro suddivisi, sostanzialmente, tra immobili commerciali (34,7%) e industriali (35,2%). Il tutto, per un totale di 147 immobili gestiti da nord a sud della Penisola. Sono questi i numeri di Finanziaria Internazionale Alternative Investment (Finint AI) Sgr, uno dei protagonisti assoluti del mondo dei fondi real estate italiani. La differenziazione del portafoglio immobiliare è quindi una risorsa vitale e imprescindibile per un operatore che voglia veleggiare anche in acque turbolente quali quelle che hanno caratterizzato il mercato immobiliare italiano. E se il ricorso maggiore all indebitamento finanziario che ANNUARIO Copernico - Macchia Rotonda - Foggia Platone - Via Montenapoleone, Milano Fondi Totale valore attività gestite (GAV mln euro) 877 Totale valore complessivo netto (NAV mln euro) 242 Equity sottoscritto (mln euro) 351,7 Indebitamento medio 63,4% Patrimonio immobiliare Numero immobili gestiti 147 Valore patrimonio immobiliare (mln euro) 783,7 Superficie degli immobili gestiti (mq complessivi) Distribuzione geografica (valore) Nord est 17% - Nord ovest 54% - Centro 7% - Sud e Isole 22% Distribuzione settoriale (valore) uffici 15% - commerciale 38% - logistica 1% residenziale 4% - RSA 4% - industriale 18% - turistico 4% - altro 16% Consigliere delegato per gli investimenti immobiliari ANNUARIO Andrea de Vido Mauro Sbroggiò Ugo Debernardi

15 Generali Immobiliare ITALIA SGR ANNUARIO2011 Sede Legale Via Machiavelli, Trieste Sede secondaria Via Meravigli, Milano Tel Fax fondi d'autore per Generali Con un patrimonio di 3,4 miliardi di euro, il ramo immobiliare del Leone di Trieste amministra oltre 600 immobili e punta sugli uffici Scarlatti, Cimarosa, Mascagni, Toscanini, Sammartini, Chopin ed Eracle. Portano i nomi di grandi musicisti o compositori del passato e di un eroe della mitologia greca i sette fondi immobiliari gestiti da Generali Immobiliare Italia SGR S.p.A, società di gestione del risparmio guidata da Giovanni Maria Paviera e facente capo al polo di asset management del Gruppo Generali, Generali Investment S.p.A, che detiene il 100% del capitale sociale. Nata nel 2006, la Sgr amministra un patrimonio di 602 immobili e 1,5 milioni di mq complessivi, per un valore di circa 3,4 miliardi di euro, che sale a 9 miliardi se si considera l'intera dotazione di immobili riconducibile alle società del Gruppo, per le quali Generali Immobiliare svolge servizi di consulenza finalizzati all'acquisizione e gestione di investimenti nel real estate. Significative le differenze tra i vari fondi, in termini di du- Milano, Maciachini Center rata, strategia di gestione e patrimonio amministrato. Scarlatti, ad esempio, è il primo fondo istituito da Generali Immobiliare con due apporti consecutivi, realizzati nel dicembre 2006 e nel febbraio 2008, per un valore iniziale di 1,4 miliardi di euro; ha una durata di 10 anni, un patrimonio ubicato per il 75% nelle aree metropolitane di Roma e Milano ed investe per la quasi totalità in uffici (96%), con un 40% di quote collocato presso investitori istituzionali. Eracle nasce, invece, nel 2008, grazie all'apporto di una porzione del portafoglio immobiliare di proprietà del Gruppo Banco Popolare, per un valore che corrisponde, oggi, a circa 770 milioni di euro. Ha una durata di 25 anni, ed è stato sottoscritto da una trentina di investitori istituzionali italiani. Toscanini e Sammartini sono entrambi fondi immobiliari speculativi chiusi: il primo ha una durata di 19 anni, dispone di un patrimonio di circa 100 milioni di euro, con una destinazione d'uso prevalentemente ad uffici ed opera in un'ottica di acquisizione, valorizzazione e dismissione di immobili GENERALI Gestione Immobiliare Italia SGR ubicati in location secondarie, per lo più nel Nord Italia. Il secondo, invece, si pone l'obbiettivo di realizzare nuovi progetti di sviluppo ad uso residenziale localizzati nella provincia di Milano, scade nel 2015 e ha un patrimonio di circa 77 milioni di Euro. Cimarosa, avviato nell'ottobre 2008, ha una durata di 10 anni e un patrimonio complessivo di 500 milioni di euro; Mascagni, costituito l'anno successivo, è un veicolo d' investimento per prodotti core da acquisire sul mercato, con un target pari a un miliardo di euro, da destinare ad immobili situati tra Milano e Roma, principalmente uffici, capaci di offrire rendimenti stabili. L'ultimo arrivato, Chopin, è stato costituito mediante due apporti tra la fine del 2010 e Marzo 2011 ed ha una durata di 10 anni. È composto da 8 immobili completamente riqualificati e locati, la cui destinazione d uso prevalente è uffici, per un valore complessivo di 290 milioni di euro, di cui il 79% è ubicato nell area metropolitana di Milano e il restante 21 % tra Torino e Roma. Numero di fondi gestiti 7 Fondo Scarlatti, Fondo Cimarosa, Fondo Eracle, Fondo Mascagni, Fondo Toscanini, Fondo Sammartini, Fondo Chopin Dipendenti 25 Fondi Totale valore attività gestite (GAV mld euro) 3,6 Totale valore complessivo netto (NAV mld euro) 2,3 Performance media fondi gestiti (IRR) - Equity sottoscritto (mld euro) 2,1 Equity target in collocamento 0 Indebitamento medio 35% Patrimonio immobiliare Numero complessivo immobili gestiti (valore) 602 Valore patrimonio immobiliare (mld euro) 3,4 Superficie degli immobili gestiti (mq complessivi) 1,5 milioni Distribuzione geografica (valore) 100% Italia Distribuzione settoriale (valore) uffici 69% - residenziale 3% commerciale 3% - altro 24% Direttore generale Giancarlo Scotti Giovanni Maria Paviera Giovanni Maria Paviera ANNUARIO ANNUARIO

16 Hines Italia SGR ANNUARIO2011 Via della Moscova, Milano Tel Fax www. hinesitaliasgr.com Hines verso 3 mld Dopo l'acquisizione del comparto immobiliare di Prima Sgr, in arrivo altri due veicoli. Catella punta su valorizzazione e riqualificazione di edifici a reddito di classe A Trenta immobili gestiti, 380 mila mq, un patrimonio di 2,5 miliardi di euro. E l'obbiettivo di raggiungere quota 3 miliardi entro il Sono i numeri di Hines Italia Sgr, società di gestione del risparmio controllata dal gruppo americano Hines con il 67% e partecipata da Manfredi Catella (10%), Fondiaria Sai (18%) e Francesco Micheli, attraverso la Micheli&Associati (5%). La società, amministrata da Manfredi Catella, opera attraverso 7 fondi immobiliari Hivaf (Hines Italia Value Added Fund), Inpgi Hines Fund, Fondo Porta Nuova Garibaldi, Fondo Porta Nuova Varesine, Fondo Porta Nuova Isola, Mhrec (Monte Paschi Hines Real Estate Crescita) e Fondo Oro due dei quali, gli ultimi, sono frutto dell'acquisizione della divisione real estate Milano, Palazzo Aporti HINES ITALIA SGR Numero di fondi gestiti 7 HIVAF (Hines Italia Value Added Fund), MHREC (Monte Paschi Hines Real Estate Crescita), INPGI HINES FUND, Fondo Oro, Fondo Porta Nuova Garibaldi, Fondo Porta Nuova Varesine, Fondo Porta Nuova Isola Dipendenti 20 Fondi Totale valore attività gestite (GAV mld euro) 2.5 Totale valore complessivo netto (NAV mld euro) - Performance media fondi gestiti (IRR) - Equity sottoscritto (mld euro) 1 Equity target in collocamento (mln euro) 200 Indebitamento medio - Patrimonio immobiliare Numero immobili gestiti 30 Valore complessivo immobili gestiti (mld euro) 2.5 Valore patrimonio immobiliare (mld euro) 3.4 Superficie degli immobili gestiti (mq complessivi) Distribuzione geografica (valore) Milano - Roma Distribuzione settoriale (valore) uffici 55% - retail 10% - residenziale 35% e Manfredi Catella Milano Porta Nuova, in costruzione la futura sede di Unicredit ANNUARIO ANNUARIO

17 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 Milano, Foro Buonaparte, ex sede Citibank di Prima Sgr, perfezionata a marzo del 2011, per asset pari a 400milioni di euro. In prospettiva proseguiremo i nostri piani di crescita per linee di sviluppo interne, ha dichiarato Catella, ma non escludiamo possibili aggregazioni. Altri due veicoli sono in fase di avvio: Il primo, Hines Italia social fund, investirà in segmenti quali il social housing o la realizzazione di strutture medicoscientifiche e prevede una durata di 30 anni. L'altro, sarà specializzato nei processi di valorizzazione - ristrutturazione, conversione e frazionamento di immobili: entrambi saranno presentati entro maggio, spiega Catella. A livello di gruppo, il 52% del patrimonio è investito in fondi a reddito, specializzati nella gestione di immobili locati, con contratti di affitto a lungo termine. Siamo convinti che, in Italia, le maggiori opportunità si trovino proprio nella riqualificazione territoriale o di edifici esistenti, spiega l'ad, che non nega anche un certo interesse per i progetti in Classe A energetica. I grandi gruppi puntano infatti sempre più su spazi di qualità, efficienti dal punto di vista energetico. Settore per il quale le domanda di nuovi spazi risulta in costante crescita. La Sgr investirà in diverse iniziative in materia, come la futura sede di Unicredit Porta Nuova (vedi immagine nelle pagine precedenti). Tra le ultime operazioni andate in porto, nei primi mesi del 2011, il contratto preliminare di vendita del palazzo di Foro Buonaparte a Milano, ex sede di Citibank: un edificio storico di oltre mq, realiz- Roma, 2331 Eurcenter ANNUARIO Milano, Porta Nuova, Torre Residenziale Aria zato nei primi del 900 su nove piani fuori terra e uno interrato, che il fondo Mhrec aveva acquistato nell aprile Si tratta della prima operazione di dismissione di un immobile del fondo Mhrec, costituito nel 2005 e con una durata prevista di 9 anni. La vendita dell'immobile ha permesso di superare gli obiettivi di rendimento prefissati al momento dell acquisizione, con una redditività di oltre il 30%, ricorda Catella. A febbraio, invece, risale il completamento del progetto di riqualificazione di Palazzo Aporti, ex sede storica delle Regie Poste, concesso in locazione a State Street Bank: costruito nel 1926, l'immobile situato in prossimità della Stazione Centrale di Milano, si estende per circa mq, sette piani fuori terra e due interrati, è dotato di 190 posti auto e 90 posti moto. Quelle di Foro Buonaparte e Palazzo Aporti sono due operazioni importanti nella gestione del fondo Mhrec: la qualità degli interventi in collaborazione con alcuni tra i più prestigiosi investitori italiani e internazionali dimostrano la capacità di risultato anche nella fase di Milano, Porta Nuova, complesso generale ANNUARIO mercato attuale, dichiara Catella. L'attività di Hines Italia Sgr, avviata nel luglio del 2009, è concentrata nel capoluogo lombardo, dove è situata gran parte degli immobili in gestione, ma anche a Roma sono ubicati diversi edifici. Valutiamo, però, anche città secondarie e, in prospettiva, potremmo proporre ai nostri investitori l'opportunità di realizzare una diversificazione del patrimonio a livello internazionale, attraverso l'acquisizione e la valorizzazione di immobili in altri Paesi. In quest'ottica, spiega l'ad, potremo contare sulla forza di un gruppo presente in Europa, Stati Uniti, America Latina, Asia e Medio Oriente, con oltre 100 sedi operative. Negli ultimi dieci anni, il gruppo Hines ha quasi raddoppiato il patrimonio in gestione, superando i 25 miliardi di euro con una progressione dell'85%. Tra le linee strategiche di sviluppo, in Italia, l'attività di assistenza a investitori istituzionali, gruppi aziendali e società industriali nella gestione di grandi patrimoni immobiliari attraverso la costituzione di fondi dedicati.

18 Prelios SGR ANNUARIO2011 Viale Piero e Alberto Pirelli, Milano Tel Nel futuro c'è un ruolo da aggregatore La società guarda con interesse al processo di consolidamento in atto e si prepara al lancio di nuovi fondi La rivoluzione normativa in atto nel settore dei fondi immobiliari produrrà, molto probabilmente, come effetto un processo di consolidamento tra le Sgr. Se questo accadrà, come diversi segnali fanno ormai presagire, Prelios Sgr si candida a rappresentare un punto di riferimento, un centro di aggregazione. A Immobile di Roma in via Di Dono pensarla così è Rodolfo Misitano, direttore generale della società di gestione controllata dal Gruppo Prelios con 22 fondi, di cui due quotati a piazza Affari (Olinda e Tecla) e 6 miliardi di euro di asset under management. Questa è la nostra strategia di crescita per linee esterne, precisa Misitano, dettata dalla consapevolezza che bisogna farsi trovare pronti a giocare un ANNUARIO ruolo di primo piano in un settore che in Italia sta cambiando profondamente e che per questo potrebbe presentare delle opportunità di espansione. Per quanto riguarda lo sviluppo per linee interne, è chiaro che continueremo a puntare sulla creazione di nuovi prodotti ma tenendo ben presente un posizionamento di tipo internazionale. In effetti, Misitano non è l'unico manager del comparto a ritenere che molto presto in Italia ci sarà posto solo per due tipi di sgr: da un lato quelle di grandi dimensioni con almeno 2 miliardi di asset gestiti e risorse per unità, in grado quindi di sostenere costi e oneri di governance previsti dalle nuove normative, dall'altro sgr di nicchia, vere boutique con prodotti molto sofisticati. Se lo scenario è questo, occorre posizionarsi per tempo individuando la giusta asset allocation delle risorse. E Prelios Sgr, che nasce come Pirelli Re Sgr nel 2003, può oggi contare su un'esperienza consolidata sia sui fondi retail che su quelli riservati a investitori qualificati. Per quanto riguarda i comparti in cui essere presenti si continuerà a prediligere una certa flessibilità. Finora l'investimento in immobili di pregio è stato un ottimo antidoto alla crisi - continua Misitano - ma ora i rendimenti stanno calando e forse sarebbe opportuno riconside- rare anche gli immobili al di fuori dei centri storici. E sull estero si focalizza uno dei driver di crescita della Società, che punta a coinvolgere i potenziali investitori istituzionali, attraverso veicoli che investono in paesi stranieri quale diversificazione rispetto all investimento nel real estate italiano. Per contro, stiamo valutando anche la creazione di prodotti focalizzati sull'italia e appetibili per operatori esteri. Solo costruendo un doppio binario di investimenti potremo affrontare un mercato che è sempre più globale, conclude Misitano. HQ di Prelios a Milano PRELIOS SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Numero di fondi gestiti 22 *Olinda Fondo Shops, *Tecla Fondo Uffici, Cloe, Armilla, Fedora, Clarice, Spazio Industriale, FIPRS, Raissa, Patrimonio Uffici, Progetto Uffici, Retail & Entertainment, Diomira, Portafogli Misti, Social & Public Initiatives, Città di Torino, Progetti Residenza, Vivaldi, Hospitality & Leisure, Anastasia, Monteverdi, Enasarco Uno Dipendenti 60 Fondi Totale valore attività gestite (GAV mln euro) Totale valore complessivo netto (NAV mln euro) Performance media fondi gestiti (IRR) 10,4% Equity sottoscritto (mln euro) Equity target in collocamento: Indebitamento medio 57,2% Patrimonio immobiliare al Numero immobili gestiti Valore patrimonio immobiliare (mln euro) Superficie degli immobili gestiti (mq complessivi) Distribuzione geografica (per valore) Milano e provincia 32% - Roma e provincia 18% - Napoli 4%, Torino 9% - Palermo 5% - altre province Nord est 8% - altre province Nord ovest 8%, altre province Centro 7% - altre province Sud e Isole 9%. Distribuzione settoriale (per valore) uffici 32,7% - retail 25,9% - residenziale 3,6%, industriale/logistico 6,7% - turistico/ alberghiero 6,8% - siti tecnologici 24,3% Paolo Ferro Luzzi Consiglio di amministrazione Paolo Ferro Luzzi (), Valter Lazzari (Consigliere Indipendente e Vice-), Paolo Montalenti (Consigliere Indipendente), Stefano Preda (Consigliere Indipendente), Umberto Vitiello (Consigliere), Pietro Mazzi (Consigliere), Rodolfo Misitano (Consigliere) Direttore generale Rodolfo Misitano ANNUARIO *fondi quotati presso Borsa Italiana

19 SORGENTE GROUP ANNUARIO2011 Lungotevere Raffaello Sanzio, Roma Tel Fax Sorgente: all'estero con il vestito giusto ll gruppo guidato da Valter Mainetti studia nuovi veicoli d investimento per consolidarsi negli Usa e in Europa. Nel mirino soprattutto trophy asset nelle grandi capitali ANNUARIO Tra il 2005 e il 2008 il gruppo Sorgente, attraverso il fondo Michelangelo, ha comprato e poi rivenduto per il doppio del prezzo il pacchetto di maggioranza del Chrysler Building, uno dei trophy asset più ambìti di New York, portando a casa una plusvalenza grazie alla quale ha poi rilevato il controllo del Flatiron, altro edificio storico e simbolico di Manhattan. Si è trattato probabilmente del più importante ed efficace deal immobiliare che un operatore italiano abbia mai realizzato all'estero. Una doppietta con la quale il gruppo amministrato da Valter Mainetti si è imposto sul mercato statunitense, dove ha mosso i primi passi ormai 90 anni orsono e dove oggi sta cercando di consolidarsi attraverso un'operazione di finanza straordinaria che prevede la creazione di un reit, cioè un veicolo che potrebbe essere assimilato a quello che in Italia è conosciuta come siiq, società di investimento immobiliare quotata. A spiegare il progetto è Stefano Cervone direttore generale di Sorgente group, a cui fanno capo quattro sgr e 37 società immobiliari che operano tra Italia, Europa e Stati Uniti. I fondi promossi ammontano a 9 e il valore totale delle attività gestite e del patrimonio immobiliare amministrato è pari a 4,5 miliardi di dollari, cioè circa 3,4 miliardi di euro. Ma oggi Sorgente è un gruppo diversificato che si occupa anche di property management e di consulenza finanziaria e con una spiccata vocazione internazionale. Ci siamo posti il problema di continuare a lavorare sul mercato americano sposando quelle che sono le regole e le normative locali. E negli Usa si investe soprattutto con i reits, strumento quotato in borsa che viene riconosciuto e apprezzato dagli operatori domestici che possono assumerne anche la maggioranza. Insomma, secondo Cervone, con questa mossa Sorgente troverebbe il vestito giusto per crescere in America e, soprattutto, per remunerare in modo ancora più soddisfacente il capitale investito dai sottoscrittori dei fondi, visto che nel Flatiron Building - NY City mondo anglosassone il reit gode di un regime fiscale agevolato. Ma la strategia di espansione nell'area statunitense è solo uno dei driver di crescita di Sorgente group, che ad oggi controlla quattro sgr di cui una, SORGENTE GROUP Sgr controllate: Sorgente SGR (Italia), Sorgente Asset Management (USA), Main Source SA (Lussemburgo), *Sorgente SA (Svizzera) *(Sorgente SA è in corso di autorizzazione presso la Finma) Le entrate immobiliari e finanziarie complessive del Gruppo (mln $) 128 ITALIA Fondo Caravaggio Fondo Baglioni Fondo Donatello Comparto Michelangelo Due Fondo Donatello Comparto Giacinto Fondo Donatello Comparto Tulipano Fondo Donatello Comparto Margherita Fondo Donatello Comparto Puglia 2 Numero di fondi gestiti 13 Personale Personale fisso delle sedi (Roma, Milano, New York, Lussemburgo, Londra, Lugano) 92 Personale fisso strutture periferiche (alberghi gestiti) 53 Personale addetto alla manutenzione degli immobili 130 Totale: 275 Fondi Totale valore attività gestite (GAV) e patrimonio Immobiliare amministrato (mld $) 4,5 Totale valore complessivo netto (NAV mld $) 1,5 Performance media fondi gestiti 6,5% Equity sottoscritto (mld $) 1,5 Equity target in collocamento (mld $) 2,7 Indebitamento medio 51,4% Patrimonio immobiliare Numero immobili gestiti e amministrati 661 Valore patrimonio immobiliare gestito e amministrato (mld $) 4 Superficie degli immobili gestiti e amministrati (mq complessivi) Distribuzione geografica (per valore) Italia, centro 51% - Italia, nord 28% Italia, sud 9% USA 9% - Svizzera 2% - Francia 1% Distribuzione settoriale (per valore) commerciale 40% - direzionale 34% - alberghiero 17% - residenziale 6% sviluppo 2% RSA 1% Direttore generale ANNUARIO Sorgente Sa, è nata di recente per conquistare il mercato elvetico. La Svizzera è per noi strategica, continua Cervone, sia perché in questo paese esiste un'offerta di immobili di pregio coerente con il nostro Fondo Donatello Comparto Iris Fondo Donatello Comparto Puglia 1 Fondo Donatello Comparto David Fondo Tiziano Comparto Venere Fondo Colonna LUSSEMBURGO Historic and Trophy Building Fund (Eur) Vincenzo Pontolillo Valter Mainetti Stefano Cervone

20 ANNUARIO2011 ANNUARIO2011 SORGENTE SGR Sorgente Sgr nasce nel novembre del 1999 a seguito dell'introduzione nel 1998 della normativa sui fondi comunidi investimento immobiliare in Italia. La formula imprenditoriale, commenta Giovanni Maria Benucci, direttore generale della società, trova le sue radici nell idea di portare le competenze e le esperienze maturate nel settore immobiliare nell'industria del risparmio gestito. Con la forza di una visione privilegiata sul mondo del real estate, gli indirizzi strategici si sono focalizzati sui fondi comuni di investimento immobiliare che rappresentano un ottimo fattore di diversificazione e consolidamento in un portafoglio d'investimento. Nel 2001 Sorgente è stata la prima Sgr a lanciare un fondo immobiliare chiuso destinato ad investitori qualificati, Michelangelo, liquidato alla scadenza con un rendimento annuo dell 8,5%. Oggi Sorgente Sgr, presieduta da Carlo Santini, rappresenta un operatore leader a livello nazionale nel settore dei fondi immobiliari con 12 fondi gestiti e 7 promossi, un totale attività gestite al 31 dicembre 2010 di 2,03 miliardi di euro ed un ottimo track record di performance dei suoi prodotti di investimento: a dicembre 2010 la media delle performance dei suoi fondi si è attestata al 6,5%. La conferma nel tempo della fiducia di primari investitori istituzionali testimonia la qualità del prodotto offerto da Sorgente. SORGENTE SGR Numero di fondi gestiti 12 Numero di fondi promossi 7 Personale fisso delle sedi (Roma, Milano): 25 Totale valore attività gestite (GAV mld euro) 2,03 Totale valore complessivo netto (NAV mld euro) 1,2 Performance media fondi gestiti (IRR) 6,5% Equity sottoscritto (mld euro) 1,1 Equity target in collocamento (mld euro) 1 Indebitamento medio 51,9% Patrimonio immobiliare Numero immobili gestiti 355 Valore patrimonio immobiliare (mld euro) 1,7 Superficie degli immobili gestiti (mq complessivi) Distribuzione geografica (per valore) Italia; Centro 54% - Nord 30% - Sud 10% USA 4% - Svizzera 1% - Francia 1% Distribuzione settoriale (per valore) commerciale 43% - direzionale 30% - alberghiero 18% residenziale 6% sviluppo 2% - RSA 1% Direttore generale ANNUARIO Carlo Santini Valter Mainetti Giovanni Maria Benucci Galleria Colonna, Roma target di investimento, che prevede un rendimento stabile e a basso rischio, sia per l'elevata concentrazione di masse di risparmio amministrato. L'obiettivo di Sorgente è quello di lanciare fondi di diritto svizzero che attraggano potenziali investitori con liquidità a disposizione e che, magari, finora non hanno guardato all'immobiliare come ad un'opportunità di guadagno. Anche in questo caso, dunque, Sorgente punta sulla conoscenza approfondita di normative e strumenti del paese target per cercare di dialogare alla pari con gli investitori domestici. La stessa formula utilizzata anche nel resto d'europa, in particolare Francia, Belgio, Olanda, dove il gruppo investe attraverso la Main Source Sa, la sgr di diritto lussemburghese. L'obiettivo sono sempre palazzi di elevato prestigio se non veri e propri trophy asset, cioè quegli immbili che, come il Flatiron o la Galleria Colonna a Roma (rilevata qualche anno fa dal fondo Donatello), incarnano la storia urbanistica e architettonica di una città. Il centro di Parigi è di nostro grande interesse in questa fase, conclude il direttore generale di ANNUARIO Sorgente group, così come per Sorgente resta immutata l'attenzione sull'italia. Va anche detto, però, che alla luce delle recenti evoluzioni normative, valuteremo se il fondo immobiliare continuerà a essere lo strumento più conveniente per essere presenti sul mercato italiano. L origine del gruppo Sorgente risale al 1919, periodo in cui, attraverso società che ancora oggi sono operative, comincia a sviluppare la propria attività imprenditoriale nel settore immobiliare in Italia e negli Stati Uniti, distinguendosi sul mercato di New York con un impresa specializzata in strutture in ferro multipiano e partecipando alla costruzione di importanti edifici, tra i quali, nel 1923, l ampliamento del N.Y. Stock Exchange e nel 1928 la struttura del Chrysler Building. L'attività in Italia continua nel dopoguerra con appalti di grandi impianti tecnologici per conto di committenti pubblici e privati tra i quali il Sincrotrone di Frascati, l'alfa Romeo di Arese, le Acciaierie di Terni. Negli anni '70 vengono sviluppate importanti iniziative immobiliari e di costruzione, in Italia e all'estero, per un valore complessivo ad oggi equivalente a circa 2 miliardi di euro.

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli