RELAZIONE DELL AVV. PROF. ANTONIO ODDO PER FORUM UNI-CIG. IL SISTEMA GAS-ITALIA tra Sicurezza, Innovazione e Qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DELL AVV. PROF. ANTONIO ODDO PER FORUM UNI-CIG. IL SISTEMA GAS-ITALIA tra Sicurezza, Innovazione e Qualità"

Transcript

1 RELAZIONE DELL AVV. PROF. ANTONIO ODDO PER FORUM UNI-CIG su IL SISTEMA GAS-ITALIA tra Sicurezza, Innovazione e Qualità NUOVE RESPONSABILITA DEGLI OPERATORI GAS NEL SETTORE GAS- DISTRIBUZIONE Le nuove responsabilità del distributore, inteso essenzialmente quale soggetto che esercita l attività di distribuzione del gas, devono essere distinte a seconda che ci si riferisca alle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza gas alle quali si applica- nel quadro legislativo qui in seguito richiamato - il regolamento adottato con la deliberazione n. 40/04, oppure ad altri aspetti che pure riguardano l impresa distributrice ossia quale impresa che esercita l attività di distribuzione e di misura del gas e che sono regolati dalla Deliberazione 22 ottobre 2008 ARG/gas 155/08 e dalla Deliberazione 120/08 ed alle successive integrazioni e modificazioni apportate con successive Deliberazioni (in seguito, per brevità, indicata come TUDG). Queste due ultime deliberazioni - che devono sempre essere valutate nel contesto legislativo e settoriale di riferimento (D.Lgs. n. 164/2000, L. 481/95 e DM 37/08, oltre, con particolare riferimento ai temi qui ora d interesse, il D.Lgs. 115/2008, il D.lgs. 22/2007 e le direttive comunitarie da cui derivano, la Direttiva 2006/32/CE e la direttiva 2004/22/CE) - nonché alla luce della giurisprudenza - hanno per oggetto, rispettivamente, la deliberazione per la messa in servizio dei gruppi di misura del gas, caratterizzati da requisiti funzionali minimi e con funzioni di telelettura e telegestione, per i punti di riconsegna delle reti di distribuzione del gas naturale e la deliberazione per la regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione (TUDG): approvazione della Parte I Regolazione della qualità dei servizi di distribuzione e di misura del gas per il periodo di regolazione

2 La disciplina contenuta nell art. 8 del D.M 37/08 - e riguardante gli obblighi del proprietario degli impianti che sono oggetto di quest ultimo decreto (e tra i quali rientrano (v. art. 1, c. 1, lett. e): anche gli impianti per la distribuzione e l utilizzazione del gas di qualsiasi tipo ) - presenta aspetti di stretta connessione con il regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti a gas di cui alla Deliberazione n. 40/04. Conviene iniziare da quest ultima disciplina per rilevare una prima forma di nuova responsabilità del distributore che non provveda previo congruo avviso a sospendere la fornitura del gas. Fatti salvi, infatti, gli altri provvedimenti da parte delle autorità competenti, qualora il distributore (o il venditore ) non ponesse in essere tutti i necessari accertamenti e non pretendesse la consegna di copia della dichiarazione di conformità o della dichiarazione di rispondenza (pur priva dei relativi allegati obbligatori), in tutti i casi di richiesta da parte del committente - di nuova fornitura e di variazione della portata termica del gas, si renderebbe responsabile (o corresponsabile) dell eventuale infortunio conseguente ad una attivazione della fornitura che, per obbligo di legge, avrebbe dovuto, invece, essere sospesa. Più in generale, si può ritenere configurabile un rapporto di causalità tra il comportamento del distributore che non adempia al proprio obbligo di sospendere la fornitura in tutti i casi previsti da legge o regolamento, da un una parte, e, dall altra parte, l infortunio o il danno che dovesse conseguire a tale omissione riguardante uno stato di pericolo la cui eliminazione si impone obbligatoriamente al carico del distributore medesimo mediante il comportamento legislativamente previsto. Non occorre, a questo riguardo, che ci si affanni ad individuare profili soggettivi ex art del Codice Civile, od oggettivi, di responsabilità, in quanto, nel primo caso, la colpa è in re ipsa per aver consentito l uso di un impianto che il legislatore presume con propria ed incontrovertibile valutazione essere pericoloso, mentre, nel secondo caso, trattandosi appunto di responsabilità oggettiva (in particolare ex art del Codice Civile per attività pericolose ) non si richiede per l affermazione di responsabilità in questa materia la dimostrazione della colpa, risultando sufficiente la dimostrazione del nesso di causalità. Ne deriva che la responsabilità civile del soggetto distributore per eventuali infortuni e/o danni conseguenti alla omissione dell obbligo di sospendere la fornitura nei casi disciplinati a livello

3 regolamentare può essere individuata, tra l altro, nei casi previsti: dagli artt. 2.4 ( adempimento degli obblighi di accertamento ), 14.8 (verifiche da parte del Comune), ( Attivazione della fornitura per impianti di utenza nuovi ), 27.2 iii, 27.2 IV e 27.4 ( modalità di effettuazione degli accertamenti su impianti di utenza in servizio ) della deliberazione n. 40/04 1. Sul piano della responsabilità penale e personale, poi, in caso di reato (morte, lesioni personali, incendio o disastro colposo, ecc..) le responsabilità conseguenti all infortunio graveranno anche, eventualmente, in concorso tra loro - su tutti i soggetti che all interno dell impresa di distribuzione rivestono incarichi che comportano una funzione di accertamento riferibile alla sicurezza degli impianti di utenza a gas. Fatto salvo quanto sopra, occorre rilevare che con la Deliberazione del 22 ottobre 2008 ARG GAS 155/08 si è deciso di: approvare le direttive per la messa in servizio dei gruppi di misura del gas per punti di riconsegna delle reti di distribuzione del gas naturale contenute nell Allegato A alla presente deliberazione di cui forma parte integrante e sostanziale; che le attività di normazione funzionali alla diffusione della telegestione e della telelettura dei gruppi di misura del gas siano svolte dal Comitato Italiano Gas (di seguito: CIG). In tal modo, pertanto, sono stati introdotti, per la prima volta, elementi di telelettura e di tele gestione dei gruppi di misura del gas installati sui punti di riconsegna delle reti di alimentazione del gas naturale. A quanto sopra si aggiunge, nel contesto normativo di riferimento, la previsione contenuta nel D.Lgs. n. 115 del 30/5/2008, attuativo della direttiva europea 2006/32/CE, che all art. 17 prescrive: a) le imprese di distribuzione ovvero le società di vendita di energia al dettaglio provvedono, nella misura in cui sia tecnicamente possibile, finanziariamente ragionevole e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali, affinché i clienti finali di energia elettrica e gas naturale, ricevano, 1 Ai suddetti casi occorre aggiungere, come sarà evidenziato in seguito, anche quello previsto dall art. 16, c. 6 del D.Lgs. 164/2000.

4 a condizioni stabilite dalla stessa Autorità per l'energia elettrica e il gas, contatori individuali che riflettano con precisione il loro consumo effettivo e forniscano informazioni sul tempo effettivo d'uso ; b) le imprese di distribuzione ovvero le società di vendita di energia al dettaglio, al momento di sostituire un contatore esistente, forniscono contatori individuali, di cui alla lettera a), a condizioni stabilite dalla stessa Autorità per l'energia elettrica e il gas e a meno che ciò sia tecnicamente impossibile e antieconomico in relazione al potenziale risparmio energetico preventivato a lungo termine o a meno che ciò sia antieconomico in assenza di piani di sostituzione dei contatori su larga scala. Quando si procede ad un nuovo allacciamento in un nuovo edificio o si eseguono importanti ristrutturazioni così come definite dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, si forniscono sempre contatori individuali, di cui alla lettera a), fatti salvi i casi in cui i soggetti di cui sopra abbiano già avviato o concluso piani di sostituzione dei contatori su larga scala. A questo specifico riguardo una nuova ed importante forma di nuova responsabilità, riguardante la diffusione e l obbligo di fornitura dei gruppi di misura innovativi, deriva da un orientamento finale contenuto nella Deliberazione 22/10/2008 ARG/gas 155/08 secondo la quale con riferimento ai punti di riconsegna delle reti di distribuzione del gas naturale, l impresa di distribuzione sia il soggetto responsabile delle attività di installazione e manutenzione dei gruppi di misura nonché della raccolta e validazione delle misure. Acquista dunque rilevanza fondamentale acquisire le definizioni chiave del nuovo sistema che si possono individuare, ai fini che qui ora interessano, in gruppo di misura, cliente finale e messa in servizio, nonché elettrovalvola e tele gestione. Iniziando dal primo, si definisce gruppo di misura o misuratore, la parte dell impianto di alimentazione del cliente finale che serve per l intercettazione, per la misura del gas e per il collegamento dell impianto interno del cliente finale; è comprensivo di un eventuale correttore dei volumi misurati. Particolarmente semplice agevole si rivela la definizione di cliente finale quale consumatore che acquista gas per uso proprio.

5 Il D.Lgs. 115/2008 ha dunque fissato precisi obblighi in capo alle imprese di distribuzione in tutti i casi di sostituzione di un contatore esistente o di nuovo allacciamento o di importanti ristrutturazioni, introducendo l obbligo di fornitura di gruppi di misura conformi al nuovo contesto normativo. Sotto questo particolare profilo, dunque, emerge un nuovo obbligo a carico delle imprese di distribuzione in merito alla fornitura di gruppi di misura che devono essere conformi ai requisiti di omologazione e certificazione in materia di metrologia legale, di immunità elettromagnetica e di sicurezza. Sotto il primo profilo, con riferimento alla omologazione, valgono le regole di armonizzazione tra gli Stati membri dell Unione europea che sono state introdotte con il D.Lgs. 2 febbraio 2007, n. 22 Attuazione della direttiva 2004/22/CE relativa agli strumenti di misura. Pertanto, vale il principio secondo il quale la conformità alla pertinente normativa comunitaria, risultante dalle marcature europee che comprovano l esito positivo di una procedura di valutazione della conformità ai requisiti di legge, secondo parametri comunitari, è condizione necessaria e sufficiente ai fini della commercializzazione e messa in servizio degli strumenti di misura. Per quanto riguarda, sempre, lo specifico profilo ora in esame, l obbligo dell impresa distributrice risulta precisato dall art. 12 della Deliberazione del n. ARG/gas 120/08 ove si prescrive che l impresa distributrice ha l obbligo di: a) dotare ogni punto di consegna di idoneo gruppo di misura del gas immesso in rete in conformità delle norme tecniche vigenti in materia e garantirne il regolare funzionamento; b) predisporre la cartografia, con aggiornamento della stessa entro sei mesi da ogni modifica intervenuta o in termini di materiali di condotte o in termini di diametri delle stesse o di pressioni di esercizio o per l'aggiunta di parti di nuova realizzazione, con esclusione degli impianti di derivazione di utenza e dei gruppi di misura; c) predisporre una cartografia provvisoria per le parti di impianto di distribuzione di nuova realizzazione o per le modifiche degli impianti esistenti, in modo che sia disponibile all atto della loro messa in esercizio, con esclusione degli impianti di distribuzione di utenza e dei gruppi di misura, che non siano ancora stati riportati nella cartografia di cui alla precedente lettera b). Pertanto, al primo punto, il nuovo obbligo di servizio relativo alla sicurezza impone di datare ogni punto di consegna di idoneo gruppo di misura immesso in rete in conformità delle norme tecniche vigenti in materia e garantire il regolare funzionamento :

6 Per quanto attiene al gruppo di misura la definizione è già stata fornita con riferimento alla parte dell impianto di alimentazione del cliente finale che svolge funzioni di intercettazione, di misura del gas e di collegamento dell impianto interno del cliente finale. Per quanto riguarda l immissione in rete occorre considerare che per rete si intende il sistema di condotte in generale interrate o intubate, posate su suolo pubblico o privato che, partendo dai punti di consegna e/o dai punti di interconnessione, consente la distribuzione del gas ai clienti finali senza comprendere gli impianti di derivazione d utenza. Pertanto, si tratta di un complesso di tubazioni e dispositivi ed accessori che costituiscono l allacciamento il quale ha inizio dall organo di presa e si estende fino al gruppo di misura (escluso). Fermo restando, dunque, l obbligo di dotazione di un gruppo di misura idoneo secondo quanto previsto dal D.Lgs n. 22 del in attuazione della direttiva 2004/22/CE sugli strumenti di misura, occorre assicurare, oltre, alla specifica idoneità prescritta dal p. 7 dell All. I, anche l adempimento dell obbligo relativo alla protezione dall alterazione (p. 8 dell Allegato I) e relativo, anche alla indicazione del risultato (p. 10 dell All. I) nel quadro dei requisiti essenziali e dei requisiti specifici dei gruppi di misura destinati ad uso residenziale, commerciale e di industria leggera. Ai suddetti requisiti, deve naturalmente aggiungersi, alla luce di quanto già esposto, la conformità ai requisiti di omologazione e, quindi, l omologazione dello strumento di misura che deve essere ottenuta sempre in attuazione della direttiva 2004/22/CE in modo da legittimarne la libera commercializzazione e la messa in servizio. Ma, fin qui, obblighi e responsabilità collegabili al prodotto che deve essere fornito dall impresa distributrice, in quanto il gruppo di misura fa parte, per definizione, dell impianto di distribuzione. Merita di essere rilevato, a questo riguardo, come, secondo un regime di responsabilità per l esercizio di attività pericolose ex art del Codice Civile (tra le quali si può fare rientrare secondo una certa giurisprudenza anche l attività di distribuzione del gas) il pericolo fonte di responsabilità può risiedere, oltre che nella stessa attività svolta, anche, eventualmente, negli oggetti e negli strumenti dell attività medesima i quali potrebbero determinare, a causa di un imperfetta costruzione o di una inidoneità rispetto a requisiti generali o particolari, un intrinseca potenzialità lesiva collegata all attività che si avvale di tali oggetti o strumenti.

7 Ecco, dunque, ancora, nuova forma di responsabilità dell impresa distributrice del gas: la particolare responsabilità (oggettiva) derivante dalla dotazione dell impianto di distribuzione con un gruppo di misura lato sensu idoneo rispetto ai parametri di legge e/o allo stato della tecnica, nonché alle esigenze specifiche dell impianto - o della parte di impianto in questione. L'esercente l'attività pericolosa in questo caso l azienda di distribuzione del gas - è assoggettato infatti ad una presunzione di responsabilità in relazione ai danni cagionati nello svolgimento della predetta attività, presunzione che lo stesso può vincere fornendo la dimostrazione di avere adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno. Nella scelta di tali misure, l esercente l attività dispone di un certo margine di discrezionalità, da esercitare facendo uso della normale prudenza e tenendo conto dello sviluppo della tecnica e delle condizioni pratiche in cui si svolge l'attività. Siffatta discrezionalità, peraltro, viene meno quando è la legge ad imporre l'obbligo di adottare talune misure. (Cass. 02/03/2001, n.3022.). L impresa di distribuzione dovrà pertanto dimostrare il rispetto degli standard di sicurezza obbligatori a norma di legge e/o di regolamento. A tal proposito l AEEG con la delibera 120/08 ha introdotto in sede regolamentare gli obblighi e controlli che si stanno qui via via esaminando. Proseguendo poi nell ordine delle nuove responsabilità si è già rilevato come l' impresa di distribuzione debba essere altresì considerata come il soggetto responsabile delle attività di installazione e di manutenzione dei gruppi di misura stessi, cosicché le nuove aree di responsabilità si estendono fino a comprendere complessivamente, con riguardo ai gruppi di misura : 1) conformità ai requisiti di legge ed idoneità del prodotto in se e per se, quindi responsabilità da prodotto in senso pieno, 2) responsabilità da installazione, 3) responsabilità da manutenzione. Inoltre, (v. p ) all atto dell attivazione della fornitura di gas ad un cliente finale, l impresa distributrice è obbligata a mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari a verificare l assenza di dispersione di gas.

8 Sempre con riferimento al pericolo di dispersione del gas, l azienda distributrice è tenuta (v. p. 12.9) con riferimento a tutto il proprio impianto di distribuzione, a predisporre un rapporto annuale di valutazione dei rischi di dispersione di gas secondo una metodologia definita dal CIG. Altri obblighi di servizio relativi alla sicurezza, riguardano la predisposizione di cartografie, da intendersi come sistema di documentazione dell impianto di distribuzione, esclusi gli impianti di derivazione di utenza ed i principi di misura, mediante una rappresentazione, almeno grafica, che comprende indicazioni sul materiale delle condotte, il loro diametro e la pressione di esercizio ed in scala 1:2000. Dunque, l impresa distributrice non è tenuta soltanto a predisporre ed aggiornare un sistema di documentazione dell impianto di distribuzione secondo i criteri ed i contenuti risultanti dalla definizione adottata dal provvedimento regolamentare, ma deve anche, quantomeno con riferimento al rischio da dispersione gas, elaborare una valutazione dei rischi relativa all intero impianto di distribuzione, cosicché si profila per l impresa stessa anche un aspetto di responsabilità legata, quantomeno, ad una valutazione di tali rischi conformemente alla metodologia definita dal CIG. Altri obblighi di servizio sempre relativi alla sicurezza si ricavano dall art. 12 del TUDG in materia di: 1) ispezione, che deve (v. p. 12.6) essere svolta per ogni tratto della rete almeno con le frequenze precisate dalle disposizioni regolamentari con riferimento alle percentuali minime ed alla periodicità minima, 2) misure del grado di odorizzazione del gas per migliaio di clienti finali 2, 2 Relativamente all obbligo di odorizzazione occorre ricordare che una specifica responsabilità penale per reato di pericolo è prevista per gli esercenti l attività di distribuzione gas dalla L. 1083/1971. In particolare, l art. 2 dispone che I gas combustibili ad uso domestico ed uso similare, distribuiti mediante condotte o liquefatti e compressi in bombole, che non abbiano di per sé odore caratteristico e sufficiente perché possa esserne rilevata la presenza prima che si creino condizioni di pericolo, devono essere odorizzati, a cura delle imprese od aziende produttrici o distributrici, con sostanze idonee aggiunte in quantitativi adeguati in modo che sia possibile avvertire la presenza di gas in quantità pericolosa per esplosività e tossicità.

9 3) percentuali minime di chiamata con tempo di pronto intervento sul luogo di chiamata entro il tempo massimo di 60 minuti 4) sostituzione reti con condotte in ghisa con giunti canapa e piombo non ancora risanate con condotte in materiali conformi alle norme tecniche vigenti o al loro completo risanamento o dismissione entro il Da qui, pertanto, nuove forme di responsabilità dell impresa distributrice in tutti i casi di inadempimento di uno o più dei suddetti obblighi, potendosi, a certe condizioni, individuarsi un rapporto di causalità tra l eventuale infortunistico o dannoso eventualmente accaduto e l omissione dell obbligo - considerando, ad esempio, ispezioni inferiori al minimo percentuale rispetto alle parti di rete da sottoporre ad ispezione o l omissione dei controlli per la eventuale sostituzione delle condotte ormai obsolete o, comunque, adempimenti con frequenza inferiore al minimo nell arco temporale considerato per ogni tratto di rete da sottoporre ad ispezione, o anche, numero annuo di misure del grado di odorizzazione in misura insufficiente rispetto al numero di utenti finali da tutelare. Trattandosi, infatti, di valori minimi da rispettare ed al di sotto dei quali si può configurare una situazione di pericolo si tratterà di valutare con quale grado di probabilità il rispetto dei livelli minimi e/o delle corrette modalità delle ispezioni da svolgere, o delle misure e/o delle modalità, del grado di odorizzazione, avrebbe potuto impedire in tutto o in parte l evento infortunistico che si fosse verificato relativamente all impianto di distribuzione da considerarsi. A tale riguardo, infatti, occorre tenere conto del fatto che, ad esempio, una ispezione in più o in meno, o, anche, la corretta modalità o meno, di una ispezione rispetto ai parametri regolamentari (norme tecniche, ecc..) potrebbero avere l effetto di evitare una dispersione di gas individuandola, localizzandola e provvedendo alla messa in sicurezza dell impianto di distribuzione considerato, così da impedire il danno e/o l infortunio. Si tratterà, in definitiva, a fronte di ipotesi di responsabilità connesse ad accadimenti infortunistici e/o dannosi, di valutare quale ruolo causale possa svolgere l adempimento o meno di uno o più degli obblighi di servizio relativi alla sicurezza tenendo conto anche di tutti i nuovi parametri regolamentari, a partire dai criteri contenuti negli indicatori di sicurezza del servizio di distribuzione per proseguire con i livelli generali, livelli base, livelli di riferimento e punteggi relativi agli indicatori di sicurezza. A quanto sopra occorre aggiungere la possibile incidenza dei parametri relativi alle

10 dotazioni minime di risorse umane, materiali, organizzative, tecnologiche e procedurali di cui deve disporre l impresa distributrice per fronteggiare con efficienza e tempestività le richieste di pronto intervento e per garantire tempestività ed efficacia nella gestione delle misure di emergenza. Ma, fermo restando quanto premesso e ritornando al primo degli obblighi di servizio relativi alla sicurezza occorre rilevare che: a) ex art. 12 del TUDG l obbligo relativo ai gruppi di misura non si limita alla conformità ed idoneità in quanto si estende anche alla garanzia del regolare funzionamento dei medesimi gruppi di misura ; b) ex art. 10 della Deliberazione ARG/gas 155/08 l obbligo riguarda la messa in servizio dei medesimi gruppi di misura secondo un preciso programma temporale che si articola tra il 31 dicembre 2010 ed il 31dicembre 2016 a seconda della classe del gruppo di misura stesso; c) la nozione di messa in servizio risulta essere molto ampia in quanto, riguarda l insieme delle attività necessarie all adeguamento di gruppi di misura del gas ai requisiti funzionali minimi, al pieno utilizzo degli stessi e alla messa a disposizione dei dati per le finalità perseguite dal presente provvedimento ove, per presente provvedimento si deve intendere la deliberazione ARG/gas n. 155/08. Ne deriva, complessivamente, che non risulta sufficiente ai fini della regolare messa in servizio, il semplice collegamento al centro di telegestione in quanto occorre anche la conformità ai requisiti funzionali previsti dagli artt. 4, 5, 6 e 7 dell All. A alla Deliberazione qui da ultimo citata, così da assicurare la effettiva operatività e consentire la messa a disposizione dei dati di prelievo. Ne deriva che il gruppo di misura da installare in funzione secondo definizione - della intercettazione, della misura del gas e del collegamento all impianto interno del cliente finale, deve essere collegato al centro di tele gestione in modo da consentire e garantire la tele gestione intesa, come da definizione, insieme dalla tele lettura e delle funzioni di telecomando dell elettrovalvola.

11 A quanto sopra è da aggiungere che, sempre secondo la definizione regolamentare, per tele lettura si intende l insieme delle rilevazioni, tramite sistemi di comunicazione, dei dati di prelievo dei gruppi di misura e delle altre funzioni regolamentate. La telegestione comprende dunque il complesso della telelettura e delle funzioni di telecomando della elettrovalvola la quale, a sua volta, si definisce come dispositivo di intercettazione del flusso del gas comandabile in locale e telecomandabile dal centro di gestione. L elettrovalvola riguarda soltanto i gruppi di misura di classe inferiore a G10 e, segnatamente, G4 e G6. A quanto sopra si deve però aggiungere che la suddetta elettrovalvola deve risultare non apribile da remoto, mentre da remoto deve risultare possibile chiuderla o abilitarla in apertura. L apertura può avvenire localmente tramite una apparecchiatura portatile. Per la sicurezza delle operazioni si richiede per l apertura la conformità alla norme vigenti in materia di sicurezza, mentre, per la chiusura si richiede che si accertato, dopo l operazione di chiusura, con altra e successiva operazione di verifica, l effettivo stato di chiusura dell elettrovalvola. Al cliente finale deve essere interdetta l azione diretta sulla elettrovalvola, cosicché tale cliente potrà agire, al fine di aprire e chiudere la propria fornitura sulla valvola di intercettazione che è posta a monte del gruppo di misura. Complessivamente, si può ritenere che attraverso il sistema di tele gestione, ossia del centro di tele gestione, dei concentratori dati (quali dispositivi periferici destinati alla raccolta dei dati di prelievo dei gruppi di misura per la trasmissione al centro di tele gestione ), dei gruppi di misura e dei relativi sistemi di comunicazione, si realizza in definitiva il governo centrale e centralizzabile delle funzioni di tele lettura e di telegestione dei gruppi di misura, nonché il governo delle funzioni di comunicazione tra gli stessi elementi del sistema (gruppi di misura e concentratori). Da qui, pertanto, il monitoraggio continuo di tutti i dati rilevanti non soltanto per il consumo, ma anche, eventualmente, per la tempestiva individuazione di errati funzionamenti del gruppo di misura, con tutto quanto un errato funzionamento può comportare sotto ogni profilo di controllo e di intervento per ripristinare quel regolare funzionamento dello stesso gruppo di misura la cui responsabilità per installazione, manutenzione e regolare funzionamento - ricade indubbiamente, per precisa norma regolamentare (v. art. 12 del TUDG) sull impresa distributrice la

12 quale deve garantire, a tutti gli effetti, la qualità dei servizi di distribuzione che comprende indubbiamente, ed in primo luogo, (v. sezione II del TUDG) la sicurezza e la continuità, ancor prima che la qualità commerciale (v. sezione III del medesimo TUDG). A quanto sopra si aggiunge un ulteriore possibilità di governo centralizzato a distanza e da remoto per l impresa di distribuzione, ossia, il fondamentale comando ai fini di sicurezza dell elettrovalvola quale, sempre per definizione, dispositivo di intercettazione del flusso del gas comandabile in locale e telecomandabile dal centro di gestione. Da qui, pertanto, la particolare forma di responsabilità (nuova) che si collega non solo alle modalità tecniche organizzative e procedurali nel governo di tutte le suddette (nuove) funzioni, ma anche specificamente alla telegestione ed al telecomando, con la conseguenza di restituire all impresa di distribuzione il potere ed il dovere di svolgere e controllare in modo sicuro tutte le operazioni che possono consentire anche attraverso i debiti interventi l abilitazione all apertura e, soprattutto, alla chiusura del dispositivo stesso che regola il flusso del gas. Da qui dunque, nuove forme di responsabilità collegabili ad omissioni nel rilievo e nella interpretazione a distanza dei segnali connessi al funzionamento eventualmente anomalo del gruppo di misura, nonché all attuazione delle conseguenti, debite, proporzionate e tempestive operazioni, comprendenti, anche, se necessario, la sospensione della erogazione della fornitura. Ne deriva, tra l altro, un ampliamento delle responsabilità precedentemente considerate nonché, in particolare, un ampliamento della responsabilità derivante nel quadro legislativo preesistente dall art. 16, comma 6 del D.Lgs 164/2000 secondo il quale Le imprese di distribuzione di gas naturale sospendono altresì la fornitura di gas agli impianti su richiesta dell'ente locale competente per i controlli ai sensi dell'articolo 31, comma 3, della legge 9 gennaio 1991, n. 10, motivata dalla riscontrata non conformità dell'impianto alle norme o dal reiterato rifiuto del responsabile dell'impianto a consentire i controlli di cui alla citata legge n. 10 del In questo ultimo caso, la suddetta attività di controllo sugli impianti viene esercitata mediante ispezioni direttamente dall Ente locale, mentre il distributore è tenuto esclusivamente dell obbligo di interrompere la fornitura alle utenze a seguito del ricevimento della richiesta. In considerazione dei nuovi strumenti di telelettura e telegestione, l impresa di distributrice potrebbe essere ritenuta responsabile in modo più esteso in quanto posta nella condizioni di svolgere un attività di controllo attraverso il gruppo di

13 misura - sulla regolarità dell impianto ormai permanentemente controllabile, sia pure a distanza, così da non potersi più invocare l esimente talora valorizzata dalla giurisprudenza, costituita dall assenza di un potere di gestione, in quanto la tele gestione comporta una nuova e potenziata forma di gestione sull impianto attraverso non solo la rete ma anche un nuovo sistema di comunicazioni, di flussi informativi, di trasmissione di dati ed, in definitiva, di possibili segnalazioni a distanza che si aggiungono alle segnalazioni o alle richieste provenienti da altri soggetti (ente pubblico locale, installatore, ecc..). Ne derivano, in definitiva, nuove forme di responsabilità che non si limitano alla conformità rispetto a norme legislative e tecniche, nonché alla specifica idoneità del gruppo di misura rispetto a tutte le norme di riferimento, in quanto si estendono all installazione e manutenzione del medesimo gruppo e al controllo permanente con il monitoraggio continuo della sua regolarità, così da ottenere efficacemente e tempestivamente che i segnali teleletti e teletrasmessi forniscano indicazioni idonee ai fini degli interventi per la sicurezza, continuità e qualità in genere del servizio gestito dall imprese di distribuzione. Nuove forme di responsabilità, peraltro, che non possono essere valutate secondo parametri puramente colposi legati alla prudenza, perizia e diligenza, o alla semplice e osservanza di leggi, regolamenti, ordini o disciplina, perché si estendono a tutte le misure idonee che sul piano tecnico, organizzativo e/o procedurale l impresa distributrice deve comunque effettuare in applicazione di parametri oggettivi della responsabilità che sono riferibili ex art del c.c. anche all esercizio dell attività pericolosa consistente nella distribuzione del gas. Avv. Prof. Antonio Oddo

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2013 6/2013/R/COM DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NEI GIORNI DEL 20

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2015 258/2015/R/COM PRIMI INTERVENTI IN MATERIA DI MOROSITÀ NEI MERCATI RETAIL DELL ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE E REVISIONE DEI TEMPI DELLO SWITCHING NEL SETTORE DEL GAS NATURALE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli