>?" name="description"> >?">

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!"

Transcript

1 "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 $%'$%('")*# +,,+#,'-%.,+/%*"'# '.%.)'")'# "',# 0+")*"# 1%2%"*# %# 3$*)*2*,,%# 2*")'"4)%# %"# 54'.)+# 3466,%2+/%*"'#3*..*"*#'..'$'#+33,%2+)%#4"%2+('")'#7+#3'$.*"+,'#2*"#*$(+/%*"'#3$*'..%*"+,'#.3'2%%2+#"',,84$-'"/+9#.4,,+#6+.'#7%#4"8+4)*$%//+/%*"'#%"7%:%74+,'#.2$%))+9#7%#74$+)+#,%(%)+)+#"',# )'(3*9#7+#3+$)'#7',,8*3'$+)*$'#.+"%)+$%*#3$'.2$%))*$';# <,%# *3'$+)*$%#.+"%)+$%# 3$'.2$%))*$%# =7%$'))*$%#.+"%)+$%># "*"#.%# $%)'"-*"*# $'.3*".+6%,%# 3'$# +33,%2+/%*"%#7+#3+$)'#7%#3'$.*"+,'#"*"#+4)*$%//+)*9A B-+#$%'()#30()')0CC,-'#+060$2'+'--7:))#;'+0$#"'-'/,)#>+#4#-70()*#+%C0#('+'--' (%#D'*,$$#,(+,C0#(03%--,*0,(0,C0#('$,*+0#4#-#(,*'9 "#+,#)+"'' :;"> :-/#*0)#EF1 :-/#*0)#:.F1G)*,+#))#4'*%3#0()'*(#H 8,I'--,+0$#(6*#()#$#(-'#+060$2'*034'))#,--7:;"+'-<==J9B(#-)*'$#()0'('0 *06'*0'()0+'--,-'))'*,)%*,2,((#4#*),)#,-$,I0,'()#9 F#3$2',K0(3'*0)#('-+#$%'()#$#4-')#4%II-0$,)#('-<=>>9 ",),?,*C#<=>>

2 "#$%$''()*+$,-'./-,+$-.01*+.3 0[/6Y 0H6 7$3/40*/ 011++()#>)*#W<'$ X(')1(+1<'$ X(')"+*<"#)()"+*<"#W<(')#'(%#>#)?+(>()E(118;;<C 0$$<2#")-11-'3($ J(>+()*"+'$)?<')%#T):DUCV X- /)\)3'<W<#")D2E 0)\)4<)#" [)\)4'$<>#W<(' 7$3/40*/ =>?$/4$,+')+ -++<;'( H('<$("))7G<E"<>>#$(")1(>>;#$< 5('/6/,-'($ '/*3+ /"1#").(6/<'/11-*+'($ 4"<G<1#")"<$%( Y"(;#")+1#"<1#)+)<'7<1#$( 4"<G<1#")(;'<)=)%<'Z$<?($G5C85$.(6/<'/11-'( 2+33/))/+4($3(./,- 8('-9/-$6-'3-,+1+:/,- *")F454)"G"#$$#"<# "#$%'()('*$+,,"(-"*).)#/)-"*'00'*.%'*)'(''* "#$%'"()"* "#$$#%'$() *(+$)),-./ "#$%'()*$$#(+,-( "#$%$#$'#($)*+%,-#./01.%$2($) 3445%02,$ /$#%$(($#$62.#$(#.70'2$('#.+0+.+'%/8$(. 9016##$.8%020%'8$02($##670'201$88$ +'%/#$::0'20('#.+0+;$ <=0(.#$62.=$2(08.70'2$$++$::0=. 96'(.#$08+'%/#$::'#$'>20?%026(0 =$2(08A10B4C?./*01%#()*$$#(23#0%3#( 4%5#2%3#C1':$+'2:0>80.(.1.8/#'16(('#$)3?4?44D,E:$:+'2':+06(. F$+'21.1':$$:6++$::0=$C1':0/0G$8$=.($ 67/75#2%3#CBH4D 8*0#9%#(5#0:#37$71%3# I':$JK5JL#)0*/#$%/#C/#0%.1':$1'/'?. *%026(0 %>A?. 1':$103*4%> ;"99707(#<#/=#7()*$$*(<%*(#*0**( M 3402:68.70'205%026('+'2+'%/#$::0'20 ('#.+0+;$+'2(026$,#"2*(0*<*02%>%$%( J/'='8$%0. N$2:0'2$/2$6%'('#.+$ J/'::0. N.%/'2.(.+.#10.+. J'2001#'>A).+01':0, N'::02$ J/' 0/$#O.80$%0. J/'($#%0. 7 C$D2E ):DA:B)%%L; 7 )NIBAB)9J#K)) E)/)* )OD)%%L; D /K) F1/,(3/- 7 ONR))S:DDR 12*34*'(%.)-' "#$%'()*-()$,"(-"*5 +#%,-'.)"*,-'"#-/,)0"* 123* "# 8'-**-'($1($,-0)($'(;(')/</1/

3 L.81: 3'*D0C0#MN +4 "#$%##'()*'+%,-%*)'./0'1234.'5677' ONP;P11:EF1 3$2',+0+,))0$# 1-./

4 1'5%'(C,)'4#*,-':.F1 G,3$#4#+0+,))0$#H

5 "#$% '()*+,+-./ 01 /, %"#$%% )5678% %:299;89<561=75%2%"#$%% "#$%'()*+',)(,'%$(-.-(+-**-(-/)($..(-0-1*$(-)%1'(+$%-2314)'1$+-1*'/-%%--53).-/)%$6'('1-%%-$+73%$ $**)%-$4)'1),:-03% 1'(+$%-0)0*-+$$/)$($++$/)2%300':$11'31$ $%-$*$$%%$.()'()*;/)2$**'1-%%$(-$%*;)*-$+/)0',,'(0''.-($1'03%.$4)-1*-,'1*-+.'($1-$+-1*-8 Riduzione dell'enfasi su dispositivi, farmaci e altri elementi di distrazione %-.()1,).$%)+'/)2),:-()0.-**'$%JKKLM=NOJKKPQ8 9%()2-()+-1*'7)7%)'($2),'0-(6-.-(6$%3*$(-/$/'6-0'1'0*$*-.(-0-%-($,,'+$1/$4)'1)8D-(,'+.%-*-44$0'1'.(-0-1*)-1-($%+-1*-0)$%- )1/),$4)'1)9">RC,:-%$%)1-$3)/$=S=8 D$(*),'%$()*;8912'(+$(-)%.-(0'1$%-.('2-00)'1)0*$03)0-3-1*),$+7)$+-1*)T "$),)-S$1/0U'1%VC>DW 90*(34)'1).(-U$(()6'/)H?XYY =NOXJKXX =NOXJKKP?.)-$4)'1- C)2-()+-1*' Algoritmo BLS Inserito nellʼamd anche lʼalgoritmo BLS per professionisti nellʼamd 1. ACR non testimoniato da EMS ACR non testimoniato iniziare con C, e praticare RCP e contemporaneamente applicare defibrillatore e analizzare il ritmo e se necessario defibrilla. In questi casi, è possibile praticare da 1 minuto e mezzo a 3 minuti di RCP prima di tentare la defibrillazione. "#$%%'(%)*+,"-%.% Algoritmo BLS Non presente ACR non testimoniato da EMS Tempo di arrivo sul posto >4' oppure tempo di arrivo <4' ma ACR non testimoniato si doveva effettuare 2 min RCP Considera: Considerare defibrillazione immediata se astanti effettuano BLS immediato e corretto ma tempo di arrivo >4' Aggiunto per sottolineare lʼimportanza del BLS. Per offrire uno strumento completo anche per First responder e soccorritori ausiliari. Modificato con aggiunta del box sul controllo del polso in un tempo massimo di 10 secondi. Per soccorritori considerati laici questo box non è da considerare. >on la nuova procedura si vuole anticipare il massaggio e garantire una defibrillazione precoce per FV. Non ci sono evidenze che 1.1/2-3 minuti di RCP siano efficaci prima delle defibrillazione per ACR non testimoniati da personale professionista (EMS). Con la nuova procedura: il tempo necessario per applicare gli elettrodi e analizzare il ritmo compensa questa fase di massaggio. Si vuole ridurre al minimo il tempo senza RCP e si vuole anticipare lʼanalisi e defibrillazione delle O)(0$1E>H?= =S=.$(*L=/3%*7$0),%)2-03..'(*T?Z[Y\$-/ /-2)7()%%$*)'1M7']LUZQ =S=.$(*ZT-%-**(),$% H:-($.)-08D0PKP 9">RC.$(*ZT/-2)7()%%$*)'1.?^JL

6 Particolarità allarme Se lʼarresto avviene in presenza di un solo soccorritore professionista la presunta causa è lʼannegamento o il soffocamento da corpo estraneo prima di dare lʼallarme eseguire 5 cicli di RCP (2 minuti) "#$"%'()*+( Modifica nella sequenza RCP: C-A-B anziché A-B-C* iniziare le compressioni toraciche prima del controllo di A e delle seguenti ventilazioni = B Eliminato GAS Sequenza ABC la sequenza per una RCP in un adulto aveva inizio con l'apertura delle vie aeree e proseguiva con la verifica della respirazione (GAS), quindi con la somministrazione di 2 respirazioni di soccorso, seguite da cicli di 30 compressioni toraciche e 2 insufflazioni. FV/TV senza polso Si vuole semplificare lʼapproccio in assenza di evidenze. In qualità di professionisti fornire il supporto vitale di base dato che la causa dellʼarresto non è presumibilmente cardiaca ma respiratoria. Le compressioni toraciche possono essere iniziate quasi immediatamente, mentre altre manovre, quali il posizionamento del capo e il contatto bocca a bocca o l'introduzione del pallone- maschera per la respirazione di soccorso, richiedono tempo. La durata massima per il rilevamento del polso carotideo non deve essere superiore a 10 secondi. Si è infatti osservato che i professionisti purtroppo dura molto di più a scapito dellʼinizio della RCP. Se non siamo sicuri di quello che sentiamo iniziamo il massaggio cardiaco immediatamente. Il ritardo nell'inizio delle compressioni può essere ridotto se sono presenti 2 soccorritori: il primo inizia le compressioni toraciche e il secondo provvede all'apertura delle vie respiratorie e si prepara per l'insufflazione non appena il primo soccorritore ha completato la prima serie di 30 compressioni toraciche. Indipendentemente dalla presenza di 1 o più soccorritori, l'inizio della RCP con le compressioni toraciche garantisce un intervento precoce; il ritardo nelle respirazioni di soccorso deve essere breve. =S=.$(*L=/3%*7$0),%)2-03..'(*T?Z \C-0,3-(?.-,)2),>DC?*($*-)-0T D3**)19*=%%H':-*-(U S-$%*:,$(-.('6)/-( 9">RC.$(*X`]-,3*)6-03++$(V `^31)6-(0$%$%'()*:+ =S=.$(*LT$/3%*a"? D0Z_L03++$(V,$'-./0(1"-(2'33'44.5( Frequenza compressioni: 100 compressioni minuto Profondità compressione: 5 cm,$'-./0(1"-(2'33'44.5( Frequenza massaggio min Profondità 3-5 cm Vedi documento AHA: sintesi delle linee guida pagina 4 Vedi documento AHA: sintesi delle linee guida pagina 4 9">RC.$(*LT=/3%*a"?.8?^KX =S=.$(*LT=/3%*a"?.8?Z

7 "#$% '()*+,+-./ 01 ( Per avere migliori risultati (se due soccorritori) Dopo che il primo soccorritore ha valutato il ritmo riprende la RCP immediatamente mentre il secondo soccorritore applica le placche e carica il defibrillatore. Durante la carica del defibrillatore continuare con le compressioni toraciche fino a che il defibrillatore è pronto. Il secondo soccorritore preposto alla defibrillazione, in sicurezza informa i colleghi che sta per effettuare una defibrillazione e, quando nessuno tocca il paziente applicherà la scarica. Il simbolo sta a significare di controllare il ritmo del paziente e qualora fosse un FV/TV senza polso il passaggio successivo è la defibrillazione. Se dopo una defibrillazione (e 2 minuti di RCP) il monitor mostra un ritmo compatibile con polso carotideo allora controllare il polso carotideo per verificare se ROSC. Se il ritmo non è defibrillabile (asistolia o PEA) immediatamente continuare con RCP e anticipare adrenalina. ( Non previsto con questa procedura. Controllo del ritmo ogni 2 minuti qualora si presenta una fibrillazione ventricolare (FV) o una tachicardia ventricolare senza polso (TV) la scarica deve essere immediata. D:)%).0NC]XLKd e'%%7)2$0),'xjkd 0-0,'1'0,)3*$A-('$(-9$/'0-+$00)+$ /)0.'1)7)%-8"$0-,'1/$/'0--53-%%-03,,-00)6-,'10)/-($(-/'0).)f-%-6$*- e'%%+'1'2$0),'^zkd Attenzione durante la defibrillazione a fonti di ossigeno dirette sul torace. =S=.$(*_=/3%*=>"?T.8?P^_\EFG.3%0-%-00HF =S=.$(*_=/3%*=>"?T.8?P^_\EFG.3%0-%-00HF "#$%%'(%)*+,"-% >%

8 )5%/65--5(75-35(1$6'%/"(-'(8)9( da effettuare se sul monitor il ritmo è compatibile con un ritmo che potrebbe supporre attività meccanica e in al massimo 10 secondi, se assente riprendere RCP. :"3/.5%"(;."('"6""("(<5%/65--5(.%/$='.5%"( Valutare rischi e benefici dellʼintubazione durante una rianimazione Se intubato verificare immediatamente il corretto posizionamento del tubo2 La capnografia quantitativa continua della forma d'onda è consigliata per i pazienti intubati durante il periodo di peri-arresto. Se la capnografia quantitativa della forma d'onda viene utilizzata nei pazienti adulti, le raccomandazioni includono la conferma dell'inserimento del tubo endotracheale, il monitoraggio della qualità della RCP e il rilevamento della ripresa della circolazione spontanea sulla base dei valori della CO2 di fine espirazione (Petco2) (Figure 1). ( >'62'<. Nella PEA bradicardica e nellʼasistolia non viene più somministrata lʼatropina. FV/TV e Adrenalina somministrare immediatamente 1 mg IV/IO dopo la seconda scarica. Ripetere ogni 3-5 minuti. Asistolia PEA e Adrenalina somministrare appena possibile 1 mg IV/IO ripetibile ogni 3-5 minuti (ogni 2x5 cicli). NaBic considera se intox. Non definito. :"3/.5%"(;."('"6"" Utilizza due mezzi di verifica. Considera utilizzo ETCO2 per controllo intubazione La capnografia Per confermare l'inserimento del tubo endotracheale erano consigliati un rilevatore di CO2 espirata o un rilevatore esofageo. Nelle Linee guida AHA 2005 per RCP ed ECC si faceva notare che il monitoraggio dei valori di Petco2 può essere utile come indicatore non invasivo della gittata cardiaca generata durante la RCP. >'62'<.( L'atropina era stata inclusa nell'algoritmo per l'arresto senza polso e veniva consigliata per i pazienti in asistolia o PEA lenta. Adrenalina: somministrare o prima o dopo la scarica. Lʼinterruzione del flusso sanguigno generato dalle compressioni toraciche compromette la perfusione degli organi. Le interruzioni devono essere di numero e durata il minimo possibile e il controllo del polso carotideo che obbliga lʼinterruzione del massaggio deve essere praticato quando sul monitor mostra un tracciato compatibile con un risposta meccanica del cuore. Accesso vascolare, somministrazione di farmaci e posizionamento di un supporto avanzato delle vie aeree non devono causare interruzioni significative nelle compressioni toraciche, né ritardare le scariche. Non ci sono evidenze sul tempo ottimale dʼinserzione del tubo in caso di ACR. Vedi documento AHA: sintesi delle linee guida p. 14 Le evidenze disponibili suggeriscono che è improbabile che l'uso di routine dell'atropina durante la PEA o l'asistolia garantisca un beneficio terapeutico. Per questo motivo, l'atropina è stata rimossa dall'algoritmo dell'arresto cardiaco. Adrenalina 2005: Non era definito nella somministrazione dellʼadrenalina per FV/TV un momento preciso di somministrazione ma veniva consigliato di somministrare o subito prima o subito dopo la defibrillazione. Nellʼasistolia PEA non era definito un momento preciso di somministrazione. 9">RC.$(*L=/3%*a"?.8?^KK =S=.$(*LT=/3%*a"?A.8?Z[KU0Z[X =S=.$(*_=/3%*=>"?T.8?P^X =S=.$(*_=/3%*=>"?T.8?PYJ 9">RC.$(*_T=/3%*=>"?.8?^YP 9">RC.$(*_T=/3%*=>"?.8?^Y_ =S=.$(*_=/3%*=>"?T.?P^X =S=.$(*_T$/3%*=>"?8D 0P^[ =S=.$(*_T$/3%*=>"?8D 0P^_\/(3*:-($.V)1 EFG.3%0-%-00HF

9 "#$% '()*+,+-./ 01 *//.;./0(753/(8?)( dopo la ripresa di una circolazione spontanea (ROSC), è necessario implementare in modo coerente un sistema multidisciplinare integrato, strutturato e completo di assistenza post-arresto cardiaco. Il trattamento deve includere supporto cardiopolmonare e neurologico. Se indicato, è necessario utilizzare l'ipotermia terapeutica e praticare interventi coronarici percutanei (PCI). Corollario 2011: Esegui un ECG 12 derivazioni Considera il trasporto del paziente al CCT ipotermia terapeutica PTCA "#$%%'(%)*+,"-% C% *//.;./0(753/(8?)( L'ipotermia terapeutica era consigliata per migliorare l'esito per i soggetti adulti in stato comatoso, vittime di arresto cardiaco in contesto extra ospedaliero in presenza di testimoni, quando il ritmo rilevato era la FV. 2007: FV/TV preospedaliero considera ipotermia terapeutica raffreddare il paziente. Adrenalina 2010: FV/TV: si raccomanda di somministrare lʼadrenalina se possibile (via di somministrazione permettendo) immediatamente dopo la seconda scarica se la prima non ha avuto siccesso. Attenzione che se il paziente ha un ritmo condotto (ROSC) la somministrazione di 1 mg di adrenalina è deleterio per il paziente. Aiutarsi anche con valori incrementati di ETCO2 per valutare la ripresa di circolazione spontanea per evitare dʼinterrompere RCP. Asistolia: anticipare e somministrare precocemente lʼadrenalina e cercare e trattare le cause reversibili dellʼarresto cardiaco. NaBic-Bicarbonato: di routine Classe III non raccomandato. Da somministrare su bisogno se indicazioni 5I/5T. Vedi documento AHA: sintesi delle linee guida p. 15 Dopo che il paziente, sul luogo dellʼintervento è stato riportato in uno stato di ROSC, rilevare i parametri e oltre al monitoraggio eseguire un ECG 12 derivazioni. Il 30% dei pazienti con un infarto sviluppano un ACR. PER I Pazienti in ROSC dopo FV/TV senza polso è importante trattare ipossemia e ipovolemia e in modo particolare ricercare diagnosi e trattare precocemente uno STEMI (Classe I) e prevedere ipotermia terapeutica (Classe I) raffreddando il paziente impacchi freddi arterie carotidi. Questi trattamenti possono essere effettuati in Ticino =S=.$(*_T$/3%*=>"?8D 0PYYUPYL =S=.$(*_T$/3%*=>"?8.80P^LU0P^Z =S=.$(*_T$/3%*=>"?8.80P^[UCR?>$2*-( EFGD3%0-%-00HFgCR?> $2*-(D`=G=0V0*'%-

10 Controllo qualità BLS Utilizzare immediatamente sistemi di feedback (es: QCPR) e appena disponibile monitorizzare la capnografia (onda e valori). Non presente unicamente presso la clinica Cardiocentro Ticino pertanto prevedere un trasporto rapido e sicuro per questi pazienti. I nuovi dispositivi di istruzione e feedback per la RCP possono essere utili per l'addestramento dei soccorritori e come parte di una strategia generale che mira a migliorare la qualità della RCP per gli arresti cardiaci e le rianimazioni reali. L'addestramento sull'articolata combinazione di competenze necessarie per eseguire compressioni toraciche adeguate deve focalizzarsi sulla dimostrazione della padronanza da parte del soggetto. Mantenersi concentrati durante la RCP sui tre aspetti della manovra (frequenza, profondità e retrazione toracica) riducendo al minimo le interruzioni, rappresenta una sfida complessa anche per professionisti esperti e che merita la giusta attenzione nell'addestramento. 9">RC.$(*L=/3%*a"?.8?^KJ =S=.$(*_T$/3%*=>"?8.80P^[

11 "#$% '()*+,+-./ 01 E)X "#$%%'(%)*+,"-% %

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Italian Resuscitation Council

Italian Resuscitation Council Italian Resuscitation Council Sintesi delle principali modifiche apportate dalle nuove linee guida ERC 2005 per la Rianimazione Cardipolmonare Base e Defibrillazione eseguita in soggetti adulti maggio

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

2(4,#567,'8*5-"#.)("'9:1;<'=>>?' 2(4,#567,'8*5-"#.)("'9:1;<'=>@>'

2(4,#567,'8*5-#.)('9:1;<'=>>?' 2(4,#567,'8*5-#.)('9:1;<'=>@>' "#$%&'()'*+,-)'."/+"*0)'123' #$%&'()*)($+,-./012'34'56)4('3)+,'+7)4&3()89&:$45'+$%'&(;&$7'4$9$++'4&'9&('

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

LINEE GUIDA ERC (EUROPEAN RESUSCITATION COUNCIL) 2010 SULLA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP)

LINEE GUIDA ERC (EUROPEAN RESUSCITATION COUNCIL) 2010 SULLA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP) LINEE GUIDA ERC (EUROPEAN RESUSCITATION COUNCIL) 2010 SULLA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP) Le linee guida ERC (European Resuscitation Council) 2010 sulla rianimazione cardiopolmonare (RCP) aggiornano

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache Consueto appuntamento con i dati delle RCP effettuate nel corso del 2011. Come già detto nei report degli anni precedenti i dati riguardano gli interventi effettuati dalle auto mediche di Bologna che coprono

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 Fase D: Defibrillazione Precoce Se Polso e Segni di Circolo sono

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

1. CHIAMATA DI AIUTO E SICUREZZA

1. CHIAMATA DI AIUTO E SICUREZZA SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE BASE E DEFIBRILLAZIONE ESEGUITA IN SOGGETTI ADULTI 1. CHIAMATA DI AIUTO E SICUREZZA Punto

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

PAD Pubblic Access Defibrillation

PAD Pubblic Access Defibrillation PAD Pubblic Access Defibrillation ARGOMENTO DELLA LEZIONE 1) L Importanza della Defibrillazione Precoce: La Morte Cardiaca Improvvisa L incidenza del DAE 2) IL DAE Cos è Come si usa 3) Il DAE nel Pediatrico

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina Ore 14:15-16:15, 2 h Come studiare le patologie cardiovascolari Il professore

Dettagli

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso

Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Percorso assistenziale dell arresto cardio-respiratorio extra ospedaliero Triage e trattamento in Pronto Soccorso Claudio Begliardi Ghidini Pronto Soccorso Medicina d Urgenza O.C. S.Maria delle Croci -

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 ALLEGATO 1 di cui alla Determinazione n. 867 del 31/08/2006 PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 Il Corso di Formazione è indirizzato al personale sanitario che risulterà

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

L arresto cardiocircolatorio

L arresto cardiocircolatorio Michele Gallina L arresto cardiocircolatorio Definizione L arresto della attività cardiaca, dunque del circolo sanguigno, dovuto a condizione patologica meccanica (ischemia, scompenso), aritmica (fibrillazione,

Dettagli

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i Fase A: Primo Soccorritore Valuta Coscienza: Chiama e Scuote la vittima (Pizzica se Trauma) Accertato lo stato di Incoscienza Paziente Cosciente

Dettagli

Documento della Commissione ALS sulle nuove linee guida ALS ERC

Documento della Commissione ALS sulle nuove linee guida ALS ERC A tutti i simpatizzanti, soci, istruttori e direttori IRC Documento della Commissione ALS sulle nuove linee guida ALS ERC Claudio Sandroni Giacomo Quattrocchio A nome della Commissione ALS IRC ( 1 ) (1)

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

Constatazioni di decesso RCP

Constatazioni di decesso RCP Consueto appuntamento con i dati delle RCP dell anno appena passato, il 2012. I dati riguardano l attività delle auto mediche di Bologna che servono il territorio del comune di Bologna e dei comuni limitrofi.

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

La rianimazione neonatale

La rianimazione neonatale Linee guida SIN Campania La rianimazione neonatale Gruppo di Studio Coordinatore: dott. F Spagnuolo Componenti: dott.ssa M.P. Capasso, dott. G. Furcolo, dott.ssa M. Internicola,, dott. A. Piccirillo, dott.ssa

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

Indice Arresto cardiocircolatorio e nuove frontiere ------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice Arresto cardiocircolatorio e nuove frontiere ------------------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO E NUOVE FRONTIERE PROF.SSA ELIANA FRANCESCHINO Indice 1 ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 Ritmi defibrillabili -------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS-D (Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

CUORE E SPORT. Responsabile U.O.S. Patologie intenistiche Villa delle Ginestre ASPPALERMO MIS: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

CUORE E SPORT. Responsabile U.O.S. Patologie intenistiche Villa delle Ginestre ASPPALERMO MIS: PREVENZIONE E TRATTAMENTO The International Association of LIONS Clubs DISTRETTO 108 Yb Sicilia Club Bagheria Dott. Faldetta Emanuele CUORE E SPORT Responsabile U.O.S. Patologie intenistiche Villa delle Ginestre ASPPALERMO MIS:

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO

IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO CON ACCREDITAMENTO ECM/CPD DELLA REGIONE LOMBARDIA Corsi di aggiornamento per il personale Medico con esercitazioni pratiche: IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore DAE e PROGETTI PAD Enrico Baldi Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore Uso dei DAE I DAE sono sicuri ed efficaci quando usati da laici con minima formazione o senza formazione Yeung et al., Resuscitation 2011:

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli