Cara Concittadina, caro Concittadino,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cara Concittadina, caro Concittadino,"

Transcript

1 Cara Concittadina, caro Concittadino, la situazione della sicurezza nel nostro territorio non è più sostenibile. Basta aprire un qualsiasi giornale, ogni giorno, per leggere un lunghissimo elenco di violenze e la percezione che ciascuno di noi ha, soprattutto di alcune aree del nostro territorio provinciale e in particolare di alcune zone della nostra città capoluogo, è di profondo disagio se non, addirittura, di paura. Io sono fermamente convinta che una sicurezza maggiore, per noi e per i nostri figli, si debba costruire tutti insieme giorno dopo giorno. Proprio per questo lo scorso primo settembre si è deciso di convocare una seduta straordinaria del Consiglio Provinciale davanti alla Stazione di Padova: una delle aree più a rischio di tutto il territorio. Abbiamo scelto di farlo perché sono convinta che, come è accaduto quella sera, tutti noi cittadini perbene abbiamo il diritto di riprenderci la nostra serenità, di puntare un riflettore di luce intensa in quegli angoli di Provincia e di Città che la criminalità e l immigrazione clandestina vorrebbero tenere al buio per poter continuare ad imperare. Adesso è arrivato il momento, per ciascuno di noi, di compiere un significativo passo in avanti. Proprio per questo, tra le tante iniziative per la sicurezza dei cittadini che la Provincia di Padova sta mettendo in campo, abbiamo deciso di chiedere a ciascun cittadino come te di raccontarci come vive il problema sicurezza e di confrontarsi con noi su quali siano le risposte più urgenti da dare. Sono certa che la sicurezza la possiamo costruire insieme partendo anche da qui. Grazie della collaborazione Barbara Degani Presidente della Provincia di Padova

2 Provincia di Padova: verso il piano strategico La sicurezza costruiamola insieme Anagrafica Nome (Facoltativo) Cognome (Facoltativo) Recapito (Facoltativo) Età ff Sesso Maschio r Femmina r Comune di residenza Parte 1 - La percezione della sicurezza D01: In termini di sicurezza, Lei come definirebbe il Comune nel quale vive? 1 r Molto sicuro sicuro 3 r Poco sicuro 4 r Per nulla sicuro 2

3 D02: Quali sono i fattori che, secondo Lei, contribuiscono a creare una percezione di insicurezza tra i suoi concittadini? 1 r Presenza di immigrati clandestini 2 r Furti nelle abitazioni 3 r Fenomeni legati allo spaccio di droga 4 r Rapine 7 r Altro Parte 2 - Le istituzioni D.01: In termini di sicurezza Lei personalmente quanta fiducia ripone in A - Governo C - Regione Veneto E - Il suo Comune B - Forze dell Ordine D - Provincia di Padova 3

4 Parte 3 - Le risposte D01. Secondo Lei cosa dovrebbero fare soprattutto gli Enti Locali per aumentare il livello di sicurezza nel suo territorio? 1 r Costruire nuove caserme e presidi delle forze dell Ordine 2 r Pretendere dal Ministero dell Interno un maggior dispiego di Forze dell Ordine sul territorio 3 r Promuovere la formazione di gruppi di volontari a presidio del territorio 4 r Sostenere, presso il Ministero della Difesa, l utilizzo delle Forze Armate come forze di polizia 5 r Armare i corpi di Polizia Municipale 6 r Promuovere la realizzazione di un CIE (Centro Identificazione ed Espulsione) per clandestini 7 r Sono indeciso 8 r Non so 9 r Altro Parte 4 Padova D01. Lei, certamente, si recherà spesso nel capoluogo: per quale motivo si reca in Città? 1 r Lavoro 2 r Studio 3 r Svago 4 r Shopping 5 r Per accedere ai servizi sanitari D02. E con quale mezzo, solitamente, si reca in Città? 1 r Treno 2 r Autobus 3 r Bicicletta o ciclomotore 4 r Auto privata 5 r Altro 6 r Altro 4

5 D03. E come definirebbe la situazione sicurezza della Città di Padova? 1 r Molto sicura sicura 3 r Poco sicura 4 r Per nulla sicura D.04. E quali aree della Città, secondo Lei, sono maggiormente a rischio? 1 r La zona della stazione 2 r Le piazze 3 r Il Portello 4 r Il quartiere Arcella 5 r Altro D.05. Secondo Lei in questi anni per la sicurezza del Capoluogo è stato fatto.? 1 r Molto 3 r Poco 4 r Nulla 6 r No so Parte 5 L immigrazione e l Integrazione D.01. Per sua esperienza, dei cittadini che incontra ogni giorno nel suo comune, quanti sono stranieri? 1 r Uno su cinque 2 r Uno su dieci 3 r Uno su trenta 4 r Uno su cinquanta 5 r Uno su cento 6 r Sono indeciso 7 r Non so 8 r Altro 5

6 D.02. Secondo Lei quanti di questi non sono in possesso di un regolare permesso di soggiorno? 1 r Dal 5 al 10% 2 r Dal 10 al 30% 3 r Dal 30 al 50% 4 r Oltre il 50% 5 r Non so 6 r Altro D.03. Lei come definirebbe il fenomeno dell immigrazione nel suo Comune? 1 r Un occasione di arricchimento reciproco e di progresso 2 r Una necessità delle aziende e delle famiglie 3 r Un fenomeno ne positivo né negativo 4 r Un problema diventato grave in questi anni a causa della crisi economica ed occupazionale 5 r Un fenomeno gravissimo che produce problemi di civile convivenza e che compromette le tradizioni del territorio 7 r Altro D.04. Parliamo ora di cittadini stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno. Per la sua esperienza personale come può essere definito il livello di integrazione tra cittadini italiani e stranieri regolari nel suo territorio? 1 r Molto soddisfacente soddisfacente 3 r Poco soddisfacente 4 r Per nulla soddisfacente 7 r Altro 6

7 D.05. Quali sono, secondo Lei, i limiti maggiori per una soddisfacente integrazione? 1 r Diverse abitudini, usanze, costumi e stili di vita 2 r Difficoltà di comprensione a causa delle differenze linguistiche 3 r Differenze religiose 4 r L assenza di lavoro 5 r La considerazione del ruolo della donna 7 r Altro D.06. Cosa dovrebbero fare di più, secondo Lei, le istituzioni per governare il fenomeno dell immigrazione e favorire una migliore integrazione tra cittadini italiani e stranieri con permesso di soggiorno? 1 r Promuovere più corsi di mediazione linguistica e culturale 2 r Controllare con maggiore frequenza le condizioni di vita (salubrità alloggi, rispetto dell obbligo scolastico per i minori, qualità del lavoro svolto ecc) di vita dei cittadini immigrati 3 r Organizzare momenti di incontro e confronto tra cittadini immigrati e stranieri 4 r Prevedere una rappresentanza delle comunità straniere nei consigli comunali e nel consiglio provinciale 5 r Rilasciare con maggiore severità permessi per l apertura di attività commerciali 6 r Istituire un Centro di Identificazione degli Emigrati 7 r Non so 8 r Altro 7

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO

PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO PROVINCIA DI PADOVA: VERSO IL PIANO STRATEGICO Progetto di ricerca La sicurezza costruiamola insieme Ricerca sull opinione dei cittadini della Provincia di Padova -Rapporto di ricerca - Gennaio 2012 Indice

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA Il percorso che oggi stiamo avviando vuole costituire un momento di discontinuità

Dettagli

Prezzo a base d asta 8,00

Prezzo a base d asta 8,00 Lotto1 8, Lotto 2 Prezzo a base 8, Lotto3 15, Lotto4 Prezzo a base 25, Lotto5 20, Lotto6 15, Lotto7 15, Lotto8 35, Lotto9 60, Lotto10 10, Lotto11 50, Lotto12 15, Lotto13 15, Lotto14 15, Lotto15 8, Lotto16

Dettagli

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011

SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Pablo Picasso Donna allo specchio Piano di zona AREA IMMIGRAZIONE SCHEDE INTERVENTI ANNO 2011 Triage Multimediale Potenziamento Immigrazione - Altro intervento Il triade multimediale è un collegamento

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it

Polizia di Stato Questura di Pordenone. 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it 15 maggio 2014 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE NELL ANNO 2013 LA POLIZIA DI STATO NEL 2013 Prevenzione e contrasto Chiamate al 113 : 7.248

Dettagli

I NUOVI GHETTI A. Norsa

I NUOVI GHETTI A. Norsa I NUOVI GHETTI A. Norsa L altro giorno, nel chiedere il punto di ritrovo con alcuni amici mi sento dire: ci troviamo in piazza a Nairobi, non capendo bene di cosa stiano parlando, precisano ma si, Nairobi,

Dettagli

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

COMUNE DI TOMBOLO. Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

COMUNE DI TOMBOLO. Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO COPIA N. 51 Reg. COMUNE DI TOMBOLO Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Approvazione schema "Patto d'area" per la sicurezza urbana tra la Prefettura di Padova ed i

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

" Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale"

 Uguali e diversi da me. Nuove forme di aggregazione giovanile per costruire una comunità interculturale Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia Punto della Rete informativa per

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Breve lettera motivazionale nella lingua del paese di destinazione (per i candidati per la Germania, la lettera può essere redatta in inglese)

Breve lettera motivazionale nella lingua del paese di destinazione (per i candidati per la Germania, la lettera può essere redatta in inglese) Attenzione: Ricordati che per completare l'iscrizione devi registrarti on line all'indirizzo: https://www.sondaggio-online.com/s/0cec80f Ricordati di allegare alla presente scheda i seguenti documenti:

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI

VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/88/CR06/C3-C7-C13 VADEMECUM PER L ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI SOGGETTI GESTORI DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA a) organizzazioni di natura privata volti alla

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

Questo regolamento si applica a tutti gli utenti del sito BedyCasa, siano essi viaggiatori o ospitanti.

Questo regolamento si applica a tutti gli utenti del sito BedyCasa, siano essi viaggiatori o ospitanti. Tra i sottoscritti : Cognome : Nome : Indirizzo : Da adesso in poi «l ospitante» E : Cognome : Nome : Indirizzo : Da adesso in poi «il viaggiatore» la regolamentazione. Questo tipo di soggiorno prevede

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NZ00662. Insieme nel tempo SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

I VENETI E GLI EVENTI CULTURALI. Sondaggio d opinione LUGLIO 2012

I VENETI E GLI EVENTI CULTURALI. Sondaggio d opinione LUGLIO 2012 I VENETI E GLI EVENTI CULTURALI Sondaggio d opinione LUGLIO 2012 Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di soggetti maggiorenni che risiedono in alcuni comuni veneti. Il campione è stato stratificato

Dettagli

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17

Doriano Magosso Direttore SPISAL AULSS 17 I rischi psicosociali in Europa e gli obiettivi della Campagna Europea 2014-2015. Stato dell arte della Legge Regionale 8/2010 per la prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti

L agriturismo italiano si presenta al mondo. L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti L agriturismo italiano si presenta al mondo L agriturismo italiano nel mercato Andrea Mazzanti Punti di forza dell agriturismo italiano La nostra identità - Una storia di circa mezzo secolo con una crescita

Dettagli

Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Lecco Ufficio Territoriale del Governo Comune di Lecco PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA DI LECCO, LA REGIONE LOMBARDIA, LA PROVINCIA DI LECCO, IL COMUNE DI LECCO E I COMUNI DI CALOLZIOCORTE,

Dettagli

Malattie Dimenticate e Salute Globale

Malattie Dimenticate e Salute Globale Malattie Dimenticate e Salute Globale Venezia, 31 maggio - 1 giugno 2012 Dr.ssa Vanessa Martini Direzione Generale della Prevenzione Ministero della Salute Italia: bassa incidenza TB nella popolazione

Dettagli

Cavour e la terza età Questionario sui servizi e sulla qualità della vita degli Over 65 a Cavour

Cavour e la terza età Questionario sui servizi e sulla qualità della vita degli Over 65 a Cavour Cavour e la terza età Questionario sui servizi e sulla qualità della vita degli Over 65 a Cavour Gent.ma/o Cittadina/o, Un ringraziamento particolare va a tutti voi over 65 che, con il proprio parere,

Dettagli

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità ricettiva

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. COGNOME E NOME CERRUTI Giorgio LUOGO E DATA DI NASCITA. Battipaglia (SA), 24 novembre 1951

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. COGNOME E NOME CERRUTI Giorgio LUOGO E DATA DI NASCITA. Battipaglia (SA), 24 novembre 1951 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME E NOME CERRUTI Giorgio LUOGO E DATA DI NASCITA Battipaglia (SA), 24 novembre 1951 QUALIFICA DIRIGENTE AMMINISTRAZIONE COMUNE DI BATTIPAGLIA INCARICO ATTUALE

Dettagli

"La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena

La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena "La riqualificazione di aree degradate nelle politiche di sicurezza urbana: il caso RNORD a Modena Giovanna Rondinone U.O. Politiche per la Legalità e le Sicurezze Genova, 2 luglio 2015 Macroaree Piano

Dettagli

II PATTO PER ROMA SICURA

II PATTO PER ROMA SICURA Prefettura di Roma Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio II PATTO PER ROMA SICURA CONSIDERATO CHE garantire agli abitanti di Roma il diritto alla sicurezza e alla qualità della vita urbana richiede

Dettagli

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE)

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) 1 I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) Come nascono i Patti per la sicurezza La legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006,

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION - 2011 -

CUSTOMER SATISFACTION - 2011 - CUSTOMER SATISFACTION Sportello prestito libri - 2011 - Indice: 1. Quadro di analisi 2. Metodologia 3. Analisi dei dati ufficio sportello 4. Analisi dati prestito libri 5. Conclusioni 6. Allegati 1. Quadro

Dettagli

GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA PRINCIPALI RISULTATI

GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA PRINCIPALI RISULTATI GLI STUDENTI UNIVERSITARI ITALIANI E L EUROPA CONOSCENZA, PERCEZIONE E ASPETTATIVE. UN INCHIESTA DELL AUSE PRINCIPALI RISULTATI Biblioteca Universitaria. Pavia, 22 maggio 2009 1 INFORMAZIONI GENERALI 18.572

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

Domande Domande 1. Sesso F M 2. Età < 10 10-15 15-17 > 17 3. Classe e scuola frequentata 4. In quale zona o frazione abiti? 5. Ti senti sicuro nella città in cui vivi?, sempre Abbastanza Poco

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

FORUM SULLE (E-, IN-) MIGRAZIONI

FORUM SULLE (E-, IN-) MIGRAZIONI Con la Tavola della Pace per realizzare un FORUM SULLE (E-, IN-) MIGRAZIONI Presentazione Pietro Pertici, coordinatore della Tavola della Pace e della Cooperazione CAUSE E RESPONSABILITA STORICHE E ATTUALI

Dettagli

Il disagio adolescenziale

Il disagio adolescenziale Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia Il disagio adolescenziale 22 gennaio 2008 Prof.ssa M.A. Zanetti, Dott.ssa S. Peruselli COS'E' IL DISAGIO ADOLESCENZIALE? COME SI PUO' DESCRIVERE

Dettagli

MAPPATURA. Macrocategorie attuali dalla home page di Padovanet. Macrocategorie future da visualizzare in home page

MAPPATURA. Macrocategorie attuali dalla home page di Padovanet. Macrocategorie future da visualizzare in home page MAPPATURA Macrocategorie attuali dalla home page di Padovanet Macrocategorie future da visualizzare in home page Argomenti Ambiente, verde e animali Bandi, concorsi e avvisi pubblici Cultura, manifestazioni

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 14 La Carta sanitaria elettronica CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla Carta sanitaria elettronica e sul Fascicolo sanitario elettronico parole relative

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

Dati principali - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA

Dati principali - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

.è il sorriso di 150 bambini che grazie a Te potranno avere un pasto assicurato per il giorno di Natale.

.è il sorriso di 150 bambini che grazie a Te potranno avere un pasto assicurato per il giorno di Natale. .è il sorriso di 150 bambini che grazie a Te potranno avere un pasto assicurato per il sorriso di 150 bambini davanti a un pasto inaspettato. .è il sorriso di 100 bambini che grazie a Te potranno avere

Dettagli

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA

L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA L ITALIA VISTA DA CHI LA ABITA SONDAGGIO DOXA PRINCIPALI RISULTATI EMERSI Tra le tematiche sociali maggiormente sentite dagli adolescenti vi è prima di tutto il diritto alla vita (37%), sentito ancor di

Dettagli

PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE

PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE PERCEZIONE DELLA SICUREZZA E POLITICHE DI PROTEZIONE NELLE STAZIONI FERROVIARIE - Rapporto finale - Roma, maggio 2004 INDICE Introduzione Pag. 1 Parte prima PROFILI DI INQUADRAMENTO DEL PROBLEMA 3 1. Evoluzione

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

DOMANDA DI ACCOGLIENZA PROGETTO CHERNOBYL ANNO 2014

DOMANDA DI ACCOGLIENZA PROGETTO CHERNOBYL ANNO 2014 Via Morandi Gilli, 51-25062 Concesio (BS) Italy DOMANDA DI ACCOGLIENZA PROGETTO CHERNOBYL ANNO 2014 GIUGNO GIUGNO-LUGLIO LUGLIO LUGLIO-AGOSTO AGOSTO NATALE 15 GIORNI NATALE 28 GIORNI 1) Richiedente Cognome

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

IMMIGRAZIONE ED INTEGRAZIONE INDICAZIONI CONCRETE PER UNA CONVIVENZA, A JESI, FORSE DIFFICILE MA CERTAMENTE POSSIBILE

IMMIGRAZIONE ED INTEGRAZIONE INDICAZIONI CONCRETE PER UNA CONVIVENZA, A JESI, FORSE DIFFICILE MA CERTAMENTE POSSIBILE All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Jesi I sottoscritti Silvio Agnetti, Marco D Onofrio, Daniele Massaccesi, Gianni Montali, Maria Celeste Pennoni, Cesare Santinelli, Consiglieri Comunali

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE MUSICALE

LABORATORIO DI ANIMAZIONE MUSICALE LABORATORIO DI ANIMAZIONE MUSICALE 1 PREMESSA Il presente progetto di animazione musicale ha un doppio riferimento. Relativamente alla progettualità socio-educativa e relazionale generale nasce dall esperienza

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

NOVENTA PADOVANA CONSIGLIO COMUNALE DEL30/09/2011 INTERROGAZIONE

NOVENTA PADOVANA CONSIGLIO COMUNALE DEL30/09/2011 INTERROGAZIONE NOVENTA PADOVANA CONSIGLIO COMUNALE DEL30/09/2011 INTERROGAZIONE Al Sig. Sindaco e Sig.ri Consiglieri di maggioranza e di opposizione OGGETTO: Rilascio di una autorizzazione di Polizia per l'esercizio

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenza - U.O. Extracomunitari e Minoranze Etniche Consultorio Multietnico Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Consultorio

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Estratto dal T.U.LP.S. DECRETO LEGISLATIVO DEL 31 MARZO 1998, n 112

Estratto dal T.U.LP.S. DECRETO LEGISLATIVO DEL 31 MARZO 1998, n 112 Estratto dal T.U.LP.S. Art. 8 Le autorizzazioni di polizia sono personali: non possono in alcun modo essere trasmesse né dar luogo a rapporti di rappresentanza, salvi i casi espressamente preveduti dalla

Dettagli

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA

REGIONANDO 2000. REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE AZIENDA U.S.L. di CESENA PROGETTO SALEM PER L ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI IMMIGRATI E AGLI INDIGENTI SENZA FISSA DIMORA

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014

SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014 SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2014 Progetto Diritti di Cittadinanza Area Generale Settore di intervento: d) valorizzazione dell'integrazione, dell'interculturalità e della multiculturalità Premessa Il fenomeno

Dettagli

Formazione Immigrazione

Formazione Immigrazione Formazione Immigrazione Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri e comunitari I edizione Workshop conclusivo

Dettagli

INDAGINE SULLA QUALITÀ DEL SERVIZIO RELAZIONE DI COMMENTO AI DATI DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE UTENZA

INDAGINE SULLA QUALITÀ DEL SERVIZIO RELAZIONE DI COMMENTO AI DATI DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE UTENZA CENTRO INFORMAGIOVANI DI UDINE INDAGINE SULLA QUALITÀ DEL SERVIZIO RELAZIONE DI COMMENTO AI DATI DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE UTENZA Anno 2014 Premessa Nei mesi di ottobre e novembre 2014 la Codess Friuli

Dettagli

Manuale Utente per gli operatori della scuola e degli enti di formazione

Manuale Utente per gli operatori della scuola e degli enti di formazione per gli operatori della scuola e degli enti di formazione Venezia, 06/10/2010 INDICE Premessa... p.3 Inserimento dati... p.5 Duplicazione dei dati inseriti nell a.s. 2009/2010 per l anno in corso... p.15

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL COMUNE DI TIRANO E LA PREFETTURA DI SONDRIO SULLA SICUREZZA URBANA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL COMUNE DI TIRANO E LA PREFETTURA DI SONDRIO SULLA SICUREZZA URBANA PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL COMUNE DI TIRANO E LA PREFETTURA DI SONDRIO SULLA SICUREZZA URBANA SO'drio~ PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL COMUNE DI TIRANO E LA PREFETTURA DI SONDRIO SULLA SICUREZZA URBANA PREMESSO

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE.

PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. PROPOSTA Di legge n. 492/9^Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi minasi, ALBANO recante: NORME PER CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE. Il dirigente F.to Avv. Lucia caccamo Il presidente f.to On. Salvatore

Dettagli

TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003

TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003 PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI VII SESSIONE PADOVA, 25 OTTOBRE 2003 2 CASO: INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN RAGAZZO DISABILE: RISPETTO DELLA LEGGE O VOLUTA

Dettagli

MESE DI GENNAIO 2015 PRESENZE E ASSENZE DEI SERVIZI

MESE DI GENNAIO 2015 PRESENZE E ASSENZE DEI SERVIZI MESE DI GENNAIO 2015 lavorativi Bilancio e Affari Generali 89,00% 11,00% Cultura 87,32% 12,68% Lavori Pubblici e Patrimonio 62,40% 37,60% Polizia Municipale 89,51% 10,49% Ricostruzione Urbanistica Edilizia

Dettagli

PADOVA MUTA COMPOSIZIONE

PADOVA MUTA COMPOSIZIONE 29 PADOVA MUTA COMPOSIZIONE Nella nostra città la popolazione con cittadinanza straniera (comunitaria ed extra comunitaria) rappresenta il 12% della popolazione totale, un fatto relativamente recente che

Dettagli

Le Istituzioni in Italia

Le Istituzioni in Italia Le Istituzioni in Italia L Italia in Europa L Europa nel mondo Lo Stato italiano Lo Stato italiano garantisce i servizi pubblici fondamentali: la Pubblica Sicurezza i Trasporti la Sanità l Istruzione la

Dettagli

Gruppo di Lavoro 3 - Diritti di Cittadinanza e Associazionismo

Gruppo di Lavoro 3 - Diritti di Cittadinanza e Associazionismo Gruppo di Lavoro 3 - Diritti di Cittadinanza e Associazionismo Data e ora: 9 Aprile 2008 dalle ore 17.30 alle ore 19.30 Sede: sala riunioni della sede dell Assessorato al Lavoro, via Ca Venier, 8 - Mestre

Dettagli

CITTADINANZA ITALIANA E MATRIMONI

CITTADINANZA ITALIANA E MATRIMONI CITTADINANZA ITALIANA E MATRIMONI L'acquisto della cittadinanza italiana per matrimonio potrà avvenire solo dopo due anni di residenza legale in Italia dopo il matrimonio (anziché dopo 6 mesi così come

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE Comune di Novafeltria Comune di Talamello Comune di Maiolo QUESTIONARIO SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA a cura

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2008 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Gli stranieri in Lombardia I cittadini stranieri presenti in Lombardia al 31.12.2007 sono oltre 953.600 in base alla stima massima

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ROMA CAPITALE 2) Codice di accreditamento: NZ 01772 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

Prdettura di Genova Comune di Genova Provincia di Genova Regione Liguria PATTO PER GENOVA SICURA

Prdettura di Genova Comune di Genova Provincia di Genova Regione Liguria PATTO PER GENOVA SICURA Prdettura di Genova Comune di Genova Provincia di Genova Regione Liguria PATTO PER GENOVA SICURA Prefettura di Genova Comune di Genova Provincia di Genova Regione Liguria PREMESSO: - CHE il diritto alla

Dettagli

sione si spendeva in libri verdi e articolate comunicazioni sull integrazione, fornendo modelli e offrendo addirittura piccoli manuali di vita

sione si spendeva in libri verdi e articolate comunicazioni sull integrazione, fornendo modelli e offrendo addirittura piccoli manuali di vita PREFAZIONE Scrivono gli autori che a quasi quindici anni dalla legge Turco-Napolitano del 1998 è tempo di fare un bilancio delle risposte che le istituzioni hanno dato al fenomeno dell immigrazione. È

Dettagli

Il viaggio: riflessioni sulle scelte e i comportamenti del turista

Il viaggio: riflessioni sulle scelte e i comportamenti del turista Anno accademico 2008-2009 Il viaggio: riflessioni sulle scelte e i comportamenti del turista Prof. Tonino Pencarelli L agenda della discussione Il viaggio: riflessioni sulle scelte e i comportamenti del

Dettagli

IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO. a cura di Gianluca Cassuto

IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO. a cura di Gianluca Cassuto IL DECRETO FLUSSI, L INGRESSO PER LAVORO COS È IL DECRETO FLUSSI? Il decreto flussi è la legge che ogni anno stabilisce: Il numero di cittadini stranieri che possono venire in Italia a lavorare (PROVENENDO

Dettagli

I dieci punti da ricordare in caso di incidente. 1. Metti in sicurezza il luogo dell incidente e presta la prima assistenza ai feriti!!

I dieci punti da ricordare in caso di incidente. 1. Metti in sicurezza il luogo dell incidente e presta la prima assistenza ai feriti!! I dieci punti da ricordare in caso di incidente 1. Metti in sicurezza il luogo dell incidente e presta la prima assistenza ai feriti!! 2. Chiama i numeri di emergenza, se necessario!! 3. Fotografa i luoghi,

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato/a a. (Prov. ) il C.F. (Cittadinanza ) residente nel Comune di (Prov. di ) C.A.P.

Il/La sottoscritto/a nato/a a. (Prov. ) il C.F. (Cittadinanza ) residente nel Comune di (Prov. di ) C.A.P. Il modulo è da presentare in DUE ORIGINALI, uno dei quali timbrato dall Ufficio competente, dovrà essere tenuto presso l esercizio a disposizione degli Organi di Vigilanza e costituisce titolo per l esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

Ufficio Scolastico Territoriale di Padova Ufficio Integrazione Scolastica H. c/o CTS - Centro D. A.R.I. di PD

Ufficio Scolastico Territoriale di Padova Ufficio Integrazione Scolastica H. c/o CTS - Centro D. A.R.I. di PD Ufficio Scolastico Territoriale di Padova Ufficio Integrazione Scolastica H c/o CTS - Centro D. A.R.I. di PD Referente Sportello Autismo _ Donatella Gaban A UTISMO Nel 2004 inizia una collaborazione tra

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

Curriculum Vitae (redatto e sottoscritto ai sensi e per gli effetti degli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000)

Curriculum Vitae (redatto e sottoscritto ai sensi e per gli effetti degli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000) Curriculum Vitae (redatto e sottoscritto ai sensi e per gli effetti degli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000) Informazioni personali Cognome e Nome Bonasia Pasqua Indirizzo I Trav. prol. Via Damascelli

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità

LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE. Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità LA VIOLENZA SULLE DONNE E LE STRADE PER LA PREVENZIONE Assessorato alle Politiche attive di Cittadinanza, Diritti Sociali e Parità 1 I numeri della violenza nei confronti delle donne in Italia ancora non

Dettagli

Nominativo Candidato:

Nominativo Candidato: C.P.I.A SEDE ROSIGNANO SOLVAY TEST DI ACCERTAMENTO DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA AI FINI DEL RILASCIO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO anno scolastico 2014-15 sede

Dettagli