Relazioni e Bilanci 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilanci 2014"

Transcript

1 Relazioni e Bilanci 2014

2 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia 74 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia Codice Fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro delle Imprese di Bergamo n ABI Albo delle Banche n Albo dei Gruppi Bancari n Capogruppo del Gruppo Bancario Unione di Banche Italiane Capitale sociale al 31 dicembre 2014: Euro i.v.

3 Relazioni e Bilanci esercizio

4 Indice UBI Banca: cariche sociali 4 Lettera dei Presidenti 5 Gruppo UBI Banca: principali dati e indicatori 8 Gruppo UBI Banca: articolazione territoriale al 19 gennaio Gruppo UBI Banca: principali partecipazioni al 31 dicembre Il rating 12 Avviso di convocazione 14 BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo UBI Banca al 31 dicembre 2014 RELAZIONE SULLA GESTIONE CONSOLIDATA 35 Lo scenario di riferimento 36 L attuazione dell Unione bancaria europea 44 Gli eventi rilevanti dell esercizio 50 L attività commerciale 55 La struttura distributiva e il posizionamento 72 Le risorse umane 75 L area di consolidamento 81 Prospetti consolidati riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo 85 Il conto economico consolidato 95 L intermediazione con la clientela: la raccolta La raccolta totale La raccolta diretta La raccolta indiretta e il risparmio gestito 111 L intermediazione con la clientela: gli impieghi L evoluzione del portafoglio crediti La rischiosità 117 L attività sul mercato interbancario e la situazione di liquidità 121 L attività finanziaria 124 Il patrimonio netto e l adeguatezza patrimoniale 138 L attività di ricerca e sviluppo 142 Il sistema dei controlli interni 143 Le operazioni con parti correlate e con soggetti collegati 144 Società consolidate: dati principali Informazioni relative alle Banche Rete L andamento delle principali Società Prodotto 157 Altre informazioni Azioni proprie Informativa sul contenzioso Novità fiscali Accertamenti ispettivi Le attività di Investor e Media Relations Il Codice Italiano Pagamenti Responsabili La responsabilità sociale e ambientale 173 Principali rischi e incertezze cui è esposto il Gruppo UBI Banca 176 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio e prevedibile evoluzione della gestione consolidata 181 ATTESTAZIONE DEL CONSIGLIERE DELEGATO E DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI 183 RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE 187 SCHEMI DEL BILANCIO CONSOLIDATO 191 Stato patrimoniale consolidato 192 Conto economico consolidato 193 Prospetto della redditività consolidata complessiva 194 Prospetti delle variazioni del patrimonio netto consolidato 195 Rendiconto finanziario consolidato 197 NOTA INTEGRATIVA CONSOLIDATA 199 Parte A - Politiche contabili A.1 - Parte generale A.2 - Parte relativa alle principali voci di bilancio A.3 - Informativa sui trasferimenti tra portafogli di attività finanziarie A.4 - Informativa sul fair value A.5 - Informativa sul c.d. Day one profit/loss 233 Parte B - Informazioni sullo Stato Patrimoniale Consolidato Attivo Passivo Altre informazioni 278 Parte C - Informazioni sul Conto Economico Consolidato 281 Parte D - Redditività consolidata complessiva 296 Parte E - Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 297 Parte F - Informazioni sul patrimonio consolidato 368 Parte G - Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 374 Parte H - Operazioni con parti correlate 375 Parte I - Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 378 Parte L - Informativa di settore 380 ALLEGATI AL BILANCIO CONSOLIDATO 381 Pubblicità dei corrispettivi di revisione contabile e dei servizi diversi dalla revisione a norma del Regolamento Emittenti Consob art. 149 duodecies 383 Informazioni di cui alle lettere a), b) e c) dell Allegato A della Parte Prima, Titolo III, Capitolo 2 della Circolare Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre Situazione al 31 dicembre BILANCIO D ESERCIZIO di UBI Banca Scpa al 31 dicembre 2014 RELAZIONE SULLA GESTIONE 389 UBI Banca: principali dati e indicatori 390 La struttura organizzativa di UBI Banca 391 Premessa 392 Le risorse umane 393 Prospetti riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo 394 Il conto economico 403 L attività di intermediazione La raccolta Gli impieghi L operatività sul mercato interbancario 417 L attività finanziaria 420 Il patrimonio netto e l adeguatezza patrimoniale Relazioni e Bilanci 2014

5 I rapporti verso le imprese del Gruppo 427 Le operazioni con parti correlate e con soggetti collegati 428 Il titolo azionario e la compagine sociale Il titolo azionario Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Azioni proprie Relazione sull ammissione di nuovi Soci Relazione sullo scopo mutualistico Poteri degli organi societari e deleghe loro attribuite 433 Altre informazioni Informativa sul contenzioso La gestione delle controversie 434 Principali rischi e incertezze cui è esposta UBI Banca 435 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio e prevedibile evoluzione della gestione 435 Proposta di copertura della perdita d esercizio e di distribuzione del dividendo 436 ATTESTAZIONE DEL CONSIGLIERE DELEGATO E DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI 437 RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE 441 SCHEMI DEL BILANCIO DELL IMPRESA 445 Stato patrimoniale 446 Conto economico 447 Prospetto della redditività complessiva 448 Prospetti delle variazioni del patrimonio netto 449 Rendiconto finanziario 451 NOTA INTEGRATIVA 453 Parte A Politiche contabili A.1 Parte generale A.2 Parte relativa alle principali voci di bilancio A.3 Informativa sui trasferimenti tra portafogli di attività finanziarie A.4 Informativa sul fair value A.5 Informativa sul c.d. Day one profit/loss 481 Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale Attivo Passivo Altre informazioni 520 Parte C Informazioni sul Conto Economico 523 Parte D Redditività complessiva 539 Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 541 Parte F Informazioni sul patrimonio 605 Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 610 Parte H Operazioni con parti correlate 611 Parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 616 Parte L Informativa di settore 617 ALLEGATI AL BILANCIO D ESERCIZIO 619 Elenco degli immobili 620 Obbligazioni convertibili 625 Pubblicità dei corrispettivi di revisione contabile e dei servizi diversi dalla revisione a norma del Regolamento Emittenti Consob art. 149 duodecies 625 RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI DI UBI BANCA SCPA ai sensi dell art. 123-bis TUF 627 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA ALL ASSEMBLEA DEI SOCI ai sensi dell art. 153, comma 1 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e dell art. 46, comma 1, lettera h) dello Statuto 683 RELAZIONI SUGLI ALTRI PUNTI ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA 693 Nomina del Collegio dei Probiviri 694 Relazione sulla remunerazione ai sensi della normativa vigente Relazione sulle verifiche condotte sulla rispondenza delle prassi di remunerazione e incentivazione alle politiche approvate dalla Banca e al quadro normativo di riferimento 731 Proposta in ordine alle politiche di remunerazione e incentivazione a favore dei Consiglieri di Sorveglianza e dei Consiglieri di Gestione ai sensi della normativa vigente 732 Piani di incentivazione di breve e lungo termine (annuale e triennale) basati su strumenti finanziari: proposta per la valorizzazione di quote della componente variabile della remunerazione del Personale più Rilevante mediante assegnazione di azioni ordinarie della Capogruppo UBI Banca e proposta di acquisto di azioni proprie al servizio del piano di incentivazione ai sensi della normativa vigente Documento Informativo ex art. 84-bis del Regolamento Emittenti - Piano di incentivazione a breve termine (annuale) Documento Informativo ex art. 84-bis del Regolamento Emittenti - Piano di Incentivazione a lungo termine (triennale) 744 Proposta in ordine ai criteri e limiti per la determinazione dei compensi da accordare in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro o di cessazione anticipata della carica, ai sensi delle disposizioni della Banca d Italia in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione contenute nella Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 (7 aggiornamento) 749 GLOSSARIO 751 ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL GRUPPO UBI BANCA 763 CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI PER IL 2015 DI UBI BANCA 774 CONTATTI 775 Legenda Nelle tavole sono utilizzati i seguenti segni convenzionali: linea (-): quando il fenomeno non esiste; non significativo (n.s.): quando il fenomeno non è significativo; non disponibile (n.d.): quando il dato non è disponibile; segno X : quando la voce non è da valorizzare (conformemente alle Istruzioni della Banca d Italia). Gli importi, ove non diversamente indicato, sono espressi in migliaia di euro. Relazioni e Bilanci

6 UBI Banca: cariche sociali Presidente Onorario Giuseppe Vigorelli Consiglio di Sorveglianza (nominato dall Assemblea dei Soci il 20 aprile 2013) Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Vice Presidente Andrea Moltrasio Mario Cera Alberto Folonari Armando Santus Dorino Mario Agliardi Antonella Bardoni Letizia Bellini Cavalletti Marina Brogi Pierpaolo Camadini Luca Vittorio Cividini Alessandra Del Boca Ester Faia Marco Giacinto Gallarati Carlo Garavaglia Gianluigi Gola Lorenzo Renato Guerini Alfredo Gusmini (*) Federico Manzoni Mario Mazzoleni Enrico Minelli Sergio Pivato Andrea Cesare Resti Maurizio Zucchi Consiglio di Gestione (nominato dal Consiglio di Sorveglianza il 23 aprile 2013) Presidente Vice Presidente Consigliere Delegato Direzione Generale Direttore Generale Vice Direttore Generale Vicario Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Dirigente preposto ex art. 154 bis TUF Società di Revisione Franco Polotti Giorgio Frigeri Victor Massiah Silvia Fidanza Luciana Gattinoni Francesco Iorio Italo Lucchini Flavio Pizzini Elvio Sonnino Francesco Iorio Elvio Sonnino Rossella Leidi Ettore Medda Pierangelo Rigamonti Elisabetta Stegher DELOITTE & TOUCHE Spa (*) Segretario del Consiglio di Sorveglianza. 4 Relazioni e Bilanci 2014

7 Lettera dei Presidenti dei Presidenti Signori Soci e Signori Azionisti, il Gruppo UBI Banca ha chiuso l esercizio con un utile della gestione ordinaria, quindi al netto delle componenti non ricorrenti - principalmente impairment, oneri connessi al Piano per esodi anticipati e plusvalenze dalla cessione di partecipazioni assicurative pari a 146,5 milioni di euro, in crescita del 46% rispetto ai 100 milioni conseguiti nel Il 2014 ha evidenziato, rispetto al 2013, il buon andamento dei proventi operativi core, saliti di oltre 107 milioni grazie all evoluzione del margine d interesse (+67,6 milioni) e delle commissioni nette (+39,5 milioni), mentre il risultato della finanza, ancora molto positivo, si è attestato su livelli più contenuti (189 milioni contro 239 milioni). Dal lato dei costi, i processi di razionalizzazione portati avanti dal 2007 ad oggi sul fronte della struttura partecipativa, della rete territoriale e della gestione delle spese correnti hanno permesso di ottenere, per il sesto anno consecutivo, una contrazione degli oneri operativi (-1,7%; -37,4 milioni rispetto al 2013), pur in presenza di importanti investimenti in nuovi e rilevanti progetti, prevalentemente a sostegno dello sviluppo del business. Per quanto riguarda il comparto del credito, l esercizio ha registrato rettifiche su crediti per 929 milioni rispetto ai precedenti 943 milioni. Si sono significativamente ridotti i nuovi flussi di credito anomalo: i passaggi da bonis a deteriorati sono diminuiti del 36%, supportando l aspettativa di un costo del credito più contenuto per i prossimi anni. Con riferimento agli aggregati patrimoniali, gli impieghi verso clientela, attestatisi a 85,6 miliardi al 31 dicembre, hanno mostrato i primi segnali di recupero a partire dalle ultime settimane dell anno, sostenuti principalmente dai finanziamenti a tassi vantaggiosi erogati alla clientela a fronte dei fondi TLTRO messi a disposizione dalla Banca Centrale Europea. Lo stock dei crediti deteriorati è in fase di stabilizzazione, sia in termini lordi (+0,4 miliardi l incremento annuale del 2014 contro i +1,7 miliardi del 2013 e i +2,4 miliardi del 2012), sia in termini netti (+0,2 miliardi, rispetto ai precedenti +1,2 miliardi e +1,8 miliardi). A fine 2014 la raccolta totale, costituita dalle masse complessivamente amministrate per conto della clientela, totalizzava 169 miliardi, in crescita di 4,8 miliardi anno su anno. Lo sviluppo è da ricondurre alla componente indiretta (circa 76 miliardi) e in particolare al risparmio gestito (oltre 43 miliardi), mentre la raccolta diretta (93,2 miliardi) è rimasta stabile, a seguito delle politiche di ottimizzazione del costo. I diffusi segnali di incertezza che continuano a caratterizzare il quadro congiunturale, con la conferma di uno scenario prolungato di bassissimi tassi d interesse, un aspettativa di lenta crescita dell economia reale e un livello d inflazione attesa particolarmente esiguo, hanno reso necessario procedere a rettifiche di valore (cd impairment), essenzialmente su avviamento e su attivi intangibili, per 883 milioni. Pur impattando sul risultato finale dell'esercizio, complessivamente negativo per 725,8 milioni, l impairment non ha comportato effetti negativi sul Common Equity, e determina, già a partire dal 2015, un vantaggio annuo in termini di minori oneri relativi all ammortamento degli intangibili svalutati. Relazioni e Bilanci

8 Lettera dei Presidenti Si confermano solidi gli indici patrimoniali, che a fine anno si sono attestati: al 12,33% il CET1 e al 15,29% il Total Capital Ratio, a fronte rispettivamente del 9,5% e dell 11% chiesti dalla BCE il 25 febbraio 2015 a margine del Processo di revisione e valutazione prudenziale - SREP. Nel rispetto quindi dei parametri di capitale regolamentare, il Consiglio di Gestione e il Consiglio di Sorveglianza hanno confermato la politica di distribuzione del dividendo, proponendo all Assemblea l attribuzione di 0,08 euro per azione pari ad un monte dividendi di circa 72 milioni a valere sulla Riserva straordinaria, in aumento del 33% rispetto agli 0,06 euro del * * * Nel corso del 2014 il processo di costituzione dell Unione bancaria europea ha raggiunto traguardi importanti: il 4 novembre ha iniziato ad operare il Meccanismo unico di vigilanza, la prima delle tre componenti che, unitamente al sistema di risoluzione delle crisi e di garanzia dei depositi, ne formeranno a regime la struttura portante. L Unione bancaria rappresenta infatti un importante segnale di ripresa e continuità del progetto europeo, che dovrà tuttavia essere progressivamente integrato con imprescindibili interventi di armonizzazione delle legislazioni bancaria, finanziaria, fiscale, nonché del diritto societario. L operatività della Vigilanza unica è stata avviata dopo un complesso ed approfondito esercizio di Valutazione dei bilanci bancari (cd Comprehensive Assessment), che ha coinvolto, fra gli altri, 15 Gruppi bancari italiani, inclusa UBI Banca, e che è stato condotto dalla BCE in collaborazione con le Autorità Nazionali di Vigilanza sui dati al 31 dicembre L esercizio si è articolato in due diversi ambiti: un analisi della qualità degli attivi (AQR Asset Quality Review) al fine di verificare l adeguatezza delle valutazioni, delle garanzie e delle relative coperture, e uno stress test per l analisi della resilienza dei bilanci di fronte a scenari di stress basati su ipotesi, soprattutto nello scenario avverso, particolarmente severe. I risultati della Valutazione Approfondita, resi noti il 26 ottobre 2014, hanno evidenziato in tutte le fasi dell esercizio la solidità della struttura patrimoniale del Gruppo UBI Banca, con il conseguimento di significative eccedenze di capitale rispetto alle soglie minime richieste, a conferma della qualità dei processi valutativi e gestionali in uso nel Gruppo. * * * Il nuovo anno si è aperto con una rilevantissima novità legislativa. Il 20 gennaio 2015 il Consiglio dei Ministri ha approvato un Decreto Legge recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti, che all articolo 1 riforma in termini obbligatori la disciplina delle Banche Popolari. La norma, in sintesi, restringe il novero delle popolari che possono mantenere la forma cooperativa a quelle la cui dimensione, misurata dal totale dell attivo di 6 Relazioni e Bilanci 2014

9 bilancio, non eccede gli 8 miliardi. Per le altre, e noi tra queste, è prevista la trasformazione in società per azioni entro un termine che verrà determinato dalla norma definitiva e decorrente dall entrata in vigore delle disposizioni attuative, pena l adozione di provvedimenti da parte dell Autorità di Vigilanza. In attesa del testo definitivo che andrà ad emergere in sede di conversione del Decreto, ci preme confermare che il nostro Gruppo non perderà il suo stile, la sua cultura aziendale e i criteri operativi e gestionali da sempre applicati, ispirati dall impegno, anche morale, di tutti coloro che collaborano allo sviluppo aziendale e al far banca per bene, che vogliamo ulteriormente valorizzare. Infine confermiamo, anche in questa circostanza, la validità e l efficacia degli obiettivi voluti con la costituzione di UBI Banca, e cioè di una Banca efficiente e solida, votata al credito per il territorio ed allo sviluppo armonico delle collettività servite, seppur già con un respiro nazionale e una solida reputazione internazionale. 11 marzo 2015 Il Presidente del Consiglio di Sorveglianza Andrea Moltrasio Il Presidente del Consiglio di Gestione Franco Polotti Relazioni e Bilanci

10 Gruppo UBI Banca: principali dati e indicatori INDICI DI STRUTTURA Crediti netti verso clientela /totale attivo 70,3% 71,2% 70,1% 76,8% 78,0% 80,1% 79,0% Raccolta diretta da clientela /totale passivo 76,5% 74,5% 74,6% 79,2% 81,8% 79,5% 80,0% Crediti netti verso clientela /raccolta diretta da clientela 91,9% 95,5% 94,0% 97,0% 95,4% 100,8% 98,7% Patrimonio netto (incluso utile/perdita d'esercizio)/totale passivo 8,1% 8,3% 7,4% 6,9% 8,4% 9,3% 9,1% Risparmio gestito /raccolta indiretta da clientela privata 57,1% 55,2% 54,3% 51,2% 54,6% 53,2% 53,1% Financial leverage ratio (totale attivo - attività immat.)/(pn incluso utile/perdita d'esercizio + pn di terzi - attività immat.) 14,0 14,7 17,0 18,5 19,3 17,1 17,3 INDICI DI REDDITIVITÀ ROE (utile netto)/(patrimonio netto incluso utile/perdita d'esercizio) 2,4% 2,4% 0,8% 3,9% 1,6% 2,4% 0,6% ROTE [utile netto /pn tangibile (pn incluso utile/perdita, al netto delle immobilizzazioni immateriali)] 2,9% 3,4% 1,2% 5,9% 3,1% 4,6% 1,2% ROA (utile netto /totale attivo) 0,19% 0,20% 0,06% 0,27% 0,13% 0,22% 0,06% Cost/income (oneri /proventi operativi) 61,8% 62,3% 64,3% 69,5% 70,6% 64,4% 63,9% Spese per il personale /proventi operativi 38,2% 37,9% 39,0% 41,4% 41,5% 37,5% 38,8% Rettifiche nette su crediti /crediti netti verso clientela (costo del credito) 1,08% 1,07% 0,91% 0,61% 0,69% 0,88% 0,59% Margine di interesse /proventi operativi 53,3% 50,9% 52,8% 61,7% 61,3% 61,5% 68,7% Commissioni nette /proventi operativi 36,0% 34,5% 33,5% 34,7% 33,9% 31,1% 33,3% Risultato netto dell'attività finanziaria /proventi operativi 5,9% 9,4% 7,3% 0,2% 1,0% 3,2% -5,9% INDICI DI RISCHIOSITÀ Sofferenze nette /crediti netti verso clientela 4,70% 3,89% 3,18% 2,49% 1,91% 1,36% 0,88% Rettifiche di valore su sofferenze /sofferenze lorde (grado di copertura delle sofferenze) 38,56% 41,60% 42,60% 43,31% 48,69% 51,57% 54,58% Grado di copertura delle sofferenze al lordo degli stralci delle posizioni oggetto di procedura concorsuale e delle relative rettifiche 53,36% 56,05% 57,63% 59,06% 63,62% 66,10% Sofferenze+incagli netti /crediti netti verso clientela 9,65% 8,77% 7,06% 5,03% 3,91% 3,24% 2,08% Rettifiche di valore su sofferenze e incagli /sofferenze+incagli lordi (grado di copertura) 28,87% 29,33% 29,26% 30,55% 34,89% 35,93% 38,22% COEFFICIENTI PATRIMONIALI Basilea 3 dal Tier 1 ratio (Tier 1 capital dopo i filtri e le deduzioni /attività di rischio ponderate) 12,33% 13,23% 10,79% 9,09% 7,47% 7,96% 7,73% Common Equity Tier 1 ratio (Common Equity Tier 1 dopo i filtri e le deduzioni/ attività di rischio ponderate) 12,33% 12,60% 10,29% 8,56% 6,95% 7,43% 7,09% Total capital ratio (Totale Fondi propri/ attività di rischio ponderate] 15,29% 18,91% 16,01% 13,50% 11,17% 11,91% 11,08% Totale Fondi propri (dati in migliaia di euro) di cui: Tier 1 capital dopo i filtri e le deduzioni Attività di rischio ponderate DATI ECONOMICI, PATRIMONIALI (in migliaia di euro), OPERATIVI E DI STRUTTURA (numero) Utile (perdita) d'esercizio di pertinenza della Capogruppo ( ) ( ) Utile (perdita) d'esercizio di pertinenza della Capogruppo ante oneri per esodi anticipati e impairment Utile (perdita) d'esercizio di pertinenza della Capogruppo normalizzato Proventi operativi Oneri operativi ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) Crediti netti verso clientela di cui: sofferenze nette incagli netti Raccolta diretta da clientela Raccolta indiretta da clientela di cui: Risparmio gestito Raccolta totale da clientela Patrimonio netto del Gruppo (incluso utile/perdita d'esercizio) Attività immateriali Totale attivo Sportelli in Italia Forza lavoro di fine esercizio (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) Forza lavoro media 3 (dipendenti effettivi in servizio + collaboratori con contratto di somministrazione) Promotori finanziari Gli indicatori sono stati costruiti utilizzando i dati riclassificati riportati nel capitolo Prospetti consolidati riclassificati, prospetti di conto economico al netto delle più significative componenti non ricorrenti e prospetti di raccordo della Relazione sulla gestione consolidata. Le informazioni relative al titolo azionario sono riportate in uno specifico capitolo all interno della Relazione sulla gestione di UBI Banca. Con riferimento agli esercizi 2014 e 2011, si segnala che gli indici di redditività sono stati costruiti utilizzando l utile d esercizio ante oneri per esodi anticipati e impairment. 2 Gli indicatori al 31 dicembre 2014 sono stati calcolati secondo la metodologia di Basilea 3 entrata in vigore il 1 gennaio 2014 (Regolamento UE n. 575/2013). I dati al 31 dicembre 2013 e al 31 dicembre 2012 erano stati calcolati secondo la metodologia Basilea 2 AIRB e si riferiscono rispettivamente agli indicatori: Tier1 (patrimonio di base/attività di rischio ponderate); Core Tier 1 dopo le deduzioni specifiche dal patrimonio di base (patrimonio di base al netto delle preference shares e azioni di risparmio o privilegiate di terzi/attività di rischio ponderate); Total capital ratio (patrimonio di vigilanza + Tier 3/attività di rischio ponderate). Il Gruppo era stato infatti autorizzato il 19 luglio 2013 (a far data dalla segnalazione al 30 giugno 2013) all utilizzo dei sistemi di rating interno avanzati a fronte del rischio di credito relativo al portafoglio delle PMI e alle esposizioni garantite da immobili residenziali; relativamente al segmento corporate, l uso dei modelli interni avanzati era stato autorizzato il 16 maggio 2012 (a far data dalla segnalazione al 30 giugno 2012). Per i periodi precedenti i dati erano stati calcolati secondo il metodo Basilea 2 Standard. 3 Nel calcolo della forza lavoro media i dipendenti part-time vengono convenzionalmente considerati al 50%. 8 Relazioni e Bilanci 2014

11 Gruppo UBI Banca: articolazione territoriale al 19 gennaio 2015 Trentino Alto Adige Lombardia (762) Veneto 27 1 Valle d Aosta Friuli Venezia Giulia Piemonte (169) Emilia Romagna (43) Liguria (38) Marche 80 Umbria Toscana (7) Abruzzo (17) Molise Lazio (106) Puglia (94) 93 1 Basilicata 19 1 Sardegna Campania (78) Calabria 84 1 Filiali in Italia UBI Banca Scpa 4 Banca Popolare di Bergamo Spa 351 Banco di Brescia Spa 288 Banca Popolare Commercio e Industria Spa 196 Banca Regionale Europea Spa 208 Banca Popolare di Ancona Spa 208 Banca Carime Spa 216 Banca di Valle Camonica Spa 66 UBI Banca Private Investment Spa 21 IW Bank Spa 2 Filiali all estero 6 Banca Regionale Europea Spa Nizza, Mentone, Antibes (Francia) UBI Banca International Sa (Lussemburgo) Lussemburgo, Monaco (Germania), Madrid (Spagna) Presenze Internazionali UBI Factor Spa Cracovia (Polonia) UBI Management Co. Sa Lussemburgo Zhong Ou Asset Management Co. Ltd Shanghai (Cina) UBI Trustee Sa Lussemburgo Uffici di rappresentanza San Paolo (Brasile), Mosca, Mumbai, Hong Kong, Shanghai. Relazioni e Bilanci

12 Gruppo UBI Banca: principali partecipazioni al 31 dicembre 2014 UBI Banca Scpa BANCHE RETE ALTRE BANCHE SOCIETÀ FINANZIARIE Banca Popolare di Bergamo Spa 100% IW Bank Spa 100% UBI Leasing Spa 99,62% Banco di Brescia Spa 100% UBI Banca International Sa Lussemburgo 100% UBI Factor Spa 100% Banca Popolare Commercio e Industria Spa 83,76% UBI Banca Private Investment Spa 100% Banca Regionale Europea Spa 74,76% (1) Prestitalia Spa 100% Banca Popolare di Ancona Spa 99,53% Banca Carime Spa 99,99% Banca di Valle Camonica Spa 84,13% (1) La percentuale rappresenta il controllo sul capitale complessivamente detenuto. (2) Il restante 1,44% è detenuto da UBI Assicurazioni Spa. (3) La Società è stata ceduta il 12 gennaio Le percentuali si riferiscono alle quote di partecipazione complessivamente detenute dal Gruppo (dirette + indirette) sull intero capitale sociale. 10 Relazioni e Bilanci 2014

13 ASSICURAZIONI ASSET ASSET MANAGEMENT MANAGEMENT E SERVIZI E SERVIZI FIDUCIARI FIDUCIARI ALTRE ALTRE Aviva Assicurazioni Aviva Assicurazioni Vita Spa Vita Spa 20% 20% UBI Pramerica UBI Pramerica SGR Spa SGR Spa65% 65% BPB Immobiliare BPB Immobiliare Srl Srl 100% 100% Lombarda Lombarda Vita Spa Vita Spa 40% 40% UBI Management UBI Management Company Company Sa Sa 100% 100% S.B.I.M. S.B.I.M. Spa Spa 100% 100% Aviva Vita Aviva Spa Vita Spa 20% 20% Centrobanca Centrobanca Sviluppo Sviluppo 100% 100% Impresa Impresa SGR Spa SGR Spa UBI Sistemi UBI Sistemi e Servizi e Servizi SCpA SCpA 98,56% 98,56% (2) (2) UBI Fiduciaria UBI Fiduciaria Spa Spa 100% 100% UBI Academy UBI Academy SCRL SCRL 100% 100% UBI Gestioni UBI Gestioni Fiduciarie Fiduciarie (3) 100% 100% Sim Spa Sim Spa (3) UBI Trustee UBI Trustee Sa Sa Lussemburgo Lussemburgo 100% 100% Zhong Zhong Ou Asset Ou Asset Management Management Co. LtdCo. Ltd35% Cina Cina 35% Società consolidate Società consolidate il metodo con integrale il metodo integrale Società consolidate Società consolidate il metodo con del il metodo patrimonio del patrimonio netto netto Relazioni e Bilanci

14 Il rating Di seguito si riportano i giudizi di rating assegnati al Gruppo UBI Banca dalle tre principali agenzie internazionali. Il 14 febbraio 2014 Moody s ha rivisto da negativo a stabile l Outlook dell Italia, in considerazione della forza finanziaria dello Stato e del profilo di sostenibilità del debito, in un contesto di tassi storicamente bassi. Il 15 luglio l Agenzia ha riesaminato le prospettive a mesi del sistema bancario italiano, confermando l Outlook Negativo, alla luce sia dei persistenti impatti negativi che la fragile economia del Paese esercita sulla qualità degli attivi e sulla redditività, sia delle implicazioni delle nuove norme per la risoluzione delle crisi bancarie in ambito europeo, limitando le possibilità di supporto da parte dei governi nazionali. Nelle prime settimane del 2015 la stessa ha innalzato il rating assegnato al primo programma di Covered Bond (assistito da mutui residenziali), portandolo da A2 ad Aa3. Nell ambito delle periodiche revisioni dei rating sovrani, il 6 giugno 2014 Standard & Poor s, ha confermato i rating italiani con Outlook Negativo. Il successivo 5 dicembre, in considerazione del difficile contesto economico e dell impatto che le deboli prospettive potranno avere sulle dinamiche del debito pubblico, l Agenzia ha invece deciso di abbassare di un notch i rating governativi del nostro Paese, portandoli a BBB-/A-3 con Outlook Stabile. La manovra è stata accompagnata da una revisione dei rating sulle principali banche italiane alla luce dei possibili impatti sul settore dell accresciuto rischio economico in Italia, così come sintetizzato dal peggioramento del BICRA, l indice che sintetizza il rischio economico e industriale delle banche italiane, passato da 5 a 6. In tale contesto, i rating assegnati a UBI Banca sono stati confermati a BBB-/A-3, in linea con i rating sovrani, con Outlook Negativo. Alla base della conferma vi è il livello di patrimonializzazione del Gruppo UBI Banca che S&P ha ritenuto in grado di assorbire gli impatti di uno scenario in ulteriore deterioramento. Il 26 marzo 2014, nell'ambito di un ampia rating action a livello internazionale, avente ad oggetto i support rating dei principali gruppi bancari, Fitch Ratings ha confermato il Support Rating (2) e il Support Rating Floor (BBB) di UBI Banca. Il 25 aprile l Agenzia ha modificato da Negativo a Stabile l Outlook sull Italia in considerazione delle migliorate condizioni finanziarie del debito sovrano e di un sostanziale bilanciamento dei fattori di rischio che potrebbero agire sul rating governativo. Il 13 maggio Fitch ha rivisto i rating delle cinque principali banche italiane, tra le quali UBI Banca: in tale ambito sono stati confermati sia il rating a lungo termine (BBB+), allineato a quello sovrano, sia l Outlook Negativo, per i riflessi che il difficile contesto economico italiano determina su ricavi e rischiosità del portafoglio crediti. 12 Relazioni e Bilanci 2014

15 MOODY'S Long-term debt and deposit rating (I) Baa3 Short-term debt and deposit rating (II) Prime-3 Bank Financial Strength Rating (BFSR) (III) D+ Baseline Credit Assessment (BCA) (IV) ba1 Outlook (deposit ratings) Negativo Outlook (Bank Financial Strength Rating) Negativo GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured Baa3 Euro Commercial Paper Programme Prime-3 Covered Bond (Primo Programma - mutui residenziali) Aa3 (I) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a lungo termine (scadenza pari o superiore a 1 anno). Attraverso la metodologia JDA (Joint Default Analysis) questo rating associa alla solidità finanziaria intrinseca (Bank Financial Strength Rating) la valutazione circa le probabilità di intervento, in caso di necessità, da parte di un supporto esterno (azionisti, gruppo di appartenenza o istituzioni ufficiali). (Aaa: miglior rating C: default). (II) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a breve termine (scadenza inferiore a 1 anno). (Prime -1: massima qualità Not Prime: grado speculativo). (III) Questo rating non si riferisce alla capacità di rimborso del debito, ma prende in considerazione la solidità finanziaria intrinseca della banca (attraverso l analisi di fattori quali l articolazione territoriale, la diversificazione dell attività, i fondamentali finanziari, l esposizione al rischio), in assenza di supporti esterni. (A: miglior rating E: peggior rating). (IV) Il Baseline Credit Assessment rappresenta l equivalente del Bank Financial Strength Rating nella scala tradizionale dei rating a lungo termine. STANDARD & POOR S Short-term Counterparty Credit Rating (i) A-3 Long-term Counterparty Credit Rating (i) BBB- Stand Alone Credit Profile (SACP) (ii) bbb- Outlook Negativo GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured debt BBB- French Certificats de Dépôt Programme A-3 (i) L Issuer Credit Rating riflette il giudizio sul merito creditizio intrinseco della banca unitamente ad una valutazione del potenziale futuro supporto che la banca potrà ricevere in caso di difficoltà (dal governo o dal gruppo di appartenenza). Breve termine: capacità di ripagare il debito con durata inferiore ad un anno (A-1+: miglior rating D: default). Lungo termine: capacità di pagamento degli interessi e del capitale su debiti di durata superiore ad 1 anno (AAA: miglior rating D: default). (ii) Il SACP rappresenta il giudizio sul merito creditizio intrinseco della banca, in assenza di supporto esterno (da parte del governo o del gruppo di appartenenza). Viene ottenuto partendo da un Anchor SACP che sintetizza la valutazione dei rischi economici e industriali propri del settore bancario italiano, poi rettificato per tenere conto di specifici fattori della banca quali la patrimonializzazione, la posizione commerciale, l esposizione al rischio, la raccolta e la situazione di liquidità, valutati anche in ottica comparativa. FITCH RATINGS Short-term Issuer Default Rating (1) F2 Long-term Issuer Default Rating (2) BBB+ Viability Rating (3) bbb+ Support Rating (4) 2 Support Rating Floor (5) BBB Outlook (Long-term Issuer Default Rating) Negativo GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured debt BBB+ Euro Commercial Paper Programme F2 French Certificats de Dépôt Programme F2 Covered Bond (Primo Programma mutui residenziali) A+ Covered Bond (Secondo Programma mutui commerciali) BBB+ (1) Capacità di rimborso del debito nel breve termine (durata inferiore ai 13 mesi). (F1+: miglior rating D: peggior rating). (2) Capacità di fronteggiare puntualmente gli impegni finanziari nel lungo termine indipendentemente dalla scadenza delle singole obbligazioni. Questo rating è un indicatore della probabilità di default dell emittente. (AAA: miglior rating D: default). (3) Valutazione della solidità intrinseca della banca, vista nell ipotesi in cui la stessa non possa fare affidamento su forme di sostegno esterno (aaa: miglior rating - f: default). (4) Giudizio sull eventuale probabilità, adeguatezza e tempestività di un intervento esterno (da parte dello Stato o di azionisti istituzionali di riferimento) nel caso la banca si trovasse in difficoltà (1: miglior rating 5: peggior rating). (5) Questo rating costituisce un elemento informativo accessorio, strettamente correlato al Support Rating, in quanto identifica, per ogni livello del Support Rating, il livello minimo che, in caso di eventi negativi, potrebbe raggiungere l Issuer Default Rating. Relazioni e Bilanci

16 Avviso di convocazione 1 L Assemblea straordinaria e ordinaria dei Soci di Unione di Banche Italiane S.c.p.A. è indetta per il giorno venerdì 24 aprile 2015, alle ore 10.00, in prima convocazione, presso la Nuova Fiera di Bergamo in Bergamo, via Lunga e, in seconda convocazione, per il giorno Sabato 25 aprile 2015, alle ore 9.30 presso la Nuova Fiera di Bergamo in Bergamo, via Lunga, per deliberare e discutere sul seguente ORDINE DEL GIORNO Parte straordinaria 1. Proposta di modifica degli articoli dello Statuto Sociale: 22, 28 (TITOLO V - ASSEMBLEA DEI SOCI), 44, 45 (TITOLO VIII - CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA); delibere inerenti e conseguenti. Parte ordinaria 1. Nomina del Collegio dei Probiviri. 2. Proposta di copertura della perdita d esercizio e di distribuzione del dividendo a valere sulla riserva straordinaria, previa presentazione del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre Relazione sulla remunerazione ai sensi della normativa vigente. 4. Proposta in ordine alle politiche di remunerazione e incentivazione a favore dei Consiglieri di Sorveglianza e dei Consiglieri di Gestione ai sensi della normativa vigente. 5. Piani di incentivazione di breve e lungo termine (annuale e triennale) basati su strumenti finanziari: proposta per la valorizzazione di quote della componente variabile della remunerazione del Personale più Rilevante mediante assegnazione di azioni ordinarie della Capogruppo UBI Banca e proposta di acquisto di azioni proprie al servizio del piano di incentivazione ai sensi della normativa vigente. 6. Proposta in ordine ai criteri e limiti per la determinazione dei compensi da accordare in caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro o di cessazione anticipata della carica, ai sensi delle disposizioni della Banca d Italia in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione contenute nella Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 (7 aggiornamento). In conformità all art. 24 dello Statuto Sociale, è stata predisposta l attivazione di sistemi di collegamento a distanza dalle strutture in appresso indicate, che saranno dotate dei presidi necessari a garantire l identificazione dei soggetti legittimati a intervenire, la possibilità per essi di assistere ai lavori assembleari ed esprimere il voto nelle deliberazioni e la sicurezza delle comunicazioni presso: - la Fiera di Brescia, Via Caprera n. 5 Brescia - l Ata Hotel, Via Keplero n. 12 Pero (Milano) - il PalaBre, Via Viglione s.n. Cuneo. Tali collegamenti, ai sensi della citata disposizione statutaria, consentiranno ai Soci che non intendano recarsi presso il luogo di convocazione in Bergamo, Via Lunga - Nuova Fiera di Bergamo, e che pertanto, non intendano prendere la parola e partecipare alla discussione di seguire comunque i lavori assembleari ed esprimere durante lo svolgimento dell Assemblea, al momento della votazione, il proprio voto. * * * INFORMAZIONI SUL CAPITALE Il capitale sociale di UBI Banca S.c.p.A. (di seguito anche la Banca ) sottoscritto e versato è pari a Euro ,00, suddiviso in n azioni. UBI Banca, alla data del presente avviso, possiede n azioni proprie. Il numero complessivo dei Soci aventi diritto di voto in Assemblea è pari a n INTERVENTO IN ASSEMBLEA E RAPPRESENTANZA Per l intervento in Assemblea e l esercizio del voto è necessario che la qualità di Socio sia posseduta da almeno 90 (novanta) giorni decorrenti dall iscrizione a Libro Soci. La legittimazione all intervento in Assemblea e all esercizio del diritto di voto è attestata da una comunicazione indirizzata alla Banca, effettuata ai sensi dell art. 83-sexies del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 dall intermediario aderente al sistema di gestione accentrata Monte Titoli S.p.A., in conformità alle proprie scritture contabili, in favore del soggetto al quale spetta il diritto di voto e attestante la titolarità di almeno 250 (duecentocinquanta) azioni. Al riguardo possono intervenire in Assemblea, nel rispetto delle norme di legge, i Soci per i quali detta comunicazione sia stata effettuata alla Banca entro la fine del terzo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l Assemblea in prima convocazione vale a dire entro il 21 aprile 2015 (compreso). Resta ferma la legittimazione all intervento e al voto qualora le comunicazioni siano pervenute alla Banca oltre il termine sopra indicato, purché entro l inizio dei lavori assembleari della singola convocazione. I Soci in possesso di azioni non ancora dematerializzate ai sensi della normativa vigente dovranno provvedere in tempo utile alla loro consegna presso un intermediario abilitato al fine dell espletamento della procedura di dematerializzazione ivi prevista e della trasmissione della comunicazione sopra indicata. Si ricorda che ciascun Socio ha diritto a un solo voto qualunque sia il numero delle azioni possedute e non può esercitarlo per corrispondenza. Ogni Socio ha facoltà di farsi rappresentare mediante delega scritta rilasciata ad altro Socio avente diritto di intervenire in Assemblea, con firma autenticata ai sensi di legge ovvero da Dirigenti, Responsabili di Succursale di UBI Banca, di altre Banche del Gruppo UBI Banca, dall intermediario che rilascia la comunicazione per il diritto di intervento in Assemblea di cui all art. 83-sexies del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58. A questi fini può essere utilizzato il modulo di delega riprodotto in calce alla comunicazione rilasciata al Socio da una delle Banche del Gruppo UBI Banca ovvero il modulo di delega reperibile sul sito internet della Banca (www.ubibanca.it, Sezione Soci). La rappresentanza non può essere conferita né ai membri del Consiglio di Gestione o del Consiglio di Sorveglianza o ai dipendenti della Banca, né alle società da essa controllate o ai membri degli organi amministrativi o di controllo o ai dipendenti 1 Pubblicato in data 23 marzo 2015 sul sito istituzionale e in data 24 marzo 2015 sui principali quotidiani a diffusione nazionale e sulle testate locali dove storicamente il Gruppo è presente. 14 Relazioni e Bilanci 2014

17 di queste, né alla società di revisione legale alla quale sia stato conferito il relativo incarico o al responsabile della revisione legale dei conti della Banca, né a soggetti che rientrino in una delle altre condizioni di incompatibilità previste dalla legge. Ai sensi dell art. 26 dello Statuto Sociale, il numero massimo di deleghe conferibili al singolo socio è pari a 5 (cinque). Al riguardo, si fa presente che l art. 1, comma 1, lett. d), n. 3 del Decreto Legge 24 gennaio 2015, n. 3 (recante Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti ), in corso di conversione alla data di approvazione del presente avviso, ha stabilito che il numero massimo di deleghe conferibili ad un socio <<non è inferiore a 10>>. In considerazione di tale innovazione normativa, il numero massimo di deleghe conferibili ad un socio è, pertanto, fissato in 10 (dieci). Eventuali variazioni nel numero massimo di deleghe conferibili dovute alla mancata conversione in legge del predetto Decreto, o alla sua conversione con modifiche sul punto, saranno tempestivamente portate a conoscenza dei Soci. NOMINA DEL COLLEGIO DEI PROBIVIRI PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE L elezione dei Probiviri avviene sulla base di candidature individuali presentate dai Soci e/o dal Consiglio di Sorveglianza in un numero massimo pari a quello dei Probiviri da eleggere. La candidatura, sottoscritta da colui o da coloro che la presentano, deve indicare il nominativo del candidato alla carica di Proboviro, senza distinzione tra effettivo e supplente, e deve essere depositata presso la sede sociale entro il venticinquesimo giorno precedente l'assemblea in prima convocazione, corredata: (i) dalle informazioni relative all identità del Socio o dei Soci presentatori, con l indicazione del numero di azioni e quindi della percentuale complessivamente detenuta, da attestarsi contestualmente al deposito della candidatura con le modalità previste dalla normativa vigente; (ii) da una esauriente informativa sulle caratteristiche personali e professionali del candidato e (iii) dalla dichiarazione con la quale il candidato accetta la candidatura. La sottoscrizione di ciascun Socio presentatore dovrà essere debitamente autenticata ai sensi di legge oppure dai dipendenti di UBI Banca o di sue controllate appositamente delegati dal Consiglio di Gestione. Le candidature, unitamente alla relativa documentazione prevista dalla normativa vigente e dallo Statuto, sottoscritte da coloro che le presentano, dovranno essere depositate, con l osservanza delle formalità sopra richiamate, con le seguenti modalità (fra loro alternative): - presso il Servizio Rapporti con i Soci della Banca in Bergamo, Piazza Vittorio Veneto n. 8, entro quale termine ultimo le ore 17,00 del 30 marzo 2015; - trasmissione a mezzo posta elettronica certificata, al seguente indirizzo entro quale termine ultimo il 30 marzo 2015 allegando i documenti in formato pdf con firma digitale. Le candidature presentate senza l osservanza delle modalità che precedono sono considerate come non presentate. Qualora non sia presentata alcuna candidatura entro il termine indicato, l Assemblea vota sulle candidature presentate seduta stante dai Soci presenti. Ogni avente diritto di voto può votare un numero massimo di candidati pari a quello dei Probiviri da eleggere. I candidati sono disposti in una unica graduatoria decrescente in base al numero di voti ottenuti. Risultano eletti Probiviri effettivi i primi tre candidati votati e Probiviri supplenti i successivi due candidati votati. In caso di parità di voti fra più candidati, l Assemblea procede a votazione di ballottaggio al fine di stabilirne la graduatoria. Risulta eletto Presidente il candidato che ha ottenuto il maggiore numero di voti. In conformità allo Statuto e al Regolamento Assembleare le votazioni per la nomina alle cariche sociali avvengono a scrutinio segreto anche con modalità elettronica. Le candidature per la nomina dei Probiviri e i relativi curricula saranno messi a disposizione dei Soci presso la sede legale e sul sito internet della Banca (www.ubibanca.it, Sezione Soci). INTEGRAZIONE DELL ORDINE DEL GIORNO E PRESENTAZIONE DI NUOVE PROPOSTE DI DELIBERA Con le modalità, nei termini e nei limiti stabiliti dalla legge, un numero di Soci non inferiore a un quarantesimo del numero complessivo dei Soci aventi diritto di partecipare all Assemblea alla data della richiesta può chiedere con domanda scritta, entro 10 (dieci) giorni dalla pubblicazione del presente avviso di convocazione, l integrazione dell elenco delle materie da trattare in Assemblea quale risulta dall avviso di convocazione della stessa, indicando nella domanda gli ulteriori argomenti da essi proposti nonché presentare proposte di deliberazione su materie già all ordine del giorno. Le sottoscrizioni dei Soci devono essere autenticate ai sensi di legge ovvero dai dipendenti della Banca o di sue controllate a ciò autorizzati. La legittimazione all esercizio del diritto è comprovata dal deposito di copia della comunicazione rilasciata dall intermediario ai sensi della normativa legale e regolamentare vigente. La domanda scritta deve essere presentata con le seguenti modalità (fra loro alternative): - presso il Servizio Rapporti con i Soci della Banca in Bergamo, Piazza Vittorio Veneto n. 8, entro le ore 17,00 del decimo giorno successivo alla pubblicazione del presente avviso di convocazione; - trasmissione a mezzo posta elettronica certificata, al seguente indirizzo entro il decimo giorno successivo alla pubblicazione del presente avviso di convocazione allegando i documenti in formato pdf con firma digitale. DOCUMENTAZIONE La documentazione relativa agli argomenti posti all ordine del giorno è depositata e messa a disposizione del pubblico presso la sede sociale di UBI Banca, sul sito internet della Banca (www.ubibanca.it, Sezione Soci), depositata presso Borsa Italiana S.p.A. e sul meccanismo di stoccaggio denominato 1info (www.1info.it) nei termini e con le modalità previsti dalle vigenti disposizioni di legge e regolamentari. I Soci avranno facoltà di prendere visione e ottenere copia della predetta documentazione alle condizioni di legge, previa richiesta al Servizio Rapporti con i Soci. Il presente avviso di convocazione è pubblicato, ai sensi dell art. 125-bis TUF e ai sensi dell art. 24 dello Statuto Sociale, sul sito internet di UBI Banca (www.ubibanca.it, Sezione Soci) e su giornali quotidiani (Il Sole 24 Ore, Il Corriere della Sera, La Repubblica, MF, L Eco di Bergamo, Il Giornale di Brescia, BresciaOggi, La Stampa ed. Cuneo, La Prealpina, Il Giornale del Piemonte, La Provincia Pavese, La Provincia di Varese). È altresì trasmesso a Borsa Italiana S.p.A. e sul meccanismo di stoccaggio denominato 1info (www.1info.it) ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e regolamentari. Bergamo, 20 marzo 2015 Il Presidente del Consiglio di Gestione Franco Polotti Relazioni e Bilanci

18 I premi di UBI Banca nel 2014 Gennaio 2014 La carta Like riceve il premio di Miglior Prepagata 2014 da OF Osservatorio Finanziario per i numerosi servizi aggiuntivi e innovativi della carta tra cui la tecnologia contactless e la possibilità di essere richiesta online. Marzo 2014 UBI Banca riceve il Premio speciale Award, organizzato da Accenture in collaborazione con il Sole 24 Ore, alla carta Enjoy Ski per la customer application che la rende uno skipass abilitato in alcune stazioni sciistiche. Ottobre 2014 MF Innovation Award: UBI Banca ottiene il primo posto nella categoria servizi digitali finanziari con la nuova app UBI Pay e il secondo posto tra i servizi non finanziari con la piattaforma UBI World. Novembre 2014 UBI Banca riceve Premio AIRC Credere nella Ricerca 2014 per aver interpretato i valori della responsabilità sociale d impresa con progetti concreti e pluriennali a favore di AIRC e per aver saputo coinvolgere dipendenti e clienti. 16 Relazioni e Bilanci 2014

19 Il premio Bank of the year in Italy Novembre 2014 Premio Banca italiana dell anno attribuito da The Banker - Gruppo Financial Times (primo premio internazionale attribuito al Gruppo UBI Banca). Settembre 2014 Per la prima volta UBI Banca è entrata negli indici FTSE4Good Global e FTSE4Good Europe, tra i principali indici mondiali di sostenibilità. FTSE International seleziona le imprese da ammettere negli indici secondo rigorosi criteri sociali, ambientali e di governance. I premi di UBI Pramerica nel 2014 Febbraio 2014 Diaman Awards Il fondo UBI Pramerica Privilege 4 si è classificato secondo miglior fondo di fondi nella categoria "Balanced". Il riconoscimento è attributo sulla base della performance dell'anno 2013 corretta per il rischio. Marzo 2014 UBI Pramerica SGR è stata premiata come migliore società di gestione italiana nella categoria "26-40 fondi" nel Grands Prix - Fundclass 2014, il riconoscimento per le società con la migliore performance media in base alla gamma di offerta. Marzo Premio Alto Rendimento 2013 UBI Pramerica Obbligazioni Dollari è stato premiato quale Miglior Fondo Obbligazionario America, UBI Pramerica Obbligazioni Globali Alto Rendimento ha ricevuto il premio quale Miglior Fondo Obbligazionario Internazionale. Aprile 2014 I fondi UBI Pramerica Euro Corporate, UBI Pramerica Obbligazioni Globali Alto Rendimento e UBI Pramerica Azioni Mercati Emergenti sono stati inseriti da CSF Rating tra i migliori fondi Over 10 years. Relazioni e Bilanci

20 Eventi di UBI Banca Mostra Giovanni Battista Moroni Per la prima volta dalla nascita di UBI Banca, è stata sponsorizzato un importante evento a Londra: la mostra dedicata a Giovanni Battista Moroni, che si è tenuta dal 25 ottobre 2014 al 25 gennaio 2015 presso la Royal Academy of Arts. Con l'occasione è stata organizzata una serata, in collaborazione con The Italian Chamber of Commerce and Industry for the U.K, dedicata alla comunità economica e finanziaria italiana alla quale hanno partecipato, fra gli altri l'ambasciatore italiano, Pasquale Terracciano (a destra nella foto con il Presidente del Consiglio di Sorveglianza Andrea Moltrasio) e Leonardo Simonelli Santi, presidente ICCIUK. 18 Relazioni e Bilanci 2014

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli