REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PALERMO. Terza Sezione Civile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PALERMO. Terza Sezione Civile"

Transcript

1 Sent. n. 700/2014 depositata REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PALERMO Terza Sezione Civile Nella persona della dott.ssa Sebastiana Ciardo, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n 1626 del Ruolo Generale degli Affari contenziosi civili dell anno 2010 TRA Audia Michele, Scordato Nicoletta, Firriolo Vincenzo e Muratore Maria, elettivamente domiciliati a Palermo in via Catania n 5, presso lo studio degli avv.ti Rocco Chinnici e Domenico Chinnici che li rappresentano e difendono per mandato a margine dell atto di citazione ATTORI CONTRO Caravella Antonio, elettivamente domiciliato a Palermo in p.zza Vittorio Emanuele Orlando n 33, presso lo studio dell avv.to Pietro Manzella che lo rappresenta e difende per mandato a margine della comparsa di costituzione e risposta E DI.BA. s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata a Palermo in via Brunetto Latini n 11 presso lo studio dell avv.to Filippo Polizzi che la rappresenta e difende, unitamente e disgiuntamente all avv.to Massimo Cocilovo, per mandato in calce alla comparsa di costituzione e risposta CONVENUTI 1

2 E Società Reale Mutua Assicurazioni s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata a Palermo in via massimo D Azeglio, presso lo studio degli avv.ti Santo Spagnolo e Giuseppina Spagnolo che la rappresentano e difendono per mandato in calce alla copia notificata dell atto di chiamata in causa del terzo TERZA CHIAMATA E nella causa iscritta la n 9285 del ruolo generale degli Affari contenziosi civili dell anno 2010 TRA Mauro Natascia, Mauro Roberto, Mauro Gabriele, Mauro Simone, n.q. di eredi di Mauro Adalgisa, elettivamente domiciliati a Palermo in via P.pe di Scordia n 3, presso lo studio dell avv.to Francesco Paolo Martorana che li rappresenta e difende per mandato a margine dell atto di costituzione depositato in data 21 marzo 2013 ATTORI CONTRO Caravella Antonio, elettivamente domiciliato a Palermo in p.zza Vittorio Emanuele Orlando n 33, presso lo studio dell avv.to Pietro Manzella che lo rappresenta e difende per mandato a margine della comparsa di costituzione e risposta E DI.BA. s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata a Palermo in via Brunetto Latini n 11 presso lo studio dell avv.to Filippo Polizzi che la rappresenta e difende, unitamente e disgiuntamente all avv.to Massimo Cocilovo, per mandato in calce alla comparsa di costituzione e risposta CONVENUTI E Società Reale Mutua Assicurazioni s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata a Palermo in via massimo D Azeglio, presso lo studio degli avv.ti Santo Spagnolo e Giuseppina Spagnolo che la rappresentano e difendono per mandato in calce alla copia notificata dell atto di chiamata in causa del terzo TERZA CHIAMATA Conclusioni per tutti gli attori: come nei rispettivi atti di citazione e memorie ex art. 183 VI comma c.p.c.; 2

3 conclusioni per Caravella: come in comparsa di costituzione e risposta e memoria ex art. 183 VI comma c.p.c.; conclusioni per DI.BA. s.p.a.: come in comparsa di risposta e memorie ex art. 183 VI comma c.p.c. e nella relazione di ctp depositata in data ; conclusioni per la Reale Mutua s.p.a.: come in comparsa di costituzione e risposta. ~~~~~~~~~~~~~~ MOTIVI DELLA DECISIONE Gli attori Audia Michele, Firriolo Vincenzo e le loro mogli, Scordato Nicoletta e Muratore Maria, con atto di citazione ritualmente notificato convenivano in giudizio Caravella Antonio e la società DI.BA. s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, e chiedevano: ritenere e dichiarare l obbligo risarcitorio solidale dei convenuti verso gli attori per l epatite C, contratta da Audia Michele e Firriolo Vincenzo, nel corso ed a cagione del trattamento emodialitico effettuato presso la DIBA scrl, oggi DIBA sp.a. e, conseguentemente condannarli in solido a pagare: a) ad Audia Michele la somma di euro ,00; b) alla coniuge Scordato Nicoletta in Audia la somma di euro ,00; a Firriolo Vincenzo la somma di euro ,00; d) alla coniuge Muratore Maria in Firriolo la somma di euro ,00, con condanna alle spese si lite. A fondamento delle domande risarcitorie così proposte, esponevano che gli attori Audia e Firriolo, entrambi affetti da malattia renale, si erano sottoposti, nell anno 1997 il primo e nell anno 1999 il secondo, a cicli di terapia dialitica e di avere scoperto, dopo qualche anno, di essere positivi al virus dell HCV, il cui contagio doveva addebitarsi alle precarie condizioni igienico sanitarie in cui versava il Centro, nel quale venivano eseguiti lavori di ristrutturazione anche durante la somministrazione delle predette terapie, i macchinari non venivano puliti e disinfettati con regolarità, i tubi si presentavano sporchi di sangue e i macchinari usati per pazienti affetti da epatite C non erano separati da quelli utilizzati da soggetti non contagiati. Soggiungevano che per tali fatti si era celebrato processo penale ove erano state espletate due consulenze dai cui esiti era emersa la responsabilità del Centro, seppur il processo si fosse, tuttavia, concluso con sentenza di non doversi procedere nei confronti di Caravella perché il reato si era estinto per intervenuta prescrizione. Chiedevano, pertanto, che venissero utilizzate, nel presente giudizio civile, tutti gli accertamenti peritali disposti in sede penale e chiedevano la condanna delle parti convenute al risarcimento dei danni alla salute, patrimoniali e non patrimoniali subiti, 3

4 anche dai coniugi, tenuti ad assistere costantemente i mariti, stante le loro precarie condizioni psicofisiche, in relazione al danno morale ed esistenziale patito conseguente alla necessità di adottare ogni precauzione nella vita quotidiana. Si costituiva in giudizio Caravella Antonio il quale preliminarmente eccepiva la nullità dell atto di citazione e la prescrizione dell azione risarcitoria, in considerazione dell esito del processo penale, ove il reato si era estinto per prescrizione. Eccepiva ancora il proprio difetto di legittimazione passiva, non rivestendo peraltro più alcun ruolo all interno della società, fin dall anno Nel merito, negava ogni addebito anche richiamando le dichiarazioni rese nel processo penale da molti testimoni, che avevano descritto le condizioni di perfetta pulizia ed igiene in cui versava il Centro. Contestava la quantificazione dei danni e così concludeva: nel merito, rigettare le domande degli attori e ritenere che il sig. Caravello nulla deve a titolo di risarcimento del danno, con vittoria delle spese di lite. Parimenti, si costituiva nel giudizio la società DI.BA. s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, che preliminarmente eccepiva la prescrizione di ogni diritto risarcitorio vantato dagli attori. Nel merito, confutava le risultanze delle consulenze tecniche espletate nel corso del processo penale di cui quella a firma del dott. E.S. affetta da nullità per violazione del contraddittorio - fondate su dati del tutto probabilistici e non suffragate da dati empirici e da verifiche condotte all interno del centro o con indagini statistici sul numero di soggetti effettivamente contagiati e sul ceppo microbico di ciascun danneggiato. Contestava, ancora, la ritenuta riconducibilità eziologica del contagio al trattamento dialitico eseguito presso il Centro DIBA, giacché l epoca di insorgenza del virus, trattandosi di soggetti immunodepressi, non era compatibile con l esecuzione della terapia. Negava la quantificazione dei danni, non supportata da alcuna prova, e, in particolare, la ritenuta lesione alla capacità lavorativa specifica, che non teneva conto delle altre e più gravi patologie di cui gli attori risultavano affetti, che impedivano loro di svolgere attività lavorativa. Chiedeva di chiamare in causa la società di assicurazione alfine di essere dalla stessa manlevata e così concludeva: nel merito, rigettare tutte le domande formulate dagli attori perché infondate in fatto e in diritto; in via subordinata, ridurre l entità dei danni, e, in caso di condanna, condannare la Reale Mutua Assicurazioni a manlevare l assicurata da 4

5 ogni somma che la stessa convenuta dovrà essere tenuta eventualmente a pagare, con vittoria delle spese di lite. Ritualmente evocata, si costituiva la Reale Mutua Assicurazioni s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, la quale, preliminarmente eccepiva la prescrizione dei diritti azionati dagli attori, nonché la prescrizione del diritto dell assicurato, ai sensi dell art c.c. e l estinzione della garanzia per avere la società colpevolmente taciuto di non essere in possesso delle necessarie autorizzazioni prescritte dalla legge. Nel merito, richiamava il massimale di polizza, aderiva alle difese esposte dalla DIBA e così concludeva: nel merito, rigettare le domanda attorea in quanto infondata; in subordine, ridurre la domanda a quanto di ragione nei limiti della quota attribuibile alla propria assicurata, ed entro il massimale di polizza; in via ulteriormente subordinata, dichiarare il diritto di rivalersi sugli altri soggetti responsabili. La causa portante il n. 9285/2010, veniva intrapresa su domanda proposta da Mauro Adalgisa che, invocando i medesimi fatti ed addebiti mossi ai convenuti dagli altri attori, così concludeva: ritenere e dichiarare la responsabilità individuale e/o concorrente di Caravella e della DIBA s.p.a., e per l effetto condannarli in solido al risarcimento del danno patrimoniale non patrimoniale patito dall attrice in conseguenza del contagio dell epatite C, quantificato in euro ,00, oltre interessi legali e rivalutazione monetaria, con vittoria delle spese di lite, da liquidarsi con distrazione a vantaggio del procuratore antistatario, ex art. 93 c.p.c. Nelle more del giudizio Mauro Adalgisa decedeva e con nuovo atto, si costituivano gli eredi chiedendo la condanna dei convenuti, in solido, al risarcimento di tutti i danni patiti dalla loro congiunta, da liquidarsi agli attori iure successionis. ~~~~~~~~~~~~~ v Tanto premesso, in via preliminare deve essere esaminata l eccezione di prescrizione sollevata da tutte le parti convenute, le quali, tenendo conto dell epoca di avvenuto contagio e della manifestazione del virus HCV, tra l anno 1998 e l anno 1999, hanno rilevato il decorso del periodo di prescrizione quinquennale o anche decennale, al momento della notifica dell atto di citazione (1-2 febbraio 2010). A riguardo, evidenziano che, seppur gli attori danneggiati si fossero costituiti parti civili nel processo penale, essendosi questo concluso con sentenza di non doversi procedere per intervenuta prescrizione a carico di Caravella Antonio, il termine di 5

6 prescrizione decorrerebbe dalla data del fatto, senza che abbiano efficacia gli atti interruttivi intervenuti nel corso del processo penale. L eccezione, tuttavia, deve essere rigettata, perlomeno per gli attori che si sono costituiti parti civili nel processo penale, come risulta documentalmente provato. A riguardo, deve essere integralmente richiamata la giurisprudenza di legittimità alla quale aderisce il Tribunale, che ha così affermato: l'art c.c. va interpretato nel senso che, qualora il fatto illecito generatore del danno sia considerato dalla legge come reato, se quest'ultimo si estingue per prescrizione, si estingue pure l'azione civile di risarcimento, data l'equiparazione tra le due, a meno che il danneggiato, costituendosi P.C. nel processo penale, non interrompa la prescrizione ai sensi dell'art c.c. e tale effetto interruttivo, che si ricollega all'esercizio dell'azione civile nel processo penale, ha carattere permanente protraendosi per tutta la durata del processo; in caso di estinzione del reato per prescrizione, detto effetto cessa alla data in cui diventa irrevocabile la sentenza che dichiara l'estinzione, tranne che la P.C. abbia revocato la costituzione o non abbia, comunque, coltivato la pretesa, venendo in tal caso meno la volontà di esercitare il diritto che è alla base dell'effetto interruttivo (Cassazione civile sez. III, 17 gennaio 2008, n. 872; in senso sostanzialmente conforme cfr. Cass. 19 novembre 2001 n ). Indi, essendosi Audia, Firriolo e Mauro costituiti parti civili nel processo penale instaurato nei confronti di Caravella Antonio, ivi imputato per il reato di epidemia colposa e di lesioni colpose, concluso con sentenza di non doversi procedere per intervenuta prescrizione, l esercizio di tale azione ha carattere permanente ed assume la valenza interruttiva del termine prescrizione fino al momento del passaggio in giudicato della sentenza. Nella specie, seppur non si abbia prova della precisa data del passaggio in giudicato della sentenza emessa dal Tribunale penale di Palermo, sez. V, n. 2981, in ogni caso, anche facendo coincidere il dies a quo di decorrenza dalla data del provvedimento ( ), al momento della notifica dell atto di citazione la prescrizione dei diritti risarcitori non era ancora decorsa. Diversamente, dovrà essere dichiarata la prescrizione dei diritti risarcitori fatti valere dalle mogli, Scordato Nicoletta e Muratore Maria, che nel giudizio agiscono facendo valere un danno parentale iure proprio, che, dunque, sebbene discendente dal danno patito dalla vittima primaria dell illecito, vale a dire dal coniuge contagiato, tuttavia, assume portata e valenza autonoma ed è autonomamente risarcibile, sussistendone i presupposti. Sennonché, rispetto a siffatti diritti le attrici, non costituiti parti civili nel processo penale, non hanno posto in essere atti interruttivi della prescrizione prima della notifica 6

7 dell atto di citazione e, dunque, anche volendo far coincidere la decorrenza dal momento in cui il virus si è manifestato e i danneggiati hanno acquisito consapevolezza della riconducibilità eziologica dell infezione al trattamento dialitico eseguito presso il centro DIBA, tale momento si colloca nell anno 2000, in cui vennero sporte le denuncie ed avviate le indagini penali, sicché al momento della notifica dell atto di citazione il termine di prescrizione sia decennale che quinquennale era già spirato. v Sempre in via preliminare, deve essere rigettato l eccepito difetto di legittimazione passiva sollevato da Caravella Antonio, il quale, pur avendo rivestito il ruolo di amministratore e legale rappresentante del Centro DIBA fino all anno 2006 (si veda atto di dimissione del e delibera societaria del , allegati nn. 5 e 6 della produzione del convenuto), non avrebbe mai svolto, all interno del centro funzioni di medico o di direttore sanitario, rivestiti da altri soggetti. Ed invero, la legittimazione passiva rispetto all azione risarcitoria promossa discende, in primo luogo, dall essere stato il convenuto imputato nel processo penale e per le peculiari condotte criminose al medesimo ivi contestate, emergenti dalla lettura dei capi di imputazione, che si riferiscono a carenze igieniche e strutturali, anche di competenza del soggetto che, rivestendo la qualità di amministratore unico e legale rappresentante, era dotato di poteri organizzativi e gestori e di competenze decisionali che lo avrebbero dovuto indurre ad adottare tutte le misure necessarie ad adeguare il Centro agli scopi cui era preordinato, i trattamenti dialitici appunto, e alla normativa vigente. Si legge, infatti, nei capi di imputazione contestati: Imputato per il delitto di cui agli artt. 438, 452 n. 2 c.p.c. perché quale legale rappresentante e responsabile del centro dialisi gestito dalla cooperativa Diba di Bagheria cagionava per colpa consistita nella violazione delle regole di diligenza e perizia professionale, tenendo i locali in condizioni igieniche precarie, continuando l attività dialitica anche in presenza di lavori di ristrutturazione del centro, sterilizzando in modo insufficiente le apparecchiature per la dialisi una epidemia virale da contagio da HCV. Tali illeciti non possono non essere direttamente riferibili a colui che rivestiva all interno del centro la funzione di amministratore di diritto e di fatto. In secondo luogo, deve affermarsi la responsabilità della società per fatto illecito del suo amministratore, secondo i comuni principi elaborati dalla giurisprudenza di legittimità in materia di immedesimazione organica, che vale ancor più nel campo della tutela civilistica. 7

8 In particolare, è da affermare la sussistenza della responsabilità civile della società di capitali per il fatto anche penalmente illecito del legale rappresentante o dell'amministratore della stessa società, quando detto fatto è compiuto nel compimento di una attività gestoria. Il fondamento di detta responsabilità è da rinvenire, secondo la giurisprudenza del Supremo Collegio, oltre che nel predetto rapporto nella responsabilità anche nell'art c.c. L assunto è chiaramente sostenuto dalla sentenza n del 5 dicembre 1992 della Corte di Cassazione che risulta così massimata: "L'azione civile per il risarcimento del danno, nei confronti di chi è tenuto a rispondere dell'operato dell'autore del fatto che integra una ipotesi di reato, è ammessa - tanto per i danni patrimoniali che per quelli non patrimoniali - anche quando difetti una identificazione precisa dell'autore del reato stesso e purchè questo possa concretamente attribuirsi ad alcune delle persone fisiche del cui operato il convenuto sia civilmente responsabile in virtù di rapporto organico, come quello che lega la società di capitali al suo amministratore "ed ancora, sempre nella stessa sentenza: "accertata incidenter tantum dal giudice di merito la responsabilità penale dell'amministratore nell'ambito dell'attività gestoria, la società risponde delle conseguenze civilistiche dell'illecito, ivi compreso il risarcimento del danno non patrimoniale". D altra parte, non rileva l assunto secondo cui Caravella non rivestisse ruoli di direttore sanitario o medico responsabile dell osservanza delle prescrizioni igieniche nelle sale adibiti alla dialisi dei pazienti, giacché il titolo di responsabilità non attiene a cattiva esecuzione della prestazione sanitaria in senso stretto quanto piuttosto ad allegate carenze di natura strutturale e di corretti presidi igienico-sanitari, la cui esatta predisposizione competeva anche all organo gestorio. Indi, nella specie certamente insussistente è l eccepito difetto di legittimazione passiva e, dovrà, piuttosto accertarsi in concreto se sussistano o meno i profili di responsabilità imputati ai convenuti Caravella e al Centro Diba, e ciò in assenza di una statuizione di condanna nell ambito del processo penale, passata in giudicato che possa fare stato in questo giudizio. v Ai fini dell esatta ricostruzione dei profili di responsabilità imputati ai convenuti, dovrà necessariamente attingersi alla copiosa documentazione versata in atti da tutte le parti, attori e convenuti, attinente all attività sia di indagine che dibattimentale svoltasi nel corso del procedimento penale, nonché alle diverse consulenze tecniche ivi espletate. 8

9 D altra parte, lo stesso consulente tecnico nominato in questo giudizio ha utilizzato il predetto materiale probatorio, pervenendo a conclusioni sovrapponibili rispetto a quelle formulate nel processo penale dai prof.ri E. e A., nominati rispettivamente dal Tribunale penale e dal Pubblico Ministero. In proposito deve, infatti, premettersi che la stessa giurisprudenza, in tema di prove acquisite nell ambito dei procedimenti penali qualificate come prove atipiche, ne sancisce l utilizzabilità in sede di processo civile: il giudice di merito può utilizzare, in mancanza di qualsiasi divieto di legge, anche prove raccolte in un diverso giudizio fra le stesse o anche fra altre parti, come qualsiasi altra produzione delle parti stesse, e può quindi trarre elementi di convincimento ed anche attribuire valore di prova esclusiva ad una perizia disposta in sede penale, tanto più se essa sia stata predisposta in relazione ad un giudizio avente ad oggetto una situazione di fatto rilevante in entrambi i processi (Cass. 16 maggio 2006 n 11426). Ed inoltre, sono pienamente utilizzabili, non solo tutte le dichiarazioni rese dai testi escussi nel corso dell istruttoria dibattimentale ma anche la consulenza a firma del prof. E. che, essendo stato nominato dal Tribunale, è stata espletata nel pieno rispetto del contraddittorio tra le parti. In ogni caso, come detto, le indagini eseguite dal ctu, dott. R. T., confermano nei tratti salienti le predette risultanze peritali, smentendo, in particolare, quanto sostenuto dal prof. C., c.t.p. dell imputato Caravella, che, di contro, ha negato sia la sussistenza di un ipotesi delittuosa di epidemia, sulla base di indagini statistiche ed epidemiologici, sia la riconducibilità eziologica dell infezione dell HCV dei tre attori, costituiti parti civili in quel processo, rilevando l esistenza di autonomi fattori di rischio, rimasti tuttavia non dimostrati. Gli attori, dunque, agiscono nel giudizio civile alfine di ottenere il ristoro del danno alla salute patito, consistente nel contagio dell HCV contratto nel corso delle sedute di dialisi eseguite presso il centro DIBA di Bagheria. All uopo hanno denunciato, in sede penale, numerose carenze strutturali ed igienico sanitarie cui versava il centro, prima e durante i lavori di ristrutturazione e prima dell adozione del provvedimento del sequestro penale. Indi, l analisi ricostruttiva della fattispecie risarcitoria non può non muovere dal complesso di addebiti, mosse al centro DIBA, all esito delle indagini penali espletate che hanno fondato il provvedimento di rinvio a giudizio di Caravella Antonio nella qualità di legale rappresentante del Centro. 9

10 In particolare, è stato contestato al convenuto di avere, per colpa consistita nella violazione delle regole di diligenza e perizia professionale, tenendo i locali in condizioni igieniche precarie, continuando l attività dialitica anche in presenza di lavori di ristrutturazione del centro, sterilizzando in modo insufficiente le apparecchiature per la dialisi cagionato un epidemia colposa, reato poi convertito in lesioni colpose, e dichiarato prescritto dal Tribunale. Ora, dall esame, in particolare, delle consulenze a firma del prof. E. e del dott. T., le cui conclusioni si condividono perché corrette ed esaustive, dalle dichiarazioni testimoniali rese da alcuni pazienti, diversi dagli odierni attori, dagli esiti dell indagini condotta dai NAS e dalla nota a firma del dott. M. dell Assessorato regionale per la Sanità datata 2 novembre 1999, sono certamente emersi taluni gravi addebiti che si pongono all origine dell infezione contratta dagli attori, con elevato grado di probabilità. In particolare, il Tribunale ritiene che al centro DIBA e al suo amministratore debba essere riconosciuta una responsabilità professionale sanitaria discendente dalla violazione di alcune importanti regole di prudenza e perizia. A riguardo deve premettersi che, la trasmissione del virus dell epatite C avviene normalmente ed essenzialmente attraverso il contatto ematico con materiale già contaminato, e certamente, la sottoposizione a trattamento dialitico costituisce, per se stesso, un importante fattore di rischio. Tale assunto discende dalla tipica procedura di emodialisi che tecnicamente equivale a sedute periodiche depurative del sangue da liquidi ed elettroliti accumulatisi a causa del cattivo funzionamento dei reni. Con valutazione condivisibile il prof. E., sulla base dell esame di alcune cartelle cliniche dei pazienti dializzati presso il centro DIBA, e dell elenco dei pazienti, ha ricostruito il numero complessivo di soggetti nuovi infettati per HCV negli anni pari a 17 (per il calcolo preciso dei nuovi casi di infezione, suddivisi per anno, si veda relazione da pag. 9 a pag. 13), con una percentuale eccessivamente elevata e superiore rispetto a quella media delle altre regioni d Italia, calcolata in rapporto al numero dei soggetti dializzati del centro. Ora, tale dato significativo e giudicato anomalo dalla stessa autorità giudiziaria, consente di vagliare i singoli comportamenti integranti addebiti che possono muoversi al centro convenuto, e che fondano l azione risarcitoria promossa. Deve, a riguardo, operarsi una distinzione tra carenze di tipo strutturali rispetto a quelle tipicamente igienico sanitarie. 10

11 o Quanto al primo nucleo di condotte illecite, deve da subito osservarsi che non rilevano, in questa sede, le numerose contestazioni di tipo urbanistico contenute nel rapporto dei NAS del , da cui è emerso che, nell anno 1987, al momento dell inizio dell attività dialitica, il centro DIBA non fosse munito della necessaria autorizzazione, rilasciata abusivamente senza essere supportata dalla documentazione dettagliamene elencata a pag. 12 del rapporto (certificato di agibilità, parere favorevole del responsabile igiene pubblica, N.O. responsabile Igiene Pubblica, ed altro, si veda pure dichiarazione resa dal funzionario Lo Giudice Agostina allegata al rapporto), che ha condotto alla denuncia e alla sospensione del due funzionari del Comune di Bagheria che avallarono l apertura abusiva del centro. Difatti, non solo parte di tali abusi venne poi sanata, ma anche la sospensione dell autorizzazione sanitaria, disposta dall Assessorato regionale alla sanità con provvedimento del 10 maggio 2002, venne poi revocata. Seppur i predetti addebiti siano comunque gravi, non incidono in misura significativa sull idoneità della struttura alla pratica dialitica, unico segmento causale che in questa sede rileva, ai fini dell accertamento del profilo della causalità omissiva. Di contro, di peculiare importanza sono gli addebiti, sempre di natura strutturale, all epoca mossi al legale rappresentante del DIBA e contenuti nella nota a firma del dott. Mira dell Ispettorato regionale sanitario che possono così sintetizzarsi: a) il locale destinato alla sala operatoria era anche disimpegno per accedere alla sala preparazione medici, con omessa salvaguardia del principio della sterilità; b) l individuazione, all interno della sala dialisi, del locale destinato al deposito del materiale sporco (di cui hanno pure riferito numerosi testi, si vedano le dichiarazioni degli infermieri e dei dott.ri Ferrantelli ed Infantino). In particolare, quest ultima condizione non può reputarsi conforme ai migliori standard di diligenza giacché non può garantire in maniera certa l isolamento e l assenza di rischio di contaminazione proveniente dal materiale, prelevato dalle macchine di dialisi alla fine di ogni trattamento, che presenta elevata percentuale di infettività. La presenza del vano adibito a deposito all interno della sala ove erano allocate le macchine per la dialisi integra una carenza strutturale grave e costituisce un fattore di rischio da valutarsi unitamente ad altri addebiti di natura igienico sanitaria. o Rileva, in proposito, un ulteriore profilo che, secondo la valutazione del Tribunale, assume portata causale determinante ai fini della dimostrazione dell elevato 11

12 rischio di contagio provocato dai trattamenti dialitici somministrati all interno della struttura convenuta. Il consulente d ufficio, dott. Tona, e il perito nominato dal Tribunale penale, prof. E., oltre alla ctp dott.ssa De Gaetano, hanno accertato, senza alcuna incertezza, che il contagio del virus HCV subito dagli attori si è verificato con modalità orizzontali per trasmissione da paziente a paziente. L affermazione è confermata dal fatto che rispetto agli attori Mauro e Firriolo, gli esperti hanno accertato, attraverso l esame dei dati virologici-molecolari, la presenza dello stesso genotipo del virus (genotipo 1b, con alta correlazione genetica delle sequenze HVR- 1 e NS5B), e dunque, della stessa variante virale identificata una sorgente comune di infezione definibile come cluster epidemico Nel caso di specie, infatti, la positivizzazione dei due pazienti avvenne nella stessa epoca (luglio 1999): l attrice Mauro iniziò a dializzare nell ottobre 1997 presso il centro DIBA, ove tornò dopo un breve periodo (dal al ) di dialisi presso Centro di Massa Carrara. Rileva, a riguardo, il consulente: Il riscontro di positività anti- HCV risale al e venne preceduto da un rialzo delle transaminasi E verosimile che proprio il signor Firriolo, stante i tempi di incubazione, che sono variabili fra le 4 e le 16 settimane (e più lunghi in soggetti emodialitici e immunodepressi), e la precedente comparsa di sintomi clinici, sia stato fonte di contagio, per la signora Mauro, che precedentemente non era contagiata o contagiabile a causa del temporaneo trasferimento ( e ) presso altra sede (si vedano pagg. 31 e 32 ctu a firma del dott. T.). L assunto del contagio orizzontale è desumibile, peraltro, dal fatto che non sono emersi ulteriori fattori di rischio e anche per l attore Firriolo, il quale aveva in precedenza subito un intervento chirurgico di fistola artero-venosa, nel mese di marzo 1999, non è stato dimostrato che in quell occasione durante il ricovero, lo stesso abbia potuto contrarre il virus, d altra parte escluso dalle stesse dichiarazioni rese dal prof. C. il quale ha confermato che, stante l epoca dell intervento e l adeguamento degli ospedali ai migliori standards di asepsi ed igiene, è difficile ipotizzare una contaminazione in tali ambiente ed è, piuttosto, altamente probabile che tale infezione sia stata trasmessa da paziente a paziente all interno del centro convenuto. Tale asserzione consente di valutare negativamente, in primo luogo, il mancato e tempestivo monitoraggio di tutti i pazienti dializzati in trattamento all interno del Centro, con loro sottoposizione a screening sierologico, che avrebbe consentito di adottare le 12

13 necessarie precauzioni, nel caso di tempestivo riscontro della positività al virus, sottoponendoli a dialisi con attrezzature riservate. Sul punto, deve rilevarsi l assoluta contraddizione nelle deposizioni rese dai testi dott.ssa Diliberto la quale ha rivestito all interno della struttura le funzioni di direttore sanitario dall anno 1996 e dal prof. C., perito di parte, rispettivamente alle udienze del e La dott.ssa D. ha così testualmente riferito: Allora l epatite C noi abbiamo uno screening seriologico semestrale, ottomestrale per tanto di accorgiamo prima noi ovviamente se il paziente.., perché poi monitoriamo anche le transaminasi per cui quel monitoraggio parte da noi, quindi informiamo il paziente nell ipotesi che si dovesse verificare un evento di questo genere, e poi il paziente viene informato ancor prima di iniziare la terapia dialitica dei rischi che si corrono durante la dialisi, sul punto e sulla tempestica, tuttavia, il prof. C., ha riferito una differente versione: Sicuramente il paziente in dialisi è, per i motivi che abbiamo detto fin ora, una persona ampiamente a rischio di contrarre l epatite C, quindi è giusto controllare periodicamente sia le transiminasi sia l anticorpo anti HCV, con due limitazioni, e dico subito che la periodicità corretta è di una volta ogni tre mesi, e questa periodicità è ampiamente rispettata per quel che riguarda i pazienti del centro DIBA, perché ho avuto..ho preso visione di quanto fatto, i controlli sono stati eseguiti con regolarità. D altra parte, l affermazione del tutto apodittica e non veritiera, riportata dal prof. C., non solo è stata smentita dallo stesso direttore sanitario, la quale ha confermato che i controlli venivano eseguiti ogni sei-otto mesi, ma è confutata dalla dichiarazione resa da alcuni pazienti i quali hanno riferito di avere casualmente scoperto di essere affetti da epatite C e di essersi sottoposti agli esami fuori dal centro e su loro stessa iniziativa: verso il mese di settembre ottobre 2001, casualmente nel corso di una discussione un mio conoscente che dializzava con me al DIBA mi fece notare che durante la mia dialisi venivano inserite delle fiale di cui prima non avevo fatto uso. Il conoscente, dal nome Audia Michele ci informava che tale trattamento veniva riservato ai pazienti che avevano contratto l epatite C. Allarmato subito ho chiesto informazioni ai medici dott. D Amato Michele e Crisci i quali non mi hanno saputo dare spiegazioni. Io mi alterai in quanto contestavo che mi avevano tenuto nascosto una cosa così grave e chiesi spiegazioni su come avevo potuto contrarre l epatite. Gli stessi in maniera evasiva si scusarono più volte ma non mi hanno saputo dare spiegazioni al riguardo. Allarmato di ciò ne parlai con Audia e con gli altri pazienti e venni a conoscenza che circa 15 pazienti avevano contratto 13

14 l epatite C (dichiarazioni rese da La Mantia Giovanni ai Carabinieri del NAS il ; si veda anche le dichiarazioni rese da Audia e dalla moglie Scordato Nicoletta all udienza del ). Il mancato tempestivo monitoraggio dei pazienti in trattamento è certamente un comportamento di grave negligenza, imperizia e trascuratezza che ha certamente favorito, con elevata probabilità la trasmissione orizzontale del virus, poiché, come riconosciuto da tutti i medici, l adozione di particolari cautele igieniche, oltre alla scelta di far dializzare i positivi all HCV in macchine dedicate, accorgimento per la verità adottato solo nell anno 1999, a seguito delle proteste dell attrice Mauro alla mia ribellione hanno diviso le macchine che, seppur non obbligatorio secondo le circolari vigenti in materia, indicato come necessario alfine di ridurre al minimo il rischio di contaminazione da tutti i consulenti. Il mancato regolare e tempestivo monitoraggio è parimenti individuato come comportamento illecito anche dal consulente prof. E. il quale, peraltro, smentendo categoricamente quanto riferito al Tribunale penale dal prof. C., ha avuto modo di riscontrare, attraverso l esame di 8 cartelle cliniche dei pazienti dializzati presso il centro, la totale omissione di tale cadenza di esami sierologici, neppure eseguiti nei sei-otto mesi indicati dalla dott.ssa Di Liberto (si legga pag. 6 e 7 della perizia, ove limpidamente si riportano le indicazioni emergenti dalle cartelle cliniche, del tutto carenti di ogni esame preliminare, pur evidenziato dal direttore sanitario, anche al momento dell ingresso del centro, e successivamente durante il trattamento, con riferimento ai pazienti Audia, Provenzale, Impellizzeri, Alesi). Inoltre, l incuria descritta, da qualificarsi come grave in un centro che già presenta, per stessa peculiarità del trattamento sanitario offerto ai pazienti, indici di rischiosità da contagio elevati il cui mancato monitoraggio integra una condizione di aumento del rischio di infezioni, risultate, infatti, anomale e superiori alla media di ogni regione d Italia. Nell ambito della medesima qualificazione di illiceità, deve anche evidenziarsi la trascuratezza, riscontrata dal prof. E., nella compilazione delle cartelle cliniche dei pazienti, che incide sul diritto di informazione nei confronti dei pazienti e di trasparenza nell adozione di ogni trattamento sanitario. Ora, stante l elevato numero di soggetti risultati positivi all HCV, si imponeva l adozione tempestiva di ogni misura di contumacia, di scrupolosa osservanza di misure igieniche attente e prudenti, di trattamenti mirati ed esclusivi, adottati, come visto, solo dopo l aumento dei casi di infezione, di monitoraggio costante e continuo, perlomeno entro 14

15 tre mesi, di corretta e tempestiva informazione ai pazienti, ai quali andava veicolata ogni informazione, anche alfine di indurli ad adottare ogni precauzione nella vita quotidiana e familiare volta a scongiurare pericoli di ulteriori contagi, standard comportamentali violati e trascurati dal personale del centro, come dimostrato dalle indagini peritali e dalle dichiarazioni rese, in particolare, dai pazienti (oltre quelle dei tre attori, si vedano le testimonianze rese da La Mantia, Porretto, Bologna). Devono, infine, essere analizzati, quale ultimo segmento del comportamento illecito ascrivibile al centro e al suo amministratore dell epoca, i livelli di igiene e di pulizia vigenti all epoca dei fatti e del contagio all interno del centro. Come indicato unanimemente da tutti i periti nominati nel processo, sia civile che penale, trattandosi di contagio trasmissibile per via ematica e di virus ad elevato grado di diffusività e particolarmente resistente, con possibilità di sopravvivenza di circa 15/16 ore, l adozione di particolare cautele igieniche e di adeguate sterilizzazioni delle macchine utilizzate per la dialisi, rappresenta uno standard obbligatorio e l osservanza si impone alfine di ridurre al minimo i fattori di rischio e la facile veicolazione dell epatite C. E, tuttavia, emerso, dal complesso delle indagini e dichiarazioni testimoniali rese nel corso soprattutto delle indagini preliminari condotte dai NAS, che la struttura presentava, in quegli anni, numerosi profili di incuria e trascuratezza. Ora, da subito, si osserva che non è stata dimostrata la circostanza, riferita dall attrice Mauro e dagli altri attori, della mancata sterilizzazione delle macchine impiegate per la dialisi poiché tutti i medici e il personale sanitario ha dettagliamene descritto il processo, definito automatico, di avvio della sterilizzazione con l uso di amuchina, all interno dei filtri così depurati da ogni residuo ematico, subito dopo ogni trattamento e prima dell inizio del successivo (anche se taluni pazienti riferiscono che tale livello di attenzione per la disinfezione delle macchine venne adottata solo dopo l intervento dei NAS si veda dichiarazione resa da La Mantia Giovanni). Sennonché, è parimenti emerso un sovraffollamento anomalo di pazienti e di turni (lo riferiscono la dott.ssa Di Liberto e gli infermieri Giammanco, Coffaro, e i medici D Amato ed Infantino), e con tempi dedicati alla pulizia e alla disinfezione troppo compressi i giorni pari ci sono due turni di dialisi e i giorni dispari ce ne sono tre..la durata della dialisi non si può standardizzare ovviamente, ci sono pazienti che necessitano di tre ore, tre ore e mezzo di dialisi, pazienti che necessitano di quattro ore con circa 45 minuti per la pulizia delle macchine, arrivando a totalizzare circa 15 ore al giorno di trattamenti complessivi all interno del centro. 15

16 Inoltre, nella sala dialisi vi erano circa 12/14 posti letto con una distanza ridotta tra l uno e l altro nel cui spazio di trovava allocata anche la macchina per la dialisi (si vedano le dichiarazioni rese dal teste Coffaro all udienza del 20 novembre 2006 tra un posto letto e un altro posto letto c è la macchina con il letto e poi c è un mezzo metro e poi un altro letto con un altra macchina). Tale ubicazione e sovraffollamento certamente non favoriva la corretta applicazione delle procedure di pulizia che seppur attivate tra un trattamento e l altro, spesso venivano eseguite quando il paziente del letto accanto ancora non aveva finito di dializzare con il rischio che tale operazione comportava, trattandosi, peraltro, di intervento esterno eseguito con un panno e materiale sterilizzante adoperato sulla macchina, che poteva essere stata schizzata di sangue (si vedano dichiarazioni resa dall infermiera Giammanco Marianna). Inoltre, la distanza così ridotta aumentava il rischio che gocce di sangue potevano schizzare e finire sul letto del paziente vicino poteva succedere che magari andava a sporcare il lenzuolo perché magari qualche pressione così..succedeva certe volte nella finitura del letto, nella copertina (Giammanco Marianna), al momento in cui si otturavano i filtri delle macchine. Ancora, rilevante, nell ambito della analisi prospettata, è il non corretto utilizzo dei guanti che, secondo l indagine riferita dal prof. E., avrebbe necessitato di un cambio continuo, ad ogni manovra e non, piuttosto, ad ogni trattamento come invece emerso dall istruttoria processuale. Rileva il consulente che il cattivo utilizzo dei guanti assume un fattore di rischio importante nella trasmissione del virus orizzontale, ossia da paziente e paziente, poiché costituisce la principale modalità di trasmissione dell infezione in ambiente dialitico, unitamente alla mancata corretta disinfezione esterna dei macchinari. E, infatti, stato provato che il personale infermieristico adoperasse lo stesso tipo di guanti per ogni paziente, che impiegava fino al momento dello stacco, dello scarto del materiale monouso e della pulizia e disinfezione, ancorché le linee guida nazionali e internazionali raccomandassero di utilizzare un paio di guanti monouso per ogni manovra e di sostituirli con lavaggio delle mani prima di passare alla manovra successiva, poiché tale non corretta prassi può costituire un pericoloso fattore di rischio. Sul punto, riferisce l infermiera Giammanco Marianna: avv.to Chinnici: Poi con queste stesse mani e con questi stessi guanti procedevate alla pulizia esterna D.R. della 16

17 stessa macchina; avv. Cambiavate i guanti: D.R.: si sempre cambiavamo i guanti..avv.to: Con gli stessi guanti lei diciamo buttava il materiale e poi puliva la macchina? D.R. Si. Infine, nel quadro generale esposto, anche l esecuzione dei lavori di ristrutturazione presso il centro, seppur fuori dalla sala dialisi, hanno certamente aggravato la condizione igienico sanitaria della struttura già precaria, tant è che alcuni pazienti riferirono che vi era polvere e detriti (La Mantia Giovanni) e le porte erano rivestite da teloni. Esaurito il quadro probatorio, deve affermarsi la piena responsabilità del Centro DIBA e del suo amministratore dell epoca, per cattiva esecuzione della prestazione sanitaria cui erano obbligati, che si pone all origine dell infezione da HCV contratta da ciascuno degli attori, come dimostrato all esito dell accertamento tecnico disposto nel corso del giudizio. D altra parte, lo stesso consulente di parte, prof. G., alla fine delle note critiche trasmesse al ctu dott. Tona, pur contestando la riconducibiità causale delle infezioni al trattamento dialitico, sotto il profilo della prova rilievi contestati dal ctu con valutazione condivibili conclude affermando che: va rimarcato che il centro di emodialisi DIBA era all epoca dei fatti, gravemente carente riguardo alle strutture, al personale, alle procedure di assistenza, alle autorizzazioni. v Sul punto, è utile richiamare la giurisprudenza formatasi in materia di responsabilità della struttura sanitaria e del personale medico ivi operante. Si è oramai affermato che dall'accettazione del paziente in ospedale o presso il centro sanitario, ai fini del ricovero, di una visita ambulatoriale o di una trattamento, ne discende la conclusione di un contratto, e l inquadramento della responsabilità della struttura sanitaria nell ambito della responsabilità contrattuale (Cass. n del 2006; Cass. n del 2006; Cass , n ; Cass. 11 marzo 2002, n. 3492; 14 luglio 2003, n ; Cass. 21 luglio 2003, n ; in ultimo si vedano SS.UU. 11 gennaio 2008 n 577). Del pari, anche l'obbligazione del medico dipendente dalla struttura sanitaria nei confronti del paziente, ancorché non fondata sul contratto, ma sul "contatto sociale", ha natura contrattuale (Cass. 22 dicembre 1999, n. 589; Cass , n ; Cass , n ; Cass. n del 2006). La Corte chiarisce che mentre prima ( per diverso tempo ) il presupposto per l'affermazione della responsabilità contrattuale della struttura era l'accertamento di un comportamento colposo del medico dipendente, perché sulla base dell'applicazione analogica al rapporto paziente-struttura delle norme in materia di contratto di prestazione 17

18 d'opera intellettuale vigenti nel rapporto medico-paziente, la responsabilità della struttura sanitaria veniva appiattita su quella del medico; più recentemente, invece, la giurisprudenza ha riconsiderato il rapporto paziente - struttura in termini autonomi dal rapporto paziente-medico, e riqualificato come un autonomo ed atipico contratto a prestazioni corrispettive (da taluni definito contratto di spedalità, da altri contratto di assistenza sanitaria) al quale si applicano le regole ordinarie sull'inadempimento fissate dall'art c.c.. Conseguenza ne è stata l'apertura a forme di responsabilità autonome dell'ente, che prescindono dall'accertamento di una condotta negligente dei singoli operatori, e trovano invece la propria fonte nell'inadempimento delle obbligazioni direttamente riferibili all'ente. Si tratta di un percorso interpretativo, anticipato dalla giurisprudenza di merito, che ha trovato conferma in una sentenza di queste Sezioni Unite ( , n. 9556, seguita poi da altre delle sezioni semplici, Cass. n. 571 del 2005; Cass. n del 2006) che si è espressa in favore di una lettura del rapporto tra paziente e struttura (anche in quel caso, privata) che valorizzi la complessità e l'atipicità del legame che si instaura, che va ben oltre la fornitura di prestazioni alberghiere, comprendendo anche la messa a disposizione di personale medico ausiliario, paramedico, l'apprestamento di medicinali e di tutte le attrezzature necessarie anche per eventuali complicazioni. In virtù dell autonomo contratto, che si potrebbe definire di "assistenza sanitaria" o spedalità, la struttura deve quindi fornire al paziente una prestazione assai articolata, che ingloba al suo interno, oltre alla prestazione principale medica, anche una serie di obblighi cd. di protezione ed accessori. Ne deriva che la responsabilità della struttura per inadempimento si muove sulle linee tracciate dall'art c.c., e, per quanto concerne le obbligazioni mediche che essa svolge per il tramite dei medici propri ausiliari, l'individuazione del fondamento di responsabilità dell'ente nell'inadempimento di obblighi propri della struttura consente quindi di abbandonare il richiamo, alquanto artificioso, alla disciplina del contratto d'opera professionale e di fondare semmai la responsabilità dell'ente per fatto del dipendente sulla base dell'art c.c. (i passaggi sono tratti da SS.UU. n 577 del 2008). Delineati i rapporti tra i diversi soggetti, alla stregua di quanto affermato, la fonte della responsabilità sia per il medico che per la struttura sanitaria riposa, dunque, sull inadempimento dell obbligazione sui medesimi gravante che, in un caso per 18

19 l azienda è più complessa e si connota di una serie di obblighi principali ed accessori tutti ispirati alla tutela del bene primario della salute del paziente ai sensi dell art. 32 Cost., nell altro caso, concerne il tipo di prestazione cui è tenuto il medico originata dal contatto avuto con il paziente e dalla sua specifica richiesta. Trattandosi di obbligazione di tipo professionale, la misura dello sforzo di diligenza richiesto deve essere correlato al tipo di interesse creditorio che deve essere soddisfatto. A riguardo, in base al combinato disposto degli artt II comma e 2236 c.c., la diligenza richiesta non è quella del buon padre di famiglia ma piuttosto quella del buon professionista ossia la diligenza normalmente adeguata in relazione al tipo di attività e alle relative modalità di esecuzione (cfr. 31 maggio 2006 n 583). Lo specifico settore di competenza in cui rientra l'attività esercitata richiede infatti la specifica conoscenza ed applicazione delle cognizioni tecniche che sono tipiche dell'attività necessaria per l'esecuzione dell'attività professionale. Come in giurisprudenza di legittimità si è già avuto modo di porre in rilievo, i limiti di tale responsabilità sono quelli generali in tema di responsabilità contrattuale (v. Cass., Sez. Un., 30/10/2001, n ), presupponendo questa l'esistenza della colpa, lieve del debitore, e cioè il difetto dell'ordinaria diligenza. A riguardo si è ulteriormente precisato che il criterio della normalità va valutato con riferimento alla diligenza media richiesta, ai sensi dell'art c.c., comma 2, avuto riguardo alla specifica natura e alle peculiarità dell'attività esercitata (cfr. Cass., 20/7/2005, n ; Cass., 8/2/2005, n. 2538; Cass., 22/10/2003, n ; Cass., 28/11/2001, n ; Cass., 21/6/1983, n. 4245). In ordine poi ai criteri di riparto degli oneri probatori, l inquadramento dianzi operato importa che il riparto dell'onere probatorio deve seguire i principi fissati in materia contrattuale, alla stregua di quelli che sono i principi delineati dalle Sezioni Unite della Suprema Corte, con la sentenza n del 2001, in tema di onere della prova dell'inadempimento e dell'inesatto adempimento, secondo cui il creditore che agisce per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno, ovvero per l'adempimento deve dare la prova della fonte negoziale o legale del suo diritto, limitandosi alla mera allegazione della circostanza dell'inadempimento della controparte, mentre il debitore convenuto è gravato dell'onere della prova del fatto estintivo, costituito dall'avvenuto adempimento, valevole anche nel caso di inesatto adempimento, al creditore istante è sufficiente la mera allegazione dell'inesattezza dell'adempimento (per violazione di doveri accessori, come quello di informazione, ovvero per mancata osservanza dell'obbligo di diligenza, o per 19

20 difformità quantitative o qualitative dei beni), gravando ancora una volta sul debitore l'onere di dimostrare l'avvenuto, esatto adempimento. Tale principio è stato ritenuto applicabile anche all onere della prova nelle cause di responsabilità professionale del medico, nelle quali grava sull attore (paziente danneggiato che agisce in giudizio deducendo l'inesatto adempimento della prestazione sanitaria) oltre alla prova del contratto, anche quella dell'aggravamento della situazione patologica o l'insorgenza di nuove patologie nonché la prova del nesso di causalità tra l'azione o l'omissione del debitore e tale evento dannoso, allegando il solo inadempimento del sanitario, restando a carico del debitore l'onere di provare l'esatto adempimento, cioè di aver tenuto un comportamento diligente (Cass. n del 2006; Cass , n ; Cass , n ; Cass , n ). Ora, si è ritenuto che, dunque, l'inadempimento rilevante nell'ambito dell'azione di responsabilità per risarcimento del danno nelle obbligazioni così dette di comportamento sul presupposto che deve essere superata la dicotomia tra obbligazioni di mezzi e obbligazioni di risultato - non è qualunque inadempimento, ma solo quello che costituisce causa (o concausa) efficiente del danno. Ciò comporta che l'allegazione del creditore non può riferirsi genericamente ad un qualunque inadempimento, ma deve avere riguardo all inosservanza specifica, c.d. qualificata, e cioè astrattamente efficiente alla produzione del danno; graverà sul debitore l onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è proprio stato ovvero che, pur esistendo, non è stato nella fattispecie causa del danno (cfr. SS.UU. n 577 del 2008). Orbene, nella cornice tratteggiata, è necessario chiarire quale debba essere ora il criterio alla stregua del quale accertare la sussistenza del nesso causale tra la condotta del medico e il danno allegato patito dal paziente. Anche sul punto sono numerose le pronunce della giurisprudenza di legittimità che, di recente ha però chiarito, che all'autore del fatto illecito vengono imputate le conseguenze che "normalmente" discendono dal suo atto, a meno che non sia intervenuto un nuovo fatto rispetto al quale egli non ha il dovere o la possibilità di agire (la cd. teoria della regolarità causale e del novus actus interveniens). In questo modo, il nesso causale diviene la misura della relazione probabilistica concreta (e svincolata da ogni riferimento soggettivo) tra comportamento e fatto dannoso (quel comportamento e quel fatto dannoso) da ricostruirsi anche sulla base dello scopo della norma violata, mentre tutto ciò che attiene alla sfera dei doveri di avvedutezza comportamentale (o, se si vuole, di previsione e prevenzione, attesa la funzione - anche - 20

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA Abstract: Il viaggiatore che voglia ottenere risarcimento del danno da vacanza rovinata determinato da inesatto adempimento del contratto di viaggio non deve agire contro l agenzia di viaggi quando questa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 120 del 10/09/2013 OGGETTO: COMUNE C/DOTT. M.A. - AZIONE RISARCITORIA DINANZI ALL'A.G.O. - DETERMINAZIONI. L'anno

Dettagli

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo

DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo DIFFERENTE TUTELA PER ORFANI E INVALIDI IN CASO DI LICENZIAMENTO RIDUZIONE PERSONALE sente.cass. 30 ottobre 2012, n. 18645 commento e testo Colaci.it Si richiama la sentenza della Corte di Cassazione sotto

Dettagli

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Il Decreto Balduzzi - L. 8 novembre 2012 n.189 Art. 3 1 L'esercente

Dettagli

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA composta

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi Ricorre un ipotesi di responsabilità per cose in custodia ex art. 2051 c.c., per la società di ginnastica, nel caso di lesione subita dall utilizzatore di un attrezzo ginnico in cattivo stato di manutenzione

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione Seppur brevemente, bisognerà delineare i principi vigenti nell'ambito della responsabilità medica soffermandosi sulla distinzione esistente nella

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 O G G E T T O Riconoscimento debito fuori bilancio per la liquidazione delle

Dettagli

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Lo stato dell arte in materia di responsabilità medica e le specificità della Day Surgery nel contenzioso da malpractice: -Il nesso di causalità -L elemento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Decisione N. 617 del 28 gennaio 2015

Decisione N. 617 del 28 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 941/96 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: Dott. ALESSANDRA BOTTAN PRESIDENTE

Dettagli

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO M. Cucci*, A. Migliorini*, E. Caracciolo**, O. Campari* *Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell Università

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Annaclara Viola Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Ogni comportamento illecito riceve dal nostro ordinamento un particolare trattamento sanzionatorio che trova nella responsabilità civile l

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

favore degli iscritti www.marsh.it

favore degli iscritti www.marsh.it L assicurazione della Colpa Grave a favore degli iscritti www.marsh.it 1 Premessa Che cos è la colpa grave? E una grave negligenza, imprudenza, imperizia o una grave inosservanza di leggi e regolamenti

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 29/2014 TITOLO 1.10.21/619 1.10.4. LEGISLATURA IX Il giorno 11 luglio 2014 si è riunito nella sede

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. La domanda di risarcimento danni provocati da infiltrazioni di acqua piovana durante l espletamento di lavori di ristrutturazione e miglioramento sismico di un immobile va respinta se l attore

Dettagli

Responsabilità medica, consenso informato, intervento chirurgico, diagnosi Cassazione civile, sez. III, sentenza 04.06.

Responsabilità medica, consenso informato, intervento chirurgico, diagnosi Cassazione civile, sez. III, sentenza 04.06. Responsabilità medica, consenso informato, intervento chirurgico, diagnosi Cassazione civile, sez. III, sentenza 04.06.2013 n 14024 Svolgimento del processo Nel giugno del 1998, C.A. evocò in giudizio,

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NUOVE FRONTIERE NELLA RESPONSABILITÀ MEDICA

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NUOVE FRONTIERE NELLA RESPONSABILITÀ MEDICA INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Prefazione... xv xvii Capitolo 1 NUOVE FRONTIERE NELLA RESPONSABILITÀ MEDICA 1.1. Dalla responsabilita` penale alla responsabilita` civile, verso

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 A VV. I TALO PARTENZA IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 Il lontano passato: responsabilità extracontrattuale Il paziente che si riteneva danneggiato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679. Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679. Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013. La Responsabile del Servizio CORECOM DETERMINAZIONE Determinazione n. 9/2013 Prot. n. 19679 Tit. 1.10.21/483 del 09/05/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E VODAFONE La Responsabile del Servizio CORECOM VISTA la l. 249/1997,

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli